RENDICONTO GESTIONE SPERIMENTALE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RENDICONTO GESTIONE SPERIMENTALE 2013"

Transcript

1 + RENDICONTO GESTIONE SPERIMENTALE 2013 ALLEGATO Dbis Rendicontazione Circondario Empolese-Valdelsa

2

3 I ft CIRCONDARIO I DELL EMPOLESE VALDELSA Fmpoli. enerdi 4 aprile 2 )14 Sig. Presidente :fldlva l3arducci. Proi incia di Firenze Via Cavour. I FIRENZE E I p.c. Doti. Roceo Conte Dipartimento III (iestione delle Risorse - Serviii I inani iari Pro incia di Firenze Via C aiour. I flrfnze I 4 o ti CI CI 4; OGGETTO: Rendicontazione della gestione anno Ai sensi dell an. 9 della Convenzione con la Provincia di Firenze rep. n. 270t2013. c. 1 l o z o 4-4 e In relazione a quanto previsto dalla Convenzione in oggetto, si pronede ad inviare copia della Relazione Illustrativa riferita alle attività dell anno A disposit ione per eventuali chiarimenti, si coglie l occasione per porgere i migliori saluti. 4. Li $polini 1 le CE. COt L N!t kc t NLARI LL I [ APO.tsr IALCELSA 0aza t i a e 54 kuc4.5 E p i,.r, I, t a.....,...r,3: jfr. ca...i.aa If.,rt,.,, ew 4... a.j. lar.. f. L:G.C.. 4fl t.. : i i.etofl,..,.. ai, ¾2 4.tt t.k m l l.t

4 (Ai sensi dell art. 9 della convenzione con la Provincia di Firenze rep. n. 270/2013) Rendicontazione della gestione anno 2013 CIRCONDARIO DELL EMPOLESE VALDELSA

5 servizi piano scuole INDICE Cultura, Turismo, Sport, Servizi alle scuole e alle sedi universitarie[ 3 Turismo 3 Autoscuole studi di consulenza automobìlistica nautiche 3 Servizi Scolastici 3 jistruzione, Formazione, Lavoro e sociale4 4 Diritto allo studio 4 Osservatorio scolastico 4 Autonomia scolastica 4 Formazione professionale e politiche del lavoro 4 [Agricoltura, Caccia, Pesca e Ambiej 8 Attivita promozionali in campo agricolo 8 Ufficio vigneti 8 Procedimenti finalizzati all erogazione dei contributi per la forestazione 8 Uffici 0CM vigneti fitosanitari di sviluppo rurale 8 Procedimento finalizzato alla verifica a campione per la concessione del carburante agricolo agevolato in loco art. 7 del d.m. 454/ Verifica decadenza benefici tributari piccola proprieta contadina ai sensi del Di. 114/1948 e succ. modifiche richiesta Agenzia dell Entrate di Empoli. 9 Caccia, pesca e programmazione delle risorse agricole e faunistiche del territorio 9 Attuazione delle competenze provinciali in materia di bonifica dei siti inquinati 10 Attuazione della normativa nel campo della tutela della qualità dell aria 10 Gestione competenze relative all Autorizzazione integrata ambientale AIA - L.R N Competenze in merito alla gestione dei rifiuti urbani e speciali, anche pericolosi Il Competenze in merito alle verifiche di rendimento energetico impianti di climatizzazione invernale ed estiva 11 Attività di verifica, monitoraggio e aggiornamento della normativa vigente a fini della completa attuazione delle procedure e adempimenti attuativi tecnici ed amministrativi di competenza dell ufficio ambiente li IGestione del territorio e del patrimonio: edilizia, viabilità, trasporti, pianificazione territoriale e difesa del suolo[ 14 Manutenzione e Adeguamento degli immobili scolastici, nel corso del 2013: 14 Viabilità: 14 Trasporto pubblico locale 15 Pianificazione territoriale 15 Difesa del suolo 16 Casse di espansione 18

6 Cultura, Turismo, Sport, Servizi alle scuole e alle sedi universitarie Turismo Per quanto riguarda le competenze in materia turistica, il 2013 è stato caratterizzato dall istituzione sul territorio della gestione associata dei servizi comunali in materia turistica, coerentemente con il più ampio processo di riforma istituzionale in atto. L Ufficio ha garantito un attività di supporto, coordinamento e aggiornamento del portale turistico di area wwv.toscananelcuore.it. Altre attività redazionali sono state la collaborazione con il quotidiano Il Tirreno, tinalizzata alla realizzazione di un magazine gratuito abbinato al giornale per la presentazione degli eventi estivi nell Empolese Valdelsa, e la divulgazione di attività ed informative su progetti e finanziamenti promossi da altri Enti. Significativo anche il numero dì risposte dell Ufficio alle richieste di informazioni turistiche pervenute direttamente o per via telefonica/telematica. A fine anno 2013 a questo ufficio sono stati assegnati i controlli alla aziende agrituristiche. A proposito delle procedure amministrative in materia turistica, l attività di controllo e di vigilanza dello sportello si è svolta mediante istruttoria di 24 pratiche relative alle attività delle agenzie di viaggio (D.I.A., comunicazioni di variazioni, cessazioni, programmi di viaggi, acquisto, rilascio nulla-osta per nuove denominazioni agenzie con sede nel Circondano, trasmissione domande di partecipazione all esame di idoneità alla qualifica di Direttore Tecnico Agenzia di Viaggio e procedura del relativo Protocollo d intesa, rapporti con Fondo di Garanzia del Ministero delle Attività Produttive) e delle comunicazioni inerenti l organizzazione e la realizzazione occasionale, senza scopo di lucro, di viaggi, soggiorni, gite ed escursioni, ex art. 92 L.R.42/2000. Inoltre lo sportello ha provveduto all aggiornamento del sito di riferimento per gli operatori a carattere nazionale (vwinlona it) come richiesto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Turismo, oltre alla gestione del proprio elenco di agenzie di viaggio, pubblicato sul sito dell Unione dei Comuni Circondano dell Empolese Valdelsa. Da segnalare anche tre visite in itinere per controlli su corsi del FSE. Autoscuole studi di consulenza automobilistica scuole nautiche Lo sportello per le autoscuole, gli studi di consulenza automobilistica e le scuole nautiche ha continuato ad aggiornare, in collaborazione con il Coordinamento dei SUAP dell Empolese Valdelsa, la rispettiva modulistica, allo scopo di uniformarla alla modulistica predisposta dai SUAP dei Comuni dell Unione in tema di attività produttive e di servizi. E proseguita inoltre l attività di controllo amministrativo e di vigilanza, con l istruttoria di circa 13 pratiche (segnalazioni di avvio attività e trasferimenti di sede, comunicazioni relative a cessazioni, modifiche attività e assettì societari e consortili, variazioni parco mezzi) e la realizzazione e consegna di 17 tesserini identificativi del personale docente delle autoscuole. Notevole impegno ha richiesto l effettuazione dei controlli periodici su tutti i requisiti personali e professionali dei titolari e del personale docente delle autoscuole, previsti dal Codice della Strada e dal decreto 17/2011. Servizi Scolastici In attuazione della Legge 23/96, obiettivo prioritario è stato quello di garantire tempestivamente la fornitura dei beni mobili necessari agli Istituti per svolgere la loro funzione di istruzione pubblica, anche in considerazione della riorganizzazione della rete scolastica e dell offerta formativa degli Istituti scolastici. Nell anno scolastico si è provveduto all arredamento di nuove aule, in particolare per l istituto Virgilio che ha visto un incremento di ben 5 classi. Nel campo dei servizi, gli obiettivi sono quelli di garantire la fruizione di impianti sportivi esterni (comunali) per quegli istituti che sono sprovvisti di idonee palestre, mediante la sottoscrizione di apposite convenzioni con i gestori degli impianti stessi, e di provvedere al trasporto degli allievi presso detti impianti. A questi si aggiungono i servizi straordinari di pulizia, manutenzione, gestione delle emergenze. Th P O La oro, iflione e Svt1up P O Agricoltura ilupp rurale caccia e pesca Polo - 4Ir9irconcini

7 listruzione, Formazione, Lavoro e sociaie Diritto allo studio Obiettivo è l effettiva realizzazione del diritto allo studio, da perseguire sia attraverso la gestione di alcuni servizi, sia contribuendo, per quanto di competenza, all innovazione didattica e al sostegno delle situazioni di disagio sociale e culturale. Più in dettaglio si ricorda: Partecìpazione all attività della Conferenza Zonale per l Istruzione in particolare per attuare la massima integrazione delle procedure comunali in materia di diritto allo studio. - Coordinamento e controllo dei finanziamenti regionali, statali e provinciali relativi agli interventi per il diritto allo studio finalizzati al sostegno del reddito familiare. Attuazione degli indirizzi regionali relativamente all organizzazione del sistema educativo e formativo locale integrato attraverso la progettazione educativa integrata di area (PIA), avvalendosi in particolare del Centro Studi Bruno Ciari e coinvolgendo tutti i soggetti interessati. Osservatorio scolastico L obiettivo è stato quello di fornire dati sui quali reggere ogni scelta di carattere programmatico; costituire una banca dati anagrafica di tutti i soggetti in obbligo formativo, fornire supporto alle attività e alle iniziative per il diritto allo studio. Grazie alla stretta attività di collaborazione fra gli Uffici dell Unione e l Osservatorio Scolastico Provinciale, pervengono dati già opportunamente aggregati relativamente alle realtà del territorio dell Unione stessa. In ogni caso la disponibilità dei dati può consentire la promozione di analisi specifiche, in particolare sulle situazioni critiche del disagio e dell abbandono scolastico. Autonomia scolastica Si è riconfermato l obiettivo di connettere la scuola alle varie articolazioni socio-culturali ed economiche del territorio, consapevoli del fatto che in questa area il rapporto scuola-società è aperto e proficuo da sempre, anche per il notevole impegno profuso dall Ente locale in questa direzione. In questa ottica si colloca il Progetto di Sistema integrato Istruzione-formazione-lavoro, sistema nel quale l Orientamento assume un ruolo decisivo nell informare sulle opportunità formative del territorio dando modo di presentare le peculiarità di ogni singolo percorso formativo di scuola media superiore, con le alternative legate ai Percorsi formativi integrati, nonché di fornire alle ultime classi degli Istituti Superiori dell Unione la possibilità di conoscere tutte le opportunità formative del territorio. In particolare il Tavolo di Coordinamento fra gli istituti Scolastici si è confermato come lo strumento principe per l attuazione ditali obiettivi. Si conferma il sostegno alla connessione in rete attuata in tutti gli Istituti scolastici, corredata dalla possibilità di servizi a valore aggiunto quali la posta elettronica e il virtual hosting, nell ambito della Rete Telematica Regionale, per consentire a pieno la loro integrazione e la circolazione delle informazioni. Si conferma un sempre maggiore impegno nei confronti del sito tematico del settore Istruzione sul portale dell Ente, che si provvede ad aggiornare mensilmente, nonché delle News dei settori Istruzione, Formazione e Lavoro. Formazione professionale e politiche del lavoro Nel corso dell anno 2013, l Ufficio Formazione Professionale ha proseguito la messa a concorso delle risorse del P.O.R. Obiettivo , che si stanno avviando verso il completo esaurimento. Relativamente alle risorse del POR Obiettivo , gli avvisi di seguito specificati hanno prodotto i descritti impegni di bilancio: Bando P.O.R. Obiettivo per voucher individuali, Asse IV (capitale umano). Scadenza 28 dicembre 2012 Risorse disponibili: ,34. Le risorse messe a bando afferiscono ad economie relative ad anni precedenti il 2012 e per 9.000,00 a risorse 2013; Determinazione di finanziamento: n. 68 del per un totale di ,34; Voucher finanziati: sono stati finanziati n. 5 voucher su 11 richieste presentate. Bando P.O.R. Obiettivo per un progetto formativo da realizzare a costi standard rivolto a persone diplomate. sull Asse IV. Scadenza: 03 dicembre 2012; Risorse disponibili: E ,00 di cui ,00 riferiti all anno 2012, e ,00 al 2013; 4

8 Determinazione di finanziamento: n. 62 del per un totale di 62361; Progetti finanziati: è stato finanziato un solo progetto su n. 3 presentati, per un totale di ,00. Con determinazione n. 112 del , è stato invece disposto l appalto dei servizi di formazione professionale per la realizzazione di corsi formativi per persone occupate e attività di work experience per persone non occupate nell ambito dell insediamento turistico denominato Toscana Resort Castelfalfi, nel Comune di Montaione, prevedendo risorse per complessivi ,00, così ripartiti: ,00 Asse I (Adattabilità), ,00 (Asse Il - Occupabilità). Il servizio è stato definitivamente affidato, mediante cottimo fiduciario, con determinazione n. 148 del , riducendo il finanziamento a ,00, così ripartiti: 21,780,00 Asse I (Adattabilità), 8.470,00 (Asse TI - Occupabilità). È inoltre continuata l implementazione del Sistema Informativo Regionale, attraverso l inserimento delle somme erogate ai soggetti beneficiari di finanziamento e il controllo delle registrazioni effettuate dall inizio del periodi di programmazione : tale verifica occuperà anche l anno 2014 e presumibilmente il 2015, poiché sul SI confluiscono tutte le informazioni fisiche e finanziarie che sono necessarie per la corretta rendicontazione delle somme amministrate nel periodo considerato. Si è altresì proceduto a rilevare le economie sulle risorse del P.O.R. Obiettivo e della Legge n. 236/93, art. 9. Le economie rilevate sulle risorse del P.O.R. Obiettivo sono così divise: Asse I: Euro ,62; Asse Il: Euro ,21; Asse III: Euro 8.595,70; Asse IV: Euro ,45. Per quanto riguarda la Legge n. 236/93 art. 9, le economie rilevate sono pari a Euro ,14. Con comunicazione del alla Regione Toscana, è stato richiesto di poter utilizzare questi residui per il finanziamento di un nuovo bando. La risposta della Regione Toscana è stata favorevole e pertanto nel primo trimestre del 2014 saranno messe a bando le risorse residue. A valere sul bando regionale P.O.R. Obiettivo , asse V, si è appena chiuso il progetto Tra. Svi.Be., finalizzato alla creazione di un partenariato transnazionale tra istituzioni per lo svolgimento di attività in regioni e paesi europei ed extraeuropei (USA) nel settore delle professioni del benessere. Obiettivo del progetto è stata la crescita della qualità e dell occupazione del settore benessere nei territori del Circondano Empolese Valdelsa, delle Province di Prato e di Arezzo. A ottobre 2013, è stato realizzato l ultimo viaggio di studio in Spagna, con la visita all azienda Hair Spray Spain ad Almeria e alcune giornate di formazione a Barcellona, presso accademie di acconciatura ed estetica, clienti di HS Spain. Hanno partecipato quindici allievi dei corsi di formazione per estetista/parrucchiere e 3 rappresentanti istituzionali. In data 20 novembre è stata richiesta e autorizzata dalla regione Toscana la proroga delle attività progettuali al fine di organizzare l evento finale di diffusione dei risultati del progetto previsto per il 27 gennaio 2014, regolarmente svoltosi presso l Accademia I Santini di Empoli, con la partecipazione di tutti i beneficiari del progetto, rappresentanti istituzionali delle Amministrazioni coinvolte, delle parti sociali e delle aziende del settore. Nel quadro delle attività formative di cui all art. 17, comma 1, lett. b), della L.R. n. 32/2002, con determinazione n. 20 del , l Ufficio Formazione Professionale ha riconosciuto e autorizzato l organizzazione di n. 41 prototipi di corsi a pagamento da parte di agenzie formative accreditate, in esito alla domande da queste presentate alla scadenza del 3 dicembre Con determinazione 215 del , l Ufficio Formazione Professionale ha riconosciuto e autorizzato l organizzazione di n. 16 prototipi di corsi alla scadenza del 31 marzo L esame delle richieste di riconoscimento presentate alla scadenza del 31 luglio 2013 è tutt ora in corso. Con determinazione n. 509 del , l Ufficio Formazione Professionale ha riconosciuto e autorizzato l organizzazione di n. 11 prototipi di corsi a pagamento da parte di agenzie formative accreditate, in esito alla domande da queste presentate alla scadenza del 31 luglio 2013.

9 Con la determinazione n. 18 del , l Ufficio Formazione Professionale ha riconosciuto e autorizzato l organizzazione di n. 27 prototipi di corsi a pagamento da parte di agenzie formative accreditate, in esito alla domande da queste presentate alla scadenza del 2 dicembre Quanto alle azioni di monitoraggio e controllo, grazie all ausilio del nucleo ispettivo (originariamente costituito con deliberazione n. 44 del della Giunta Esecutiva e confermato dal decreto direttoriale n. 4/2010, che ha formalizzato l organigramma funzionale degli uffici che gestiscono le risorse del Fondo Sociale Europeo, in ottemperanza del Sistema di gestione e controllo del P.O.R. Obiettivo , adottato dalla Regione Toscana con il decreto n /2008, in ultimo modificato con il decreto n. 2445/2010), nel corso del 2013 l Ufficio Formazione Professionale e l Ufficio Politiche del Lavoro hanno complessivamente effettuato 21 visite in itinere, verificando sia attività formative collettive che attività individuali, sia finanziate con fondi FSE che con risorse ministeriali. L Ufficio Politiche del Lavoro si è occupato nel corso dell anno 2013 della gestione operativa dei servizi di orientamento di base e specialistico presso i Servizi per l Impiego del Circondano Empolese Valdelsa, verificando l andamento delle attività con incontri di coordinamento e attraverso i monitoraggi qualitativi e quantitativi. E proseguito il coordinamento e la supervisione della gestione dei poli di formazione a distanza TRIO, con l organizzazione nelle aule TRIO di Empoli e Castelfiorentino di corsi di formazione rivolti ai cassa integrati e/o disoccupati su tematiche quali informatica e lingua, fino al termine dell appalto a settembre Da ottobre, con la sensibile riduzione delle risorse del Fondo Sociale Europeo, l aula Trio di Castelfiorentino è chiusa e quella di Empoli è aperta con orario ridotto e senza la presenza del tutor d aula. L Ufficio è stato impegnato nella programmazione e coordinamento delle misure di politica attiva rivolte ai cassa integrati in deroga, nonché ai disoccupati, erogate tramite la rete dei Servizi per l impiego. Di seguito, si riportano gli ultimi dati disponibili come ricavati dalla banca dati dei Servizi per l Impiego: Dati dai Centri per l impiego (30settembre2013): - 4taschi tenimine ITOTALE Iscritti aflo stato di disoccupazione ai Centri per Fimpiego OTALE Avviamenti Tirocini avviate 670 Utenti presi in carico dai Centri per l impiego Bandi emanati dall UO Formazione 2 Bandi emanati dall UO Lavoro 7 Nel mese di novembre, l Ufficio ha avviato la procedura di affidamento diretto a soggetto esterno del servizio di supporto allo svolgimento delle attività dei Servizi per l impiego che si è conclusa con la determinazione n. 569 del , che ha affidato all ATI capeggiata dall Agenzia per lo Sviluppo Empolese Valdelsa il servizio per il periodo 1 gennaio 28 febbraio 2014, per un importo di ,84, 1VA inclusa. Per quanto riguarda le attività a bando, l Ufficio si è occupato dell istruttoria e della relativa graduatoria del bando a sportello per voucher di conciliazione rivolti a donne disoccupate e occupate, sugli assi I e Il del P.O.R. Obiettivo Si espongono di seguito i dati di monitoraggio fino al 31 dicembre 2013: 31luglio 2013: n. 1 voucher finanziati per un totale di asse TI; 30 ottobre 2013: n. I voucher finanziato per asse I; 30novembre2013: n. 1 voucher finanziati per un totale di 2100,00 asse IL

10 L Ufficio Politiche del Lavoro è l ufficio di riferimento della Regione Toscana nell ambito del progetto regionale di GiovaniSì, in particolar modo per l avviso pubblico sul finanziamento dei tirocini nel nostro territorio, mentre uno sportello informativo di GiovaniSì è aperto presso il CPI di Empoli. L Ufficio fa quindi da punto di raccolta delle domande presentate ai CPI sulle borse lavoro tirocini regionali e le invia in Regione seguendone l iter fino alle domande di pagamento. L Ufficio Politiche del Lavoro ha inoltre seguito I iter amministrativo dell inoltro in Regione Toscana dei tirocini formativi presso le strutture della Giunta Regionale nell ambito del progetto GiovaniSì. L Ufficio ha inoltre seguito, nell ambito del diritto-dovere all istruzione e alla formazione, l avvio delle attività di orientamento e di formazione rivolte a questa fascia di utenza. in particolare, nell a.s percorsi di Istruzione e formazione professionale (1800 ore) presso gli Istituti professionali del territorio; valutazione e gestione dei progetti percorsi formativi (2100 ore) finalizzati al conseguimento di una qualifica professionale diii livello europeo rivolti a drop-out; valutazione e gestione dei progetti progetto territoriale di orientamento nelle scuole secondarie dii grado e 11 grado; valutazione e gestione dei progetti. Con determinazione n. 412 del è stata approvata la graduatoria dell avviso dell 8 luglio 2013 per progetti formativi per i giovani che hanno assolto l obbligo di istruzione e sono fuoriuscitì dal sistema scolastico (drop-out), finalizzati all acquisizione di una qualifica professionale nell ambito del sistema regionale della formazione professionale, per l anno scolastico e formativo : ASEV CORI Competenze per operatore della ristorazione , ,68 ASEV OSLO Operatore dei servizi logistici , ,59 Accademia I Santini DREAM Operatore del benessere - Addetto parrucchiere unisex , ,73 GREENAGER -Addetto agli interventi tecnici e CO&SO agronomici sulle coltivazioni e alla gestione di ,34 0,00 impianti macchine e attrezzature Centro LIFE VITA Valorizzare interventi e tecniche agricole ,00 0,00 Centro LIFE START Strumenti, tecniche e attività per i trasporti ,00 0,00 L Ufficio è in attesa dell ulteriore trasferimento di risorse da parte della Regione Toscana, per consentire l incremento dell offerta formativa a favore dei giovani fuoriusciti dal canale dell istruzione: all atto della definizione dei fondì aggiuntivi, l Ufficio Politiche del Lavoro deciderà lo scorrimento della graduatoria o il finanziamento di una seconda edizione dei corsi già avviati, tenendo conto delle preferenze espresse dalle famiglie e dai giovani che sono rimasti esclusi dall offerta formativa attivata dopo il bando dell 8 luglio Sviluppo

11 servizi ciricoitura, Caccia, Pesca e Ambiente Attivita promozionali in campo agricolo L Unione ha partecipato al salone espositivo di Vinitaly, in apposito spazio, con la presenza di otto aziende del territorio, alla manifestazione Agricola a Castelfiorentino e alla Mostra del Chianti a Montespertoli. Progetto filiera corta: è continuata la collaborazione con il Comune di Empoli per lo svolgimento del Mercatale ogni secondo sabato del mese ed è continuata la collaborazione con l Agenzia dello Sviluppo per i Patti di Filiera. L Unione ha inoltre contribuito alle due edizioni di Terra Nostra dell emittente TV Antenna 5. E proseguita la promozione del nostro territorio e dei suoi prodotti con materiale cartaceo e tramite internet sia sul territorio Regionale che Nazionale. Ufficio vigneti Nel corso dell anno 2013 sono state istruite le seguenti pratiche in merito all aggiornamento dello schedario viticolo ai sensi della Legge Regionale 68 del 2012: - n. 50 dichiarazione per l estirpazione delle superfici vitate per concessione di diritto e reimpianto anticipato - n. 125 concessione di diritti di reimpianto - n. 110 trasferimento diritti di reimpianto e superfici rivendicabili - n. 20 controllo sistematico su estirpazione successiva al reimpianto anticipato - n. 25 istruttoria di reiscrizione ad albi contingentati - n. 420 allineamento superfici vitate - n. 3 sanzioni Procedimenti finalizzati all erogazione dei contributi per la forestazione Piano di Sviluppo Rurale : - Pratiche relative alla misura 226. Piano di Sviluppo Rurale misura 121, 123/b, 226, 227, 123/b, 226 e 221. Regolamento CEE 2080/92: - Istruttorie annualità 2011, 2012 e 2013 per la liquidazione dei premi annuali per rimboschimenti e miglioramenti boschivi n 164 pratiche. Reg. (CE) 1257/99 - Misura 8.1: - Istruttorie Annualità 2011, 2012 e 2013 per la liquidazione dei premi/indennità per le cure colturali e per i mancati redditi n. 18 pratiche. Uffici 0CM vigneti fitosanitari piano di sviluppo rurale Con riferimento al Piano di ristrutturazione e riconversione vigneti (Reg. CE 1493/99 e Reg. CE 1227/00) e al Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013 (Reg. CE 1698/05) è stata svolta nell anno 2013 la seguente attività: - Organizzazione e tenuta di n. 2 corsi per il rilascio/rinnovo del patentino fitosanitario (sono stati interessati n.66 utenti). - Svincolo delle garanzie fideiussorie attivate nella campagna 0CM vitivinicola 2007/08. - Saldo di n. 133 pratiche relative alla Misura Istruttoria di n. 339 domande per il contributo relativo alla Misura Saldo di n. 171 richieste di Aziende per Misura Istruttoria, assegnazione e saldo delle pratiche per il contributo relativo alla Misura 112 Pacchettogiovani - Istruttoria, assegnazione e saldo delle domande per la Misura Istruttoria, assegnazione e saldo per le domande relative alla Misura Istruttoria, assegnazione e saldo per le domande di contributo alla Misura Investimenti - Istruttoria, assegnazione e saldo per le domande relative ai Progetti Integrati di Filiera (PIF) Procedimento finalizzato alla verifica a campione per la concessione del carburante agricolo agevolato in loco art. 7 del d.m. 454/2001 L attività svolta per il procedimento di cui sopra, consiste una volta pervenuto l elenco delle aziende estratte a controllo inviare alle stesse una comunicazione di inizio procedimento come previsto dal regolamento, effettuare il sopralluogo presso l azienda, redigere il verbale di controllo e inserirlo nel sistema informativo di Artea,

12 - Rilascio - Rinnovo - Modifiche Nell anno 2013 sono state effettuate 50 verifiche con sopralluogo presso le azienda. Verifica decadenza benefici tributari piccola proprieta contadina ai sensi del D.L. 114/1948 e succ. modifiche richiesta Agenzia dell Entrate di Empoli. L attività svolta per il procedimento di cui sopra, consiste nella verifica della documentazione acquisita per la verifica del mantenimento dei requisiti per l accesso ai benefici tributari di cui sopra, e al sopralluogo in azienda per i beneficiari estratti a campione. Nell anno 2013 la verifica sul mantenimento dei requisiti è stato effettuato su 23 aziende con il sopralluogo su 2 aziende estratte a campione. Caccia, pesca e programmazione delle risorse agricole e faunistiche del territorio Nel corso del 2013 l Ufficio Caccia e Pesca del Circondano ha svolto le seguenti attività amministrative e di gestione della fauna selvatica: Aggiornamento e manutenzione dei seguenti archivi informatizzati Archivi degli appostamenti fissi di caccia con relativo supporto cartografico digitalizzato, opzioni forme di caccia, possessori di richiami vivi, allevatori richiami vivi, allevatori di fauna a scopo amatoriale e ornamentale, detentori di fauna a scopo amatoriale e ornamentale, abilitati controllo fauna selvatica (cx art. 37), cacciatorì in battuta al cinghiale, ìstituti faunistici e relativi dati (Aziende faunistico venatorie, Zone di ripopolamento e cattura, Aziende agrituristico venatorie, Zone addestramento cani, Oasi e Zone di protezione, Riserve Naturali ecc.), dati attività venatoria (tesserini venatori, mobilità, iscrizioni ATC ecc.), cartografico digitalizzato degli appostamenti fissi di caccia, registro abbattimenti degli appostamenti fissi di caccia, cartografico digitalizzato del Piano Faunistico Venatorio Provinciale su supporto G1S (Arcview), registro catture fauna ittica nei Campi gara, cartografico Istituti ittici (Zone di Protezione, Campi Gara, Zone di Frega). L attività amministrativa ha complessivamente operato per: - Rilascio autorizzazioni ad immissioni di fauna selvatica (n. 2 autorizzazioni rilasciate) - Rilascio autorizzazioni gare cinofile (n. 5 autorizzazioni rilasciate) - Registrazione cambi di opzione forma di caccia (n. 35 cambi opzione autorizzati) - Rilascio copie attestati abilitazione all attività venatoria (n. 5 attestati rilasciati) per il rinnovo di porto d armi scaduti da oltre lo anni - Aggiornamento schede di detenzione di richiami vivi (n. 155 schede aggiornate) autorizzazioni di allevamento o detenzione di fauna selvatica a vario titolo (n. 12 autorizzazioni rilasciate) - Acquisto materiale tecnico specifico (materiale ottico, reti per catture, strumenti di rilevamento, dissuasori, fototrappole ecc.) - Rilascio autorizzazioni nuovi appostamenti fissi di caccia, cambi di ollocazione, trasferimento di titolare (n. 96 pratiche accolte) annuale appostamenti fissi (n. 725 pratiche accolte) - Approvazione piani annuale di gestione delle Aziende Faunistico Venatorie (n. 19 piani esaminati) - Approvazione piani annuali economici delle Aziende Agrituristico Venatorie (n. 5 piani esaminati) istituti faunistici mediante rilascio di parere vincolante (ampliamento n. 2 Zone di Ripopolarnento e Cattura) - Autorizzazione manifestazioni sportive di pesca ad associazioni di pescatori (n. 5 autorizzazioni rilasciate) - Parere modifiche/istituzione Istituti ittici (n. 2 Campi gara di pesca) - Istituzione Zona di Protezione per l avifauna su terreni di proprietà provinciale, con lavori di riassetto idraulico e miglioramento ambientale - Relazione attività svolta nella Riserva Naturale di Fucecchio ai sensi del art. 20 comma 2 della L.R. 49/95 L attività gestionale ha operato per realizzare: - Gestione della Riserva Naturale del Padule di Fucecchio, con particolare riferimento ai seguenti progetti: Monitoraggio di passeriformi quali indicatori della qualità ambientale; Mantenimento di un area per la sosta di anatidi e trampolieri e loro inanellamento scientifico; Realizzazione/ripristino di ambienti idonei al recupero della Tinca e del Luccio e loro gestione attraverso tecniche di riproduzione e allevamento semi naturale

13 - Gestione - Ripristino delle colonie di ardeidi e miglioramento ambientale ai tini del loro incremento. - Gestione delle Zone di Protezione di competenza (superficie complessiva oltre ettari), con ripristino della cartellazione, interventi di miglioramento ambientale, risarcimento dei danni alle produzioni agricole causati da fauna selvatica (n. 1 richieste di risarcimento liquidate). La gestione viene realizzata mediante l ausilio delle Associazioni Venatorie con le quali vengono svolte periodicamente riunioni organizzative e di concertazione. - Collaborazione costante con l Ambito Territoriale di Caccia Firenze 5 sulle materìe comuni di gestione. - Rilascio parere sul Calendario Venatorio Provinciale. - Controlli alle Aziende Faunistico Venatorie mediante censimenti delle popolazioni di specie in indirizzo (n. 15 controlli svolti). Censimento delle popolazioni selvatiche all interno delle Zone di Protezione (n. 3 censimenti), - Monitoraggio/cattura fauna selvatica su alcune specie a livello del Circondano. - Analisi dati abbattimenti degli appostamenti fissi di caccia. - Gestione della cannuccia palustre (Phragmites australis) nell Area Contigua del Padule di Fucecchio mediante concessione di contributo all ATC Firenze 5. - Richiesta di alcuni interventi di controllo di fauna selvatica (storni e cinghiale). - Richiesta di alcuni servizi di vigilanza per problematiche specifiche (Riserva Naturale, atti di bracconaggio, ecc.). cartellazione degli istituti ittici insieme alle associazioni pescatonie - Verifica e controllo attività di manutenzione Campi gara di pesca. - Immissione di Vibert ed avannotti per il ripopolamento di alcuni corsi d acqua del Circondano. Monitoraggio ittico delle specie presenti in corsi d acqua di competenza mediante utilizzo di elettrostorditori. Attuazione delle competenze provinciali in materia di bonifica dei siti inquinati I procedimenti di bonifica esaminati nel corso del 2013 hanno comportato lo svolgimento delle seguenti attività: partecipazione alle Conferenze dei Servizi indette ai sensi del D.Lgs. 192/06, convocate dai singoli comuni interessati ai procedimenti presso la sede dell Unione ai fini di minimizzare gli spostamenti di personale attività di controllo sulla conformità degli interventi eseguiti a seguito dei progetti di bonifica approvati, come previsto dal D.lgs 152/06 all art. 248 co.1, con particolare riguardo alla corretta gestione e smaltimento dei rifiuti, nella fase di attuazione dei progetti; conduzione dell attività istruttoria e di controllo per i procedimenti conclusi con la certificazione con obbligo di Monitoraggio o di Bonifica con misure di messa in sicurezza, o per disporre la conclusione del monitoraggio; rilascio di certificazioni liberatorie nel caso di bonifiche portate a compimento: 2 nel Le procedure di bonifica sono tecnicamente complesse e con fasi di controllo altrettanto articolate, con una durata media e superiore ai 30 mesi, l istruttoria per il rilascio della certificazione deve verificare la correttezza di tutte le fasi. Su alcuni procedimenti di particolare rilievo, l Unione ha promosso e coordinato tavoli tecnici con Arpat, ASL e Comuni, per favorire, ove possibile, l attività dei soggetti interessati al procedimento in fase preventiva rispetto alle procedure previste dall art. 244 del D.Lgs. 152/06. Attuazione della normativa nel campo della tutela della qualità dell aria Al 31/12/2013 sono state rilasciate 80 autorizzazioni per emissioni in atmosfera, ai sensi dell art. 269 e dell art. 275 del D.Lgs. 152/2006, comprendenti nuovi insediamenti, trasferimenti e modifiche impiantistiche. La conferenza per il rilascio delle autorizzazioni alle emissioni si è riunita con cadenza mensile. L ufficio, su mandato della Conferenza, conclude il procedimento con la predisposizione dell atto di autorizzazione, oppure procede alla richiesta di integrazioni, chiarimenti e assolve a tutti gli altri adempimenti necessari a conformare il procedimento a quanto stabilito in Conferenza. Considerata la complessità tecnica delle autorizzazioni è necessario richiedere chiarimenti ed integrazioni almeno per il 60% delle istruttonie sottoposte alla Conferenza. L Unione partecipa con cadenza mensile alle sedute del Comitato Regionale di Coordinamento per le emissioni in atmosfera, istituito ai sensi della L.R. 33/94 e s.m.i.. Nel periodo che interessa, sono andate a lo

14 regime le autorizzazioni di carattere generale relative alle attività che ricadono nel campo di applicazione dell art comrna 2, del d.lgs. 152/06.1 documenti tecnici approvati dal Comitato Regionale saranno approvati con deliberazione della Giunta dell Unione. Gestione competenze relative all Autorizzazione integrata ambientale AIA - L.R N.61 Lo stato dei procedimenti di competenza dell Unione è allineato con quello delle altre province toscane secondo gli indirizzi operativi stabiliti nel Comitato Tecnico di Coordinamento Regionale per l applicazione del D.Lgs 59/06. L Unione ha provveduto a richiedere il saldo per i controlli a carico del gestore degli impianti, effettati da Arpat anche per l annualità E stato concordato con il dipartimento ARPAT di Empoli il calendario operativo per il rinnovo delle Autorizzazioni in scadenza nel L ufficio ha valutato non sostanziali le proposte di modifiche gestionali ed impiantistiche presentate dai gestori degli impianti autorizzati. Sono stati conclusi i sopralluoghi programmati relativi a tutti gli impianti autorizzati, sono in corso di valutazione gli esiti documentati da ARPAT. Competenze in merito alla gestione dei rifiuti urbani e speciali, anche pericolosi Nel periodo di riferimento il personale assegnato al progetto ha esaminato i seguenti procedimenti: Procedure ordinarie cx art. 208 del D. Lgs. n. 152! 2006 e sedute della conferenza di servizi 5 Autorizzazioni rilasciate 5 Modifiche non sostanziali 1 Avvio di procedimento in seguito ad attività di controllo 3 Procedure ex art Procedure previste dal Regolamento (CE) n /2002 (trasporti trans-frontalieri di rifiuti) 3 Piano Ato Toscana Centro Procedura di VAS elaborazione contributo per la redazione della bozza di piano Competenze in merito alle verifiche di rendimento energetico impianti di climatizzazione invernale ed estiva Con la costituzione dell Unione di Comuni si è resa necessaria una riorganizzazione del servizio, che andrà a regime con l espletamento delle procedure concorsuali per l affidamento a soggetti esterni qualificati. Per la procedura di affidamento l Ufficio ha proposto agli organi competenti un capitolato tecnico. Nel periodo di riferimento fino al mese di settembre è stata realizzata la seguente attività: controllo sull andamento della contribuzione relativamente alla Campagna di dichiarazione di avvenuta manutenzione tramite verifiche settimanali sul conto corrente on line e tramite verifica dei bonifici e dei bollettini postali pervenuti. Mensilmente viene fatto il punto della situazione sull andamento della contribuzione. Tutti rapporti dì manutenzione inviati dai manutentori sono stati registrati e poi consegnati - insieme alle dichiarazioni pervenute dai singoli utenti - al Coordinatore il quale provvede all accertamento tecnico documentale su tutte le dichiarazioni di avvenuta manutenzione pervenute ed alloro inserimento in apposito data-base per l aggiornamento del catasto sugli impianti termici e per la programmazione delle ispezioni. Attività di verifica, monitoraggio e aggiornamento della normativa vigente a fini della completa attuazione delle procedure e adempimenti attuativi tecnici ed amministrativi di competenza dell ufficio ambiente Il personale assegnato al progetto, ha svolto, nell ambito delle priorità dettate dalla P.O., le seguenti attività amministrative connesse e/o strumentali all esercizio delle funzioni attribuite: - Attività di aggiornamento degli atti amministrativi di competenza dell Ufficio, al fine di garantire, per i procedimenti in corso, la corretta interpretazione e la puntuale applicazione della vigente normativa regionale, nazionale e comunitaria;

15 - attività di supporto giuridico nella redazione dei pareri in ordine agli orientamenti esplicativi della normativa nazionale e comunitaria sulle materie di competenza. Dal 13 giugno 2013 è entrato in vigore il Regolamento recante la disciplina dell Autorizzazione Unica Ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie Imprese e sugli impianti non soggetti ad Autorizzazione Integrata Ambientale, a norma dell art. 23 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla Legge 4 aprile 2012 n.35. Il citato Regolamento è stato approvato con il D.P.R. 13 marzo 2013, n. 59, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 29/05/2013,n Suppl. Ordinario n.42. I titoli abilitativi per cui è prevista 1 AUA sono i sette sottoindicati: Autorizzazione agli scarichi di cui al Capo Il, del Titolo IV, della Sezione Il, della Parte III, del D.Lgs. 152/06; Comunicazione preventiva di cui all articolo 112 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, per l utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende ivi previste; Autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all art. 269 del D.Lgs. 152/06; Autorizzazione generale di cui all art. 272 del D.Lgs. 152/06; Comunicazione o nulla osta di cui all articolo 8, commi 4 o comma 6, della legge 26 ottobre 1995, n. 447; Autorizzazione all utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura di cui all art. 9 del D.Lgs. n. 99/92; Comunicazioni in materia di rifiuti di cui agli artt. 215 e 216 del D.Lgs. 152/06. L Autorizzazione Unica Ambientale sostituisce le singole Autorizzazioni settoriali, ha una durata di 15 anni a decorrere dalla data di rilascio e potrà essere richiesta alla scadenza del primo titolo abilitativo da essa sostituito. L Autorizzazione Unica Ambientale, ha comportato una profonda riorganizazione delle funzioni istruttorie ed un adeguamento degli atti di competenza dell ufficio; L istruttore responsabile del procedimento relativo alla autorizzazione settoriale, la cui scadenza o modifica innesca la procedura AUA, raccoglie e organizza nell istruttoria AUA, sia le istruttorie elaborate internamente all ufficio, sia i contributi istruttori di enti terzi ai fini dell emissione dell atto finale. Sono state organizzate 2 riunioni con gli operatori dei SUAP dei comuni dell Unione per concordare le procedure relative all AUA Per il 2014 l ufficio prevede di organizzare almeno 2 incontri con i responsabili dei SUAP dell Unione per verificare le procedure concordate. Si possono stimare un numero di procedimenti AUA pari almeno alle autorizzazioni settoriali complessivamente rilasciate dall ufficio nel 2013, circa 1153, tenendo presente che in questa fase di prima applicazione, la scadenza di una settoriale genera il rinnovo, obbligatorio, in A.U.A. anche di altre autorizzazioni non in scadenza. Ad oggi non è possibile fornire una stima attendibile delle AUA generate dalle autorizzazioni allo scarico in pubblica fognatura dato che è un nuovo compito delle Province che operano in luogo della Autorità Idrica Toscana. Competenze in merito alle autorizzazioni agli scarichi idrici di acque reflue urbane, industriali e di acque meteoriche dilavanti, recapitanti fuori pubblica fognatura. Il comitato per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico si è riunito 10 volte. E in corso di valutazione la documentazione inerente la classificazione degli scaricatori di piena a servizio delle fognature pubbliche, presentata dal gestore del Servizio idrico integrato, in quanto la L.R. 28/10 ha previsto un differimento dei termini della L.R. 20/06 per la predisposizione dei programmi degli interventi in merito agli scaricatori di piena. La Regione sta provvedendo all approvazione del nuovo regolamento in attuazione della L:R: 20/2006 e smei, quindi le attiviità di valutazione della situazione degli scarichi in carico al gestore unico che devono ancora essere autorizzati, ha tenuto conto dell evoluzione del nuovo regolamento di imminente adozione. Gestione dei finanziarnenti regionali in materia di riduzione della produzione rifiuti afferenti il Protocollo di er la estione dei rifiuti ne li ATO FJ-PO-PT A giugno sono stati completati gli ultimi progetti relativi alla realizzazione dei 9 fontanelli di acqua previsti nei Comuni di Montaione, Gambassi Terme, Castelfiorentino, Empoli, Vinci, Montelupo Fiorentino,

16 Montespertoli, Capraia, Cerreto Guidi. Prima di procedere al conferimento del saldo dei contributi ad Ato, attendiamo che la Regione Toscana eroghì l ultima tranche del finanziamento previsto. (fli P0. Agric1tra, svi}po rurale, P0. Gestione e tutela ambientale cacy a èpeai del territorio Mayo MarncIni Al,ssandro Monti / :

17 - Manutenzione Circondano Gestione del territorio e del patrimonio: edilizia, viabilità, trasporti, pianificazione territoriale! e difesa del suolo! Il settore comprende tutte le attività rivolte alla gestione del territorio, ìntesa come pianificazione, difesa del suolo, dotazione di strutture per la mobilità e gestione della mobilità stessa, alla manutenzione ordinaria e straordinaria del demanio stradale provinciale e regionale, alla manutenzione, adeguamento e potenziamento delle strutture scolastiche in uso agli Istituti Scolastici Superiori. Manutenzione e Adeguamento degli immobili scolastici, nel corso del 2013: Realizzazione dei lavori di completamento 3 lotto dell Istituto Scolastico Enriques : è stata espletata la Gara ed i lavori sono stati aggiudicati. Responsabilità del procedimento, Progettazione, Direzione Lavori e Collaudo a cura del Circondano. Ordinaria e straordinaria: sono stati realizzati oltre 75 interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria di tutti gli Istituti Scolastici e degli Uffici (sede del Circondano e distaccamenti), sulla base degli accordi quadro già affidati) di cui oltre il 65% di tipo idraulico. Non è stato possibile realizzare una serie di interventi concordati con le scuole, in quanto le relative risorse sono state assorbite per finanziare l intervento sulla S.P. 11 (viabilità su Rio Ganghereto) conseguentemente alla mancata concessione della devoluzione del mutuo. Sono state restaurate le persiane dell ist. Checchi, Liceo della Moda Viabilità: Per quanto riguarda il settore viabilità, il patrimonio provinciale di competenza consta di 330 chilometri di strade, buona parte delle quali si snoda su territorio collinare caratterizzato da una elevata presenza di argille che favoriscono la formazione di avallamenti, crepe e talvolta vere e proprie frane che interessano la sede stradale. Gli interventi realizzati sono stati eseguiti grazie ai due accordi quadro cx art.59 del Dl,gs 163/2006 del valore ciascuno di ,00 per la durata di un anno, sottoscritti nel Manutenzione Ordinaria: la manutenzione ordinaria prevede piccoli interventi di risanamento e/o riparazione resi possibili dall approvvigionamento di materiali e utensili necessari. Rientra sempre in questo tipo di manutenzione lo falcio dell erba, le potature, la segnaletica stradale orizzontale e verticale e la pulitura delle fossette lato strada. Nonostante l assenza di risorse allocate al titolo I del bilancio di previsione 2013 della Provincia di Firenze perdurata fino a Novembre 2013, è stata garantita la sicurezza delle strade non potendo però fare falci, pulizia delle fossette e usurando al massimo gli utensili a disposizione. E stata data priorità alle emergenze, ma il limitato intervento del 2013 avrà ripercussioni sul 2014 che si preannuncia carico delle mancate manutenzioni del precedente anno. - Servizio di rimozione neve e ghiaccio: su tutte le strade provinciali e regionali dell Unione dei Comuni Empolese Valdelsa (periodo 01 Dicembre Marzo 2013 e successiva stagione invernale partita nel dicembre 2013), è stato garantito il transito in sicurezza sulle strade di competenza. Da un punto di vista formale il servizio è stato gestito mediante la sottoscrizione di specifici accordi Quadro sia per il servizio spalatura-salatura che per la fornitura del sale. Il costo del servizio di spalatura e salatura è risultato pari ad ,00 ca per la stagione 2012/2013, a cui va aggiunta la fornitura del sale pari ad ,00. - Via Francigena: sono stati conclusi 5 dei 6 interventi sulla via Francigena finanziati dalla Regione Toscana, per il 6 è stata fatta l aggiudicazione definitiva. L importo complessivo degli interventi si aggira intorno ai ,00; - Manutenzione Straordinaria: E stato concluso il risanamento del sovrappasso di Castelfiorentino oggetto di risanamento del Cemento armato, rifacimento dei giunti del manto stradale nonché delle barriere. Sono stati fatti lavori di risanamento sulle strade Regionali (SR429 e SR 436) in particolare sulla sr 429 è stata data pniorità agli interventi di risanamento del manto stradale nei centri abitati (S.Andrea, Fontanella, Petrazzi e Cambiano), mentre sulla sr 436 sono stati fatti dei risanamenti puntuali ed è stata ottenuta la devoluzione del mutuo destinato alla realizzazione dei dossi artificiali in loc. Botteghe. Sulla SP1 1 dove si era verificato nel 2012 un cedimento parziale del ponte sul Rio Ganghereto, è stata realizzata una viabilità alternativa con il posizionamento di un ponte baily provvisorio (importo lavori ,00 ca) ed è stato redatto e mandato in approvazione il progetto esecutivo per la sistemazione definitiva

18 - Parere - Parere - Contributo del ponte originario ( ,00 Ca). Sulla SP li è stata completata la sostituzione dei giunti del ponte sul torrente Usciana.Sulla ulteriore viabilità sono state redatte le perizie per i seguenti interventi : ,00 sulla SP 04, sulla S.P. 80. Frane: Nel corso di Marzo 2013 si è dovuto far fronte all emergenza venutasi a creare a causa delle copiose piogge. Gli eventi franosi che hanno interessato la viabilità Provinciale di Competenza dell Unione dei Comuni Circondano Empolese Valdelsa sono stati oltre 10, di particolare importanza sono quelli sulla SP8I (chiusa al transito), sulla SP79 in quattro punti (con circolazione al traffico aperta), sulla SP3 1 (con riduzione della carreggiata), sulla SP26 dove sono intervenuti i privati proprietari della ripa di monte, nonché sulla Sp62 (con riduzione della carreggiata).sulla sp8l loc. Montagnana a Dicembre è stata riaperta la viabilità con un intervento finanziato per ,00 dalla Regione toscana, che ha visto la ricostruzione completa del versante a valle di strada. Sulla SP 112 è stata risanata la frana che dal 2012 limitava la circolazione Nuova SR 429: E stata indetta e conclusa positivamente a Settembre la Conferenza dei servizi, il progetto definitivo è stato approvato in linea tecnica in quanto le osservazioni pervenute in sede di conferenza dei servizi hanno fatto aumentare il costo dell opera con necessità di ulteriori risorse a carico della la Regione Toscana ( ,00) e della Provincia ( ,00); non appena acquisite le risorse ulteriori sarà possibile procedere con le ulteriori fasi propedeutiche alla realizzazione dell opera. Concessioni, nulla osta ed altro: Per quanto riguarda l attività di rilascio concessione, autorizzazioni e/o nulla osta sono state gestite 182 richieste di concessione così suddivise: Passi Carrabili, posa in opera sottoservizi 173 Ordinanze 48 svincoli di fideiussioni 29 Nulla Osta 68 Nulla Osta Trasporti eccezionali Trasporto pubblico locale Il servizio è stato garantito nella forma concordata con la Regione Toscana dell imposizione dell obbligo di servizio pubblico alle aziende. E stata fatta la riprogettazione della rete di competenza del Circondano sulla base delle specifiche regionali. E operativa l integrazione del TPL con il sistema di trasporto scolastico dei comuni di Empoli, Montelupo Fiorentino, Capraia e Limite Prosegue il percorso previsto dalla Regione funzionale alla gara unica. Pianificazione territoriale In materia di Urbanistica e Pianificazione Territoriale, il P.T.C.P. costituisce lo strumento di riferimento di questa direzione per il rilascio di pareri su opere aventi impatto sull ambiente e sul territorio. Sono stati effettuate le Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e la Verifica di VIA di competenza provinciale, il ns. ufficio ha partecipato come ente territorialmente interessato ai procedimenti di Verifica di VIA, Valutazione Ambientale Strategica (VAS), Verifica di assoggettabilità a VAS, Valutazione Integrata di competenza comunale e regionale e Valutazione d incidenza (LR 56/00). Procedimenti trattati: - Osservazione Piani Attuativi comunali e loro varianti - Parere di conformità al P.T.C.P. sulle opere di interesse statale di conformità al P.T.C.P. sui Piani Strutturali Regolamenti urbanistici e loro varianti - Parere di conformità al P.T.C.P. sui Piani Strutturali e varianti con Accordo di Pianificazione di conformità al P.T.C.P. sulle modifiche al P.R.A.E. circa le fasi preliminari della stesura del P.A.E.R.P. - Contributo per la formazione e parere per piani di settore e varianti di competenza regionale e provinciale (piano di gestione dei SIR e delle aree protette) - Parere in materia di grande distribuzione - Parere in materia di linee elettriche

19 - Pareri - Valutazione - Parere - A - Istruttoria - Istruttoria in materia nei procedimenti di VIA e verifica di VIA di competenza statale, regionale e comunale di Impatto Ambientale e verifica di VIA di competenza provinciale sui Piani Attuativi ricadenti all interno dei Beni Paesaggistici e relativa partecipazione alle Conferenze dei Servizi (ex art. 36 comma 2 del PIT.) Registrazione delle Autorizzazioni paesaggistiche comunali seguito dell entrata in vigore della legge 10 del 2010, l ufficio, su richiesta inoltrata dai Comuni, formula istruttorie per l espressione del parere di Valutazione di Incidenza per gli interventi ricadenti in aree SIR. interdisciplinare per la partecipazione al procedimento di Valutazione Integrata e partecipazione alle relative Conferenze dei Servizi; interdisciplinare per la partecipazione al procedimento di Valutazione Ambientale Strategica dei Comuni; Difesa del suolo In materia di difesa del suolo si segnala l attività relativa alle competenze trasferite dalla Provincia, che comporta conseguentemente la realizzazione di opere di manutenzione ordinaria e straordinaria dei corsi d acqua di competenza. Si segnala la seguente attività: effettuati i lavori di manutenzione ordinaria per il mantenimento della funzionalità delle opere di difesa idrauliche sul fiume Arno; effettuati i lavori di manutenzione ordinaria per il mantenimento della funzionalità delle opere di difesa idrauliche sul fiume Elsa; Eseguite le procedure di gara per le manutenzioni ordinarie manufatti (due perizie relative al fiume Arno ed una relativa al fiume EIsa); Eseguito il progetto relativo alla sistemazione di due mandracchi in località Fontanella e S. Andrea; Redatto progetto e svolte le procedure di gara per i lavori di Rialzamento dei muri delle cateratte sul fiume Elsa in località Brusciana. Per quanto attiene il Servizio di Piena, Polizia Idraulica ed esercizio delle funzioni di Autorità Idraulica, l ufficio è stato impegnato principalmente nelle attività seguenti: Attività continua di monitoraggio di piena con interventi diretti sui tronchi di competenza; Attività continua di monitoraggio dello stato delle arginature e relativi manufatti con interventi diretti sui tronchi di competenza in caso di inconvenienti riscontrati durante le verifiche; Attività relativa al coordinamento, supervisione ed esercitazione relative all attività ordinaria delle associazioni (pubbliche assistenze riunite di Empoli e Montelupo e Misericordia di San Miniato Basso) convenzionate per il servizio di piena; Attività di monitoraggio e supervisione ed assistenza, compresi sopralluoghi d urgenza ed eventuale pronto intervento e verifiche urgenti, presso opere in gestione ad altri enti, ma ricadenti nel territorio del circondano sia in caso di piena che di altri eventi urgenti; attività di Polizia giudiziaria riguardante sia il controllo delle arginature di competenza diretta (tratti classificati in seconda categoria del fiume EIsa e del torrente Orme ed in seconda e terza Categoria del Fiume Arno) che interventi su corsi d acqua diversamente classificati ricadenti nel territorio dell Unione. Detta attività è stata esplicata e comprende il controllo delle opere ed il rilevamento degli abusi con conseguenti verbalizzazioni alla Procura della Repubblica, attivìtà d indagine ed eventuali sequestri; istruttoria e approvazione graduatorie di pratiche relative a piccole derivazioni per produzione di energia idroelettrica; istruzione di pratiche relative a concessione di nullaosta ai fini idraulici e concessioni (RD 523/1904) compresi sopralluoghi: autorizzazioni rilasciate n. 43; in corso di istruttoria n. 5 (totale pratiche n. 48). Relativamente al servizio pozzi, derivazioni d acqua e concessioni l Ufficio, in applicazione del Regolamento per le concessioni di beni del demanio idrico, adottato con del.g.e. n. 31/2007 in conformità alla disciplina disposta dalla Provincia di Firenze con del.c.p. 198/2006. ha curato i seguenti procedimenti: 16

20 è in corso la gestione della convenzione con Equitalia per la richiesta dei canoni sia arretrati che correnti; aggiornamento dati inseriti nel programma AGM di gestione (georeferenziazione): licenze di attingimento di acque superficiali; rilascio di nulla-osta e autorizzazioni pozzi domestici e altri usi. di nuova realizzazione nonché al rinnovo e rilascio ex novo licenze di attingimenti di acque superficiali: è stato quasi concluso il rilascio, previo pagamento dei canoni arretrati, delle concessioni provvisorie allo sfruttamento di acque pubbliche. In materia di vincoli territoriali l ufficio adempie alle competenze derivate della L.R.39/00 Legge Forestale s.m.i e al relativo Regolamento Forestale N. 48/R s.m.i. per quanto riguarda la competenza provinciale. Il lavoro ordinario vede la verifica istruttoria tecnica di tutte le pratiche in arrivo (dichiarazioni e autorizzazioni), registrazione delle pratiche nel database, protocollo e invio delle lettere per richiesta integrazioni, avvio procedimento, redazione degli atti autorizzativi per mezzo del programma Attivig, consegna degli atti dirigenziali e loro registrazione, verifica dei S.P.V. con le relative sanzioni emesse dal CFS, audizioni dei privati a seguito di sanzioni elevate dal Corpo Forestale dello Stato, gestione della cartografia dei tagli boschivi richiesti per ogni anno silvano (Progetto cartografico mediante il software ArcGis-ArcMap), validazione delle superfici secondo le comunicazioni ricevute dai privati (ArcGis ArcMap), georeferenzazione delle eventuali perimetrazioni dei S.P.V. del Corpo Forestale (ArcGis ArcMap),. Inoltre l ufficio ha proceduto all inserimento di tutti gli interventi agro-foresstali nel sistema SIGAF di ARTEA della Regione Toscana, così come disposto obbligatoriamente dall art. 6 del Regolamento forestale 48/R12003 smi, per un totale di 130 pratiche inserite e georeferenziate nell anno In particolare: Autorizzazione Tagli Boschivi e Piano di Gestione Tagli Dichiarazione Tagli Boschivi e Fitosanitari Autorizzazione Movimenti di terreno di natura Agraria Autorizzazione Impianto/Reimpianto Vigneti in aree soggette a Vincolo Idrogeologico Trasformazione terreni saldi in terreni a periodica lavorazione Accettazione e valutazione scritti difensivi a seguito di sanzione Autorizzazione Tagli di manutenzione Dichiarazione Tagli di manutenzione Dal 1 ottobre 2008 a seguito del protocollo firmato tra Regione Toscana e Corpo Forestale dello Stato i pareri ed i sopralluoghi sono di competenza dell Ufficio Vincolo Idrogeologico del Circondano Empolese Valdelsa. Nel 2013 sono stati effettuati 30 sopralluoghi a titolo. La maggior parte delle istanze soggette ad autorizzazione sono state ottemperate entro i termini ordinatori previsti dalla Legge Regionale n 39/00 s.m.i., altre hanno subito ritardi nei sopralluoghi per motivi meteo climatici. Il numero e la tipologia delle pratiche istruite nell anno 2013 sono di seguito riassunti: Dichiarazione taglio bosco 59 Autorizzazione tagli boschivi 7 Autorizzazione generica 25 Dichiarazione generica 10 Dichiarazìone per taglio di manutenzione 15 Autorizzazione tagli di manutenzione I Autorizzazione taglio boschivo silenzio 7 assenso Autorizzazione per regolarizzazione (art bis) Comunicazioni (Art.54) 8 TOTALE

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici

Settore Segreteria Generale. Settore Servizi Amministrativi. Settore Polizia Provinciale. Settore Risorse Umane e Finanziarie. Settore Servizi Tecnici Settore Segreteria Generale Segretario Generale: Giulio Nardi e-mail: giulio.nardi@provincia.siena.it Telefono: 0577 241360 Fax: 0577 241321 Orario di ricevimento: su appuntamento Settore Servizi Amministrativi

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze

CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA. Provincia di Firenze CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA Provincia di Firenze CONVENZIONE TRA COMUNI E CIRCONDARIO EMPOLESE VALDELSA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE DEL LOTTO UNICO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

Dettagli

Prot.n. 7483 Crespellano, li 10/05/2011 VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE AI FINI DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO

Prot.n. 7483 Crespellano, li 10/05/2011 VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE AI FINI DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO Prot.n. 7483 Crespellano, li 10/05/2011 VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE AI FINI DELLA RETRIBUZIONE DI RISULTATO FATTORE 1 : VALUTAZIONE DELL ATTIVITA ORDINARIA DI COMPETENZA DELLA STRUTTURA ASSEGNATA

Dettagli

Organizzazione dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale

Organizzazione dello smaltimento dei rifiuti a livello provinciale QUESTIONARIO FP05U - QUADRO A Elementi specifici dell'ente e del territorio A01 A02 Attività agri-zootecniche Difesa del suolo Cave e miniere A03 Impianti acque minerali e termali A04 Siti per i quali

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

Domanda di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE ai sensi del D.P.R. n. 59 del 13 marzo 2013

Domanda di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE ai sensi del D.P.R. n. 59 del 13 marzo 2013 Domanda di AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE ai sensi D.P.R. n. 59 13 marzo 2013 Assolvimento l imposta di bollo per un importo pari ad 16 con pagamento in modo virtuale tramite ; con marche da bollo, conservata

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2014

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2014 - ANNO 2014 TIPOLOGIA TOTALE DEI DEI TOTALE COSTI DI STAFF 1 - GIURIDICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Patrimonio e Contratti Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle

Dettagli

P.G. 356826 del 13/12/2006 fascicolo 1.7.2/1/2004

P.G. 356826 del 13/12/2006 fascicolo 1.7.2/1/2004 P.G. 356826 del 13/12/2006 fascicolo 1.7.2/1/2004 INTESA PER IL CONCORSO DEL NUOVO CIRCONDARIO IMOLESE NELLE FUNZIONI DI PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E CONFERIMENTO DI FUNZIONI,

Dettagli

Funzionigramma della Provincia di Trieste. Allegato

Funzionigramma della Provincia di Trieste. Allegato Funzionigramma della Provincia di Trieste Allegato FUNZIONIGRAMMA SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE Pianificazione Controllo strategico e Valutazione Segretario Generale Assistenza giuridica amministrativa

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

GABINETTO DELLA PRESIDENZA

GABINETTO DELLA PRESIDENZA FUNZIONIGRAMMA GABINETTO DELLA PRESIDENZA GABINETTO DELLA PRESIDENZA Comunicazione e URP Servizi culturali e Valorizzazione Beni del Territorio Unità Operativa Comunicazione e URP Supporto alle attività

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE TELEFONIA MOBILE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Sportello Unico Attività Produttive Polo di Rosignano Marittimo

Dettagli

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti

DIREZIONE GENERALE. SICUREZZA 626 Datore di lavoro SEGRETERIA DIRETTORE GENERALE. Coordinamento dirigenze. Formazione dirigenti DIREZIONE GENERALE SICUREZZA 626 Datore di lavoro DIRETTORE GENERALE SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI, MONITORAGGIO, VALUTAZIONE E QUALITA TOTALE COORDINAMENTO DEI DIRIGENTI FORMAZIONE E CONTRATTI COLLETTIVI

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI

COMUNE DI EMPOLI. SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI COMUNE DI EMPOLI SETTORE LLPP e POLITICHE TERRITORIALI VERBALE DELLA CONFERENZA DI SERVIZI Convocazione ai sensi dell art. 22 e succ. della Legge Regionale Toscana 23 luglio 2009 n. 40 e ss.mm.ii. Procedimento

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Prot. Generale N. 0057913 / 2014 Atto N. 2416 OGGETTO: Autorizzazione Unica Ambientale

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3

Art. 1. Art. 2. Art. 3 1 ATTO DI ORGANIZZAZIONE RELATIVO ALLA SCUOLA REGIONALE DI POLIZIA LOCALE ED ALL OSSERVATORIO REGIONALE DI POLIZIA LOCALE DI CUI ALLA L.R. 2 AGOSTO 1997, N. 83 (Approvato con DGR n. 883 del 10.10.2001

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO Data di nascita 13 febbraio 1970 Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva del Comune di Lombardore (posizione D2) Tel. Ufficio:

Dettagli

Dichiarazione Unica Aziendale

Dichiarazione Unica Aziendale Dichiarazione Unica Aziendale Contenuti, definizioni e procedure 1. Premessa... 1 2. Anagrafe e Fascicolo aziendale... 1 3. Documenti aziendali... 2 4. Fascicolo elettronico...2 5. Interscambio dati...

Dettagli

Vecchie e nuove competenze della Provincia

Vecchie e nuove competenze della Provincia AREE ORGANIZZATIVE, AMBITI DI COMPETENZA E FUNZIONI DELLA Vecchie e nuove competenze della Provincia Prospetto sintetico delle principali attività rivolte all utenza esterna della Provincia di Torino MAGGIO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 150 del 25/06/2014 - Determinazione nr. 1611 del 25/06/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda

BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda BANDO VOUCHER DIGITALE Per enti locali in forma associata per la digitalizzazione e la semplificazione della PA lombarda 1 Finalità dell intervento... 2 2 Modello di riferimento... 2 3 Soggetti abilitati

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PRIME ISTRUZIONI OPERATIVE PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALL AMBIENTE DIRIGENTE DR. CLAUDIO CONFALONIERI SETTORE AMBIENTE Dr Ing. Claudia Pianello DPR n. 59 del 13.03.2013

Dettagli

VALUTAZIONE E DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI ORGANIZZATIVI DI PREVENZIONE

VALUTAZIONE E DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI ORGANIZZATIVI DI PREVENZIONE VALUTAZIONE E DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI ORGANIZZATIVI DI PREVENZIONE FASE 1 MAPPATURA DEI PROCESSI AREA DI RISCHIO Acquisizione e progressione del personale Affidamento di lavori, servizi e forniture

Dettagli

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente

Settore Lavori Pubblici Ufficio del Dirigente Allegato A PROGETTO DI FORMAZIONE LAVORO ATTIVITA RELATIVE ALLA GESTIONE EDIFICI ED INFRASTRUTTURE STRADALI COMUNALI Di cui all art. 3, legge n. 863/1984 e successive modificazioni Attività e programmi

Dettagli

Ambiente e. Gestione contributi regionali (Piano di Azione Ambientale) Termini specifici dettati da delibere regionali 27 27. Territorio.

Ambiente e. Gestione contributi regionali (Piano di Azione Ambientale) Termini specifici dettati da delibere regionali 27 27. Territorio. N SETTORE UNITÀ ORGANIZZATIVA RESPONSABILE ISTRUTTORIA PROCEDIMENTO DURATA NORMATA / TEMPI DI CONCLUSIONE PREVISTI NUMERO PROCEDIMENTI AVVIATI NUMERO PROCEDIMENTI CONCLUSI NEI TERMINI NUMERO PROCEDIMENTI

Dettagli

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria

Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria Testo approvato con delibera Consiliare n. 81 del 12.5.03 Art. 1 SERVIZIO DI VIGILANZA VOLONTARIA 1. L'Amministrazione Provinciale di Firenze

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR)

P.O.R. SICILIA 2000/2006. Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) P.O.R. SICILIA 2000/2006 Misura 1.03 Sistema informativo e di monitoraggio acque e servizi idrici (FESR) ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA ATTIVAZIONE DELLA MISURA ART. 1 FINALITA DELL ACCORDO Scopo dell accordo

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

AREA N.2 AREA DI PROCEDIMENTO

AREA N.2 AREA DI PROCEDIMENTO AREA DI PROCEDIMENTO PROCEDIMENTI AFFIDAMENTI INCARICHI TECNICI PROGETTAZIONE PRELIMINARE FASI AREA N.2 LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO * Predisposizione del bando (quando necessario); * Predisposizione della

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Pagano Cataldo Cataldo.pagano@regione.basilicata.it. Diploma di Perito Tecnico Industriale Capotecnico Specializzazione: Elettrotecnica

Pagano Cataldo Cataldo.pagano@regione.basilicata.it. Diploma di Perito Tecnico Industriale Capotecnico Specializzazione: Elettrotecnica C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail Pagano Cataldo Cataldo.pagano@regione.basilicata.it ISTRUZIONE FORMAZIONE Nazionalità Italiana Data di nascita 15 dicembre 1950 Diploma

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO)

COMUNE DI VAIANO PROVINCIA DI PRATO Piazza del Comune, 4 59021 Vaiano (PO) Pratica Edilizia n.... Prot. n.. del.. DICHIARAZIONE DI ASSEVERAMENTO per SEGNALAZIONE CERTIFICATA di INIZIO ATTIVITA' Articolo 84, comma 2, L.R. n 1 del 3 gennaio 2005 e successive modificazioni e integrazioni

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE INTEGRATA DEGLI EFFLUENTI DI ALLEVAMENTO AVICOLI NELLA PROVINCIA DI FORLÌ-CESENA LA REGIONE EMILIA ROMAGNA LA PROVINCIA DI FORLI -CESENA L ASSOCIAZIONE DI PRODUTTORI

Dettagli

STRUTTURE DI STAFF. Settori Ordinari

STRUTTURE DI STAFF. Settori Ordinari Allegato A PROVINCIA DI FROSINONE ORGANIGRAMMA STRUTTURE DI STAFF Ufficio Segreteria particolare / Comunicazione Istituzionale Ufficio di Controllo di I livello Attività Attività e rapporti istituzionali

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione

Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Regolamento per l attuazione del Programma operativo regionale (POR) FESR 2014 2020 Investimenti a favore della crescita e dell occupazione Articolo 1 Finalità Articolo 2 Definizioni CAPO I FINALITÀ E

Dettagli

SCHEMA DELIBERA DI C.C.

SCHEMA DELIBERA DI C.C. SCHEMA DELIBERA DI C.C. OGGETTO: PRIMA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE. ADOZIONE AI SENSI DELL ART. 19 DELLA L.R.T. 65/2014. PREMESSO: - che il Comune di Lamporecchio è dotato di Piano Strutturale approvato

Dettagli

COMUNE DI MONTECARLO Provincia di Lucca. SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE E - Mail sportellounico@montecarlolu.com

COMUNE DI MONTECARLO Provincia di Lucca. SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE E - Mail sportellounico@montecarlolu.com COMUNE DI MONTECARLO Provincia di Lucca SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE E - Mail sportellounico@montecarlolu.com Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n 19 del 28.02.2003 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE

Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE Approvato con deliberazione C.C. n. 60 del 06/11/2008 Art. 1 Principi e finalità 1. Il Comune intende proseguire

Dettagli

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione

Misura 4.1 Programma di attività di assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area Programmazione strategica e socio-economica Servizio Programmazione strategica e comunitaria Regolamento (CEE) n. 1260/99 Docup Ob. 2 2000-2006 Misura 4.1 Programma

Dettagli

PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE PROGRAMMA 13 CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE Assessore Fausto Carrara Responsabile Alberto Cigliano Risorse umane impiegate: 1 Dirigente 2 D5 - Ufficiale 1 D4 - Ufficiale 1 D4 - Specialista di Vigilanza 1

Dettagli

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore

Allegato 3. La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Allegato 3 La riforma normativa: un ipotesi di nuova legge quadro del settore Premessa Il modello di governance che viene proposto risponde ad alcuni requisiti fondamentali riconducibili al principio di

Dettagli

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015

Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Oggetto: Variante puntuale al Piano Strutturale adozione ai sensi dell art. 19 della L.R. 65/2015 Premesso che il Comune di Radda in Chianti : è dotato di Piano Strutturale adottato con D.C.C. n. 2 del

Dettagli

Premessa 23/05/2014 2

Premessa 23/05/2014 2 Regione Toscana NORMATIVA sulla DIFESA DEL SUOLO Legge Reg. 27 dicembre 2012 n. 79 Nuova Disciplina in materia di Consorzi di bonifica. Modifiche (Ver. alla l.r. 69/2008 e alla l.r. 91/98. 1.0) Abrogazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali DECRETO N. DEL Disposizioni nazionali di attuazione dei regolamenti (CE) n. 479/08 del Consiglio e (CE) n. 555/08 della Commissione per quanto riguarda l applicazione della misura della riconversione e

Dettagli

C o m u n e d i C a r m i g n a n o

C o m u n e d i C a r m i g n a n o C o m u n e d i C a r m i g n a n o P.zza G. Matteotti, 1-59015 Carmignano (PO) Tel.055/875011 - Fax 055/8750301 Settore n. 4 Urbanistica Edilizia Pubblica e Privata Provvedimento di verifica Variante

Dettagli

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA

PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA PERSONALE E FUNZIONI ASSEGNATE NELL AREA TECNICA RENDICONTO ATTIVITA SVOLTA Con riferimento all attività svolta nell anno 2012, nell Area Tecnica, si relaziona quanto appresso: PREMESSO CHE con determinazione

Dettagli

ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7

ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOB alla Dgr n. 3640 del 30 novembre 2009 pag. 1/7 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE (POR) - PARTE FESR 2007-2013 COMPETITIVITA REGIONALE E OCCUPAZIONE, ASSE 4. LINEA

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

Programma di gestione 2014 (ai sensi dell art. 6 dell Atto organizzativo approvato con del. G.P. n. 2991 dd. 27/12/2012)

Programma di gestione 2014 (ai sensi dell art. 6 dell Atto organizzativo approvato con del. G.P. n. 2991 dd. 27/12/2012) PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento territorio, agricoltura, ambiente e foreste Agenzia provinciale per le risorse idriche e l energia Programma di gestione 2014 (ai sensi dell art. 6 dell Atto organizzativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli

Città Metropolitana di Genova

Città Metropolitana di Genova Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Protocollo Generale N. 0013924 / 2015 Atto N. 595 OGGETTO: Autorizzazione

Dettagli

ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA

ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Scheda n. 3 INTERVENTO DI.... PROGETTISTA/I.... UBICAZIONE....... ELENCO DEI DOCUMENTI E GRAFICI NECESSARI PER GLI INTERVENTI SOTTOPOSTI AL REGIME DELLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA Da prodursi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PROGETTI DI RICERCA SCIENTIFICA DA PARTE DELL ENTE PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO Art.1 Oggetto del regolamento L Ente Parco nei limiti delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.).

LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.). LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, n. 9 «Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica». (B.U. 1 marzo 2005, n. 9, 1º suppl. ord.). Art. 1. Finalità del servizio volontario di vigilanza

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO

LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO FERRARIS TORINO CONSIGLIO DI ISTITUTO DEL 23/10/2012 DELIBERA N. 33 Visto il regolamento per l'attività negoziale per le forniture di beni e servizi (D.I. 44/2001 - D.Lgs 163/2006); Delibera il regolamento come da allegato.

Dettagli

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Premesse DEFINIZIONI Ai fini delle presenti direttive: per Regione s intende la Regione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 216 del 17/10/2014 - Determinazione nr. 2660 del 20/10/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014

Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.12 del 20 Febbraio 2014 Realizzazione Palestre

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Rep. n. 3037 Prot. n. 36210 Data 13 novembre 2013 Titolo I Classe 3 UOR AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 09.05.1989, n. 168, e successive modificazioni; VISTO l art. 2087 Tutela delle

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI Allegato A deliberazione n. 15 del 28/02/2013 AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL LAZIO ARPA LAZIO ORGANIZZAZIONE DELLE STRUTTURE DEFINIZIONE DELLE ATTRIBUZIONI DEI DIRIGENTI INDICE Organizzazione

Dettagli

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO

1. Dati del tecnico incaricato del collaudo IL SOTTOSCRITTO Spazio per apporre il timbro di protocollo Spazio per la vidimazione Data Perseguito L addetto alla ricezione Spett.le Sportello Unico per le Attività Produttive Comune di Castellammare del Golfo Verbale

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale DELIBERAZIONE N 18 DEL 31/03/2016 Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: forme di collaborazione tra la Provincia di Alessandria e il Comune di Villalvernia per avvalersi degli uffici

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE DIPARTIMENTO AMBIENTE, TERRITORIO, POLITICHE DELLA SOSTENIBILITÀ UFFICIO PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE via Vincenzo Verrastro, 5-85100 POTENZA dirigente: ing. Maria Carmela BRUNO tel. 0971668875,

Dettagli

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009)

D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) D.L. N.397 DEL 6.11.2008: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge Finanziaria 2009) Articolo 1 L articolo fissa in 150 milioni di euro il limite massimo

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 90 del 14/04/2015 - Determinazione nr. 813 del 15/04/2015 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 1923): Presentato dal Ministro degli affari esteri ( BONINO ) il 30 dicembre 2013. Assegnato alla III Commissione (Affari esteri e comunitari), in sede referente,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese OSSERVATORIO REGIONALE SUI RAPPORTI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IMPRESE DELLA REGIONE SCHEDE TECNICHE 5.9 AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI IDRICI 1 1. Ambito di applicazione Il D.Lgs. 152/99, modificato e integrato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI LUCCA REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera del Commissario Straordinario ai sensi dell art. 42 e 141 del D.lgs 267/00 n 33 del 06/03/2007 TITOLO

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA SEZIONE I 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 128 del 27 febbraio 2006 che approva il regolamento sulle organizzazioni di volontariato

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome LORETI ANNA Indirizzo Telefono 0542603302 Fax E-Mail anna.loreti@provincia.bologna.it Nazionalità italiana

Dettagli

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento

APPROVAZIONE DEFINITIVA. RELAZIONE FINALE del Responsabile del procedimento Variazione del tracciato della strada di collegamento tra la via vecchia e la via nuova Val D Orme in variante al PS e RU adottata con Del. C.C. n.12 del 21.02.2011. APPROVAZIONE DEFINITIVA RELAZIONE FINALE

Dettagli

"Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica"..

Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica.. LEGGE REGIONALE 28 febbraio 2005, N. 9 "Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica".. (BURL n. 9, 1º suppl. ord. del 01 Marzo 2005 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2005-02-28;9 Art.

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO"

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO Regione Calabria REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO "LAVORO, POLITICHE DELLA FAMIGLIA, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E VOLONTARIATO" REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO POLITICHE DEL LAVORO,

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità

Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91. Titolo I - FINALITÀ. Art. 01 - Finalità Norme per la difesa del suolo. (1) Bollettino Ufficiale n. 43, parte prima, del 21.12.1998 Legge Regionale 11 dicembre 1998, n. 91 Titolo I - FINALITÀ Art. 01 - Finalità 1. La Regione Toscana, per soddisfare

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005

DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005 DISPOSITIVO PROVINCIALE PERCORSI SPERIMENTALI DI QUALIFICA TRIENNALE ANNO FORMATIVO 2004/2005 Direttive e riferimenti normativi - Programma triennale della formazione 2002-2005 della Regione Lombardia

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME. 11/030/CR6b/C2

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME. 11/030/CR6b/C2 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/030/CR6b/C2 OSSERVAZIONI ED EMENDAMENTI AL DISEGNO DI LEGGE A.S. 2259 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE INDIVIDUAZIONE DELLE FUNZIONI FONDAMENTALI

Dettagli

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1 Allegato C1 FUNZIIONIIGRAMMA AREA AMMIINIISTRATIIVA E AFFARII GENERALII. personale gestiti dall Area; Contratti di competenza dell Area e tenuta del repertorio dei contratti rogati dall Ente Archivio storico

Dettagli

Città Metropolitana di Genova

Città Metropolitana di Genova Città Metropolitana di Genova PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SEGRETERIA TECNICA ATO Protocollo Generale N. 0038696 / 2015 Atto N. 1765 OGGETTO: Autorizzazione

Dettagli

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa

Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa Centri di costo: 1. Sportello Unico Attività Produttive Commercio Progetti d Impresa RESPONSABILE: ANNA BRUZZO 2. Sportello Unico Attività Produttive-Edilizia e pratiche sismiche RESPONSABILE: NARA BERTI

Dettagli

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A

C o m u n e d i V i n c i P r o v i n c i a d i F i r e n z e V a r i a n t e a l P i a n o S t r u t t u r a l e Relazione ALLEGATO A Comune di Vinci Variante al Piano Strutturale Relazione ALLEGATO A OGGETTO: Variante al Piano Strutturale, ai sensi dell art. 17 della L.R. 1/2005, per l aggiornamento delle carte di pericolosità idraulica

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 67 del 30 dicembre 2013 Pag. 1 di 11 ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009. Sommario

MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009. Sommario REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - VENERDÌ, 30 OTTOBRE 2009 4º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXIX - N. 228 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma

Dettagli

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del

Modulo A9.03 Mod.COM_69_Schema_Collaudo vers. 00 del 30/01/2015. Allo Sportello Unico Attività Produttive del Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SCHEMA DI COLLAUDO IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art. 10 del D.P.R. 160/2010, lettera b) Il presente modello deve essere presentato ogni qualvolta

Dettagli

DIRITTI DI SEGRETERIA SOGGETTI A RIPARTO (non modificabile) CAP. 560. (Legge n. 604/62 Tab. D)

DIRITTI DI SEGRETERIA SOGGETTI A RIPARTO (non modificabile) CAP. 560. (Legge n. 604/62 Tab. D) DIRITTI DI SEGRETERIA SOGGETTI A RIPARTO (non modificabile) CAP. 560 (Legge n. 604/62 Tab. D) 1. Avvisi d asta per alienazioni, locazioni, appalti di cose e di opere, per l originale 0,52 concessioni di

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli