IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base. Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base. Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli"

Transcript

1 IL MICROSCOPIO: principi e componenti di base Che cos è un microscopio? Il microscopio è uno strumento che rende visibili i dettagli più piccoli Il microscopio compie tre operazioni: 1) Ingrandimento: l immagine del campione è ingrandita 2) Risoluzione: i dettagli nell immagine sono separati 3) Contrasto: i dettagli sono resi visibili all occhio umano o ad altri strumenti atti a rilevarli

2 Relazioni tra il microscopio e l occhio umano L occhio umano percepisce i colori del visibile e le differenze di intensità luminosa (intensità che varia dal nero al bianco e tra tutte le tonalità di grigio) Sezione occhio umano Sezione retina I recettori dei colori sono le cellule coniche (cone cells) e quelle che rilevano l intensità luminosa sono le cellule a bastoncino (rod cells). Entrambi presenti nella retina. La retina è situata nella parte posteriore dell interno dell occhio. La cornea e le lenti determinano il meccanismo di far entrare e di focalizzare la luce verso la retina. Da qui, parte ilo messaggio elettrochimico verso il cervello

3 L occhio distingue chiaramente i dettagli di un immagine quando questa è diffusa sulla retina con un sufficiente angolo visuale Oggetto posto lontano dall occhio Oggetto posto vicino dall occhio

4 Il microscopio semplice A causa della limitata capacità delle lenti dell occhio di modificare la propria forma, gli oggetti molto vicini all occhio non possono avere una immagine focalizzata sulla retina Lenti convesse (spesse al centro) sono stati utilizzati come lente d ingrandimento o microscopio semplice Il campione è focalizzato sulla retina grazie ad una lente d ingrandimento posta tra l oggetto e l occhio Limiti Posizionamento del campione Illuminazione Aberrazione delle lenti costruzione

5 Microscopio di Von Leeuwenhoek

6 Il microscopio composto (Galileo) Il microscopio composto mostra 1. due lenti convesse allineati in serie: una lente vicino all oggetto (obiettivo) e una lente vicino all occhio (oculare) 2. Mezzi che permettono il movimento delle lenti e del campione Il microscopio composto determina un ingrandimento a due stadi: 1. l obiettivo proietta un immagine ingrandita del campione nel tubo del microscopio 2. l oculare ingrandisce ulteriormente tale immagine Ad esempio: se si utilizza un obiettivo 10X ed un oculare 15X, l ingrandimento totale sarà di 150X

7 Funzionamento di un microscopio 1. la luce di una lampada passa attraverso un condensatore; 2. quindi attraversa il vetrino con il campione posto su un apertura della piastra porta oggetti 3. la luce è poi raccolta dall obiettivo 4. l obiettivo insieme alle lenti posti nel tubo, focalizzano l immagine del campione a livello del diaframma dell oculare 5. l immagine è poi vista dall osservatore come se essa è posizionata a 250 mm dall occhio

8

9 Considerazioni sulla formazione dell immagine L immagine non deve essere solamente ingrandita ma deve essere anche chiara. Risoluzione Apertura numerica Quando la luce dai vari punti del campione passa attraverso l obiettivo, questi punti sono visti nell immagine come piccoli dischi e non punti. Questo è causato dalla diffrazione e diffusione della luce. Tali dischi sul piano dell immagine, consistono di piccoli cerchi concentrici luminosi e bui. Più piccoli sono questi dischi, meno si sovrappongono e maggiore saranno i dettagli dell immagine. La capacità di distinguere chiaramente i dettagli più minuti del campione è conosciuta con il nome di potere di risoluzione

10 Il potere risolvente del microscopio è misurato dalla minima distanza che separa due punti o due linee vicine ma ancora distinguibili.

11 Se si riduce l apertura del diaframma di apertura del condensatore, il contrasto aumenta ma diminuisce il potere risolvente. Comunemente si trova un compromesso fra i due estremi

12 La capacità di un obiettivo di comprendere i vari raggi della luce provenienti da ciascuna parte illuminata del campione, è direttamente relativa all apertura angolare dell obiettivo Apertura numerica = n * siin µ n= indice di rifrazione del materiale presente nello spazio tra il campione e la lente frontale µ = grado di apertura angolare dell obiettivo

13 L apertura numerica del microscopio è data da quella dell obiettivo più quella del condensatore Comparazione di un microscopio a bassa ed alta apertura numerica

14 I dettagli dell immagine possono essere rilevati anche con obiettivi di bassa apertura numerica. Infatti, gli obiettivi a bassa apertura numerica hanno una maggiore profondità di campo e quindi una maggiore distanza tra l obiettivo e il campione rispetto agli obiettivi di alta apertura numerica Comparazione della profondità di campo di un sistema a bassa ed alta apertura numerica

15 Correzione dell aberrazione cromatica: i principali colori sono proiettati in un unico punto di focalizzazione Correzione dell aberrazione sferica: i raggi di luce che passano in posizioni diverse attraverso la lente sono proiettati in un punto di focalizzazione

16 Componenti ottici di un microscopio L obiettivo è il più importante componente ottico del microscopio ed è costituito da una serie di lenti 1. La sua funzione di base è acquisire la luce che passa attraverso il campione ed proiettare un immagine invertita del campione nel corpo del microscopio 2. Dovrebbe avere la capacità di ricostruire i vari punti del campione in corrispondenti punti dell immagine chiamati anti.punti (disco circolare di diametro definito) 3. Deve essere costruito in modo tale che possa fuocalizzare ad una distanza più vicina possibile al campione e quindi proiettare un immagine ingrandita nel microscopio 4.Dovrebbe avere la parte frontale della lente ritraibile in modo da proteggerla nel caso in cui l obiettivo richiede di focalizzare molto vicino al campione

17 Tipi di obiettivi 1. Acromatico A) Meno costoso B) Sono corretti cromaticamente per la luce blu e rossa C) Sono corretti per le aberrazioni sferiche per il colore verde D) Migliori risultati sono ottenuti con luce che passa attraverso un filtro verde e con immagini in bianco e nero 2. Fluorite A) Più costoso dell acromatico B) Sono corretti crormaticamente per la luce blu, rossa ed anche verde C) Sono corretti per le aberrazioni sferiche per il blu ed il rosso D) Sono uitili per la fotomicrogrsfis a colori 3. Apocromatico A) Più costosi B) Sono corretti cromaticamente per il blu profondo, blu, verde e rosso C) Sono corretti sfericamente per il blu profondo, blu e verde D) Sono i migliori obiettivi per la registrazione e l osservazione a colori E) Maggiore numero di aperture

18

19 Al fine di ottenere immagini piane e non curve esistono degli obiettivi chiamati Acromatico piano o (Fluorite piano o Apocromatico piano La correzione della curvatura di campo è indispensabile per la registrazione delle immagini

20 Complessità del sistema delle lenti che costituiscono un obiettivo apocromatico all incrementare dell ingrandimento

21 Descrizione delle caratteristiche sull obiettivo 1. Ingrandimento (10X, 20X, 40X, ecc.) 2. Il segno la correzione per l infinito 3. lo spessore del copri vetrino (0.17 mm) 4. Il tipo di obiettivo 5. Se l obiettivo è costruito per operare in immersione 6. apertura numerica ( ) 7. Banda colorata per distinguere l ingrandimento

22 L oculare Gli obiettivi devono essere utilizzati in combinazione con gli oculari per ottenere i migliori risultati Caratteristiche funzionali dell oculare 1. La sua funzione base è guardare l immagine ingrandita proiettata dall obiettivo ed ingrandire una seconda volta l immagine (immagine virtuale); 2. Un piccolo oculare serve per acquisire l immagine (quella proiettata dall obiettivo) mediante sistemi fotografici o video. 3. Nell oculare alloggia un diaframma fisso. Ed è sul piano di questo diaframma che sarà proiettata l immagine dall obiettivo; 4. Sulla montatura del diaframma fisso si può inserire un reticolo per le

23 Tipi di oculari Ramsden (oculare positivo) Huygenian (oculare negativo) Nel tipo negativo sono presenti due lenti: la superiore e l inferiore o lente di campo. Entrambe le lenti sono piano convessi con la parte convessa rivolta verso il campione A metà distanza tra queste due lenti è presente il diaframma fisso Nel tipo positivo, le lenti costituite da diversi elementi uniti insieme, sono posti sopra il diaframma fisso. La porzione in basso dell oculare si può svitare per poi, a seconda dell uso, porre un reticolo che serve per conteggiare o misurare.

24 Il condensatore Il condensatore è posto sotto la piastra portaoggetti ed, in particolare, tra la lampada per l illuminazione ed il campione. Caratteristiche funzionali dell oculare 1. La sua funzione base è quella di raccogliere la luce proveniente dal sistema di illuminazione e concentrarla a raggi paralleli sul campione e, attraversato questo, sul piano focale dell obiettivo; 2. Esso è costruito in modo tale che la luce arrivi a focalizzarsi all apertura del suo diaframma; 3. I nuovi modelli di condensatore sono provvisti sistemi di correzione delle lenti; 4. In alcuni microscopi, nel condensatore sono alloggiati gli accessori per il contrasto di fase

25 Condensatore di tipo Abbe Apertura numerica di 1.25 Non è ben corretto per le aberrazioni cromatiche e sferiche Utilizzato per le osservazioni di routine Condensatore di tipo Aplanatico Acromatico Le aberrazioni cromatiche e sferiche sono ben corrette Utilizzato per l osservazioni a colori

26 Considerazioni sull utilizzo L appropriato utilizzo dell apertura del diaframma del condensatore è importante nel determinare l ottimo livello di illuminazione e di contrasto L apertura del diaframma controlla l angolo dei raggi luminosi che passano attraverso il campione e vanno nell obiettivo Quando si utilizzano obiettivi di basso ingrandimento è preferibile svitare la lente superiore del condensatore oppure utilizzare un condensatore di basso potere L altezza del condensatore è regolata da uno o due viti. L aggiustamento di tale altezza è importante per l illuminazione (vedi dopo)

27 1. Alla base del condensatore, sotto il condensatore, è presente uno specchio (la superficie frontale è argentata) la cui funzione è quella di riflettere la luce che arriva dal sistema di illuminazione verso il condensatore. Prima dello specchio è posto un diaframma definito diaframma di campo. Altre componenti ottici del microscopio 2. Nella parte più bassa del tubo di osservazione è incorporata una lente (tube lens) la cui funzione è quella di raccogliere i raggi paralleli del proiettati dall obiettivo e condurli al piano del diaframma fisso dell oculare 3. la base del microscopio contiene una lente (collector lens) che è posta di fronte il sistema di illuminazione e la sua funzione è quella di indirizzare la luce, attraverso lo specchio, sul piano

28 Componenti meccanici/elettrici 1. la base del microscopio, a forma differente, permette una grande stabilità. Inoltre, in essa sono presenti i componenti elettrici per azionare e controllare il sistema di illuminazione. Questo è posto nella parte bassa e posteriore della base. La base inoltre presenta il diaframma di campo. 2. Il piano del microscopio presenta un apertura che permette il passaggio della luce e dove è posto il vetrino con il campione. Inoltre sono presenti delle manopole che muovono il campione (sopra/sotto e sinistra/destra);

29 3. Sulla parte destra e sinistra del sostegno del microscopio sono presenti le manopole per la messa a fuoco sia grossolana (vite macrometrica) sia fine (vite micrometrica) 4. sotto il piano o piastra è posto un contenitore per l alloggiamento del condensatore. Questo contenitore può essere svitato e potrebbe avere delle viti per centrare il condensatore all asse ottico del microscopio 5. sul supporto del microscopio è posto un portaobiettivi (nosepiece) che è fissato o rimovibile, e su esso sono montati gli obiettivi di diverso

30 6. Tubi rimovibili, sia binoculari sia trinoculari, sono attaccati al sostegno del microscopio sopra il portaobiettivi. Il binoculare è utilizzato solo per vedere mentre il trinoculare è utilizzato anche per fotografare. Essi sono posizionati ad un angolo di 30 per facilitare l osservazione

31 L intelaiatura del microscopio ha le seguenti funzioni: 1. Assicurare la stabilità e rigidità al microscopio; 2. Fornire il supporto per alloggiare gli obiettivi e l oculare; 3. Contenere il campione su una superficie piana e permettere il movimento di questo campione mediante apposite manopole 4. Fornire il supporto al condensatore, al sistema di illuminazione ed al sistema elettrico I moderni microscopi hanno le caratteristiche di essere ergonomici ed modulari A) Le viti per la messa a fuoco sono concentrici e posti sulla parte superiore del microscopio facilitando così l operatore (le mani o le braccia non devono essere in alta posizione); B) La base frontale è stretta per permettere un facile accesso agli accessori; C) L angolo per l osservazione permette lunghi periodi di lavoro senza affaticarsi; D) Il portaobiettivi è costruito in modo tale che, quando un obiettivo è utilizzato, gli altri due non ostacolano le dita dell operatore. Diversi componenti sono intercambiabili: condensatori, obiettivi, oculari, lampade, tubi di osservazione, ecc.

32 Sistema di illuminazione Inizialmente, la sorgente di luce era costituita dalla luce solare mentre successivamente sono state adottate delle lampade elettriche di vario tipo. Queste sorgenti luce erano focalizzate direttamente sul campione mediante un condensatore. Problemi: Scarsa uniformità di illuminazione determinata da: 1. Limitata dimensione della sorgente di luce (poca luce); 2. L immagine della luce era inopportunamente sovrapposta sull immagine del campione Nei primi anni del 1900, August Kohler progettò un sistema di illuminazione (Illuminazione Koehler) che superò tali problemi

33 Illuminazione Koehler Metodo: Una lente (collector lens) è posta di fronte alla sorgente di illuminazione e proietta un immagine allargata della luce verso il diaframma di apertura del condensatore 1. Poiché la luce è focalizzata di fronte al piano focale del condensatore, la luce emergente attraversa il campione per raggi paralleli; 2. Poiché la luce non è focalizzata sul piano del campione, essa si presenta estesa e non sgranata

34 La regolazione del diaframma di apertura del condensatore controlla l angolo del cono di luce che raggiunge il campione; Un secondo diaframma (diaframma di campo) invece controlla il diametro (e non l angolo) della luce che attraversa il campione. Manipolando questi due diaframmai si raggiunge il miglior compromesso tra risoluzione e contrasto

35 Procedura per settare l illuminazione di Koehler 1. Accendere la lampada del microscopio, aprire totalmente entrambi i diaframmi (diaframma di apertura e diaframma di campo); 2. Ruotare il portaobiettivi per portare l obiettivo 10X sulla il percorso della luce. 3. Porre il campione sulla piastra e focalizzare mediante le viti; 4. Chiudere totalmente il diaframma di campo. Quindi, salire il condensatore e focalizzare l immagine del diaframma di campo (forma poligono) su quella del campione; Se l immagine del diaframma di campo non è centrata, usa la manopole del condensatore per centrarla. Poi aprire il diaframma di campo fino alla sua scomparsa dalla vista; 5. Tirare fuori un oculare e guarda dentro il tubo. Nel guardare, aprire e chiudere il diaframma di apertura del condensatore ed aggiustare la sua apertura che sia aperta di 2/3 o ¾ (miglior compromesso tra risoluzione e contrasto). Quindi riporre l oculare; 6. Osservare i suddetti steps ogniqualvolta si cambia l obiettivo

36 Procedura per focalizzare il microscopio 1. Accendere la lampada e settare l intensità di luce per un osservazione confortevole 2. Guardando attraverso l oculare, afferrare i due tubi con le mani ed avvicinarli o allontanarli fino a che si osserva un solo cerchio di visione; 3. Porre un vetrino con il campione sulla piastra ed aumentare o diminuire l altezza della piastra utilizzando la vite macrometrica. Portare a fuoco e quindi utilizzare la vite micrometrica per una perfetta messa a fuoco; 4. Se si desidera utilizzare un altro obiettivo, la nuovo messa a fuoco sarà eseguita solamente con la vite micrometrica

37 Tipi di microscopio Microscopio ottico: 1. Per luce trasmessa (quando all obiettivo giunge la luce che attraversa il campione) 2. Per luce diffusa (quando il campione è illuminato in modo che all obiettivo giunge solo la luce da esso diffusa) 3. Per luce riflessa (quando l obiettivo raccoglie la luce riflessa dalla superficie dell oggetto) Campioni opachi Campioni trasparenti colorati (metodo della colorazione

38 Per campioni trasparenti sui quali la colorazione può interferire con i processi oggetti di studio (ad esempio, cellula vivente o amebe), si utilizza Microscopio a contrasto di fase Converte in differenze di intensità le differenze di fase che si producono tra la luce che attraversa le parti interne del campione e la luce diretta proveniente dal piano su cui questo è posto Come si forma un immagine? L immagine si forma in quanto l onda elettromagnetica (luce) che attraverso un oggetto opaco è costituita da due onde (incidente e diffratta) sfasate di mezza lunghezza d onda. Per questo motivo le due onde interferiscono tra loro dando luogo ad un immagine meno luminosa In un mezzo trasparente ci sono sempre due onde, delle quali quella diffratta non è sufficientemente sfasata tale da modificare la lucentezza dell immagine.

39 Nel microscopio a contrasto di fase, l onda diffratta viene separata e modificata in modo che si propaghi sfasata con mezza lunghezza d onda rispetto a quella incidente. Essa interferisce con l onda incidente cosicché il campione trasparente viene evidenziato in tutti i suoi particolare come se fosse un oggetto opaco Diaframma circolare Disco ritarda fase

40 Disco ritarda fase Funzionamento del microscopio a contrasto di fase Diaframma circolare

41 Microscopio a fluorescenza Il campione, illuminato con luce ultravioletta, viene trattato con opportune sostanze coloranti che emettono per fluorescenza nel campo del visibile Immagine al m. a fluorescenza

42 Microscopio polarizzatore Il campione è posto tra due nicol (funzionanti rispettivamente da polarizzatore e da analizzatore). Utilizzato soprattutto in mineralogia, nell osservazione di strutture microcristalline, identificabile in base agli effetti cromatici Cristallo al microscopio polarizzatore

43 Microscopio invertito Il sistema di illuminazione ed il sistema ottico sono rovesciati rispetto a quelli di un normale m. ottico, il che permette di esaminare la parte inferiore del preparato (colture cellulari) Stereomicroscopio Lo stereomicroscopio è uno strumento che vi permette di vedere in tre dimensioni gli oggetti osservando il campione da due angoli leggermente diversi e ottenendo le due immagini necessarie per la visione stereoscopica. Stereomicroscopio E' un microscopio adatto all'entomologia, alla mineralogia, alla botanica, quindi è largamente impiegato in numerosi campi di ricerca,

44 Microscopio elettronico Particolare tipo di microscopio in cui l osservazione dell oggetto è realizzata tramite un fascio di elettroni. Questo permette di ingrandire l oggetto più di volte ad un potere risolvente dell ordine dell angstrom

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione prima parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni

Dettagli

PON C1 L invisibile intorno a noi

PON C1 L invisibile intorno a noi Scuola Secondaria di I Grado MICHELANGELO - Bari PON C1 L invisibile intorno a noi Prof.ssa Anna Maria D Orazio Il MICROSCOPIO e uno strumento che consente di osservare oggetti di dimensioni tali da non

Dettagli

Il Microscopio. Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e. skopein (guardare), è uno strumento che. permette di ottenere un immagine ingrandita

Il Microscopio. Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e. skopein (guardare), è uno strumento che. permette di ottenere un immagine ingrandita Il Microscopio Il Microscopio Il microscopio, dal greco micron (piccolo) e skopein (guardare), è uno strumento che permette di ottenere un immagine ingrandita degli oggetti osservati. Unità di misura Unità

Dettagli

Lenti di precisione. Serie MicroMet. Dischi reticolari (solo per lente 7x)

Lenti di precisione. Serie MicroMet. Dischi reticolari (solo per lente 7x) Serie MicroMet Lenti di precisione Codice 4010026 Codice 4010028 Codice 4010039 Lente di ingrandimento con illuminatore Campo visivo 30 mm Con astuccio Fornita senza batterie (sono necessarie 2 pile mezza

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

Il microscopio ottico. La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei

Il microscopio ottico. La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei Il microscopio ottico La parola microscopio è stata coniata dai membri dell Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche Galileo Galilei Ingrandimento Un oggetto può essere visto a fuoco se posizionato

Dettagli

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia

Esercitazione di Microbiologia generale. Microscopia Esercitazione di Microbiologia generale Microscopia I microrganismi Le cellule più primitive viventi attualmente sono i batteri questi appartengono a un gruppo di organismi chiamati procarioti (letteralmente

Dettagli

MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T

MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T MICROSCOPI BIOLOGICI Modello: SA 300 B SA 300 T MANUALE DI ISTRUZIONI Il microscopi biologici della serie BLU LINE sono dotati di ottiche ACROMATICHE (x,10x,0,100x), e coppia di oculari a larghissimo campo

Dettagli

Lenti e ingrandimento

Lenti e ingrandimento Microscopia Lenti e ingrandimento q1 q2 Interfaccia sferica a g b R n1 n2 L s s N ) - (N N N ) ( N N N sin N sin 1 2 2 1 2 1 2 1 2 2 1 1 b g a g b a b g q b b a q q q s' L, s L, R L g a b R N ) - (N s'

Dettagli

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO

MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO MICROSCOPIA OTTICA: INGRANDIMENTO E MICROSCOPIO OTTICO La microscopia ottica è una tecnica di osservazione capace di produrre immagini ingrandite di oggetti o di particolari di essi, troppo piccoli per

Dettagli

n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi

n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi n 14 OBBIETTIVO PL 60/0,85 160/0,17 Ottica Turi PERIZIA su 4 esemplari PARAMETRI Caratteristiche meccaniche a norme DIN: lunghezza ottica Lo = 45 mm; passo di vite RMS. Montatura molleggiata. Ingrandimento

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Ottica geometrica Sommario 1) Cos è la luce

Dettagli

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare

Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il mondo del molto piccolo si può osservare anche utilizzando un microscopio ottico. Esistono dei limiti?? Carl Zeiss (1816-1888) Ingrandimento totale =Ingrandimento obiettivo x Ingrandimento oculare Il

Dettagli

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici

Fisica II - CdL Chimica. Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Formazione immagini Superfici rifrangenti Lenti sottili Strumenti ottici Ottica geometrica In ottica geometrica si analizza la formazione di immagini assumendo che la luce si propaghi in modo rettilineo

Dettagli

BA210 BASIC BIOLOGICAL MICROSCOPE

BA210 BASIC BIOLOGICAL MICROSCOPE BA210 BASIC BIOLOGICAL MICROSCOPE BA210 BASIC BIOLOGICAL Microscope Il nuovo Motic BA210 è stato progettato per essere utilizzato in ambiti educativi e didattici, dallo studio delle scienze naturali a

Dettagli

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico

Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn. Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Università degli studi di Messina facoltà di Scienze mm ff nn Progetto Lauree Scientifiche (FISICA) Prisma ottico Parte teorica Fenomenologia di base La luce che attraversa una finestra, un foro, una fenditura,

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA

ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA ESERCITAZIONI DI BIOLOGIA Lezione quinta parte Dott.ssa Annamaria Fiarè Gli oggetti che si osservano al MICROSCOPIO OTTICO sono generalmente trasparenti

Dettagli

Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio

Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio Il più piccolo oggetto che l occhio umano può percepire è quello che interessa almeno 10 cellule sensoriali, però se avviciniamo l oggetto all occhio questo interesserà più cellule e quindi apparirà più

Dettagli

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE

DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE DIFFRAZIONE, INTERFERENZA E POLARIZZAZIONE DELLA LUCE Introduzione Il modello geometrico della luce, vale a dire il modello di raggio che si propaga in linea retta, permette di descrivere un ampia gamma

Dettagli

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce.

Ottica geometrica. L ottica geometrica tratta i. propagazione in linea retta e dei. rifrazione della luce. Ottica geometrica L ottica geometrica tratta i fenomeni che si possono descrivere per mezzo della propagazione in linea retta e dei fenomeni di riflessione e la rifrazione della luce. L ottica geometrica

Dettagli

A.O. /Liceo Versari/2014_15. parola microscopio è stata coniata dai membri Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche ileo Galilei

A.O. /Liceo Versari/2014_15. parola microscopio è stata coniata dai membri Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche ileo Galilei Il Microscopio A.O. /Liceo Versari/2014_15 parola microscopio è stata coniata dai membri Accademia dei Lincei di cui faceva parte anche ileo Galilei Quanto è piccola una cellula Il volume della cellula

Dettagli

03/11/15. Metodi vigorosi

03/11/15. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato cellulare 2. Ultracentrifugazione

Dettagli

~11~1:~ Un po' di storia

~11~1:~ Un po' di storia ~11~1:~ Lo Zoomscope è formato da un obiettivo, da un oculare e da una lente mobile che consente di variare l'ingrandimento. La variazione dell'ingrandimento si fa grazie alla rotella posta sul fianco

Dettagli

Scheda n 25 OBBIETTIVO Ottica Turi PL 40/0,65 160/0,17

Scheda n 25 OBBIETTIVO Ottica Turi PL 40/0,65 160/0,17 G. Sini Scheda n 25 OBBIETTIVO Ottica Turi PL 40/0,65 160/0,17 In questo stesso sito, nella scheda tecnica n 14, si è già trattato dell obbiettivo PL 60/0,85, che appartiene alla stessa serie, ed a quella

Dettagli

3 Microscopi polarizzatore

3 Microscopi polarizzatore 29 Microscopio KERN OPE-1 Educational line Pol La robusta soluzione di polarizzazione per il centro di formazione o l officina Vetrino λ e Cuneo di quarzo Caratteristiche Il OPE-1 KERN è un di polarizzazione

Dettagli

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA

FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA Prof. Ceccarelli Antonio ITIS G. Marconi Forlì Articolazione: Elettrotecnica Disciplina: Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici A.S. 2012/13 FONDAMENTI DI ILLUMINOTECNICA CHE COSA

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

OTTICA TORNA ALL'INDICE

OTTICA TORNA ALL'INDICE OTTICA TORNA ALL'INDICE La luce è energia che si propaga in linea retta da un corpo, sorgente, in tutto lo spazio ad esso circostante. Le direzioni di propagazione sono dei raggi che partono dal corpo

Dettagli

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce Esperimento 1: Dispersione della luce Materiali e strumenti: Occhiali speciali, luce Esecuzione: Ho indossato gli occhiali ( che funzionano come un prisma di vetro), quindi ho osservato una fonte di luce

Dettagli

Radiazione elettromagnetica

Radiazione elettromagnetica Radiazione elettromagnetica Un onda e.m. e un onda trasversa cioe si propaga in direzione ortogonale alle perturbazioni ( campo elettrico e magnetico) che l hanno generata. Nel vuoto la velocita di propagazione

Dettagli

Studiare le cellule:

Studiare le cellule: Studiare le cellule: Le cellule possono essere studiate dal punto di vista morfologico, biochimico e funzionale. L'analisi biochimica e funzionale ha lo scopo di studiare la natura chimica e le modalità

Dettagli

Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini

Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini SSIS indirizzo Fisico - Informatico - Matematico 2 anno - a.a.. 2006/2007 Corso di Laboratorio di Fisica prof. Mauro Casalboni dott. Giovanni Casini LA LUCE La luce è un onda elettromagnetica Il principio

Dettagli

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona

1.Visione_01 Ottica geometrica. Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona 1.Visione_01 Ottica geometrica Prof. Carlo Capelli Fisiologia Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Verona Obiettivi Principi di refrazione delle lenti, indice di refrazione

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica

Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Dai colori alle stelle: un excursus tra Fisica e Ottica Martina Giordani Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali Corso di Laurea in Ottica e Optometria Federica Ricci Facoltà di Scienze matematiche,

Dettagli

OPTIKA. Serie B-380. Microscopi diritti da laboratorio. Microscopi diritti da laboratorio

OPTIKA. Serie B-380. Microscopi diritti da laboratorio. Microscopi diritti da laboratorio OPTIKA M I C R O S C O P E S I T A L Y Microscopi diritti da laboratorio B-80 B-82PL-ALC / B-8PL / B-82PLi-ALC / B-8PLi / B-82PH-ALC B-8PH / B-8PHi / B-82PHi-ALC / B-8POL / B-8MET / B-8FL / B-8LD1 / B-8LD2

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

Interferenza e diffrazione

Interferenza e diffrazione Interferenza e diffrazione La radiazione elettromagnetica proveniente da diverse sorgenti si sovrappongono in ogni punto combinando l intensita INTERFERENZA Quando la radiazione elettromagnetica passa

Dettagli

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA

SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA SULLE ORME DI GALILEO LA LUCE DELLA LUNA L ottica nei Massimi Sistemi Nella prima giornata del Dialogo sui massimi sistemi c è una lunga discussione dedicata al confronto tra l aspetto apparente della

Dettagli

Lunghezza ocale. Donato Di Bello

Lunghezza ocale. Donato Di Bello F Lunghezza ocale Donato Di Bello Cinepresa, telecamera, macchina fotografica: tre strumenti tecnologici che utilizziamo per registrare la realtà intorno a noi o per trasformare in immagini la nostra fantasia.

Dettagli

Ottica spicciola. La luce Lenti e specchi Telescopi e dintorni Il disco di Airy Aberrazioni Formule utili Suggerimenti

Ottica spicciola. La luce Lenti e specchi Telescopi e dintorni Il disco di Airy Aberrazioni Formule utili Suggerimenti 1 Ottica spicciola La luce Lenti e specchi Telescopi e dintorni Il disco di Airy Aberrazioni Formule utili Suggerimenti 2 Parole importanti Luce Campo visivo Onda Focale Diametro Apertura o rapporto focale

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei

Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici. prof. ing. Luigi Maffei Strumenti e tecniche di misura per grandezze fotometriche e caratteristiche delle superfici prof. ing. Luigi Maffei Le grandezze fotometriche Sono definite per valutare in termini quantitativi le caratteristiche

Dettagli

Interazione & Multimedia 1

Interazione & Multimedia 1 Il nostro viaggio nell image processing deve iniziare con lo studio di come l occhio umano percepisce una immagine e come la elabora. Ci interessa capire quali sono i limiti della visione umana al fine

Dettagli

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica.

CONOSCERE LA LUCE. Propagazione nello spazio di un onda elettromagnetica. FOTODIDATTICA CONOSCERE LA LUCE Le caratteristiche fisiche, l analisi dei fenomeni luminosi, la temperatura di colore. Iniziamo in questo fascicolo una nuova serie di articoli che riteniamo possano essere

Dettagli

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica

1 Introduzione 1. Ottica Geometrica 1 Introduzione 1 1 Introduzione Ottica Geometrica 1.1 Estratto Lo scopo di questa esperienza è quello di apprendere come la luce interagisce con elementi ottici quali le lenti, e come, in sequito alla

Dettagli

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu)

Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Dipartimento DArTe A.A. 2015-2016 - Corso di Laurea Magistrale in Architettura Corso integrato di Disegno e Rilievo dell'architettura B (12 cfu) condotto

Dettagli

IL MICROSCOPIO OTTICO. DOWNLOAD Il pdf di questa lezione (microscopio2.pdf) è scaricabile dal sito http://www.ge.infn.it/ calvini/fistrum/ 09/03/2011

IL MICROSCOPIO OTTICO. DOWNLOAD Il pdf di questa lezione (microscopio2.pdf) è scaricabile dal sito http://www.ge.infn.it/ calvini/fistrum/ 09/03/2011 IL MICROSCOPIO OTTICO DOWNLOAD Il pdf di questa lezione (microscopio2.pdf) è scaricabile dal sito http://www.ge.infn.it/ calvini/fistrum/ 09/03/2011 Lo scopo di questi appunti è la descrizione dei principi

Dettagli

Ottica e prestazioni straordinarie nella sua categoria. Microscopio CX41 Serie CX2

Ottica e prestazioni straordinarie nella sua categoria. Microscopio CX41 Serie CX2 Ottica e prestazioni straordinarie nella sua categoria Microscopio CX41 Serie CX2 Prestazioni ottiche e di sistema all avanguardia con eccellente rapporto costo/prestazioni Questo microscopio, che ha già

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Costruirsi un microscopio

Costruirsi un microscopio Costruirsi un microscopio I. INFORMAZIONI PRELIMINARI: PRINCIPIO OTTICO Nella sua configurazione di base, il microscopio è costituito da due lenti: l obiettivo e l oculare (Figura 1). L obiettivo è una

Dettagli

esperienza e competenza in endoscopia Endoscopi Rigidi Industriali

esperienza e competenza in endoscopia Endoscopi Rigidi Industriali esperienza e competenza in endoscopia Endoscopi Rigidi Industriali I NOSTRI PRODOTTI Endoscopi rigidi e flessibili a fibre ottiche. Videoendoscopi flessibili. Videomicroscopi con illuminazione a fibre

Dettagli

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI

3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI 3.1 CAPITOLO 3 FORMAZIONE DELLE IMMAGINI Il processo di formazione di una immagine da parte di un sistema ottico è facilmente descrivibile in termini di raggi. In figura la scatola rappresenta un generico

Dettagli

Esperienza 1: Luce e Colori della luce

Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione 1 Esperienza 1: Luce e Colori della luce 1 Introduzione Il colore è la percezione visiva generata dai segnali nervosi che i fotorecettori della retina mandano al cervello quando assorbono

Dettagli

veloce affidabile versatile PROFESSIONAL MEASURING

veloce affidabile versatile PROFESSIONAL MEASURING Printed in Germany by & SOHN GmbH z-co-it-kp-20152 Tradizione ed innovazione per più di 170 anni Avete domande sui nostri prodotti? IT I nostri specialisti saranno lieti di offrirvi la propria consulenza:

Dettagli

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO LA CELLULA VEGETALE Il MICROSCOPIO OTTICO L origine del microscopio ottico è ancora materia di discussione. La maggior parte degli studiosi, tuttavia, fanno risalire i primi microscopi ottici alla fine

Dettagli

3B SCIENTIFIC PHYSICS

3B SCIENTIFIC PHYSICS 3B SCIENTIFIC PHYSICS Kit Ottica ondulatoria con laser U17303 Istruzioni per l'uso 10/08 Alf 1. Norme di sicurezza Il laser emette radiazioni visibili con una lunghezza d'onda di 635 nm ad una potenza

Dettagli

Banco a microonde Introduzione

Banco a microonde Introduzione Banco a microonde Introduzione Il sistema e costituito (vedi figura 1) da una sorgente direzionale di onde elettromagnetiche polarizzate di frequenza di 9.5 GHz ( = 3.16 cm) e da un rivelatore direzionale

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

LISTINO PREZZI AL PUBBLICO SETTEMBRE 2012 - Microscopi e accessori

LISTINO PREZZI AL PUBBLICO SETTEMBRE 2012 - Microscopi e accessori LISTINO PREZZI AL PUBBLICO SETTEMBRE 2012 - Microscopi e accessori cod. Descrizione Prezzo Pubblico MICROSCOPI SERIE CLASSIC MO11002003 MS-3 - Microscopio monoculare per osservazione di oggetti generici,

Dettagli

LA VISIONE STEREOSCOPICA

LA VISIONE STEREOSCOPICA LA VISIONE STEREOSCOPICA ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Università degli Studi dell Insubria A.A. 2004/2005 Sinardi Matteo Zappino Massimo Indice Introduzione Cenni storici L'occhio umano La stereopsi Stereogrammi

Dettagli

Lenti, Cannocchiali e Telescopi

Lenti, Cannocchiali e Telescopi tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Lenti, Cannocchiali e Telescopi prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR

Dettagli

VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS E MISURA DELLA CONCENTRAZIONE DI UNA SOLUZIONE CON DUE POLAROIDI

VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS E MISURA DELLA CONCENTRAZIONE DI UNA SOLUZIONE CON DUE POLAROIDI VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS E MISURA DELLA CONCENTRAZIONE DI UNA SOLUZIONE CON DUE POLAROIDI A) VERIFICA DELLA LEGGE DI MALUS L intensità luminosa trasmessa da un sistema costituito da due polaroidi

Dettagli

- Formazione delle immagini per riflessione: specchio sferico

- Formazione delle immagini per riflessione: specchio sferico Ottica geometrica: - condizione di validità: o occorre conrontare la lunghezza d onda λ della luce e le dimensioni degli oggetti su cui la luce incide. Se λ è MINORE, valgono le leggi dell ottica geometrica.

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II

Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II UNIVERSITÀ DI CAMERINO Corso di Laurea Triennale in Fisica Indirizzo Tecnologie per l Innovazione Laboratorio per il corso Scienza dei Materiali II a.a. 2009-2010 Docente: E-mail: Euro Sampaolesi eurosampaoesi@alice.it

Dettagli

Accessori Teste senza oculari Obiettivi BD semipiani fondo chiaro/ fondo scuro, tipo infinito Accessori per fotografia e videocamera AE.

Accessori Teste senza oculari Obiettivi BD semipiani fondo chiaro/ fondo scuro, tipo infinito Accessori per fotografia e videocamera AE. Serie M italiano La serie M I microscopi Euromex della serie M consistono di tre tipi: un microscopio per la metallurgia, un microscopio polarizzante e un microscopio specificatamente studiato per il controllo

Dettagli

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici

1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini 1.1 Caratteristiche ottiche dei materiali oftalmici 1 Caratteristiche dei materiali utilizzati in ottica oftalmica di Alessandro Farini Esaminiamo in questo capitolo le principali caratteristiche dei vari materiali utilizzati nel campo dell'ottica oftalmica,

Dettagli

FLIP-UP. L50 2.5x. 3.5x OTTICHE GALILEIANE. Montatura Goggle. Articolo 250 S, 250R, 250L, 250XL 350S, 350R, 350L, 350XL. Ingrandimento 2.5x 3.

FLIP-UP. L50 2.5x. 3.5x OTTICHE GALILEIANE. Montatura Goggle. Articolo 250 S, 250R, 250L, 250XL 350S, 350R, 350L, 350XL. Ingrandimento 2.5x 3. OTTICHE GALILEIANE FLIP-UP Montatura Goggle L50 2.5x 3.5x Articolo 250 S, 250R, 250L, 250XL 350S, 350R, 350L, 350XL Ingrandimento 2.5x 3.5x Distanza di lavoro Profondità di campo Campo visivo 340mm[S],

Dettagli

OPTIKA. geass.com. Microscopi INDUSTRIALI

OPTIKA. geass.com. Microscopi INDUSTRIALI OPTIKA I T A L Y geass.com Microscopi INDUSTRIALI MICROSCOPI METALLOGRAFICI 1 Icone 400x x-led 2 Monoculare Ingrandimento 400X lluminazione X-LED 2 2 Binoculare 1000x x-led 3 Ingrandimento 1000X lluminazione

Dettagli

www.otticasanmarco.it

www.otticasanmarco.it Guida alla collimazione con oculare Cheshire 1 Introduzione Di seguito, prima della descrizione della procedura con la collimazione tramite il cheshire avanzato, verranno illustrate le procedure per l

Dettagli

Lenti sottili: Definizione

Lenti sottili: Definizione Lenti sottili: Definizione La lente è un sistema ottico costituito da un pezzo di materiale trasparente omogeneo (vetro, policarbonato, quarzo, fluorite,...) limitato da due calotte sferiche (o, più generalmente,

Dettagli

Cos è questo oggetto?

Cos è questo oggetto? 1 Cos è questo oggetto? 2 Il Paraluce. 3 1) A non rompere l obiettivo 2) Ad impedire alla luce parassita di togliere contrasto alle nostre foto 4 Senza il paraluce, la luce parassita (quella rossa) ossia

Dettagli

Costruirsi un cannocchiale galileiano

Costruirsi un cannocchiale galileiano Costruirsi un cannocchiale galileiano I. INFORMAZIONI PRELIMINARI - IL PRINCIPIO OTTICO Un cannocchiale galileiano impiega due sole lenti. La lente obbiettiva è convergente (piano-convessa), la lente oculare

Dettagli

Come è fatta una reflex

Come è fatta una reflex Come è fatta una reflex Per essere un fotografo consapevole iniziamo a conoscere e a familiarizzare con la propria attrezzatura: per migliorare le proprie capacità fotografiche bisogna sapere perché e

Dettagli

Serie DMS-850 Microscopi digitali LCD a fluorescenza

Serie DMS-850 Microscopi digitali LCD a fluorescenza Serie DMS-850 Microscopi digitali LCD a fluorescenza Introduzione I microscopi digitali LCD a fluorescenza serie DMS-850 hanno esteso il concetto tradizionale di osservazione microscopica grazie ad un

Dettagli

STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule

STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule Bocchio Marco (Leonardo da Vinci, Genova) Gadoglia Edoardo (Galileo Ferrarsi, Savona) Zilioli Andrea (Nicoloso,

Dettagli

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA)

D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) D.LGS.81/08 TITOLO VIII CAPO V RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI (ROA) 1.1 Descrizione della fonte di rischio Le radiazioni ROA sono radiazioni elettromagnetiche che hanno la caratteristica di avere una lunghezza

Dettagli

Nuovi Obiettivi Asferici TVCC 2004

Nuovi Obiettivi Asferici TVCC 2004 Nuovi Obiettivi Asferici TVCC 2004 Tecnologia delle Lenti Asferiche Quando la luce bianca, composta da una miscela di colori, entra in una lente, l indice di rifrazione visto dalle singole componenti cromatiche

Dettagli

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia

Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino Theremino Spectrometer Tecnologia Sistema theremino - Theremino Spectrometer Technology - 15 agosto 2014 - Pagina 1 Principio di funzionamento Ponendo una telecamera digitale con un reticolo

Dettagli

4.6 Lenti Capitolo 4 Ottica

4.6 Lenti Capitolo 4 Ottica 4.6 Lenti Esercizio 04 Due lenti biconvesse sono posizionate lungo il cammino ottico di un fascio di luce, separate da una distanza d. Il fascio di luce è parallelo e esce parallelo dopo le due lenti.

Dettagli

Il riduttore di focale utilizzato è il riduttore-correttore Celestron f/ 6.3.

Il riduttore di focale utilizzato è il riduttore-correttore Celestron f/ 6.3. LE FOCALI DEL C8 Di Giovanni Falcicchia Settembre 2010 Premessa (a cura del Telescope Doctor). Il Celestron C8 è uno Schmidt-Cassegrain, ovvero un telescopio composto da uno specchio primario concavo sferico

Dettagli

SH KOLLEG SERIES. La Serie Motic SH Kolleg è formata da una gamma. Serie di Microscopi Biologici

SH KOLLEG SERIES. La Serie Motic SH Kolleg è formata da una gamma. Serie di Microscopi Biologici SH KOLLEG SERIES SH KOLLEG SERIES Serie di Microscopi Biologici La Serie Motic SH Kolleg è formata da una gamma completa di microscopi biologici con obiettivi acromatici standard DIN che forniscono immagini

Dettagli

Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony

Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony centro Test MTF studi Progresso FOTOGRAFICO Zoom luminosi per Full Frame: Tamron e Sony Il Tamron SP -mm f/. Di è nuovissimo, mentre il Sony -mm f/. SAM è un poco più datato; entrambi sono obiettivi per

Dettagli

tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV

tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video La Fisica nella TV prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per la diffusione

Dettagli

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili.

La lente singola rimane ancora in uso nelle macchine più economiche e, entro certi limiti, dà dei risultati accettabili. O.Welles usa in "Quarto potere" in modo magistrale la Profondità di Campo, in questo modo evita gli stacchi e un oggetto inquadrato riesce a mettere a ''fuoco'' anche ciò che c'è dietro - stesso uso magistrale

Dettagli

Consigli per l acquisto del primo strumento

Consigli per l acquisto del primo strumento Consigli per l acquisto del primo strumento 1. CONOSCIAMO IL CIELO E POI ACQUISTIAMO Sembra ovvio ma spesso non si ci pensa. Il telescopio, come anche il binocolo, è un potente mezzo di osservazione, che

Dettagli

MULTIFOCALI LENTI A CONTATTO INTRODUZIONE

MULTIFOCALI LENTI A CONTATTO INTRODUZIONE Mario Giovanzana Milano 15dicembre 00 LENTI A CONTATTO MULTIFOCALI INTRODUZIONE Nell ambito della mia professione nel corso degli anni ho sviluppato la progettazione delle lenti a contatto, che gestisco

Dettagli

STEREO MICROSCOPIO ZOOM TRINOCULARE. Mod. FORINST XTS O1 1

STEREO MICROSCOPIO ZOOM TRINOCULARE. Mod. FORINST XTS O1 1 STEREO MICROSCOPIO ZOOM TRINOCULARE Mod. FORINST XTS O1 1 Lo stereo microscopio modello XTS O1 è particolarmente indicato per l analisi dei grafismi su tessuto cartaceo. Premessa: Il microscopio uno strumento

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti

1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti L occhio MPZ 1. Come funziona l occhio normale? Cosa caratterizza i difetti della vista? Come correggerli? Prova ad osservare con le diverse lenti retina muscolo cornea iride pupilla cristallino nervo

Dettagli

Introduzione alla Microscopia Elettronica in Trasmissione. Dr Giuliano Angella. Istituto IENI CNR Unità territoriale di Milano

Introduzione alla Microscopia Elettronica in Trasmissione. Dr Giuliano Angella. Istituto IENI CNR Unità territoriale di Milano Introduzione alla Microscopia Elettronica in Trasmissione Dr Giuliano Angella Istituto IENI CNR Unità territoriale di Milano Schema ottico della colonna di un TEM Sorgente elettronica e sistema di accelerazione

Dettagli

La diffrazione. Lezioni d'autore

La diffrazione. Lezioni d'autore La diffrazione Lezioni d'autore Figure di diffrazione VIDEO Il potere risolutivo di un sistema ottico (I) Un esperienza classica sulle capacità di una persona di distinguere due oggetti vicini si realizza

Dettagli

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15

L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX. domenica 22 marzo 15 L ESPOSIZIONE & MAPPA DELLA REFLEX Parleremo di : Caratteristiche dell 0biettivo Il Diaframma e le sue funzioni L otturatore e le sue caratteristiche L esposizione La coppia tempo diaframma l esposimetro

Dettagli

SCIENTIA MAGISTRA VITAE

SCIENTIA MAGISTRA VITAE 1 -Argomento Lenti fatte in casa Esperimenti usando lenti realizzate con materiali a costo nullo o basso o di riciclo. Cosa serve: acqua, bottiglie di plastica trasparente (es. quelle dell acqua minerale

Dettagli

L OSSERVAZIONE MICROSCOPICA

L OSSERVAZIONE MICROSCOPICA 2 L OSSERVAZIONE MICROSCOPICA 2.1. BASI DELLA MICROSCOPIA Tranne alcune situazioni particolari, i singoli microrganismi non possono essere osservati direttamente ad occhio nudo (fig. 2.1); ciò è dovuto

Dettagli