Documento del quindici maggio. Consiglio di Classe 5^F2. a.s. 2017/2018. Docente Coordinatore: Triveri. Presentazione del Consiglio di classe

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del quindici maggio. Consiglio di Classe 5^F2. a.s. 2017/2018. Docente Coordinatore: Triveri. Presentazione del Consiglio di classe"

Transcript

1 Liceo Artistico Statale Paolo Candiani Liceo Musicale e Coreutico Statale Pina Bausch sez. Musicale e sez. Coreutica Via L. Manara, Busto Arsizio tel Fax Pec: Cod. Mec. VASL01000A C.F Liceo Musicale e Coreutico Pina Bausch Rev /04/18 DQM 7.5 Documento del quindici maggio Consiglio di Classe 5^F2 a.s. 2017/2018 Docente Coordinatore: Triveri Presentazione del Consiglio di classe Disciplina Cognome del docente Continuità didattica Eventuale supplente Italiano Triveri 3 anni Storia Triveri 3 anni Inglese Carlomagno 3 anni Matematica Fisica Bombelli (Fanali) Bombelli (Fanali) 2 anni (1 anno) 2 anni (1 anno) Storia dell Arte Masedu 3 anni Filosofia Barbieri 3 anni Scienze motorie Crespi 3 anni Religione Colombo 3 anni Discipline pittoriche Sciarini 3 anni Lab. della figurazione Sciarini 3 anni Discipline plastiche Borghi 3 anni Lab. della figurazione modellata Marelli 3 anni Documento del quindici maggio Pagina 1 di 26

2 Informazioni sull indirizzo di Studi Piano Orario Disciplina 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Italiano Storia Inglese Matematica Fisica Storia dell Arte Filosofia Scienze motorie Religione Laboratorio di Figurazione Laboratorio di Modellazione Discipline Plastiche Discipline Pittoriche Totale ore Profilo professionale Gli studenti dell indirizzo figurativo, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver approfondito la conoscenza degli elementi costitutivi della forma grafica, pittorica e/o scultorea nei suoi aspetti espressivi e comunicativi e acquisito la consapevolezza dei relativi fondamenti storici e concettuali; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva; saper individuare le interazioni delle forme pittoriche e/o scultoree con il contesto architettonico, urbano e paesaggistico; conoscere e applicare i processi progettuali e operativi e utilizzare in modo appropriato le diverse tecniche della figurazione bidimensionale e/o tridimensionale, anche in funzione della necessaria contaminazione tra le tradizionali specificazioni disciplinari (comprese le nuove tecnologie); conoscere le principali linee di sviluppo tecniche e concettuali dell arte moderna e contemporanea e le intersezioni con le altre forme di espressione e comunicazione artistica; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafica, pittorica e scultorea Presentazione e giudizio sulla classe La classe, composta da 25 alunni, è maturata nel corso degli anni: i ragazzi hanno seguito con interesse le lezioni e vi hanno sempre partecipato con domande pertinenti ed interventi adeguati. Un gruppo in particolare si è distinto per una notevole capacità critica nella partecipazione. Non sempre però tutti gli studenti Documento del quindici maggio Pagina 2 di 26

3 hanno dimostrato di aver acquisito senso di responsabilità, poiché alcuni di loro hanno spesso disatteso le consegne a casa. Il profitto, complessivamente adeguato in tutte le discipline, risulta migliore in quelle di indirizzo, dove quasi tutti gli studenti hanno raggiunto un buon livello di preparazione, alcuni anche eccellente. Una esigua minoranza presenta carenze in alcune materie, appartenenti all area comune. Non si sono rilevati episodi particolarmente gravi per quanto riguarda il comportamento. Durante le iniziative extrascolastiche, gli studenti hanno dato prova di sufficienti capacità di relazione interpersonale, anche con terzi, mentre nel percorso di alternanza suddette capacità sono state buone. Maschi: 5 Stessa scuola: 25 Numero studenti Femmine: 20 Provenienza Altra scuola: Abbandoni o ritiri Numero: Candidati privatisti Numero: 1 Obiettivi del Consiglio di classe Acquisizione dei contenuti e degli strumenti imprescindibili delle diverse discipline. Conoscenza dei diversi approcci e del metodo di studio relativo alle diverse discipline. Conoscenza approfondita dei linguaggi specifici relativi anche all'indirizzo prescelto. Conoscenza articolata di contesti storici, culturali e artistici, fino alle correnti contemporanee. Capacità di ascolto Capacità di osservazione Capacità di comprensione Capacità logiche Declinazione Capacità e competenze Saper cogliere nella struttura di un discorso orale i nuclei centrali della comunicazione, distinguendoli da aspetti di sostegno e di esemplificazione. Saper schematizzare i punti essenziali della comunicazione. Saper tradurre gli schemi in appunti. Saper cogliere i vari elementi che compongono un tutto. Saper cogliere le relazioni e i rapporti tra le parti di una realtà tridimensionale. Saper individuare gli elementi proporzionali di un dato Oggetto. Saper mettere in relazione la realtà con i metodi di rappresentazione bidimensionali e tridimensionali. Saper selezionare segmenti, distinguendo informazioni principali da informazioni secondarie. Saper individuare concetti di particolare rilievo e costruire Schemi. Saper impostare e risolvere problemi (problem solving). Saper cogliere concetti e instaurare relazioni tra essi. Saper essere pertinente alla tematica proposta e consequenziale nelle affermazioni. Saper individuare i passaggi ordinati e logici che conducono alla risoluzione di un problema. Capacità comunicative Saper usare con consapevolezza i linguaggi nei processi di Documento del quindici maggio Pagina 3 di 26

4 Capacità propositive e creative costruzione del sapere e, quindi, nei diversi contesti comunicativi. Saper esprimere con consapevolezza le proprie idee nei diversi codici, in modo chiaro. Saper risolvere problemi non usuali applicando le proprie conoscenze in contesti nuovi. Saper autonomamente identificare metodi, mezzi e strategie idonei alla risoluzione di un problema dato. Saper proporre soluzioni originali per problemi complessi. Attività integrative curricolari ed extracurricolari Partecipazione a progetti culturali e concorsi Progetto/concorso/attività Discipline coinvolte Numero di studenti Terzo anno Tutti Viaggio d istruzione a Firenze Tutte Stage a Botticino Materie di indirizzo, storia dell arte Milano Teatro Elfo- anniversario Storia strage p.zza Fontana Teatro Manzoni- Barbablù Teatro Manzoni- spettacolo Shoah Quarto anno Area 101 Olgiate- spettacolo del liceo coreutico sul mito Visita alla fondazione Sangregorio a Sesto Calende Mostra Rubens a Palazzo Reale a Milano Teatro Sociale- Incontro con Salvatore Borsellino Quinto anno Biennale di Venezia-arte Gallarate Teatro delle Arti Seminario sulla letteratura anni 60 Milano Centro Asteria- spettacolo su Hannah Arendt Viaggio d istruzione in Andalusia Tutte Storia Tutte Storia dell arte Materie di indirizzo, storia dell arte Tutte Materie di indirizzo, storia dell arte Letteratura Religione, storia, filosofia Tutte Tutti Tutti Documento del quindici maggio Pagina 4 di 26

5 Milano Teatro Elfo- Viva l Italia Vittoriale degli Italiani Incontro con fotografa di scena della Scala Masterclass Trame d autore con la regista Giuliana Gamba Storia Letteratura, storia Materie di indirizzo Materie di indirizzo Progetto Alternanza Scuola-Lavoro Il Consiglio di classe ha predisposto attività di Alternanza Scuola-Lavoro, per ciascun allievo della classe, realizzate attraverso i progetti del triennio 2015/18 per un numero non inferiore a 200 ore come stabilito dalla legge 107/2015. La descrizione degli esiti di apprendimento espressa in livelli di competenze è assunta in termini di valutazione all interno delle discipline coinvolte. Attività Discipline coinvolte Terzo anno Materie di indirizzo Corso sulla sicurezza Maga Gallarate-Gli stereotipi dell arte: flussi ininterrotti di parole Botticino-Stage restauro Quarto anno Materie di indirizzo Busto Arsizio Film Festival-Realizzazione interventi plastici per le sedi di proiezione dei film Maga Gallarate-Realizzazione percorso progettuale sul modulo ispirato a Marcello Morandini Amnesty International-sez. di Varese-Donne al muro Quinto anno Materie di indirizzo Teatro del Popolo Gallarate- La panchina rossa - allestimento scenografia Progetto Tedeirà-laboratori coi bambini Teatro delle Arti Gallarate-Seminario di letteratura anni 60 Maga Gallarate-incontri letteratura e cinema della Beat generation Documento del quindici maggio Pagina 5 di 26

6 Colloquio Interrogazione breve Interrogazione programmata Interrogazione volontaria Prova pratica Risoluzione di casi/problemi Prove semistrutturate /strutturate Questionari/ relazioni Esercizi Verifica prevista nell UdA Lezione frontale Lezione con esperti Lezione multimediale Lezione pratica Metodo induttivo / deduttivo Laboratorio Discussione guidata Lavoro di gruppo Nuove tecnologie (piattaforme, social, blog, siti ecc.) Modalità di lavoro del Consiglio di classe Discipline Matematica e Fisica x x x Religione x x x x x Laboratorio modellato x x x x x Disc.Pittoriche e x x x x x Laboratorio della Figurazione Sc.Motorie x x x Chimica x x x x x x Disc.Plastiche x x x x St.dell arte x x x x x x Filosofia x x x x x Inglese x x x x x Italiano e Storia x x x Strumenti di verifica utilizzati dal Consiglio di classe Discipline Lab.Modellato x x Religione x x Documento del quindici maggio Pagina 6 di 26

7 Chimica x x x x x x x Matematica e Fisica x x x x Sc. Motorie x x x x x Disc.Pittoriche e x x Lab.Figurazione Disc.Plastiche x x x St.dell Arte x x x x x x Filosofia x x x x x x Inglese x x x x x Italiano e Storia x x x x Modalità di recupero Il Consiglio di classe, al fine di recuperare lacune e permettere agli studenti di assimilare i contenuti, ha attivato: Sportelli didattici in orario extrascolastico; X Azioni correttive per il recupero nell ambito dell ordinaria attività curricolare. Simulazione delle prove d esame Data 18 dicembre 23 aprile Tempo Prima Prova assegnato 6 ore Prima prova scritta: Tipologia A: analisi del testo. Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale relativo a diversi ambiti. Tipologia C: tema storico. Tipologia D: tema di carattere generale. Criteri di valutazione Vedi allegato Griglia di valutazione Data Tempo assegnato Seconda prova Criteri di valutazione aprile 18 ore Discipline pittoriche Vedi allegato Griglia di valutazione Data Tempo assegnato Terza prova Criteri di valutazione Documento del quindici maggio Pagina 7 di 26

8 21 dicembre 28 aprile 2 ore+1/2 ora Tipologia: B Materie coinvolte: Fisica-Filosofia-Storia dell arte-inglese (21 dic) Matematica-Storia dell arte-inglese-discipline plastiche (28 apr) Vedi allegato Griglia di valutazione La valutazione del profitto Oggetto della valutazione non è la personalità dello studente, né le sue capacità intese come potenzialità astratte ma la performance che evidenzia ciò che lo studente sa e sa fare, in ambito disciplinare, in relazione ad un determinato obiettivo, compito o attività. La valutazione tiene conto della conoscenza, competenza e capacità intese come: Conoscenza: acquisizione di contenuti, cioè di principi, teorie, concetti, termini, regole, procedure, metodi, tecniche. Competenza: utilizzazione delle conoscenze acquisite per risolvere situazioni problematiche. Capacità: utilizzazione significativa e responsabile di competenze di tipo elaborativo e creativo in situazioni organizzate in cui interagiscono più fatti e/o più soggetti e in cui si debba assumere una decisione. Tabella di corrispondenza tra voto e giudizio Voto in decimi Voto in quindicesimi Giudizio Nullo Assolutamente insufficiente Gravemente insufficiente Insufficiente 6 10 Sufficiente 7 12 Discreto 8 13 Buono 9 14 Ottimo Eccellente Griglia per l attribuzione del voto di condotta Comportamento Il voto insufficiente in condotta viene attribuito se si verificano una o più delle seguenti situazioni: Reiterati comportamenti a rischio che risultino lesivi per se stessi e per altri (sanzioni disciplinari previste: sospensione di uno o più giorni sino a un massimo di 15 continuativi). Reiterati comportamenti a rischio di violazione della dignità e del rispetto dovuto all altro (sanzioni disciplinari previste: sospensione di uno o più giorni sino a un massimo di 15 continuativi). Rtti di violenza grave o comunque connotati da particolare gravità tale da ingenerare un elevato allarme sociale e qualora, successivamente alla irrogazione delle sanzioni di natura educativa e riparatoria previste Voto 5 Documento del quindici maggio Pagina 8 di 26

9 dal sistema disciplinare, lo studente non abbia dimostrato apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento, tali da evidenziare un sufficiente livello di miglioramento nel suo percorso di crescita e di maturazione in ordine alle finalità educative della scuola. Comportamento più volte scorretto nei confronti di compagni, docenti e non docenti. Comportamenti a rischio che risultino lesivi per se stessi e per gli altri (sanzioni disciplinari previste: risarcimento economico, riparazione del danno, sospensione). Incuria per le attrezzature e i materiali della scuola, per i propri elaborati e per quelli altrui. Assenze ripetute, non per motivi di salute o familiari, rilevate dal consiglio di classe quali strategiche. Ritardi numerosi senza giustificati motivi. Comportamento scorretto quale ostacolo e rallentamento del normale svolgimento del programma. Allontanamenti per tempi prolungati, e senza giustificazione, dalle lezioni. Continua e reiterata inadempienza rispetto alle consegne degli elaborati. Atteggiamenti intenzionalmente disfunzionali rispetto alle attività di classe (sanzioni: rimproveri verbali, rimproveri scritti sul registro personale dell insegnante, note reiterate sul registro di classe). Rispetta saltuariamente le norme del regolamento d istituto ma, richiamato, l alunno è in grado di controllarsi e di correggere il proprio comportamento. Partecipa, se sollecitato e solo in vista del voto. Non sempre l alunno è preciso nello svolgimento dei lavori assegnati e talvolta non rispetta le consegne. L alunno talvolta rallenta, con il suo comportamento, l attività didattica. Non sa lavorare in gruppo. Rispetto delle norme disciplinari dell Istituto. Attenzione selettiva ma attiva e intelligente nel partecipare alle attività didattiche. Segue con interesse e in modo puntuale le varie attività scolastiche e le relative consegne. Partecipa in maniera costante al dialogo educativo e alla costruzione di un atteggiamento costruttivo del gruppo classe. Il rapporto con gli altri è rispettoso. Sa lavorare in gruppo. Partecipazione attiva e dialettica alle attività didattiche nelle diverse materie. Costante adempimento delle consegne scolastiche e capacità di avviare percorsi autonomi di apprendimento da sollecitazioni date. Rispetto degli altri. Rispetto delle norme disciplinari dell Istituto. Ruolo positivo e di collaborazione all interno del gruppo. Sa lavorare in gruppo in maniera proficua. Assunzione di incarichi a servizio della comunità scolastica. Interesse e partecipazione attiva e dialettica alle attività didattiche in tutte le materie del curriculum. Regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche e capacità di effettuare percorsi autonomi di apprendimento. Rispetto degli altri. Attento rispetto del Regolamento Scolastico. Ruolo propositivo e collaborativo all interno della classe. Sa essere leader positivo nel lavoro di gruppo. Assunzione responsabile di incarichi a servizio della comunità scolastica Documento del quindici maggio Pagina 9 di 26

10 Criteri concernenti l'attribuzione del credito scolastico e del credito formativo per le classi del triennio In riferimento al D.M. n. 99 del 16 dicembre 2009 che fissa le modalità di attribuzione della lode nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e le tabelle di attribuzione del Credito scolastico nei corsi di studio di Istruzione Secondaria Superiore, il Collegio Docenti stabilisce i seguenti criteri per l attribuzione del credito scolastico: In caso di promozione a pieno merito alla classe successiva, il Consiglio di classe attribuisce al Credito scolastico il punteggio massimo della banda di oscillazione, qualora la media lo consenta (6 M 8) e in presenza di almeno uno dei seguenti elementi: a) Partecipazione a iniziative complementari e integrative. b) Partecipazione attiva alle iniziative didattiche. c) Credito formativo, esperienze significative. Nel caso in cui la media dei voti M>8 (e in assenza di debiti) il consiglio di classe può attribuire il punteggio massimo della banda di oscillazione alla presenza di almeno uno dei seguenti elementi: a) Partecipazione a concorsi. b) Partecipazione attiva alle iniziative didattiche. c) Vincitore di concorsi artistici. d) Credito formativo, esperienze significative. Tabella credito scolastico Media dei voti Credito scolastico classi quinta Minimo Massimo M= <M <M <M <M Credito formativo Con il nuovo Esame di Stato si sono volute valorizzare le competenze che ogni alunno può aver maturato al di fuori della scuola. Esperienze lavorative, corsi di lingua, soggiorni in scuole all'estero, attività sportive o corsi di educazione artistica, l'aver appreso a suonare uno strumento, sono esempi di pratiche che arricchiscono il bagaglio di competenze di ciascun allievo. Queste esperienze formative, qualora siano coerenti con il corso di studi e opportunamente documentate, sono riconosciute nella certificazione finale dell'esame di Stato. Tali esperienze potranno contribuire, dunque, a determinare il punteggio del credito scolastico. Attività riconosciute valide per il credito formativo: Volontariato presso Enti e Associazioni di estrazione Laica o Religiosa. Corsi specifici svolti presso scuole o Enti riconosciuti e certificati. Documento del quindici maggio Pagina 10 di 26

11 Risultati di eccellenza nello sport o nella danza, certificati dalla partecipazione a gare e competizioni di livello almeno provinciale. Esperienze lavorative- stage presso studi professionali (Arch., Design, Grafici, Fotografici, ecc.) o enti e istituzioni pubbliche. Patente informatica europea (ECDL). Soggiorni in scuole all'estero. Inserimento tra i vincitori nelle graduatorie di concorsi indetti da Enti e/o istituzioni pubbliche. Attività teatrali svolte c/o compagnie professionali. Attività musicali svolte presso conservatori o gruppi orchestrali professionali. Attività di tutoraggio nei confronti degli studenti in ingresso. Programmi svolti a.s. 2017/2018 Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Programmazione didattica disciplinare Filosofia Annalisa Barbieri 50 Strumenti Libro di testo: Abbagnano-Fornero, Percorsi di filosofia, Storia e temi, voll. 2 e 3 Metodologia Lezione frontale; discussione guidata. Verifiche effettuate 2/3 quadrimestrali Recupero Curricolare Eventuali progetti // Attività diversificate // Programma svolto (dettagliato) 1. Kant: a. Il problema generale della Critica della ragion pura b. I giudizi sintetici a priori c. La rivoluzione copernicana della conoscenza d. Le facoltà della conoscenza e. Estetica trascendentale f. Analitica trascendentale g. Dialettica trascendentale h. Critica della ragion pratica : autonomia della morale i. L imperativo categorico e le sue formule l. Critica del giudizio: il giudizio riflettente m. Giudizio estetico e giudizio teleologico 2.. Romanticismo e idealismo: caratteri generali. 3. Hegel: a. La critica a Fichte e Schelling e la fondazione dell'idealismo assoluto; b. La dialettica hegeliana Documento del quindici maggio Pagina 11 di 26

12 c. La Fenomenologia dello spirito: caratteri generali dell opera; la coscienza; le figure dell autocoscienza: la dialettica servo padrone; stoicismo, scetticismo e coscienza infelice; dalla coscienza alla ragione. d. L Enciclopedia delle scienze filosofiche, la logica, la filosofia della natura, la filosofia dello spirito: lo spirito soggettivo; lo spirito oggettivo (diritto, moralità, eticità; famiglia, società civile e Stato; la filosofia della storia; la dialettica dello spirito assoluto: arte, religione, filosofia. 4. Schopenhauer : a. Il mondo come rappresentazione b. Volontà e conoscenza c. Caratteri della Volontà e concezione pessimistica della vita d. Le vie di liberazione dalla Volontà. 5. Kierkegaard: a. La critica a Hegel e alla filosofia del sistema b. Il singolo e i caratteri dell esistenza c. Angoscia e disperazione d. Stadi e figure dell esistenza: vita estetica, vita etica e vita religiosa e. La fede come paradosso e scandalo 6. La sinistra hegeliana e Feuerbach: il rovesciamento dei rapporti di predicazione, la critica alla religione e a Hegel. Umanismo e filantropismo. 7. Marx: a. La critica alla dialettica hegeliana b. La critica ai socialisti utopisti c. La concezione materialistica della storia d. Il tema dell alienazione e. Il Manifesto del partito comunista e il concetto di lotta di classe f. Epoche e sviluppi della storia economica g. Merce, valore d uso e valore di scambio h. Lo sfruttamento del lavoratore e il concetto di plusvalore i. Dittatura del proletariato, società socialista e comunista. 8. Il positivismo sociale in Francia: Saint Simon-Fourier-Proudhon- Comte e la legge dei tre stadi. Il positivismo utilitaristico inglese: Bentham, J. Mill, J.S. Mill. Il positivismo evoluzionistico: Darwin. 9. Lo spiritualismo, la filosofia dell azione e Bergson: a. Tempo, durata, libertà; il rapporto tra spirito e corpo Documento del quindici maggio Pagina 12 di 26

13 b. Lo slancio vitale; istinto, intelligenza e intuizione. c. Società, morale e religione. 10. Nietzsche: a. La nascita della tragedia: apollineo e dionisiaco; l origine della cultura occidentale b. Le considerazioni inattuali: Sull utilità e danno della storia per la vita c. La critica alla ragione e alla metafisica (Come il mondo vero finì per diventare una favola) d. Morale dei signori e morale degli schiavi; la trasvalutazione di tutti i valori e. La sentenza della morte di Dio e il suo significato f. Nichilismo e superamento del nichilismo g. Il superuomo e la volontà di potenza h. Eterno ritorno e amor fati 11. Freud: a. La scoperta dell inconscio e le vie di accesso ad esso b. Le topiche della psiche c. L interpretazione dei sogni d. La teoria della sessualità e. Il disagio della civiltà 12. Ricoeur: Marx, Nietzsche e Freud come maestri del sospetto. Letture effettuate nel corso dell anno scolastico: Hegel: t1 pag. 748; t2 pag.778; t3 pag.780; t6 pag.783. Schopenhauer: t1 pag. 25; t3 pag. 28; t4 pag. 29. Kierkegaard: t3 pag. 51. Feuerbach: t1 pag.62; t2 pag.65. Marx: t2 pag.105; t3 pag.107. Nietzsche: t1 pag. 279; t2 pag 280; t3 pag.282 Testi adottati Abbagnano-Fornero, Percorsi di filosofia, Storia e temi, voll. 2 e 3 Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) La classe ha mostrato complessivamente una buona partecipazione alle attività didattiche proposte. I risultati raggiunti sono diversificati in relazione alle attitudini personali e agli stili di apprendimento. Un gruppo di studenti ha maturato e consolidato nel tempo buone capacità di analisi e sintesi conseguendo una certa abilità critica e interpretativa. La maggior parte degli studenti ha condotto uno studio guidato e scolastico; qualcuno rivela ancora difficoltà operative e debolezze metodologiche. Documento del quindici maggio Pagina 13 di 26

14 Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Scienze Motorie e Sportive Crespi 58 Palestre e attrezzi a disposizione nelle strutture in uso Piscina Materiale di teoria Metodologia Lezione frontale con comunicazione degli obiettivi da raggiungere. Comunicazione costante all alunno, durante la lezione, sul raggiungimento delle sue tappe di apprendimento Lavori individuali, in coppia e a gruppi Visione retroattiva della lezione Osservazione sistematica relativa alla motivazione, interesse, assunzione personale dei compiti, efficacia nell agire Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate 2-3 verifiche pratiche a quadrimestre 2 verifiche scritte-orali a quadrimestre per alunni esonerati dalla pratica Osservazione sistematica relativa alla motivazione, interesse, assunzione personale dei compiti, efficacia nell agire In itinere No No Modulo1 Tecniche di concentrazione: Qi Gong Ginnastica Yoga Programma svolto (dettagliato) Modulo 2 Giochi di squadra : Calcio ( tecnica dei principali fondamentali individuali. Partite in forma globale) Frisbee ( tecnica dei fondamentali individuali- regolamento-tornei di classe) Modulo 3 Forza : irrobustimento generale Modulo 4 Potenziamento delle capacità coordinative e condizionali Modulo 5 Nuoto Documento del quindici maggio Pagina 14 di 26

15 Modulo 6 Teoria degli argomenti svolti per alunni esonerati dalla pratica Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Stralci da materiale on-line Mediamente il profitto risulta più che buono soprattutto nel secondo quadrimestre quando gli argomenti affrontati sono risultati più congeniali alla classe. Impegno soddisfacente e gradualmente più approfondito nel secondo quadrimestre Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Laboratorio della figurazione modellata Francesco Marelli 116 Materiale video Materiale fotografico Biblioteca Lezioni teoriche Esercitazioni grafiche Esercitazioni pratiche Ricerca Lavoro di gruppo 3 nel primo quadrimestre 3 nel secondo Curricolare La panchina rossa. Realizzazione scenografia per spettacolo teatrale Il cubo Soma e le possibilità progettuali Lavoro scenografico su La panchina rossa Cenni sull arte della rivoluzione russa Realizzazione dei modelli sulla scultura gonfiabile Proiezione del film Romanzo di una strage Film su Frida Kahlo Approfondimenti su Frida Kahlo. Utilizzo bibioteca per consultazione testi. Realizzazione dei modelli per Frida Kahlo Allestimento definitivo carrello Fiera di Frida. Organizzazione evento Presentazione del lavoro sulle pintaderas. Realizzazione pintaderas e loro utilizzo Nessun testo L intero gruppo ha dimostrato diversi livelli di interesse ed impegno. Le competenze acquisite sono generalmente buone. Le capacità si attestano tra valori discreti e risultati eccellenti. Documento del quindici maggio Pagina 15 di 26

16 Disciplina Laboratorio della figurazione 5F2 Docente Sciarini Pier Luigi N. ore svolte 104 (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Lezione frontale, esercitazioni in classe Metodologia Deduttiva ed induttiva Verifiche effettuate 2 per quadrimestre Recupero In itenere Eventuali progetti / Attività diversificate / Programma svolto (dettagliato) Studio della figura: la fisiognomica Studio della figura: copia dal vero di figura intera con individuazione e nomenclatura dei principali gruppi muscolari Anatomia artistica: i muscoli dell arto superiore, i muscoli dell avambraccio ( cenni ), struttura osteo articolare e muscolatura dell arto inferiore Ripasso dei principi della prospettiva Studio della figura: modello vivente ( sei pose) Sviluppo di un tema libero Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) La classe nel complesso ha risposto positivamente alle stimolazioni didattiche raggiungendo un profitto discreto Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Lingua e Letteratura italiana Triveri 105 Testi, spettacoli teatrali, incontri con esperti, film Principalmente lezione frontale e dibattito Quattro o cinque a quadrimestre (due o tre per l orale, due per lo scritto) In itinere L'età postunitaria La Scapigliatura -L'attrazione della morte da Fosca di Tarchetti Il Naturalismo Il Verismo Documento del quindici maggio Pagina 16 di 26

17 Verga -Rosso Malpelo -Lettura integrale I Malavoglia -La roba -Ultimo cap. Mastro Don Gesualdo Decadentismo Baudelaire -Perdita d aureola -Corrispondenze D'Annunzio -Lettura integrale Il piacere -La pioggia nel pineto Pascoli -Lavandare -X Agosto -Il gelsomino notturno Il primo Novecento Il Futurismo -Manifesto tecnico della letteratura futurista Dadaismo e Surrealismo (cenni) Crepuscolari e Vociani (cenni) Svevo -Lettura integrale di La coscienza di Zeno -Le ali del gabbiano da Una vita -La trasfigurazione di Angiolina da Senilità Pirandello -Il treno ha fischiato -Lettura integrale Il fu Mattia Pascal -La rappresentazione teatrale tradisce il personaggio da Sei personaggi in cerca d autore Ungaretti -Veglia -I fiumi -S. Martino del Carso Montale -Spesso il male di vivere ho incontrato Tutte le tipologie di testi per l Esame di Stato Testi adottati Baldi, Giusso La letteratura ieri, oggi, domani, Pearson, voll. 3.1 e 3.2 La classe ha sempre partecipato alle lezioni con curiosità ed interesse. Risultati raggiunti Alcuni alunni però presentano lacune pregresse ed altri non hanno raggiunto risultati proporzionali alle loro capacità a causa dello scarso impegno domestico. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Storia Triveri 40 Testi, spettacoli teatrali, incontri con esperti, film, visite d istruzione Documento del quindici maggio Pagina 17 di 26

18 Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Principalmente lezione frontale e dibattito Due o tre a quadrimestre In itinere La Sinistra e l età di Crispi (pagg ) La seconda rivoluzione industriale (pagg ) L età delle masse (pagg ) L imperialismo (pagg ) Crisi di fine secolo (pagg ) L Europa della Belle Epoque (pagg.16-24) L età giolittiana (pagg.28-37) La prima guerra mondiale (pagg.46-69) La Rivoluzione russa (pagg.72-81) Il primo dopoguerra (pagg.88-96) Le radici del problema mediorientale (pagg ) La crisi del 1929 (pagg ) Il fascismo (pagg ) Il nazismo (pagg ) Lo stalinismo (pagg ) Il mondo fra le due guerre (pagg , ) La seconda guerra mondiale (pagg ) La Shoah (pagg ) La Resistenza (pagg ) La guerra fredda (pagg ) Il Sessantotto (pagg ) L Italia repubblicana (pagg ) Testi adottati Fossati, Luppi, Zanette La città della storia, Pearson, vol. 3 La classe ha sempre partecipato alle lezioni con curiosità ed interesse. Risultati raggiunti Alcuni alunni però non hanno raggiunto risultati proporzionali alle loro capacità a causa dello scarso impegno domestico o di difficoltà nell approccio alla materia. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Discipline pittoriche 5F2 Sciarini Pier Luigi 87 Lezione frontale, esercitazioni in classe Deduttiva ed induttiva Verifiche effettuate 2 per quadrimestre Recupero In itenere Eventuali progetti / Attività diversificate / Programma svolto (dettagliato) Progetto di classe: produzione di un libro in copia unica a cui ogni studente ha contribuito con una illustrazione a commento di passi selezionati dall Iliade dal titolo Iliade illustrata per ragazzi. Oltre alle illustrazioni ogni studente ha presentato un progetto per il Documento del quindici maggio Pagina 18 di 26

19 lettering dell incipit e uno per la copertina. Progetto di pittura murale da collocare nell atrio di una scuola secondaria di primo grado sul tema 1948/ anni della costituzione Progetto di un calendario storico partendo da un avvenimento scelto dallo studente che determina il contenuto della illustrazione in dimensione 35x50 Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) La classe nel complesso ha risposto positivamente alle stimolazioni didattiche raggiungendo un profitto discreto Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Lingua Inglese D. M. Carlomagno 84 Libro di testo - dvd - internet- fotocopie. Lezione frontale - lezione multimediale. Verifiche effettuate 6 Recupero Individuale Eventuali progetti Nessuno Attività diversificate Lezioni con lettore in lingua inglese per un numero di dieci. The Romantic Age Programma svolto (dettagliato) W. Blake - The Lamb ; The Tyger ; London ; The Chimney Sweeper I-II ; Etchings: The Ancient of Days ; Newton ; Nebuchadnezzar ; The Good and Evil Angels. W. Wordsworth - Preface to the Lyrical Ballads ; Sonnet Composed upon Westminster Bridge ; I wandered Lonely as a Cloud. S. T. Coleridge - The Rime of the Ancient Mariner. G.G. Lord Byron - Don Juan. P. B. Shelley - Ozymandias. J. Keats - La Belle Dame Sans Mercy. J. Austen - Pride and Prejudice. M. Shelley - Frankenstein. E. A. Poe - The Black Cat ; The Tell Tale Heart. The Victorian Age C. Dickens - O. Twist. E. Bronte - Wuthering Heights. O. Wilde - The Picture of Dorian Gray ; The Importance of Being Earnest. W. Whitman - O Captain! My Captain! E. Dickinson - A Narrow Fellow in the Grass - Because I could not Stop. Documento del quindici maggio Pagina 19 di 26

20 The Twentieth Century I J. Joyce - The Dead - Ulysses. V. Woolf - Mrs. Dalloway W. Owen - Dulce et Decorum est. R. Brooke - The Soldier. S. Sassoon - Base Detail. J. Mc Crae - In Flanders Fields. F. Scott Fitzgerald - The Great Gatsby. E. Hemingway - The Old Man and the Sea. The Twentieth Century II A. Munro - Runaway. Historical Background and Literary Context di ogni periodo trattato. Visione film lingua originale: Bright Star - Becoming Jane - Pride and Prejudice - Frankenstein - O. Twist - Wuthering Heights - The Importance of Being Earnest - Mrs. Dalloway - Atonement - The Great Gatsby- Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) C. Medaglia - B. A. Young " Visions and Perspectives " Ed. Loescher- Vol.1-2. La classe ha seguito con interesse attivo gli argomenti proposti durante le lezioni, dimostrando coinvolgimento e spirito critico nella discussione delle tematiche relative agli autori e i periodi trattati- Il loro apporto argomentativo, sia orale che scritto, è risultato proporzionato alle capacità sviluppate nel corso di studi più che alla preparazione dell'ultimo anno, motivata sempre da impegno costante e serio e non solo finalizzato al momento della verifica. La maggioranza dimostra di possedere ricchezza lessicale e padronanza linguistica più che discreta, un esiguo numero si attesta su risultati sufficienti, mentre per alcuni alunni si può parlare di conoscenze, competenze e capacità relative alla disciplina molto buone. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero FISICA BOMBELLI ANNA 40 Lavagna. Libro di testo. I contenuti sono stati proposti agli studenti cercando di far cogliere i collegamenti tra gli argomenti stessi. Le lezioni sano state per lo più frontali e dialogate allo scopo di ottenere la massima collaborazione e il massimo coinvolgimento degli studenti verso i vari temi proposti. Le verifiche proposte sono state di diversa natura: interrogazioni orali, simulazioni di terza prova. Abbiamo dato spazio al recupero in itinere attraverso lezioni guidate e lavori individuali. Sono state concordate con gli alunni specifiche verifiche di recupero sia per colmare le carenze del primo quadrimestre, sia per le insufficienze del secondo periodo. Documento del quindici maggio Pagina 20 di 26

21 Programma svolto (dettagliato) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Modulo 1: LE CARICHE ELETTRICHE Elettrizzazioni Conduttori ed isolanti. La legge di Coulomb. La polarizzazione in un isolante. Modulo 2: IL CAMPO ELETTRICO E IL POTENZIALE Il vettore campo elettrico e sua rappresentazione, vari casi. Il flusso di campo elettrico ed il teorema di Gauss. Energia potenziale elettrica Differenza di potenziale, vari casi Condensatore piano e sua capacità. Modulo 3: LA CORRENTE ELETTRICA La corrente elettrica e sua intensità. Generatori di corrente continua Circuiti elettrici. Leggi di Ohm. Resistori in serie ed in parallelo. Energia e potenza elettrica. Modulo 4: IL CAMPO MAGNETICO Semplici fenomeni magnetici l campo magnetico e sua rappresentazione Esperienze di Oersted di Faraday e di Ampere. L origine del campo magnetico. Il vettore B. attorno ad un filo e a un solenoide percorsi da corrente. Forze su cariche in moto. Flusso di campo magnetico, teorema di Gauss. Circuitazione di B. Applicazioni dell elettromagnetismo. Modulo 5: L INDUZIONE ELETTROMAGNETICA La corrente indotta e la legge di Faraday-Neumann-Lenz. Produzione, trasporto e consumo di energia elettrica. Modulo 6: LE ONDE ELETTROMAGNETICHE Il campo elettromagnetico e sua propagazione. Le onde elettromagnetiche e loro applicazione. Ugo Amaldi, Le traiettorie della fisica.azzurro, Zanichelli Conoscenze: usare i termini specifici della disciplina, usare un metodo di studio organizzato, collegare le conoscenze acquisite alla realtà quotidiana e applicare in contesti diversi le conoscenze acquisite, analizzare fenomeni individuando le variabili che li caratterizzano. Osservare e identificare fenomeni. Formalizzare problemi e applicare strumenti matematici per la loro risoluzione. Capacità e competenze: saper descrivere qualitativamente e quantitativamente i campi elettrici generati da una carica puntiforme, tra due distribuzioni piane parallele di cariche elettriche (condensatore piano) e il potenziale elettrico dei punti di tali campi. Saper calcolare la capacità di un condensatore piano, l energia e la densità di energia accumulata in un condensatore piano. Saper descrivere la conduzione elettrica nei diversi materiali. Saper analizzare i diversi fenomeni legati al magnetismo ed in particolare saper descrivere qualitativamente e quantitativamente i campi magnetici generati da un filo rettilineo percorso da corrente, da una spira circolare percorsa da corrente, da un solenoide percorso da corrente. Saper descrivere le forze magnetiche sulle correnti e sulle cariche elettriche. Saper cogliere analogie e differenze tra campo magnetico ed elettrico. Saper descrivere le onde elettromagnetiche. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti MATEMATICA BOMBELLI ANNA 45 Lavagna. Libro di testo. Documento del quindici maggio Pagina 21 di 26

22 Metodologia Verifiche effettuate Recupero Programma svolto (dettagliato) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) I contenuti sono stati proposti agli studenti cercando di far cogliere i collegamenti tra gli argomenti stessi. Le lezioni sano state per lo più frontali e dialogate allo scopo di ottenere la massima collaborazione e il massimo coinvolgimento degli studenti verso i vari temi proposti. Dopo la trattazione teorica dell argomento abbiamo svolto diversi esercizi esplicativi. Le verifiche proposte sono state di diversa natura: interrogazioni orali, simulazioni di terza prova e risoluzione di esercizi. Abbiamo dato spazio al recupero in itinere attraverso lezioni guidate, lavori individuali e di gruppo sfruttando la didattica laboratoriale e collaborazione tra pari. Sono state concordate con gli alunni specifiche verifiche di recupero sia per colmare le carenze del primo quadrimestre, sia per le insufficienze del secondo periodo. Cap 1: Introduzione all analisi L insieme R: richiami e complementi. Funzioni reali di variabile reale: dominio e studio del segno. Funzioni reali di variabile reale: prime proprietà. Cap 2: Limiti di funzioni reali di variabile reale Introduzione al concetto di limite. Dalla definizione generale alle definizioni particolari. Teoremi di esistenza ed unicità sui limiti (teorema del confronto 1, teorema di unicità del limite) senza dimostrazione. Le funzioni continue e l algebra dei limiti. Forme di indecisione di funzioni algebriche (+ - ; 0/0; / ). Infiniti e loro confronto (solo regola di confronto tra infiniti). Cap 4: Continuità Funzioni continue. Punti singolari e loro classificazione. Proprietà delle funzioni continue in un intervallo chiuso e limitato (teorema degli zeri e teorema di Weierstrass, senza dimostrazione). Asintoti e grafico probabile di una funzione (definizione di asintoto orizzontale, verticale e obliquo). Cap 5: La derivata Il concetto di derivata. Derivate delle funzioni elementari (no trascendenti). Algebra delle derivate. Derivate della funzione composta (solo potenza di funzione). Classificazione e studio dei punti di non derivabilità. Cap 6: Teoremi sulle funzioni derivabili Definizione di punti di massimo, minimo relativi e assoluti. Funzioni crescenti e decrescenti e criteri per l analisi dei punti stazionari. Funzioni concave e convesse, punti di flesso. Leonardo Sasso, La matematica a colori, ed. azzurra 5, Petrini. Competenze: riconoscere e rappresentare una funzione razionale intera e fratta Abilità: utilizzare in modo corretto strumenti di calcolo come limiti e derivate. Valutare la coerenza di un risultato nel rispetto del grafico complessivo finale. Utilizzare un grafico per ricavare relazioni e informazioni. Calcolare limiti, massimi, minimi, asintoti Conoscenze. Conoscere le proprietà del calcolo dei limiti. Conoscere il concetto di continuità e derivabilità. Saper calcolare limiti, derivate, Documento del quindici maggio Pagina 22 di 26

23 massimi, minimi, asintoti di una funzione. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Storia dell arte Federico Masedu 71 h Verifiche effettuate 4 Recupero In itinere Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Libro di testo; immagini da internet; materiali audiovisivi Lezione frontale, lezione partecipata, discussione guidata, ricerche e presentazioni degli alunni, fonti critiche Macchiaoli Giuseppe Grandi Impressionismo - Monet Renoir Degas Rodin Medardo Rosso Neoimpressionismo Seurat Rousseau Il Doganiere Divisionismo Segantini, Previati, Pellizza Da Volpedo Postimpressionismo Cezanne Gauguin Simbolismo Van Gogh Art Nouveau / Liberty Gaudi Klimt Munch Avanguardie Storiche Fauves Matisse Espressionismo Brücke Kirchner Schiele Kokoschka Architettura Espressionista Scuola Di Parigi Modigliani, Brancusi, Chagall Cubismo Picasso Braque Futurismo Boccioni Cavaliere Azzurro (Blaue Reiter) Marc Documento del quindici maggio Pagina 23 di 26

24 Kandinskij Klee Mondrian Suprematismo Malevic / Costruttivismo Dadaismo Duchamp Metafisica De Chirico Surrealismo Max Ernst Magritte Miro Dali (Delvaux, Tanguy, Masson a scelta di ciascuno studente) Novecento Casorati, Sironi, Morandi, De Pisis Giacomo Manzu,Arturo Martini Nuova Oggettivita - Beckmann, Dix, Grosz Edward Hopper Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) AA. VV., L arte di vedere, vol. 4, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori; Carlo Bertelli, AA. VV., Invito all ARTE dal Postimpressionismo a oggi, vol. 5, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori La classe ha raggiunto risultati nel complesso discreti, in qualche caso buoni e anche eccellenti per quanto riguarda le conoscenze disciplinari. Gli studenti si orientano nell evoluzione dei linguaggi artistici dagli albori dell Impressionismo agli anni 30 del Novecento, riconoscendo gli autori, le tendenze e i principali movimenti. Una buona parte della classe ha dimostrato interesse e motivazione costante e partecipata per la disciplina. Alcuni studenti sono in grado di elaborare autonomamente percorsii approfondimento con personalità e spirito critico. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Religione Colombo Emanuela 20 Testo dispense dell insegnante - audiovisivi Sacra Scrittura Lezione frontale attività di interazione Braimstorming Metodo induttivo e deduttivo 2 per quadrimestre Giovani e Religione La pace Etica e politica Il matrimonio Documento del quindici maggio Pagina 24 di 26

25 Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) H.Arendt la banalità del male La felicità Dottrina sociale della Chiesa: il lavoro La solidarietà La rosa bianca Film: Casomai H.Arendt Si può fare La Rosa Bianca Tutti i colori della vita ed.sei La classe, nella globalità, ha dimostrato sempre un vivo interesse ed una costante partecipazione alle tematiche proposte. Gli alunni hanno dimostrato inoltre, di sapersi porre domande di senso nel confronto con il messaggio evangelico. Il profitto della classe è, dunque, ottimo. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Discipline plastiche BORGHI CLAUDIO Ci si è avvalsi del libro: Punto linea e superficie di W: Kandinsky (escluso cap. Superficie) Esercitazioni grafiche Strumenti esercitazioni pratiche (modellazione e costruzioni nei materiali e modalità reperibili nell istituto) video bibblioteca Le lezioni si sono avvalse di momenti fruitivi (di cui l insegnante ha Metodologia fornito le dispense e testi necessari) e momenti produttivi propriamente detti Verifiche effettuate 3+3 Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) curriculare nei mesi di dicembre e aprile Lettura dell opera Modalità e criteri della progettazione di elemento plastico Studio e modellazione della figura umana e Realizzazione bozzetto Disegno da modello vivente Monografici e tematici presenti nella biblioteca interna L impegno e l interesse dei componenti della classe ha determinato in parte i risultati finali. Permane quindi una preparazione, per conoscenza, competenza e capacità, molto buona per un ristretto numero di studenti, sufficienti e appena sufficienti per la maggior parte dei componenti della classe. Documento del quindici maggio Pagina 25 di 26

26 Allegati: 1. Elenco delle tracce delle simulazioni scritte assegnate durante l anno scolastico nelle discipline oggetto di prima e seconda prova scritta. 2. Copie prove pluridisciplinari svolte durante l anno scolastico. 3. Schede personali dei Candidati. 4. Documentazione per i Crediti formativi. 5. Criteri di valutazione: Prima prova scritta Seconda prova scritta Terza prova scritta Colloquio orale Letto e approvato Disciplina Cognome e Nome Docente Firma Docente Italiano Triveri Domenica Storia Triveri Domenica Inglese Carlomagno Domenica Matematica Bombelli Anna Fisica Bombelli Anna Storia dell Arte Masedu Federico Filosofia Barbieri Annalisa Scienze motorie Crespi Anna Religione Colombo Emanuela Discipline pittoriche Sciarini Pierluigi Lab. della figurazione Sciarini Pierluigi Discipline plastiche Borghi Claudio Lab. della figurazione modellata Marelli Francesco Busto Arsizio, Documento del quindici maggio Pagina 26 di 26

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2017/2018. Programmazione Didattica. Fisica. Classe V sez. D

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2017/2018. Programmazione Didattica. Fisica. Classe V sez. D IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani Anno Scolastico 2017/2018 Programmazione Didattica Fisica Classe V sez. D Modulo 1 Modulo 2 Modulo 4 Titolo Elettrostatica Elettrodinamica Magnetismo Elettromagnetismo

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: MARCO MARCHESINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: MARCO MARCHESINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: MARCO MARCHESINI CLASSE V SEZ. SCIENZE APPLICATE A.S.05 /06. OBIETTIVI E COMPETENZE. OBIETTIVI

Dettagli

I NUOVI LICEI LICEO ARTISTICO. Profili, indirizzi e quadri orari dei licei. Profilo generale

I NUOVI LICEI LICEO ARTISTICO. Profili, indirizzi e quadri orari dei licei. Profilo generale Profili, indirizzi e quadri orari dei licei LICEO ARTISTICO Profilo generale Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovr: conoscere la storia della produzione artistica e architettonica e

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2018/19 CLASSE 4CS Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Roberta Confalonieri

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: Classico di ordinamento CLASSE: 3 SEZIONE: D DISCIPLINA: Filosofia DOCENTE: Giovanni Zuanazzi QUADRO ORARIO: 3 ore settimanali

Dettagli

Conoscenze e competenze acquisite e conseguenti livelli di preparazione

Conoscenze e competenze acquisite e conseguenti livelli di preparazione 3.PROGRAMMAZIONE DI FILOSOFIA DELLA 5^ SEZ. G. Docente RAFFAELE RICCIO Libri di testo, altri strumenti o sussidi: UMBERTO ECO, RICCARDO FADRIGA STORIA DELLA FILOSOFIA. LATERZA. 2013, VOL. II e III Eventuali

Dettagli

Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Fisica. Programmazione classi quinte. Sezione A Architettura

Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Fisica. Programmazione classi quinte. Sezione A Architettura Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Fisica Docente Patrizia Domenicone Programmazione classi quinte Sezione A Architettura Maurits C. Escher, Relatività, 1953, litografia Programmazione

Dettagli

Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia

Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia architettura e ambiente design moda arti figurative pittura/scultura Piazzale Medaglie d Oro 2-34170 Gorizia wwww.liceoartegorizia.it Istituto Statale D'Arte M. Fabiani

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CONDIVISA del DIPARTIMENTO ARTISTICO a.s. 2016/2017

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CONDIVISA del DIPARTIMENTO ARTISTICO a.s. 2016/2017 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CONDIVISA del DIPARTIMENTO ARTISTICO a.s. 2016/2017 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE M.AMARI P. MERCURI VIA ROMANA, 11/13 00043 CIAMPINO (RM) Le sezioni di indirizzo sono : Architettura

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2016/17 5BS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Alessandro Corengia

Dettagli

1. Programma svolto. Allegato A. Anno scolastico 2018/2019. Classe: VD Disciplina: Matematica con informatica Docente: Adinolfi Fabrizio Giuseppe

1. Programma svolto. Allegato A. Anno scolastico 2018/2019. Classe: VD Disciplina: Matematica con informatica Docente: Adinolfi Fabrizio Giuseppe Allegato A Anno scolastico 2018/2019 Classe: VD Disciplina: Matematica con informatica Docente: Adinolfi Fabrizio Giuseppe 1. Programma svolto Tutto lo svolgimento del programma è stato improntato e finalizzato

Dettagli

LICEO ARTISTICO documento "Riforma della Scuola Secondaria Superiore allegato A

LICEO ARTISTICO documento Riforma della Scuola Secondaria Superiore allegato A LICEO ARTISTICO documento "Riforma della Scuola Secondaria Superiore allegato A Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica. Favorisce: l acquisizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: LICEO CLASSICO di ORDINAMENTO CLASSE: 3 SEZIONE: D DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: DE ZUCCATO GIOIA QUADRO ORARIO (N. ore settimanali

Dettagli

Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica. Favorisce l acquisizione dei metodi

Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica. Favorisce l acquisizione dei metodi LICEO ARTISTICO Il percorso del liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici e alla pratica artistica. Favorisce l acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2017/18 CLASSE Indirizzo di studio 5 AC Nuovo ordinamento Docente Corrado Saporiti Disciplina Fisica

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE G. V. GRAVINA via Ugo Foscolo CROTONE. Anno scolastico 2013/2014. Materia d insegnamento: FILOSOFIA

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE G. V. GRAVINA via Ugo Foscolo CROTONE. Anno scolastico 2013/2014. Materia d insegnamento: FILOSOFIA ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE G. V. GRAVINA via Ugo Foscolo CROTONE Anno scolastico 2013/2014 Materia d insegnamento: FILOSOFIA Classe V B Docente: CALVO DONATELLA MAXISPERIMENTAZIONE AD INDIRIZZO:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2017/18 CLASSE 5^BC Indirizzo di studio Liceo classico Docente Disciplina Celotto Dario FISICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ANNO SCOLASTICO 2018-2019 DIPARTIMENTO DISCIPLINARE Matematica e Fisica QUINTO ANNO FISICA Del liceo delle Scienze Umane opzione economico sociale Curvatura Biomedico MO.02.03

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata Liceo Scientifico Alberti a. s. 2015-2016 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE VB Sezione / indirizzo X Liceo Scientifico Liceo delle Scienze Umane Liceo Linguistico docente materia ore settimanali

Dettagli

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini ANNO SCOLASTICO 2017/2018 CLASSE 5. SEZ. A.. INDIRIZZO Linguistico. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Audenino Luciana MATEMATICA Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO E STORIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO E STORIA PROGRAMMAZIONI ITALIANO E STORIA DEL TECNICO Anno Scolastico 2013/2014 Docente: prof.ssa Rita Cacciotti Obiettivi di apprendimento PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ITALIANO E STORIA Si pongono in linea di continuità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: Liceo classico con potenziamento della Storia dell Arte CLASSE: 3 SEZIONE: H DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Donatella Borgo QUADRO

Dettagli

Piano Offerta Formativa Liceo Candiani- Bausch I CURRICULA E I PROFILI IN USCITA DEL LICEO ARTISTICO CANDIANI. LA STRUTTURA ORARIA

Piano Offerta Formativa Liceo Candiani- Bausch I CURRICULA E I PROFILI IN USCITA DEL LICEO ARTISTICO CANDIANI. LA STRUTTURA ORARIA Cap. 4 I CURRICULA E I PROFILI IN USCITA DEL LICEO ARTISTICO CANDIANI. LA STRUTTURA ORARIA 4a. Obiettivi specifici e d indirizzo...2 4b. Quadro orario biennio comune 3 4c. Il Triennio d indirizzo : profili

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Virgilio Empoli

Istituto di Istruzione Superiore Virgilio Empoli 1 21 Ed. 1 del 19/06/2012 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VIRGILIO Data 24/09/2013 LICEO CLASSICO LICEO LINGUISTICO Istituto di Istruzione Superiore Virgilio Empoli LICEO ARTISTICO Indirizzi di studio

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2018/19 CLASSE 5BC Indirizzo di studio Liceo Classico Docente Disciplina Prof.ssa Rita Lucchini

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE

PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. BERETTA PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE SCUOLA LICEO INDIRIZZO SCIENZE UMANE E LES ARTICOLAZIONE ANNO SCOLASTICO 2018/19 CLASSI 5 E 5 G DISCIPLINA FISICA DOCENTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. a.s. 2017/18

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. a.s. 2017/18 Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2017/18 CLASSE 4CS Indirizzo di studio Liceo Scientifico Nuovo ordinamento Docente Disciplina Prof.ssa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VAA LICEO SCIENZE APPLICATE DISCIPLINA: FILOSOFIA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VAA LICEO SCIENZE APPLICATE DISCIPLINA: FILOSOFIA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VAA LICEO SCIENZE APPLICATE DISCIPLINA: FILOSOFIA La classe è composta da 18 studenti, 11 Maschi e 7 femmine. Nel complesso appare disciplinata, attenta e partecipe anche

Dettagli

Programmazione Individuale a.s DISCIPLINA Fisica. LIBRO DI TESTO Le basi della fisica S. Fabbri M. Masini S.E.I. DOCENTE Anna Isaia

Programmazione Individuale a.s DISCIPLINA Fisica. LIBRO DI TESTO Le basi della fisica S. Fabbri M. Masini S.E.I. DOCENTE Anna Isaia Programmazione Individuale a.s. 2016-2017 DISCIPLINA Fisica LIBRO DI TESTO Le basi della fisica S. Fabbri M. Masini S.E.I. DOCENTE Anna Isaia Classe 5 Sezione C Liceo Scienze Umane A.s. Classe Indirizzo

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2016/17 CLASSE 4^ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico delle Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2018/2019. Programmazione Didattica. Classe V sez. E

Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2018/2019. Programmazione Didattica. Classe V sez. E Liceo Artistico Statale A.Caravillani Anno Scolastico 2018/2019 Programmazione Didattica Classe V sez. E Materia: Matematica Prof.ssa Eliana d Agostino Modulo 1 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Le funzioni,

Dettagli

Anno scolastico Secondo biennio e Quinto anno Liceo Linguistico. CLASSE 5 SEZIONE B L. Linguistico

Anno scolastico Secondo biennio e Quinto anno Liceo Linguistico. CLASSE 5 SEZIONE B L. Linguistico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO G. Piazzi - C. Lena Perpenti Via Tonale 23100 SONDRIO tel.: 032211766-03251585 fax : 03251970 PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PIANO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2018/2019 CLASSE V SEZ. A INDIRIZZO SCIENTIFICO

ANNO SCOLASTICO 2018/2019 CLASSE V SEZ. A INDIRIZZO SCIENTIFICO PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2018/2019 CLASSE V SEZ. A INDIRIZZO SCIENTIFICO DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Mila Alberto FILOSOFIA Abbagnano Fornero, Con-filosofare, vol. 2B, Paravia; Abbagnano-Fornero,

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2016-2017 PROF.ssa Sandra Risucci MATERIA: FILOSOFIA CLASSE: IV D L.S. 1 - LIVELLI DI PARTENZA A) ATTIVITA DISCIPLINARE Modalità di osservazione per la rilevazione,

Dettagli

Liceo artistico ALESSANDRO CARAVILLANI A.S Programmazione di FISICA Classe 5 C Indirizzo:Design della Moda Prof.ssa Valentina Bartolini

Liceo artistico ALESSANDRO CARAVILLANI A.S Programmazione di FISICA Classe 5 C Indirizzo:Design della Moda Prof.ssa Valentina Bartolini Liceo artistico ALESSANDRO CARAVILLANI A.S. 2018-2019 Programmazione di FISICA Classe 5 C Indirizzo:Design della Moda Prof.ssa Valentina Bartolini Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Le onde elastiche

Dettagli

Il primo biennio è comune. La scelta dell indirizzo si attua secondo biennio.

Il primo biennio è comune. La scelta dell indirizzo si attua secondo biennio. Quadro orario Il primo biennio è comune. La scelta dell indirizzo si attua secondo biennio. a partire dal 1 biennio biennio 5 anno 1 anno anno anno anno Lingua e cultura italiana Lingua e cultura straniera

Dettagli

DISCIPLINA FISICA

DISCIPLINA FISICA Programmazione Individuale a.s. 2017-2018 DISCIPLINA FISICA LIBRO DI TESTO LE BASI DELLA FISICA PER IL QUINTO ANNO DEI LICEI ED.SEI DOCENTE MANZO VINCENZA PATRIZIA Classe 5 Sezione I Liceo LINGUISTICO

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 V H

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 V H ISIS Guido Tassinari Pozzuoli (NA) Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 V H Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe V sezione H è costituita da un gruppo di

Dettagli

RELAZIONE FINALE - A. S PROGRAMMA SVOLTO

RELAZIONE FINALE - A. S PROGRAMMA SVOLTO SCIENTIFICO - LINGUISTICO SCIENZE UMANE - ECONOMICO SOCIALE Viale Papa Giovanni XXIII, 25 10098 Rivoli tel. 0119586756 fax 0119589270 sede di SANGANO 10090 Via S. Giorgio Tel. e fax 0119087184 email: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VITTORIO EMANUELE II NAPOLI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE - MATERIA: Filosofia - DOCENTE: Mariarosaria Marino

LICEO GINNASIO STATALE VITTORIO EMANUELE II NAPOLI. PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE - MATERIA: Filosofia - DOCENTE: Mariarosaria Marino LICEO GINNASIO STATALE VITTORIO EMANUELE II NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2016/2017 CLASSE 1 SEZIONE C PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE - MATERIA: Filosofia - DOCENTE: Mariarosaria Marino Libro di testo: Cioffi Luppi

Dettagli

LICEO SCIETIFICO STATALE LABRIOLA MATERIA: FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO: CLASSE: 5 H INSEGNANTE : FRANCESCO PAOLA PROGRAMMA SVOLTO

LICEO SCIETIFICO STATALE LABRIOLA MATERIA: FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO: CLASSE: 5 H INSEGNANTE : FRANCESCO PAOLA PROGRAMMA SVOLTO LICEO SCIETIFICO STATALE LABRIOLA MATERIA: FILOSOFIA ANNO SCOLASTICO: 2015-2016 CLASSE: 5 H INSEGNANTE : FRANCESCO PAOLA PROGRAMMA SVOLTO Testo adottato: Abbagnano, Fornero, La filosofia vol.2b, 3A, 3B,3C

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 5 INGRESSO LA CLASSE PRESENTA NEL COMPLESSO UNA DISCRETA DISPONIBILITÀ ALL ASCOLTO, UNA DISCRETA PARTECIPAZIONE AL DIALOGO EDUCATIVO E SUFFICIENTI CAPACITÀ LOGICO-DISCORSIVE. PROFILO CLASSE

Dettagli

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan - III Istituto Statale D Arte. A) Strumenti di verifica e di valutazione

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan - III Istituto Statale D Arte. A) Strumenti di verifica e di valutazione Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan - III Istituto Statale D Arte Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA Anno scolastico

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Programmazione di Fisica Classe 5 F A.S. 2016/2017

Programmazione di Fisica Classe 5 F A.S. 2016/2017 Programmazione di Fisica Classe 5 F A.S. 2016/2017 Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Le onde elastiche e il suono La luce Elettrostatica La corrente elettrica continua Elettromagnetismo Contenuti

Dettagli

LICEO CLASSICO E MUSICALE A.MARIOTTI PERUGIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.S. 2018/2019

LICEO CLASSICO E MUSICALE A.MARIOTTI PERUGIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.S. 2018/2019 LICEO CLASSICO E MUSICALE A.MARIOTTI PERUGIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA A.S. 2018/2019 CLASSE: V SEZ.: B MATERIA : ITALIANO Finalità 1. Consolidare le competenze espressive e comunicative (ricchezza e articolazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2017/2018 PROGRAMMA DI FILOSOFIA, CLASSE 5D PROFESSORESSA ANTONIETTA PISTONE

LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2017/2018 PROGRAMMA DI FILOSOFIA, CLASSE 5D PROFESSORESSA ANTONIETTA PISTONE LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2017/2018 PROGRAMMA DI FILOSOFIA, CLASSE 5D PROFESSORESSA ANTONIETTA PISTONE Libro di testo: Filosofia Cultura Cittadinanza di Antonello La Vergata e

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: FILOSOFIA DOCENTE: Prof.ssa Francesca ITALIA CLASSE V SEZ. B Liceo Scientifico Tradizionale

Dettagli

LICEO ARTISTICO. Il diplomato alla fine del percorso di studi è in grado di:

LICEO ARTISTICO. Il diplomato alla fine del percorso di studi è in grado di: LICEO ARTISTICO Il diplomato alla fine del percorso di studi è in grado di: Competenze comuni a tutti i licei padroneggiare la lingua italiana in contesti comunicativi diversi, utilizzando registri linguistici

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2013/2014 1) Situazione in ingresso A) Esito test o altre

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. V. GRAVINA" VIA UGO FOSCOLO CROTONE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE G. V. GRAVINA VIA UGO FOSCOLO CROTONE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. V. GRAVINA" VIA UGO FOSCOLO CROTONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 MATERIA DI INSEGNAMENTO: SCIENZE UMANE CLASSE: IV D INDIRIZZO: SCIENZE UMANE FIRMA LEGGIBILE DELL

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VAL LICEO LINGUISTICO DISCIPLINA: FILOSOFIA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VAL LICEO LINGUISTICO DISCIPLINA: FILOSOFIA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSE VAL LICEO LINGUISTICO DISCIPLINA: FILOSOFIA La classe è composta da 22 studenti, 19 femmine e 4 maschi. Nel complesso appare disciplinata, attenta e partecipe, fatta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S.

PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S. 20../20.. CONSIGLIO DELLA CLASSE COORDINATORE DATA ELABORAZIONE DATA APPROVAZIONE Classe 1. LIVELLI DI PARTENZA - ESITO DI TEST

Dettagli

INDICATORE: ESPRESSIONE GRAFICA, PITTORICA E MANIPOLATIVA

INDICATORE: ESPRESSIONE GRAFICA, PITTORICA E MANIPOLATIVA Programmazione didattico-educativa di classe SCUOLA SECONDARIA - CLASSE TERZA FILONE N 7: ESPRESSIVA E ARTISTICA INDICATORE: ESPRESSIONE GRAFICA, PITTORICA E MANIPOLATIVA L alunno legge e comprende le

Dettagli

OBIETTIVI RAGGIUNTI: nonostante le difficoltà iniziali gli alunni hanno raggiunto un livello pienamente sufficiente.

OBIETTIVI RAGGIUNTI: nonostante le difficoltà iniziali gli alunni hanno raggiunto un livello pienamente sufficiente. ISTITUTO SCOLASTICO PARITARIO SAVOIA CLASSE V LICEO DELLE SCIENZE UMANE ANNO SCOLASTICO 2014/15 MATERIA: MATEMATICA SCHEDA INFORMATIVA ANALITICA DOCENTE: PROF.SA M. ACCURSO PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2018/19 CLASSE 5^BC Indirizzo di studio Liceo classico Docente Disciplina Celotto Dario MATEMATICA

Dettagli

Anno scolastico I biennio Liceo Linguistico CLASSE 2 SEZIONE B L. LINGUISTICO

Anno scolastico I biennio Liceo Linguistico CLASSE 2 SEZIONE B L. LINGUISTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO G. Piazzi - C. Lena Perpenti Via Tonale 23100 SONDRIO tel.: 032211766-03251585 fax : 03251970 PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PIANO

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: FILOSOFIA DOCENTE: Prof.ssa Francesca ITALIA CLASSE IV SEZ. Liceo Scientifico Sportivo

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Programmazione annuale a.s. 2013/2014 Docente: Chiara Bertollo Materia: Filosofia Classe: V C 1. Nel primo consiglio di classe (3 ottobre 2013) sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Antonio Pesenti di Cascina RELAZIONE FINALE. Prof. ssa CARUSO ANGELA

Istituto d Istruzione Superiore Statale Antonio Pesenti di Cascina RELAZIONE FINALE. Prof. ssa CARUSO ANGELA Istituto d Istruzione Superiore Statale Antonio Pesenti di Cascina RELAZIONE FINALE Anno Scolastico 2018-2019 Prof. ssa CARUSO ANGELA Materia: MATEMATICA- FISICA Classi: 2B-2G-4G-5D Giugno 2019 I PROGETTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Matematica. Classe Quinta A M ; Docente: DEL VECCHIO Concetta Data di consegna: Firma del docente: Firma del responsabile della

Dettagli

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini ANNO SCOLASTICO 2018/2019 CLASSE 5 SEZ. A INDIRIZZO Linguistico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Audenino Luciana MATEMATICA Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Dettagli

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2016/2017. Programmazione Didattica. Matematica

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2016/2017. Programmazione Didattica. Matematica IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani Anno Scolastico 2016/2017 Programmazione Didattica Matematica Classe V sez. D Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Titolo Funzioni Limiti Derivate Lo studio delle

Dettagli

Programmazione di Matematica Classe 5B a.s

Programmazione di Matematica Classe 5B a.s Programmazione di Matematica Classe 5B a.s. 2017-2018 Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Titolo Le funzioni e le loro proprietà I limiti e la continuità Il calcolo differenziale Lo studio delle funzioni

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO S. CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017/18 INDIRIZZO TECNICO TECNOLOGICO (meccanica e meccatronica) CLASSE: 4 BM DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: D ANTUONO QUADRO

Dettagli

PROGRAMMA FILOSOFIA LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO INNOCENZO XII CLASSE V H. a.s PROF.ssa ELENA IZZI

PROGRAMMA FILOSOFIA LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO INNOCENZO XII CLASSE V H. a.s PROF.ssa ELENA IZZI PROGRAMMA FILOSOFIA LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO INNOCENZO XII ANZIO CLASSE V H a.s. 2015-16 PROF.ssa ELENA IZZI UD. 1 CRITICA DEL SISTEMA HEGELIANO: SCHOPENHAUER E KIERKEGAARD SCHOPENHAUER - Il velo

Dettagli

RELAZIONE FINALE. Prof. NADIA ARGENZIANO. Materia MATEMATICA E LABORATORIO. Classi 1C ; 4C ; 5C; 4L; 5L. I.I. S. Antonio Pesenti Cascina

RELAZIONE FINALE. Prof. NADIA ARGENZIANO. Materia MATEMATICA E LABORATORIO. Classi 1C ; 4C ; 5C; 4L; 5L. I.I. S. Antonio Pesenti Cascina I.I. S. Antonio Pesenti Cascina RELAZIONE FINALE Anno Scolastico 2013-2014 Prof. NADIA ARGENZIANO Materia MATEMATICA E LABORATORIO Classi 1C ; 4C ; 5C; 4L; 5L Giugno 2014 I-PROGETTAZIONE/PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LICEO ARTISTICO G. DE FABRIS NOVE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE DI FISICA PER LA CLASSE 5^

LICEO ARTISTICO G. DE FABRIS NOVE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE DI FISICA PER LA CLASSE 5^ LICEO ARTISTICO G. DE FABRIS NOVE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE DI FISICA PER LA CLASSE 5^ Tenendo presente la situazione della classe, l attività didattica sarà rivolta a rinforzare e a potenziare gli

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di secondo grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: FILOSOFIA DOCENTE: Prof.ssa Francesca ITALIA CLASSE V Liceo Scientifico opzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE PROF. EVANGELISTI PAOLO. (da allegare al registro personale)

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE PROF. EVANGELISTI PAOLO. (da allegare al registro personale) PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2017 2018 CLASSE V SEZ. L MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE PROF. EVANGELISTI PAOLO (da allegare al registro personale) LIVELLI DI PARTENZA (Caratteristiche della classe,

Dettagli

ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO

ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO Anno scolastico 2018-2019 DIPARTIMENTO DISCIPLINA Religione Religione Tutte CLASSI ANNO SCOLASTICO 2018-2019 RESPONSABILE DI DIPARTIMENTO Nebuloni Patrizia ASSE

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA E COMPLEMENTI DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA E COMPLEMENTI DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Istituto Tecnico settore Tecnologico articolazione Biotecnologie Sanitarie RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

Dettagli

2. CONTENUTI DISCIPLINARI 1 quadrimestre

2. CONTENUTI DISCIPLINARI 1 quadrimestre FONDAZIONE MALAVASI Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica (Conduzione del mezzo aereo) PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Elettrotecnica Elettronica e Automazione DO- CENTE:

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: LIPPI CRISTINA CLASSE V SEZ. A A.S.2018 /2019 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

ISCRIZIONI ALLA CLASSE PRIMA

ISCRIZIONI ALLA CLASSE PRIMA ISCRIZIONI ALLA CLASSE PRIMA Dalle ore 8,00 del 22 gennaio 2016 alle ore 20,00 del 22 febbraio 2016 La segreteria didattica è a disposizione delle famiglie e degli alunni in caso di necessità dalle 9,30

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO Settore Servizi Scolastici e Educativi PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2015/16 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: C. FRESCURA MATERIA: MATEMATICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Sezione associata LICEO ARTISTICO Carlo Carrà a. s. 2015-2016 classe PROGRAMMAZIONE ANNUALE 3^B Sezione / indirizzo Biennio comune Arti Figurative Design docente materia ore settimanali di lezione Claudio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE FILOSOFIA CLASSE VD A.S DOCENTE: PROF. GABRIELE MAGAZZENI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE FILOSOFIA CLASSE VD A.S DOCENTE: PROF. GABRIELE MAGAZZENI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VIA TIBURTO 44 Strada Rivellese 30/A 00019 TIVOLI (RM) 06121122545 Sez.

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Liceo Artistico M. Festa Campanile. Programmazione di classe V AF. ITALIANO a. s

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Liceo Artistico M. Festa Campanile. Programmazione di classe V AF. ITALIANO a. s I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Liceo Artistico M. Festa Campanile Programmazione di classe V AF ITALIANO a. s. 2017-18 DOCENTE CATARINELLA MARILINA Imparare ad imparare Progettare Comunicare Collaborare

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Istituto Professionale Servizi Socio Sanitari articolazione Odontotecnico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017 PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2016/2017 Materia di insegnamento : ITALIANO Classe : 5^ Sez. C ec.sc.fin.mark. n. allievi : 18 Prof. Adelmo Rinaldi Presentato al Consiglio di classe del LIVELLI DI PARTENZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009-2010 Materia: Filosofia Classe: V C Ore annuali: 99 DOCENTE: Bianco Paola Obiettivi disciplinari Conoscenze conoscere l evolversi del pensiero

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Liceo Artistico M. Festa Campanile. Programmazione di classe V AM. ITALIANO a. s

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Liceo Artistico M. Festa Campanile. Programmazione di classe V AM. ITALIANO a. s I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Liceo Artistico M. Festa Campanile Programmazione di classe V AM ITALIANO a. s. 2016-17 DOCENTE Vernotico Lucia Imparare ad imparare Progettare Comunicare Collaborare

Dettagli

I.S. M.PAGANO G.L.BERNINI LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA DI FILOSOFIA Anno scolastico Classe V AL. Docente Prof.

I.S. M.PAGANO G.L.BERNINI LICEO LINGUISTICO. PROGRAMMA DI FILOSOFIA Anno scolastico Classe V AL. Docente Prof. I.S. M.PAGANO G.L.BERNINI LICEO LINGUISTICO PROGRAMMA DI FILOSOFIA Anno scolastico 2015 2016 Classe V AL Docente Prof.ssa Nunzia Picardi Libro di testo Le avventure della ragione di C. Esposito - P. Porro,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE 018-019 Materia: Italiano Classe: V B Informatica Professoressa : Anna Maria Maniglio Situazione di partenza

Dettagli

LETTURE SVOLTE: L assoluta identità di spirito e natura pag. 440

LETTURE SVOLTE: L assoluta identità di spirito e natura pag. 440 LICEO SCIENTIFICO G. MARCONI FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2018/2019 PROGRAMMA DI FILOSOFIA, CLASSE 5H PROFESSORESSA ANTONIETTA PISTONE Libro di testo: La ricerca del pensiero di Nicola Abbagnano e Giovanni Fornero,

Dettagli

N.I413R/4811D UNI EN ISO

N.I413R/4811D UNI EN ISO Anno scolastico 2014 / 2015 Classe 5 Sezione A Indirizzo Liceo delle Scienze Applicate Materia ITALIANO Docente/i Nome e cognome Maria Luisa GAMBETTA Nome e cognome Firma Firma MODULO N. 0 Avvicinare gli

Dettagli

LICEO STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale

LICEO STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale LICEO STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno 3-56127 Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale telefono: +39 050 555 122 fax: +39 050 553 014 codice fiscale: 80006190500 codice meccanografico:

Dettagli

Allegato N. 2 al verbale del dipartimento Secondo biennio e quinto anno (a.s. 2015/16) Articolazione : Chimica e materiali

Allegato N. 2 al verbale del dipartimento Secondo biennio e quinto anno (a.s. 2015/16) Articolazione : Chimica e materiali (MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE) Per il Consiglio di classe Per la isciplina ANNO SCOLASTICO 2015/16 CLASSE DISDCIPLINA DOCENTE Competenze da conseguire, alla fine del secondo biennio

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Marta Maniero CL. 5 SEZ. AL MATERIA Matematica

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Marta Maniero CL. 5 SEZ. AL MATERIA Matematica Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2018/2019 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Marta Maniero CL. 5 SEZ. AL MATERIA Matematica 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE La classe ha un comportamento molto corretto, partecipa

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4^Cs Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Frare Giovanna FISICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE APPLICATE FORESI LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO

Dettagli

LICE O STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale

LICE O STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale LICE O STATALE G. CARDUCCI Via S.Zeno 3-56127 Pisa Scienze Umane, Linguistico, Economico-sociale, Musicale telefono: +39 050 555 122 fax: +39 050 553 014 codice fiscale: 80006190500 codice meccanografico:

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: TECNOLOGIA DOCENTE: Golinucci Valentina CLASSE 1 SEZ. A A.S.2016 /2017 1. OBIETTIVI E

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: FISICA DOCENTE: LIPPI CRISTINA CLASSE I SEZ. A A.S.2018 /2019 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Programmazione di classe. classe III A scientifico a. s

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Programmazione di classe. classe III A scientifico a. s I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Programmazione di classe classe III A scientifico a. s. 2016-2017 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ANNO SCOLASTICO 2018-2019 DIPARTIMENTO DISCIPLINARE Matematica e Fisica QUINTO ANNO MATEMATICA del liceo delle Scienze Umane MO.02.03 Pagina 1 di 5 Rev.00 Finalità generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Religione Cattolica Classe V B Chimica Docente: Rizzuto Francesca Firma del docente: Francesca Rizzuto 1 PROFILO GENERALE DELLA

Dettagli