Arrivo Roma, 28/05/2014 Prot. 32 / / MA002.A002

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Arrivo Roma, 28/05/2014 Prot. 32 / 0011057 / MA002.A002"

Transcript

1 ..... Confederazione Nazionale Artigiani Autonomi Piccoli e Medi Imprenditori Sede NaiJonale - Via Sallustiana ROMA Te/. 06/ l'àx. 06/ CodiceFiscale Roma, 28/05/2014 Prato 184/2014 A Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Arrivo Roma, 28/05/2014 Prot. 32 / / MA002.A002 Direzione AI Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali Generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro - Divisione X Via Fernovo, 8 Roma AI CNEL Consiglio Nazionale dell'economia e del Lavoro Viale Davide Lubin N Oggetto: deposito di contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti delle AZIENDE ARTIGIANE ESERCENTI ATTIVITA' NEL SETTORE AUTOTRASPORTO SPEDIZIONI MERCI E LOGISTICA. Le scriventi associazioni : dei DATORI DI LAVORO CAPIMED - Confederazione Nazionale Autonoma Artigiani Piccoli e Medi Imprenditori - rappresentata dal Presidente Nazionale Giuseppe Liberto, assistito dai segretari di Comparto, Tortorici Agostino,Borsellino Pasquale, Marini Riccardo,Interrante Girolamo,Venezia Ignazio ; FENAILP - Federazione Nazionale - rappresentata dal Presidente Nazionale, Francesco Guerrieri, assistito dai Responsabili Nazionali di categoria i sigg. Lungaro Nicola, Guerrieri Andrea, Marulo Antonello, La Cara Alberto, Celeste Fabio, Ubaldi Mario per le associazioni dei LAVORATORI FENALCA - Federazione nazionale Lavoratori Commercio e Artigianato, rappresentata dal Presidente Nazionale, Rippa Francesco e dai segretari Filacchione Salvatore, Insegna Bruno, Lamberti Stefania, Monaco Stefania, Caputo Teresa, Cafiero Manuela, Lombardi Dario Federico. DEPo'SITANO Presidenza Nazionale: Via Sallustiana, ROMA - Tel 06/ Fax 06/ Segreteria Naiiona/e Org.- Via Imera AGRIGENTO TeL 0925/ Fax.0925/

2 ~~~.... Confederazione Nazionale Artigiani Autonomi Piccoli e Medi Imprenditori Sede Naifonale- Via Sallustiana ROMA TeL 06/ Fax. 06/ CodiceFiscale II Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti delle AZIENDE ARTIGIANE ESERCENTI ATTIVITA' NEL SETTORE AUTOTRASPORTO SPEDIZIONI MERCI E LOGISTICA sottoscritto per totale accettazione ed applicazione da parte dei loro associati e iscritti. All'uopo gli stessi demandano al materiale deposito il Sig. Liberto Giuseppe (CAPIMED). Roma li, 28/05/2014 Presidenza Nazionale: Via Sallustiana, ROMA - Tel 06/ Fax 06/ Segreteria Naifonale Org.- Via Imera AGRIGENTO TeL 0925/ Fax. 0925/

3 A Minis~ero del Lavoro e delle Politiche Sociali.. Arrivo Roma, 28/05/2014 Prot. 32 / / MA002.A002 Contratto Collettivo Nazionale Di Lavoro PER I DIPENDENTI DElLE AZIENDE ESERCENTI ATTIVITA' NEl SETTORE AUTOTRASPORTO SPEDIZIONE MERCI E LOGISTICA 2013 Addi, dieci di giugno dell'anno duemilatredici, in Napoli, presso la sede legale della Fenalca ( FEDERAZIONE NAZIONALE AUTONOMA LAVORATORI COMMERCIANTI E ARTIGIANI), le sotto indicate organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori, a seguito delle trattative nazionali intraprese nel settembre dell'anno 2012, si sono incontrate per sottoscrivere il presente testo di accordo di seguito nominato Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per I DIPENDENTI DELLE AZIENDE ESERCENTIATTIVITA'NEL SETTOREAUTOTRASPORTO, SPEDIZIONEMERCI E LOGISTICA, settore all'atto della stipula sono presenti: per le associazioni dei DATORI DI LAVORO ;; CAPIMED - Confederazione Nazionale Autonoma Artigiani Piccoli e Medi Imprenditori - rappresentata dal Presidente Nazionale Giuseppe Liberto, assistito dai segretari di Comparto, Tortorici Agostino Manuel, Borsellino Pasquale, Saturnini Rocco, Innocenzo Mauro, Gallus Davide, Costa Andrea. FENAILP - Federazione Nazionale - rappresentata dal Presidente Nazionale, Francesco Guerrieri, assistito dai Responsabili Nazionali di categoria i sigg. Lungaro Nicola, Guerrieri Andrea, Antonella Matera, La Cara Alberto, Celeste Fabio, Ubaldi Mario. per le associazioni dei LAVORATORI FENALCA - Federazione nazionale Lavoratori Commercio e Artigianato, rappresentata dal Presidente Nazionale, Rippa Francesco e dai responsabili di "'Categoria Filacchione Salvatore, Insegna Bruno, Lamberti Stefania, Monaco Stefania, Caputo Teresa, Cafiero Manuela. Le sottoscritte organizzazioni stipulano e riconoscono come valido strumento di governo e regolarizzano dei rapporti di lavoro dipendente per I DIPENDENTI DELLE AZIENDE ESERCENTI ATTIVITA' NEL SETTORE AUTOTRASPORTO, SPEDIZIONEMERCI E LOGISTICA,il presente CCNLcomposto da 52 articoli. o.t

4 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE ESERCENTI ATTIVITA' NEL SETTORE AUTOTRASPORTO SPEDIZIONE MERCI E LOGISTICA 2013 CAMPO DI APPLICAZIONE " presente CCNLdisciplina in maniera unitaria, per tutto il territorio nazionale, i rapporti di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato, posti in essere dalle Aziende che svolgono, anche per conto terzi, funzioni nel settore Autotrasporto, Spedizione merci e cooperative del settore spedizioni merci e logistica (a) direttive, di pianificazione e controllo gestionale del personale e del conseguimento degli obiettivi aziendali; (b) attività per le quali occorre specifica specializzazione o necessaria preparazione professionale, come: = - amministrativo - cassiere - capo operatore traslochi - capo ufficio - traduttore o interprete - contabile - capo reparto magazzino - conducente di autotreni o autoarticolati - conducente di autocarri - conducenti di motobarche e/o natanti - gruista - conducente di automezzi addetti ai traslochi - operaio - meccanico - magazziniere - falegname - imballatore - addetto al ricevimento merci - conducente di carrello elevatore - facchino - fattorino e tutte quelle attività similari che possono essere annoverate nel settore dell'autotrasporto Spedizione merci e Logistica; Le disposizioni del presente contratto sono correlate e inscindibili tra loro e pertanto non è ammessa la parziale applicazione. Per quanto non espressamente previsto dal presente CCNL valgono le disposizioni di legge vigenti in materia di lavoro. DECORRENZAE DURATA 2 '..-'"

5 Il presente CCNLdecorre dallo Giugno 2013 e scade il 31 Dicembre 2015 per le materie Per la parte retributiva scade il 31 Dicembre di natura normativa. Il contratto nella sua globalità si intenderà successivamente rinnovato di anno in anno qualora non venga data disdetta 3 mesi prima della scadenza con lettera raccomandata. In caso di disdetta resterà in vigore sino a che non verrà sostituito dal successivo. Titolo I - DISCIPLINA DEL SISTEMA DELLERELAZIONI INDUSTRIALI Art. 1 - Livelli di contrattazione nazionale, territoriale e aziendale. : 1) Le parti concordano di disciplinare la presente contrattazione collettiva nazionale di lavoro come appresso: (a) contrattazione di 1 livello: contratto nazionale di settore; (b) contrattazione di 2 livello: contratto integrativo territoriale e aziendale. 2) La contrattazione collettiva di 1 livello vuole riconoscere alle Aziende il diritto di poter impostare la propria attività produttiva sulla certezza degli oneri derivanti dal costo del lavoro, esso si basa su elementi predeterminati e validi per tutta la durata del presente CCNL. Il presente CCNL è formato da una parte normativa la cui durata è triennale e da una parte economica la cui durata è biennale. Per il rinnovo del presente CCNL è necessario che una delle parti dia, almeno 3 mesi prima della relativa scadenza, la disdetta presentando le proposte per un nuovo CCNLper consentire l'apertura delle trattative. Durante i 3 mesi antecedenti e nel mese successivo alla scadenza del presente CCNL, e comunque per un periodo complessivamente pari a 4 mesi dalla presentazione delle richieste di rinnovo, le parti non assumeranno iniziative unilaterali, né procederanno ad azioni dirette. Dopo un periodo di vacanza contrattuale pari a 3 mesi dalla data della scadenza, ovvero dalla data di presentazione della richiesta se successiva, verrà corrisposto ai lavoratori un elemento provvisorio della retribuzione denominata: "indennità di vacanza contrattuale" (IVC). L'importo di tale indennità sarà pari al 30% del (tasso d'inflazione previsto daiistat) applicato al minimo tabellare. Dopo 6 mesi di vacanza contrattuale detta indennità sarà pari al 50% (tasso d'inflazione previsto daiistat) sempre calcolata sul minimo tabellare. Dalla data di decorrenza di rinnovo del CCNL, la IVC cessa di essere corrisposta. In sede di rinnovo del presente CCNL verranno definite le modalità per la compensazione delle eventuali ed effettive differenze retributive per tutto il periodo di vacanza contrattuale escludendo l'ausilio di una-tantum. Alla contrattazione collettiva nazionale è demandato di provvedere oltre le materie specifiche anche sulle seguenti materie specificata mente individuate: (a) costituzione e funzionamento della Commissione di Garanzia e Conciliazione; (b) regolamentazione e determinazione delle quote sindacali. 3) La contrattazione di 2 livello. Livello territoriale (regionale e/o provinciale) è previsto: - su richiesta delle parti, per armonizzare le normative contrattuali di riferimento aziendale a livello di provincia. e/o regione nel quadro del punto di riferimento di miglior favore delle condizioni dei lavoratori; - per la costituzione e funzionamento dell'organismo regionale o provinciale paritetièo sulla prevenzione infortuni, per l'attuazione delle norme per l'igiene e l'ambiente di lavoro, nonché tutto quanto ;:: "'I.),,-i ){ ~..

6 previsto dalla ex legge n. 626/94 e dlgs 81/2008 in materia di sicurezza sul posto di lavoro. ; Livello aziendale. La contrattazione aziendale riguarda materie e istituti stabiliti dal presente CCNL, diversi e non ripetitivi rispetto a quelli propri della contrattazione nazionale. In specifico, alla contrattazione aziendale sono demandate le seguenti materie: (a) possibilità di una diversa articolazione dell'orario normale di lavoro che può essere svolto in modo differenziato dall'azienda anche nel corso dell'anno (artt. 18 e 19) in senso migliorativo delle condizioni previste dal CCNL; (b) determinazione dell'elemento economico "Premio Produzione". Detto elemento sarà concordato, tenendo conto dell'andamento congiunturale del settore e correlato ai risultati conseguiti nell'azienda, tramite le risultanze di indicatori nazionali o regionali o provinciali o aziendali; (c) costituzione e funzionamento dell'organismo aziendale paritetico per la prevenzione infortuni, per l'attuazione delle norme per l'igiene e l'ambiente di lavoro, nonché tutto quanto previsto dal Dlgs 81/2008 in materia di sicurezza sul posto di lavoro; (d) approvazione dei contratti di inserimento o reinserimento per realizzare, mediante un progetto individuale di adattamento alle competenze professionali del lavoratore a un determinato contesto lavorativo, nel rispetto di quanto previsto all'art. 55, comma 2, D.lgs n. 276; (e) determinazione degli importi massimi economici per il personale inviato in trasferta. ~ La contrattazione di 2 0 livello territoriale (regionale o provinciale) o aziendale può essere attivata per disciplinare altre materie o istituti che siano espressamente demandate alla contrattazione ragionale o provinciale o aziendale dal presente CCNL, mediante specifiche clausole di rinvio. L'accordo territoriale (regionale o provinciale) o aziendale, ha i medesimi parametri di durata del presente CCNL. Nell'arco di vigenza del presente CCNL la negoziazione a livello territoriale (regionale o provinciale) o aziendale dovrà svolgersi conformemente alla seguente procedura: - la richiesta di stipula della contrattazione territoriale o aziendale deve essere presentata dopo almeno 1 mese dal deposito presso il Ministero del lavoro e della previdenza sociale del presente CCNL; - le parti non assumeranno iniziative unilaterali né procederanno ad azioni dirette nel periodo intercorrente tra la presentazione delle richieste e la stipula del nuovo contratto. Art. 2 - Diritti sindacali. 1) Ai rappresentanti sindacali aziendali e ai componenti gli organismi sindacali si applicano le tutele previste dagli articoli specifici dello statuto dei lavoratori. I rappresentati sindacali aziendali e RSU hanno diritto a 96 ore annue di permessi retribuiti per l'espletamento delle loro funzioni. I componenti gli organismi provinciali e nazionali delle organizzazioni sindacali firmatarie hanno diritto a 96 ore annue di permessi retribuiti. Le organizzazioni sindacali hanno diritto di richiedere permessi non retribuiti per la partecipazione dei lavoratori a convegni, congressi. I lavoratori hanno diritto di riunirsi in assemblea retribuita durante l'orario di lavoro per 10 ore annue. Le assemblee di norma si terranno su base aziendale. 4,.t ::. \,

7 :: Per i lavoratori alle dipendenze di datori di lavoro che occupano fino a 3 dipendenti base provinciale, le assemblee si terranno su Le organizzazioni sindacali e le rappresentanze aziendali comunicheranno la data e l'orario di effettuazione delle assemblee almeno 48 ore prima, Assemblee non retribuite, fuori dall'orario di lavoro, possono essere convocate da tutti i sindacati regolarmente costituiti e da gruppi di lavoratori che raccolgono le firme di almeno il 3 per cento degli occupati. Alle assemblee possono partecipare, previo preavviso, rappresentanti sindacati anche esterni o esperti da questi designati. I dipendenti e i lavoratori dipendenti per le ore di permesso di cui sopra riceveranno un rimborso pari alla retribuzione delle ore di permesso usufruito, Rimborso che viene escluso dalla retribuzione imponibile per il calcolo dei contributi previdenziali e assistenziali ai sensi dell'art. 3, DL n, 318 del 14,6,96, convertito con modificazione in legge n, 402, il 29,7,96, Le ore di permesso sono da considerarsi nell'ambito dell'orario di lavoro; L'assemblea si svolge fuori e all'interno dentro dei locali della Azienda e concorderà con le 00,55, e R5U la presenza di locali idonei in applicazione a quanto disposto dalla legge 20,5,70 n, 300, 2) In applicazione della legge 20,5,70 n, 300, le Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori rappresentati nelle aziende possono, nelle Aziende con più di 15 e fino a 100 dipendenti, designare 2 RSAper sigla sindacale ogni 30 dipendenti; Nelle Aziende sino a 100 dipendenti o soci lavoratori potranno essere eletti con le R5U (rappresentanze sindacali unitarie) tre delegati. * da 101 dipendenti o soci di cooperativa e a frazione di 50 un delegato in più; esempio 250 lavoratori o soci di cooperativa = 4 delegati (R5U) esempio 251 lavoratori o soci di cooperativa = 5 delegati (R5U) e cosi a seguire, Per l'elezione delle R5U si applica l'accordo interconfederale 20,12,93 sulla costituzione delle R,5,U ad eccezione dei criteri di attribuzione dei seggi, I criteri per l'attribuzione dei seggi sono cosi modificati: "l'attribuzione dei seggi avviene al 100% con il criterio proporzionale in base ai voti ottenuti dalle singole liste", Il rappresentante sindacale è titolato ad incontrarsi con la Direzione aziendale per la discussione inerente le problematiche relative a: - tutti i temi deputati alla contrattazione di secondo livello aziendale - distribuzione dell'orario di lavoro; - indumenti di lavoro; - programmazione dei periodi di ferie; - eventuale funzionamento della mensa aziendale; - per ogni. problematica che insorge all'interno dell'azienda e che ha ricadute sui lavoratori. ;o 5 -o,_{! ~.-

8 J d In aggiunta alle RSUviene eletto un rappresentante per la sicurezza (RLS). Nel caso di Aziende sino a 15 dipendenti viene eletto un delegato di Azienda; (in aziende con numeri di dipendenti Esempio: 50 dipendenti 2 RLS 100 dipendenti 4 RLS 150 dipendenti 5 RLS 200 dipendenti 6 RLS 300 dipendenti 7 RLS sopra i 200 dipendenti un RLSogni 100 dipendenti superiori, 2 RLSogni 50 dipendenti) I rappresentati dei lavoratori per la sicurezza Rls saranno eletti dai lavoratori attraverso una apposita votazione. Nel caso di liste concorrenti gli Rls saranno attribuiti con il criterio proporzionale. Per l'espletamento del proprio mandato hanno diritto a 48 ore retribuite all'anno I delegati RLShanno il compito di intervenire per far rispettare le norme su igiene e sicurezza del lavoro, le norme contrattuali e gli accordi sindacali. La Azienda è tenuta annualmente a comunicare alla rappresentanza sindacale aziendale, ove esistente, anche l'andamento delle assunzioni a tempo parziale e l'eventuale ricorso al lavoro supplementare. 5) Le aziende opereranno la trattenuta in busta paga dei contributi associativi a favore delle organizzazioni sindacali ai lavoratori che avranno rilasciato una apposita delega. A richiesta delle organizzazioni dei lavoratori le aziende provvederanno ad inserire in busta paga dei dipendenti copia della delega di adesione che sarà cura dei sindacati fare avere attraverso l'associazione datoriale. I contributi associativi saranno versati dalle aziende alle organizzazioni sindacali con cadenza trimestrale. 6) Le Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori hanno diritto di affiggere, in appositi spazi, messi a disposizione dalla Azienda, in luoghi accessibili a tutti i lavoratori, comunicati, informazioni, testi, etc. per materie sindacali e del lavoro, nonché all'utilizzo del sistema informatico aziendale per comunicare con i lavoratori. ; 7) L'Azienda e le Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro convengono che, considerati i costi che il presente CCNL comporta per l'assistenza alla stipulazione e per la successiva consulenza, le Aziende aderenti e non, che applicano il presente contratto, verseranno alla Sede centrale un contributo pari allo 0,50% del monte salari mensile corrisposto ai dipendenti lavoratori e ai lavoratori dipendenti attraverso la convenzione INPScome da Circolare n. 105/03. Quota di servizio contrattuale. Le parti convengono che le Aziende mediante affissione in bacheca nei mesi di dicembre e gennaio comunic~eranno che in occasione del rinnovo del CCNL il sindacato stipulante chiede ai lavoratori non iscritti una quota volontaria di servizio contrattuale a sostegno delle spese sostenute per ii" rinnovo contrattuale di 20,00 da trattenere sulla retribuzione corrisposta nel febbraio successivo alla data di :: 6 I " '"to"

9 !. İ ~ = = stipula del presente contratto dietro la sottoscrizione del lavoratore di apposito modulo che dovrà essere consegnato all'azienda entro il 31 gennaio successivo alla data di stipula del presente contratto. Le Aziende daranno tempestiva comunicazione delle trattenute effettuate alla Federazione nazionale di categoria. Nei confronti dei dipendenti lavoratori sono mantenuti i diritti sindacali previsti dal titolo III, legge n. 300/70, subordinandone però l'esercizio al principio di compatibilità con lo status di dipendenti o lavoratore così come previsto ai sensi della legge n. 142 e successive modifiche. Art. 3 - Distribuzione contratto. In ottemperanza a quanto previsto dalla prassi della contrattazione collettiva, nonché ai sensi delle vigenti norme di legge, le parti contraenti si impegnano ad inviare copia del presente CCNL al Consiglio Nazionale dell'economia e del Lavoro (CNEL), al Ministero del lavoro e delle politiche sociali e agli Enti previdenziali e assistenziali interessati. Le Aziende sono tenute a distribuire gratuitamente ad ogni singolo lavoratore dipendente in servizio e neoassunto copia del presente CCNL. Art. 4 - Efficacia contratto. Le norme del presente CCNLsono operanti e dispiegano la loro efficacia direttamente nei confronti dei datori di lavoro, dei lavoratori dipendenti e sono impegnative per le Organizzazioni stipulanti. Art. 5 - Occupazione femminile. Sarà istituito un gruppo di lavoro per le pari opportunità, al fine di realizzare azioni positive a favore della occupazione femminile denominato: "Commissione Paritetica per le Pari Opportunità" (CPO) così come regolamentato dalla legge n. 125/91 e D.lgs. n. 196';00. Il CPO è composto da un membro in rappresentanza dell' e uno in rappresentanza della che saranno designati dalle rispettive parti firmatarie del presente contratto. Gli atti deliberati dalla Commissione producono effetti solo se approvati a unanimità. La sede operativa sarà presso il costituendo Ente bilaterale di settore. Art. 6 - Commissione Nazionale di Garanzia e Conciliazione. E' costituita una Commissione Nazionale di Garanzia e Conciliazione, composta da 9 membri di cui 3 nominati dalle Organizzazioni datoriali e 3 nominati dalle Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e 3 Organizzazioni sindacali dei lavoratori rappresentati nell'azienda di riferimento. La Commissione ha i seguenti compiti: (a) esaminare e risolvere le controversie inerenti alla interpretazione e applicazione nella Azienda del presente CCNL e della contrattazione integrativa di 2 livello; (b) tentar.e la bonaria composizione, ai sensi e per gli effetti dell'articolo che segue, delle verrenze di lavoro di qualsiasi tipo in sede di conciliazione prima di adire le vie giudiziarie; (c )intervenire e fissare l'ammontare dell'elemento economico "premio di produzione" in caso di 7 ~i J

10 controversia fra le parti nella contrattazione di 2 livello; (d) verificare e valutare l'effettiva applicazione nelle singole Aziende di tutti gli istituti previsti dal presente CCNL e dalle sue modificazioni e integrazioni, anche in ordine all'attuazione della parte retributiva e contributiva; il controllo è effettuato anche su richiesta di un solo lavoratore dipendente della Azienda; questa ultima è tenuta a fornire tutte le notizie necessarie alla Commissione; (e) esame e interpretazione autentica della normativa contrattuale in caso di dubbio o incertezza, su segnalazione di una delle parti; (f) esame e soluzione di ogni eventuale problema che dovesse presentarsi in ordine alle esigenze rappresentate dalle parti contrattuali; (g) definire la classificazione del personale, come previsto dal presente CCNL; (h) definire tutte le problematiche rinviate alla Commissione stessa indicata nel presente CCNL. Art. 7 - Composizione delle controversie. 1) Per tutte le controversie individuali o collettive relative alla applicazione del presente CCNLè prescritto il tentativo di conciliazione in sede sindacale, secondo le norme e le modalità stabilite dal presente articolo. 2) Anche per le controversie relative a licenziamenti individuali di cui alle leggi n. 604 e n. 108, non derivanti da provvedimènti disciplinari, devono essere ugualmente fatti tentativi di composizione per il tramite della Commissione di cui al presente CCNL. 3) I verbali di conciliazione o di mancato accordo, redatti in 4 copie, dovranno essere sottoscritti anche dai lavoratori dipendenti e dai datori di lavoro interessati. Due copie del verbale saranno inviate all'ufficio Provinciale del Lavoro (legge n. 533). 4) La parte interessata, sia essa lavoratore dipendente che datore di lavoro, alla definizione della controversia, è tenuta a richiedere il tentativo di conciliazione tramite l'organizzazione alla quale sia iscritta. 5) La Commissione di cui al presente CCNL, ricevuta la richiesta di conciliazione, è tenuta a comunicare nei modi e nei termini di legge, alla parte contrapposta, oltre al motivo della controversia il luogo, il giorno e l'ora in cui sarà esperito il tentativo di conciliazione: l'incontro tra le parti deve avvenire entro e non oltre 15 giorni dalla data di avvenuto invio della comunicazione alla parte contrapposta. Art. 8 - Patronati. o.. 1) Gli Istituti di Patronato hanno il diritto di svolgere, su un piano di parità, la loro attività all'interno delle Aziende, per quanto riguarda gli Istituti di Patronato di emanazione e/o convenzionate con le Organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori rappresentate nelle aziende si conviene quanto segue: gli Istituti di PatrQnato potranno svolgere i compiti previsti dalla legge mediante i propri rappresenta.nti, i cui nominativi dovranno essere portati preventiva mente a conoscenza delle Aziende, muniti di documento di riconoscimento attestante tale qualifica, rilasciato dalle Direzioni dei Patronati interessati, le quali '.- J ~..

11 dovranno segnalare eventuali variazioni. 2) I rappresentanti dei Patronati concorderanno con le singole Aziende le modalità per lo svolgimento della loro attività che deve attuarsi senza pregiudizio per la normale attività aziendale. Qualora, per ragioni di particolare e comprovata urgenza, i rappresentanti del Patronato dovessero conferire durante l'orario lavorativo con un lavoratore dipendente della Azienda per l'espletamento del mandato da questi conferito, gli stessi rappresentanti del Patronato ne daranno tempestiva comunicazione alla Direzione aziendale, la quale provvederà a rilasciare al lavoratore dipendente interessato il permesso retribuito di allontanarsi dal posto di lavoro per il tempo necessario, sempre che non ostino motivi di carattere tecnico-organizzativo. 3) I rappresentanti del Patronato usufruiranno di appositi Albi messi a disposizione dalle Aziende per informazioni di carattere generale. 4) Ove possi~ile le aziende metteranno a disposizione un locale interno alla stessa, per svolgere assistenza nel periodo di compilazione 730/unico/ai patronati delle organizzazioni rappresentate in azienda. Art. 9 - Ente Mutualistico Bilaterale per l'artigianato Nel quadro delle più generali intese tra le firmatarie del presente contratto, preso atto della istituzione degli enti bilaterali, le parti convengono di costituire l'ente Mutualistico Bilaterale per l'artigianato denominato "EMBA". Per quanto riguarda la costituzione dell'ente stesso e i regolamenti applicativi, le parti concordano di rinviare a successivo incontro, la stesura degli stessi. Titolo" - COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Art Assunzione - Documentazione. 1) L'assunzione del personale sarà effettuata secondo le norme di legge. a) l'assunzione sarà di regola a tempo indeterminato, salvo diverso accordo di secondo livello tra le parti; la settimana lavorativa è di norma dal lunedì al venerdì. 2) L'assunzione dovrà risultare da atto scritto, contenente le seguenti indicazioni: (a) la tipologia del contratto di assunzione; (b) la data di inizio del rapporto di lavoro e la sua durata se si tratta di rapporto di lavoro a tempo determinato; (c) la località in cui presterà la sua opera; (d) la categoria professionale della classificazione unica cui viene assegnato, la qualifica, le mansioni e la retribuzione; (e) l'indicazione dell'applicazione del presente CCNL; (f) la durata dell'eventuale periodo di prova; 9

12 (g) l'indicazione del numero d'iscrizione allibro matricola; (h) le altre eventuali condizioni concordate. (i) dovrà essere indicato orario di lavoro con inizio/pausa/termine e i giorni settimanali lavorativi La lettera di assunzione deve inoltre indicare il cognome e nome e/o la ragione sociale, l'indirizzo, il codice fiscale, nonché tutti quei dati o notizie previste dalla legge. 3) La Azienda deve consegnare ai lavoratori dipendenti gratuitamente e contemporaneamente alla lettera di assunzione copia del presente CCNL. 4) Per l'assunzione sono richiesti i seguenti documenti: (a) documentazione attestante lo stato di servizio e la formazione professionale acquisita (libretto formativo del cittadino - art. 2, lett. i), D.lgs. n. 276/03); (b) dichiarazione dell'eventuale stato di disoccupazione; (c) libretto di indennità sanitaria per il personale da adibire a quelle attività per cui è richiesto dalla legge; (d) documentazione e dichiarazioni necessarie per l'applicazione delle norme previdenziali e fiscali; (e) accettazione della lettera di assunzione; (f) attestato di conoscenza di una o più lingue estere per le mansioni che implicano tale requisito; (g) altri documenti e certificati che la Azienda richiederà per le proprie esigenze, se dovuti. Il dipendente o il lavoratore dovrà dichiarare alla Azienda la sua residenza e/o dimora e notificare i successivi mutamenti. Se si tratta di dipendente o lavoratore apprendista, all'atto dell'assunzione egli dovrà produrre il titolo di studio e dichiarare gli eventuali corsi professionali, nonché i periodi di lavoro svolti. La Azienda deve rilasciare ricevuta dei documenti che trattiene. 5) Il dipendente e il lavoratore potranno essere sottoposti, prima della assunzione, a visita medica da parte del sanitario di fiducia della Azienda per l'accertamento dei requisiti fisici e psico-attitudinali necessari per l'espletamento del lavoro cui sono destinati. *Restano in ogni caso ferme le norme di legge circa le visite mediche obbligatorie la cui diagnosi sarà comunicata al dipendente e al lavoratore. * e vietata ogni forma di deroga alla legge di riferimento 6) In considerazione di quanto disposto dall'art. 25, comma 2, legge n. 223 del , non sono computati ai fini della determinazione delle quote di riserva: (a) le assunzioni del personale con qualifiche ricomprese nei livelli 8 e 7; (b) le ass!lnzioni del personale con qualifiche ricomprese nel livelli 6, 5 e 4 a condizione che abbiano già prestato servizio presso Aziende del medesimo settore ovvero che siano in possesso di un titolo di studio o attestati professionali attinenti alle mansioni da svolgere. lo

13 Art. 11- Periodo di prova. ;: La durata del periodo di prova non potrà superare: livelli periodo (giorni di effettiva prestazione lavorativa) (2-3) potrà aversi una sola fase negoziale a livello territoriale (regionale o provinciale), da svolgere. ::; Ai fini del computo del periodo di prova sono utili esclusivamente le giornate effettivamente prestate, fermo restando il termine massimo di 6 mesi previsto dall'art. lo, legge n. 604 del Nel corso del periodo di prova e al termine dello stesso il periodo di lavoro potrà essere risolto dal lavoratore senza obbligo di preavviso. Il dipendente o il lavoratore in prova ha diritto, in caso di insorgenza di malattia certificata, al prolungamento del periodo di prova di tanti giorni quanti quelli provocati dall'assenza di malattia. Trascorso il periodo di prova senza che nessuna delle parti abbia dato regolare disdetta, l'assunzione del dipendente o del lavoratore si intenderà confermata a tempo indeterminato e il periodo stesso sarà cumulato all'anzianità di servizio. * Per i dipendenti lavoratori il periodo di prova può essere stabilito di durata maggiore rispetto a quello contrattuale per consentire alla Azienda di definire l'idoneità di un soggetto che deve entrare a far parte della compagine aziendale con i doveri da ciò derivanti così come previsto ai sensi della legge n. 142 e successive modifiche. *Questa norma contrattuale solo nelle assunzioni di livello comprese tra il 6 livello e l'ottavo livello Art Telelavoro. 1) Il telelavoro è una forma di organizzazione a distanza resa possibile dall'utilizzo di sistemi informatici e dall'esistenza di una rete di comunicazione fra il luogo in cui il telelavoratore dipendente o lavoratore dipendente opera e la Azienda. Il telelavoro è una modalità di svolgimento della prestazione lavorativa e non un particolare status legale. Il telelavoro fa quindi parte dell'organizzazione della Azienda, anche se il luogo di svolgimento della prestazione è esterno all'azienda. Il telelavoratore dipendente ha quindi gli stessi diritti dei lavoratori dipendenti comparabili che svolgono l'attività nei locali della Azienda e sono assoggettati al potere direttivo, organizzativo e di controllo della Azienda. 2) Il telelavoro può essere di 3 tipi:

14 - domiciliare: svolto nell'abitazione del telelavorista; - mobile: attraverso l'utilizzo di apparecchiature portatili; = - remotizzato o a distanza: svolto presso uffici attrezzati ubicati in appositi telecentri coincidono né con l'abitazione del telelavorista né con gli uffici aziendali. quali non 3) " telelavoro domiciliare e remotizzato si applica esclusivamente ai telelavoristi subordinati e non è applicabile né ai telelavoristi occasiona li né a quelli autonomi. " telelavoro subordinato può svolgersi anche con contratto part-time o a tempo determinato sia che il telelavoro venga svolto nell'abitazione del dipendenti o del lavoratore dipendente sia a quello remotizzato. Il Centro di tele lavoro o la singola postazione a casa non configurano una unità produttiva autonoma dali' Azienda. 4) Il telelavoro ha carattere volontario sia per la Azienda che per il lavoratore dipendente. Se il telelavoro non è previsto nel contratto di assunzione, il lavoratore dipendente è libero di accettare o respingere l'offerta, prospettata nel corso del rapporto di lavoro, di svolgere telelavoro. Il compito di individuare le modalità per esercitare il diritto alla reversibilità sarà stabilito dalla contrattazione aziendale. 5) AI lavoratore dipendente sono riconosciuti gli stessi diritti legali e contrattuali previsti per il lavoratore dipendente comparabile che svolge attività nei locali della Azienda. Il socio o il lavoratore dipendente comparabile è quello inquadrato allo stesso livello in forza dei criteri stabiliti dalla contrattazione collettiva. I telelavoratori dovranno essere messi nella condizioni di fruire delle medesime opportunità di accesso alla formazione e di sviluppo della carriera previste per i dipendenti o i lavoratori dipendenti comparabili. I telelavoratori hanno diritto a una formazione -.specifica mirata sugli strumenti tecnici di lavoro di cui ripongono e sulle caratteristiche di tale forma di organizzazione dellavoro. Il lavoratore dipendente che passano al telelavoro nel corso del rapporto conservano per intero il proprio status precedentemente acquisito. 6) La Azienda adotterà tutte le misure appropriate, in particolare per quello che riguarda i software, atte a garantire la protezione dei dati utilizzati ed elaborati dal lavoratore dipendente per fini professionali. La Azienda provvede ad informare il tele lavoratore dipendente in ordine a tutte le norme di legge e regole aziendali applicabili, relative alla protezione dei dati. La responsabilità di tali norme e regole è in capo al telelavoratore dipendente. E' demandata alla contrattazione aziendale ogni eventuale restrizione riguardante l'uso di apparecchiature, strumenti, programmi informatici e alle eventuali sanzioni applicabili in caso di violazione. 7) La Azienda può instaurare strumenti di controllo nel rispetto sia del D.lgs n. 626 di recepimento della D.irettiva n. 90/270 CEE relativa ai videoterminali, che delle norme vigenti in materia le quali sanciscono che nessun dispositivo o controllo quantitativo o qualitativo può essere utilizzato tramite software all'insaputa dei telelavoristi. 12.,.1:

15 8) Ogni questione in materia di strumenti di lavoro e di responsabilità dovrà essere definita con la contrattazione aziendale prima dell'inizio del contratto di tele lavoro. In ogni caso la Azienda si fa carico dei costi derivanti dalla perdita e dal danneggiamento degli strumenti di lavoro nonché i dati utilizzati dal telelavoratore. La Azienda è tenuta a fornire al telelavoratore i supporti tecnici. 9) La Azienda è responsabile della tutela della salute e della sicurezza professionale del telelavoratore, conforme alla Direttiva n. 89/391/CEE, oltre che alle direttive particolari recepite dalla legislazione nazionale in quanto applicabili e a quelle previste nel presente contratto. La contrattazione aziendale regolerà gli eventuali accessi al domicilio del telelavorista o ai telecentri. 10) Alla contrattazione aziendale è demandato: - l'adozione di misure dirette a prevenire l'isolamento del telelavoratore come l'accesso alle informazioni della Azienda; - il carico di lavoro; - eventuale fascia di reperibilità; - la determinazione in concreto degli strumenti che permettono la effettiva autonoma gestione dell'organizzazione al telelavoratore dipendente. contatti con colleghi e 11) Il telelavoratore gestisce l'organizzazione del proprio tempo di lavoro. Con riferimento all'orario di lavoro non sono applicabili al tele lavoratore le seguenti norme previste dal D.lgs. n. 84/03 n. 66: - art. 3 (Orario normale di lavoro settimanale) - art. 4 (Durata massima dell'orario settimanale) - art. 5 (Lavoro straordinario) - art. 7 (Riposo giornaliero) - art. 8 (Pause) - artt. 12 e 13 (Organizzazione e durata del lavoro notturno) 12) Il telelavoratore ha gli stessi diritti collettivi dei lavoratori dipendenti che operano all'interno della Azienda. 13) La postazione del telelavoratore e i collegamenti telematici necessari per l'effettuazione della prestazione, così come l'installazione, la manutenzione e le spese di gestione, incluse quelle relative alla realizzazione e al mantenimento dei sistemi di sicurezza della postazione di lavoro, nonché alla copertura assicurativa della stessa, sono a carico dell'azienda. Art Lavoro a tempo determinato. 13

16 I lavoratori con contratto a tempo determinato e ogni forma di lavoro atipica, che non sia il tempo indeterminato, dovrà essere retribuita con la maggiorazione del 10% dello stipendio globale, per il periodo di tempo determinato compresa eventuale proroga e periodo di prova malattia e infortunio o gravidanza, idem per le sostituzioni per maternità. Le assunzioni con contratto a termine sono regolamentate dalle vigenti disposizioni di legge e dalle norme del presente contratto. In tutte le Aziende comprese nell'ambito dì applicazione di cui all'art. 1 del presente CCNL, ai sensi dell'art. 23, legge n. 56 l'apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro individuale che non potrà superare il 20% annuo del personale occupato, oltre che nell'ipotesi di cui all'art. 1, legge n. 230, all'art. 12, legge n. 195 e successive modificazioni e integrazioni è consentito, in relazioni a particolari esigenze aziendali e al fine di evitare carenze del servizio, per le seguenti ipotesi: : (a) per sostituzioni di dipendenti e di lavoratori dipendenti assenti per malattia, maternità, ferie, servizio militare e in tutti i casi in cui il lavoratore dipendente assente abbia diritto alla conservazione del posto di lavoro; (b) per esecuzione di opere o servizi predefiniti o predeterminati nel tempo, anche ripetitivi; (c) per sostituzione, anche parziale, di dipendenti e di lavoratori dipendenti, chiamati a svolgere funzioni di coordinamento all'interno della Azienda o per dipendenti e per i lavoratori dipendenti che abbiano ottenuto l'aspettativa; (d) in periodi di intensificazione dell'attività; (e) per sostituzione di personale dipendente a part-time, post-maternità; (f) per attività straordinarie connesse alla fase di lancio di nuovi prodotti; (g) per sostituzione di dipendenti e di lavoratori temporaneamente inidonei a svolgere le mansioni loro assegnate; (h) per fabbisogni connessi alle attività amministrative e alla modifica del sistema informatico, all'inserimento di nuove procedure informative. generali e di settori, di sistemi diversi di contabilità e di controlli di gestione; (i) per la elaborazione di manuali di qualità e tecnici in genere; (i) per l'assistenza specifica nel campo della prevenzione, della sicurezza del lavoro e per l'ambiente; (k) per le figure professionali non esistenti in azienda. Le parti stabiliscono che: (1) ai sensi dell'art. 1, legge n. 56, le parti stabiliscono che sono consentite assunzioni con contratto di lavoro a termine di norma di durata non inferiore a 3 mesi e non superiore a 12 mesi, comunque prorogabili, ai sensi della legge n. 230; (2) i dipendenti lavoratori e i lavoratori dipendenti hanno diritto di precedenza all'assunzione qualora la Azienda ricorra a contratti a tempo indeterminato per la stessa qualifica e mansione e alle condizioni previste dall'art. 23, comma 2, legge n. 26/87; (3) in caso di dimissioni precedenti alla scadenza naturale del contratto, i dipendenti sono tenuti a prestare il previsto preavviso per i lavoratori assunti a tempo indeterminato dello stesso livello di inquad~amento entro il limite massimo di durata del rapporto di lavoro; (4) nel caso in cui la durata del contratto a termine sia superiore a 4 mesi i lavoratori dipendenti devono 14 A Il,,~-

17 essere espressamente informati di quanto disposto dal comma 4, art. 23, legge n. 56/87 (Decadenza delle iscrizioni e dalla posizione di graduatoria nelle liste di collocamento). Le Aziende non potranno avere contemporaneamente alle loro dipendenze dipendenti e lavoratori assunti a tempo determinato in numero superiore al 20% degli assunti a tempo indeterminato per livello di appartenenza, o avvalersi dei contratti a termine sono tenute, a pena di decadenza, a darne preventiva comunicazione scritta alla Commissione di Garanzia e Conciliazione indicata nel presente CCNL. Art Lavoro parziale o part-time, genitori di portatori di handicap e di tossicodipendenti. 1) Il contratto di lavoro a tempo parziale comporta lo svolgimento di attività lavorativa ad orario inferiore rispetto a quello ordinario previsto dal presente CCNL. Il rapporto a tempo parziale è considerato mezzo idoneo ad agevolare l'incontro tra domanda e offerta di lavoro e ha la funzione di consentire la flessibilità della forza lavoro in rapporto ai flussi di attività nell'ambito della giornata, della settimana o dell'anno e nel contempo una risposta valida ad esigenze individuali dei dipendenti e dei lavoratori. Questo contratto può essere esteso anche ai dipendenti e ai dipendenti assunti a tempo determinato o con contratto di inserimento o di apprendistato. Il rapporto di lavoro part-time può essere di tipo: (a) orizzontale: ad orario di lavoro giornaliero ridotto; (b) verticale: a tempo pieno nell'arco della giornata, ma solo per settimana; (c) misto: per periodi, orizzontale e per altri, verticale. determinati periodi della Il contratto a tempo parziale deve essere stipulato in forma scritta e ai fini della prova valgono i periodi previsti per gli eguali livelli a tempo pieno previsti dal presente CCNL. Nel contratto individuale deve essere indicata la collocazione oraria della prestazione riferita al giorno. Possono essere previste clausole flessibili o elastiche. Nel contratto a tempo parziale di tipo orizzontale, anche a tempo determinato, la Azienda ha facoltà di richiedere al dipendente lo svolgimento di prestazioni supplementari (lavoro reso oltre l'orario concordato nel contratto individuale) nei limiti dell'orario a tempo pieno e con il consenso del lavoratore. Il lavoro supplementare può essere richiesto anche per i dipendenti e dipendenti con contratto a tempo parziale. Nel rapporto di lavoro a tempo parziale anche a tempo determinato è consentito lo svolgimento di prestazioni lavorative straordinarie. La maggiorazione retributiva è quella prevista all'art. 46 del presente contratto. E' possibile, per necessità aziendali, modificare la collocazione temporanea per ogni forma di contratto a tempo parziale (clausola flessibile). Le suddette necessità vanno illustrate al dipendente con preavviso di almeno 10 giorni. Solo con l'accordo tra le parti il rapporto può trasformarsi da tempo pieno a tempo parziale o viceversa. Nel primo caso va stipulato in forma scritta e convalidato dalla Direzione Provinciale del Lavoro. In caso di assunzioni a tempo pieno per mansioni uguali e nello stesso ambito territoriale è ammesso il diritto di precedenza a favore dei soci e dipendenti con contratto a tempo parziale. La retribuzione, nonché i vari istituti contrattuali vengono calcolati proporzionalmente alle ore effettivamente lavorate, salvo diversa pattuizione tra le parti. Il lavoratore può chiedere la trasformazione da tempo pieno a tempo parziale per un periodo di tempo non superiore a 12 mesi, rinnova bili, con l'assenso dell'azienda e del lavoratore stesso. Trascorsi i 12 mesi, qualora 15,_t... 1"- l

18 non venisse avanzata dal lavoratore alcuna richiesta di proroga del lavoro a tempo parziale, lo stesso passerà automaticamente ad orario pieno. 2) I dipendenti e i lavoratori dipendenti, genitori di portatori di handicap e di tossicodipendenti, riconosciuti dal Servizio sanitario competente per territorio, che chiedono il passaggio a tempo parziale, hanno il diritto di precedenza rispetto agli altri dipendenti e lavoratori dipendenti. Per i dipendenti e i dipendenti affetti da patologie gravi riconosciuto dalla ASL, hanno il diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale e la possibilità di passare nuovamente a tempo pieno secondo quanto definito dal paragrafo 1 comma 4 di questo articolo. 3) Il dipendente o la lavoratrice madre, o in alternativa, il lavoratore padre, genitori di minore per cui sia riconosciuto l'handicap di cui al comma 1, art. 4, legge n.104j92 e non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti, ha diritto all'applicazione dell'art. 7, legge n sul prolungamento fino a 3 anni del periodo di astensione facoltativa dal lavoro. In alternativa, al prolungamento di cui sopra, ha diritto a un permesso giornaliero retribuito di 2 ore sino al compimento del 3 anno di vita del bambino. Art Contratto di lavoro dei lavoratori migranti e portatori di handicap. 1) Nel caso di assunzione a tempo indeterminato o determinato di dipendenti e lavoratori migranti valgono le norme di legge del presente contratto. 2) Nel caso di assunzione a tempo indeterminato o determinato di dipendenti e lavoratori portatori di handicap valgono le norme di legge e del presente CCNL. Titolo III - CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE Art Classificazione del personale. La classificazione e l'inquadramento del personale è determinato a livello nazionale con la metodologia ispirata alla armonizzazione della flessibilità organizzativa, necessaria all'azienda, per consentire l'adozione di modelli organizzativi rispondenti alle esigenze del mercato del lavoro, e il riconoscimento delle professionalità dei lavoratori. Livello 8. Appartengono a questo livello i Quadri: - i dipendenti e i lavoratori che, in regime di autonomia e discrezionalità, siano delegati a ricoprire, con poteri decisionali, tutti gli incarichi, inerenti l'attività dell'azienda, finalizzati alla realizzazione dei progetti e degli obiettivi stabiliti. Livello 7. Appartengono a questo livello: 16 /1

19 - i dipendenti e lavoratori dipendenti responsabili del servizio relativo alla gestione del personale e amministrativo come: capo operatore traslochi, capo reparto, responsabile della sicurezza sul lavoro, amministrazione e gestione del personale, conoscenza dei principi di contratti di lavoro e contatti commerciali e di certificazione. Livello 6. Appartengono a questo livello: - i dipendenti e i lavoratori che oltre ad essere in possesso delle competenze indicate al livello 5 sono altresì dotati di diploma riconosciuto e attinente alla mansione, esperienza tecnica derivante da consolidato svolgimento delle proprie funzioni professionali, che siano incaricati di svolgere attività basilari per l'andamento produttivo dell'azienda e attività di supervisione degli uffici o che abbiano specificità professionali particolarmente impegnative come: conducenti di automezzi (superiori a q. 80), traduttore o interprete, capo reparto magazzino, addetto controllo andamento economico finanziario, gestione servizi bancari, gestione acquisti, controllo quantitativo e qualitativo della movimentazione merci. Livello 5. Appartengono a questo livello: - i dipendenti e i lavoratori che hanno conseguito cognizioni specifiche attestate da istituti professionali o dallo svolgimento di pratica formativa in materia e che svolgono, con perizia, i lavori loro affidati connessi alle proprie professionalità e competenze tecniche come: tecnico amministrativo, elaborazione budget, sistema di contabilità generale e analitica, conducente di autotreni od autoarticolati, conducente di motobarche o natanti, gestione attività di fatturazione, contabilità e incassi, addetto alle pratiche inerenti alla circolazione dei veicoli. Livello 4. Appartengono a questo livello: - i dipendenti e i lavoratori che ricoprono mansioni per le quali occorre una conoscenza tecnico-pratica acquisita con l'esperienza del lavoro e/o la formazione professionale come: conducente di autocarri, conducente di carrello elevatore, cassiere,operaio, falegname, magazziniere con funzioni impiegatizie, gruista, addetti ai traslochi, assistenza clienti e segreteria commerciale, manutenzione veicoli. Livello 3. Appartengono a questo livello: - i dipendenti e i lavoratori che ricoprono mansioni per le quali occorre una conoscenza professionale di tipo elementare nell'ambito del trasporto merci come: ausiliario semplice, addetto al ricevimento merci, magazziniere con mansioni non impiegatizie, gestione corrispondenza. Livello 2. Appartengono a questo livello: 17 ;1

20 - i dipendenti e i lavoratori addetti alle pulizie, alla custodia locali e a mansioni puramente manuali come: manovali, fattorini, addetti alle pulizie, imballatore, custode, facchino. Livello 1. E' il livello dei dipendenti e dei lavoratori neo-assunti, alla prima esperienza lavorativa che, dopo un'anzianità di permanenza di 3 mesi, dovranno essere inseriti allivello 2 o 3. Titolo IV - ORARIO DI LAVORO Art Orario di lavoro. La durata del lavoro contrattuale mensile è di 170 ore quello settimanale è normalmente di 40 ore per un massimo di 8 ore giornaliere, distribuito in non meno di 5 giorni ed è comprensivo di 78 ore annue di formazione e aggiornamento. Per le esigenze legate alla funzionalità del processo lavorativo, l'impegno settimanale di lavoro, di cui sopra, e/o l'eventuale istituzione di turni continuativi di lavoro e/o di orari sfalsati così come la regolamentazione dell'orario di lavoro in ingresso e in uscita dei lavoratori potranno essere concordate tra le parti nell'ambito della contrattazione di 2 livello. L'orario di lavoro, per i lavoratori qualificati notturni, awiene nel rispetto del D.lgs. n. 532 del a) Personale viaggiante. Il tempo di guida giornaliero non può superare le 9 ore. L'orario settimanale massimo non può superare le 54 ore. La prestazione di 54 ore settimanali, dovuta da necessità aziendali, non può essere prestata per un periodo superiore 2 mesi per anno solare. Ogni 4,5 ore di guida l'autista deve osservare una pausa di 45 minuti. Ad ogni turno di lavoro giornaliero deve seguire unturno di riposo non inferiore alle 11 ore consecutive. Per il personale viaggiante il cui tempo di lavoro è coincidente con il tempo di presenza a disposizione della Azienda valgono i limiti di prestazione lavorativa di cui sopra. Per il personale viaggiante impiegato in mansioni discontinue, inquadrato allivello 6, per il quale il tempo a disposizione della Azienda, per oggettivi motivi, legati alla tipologia del trasporto, non è equivalente al tempo di presenza, si applica il Regolamento (CE) n. 561/2006, 3821/85 e normative seguenti per un'applicazione di un orario settimanale pari a 47 ore con un limite massimo di prestazione mensile pari a 250 ore. In trasferta, i periodi di riposo giornaliero e quelli settimanali ridotti possono essere effettuati nel veicolo, purché questo sia dotato delle opportune attrezzature per il riposo di tutti i conducenti, sia in sosta e venga retri buito. AI conducente (autista) è assegnata la cura della piccola manutenzione del mezzo per il buono stato di funzionamento e della pulizia dello stesso. Tali tempi rientrano nell'orario di lavoro e sono determinati a livello aziendale a seconda del mezzo utilizzato. b) Personale amministrativo e tecnico. 18

