Documento del quindici maggio. Consiglio di Classe 5^SG. a.s. 2017/2018. Docente Coordinatore: Triveri. Presentazione del Consiglio di classe

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del quindici maggio. Consiglio di Classe 5^SG. a.s. 2017/2018. Docente Coordinatore: Triveri. Presentazione del Consiglio di classe"

Transcript

1 Rev /04/18 DQM 7.5 Liceo Artistico Statale Paolo Candiani Liceo Musicale e Coreutico Statale Pina Bausch sez. Musicale e sez. Coreutica Via L. Manara, Busto Arsizio tel Fax Pec: Cod. Mec. VASL01000A C.F Liceo Musicale e Coreutico Pina Bausch Documento del quindici maggio Consiglio di Classe 5^SG a.s. 2017/2018 Docente Coordinatore: Triveri Presentazione del Consiglio di classe Disciplina Cognome del docente Continuità didattica Eventuale supplente Italiano Triveri 3anni Storia Triveri 3anni Inglese Livello 3anni Matematica Scattolin 3anni Fisica Scattolin (Gernetti) 2anni (1anno) Storia dell Arte Tognella 3anni Filosofia Maino (Barbieri) (Zanolli) 1anno (1anno) (1anno) Scienze motorie Minervini 3anni Religione Colombo 3anni Discipline geometriche Zoni 2anni scenografiche (Grandi) (1anno) Laboratorio scenografico Marelli (Castiglioni) 2anni (1anno) Discipline progettuali Marchetti 3anni scenografiche Laboratorio grafico Suigo (Zanardi) 2anni (1anno) Discipline progettuali Cattaneo 1anno grafiche (Hernandez) (2anni) Documento del quindici maggio Pagina 1 di 36

2 Informazioni sull indirizzo di Studi Piano Orario Disciplina 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Italiano Storia Storia, geografia, cittadinanza e Costituzione Inglese Matematica Fisica Storia dell Arte Filosofia Scienze motorie Discipline grafico-pittoriche Discipline geometriche Discipline plastiche Laboratorio artistico Religione Scienze Scienze (ind. grafico) Discipline progettuali grafiche Laboratorio grafico Totale ore ind. grafico Chimica (ind. scenografico) Discipline geometriche scenografiche Laboratorio scenografico Discipline progettuali scenografiche Totale ore ind.scenografico Profilo professionale Indirizzo scenografico. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dell allestimento scenico, dello spettacolo, del teatro e del cinema; avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della progettazione e della realizzazione scenografica; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto spazio scenicotesto- regia, nelle diverse funzioni relative a beni, servizi e produzione; saper Documento del quindici maggio Pagina 2 di 36

3 identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla definizione del progetto e alla realizzazione degli elementi scenici; saper individuare le interazioni tra la scenografia e l allestimento di spazi finalizzati all esposizione (culturali, museali, ecc.); conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione dello spazio scenico Indirizzo grafico. Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi progettuali e grafici; avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della produzione grafica e pubblicitaria; conoscere e applicare le tecniche graficopittoriche e informatiche adeguate nei processi operativi; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progetto- prodotto contesto, nelle diverse funzioni relative alla comunicazione visiva e editoriale; saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla progettazione e produzione grafica; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafico-visiva. La classe, abbastanza numerosa, poiché composta da 28 alunni, di cui una ripetente, si è dimostrata collaborativa ed è maturata nel corso degli anni: i ragazzi hanno seguito con discreto interesse le lezioni e vi hanno spesso partecipato con domande pertinenti ed interventi adeguati. Un gruppo in particolare si è distinto per una maggior capacità critica nella partecipazione. Non sempre però gli studenti hanno dimostrato di aver acquisito autonomia e responsabilizzazione, poiché alcuni di loro hanno spesso disatteso le consegne a casa, ed in genere hanno svolto i lavori, soprattutto nelle materie di indirizzo, con Presentazione e giudizio sulla classe estrema lentezza. Il profitto, complessivamente adeguato in tutte le discipline, risulta migliore in quelle di indirizzo, dove quasi tutti gli studenti hanno raggiunto un discreto livello di preparazione. Una minoranza presenta carenze in alcune materie, appartenenti all area comune. L irregolarità nella partecipazione alle attività didattiche da parte di alcuni, unita a carenze di base, difficoltà di applicazione allo studio e fragilità personali, hanno limitato i risultati nel profitto, sia in termini di conoscenze che di competenze. Non si sono rilevati episodi degni di nota per quanto riguarda il comportamento. Durante le iniziative extrascolastiche e nel percorso di alternanza, gli studenti hanno dato prova di reciproco rispetto e di buone capacità di relazione interpersonale anche con terzi. Numero studenti Maschi: 5 Provenienza Stessa scuola: 28 Documento del quindici maggio Pagina 3 di 36

4 Femmine: 23 Altra scuola: 0 Abbandoni o ritiri Numero: 0 Candidati privatisti Numero: 0 Obiettivi del Consiglio di classe Acquisizione dei contenuti e degli strumenti imprescindibili delle diverse discipline. Conoscenza dei diversi approcci e del metodo di studio relativo alle diverse discipline. Conoscenza approfondita dei linguaggi specifici relativi anche all'indirizzo prescelto. Conoscenza articolata di contesti storici, culturali e artistici, fino alle correnti contemporanee. Capacità di ascolto Capacità di osservazione Capacità di comprensione Capacità logiche Capacità comunicative Capacità propositive e creative Declinazione Capacità e competenze Saper cogliere nella struttura di un discorso orale i nuclei centrali della comunicazione, distinguendoli da aspetti di sostegno e di esemplificazione. Saper schematizzare i punti essenziali della comunicazione. Saper tradurre gli schemi in appunti. Saper cogliere i vari elementi che compongono un tutto. Saper cogliere le relazioni e i rapporti tra le parti di una realtà tridimensionale. Saper individuare gli elementi proporzionali di un dato Oggetto. Saper mettere in relazione la realtà con i metodi di rappresentazione bidimensionali e tridimensionali. Saper selezionare segmenti, distinguendo informazioni principali da informazioni secondarie. Saper individuare concetti di particolare rilievo e costruire Schemi. Saper impostare e risolvere problemi (problem solving). Saper cogliere concetti e instaurare relazioni tra essi. Saper essere pertinente alla tematica proposta e consequenziale nelle affermazioni. Saper individuare i passaggi ordinati e logici che conducono alla risoluzione di un problema. Saper usare con consapevolezza i linguaggi nei processi di costruzione del sapere e, quindi, nei diversi contesti comunicativi. Saper esprimere con consapevolezza le proprie idee nei diversi codici, in modo chiaro. Saper risolvere problemi non usuali applicando le proprie conoscenze in contesti nuovi. Saper autonomamente identificare metodi, mezzi e strategie idonei alla risoluzione di un problema dato. Saper proporre soluzioni originali per problemi complessi. Documento del quindici maggio Pagina 4 di 36

5 Attività integrative curricolari ed extracurricolari Partecipazione a progetti culturali e concorsi Attività/progetto/concorso Discipline coinvolte Numero di studenti Terzo anno Biennale Venezia-arte Stage linguistico Dublino Teatro Manzoni- Barbablù Teatro Manzoni-spettacolo Shoah Teatro Elfo Milano-anniversario strage p.zza Fontana Mart Rovereto Baff (Busto Arsizio Film Festival) Teatro alla Scala Milano Ansaldo-Palazzo Reale Quarto anno Biennale Venezia-architettura Varese Villa Panza Baff Teatro di Olgiate-spettacolo di danza e mitologia Quinto anno Vicenza Teatro delle Arti Gallarateseminario di letteratura Viaggio di istruzione in Andalusia Teatro Elfo Milano- Viva l Italia (terrorismo) Maga Gallarate-mostra Kerouac Vittoriale Teatro Sociale- Uno, nessuno, centomila Teatro Sociale- I segreti di Arlecchino Materie di indirizzo, storia dell arte Inglese, storia dell arte Tutte Storia Storia Materie di indirizzo, storia dell arte Tutte Materie di indirizzo, storia dell arte Materie di indirizzo, storia dell arte Materie di indirizzo, storia dell arte Materie di indirizzo, storia dell arte Tutte Tutte Materie di indirizzo, storia dell arte Letteratura italiana Materie di indirizzo, storia dell arte Storia Materie di indirizzo, storia dell arte Letteratura italiana, storia Letteratura italiana Materie di indirizzo Solo indirizzo scenografico Solo indirizzo grafico Solo indirizzo scenografico Documento del quindici maggio Pagina 5 di 36

6 Molini Marzoli-Ciclo conferenze storia dell arte Fondazione Forma Milano-mostra fotografica Salgado Conferenza Avis Conferenza cyberbullismo Materie di indirizzo, storia dell arte Materie di indirizzo Tutte Tutte Solo indirizzo grafico Solo indirizzo grafico Progetto Alternanza Scuola-Lavoro Il Consiglio di classe ha predisposto attività di Alternanza Scuola-Lavoro, per ciascun allievo della classe, realizzate attraverso i progetti del triennio per un numero non inferiore a 200 ore come stabilito dalla legge 107/2015. La descrizione degli esiti di apprendimento espressa in livelli di competenze è assunta in termini di valutazione all interno delle discipline coinvolte. Attività Terzo anno -Progetto La casa del mago: allestimento scenografia per indirizzo scenografico e preparazione locandine, manifesti ed inviti per indirizzo grafico -Corso sulla sicurezza -Allestimento scenografia per spettacolo coreutico Quarto anno -Studio grafico Siamo creativi Gallarate: progettazione guidata di uno o più prodotti grafici su commissione -Realizzazione di murale presso centro commerciale Malpensa Uno -Progetto spettacolo coreutico sul mito: allestimento scenografia Quinto anno -Progetto La panchina rossa Teatro del Popolo di Gallarate: allestimento scenografia -Progetto spettacolo teatro Olgiate giornata internazionale contro la violenza sulle donne: manifesto, inviti e programma di sala -Progetto Parco Comerio: allestimento totem informativo -Workshop presso Ied -Progetto Tedeirà: laboratorio con bambini (solo indirizzo grafico) -Progetto restauro ARC Gallarate (solo indirizzo Discipline coinvolte Materie di indirizzo Materie di indirizzo Materie di indirizzo Documento del quindici maggio Pagina 6 di 36

7 LEZIONE FRONTALE LEZIONE CON ESPERTI LEZIONE MULTIMEDIAL E LEZIONE PRATICA METODO INDUTTIVO / DEDUTTIVO LABORATORIO DISCUSSIONE GUIDATA LAVORO DI GRUPPO NUOVE TECNOLOGIE (PIATTAFORME, SOCIAL, BLOG, SITI ECC.) scenografico) Modalità di lavoro del Consiglio di classe DISCIPLINE DISC.PROG:GRAFICHE X X X X X X X X RELIGIONE X X X X X INGLESE X X X X FILOSOFIA X X X X DISC.PROG.SCEN. X X X X X X LAB. SCENOGRAFICO X X X X X SCIENZE MOTORIE X X X X FISICA X X X MATEM. X X X LAB. GRAFICA X X X X X X X X STORIA DEL ARTE X X X X LINGUA E LETT. ITAL. X X X STORIA X X X DISC. GEOM. SCEN. X X X X Documento del quindici maggio Pagina 7 di 36

8 Colloquio Interrogazione breve Interrogazione programmata Interrogazione volontaria Prova pratica Risoluzione di casi/problemi Prove semistrutturate /strutturate Questionari relazioni Esercizi Verifica prevista nell UdA Strumenti di verifica utilizzati dal Consiglio di classe Discipline DISC.PROG: GRAFICHE X X RELIGIONE X X INGLESE X X X X X X FILOSOFIA X X X X DISC.PROG. X X SCEN. LAB. SCENOGRA FICO X SC.MOTORI E X X X X FISICA X X X X MATEM. X X X X LAB. GRAFICA X X X X STORIA DEL ARTE X X X LINGUA E X X X X LETT. ITAL. STORIA X X X X DISC. GEOM. SCEN. X X Documento del quindici maggio Pagina 8 di 36

9 Modalità di recupero Il Consiglio di classe, al fine di recuperare lacune e permettere agli studenti di assimilare i contenuti, ha attivato: Sportelli didattici in orario extrascolastico; X Azioni correttive per il recupero nell ambito dell ordinaria attività curricolare. Simulazione delle prove d esame Data 23 gennaio 14 maggio Tempo Prima Prova assegnato 6 ore Prima prova scritta: Tipologia A: analisi del testo. Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale relativo a diversi ambiti. Tipologia C: tema storico. Tipologia D: tema di carattere generale. Criteri di valutazione Vedi allegato Griglia di valutazione Data Tempo assegnato Seconda prova maggio 18 ore Discipline progettuali grafiche Discipline progettuali scenografiche Criteri di valutazione Vedi allegato Griglia di valutazione Data 24 gennaio 19 maggio Tempo assegnato 2 ore +1/2ora Tipologia: B Terza prova Materie coinvolte: Inglese, Fisica, Filosofia, Storia dell arte (gennaio) Inglese, Storia dell arte, Lab. scenografico o grafico, Matematica (maggio) Criteri di valutazione Vedi allegato Griglia di valutazione La valutazione del profitto Oggetto della valutazione non è la personalità dello studente, né le sue capacità intese come potenzialità astratte ma la performance che evidenzia ciò che lo studente sa e sa fare, in ambito disciplinare, in relazione ad un determinato obiettivo, compito o attività. La valutazione tiene conto della conoscenza, competenza e capacità intese come: Conoscenza: acquisizione di contenuti, cioè di principi, teorie, concetti, termini, regole, procedure, metodi, tecniche. Competenza: utilizzazione delle conoscenze acquisite per risolvere situazioni problematiche. Capacità: utilizzazione significativa e responsabile di competenze di tipo elaborativo e creativo in situazioni organizzate in cui interagiscono più fatti e/o più soggetti e in cui si debba assumere una decisione. Documento del quindici maggio Pagina 9 di 36

10 Tabella di corrispondenza tra voto e giudizio Voto in decimi Voto in quindicesimi Giudizio Nullo Assolutamente insufficiente Gravemente insufficiente Insufficiente 6 10 Sufficiente 7 12 Discreto 8 13 Buono 9 14 Ottimo Eccellente Griglia per l attribuzione del voto di condotta Comportamento Il voto insufficiente in condotta viene attribuito se si verificano una o più delle seguenti situazioni: Reiterati comportamenti a rischio che risultino lesivi per se stessi e per altri (sanzioni disciplinari previste: sospensione di uno o più giorni sino a un massimo di 15 continuativi). Reiterati comportamenti a rischio di violazione della dignità e del rispetto dovuto all altro (sanzioni disciplinari previste: sospensione di uno o più giorni sino a un massimo di 15 continuativi). Rtti di violenza grave o comunque connotati da particolare gravità tale da ingenerare un elevato allarme sociale e qualora, successivamente alla irrogazione delle sanzioni di natura educativa e riparatoria previste dal sistema disciplinare, lo studente non abbia dimostrato apprezzabili e concreti cambiamenti nel comportamento, tali da evidenziare un sufficiente livello di miglioramento nel suo percorso di crescita e di maturazione in ordine alle finalità educative della scuola. Comportamento più volte scorretto nei confronti di compagni, docenti e non docenti. Comportamenti a rischio che risultino lesivi per se stessi e per gli altri (sanzioni disciplinari previste: risarcimento economico, riparazione del danno, sospensione). Incuria per le attrezzature e i materiali della scuola, per i propri elaborati e per quelli altrui. Assenze ripetute, non per motivi di salute o familiari, rilevate dal consiglio di classe quali strategiche. Ritardi numerosi senza giustificati motivi. Comportamento scorretto quale ostacolo e rallentamento del normale svolgimento del programma. Allontanamenti per tempi prolungati, e senza giustificazione, dalle lezioni. Continua e reiterata inadempienza rispetto alle consegne degli elaborati. Atteggiamenti intenzionalmente disfunzionali rispetto alle attività di classe (sanzioni: rimproveri verbali, rimproveri scritti sul registro personale dell insegnante, note reiterate sul registro di classe). Rispetta saltuariamente le norme del regolamento d istituto ma, richiamato, l alunno è in grado di controllarsi e di correggere il proprio comportamento. Partecipa, se sollecitato e solo in vista del voto. Non sempre l alunno è preciso nello svolgimento dei lavori assegnati e talvolta non rispetta le consegne. Voto Documento del quindici maggio Pagina 10 di 36

11 L alunno talvolta rallenta, con il suo comportamento, l attività didattica. Non sa lavorare in gruppo. Rispetto delle norme disciplinari dell Istituto. Attenzione selettiva ma attiva e intelligente nel partecipare alle attività didattiche. Segue con interesse e in modo puntuale le varie attività scolastiche e le relative consegne. Partecipa in maniera costante al dialogo educativo e alla costruzione di un atteggiamento costruttivo del gruppo classe. Il rapporto con gli altri è rispettoso. Sa lavorare in gruppo. Partecipazione attiva e dialettica alle attività didattiche nelle diverse materie. Costante adempimento delle consegne scolastiche e capacità di avviare percorsi autonomi di apprendimento da sollecitazioni date. Rispetto degli altri. Rispetto delle norme disciplinari dell Istituto. Ruolo positivo e di collaborazione all interno del gruppo. Sa lavorare in gruppo in maniera proficua. Assunzione di incarichi a servizio della comunità scolastica. Interesse e partecipazione attiva e dialettica alle attività didattiche in tutte le materie del curriculum. Regolare e serio svolgimento delle consegne scolastiche e capacità di effettuare percorsi autonomi di apprendimento. Rispetto degli altri. Attento rispetto del Regolamento Scolastico. Ruolo propositivo e collaborativo all interno della classe. Sa essere leader positivo nel lavoro di gruppo. Assunzione responsabile di incarichi a servizio della comunità scolastica Criteri concernenti l'attribuzione del credito scolastico e del credito formativo per le classi del triennio In riferimento al D.M. n. 99 del 16 dicembre 2009 che fissa le modalità di attribuzione della lode nei corsi di studio di istruzione secondaria superiore e le tabelle di attribuzione del Credito scolastico nei corsi di studio di Istruzione Secondaria Superiore, il Collegio Docenti stabilisce i seguenti criteri per l attribuzione del credito scolastico: In caso di promozione a pieno merito alla classe successiva, il Consiglio di classe attribuisce al Credito scolastico il punteggio massimo della banda di oscillazione, qualora la media lo consenta (6 M 8) e in presenza di almeno uno dei seguenti elementi: a) Partecipazione a iniziative complementari e integrative. b) Partecipazione attiva alle iniziative didattiche. c) Credito formativo, esperienze significative. Nel caso in cui la media dei voti M>8 (e in assenza di debiti) il consiglio di classe può attribuire il punteggio massimo della banda di oscillazione alla presenza di almeno uno dei seguenti elementi: a) Partecipazione a concorsi. b) Partecipazione attiva alle iniziative didattiche. c) Vincitore di concorsi artistici. d) Credito formativo, esperienze significative. Documento del quindici maggio Pagina 11 di 36

12 Tabella credito scolastico Media dei voti Credito scolastico classi quinta Minimo Massimo M= <M <M <M <M Credito formativo Con il nuovo Esame di Stato si sono volute valorizzare le competenze che ogni alunno può aver maturato al di fuori della scuola. Esperienze lavorative, corsi di lingua, soggiorni in scuole all'estero, attività sportive o corsi di educazione artistica, l'aver appreso a suonare uno strumento, sono esempi di pratiche che arricchiscono il bagaglio di competenze di ciascun allievo. Queste esperienze formative, qualora siano coerenti con il corso di studi e opportunamente documentate, sono riconosciute nella certificazione finale dell'esame di Stato. Tali esperienze potranno contribuire, dunque, a determinare il punteggio del credito scolastico. Attività riconosciute valide per il credito formativo: Volontariato presso Enti e Associazioni di estrazione Laica o Religiosa. Corsi specifici svolti presso scuole o Enti riconosciuti e certificati. Risultati di eccellenza nello sport o nella danza, certificati dalla partecipazione a gare e competizioni di livello almeno provinciale. Esperienze lavorative- stage presso studi professionali (Arch., Design, Grafici, Fotografici, ecc.) o enti e istituzioni pubbliche. Patente informatica europea (ECDL). Soggiorni in scuole all'estero. Inserimento tra i vincitori nelle graduatorie di concorsi indetti da Enti e/o istituzioni pubbliche. Attività teatrali svolte c/o compagnie professionali. Attività musicali svolte presso conservatori o gruppi orchestrali professionali. Attività di tutoraggio nei confronti degli studenti in ingresso. Documento del quindici maggio Pagina 12 di 36

13 Programmi svolti a.s. 2017/2018 Programmazione didattica disciplinare Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Discipline geometriche e scenografiche Elena Zoni 54 Lezione frontale, approfondimenti ad personam Visite guidate/lavoro a gruppi Saper utilizzare e riconoscere le operazioni tipiche del processo di progettazione 1. Saper formulare obiettivi 2. Risolvere problemi e vincoli 3. Rispettare le richieste 4. Raccogliere dati, documentarsi e svolgere una ricerca totale e coerente 5. Formulare soluzioni coerenti al tema Saper affrontare lavori complessi per dimensioni e difficoltà di risoluzione Saper operare un confronto con scelte altrui Aver capacità di autocritica del proprio lavoro Saper gestire le tecniche apprese per una migliore esecutività di rappresentazione gli elaborati verranno verificati in base al proseguo e sviluppo del lavoro e comunque due a quadrimestre Recupero In itenere Eventuali progetti / Visita a musei e mostre programmate Attività diversificate Viaggi di istruzione- Conferenze didattiche Conoscenza e approfondimento della geometria descrittiva: - Esercitazioni di prospettiva centrale e accidentale applicata agli spazi scenici. -Conoscenza e approfondimento del Il teatro contemporaneo : sezioni - proiezioni ortogonali, assonometria e prospettiva applicati al ridisegno di alcuni Teatri rappresentativi dell'architettura contemporanea. - Approfondimento dei sistemi di rappresentazione grafica acquisendo la specificità dei procedimenti atti alla Programma svolto restituzione geometrica proiettiva di spazi scenici in diversi ambiti dello (dettagliato) spettacolo. - Laboratorio e modellazione 3D elaborati di scenografia ; attività didattica svolta con la profess. Marchetti e con il contributo del Prof. Alberto Grandi -Pensare, disegnare e realizzare un piccolo oggetto luminoso in alternativa schizzi progettuali per un costume di scena facendo riferimento alle avanguardie artistiche. -realizzazione di prototipi di lampade - Progettazione di un locale a tema e lo studio del brand Testi adottati Libro di testo- TESTI della Biblioteca scolastica tecnologie multimediali, strumenti da disegno- Mostre didattiche elaborati degli anni precedenti Documento del quindici maggio Pagina 13 di 36

14 Libri e -pubblicazioni e riviste di settore La classe si è dimostrata attenta durante le lezioni, discretamente interrelata alle unità didattiche proposte e il lavoro richiesto è sempre è apparso adeguato alle richieste dell insegnante. Una parte degli studenti possiede sufficienti conoscenze e competenze di base che consentono di risolvere semplici richieste. Un gruppo di studenti hanno acquisito conoscenze buone, e sono in grado di risolvere anche esercizi più complessi e di applicare autonomamente i contenuti acquisiti. Hanno dimostrato buone capacità progettuali e capacità grafiche. Disciplina LABORATORIO GRAFICO Docente Roberto Suigo N. ore svolte 193 Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate testi specifici, dispense, tavole dimostrative, tecniche grafiche e relativi strumenti. Laboratori, supporti audiovisivi multimediali, hardware e software per la computergrafica lezioni frontali esercitazioni guidate e spiegazioni individualizzate correzioni collettive lavori di gruppo ricerche correzioni personalizzate le verifiche dei contenuti saranno effettuate con prove scritte e grafiche. Ogni elaborato prodotto è stato valutato considerando l impegno, le conoscenze e le competenze dimostrate dall allievo e il rispetto dei termini di consegna. il recupero dei contenuti non acquisiti è stato effettuato in itinere con prove scritto/grafico calibrate. Concerto di musica, danza, poesia, grafica, fotografia a Olgiate Olona. Lavoro interdisciplinare tra indirizzi e settori. Progettazione pannelli espositivi per una mostra fotografica realizzata con foto autoprodotte. Documento del quindici maggio Pagina 14 di 36

15 MODULO 1 I/II QUADRIMESTRE Lo stampato e il prodotto editoriale gabbie d impaginazione, margini, colonne e allineamento impaginazione titolo, blocchi di testo e immagini Inserimento corretto della fotografia: risoluzione e formato realizzazione di un impaginato con software di impaginazione: (QuarkXPress e InDesign). 1 Riproduzione di un volantino informativo su un indirizzo del liceo. 2 Articolo di quattro pagine per una rivista cinematografica. Creazione articolo, scelta e rielaborazione foto, impaginazione testi e foto su gabbia predeterminata. MODULO 2 I QUADRIMESTRE Lo stampato e il prodotto editoriale manifesto, locandina, pieghevole. Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. 1 Progettazione e realizzazione di un manifesto per una manifestazione teatrale. 2 Progettazione e realizzazione di un invito per una manifestazione teatrale. 3 Progettazione e realizzazione di un pieghevole per una manifestazione teatrale. 4 Progettazione e realizzazione di un manifesto per la partecipazione ad un concorso contro la violenza sulle donne. Programma svolto (dettagliato) MODULO 3 I / II QUADRIMESTRE La composizione modulare creazione di composizioni complesse, partendo da elementi semplici modulari applicazione a realizzazioni decorative e di packaging. Applicazione di competenze acquisite negli anni precedenti. MODULO 4 I / II QUADRIMESTRE La fotografia utilizzo delle attrezzature fotografiche digitali, per fini di documentazione e ricerca. PARTE TEORICA: La macchina fotografica: Formati: reflex, compatta, mirrorless, 6x6. Corpo macchina. Attacco. Pentaprisma. Mirino ottico. Otturatore. Obiettivo. Tipologie obiettivi: grandangoli, standard, teleobiettivi, zoom, macro. Diaframma. Esposimetro. La pellicola. Il sensore digitale: formati, sensibilità Salvataggio dati. Formati file Bilanciamento del bianco. Messa a fuoco e profondità di campo. Documento del quindici maggio Pagina 15 di 36

16 Tempi di scatto. La composizione fotografica. Generi fotografici. I formati grafici: trasparenti, opachi, al tratto, a tono continuo, retinati. Immagini vettoriali. Immagini Bit Map. Risoluzione per la stampa. Ricampionamento. Compressione dati. Formati: PSD, Tiff, EPS, PDF, GIF, PNG, JPEG, RAW. PARTE PRATICA Lezione con spiegazione delle tipologie di macchine fotografiche e obiettivi con presentazione dei modelli reali. Tre uscite fotografiche sul territorio di Busto Arsizio effettuando scatti fotografici. Tre esercitazioni fotografiche autonome con temi diversi: Natale, Inverno, Viaggio d Istruzione, Primavera. Rielaborazione degli scatti effettuati con Photoshop. Creazione di un manifesto/pannello decorativo utilizzando i propri scatti a tema Busto Arsizio con taglio, composizione, montaggio e inserimento di parti testuali. MODULO 5 I / II QUADRIMESTRE La comunicazione pubblicitaria/sociale Creazione di un manifesto/pannello decorativo con tema la città di Busto Arsizio nei suoi vari aspetti da realizzare con proprie foto. Finalizzato ad una esposizione pubblica. Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) MODULO 6 I / II QUADRIMESTRE Lo stampato e il prodotto editoriale il libro, copertine e impaginazione Creazione della copertina di una rivista di cinema. Finalizzata alla stampa di una rivista composta dagli articoli realizzati. I risultati ottenuti sono nel complesso positivi, soprattutto nella parte progettuale mentre permangono difficoltà nella parte esecutiva per la non applicazione corretta delle tecniche specifiche. Buoni i risultati ottenuti nelle esercitazioni fotografiche ma ancora da verificare la fase di rielaborazione e montaggio. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Laboratorio scenografico Francesco Marelli 202 Materiale video Materiale fotografico Documento del quindici maggio Pagina 16 di 36

17 Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Biblioteca Lezioni teoriche Esercitazioni grafiche Esercitazioni pratiche Ricerca Lavoro di gruppo 4 primo quadrimestre 4 secondo quadrimestre Curricolare Scenografia teatrale La panchina rossa Scenografia e cinema: Grand Budapest Hotel di V. Anderson Hugo Cabret di Martin Scorsese Cortometraggi di G. Melies. Discussione sulla proposta scenografica su Amatrice Scenografia e cinema:anna Karenina di Joe Wright Idee grafiche sul lavoro per la mostra su Amatrice Scenografia e cinema: Il gabinetto del dott. Caligari di Weine e il cinema espressionista. Parte prima di Nosferatu di Murnau Allestimento mostra fotografica per Amatrice Idee per scenografia La panchina rossa e presentazione della proposta sulla costruzione delle case per i tre porcelli Realizzazione scenografica e allestimento La panchina rossa Realizzazione scenografica I tre porcellini Ripresa del percorso su cinema e scenografia. Film di Roy Andersson. Un piccione sul ramo riflette sull esistenza. Cinema e scenografia. A. Kaurismaki, L uomo senza passato Cinema e scenografia: L'arte del sogno di M. Gondry Organizzazione del lavoro sul cinema. Assegnazione set e tempi. Presentazione del lavoro sul Don Chisciotte Teatro Sociale: spettacolo sulla giornata della memoria Spettacolo teatrale I segreti di Arlecchino al teatro Sociale Progetti Don Chisciotte Realizzazione scenografia sul Don Chisciotte Nessun testo L intero gruppo ha dimostrato interesse ed impegno. Le competenze acquisite sono generalmente buone. Le capacità si attestano tra valori discreti e risultati eccellenti. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Fisica Paola Scattolin 48 Documento del quindici maggio Pagina 17 di 36

18 Uso del libro di testo Strumenti Uso del quaderno per appunti ed esercizi Materiale di approfondimento Lezioni frontali Metodologia Lezioni dialogate Esercizi individuali e/o di gruppo classe Verifiche effettuate Almeno 3-4 verifiche, scritte e/o orali, per periodo (quadrimestre) Recupero In ore curriculari Eventuali progetti / Attività diversificate / ELETTROMAGNETISMO Capitolo E1: Le cariche elettriche Elettrizzazione per strofinio. L ipotesi di Franklin. Il modello microscopico. L elettrizzazione per contatto. I conduttori e gli isolanti e relativo modello microscopico. La carica elettrica. La misura della carica elettrica. Il coulomb. La Legge di Coulomb e il principio di sovrapposizione. Confronto tra la forza elettrica e la legge di gravitazione universale. L'elettrizzazione per induzione. La polarizzazione. (Paragrafi ) Capitolo E2: il campo elettrico e il potenziale Programma svolto (dettagliato) Il vettore campo elettrico. Il calcolo della forza. l campo elettrico di una carica puntiforme. Campo elettrico di più cariche puntiformi (il principio di sovrapposizione). Le linee del campo elettrico: definizione e proprietà. Le linee del campo generate da una carica puntiforme. Le linee del campo generate da due cariche puntiformi. Il campo elettrico uniforme. Il flusso del campo elettrico e il Teorema di Gauss. L'energia elettrica. L energia potenziale elettrica. L energia potenziale di due cariche puntiformi. La differenza di potenziale. La definizione di differenza di potenziale. La differenza di potenziale in un campo elettrico uniforme. Il potenziale elettrico. Il potenziale elettrico di una carica puntiforme. La circuitazione del campo elettrostatico. Il lavoro e la circuitazione. La circuitazione e la differenza di potenziale. Il condensatore piano. La capacità di un condensatore. La capacità di un condensatore piano. Il calcolo della carica e della differenza di potenziale. (Paragrafi ) Capitolo E3: La corrente elettrica L'intensità di corrente elettrica. L intensità di corrente. La corrente continua. I generatori di tensione. I circuiti elettrici. Collegamento in serie. Collegamento in parallelo. Le leggi di Ohm. La prima legge di Ohm. I resistori. La seconda legge di Ohm. Resistori in serie (con dimostrazione della formula della resistenza equivalente) e in parallelo (con dimostrazione della formula della resistenza equivalente). Lo studio dei circuiti elettrici. L inserimento degli strumenti di misura nei circuiti elettrici (amperometro e voltmetro). La forza elettromotrice. La trasformazione dell'energia elettrica: Documento del quindici maggio Pagina 18 di 36

19 potenza dissipata (con dimostrazione della formula). Il kilowattora. La corrente nei liquidi (soluzioni elettrolitiche e definizione di cella a combustibile) e nei gas (corrente elettrica di scarica). (Paragrafi (cenni)) Capitolo E4: Il campo magnetico La forza magnetica. Le sostanze ferromagnetiche. Le linee del campo magnetico. Il campo magnetico terrestre. La direzione e il verso del campo magnetico. Le linee di campo. Confronto tra campo magnetico e campo elettrico. Forze tra magneti e correnti: il campo magnetico di un filo percorso da corrente (esperienza di Oersted e di Faraday). Forze tra correnti (esperienza di Ampère). La definizione di Ampère e di Coulomb. L'origine del campo magnetico. L intensità del campo magentico. Il valore di B. Il moto di una carica elettrica immersa in un campo elettrico uniforme (caso velocità iniziale nulla e caso velocità iniziale perpendicolare al campo elettrico). La forza di un campo magnetico su una carica in moto e su un filo percorso da corrente: la forza di Lorentz. Moto di una carica puntiforme in un campo magnetico. Il campo magnetico di un filo e in un solenoide. Il flusso del campo magnetico e il teorema di Gauss. La circuitazione del campo magnetico. Il teorema di Ampère (senza dimostrazione) (Paragrafi ) Capitolo E5: L induzione elettromagnetica La corrente indotta. Il ruolo del flusso del campo magnetico. La legge di Faraday-Neumann. Il verso della corrente indotta, la legge di Lenz. Autoinduzione e mutua induzione. (Pargarafi 1-2-3) Capitolo E6: Le onde elettromagnetiche Il campo elettrico indotto. Il campo megnetico indotto. Le equazioni di Maxwell e il campo elettromagnetico. La propagazione del campo elettromagnetico. Le proprietà delle onde elettromagnetiche. L onda elettromagnetica nello spazio e nel tempo. La relazione tra frequenza e lunghezza d onda. Lo spettro elettromagnetico. (Pargarafi ) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Ugo Amaldi Le traiettorie della fisica. Azzurro Elettromagnetismo Ed. Zanichelli Risultati eterogenei, mediamente più che sufficienti. Si evidenziano alcuni alunni con uno studio serio e approfondito. Altri mostrano difficoltà nell esposizione che risulta superficiale. La sintesi argomentale non è particolarmente sviluppata. Si evidenzia qualche limite nella risoluzione dei problemi e degli esercizi. Documento del quindici maggio Pagina 19 di 36

20 Disciplina Matematica Docente Paola Scattolin N. ore svolte 59 (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Uso del libro di testo Strumenti Uso del quaderno per appunti ed esercizi Materiale di approfondimento Lezioni frontali Metodologia Lezioni dialogate Esercizi individuali e/o di gruppo classe Verifiche effettuate Almeno 3-4 verifiche, scritte e/o orali, per periodo (quadrimestre) Recupero In ore curriculari Eventuali progetti / Attività diversificate / Unità 1: Introduzione all analisi L insieme R dei numeri reali. Massimo, minimo, estremo inferiore ed estremo superiore. Massimo e minimo di un insieme. Estremo inferiore ed estremo superiore di un insieme. I simboli di più e meno infinito. Intervalli e intorni. Intorno circolare di un punto. Intorno sinistro e intorno destro di un punto. Funzioni reali di variabile reale: definizioni, classificazione e terminologia. Funzioni numeriche e funzioni matematiche. Grafico di una funzione. Funzioni: pari, dispari, iniettive, suriettive, biunivoche, inverse, composte e periodiche. Funzioni crescenti e decrescenti. Funzioni limitate. Massimo, minimo, estremo superiore ed estremo inferiore di una funzione. Funzione inversa. Funzione composta. Determinazione del dominio di una funzione: razionale intera o fratta, irrazionale e trascendente. Programma svolto (dettagliato) Unità 2: Limiti di funzioni reali di variabile reale Limite finito di una funzione per x che tende a un valore finito. Limite destro e limite sinistro. Limite finito di una funzione per x che tende all infinito. Asintoti orizzontali. Limite infinito di una funzione per x che tende a un valore finito. Asintoti verticali. Limite infinito di una funzione per x che tende all infinito. Asintoti obliqui. Teoremi generali sui limiti: teorema di unicità del limite; teorema della permanenza del segno, teorema del confronto (senza dimostrazioni). Funzioni continue e calcolo dei limiti.. Definizione di funzione continua in un punto. Definizione di funzione continua in un intervallo. Continuità delle funzioni elementari. Calcolo dei limiti delle funzioni continue Documento del quindici maggio Pagina 20 di 36

21 L algebra dei limiti e teoremi relativi (senza dimostrazioni). Regole di calcolo nel caso in cui i limiti siano finiti. Regole di calcolo nel caso in cui uno dei due limiti sia infinito. Teoremi sul calcolo dei limiti. Limite della somma algebrica di due funzioni. Somma algebrica di funzioni continue. Limite del prodotto di una funzione per una costante. Limite del prodotto di due funzioni. Limite della potenza di una funzione. Prodotto di funzioni continue. Continuità delle funzioni razionali intere. Limite del quoziente di due funzioni. Limite del reciproco di una funzione. Quoziente di funzioni continue. Limite della radice di una funzione. Continuità della radice e del valore assoluto di una funzione. Continuità delle funzioni razionali fratte. Limiti delle funzioni razionali intere e fratte. Algebra di infinito. Continuità delle funzioni inverse. Limiti delle funzioni composte. Le forme di indecisione, 0,, 0 0 e relativa risoluzione. Esempi di calcolo dei limiti. Il confronto grafico tra infiniti. Unità 3: Continuità Definizione di funzione continua in un punto (già introdotta nella precedente unità). Continuità a destra o a sinistra. Discontinuità delle funzioni (punti singolari e loro classificazione). Analisi dei vari casi di discontinuità (prima, seconda e terza specie) dal punto di vista analitico e grafico. Proprietà delle funzioni continue: teorema di Weierstrass, teorema di esistenza degli zeri, teorema dei valori intermedi (tutti senza dimostrazione). Grafico probabile di una funzione (dominio, parità, limiti, determinazione degli asintoti, intersezione con gli assi cartesiani, segno della funzione e rappresentazione grafica di ogni passaggio). Unità 4: La derivata Introduzione del concetto di derivata da un punto di vista matematico (il problema della retta tangente). Definizione di rapporto incrementale. Significato geometrico del rapporto incrementale. Definizione di derivata prima di una funzione in un punto. Derivata prima e suo significato geometrico. Derivata destra e derivata sinistra. Determinazione della derivata prima di una funzione attraverso la definizione. Relazione tra la continuità e la derivabilità. La funzione derivata. Equazione della retta tangente ad una curva in un suo punto. Equazione della retta normale ad una curva in un suo punto. Analisi grafica dei punti di non derivabilità. Documento del quindici maggio Pagina 21 di 36

22 Continuità delle funzioni derivabili. Derivate fondamentali. Algebra delle derivate: teoremi sul calcolo delle derivate (senza dimostrazione). Derivata di una funzione composta. Punti stazionari del grafico di una funzione. Punti di massimo e di minimo relativi ed assoluti. Teorema di Fermat. Punto stazionario. Funzioni crescenti e decrescenti e criteri attraverso lo studio della derivata prima. Determinazione della natura dei punti stazionari attraverso lo studio del segno della derivata prima. Ricerca dei punti di estremo relativo mediante lo studio del segno della derivata prima. Derivate di ordine superiore al primo. Funzioni concave e convesse, punti di flesso. Legami tra concavità, convessità e derivata seconda. Ricerca dei punti di flesso di una funzione. Unità 5: Studio del grafico di funzione Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Studio delle funzioni razionali intere e fratte.. Classificazione, parità, intersezione con gli assi, limiti, asintoti (orizzontale, verticale ed obliquo) e segno della funzione. Analisi della derivata prima (massimi, minimi, flessi a tangente orizzontale, intervalli di monotonia della funzione). Analisi della derivata seconda (concavità e ricerca dei flessi a tangente obliqua). Rappresentazione grafica. Leonardo Sasso, La matematica a colori, edizione azzurra, volume 5, Ed. Petrini La maggior parte degli alunni durante l anno scolastico ha mostrato impegno nello studio degli argomenti affrontati (sia da un punto di vista teorico che applicativo). Un buon numero di alunni ha acquisito conoscenze complete e buone competenze. Gli alunni sono generalmente in grado di applicare il calcolo algebrico nella risoluzione di problemi, sanno analizzare e rappresentare le caratteristiche principali delle funzioni. Rimane un gruppo di studenti in difficoltà soprattutto nella parte relativa alla risoluzione degli esercizi a causa di un lavoro non sempre costante e di lacune pregresse. Disciplina SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Docente MINERVINI MARIA CRISTINA N. ore svolte 48 Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero Attrezzi a disposizione dell impianto sportivo utilizzato Metodo induttivo e deduttivo, lezione frontale, lavoro di gruppo. Due o tre per quadrimestre Curricolare Documento del quindici maggio Pagina 22 di 36

23 Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) Testi adottati Risultati raggiunti (in termini di conoscenze, competenze e capacità) Nessuno Nessuna Il riscaldamento:fase dinamica e streetching Percorsi e circuiti di potenziamento a carico naturale o con pesi. Lavoro sulla mobilità generale o specifica. Nuoto: stile libero, dorso, rana e virata. Pallacanestro: fondamentali individuali e gioco di squadra. Tckoukball: il tiro da fermi e in corsa,il rimbalzo, regole di gioco e partita. Palla-tamburello, fondamentali individuali e partita. Salti con la corda sul posto e in spostamento..giochi sportivi e propedeutici. Teoria dell allenamento. Le capacita condizionali: la forza, la resistenza, la velocità. Dispensa on-line I risultati raggiunti sono buoni, cosi come anche le conoscenze e le competenze. Le capacità sono diversificate in base al livello di partenza; in generale le valutazioni hanno tenuto conto anche dell impegno, della disponibilità e della serietà degli alunni nell affrontare la disciplina. Disciplina Docente N. ore svolte (dall inizio dell anno alla data della stesura del documento) Strumenti Metodologia Verifiche effettuate Recupero Eventuali progetti Attività diversificate Programma svolto (dettagliato) storia dell'arte giuliano tognella Libro di testo, fotocopie, uso della biblioteca scolastica Lezione frontale, lezione dialogata, metodo induttivo e deduttivo, lettura commentata dei testi Due verifiche orali e due scritte nel primo e nel secondo quadrimestre in itinere Post Impressionismo Seurat : Bagnanti Ad Asnieres, Una Domenica Pomeriggio All'isola Della Grande- Jatte. Cezanne: Il Ponte Di Maincy, I Giocatori Di Carte, Donna Con Caffettiera, Tavolo Da Cucina, Le Grandi Bagnanti, La Montagna Sainte-Victoire. Gauguin: La Visione Dopo Il Sermone, La Belle Angele, Ia Orana Maria, Arearea. Van Gogh: I Mangiatori Di Patate, Autoritratto Con Il Cappello, La Camera Da Letto, La Notte Stellata, Ritratto Del Dott. Gachet, La Chiesa Di Auvers Sur Oise. Simbolismo Moreau: L'apparizione.Pouvis De Chavannes: Fanciulle In Riva Al Mare. Redon: Occhio E Mongolfiera Pont Aven E Nabis Documento del quindici maggio Pagina 23 di 36

24 Divisionismo Italiano Segantini: Ave Maria A Trasbordo, Le Due Madri, Le Cattive Madri.Morbelli: In Risaia Previati: Maternita'.Pellizza Da Volpedo: Il Quarto Stato. Simbolismo In Europa Bocklin: L isola Dei Morti.Ensor: L entrata Di Cristo A Bruxelles.Von Stuck: Il Peccato. La Secessione Viennese Olbrich: Il Palazzo Della Secessione. Klimt: Il Fregio Di Beethoven, Giuditta I, Il Bacio. Munch: Bambina Malata, Angoscia, Madonna, L'urlo, Sera Sul Viale Karl Johan. L'art Nouveau Horta: Maison Tassel.Van De Velde: Scrivania. Mackintosh: Scuola D'arte A Glasgow.Gaudi': Casa Mila'. Hoffmann: Palazzo Stoclet.Loos: Loos Haus. Il Liberty In Italia Espressionismo Fauves Matisse: Finestra Aperta A Colliure, Donna Con Cappello, La Gioia Di Vivere, La Stanza Rossa, La Danza, La Musica, Signora In Blu, Nudo Blu, Cappella Del Rosario. Die Brücke Kirchner: Cinque Donne Nella Strada, Marcella, La Torre Rossa. Espressionismo Austriaco Schiele : Autoritratto Con Alchechengi, La Morte E La Fanciulla. Kokoschka: La Sposa Del Vento. Cubismo Picasso : La Bevitrice Di Assenzio, Il Pasto Del Cieco, I Saltimbanchi, Ritratto Di Gertrude Stein. Les Demoiselles D'avignon, Ritratto Di Ambroise Vollard. Natura Morta Con Sedia Impagliata, Chitarra. Braque: Grande Nudo, Case All estaque, Violino E Tavolozza, Il Portoghese, Violino E Bicchiere. Gris: Colazione. I Cubisti Eretici: Delaunay,Leger. Picasso Dopo Il Cubismo: Il Flauto Di Pan, Ragazza Davanti Allo Specchio, Guernica, Le Dejeuner Sur L herbe D apres Manet. Futurismo Boccioni: La Citta' Che Sale, Elasticita, Stati D'animo Ii Forme Uniche Della Continuita Nello Spazio, Materia. Balla: Bambina Che Corre Sul Balcone.Carra : I Funerali Dell anarchico Galli, Manifestazione Interventista. Architettura Futurista Futurismo Russo Der Blaue Reiter Marc: I Cavalli Azzurri Kandinskij: Vecchia Russia, Paesaggio Con Torre, Impressione V Primo Acquerello Astratto, Quadro Con Bordo Bianco, Accento In Rosa Klee: Cupole Rosse E Bianche, Strada Principale E Strade Documento del quindici maggio Pagina 24 di 36

25 Secondarie, Senecio, Ad Parnassum. Avanguardie Russe Malevič : L arrotino, Alogismo. Mucca E Violino, Quadrato Nero Su Fondo Bianco, Bianco Su Bianco, Autoritratto. Tatlin: Controrilievo, Progetto Per Il Monumento Alla Terza Internazionale. Rodcenko. El Lissitzky. De Stijl Mondrian: L albero Rosso, L'albero Grigio, Melo In Fiore, Molo E Oceano, Composizione N 2, Broadway Boogie-Woogie. Van Doesburg. Rietveld. École De Paris Chagall: La Passeggiata, Alla Russia, Agli Asini E Agli Altri. Rouault. Soutine. Brancusi: Maiastra Modigliani: Testa, Lunia Czechowska, Leopold Zborowskij, Nudo Sdraiato A Braccia Aperte. Metafisica De Chirico: L'enigma Dell'ora, La Torre Rossa, Canto D'amore, Le Muse Inquietanti, Autoritratto. Carra'.Savinio. Dada Arp: Collage.Hausmann: Tatlin A Casa.Hoch.Heartfield. Schwitters: Merzbau.Picabia: Il Fanciullo Carburatore. Man Ray: L enigma Di Isidore Ducasse, Le Violon D ingres, Cadeau. Duchamp: Nudo Che Scende Le Scale, Fontana, Ruota Di Bicicletta, L.H.O.O.Q., Il Grande Vetro, Rrose Selavy Surrealismo Ernst: Oedipus Rex, L occhio Delsilenzio, La Foresta. Masson. Tanguy. Delvaux. Miro': Il Carnevale Di Arlecchino, Il Bell uccello Che Svela Cio Che Non Si Conosce A Una Coppia Di Innamorati. Dali': La Persistenza Della Memoria, Sogno Causato Dal Volo Di Un ape, Venere Di Milo A Cassetti. Magritte: Gli Amanti, La Condizione Umana I, L'uso Della Parola, L impero Delle Luci. Nuova Oggettivita' Grosz: Sguardo Sulla Metropoli, Le Colonne Della Societa'. Dix: Trittico Della Metropoli, Pragerstrasse. Ritorno All'ordine Carra': Il Pino Sul Mare, Estate.. Novecento, Arte E Totalitarismo Funi: La Terra, Mose Con Le Tavole Della Legge.Marussig: Donne Al Caffe. Sironi: Paesaggio Urbano, L'allieva, Il Lavoro. Casorati: Meriggio, Silvana Cenni.Morandi: Natura Morta. Campigli: Famiglia. Scuola Romana Mafai: Demolizioni Di Via Giulia. Scipione: Il Cardinal Decano. Guttuso: Crocifissione. Scultura In Italia Documento del quindici maggio Pagina 25 di 36

26 Martini: Ilbevitore, La Sete.Marini: Popolo, Cavaliere. Wildt: Ritratto Di Arturo Ferrarin. Manzu': Crocifissione, Grande Cardinale. Astrattismo Moholy-Nagy. Magnelli. Bill. Calder. Melotti. Licini. Rho. Muralismo Messicano Realismo In U.S.A. Hopper: Automat, I Nottambuli, Domenica Di Primo Mattino. Architettura Organica, Architettura Razionalista Scuola Di Chicago Wright: Robie House, Imperial Hotel, Casa Kaufmann, Guggenheim Museum. Beherens Gropius E Bauhaus Mies Van Der Rohe: Padiglione Di Barcellona, Casa Tugendhat Seagram Building. Le Corbusier: Ville Savoye, Unite' D'habitation, Notre Dame Du Haut, Chandigarh. Razionalismo In Italia Muzio. Gruppo 7. Terragni: Casa Del Fascio. Piacentini. Michelucci Aalto: Sanatorio Di Paimio. La Pittura Italiana Del Dopoguerra:Astrazione O Realismo Bacon : Painting, Autoritratto, Ritratto Di Innocenzo X. Freud Moore: Figura Distesa, Tube Shelter. Sutherland Giacometti: L uomo Che Cammina. Action Painting E Color Field Painting Pollock: The Moon Woman, Foresta Incantata, Number 27, Blue Poles, The Deep. De Kooning.Kline.Francis.Tobey. Rothko: Sacrifice, Untitled.Newman.Still Informale Europeo Fautrier. Dubuffet. Tapies.Wols.Hartung. Co.Br.A. Capogrossi. Burri: Sacco 5p, Rosso Plastica, Cretto,Il Grande Cretto. Vedova: Sopraffazione N 1. Morlotti. Baj.Dangelo. Fontana: Scultura Astratta, Concetto Spaziale Al Neon, Concetto Spaziale, Buchi, Concetto Spaziale, Attese. New Dada E Pop Rauschenberg: Monogram, Bed. Johns: Three Flags. Warhol: Campbell s Soup Can 1, Brillo Soap Pads, Electric Chair (Red), Shot Red Marilyn. Lichtenstein. Oldenburg. Nouveau Realisme Klein: Blue Monochrome, Anthropometries Arman. Cesar. Tinguely. Rotella Documento del quindici maggio Pagina 26 di 36

1. Programma svolto. Allegato A. Anno scolastico 2018/2019. Classe: VD Disciplina: Matematica con informatica Docente: Adinolfi Fabrizio Giuseppe

1. Programma svolto. Allegato A. Anno scolastico 2018/2019. Classe: VD Disciplina: Matematica con informatica Docente: Adinolfi Fabrizio Giuseppe Allegato A Anno scolastico 2018/2019 Classe: VD Disciplina: Matematica con informatica Docente: Adinolfi Fabrizio Giuseppe 1. Programma svolto Tutto lo svolgimento del programma è stato improntato e finalizzato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2016-17 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5Csc Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2015-16 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5Dsc Indirizzo:

Dettagli

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini ANNO SCOLASTICO 2017/2018 CLASSE 5. SEZ. A.. INDIRIZZO Linguistico. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Audenino Luciana MATEMATICA Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 5^ SEZ E A.S. 2018/2019. Estremo superiore ( inferiore), massimo ( minimo ) di una funzione razionale

PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 5^ SEZ E A.S. 2018/2019. Estremo superiore ( inferiore), massimo ( minimo ) di una funzione razionale PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 5^ SEZ E A.S. 2018/2019 Definizione e classificazione delle funzioni Dominio di una funzione Determinazione del dominio di una funzione razionale Segno di una funzione Studio

Dettagli

Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Fisica. Programmazione classi quinte. Sezione A Architettura

Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Fisica. Programmazione classi quinte. Sezione A Architettura Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Fisica Docente Patrizia Domenicone Programmazione classi quinte Sezione A Architettura Maurits C. Escher, Relatività, 1953, litografia Programmazione

Dettagli

Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2018/2019. Programmazione Didattica. Classe V sez. E

Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2018/2019. Programmazione Didattica. Classe V sez. E Liceo Artistico Statale A.Caravillani Anno Scolastico 2018/2019 Programmazione Didattica Classe V sez. E Materia: Matematica Prof.ssa Eliana d Agostino Modulo 1 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Le funzioni,

Dettagli

ESAME DI STATO 2015 DISCIPLINA: MATEMATICA E FISICA DOCENTE: MINA MARIA LETIZIA CLASSE III SEZ. D Attività didattico-curricolari condotte nell anno sc

ESAME DI STATO 2015 DISCIPLINA: MATEMATICA E FISICA DOCENTE: MINA MARIA LETIZIA CLASSE III SEZ. D Attività didattico-curricolari condotte nell anno sc ESAME DI STATO 2015 DISCIPLINA: MATEMATICA E FISICA DOCENTE: MINA MARIA LETIZIA CLASSE III SEZ. D Attività didattico-curricolari condotte nell anno scolastico 2014-2015 PROFILO DELLA CLASSE La sottoscritta

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: MARCO MARCHESINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: MARCO MARCHESINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE DOCENTE: MARCO MARCHESINI CLASSE V SEZ. SCIENZE APPLICATE A.S.05 /06. OBIETTIVI E COMPETENZE. OBIETTIVI

Dettagli

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2017/2018. Programmazione Didattica. Fisica. Classe V sez. D

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2017/2018. Programmazione Didattica. Fisica. Classe V sez. D IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani Anno Scolastico 2017/2018 Programmazione Didattica Fisica Classe V sez. D Modulo 1 Modulo 2 Modulo 4 Titolo Elettrostatica Elettrodinamica Magnetismo Elettromagnetismo

Dettagli

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini ANNO SCOLASTICO 2018/2019 CLASSE 5 SEZ. A INDIRIZZO Linguistico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Audenino Luciana MATEMATICA Leonardo Sasso: Nuova Matematica a colori-vol 5 Petrini

Dettagli

Disciplina: MATEMATICA. Indirizzo: P.N.I. - Piano Nazionale Informatica Classe 5^ Sez. B Liceo Scientifico A. Einstein. Docente: Prof.

Disciplina: MATEMATICA. Indirizzo: P.N.I. - Piano Nazionale Informatica Classe 5^ Sez. B Liceo Scientifico A. Einstein. Docente: Prof. Istituto Istruzione Secondaria Superiore I.P.S.S.S. M. Lentini - * Liceo Sc. A. Einstein Via Giusti, 1 74017 MOTTOLA (TA) Tel.Fax 099.8862888 Tel.Fax 099.8867272 e-mail: ipsss.lentini@libero.it web: www.lentinieinstein-mottola.it

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2018/19 CLASSE 5^BC Indirizzo di studio Liceo classico Docente Disciplina Celotto Dario MATEMATICA

Dettagli

Programmazione di Fisica Classe 5 F A.S. 2016/2017

Programmazione di Fisica Classe 5 F A.S. 2016/2017 Programmazione di Fisica Classe 5 F A.S. 2016/2017 Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Le onde elastiche e il suono La luce Elettrostatica La corrente elettrica continua Elettromagnetismo Contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: LICEO CLASSICO di ORDINAMENTO CLASSE: 3 SEZIONE: D DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: DE ZUCCATO GIOIA QUADRO ORARIO (N. ore settimanali

Dettagli

Liceo artistico ALESSANDRO CARAVILLANI A.S Programmazione di FISICA Classe 5 C Indirizzo:Design della Moda Prof.ssa Valentina Bartolini

Liceo artistico ALESSANDRO CARAVILLANI A.S Programmazione di FISICA Classe 5 C Indirizzo:Design della Moda Prof.ssa Valentina Bartolini Liceo artistico ALESSANDRO CARAVILLANI A.S. 2018-2019 Programmazione di FISICA Classe 5 C Indirizzo:Design della Moda Prof.ssa Valentina Bartolini Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Modulo 5 Le onde elastiche

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE

PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. BERETTA PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE SCUOLA LICEO INDIRIZZO SCIENZE UMANE E LES ARTICOLAZIONE ANNO SCOLASTICO 2018/19 CLASSI 5 E 5 G DISCIPLINA FISICA DOCENTI

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ANTONIO PESENTI CASCINA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2017-2018 PROF. Antonio Santamaria MATERIA: MATEMATICA CLASSE 5D INDIRIZZO Liceo Linguistico

Dettagli

Programmazione di Matematica Classe 5B a.s

Programmazione di Matematica Classe 5B a.s Programmazione di Matematica Classe 5B a.s. 2017-2018 Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Titolo Le funzioni e le loro proprietà I limiti e la continuità Il calcolo differenziale Lo studio delle funzioni

Dettagli

OBIETTIVI RAGGIUNTI: nonostante le difficoltà iniziali gli alunni hanno raggiunto un livello pienamente sufficiente.

OBIETTIVI RAGGIUNTI: nonostante le difficoltà iniziali gli alunni hanno raggiunto un livello pienamente sufficiente. ISTITUTO SCOLASTICO PARITARIO SAVOIA CLASSE V LICEO DELLE SCIENZE UMANE ANNO SCOLASTICO 2014/15 MATERIA: MATEMATICA SCHEDA INFORMATIVA ANALITICA DOCENTE: PROF.SA M. ACCURSO PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Scuole Manzoni

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Scuole Manzoni FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Scuole Manzoni PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Matematica DOCENTE: Dari Giovanni CLASSE : V A.S.2017 /2018 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n /12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n /12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN Via Parini 10 35028 PIOVE DI SACCO - PD

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN Via Parini 10 35028 PIOVE DI SACCO - PD LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN Via Parini 10 35028 PIOVE DI SACCO - PD Programma di Matematica della classe 5BS. -Anno scolastico 2010/2011 Prof. Fernando D Angelo Libro di testo: N. Dodero - P.

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S.2014-2015 SCUOLA Liceo Manzoni DOCENTE: Anna Simonelli MATERIA: Storia dell Arte Classe 5 Sezione G FINALITÀ DELLA DISCIPLINA OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze,

Dettagli

PIANO ANNUALE DI FISICA Classe V Liceo Classico sez. D A.S. 2018/2019

PIANO ANNUALE DI FISICA Classe V Liceo Classico sez. D A.S. 2018/2019 PIANO ANNUALE DI FISICA Classe V Liceo Classico sez. D A.S. 2018/2019 Docente Diana Trasatti Situazione iniziale della classe La classe, costituita da 32 alunni, risulta, in generale, ben disposta alle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: Liceo classico con potenziamento della Storia dell Arte CLASSE: 3 SEZIONE: H DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Donatella Borgo QUADRO

Dettagli

Programmazione Individuale a.s

Programmazione Individuale a.s Programmazione Individuale a.s. 2017-2018 DISCIPLINA MATEMATICA LIBRO DI TESTO MATEMATICA MULTIMEDIALE.AZZURRO 5 Ed. ZANICHELLI DOCENTE GENNA FRANCECSA Classe 5^ Sezione G Liceo LINGUISTICO A. s. Classe

Dettagli

I NUOVI LICEI LICEO ARTISTICO. Profili, indirizzi e quadri orari dei licei. Profilo generale

I NUOVI LICEI LICEO ARTISTICO. Profili, indirizzi e quadri orari dei licei. Profilo generale Profili, indirizzi e quadri orari dei licei LICEO ARTISTICO Profilo generale Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovr: conoscere la storia della produzione artistica e architettonica e

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO LICEO STATALE G. CARDUCCI Scienze Umane, Linguistico, Scienze Umane opzione Economicosociale Via S.Zeno 3 56127 Pisa TEL 050 555122 Fax 050 553014 C. F. 80006190500 Cod. Mecc. PIPM030002 www.carducci.scuole.pisa.it

Dettagli

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2016/2017. Programmazione Didattica. Matematica

IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani. Anno Scolastico 2016/2017. Programmazione Didattica. Matematica IV Liceo Artistico Statale A.Caravillani Anno Scolastico 2016/2017 Programmazione Didattica Matematica Classe V sez. D Modulo 1 Modulo 2 Modulo 3 Modulo 4 Titolo Funzioni Limiti Derivate Lo studio delle

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2018/19 CLASSE 4CS Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Roberta Confalonieri

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO S. CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017/18 INDIRIZZO TECNICO TECNOLOGICO (meccanica e meccatronica) CLASSE: 4 BM DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: D ANTUONO QUADRO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE PROF. EVANGELISTI PAOLO. (da allegare al registro personale)

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE PROF. EVANGELISTI PAOLO. (da allegare al registro personale) PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2017 2018 CLASSE V SEZ. L MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE PROF. EVANGELISTI PAOLO (da allegare al registro personale) LIVELLI DI PARTENZA (Caratteristiche della classe,

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n /12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n /12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007-Cod. fiscale 80016340285sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO IIS S. CECCATO ANNO SCOLASTICO 2017/2018 INDIRIZZO INFORMATICO CLASSE 4 SEZIONE B DISCIPLINA MATEMATICA DOCENTE CINZIA MASELLA QUADRO ORARIO (N. ore settimanali

Dettagli

LICEO ARTISTICO G. DE FABRIS NOVE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE DI FISICA PER LA CLASSE 5^

LICEO ARTISTICO G. DE FABRIS NOVE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE DI FISICA PER LA CLASSE 5^ LICEO ARTISTICO G. DE FABRIS NOVE PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTALE DI FISICA PER LA CLASSE 5^ Tenendo presente la situazione della classe, l attività didattica sarà rivolta a rinforzare e a potenziare gli

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2017/18 CLASSE 5^BC Indirizzo di studio Liceo classico Docente Disciplina Celotto Dario FISICA

Dettagli

Programmazione Individuale a.s DISCIPLINA Fisica. LIBRO DI TESTO Le basi della fisica S. Fabbri M. Masini S.E.I. DOCENTE Anna Isaia

Programmazione Individuale a.s DISCIPLINA Fisica. LIBRO DI TESTO Le basi della fisica S. Fabbri M. Masini S.E.I. DOCENTE Anna Isaia Programmazione Individuale a.s. 2016-2017 DISCIPLINA Fisica LIBRO DI TESTO Le basi della fisica S. Fabbri M. Masini S.E.I. DOCENTE Anna Isaia Classe 5 Sezione C Liceo Scienze Umane A.s. Classe Indirizzo

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA A.S.2012/2013 CLASSE V D DOCENTE.:AMBROSINO PAOLA PREMESSE ALL ANALISI INFINITESIMALE -Insiemi numerici -Intervalli e intorni

PROGRAMMA DI MATEMATICA A.S.2012/2013 CLASSE V D DOCENTE.:AMBROSINO PAOLA PREMESSE ALL ANALISI INFINITESIMALE -Insiemi numerici -Intervalli e intorni PROGRAMMA DI MATEMATICA A.S.2012/2013 CLASSE V D DOCENTE.:AMBROSINO PAOLA PREMESSE ALL ANALISI INFINITESIMALE -Insiemi numerici -Intervalli e intorni -.Funzioni -Determinazione del dominio di una funzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2017 / 2018 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: Boni Cristina Classe: 4 Indirizzo: Servizi Commerciali Ore di insegnamento settimanale: 3 Matematica.rosso

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 12 settembre 2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI MATEMATICA A. S. 2013/2014

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 12 settembre 2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI MATEMATICA A. S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI MATEMATICA A. S. 2013/2014 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

2. CONTENUTI DISCIPLINARI 1 quadrimestre

2. CONTENUTI DISCIPLINARI 1 quadrimestre FONDAZIONE MALAVASI Istituto Tecnico dei Trasporti e della Logistica (Conduzione del mezzo aereo) PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Elettrotecnica Elettronica e Automazione DO- CENTE:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO MATEMATICA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO LICEO DELLE SCIENZE UMANE 1. OBIETTIVI GENERALI DELL ASSE MATEMATICO Inquadrare le conoscenze in un sistema coerente Utilizzare le

Dettagli

Programmazione classi quinte Sezione A Architettura

Programmazione classi quinte Sezione A Architettura Liceo Artistico Statale A. Caravillani Dipartimento di Matematica Docente Patrizia Domenicone Programmazione classi quinte Sezione A Architettura Enrico Ravà, Mare di casa, 2000 Programmazione di Matematica

Dettagli

DISCIPLINA FISICA

DISCIPLINA FISICA Programmazione Individuale a.s. 2017-2018 DISCIPLINA FISICA LIBRO DI TESTO LE BASI DELLA FISICA PER IL QUINTO ANNO DEI LICEI ED.SEI DOCENTE MANZO VINCENZA PATRIZIA Classe 5 Sezione I Liceo LINGUISTICO

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 V H

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 V H ISIS Guido Tassinari Pozzuoli (NA) Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 V H Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe V sezione H è costituita da un gruppo di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE

PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE PROGRAMMAZIONE DEL DOCENTE Anno Scolastico 2018/2019 Materia di insegnamento: Matematica. Classe Quinta A M ; Docente: DEL VECCHIO Concetta Data di consegna: Firma del docente: Firma del responsabile della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. a.s. 2017/18

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. a.s. 2017/18 Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2017/18 CLASSE 4CS Indirizzo di studio Liceo Scientifico Nuovo ordinamento Docente Disciplina Prof.ssa

Dettagli

Liceo Ettore Majorana ad indirizzo Scientifico e Linguistico

Liceo Ettore Majorana ad indirizzo Scientifico e Linguistico DOCENTE Riccardo Tulli MATERIA Fisica ORE SVOLTE alla data di pubblicazione del documento 65 ORE PREVISTE dalla data di pubblicazione del documento alla fine delle lezioni 12 A.S. 2018-19 CLASSE V SEZIONE

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Istituto Professionale Servizi Socio Sanitari articolazione Odontotecnico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro

I.I.S. C. MARCHESI. Piano Annuale di Lavoro Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2016/2017 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE ROBERTA CIRINCIONE CL.5 SEZ. AM MATERIA Matematica 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE La classe ha un comportamento sostanzialmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S.

PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S. PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE SECONDO BIENNIO A.S. 20../20.. CONSIGLIO DELLA CLASSE COORDINATORE DATA ELABORAZIONE DATA APPROVAZIONE Classe 1. LIVELLI DI PARTENZA - ESITO DI TEST

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: LICEO CLASSICO di ORDINAMENTO CLASSE: 2 SEZIONE: D DISCIPLINA: FISICA DOCENTE: DE ZUCCATO GIOIA QUADRO ORARIO (N. ore settimanali

Dettagli

Docente: Elena SALA A.S. 2018/19

Docente: Elena SALA A.S. 2018/19 Tel. 0331 635718 fax 0331 679586 info@isisfacchinetti.edu.it https://isisfacchinetti.edu.it ISIS C. Facchinetti Sede: via Azimonti, 5-21053 Castellanza PROGRAMMA SVOLTO E RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Rev.

Dettagli

Antonio Pesenti. I stituto di I struzione S uperiore S tatale

Antonio Pesenti. I stituto di I struzione S uperiore S tatale I stituto di I struzione S uperiore S tatale Antonio Pesenti Liceo Linguistico - Liceo Scientifico Liceo Scientifico delle Scienze Applicate Liceo Sportivo - Istituto Tecnico Economico 1. COMPETENZE TRASVERSALI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico 2015/2016 II biennio e V anno Liceo Linguistico

PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico 2015/2016 II biennio e V anno Liceo Linguistico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo G. Piazzi - C. Lena Perpenti Via Tonale 23100 SONDRIO tel.: 0342211766-0342514585 fax : 0342519470 PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. a.s. 2018/19

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE. a.s. 2018/19 Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2018/19 CLASSE 3^CS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Disciplina Michela Ciuffreda

Dettagli

LICEO STATALE CARLO TENCA? MILANO

LICEO STATALE CARLO TENCA? MILANO LICEO STATALE CARLO TENCA? MILANO P. I. 80126370156 Cod. Mecc. MIPM11000D Bastioni di Porta Volta,16 20121 Milano Tel. 02.6551606 Fax 02.6554306 C. F. 80126370156 - Cod. Mecc. MIPM11000D Email: mipm11000d@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ANNO SCOLASTICO 2018-2019 DIPARTIMENTO DISCIPLINARE Matematica e Fisica QUINTO ANNO FISICA Del liceo delle Scienze Umane opzione economico sociale Curvatura Biomedico MO.02.03

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO Settore Servizi Scolastici e Educativi PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2015/16 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: C. FRESCURA MATERIA: MATEMATICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Marta Maniero CL. 5 SEZ. AL MATERIA Matematica

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Marta Maniero CL. 5 SEZ. AL MATERIA Matematica Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2018/2019 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Marta Maniero CL. 5 SEZ. AL MATERIA Matematica 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE La classe ha un comportamento molto corretto, partecipa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: LICEO CLASSICO, POTENZIAMENTO AREA SCIENTIFICA CLASSE: III SEZIONE: F PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA DISCIPLINA: FISICA DOCENTE: CINZIA DE GRANDIS QUADRO ORARIO

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE ANNO SCOLASTICO 2018/2019 CLASSE V SEZ.B INDIRIZZO scientifico DOCENTE MATERIA TESTI Prof.ssa MARTELLA Maria Vita Matematica Limiti e continuità La Nuova Matematica a colori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. Einstein

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. Einstein LICEO SCIENTIFICO STATALE A. Einstein PROGRAMMA CONSUNTIVO MATEMATICA Classe V L Anno Scolastico 2017-2018 Docente: prof. Barbara Veronesi Ore di insegnamento: 4 settimanali Analisi matematica 1. Ripasso

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: GIOVANNI DARI CLASSE 3 SEZ. A A.S.2018 /2019 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI, CLIMA DI LAVORO E PROFITTO COMPETENZE - RISULTATI RAGGIUNTI

COMPORTAMENTO DEGLI STUDENTI, CLIMA DI LAVORO E PROFITTO COMPETENZE - RISULTATI RAGGIUNTI Tel. 0331 635718 fax 0331 679586 info@isisfacchinetti.edu.it https://isisfacchinetti.edu.it ISIS C. Facchinetti Sede: via Azimonti, 5-21053 Castellanza PROGRAMMA SVOLTO E RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Rev.

Dettagli

Piano Offerta Formativa Liceo Candiani- Bausch I CURRICULA E I PROFILI IN USCITA DEL LICEO ARTISTICO CANDIANI. LA STRUTTURA ORARIA

Piano Offerta Formativa Liceo Candiani- Bausch I CURRICULA E I PROFILI IN USCITA DEL LICEO ARTISTICO CANDIANI. LA STRUTTURA ORARIA Cap. 4 I CURRICULA E I PROFILI IN USCITA DEL LICEO ARTISTICO CANDIANI. LA STRUTTURA ORARIA 4a. Obiettivi specifici e d indirizzo...2 4b. Quadro orario biennio comune 3 4c. Il Triennio d indirizzo : profili

Dettagli

LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE "LOUIS PASTEUR"

LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE LOUIS PASTEUR Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE "LOUIS PASTEUR" Via G. Barellai, 130-00135 ROMA 06121123440-063386628 0630602920

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 INDIRIZZO SCOLASTICO MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA DISCIPLINA MATEMATICA DOCENTE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: MATEMATICA Classe: 4B IPSC A.S. 2014/15 Docente: Cinzia MASELLA

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: MATEMATICA Classe: 4B IPSC A.S. 2014/15 Docente: Cinzia MASELLA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: MATEMATICA Classe: 4B IPSC A.S. 2014/15 Docente: Cinzia MASELLA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 4B è composta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II REPORT ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 1/17 Docente Funzione Strumentale: Sorgente Cristina I docenti dell Istituto portano avanti da molti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI PAOLO II REPORT ATTIVITA DI PROGRAMMAZIONE E VALUTAZIONE ANNO SCOLASTICO 1/17 Docente Funzione Strumentale: Sorgente Cristina I docenti dell Istituto portano avanti da molti

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ALL. A RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia MATEMATICA Classe 5^ A A.S. 2012-2013 1.SITUAZIONE DELLA CLASSE La classe è costituita da 15 allievi di cui 2 ripetenti; mi è stata affidata quest anno scolastico.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI - SOCIALI L.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI COMMERCIALI TURISTICI - SOCIALI L. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSI IP A.S. 2018/2019 DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSE: Quarta INDIRIZZO Servizi: socio-sanitario, commerciale, ottico DOCENTI (firma per condivisione della programmazione) Di

Dettagli

Anno scolastico Classe 5 sez Docente. Tatiana V. Guarriero Disciplina Matematica

Anno scolastico Classe 5 sez Docente. Tatiana V. Guarriero Disciplina Matematica Anno scolastico 2017-2018 Classe 5 sez M Docente Tatiana V. Guarriero Disciplina Matematica FINALITÀ Il percorso quinquennale si fonda su una programmazione che mira alla sollecitazione nell alunno delle

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SPORTIVO

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SPORTIVO FONDAZIONE MALAVASI LICEO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Matematica DOCENTE: Trevisan Paolo CLASSE I SEZ. (SP) A.S.2018 /2019 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 1.1 OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

Dettagli

MODULI DI FISICA (QUINTO ANNO)

MODULI DI FISICA (QUINTO ANNO) DIPARTIMENTO SCIENTIFICO Asse* Matematico Scientifico - tecnologico Triennio MODULI DI FISICA (QUINTO ANNO) SUPERVISORE DI AREA Prof. FRANCESCO SCANDURRA MODULO N. 1 ELETTROSTATICA 1-2 TRIMESTRE U.D. 1.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2O16-2O17

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2O16-2O17 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ANTONIO PESENTI CASCINA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2O16-2O17 PROF. Antonella Procelli MATERIA: Matematica CLASSE 5E INDIRIZZO: Scientifico

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE

PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. BERETTA PROGETTAZIONE DIDATTICA DEL DOCENTE SCUOLA INDIRIZZO ARTICOLAZIONE LICEO SCIENZE UMANE ANNO SCOLASTICO 2018/19 CLASSI V E DISCIPLINA MATEMATICA DOCENTI BELLERI

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA E COMPLEMENTI DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA E COMPLEMENTI DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Istituto Tecnico settore Tecnologico articolazione Biotecnologie Sanitarie RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

Dettagli

MATEMATICA CLASSE V A MAT DOCENTE: PASSALACQUA LORENA A.S

MATEMATICA CLASSE V A MAT DOCENTE: PASSALACQUA LORENA A.S MATEMATICA CLASSE V A MAT DOCENTE: PASSALACQUA LORENA A.S 2018-19 CLASSE: V Modulo n : 1 TITOLO: COMPLETAMENTO DELLO STUDIO DI FUNZIONE PERIODO: SETTEMBRE NOVEMBRE DEFINIZIONE DEI PREREQUISITI: Concetto

Dettagli

MATEMATICA CLASSE V D SSS DOCENTE: PASSALACQUA LORENA A.S

MATEMATICA CLASSE V D SSS DOCENTE: PASSALACQUA LORENA A.S MATEMATICA CLASSE V D SSS DOCENTE: PASSALACQUA LORENA A.S 2018-19 CLASSE: V Modulo n : 1 TITOLO: COMPLETAMENTO DELLO STUDIO DI FUNZIONE PERIODO: SETTEMBRE NOVEMBRE DEFINIZIONE DEI PREREQUISITI: Concetto

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2016-2017 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: V CSA Indirizzo:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2017/18 CLASSE 5^ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico delle Scienze Applicate Docente Disciplina

Dettagli

Programma di Matematica - 5A

Programma di Matematica - 5A Programma di Matematica - 5A U.D.1 U.D.2 U.D.3 U.D.4 Premesse all'analisi infinitesimale: Intervalli numerici limitati e illimitati, massimo e minimo, estremo superiore e inferiore. Punto di accumulazione

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Matematica DOCENTE: Trevisan Paolo CLASSE I SEZ. (SC) (SA) A.S.2018

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016 II biennio e V anno Liceo Classico. CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO classico

Anno scolastico 2015/2016 II biennio e V anno Liceo Classico. CLASSE 5 SEZIONE A INDIRIZZO classico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO G. Piazzi - C. Lena Perpenti Via Tonale 23100 SONDRIO tel.: 0342211766-0342514585 fax : 0342519470 PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA ANNO SCOLASTICO: 2018/2019 INDIRIZZO: LICEO CLASSICO con potenziamento della Storia dell Arte CLASSE: I SEZIONE: H PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DI MATERIA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: CINZIA DE GRANDIS

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: TECNOLOGIA DOCENTE: Golinucci Valentina CLASSE 1 SEZ. A A.S.2016 /2017 1. OBIETTIVI E

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. BERETTA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. BERETTA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE C. BERETTA PROGETTAZIONE DIDATTICA DI DIPARTIMENTO SCUOLA INDIRIZZO ARTICOLAZIONE LICEO ANNO SCOLASTICO 2018/19 CLASSI V G SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO- SOCIALE DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSE V D

PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSE V D PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CLASSE V D Servizi Socio Sanitari AS 2017/2018 prof. Scano Francesco CLASSE: V Modulo n : 1 TITOLO: RIPASSO SULLE FUNZIONI PERIODO: SETTEMBRE-OTTOBRE DEFINIZIONE DEI PREREQUISITI:

Dettagli

Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia

Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia Liceo Artistico M. Fabiani Gorizia architettura e ambiente design moda arti figurative pittura/scultura Piazzale Medaglie d Oro 2-34170 Gorizia wwww.liceoartegorizia.it Istituto Statale D'Arte M. Fabiani

Dettagli

MATEMATICA E FISICA (classe 5B, a.s. 2014/2015)

MATEMATICA E FISICA (classe 5B, a.s. 2014/2015) MATEMATICA E FISICA (classe 5B, a.s. 2014/2015) Docente: prof. Lino Talloru. Ore settimanali: matematica (2); fisica (2) Obiettivi della materia (matematica) A. Globali e a lungo termine Sviluppare le

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE - LICEO SCIENTIFICO ANTONIO PESENTI CASCINA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE Anno scolastico 2016/2017 PROF. COSTANTINA CACIAGLI MATERIA: FISICA CLASSE: VF Liceo Scientifico indirizzo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 3^B RIM A.S. 2015/2016

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 3^B RIM A.S. 2015/2016 Disciplina: Tedesco Classe: 3^B RIM A.S. 2015/2016 Docente: Cerchiaro Annamaria ANALISI DI SITUAZIONE Il gruppo classe presenta nel complesso un attenzione costante alla lezione. La partecipazione al lavoro

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico Materia: Fisica e Laboratorio

PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico Materia: Fisica e Laboratorio ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Leonardo da Vinci con sez. Commerciale annessa BORGOMANERO PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2018 2019 Materia: Fisica e Laboratorio Classe: SECONDA Sezione A-G-H Data di presentazione:

Dettagli

Stampa Preventivo. A.S Pagina 1 di 5

Stampa Preventivo. A.S Pagina 1 di 5 Stampa Preventivo A.S. 2009-200 Pagina di 5 Insegnante VISINTIN ANTONELLA Classe 5BL Materia fisica preventivo ore consuntivo ore 62 titolo modulo set ott nov dic gen feb mar apr mag giu prev cons 62 Competenze

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Ceporina Francesco Disciplina: Matematica Classe: 1ª F 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo B- Discreto / Buono 7 C

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina: MATEMATICA a.s. 2018/2019 Classe: QUINTA Sez. Y INDIRIZZO: ELETTROTECNICA Docente: Prof.ssa Giuseppina Putzu ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA La classe

Dettagli

Anno scolastico Secondo biennio e Quinto anno Liceo Linguistico. CLASSE 5 SEZIONE B L. Linguistico

Anno scolastico Secondo biennio e Quinto anno Liceo Linguistico. CLASSE 5 SEZIONE B L. Linguistico Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO G. Piazzi - C. Lena Perpenti Via Tonale 23100 SONDRIO tel.: 032211766-03251585 fax : 03251970 PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITÀ DIDATTICA PIANO

Dettagli