Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14"

Transcript

1 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del Varenna a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista -

2 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del Alcuni bioeticisti (Spinsanti e Corbellini in particolare) non hanno lesinato critiche al nuovo testo deontologico che, secondo la loro opinione, sarebbe diretto più a difendere l autonomia professionale del medico che i diritti della persona assistita.

3 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del Queste pur legittime critiche non sembrano tenere in debito conto la natura del Codice che la giurisprudenza ormai qualifica come corpus iuris, cioè come un testo di norme che, sia pure di valenza inferiore a quelle generali (civili, penali, amministrative) consentono pur sempre l irrigazione di pesanti sanzioni disciplinari ai trasgressori dei relativi precetti, fino alla cancellazione dall albo con conseguente impossibilità di esercitare la professione.

4 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del Queste pur legittime critiche, inoltre, sembrano partire da una interpretazione fondata su singole norme e non sul contenuto complessivo del NCDM laddove tratta il tema della relazione di cura che, come traspare anche dal nuovo testo, è certamente fondata sulla libertà di scelta del paziente..

5 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del ma anche sul rispetto delle reciproche autonomie dei due attori principali del rapporto, come si evince altresì dal testo del Giuramento professionale laddove è indicato che il medico si impegna a difendere la vita e la salute delle persone nel rispetto della loro dignità e libertà.

6 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del Il prescritto rispetto della dignità e della libertà della persona assistita comporta che il medico deve rispettare i diritti del paziente capace di decidere al quale deve essere fornita una informazione comprensibile e completa che gli consenta di effettuare con consapevolezza le sue scelte anche circa i trattamenti che non desidera che vengano attuati sul suo corpo.

7 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del Il rispetto dell autonomia della persona assistita, inoltre, è un impegno che il medico si assume specificamente e solennemente nel Giuramento professionale laddove giura di attenersi, tra l altro, al principio civile di rispetto dell autonomia della persona, e, quindi anche dei suoi valori e diritti.

8 La relazione di cura nel nuovo codice di deontologia medica del Non è possibile, peraltro, escludere dalla relazione l autonomia del medico che è uno degli attributi essenziali di un professionista e che può esercitarsi nell ambito delle proposte diagnostiche e terapeutiche e, perfino, nel giungere a rifiutare la sua prestazione professionale, come stabilito dall art. 22 del NCDM.

9 Il Rifiuto di prestazione professionale disciplinato dall art.22 Il medico può rifiutare la propria opera professionale quando vengono richieste prestazioni in contrasto con la propria coscienza o con i propri convincimenti tecnico-scientifici, a meno che il rifiuto non sia di grave e immediato nocumento per la salute della persona, fornendo comunque ogni utile informazione e chiarimento per consentire la fruizione della prestazione.

10 La libertà di coscienza e l obiezione di coscienza Il NCDM del 2014 riconosce in modo più ampio il diritto all obiezione di coscienza rispetto a quanto previsto nel nostro ordinamento giuridico che, in campo sanitario, disciplina questo diritto in modo specifico solo in alcuni casi (interruzione della gravidanza, sperimentazione sugli animali e procreazione medicalmente assistita).

11 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente maggiorenne e capace Nel tempo la deontologia si è soffermata con sempre maggiore attenzione sulla problematica inerente l informazione da trasmettere al paziente, eliminando anche ogni riferimento specifico alla categoria dei parenti che, in quanto tali e senza l autorizzazione del malato direttamente interessato, non possono, ormai da molto tempo, essere titolari di un autonomo diritto all informazione.

12 L informazione e comunicazione a terzi art. 34 del NCDM Il NCDM del 2014, come il precedente del 2006, disciplina in modo specifico il tema dell informazione e della comunicazione a terzi (ivi inclusi i parenti ) consentendola, in linea generale, solo se al riguardo vi è stato un previo consenso esplicitamente espresso dalla persona assistita, fatte salve le ipotesi di cui agli artt. 10 e 12, in presenza di un grave pericolo per la salute e la vita.

13 La documentazione dell informazione al paziente Negli artt. 25 e 26 NCDM si stabilisce che i modi e i tempi dell informazione devono essere registrati nella documentazione clinica nel caso di arruolamento in protocolli di ricerca e, in linea generale, nella cartella clinica e nell art. 20 si precisa che il tempo della comunicazione deve essere considerato dal medico quale tempo di cura.

14 Il dovere di informare come obbligo deontologico proprio del medico Nel Giuramento professionale è previsto che il medico si impegna a fornire alla persona assistita una informazione, preliminare al consenso, comprensibile e completa e, quest ultima espressione, è ripresa nell art. 20 sulla Relazione di cura ove si afferma che l alleanza di cura è fondata anche su un informazione comprensibile e completa.

15 Il dovere di informare come obbligo deontologico proprio del medico L obbligo di informare in modo completo, comprensibile ed esaustivo il paziente sul suo stato di salute e sulle possibili modalità di cura, sulla prognosi e sui rischi connessi al fare e al non fare è proprio del medico curante nel senso che non può essere delegato a terzi soggetti, ivi inclusi gli infermieri.

16 Il contenuto dell informazione e comunicazione con la persona assistita L art. 33 del NCDM stabilisce, invero, che il medico garantisce alla persona assistita, una informazione comprensibile e esaustiva sulla prevenzione, sul percorso diagnostico, sulla diagnosi, sulla prognosi e sulle eventuali alternative diagnostico-terapeutiche, sui prevedibili rischi e complicanze, nonché sui comportamenti che il paziente dovrà osservare nel processo di cura, adeguando la comunicazione alla capacità di comprensione del soggetto cui è diretta.

17 Il contenuto dell informazione e comunicazione con la persona assistita Il nuovo testo dell art 33 appare contenere solo qualche differenza sul piano terminologico rispetto al precedente e nella sostanza deve ritenersi che il medico è tenuto ad informare il paziente sul progetto complessivo di cura necessario a rispondere ai suoi bisogni e non solo limitarsi a trattare il tema dell atto di cura da compiere nell immediato.

18 Le modalità dell informazione e comunicazione con la persona assistita Già in precedenza è stato sottolineato che il medico deve usare un linguaggio comprensibile dal soggetto verso cui è diretta l informazione, senza usare troppi termini tecnici; in ogni caso, come prescritto dall art. 33 NCDM, deve evadere ogni richiesta di chiarimento. Il paziente ha diritto all informazione, diritto al cui esercizio può rinunziare ovvero che può delegare a terzi.

19 Le modalità dell informazione e comunicazione con la persona assistita Va ribadito che sussiste un obbligo di deontologico di registrare nella documentazione clinica i tempi e i modi dell informazione e la rinunzia/delega del paziente, ovviamente nei suoi termini essenziali. Particolare attenzione dovrà essere tenuta nell informazione in caso di prognosi gravi e infauste, per adeguarla alla sensibilità e reattività dell interessato.

20 Le modalità dell informazione e comunicazione con la persona assistita Il NCDM non sembra prescrivere la necessità di una informazione scritta che, peraltro, appare opportuna in tutti i casi particolarmente rischiosi, casi nei quali l art. 35 prevede particolari modalità di acquisizione del consenso/dissenso. Se, infatti, l informazione è funzionale a queste scelte del paziente, allora occorrerà documentare anche l oggetto dell informazione.

21 Le modalità dell informazione e comunicazione con la persona assistita D altra parte, è ormai invalsa l abitudine in molte strutture sanitarie di documentare non solo le scelte operate dal paziente, ma anche l informazione rilasciata onde evitare successive contestazioni circa la validità del consenso/dissenso prestato. Senza adeguata informazione non vi è, infatti, un valido consenso/dissenso.

22 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente incapace L art. 33 NCDM, nel primo comma, garantisce specificamente anche al legale rappresentante (d ora in poi, LR) del paziente il diritto all informazione con le stesse caratteristiche di contenuto sopra menzionate anche se i poteri del LR non sono proprio identici a quelli del soggetto rappresentato. Decidere per se stesso è diverso che decidere per un altro soggetto.

23 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente incapace - Cass. Civ. n /07 - caso ELUANA Superata l urgenza dell intervento derivante dallo stato di necessità, l istanza personalistica alla base del principio del consenso informato ed il principio di parità di trattamento tra gli individui, a prescindere dal loro stato di capacità, impongono di ricreare il dualismo dei soggetti nel processo di elaborazione della decisione medica...

24 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente minorenne L art. 33, ultimo comma, del NCDM prescrive che : il medico garantisce al minore elementi di informazione utili perché comprenda la sua condizione di salute e gli interventi diagnostico-terapeutici programmati, al fine di coinvolgerlo nel processo decisionale.

25 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente minorenne Con questo articolo viene, in sostanza, ribadito che il dovuto rispetto alla dignità propria anche della persona del minore comporta necessariamente che il medico si confronti anche con l interessato, fornendogli tutte quelle informazioni utili per renderlo partecipe del complessivo processo di cura, nella misura in cui ciò è concretamente possibile.

26 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente minorenne È noto che in dottrina si discute da tempo sulla possibilità di abbassare il limite d età che consenta al minore di far valere, anche sul piano strettamente legale, la sua capacità di agire in campo sanitario, dove appare più forte la necessità di tutelare l autonomia del soggetto anche se minorenne, come, peraltro, già sancito da alcune leggi speciali.

27 La relazione di comunicazione e di informazione con il paziente minorenne Possono essere menzionate, al riguardo, le norme di cui alla legge n. 194/1978; in particolare gli artt. 2, ultimo comma (prescrizione e somministrazione in favore dei minori dei mezzi necessari per conseguire le finalità liberamente scelte in ordine alla procreazione responsabile), e 12 (che disciplina l interruzione della gravidanza salvaguardando l autonomia della minorenne).

28 L acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Il collegamento tra l informazione e la relativa manifestazione di volontà postula che il consenso o il dissenso vengano manifestati dal soggetto (paziente ovvero suo legale rappresentante) al quale l informazione viene fornita dal sanitario.

29 L acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico L art. 35, primo comma, del NCDM prevede che l acquisizione del consenso o del dissenso è un atto di specifica ed esclusiva competenza del medico, non delegabile. Con questa espressione viene sottolineato che solo il medico può acquisire la scelta consapevole del paziente rispetto al trattamento da lui proposto.

30 L acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Costituisce in modo esplicito un illecito deontologico delegare, ad esempio ad un infermiere o ad un altro professionista sanitario non medico, l atto di acquisizione del consenso/dissenso. Trattasi di una apparente innovazione rispetto la precedente testo dell art. 35 CDM 2006, dettata dalla necessità di incidere sulle diverse prassi talvolta esistenti.

31 Le modalità di acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Il nuovo testo dell art. 35, in modo innovativo, prescrive che il consenso o il dissenso deve essere espresso in forma scritta e sottoscritta (il vecchio testo richiedeva solo la forma scritta ) ovvero con altre modalità di pari efficacia documentale, (dizione non oggetto di alcuna precisazione e, quindi, fonte di possibile controversa interpretazione).

32 Le modalità di acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Queste specifiche modalità, in base al citato art. 35, si applicano nei casi previsti dall ordinamento (rectius dalla legge), dallo stesso codice e in quelli prevedibilmente gravati da elevato rischio di mortalità o da esiti che incidano in modo rilevante sull integrità fisica.

33 Le modalità di acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Mentre quest ultima espressione ricalca in sostanza quella del vecchio testo, il richiamo, in linea generale, al codice come fonte dell obbligo di acquisire il consenso/dissenso con la forma scritta e sottoscritta o di pari efficacia documentale impone all interprete di verificare in quali altre disposizioni del NCDM sono elencati gli ulteriori casi nei quali è obbligatoria questa specifica forma di acquisizione della volontà del paziente.

34 Le modalità di acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Tra questi casi, rientra l art. 13, comma 7, che stabilisce che Il medico può prescrivere farmaci non ancora registrati o non autorizzati al commercio oppure per indicazioni o dosaggi non previsti dalla scheda tecnica, se la loro tollerabilità ed efficacia è scientificamente fondata e i rischi sono proporzionati ai benefici attesi; in tali casi motiva l attività, acquisisce il consenso informato scritto del paziente e valuta nel tempo gli effetti.

35 Le modalità di acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico L art. 53, inoltre, che riguarda il rifiuto consapevole di alimentarsi prescrive che il medico informa la persona capace sulle conseguenze che un rifiuto protratto di alimentarsi comporta sulla sua salute, ne documenta la volontà e continua l assistenza, non assumendo iniziative costrittive né collaborando a procedure coattive di alimentazione o nutrizione artificiale

36 La tutela dei soggetti fragili e le misure e i trattamenti coattivi In base al disposto dell ultimo comma dell art. 32 NCDM il medico, peraltro, può prescrivere e attuare misure e trattamenti coattivi fisici, farmacologici e ambientali nei soli casi e per la durata connessi a documentate necessità cliniche, nel rispetto della dignità e della sicurezza della persona (cenni al caso Mastroianni).

37 Le modalità di acquisizione del consenso/dissenso alla proposta del medico Le altre disposizioni sono contenute negli artt. 41 Prelievo di organi, tessuti e cellule a scopo di trapianto, 45 Interventi sul genoma umano, 46 Indagini predittive, 48 Sperimentazione umana e76 Medicina potenziativa ed estetica che riguardano specifiche situazioni, non di usuale evenienza nella pratica clinica, che esulano dalla presente trattazione.

38 Le conseguenze dell omessa acquisizione del consenso ovvero dell espressione di un dissenso L art. 35 del NCDM, nel secondo comma, ribadisce, in modo non dissimile nella sostanza da quello del vecchio testo, che il medico non intraprende né prosegue in procedure diagnostiche e/o interventi terapeutici senza la preliminare acquisizione del consenso informato o in presenza di dissenso informato.

39 Le conseguenze dell omessa acquisizione del consenso ovvero dell espressione di un dissenso Il testo dell art. 35 NCDM è forse più preciso del precedente laddove impone al medico non solo di non iniziare, ma anche di non proseguire e, quindi, di sospendere, l attività di cura oggetto del consapevole dissenso del paziente capace. In sostanza, la posizione di garanzia del sanitario si riduce di contenuto in presenza di un dissenso del paziente.

40 Il possibile contenuto del dissenso del paziente Nel testo dell art. 35 del NCDM non sono poste limitazioni all oggetto del dissenso del paziente che, quindi, può riguardare anche i trattamenti cosiddetti salva vita, come si è verificato nel noto caso Welby. Il medico, in questo caso, potrebbe invocare l art. 22 del NCDM e rifiutare la sua prestazione.

41 Un breve cenno alla sentenza alla recente sent. n. 4460/14, dep , del CdS sul caso Englaro In questa sentenza il CdS, censura il provvedimento della Reg.ne Lombardia diretto ad impedire la sospensione della nutrizione attraverso il distacco del sondino e sottolinea che costituisce un diritto del malato, anche capace di effettuare da solo questo distacco, di ottenere, dopo avere chiesto la sospensione della nutrizione artificiale (atto medico), dall amministrazione sanitaria l assistenza medica necessaria a rendere effettivo il suo dissenso e il diritto a non soffrire inutilmente.

42 Il consenso alle cure per gli incapaci L art. 37, primo comma, del NCDM stabilisce che il medico, in caso di paziente minore o incapace, acquisisce dal rappresentante legale il consenso o il dissenso informato alle procedure diagnostiche e/o interventi terapeutici.

43 Il dissenso alla proposta del medico da parte del minore o del LR L art. 37 (intitolato Consenso o dissenso del legale rappresentante ) afferma, inoltre, che il medico segnala all Autorità competente l opposizione da parte del minore informato e consapevole o di chi ne esercita la potestà genitoriale a un trattamento ritenuto necessario e, in relazione alle condizioni cliniche, procede comunque tempestivamente alle cure ritenute indispensabili e indifferibili.

44 Il dissenso alla proposta del medico da parte del minore o del LR Questa norma, quindi, disciplina specificamente l ipotesi del conflitto di opinioni tra medico e minorenne informato e consapevole ovvero tra il sanitario e il LR della persona incapace di decidere, indicando al medico il comportamento da tenere a difesa della salute e della vita dell interessato.

45 Il dissenso alla proposta del medico da parte del rappresentante legale dell incapace Il terzo comma dell art. 32 del NCDM stabilisce, inoltre, che il medico, in caso di opposizione del rappresentante legale a interventi ritenuti appropriati e proporzionati, ricorre all Autorità competente, rectius Autorità giudiziaria, fermo restando il suo dovere di intervento nei casi previsti dal successivo art. 37 sopra menzionato.

46 Il dissenso alla proposta del medico da parte del rappresentante legale dell incapace Anche da queste disposizioni deontologiche emerge con tutta evidenza che il dissenso espresso in modo autonomo dal LR non ha, in linea generale, lo stesso valore di quello espresso dal diretto interessato, quantomeno nelle situazioni in cui vi sono immediatirischiperlavitaolasalutedel malato.

47 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) e le novità nel NCDM Il testo del CDM 2006, in molto succinto, stabiliva, nell art. 38, affrontava la questione delle DAT (all epoca definite direttive anticipate come indicato nel titolo di questa norma), affermando che il medico, se il paziente non è in grado di esprimere la propria volontà, deve tenere conto nelle proprie scelte di quanto precedentemente manifestato dallo stesso in modo certo e documentato.

48 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Il nuovo testo dell art. 38, che si intitola ora Dichiarazioni anticipate di trattamento, disciplina il tema in modo più analitico disponendo, nel primo comma, che il medico tiene conto delle dichiarazioni anticipate di trattamento espresse in forma scritta, sottoscritta e datata da parte di persona capace e successive a un informazione medica di cui resta traccia documentale.

49 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Nel secondo comma della nuova norma, inoltre, è stabilito che la dichiarazione anticipata di trattamento comprova la libertà e la consapevolezza della scelta sulle procedure diagnostiche e/o sugli interventi terapeutici che si desidera o non si desidera vengano attuati in condizioni di totale o grave compromissione delle facoltà cognitive o valutative che impediscono l espressione di volontà attuali.

50 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Nel terzo comma dell art. 38 si prescrive che il medico, nel tenere conto delle dichiarazioni anticipate di trattamento, verifica la loro congruenza logica e clinica con la condizione in atto e ispira la propria condotta al rispetto della dignità e della qualità di vita del paziente, dandone chiara espressione nella documentazione sanitaria.

51 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Il primo comma, dell art. 38 prevede, in sostanza, per le DAT dei requisiti di carattere formale (forma scritta, sottoscritta e datata, documentazione dell informazione ricevuta), e dei requisiti di carattere sostanziale (capacità del soggetto che esprime le sue volontà e sua consapevolezza in merito alle scelte operate previa una informazione medica).

52 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Nel secondo comma, inoltre, viene delineato il concetto deontologico di DAT e vengono indicate le condizioni di fatto nelle quali rilevano queste dichiarazioni. Nel terzo comma, infine, viene descritto il comportamento che deve avere il medico in presenza di una DAT e cioè tenere conto delle dichiarazioni, valutare se sono applicabili alla

53 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) condizione di malattia vissuta dal paziente, ispirare la propria condotta al rispetto della dignità del paziente (concetto che include il rispetto delle sue scelte) e della qualità di vita del malato, documentando poi in modo chiaro le ragioni del suo concreto comportamento (con conseguente obbligo di motivazione dell atto compiuto).

54 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Non sembra, quindi, che questo nuovo testo non sia rispettoso dell autonomia del soggetto che ha redatto le DAT perché la norma deontologica, se sono rispettati i requisiti formali e sostanziali sopra indicati, impone al medico di rispettare nella sostanza le volontà anticipate, sempre che siano pertinenti alla situazione del malato non più in grado di esprimere altre volontà.

55 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) D altra parte non si può seriamente contestare la necessità, in linea generale, che il sanitario si confronti con delle DAT che siano state sicuramente redatte da un determinato soggetto ben identificato, all epoca capace, in modo consapevole perché conseguenti ad una informazione medica, pena il rischio che il sanitario disattenda queste volontà in mancanza di certezze al riguardo.

56 La pianificazione/programmazione delle cure Deve essere sottolineato che occorre trattare in modo diverso le questioni inerenti la validità delle DAT e quelle relative alla pianificazione anticipata delle cure (menzionata nell art 26 del NCDM), in quanto questa programmazione anticipata delle cure presuppone una diagnosi di malattia e una relazione terapeutica già in essere.

57 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) e il LR Come prescritto dal quarto comma, dell art. 38 del NCDM, infine, il medico deve cooperare con il rappresentante legale perseguendo il migliore interesse del paziente e, in caso di contrasto, deve avvalersi del dirimente giudizio previsto dall ordinamento (espressione non proprio chiara che, in sostanza, invita il sanitario a ricorrere al giudizio della competente autorità giudiziaria).

58 Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) e il LR Quest ultimo comma dell art. 38, vista la sua collocazione, sembra disciplinare il comportamento che il medico deve tenere in caso di disaccordo con il LR circa l interpretazione ovvero l applicazione al caso di specie delle DAT, fermo restando il dovere, nascente dalla posizione di garanzia tenuta, di procedere tempestivamente nelle cure ritenute indispensabili e indifferibili.

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli

Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli XVII LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei DEPUTATI Di Lello, Di Gioia, Locatelli, Pastorelli Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

La responsabilità del prescrittore N. D Autilia

La responsabilità del prescrittore N. D Autilia La responsabilità del prescrittore N. D Autilia Il Codice di Deontologia Medica 2006 Art. 6 Qualità professionale e gestionale Il medico agisce secondo il principio di efficacia delle cure nel rispetto

Dettagli

Casi particolari di consenso informato

Casi particolari di consenso informato Pag. 1 di 9 Casi particolari di consenso informato lla PA XX Linee di Indirizzo per l acquisizione del consenso informato nei trattamenti sanitari Pag. 2 di 9 Sommario 1.PAZIENTE MINORENNE...3 1.1.Aspetti

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA (2014) 2 TITOLO I CONTENUTI E FINALITÀ Art. 1 Definizione Il Codice di deontologia medica - di seguito

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

La relazione di cura

La relazione di cura La relazione di cura Il valore della corretta informazione al paziente, del consenso e del dissenso informato. Lecco 31-10-09 a cura di S. Fucci - Giurista e Bioeticista sefucci@tiscali.it LA LIBERTÀ DEL

Dettagli

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei

informazione relativa a persona fisica o ad altro soggetto giuridico. Per trattamento dei Il rispetto della privacy. Cosa comporta la presenza dell altro? Quale altro? Quando vale e per chi il segreto professionale? Cosa introduce nel processo comunicativo? E fuori dal segreto professionale

Dettagli

IL CONSENSO INFORMATO

IL CONSENSO INFORMATO DOTT.SSA LUCIANA LABATE U.O. PNEUMOLOGIA OSP. FALLACARA TRIGGIANO (BA) IL CONSENSO INFORMATO Cosa è il consenso informato: Il Consenso informato è il fondamento etico, giuridico, deontologico dell'atto

Dettagli

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria

I documenti di: quotidianosanità.it. Quotidiano online di informazione sanitaria I documenti di: quotidianosanità.it Quotidiano online di informazione sanitaria Dossier Documentazione legislativa Studi e ricerche Interventi e relazioni BOZZA CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 2014 2006 TITOLO

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI DOCUMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLA FNOMCeO SULLE D.A.T. Il Consiglio Nazionale della Federazione Nazionale Ordini dei Medici

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE

SENATO DELLA REPUBBLICA Gruppo Partito Democratico Ufficio Legislativo DISEGNO DI LEGGE DISEGNO DI LEGGE Disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l'accanimento terapeutico d'iniziativa dei senatori:

Dettagli

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova

Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico. Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova Alla fine della vita: chi decide? L orizzonte del medico Luciano Orsi Dipartimento Cure Palliative, Mantova MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVA Gestione delle fasi avanzate e terminali QdV QdM FASI DI AGGRAVAMENTO

Dettagli

Ogg.: Istituzione del Registro dei testamenti biologici. Approvazione del relativo Regolamento comunale.

Ogg.: Istituzione del Registro dei testamenti biologici. Approvazione del relativo Regolamento comunale. DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO Ogg.: Istituzione del Registro dei testamenti biologici. Approvazione del relativo Regolamento comunale. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: Con l espressione testamento biologico

Dettagli

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA

LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA LA MEDICINA DIFRONTIERA E LA MEDICINA DIFENSIVA Prof. ssa Rossana Cecchi Dipartimento di Scienze anatomiche, istologiche, medico-legali e dell apparato locomotore Università Sapienza - Roma COSTITUZIONE

Dettagli

DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera. Art. 1. (Tutela della vita e della salute).

DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera. Art. 1. (Tutela della vita e della salute). DDL CALABRÒ Testo per l'esame in Assemblea della Camera Art. 1. (Tutela della vita e della salute). 1. La presente legge, tenendo conto dei princìpi di cui agli articoli 2, 3, 13 e 32 della Costituzione:

Dettagli

1. La presente legge, tenendo conto dei princìpi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione:

1. La presente legge, tenendo conto dei princìpi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione: Disposizioni in materia di alleanza terapeutica, di consenso informato e di dichiarazioni anticipate di trattamento Art. 1. (Tutela della vita e della salute) 1. La presente legge, tenendo conto dei princìpi

Dettagli

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione

Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione CARTA DI TORINO 2008 Medici e Giornalisti per la deontologia dell informazione Il testo è stato redatto dal Consiglio dell Ordine dei Giornalisti del Piemonte e dal Consiglio dell Ordine dei Medici Chirurghi

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA

PROPOSTA DI DELIBERA COMUNE DI COMO PROPOSTA DI DELIBERA Oggetto: ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA Il consiglio comunale di Como Premesso che: - Con l espressione testamento biologico (o anche

Dettagli

Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani

Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani Il nuovo Codice Deontologico degli Infermieri italiani La storia è fatta di eventi, vicende e ricorrenze. Così è anche per il cammino delle infermiere e degli infermieri italiani che, con i Collegi provinciali

Dettagli

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011

Area Socio Culturale istituzionale e legislativa. Corso ASA Diurno 2010/2011 Area Socio Culturale istituzionale e legislativa 1 Cosa si intende per PRIVACY? Diritto a essere lasciato solo ovvero a non subire interferenze sulla propria persona e nella propria vita (anglosassoni)

Dettagli

Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus

Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus Dossier informativo a cura della sezione pisana della Consulta di Bioetica Onlus Autodeterminazione alla fine della vita: che ne è del testamento biologico? Pisa, 1 febbraio 2012 1 Nota introduttiva La

Dettagli

ART. 1 (Tutela della vita e della salute).

ART. 1 (Tutela della vita e della salute). ART. 1 (Tutela della vita e della salute). 1. La presente legge, tenendo conto dei principi di cui agli articoli 2, 13 e 32 della Costituzione: a) riconosce e tutela la vita umana, quale diritto inviolabile

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO

INDICE PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO Introduzione... pag. XI PARTE PRIMA PRINCIPI GENERALI, ORIENTAMENTI E PROSPETTIVE DEL CONSENSO INFORMATO AL TRATTAMENTO SANITARIO Capitolo Primo L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE 1. Un po di storia...

Dettagli

Seconda Università degli Studi di Napoli

Seconda Università degli Studi di Napoli Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Medicina Legale Il dovere di certificare Prof. Bruno Della Pietra 1 La libertà

Dettagli

CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA Bimestrale di informazione medica - anno XXXIV n. 1 Febbraio 2007 - Sped. in a.p. - 70% - Filiale

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO AIFI

CODICE DEONTOLOGICO AIFI CODICE DEONTOLOGICO AIFI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni e campo di applicazione Art. 2 Responsabilità disciplinare TITOLO II DIRITTI FONDAMENTALI DELLA PERSONA UMANA Art. 3 Rispetto

Dettagli

TESTO PROPOSTO DALLA COMMISSIONE (Risultante dall'approvazione di emendamenti, subemendamenti e coordinamento)

TESTO PROPOSTO DALLA COMMISSIONE (Risultante dall'approvazione di emendamenti, subemendamenti e coordinamento) TESTO PROPOSTO DALLA COMMISSIONE (Risultante dall'approvazione di emendamenti, subemendamenti e coordinamento) Disposizioni in materia di alleanza terapeutica, di consenso informato e di dichiarazioni

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI Sede Legale Piazza Carlo Forlanini, 1 00151 Roma Azienda con ospedali di rilievo nazionale e di alta specializzazione COMITATO ETICO STATUTO COMITATO ETICO AZIENDA

Dettagli

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e

Str St a r te t gie gie orga g nizzative v e pe pe la promozione ne e sicu c r u ezza del de pa zien e te n : te proce oc dur e,line lin e e Strategie organizzative per la promozione e sicurezza del paziente: procedure, linee guida, gestione della documentazione. Dalla qualità alla responsabilità. Andrea Minarini Direttore U.O.C. Medicina Legale

Dettagli

L Etica Medica ed in Medicina

L Etica Medica ed in Medicina Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale 2010 Sede di Reggio Emilia L etica e la deontologia della Responsabilità professionale Dott. Salvatore de Franco Presidente ed Odontoiatri di Reggio Emilia

Dettagli

LA DAY SURGERY DEL FUTURO. Ferrara - 23 ottobre 2010

LA DAY SURGERY DEL FUTURO. Ferrara - 23 ottobre 2010 LA DAY SURGERY DEL FUTURO Ferrara - 23 ottobre 2010 Il Consenso Informato in Day Surgery a cura di Marco Perelli Ercolini mpe 2010 Il mio collegiale saluto a tutti i presenti mpe 2010 IL CONSENSO INFORMATO

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

Il consenso informato in endoscopia digestiva Ferrara 28/2/2012

Il consenso informato in endoscopia digestiva Ferrara 28/2/2012 Il consenso informato in endoscopia digestiva Ferrara 28/2/2012 Enzo Gallo UOC Gastroenterologia Endoscopia digestiva DEA III livello P.O. Nocera-pagani Paziente Consenso informato Bisogno di prestazione

Dettagli

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO

Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO 12/11/12$ Luigi O. Molendini LA MEDICINA DIFENSIVA: LO SCENARIO Il contesto ambientale Il ruolo della giurisprudenza La medicina difensiva Il ruolo del singolo operatore Il ruolo del legislatore 1$ Responsabilità

Dettagli

Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche

Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche Collegio Interprovinciale Ostetriche Torino-Asti Responsabilità professionale dell ostetrica: evoluzione normativa e aspetti giuridici Il consenso informato: principi, regole e applicazioni pratiche 31

Dettagli

CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI. La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni

CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI. La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni CONVEGNO CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni Pordenone, 14 settembre 2013 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze

Dettagli

COMITATO CENTRALE 16 marzo 2013. TITOLO I CONTENUTI E DESTINATARI Art. 1

COMITATO CENTRALE 16 marzo 2013. TITOLO I CONTENUTI E DESTINATARI Art. 1 ALLEGATO 3 CODICE 2006 TITOLO I OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Art. 1 COMITATO CENTRALE 16 marzo 2013 TITOLO I CONTENUTI E DESTINATARI Art. 1 Proposte commissione solidarietà 5/11/2012 - Definizione -

Dettagli

( A cura dell Avv. Valter Marchetti, Osservatorio Giuridico La Previdenza )

( A cura dell Avv. Valter Marchetti, Osservatorio Giuridico La Previdenza ) Pagina1 1 Relazione interpersonale medico e paziente: consenso informato, ( A cura dell, Osservatorio Giuridico La Previdenza ) Nel rapporto tra medico e paziente, nel rispetto dell inviolabile principio

Dettagli

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti

Rapporti con i medici, i veterinari ed altri sanitari. Rapporti con i maestri e con i tirocinanti CODICE DEONTOLOGICO DELLA PROFESSIONE DI FARMACISTA Il "Codice Deontologico del Farmacista", è stato approvato dal Consiglio Nazionale della Federazione degli Ordini in data 13 dicembre 2000. Premessa

Dettagli

PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DEL CONSENSO INFORMATO

PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DEL CONSENSO INFORMATO AUROlink il collegamento tra medico e paziente Informazioni validate per ottenere un consenso consapevole alle procedure urologiche PROCEDURA PER L ACQUISIZIONE DEL CONSENSO INFORMATO INDICE 1. Scopo pag.

Dettagli

Sui rapporti tra le norme. Il Consiglio dell Ordine degli Psicologi della Regione Emilia-Romagna, constatato che:

Sui rapporti tra le norme. Il Consiglio dell Ordine degli Psicologi della Regione Emilia-Romagna, constatato che: Linee di indirizzo per l applicazione dell art. 31 del Codice Deontologico degli Psicologi italiani a cura di Manuela Colombari con consulenza degli Avvocati Margherita Prandi e Federico Gualandi Il Consiglio

Dettagli

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa

Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Come e perché compilare la Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT) a cura della Provincia di Pisa Perché la Provincia istituisce il Registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento? La Provincia

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Regola n. 1 Dei Protocolli dell attività notarile in generale

Regola n. 1 Dei Protocolli dell attività notarile in generale Regola n. 1 Dei Protocolli dell attività notarile in generale 1) Definizione e finalità. 2) Valutazione delle regole. 3) Valutazione dei comportamenti 4) Efficacia dei Protocolli. 1. Definizione e finalità.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLLEDRI, RIVOLTA, GRIMOLDI, RAINIERI, RONDINI, TORAZZI. Disposizioni concernenti il divieto di eutanasia

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE POLLEDRI, RIVOLTA, GRIMOLDI, RAINIERI, RONDINI, TORAZZI. Disposizioni concernenti il divieto di eutanasia Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 630 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI POLLEDRI, RIVOLTA, GRIMOLDI, RAINIERI, RONDINI, TORAZZI Disposizioni concernenti il divieto

Dettagli

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - D.C.B.

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - D.C.B. ANNO XXIX N 1 FEBBRAIO 2007 Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 2 - D.C.B. - LATINA CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA AGGIORNATO

Dettagli

Ddl Calabrò 26 marzo 2009 - Senato

Ddl Calabrò 26 marzo 2009 - Senato Disposizioni in materia di alleanza terapeutica, di consenso informato e di dichiarazioni anticipate di trattamento Ddl Calabrò 26 marzo 2009 - Senato Riconosce e tutela la vita umana, quale diritto inviolabile

Dettagli

lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA

lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA lettera aperta 28 giugno 2015 Al Presidente della Giunta Regione Marche prof. Luca Ceriscioli via Gentile da Fabriano, 9 60125 ANCONA Egregio prof. Ceriscioli, intanto ci congratuliamo con lei per la sua

Dettagli

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE)

INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO (FSE) Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CON DOSSIER SANITARIO ELETTRONICO (DSE) E/O CON FASCICOLO SANITARIO

Dettagli

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi*

IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO. di Luca Giacopuzzi* IL REGIME GIURIDICO DEI SISTEMI DI RICONOSCIMENTO BIOMETRICO di Luca Giacopuzzi* I sistemi di rilevazione biometrica 1 hanno ad oggetto dati ricavati dalle caratteristiche fisiche o comportamentali di

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION LE COMPETENZE Capitolo 4 LE COMPETENZE La qualità principale che l osteopata professionista deve possedere e applicare nell approccio terapeutico è la competenza, caratteristica fondamentale dell iter formativo, dell

Dettagli

AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI

AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI AGOASPIRATO ECO-GUIDATO DI TESSUTI E ORGANI SUPERFICIALI Data di acquisizione: 1 - Generalità del Paziente Cognome Nome Data di nascita Etichetta Paziente 2 - Quale procedura mi viene proposta? La presente

Dettagli

1 OGGETTO N. 3 MOZIONE PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO TELEMATICO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI

1 OGGETTO N. 3 MOZIONE PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO TELEMATICO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI 1 MOZIONE PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO TELEMATICO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI (TESTAMENTO BIOLOGICO). I Consiglieri comunali Lododivo Zanetti, Valentina Ancarani,

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO COPIA PRIVA DI VALORE LEGALE COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Provincia di Modena ISTITUZIONE DEL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI VOLONTA RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI TESTAMENTO BIOLOGICO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI, PASTORINO, MATARRELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3599 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRIGNONE, CIVATI, ANDREA MAESTRI,

Dettagli

Mozione. istituzione del registro dei testamenti biologici. Al Sindaco Giovanni Malpezzi All'Assessore alle politiche sociali Antonio Bandini

Mozione. istituzione del registro dei testamenti biologici. Al Sindaco Giovanni Malpezzi All'Assessore alle politiche sociali Antonio Bandini Fatti Sentire La Lista Civica 5 Stelle per Faenza Sito web: www.faenzafattisentire.it E-mail: info@faenzafattisentire.it Tel. 3801428248 Al Sindaco Giovanni Malpezzi All'Assessore alle politiche sociali

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen.

Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Norme per la tutela della salute, per la disciplina del rischio clinico e della responsabilità professionale medica (AS1648) Sen. Lucio Romano Finalità del DdL Contrattualismo Alleanza di cura Ania. Dossier

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Introduzione LA RESPONSABILITÀ IN GENERALE

INDICE-SOMMARIO. Introduzione LA RESPONSABILITÀ IN GENERALE INDICE-SOMMARIO Introduzione LA RESPONSABILITÀ IN GENERALE Sezione I - Le varie tipologie dell illecito................... pag. 3 Sezione II - La responsabilità disciplinare nell esercizio della professione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII INTRODUZIONE 1. Responsabilità professionale... 1 2. Responsabilità medica e diritto alla salute... 3 3. La responsabilità medica oggi... 6

Dettagli

Ticino. Legge. Ticino : Legge

Ticino. Legge. Ticino : Legge Ticino : Legge Ticino Legge LS Legge sulla promozione della salute e il coordinamento sanitario, del 18 aprile 1989, Versione in vigore dal 27.01.2009, http://www.lexfind.ch/dta/14333/4/185.htm. Agopunturista

Dettagli

Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza

Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza Via Nicolò Copernico 12 - Valdagno - Vicenza Documento redatto nel mese di gennaio 2013, modificato nel mese di gennaio 2015. PREMESSA La riforma della sanità del 1999 ha modificato in maniera sostanziale

Dettagli

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003

ITALIA NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 727 NUOVE NORME SULLA PROCREAZIONE ASSISTITA: VIETATA LA FECONDAZIONE ETEROLOGA DI 2003 (Progetto di legge, definitivamente approvato il 10.02.2004 num. 47). Nella seduta del 10 febbraio la Camera dei

Dettagli

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure

Margine d azione d malato ed il suo bisogno di cure Margine d azione d tra l autonomia l del malato ed il suo bisogno di cure Le dichiarazioni anticipate di trattamento nelle cure palliative: problema o risorsa? Vipiteno-Sterzing 29 ottobre 2005 Giovanni

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI

CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI 2 ATTIVITÀ ESECUTIVA E TUTELA GIURISDIZIONALE 5 CAPITOLO I IL PROCESSO DI ESECUZIONE NEI SUOI ASPETTI GENERALI SOMMARIO: 1. Orientamenti generali e schema della disciplina del processo di esecuzione. 2.

Dettagli

SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo

SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo SIMPOSIO L ERRORE MEDICO Alla ricerca delle Procedure di Provata Efficacia per prevenirlo FONDAZIONE ARTURO PINNA PINTOR Torino 17/11/2007 EVENTO EVENTUM (latino : part. Pass. di evenire) Fatto che si

Dettagli

Dossier 3/2007. Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Bologna Codice di Deontologia Medica

Dossier 3/2007. Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Bologna Codice di Deontologia Medica Dossier 3/2007 Ordine provinciale dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Bologna Codice di Deontologia Medica (approvato con delibera 45 del 13 febbraio 2007) ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI

Dettagli

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO

DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO DICHIARAZIONE CONGIUNTA SUI DIRITTI DEI MALATI DI CANCRO La Dichiarazione Congiunta è stata approvata a Oslo il 29 giugno 2002 nel corso dell Assemblea dell ECL (European Cancer Leagues) I diritti fondamentali

Dettagli

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione.

Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. CIRCOLARE n. 16 26 luglio 2012 GDV/fp Oggetto: Nuove disposizioni della Procura in relazione all accertamento del reato di cui all articolo 187 CdS. Procedura di prima applicazione. Con nota dello scorso

Dettagli

Codice Privacy Codice Privacy

Codice Privacy Codice Privacy AZIENDA USL DI TERAMO ISTRUZIONI PER IL TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO TRATTAMENTO DEI DATI IN AMBITO SANITARIO Il trattamento dei dati in ambito sanitario deve essere ispirato alle direttive

Dettagli

INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE

INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE Per un diritto gentile alla fine della vita Padova, 25 ottobre 2013 INTERROMPERE/NON INIZIARE LE CURE Elisabetta Palermo Fabris 1 È importante contestualizzare l intervento nella logica dei due documenti

Dettagli

AVV. GIUSEPPE MARIA GALLO Magistrature Superiori APPUNTI EVENTO C/O EO GALLIERA DI GENOVA SU CONSENSO INFORMATO

AVV. GIUSEPPE MARIA GALLO Magistrature Superiori APPUNTI EVENTO C/O EO GALLIERA DI GENOVA SU CONSENSO INFORMATO AVV. GIUSEPPE MARIA GALLO Magistrature Superiori APPUNTI EVENTO C/O EO GALLIERA DI GENOVA SU CONSENSO INFORMATO A)- PRINCIPI GENERALI. Consenso informato In Italia, qualunque trattamento sanitario, medico

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA Brescia, 1 dicembre 2012 Il valore etico della medicina dei trapianti Adelaide Conti - Cattedra di Medicina Legale Università degli Studi di Brescia ETICA DEI

Dettagli

INFORMATO: PROFILI DI RESPONSABILITA' DEI SANITARI

INFORMATO: PROFILI DI RESPONSABILITA' DEI SANITARI Scuola di formazione D ARENA SRL CORSO ECM COMUNICAZIONE e CONSENSO INFORMATO: PROFILI DI RESPONSABILITA' DEI SANITARI e cd. "ALLEANZA TERAPEUTICA" 26 ottobre 2013 ore 8.00 16.30 Aula 2 Scuola di Formazione

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 16 DICEMBRE 2006 1 TITOLO I OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Art. 1 - Definizione - Il Codice di

Dettagli

ASSOCIAZIONE UN FILO PER LA ONLUS A.N.A.D.P. Associazione Nutrizione Artificiale Domiciliare Pediatrica

ASSOCIAZIONE UN FILO PER LA ONLUS A.N.A.D.P. Associazione Nutrizione Artificiale Domiciliare Pediatrica Come partecipare alla vita della nostra associazione Chiunque volesse far parte dell Associazione Nazionale Un Filo per la vita come socio Ordinario (genitori di malati, malati maggiorenni in possesso

Dettagli

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di

Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Dichiarazione di Helsinki: 50 anni dopo http://www.partecipasalute.it/cms_2/node/2058#tit11 Cinquanta anni e 7 revisioni dopo, la Dichiarazione di Helsinki - uno dei documenti cardine sui principi etici

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA FEDERAZIONE NAZIONALE DEGLI ORDINI DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA 16 DICEMBRE 2006 1 TITOLO I OGGETTO E CAMPO DI APPLICAZIONE Art. 1 - Definizione - Il Codice di

Dettagli

E QUINDI SANZIONABILE.

E QUINDI SANZIONABILE. Il codice deontologico tra continuità e innovazione Inf. Plebani Simona Segretario Collegio IPASVI Bergamo Significato di deontologia Il termine coniato da J. Bentham nel 1834 deriva da to deon Indica

Dettagli

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE

Procura della Repubblica di Bolzano DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE DIRETTIVE ANTICIPATE DI TRATTAMENTO SITUAZIONE GIURIDICA ATTUALE PRINCIPIO DI CUI ALL ART. 32 COSTITUZIONE La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo e interesse della collettività

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto

IL COLLEGIO DI ROMA. Fatto IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Bruno De Carolis Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio Membro designato dalla Banca

Dettagli

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare

Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Il medico e l ordine professionale: l iscrizione e l esercizio del potere disciplinare Per esercitare legittimamente la professione medica e quella odontoiatrica è richiesta l iscrizione all ordine dei

Dettagli

Modalità e casi per contestare i certificati medici prodotti dai propri dipendenti

Modalità e casi per contestare i certificati medici prodotti dai propri dipendenti CIRCOLARE A.F. N. 45 del 27 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Modalità e casi per contestare i certificati medici prodotti dai propri dipendenti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE

C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE C O M U N E DI P O R T O S C U S O REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. del pubblicata all Albo Pretorio in data

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005

REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ADOTTATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.125 DEL 26.05.2005 Modificato con delibera di C.C. 138 del 09 giugno 2006 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO IL RICHIAMO IN SERVIZIO OGGI PER DOMANI

ORDINE DI SERVIZIO IL RICHIAMO IN SERVIZIO OGGI PER DOMANI ORDINE DI SERVIZIO La situazione di grave carenza del personale infermieristico porta spesso la dirigenza delle aziende sanitarie ed ospedaliere ad interpretare in modo decisamente estensivo importanti

Dettagli

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere

Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Sperimentazione Clinica: ruolo e responsabilità dell Infermiere Aspetti legali, assicurativi e privacy nelle sperimentazioni cliniche Francesco Mazza Direttore Legale, Fiscale e Rapporti con le Associazioni,

Dettagli