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern

La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati. @PaoloStern La nuova flessibilità in entrata nei rapporti subordinati Paolo Stern Il D. Lgs. n. 81/2015 racchiude: Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni mirando

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE ITALIANO DEI LAVORATORI DEI PORTI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE ITALIANO DEI LAVORATORI DEI PORTI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE ITALIANO DEI LAVORATORI DEI PORTI 1. Prescrizioni generali Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei lavoratori dei porti regola i rapporti di lavoro tra le imprese

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI

CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI CCNL PER IL PERSONALE DIPENDENTE DA IMPRESE ESERCENTI SERVIZI DI PULIZIA E SERVIZI INTEGRATI / MULTISERVIZI Articolo 4 - CESSAZIONE DI APPALTO Rilevato che il settore è caratterizzato, nella generalità

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro

Progetto Network Scuola Impresa La contrattualistica del lavoro AGENDA In contratto di lavoro in Telecom Italia Sicurezza 1 Contrattazione: la vigenza Principali istituti Lo stato dell arte in Telecom Italia Principali temi trattati nel 1 livello di contrattazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MCN - Elementi di diritto sociale - Nazionale MCN001 Secondo il CCNL Logistica, Spedizione e Trasporto Merci, l'impresa che intende chiedere il risarcimento dei danni al

Dettagli

Il CCNL dà attuazione nel settore dell'autonoleggio alla semplificazione e razionalizzazione del sistema contrattuale del settore dell'autonoleggio.

Il CCNL dà attuazione nel settore dell'autonoleggio alla semplificazione e razionalizzazione del sistema contrattuale del settore dell'autonoleggio. Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro PER I SOCI E I DIPENDENTI DELLE COOPERATIVE ESERCENTI ATTIVITA' NEL SETTORE AUTONOLEGGIO CON E SENZA AUTISTA, NOLEGGIO AUTOBUS, SCUOLABUS E LOCAZIONE VEICOLI L'anno

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Normal 0 14 CCNL 02.05.2006 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. - Premessa Art.

Dettagli

LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE

LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE LOGISTICA, TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONE 2 a Edizione Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL. Parte prima

ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL. Parte prima ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL Parte prima 1. Il rappresentante per la sicurezza L'art. 18 - il cui comma 1 contiene l'enunciazione

Dettagli

TELELAVORO A DOMICILIO VOLONTARIO

TELELAVORO A DOMICILIO VOLONTARIO ACCORDO SINDACALE SULL INTRODUZIONE DEL TELELAVORO A DOMICILIO VOLONTARIO Il giorno 10 Aprile 2013 in Roma la delegazione Aziendale composta da Stefano Romano e Claudio Sorrentino e le delegazioni Sindacali

Dettagli

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto)

Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Somministrazione di lavoro o staff leasing (lavoro in affitto) Art 20 (Condizioni di liceità) 1. Il contratto di somministrazione di lavoro può essere concluso da ogni soggetto, di seguito denominato utilizzatore,

Dettagli

Unione. CCNL per i dipendenti da aziende del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi. Schede riassuntive SERVIZI SINDACALI

Unione. CCNL per i dipendenti da aziende del Terziario, della Distribuzione e dei Servizi. Schede riassuntive SERVIZI SINDACALI 20121 Milano Via Marina 10/A Telefono 02 / 7750.314-315 Telefax 02 / 7750.488 sindacale@unione.milano.it www.unione.milano.it Unione del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni della Provincia

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DI STUDI PROFESSIONALI CONTABILI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DI STUDI PROFESSIONALI CONTABILI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DI STUDI PROFESSIONALI CONTABILI Premessa La LAIT, di concerto con la CONFTERZIARIO e d intesa con le controparti sindacali, ha promosso il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 24 novembre 2014 CCNL Servizi di Pulizia del 18 settembre 2014, le principali novità sul rinnovo del contratto Il 18 settembre 2014 è stato sottoscritto

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it Dipartimento Sindacale e Consulenza del lavoro Torino, 24 agosto 2011 CIRCOLARE 36/11 Alle Imprese Industriali dei Servizi di Pulizia LORO SEDI OGGETTO: Rinnovo c.c.n.l. pulizia e servizi integrati industria

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

ARTIGIANATO ACCORDI INTERCONFEDERALI Accordo interconfederale nazionale sui contratti di formazione e lavoro - 4 Maggio 1995

ARTIGIANATO ACCORDI INTERCONFEDERALI Accordo interconfederale nazionale sui contratti di formazione e lavoro - 4 Maggio 1995 ARTIGIANATO ACCORDI INTERCONFEDERALI Accordo interconfederale nazionale sui contratti di formazione e lavoro - 4 Maggio 1995 Le Confederazioni Artigiane CONFARTIGIANATO, CNA, CASA, CLAAI, e le Confederazioni

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO

MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO Introduzione pag. 4 Lavoro subordinato pag. 6 modulato e flessibile pag. 8 Contratti con finalità formativa pag. 13 Contratti a orario ridotto, Lavoro parasubordinato Contratto

Dettagli

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Il giorno 4 ottobre 2007. tra. POSTE ITALIANE S.p.A. SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL-POST, FAILP-CISAL, SAILP-CONFSAL e UGL- Comunicazioni.

Il giorno 4 ottobre 2007. tra. POSTE ITALIANE S.p.A. SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL-POST, FAILP-CISAL, SAILP-CONFSAL e UGL- Comunicazioni. Il giorno 4 ottobre 2007 tra POSTE ITALIANE S.p.A. e SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL-POST, FAILP-CISAL, SAILP-CONFSAL e UGL- Comunicazioni Premesso che in data 9 giugno 2004 è stato sottoscritto l accordo interconfederale

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO 1) SISTEMA INFORMATIVO E RELAZIONI INDUSTRIALI

VERBALE DI ACCORDO 1) SISTEMA INFORMATIVO E RELAZIONI INDUSTRIALI VERBALE DI ACCORDO Il giorno 21 Luglio 2009, presso la sede della Ditta Vimec S.r.l. con sede in Luzzara Via Parri 7, tra la Direzione Aziendale rappresentata dall A.D. Dott. Ettore Zoboli assistito dal

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE GESTIONE DEL PERSONALE Orario di lavoro Disciplina legale R.D.L. 15 marzo 1923, n. 692 L. 17 aprile 1925, n. 473 L. 30 ottobre 1955, n. 1079 L. 24 giugno 1992, n. 196 (art.13)

Dettagli

Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE

Art. 1 CAMPO DI APPLICAZIONE VERBALE DI ACCORDO In Roma il 30 marzo 2010 tra l USPI (Unione Stampa Periodica Italiana) rappresentata da Francesco Saverio Vetere (Segretario Generale), Antonio Barbierato (Presidente), Mario Negri (Presidente

Dettagli

Norme per l'applicazione del Dlgs 626/94 e s.m.i. Protocollo Sindacale per l'attuazione del disposto del Decreto Legislativo 626/94 e s.m.i.

Norme per l'applicazione del Dlgs 626/94 e s.m.i. Protocollo Sindacale per l'attuazione del disposto del Decreto Legislativo 626/94 e s.m.i. Allegato 2 Norme per l'applicazione del Dlgs 626/94 e s.m.i. Protocollo Sindacale per l'attuazione del disposto del Decreto Legislativo 626/94 e s.m.i. TITOLO I - AZIENDE SINO A 15 DIPENDENTI - Art. 1

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA STUDI PROFESSIONALI NON ORDINISTICI. stipulato il giorno 21/04/2005 tra CONSAP e CISAL

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA STUDI PROFESSIONALI NON ORDINISTICI. stipulato il giorno 21/04/2005 tra CONSAP e CISAL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI DA STUDI PROFESSIONALI NON ORDINISTICI stipulato il giorno 21/04/2005 tra CONSAP e CISAL Premesso che: 1. Di essere in presenza di professionisti-lavoratori

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori addetti al settore elettrico

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori addetti al settore elettrico Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i lavoratori addetti al settore elettrico Rinnovo CCNL 5 marzo 2010 Articoli modificati e documenti aggiunti Roma, 18 febbraio 201 3 In Roma, addì 18febbraio

Dettagli

Legge 8 marzo 2000, n.53

Legge 8 marzo 2000, n.53 Legge 8 marzo 2000, n.53 Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città. (G.U. n. 60 del 13.03.2000)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE

OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE N.13 DEL 19.02.2014 OGGETTO: Proroga contratto lavoratore socialmente utile fino al 03.09.2014 al sig. Orizio Eligio IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PERSONALE Dott. De Paolo Francesco RICHIAMATO

Dettagli

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.

ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P. ACCORDO ISTITUTIVO FONDOPOSTE ACCORDO PER LA ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DI POSTE ITALIANE S.P.A il giorno 26 luglio 2002, in Roma tra Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

ALLEGATO 1 ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

ALLEGATO 1 ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA ALLEGATO 1 ACCORDO PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA Art. 1 Ambito di applicazione e professionalità coinvolte La presente intesa regola i contratti di collaborazione

Dettagli

CASSA MUTUA NAZIONALE per il personale delle Banche di Credito Cooperativo Nuovo Statuto. Art. 1 Costituzione della Cassa

CASSA MUTUA NAZIONALE per il personale delle Banche di Credito Cooperativo Nuovo Statuto. Art. 1 Costituzione della Cassa CASSA MUTUA NAZIONALE per il personale delle Banche di Credito Cooperativo Nuovo Statuto Art. 1 Costituzione della Cassa In attuazione degli accordi collettivi nazionali, le parti stipulanti, associandosi,

Dettagli

I permessi per i genitori

I permessi per i genitori I permessi per i genitori Questa materia in questione é regolata dalla legge e dal contratto nazionale. Le normative che riassumiamo si applicano ai lavoratori metalmeccanici dell'industria e dell'artigianato

Dettagli

ELEMENTI DI DIRITTO SOCIALE

ELEMENTI DI DIRITTO SOCIALE ELEMENTI DI DIRITTO SOCIALE 001 L'INAIL: A assicura al lavoratore la pensione F B assicura al lavoratore la fruizione delle ferie F C assicura il lavoratore contro infortuni e malattie professionali V

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

Regolamentazioni contrattuali del rapporto di lavoro a tempo parziale

Regolamentazioni contrattuali del rapporto di lavoro a tempo parziale Regolamentazioni contrattuali del rapporto di lavoro a tempo parziale ABBIGLIAMENTO (INDUSTRIA) Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti dalle industrie tessili-abbigliamento e varie Data

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Formazione Professionale

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Formazione Professionale Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Formazione Professionale PARTE PRIMA Capitolo I - RELAZIONI SINDACALI Premessa Il presente CCNL viene stipulato in applicazione dei principi e delle norme contenuti

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 novembre 1996

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 novembre 1996 ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 novembre 1996 Tra CONFESERCENTI e FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL, UILTUCS-UIL - Premesso che le direttive comunitarie recepite dal D.Lgs. n. 626/1994 e successive modifiche ed

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLE AGENZIE DI ASSICURAZIONE

VERBALE DI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLE AGENZIE DI ASSICURAZIONE VERBALE DI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO PER IL PERSONALE DIPENDENTE DELLE AGENZIE DI ASSICURAZIONE San Marino, 20 gennaio '06 TRA Le Agenzie di Assicurazione della Repubblica

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2014/15 PARTE PRIMA NORMATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo "Dante" Via Rusnati,1 21013 Gallarate (VA) C.F. 91055810120 Cod. Meccanografico VAIC878006 Tel. 0331.792428 - Fax 0331.774924

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL SERVIZIO PERSONALE ASSOCIATO

REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL SERVIZIO PERSONALE ASSOCIATO REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL SERVIZIO PERSONALE ASSOCIATO Sommario REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DEL SERVIZIO PERSONALE ASSOCIATO...2 Capo I Principi Generali...2 Articolo 1 - Oggetto...2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.24 DELLA LEGGE N.240/2010

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART.24 DELLA LEGGE N.240/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA D.R. n. 1162/2011 del 31 maggio 2011 Modificato con D.R. n. 1666/2011 del 22 agosto 2011 Modificato con D.R. n. 723/2012 del 27 aprile 2012 Modificato con D.R. n. 1268/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A seguito della registrazione da parte della Corte dei conti del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30 novembre

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine,11 aprile 2014 CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto Il 25 marzo 2014 è stato sottoscritto l accordo per il

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

Fasce di Flessibilità L'articolazione dell'orario di lavoro prevede le seguenti fasce di flessibilità:

Fasce di Flessibilità L'articolazione dell'orario di lavoro prevede le seguenti fasce di flessibilità: Articolo 1 Sistema automatico di controllo delle presenze Il rispetto dell'orario viene accertato mediante sistemi automatizzati di rilevazione. All'uopo l'amministrazione fornisce a ciascun dipendente

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA IN FAVORE DEL PERSONALE DELL'ENTE. Approvato con deliberazione della Giunta comunale

Dettagli

L organizzazione dell orario di lavoro ha sapore d Europa di Luciano Rimoldi Consulente del lavoro

L organizzazione dell orario di lavoro ha sapore d Europa di Luciano Rimoldi Consulente del lavoro L organizzazione dell orario di lavoro ha sapore d Europa di Luciano Rimoldi Consulente del lavoro RIF. NORMATIVI Il decreto legislativo n. 66/2003, di recepimento della direttiva europea n. 93/104 in

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA VERBALE DI ACCORDO AZIENDALE

RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA VERBALE DI ACCORDO AZIENDALE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA VERBALE DI ACCORDO AZIENDALE Società IKEA Italia S.p.A.: Tra e Le Organizzazioni Sindacali Nazionali, PREMESSO: - che si ritiene utile definire, nell'ambito

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL

CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL ACCORDO DI REGOLAMENTAZIONE AZIONE PER LA ELEZIONE RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ( RLS ) DI FCA E CNHI CNHINDUSTRIALNDUSTRIAL Le elezioni si terranno in tutti i siti di FCA e CNHI a partire

Dettagli

Addetto alle Paghe e contributi

Addetto alle Paghe e contributi Addetto alle Paghe e contributi (livello base) Presentazione e obiettivi In un contesto economico sempre più dinamico e competitivo le aziende hanno sempre più bisogno di flessibilità e di una gestione

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 81 Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni, a norma dell'articolo 1, comma 7, della legge 10 dicembre 2014, n.

Dettagli

Il sistema disciplinare

Il sistema disciplinare ALLEGATO 2a Il sistema disciplinare Si fa riferimento alle vigenti norme di legge e di contratto, tra cui: D.Lgs 81/08 - Art. 20 - Obblighi dei lavoratori 1. Ogni lavoratore deve prendersi cura della propria

Dettagli

Sintesi ccnl quadri del Terziario

Sintesi ccnl quadri del Terziario Sintesi ccnl quadri del Terziario Parti contraenti Confcommercio,, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil Data di stipula 26.02.2011 Decorrenza 01.01.2011 Scadenza parte normativa/economica 31.12.2013 DECLARATORIA

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Art. 1 Orario di Lavoro. Non si chiedono modifiche al presente articolo. Art. 2 Ferie. Si chiede di estendere la normativa per i lavoratori

Art. 1 Orario di Lavoro. Non si chiedono modifiche al presente articolo. Art. 2 Ferie. Si chiede di estendere la normativa per i lavoratori PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE20 DICEMBRE 2006PER I DIPENDENTI DELLE IMPRESE EDILI ED AFFINIOPERANTI NELLA PROVINCIA DI BOLZANO Art. 1 Orario di Lavoro. Art. 2 Ferie.

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI

LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO, APPALTO DI SERVIZI E DISTACCO LE NOVITA' DELLA RIFORMA BIAGI di Nicola Sernia Risorse umane >> Gestione e organizzazione del personale PREMESSA La riforma del mercato del lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE FIPREM Fondo Integrativo di Previdenza Montedison Fondo Pensione REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 Marzo 2003 e coordinato con le modifiche ed integrazioni

Dettagli

Contratto Collettivo di Lavoro

Contratto Collettivo di Lavoro - 1 - - 1 - Contratto Collettivo di Lavoro 22 gennaio 2009 - 2 - - 2 - PARTI STIPULANTI In data 22 gennaio 2009, in Milano, presso la sede di Assolombarda tra Gruppo Servizi Comunicazione d impresa di

Dettagli

ACCORDO PER LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO

ACCORDO PER LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO ACCORDO PER LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO Vista la Legge 3 agosto 2007, n. 123 "Misure in tema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.P.A.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.P.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.P.A. MODIFICA APPROVATA DALL ASSEMBLEA DEL 10.12.2009 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DELLA BARI MULTISERVIZI S.p.A.

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ISTITUZIONE, LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ISTITUZIONE, LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ISTITUZIONE, LA COMPOSIZIONE E LE ATTRIBUZIONI DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE come modificato con Deliberazioni del Consiglio Provinciale n. 29

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

ALIMENTARE E PANIFICAZIONE

ALIMENTARE E PANIFICAZIONE --------- N.d.R.: L'accordo 24 gennaio 2008 prevede quanto segue: Regolamentazione dell'apprendistato Premessa Premesso che nell'ambito della riforma dei contratti a contenuto formativo il decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli