Storie di ordinaria periferia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Storie di ordinaria periferia"

Transcript

1 Sans papier

2 2

3 Antonio Maria Logani Storie di ordinaria periferia vibrisselibri 3

4 Si consente la riproduzione parziale o totale dell opera e la sua diffusione per via telematica, purché non a scopi commerciali e a condizione che questa dicitura sia riprodotta by Antonio Maria Logani e vibrisselibri La nostra casa sul Web è: Il lavoro di redazione per questo libro è stato svolto da: Rossella Messina e Mauro Mirci L impaginazione è stata curata da: Giulio Mozzi 4

5 Storie di ordinaria periferia «Desideravo essere un bravo ragazzo. Un ragazzo onesto. Avrei voluto studiare, lavorare, essere normale. Lo volevo fortemente, ma non sapevo né a chi chiedere, né come fare». 5

6 6

7 ... E poi tuo fratello più grande, che nel 48 aveva 13 anni, ormai viveva fuori casa, ma rimanendo nei paraggi. Non poteva fare diversamente in quanto papà lo picchiava sempre per qualsiasi motivo, anche quando motivi non ce n erano. Le più piccole stupidaggini che può commettere un ragazzo, le minime richieste innocenti, i fatti più insignificanti erano motivo di botte per tuo fratello e non solo per lui. Quando, per qualche giorno, non lo si vedeva, allora significava che se la faceva alla Stazione Termini, dove là passava anche la notte. Ogni tanto veniva a trovarci, però soltanto quando papà era assente. Si nascondeva nel palazzo di fronte al nostro e, dalla finestra che era nelle scale, guardava verso la nostra casa. Se capiva che mamma era sola, quindi più che altro al mattino, emetteva un fischio e lei, con un gesto, lo faceva venire in casa. Mamma lo faceva mangiare, lo puliva, raccomandandogli di restare, anche se diceva che papà purtroppo era fatto così; scorbutico con tutti, ma capo famiglia. Tuo fratello replicava che non poteva vivere in casa con un papà così, prima di tutto perché lui voleva un papà vero e non un papà scorbutico e manesco, anche se capofamiglia. Non poteva e non voleva essere il capro espiatorio delle sue frustrazioni. Non voleva prendersi tutte le botte perché figlio maggiore. Così ogni qualvolta si avvicinava l ora del rientro di nostro padre, tuo fratello si allontanava di nuovo da casa continuando la forzata scelta di vita nella giungla cittadina. Prima di scomparire per sempre da Quarticciolo, tornò un ultima volta accompagnato con altri due ragazzi più o meno della sua età. Mamma intuì che stava prendendo una cattiva strada, a nulla valsero i suoi pianti silenziosi. Il nord aspettava tuo fratello. So anche che nostra madre, nata a Canosa di Puglia, era una trovatella senza genitori, e che le brave persone che la adottarono le lasciarono in eredità una casa che avevano di proprietà a Roma, vicino al Colosseo. Quando ci trasferimmo dal paese, andammo ad abitare in quella casa; credimi, era bellissima. Dalla terrazza, una terrazza talmente grande che sembrava un campo sportivo, si potevano addirittura vedere la cupola di San Pietro e i monti in lontananza. Nelle sue stanze infinitamente grandi ci si poteva andare in bicicletta. In inverno i raggi del sole entravano calorosi dalle persiane e giocando, illuminavano i soffitti ornati di rosoni e cornici antiche. Dopo un certo periodo che abitavamo lì, papà vendette la casa e si comprò tutto ciò che più 7

8 gli piaceva. Dopo breve tempo rimase senza una lira e fummo costretti ad andare ad abitare da nostra zia nelle baracche del Quarticciolo, sotto la salita che costeggiava le grotte del famoso Gobbo, in attesa che il comune ci desse una casa popolare e che lui trovasse un lavoro. Dopo sei mesi papà fu assunto dal comune di Roma, contemporaneamente ci fu assegnata una casa nella borgata stessa: via Ostuni, secondo lotto, scala q interno 8. Quarticciolo. Ricordo che mamma era una donna che sapeva fare un po di tutto. Con i pochi soldi che riusciva a fare di cresta a quella miseria che gli passava papà, comperava pezzi di stoffa e confezionava abitini per il vicinato e per noi. Sapeva anche lavorare la lana e sono convinta abbia riparato quasi tutti i materassi della zona. Guadagnava qualche centesimo e così ci comperava qualcosa da mangiare. Lei deperiva giorno dopo giorno. Ormai si era ammalata. Otto figli, una vita di stenti, un sorriso immortale su di una faccia sguarnita, denti ancora bellissimi. Le gravidanze l avevano distrutta. Più giorni passavano, più si indeboliva. Più si faceva brutta, più riceveva botte da papà. Per lui tutte le scuse erano buone. Poco importava se mamma era incinta, se voleva picchiarla lo faceva e basta. Se lei rimaneva esanime sul pavimento per le botte ricevute, allora papà iniziava a spaccare quel poco di mobilia che avevamo in casa. Quando ciò accadeva io vi radunavo tutti portandovi giù nell androne del palazzo in attesa che le urla di mamma finissero. Mamma ricevette il colpo di grazia quando papà si accorse che invece di comperare la carne di manzo, che era sempre e solo per lui, e il parmigiano per la pastasciutta, comperava la carne di maiale, facendosi poi macinare le scorze del formaggio che il norcino avrebbe dovuto buttare. Così facendo mamma poteva risparmiare e darci qualcosa da mangiare di nascosto. Capitò un giorno in cui pioveva. Nostra madre era affaccendata a cucinare e allo stesso tempo fare il bucato nel grande catino di lamiera nel quale ci ha lavati tutti per tanti giorni e tanti anni. Papà arrivò a casa come un forsennato, con gli occhi rossi di rabbia si scagliò contro di lei prendendola a calci e pugni dove capitava. Lei era incinta di te. Il primo calcio la prese dritta sulla pancia. Io sbirciando impaurita dalla porta vedevo tutto, ma non potevo fare assolutamente nulla; che può fare una bambina di dodici anni contro tanta cattiveria e brutalità? La vidi cadere. Rannicchiandosi sul pavimento, strillando non emetteva un filo di voce (i tuoni molto forti, lampi e l acquazzone, sembravano volerla difendere) mentre lui, nostro padre, stava lì a dirle parolacce: «Sei proprio una scrofa, non ti si può toccare che rimani subito incinta. Non vedi come sei brutta!? Perché non muori!? Almeno non mi darai più fastidio!». Poi, girandosi per andarsene, disse ancora: «E stasera quando ritorno voglio vedere tutto pulito e la cena pronta. Capito!? O saranno guai. Adesso me ne vado al cinema, quando torno voglio trovare pasta e carne di manzo». Con un filo di voce, quel poco fiato che le era rimasto per difendere i suoi amori, lei gli si rivoltò contro: «Sei tu il disgraziato. Sei un padre snaturato, senza cuore. Lasci i tuoi figli affamati per andare al cinema con quella svergognata della frutteria e...». 8

9 Non fece in tempo a finire la frase che lui prese la pentola che era sul braciere (la nostra cucina) e gliela versò addosso, poi, insoddisfatto perché l acqua non bruciava abbastanza, prese una sedia e la colpì con tutte le forze sulla schiena. Mamma chiuse gli occhi, rimanendo immobile, come fosse morta, sul pavimento della cucina. Lui, bestemmiando, sbatté la porta e scomparve tra le scale. Avvicinandomi, con forza la trascinai sul letto. Il sangue le colava dal naso. Il suo corpo, tra le mie mani, sembrava penzolare come un fantoccio. Povera mamma, povera mamma nostra. Miracolosamente riuscì a partorire te. Ora toccava a me fare da mamma oltre a te e ai tuoi fratelli, anche a papà e mamma. Dopo un lungo periodo di sofferenza, e con l aiuto dei brodini della comare Colecchia, mamma si rimise un pochino. Un giorno, volendo fare due passi giù nel cortile, provò ad alzarsi. Si appoggiò a me e mi pregò di prenderti in braccio. Tu avevi poche settimane e il latte in polvere datoci dal parroco era finito. Scendemmo le scale e ci sedemmo sul piccolo muro sotto il sole tiepido di settembre. Mamma ormai non poteva più allattare. Dal suo petto, talmente era secco, non usciva assolutamente nulla. Fortunatamente la comare, che ci aveva sempre aiutato, si venne a sedere a fianco a noi, anche lei con la sua bambina da allattare. Alla vista di quelle due grosse poppe piene di latte, mamma chiese alla comare se, giacché aveva tanto latte, poteva darne una poppata anche a te. Mettendosi a ridere la comare ti prese in braccio; nella parte sinistra succhiava sua figlia Annamaria e dall altra parte tu. Con affondi da pugilatore, succhiavi da affamato. Se avessi potuto vedere la faccia di nostra madre, avresti visto come era contenta. Ti guardava con quegli occhi dolci, pieni d amore, ripetendo, come in una tristissima cantilena: «Bello figlio mio, cresci sano e forte». Stranamente passò un anno tranquillo (tranquillo non tanto, perché vedevo, negli ultimi mesi, mamma sempre meno ribelle, rassegnata). Sicuramente era arrivata allo sfinimento mentale e fisico. Non so con quale coraggio, ma sarebbe meglio dire vigliaccheria, fatto sta che papà la rimise incinta. Dovette venire dal paese la zia Antonietta per darmi una mano ad accudire la nostra famiglia. La zia Antonietta era forte di braccia, una vera roccia contadina. Rispettava papà, ma non riusciva a volergli bene, non credeva alle bugie che aveva raccontato a tutto il paese, come sempre facendo la vittima, caricandosi di gesta eroiche familiari. Mamma ormai stava più a letto che in piedi. La malattia, le gravidanze, i maltrattamenti che aveva subito, la stavano portando diritta alla tomba. Ogni volta che zia Antonietta guardava il viso di mamma, i suoi occhi lasciavano scendere sul pavimento un fiume di lacrime. I grazie sussurrati da mamma si stampavano sul soffitto dopo esser rimbalzati tra le pareti. Per zia Antonietta non valevano le suppliche di mamma che le diceva: «Antonie, non piangere sorella mia, non piangere. Non pensare a me, pensa alle creature». Quella povera donna stava morendo con la pancia grossa. La malattia l aveva mangiata tutta. Il viso, anche guardandolo di sfuggita, dava a capire che un teschio era più grasso, e poi la pancia che si gonfiava sempre più. Lei, mamma, voleva portare a termine la gravidanza. E ci riuscì. Nacque tuo fratello Mimmo. 9

10 Zia Antonietta rimase con noi per lungo tempo, e anche Mimmo fu allattato dalla comare. La zia ripartì in un momento di relativa tranquillità. Adesso non ho più parole da sputare sulla faccia di nostro padre. Tu non ci crederai, ma mamma rimase di nuovo incinta. La mattina del 1 marzo 1955 nacque Concettina che, poveretta, morì poco dopo due settimane per tante di quelle complicazioni che ora, a distanza di cinquant anni, potrai capire benissimo da te. I funerali di quell anima innocente si svolsero nella povertà assoluta, fummo aiutati dal parroco della chiesa, sulla sua tomba c era solo qualche fiore di campo. Mamma non pianse. Con quali lacrime poteva piangere non avendone più? Camminava come un fantasma sorretta dalla comare, con lo sguardo perso nell orizzonte, fissando un punto indefinito. Dietro di lei c era papà con la sua tipica e arrogante espressione, alle sue spalle, la fruttivendola. Il 15 dello stesso mese andai al Commissariato per chiedere aiuto, in quanto quel giorno mamma stava più male del solito e i dolori non l abbandonavano un solo momento. Il dottore sull ambulanza le iniettò una forte dose di morfina e lei si addormentò. Dopo circa due settimane di ospedale morì. Era cieca. Pesava 30 chili. Aveva 39 anni. Era il 30 marzo Papà si risposò. Io fui costretta ad andarmene via da casa, perché non volevo fare la serva a loro e, allo stesso tempo, prendermi tutti i giorni botte e rimproveri dalla matrigna. Dovevo accudire voi più piccoli, lavare, stirare, cucinare, servirli a tavola (noi non potevamo mangiare insieme a loro). Quando erano seduti a tavola ci dovevamo rinchiudere in cucina e mangiare pane e cipolla, se c era il pane, altrimenti... Lui con la nuova moglie continuava a fare il galletto per la borgata. Non potevo mai uscire di casa. Mi limitavo a guardare da dietro le persiane le mie amiche che sostavano giù in strada in attesa che potessi andare con loro a ballare o a fare una passeggiata, ma niente di più. L unica aria fresca che potevo avere era quella della loggetta (il balconcino da cui spesso le mie amiche mi lanciavano Grand Hotel ) che dava sulla marana dove tu andavi a giocare con il tuo amichetto Riccardo. Ricordo ancora la meschinità di papà quando mamma morì; fece il vedovo inconsolabile scrivendo a tutti gli enti assistenziali per chiedere sussidi che gli venivano corrisposti mensilmente. Tua sorella Nella, che aveva sedici anni, era scappata con il suo fidanzato e vivevano insieme nella casa dei genitori di lui. Lei era bellissima. Tutti al Quarticciolo le facevano la corte. Fortunatamente se la prese il più serio. Ogni tanto, quando non c erano papà e Carmela, Nella faceva capolino da noi dandomi 100, 200 lire per poter fare un pochino di spesa. Purtroppo bastavano solo per un litro di olio (il latte era un lusso per noi) un chilo di pane e un etto di mortadella, così che, dopo cinque minuti, erano finiti i soldi. Papà mise te in collegio a Gubbio, tuo fratello Tonino ad Anagni, Mimmo a Lavinio e tuo fratello Gianni, che era troppo grande per il collegio, con mille scuse, lo fece rinchiudere 10

11 in un riformatorio, credo fosse Fano. Ci sono ancora due ricordi, di cui uno terribile e indelebile. Quando tu avevi circa cinque anni, un giorno venne il maresciallo del Commissariato a portarci la notizia che eri stato investito da un auto. Era successo che, mentre uscivi dall Istituto Don Bosco dopo aver mangiato, ti mettesti a inseguire un cane randagio e, nell attraversare via Prenestina, venisti investito in pieno da un auto. Ti spezzasti una gamba che poi guarì completamente. Ma il segreto più terribile che mi sono sempre tenuta dentro e che ti dico ora, anche perché papà ormai è morto, è questo: quando lui vendette la casa vicino al Colosseo, si comperò la macchina, una Balilla di color nero. Un giorno disse a nostra madre che avremmo fatto una scampagnata perché eravamo diventati ricchi e anche perché voleva che mamma imparasse a guidare. Lei inizialmente cercò di farlo desistere da quella inaspettata, strana e pericolosa idea, poi, per non farlo arrabbiare, accettò. Dopo circa un ora che eravamo in auto e avevamo attraversato tutta Roma, giungemmo a Tor Sapienza. Prendendo una strada sterrata, fatta di sassi e brecciolino, papà fermò l auto davanti a dei cespugli dove dal posto di guida non si poteva vedere oltre la grande siepe. Quindi facendomi sedere davanti con te in braccio, mamma al posto di guida e i tuoi fratelli Tonino, Gianni e Mimmo di dietro, ci raccomandò di stare tranquilli. Rassicurò nostra madre che guidare era talmente facile, che alla prima prova ci sarebbe riuscita senz altro anche lei. Le fece mettere in moto, poi le disse che avrebbe dovuto schiacciare tutto il pedale del gas e ingranare con forza la prima marcia. Il motore rombava al massimo e la paura faceva novanta quando papà urlò che era il momento di inserire la marcia. L auto partì come un razzo in direzione dei cespugli. Presa da un brutto presentimento mamma iniziò a gridare: «Dov è il freno!? Dov è il frenoooo..!? Oh! Mio Diooo!!». Non so come fece, ma riuscì a premere il pedale della salvezza. In un polverone la macchina si bloccò proprio nel momento in cui le ruote anteriori già avevano scavalcato i cespugli. Un profondo baratro si apriva davanti ai nostri occhi pieni di paura. Fortunatamente l auto rimase in bilico, paurosamente bilanciata. Con accortezza mamma ci fece uscire tutti dalle portiere di dietro, lei fu l ultima a venir fuori. Appena messo piede a terra fu guerra. Lei lo accusava di averlo fatto apposta, che sapeva che lì c era il burrone. Lui cercava di recitare la parte dell innocente, ma infine, non riuscendoci, usò le sue abituali e persuasive maniere; con uno schiaffo fece dimenticare l accaduto a lei e a noi. Ti ho detto i miei ricordi sperando di aiutarti nell intento di scrivere la nostra storia e, allo stesso tempo, ribadire, come tu hai sempre sostenuto, che tutti nasciamo onesti per vergognarci poi di non essere stati capaci di rimanerlo. Ci sono moltissime cose che potrei ancora raccontarti; particolari momenti di vita familiare, il rapporto di allora con i nostri vicini di casa e tutto l insieme dei personaggi di Quarticciolo che ci hanno aiutati e visti crescere. Certo non ho usato bene la cronologia, ti prego non vo- 11

12 lermene, perché sono sicura che farai meglio di me. L importante è il contenuto, anche se doloroso e triste. Vedi caro fratello quante ne abbiamo passate? Ce ne hanno fatte di tutti i colori, eppure siamo tutti e sette vivi e onesti (non è mai troppo tardi, vero?) mentre coloro che ci hanno fatto soffrire, coloro che non hanno avuto alcun rispetto per noi, ora non ci sono più. Serve far del male? Serve abusare dell innocenza dei bambini? Serve approfittare dei deboli e degli indifesi? Serve tutto ciò se, quando arriva il momento di morire, ci pentiamo troppo tardi delle nostre malefatte? Certo, per pentirsi c è sempre tempo, ma chi risolve i problemi e i danni che sono stati fatti o che abbiamo lasciato alle nostre spalle? Chi ci darà la gioia di vivere? E la giovinezza sopraffatta, stracciata e affogata dalle malvagità altrui? Ringraziando Dio ce l abbiamo fatta a uscire dalla terribile tenaglia della vita fatta di espedienti per persone che non hanno avuto né arte né parte. Credimi sono felice di sentire, ogni qualvolta ci telefoniamo, che tutto tra noi è normale. Sono felice nel sentire che possiamo parlare di vacanze. Di piccoli litigi familiari, di figli e suoceri. Di affitti e rincari. Di lavoro, di salario e di tasse, di lotterie e di speranze. Sono felice nel sentire che anche noi, sette pulcini spelacchiati, facciamo parte di quella società onesta e lavoratrice. Che facciamo parte di quella società da cui abbiamo avuto sempre il timore di essere esclusi. Sono felice nel sapere che avendo perso la strada giusta da bambini siamo riusciti a ritrovarla da adulti. Fratello mio, ciò mi soddisfa immensamente perché sono sicura che mamma da lassù ci sorride e, allargando le braccia, ci proteggerà sempre. Ora ti lascio sperando che quando avrai completato questa storia me ne manderai una copia. Con affetto, tua sorella. PS. Peccato però non sapere dove portare un fiore quando è la ricorrenza dei morti. 12

13 Parte prima Infanzia e prima giovinezza 13

14 14

15 «guardatevi intorno e la vedrete giocare con i vostri bimbi. e guardate lo spazio, la vedrete camminare nella nube, tendere le braccia nel bagliore del lampo e scendere con la pioggia. la vedrete sorridere nei fiori e, sulle cime degli alberi, sciogliere carezze». Primi ricordi Era in quel di Quarticciolo, una delle prime borgate romane costruite nel periodo fascista, che noi sette, cinque maschi e due femmine, ci sentivamo felici. i lunghi palazzi grigi, divisi a lotti, tutti uguali, quadrati, uno di fronte all altro, con rifiniture di travertino alte dal suolo per circa un metro, li ricorderò sempre con infinita nostalgia. nei caldi giorni di primavera io e i miei fratelli andavamo a giocare nel fiumiciattolo situato sotto la loggetta della nostra casa. non era proprio un fiume, bensì la discarica delle fognature di un po tutte le abitazioni della borgata. dopo aver giocato nella marana, così noi chiamavamo il fiume-discarica di cui sopra,con il puzzo che dopo esserci puliti alla meglio, ci rimaneva addosso, ci sedevamo al caldo di un sole romano d aprile nel punto preciso dove i raggi davano l impressione di essere più caldi. lì, giocando come tutti i bambini di questo mondo, aspettavamo di sentire la voce che ci dava la massima sicurezza; quella di nostra madre. tornavamo a casa giocondi, anche se spesso si andava a letto con lo stomaco vuoto. La nostra casa era situata al secondo piano del palazzone dell Ottavo Lotto. Non era sporca, ma misera nella sua povertà. Pochi mobili e certo non di classe. Tutto nella sua decenza rispecchiava quel poco di ordine e pulizia che ci può essere in una famiglia dove gli unici valori sono dettati da una madre senza istruzione, né ricchezza, consapevole di dover lasciare i propri figli a un padre che veniva a casa solo per mangiare e dormire, evitando, con gesti e parole, la propria cucciolata e la sua compagna. Lui non ci ha mai amati. Non so se noi lo abbiamo odiato. Dormivamo in due camere. Le mie due sorelle nella più piccola con due letti, noi maschi nella camera grande in un unico letto; tre grandi da capo, due piccoli da piedi (così si usava a quei tempi nelle famiglie numerose e povere delle borgate romane). Prima di dormire si faceva sempre un po di chiasso prendendoci a cuscinate. Noi più piccoli non ci rendemmo conto quando mamma fu ricoverata all ospedale San Camillo. Morì dopo circa un paio di settimane. So che soffrì moltissimo, poveretta. 15

16 L unica cosa di cui ricordo, per noi inusuale, fu la maggiore libertà che ci ritrovammo all improvviso. Come cani sciolti Adesso a distanza di moltissimi anni, avendo imparato a conoscere bene mio padre, posso immaginare cosa gli sia passato per la mente durante la malattia di mia madre; lui voleva la libertà. Non bastava l aiuto delle mie sorelle; lavare, stirare, tenere noi più piccoli a bada, fare la spesa con quel poco che lui ci passava mensilmente. Si sentiva prigioniero della situazione, claustrofobico. Troppo giovane per potersi permettere il lusso di invecchiare senza averne l età. Da un paio di mesi ormai eravamo senza mamma. Nostro padre lo vedevamo molto di meno e in quel poco dava l impressione che fosse più attivo, in attesa di qualcosa di nuovo, di eccitante per lui. Un giorno, dopo aver raccomandato alle nostre sorelle di badare a noi, sparì. Nei giorni della sua assenza vivevamo un po come cani sciolti. Ci allontanavamo sempre più spesso da casa. A volte rimanevamo a giocare fino a tarda sera con i nostri amichetti; er Negretto l Indianetto e i Pidocchiosi. Il papà dei Pidocchiosi, emigrato dalla Puglia come la maggior parte degli abitanti del Quarticciolo, faceva l ombrellaio, mentre la mamma, donna grossa da far paura, pascolava le pecore che avevano parcheggiate in una grotta sulla via Prenestina. I due maschi più grandi seguivano l uomo nella ricerca di ombrelli da riparare, camminando giornalmente per chilometri tra le borgate e urlando i loro servigi sotto le finestre di possibili clienti. Gli altri due figli pascolavano insieme alla loro mamma nell attesa di imparare il mestiere di pastore. La casa dei Pidocchiosi, se casa si poteva considerare, era un seminterrato sempre al buio, le cui finestre si aprivano a malapena sul livello della strada. Era perennemente sporca e invasa dal puzzo del bagno che aveva soltanto un buco nel pavimento a mo di turca e tanta miseria tutt attorno. Riccardo er Negretto abitava poco distante da noi, in via dei Gelsi, anche la sua casa era sotto il livello stradale. La sua famiglia, anch essa pugliese, era come la nostra; povera, ma dignitosa. Si chiamavano Lo Russo ed erano tutti di carnagione scura. Per noi lui era er Negretto. Suo papà, proprietario di un triciclo, vendeva la varechina facendo come i Pidocchiosi, più forte si urlava, più era possibile avere delle compratrici, mentre la mamma faceva la sarta in casa. Tutti i giorni con questi lavori miseri si riuscivano a rimediare pasti ancor più miseri. Era bello veder ridere er Negretto. Ogni qualvolta lo faceva, rimanevamo incantati dal biancore che sprigionavano i suoi denti e la luce dei suoi occhi. Occhi nerissimi. Occhi buoni. Riccardo, caro amico di giochi infantili e sorrisi innocenti rubati al sole di un autunno romano. Come la tua vita spazzata via nel mezzo del cammino alla ricerca di una identità sempre negata. La nuova mamma In quel periodo, con la morte di nostra madre e l assenza di nostro padre, ci rendemmo conto, anche se in modo impercettibile, che per noi qualcosa di nuovo stava accadendo. 16

17 Nostra sorella più grande ci riunì tutti insieme per darci la notizia dell avvenuto matrimonio di nostro padre. Era stato celebrato a Noto con una moglie trovata tramite inserzione su di un quotidiano, quindi avremmo avuto anche una nuova mamma. Credo che mio padre sia nato senza coscienza o con il paraocchi su di essa, per non farsi disturbare dalle responsabilità, per poter guardare solo in una direzione, sempre diritto. Diritto verso l egoismo, il disamore, la solitudine. Lei, la nuova, era di capelli scuri, non molto alta, occhi neri e freddi, attorno ai trenta, estranea. Estranea a tutti gli effetti e a ogni affetto, questo non perché la volessimo sentire noi così, ma semplicemente era ed è stata sempre lei a sentirci estranei, a non accettarci per ciò che eravamo. E noi bambini, nella nostra necessità d amore materno, abbiamo sempre tentato di aggrapparci alla sua gonna... inutilmente. Sapeva scrollarsi molto bene la nostra presenza dalla mente con lamentele, per farsi sentire da nostro padre (subdolo ricatto sessuale). Per tenerci a bada ci lanciava fulminanti occhiate di vulcani in eruzione. Si infastidiva molto nel sentirsi chiamare mamma, e non accettava le rimostranze delle nostre sorelle nel discutere i suoi ordini fatti di arroganza e cattiveria. Il suo arrivo scombussolò quel poco di regole che si creano tra fratelli e sorelle vissuti insieme con amore e armonia. Dovemmo dire addio a Biancone, il nostro cane gigante, lo avevamo da più di dieci anni, era grosso e docile. Dovemmo dire alla marana, e addio ai nostri pomeriggi seduti al sole il più possibile. Dovemmo anche dire addio ai nostri cari Pidocchiosi, all Indianetto e al nostro amichetto Riccardo. Addio prati in fiore e alberi fruttuosi. Addio cucina a legna, rimpiazzata con gas. Addio vecchia caciera dagli odori materni, violata e gettata tra i rifiuti. Addio povere cose nostre di bambini senza arte né parte. Addio Quarticciolo. Dovemmo dire addio all Istituto Don Bosco e alla via Prenestina, odorosa di pecore e pastori. Addio a Don Borroni che con Gesù non avevi nulla a che fare (la tua sberla, la ricordo ancora, mi fece girare in lungo e largo tutto l istituto Don Bosco, portandomi dal campo sportivo per tutto il Forte Prenestino, lasciandomi, sanguinante in bocca, vicino alle aule scolastiche. Avevo solo sei anni) e addio Don Pio. Addio a tutti i preti e a tutte le pastasciutte domenicali e anche addio al cinema pagato con una preghiera imparata a memoria. Addio al nostro piccolo mondo puzzolente e felice. Addio a Felice, figura spastica di curiosi e lieti incontri pomeridiani, sarà ora veramente felice? Addio Sora Assunta, Regina Leccornia seduta sul trono caramellato. Addio cinema Corallo, paradiso d illusioni periferiche che, sfamando i nostri occhi, davi speranze alla nostra mente di un mondo, anche per noi, migliore. Addio gente di borgata con lavori alla giornata. Addio a voi venditori di varechina, straccivendoli e sartine casalinghe e ombrellai disillusi, che davate la sveglia con le vostre urla mattiniere in cerca di clienti soddisfatti e molti non paganti. Addio Ottavo Lotto e addio a te Settimo Lotto. Addio Secondo Lotto. Addio Primo Lotto. Addio via Lucera e via Ostuni. 17

18 Addio via Manfredonia. Addio tutte vie di Puglia. Addio Quarticciolo. Tutti via Era la primavera del 56. Mio padre, sempre più pressato dalle insistenti lamentele della nuova, cercava, dopo aver fatto mille domande presso il comune di Roma, di farci rinchiudere tutti in istituti comunali. La maggiore delle nostre sorelle fu costretta ad accasarsi con il suo fidanzato. Il maggiore dei fratelli se ne andò di casa, mentre l altra sorella fu anche lei costretta a rifugiarsi in un convento di suore. Tutto ciò soltanto per colpa dell ignoranza e della cattiveria della nuova. Non voleva figli estranei e tanto meno che qualcuno di noi reclamasse, in lei, la propria madre. A quei tempi qualcosa mi turbava. Ancora non riuscivo a rendermi conto al cento per cento della mancanza di mia madre, anche perché c era una persona sconosciuta al suo posto. Come avrei potuto? C era troppa confusione nella mia mente, quindi inconsciamente, aiutato da puro istinto naturale, cercavo di riversare tutta la mia attenzione e le mie paure di solitudine verso mio padre, essendo lui l unico e ultimo punto di riferimento e congiunzione tra me, i miei fratelli e sorelle. Mio padre era una persona ignorante, analfabeta, senza carattere né principi, non conosceva le parole umiltà, sacrificio, dovere, ma allo stesso tempo era scaltro e opportunista. Non aveva un minimo senso di responsabilità familiare e, se anche lo avesse avuto, perché influenzato e obbligato un pochino dalla presenza di nostra madre ancora viva, ora disconosceva i suoi figli. Cercava rispetto, anzi lo pretendeva, ma non rispettava nessuno. Era il tipico prodotto del Sud, cresciuto nell ignoranza e nella disoccupazione più acute, dove l uomo si poteva pavoneggiare nascondendosi dietro ad antiche e radicate regole di miserabile mascolinità. Si era sposato in piena era fascista, quando la propaganda di quei tempi premiava, con sussidi e altre agevolazioni varie, le famiglie che riuscivano a sfornare più figli possibile per la patria. Le donne erano considerate scrofe o giù di lì. E gli uomini si davano da fare, approfittando del sistema. Così fece mio padre; otto figli, uno dopo l altro. Bravo, dieci e lode. Facile scopare chi si rifiuta non potendo fare altro se non accettare. Ebbe un posto, quale operaio, nell Azienda Tranviaria Romana. Un giorno mio padre disse che sarei dovuto andare in un collegio, non molto lontano da Roma, dove avrei potuto studiare insieme ad altri bambini della mia stessa età. Lì sarei stato benissimo. Lui sarebbe venuto a trovarmi ogni domenica. La distanza è proprio come il vento, porta via tutto e fa dimenticare chi si crede di amare o chi non si ama affatto. Alla stazione Termini mi consegnò nelle mani di una Suora domenicana. Con lei c erano altri bambini, più o meno della mia stessa età, una quindicina in tutto. Anche loro figli del fascismo e delle borgate. Tutti erano accompagnati dai propri genitori e qualcuno già iniziava a piagnucolare, non volendosi staccare dalle grandi mani che stringeva con la sua piccola forza e grande disperazione. Loro, i familiari, così anche mio padre, cercavano in tutti i modi, con le buone, di farci salire sul treno del quale ormai era stata annunciata la partenza. 18

19 E ci riuscirono; gli adulti vincono sempre. Ci ritrovammo divisi in due scompartimenti, in ognuno c era una suora con un sorriso sulle labbra, dolce e comprensivo per le nostre lacrime. Noi bambini iniziammo a conoscerci, naturalmente con le bugie. L unica bugia che mi è sempre rimasta in mente era che, quasi all unisono, dicevamo tutti la stessa cosa, cioè che la nostra famiglia era ricca, che a casa avevamo la nostra cameretta piena di giocattoli e tante altre belle cose. Mentre bugiavamo, la suora disse che potevamo salutare i nostri parenti dai finestrini, però lo dovevamo fare con ordine e calma; non fu possibile in quanto la maggior parte di noi rincominciò a piangere disperatamente e affacciandosi strillavano tra le lacrime: «Mamma, papà! Mammaaaaa!». Io guardavo tristemente attorno. Mio padre era sparito. Mi rimisi a sedere. Chi spingeva di qua chi di là, tutti volevano affacciarsi. Un viaggiatore, in attesa sul marciapiede, buttando un occhiata d intesa verso i nostri genitori, scrollando la testa, disse: «I bambini piangono anche quando vanno in vacanza. Non sanno i sacrifici che facciamo per mandarceli. Beati loro». Ci sorrise. Allontanandosi sul marciapiede di travertino freddo e umido, fischiettava Arrivederci Roma. Il treno partendo trafisse ancor di più la nostra piccola anima, affondando le sue ferrose mani nei nostri minuscoli cuori. La suora si dimenava con gentilezza nel tentativo di calmarci, poi, dopo essersi fatta in quattro, quando stava per gettare la spugna, le si illuminò il viso, le si accese l aureola e, con un espressione da Archimede Pitagorico, vinse. Vinse dandoci prima un panino con marmellata e poi un cioccolatino per uno. Mangiando, qualcuno piangeva ancora. Verso Gubbio Il viaggio da Roma Termini fino a Gubbio durò, se ancora ricordo bene, circa quattro ore e mezza, in quanto partimmo alle dodici e trenta e arrivammo che erano passate le cinque del pomeriggio. In fila indiana con le due suore che ci controllavano uscimmo dalla stazione di Gubbio per dirigerci verso l istituto dove sarei rimasto per quattro anni. Sempre in fila indiana, attraversammo un tratto della città. Nessuno più fiatava, eravamo tutti con il naso all insù, meravigliati, incantati dalla calma che emanavano le antiche mura della città, colorate dai raggi del sole al tramonto dopo una giornata di pioggia. Eravamo imbambolati dalla bellezza silenziosa delle case fatte di pietra lucida, inumidite di acqua piovana. Sembravano castelli da favole. Castelli che noi, bambini romani di borgate con case fatte di tufo, non avevamo mai visto. Nelle strade sembrava che ci dovessero camminare soltanto cavalli con il carro al traino. Eravamo meravigliati e spaesati allo stesso tempo. Di tanto in tanto qualche donna del luogo si fermava e, indirizzandoci il dito indice, diceva a chi gli era vicino: «Vedi quei bambini? Sono i nuovi orfanelli dell Istituto di S. Lucia». Un paio di noi si misero di nuovo a piangere nel sentire ancora quella frase. Il più rabbioso, Ettore era il suo nome, uscì di corsa dalla fila e svicolando tra la sottana della suora, che cercava di pararlo, si avvicinò alla signora che aveva appena parlato e, guardandola con lacrime mischiate al muco del naso, in tipico dialetto romano, disse tutto d un fiato: «Aoh! Ma che te credi? Anch io ci ho un padre e na madre!». 19

20 Abbassò la testa e rimettendosi di nuovo a piangere sbatté i piedi nella pozzanghera che si trovava di fronte alla donna, in questo modo l acqua schizzò in tutte le direzioni colpendo la madre con figlio, e noi bambini e le suore. Una delle due si scusò con la signora, che era rimasta sbalordita dalla reazione di Ettore, poi lo prese per mano, quindi facendogli una carezza, lo rimise in fila. Le sue lacrime dopo essersi di nuovo strofinato il naso sulla manica del cappottino, si mischiavano ancor di più alla pioggia. Arrivammo a destinazione. A Gubbio, Istituto S. Lucia Il grande portone dell istituto si richiuse dietro le mie spalle. Passando dalla portineria intravidi sulla destra una piccola finestrella a forma gotica, senza vetro. Dietro di essa un faccione semicoperto da un velo nero; sembrava più un subacqueo che una suora. Questa, scrutandoci con gli occhi di chi non lascia spazio a scuse, ci spogliò nudi dalle nostre malinconie. Proprio come fanno i metaldetector negli aeroporti per individuare armi. Proseguendo ci ritrovammo in un ampio piazzale con in fondo un portoncino marrone lucido. I raggi del sole al tramonto aumentavano la malinconia mia e degli altri bambini. La porta si aprì improvvisa; davanti a noi si ergevano delle scale di marmo lucidissime e pareti quasi spoglie. Solo una immagine della madonna e un crocefisso là in cima. Sempre in fila per due, le suore ci condussero su per le scale fino a raggiungere un camerone che, se ben ricordo, poteva essere venti per sette o otto metri quadrati. I pavimenti splendenti avrebbero potuto essere usati per reclamizzare il miglior detersivo del mondo. I letti erano ordinati, i materassi piegati in due, e sopra, c erano lenzuola bianche di cotone e una coperta soffice, tutto sapeva fresco di bucato. La sedia comodino, di legno chiaro e lucido, accanto al letto di ognuno, poteva essere usata anche come piccolo ripostiglio, dato che il piano di seduta poteva venir sollevato a mo di cassapanca. La suora, con molta pazienza, ci spiegò come fare il letto. Certo fu una piccola battaglia per lei fintanto che qualcuno dei bambini continuava piangere. Fatto questo la stessa suora indicò i bagni, anch essi spaziosi e puliti. Dopodiché, tutti insieme, dicemmo una preghiera e andammo a letto. La cena ormai, disse la suora, era saltata e comunque i panini che avevamo mangiato durante il viaggio dovevano essere stati sufficienti. «Buonanotte bambini e dormite». Aprì la porta e la richiuse alle sue spalle con delicatezza, lasciando volteggiare nell aria il suono secco dei passi mentre si allontanava sottile sul marmo lucido. Bambini, madri mancate e signorine cretine Man mano che le giornate passavano, io e gli altri bambini ci abituammo all ordine e alle regole del collegio. La sveglia era alle sette. C erano sempre due suore che ci sorvegliavano, aiutandoci anche a vestirci. Dopo esserci lavati e aver rifatto il letto, scendevamo tutti nel refettorio per la colazione. La sala era molto grande, con tavoli di formica e ferro, i quali formavano mezzo quadrato nella sala. Al centro una colonna di cemento le cui estremità scomparivano tra pavimento e soffitto. Ognuno di noi si era trovato il posto preferito vicino ai bambini del proprio gruppetto, cosicché si formò, anche per noi, una certa gerarchia infantile e innocente. Il centro del refettorio era occupato da una sedia su cui sedeva la suora di servizio che era sempre la stessa; Suor Maria Gabriella, ora in Guatemala come missionaria. Finita la 20

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Bù! di e con Claudio Milani

Bù! di e con Claudio Milani Bù! di e con Claudio Milani Testo n Francesca Marchegiano e Claudio Milani Scenografie n Elisabetta Viganò, Paolo Luppino, Armando e Piera Milani Musiche n Debora Chiantella e Andrea Bernasconi Produzione

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI

Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare SI I, II, III Nessuna: adatto come scritto PERSONAGGI TITOLO UN FIORE + UNA FARFALLA = PACE Argomento Fiaba sulla pace Il testo è adatto alle seguenti classi: Scuola Adatto Classi di riferimento Modifiche da apportare al testo Per l Infanzia SI Adattare Elementare

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny

IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny لش حن لطح ح ل ة ر كام ل ك يالني IL VIAGGIO DI SCIANTAH di Kamil Kileny traduzione italiana riga per riga, parola per parola curata da Pier Luigi Farri plfarri@vbscuola.it 1 Due buoni fratelli. Sciantah

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE

ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE ERAVAMO SOLO BAMBINI UN RACCONTO PER NON DIMENTICARE CATERINA ROMANO 27/01/2012 Nonna, posso sedermi vicino a te? Ho paura. In televisione ci sono dei brutti film. Fanno vedere tante persone malate e dicono

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Carissimi bambini, Beh, chiedendo a Gesù di ospitarci nel Suo Cuore e qui troveremo tante necessità per cui pregare

Carissimi bambini, Beh, chiedendo a Gesù di ospitarci nel Suo Cuore e qui troveremo tante necessità per cui pregare Eccoci, Gesù......ci stiamo preparando a correrti incontro! Inserto N. 1 2009 Carissimi bambini, siamo in Quaresima e la Chiesa ci offre ben 40 giorni per aspettare Gesù e per prepararci a corrergli incontro

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe.

Obiettivo generale: Leggere e comprendere un brano antologico insieme al gruppo classe. Semplificazione e facilitazione di un testo di antologia Destinatari: alunni stranieri di classe prima Livello linguistico A 1 (semplificato) - B 1 (facilitato). Obiettivo generale: Leggere e comprendere

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

www.scuolaitalianatehran.com

www.scuolaitalianatehran.com щ1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHRAN Corso Settembre - Dicembre 2006 ESAME FINALE LIVELLO 2 щ Nome: Cognome: Numero tessera: щ1 щ2 Leggi il testo e completa il riassunto (15 punti) Italiani in

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi

PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi PROGETTO ACCOGLIENZA: All asilo con Gigi Motivazione del gruppo Comincia l anno educativo per i bambini del nido. Alcuni bimbi entrano per la prima volta al nido e devono attraversare il periodo delicato

Dettagli

FIABE CINESI E TIBETANE

FIABE CINESI E TIBETANE http://web.tiscali.it FIABE CINESI E L'uccello a nove teste La pantera I geni dei fiori TIBETANE Le montagne innevate e l'uccello della felicità. L'UCCELLO A NOVE TESTE C'erano una volta un re e una regina

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО, МЛАДЕЖТА И НАУКАТА ЦЕНТЪР ЗА КОНТРОЛ И ОЦЕНКА НА КАЧЕСТВОТО НА УЧИЛИЩНОТО ОБРАЗОВАНИЕ ТЕСТ ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ЗА VII КЛАС I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Testo 1

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Era come un periodo di prova per vedere se erano abbastanza bravi per fare i viaggiatori e siccome Yoel voleva tantissimo essere un bravo viaggiatore

Era come un periodo di prova per vedere se erano abbastanza bravi per fare i viaggiatori e siccome Yoel voleva tantissimo essere un bravo viaggiatore YOEL Si chiama Yoel. Ha sei anni, ne fa sette il 24 Luglio. E un leone, e la mamma gli dice sempre che il suo segno zodiacale rispecchia la sua anima. Lui non lo sa cosa vuol dire segno zodiacale ma il

Dettagli