BOLLETTINO UFFICIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE"

Transcript

1 Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 159 Speciale (Attività Formative) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO PARTE I, II, III, IV - L AQUILA, 11 DICEMBRE DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: Corso Federico II, n L Aquila.- Telefono (0862) 3631 (n. 16 linee urbane); Fax PREZZO E CONDIZIONI DI ABBONAMENTO: Canone annuo: 77,47 (L ) Un fascicolo: 1,29 (2.500) Arretrati, solo se ancora disponibili 1,29 (L ). Le richieste di numeri mancati non verranno esauditi trascorsi 60 giorni dalla data di pubblicazione. INSERZIONI: La pubblicazione di avvisi, bandi, deliberazioni, decreti ed altri atti in generale (anche quelli emessi da organi regionali) per conto di Enti, Aziende, Consorzi ed altri Soggetti è effettuata a pagamento, tranne i casi in cui, tali atti, attengano l interesse esclusivo della Regione e dello Stato. Le richieste di pubblicazione di avvisi,, bandi, ecc. devono essere indirizzate, con tempestività, esclusivamente alla Direzione del Bollettino Ufficiale, Corso Federico II, n L Aquila Il testo da pubblicare, in duplice copia, di cui una in carta da bollo (tranne i casi di esenzione), deve essere inviato unitamente alla ricevuta del versamento in c/c postale dell importo di 1,81 (L ) a rigo (foglio uso bollo massimo 61 battute) per titoli e oggetto che vanno in neretto e di 1,29 (L ) a rigo (foglio uso bollo massimo 61 battute) per il testo di ciascuna inserzione. Per le scadenze da prevedere nei bandi è necessario che i termini vengano fissati partendo dalla data di pubblicazione sul B.U.R.A.. Tutti i versamenti vanno effettuati sul ccp n intestato a: Regione Abruzzo Bollettino Ufficiale L Aquila. AVVERTENZE: Il Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo si pubblica a L Aquila e si compone di quattro parti: a) nella parte prima sono pubblicate le leggi e i regolamenti della Regione, i decreti dei Presidenti della Giunta e del Consiglio e gli atti degli Organi regionali integralmente o in sintesi che possono interessare la generalità dei cittadini; b) nella parte seconda sono pubblicate le leggi e gli atti dello Stato che interessano la Regione; c) nella parte terza sono pubblicati gli annunzi e gli altri avvisi di interesse della Regione o di terzi la cui inserzione gratuita o a pagamento è prevista da leggi e da regolamenti della Regione e dello Stato (nonché quelli liberamente richiesti dagli interessati); d) nella parte quarta sono pubblicati per estratto i provvedimenti di annullamento o di rinvio del Comitato e delle Sezioni di controllo sugli atti degli Enti Locali. Nei Supplementi vengono pubblicati: gli atti riguardanti il personale, gli avvisi e i bandi di concorso della Regione, le ordinanze, i ricorsi depositati, le sentenze e le ordinanze di rigetto, relative a questioni di legittimità costituzionale interessanti la Regione, nonché le sentenze concernenti l ineleggibilità e l incompatibilità dei Consiglieri Regionali. In caso di necessità si pubblicano altresì numeri Straordinari e Speciali. SOMMARIO Parte I Leggi, Regolamenti ed Atti della Regione Determinazioni Dirigenziali DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA FORMAZIONE E DELL ISTRUZIONE SERVIZIO IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI E PROGETTI

2 DETERMINAZIONE , n. DL10/64: Costituzione delle commissioni d esame per corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) Art. 69 della Legge 17 maggio 1999, n Adeguamento composizione ai sensi commi 6 e 7 Reg. n. 12/95 l.r. 111/95, in attuazione accordo Governo Autonomie Locali definito con provvedimento 2 marzo 2000 Pag. 2 DETERMINAZIONE , n. DL10/86: Approvazione graduatorie redatte dal nucleo di valutazione in esito all istruttoria delle proposte pervenute per accedere all affidamento, nell anno 2001, delle attività formative descritte nella Scheda di Azione D.4.2 contenuta nel piano programmatico approvato dalla G.R. con provvedimento n del Pag. 5 DETERMINAZIONE , n. DL10/87: Approvazione graduatorie redatte dal Nucleo di Valutazione in esito all istruttoria delle proposte trasmesse per concorrere all affidamento, nell anno 2001, degli interventi riferiti alla Scheda di Azione C.3.3 contenuta nel P.O. 2001/2002 approvato con D.G.R n del P.O.R. Abruzzo Obiettivo 3 - F.S.E 2000/2006 Pag. 8

3 PARTE I LEGGI, REGOLAMENTI ED ATTI DELLA REGIONE DETERMINAZIONI Determinazioni Dirigenziali DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA FORMAZIONE E DELL ISTRUZIONE SERVIZIO IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI E PROGETTI DETERMINAZIONE , n. DL10/64: Costituzione delle commissioni d esame per corsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) Art. 69 della Legge 17 maggio 1999, n Adeguamento composizione ai sensi commi 6 e 7 Reg. n. 12/95 l.r. 111/95, in attuazione accordo Governo Autonomie Locali definito con provvedimento 2 marzo IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Visto il provvedimento 2 marzo 2000 pubblicato sulla G.U.R.I. n. 161 del 12 luglio 2000 che sancisce criteri e modalità relativi alla valutazione finale ed alla costituzione delle commissioni d esame con relativo schema di certificazione finale dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.) previsti nell art. 69 legge 17 maggio 1999, n. 144; Dato atto che tale disciplina risulta confermata nella successiva conferenza Stato-Regioni tenutasi in data ; Considerato che la normativa regionale sulla costituzione della commissione d esame è dettata dall art. 7 del vigente regolamento n. 12/97 di attuazione della l.r. n. 111/95 che nel comma 6 del medesimo art. 7,consente di apportare, con provvedimento dirigenziale, modifiche o integrazioni quando sia richiesto da specifiche normative statali, regionali o per esigenze desumibili da progetti che istituiscono corsi finalizzati al conseguimento di particolari specializzazioni; Ritenuto che, relativamente agli interventi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S.), la normativa regionale sulla composizione della commissione d esame, definita all art. 7 del citato regolamento 12/95, debba essere resa compatibile con la composizione rappresentativa individuata con l accordo intervenuto in sede conferenza Governo-Autonomie locali e formalizzato con provvedimento 2 marzo 2000; Considerato che il suddetto provvedimento 2 marzo 2000, (allegato B ), demanda alla Regione l atto formale per l istituzione delle commissioni d esame ivi compresa la nomina del presidente delle commissioni e dei due esperti del mondo del lavoro, previo parere del comitato regionale di promozione, programmazione, monitoraggio e valutazione ; Considerato altresì che nel successivo accordo Stato Regioni formalizzato con il

4 documento tecnico del , al punto 2.1 viene precisato che le competenze del comitato regionale I.F.T.S. possono essere assolte dai comitati regionali collocati all interno di altri organismi concertativi; Dato atto che la Commissione tripartita regionale nella riunione dell ha approvato il regolamento da cui si evince che le funzioni del comitato regionale sono assolte dalla Commissione tripartita congiuntamente al comitato di coordinamento Istituzionale quali organismi di concertazione previsti negli artt. 16 e 18 della L.r. 76/98; Dato atto altresì che la Commissione tripartita e congiuntamente il Comitato di Coordinamento Istituzionale, nella riunione del 26 settembre 2002, tenendo nella dovuta considerazione l accordo conseguito nella conferenza unificata Stato-Regioni ed autonomie locali, formalizzato con provvedimento 2 marzo 2000, si sono espressi in merito alla scelta del presidente delle commissioni d esame riferita ai percorsi I.F.T.S. e dei due componenti esperti del mondo del lavoro, fissando per ognuno i seguenti criteri di nomina: - Presidente - dirigenti o funzionari di categoria D operanti nell ambito dell Ente Regione; - Rappresentanti dei lavoratori e datori di lavoro- Esperti operanti nell ambito degli organismi costitutivi dell Associazione Temporanea di Società (A.T.S.) che partecipano all attuazione del progetto formativo e che abbiano attinenza con il profilo professionale del corso in esame, motivando tale scelta alla volontà di armonizzare tale criterio a quello adottato per la costituzione delle commissioni d esame nel rispetto della legge quadro n. 845/78 e regolamento regionale n. 12/95 della l.r. n. 111/95. Per quanto esposto in narrativa DETERMINA 1) di recepire ed approvare le decisioni assunte congiuntamente in data 26 settembre 2002 dalla Commissione tripartita e dal Comitato di coordinamento Istituzionale, in merito alla composizione delle commissioni d esame delegate alla certificazione finale dei percorsi di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (I.F.T.S) in applicazione del dispositivo di certificazione allegato C al provvedimento 2 marzo 2000 pubblicato sulla G.U.R.I n. 161 in data 12 luglio 2000: 2) di stabilire che sulla base dei criteri stabiliti dagli organismi concertativi di cui al punto 1 ed in applicazione di quelli definiti nell allegato B al provvedimento 2 marzo 2000 emanato di seguito all accordo conseguito nella conferenza Stato-Regioni -autonomie locali, la commissione d esame chiamata a valutare i percorsi I.F.T.S. deve intendersi regolarmente costituita se formata nel modo di seguito descritto: a) Presidente - da nominare tra i dirigenti o funzionari della categoria D operanti nell ambito regionale; b) componenti: n. 2 esperti individuati tra i docenti del corso, rappresentativi delle diverse componenti della scuola e dell università presenti nell A.T.S. (Comitato Tecnico Scientifico) di ciascun corso, proposti dal direttore del corso alla competente Direzione regionale; n. 1 esperto segnalato dalle associazioni dei datori di lavoro e delle professioni rappresentati nell A.T.S. che abbiano attinenza con il profilo del corso;

5 n. 1 esperto di materie attinenti il profilo professionale del corso segnalato dalle OO.SS. comparativamente più rappresentative sul territorio, in rappresentanza dei lavoratori; n. 1 esperto della formazione professionale pubblica o privata che abbia adeguati requisiti culturali e professionali attinenti al profilo dell intervento formativo I.F.T. S.; n. 1 esperto del Ministero del lavoro e della previdenza sociale in possesso dei requisiti culturali e professionali coerenti con il profilo del corso; 3) di disporre la pubblicazione del presente atto sul B.U.R.A. IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Dott. Vittorio Garzarelli

6 DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO DELLA FORMAZIONE E DELL ISTRUZIONE SERVIZIO IMPLEMENTAZIONE PROGRAMMI E PROGETTI DETERMINAZIONE , n. DL10/86: Approvazione graduatorie redatte dal nucleo di valutazione in esito all istruttoria delle proposte pervenute per accedere all affidamento, nell anno 2001, delle attività formative descritte nella Scheda di Azione D.4.2 contenuta nel piano programmatico approvato dalla G.R. con provvedimento n del IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Vista la D.G.R. n del che approva il piano degli interventi di politiche attive del Lavoro, della Formazione e dell Istruzione con relative dir ettive attuative, riferite al biennio 2001/2002 in attuazione del P.O.R Abruzzo Obiettivo 3, periodo 2000/2006; Dato atto che gli interventi formativi programmati ed approvati con D.G.R. n. 1332/2001, sono caratterizzati da specifiche Schede di Azione che descrivono le modalità attuative, le finalità, i destinatari e le relative risorse disponibili per l attuazione; Rilevato che fra le attività programmate è inclusa la Scheda di Azione D.4.2 che promuove, anche attraverso assegni e borse di studio, interventi formativi riservati ad utenti, giovani o adulti, in possesso del diploma di laurea, interessati a sviluppare specializzazioni, nel settore della ricerca finalizzate allo sviluppo tecnologico delle imprese abruzzesi ; Dato atto altresì che le risorse finanziarie assegnate nell anno 2001 per l attuazione degli interventi riferiti alla Scheda di Azione D.4.2, ammontano a complessivi Euro e tale somma trova capienza tra gli impegni assunti, sui pertinenti capitoli del bilancio regionale 2001 con la medesima D.G.R. n. 1332/2001 approvativa del Piano Operativo; Considerato che gli assegnatari degli interventi riferiti all Azione D.4.2 sono da individuare tra i titolari delle proposte pervenute ed inserite, con il punteggio più elevato, in una graduatoria di merito redatta da un Nucleo di Valutazione formalmente costituito per l istruttoria; Vista la Determinazione Direttoriale n. DL/148 del che nomina il Nucleo di Valutazione con l incarico di attribuire ai progetti, trasmessi dai soggetti che concorrono all affidamento delle Azioni D.4.2 da attuare nell anno 2001, i relativi punteggi nel rispetto degli indicatori di merito inseriti nella specifica griglia di valutazione contenuta nel P.O. approvato con D.G.R n. 1332/2001; Vista la nota datata , acquisita in pari data al protocollo int. n. 333/FR del Servizio Politiche attive del Lavoro, trasmessa dal Nucleo di Valutazione con in allegato il verbale e le graduatorie ordinate in base ai punteggi più elevati assegnati ai progetti concorrenti all affidamento, nell anno 2001, delle Azioni D.4.2 ;

7 Ritenuto che le risultanze espresse dal Nucleo di Valutazione al termine dell istruttoria e valutazione delle proposte progettuali riferite alla Scheda di Azione D.4.2 da assegnare nell anno 2001, siano da approvare in forma integrale; Per quanto esposto in narrativa: DETERMINA 1) di approvare la graduatoria redatta dal Nucleo di Valutazione in data a conclusione dell istruttoria dei progetti concorrenti all affidamento, nell anno 2001, delle attività formative riferite alla Scheda di Azione D.4.2, allegati alla presente determinazione per formarne parte integrante e sostanziale, in attuazione del Piano degli Interventi di Politiche attive del Lavoro della Formazione e dell istruzione approvato con D.G.R n. 1332/2002; 2) di rimandare a successiva Determinazione Dirigenziale la formale assegnazione ai titolari delle proposte di intervento Scheda di Azione D.4.2 inserite nella specifica graduatoria con il punteggio più elevato; 3) di trasmettere la presente determinazione alla redazione del BURA per la sua pubblicazione in forma integrale; IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Dott. Vittorio Garzarelli

8 P.O.R ANNUALITA 2001 PROGETTI ASSE D MISURA 4.2 (Deliberazione G.R. n del ) Tabella 2 Graduatoria delle proposte valutate con relativo punteggio (1) Attuatore/Affidatario (2)Aspetti Strategici (3)Priorità riferibili al POR (4) llogica Progettuale (5) Elementi al dettaglio (6) Costi prog. Codice Progetto N. Protocollo/Anno 01 Sede Corso Provincia Finanziamento richiesto N. Allievi N. Ore Soggetto Attuatore AFF-AFFIDABILITA DELL ATTUATORE(max.1,2x5=6) FUNZ-FUNZIONALITA (max1,2x5=6) STRU-STRUTTURA ORGANIZZATIVA(max.1,2x5=7) OCC-INCIDENZA POSITIVA PER L EVOLUZIONE DEL M.d.l.(max.4x5=20) MOT-MOTIVAZIONI DEL PROGETTO(max.3x5=15) DI RETE DEL RET-STRATEGIA PROGETTO(max.3x5=15) SVA-STRATEGIA PER GLI SVANTAGIATI(max2,5x5=12,5) SINF-STRATEGIA PER SOCIETA DELL INFORMAZIONE(max.1x5=5) POP-STRATEGIA PER LE PARI OPPORTUNITA FEMMINILI(max2,5x5=12,5) GENERALE DEL DID-IMPIANTO PROGETTO(max.2x5=10) INN-INNOVATIVITA DEL PROGETTO(max.2x5=10) STG-STAGE/AZIONE DI WORK ESPERIENCE AZIONI INTEG.E LORO QUALITA (max2x5=10) ACC-ASS.ALLA PROGETTAZIONE, ACCOMPAGN.,ORIENTAM.(max.2x5=10) SEL-Modalità di selezione max1,2x5=6 VAL-MONITORAGGIO E VALUTAZIONE DEL PROCESSO FORMATIVO(max2x5=10) STAFF-PERSONALE DI STAFF(max.2x5=10) COO_TUTOR- COORDINATORE/TUTOR(max.1x5=5) SUS e ATT-SUSSIDI DIDATTICI E ATTREZZATURE UTILIZZATE(max.1x5=5) PUB-PUBBLICIZZAZIONE,SENSIBILIZ.E DIFFUSIONE DEL PROGETTO(max.1x5=5) COS-PIANO FINANZIARIO DEL PROGETTO(max.1,7x5=8,5) PUNTEGGIO TOTALE ASSEGNATO PUNTEGGIO NORMALIZZATO L Aquila AQ , Santa Maria Imbaro CH , UNIVERSITA DEGLI STUDI- L AQUILA CONSORZIO MARIO NEGRI SUD -S.MARIA IMBARO Soglia di ammissibilità al finanziamento (punti 260) 6,0 4,8 4,8 16,0 12,0 5,0 0,0 2,0 2,5 4,0 8,0 0,0 0,0 4,8 4,0 8,0 4,0 1,0 2,0 8,5 97, ,0 3,6 4,8 12,0 12,0 2,5 0,0 1,0 2,5 6,0 8,0 0,0 0,0 3,6 4,0 2,0 1,0 1,0 2,0 5,1 77,1 411 Il nucleo di valutazione: Dante Flacco Alberto Spirilli Franco Gigante Pagine 1 di 1

9 DETERMINAZIONE , n. DL10/87: Approvazione graduatorie redatte dal Nucleo di Valutazione in esito all istruttoria delle proposte trasmesse per concorrere all affidamento, nell anno 2001, degli interventi riferiti alla Scheda di Azione C.3.3 contenuta nel P.O. 2001/2002 approvato con D.G.R n del P.O.R. Abruzzo Obiettivo 3 - F.S.E 2000/2006. IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Vista la delibera della Giunta Regionale n del che approva il Piano degli interventi di Politiche Attive del Lavoro, della Formazione e dell Istruzione, con relative Direttive Attuative per il biennio 2001/ P.O.R. Abruzzo 2000/2006- Obiettivo 3- F.S.E. Dato atto che il Piano Operativo, approvato con D.G.R. 1332/2001, individua la tipologia degli interventi da attuare, con distinte Schede di Azione che descrivono le caratteristiche del percorso formativo, gli utenti beneficiari, le procedure e modalità di attuazione e stabiliscono le risorse finanziarie disponibili per ogni singola Azione ; Rilevato che tra le gli interventi approvati da attuare nel biennio 2001/2002 sono inclusi quelli descritti nella Scheda di Azione C/3.3 che promuove corsi distinti per tipologie a), b), c) e d) tutti di elevata professionalità e specializzazione, riservati ad utenti laureati o in possesso di diploma conseguito presso Università, ISEF, Conservatorio Musicale, Accademia delle Belle Arti e Istituti Superiori per le Industrie Artistiche, finalizzati allo sviluppo: a) delle Imprese operanti nei Distretti Industriali; b) di iniziative produttive legate alla valorizzazione dei beni ambientali e culturali nonché alla valorizzazione del patrimonio naturalistico, archeologico e architettonico; c) della Tecnologia della Comunicazione e dell informazione; d) di moduli formativi professionalizzanti in Materie Giuridiche; Rilevato altresì che nella medesima Scheda di Azione C/3.3, vengono definiti il numero dei corsi e le risorse finanziarie da destinare, per l anno 2001, per ogni tipo di intervento in misura di: a) n. 5 edizioni per complessivi Euro , (Euro ,40 per ogni edizione); b) n. 5 edizioni per complessivi Euro , (Euro ,40 per ogni edizione) c) n. 5 edizioni per complessivi Euro , (Euro ,40 per ogni edizione); d) n. 1 edizione suddivisa in 4 moduli per complessivi Euro , (Euro ,75 per modulo) per un totale di risorse pari ad Euro e, tale somma trova capienza sui pertinenti capitoli del bilancio 2001 per l impegno assunto con D.G.R. n. 1332/2001 che approva il Piano Operativo 2001/2002; Considerato che le proposte formative Misura di Azione C.3.3 da ammettere a finanziamento sono da individuare in una graduatoria di merito, da redarsi a cura di un Nucleo di Valutazione formalmente nominato con il compito di assegnare un punteggio ad ognuno dei progetti, trasmessi da soggetti interessati all affidamento, attenendosi ai criteri ed agli indicatori riportati nella specifica griglia contenuta nel P.O. approvato D.G.R. 132/2001;

10 Vista la Determinazione Direttoriale n. DL/215 del che nomina i componenti del Nucleo di Valutazione incaricato alla valutazione delle proposte progettuali per accedere all affidamento degli interventi previsti nella Scheda di Azione C.3.3 e da attuare nell anno 2001; Dato atto che il Nucleo di Valutazione di competenza, una volta completata l istruttoria delle proposte progettuali riferite alla Scheda di Azione C.3.3, in allegato alla nota datata , acquisita al protocollo FR Int. n. 373 dell ex Servizio Politiche Formative Regionali, ha trasmesso i verbali con l elenco delle proposte valutate, l elenco delle proposte non ammissibili a finanziamento e le graduatorie delle proposte ammissibili a finanziamento distinte per intervento a), b), c) e d) e ordinate secondo il punteggio più elevato assegnato ad ogni progetto valutato Ritenuto che le gli elenchi delle proposte valutate e le graduatorie di merito distinte per interventi a), b), c) e d), redatti dal Nucleo di Valutazione, allegati alla presente Determinazione per costituirne parti integranti e sostanziali della stessa, debbano essere integralmente e formalmente approvati; per quanto esposto in narrativa: DETERMINA 1) di approvare gli elenchi e le graduatorie di merito distinte per intervento a), b), c) e d), allegati alla presente Determinazione come parti integranti e sostanziali della stessa, compilati dal Nucleo di Valutazione, nominato dal Direttore di Area con Determinazione n. DL/215/2002, a conclusione dell istruttoria delle proposte progettuali concorrenti all affidamento degli interventi riferiti alla Scheda di Azione C.3.3 da attuare nell anno 2001, incluse nel P.O. approvato dalla G.R. con Delibera n. 1332/2001; 2) di rimandare a successiva Determinazione Dirigenziale l assegnazione degli interventi formativi ai titolari dei progetti situati con il punteggio più elevato nelle graduatorie delle proposte di Azione C.3.3 ammissibili a finanziamento dal Nucleo di Valutazione, entro la disponibilità delle risorse assegnate, per ogni tipo di intervento a), b, c) e d), con il P.O. approvato D.G.R n. 1332/2002; 3) di trasmettere la presente O.D. al Direttore Regionale delle Politiche Attive del Lavoro della Formazione e dell Istruzione, ai fini di quanto previsto dalla D.G.R. n. 1500/2000- Accredito Transitorio Agenzie Formative; 4) di trasmettere la presente D.D. alla Direzione - Redazione del B.U.R.A. per la sua integrale pubblicazione; IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO Dott. Vittorio Garzarelli

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A Spedizione in abbonamento postale 70% Div. Corr. D.C.I. - AQ ANNO XXXIV N. 118 Speciale (Doc.up Asse 2) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO PARTE I, II, III,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 18 Straordinario (Sport) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINOUFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A Spedizione in abbonamento postale 70% Div. Corr. D.C.I. AQ ANNO XXXIV N. 5 Straordinario R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO PARTE I, II, III, IV - L AQUILA,

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 101 Speciale (Gare) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE E D I Z I O N E S T R A O R D I N A R I A ANNO XLII NUMERO 24 REGIONE MOLISE R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE Parte I CAMPOBASSO, 9 SETTEMBRE 2011 Si pubblica

Dettagli

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale

Dlgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XXXVIII REPUBBLICA ITALIANA N. 74 Speciale Rottamazione Caldaie BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE ABRUZZO L AQUILA, 7 SETTEMBRE 2007 DETERMINAZIONE 17.08.2007, n. DN2/117: Intervento a sostegno della rottamazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento Ordinario n. 2 al B.U.R.M. del 16 marzo 2007, n. 7 ANNO XXXVIII NUMERO 7 REGIONE MOLISE R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE Parte I CAMPOBASSO, 16

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLII N. 87 BARI, 3 GIUGNO 2011 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738

7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO. Identificativo Atto n. 738 Identificativo Atto n. 738 7995 05/09/2013 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO APPROVAZIONE DELLA GRADUATORIA DI PRE-SELEZIONE DEI PROGETTI DI CUI ALL AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 168 Speciale (Servizi Sociali) REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE ABRUZZO PARTE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 6 al n. 6 dell 1 aprile 2006 Parti I e II - Anno XXXVII REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLII BARI, 7 OTTOBRE 2011 N. 156 Sede Presidenza Giunta Regionale

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Spedizione in a.p. - Art. 2 comma 20c legge 662/96 - Filiale di Catanzaro REPUBBLICA Supplemento straordinario n. 2 al n. 2 dell 1 febbraio 2003 PartiIeII-Anno XXXIV ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI Prot. 7845C/44 Marcianise 03/12/2015 All albo dell istituto tecnico Guido Carli Casal di Principe e pc All albo dell istituto capofila del polo tecnico professionale ISISS P.S. LENER DI MARCIANISE BANDO

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLIV BARI, 10 OTTOBRE 2013 N. 132 suppl. Sede Presidenza Giunta

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE Dipartimento N. 10 Politiche del Lavoro, Politiche della Famiglia, Formazione Professionale, Cooperazione e Volontariato DECRETO DIRIGENTE DEL SETTORE (Assunto il 09/9/2014

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013

Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013 Decreto Dirigenziale n. 77 del 23/10/2013 A.G.C. 13 Turismo e Beni Culturali Settore 3 Beni Culturali Oggetto dell'atto: P.O. F.E.S.R. CAMPANIA 2007-2013. ASSE 1 - OBIETTIVO OPERATIVO 1.9 - ATTIVITA' "A".

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento Straordinario al BOLLETTINO UFFICIALE n. 32 del 2 ottobre 2009 Sped. in A.P - art.2 comma 20/c legge 662/96 - Filiale di Cagliari REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE AUTONOMA

Dettagli

DELLA REGIONE PUGLIA

DELLA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - 70% - DCB S1/PZ Anno XLIII BARI, 9 NOVEMBRE 2012 N. 162 Sede Presidenza Giunta

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE Il Dirigente Responsabile: ZANOBINI ALBERTO Decreto non soggetto a controllo ai

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA Poste Italiane - Spedizione in a.p. Tab. D Aut. DCO/DC - CZ/038/2003 valida dal 4 febbraio 2003 Supplemento straordinario n. 1 al n. 13 del 2 aprile 2010 Parte III - Anno XLI REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO

Dettagli

ISTITUTO DI RIFERIMENTO IIS "Alessandrini - Marino" Via S. Marino, 12-64100 Teramo. Codice Fiscale Partita IVA 01778140671

ISTITUTO DI RIFERIMENTO IIS Alessandrini - Marino Via S. Marino, 12-64100 Teramo. Codice Fiscale Partita IVA 01778140671 FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda, sede principale nella Provincia di Teramo Via A. De Benedictis, 1 Parco della Scienza

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO RICERCA

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO RICERCA REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO RICERCA. Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: MARCO MASI

Dettagli

- Addetto al banco - Addetto alla sala - Addetto servizi di ricevimento - Addetto amministrativo

- Addetto al banco - Addetto alla sala - Addetto servizi di ricevimento - Addetto amministrativo 10328 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 77 del 22-6-2006 vanni Rotondo, Vieste e Cerignola, n 9 programmi formativi per gli apprendisti, di seguito riportati - Addetto food - Addetto no food

Dettagli

Deliberazione del Commissario straordinario nell esercizio dei poteri spettanti alla Giunta provinciale n. 298 del 29/09/2014.

Deliberazione del Commissario straordinario nell esercizio dei poteri spettanti alla Giunta provinciale n. 298 del 29/09/2014. Deliberazione del Commissario straordinario nell esercizio dei poteri spettanti alla Giunta provinciale n. 298 del 29/09/2014. SETTORE IV ISTRUZIONE FORMAZIONE RENDICONTAZIONE LAVORO AL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Dettagli

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME

PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME PARTE SECONDA LO STATO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 68/99 NELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME 152 NOTA DI LETTURA La Parte Seconda della V Relazione al Parlamento si compone principalmente delle informazioni

Dettagli

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale

PROVINCIA DEL L AQUILA. Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale PROVINCIA DEL L AQUILA Settore Politiche del Lavoro, Formazione Professionale, Sociale P.O.R. ABRUZZO OBIETTIVO 3 PER IL 2000/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI 2006 STRUMENTO UNITARIO DI PIANIFICAZIONE A SUPPORTO

Dettagli

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE

TRA LA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE, SPORT E TURISMO ASSESSORATO AL LAVORO E FORMAZIONE PROFESSIONALE Regione Piemonte Assessorato all Istruzione, Sport e Turismo e Assessorato al Lavoro e alla Formazione Professionale Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Accordo per la realizzazione di percorsi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE ZANOBINI ALBERTO REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE SETTORE RICERCA, INNOVAZIONE E RISORSE UMANE Il Dirigente Responsabile: ZANOBINI ALBERTO Decreto non soggetto a controllo ai

Dettagli

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. ATTUAZIONE INTERVENTI FSE E CAPITALE UMANO

DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. ATTUAZIONE INTERVENTI FSE E CAPITALE UMANO REGIONE LAZIO Dipartimento: Direzione Regionale: Area: DIPARTIMENTO PROGRAMMAZ. ECONOMICA E SOCIALE POLIT. PER IL LAV. E SIST.PER L'ORIENT. E LA FORM. ATTUAZIONE INTERVENTI FSE E CAPITALE UMANO DETERMINAZIONE

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE STUDENTI LONG LIST PER IL PERCORSO FORMATIVO TECNICO SUPERIORE DI TECNICO SUPERIORE DI PRODUZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA MODA

BANDO DI SELEZIONE STUDENTI LONG LIST PER IL PERCORSO FORMATIVO TECNICO SUPERIORE DI TECNICO SUPERIORE DI PRODUZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA MODA FONDAZIONE Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy, Sistema Agroalimentare e Sistema Moda sede principale nella Provincia di Teramo e sede secondaria nella Provincia di Pescara.

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI

DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI 758 05/02/2014 Identificativo Atto n. 26 DIREZIONE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA PRATICA SPORTIVA - INIZIATIVE

Dettagli

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro;

Vista la legge 10 aprile 1991, n.125, concernente azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro; DECRETO 15 MARZO 2001 (Pubblicato sulla G.U. del 9.6. 2001- Serie generale n. 132) Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azione positiva per la parità

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI STUDIO A FAVORE DEGLI ORFANI E DEI FIGLI DEI DIPENDENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE D ABRUZZO IN SERVIZIO ATTIVO

BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI STUDIO A FAVORE DEGLI ORFANI E DEI FIGLI DEI DIPENDENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE D ABRUZZO IN SERVIZIO ATTIVO ALL.B REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE BANDO DI CONCORSO PER BORSE DI STUDIO A FAVORE DEGLI ORFANI E DEI FIGLI DEI DIPENDENTI DEL CONSIGLIO REGIONALE D ABRUZZO IN SERVIZIO ATTIVO (Anno scolastico/accademico

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Anno XLI REPUBBLICA ITALIANA N. 32 Ordinario BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE ABRUZZO L AQUILA, 19 MAGGIO 2010 Anno XLI - N. 32 (19.05.2010) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 159 IL DIRIGENTE

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 229/SIM DEL 12/05/2015

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 229/SIM DEL 12/05/2015 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P. F. LAVORO E FORMAZIONE N. 229/SIM DEL 12/05/2015 Oggetto: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI A SUPPORTO DEL RE-INSERIMENTO DI DISOCCUPATI OVER 30 ATTRAVERSO L ATTUAZIONE DI

Dettagli

I L P R E S I D E N T E

I L P R E S I D E N T E Bando di concorso per il conferimento, negli anni 2015 2016 2017, di una borsa di studio del valore di 1.700,00, per ciascun anno, intitolate alla memoria di Emanuela SCHIAVO, finanziate da una donazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 30/ 35 del 2.8.2007 Disposizioni per la formazione dei responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione (RSPPe ASPP), di cui all Accordo Stato - Regioni su D.Lgs.

Dettagli

I L P R E S I D E N T E

I L P R E S I D E N T E Proroga dei termini di tutti i bandi per il conferimento - nell'anno 2015 e con scadenza 18 marzo 2015 - di borse di studio, borse di studio per tesi di laurea all estero e per premi di laurea, destinati

Dettagli

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito)

triennale di c 337.500,00 ; triennale di c 337.500,00; (N. 329 gratuito) 1936 Catanzaro e codice 33 TARGET di Crotone occorre assegnare nell immediato l attività formativa, per non far disperdere gli allievi che parteciperanno a tali attività e creare un ulteriore danno ai

Dettagli

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO

BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO BANDO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE PER L EDUCAZIONE AL CONSUMO Articolo 1 Obiettivi e finalità La Provincia di Roma, con il presente bando, intende dare attuazione all iniziativa Corsi di

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 147/IFD DEL 17/06/2013

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 147/IFD DEL 17/06/2013 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. 147/IFD DEL 17/06/2013 Oggetto: POR MARCHE FSE 2007 2013 CHIAMATA A PROGETTI RIVOLTA

Dettagli

RITENUTO RITENUTO, altresì,

RITENUTO RITENUTO, altresì, Alla stregua dell istruttoria compiuta dalla Direzione Generale e delle risultanze e degli atti tutti richiamati nelle premesse che seguono, costituenti istruttoria a tutti gli effetti di legge, nonché

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente

CITTÀ DI AGROPOLI. Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente CITTÀ DI AGROPOLI Regolamento per la pubblicazione delle Determinazioni sul sito internet istituzionale dell Ente Approvato con deliberazione della Giunta comunale n 358 del 06.12.2012 Regolamento per

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO DIREZIONE GENERALE DELLO SVILUPPO RURALE IL DIRETTORE GENERALE VISTA la legge 15 dicembre 1998, n. 441, recante "Norme per la diffusione e la valorizzazione dell'imprenditoria

Dettagli

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO

ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO ATTO DI GIUNTA PROVINCIALE N. 194 DEL 30/04/2010 DIPARTIMENTO II - GOVERNANCE PROGETTI E FINANZA SETTORE III ISTRUZIONE FORMAZIONE LAVORO Alla Giunta OGGETTO: F.P. Avviso Pubblico per la presentazione

Dettagli

I L P R E S I D E N T E

I L P R E S I D E N T E Proroga dei termini di tutti i bandi per il conferimento - nell'anno 2015 e con scadenza 18 marzo 2015 - di borse di studio, borse di studio per tesi di laurea all estero e per premi di laurea, destinati

Dettagli

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016

DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 DECRETO N. 1771 Del 11/03/2016 Identificativo Atto n. 202 DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Oggetto APPROVAZIONE DEL BANDO A FAVORE DI PROGETTI PER IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE, AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. DEL

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. DEL 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. ISTRUZIONE, FORMAZIONE INTEGRATA, DIRITTO ALLO STUDIO E CONTROLLI DI PRIMO LIVELLO N. DEL Oggetto: POR MARCHE FSE 2007 2013 CHIAMATA A PROGETTI RIVOLTA ALLE UNIVERSITA

Dettagli

Speciale n. 69 del 6 Giugno 2014. Sanità - Graduatoria Medici di Medicina Generale

Speciale n. 69 del 6 Giugno 2014. Sanità - Graduatoria Medici di Medicina Generale Anno XLIV - N.41 Speciale (12.04.2013) Bollettino Ufficiale della Regione Abruzzo Pag. 1 Direzione, Redazione e Amministrazione: Ufficio BURA Speciale n. 69 del 6 Giugno 2014 Sanità - Graduatoria Medici

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 28-05-1992, N. 15 DISCIPLINA DEL VOLONTARIATO Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL COMMISSARIO DEL GOVERNO Ha apposto il visto IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Richiamati i regolamenti:

Richiamati i regolamenti: Richiamati i regolamenti: - n.1081/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 05/07/2006, relativo al Fondo Sociale Europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n.1784/1999; - n.1083/2006 del

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO POLITICHE PER IL BENESSERE SOCIALE E LE PARI OPPORTUNITA 19 marzo 2013, n. 240

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO POLITICHE PER IL BENESSERE SOCIALE E LE PARI OPPORTUNITA 19 marzo 2013, n. 240 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 28-03-2013 11749 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO POLITICHE PER IL BENESSERE SOCIALE E LE PARI OPPORTUNITA 19 marzo 2013, n. 240 Legge regionale

Dettagli

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ISTITUTO DI ALTA CULTURA diretta da Margherita Parrilla Prot. n. 3094 del 3.05.2013 REGOLAMENTO DI RICONOSCIMENTO TITOLI ACCADEMICI STRANIERI IL DIRETTORE Vista la Convenzione

Dettagli

Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Formazione Professionale. n. 3789/10/MC Reg. Deter. Foggia, 22 dicembre 2011

Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE. Formazione Professionale. n. 3789/10/MC Reg. Deter. Foggia, 22 dicembre 2011 Provincia di Foggia DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Formazione Professionale n. 3789/10/MC Reg. Deter. Foggia, 22 dicembre 2011 Oggetto: Approvazione graduatoria dei progetti di cui all avviso

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra

COMUNE di. L anno 2012, il giorno. del mese di.. in, presso.. alle ore. tra Allegato A alla delibera avente per oggetto: Piano nazionale di edilizia abitativa. D.P.C.M. 16 luglio 2009. Accordo di Programma tra il Ministero delle Infrastrutture e i Trasporti e la Regione Piemonte

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

Parte seconda - N. 33 Euro 0,82. Anno 38 29 marzo 2007 N. 43. DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA SANITARIA REGIONALE 23 marzo 2007, n.

Parte seconda - N. 33 Euro 0,82. Anno 38 29 marzo 2007 N. 43. DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA SANITARIA REGIONALE 23 marzo 2007, n. Parte seconda - N. 33 Euro 0,82 Anno 38 29 marzo 2007 N. 43 DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA SANITARIA REGIONALE 23 marzo 2007, n. 3599 Programma di ricerca Regione Università 2007-2009. Bandi

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 147 DEL 08/03/2012 OGGETTO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013, ASSE 1 - MISURA 111 AZIONE 1 "FORMAZIONE

Dettagli

17/03/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 22. Regione Lazio

17/03/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 22. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 16 marzo 2015, n. G02713 POR FESR 2007-2013 ASSE I Avviso Pubblico "Insieme x Vincere" approvato

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento

TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento TFA, lauree magistrali, sostegno, corsi infanzia e primaria, nuovo reclutamento DECRETO 8 novembre 2011. Disciplina per la determinazione dei contingenti del personale della scuola necessario per lo svolgimento

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FORMAZIONE, ISTRUZIONE E LAVORO

DIREZIONE GENERALE FORMAZIONE, ISTRUZIONE E LAVORO DISPOSIZIONI PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI RELATIVI ALLA SECONDA FASE A SPORTELLO APERTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO - OB. 3 ANNO 2000-2001. MISURA D1 SVILUPPO DELLA FORMAZIONE CONTINUA DELLA FLESSIBILITA

Dettagli

ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana

ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE n _277 del _11 APRILE 2003_ OGGETTO: Direzione Area "Progetti speciali e comunitari, valutazione di impatto

Dettagli

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3

REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 7 Sviluppo Economico, Lavoro, Formazione e Politiche Sociali SETTORE N. 3 DECRETO DEL DIRIGENTE GENERALE (Assunto il 11/05/2016 prot. n.1361) Registro

Dettagli

Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1

Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1 Servizio Sanitario Regionale - Azienda USL Umbria n.1 Delibera del Direttore Generale n. 705 del 12/09/2013 Oggetto: Corso di formazione per l'acquisizione della qualifica di operatore socio sanitario.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DI N.1 INCARICO DI LAVORO AUTONOMO DI NATURA OCCASIONALE NELL AMBITO DEL PROGETTO P.O.R. CAMPANIA 2007-2013

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO ISTRUZIONE E CULTURA DIPARTIMENTO SOVRAINTENDENZA AGLI STUDI PIANIFICAZIONE E OSSERVATORIO EDILIZIA SCOLASTICA PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO: APPROVAZIONE DELL ESITO DELLA VALUTAZIONE

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Segreteria Studenti Facoltà di Psicologia Titolo III Classe 5 IL DIRIGENTE DELLA RIPARTIZIONE STUDENTI il D.R. n. 712 del 25/03/2011 con il quale è stata demandata ai Dirigenti Responsabili di Ripartizioni..l

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007 IT 05 1 PO 007 Competenze per lo Sviluppo BANDO ESPERTI ESTERNI Piano integrato 2011

FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007 IT 05 1 PO 007 Competenze per lo Sviluppo BANDO ESPERTI ESTERNI Piano integrato 2011 _ A. PAOLILLO Via Santuario Madonna di Ripalta 70, 7042 Cerignola (Fg) Tel. 0885-442645 C.F. 800403074 Prot. N. 35 Cerignola, 2/0/203 FONDO SOCIALE EUROPEO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2007 IT 05 PO 007

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il Reg. (CE) 1698/2005 del Consiglio del 20 settembre 2005 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR); VISTI gli Orientamenti comunitari

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA. Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO AGRICOLTURA, TUTELA DELLA FAUNA E DELLA FLORA DIREZIONE AGRICOLTURA Settore Sviluppo delle Produzioni Vegetali Allegato 1 L.R. 24/2007 e D.G.R. n. 26-12334 del 12/10/2009 Contributo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N.1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER IL PROFILO ESPERTO IN FONTI RINNOVABILI NELL AMBITO DEL PROGETTO

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013)

REGOLAMENTO. (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) REGOLAMENTO (Presentato all Assemblea del 30/04/2013) Articolo 1 Funzionamento del Fondo 1. Il presente Regolamento disciplina il funzionamento: degli organi del Fondo paritetico interprofessionale nazionale

Dettagli

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali

Avviso 1/2015 Piani aziendali, settoriali e territoriali Avviso 1/2015 1. Attività finanziabili 1.1. Il Fondo paritetico interprofessionale nazionale Fondo Banche (di seguito FBA), reso operativo con D.M. 91/V/2008 del 16 aprile 2008 del Ministero del Lavoro,

Dettagli

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99

3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 Provincia di Bergamo 3.5.c - STABILIZZAZIONE DEGLI INSERIMENTI LAVORATIVI ex. art. 11 co. 1 e 4 L.68/99 1. Descrizione dell azione L azione eroga contributi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca - Alta Formazione Artistica e Musicale Accademia di Belle Arti Mario Sironi - Sassari Statuto Approvato con Decreto AFAM n. 273 del 6 settembre 2004. TITOLO I - Principi generali Art. 1 - Definizioni e riferimenti 1. In attuazione dell art. 33 della Costituzione, vista la legge 21 dicembre

Dettagli

14AF.2015/D.00639 30/6/2015

14AF.2015/D.00639 30/6/2015 DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI UFFICIO PRODUZIONI VEGETALI E SILVICOLTURA PRODUTTIVA 14AF 14AF.2015/D.00639 30/6/2015 P.S.R. BASILICATA 2007/2013 - Bando Misura 227 "Sostegno agli investimenti

Dettagli

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale

Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale Servizio Gestione e Sviluppo Risorse Umane Interaziendale OGGETTO: Attivazione di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per la realizzazione del Progetto Pianificazione e attuazione di

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE 6 agosto 2012, n. 1332

DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE 6 agosto 2012, n. 1332 28729 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SER- VIZIO FORMAZIONE PROFESSIONALE 6 agosto 2012, n. 1332 AVVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di accreditamento degli Organismi formativi (seconda fase:

Dettagli

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO

I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO I.R.R.S.A.E. DEL LAZIO Istituto Regionale di Ricerca Sperimentazione e Aggiornamento Educativi per il Lazio Prot. n. 4298/P Roma, 12 aprile 1999 LA PRESIDENTE VISTA la L. 6 luglio 1940, n. 1038, concernente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO

SCHEMA DI ACCORDO PER LA DISCIPLINA E LA DURATA DELL APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE NELLA REGIONE ABRUZZO ALLEGATO A GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE ED ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO

Dettagli

art. 1 numero e tipologia dei premi

art. 1 numero e tipologia dei premi Bando di concorso per l assegnazione di una borsa di studio annuale di 7.745,15, alla memoria del Prof. DECIO SCURI, avente per oggetto l incentivazione della ricerca scientifica nel campo della Medicina

Dettagli

Determinazione n. 1661 del 27/08/2013

Determinazione n. 1661 del 27/08/2013 COPIA dell ORIGINALE Prot. N. 64756/ 2013 Determinazione n. 1661 del 27/08/2013 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER IL CONFERIMENTO DI N. 8 INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 aprile 2011, n. 789

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 aprile 2011, n. 789 14812 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 77 del 18-05-2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 26 aprile 2011, n. 789 Accordi/Intese Stato-Regioni in materia sanitaria. Anno 2010. Recepimento.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Avviso pubblico per la selezione di 21 esperti a supporto di politiche ambientali Nell ambito del Programma Operativo Nazionale

Dettagli

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT

Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Avviso Pubblico n. 06-2006 MASTER REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO FORMAZIONE LAVORO CULTURA E SPORT Regione Basilicata - Dipartimento Formazione, Lavoro, Cultura e Sport Complemento di Programmazione POR

Dettagli

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

IL DIRIGENTE SCOLASTICO Cagliari, 24 Marzo 2016 All Albo Pretorio dell Istituto Agli Atti Alle scuole di ogni ordine e grado Al sito Web www.17circolo.gov.it BANDO DI GARA PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO MUSICABILMENTE DA SVOLGERE

Dettagli