PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - approvato dal Consiglio di Istituto del 9 luglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - approvato dal Consiglio di Istituto del 9 luglio 2014 -"

Transcript

1 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - approvato dal Consiglio di Istituto del 9 luglio 0 -

2 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag di INDICE L'IDENTITÀ DELLA SCUOLA... L'OFFERTA CURRICOLARE... OPPORTUNITÀ PER GLI STUDENTI E PROGETTAZIONE EXTRACURRICOLARE... RAPPORTI CON IL TERRITORIO... PROGETTAZIONE EDUCATIVA ED ORGANIZZATIVA... RENDICONTAZIONE, VALUTAZIONE E CONTROLLO... ALLEGATI... A. Conteggio ore annuale di lezione per i diversi corso A. Orario settimanale delle lezioni A. Criteri per l assegnazione del voto relativo al profitto A. Criteri per l assegnazione del voto relativo al comportamento A5. patto scuola-famiglia A6. sperimentazione in una classe informatica a.s. 0/05 PREMESSA Il Piano dell'offerta Formativa (P.O.F.) è il documento che definisce l identità dell Istituto e riporta la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa e organizzativa che questa scuola adotta nell'ambito dell'autonomia. Il Piano dell'offerta formativa è coerente con gli obiettivi generali e educativi dei diversi indirizzi di studio e riflette le esigenze del contesto culturale, sociale ed economico del territorio. Il POF è stato elaborato dal Collegio dei Docenti in base a: Indirizzi generali definiti dal Consiglio di Istituto, con il contributo di tutte le sue componenti: genitori, studenti, docenti, personale ATA. Rapporti con le diverse realtà istituzionali, culturali, sociali ed economiche operanti sul territorio, compreso il Comitato Tecnico Scientifico, con ruolo consultivo e propositivo. Scelte di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio di Istituto. Questo Piano è valido fino al prossimo aggiornamento. Annualmente il Collegio dei Docenti decide, entro il mese di dicembre, se aggiornare e/o integrare il POF approvato. Altri documenti fondamentali per la vita della scuola, strettamente connessi all'attuazione del POF, sono: Piano Annuale delle Attività; Piano dei Progetti, Attività e Corsi aggiuntivi pomeridiani; Regolamento di Istituto (contenente il codice disciplinare); Carta dei Servizi. Il P.O.F., con i suoi allegati e integrazioni, e i sopra citati documenti, sono consultabili sul sito web della scuola: ed esposti all albo on line.

3 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag di L'IDENTITÀ DELLA SCUOLA Storia dell Istituto L'Istituto Tecnico Industriale Statale G. Marconi ha iniziato a Pontedera la sua attività nell'anno scolastico 96/65, come sezione staccata dell ITIS di Pisa. La sede era allora nella zona centrale di Pontedera, in Piazza Andrea di Pontedera, e nell'istituto era attivata la sola specializzazione di Meccanica Industriale. L'Istituto è nato allora per dare risposta al bisogno di tecnici specializzati che la realtà produttiva del territorio esprimeva: la presenza a Pontedera di una delle maggiori imprese metalmeccaniche del Paese, la Piaggio con il suo indotto, ha favorito questa nascita. Nell'anno scolastico 97/7 l'itis "G. Marconi" è divenuto autonomo e dall'a.s. 98/8 si è trasferito nel nuovo edificio all'interno del Villaggio Scolastico in località Oltr'Era. Nell'A.S. 98/85 è stata attivata la specializzazione di Elettronica Industriale, trasformatasi poi in corso sperimentale "AMBRA" e successivamente nel corso di Elettronica e Telecomunicazioni. Anche la specializzazione originaria di Meccanica Industriale si è negli anni trasformata: prima nel corso sperimentale "ERGON" e infine nel corso di Meccanica, immutato nel nome ma profondamente innovato nei contenuti rispetto a quello originario. Negli anni l'istituto si è impegnato sul terreno della sperimentazione con l'obiettivo di ampliare e diversificare l'offerta formativa: nell'a.s. 996/97 è stato attivato l'indirizzo sperimentale Scientifico Tecnologico (che permette di acquisire il diploma di maturità scientifica) al quale si è affiancato nell'a.s. 997/98 il Liceo Tecnico, cioè la sperimentazione del "Biennio Progetto Autonomia", caratterizzata da rilevanti innovazioni didattiche ed organizzative. Dall'anno scolastico 999/000 quest'ultima sperimentazione è proseguita nel triennio con l'indirizzo "Tecnologie Informatiche e delle Comunicazioni", costituendo di fatto, allora, l'unico corso indirizzato all'informatica industriale della provincia di Pisa. L esperienza didattica maturata e le dotazioni strumentali acquisite nello sviluppo del Liceo Tecnico hanno portato nell A.S. 009/00 ad attivare una nuova specializzazione; quella di Informatica Abacus, unica nella Provincia di Pisa. Nell A.S. 009/0, a seguito dei provvedimenti ministeriali di riordino dell Istruzione Tecnica, l offerta formativa dell Istituto si è modificata, a partire dalle classi prime. Per il Settore Tecnologico il corso di Meccanica è confluito nell indirizzo di Meccanica, Meccatronica ed Energia, articolazione Meccanica Meccatronica; il corso di Elettronica Telecomunicazioni è confluito nell Indirizzo Elettronica Elettrotecnica, articolazione Elettronica; i Corsi di Liceo Tecnico e Informatica Abacus sono confluiti nell indirizzo Informatica Telecomunicazioni, articolazioni di Telecomunicazioni e di Informatica. Per il Settore Liceale il Corso Liceo Scientifico-Tecnologico è confluito nel Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate. Dall A.S. 0/0 è stata attivata anche l articolazione Energia dell Indirizzo di Meccanica, Meccatronica ed Energia. Dall A.S. 0/0 l Articolazione Elettronica dell Indirizzo Elettronica Elettrotecnica ha assunto la Curvatura Robotica. Questa breve ricostruzione dell evoluzione negli anni dell offerta formativa dell ITIS G. Marconi di Pontedera mostra quella che è stata la caratteristica più importante dell Istituto: l apertura all innovazione didattica e la costante attenzione alle necessità formative emergenti dal territorio. Questa capacità di innovare l offerta formativa, vincendo resistenze e corporativismi, ha premiato l Istituto con una crescita costante del numero degli alunni iscritti, come mostrato nel grafico riportato di seguito.

4

5 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 5 di L ascolto reciproco e il contatto tra docenti, studenti e famiglie La crescita umana e intellettuale in un sistema di regole chiare di convivenza Attività e progetti in ambito umanistico, storico-sociale, scientifico Educazione alla sicurezza, alla salute, all'ambiente. ) La formazione culturale di base, attraverso un biennio dell'obbligo centrato su: L acquisizione, il consolidamento o il rafforzamento di un valido metodo di studio Lo studio della lingua italiana e di quella inglese, attraverso il potenziamento delle quattro abilità di base (Reading, Writing, Speaking and Listening) La didattica laboratoriale per lo sviluppo di un approccio critico ai problemi e di una mentalità scientifica Una didattica basata su un approccio fenomenologico-induttivo legato ai contenuti delle materie delle scienze sperimentali, attraverso il quale si creino percorsi di tipo laboratoriale e successivamente elaborativo teorico, privilegiando il processo di osservazione, problematizzazione, ipotesi e verifica L introduzione e l acquisizione dei diversi linguaggi specifici (matematico, fisico, chimico ecc.) per giungere a una piena comprensione degli argomenti trattati Il consolidamento e potenziamento delle capacità logico-deduttive Il consolidamento o l acquisizione di atteggiamenti e metodi idonei alla prosecuzione degli studi. ) La formazione tecnico-scientifica di qualità, attraverso un triennio centrato su: Il mantenimento di adeguati standard di apprendimento La valorizzazione del merito Un offerta di corsi e attività aggiuntive e di certificazioni I contatti con aziende del territorio, Università e centri di ricerca e sviluppo. ) La riduzione della dispersione scolastica, attraverso: Un costante supporto agli alunni in difficoltà scolastica o relazionale (tutors) La valorizzazione dei diversi tipi di abilità Il contatto costante con le famiglie Il riorientamento interno o verso altre opportunità formative. L'OFFERTA CURRICOLARE Nell Istituto sono attivi i seguenti indirizzi con le riportate articolazioni e curvature:

6 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 6 di L Indirizzo viene scelto al momento dell iscrizione in prima. La scelta dell Articolazione all interno di un Indirizzo è effettuata al momento dell iscrizione alla classe terza. Gli indirizzi del Settore Tecnologico.. Il Biennio dell obbligo Il biennio dell'obbligo nel settore tecnologico si articola in tre indirizzi, caratterizzati ognuno da una piccola ma significativa curvatura, caratterizzante il corso di studi intrapreso. Ciò non ostacola, il passaggio dell alunno da un indirizzo a un altro, qualora egli maturi questa decisione. In generale grande attenzione è prestata allo sviluppo armonioso della persona dello studente, ai suoi bisogni umani, al rapporto con le famiglie. Sul versante culturale la massima cura è riservata al consolidamento e potenziamento del metodo di studio, al rafforzamento delle abilità di comunicazione linguistica, allo sviluppo delle capacità logico-deduttive, alle conoscenze e competenze di cittadinanza attraverso la didattica laboratoriale, vero punto forte del Marconi, per la formazione di un pensiero critico. L Indirizzo MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA articolazioni MECCANICA-MECCATRONICA ed ENERGIA Obiettivo dell indirizzo è di fornire agli studenti, oltre ad un articolata preparazione di base in ambito umanistico, storico, giuridico, competenze specialistiche sempre più complete e complesse, in modo da integrare conoscenze di meccanica, elettrotecnica, elettronica e dei sistemi informatici con le nozioni di base di fisica e chimica, economia e organizzazione industriale, per essere in grado di seguire l evoluzione continua delle tecnologie produttive... Si sceglie l indirizzo MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA per: Affrontare approfonditamente i contenuti tipici delle tecnologie meccaniche (materiali, macchine, lavorazioni, ) conseguendo comunque una valida preparazione culturale di base; Sviluppare le proprie attitudini e competenze concrete, grazie al disegno tecnico e alle attività pratiche laboratoriali; Acquisire competenze specifiche nel disegno e nella progettazione assistita dal computer (CAD); nella realizzazione di quanto progettato attraverso macchine a controllo numerico (CAM); Conoscere in modo approfondito le tecnologie utilizzate nell automazione e nel controllo dei processi industriali; Partecipare, portando le indispensabili competenze meccaniche, ai progetti d Istituto nell ambito della Robotica; Divenire, scegliendo l articolazione Meccanica e Meccatronica, un tecnico specializzato nella progettazione, realizzazione e gestione di apparati e sistemi automatici; Divenire, scegliendo l articolazione Energia, unica nella provincia di Pisa, un tecnico specializzato nei sistemi energetici e in particolare nel risparmio energetico e nelle fonti rinnovabili; Fare proprie le regole e la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro e della tutela dell ambiente; Entrare in contatto con aziende del territorio grazie all alternanza scuola-lavoro; seguire attività di orientamento sia verso il lavoro sia verso la prosecuzione degli studi in ambito universitario; Conseguire il Diploma di Istruzione Tecnica - indirizzo "Meccanica, Meccatronica ed Energia";

7 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 7 di Inserirsi immediatamente dopo il diploma nel mondo del lavoro (studi di progettazione e disegno CAD, aziende meccaniche sul territorio, installazione e manutenzione d impianti meccanici e/o energetici, ecc.); Proseguire gli studi in una qualunque facoltà universitaria. Si riporta di seguito il quadro delle lezioni settimanali: MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA DISCIPLINE E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO I II III IV V Lingua e letteratura italiana Lingua Inglese Storia Matematica geografia generale ed economica Diritto ed economia Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o Attività alternative Biennio Articolazione Meccanica Meccatronica Articolazione Energia I II III IV III IV Scienze integrate (FISICA) * Scienze integrate (CHIMICA) * Tecnologia e tecniche di rappresentazione grafica * Complementi di Matematica Meccanica, macchine ed energia Sistemi e automazione Tecnologie meccaniche di processo e di prodotto Disegno, progettazione e organizzazione industriale DISCIPLINE D'INDIRIZZO Tecnologie Informatiche ** V V Scienze e tecnologie applicate *** Impianti energetici, disegno e progettazione Ore settimanali Ore settimanali di Laboratorio per le materie d'indirizzo 8 (****) 7 (****) 0 7 (****) 0 * due ore settimanali di Laboratorio nel corso del biennio. ** due ore settimanali di Laboratorio. *** I risultati di apprendimento della disciplina denominata Scienze e tecnologie applicate, si riferiscono agli insegnamenti caratterizzanti entrambe le articolazioni presenti nel triennio. **** ore complessive nel biennio.

8 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 8 di È previsto, nella classe quinta, l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL). Il Collegio dei Docenti ha deliberato che le ore di Laboratorio siano ripartite tra le varie discipline d indirizzo nel modo riportato di seguito: Articolazione Energia Articolazione Meccanica Meccatronica III LABORATORI IV 7 V III 0 Tot. IV 7 V 0 Tot TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO DISEGNO, PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE MECCANICA, MACCHINE ED ENERGIA SISTEMI ED AUTOMAZIONE IMPIANTI ENERGETICI, DISEGNO E PROGETTAZIONE TOTALE L Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA articolazione ELETTRONICA con Curvatura ROBOTICA Lo sviluppo dei sistemi di automazione e controllo nelle case e negli ambienti di lavoro si basa sulla moderna elettronica. Per gestirli occorre personale che coniughi una buona preparazione culturale di base in ambito umanistico, storico, economico-giuridico con solide competenze tecnologiche: questo è l obiettivo principale dell indirizzo. Con la Curvatura ROBOTICA l indirizzo raccoglie in orario curricolare l esperienza svolta fino ad ora in Istituto in orario extra-curricolare all interno del Laboratorio Didattico Territoriale della Valdera e in collaborazione con l Istituto di Biorobotica del Polo della Valdera della Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. Attraverso la realizzazione di apparati robotici via via più complessi gli studenti acquisiscono conoscenze approfondite nell automazione e nel controllo dei sistemi. Si sceglie l indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA per: Acquisire competenze specifiche nel campo delle tecniche e delle tecnologie utilizzate nei sistemi elettrici ed elettronici, nella generazione, elaborazione e trasmissione dei segnali elettrici ed elettronici, nei sistemi per la generazione, conversione e trasporto dell energia elettrica, comprese le moderne fonti rinnovabili (eolico, fotovoltaico, ); Imparare a progettare, realizzare e collaudare circuiti e sistemi elettronici anche di una certa complessità; Sviluppare le proprie attitudini e competenze concrete, grazie alle attività pratiche laboratoriali, fino a saper utilizzare la strumentazione di laboratorio e applicare i metodi di misura per eseguire verifiche, controlli e collaudi; Utilizzare i software di simulazione dei circuiti e dei sistemi elettronici e quelli specifici utilizzati nel disegno e nella progettazione assistita dal computer (CAD) e nella realizzazione di master di circuiti stampati; Conoscere approfonditamente le tecniche utilizzate nei sistemi di acquisizione dati, i dispositivi programmabili, i linguaggi di programmazione, di diversi livelli, riferiti ai diversi ambiti di applicazione; Attraverso una Didattica Laboratoriale; imparare a realizzare apparati robotici, operando prioritariamente in Laboratorio attraverso percorsi sperimentali di problem solving guidato. S individueranno degli obiettivi da raggiungere e, sotto la guida dei docenti, gli alunni saranno stimolati a trovare le soluzioni. Acquisire una solida preparazione sul controllo degli attuatori attraversi sistemi a microcontrollore che interfaccino tramite sensori il mondo fisico...

9 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 9 di Conoscere e saper gestire i moderni apparati per la sicurezza e la gestione automatizzata degli impianti presenti nelle abitazioni civili (domotica); Partecipare, portando le indispensabili competenze elettroniche, ai progetti d Istituto nell ambito della Robotica; Fare proprie le regole e la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro e della tutela dell ambiente; Entrare in contatto con aziende del territorio grazie all alternanza scuola-lavoro; seguire attività di orientamento sia verso il lavoro sia verso la prosecuzione degli studi in ambito universitario; Conseguire il Diploma di Istruzione Tecnica - indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA; Inserirsi immediatamente dopo il diploma nel mondo del lavoro (installazione e manutenzione impianti elettrici civili e industriali, impianti domotici e di allarme, aziende in ambito elettronico e/o informatico, ecc.); Proseguire gli studi in una qualunque facoltà universitaria. Si riporta di seguito il quadro delle lezioni settimanali: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA DISCIPLINE E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO I II III IV V Lingua e letteratura italiana Lingua Inglese Storia Matematica geografia generale ed economica Diritto ed economia Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o Attività alternative Biennio I II Scienze integrate (FISICA) * Scienze integrate (CHIMICA) * Tecnologia e tecniche di rappresentazione grafica * DISCIPLINE D'INDIRIZZO Tecnologie Informatiche ** Sistemi automatici III IV V Complementi di Matematica Elettrotecnica ed Elettronica Curvatura ROBOTICA Scienze e tecnologie applicate *** Tecnologie e progettazione elettrici ed elettronici Articolazione Elettronica di sistemi

10 ROBOTICA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 0 di Ore settimanali Ore settimanali di Laboratorio per le discipline d'indirizzo 8 (****) 7 (****) 0 * due ore settimanali di Laboratorio nel corso del biennio. ** due ore settimanali di Laboratorio. *** I risultati di apprendimento della disciplina denominata Scienze e tecnologie applicate si riferiscono all insegnamento che caratterizza il successivo triennio. **** ore complessive nel biennio. È previsto, nella classe quinta, l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL). Il Collegio dei Docenti ha deliberato che le ore di Laboratorio, siano ripartite tra le varie discipline d indirizzo del triennio nel modo riportato di seguito: ARTICOLAZIONE ELETTRONICA (CURVATURA ROBOTICA) III LABORATORI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA SISTEMI AUTOMATICI ROBOTICA TOTALE IV 7 V Tot L Indirizzo INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI - articolazioni INFORMATICA e TELECOMUNICAZIONI Obiettivo dell indirizzo è di studiare l uso avanzato del computer fino ad arrivare all Informatica vera e propria, con riferimento ai sistemi hardware, alla programmazione e al software. Un percorso in cui s intrecciano un articolata cultura di base in ambito umanistico, storico, economico-giuridico e approfondite competenze specialistiche acquisite anche attraverso ampie attività laboratoriali. Si sceglie l indirizzo INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI per: Entrare nel mondo dei sistemi informatici, dell elaborazione e della trasmissione dell informazione, dei sistemi operativi, delle applicazioni e delle tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione; Prendere già nei primi due anni la Patente Europea del Computer (NUOVA ECDL) direttamente in Istituto e svolgendo il programma la mattina; Imparare le tecniche generali della programmazione e alcuni linguaggi specifici di basso (Assembler dell 8086 e dei Microcontrollori) e alto livello (C++, JAVA, SQL, ecc.); Realizzare pagine web statiche (HTML, CSS e XML) fino a raggiungere le competenze per acquisire la certificazione ECDL Web Editing; Conoscere in modo approfondito l hardware del computer fino a essere in grado di svolgere assistenza post vendita e raggiungere le competenze per acquisire la certificazione CISCO IT ESSENTIALS; Conoscere e saper gestire in prima persona le Reti di Calcolatori sia in ambito locale (LAN) che geografico (WAN), fino a raggiungere le competenze per svolgere la funzione di amministratore di rete e per acquisire la certificazione CISCO CCNA (primi due semestri) e CCENT;..

11 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag di Partecipare, portando le indispensabili competenze informatiche, ai progetti d Istituto nell ambito della Robotica; Divenire, scegliendo l articolazione Informatica, un tecnico specializzato nella progettazione, realizzazione e gestione di sistemi informatici e di banche dati con una solida preparazione sui Sistemi Operativi tradizionali e Open Source (Linux); Divenire, scegliendo l articolazione Telecomunicazioni, un tecnico specializzato nei moderni sistemi di telecomunicazione, nella Telefonia Cellulare, nella Telematica e nelle Reti di calcolatori; Fare proprie le regole e la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro e della tutela della privacy nelle comunicazioni a distanza; Entrare in contatto con aziende del territorio grazie all alternanza scuola-lavoro; seguire attività di orientamento sia verso il lavoro sia verso la prosecuzione degli studi in ambito universitario; Conseguire il Diploma di Istruzione Tecnica - indirizzo INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI; Inserirsi immediatamente dopo il diploma nel mondo del lavoro (assistenza post-vendita a computer, software house per la produzione e l assistenza di software, realizzazione di Siti Web, amministratore di reti di piccole imprese, installazione e manutenzione d impianti di telecomunicazione, ecc.); Proseguire gli studi in una qualunque facoltà universitaria. Si riporta di seguito il quadro delle lezioni settimanali: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINE E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE TECNOLOGICO I II III IV V Lingua e letteratura italiana Lingua Inglese Storia Matematica geografia generale ed economica Diritto ed economia Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia) Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o Attività alternative Biennio Articolazione Informatica Telecomunicazioni I II III IV III IV Scienze integrate (FISICA) * Scienze integrate (CHIMICA) * Tecnologia e tecniche di rappresentazione grafica * Complementi di Matematica Sistemi e Reti DISCIPLINE D'INDIRIZZO Tecnologie Informatiche ** Scienze e tecnologie applicate *** e progettazione V geografia generale ed economica Tecnologie V Articolazione di sistemi

12 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag di informatici e di telecomunicazioni Gestione progetto, organizzazione d'impresa Informatica 6 6 Telecomunicazioni Ore settimanali Ore settimanali di Laboratorio per le materie d'indirizzo 8 (****) 7 (****) 0 7 (****) 0 * due ore settimanali di Laboratorio nel corso del biennio. ** due ore settimanali di Laboratorio. *** I risultati di apprendimento della disciplina denominata Scienze e tecnologie applicate, si riferiscono agli insegnamenti caratterizzanti entrambe le articolazioni presenti nel triennio. **** ore complessive nel biennio. È previsto, nella classe quinta, l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL). Il Collegio dei Docenti ha deliberato che le ore di Laboratorio, siano ripartite tra le varie discipline d indirizzo del triennio nel modo riportato di seguito: Articolazione Informatica III LABORATORI IV 7 Articolazione Telecom. V III IV V Tot. SISTEMI E RETI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI GESTIONE PROGETTO, ORGANIZZAZIONE D'IMPRESA TELECOMUNICAZIONI TOTALE INFORMATICA Si veda inoltre (ALLEGATO 6) la sperimentazione di potenziamento per una classe di biennio. Il Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate Il Corso fornisce un armoniosa preparazione liceale che, oltre ad un accurata preparazione umanistica, valorizza gli interessi scientifici degli studenti, portando a competenze particolarmente avanzate nelle scienze matematiche, fisiche, chimiche e biologiche e fornendo anche una buona conoscenza delle tecnologie informatiche. È la naturale evoluzione del Liceo Scientifico Tecnologico presente nel nostro Istituto dall A.S Si sceglie il Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate per: Conseguire una completa e profonda preparazione liceale, che si estende a tutti gli ambiti culturali, da quelli umanistico-letterari a quelli storico-filosofici, da quelli artistici a quelli linguistici, da quelli scientifici a quelli tecnologici; Inoltrarsi anche nelle teorie scientifiche più complesse e astratte con un approccio laboratoriale, utilizzando in tutte le discipline i Laboratori di cui è dotato l Istituto, sotto la guida di personale docente e tecnico fornito di preparazione specifica; Acquisire una buona padronanza della cultura e della lingua inglese fino a raggiungere le competenze per sostenere gli esami sui livelli avanzati di certificazione internazionali (Trinity e Cambridge); Conseguire, già nei primi anni, la Patente Europea del Computer (NUOVA ECDL) direttamente in Istituto e svolgendo il programma previsto in orario mattutino;

13 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag di Raggiungere una solida preparazione umanistica che permetta di proseguire gli studi universitari anche nelle facoltà dell area letterario-storico-giuridica; Raggiungere conoscenze approfondite in tutte le discipline scientifiche (matematica, fisica, chimica, biologia) e tecnologiche (informatica) per proseguire gli studi anche nelle più impegnative facoltà universitarie di ambito scientifico-tecnologico e/o affrontare i test d ingresso alle facoltà o ai corsi triennali in ambito medico-sanitario e scientifico-tecnologico in generale; Partecipare, portando le competenze scientifiche, culturali e filosofiche, ai progetti d Istituto nell ambito della Robotica; Ampliare ulteriormente la propria preparazione seguendo uno dei numerosi corsi pomeridiani facoltativi che si tengono in Istituto, per esempio CISCO IT ESSENTIALS (hardware e sistemi operativi del PC) e CCNA (Reti di calcolatori e internetworking), Web Designer (implementazione siti web), Sistema operativo Linux, CAD (Disegno assistito da calcolatore), ecc. Entrare in contatto con il mondo universitario attraverso gli stage e le altre attività di orientamento organizzate dall Istituto; Conseguire il DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO - opzione Scienze Applicate; Proseguire gli studi in una qualunque facoltà universitaria. Si riporta di seguito il quadro delle lezioni settimanali: LICEO SCIENTIFICO Opzione Scienze Applicate ATTIVITÀ ED INSEGNAMENTI OBBLIGATORI PER TUTTI GLI STUDENTI I II III IV V Lingua e Letteratura italiana Lingua e Cultura Inglese (con Laboratorio) Storia e Geografia Storia Filosofia Matematica 5 Informatica (con Laboratorio) Fisica (con Laboratorio) Disegno e storia dell'arte (con Laboratorio) Scienze motorie e sportive Religione cattolica o Attività alternative Scienze naturali Laboratorio) * (con ore settimanali * Biologia, Chimica, Scienze della Terra

14 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag di È previsto, nella classe quinta, l insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL). Materie/attività aggiuntive opzionali attivabili nel biennio: LABORATORIO DI CHIMICA E FISICA Laboratori e Didattica L Istituto privilegia una didattica che presenta anche le teorie scientifiche più complesse e astratte con un approccio laboratoriale, utilizzando in tutte le discipline i Laboratori di cui è dotato, sotto la guida di personale docente e tecnico fornito di preparazione specifica. Per far ciò l Istituto è dotato dei seguenti Laboratori e/o Aule Speciali: BIOLOGIA CHIMICA DISEGNO E ELETTROTECNICA-ELETTRONICA FISICA INFORMATICA, E LINGUISTICO-MULTIMEDIALE MACCHINE A FLUIDO-SISTEMI ED AUTOMAZIONE - ROBOTICA O.M.U.-SALDATURA ROBOTICA E TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI TECNOLOGIA MECCANICA TELECOMUNICAZIONI - TELEMATICA RETI LOCALI ED INTERNETWORKING CISCO SISTEMI AUTOMATICI, ELETTRONICI ED INFORMATICI SPAZIO PRODUZIONI AUDIOVISIVE AULA AUDIOVISIVI / CONFERENZE BIBLIOTECA CENTRO DI ASCOLTO E CONSULENZA- SERVIZIO PLACEMENT SCOLASTICO (FIXO) SPORTELLO DSA Orario delle lezioni L orario settimanale delle lezioni si svolge su sei giorni nella fascia , quindi senza rientri pomeridiani. L orario è strutturato in quattro giorni con 5 lezioni di 60 minuti e due giorni con 6 lezioni di 50 minuti. Ciò avviene nel rispetto pieno della normativa che fissa il numero complessivo annuo di ore di lezione da garantire all utenza. Le frazioni di ore ridotte sono annualmente recuperate attraverso: ) Maggior numero di settimane di lezione rispetto alle sulle quali è calcolato il numero annuale di ore da svolgere. ) Ore eccedenti l orario mattutino, svolte in viaggi e visite d istruzione e altre attività fuori sede, che costituiscono tempo scuola a tutti gli effetti. ) Ore in impegni pomeridiani in Istituto. ) Ore pomeridiane di lezione (o altre attività didattiche e formative) per le classi che non programmino una delle precedenti attività. 5) Ore pomeridiane di lezioni in corsi aggiuntivi gratuiti.

15 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 5 di Il conteggio dettagliato del numero annuale di ore di lezione per i diversi corsi e la struttura dell orario settimanale delle lezioni, sono riportati negli ALLEGATI e. Le discipline previste nei due giorni con le ore di 50 minuti subiscono una riduzione nel corso dell anno; tuttavia tale riduzione è compensata in parte dal numero di settimane annue di lezione superiore alle sulle quali è calcolato il monte ore annuo della singola disciplina; inoltre si farà sì che nessuna disciplina subisca rispetto al monte ore annuo una riduzione superiore del 0%, ammessa dalla normativa sull autonomia. Il Collegio dei Docenti con l approvazione del presente POF autorizza la riduzione entro il 0% del monte ore annuo delle discipline eventualmente coinvolte. OPPORTUNITÀ PER EXTRACURRICOLARE GLI STUDENTI E PROGETTAZIONE I percorsi di certificazione I percorsi di certificazione che si svolgono in Istituto sono riportati di seguito. Per quei percorsi che sono svolti in orario curricolare e il cui conseguimento non comporta oneri economici a carico delle famiglie (tutte quelle della Cisco Networking Academy, per esempio), il conseguimento della certificazione è elemento positivo nella valutazione dell alunno nella disciplina nella quale è svolto... ECDL L ITIS G Marconi è test center ECDL e offre ai propri studenti opportunità di ottenere la preparazione necessaria per sostenere sia in orario curricolare sia attraverso corsi pomeridiani l esame per la certificazione Nuova ECDL. Il percorso NUOVA ECDL è composta di due step:: ECDL Base I quattro moduli che compongono la ECDL Base sono gli elementi fondanti della competenza digitale e definiscono le conoscenze e le abilità necessarie per utilizzare con dimestichezza il computer e internet. - Computer Essentials - Online Essentials - Word Processing - Spreadsheets ECDL FULL STANDARD La ECDL Full Standard è composta dai quattro moduli della ECDL Base e dai seguenti tre moduli- IT Security - Presentation - Online Collaboration I moduli, e sono svolti nella classe prima all interno della disciplina Tecnologie Informatiche e i moduli, 6 e 7 sono svolti nella classe seconda all interno della disciplina Scienze e Tecnologie Applicate per l indirizzo di Informatica-Telecomunicazioni e della disciplina Informatica per il Liceo Scientifico. Il modulo 5, per il quale sono richieste competenze più avanzate, è affrontato dagli allievi nel corso del triennio degli indirizzi sopra riportati... Cisco Networking Academy La collaborazione tra l ITIS G. Marconi e Cisco Systems ha avuto inizio quando, nell anno scolastico 00/00, l Istituto è diventato Cisco Networking Local Academy. In quel periodo, il numero di persone e soprattutto di aziende che si affacciavano al networking continuava a crescere vertiginosamente ma le risorse umane qualificate per la progettazione, la

16 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 6 di realizzazione, l'implementazione e la manutenzione di una rete erano molto esigue. Come conseguenza le aziende incontravano difficoltà a trovare personale specializzato mentre per i tecnici si rendeva necessario un costante aggiornamento per adeguarsi alle nuove tecnologie. È proprio per colmare questo divario che Cisco Systems, leader mondiale del networking, ha messo a punto il Cisco Networking Academy Program, un programma completo di formazione che consente di imparare a operare su reti di piccole e medie dimensioni. A oggi, sono state istituite nel mondo più di Networking Academy, dislocate in 6 Paesi. In Italia operano più di 0 Networking Academy: Centri di Formazione, Istituti scolastici, Università e Amministrazioni Pubbliche che, aderendo al Programma, hanno qualificato oltre 600 docenti e che ogni anno attivano classi per oltre 5000 studenti. Nella provincia di Pisa solo due Istituti Superiori, tra cui l ITIS G. Marconi, hanno assunto il ruolo di Cisco Local Academy. Il Programma Cisco Networking Academy, studiato da esperti della formazione, è erogato coniugando auto-apprendimento in modalità e-learning, formazione frontale in aula attraverso tutor ed esercitazioni pratiche in laboratorio: si realizza così un modello didattico che ottimizza l'efficacia dell'apprendimento. Nell ambito del Programma Cisco Networking Academy, sono previsti diversi percorsi formativi e ogni percorso formativo è suddiviso in più livelli o semestri. Lo studente, al termine di ciascun semestre ottiene, dopo aver superato un esame on-line, un attestato delle competenze; inoltre, al termine del percorso formativo, può sostenere presso un centro accreditato Pearson VUE l esame per il conseguimento della certificazione. Sia gli attestati delle competenze sia le certificazioni sono attualmente riconosciute a livello internazionale. Il percorso formativo più importante è il CCNA (Cisco Certified Network Associate) che fornisce le competenze per diventare un esperto di networking. Attualmente sono disponibili due diversi percorsi CCNA: CCNA Exploration (corso avanzato), suddiviso in semestri. Il superamento dei semestri permette di sostenere l esame per la certificazione CCNA. CCNA Discovery (corso base), suddiviso in semestri. Il superamento dei primi semestri permette di sostenere l esame per la certificazione intermedia CCENT (Cisco Certified Entry Networking Technician) mentre il superamento dei semestri permette di sostenere l esame per la certificazione CCNA. Il materiale didattico dei corsi CCNA è completamente in lingua inglese e permette agli studenti di acquisire familiarità con l inglese tecnico. Oltre ai percorsi CCNA, è anche disponibile IT Essentials - Fondamenti di Informatica e Reti. Il corso fornisce le conoscenze necessarie per comprendere i principi di funzionamento di un Personal Computer e delle reti informatiche. Lo studente imparerà ad assemblare un Personal Computer, a installare e configurare un sistema operativo Windows, a valutare e attuare aggiornamenti hardware e software, ad installare periferiche esterne, a riconoscere gli apparati di rete, i protocolli in uso nelle reti di PC e a comprenderne il funzionamento, ad effettuare analisi sui malfunzionamenti e implementare soluzioni ai problemi rilevati. Il corso indirizza gli studenti ad una professione nel mondo ICT, e prepara come tecnico di computer, assemblatore, e tecnico di help desk. Prepara ai seguenti esami di Certificazione: EUCIP IT Administrator I (Hardware) e II (Sistemi operativi); EUCIP IT Administrator Fundamentals CompTIA A+ E inoltre un valido strumento propedeutico ai corsi Cisco CCNA. Lo schema seguente riassume i corsi Cisco disponibili presso l ITIS G. Marconi e le relative certificazioni.

17 Percorso Attestati delle competenze PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 7 di Certificazioni Semestre CCNA Exploration Semestre CCNA Semestre Semestre Semestre CCENT CCNA Discovery Semestre CCNA Semestre Semestre Semestre CompTIA A+ IT Essentials Semestre EUCIP IT Administrator, Attualmente presso l ITIS G. Marconi gli studenti di tutti i corsi orientati all Informatica seguono i percorsi Cisco in orario curricolare. In particolare le classi del triennio dell Indirizzo Informatica-Telecomunicazioni seguono il percorso Cisco CCNA Exploration in orario curricolare nella disciplina SISTEMI E RETI. L obiettivo è di arrivare a svolgere nel triennio il programma e gli esami su almeno i primi due semestri di CCNA Exploration, svolgendo anche le prove di laboratorio sia simulato che reale con l implementazione di reti diverse che colloquiano in ambito geografico. Presso l ITIS G. Marconi opera un team di docenti, tutti in possesso della qualifica di istruttore Cisco, ed è presente un laboratorio di reti avanzato che consente lo svolgimento di tutte le esercitazioni incluse nei percorsi CCNA e IT Essentials su apparecchiature che sono realmente utilizzate in ambito aziendale. In particolare il laboratorio di reti, oltre ad offrire la possibilità di svolgere lezioni multimediali, è attrezzato con PC tutti connessi a Internet e con la configurazione più completa dei dispositivi di rete Cisco... Linux L ITIS Marconi è la prima scuola in Toscana e una delle primissime in Italia ad aver avviato un'intesa con il Linux Professional Institute, Istituto Professionale che si occupa delle certificazioni del mondo Linux a livello internazionale. Grazie a quest accordo, in futuro sarà possibile sostenere presso il nostro Istituto gli esami di certificazione LPIC... Certificazioni in lingua inglese: Trinity e Cambridge Nell Istituto si svolge il percorso di certificazione in lingua inglese Trinity e Cambridge English: PET. Alternanza scuola-lavoro, stage universitari e orientamento in uscita.. Percorsi di alternanza scuola-lavoro Le indagini OCSE e PISA rilevano che l Italia è in forte ritardo rispetto agli obiettivi di Lisbona e una delle cause di questo ritardo è nell eccessiva separazione della scuola dal mondo del lavoro, per cui la Regione Toscana, nell ambito delle proprie competenze, detta le linee guida per la promozione, implementazione e realizzazione dell alternanza scuola-lavoro. Non essendo più la scuola l unica

18 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 8 di agenzia formativa di riferimento, ma agendo all interno di una rete di organizzazioni istituzionali e non, formali e non formali, il mondo del lavoro è uno di questi centri. Questo implica che tra il sapere teorico e pratico ci deve essere un rapporto stretto, con un equivalenza delle competenze acquisite in aula e quelle acquisite sul lavoro. L alternanza scuola-lavoro deve essere intesa come un processo per valutare ulteriormente le conoscenze, le capacità e le competenze acquisite nel mondo del lavoro, questo significa non solo intensificare i rapporti con le aziende locali anche attraverso il CTS, ma definire le programmazioni in modo da favorire progetti formativi connessi con i profili professionali richiesti, correlare, dunque, la formazione in aula con la formazione in contesti lavorativi. Il percorso inizia già alla fine del primo biennio, intensificandosi nel secondo biennio per poi concludersi nel quinto anno, per un totale di 98 ore. Tutto questo contribuisce a creare un portfolio per ogni studente contenente le esperienze professionali, le certificazioni acquisite e qualsiasi altra attività fatta dallo studente. L Alternanza scuola-lavoro si attua attraverso un percorso che fa riferimento al modello di classificazione delle prestazioni per competenze : la progettazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro sposta, infatti, la centralità dalle discipline alle competenze, attraverso un approccio del lavorare per competenze. In quest ottica la competenza si pone come linguaggio comune fra scuola e azienda. Particolare attenzione viene inoltre data all impatto delle competenze acquisite in azienda sulla valutazione scolastica e al tema della dichiarazione delle competenze. Il modello applicato ricostruisce le competenze e le prestazioni a esse correlate muovendo dall analisi dei processi di lavoro in cui si esplica ogni agire professionale, ovunque e a qualsiasi livello: le fasi in cui si sviluppa, le risorse impiegate, i comportamenti assunti in funzione del raggiungimento del risultato, il tutto si riassume in 9 competenze che si possono sintetizzare in : conoscenza (SAPERE)applicazione (FARE)-comportamento (ATTEGGIARSI)- contesto (CAPIRE-ANALIZZARE) Il percorso si articola nel corso degli studi a partire dal secondo anno con la realizzazione di work-project e stage, ogni work project è veicolato da competenze trasversali. Nell ambito dei work project sono trattate tematiche relative ai seguenti argomenti: MONDO DEL LAVORO MONDO DELLA FORMAZIONE AUTOVALUTAZIONE Riguardo alla fase di stage, questa può svolgersi in un azienda di tipo professionale ma non solo, esempio museo, Comune, Caritas, negozi, Sindacati, scuole ecc. avendo come obiettivo il raggiungimento di competenze di tipo trasversali non professionali. L Istituto si impegna a valorizzare nella didattica curricolare le competenze acquisite attraverso l alternanza scuola-lavoro e lo svolgimento di progetti e corsi aggiuntivi da parte degli studenti. Tali competenze saranno valorizzate nella valutazione ordinaria degli apprendimenti... Stage universitari e orientamento in uscita Vengono organizzate iniziative di orientamento presso l Università degli Studi di Pisa e il Consiglio Nazionale delle Ricerche di Pisa, per gli alunni interessati a proseguire gli studi. L'Istituto promuove l orientamento universitario sotto tutti i suoi aspetti: informazione di base, test di autovalutazione, test per indirizzare la scelta del post-diploma, preiscrizioni all università, preparazione ai test d ingresso per le facoltà a numero chiuso, partecipazione alle iniziative d informazione messe in atto dall Università degli Studi di Pisa. Le classi IV e V partecipano ogni anno alla Fiera del lavoro organizzato dalla Provincia di Pisa. L Istituto ha stretti contatti con la Camera del Commercio di Pisa e con il Centro dell Impiego di Pontedera, organizzando incontri per le classi del triennio e attua la trasmissione diretta per la banca dati del centro per l impiego dei nominativi degli alunni diplomati. Inoltre mantiene contatti diretti sia con aziende del territorio sia con agenzie per il lavoro, organizzando incontri per gli alunni in uscita.

19 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 9 di Attività informative per le scuole medie Allo scopo di favorire una scelta consapevole del percorso scolastico dopo la scuola media inferiore, l'istituto attua le seguenti iniziative: Percorsi didattici presso l Istituto nei quali gli studenti della media inferiore possono avere un primo contatto con il tipo d insegnamento che troveranno. Contatto tra docenti dell Istituto e docenti della scuola media, anche attraverso la partecipazione congiunta a progetti presenti sul territorio (ad esempio il Laboratorio Territoriale di Robotica organizzato dal Polo Sant Anna Valdera). Sportello per i genitori: i genitori possono avere un contatto diretto con gli insegnanti dell Istituto su appuntamento, oppure consultando il sito del nostro Istituto. Incontri programmati dalle scuole medie: i docenti e gli studenti del nostro Istituto partecipano agli incontri programmati dalle varie scuole medie per dare le informazioni necessarie sulle nostre offerte formative e distribuire il materiale illustrativo del nostro Istituto. Visite programmate al nostro Istituto da parte di gruppi di studenti di scuole medie. Giornate aperte: in genere, per venire incontro alle esigenze delle famiglie, organizzate nei pomeriggi del Sabato. In tali occasioni tutti gli interessati possono visitare le strutture dell Istituto accompagnati da studenti e docenti. Nelle iniziative d informazione sono coinvolti gli studenti che frequentano l'istituto al fine di presentare la realtà scolastica vista dalla parte degli attuali utenti. Orientamento e riorientamento interni Durante e al termine del biennio iniziale sono effettuate, nell Istituto, attività e azioni specifiche finalizzate a una scelta mirata e consapevole del successivo indirizzo di studio per il vecchio ordinamento o per la scelta dell articolazione per gli indirizzi del nuovo ordinamento. Centro di ascolto a scuola e educazione alla salute Per potenziare al massimo le capacità d accoglienza e d ascolto nei confronti degli alunni e delle loro famiglie è presente nell Istituto un servizio d ascolto/sportello, orientamento relazionale e consulenza, rivolto agli studenti, ai genitori e ai docenti, gestito da uno psicologo. In tale ambito sono realizzate attività di dialogo volte a promuovere una maggiore consapevolezza e una maggiore autonomia rispetto a temi e questioni che possono interessare studenti, genitori e insegnanti. L Istituto organizza inoltre, in collaborazione con la Società della Salute della Valdera, iniziative d informazione e prevenzione del disagio giovanile. Progetti e iniziative di carattere culturale Considerando le finalità generali dell Istituto e le opportunità che essa cerca di offrire a tutti gli studenti per realizzarle, anche attraverso il costante collegamento con il territorio e le Istituzioni, l'itis G. Marconi lavora per: Introdurre gli allievi verso un'esperienza che si avvicini il più possibile alla complessità del reale per poterne decifrare così il significato; Sviluppare una capacità dialogica in vista della realizzazione di relazioni sempre più significanti; Fare superare agli studenti l eccessiva frammentazione dei saperi in vista di un unità dei soggetti e degli oggetti del sapere e del superamento dello studio inteso come mero perseguimento del diploma; Formare soggetti autonomi, responsabili e rispettosi della libertà e della dignità altrui; Costituirsi come cantiere aperto dove l'approccio critico rispetto alla selezione del sapere e l'acquisizione di valori da condividere siano elementi fondamentali. e per questo promuove da tempo:

20 PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA - Pag 0 di L'adesione e il fattivo coinvolgimento in progetti a carattere europeo attraverso la collaborazione con il Parlamento e il Consiglio d'europa nonché con scuole particolari degli altri paesi della Comunità; La partecipazione a progetti a carattere storico - letterario come valorizzazione del confronto tra passato e presente sia sul piano degli avvenimenti che sul piano delle opere relative; La partecipazione a progetti teatrali e musicali; La collaborazione con l'istituzione universitaria sia in vista della realizzazione dei progetti sull'alternanza scuola-lavoro sia per varie attività a carattere culturale come il Progetto lauree Scientifiche; L'attività del centro di bioetica che dall'interno del Marconi diffonde una cultura del confronto etico e della responsabilità attraverso attività e manifestazioni nazionali e locali rivolte al mondo della scuola e alla cittadinanza; Il partenariato con la Tavola della Pace come progetto operante da anni nel nostro territorio con l'obiettivo di promuovere intercultura e problematiche inerenti ai grandi temi dei diritti umani; L adesione attiva e con un ruolo di stimolo anche verso le altre scuole presenti sul territorio alle giornate dedicate alla Memoria di periodi ed eventi storici di grande portata e significato. Questi momenti sono inseriti in un CALENDARIO LAICO : ogni scadenza fissa momenti della ritualità civile finalizzati a recuperare la memoria di eventi passati e, contemporaneamente, a stimolare la consapevolezza del presente attraverso la costruzione di un sapere storico scientifico e non appiattito sui luoghi comuni. Le date riconosciute come momenti di alto valore simbolico sono: 7 Gennaio (Giorno della Memoria in ricordo delle vittime della Shoah), 0 febbraio (Giorno del Ricordo), 7 Marzo (proclamazione dell Unità d Italia), Marzo (in ricordo delle vittime della mafia), 5 Aprile (simbolo della Resistenza al nazifascismo), 9 Maggio (in ricordo delle vittime del terrorismo, Festa dell Europa), 9 Novembre (Giorno della libertà, in ricordo della caduta del muro di Berlino), 0 Novembre (Festa della Toscana), 0 Dicembre (anniversario della Dichiarazione dei diritti umani). La collaborazione con molti soggetti attivi nel mondo del volontariato e la partecipazione a specifici progetti umanitari. L elenco dei progetti e delle attività culturali attivati ogni anno sono pubblicati on line all Albo dell Istituto. I corsi pomeridiani aggiuntivi di assistenza allo studio È consuetudine ormai consolidata nell Istituto organizzare dei corsi aggiuntivi d assistenza allo studio rivolti agli studenti delle classi prime. Due pomeriggi la settimana gli alunni, che hanno aderito all iniziativa, sono seguiti da due docenti (uno per l area umanistica, l altro per quella scientifica) nello svolgimento dei compiti, al fine di migliorare il proprio metodo di lavoro e renderlo più efficace e produttivo. I corsi pomeridiani aggiuntivi di approfondimento e specializzazione L ITIS Marconi organizza diversi corsi di approfondimento e specializzazione in orario pomeridiano; questi corsi sono attualmente rivolti agli studenti dell Istituto ma si prevede di estendere la fascia di utenza anche a soggetti esterni. L attivazione di un corso avviene, di norma, su richiesta di un sufficiente gruppo di utenti. Alcuni di questi corsi hanno lo scopo di preparare a un esame di certificazione mentre altri permettono agli allievi di migliorare il proprio livello di competenze in uno specifico ambito professionale. I Corsi che annualmente possono essere attivati sono riportati di seguito: Cisco CCNA Discovery e Cisco CCNA Exploration e Cisco IT Essentials e Tutti i moduli ECDL Core Linux LPIC

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODULO ISCRIZIONE Gentili genitori entro il 28 febbraio dovete provvedere alla iscrizione dei Vostri figli alla classe successiva. Al momento della iscrizione le famiglie sono chiamate a versare alcune tasse ministeriali

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli