LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA LA SCUOLA TRANSILVANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA LA SCUOLA TRANSILVANA"

Transcript

1 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA LA SCUOLA TRANSILVANA 1

2 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI 2

3 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA IL VESCOVATO ROMENO UNITO CON ROMA, GRECO-CATTOLICO, ORADEA L ISTITUTO TEOLOGICO GRECO-CATTOLICO SANT ATANASIO NYÍREGYHÁZA L ISTITUTO DI STORIA GEORGE BARI IU CLUJ-NAPOCA LA BIBLIOTECA DELL ACCADEMIA ROMENA CLUJ-NAPOCA L ASSOCIAZIONE EPISCOP VASILE AFTENIE LA SCUOLA TRANSILVANA EDITORI Remus Câmpeanu Varga Attila Vasile Rus Florin Jula Casa Editrice Szent Atanáz Görögkatolikus Hittudományi F iskola Nyíregyháza Oradea 3

4 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI TRADUZIONE ITALIANA DI VASILE RUS, ALL ECCEZIONE DEI TESTI DI TERDIK SZILVESZTER E VÉGHSE TAMÁS SULLA COPERTA I: LA CATTEDRALE GRECO-CATTOLICA DI ORADEA E LA CHIESA GRECO-CATTOLICA DI MÁRIAPÓCS Casa Editrice Szent Atanáz Görögkatolikus Hittudományi F iskola H-4400 Nyíregyháza Bethlen G. u Editore responsabile: Véghse Tamás rettore ISBN

5 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA Indice generale SEZIONE I. Storia della lingua e del libro antico romeno... 7 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI, La modernizzazione della lingua dei libri ecclesiastici del XIX secolo fra necessità e moda... 9 Simona F RC AN, Timotei Cipariu ( ) e la cultura araba. Riflessioni in margine ad un manoscritto dal fondo orientale Otilia URS, Il libro romeno antico nella biblioteca di Ioan Micu Moldovan Anca Elisabetta TATAY, Cornel TATAI-BALT, Rappresentazioni dell ultima cena nella grafica di libro romeno antico ( ) Diana COVACI, Iniziative di promozione della stampa greco-cattolica romena della Transilvania al inizio del XX secolo SEZIONE II. Aspetti di storia nazionale ed ecclesiastica Laura STANCIU, Un episodio dalla posterità di Atanasio Anghel TERDIK Szilveszter, Dati alla storia della cattedrale greco-cattolica di Oradea (Nagyvárad) VARGA Attila, La chiesa greco-cattolica della Transilvania e del Banato nei documenti dell archivio arcivescovile di Esztergom. La teologia politica il gioco del potere ( ) Mirela POPA-ANDREI, Istituzioni di formazione dell élite locale: il seminario domestico greco-cattolico di Oradea nella seconda metà del XIX secolo Pr. Florin JULA, Pr. Mircea Remus BIRTZ, Il libro delle dignità del vescovato greco-cattolico di Oradea Mare Silviu-Iulian SANA, L «unificazione» religiosa nelle pagine della rivista «Legea româneasc» / La legge romena ( ) Pr. Mircea Remus BIRTZ, Il libro delle dignità (l arcondologia) della diocesi greco-cattolica di Gherla, ultriormente di Cluj-Gherla VÉGHSE Tamás, Il percorso dei greco-cattolici ungheresi nei secol XIX. E XX. momenti di un discorso sull identità Mihaela BEDECEAN, Il capitolo ed i canonici del vescovato unito di Lugoj ( ) Pr. Mircea Remus BIRTZ, Vencel Biró ( ), un prete che multiplicò i suoi talenti Irina MIR U I, L impronta lasciata da Ioan enchea e dal quotidiano Olteanul sulla vita del popolo romeno nel periodo Lavinia BUDA, La società del rosario nella chiesa greco-cattolica fino all anno

6 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI Mihai D. DRECIN, Delia CORA, Considerazioni preliminari sul dossier della polizia politica (la securitate ) del prete greco-cattolico Gavril Iag r di Cluj ( ) Vasile RUS, L istituzione del teologo gesuitico nella visione del Santo Zio e del nipote scrittore Remus CÂMPEANU, Inochentie Micu-Klein, nobile e vescovo Don Cristian BARTA, Il pensiero teologico del vescovo greco-cattolico Grigore Maior RECENSIONI Daniel I. IANCU: Cornel Tatai-Balt, Caleidoscop artistic [Caleidoscopio artistico]

7 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA SEZIONE I. Storia della lingua e del libro antico romeno 7

8 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI 8

9 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA Niculina IACOB, Ioan CHINDRI Università tefan cel Mare di Suceava, Facoltà di Lettere e Scienze della Comunicazione Biblioteca dell Accademia Romena di Cluj-Napoca Modernization of the Language of Church Books in the 19 th Century Between Necessity and Fashion In the 19 th century the development of the Romanian literary language marked an important step, in parallel with the finalization of the image and concept of the modern Romanian nation. Similar to all European languages, the process registered both converging trends and diverging ones on how ideas and knowledge were represented. Modernization tended to involve not only the laic version of the literary language, but also the language of the Church Books in the emerging process of renewal. That trend caused a real "linguistic war" because, according to the old precepts of the oriental religion and the popular tradition that was nearly two millennia old, the way of expressing the Christian piety could not be changed. The essence of that way was language itself. The present study examines the controversy, particularly the intrusion of neologistic loans which were compromising the understanding of the divine message by the believers. Nevertheless, similar to other languages, the rational version of the debate won. The religious language has remained essentially unchanged until today, as opposed to the laic one that has been inherently changed. KEY-WORDS: Church Book, Modernization, Linguistic Experiments, Orthodox, Greek-Catholic Il XVIII secolo, tramite la cosidetta Scuola Transilvana, significò l inizio della sincronizzazione dei Romeni con lo spirito del secolo. Una condizione di questa sincronizzazione al livello culturale era il ricupero del distacco fra la lingua romena letteraria e le altre lingue moderne, intanto per creare un sostegno su misura del progresso culturale senza precedente. Avendo le fondamenta fissate un secolo prima, nel periodo dell Illuminismo, ma soprattutto in piano teorico, questa modernizzazione fu afferrata in maniera differente dagli studiosi piegati verso lo sviluppo della lingua nel XIX secolo, anche secondo le condizioni socio-culturali concrete delle province romene. Così si spiegano le varie direzioni e tendenze di modernizzare scelte dagli uomini di cultura impegnati in questo processo definitorio per il secolo avuto in vista, ed il momento-chiave di questo diversificare è l anno 1840, quando appaiono tre lavori, ciascuno di loro rappresentativo per una totalmente diversa 9

10 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI direzione: Tentamen criticum di August Treboniu Laurian: per il latinismo, l articolo di Ioan Heliade-R dulescu, Parallelismo fra le lingue romena e italiana: per l italianismo, e, finalmente, la nota Introduzione di Mihail Kog lniceanu al primo numero della rivista Dacia literar / La Dacia letteraria : per la corrente popolare. Accanto a queste, si sono manifestate, ugualmente, una potente influenza franceze e, tramite Aron Pumnul, la direzione analogista, anch essa purista, però nel senso della romanizzazione forzata della lingua. Non si trovava affatto la lingua romena in una situazione inedita, perché seguiva anch essa un processo naturale, nel quale altre lingue romanze ne erano già coinvolte nelle epoche precedenti. Nelle condizioni di questo mosaico di orientamenti, c è da aspettare un risultato capace di stupire il lettore al di là del tempo. Ma quanto stupore ne scatenano oggi, a buona ragione, pagine come le seguenti: Ioan Heliade-R dulescu (1840) «Quand va resbumba ultima tromb, / Quare quelle mai închise morminte stràbate i desferr / Si fi -quare sbura-va, i corbu sau columb / In vallea quea mare la eterna pace au durere, // Primi audzi-vor quel sutteran resunetu / Si primi s lta-vor din morminte afar / Sacri Poe i que prea usóra êrrin / Copere, i qu ror puçin d uman picioarele mplumb. // Ma tu, tu te avîn i din invisa pétr / Primu între primi în luminoas mant / Svolând c tre ceru cu pudica i cyter // Si n frumosul coru que congiur pe sântul / Judeçu, culmea v llii c tre aeru, din tóte mai divin cântul tèu va suna.» (Traduzione secondo Ippolito Messale (Blaj, 1870) «Inca ne rogàmu, pentru-cá se se padiesca sânta locuenti a acest a, sî tote cetàtile, sî satele, de peste, de fomete, de cutremuru, de esundare, de focu, de sabia, de venirea asupra altoru genti, sî de rescol a cea deintre noi, sî pentru-cá induratu, blandu, sî bunu liertatoriu, se fia bunulu sî liubitoriulu de omeni Ddieulu nostru, sî se intorca in apoi totà maní a, care se pornesce asupr nostra, sî se ne mantuesca pre noi de amenintiarea lui cea derepta, carea este pusa asupr a Aron Pumnul (1865) «Nu væ adunáre comoaræ pe pæmînt, dzice Sfînta Scripturæ, unde vi-o mînîncæ moliile i rugina, unde vi-o sapæ furi, i vi-o ræpesc; ci væ aduna comoaræ în cer (ádecæ: fáce fundæc un pe ntru biséric, pe ntru scoale, pe ntru acædémie de dréptur, færæ de carea sînte peri, i nu væ mai pute apærá de a púnerea totalæ! pe ntru studin i ce cu tælinte, dar færæ mijloace, pe ntru Reuniunile i aso iæc unile celle ce se înfiin eadzæ spre næintarea culture religioase, morale, næc unale, ciin iale, spre fericirea voastræ, i spre mærirea lu Dumnedzæ, pre n faptele voastre!): cæc numa atunc comoara Articolo lessicografico (1871) «CASA (...) constructione cu pareti si coperementu, care serve de locuentia sau de incapere, de la modest a locuentia a unui terranu seracu cu pareti de nouelle lipiti cu pamentu si cu coperimentu de arundine, de fenu, de paie etc. (destullu numai se nu fia in pamentu, coci atunci nu ar fi casa, ci bordeiu), peno la palatiulu cellu mai stralucitu allu milionariului (...); I. in intellessu ordinariu si propriu, constructione cu pareti, care are un a sau mai multe incaperi, unulu sau mai multe tablate, déro care face unu 10

11 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA Pindemonte 1, [Sonetto alla tomba di Petrarca] nel Curier de ambe sexe / Corriere di ambedue i sessi, periodo III, dal 1840 fino al 1842, nr. 1. Seconda edizione, Bucarest, Stampa Eliade e socii, 1862; nell allegato letterario a prima parte del suo studio, Parallelismu între limb a român i italian / Parallelismo fra le lingue romena e italiana, p. 73). L autore del Zbur torului / Il volatore è irreconoscibile 2 in questi versi. nostra, sî se se indure spre noi». (Domnedieescile si santele liturgie ale celoru deintru santi parentiloru nostri Ioane Crisostomu, Basiliu celul Mare si Gregoriu Dialogulu. Cu benecuventarea Prea-santîtului Domnului Domn Ioanne, archiepiscopulu sî metropolitulu Albe-Juliei, Blasiu, MDCCCLXX, cu tipariulu Seminariului A. Diecesanu) voastræ nu vi-o mînîncæ mai mult nec moliile, nec rugina, numa atunc nu vi-o ma pot nec sæpá, nec ræpí furi!» Privire ræpede preste trei sute tre -sprædzece de n proprietæ ile a á numite mo iile mînæstiresc, de n carile s a format mære ul Fund relegiunar all biséricei dreptcredinc oase ræsæritene de n Bucovina, fæcutæ dupæ adeverin e auténtice, sau urice pre n Arun Pumnul, profesor de limba i literætura rumînæ la gimnasiul plinar de n Cernæu. Cernæu, 1865, în Tipografiea i cu edætura Dlui Rudolf Eckhardt, p. 7 (non annoverata). corpu ore-cumu separatu si destinatu ca incapere de locuitu pentru unu omu cu famili a sea, pentru omenii unui ramu de servitiu etc. (...)» (Dictionariulu limbei romane, dup insarcinarea data de Societatea Academica Romana, elaboratu ca proectu de A. T. Laurianu si J. C. Massimu, Bucuresci, Noua typographia a laboratoriloru romani, 1871) I testi scelti mettono in evidenza sia il terreno solcato dell ortografia, sià i vortici verificati al livello lessicale della lingua, ambedue i livelli essendo i più sensibili nei confronti dei cambiamenti e costituendo lo specchio fidele della direzione seguita dagli autori di questi brani. Nei passi 1 «Sonetto / d Ippolito Pindemonte / Sul sepulcro del Petrarca in Arquà / Quando rimbomberà l ultima tromba, / Che i più chiusi sepolcri investe e sferra, / E ciascun volerà, corvo o colomba, / Nella gran valle a eterna pace o guerra; // Primi udranno quel suon che andrà sotterra / E primi sbalzeran fuor della tomba / I sacri Vati che più lieve terra / Copre, e a cui men d umano i piedi impiomba.// Ma tu, tu sorgi della vinta pietra / Primo tra i primi in luminoso ammanto / Volando al ciel con la pudica cetra: // E nel bel Coro, che circonda il santo / Giudice sommo della valle all etra, / Di tuti più divin suona il tuo canto.» (nel Curier de ambe sexe [ Corriere di entrambi i sessi ], periodo III, da l 1840 sino al 1842, nr. 1. Seconda edizione, Bucarest, Stampa Eliade e socii, 1862, nell allegato letterario alla prima parte del suo studio, Parallelismu între limb a român i italian [Parllelismo fra le lingue romena e italiana], pp ). 2 Per paragonare, si può vedere il pastello del tramonto del poema Zbur torul [Il volatore]: «E noapte nalt, nalt ; din mijlocul t riei / Ve mântul s u cel negru, de stele sem nat, / Destins coprinde lumea, ce-n bra ele somniei / Viseaz câte-aievea de teapt n-a visat. // T cere este totul i nemi care plin : / Încântec sau descântec pe lume s-a l sat; / Nici frunza nu se mi c, nici vântul nu suspin, / i apele dorm duse, i morele au stat». (I. Heliade-R dulescu, Opere, I, edizione critica di Vladimir Drimba, con un studio introduttivo di Al. Piru, Bucarest, 1967, p. 107). 11

12 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI che seguono, il lessico sarà nel centro dell attenzione, però non il lessico della lingua romena, ma il lessico dei libri ecclesiastici di questo periodo. Se, quando si tratta degli altri compartimenti della cultura, le innovazioni al livello lessicale sono desiderevoli, giustificate e, soprattutto, inevitabili, il lessico essendo chiamato a mettere dei nomi alle nuove entità e, di seguito, verificandosi il più aperto verso i mutamenti, quando si mette in paglio il libro ecclesiastico, le cose tornano in tutt altra direzione. La lingua romena letteraria si è formata come lingua dei testi religiosi e si è esclusivamente manifestata, per più di cent anni, in un solo stile funzionale, cioè quello religioso. Lo stile religioso, in tutte le sue varianti, deriva dal linguaggio biblico e, grazie soprattutto alla sacralità dei testi che usa come veicolo la parola, si presenta per eccelenza conservatorio. In questo contesto, non è scevro d interesse proprio il modo nel quale gli interpreti si sono sempre rapportati alle fonti usate per la traduzione, visto che venivano chieste a loro per forza certe trasposizioni letterarie così che solo pocchissimi cambiamenti fossero permessi, tramite i quali loro potessero cambiarle i più meno possibile così che il testo-fonte sarebbe rimasto quasi lo stesso, rispettando, in questa maniera, il precetto dell Apocalisse di San Giovanni Teologo (22.18, 19), dove si fa sapere che nessuno abbia il diritto di raggiungere alcuna parola oppure di cancellare alcuna parola dal libro sacro, e colui che non avrebbe rispettata questa legge scritta attirerebbe su di se l ira di Dio. Proprio questo è il motivo per il quale le traduzioni del testo sacro furono fatte ad litteram anche negli spazi linguistici dove la lingua si trovava in una tappa superiore della sua evoluzione. Il risultato fu la creazione di una variante artificiale delle lingue nelle quali si faceva la traduzione della Sacra Scrittura 3, a volte differente dall aspetto parlato di solito. Al dispetto, comunque, del suo aspetto artificiale, la variante nella quale fu tradotta la Bibbia costituì, in alcuni casi, il fondamento sul quale si alzò l edificio stesso della lingua letteraria e, d obbligo, la variante sulla quale si appoggiò lo stile religioso dopo la svolta della prima genesi della Bibbia in una lingua vernacolare o nell altra. Nello spazio romeno, la lingua dei libri ecclesiastici fece da modello da seguire fino alla fine del XVIII e l inizio del XIX secoli, però da quel momento in là si deve parlare di uno sviluppo autonomo di quelle due varianti fondamentali della lingua letteraria: la lingua letteraria laica e la 3 Si veda anche E. Munteanu, Studii de lexicologie biblic [Studi di lessicologia biblica], Ia i, 1995, p

13 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA lingua letteraria religiosa. La lingua degli antichi testi religiosi, cioè «la lingua delle antiche scritture», rimasse, però, accanto alla lingua delle cronache e alla lingua del folclore, un serbatoio sempre pieno di materiale linguistico per nostri scrittori del periodo moderno. Grazie al carattere conservatorio della lingua letteraria religiosa, ci sarebbe da aspettare che questa rimanesse al di fuori degli sperimenti linguistici del XIX secolo, sui quali si è parlato a lungo nella letteratura di specialità. Nonostante tutti questi aspetti, le cose non stanno così, e assiastiamo, infatti, a dei mutamenti senza precedenza nella lingua dei libri ecclesiastici, che non si fanno ancora tacitamente, ma vengono appoggiati in piano teorico. Fino a questo momento, la più salda presa di posizione nei riguardi della necessità della variante della lingua letteraria religiosa di tener passo con i cambiamenti verificati al livello della lingua in genere appartiene a Samuele Micu, quando, nella prefazione Verso il lettore della sua Bibbia dell anno 1795, lui critica l idioma dell antico testo, che venne considerato «molto differente dalla parola ormai usata di solito e soprattuto dal idioma e dello stile trovati nei libri ecclesiastici, che vengono letti in tutte le chiese romene, e c è per questo che dappertutto a tutti e da tutti fosse conosciuto e capito» (B1795, p. 1). Il filologo e lo stilista di raffinamento che fu Samuil Micu non potè rimanere indifferente di fronte alla necessità di alzare il testo biblico romeno al livello di evoluzione raggiunto dalla lingua romena in quelli quasi 100 anni che erano passati dalla pubblicazione stampata della Bibbia di Bucarest, però dev essere sottolineato qui il fatto che i mutamenti da lui compiuti non trapassarono la misura giusta, ed il criterio da lui adoperato non fu uno puramente etimologico, così come ci sarebbe stata la nostra aspettativa, se si tiene conto della sua concezione linguistica. Al contrario, consapevole della complessità del problema che stava davanti a lui in questa prova di virtù linguistica, lui scelse di conservare le parole non-latine, a condizione que fossero ancora in circolazione in una area dialettale larga, oppure sostituì uno slavonismo ad un altra parola di origine slava, casommai quest ultima fosse uscita dall uso nella lingua dei Romeni, l altro, invece fosse rimasto nello stesso uso, e non cercò a tutti costi di portare una parola di origine latina al posto dello slavismo. Alcuni esempi possono sostenere le osservazioni fatte al di sopra: 13

14 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI B1688 i fu dup cuvintele aceastea i s porunci lui Iosif c : «Tat -t u s dodeia te!» (Fc. 48,1) i lui Avram f cu-i bine pentru dânsa, i fur lui oi i vi ei i m gari i slugi i slujnice i mâ coi i c mile. (Fc. 12,16) i sculându-se Avraam dimenea a, î îns m r m gariul s u i luo cu dânsul doa slugi i pre Isaac, feciorul lui (...) (Fc. 22,3) i- luo Iacov toiag de stirac vearde, i de nuc, i de paltin; i le cur pre dânsele Iacov belituri albe (...) (Fc. 30,37) Premenind sfaturile celor marghioli, i nu vor face mâinile lor adev r. (Iov 5,12) B1795 i au fost dup aceastea, i s-au dat de tire lui Iosif cum c tat l s u bolea te. (Fc. 48,1) Il senso invecchiato e regionale della parola a (se) porunci «far sapere», «dare la notizia» determinò la sua sostituzione con la locuzione; il verbo a se dodei «avere malanimi, guai», «essere malato a lungo», uscito dall uso, fu sostituito con il verbo a boli, anche lui di origine slava, però colto da tutti i parlanti. i lui Avram au f cut bine pentru dânsa, i avea el oi i vi ei si asini i slugi i slujnice i catâri i c mile. (Fc. 12,16) La presenza delle parole m gar (di origine albanese) e mâ coi (antico slavo) gli da la possibiltà di introdurre una serie nuova: asin (latino), catâr (turco). La prima parola fu sostituita per la voglia di ravvivare una parola di origine latina, e l altra perché era fuori uso. i, sculându-s Avraam de diminea, au pus eaua pre asinul s u, i au luat cu sine doao slugi, i pre Isaac, fiiul s u (...) (Fc. 22,3) Il verbo a îns m ra «mettere la soma sul somaro ossia sul ciuccio» era già un arcaismo nella seconda metà del XVIII secolo, e Micu lo sostituisce con una espressione capace di essere afferrata da tutti i lettori, a pune aua, «mettere la sella»; la parola m gar è sostituita di nuovo con asin. i -au luat Iacov nuia de plop vearde i de nuc i de paltin, i le-au belit de coaje Iacov (...) (Fc. 30,37) Una parola di origine greca, stirac «albero resinifero (scientifico, Styrax officinalis)», perché designava una entità sconosciuta per i Romeni venne sostituita con una parola (plop) che manda a una realtà comune nello spazio romeno: il pioppo. A cura, parola di origine latina «asportare la corteccia», «a beli», non fu conservato a causa della sua origine, ma fu sostituito con un slavonismo, facile a capire dai lettori. Pre Cel ce schimb sfaturile celor vicleani, i nu vor face mânile lor adev r. (Iov 5,12) A schimba, di origine latina, prende il posto del slavonismo a primeni. Riconosciamo, di sicuro, l espressività ampiata del secondo, ma il Micu avrebbe sentito una certa restrizione del senso di questa parola, considerandola impropria da punto di vista semantico in questo contesto. Invecchiata e regionale, la parola di origine greca, marghiol, fu sostituita con altra di origine ungherese, ma con una circolazione generale, vicleani. Come si è visto anche nel caso del verbo a cura discusso al di sopra, a volte anche alcune parole di origine latina dell antico testo, casommai non fossero rimaste in uso, vennero cambiate dallo studioso illuminista con parole di origine 14

15 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA latina oppure non-latina, a condizione che fossero capite dai parlanti della sua epoca: B1688 B1795 Înc trei zile i- va aduce aminte farao de Înc trei zile, i- i va aduce aminte Faraon de boieriia ta i te va pune pre m rirea p h rniciii boieriia ta, i iar i te va pune întru m rirea tale i vei da paharul lui farao în mâna lui i p h rniciei tale, i vei da p harul lui Faraon în dup boieriia ta cea mai denainte, dup cum mâna lui, dup boieriia ta cea mai dinainte, erai mescând. dup cum erai turnând. (Fc. 40,13) Il verbo a me te «versare nel bicchiere», «servire una bevanda», ma anche «preparare una bibita per miscuglio», che non sarebbe stato capito dai parlanti della fine del XVIII secolo, fu sostituita con a turna, questa volta anch essa una parola di origine latina. Gli essempi potrebbero continuare, ma quelli già analizzati sono concludenti per la maniera nella quale Samuele Micu abbia saputo risolvere un problema che si mostrerà assai spinoso nel XIX secolo. Il fatto che ha messo il criterio della circolazione delle parole al primo posto nella selezione del materiale lessicale e ha lasciato in secondo piano il criterio dell origine latina di costoro costituisce uno degli argomenti tramite quali si sostiene il suo successo: lui dette, nella nuova traduzione, una lingua di sintesi, sopradialettale, che subito accattivò tutti i Romeni. È proprio questo l aspetto che portò anche la consacrazione della Bibbia da lui tradotta, nel senso che, per la bellezza della lingua, una Bibbia tradotta da un credente greco-cattolico potè sorpassare i confini confessionali e diventò una fonte, testimoniata oppure no, per le edizioni integrali che vennero stampate dopo l anno 1795 nell ambiente ortodosso (San Pietroburgo 1819; Buz u ; Bucarest 1914), ma anche per le edizioni parziali 4. Uno dei grandi ammiratori della Bibbia di Samuele Micu fu Ioan B lan, autore dello studio storico e liturgico La lingua dei libri ecclesiastici (Blaj, 1914), ma anche di una edizione del Nuovo Testamento (si veda sopra, nota nr. 4), nella prefazione della quale lui fa le sequenti precisazioni: «Il Testamento Nuovo contiene quattro vangeli, Gli atti degli apostoli, 21 lettere e L Apocalisse. Io li ho dati secondo l ottima Bibbia romena, che venne stampata a Blaj nell anno 1795 [n.s.], ed ho cambiato soltanto lì dove mi è sembrato che il 4 Nell anno 1817, a San Pietroburgo, secondo la traduzione di Samuil Micu, venne stampato in prima istanza il Nuovo Testamento. Due anni più tardi, sempre secondo la stessa traduzione, vennero stampati, sia il Nuovo Testamento separatamente, sia la Bibbia intera. Più di un secolo dopo, nell anno 1925, il canonico Ioan B lan pubblicava a Oradea Mare, a portata di mao di tutti, il Nuovo Testamento del nostro Signore Gesù Cristo. 15

16 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI senso non fosse abbastanza chiaro e dove oggidì la parola non sarebbe ormai adatta». Nel suo ampio studio storico e liturgico dall anno 1914, Ioan B lan lodava «il parlare pulito romeno afferrato da ogni Romeno» (p. 186), dubbitando che la Bibbia che stava per uscire dalla stampa proprio quell anno potrebbe svegliare tali echi nella posterità: «Quando queste righe avranno visto la luce della stampa, forse sarà stampato anche l inizio di una nuova Bibbia di Blaj, per la quale avrebbe faticato più di Clain un altro meritevole insegnante delle scuole di Blaj. Ne ho tanta paura che su questa nuova traduzione nata sotto il segno zodiacale dei latinizzanti non ci sarebbe la possibilità di scrivere tante belle parole nemeno 120 anni dopo o forse neanche più presto» 5. Ripristiniamo oggidì assieme a costui l entusiasmo con il quale venne elogiato il felice esito del Micu, ma non ci scheriamo dalla parte della ragione per cui l autore dello studio citato diventò assai pessimista quando valutasse la fortuna posteriore dell altra Bibbia di quale ne parlasse. Quale sarebbe, insomma, questa Bibbia da lui rammentata? Il suo autore, lo sappiamo da quì, è «un altro meritevole insegnante delle scuole di Blaj», e la sua fatica sarebbe più grande di quella del Clain stesso. Questi modi di dire assomigliano alle definizioni a cifratura delle parole crociate, e per coloro che non sapiano che, nell anno 1914, a Blaj, il professore Victor Smigelschi avesse pronto, in un manoscritto piramidale 6, il testo biblico, lavorato secondo Samuil Micu e arricchito con un numero impressionante di note e commentari, il senso delle formulazioni al di sopra svolte rimarebbe affatto criptico. Se Ioan B lan credeva che l eco della Bibbia di V. Smighelschi avrebbe da soffrire nella posterità a causa della lingua preparata «sotto il segno zodiacale dei latinizzanti» ( ), sembra che la realtà sarebbe superato di lunga misura le sue previsioni, perché il testo non ebbe la fortuna di essere conosciuto dalla posterità, rimanendo in manoscritto fin oggidì. Il probleba della sua pubblicazione stampata venne posto seriamente durante il decennio della seconda guerra mondiale e ci sono delle prove della corrispondenza svolta dall autore con coloro che dovevano costituire la commissione dei censori del testo. Nello stesso tempo, esistono anche degli abbozzi della stampa con branni dal Libro della Genesi e dai Vangeli. L apparizione di questo testo era un evento aspettato, con ansia da alcuni, con sfiducia da altri. 5 Ioan B lan, Limba c r ilor biserice ti. Studiu istoric i liturgic [La lingua dei libri ecclesiastici], Blaj, 1914, p In sei volumi, conservato alla Biblioteca dell Accademia Romena, Sezione di Cluj-Napoca, Fondo Blaj, sotto la signatura: ms. rom. 284, voll. I-VI. 16

17 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA Certo è il fatto che la notizia del testo della Bibbia di Smigelschi si fosse sparsa dappertutto, e non fu la guerra a ostacolare la sua apparizione, però, come si fa sapere in una battuta amara di un chierico di Blaj, in una breve nota di gazzetta: «La Bibbia non fu stampata a causa di alcuni sgarbi e cabale solite fra i preti». In questo piano, dunque, doveva essere cercata la sconfitta totale di una impresa senza precedente da noi, perché il Smighelschi fu il primo a compiere una versione esegetica del testo biblico nella cultura romena 7. Intanto perché i lettori si facciano una ragione sulla lingua del testo preparato da Victor Smighelschi, ma anche per accorgersi del rapporto di costui con la traduzione di Samuil Micu, sono riprodotti, in continuazione, alcuni branni dal Nuovo Testamento, accanto alla variante stampata nell anno 1925 da Ioan B lan, sulla quale si è fatto discorso al di sopra. Si potrà vedere così se oppure quali cambiamenti vennero operati nel testo di Samuil Micu dopo l azione profonda di assai molte ondate dei movimenti linguistici innovativi che sorpassassero la lingua romena. B1795 Il Sacro Vangelo del Signore Gesù Cristo secondo Giovanni Cap 2 Isus, fiind chemat la nunt, preface apa în vin. i din Capernaum venind în Ierusalim, scoate din besearic pe cei ce vindea i cump ra. i, s mn cerând jidovilor, zice: «Sparge i besearica aceasta i proci». Mul i pentru seamne au crezut întru numele Lui, c rora El nu s încredea. 1. i, în zioa a treia, nunt s-au f cut în Cana Galileii. i era muma lui Iisus acolo. Bibbia V. Smighelschi ( ) Il Sacro Vangelo del Signore Gesù Cristo secondo Giovanni Cap II Isus fiind chiemat la nunt, schimb apa în vin. Din Capernaum venind în Ierusalim, scoate din biseric pe cei ce vindeau i cump rau. Iudeii semn cerând, zice: «Sparge i biserica aceasta.c.l.» Mul i, pentru semne, au crezut întru numele Lui, dar El nu se încredea lor. 1. i, în ziua a treia, nunt s-a f cut în Cana Galileei, i era mama lui Isus acolo. NT Ioan B lan (1925) Il Sacro Vangelo del Signore Gesù Cristo secondo Giovanni Cap 2 Nunta din Cana. Cur irea bisericii. Mul i cred în Isus. 1. i în ziua a treia nunt s-a f cut în Cana Galileii, i era muma lui Isus acolo. 7 Si veda Niculina Iacob, Giovanni Chindri, Biblia lui V. Smigelschi cea dintâi versiune exegetic a textului biblic în cultura româneasc [La Bibbia di V. Smigelschi la prima versione esegetica del testo biblico nella cultura romena], nel vol. coala Ardelean [La Scuola Transilvana], III, Casa Editrice Episcop Vasile Aftenie, Oradea, 2009, pp

18 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI 2. Iar au fost chemat i Iisus i ucenicii Lui la nunt. 3. i, sfâr indu-s vinul, au zis muma lui Iisus c tr Dânsul: «Vin n-au». 4. Zis-au ei Iisus: «Ce e Mie i ie, muiare, înc n-au venit ceasul Mieu». 5. Zis-au muma Lui slugilor: «Orice ar zice voao, face i». 6. i era acolo eas vas de piiatr, pus dup cur iia jidovilor, carele luoa câte doao sau trei veadre. 2. i a fost chiemat i Isus i înv ceii Lui la nunt i g tându-se vinul, a zis mama lui Isus c tr Dânsul: «Vin n-au». 4. Zis-a ei Isus: «Ce e Mie i ie, muiere?» Înc n-a venit oara mea. 5. Zis-a mama Lui slugilor: «Orice ar zice voau, face i». 6. i erau acolo ase vase de piatr, puse dup cur ia iudeilor, cari cuprindeau câte doau sau trei vedre. 2. i a fost chemat i Isus i ucenicii Lui la nunt. 3. i sfâr indu-se vinul, a zis muma lui Isus c tre Dânsul: «Vin nu au». 4. Zis-a ei Isus: «Ce-Mi pas Mie i ie, muiere? Înc n-a venit cesul meu» Zis-a muma Lui slugilor: «Orice ar zice vou, face i». 6. i erau acolo ase vase de piatr puse pentru cur ia jidovilor 10, cari luau câte dou sau trei vedre. Come emerge dai testi paragonati al di sopra, il sospetto di Ioan B lan nei confronti del deterioramento della lingua della Bibbia di Smighelschi sotto l influenza dei latinizzanti non sarebbe giustificato. I mutamenti operati dal professore di Blaj del XIX secolo al livello del lessico non sciupa la forma del testo antico, anche se, nello spirito latinizzante, ogni tanto lui fa delle modifiche, ma tali da non essere rovescianti per il testo: invece di ceas lui ha oar, invece di ucenic lui ha înv cel ossia, in altri passi, spirit invece di duh, arbore roditor invece di lemn roditoriu ecc. 11. Quindi, se sotto l aspetto della lingua la Bibbia 8 Il resto proprio e vero viene assecondato da note che comprendono delle chiarificazioni e riflessioni pertinenti. Illustriamo, in seguito, con le note aggiunte ai versetti scelti: «II. 2. A fost chiemat i Isus cu înv ceii lui la nunt. Gesù, partecipando alle nozze, ha benedetto e ha santificato le nozze. / 4. Ce e Mie i ie, muiere? Înc n-a venit oara Mea. Le parole ce e mie i ie gli Israeliti le usavano spesso (v. II Re 16,10; III. 17,18; IV. 3,13; 9,18; II Par. 35,2; Lc. 8,28; Mt. 8,29 etc.). Esse non esprimevano sempre rimproverare e rifiutare, ma il loro senso dipende dalle circostanze. In questo caso-qua, il loro senso sarebbe stato: Tocca a me!, e questo tanto di più, se le parole che seguono le leggiamo assieme a Gregorio di Nissa in guisa di domanda: Non è, dunque, arrivata la mia ora? Quindi, questa sarebbe la significazione: Abbi fiducia in Me! Visto che hai capito bene che arrivasse il tempo della Mia apparizione. / 5. Zis-a mama Lui slugilor: Orice ar zice voau, face i. Queste parole dicono chiaramente che Maria, dopo la risposta di Gesù dal v. 4, fosse pienamente convinta che lui l avrebbe aiutata. / 6. Puse dup cur ia iudeilor, cioè per il loro lavaggio, perché avevano l abitudine di lavarsi le mani e i piedi prima di mettersi a tavola (v. Mt. 15,2; Mr. 7,3 seg.; Lc. 11,39). Câte doau sau trei vedre. Una secchia, uno bath comprende circa 38 l». 9 Anche Ioan B lan accompagnia il testo con commenti, come lui stesso lo dice nella prefazione, ma questi sono pocchi e di piccole dimensioni. «Quando sarà il momento, tocca a Me a compiere i miracoli necessari». 10 «Questi vassoi erano messi perché i Giudei si lavassero le mani prima di mangiare». 11 Come nei seguenti passi: 18

19 LA MODERNIZZAZIONE DELLA LINGUA DEI LIBRI ECCLESIASTICI DEL XIX SECOLO FRA NECESSITÀ E MODA di Smighelschi non avrebbe avuto motivi di non passare come uguale alla Bibbia di Samuil Micu, le note e le spiegazioni che accompagnano il testo e che si svolgono nei più inaspettati piani (teologico, morale, linguistico, scientifico ecc.) avrebbero levato questa versione romena del testo biblico al di sopra di tutte le imprese compiute da noi fin a quel momento. La sfortuna disse anche questa volta la sua parola, come l ha detto ormai per tante di quelle volte, per rammentare qui soltanto il momento , quando un altra traduzione di valore della Bibbia in lingua romena, questa volta secondo la Vulgata, rimaneva chiusa fra le coperte del manoscritto 12. Le paure di Ioan B lan riguardanti la situazione della lingua dei libri ecclesiastici erano ancora motivate, perché aveva prodotto tanti di quei esempi riguardanti il deterioramento della lingua di costoro. Da dove, dunque, veniva lo sciupo? I mutamenti verificati in tutti i campi della vita materiale e culturale richiamavano un nuovo abbigliamento, quindi, l arricchimento della lingua secondo il ritmo nel quale si svolgeva il sviluppo della società. In piena epoca delle forme senza sfondo, si arrivò a delle assordità formali nella lingua letteraria, che diventò, come veniva caratterizzata da un discepolo di Titu Maiorescu, di nome I. A. R dulescu-pogoneanu, durante la sua permanenza in Germania, a Lipsia, dove preparava il suo dottorato in filosofia, «una lingua variegata, barbara, digenerata, senza midollo, senza carattere proprio nazionale una lingua esule, importata dalla Francia, vestita alla svelta con una veste romena, una veste che ti fa pena» i p mântul era nev zut i netocmit, i 2. Iar p mântul era nev zut i netocmit i întunearec era deasupra adâncului, i duhul întunerec era deasupra adâncului. i spiritul lui Dumnezeu s purta pre deasupra apei. (B lui Dumnezeu se purta deasupra apei. 1795, Gn. 1,2) (Bibbia V. Smigelschi, Gn. 1,2) 11. i au zis Dumnezeu: «S r sar p mântul iarb vearde, carea s samene s mân dup fealiu i dup asem nare, i lemn roditoriu, care s fac rod, c ruia s fie s mân a lui într-însul, dup fealiu, pre p mânt». i s-au f cut a ea. (B 1795, Gn. 1,11) i a zis Dumnezeu: «S r sar p mântul iarb verde, carea s samene s mân dup fel i dup as m nare, i arbore roditor, care s fac rod, a c ruia s mân s fie într-însul dup fel pe p mânt!» i s-a f cut a a. (Bibbia V. Smigelschi, Gn. 1,11) 12 Con l edizione princeps soltanto nell anno 2005: Biblia Vulgata [Bibbia Vulgata. Blaj ], Voll. I-V, Casa Editrice dell Accademia Romena, Bucarest, Editore coordinante Ioan Chindri, coordinazione filologica N. Iacob. 13 I. A. R dulescu, nel vol. Omagiu lui Titu Maiorescu [Omaggio a Titu Maiorescu], Bucarest, 1900, p. 461; secondo Onisifor Ghibu, Limba nou lor c r i biserice ti [La lingua dei nuovi libri ecclesiastici], Sibiu, La Stampa della Tipografia Arcidiocesana, 1905, p. 17.

20 Niculina IACOB, Ioan CHINDRI Neanche la lingua dei libri ecclesiastici sfuggì a questo morbo, qualunque ci fosse la provincia romena che abbiamo in mente. Di una lingua ecclesiastica a pari passo con le innovazioni imposte dalla evoluzione naturale della società ne parla, nell anno , l arcivescovo moldavo Veniamin Costachi, seguendo lo spirito riformatorio degli studiosi transilvani del XVIII secolo. Alcune delle innovazioni da lui proposte erano state già messe in pratica da Samuil Micu nella traduzione della sua Bibbia, ciò che significa che proprio a Samuil Micu dobbiamo riconoscere il ruolo di apertura del movimento di rinnovamento della lingua dei libri religiosi. Per esempio, l analisi del testo tradotto dal corifeo di Blaj ha dimostrato che lui abbia sistematicamente sostituito il verbo di origine slava a blagoslovi con il verbo romeno, acquistato per un calco di struttura, a binecuvânta, ed il sostantivo blagoslovenie con binecuvântare, molto prima che Veniamin Costachi raccomandasse insistentemente l uso del verbo a binecuvânta al posto di a blagoslovi. L echilibrio che ha caratterizzato il Micu non si ritrova più nella stessa misura nel prelato moldavo, che, quanto si sprofondava nella sua apprenione, tanto lasciava posto per molte soluzioni esagerate, raccomandate, naturalente, dall altezza del suo incarico a tutti coloro per cui fungeva da pastore 15. Tra le parole che lui le voleva cambiate si annoverano: molitv, vohod, dver, c dire, per le quali propone rug ciune, întrare, u, t mâiare. A queste si raggiungono: prestol, tristago, blagoslovea te ovvero blagoslovit iaste, înger, sfântul agne, teplot e pocrove, che sono state riportate tutte quante alla natura della nostra lingua, cioè: invece di prestol, si disse mas, e invece di tristago, 14 Liturghiile a sfin ilor ierarhi Ioan Hrisostomul, Vasilie cel Mare i Grigorie Dialog. Acum de nou îndreptate de pre ceale ellino-grece ti i slaveno-ruse ti de însu i preaosfin itul chirio chirio Veniamin, mitropolit a toat Moldaviia, prin a c ruiia oserdie, chieltuiala i blagoslovenie s-au tip rit întru acesta i chip precum s v d. În zilele prealuminatului i preaîn l atului nostru domn, Scarlat Calimahi-Voievod, întru al 6-lea an a domniei a 2-a a În l imii Sale. În Tipografiia Sfintei Mitropolii a Ia ului, în al 6-lea an al suirii a 2 oar în scaonul Mitropoliei, la anul de la mântuirea lumii 1818 [Le liturgie dei santi gerarchi Giovanni Crisostomo, Basilio il Grande e Gregorio Dialogo. Adesso di nuovo emendate secondo quelle elino-greche e slavo-russe dal santissimo signore signore Veniamin stesso, arcivescovo d intera Moldavia, per lo zelo, le spese e la benedizione di cui sono state stampate così come si vedono. Nei giorni del illustrissimo nostro signore, Scarlat Calimahi-Vaevoda, nel sesto anno del secondo regno della Sua Altezza. Nella Tipografia del Santo Arcivescovato di Iassi, nel sesto anno della seconda ascensione sul trono dell Arcivescovato, nell anno della salvezza del mondo 1818]. 15 «Adesso, desiderando di finire il discorso, porgo un punto finale tramite questa richiesta, di essere ricevuto da voi questo libro-qua e di impegnarvi nell apprendere le parole emendate in alcune parti, come avevamo mostrato al di sopra, senza stupirsi del mutamento di alcune parole ossia nomi.» (La prefazione di Veniamin al Messale di 1818). 20

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994).

Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). Giovanni 1:18 Nessuno ha mai visto Dio; l'unigenito Dio, che è nel seno del Padre, è quello che l'ha fatto conoscere (NR, 1994). (1) Introduzione (2) Esegesi e analisi testo (3) Contributi di vari studiosi

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

I CHE COS È L ESEGESI?

I CHE COS È L ESEGESI? I CHE COS È L ESEGESI? Esegesi è una parola di origine greca (greco: exégesis) usata da Tucidide nel senso di «racconto, esposizione», da Polibio nel senso di «spiegazione, commento», da Platone nel senso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Abbiamo visto la sua gloria

Abbiamo visto la sua gloria DANIEL ATTINGER Abbiamo visto la sua gloria Riconoscere il Signore nella fragilità dei segni Editrice AVE Presentazione Le meditazioni qui raccolte s inseriscono nel quadro del pellegrinaggio organizzato

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno

Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno Domanda della madre dei figli di Zebedeo Matteo 20, 20-28 Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli, e si prostrò per

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia

Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Punto Yes Associazione Metanoeite di Foggia Incontro del 16 Novembre 2014 in viale Ofanto 27 - Foggia dalle ore 17.30 (LETTORE) Introduzione Viviamo le diverse parti della preghiera con calma e tranquillità,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE

CAPITOLO I LA RIVELAZIONE COSTITUZIONE DOGMATICA Dei Verbum SULLA DIVINA RIVELAZIONE PROEMIO 1. In religioso ascolto della parola di Dio e proclamandola con ferma fiducia, il santo Concilio fa sue queste parole di san Giovanni:

Dettagli

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia

CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia CREDO DEL POPOLO DI DIO DI SUA SANTITÀ PAOLO VI (30 giugno 1968) Motu proprio Sollemni hac Liturgia Il Credo del Popolo di Dio è una Professione di Fede che Paolo VI ha formulato e presentato il 30 giugno

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO

CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO CADUTI IN TERRA PER PORTARE FRUTTO Veglia di Preghiera Guida: Il sangue dei Martiri è sangue di speranza che, caduto in terra porta frutti di vita nuova. Non c è amore più grande di questo: dare la vita

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO?

CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? CARNE DI MAIALE: PERCHÉ NO? Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall'ipocrisia di uomini

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione»

Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» CONGREGATIO DE CULTO DIVINO ET DISCIPLINA SACRAMENTORUM Prot. N.1139/11/L Textum latinum et italicum formularii Missae peculiaris «Pro nova evangelizatione» Probatum. Ex aedibus Congregationis de Cultu

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Ma Lo Sai Tu Che...?

Ma Lo Sai Tu Che...? Ma Lo Sai Tu Che...? ...che il battesimo in acqua fatto nei titoli di Padre, Figlio e Spirito Santo (Matteo 28:19) per Dio non è valido? Tu dirai: Perché non è valido?. La risposta è semplice: Non è valido

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

Ho vivamente apprezzato la tua recente

Ho vivamente apprezzato la tua recente 35 Le illusioni e i desideri sono illuminazione Ho vivamente apprezzato la tua recente visita e la tua costante preoccupazione per le numerose persecuzioni che mi sono capitate. Poiché ho subìto queste

Dettagli

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia.

Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. Il Signore è risorto! È veramente risorto! Alleluia. 5 aprile 2015 DOMENICA DI PASQUA RISURREZIONE DEL SIGNORE L annuncio pasquale risuona oggi nella Chiesa: Cristo è risorto, egli vive al di là della

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

6 Il regno: già o non ancora?

6 Il regno: già o non ancora? 6 Il regno: già o non ancora? Gesù (probabilmente) non introdusse molte novità preoccupanti riguardo alla Legge; egli predicava il regno di Dio (o dei cieli, come diceva un pio israelita quale Matteo,

Dettagli

Mat.5:17: «Abolire» la Legge

Mat.5:17: «Abolire» la Legge Mat.5:17: «Abolire» la Legge (IL PRESENTE ARTICOLO È TRATTO E SVILUPPATO DAL LIBRO DI QUINTAVALLE ARGENTINO, ELEMENTI ESSENZIALI DELLA FEDE GIUDEO CRISTIANA, CAP. 9: CHE COS È LA TORAH) http://www.messiev.altervista.org/elementiessenziali.pdf

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA

Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA approfondimenti biblici 07 Chiunque beve di quest acqua don GIACOMINO PIANA In verità, in verità vi dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può entrare nel regno di Dio Quel che è nato dalla

Dettagli

Marta, una vera discepola di Gesù. Prof.ssa Nuria Calduch-Benages, MN

Marta, una vera discepola di Gesù. Prof.ssa Nuria Calduch-Benages, MN Marta, una vera discepola di Gesù Prof.ssa Nuria Calduch-Benages, MN La nostra protagonista è Marta di Betania. Come mai questa scelta? La risposta si trova in Gv 11,27, dove Marta confessa la sua fede

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1

LA PASQUA SETTIMANALE DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 LA "PASQUA SETTIMANALE" DEGLI EDUCATORI PASQUA DI RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO A) 1 Spunti per la meditazione personale e per la riflessione agli alunni Fr. Donato Petti 1. Perché cercate tra i morti

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli