INDICE SOMMARIO. Capo XII DEL DEPOSITO. Sezione I Del deposito in generale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE SOMMARIO. Capo XII DEL DEPOSITO. Sezione I Del deposito in generale"

Transcript

1 INDICE SOMMARIO Presentazione... Gli autori... Abbreviazioni delle principali riviste.... VII XI XXXIII Capo XII DEL DEPOSITO Sezione I Del deposito in generale Art Nozione Deposito e custodia. La causa del contratto L obbligazione di custodia L obbligazione di restituzione L oggetto del contratto I soggetti del contratto Il perfezionamento del contratto tra consegna ed accordo (Segue) Il deposito consensuale Contratti atipici di custodia La custodia di autoveicoli Il parcheggio meccanizzato e le c.d. quick hand transaction Art Presunzione di gratuità La gratuità e la prova contraria: il deposito oneroso. La qualità professionale del depositario Il deposito di cortesia Art Diligenza nella custodia Diligenza del buon padre di famiglia Le caratteristiche della diligenza nella custodia Custodia tra conservazione materiale e amministrazione Responsabilità del parcheggiatore di autoveicoli (Segue) Le clausole di esonero da responsabilità La responsabilità nel deposito gratuito Art Responsabilità del depositario incapace Natura della responsabilità Effetti dell annullabilità del contratto XIII

2 Art Modalità della custodia Divieto d uso Divieto di subdeposito Variazioni nelle modalità della custodia Art Richiesta di restituzione e obbligo di ritirare la cosa L obbligazione di restituzione: tempo dell adempimento Termine nell interesse del depositario Termine nell interesse del depositante Art Pluralità di depositanti e di depositari Condeposito originario e sopravvenuto Pluralità di depositari Art Terzo interessato nel deposito L interesse del terzo Deposito con funzione di garanzia Deposito a favore di terzo Adesione e rifiuto del terzo Art Luogo di restituzione e spese relative L obbligazione di restituzione: luogo dell adempimento Spese per la restituzione Art Restituzione dei frutti Natura di obbligazione accessoria Art Obblighi dell erede del depositario Alienazione della cosa depositata Buona fede dell erede Art Persona a cui deve essere restituita la cosa Legittimazione alla restituzione Documenti di deposito Diritti di terzi sulla cosa depositata Il depositario nella controversia sulla cosa depositata Art Cosa proveniente da reato Sospensione della restituzione Opposizione del terzo avente diritto Art Cosa propria del depositario Appartenenza originaria o sopravvenuta della cosa al depositario Diritti del depositante sulla cosa XIV

3 Art Perdita non imputabile della detenzione della cosa Perdita non imputabile della detenzione Fatto del terzo ed estinzione dell obbligazione di restituzione del depositario. I casi del furto e della rapina Perdita della detenzione e fatto del terzo: ambito di operatività della norma Omessa o ritardata denuncia Subingresso del depositante Art Diritti del depositario Rimborso delle spese Custodia giudiziaria e diritti del sequestratario Indennizzo delle perdite Pagamento del compenso ed esercizio del diritto di ritenzione Art Deposito irregolare Natura giuridica Disciplina applicabile Deposito cauzionale Sezione II Del deposito in albergo Art Responsabilità per le cose portate in albergo La responsabilità dell albergatore Il contratto d albergo La nozione di cose portate in albergo. I soggetti assimilati all albergatore La limitazione del risarcimento del danno Art Responsabilità per le cose consegnate e obblighi dell albergatore La responsabilità illimitata dell albergatore La custodia alberghiera diretta Il rifiuto di custodia La richiesta di involucro chiuso o sigillato Art Limiti di responsabilità La cause tipiche di esonero da responsabilità Fatto del cliente Forza maggiore Natura della cosa Art bis. Responsabilità per colpa dell albergatore Responsabilità illimitata per le cose portate in albergo: la colpa dell albergatore La colpa dell albergatore in concreto XV

4 Art ter. Obbligo di denuncia del danno Esonero dalla responsabilità La denuncia del cliente Art quater. Nullità Le clausole di esonero da responsabilità per inadempimento. Profili generali Le clausole di esclusione della responsabilità dell albergatore Art quinquies. Limiti di applicazione Parcheggio ed albergo Art Stabilimenti e locali assimilati agli alberghi Le attività assimilate agli alberghi Le assimilazioni in concreto Applicazione del limite di responsabilità Sezione III Del deposito nei magazzini generali Art Responsabilità dei magazzini generali Generalità Il contratto di deposito Il c.d. deposito alla rinfusa La responsabilità dei magazzini generali Fondamento oggettivo o soggettivo della responsabilità Regolamenti di deposito nei magazzini generali e clausole di esonero da responsabilità Art Diritti del depositante Diritto d ispezione Diritto di ritiro dei campioni d uso Art Vendita delle cose depositate Presupposti della vendita Modalità della vendita Art Fede di deposito Natura giuridica: titolo rappresentativo di merci Emissione del titolo Requisiti Art Nota di pegno Sistema del doppio titolo Natura giuridica e requisiti XVI

5 Art Intestazione e circolazione dei titoli Intestazione dei titoli di deposito Circolazione dei titoli La girata in garanzia del doppio titolo La girata in garanzia dei titoli separati Art Diritti del possessore Diritti del possessore del doppio titolo Diritti del possessore della sola nota di pegno Incorporazione del diritto di credito garantito Ammortamento Art Prima girata della nota di pegno Indicazioni nella prima girata Trascrizione sulla fede di deposito Art Diritti del possessore della sola fede di deposito Diritto alla restituzione Ritiro parziale della merce Il deposito di denaro Art Diritti del possessore della nota di pegno insoddisfatto Pagamento del credito garantito Vendita coattiva delle merci Distribuzione della somma ricavata Art Azione nei confronti dei giranti Azione di regresso Azione diretta Azione contro i giranti della fede di deposito Capo XIII DEL SEQUESTRO CONVENZIONALE Art Nozione Natura giuridica I requisiti del contratto Il presupposto della controversia tra le parti Art Obblighi, diritti e poteri del sequestratario La fonte contrattuale dei diritti e degli obblighi del sequestratario Art Conservazione e alienazione dell oggetto del sequestro L obbligo di custodia: l applicazione delle norme sul deposito L obbligo di amministrazione: il rinvio alle norme sul mandato XVII

6 Art Liberazione del sequestratario La liberazione del sequestratario prima che la controversia sia finita Art Compenso e rimborso delle spese al sequestratario Il sequestro convenzionale come contratto oneroso: la misura del compenso Capo XIV DEL COMODATO Art Nozione Le caratteristiche distintive Realità Il preliminare di comodato Gratuità Unilateralità Capacità e legittimazione Accordo, forma, trascrizione Causa ed oggetto Comodato di immobili urbani ed extraurbani Possesso e detenzione Art Obbligazioni del comodatario Conservazione e custodia Uso della cosa Subcomodato Inadempimento e restituzione della cosa. Rinvio Art Perimento della cosa Art Stima Art Deterioramento per effetto dell uso Perimento fortuito della cosa Casi di responsabilità del comodatario Il deterioramento per effetto dell uso Art Spese per l uso della cosa e spese straordinarie Spese per l uso della cosa Spese straordinarie Privilegio e ritenzione Incompensabilità Art Restituzione Art Comodato senza determinazione di durata XVIII

7 Art Morte del comodatario L obbligo di restituzione della cosa Cause normali di estinzione; comodato a tempo determinato Insorgenza dell impreveduto bisogno Precario Comodato atipico Precario immobiliare oneroso Inadempimenti del comodatario La morte del comodatario e del comodante Cause di estinzione non codificate Oggetto, tempo e luogo della restituzione. Azione di restituzione Comodato della casa familiare Art Danni al comodatario per vizi della cosa Responsabilità del comodante per vizi della cosa Natura giuridica della responsabilità Capo XV DEL MUTUO Art Nozione Il problema della realità del mutuo. Cenni allo stato del dibattito nella dottrina L orientamento della giurisprudenza Il mutuo quale tipico contratto reale. Ruolo della traditio rei e fondamento della realità A proposito del c.d. mutuo consensuale (atipico) I «modi» della consegna. La consegna materiale. La consegna «consensuale» I surrogati della consegna. L utilizzo degli ausiliari. La rimessione al vettore (art. 1510, 2 co., c.c.). La consegna dei titoli rappresentativi della merce (art c.c.) La «legge antiriciclaggio» La posizione dell intermediario. Riflessi sul perfezionamento del mutuo Oggetto della consegna Questioni legate alla realità. L accordo non seguito dalla traditio rei La tesi della responsabilità precontrattuale La tesi della responsabilità contrattuale La soluzione preferibile. A proposito della natura della responsabilità del mutuante La traditio rei non seguita dall accordo Il tema degli effetti che scaturiscono dalla conclusione dell atto La posizione di parte minoritaria della dottrina Le critiche mosse a tale costruzione L obbligazione di restituire il tantundem. Prime questioni Il luogo dell adempimento. Rinvio XIX

8 Art Trasferimento della proprietà Contenuto. Questioni Effetto traslativo e consegna Effetto traslativo e causa dell atto Dimensioni di pensiero differenti Posizione della giurisprudenza. Due casi emblematici Ragioni del dissenso. A proposito del primo caso A proposito del secondo caso Sulla pretesa esigenza sostanziale da soddisfare Art Interessi Onerosità e gratuità, fisiologia e patologia dell obbligo di corrispondere gli interessi, interessi usurari: premessa Sezione I. Onerosità e gratuità del mutuo Onerosità e gratuità dell atto. Finalità e limiti dell indagine Il dato normativo di riferimento contenuto nel Codice civile italiano del 1865 e il dibattito che ne ha accompagnato la stesura Confronto con altre distinzioni contenute nel c.c. abrogato L entrata in vigore del Codice civile del I termini del dibattito. Cenno Gratuità e onerosità nella giurisprudenza Ancora qualche considerazione Onerosità e gratuità del mutuo I casi dubbi Sezione II. Fisiologia e patologia dell obbligo di corrispondere gli interessi L obbligo di corrispondere gli interessi. L oggetto della prestazione Caratteri. Proporzionalità, periodicità, esigibilità Il patto relativo agli interessi superiori al saggio legale La posizione della giurisprudenza Il formalismo per rinvio (relatio) Qualche osservazione sul modo di ragionare della giurisprudenza Dettagli L obbligo di corrispondere gli interessi aventi carattere pecuniario. L art c.c.: il divieto d anatocismo Sezione III. Interessi usurari Il capoverso dell art c.c. L originaria formulazione La principale questione sollevata dall originaria formulazione dell art. 1815, 2 co., c.c La tesi del collegamento sistematico dell art. 1815, 2 co., c.c. con l azione di rescissione ex art c.c La tesi dell equiparazione dell ipotesi regolata dall art. 1815, 2 co., c.c. allo schema del delitto di usura La tesi della rilevanza ai fini della declaratoria di nullità ex art. 1815, 2 co., c.c. della sola obiettiva sproporzione del corrispettivo pattuito XX

9 L orientamento della giurisprudenza La questione dell applicabilità dell art. 1815, 2 co., c.c. all obbligazione corrispettiva diversa per volontà dei contraenti dagli interessi Le innovazioni introdotte dalla riforma legislativa in materia di repressione dell usura (l. 108/1996): nel settore penale (brevissimi cenni) I due criteri per la determinazione del carattere usurario del corrispettivo pattuito. Il criterio c.d. «fisso» Il criterio c.d. «mobile» L elemento psicologico L innovazione introdotta nel settore del diritto civile. Le reazioni della dottrina Le questioni sollevate dalla nuova formulazione dell art. 1815, 2 co., c.c La questione relativa all identificazione della nozione di interessi usurari. Prime questioni La posizione della dottrina La posizione della giurisprudenza Profili applicativi. I problemi sollevati dal criterio c.d. «fisso» I problemi sollevati dal criterio c.d. «mobile» La questione del fondamento giuridico dell art. 1815, 2 co., c.c La tesi della conversione legale del mutuo oneroso in mutuo gratuito La tesi della «pena privata» La tesi che ritiene l art. 1815, 2 co., c.c. inquadrabile negli artt e 1419, 2 co., c.c Osservazioni A proposito della rilevabilità d ufficio della nullità sancita dall art. 1815, 2 co., c.c I problemi legati all efficacia della legge nel tempo. La posizione iniziale della giurisprudenza L intervento del legislatore. Le questioni di costituzionalità e la risposta della Consulta L orientamento successivo della giurisprudenza di legittimità La posizione della dottrina Mutuo e rescissione per lesione La posizione del mutuante La posizione del mutuatario I rapporti tra l art. 1815, 2 co., c.c. e l art c.c. Lo stato del dibattito anteriormente alla riforma Lo stato del dibattito in seguito alle innovazioni introdotte dalla riforma. Conclusioni Art Termine per la restituzione fissato dalle parti Modalità temporali della richiesta di restituzione del tantundem. Fissazione del termine ad opera delle parti. Disciplina Dettagli Art Termine per la restituzione fissato dal giudice L art. 1817, 1 co., c.c La posizione della giurisprudenza XXI

10 1.2. Casi in cui il ricorso al giudice per la fissazione del termine è ritenuto superfluo: il decorso di un tempo ragionevole Le ipotesi riconducibili nell ambito di applicazione dell art c.c Dettagli L art. 1817, 2º co., c.c Il mutuo quale contratto di durata Art Impossibilità o notevole difficoltà di restituzione Prime questioni La giustificazione della norma Dettagli L inadempimento dell obbligo consequenziale Art Restituzione rateale Premessa Sezione I. La restituzione rateale La restituzione rateale. L ambito di applicazione dell art L opinione della dottrina La posizione della giurisprudenza. Critica La natura giuridica. Una prima opinione Una seconda opinione. Rilievi critici La soluzione preferibile Profili applicativi: l inciso «secondo le circostanze» La tesi restrittiva L obbligazione restitutoria conseguente all esercizio del diritto di recesso ex art c.c. Disciplina Sezione II. La restituzione in unica soluzione al termine del rapporto La restituzione in unica soluzione al termine del rapporto. Il profilo patologico La restituzione della somma di denaro mutuata in unica soluzione. Il ritardo L obbligazione di restituire portable. La mora ex re Le ipotesi in cui è eccezionalmente richiesta l intimazione (art. 1219, 1º co., c.c.) Il danno da ritardo «qualificato». Quantificazione: l art c.c Gli interessi moratori Il mutuo gratuito Il mutuo oneroso. Gli interessi ex art c.c. superiori al saggio legale: conseguenze Gli interessi compensativi (art c.c.) inferiori al saggio legale. Conseguenze Il maggior danno La convenzione circa gli interessi moratori L obbligazione di restituire quérable. La questione da risolvere La tesi che distingue ritardo «semplice» e ritardo «qualificato» L ambito di rilevanza assegnato al ritardo «semplice» XXII

11 Le obbligazioni pecuniarie: il coordinamento tra l art c.c. e gli artt e 1223 c.c La tesi che nega l autonomo rilievo giuridico del ritardo «semplice» La tesi della piena corrispondenza tra liquidità ed esigibilità del debito pecuniario e mora automatica La sistemazione delle regole della giurisprudenza ad opera della dottrina Una possibile soluzione Il coordinamento nel mutuo gratuito dell art c.c. con l art c.c Dettagli Il coordinamento nel mutuo oneroso dell art c.c. con l art c.c. e con l art c.c Tutele L «inesattezza» quantitativa L «inesattezza» qualitativa: cenni L ipotesi in cui oggetto dell obbligo di restituire siano cose diverse dal denaro. Il ritardo L obbligazione di restituire portable. Mora ex re L obbligazione di restituire quérable L «inesattezza» quantitativa e qualitativa Precisazioni. Decadenza dal beneficio del termine (art c.c.). Profilo probatorio La «legge antiriciclaggio». Limitazione dell indagine e piano espositivo a) Le modalità dettate per il trasferimento di denaro contante b) La posizione dell intermediario. L orientamento della giurisprudenza La posizione della dottrina. La tesi del destinatario del pagamento (art c.c.) La tesi della creazione di una «nuova fattispecie di esatto adempimento» La tesi della natura contrattuale dell accordo Osservazioni c) La regola circa il luogo del pagamento La patologia del rapporto L art. 58, 1 co., della «legge antiriciclaggio»: cenno Art Mancato pagamento degli interessi Premessa Sezione I. Nozione di corrispettività Le definizioni di contratto bilaterale ed unilaterale contenute nel codice civile italiano del La maggior estensione attribuita all efficacia del contratto nel codice civile del Le critiche della dottrina alla definizione di contratto bilaterale già sotto la vigenza del codice civile del La nuova categoria introdotta dal codice civile del 1942: i contratti con prestazioni corrispettive. Una prima posizione dottrinale XXIII

12 3.1. La critica mossa a tale posizione da altra parte della dottrina La varietà delle nozioni di corrispettività elaborate dalla dottrina Il dato ricorrente e di maggior spicco Corrispettività e contratti reali. Il mutuo oneroso Corrispettività e contratti reali nella giurisprudenza: la questione relativa al mutuo oneroso La posizione della giurisprudenza più recente Obbligazione di restituire nei contratti cc.dd. restitutori e corrispettività: la posizione della dottrina dominante L opinione di altra dottrina La posizione della giurisprudenza in merito al carattere sinallagmatico dell obbligazione di restituire nel mutuo oneroso I contratti con obbligazioni a carico di una sola parte Un tertium genus: la categoria dei contratti bilaterali imperfetti Sezione II. Risoluzione per inadempimento Risoluzione per inadempimento e mutuo Il ricorso al rimedio da parte del mutuante L inadempimento dell obbligazione di corrispondere gli interessi Le ipotesi rientranti nell ambito di applicazione dell art c.c Gli effetti della risoluzione: l irretroattività L inadempimento dell obbligazione di restituire Il ricorso al rimedio da parte del mutuatario Sezione III. Risoluzione per impossibilità sopravvenuta Premesse e richiami Impossibilità sopravvenuta e mutuo: prime questioni Impossibilità sopravvenuta e obbligo del mutuatario di restituire a fine rapporto il tantundem. L ipotesi in cui oggetto del mutuo sia una quantità di cose fungibili diverse dal denaro L ipotesi in cui oggetto del mutuo sia una somma di denaro Impossibilità sopravvenuta e obbligazione di corrispondere gli interessi. L obbligazione corrispettiva avente carattere pecuniario L obbligazione corrispettiva avente ad oggetto cose fungibili L obbligazione corrispettiva diversa dagli interessi. Cenno Sezione IV. Risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta Interesse pratico e complessità teorica della problematica La posizione del mutuante. L opinione dottrinale negativa Le opinioni dottrinali possibiliste. La costruzione proposta da una parte della dottrina La soluzione proposta da altra parte della dottrina La posizione della giurisprudenza In procinto di concludere. A proposito dei tentativi volti a costruire obbligazioni in capo al mutuante XXIV

13 A proposito dell opinione che consente la risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta alla parte che ha eseguito interamente la propria prestazione In conclusione La posizione del mutuatario A) nel mutuo oneroso Eccessiva onerosità e obbligazione di restituire il tantundem. L opinione dottrinale che non consente al mutuante il rimedio dell art c.c L opinione che consente al mutuatario di avvalersi dell art c.c La posizione della giurisprudenza Osservazioni Eccessiva onerosità e obbligo di corrispondere gli interessi Lo stato della giurisprudenza La posizione del mutuatario B) nel mutuo gratuito La vicenda relativa ai mutui in Ecu Art Danni al mutuatario per vizi delle cose La consegna di cose viziate La posizione della dottrina circa la natura della responsabilità del mutuante Eccezione di inadempimento (art c.c.) e mutuo Nozione di interdipendenza. L iniziale coincidenza con la corrispettività La configurazione dell interdipendenza come nozione autonoma da «contrapporre» a quella di corrispettività Il contenuto della nozione di interdipendenza proposta I risvolti applicativi La critica di altra dottrina L inutilità del ricorso alla nozione di interdipendenza in relazione: A) alle obbligazioni di consegnare o di restituire beni mobili derivanti da contratti sinallagmatici con effetti obbligatori B) alle obbligazioni di consegnare derivanti da contratti sinallagmatici ad efficacia reale La posizione della giurisprudenza C) ai «doveri» integrativi od accessori di protezione L interdipendenza vista come «nozione diversa da e da porre accanto a quella di corrispettività». Contenuto I risvolti applicativi in relazione all exceptio nel contratto di mutuo gratuito o oneroso La posizione della dottrina più liberale in merito all ambito di applicazione dell eccezione di inadempimento L interdipendenza in giurisprudenza Art Promessa di mutuo La promessa di dare a mutuo Dimensioni di pensiero differenti La posizione della giurisprudenza L art c.c. e l art c.c. Differenze XXV

14 5. L inadempimento dell obbligo scaturente dalla promessa di dare a mutuo. Conseguenze Capo XVI DEL CONTO CORRENTE Art Nozione Individuazione della fattispecie Funzione e caratteri del contratto Le rimesse e l annotazione dei relativi crediti Il saldo Art Crediti esclusi dal conto corrente Conto corrente e crediti compensabili Il conto corrente fra imprese Art Interessi Rimesse, saldo e interessi L applicabilità della norma al conto corrente bancario Art Spese e diritti di commissione Crediti accessori e conto corrente Art Effetti dell inclusione nel conto Causa del credito ed effetti dell annotazione Art Efficacia della garanzia dei crediti iscritti Garanzie ed effetti dell annotazione Art Crediti verso terzi Ambito di applicazione Il trasferimento della titolarità del credito e la natura della clausola salvo incasso Le facoltà del ricevente Art Sequestro o pignoramento del saldo La tutela del terzo creditore Art Chiusura del conto La chiusura periodica del conto Chiusura del conto e anatocismo bancario Art Approvazione del conto La presunzione di approvazione del conto L ambito di efficacia dell approvazione del conto XXVI

15 Art Recesso dal contratto Lo scioglimento del contratto di conto corrente Il recesso Capo XVII DEI CONTRATTI BANCARI Sezione I Dei depositi bancari Art Depositi di danaro Il quadro di disciplina del deposito di danaro presso una banca Gli elementi tipici del deposito bancario La localizzazione del deposito Art Libretto di deposito a risparmio I libretti di deposito a risparmio Valore e limiti delle annotazioni sul libretto Art Legittimazione del possessore Tipologia dei libretti di deposito a risparmio e legittimazione Art [Libretti in favore di minori] Art Deposito di titoli in amministrazione Natura giuridica Gli obblighi della banca Sezione II Del servizio bancario delle cassette di sicurezza Art Cassette di sicurezza Natura giuridica La responsabilità della banca Art Apertura della cassetta Accesso alla cassetta di sicurezza e cointestazione La prosecuzione del rapporto con l erede Art Apertura forzata della cassetta L apertura forzata in favore della banca Sezione III Dell apertura di credito bancario Art Nozione Nozione del contratto Profili distintivi: consenso e sconfinamenti Forma XXVII

16 Art Utilizzazione del credito Apertura di credito semplice e in conto corrente Gli atti di utilizzazione Il costo del credito Art Garanzia La garanzia in favore della banca La conservazione della garanzia Art Recesso dal contratto Il recesso della banca fra codice e schemi contrattuali Caratteri del recesso Gli effetti del recesso: la sospensione della disponibilità Gli effetti del recesso: l obbligo di restituzione Sezione IV Dell anticipazione bancaria Art Disponibilità delle cose date in pegno Tipologia contrattuale e disciplina della garanzia Gli elementi di disciplina della garanzia pignoratizia Art Assicurazione delle merci L assicurazione delle merci pignorate Art Spese di custodia Il rimborso delle spese di custodia Art Ritiro dei titoli o delle merci Lo svincolo del pegno Art Diminuzione della garanzia L integrazione della garanzia Gli effetti della diminuzione dello scarto Art Pegno irregolare a garanzia di anticipazione La disciplina dell anticipazione impropria Evoluzione delle garanzie reali e contratti di garanzia finanziaria Sezione V Delle operazioni bancarie in conto corrente Art Disposizioni da parte del correntista Operazioni regolate in conto corrente e conto corrente bancario XXVIII

17 2. Le annotazioni in conto I saldi: contabile, disponibile, per valuta Art Compensazione tra i saldi di più rapporti o più conti Configurazione della fattispecie e ambito soggettivo di applicazione della compensazione Compensazione e convenzione d assegno Ambito di operatività della compensazione Le modalità operative della compensazione Art Conto corrente intestato a più persone La solidarietà fra i contitolari del conto Modalità di utilizzazione della disponibilità I rapporti interni fra contitolari Art Operazioni a tempo indeterminato Recesso dal conto corrente e operazioni di alimentazione Il termine di preavviso Art Esecuzione d incarichi L ambito di applicazione della norma La sostituzione nell esecuzione dell incarico Art Norme applicabili La selettività del rinvio: norme codicistiche e trasparenza bancaria L approvazione dell estratto di conto corrente bancario nella disciplina convenzionale e la sua efficacia probatoria Sezione VI Dello sconto bancario Art Nozione La natura giuridica I caratteri del contratto Figure affini Art Sconto di cambiali Lo sconto di cambiali ed assegni Lo sconto di tratte non accettate Art Sconto di tratte documentate Sconto e vendita su documenti La posizione della banca XXIX

18 Capo XVIII DELLA RENDITA PERPETUA Art Nozione Nozione e caratteri della rendita perpetua Fonti del rapporto: rendite perpetue tipiche e atipiche Contratti onerosi Contratti gratuiti: rendite-onere e donazioni di rendita Testamento: rendite-onere e legati di rendita Altre fonti Rendite antiche e rendite nuove Art Norme applicabili Rendita perpetua costituita a titolo oneroso: richiamo alla disciplina sulla vendita Rendita perpetua costituita a titolo gratuito: richiamo alla disciplina sulla donazione Art Rendita fondiaria e rendita semplice Contenuto e derivazione storica della norma Differenze di disciplina tra rendita fondiaria e rendita semplice Art Garanzia della rendita semplice Natura della garanzia ipotecaria e conseguenze derivanti dalla mancata previsione Oggetto dell obbligo di ipoteca Art Diritto di riscatto della rendita perpetua Contenuto della norma e natura giuridica del diritto di riscatto La commutazione delle rendite antiche Art Esercizio del riscatto Esercizio del diritto di riscatto e problemi applicativi Il riscatto nell obbligazione solidale Art Riscatto forzoso Natura del riscatto forzoso Le singole ipotesi di riscatto forzoso: problemi applicativi Altre vicende estintive del rapporto Differenza tra riscatto forzoso e risoluzione per inadempimento Art Riscatto per insolvenza del debitore Il riscatto per insolvenza del debitore Art Altre prestazioni perpetue Contenuto della norma e portata applicativa XXX

19 Art Ricognizione L obbligo di ricognizione La prescrizione della rendita perpetua Art Rendite dello Stato Contenuto della norma Capo XIX DELLA RENDITA VITALIZIA Art Modi di costituzione Nozione e caratteri della rendita vitalizia Fonti del rapporto: la legge Il contratto a titolo oneroso Contratti gratuiti: rendite-onere e donazioni di rendita Testamento: rendite-onere e legati di rendita Altre fonti Art Determinazione della durata La vita contemplata Art Costituzione a favore di più persone Vitalizio congiuntivo e vitalizio successivo Art Costituzione a favore di un terzo La rendita vitalizia a favore del terzo Art Rendita costituita su persone già defunte La rendita vitalizia costituita su persone già defunte Art Risoluzione del contratto di vitalizio oneroso La risoluzione del contratto nella rendita vitalizia La prescrizione della rendita vitalizia Art Mancanza di pagamento delle rate scadute Fondamento e disciplina della norma Il vitalizio assistenziale Art Divieto di riscatto e onerosità sopravvenuta Il principio di irredimibilità della rendita vitalizia La risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta Art Modalità del pagamento della rendita La periodicità della prestazione: il tempo e il modo dell adempimento XXXI

20 Art Sequestro o pignoramento della rendita Fondamento della norma APPENDICE Usura L. 7 marzo 1996, n Disposizioni in materia di usura D.lg. 26 agosto 1998, n Riordino dell Ufficio italiano dei cambi a norma dell articolo 1, comma 1, della legge 17 dicembre 1997, n L. 28 febbraio 2001, n. 24. Conversione in legge, con modificazioni, del d.l. 29 dicembre 2000, n. 394, concernente interpretazione autentica della legge 7 marzo 1996, n. 108, recante disposizioni in materia di usura Riciclaggio D.l. 3 maggio 1991, n Decreto convertito con modificazioni in legge 5 luglio 1991, n Provvedimenti urgenti per limitare l uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio L. 5 luglio 1991, n Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 3 maggio 1991, n. 143, recante provvedimenti urgenti per limitare l uso del contante e dei titoli al portatore nelle transazioni e prevenire l utilizzazione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio D.lg. 26 maggio 1997, n Integrazione dell attuazione della direttiva 91/308/CEE in materia di riciclaggio dei capitali di provenienza illecita D.lg. 25 settembre 1999, n Estensione delle disposizioni in materia di riciclaggio dei capitali di provenienza illecita ed attività finanziarie particolarmente suscettibili di utilizzazione a fini di riciclaggio, a norma dell articolo 15 della legge 6 febbraio 1996, n D.lg. 21 novembre 2007, n Attuazione della direttiva 2005/60/CE concernente la prevenzione dell utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo nonché della direttiva 2006/70/CE che ne reca misure di esecuzione D.l. 25 giugno 2008, n Decreto convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria Indice bibliografico Indice analitico XXXII

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente

La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente CONTRATTO / INADEMPIMENTO La stipula di un contratto preliminare ed il conseguente inadempimento di una parte contraente Le azioni poste a tutela della parte adempiente nel caso di inadempimento della

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014

Decisione N. 77 del 10 gennaio 2014 IL COLLEGIO DI COORDINAMENTO composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente del Collegio ABF di Roma Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente del Collegio ABF di Milano Presidente Membro effettivo

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione.

Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. DIRITTO CIVILE Come è definito il procedimento con cui il diritto viene ad esistenza? a) fonte di cognizione. b) fonte di produzione. c) fonte di obbligazione. Come si definiscono le norme che regolano

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 15/2014

NOTA OPERATIVA N. 15/2014 NOTA OPERATIVA N. 15/2014 OGGETTO: La crisi di impresa e le possibili soluzioni - Introduzione La crisi economica, che ha investito il nostro Paese, sta avendo effetti devastanti sulle imprese; la presente

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO

LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO LE MODIFICHE AL CODICE DEL CONSUMO GUIDA AL DIRITTO IL SOLE-24 ORE 67 DOSSIER/7 SETTEMBRE 2010 L E M O D I F I C H E A I C O D I C I L Italia si allinea alle regole di tutela europee sui finanziamenti

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

CREDITO AI CONSUMATORI

CREDITO AI CONSUMATORI CREDITO AI CONSUMATORI DOMANDE E RISPOSTE con la collaborazione scientifica di 1 L utente di queste FAQ è inteso essere il consumatore medio, con una competenza finanziaria ridotta (molto spesso aggravata

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli