news n Presentazione Nuova composizione del Consiglio di Amministrazione GLI ORGANI DELLA FONDAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "news n.1-2010 Presentazione Nuova composizione del Consiglio di Amministrazione GLI ORGANI DELLA FONDAZIONE"

Transcript

1 news n Presentazione newsletter occasione di comunicazione e informazione. È nata con questo intento, nello scorso anno, la Una newsletter della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto: un mezzo per testimoniare l importanza di un dialogo proficuo e costruttivo a tutto campo con il target di riferimento al fine di consentire con significativa continuità la conoscenza, ma anche lo scambio e il confronto sulla realtà dell Ente nel suo evolversi. In questo secondo numero sarà presentata la situazione aggiornata degli organi statutari e saranno illustrati i principali progetti che sono stati sostenuti nel secondo semestre del 2009, nonché la sintesi del documento di programmazione annuale dell Ente per l anno La newsletter sarà pubblicata sul sito internet della Fondazione, che è stato oggetto di una importante operazione di restyling conclusasi nello scorso dicembre, e contiene notizie aggiornate a tutto il mese di gennaio L ATTIVITA DELLA FONDAZIONE Gruppo scultoreo Maestà Duomo di Orvieto. L immagine restituita IL maggiore del Duomo di Orvieto, la copia del gruppo 13 giugno 2009, alla vigilia della festività del Corpus Domini è stata ricollocata, sulla lunetta del portale della Maestà. Il progetto per la realizzazione della riproduzione fisica del complesso polimaterico della Madonna con il Bambino e degli Angeli reggi cortina è stato interamente sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto e dall Ente Cassa di Risparmio di Firenze, rispondendo positivamente alla richiesta avanzata dall antica Fabbriceria orvietana che ha voluto la musealizzazione dell opera originale. Continua a pag. 2 GLI ORGANI DELLA FONDAZIONE Nuova composizione del Consiglio di Amministrazione IL Consiglio di Indirizzo della Fondazione, nella seduta dello scorso 19 giugno, ha provveduto alla nomina di un componente il Consiglio di Amministrazione, ricostituendo così come da previsioni statutarie il numero dei componenti l organo, che era sceso a quattro a seguito delle dimissioni dell arch. Terracina e della conseguente nomina a Presidente dell Ente, avvenuta il 3 aprile 2009, del sig. Vincenzo Fumi. La scelta è ricaduta sul prof. Francesco Maria Della Ciana, docente negli Istituti di Istruzione Secondaria di II Grado; è iscritto all Albo Nazionale dei Giornalisti e riveste attualmente la carica di console del Touring Club Italiano ed è stato Presidente dell Istituto Storico Artistico Orvietano fino all accettazione della carica in Fondazione. Costantemente impegnato nelle attività artistico-culturali, ha promosso e organizzato nel tempo incontri, convegni, concerti e mostre ed ha curato diverse pubblicazioni editoriali; collabora da anni con la Fondazione ad iniziative nel settore di intervento Arte, attività e beni culturali. Il Consiglio di Amministrazione ha successivamente eletto alla carica di Vice Presidente dello stesso CDA l ing. Alessandro Gilotti, già Consigliere dal 2008 e socio dell Ente, che riveste attualmente la carica di Presidente e Amministratore Delegato della Kuwait Petroleum Italia e della Raffineria di Milazzo, Presidente della SEGIT e Vice Presidente della DICOMI. Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione risulta, quindi, così composto: PRESIDENTE: Vincenzo Fumi VICE PRESIDENTE: Alessandro Gilotti CONSIGLIERI: Maria Benedetti Vincenzo Capretto Francesco Maria Della Ciana Continua a pag. 2

2 2 news GLI ORGANI DELLA FONDAZIONE Segue dalla 1 Nuova composizione del Consiglio di Indirizzo IL Consiglio di Indirizzo della Fondazione, nella seduta del 15 gennaio 2010, ha provveduto alla nomina di un componente dello stesso Consiglio in sostituzione del dott. Massimo Rosmini, dimessosi dall incarico nello scorso mese di luglio in seguito alla sua nomina a Vice Sindaco del Comune di Orvieto. La scelta è ricaduta sul dott. Andrea Giordano, medico orvietano classe 1974, Dirigente Medico I livello presso l U.O. di Nefrologia e Dialisi e responsabile dell ambulatorio Reumatologico del Presidio Ospedaliero di Orvieto. Il Consiglio di Indirizzo della Fondazione risulta, quindi, così composto: PRESIDENTE: Vincenzo Fumi VICE PRESIDENTE: Luciano Damasso CONSIGLIERI: Roberto Basili Mario Marino De Felice Andrea Giordano Antonio Lombardi Sandro Martinelli Clelia Petrangeli Giampiero Rosati Andrea Taddei Evandro Zanchi LA SOCIETA STRUMENTALE Nuova composizione del Consiglio di Amministrazione A seguito delle dimissioni dalla carica di Consigliere di Indirizzo, il dott. Massimo Rosmini si è dimesso anche dalla carica di componente il Consiglio di Amministrazione della OACS Srl, società strumentale della Fondazione, costituita nel 2004 ed operativa nei settori rilevanti Arte, attività e beni culturali, Educazione, istruzione e formazione e Sviluppo locale. Il Consiglio della società strumentale ha provveduto a sostituire il dott. Rosmini con l ing. Andrea Taddei, già membro del Consiglio di Indirizzo della Fondazione. Il Consiglio di Amministrazione della OACS Srl risulta, quindi, così composto: PRESIDENTE Vincenzo Fumi Presidente per statuto in quanto Presidente della Fondazione CONSIGLIERI Luciano Damasso Vice Presidente Consiglio di Indirizzo della Fondazione Andrea Taddei membro del Consiglio di Indirizzo della Fondazione Maria Benedetti membro del CDA della Fondazione Vincenzo Capretto membro del CDA della Fondazione. Gruppo scultoreo Maestà Duomo di Orvieto. L immagine restituita Segue dalla 1 Costo totale del progetto di euro Lo splendido gruppo scultoreo, elemento centrale del complesso programma iconografico della facciata e simbolo della dedicazione della cattedrale alla Madonna Assunta, collocato sulla lunetta centrale nel 1329, venne rimosso nel 1983 a causa del gravissimo stato di degrado che ne comprometteva la conservazione. Iniziò così il difficile intervento di restauro, protrattosi fino al 1990 e condotto dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Storico Artistici dell Umbria in collaborazione con l Istituto Centrale per il Restauro. La volontà di realizzare una copia da inserire nella collocazione originaria è stata sentita fin da subito dall Opera del Duomo di Orvieto che ha trovato nella Fondazione e nell Ente Cassa di Risparmio di Firenze interlocutori attenti e disponibili ad accollarsi l intero progetto che tra il 2007 e il 2009 ha avuto l autorizzazione delle Soprintendenze per i Beni Architettonici e Paesaggistici e per i Beni Storico Artistici ed Etnoantropologici dell Umbria. La collocazione in sito della copia del gruppo della Maestà è stata curata dall Agenzia ENEA, sotto la direzione dell Ing. Gerardo De Canio, Responsabile del Laboratorio di Prove Sismiche dell Ente; le riproduzioni sono state realizzate dal Maestro fonditore Alessandro Fagioli, scultore romano collaboratore di Emilio Greco.

3 La campagna scavo di Campo della Fiera. Ricerca archeologica finalizzata alla individuazione del Fanum Voltumnae La Fondazione ha sostenuto nel 2009 la ricerca archeologica finalizzata alla individuazione del Fanum Voltumnae, il famoso santuario federale delle città etrusche, frequentato ininterrottamente per 1900 anni. La ricerca è guidata dalla Professoressa Stopponi, ordinario di Etruscologia e antichità italiche presso la facoltà di lettere e filosofia dell Università degli Studi di Perugia. Lo scavo nell area è stato avviato nel 2000 ed è proseguito con campagne annuali che hanno restituito, di volta in volta, materiali e strutture sempre più numerose. La superficie dell area indagata finora è di circa tre ettari e si presenta particolarmente articolata. Nello scorso mese di ottobre sono stati presentati, presso la sede della Fondazione, i risultati della 10^ Campagna di scavo condotta in località Campo della Fiera di Orvieto, su concessione ministeriale dall Università di Perugia, in collaborazione con l Università di Macerata con il sostegno finanziario della Fondazione stessa e la collaborazione del Comune di Orvieto. Risultati che hanno permesso di tracciare il bilancio di dieci anni di ricerche archeologiche condotte alla ricerca del Fanum Voltumnae, sotto la direzione della Prof.ssa Simonetta Stopponi che ha parlato del restauro delle precedenti scoperte, spiegando nei dettagli gli importanti rinvenimenti finora effettuati che coprono, con pregevoli evidenze, le età etrusca, romana e medievale, indicando la continuità d uso del sito e la sua funzione prettamente sacra. Dopo gli importanti ritrovamenti dello scorso anno - tra cui il magnifico busto marmoreo dell imperatore romano Geta, oggi restaurato ed esposto al Museo Archeologico Nazionale di Perugia - le emergenze meno plateali ma altrettanto importanti del 2009 confermano l importanza e la suggestione del sito, che sarebbe più che pronto per essere trasformato in un area archeologica fruibile in modo permanente da studiosi e visitatori. Alla presentazione sono intervenuti, oltre alla Prof.ssa Stopponi, Gabriele Baldelli, Soprintendente per i Beni Archeologici dell Umbria, Antonio Concina, Sindaco del Comune di Orvieto, Paolo Bruschetti, Direttore del Museo Nazionale di Orvieto e Vincenzo Fumi, Presidente della Fondazione, il quale dopo aver ricordato come la Fondazione sia da sempre presente nel finanziamento delle attività di scavo archeologico in un territorio così ricco di testimonianze del passato (sono stati in passato assicurati finanziamenti per gli scavi di Scoppieto, per la Necropoli del Vallone di San Lorenzo, per alcuni allestimenti museali e restauri dell Antiquarium di Baschi e del Museo Faina), ha sottolineato che l Ente non poteva certo far mancare il suo contributo agli scavi di Campo della Fiera che hanno una particolare rilevanza per Orvieto. Una campagna di scavi importante e condotta con estrema competenza e dedizione che richiede notevoli risorse da destinare, oltre che alla prosecuzione delle attività di scavo, alla messa in sicurezza dei risultati e alla progettazione di adeguate modalità di fruizione. news Progetto di telemedicina della ASL n. 4 di Terni L Ente orvietano, in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Terni, ha deliberato di sostenere il progetto di telecardiologia per la Provincia di Terni presentato dalla ASL n. 4 di Terni. Considerata l alta incidenza e le caratteristiche dell infarto che impongono l elaborazione di linee guida e percorsi diagnostico-terapeutici sempre aggiornati e adatti alle realtà locali, l obiettivo principale della rete progettata è quello di ridurre la mortalità per tale patologia rendendo disponibile una efficace terapia, nel più breve tempo possibile, al maggior numero di pazienti, considerando il contesto temporale, geografico e organizzativo. La realizzazione dell iniziativa prevede la fornitura in dotazione alle postazioni sanitarizzate del 118 di appositi monitors collegati ad una stazione ricevente. Gli operatori del servizio potranno così trasmettere gli elettrocardiogrammi effettuati sui pazienti con sindrome coronarica acuta all Unità di Terapia Intensiva Coronarica dell Ospedale di Terni e alle Unità Operative di Pronto Soccorso e Cardiologia dell Ospedale di Orvieto secondo la competenza territoriale, in modo da consentire adeguati interventi sull ambulanza ed immediate cure al momento dell arrivo in ospedale. The Alabama Gospel Choir in scena a Palazzo Coelli: un anticipazione esclusiva di UJW IL tenutosi sul palco dell auditorium della Fondazione CRO grande gospel ha dato inizio alla famosissima kermesse musicale di Umbria jazz con un concerto in anteprima che anche quest anno ha sostenuto con un importante contributo, pari a circa sessantamila euro, l intera manifestazione jazzistica. Il concerto, svoltosi nella serata del 29 dicembre, in pieno clima natalizio, è stato diretto con grande maestria da Michael G. Marshall che ha coordinato le trentacinque voci soliste afroamericane. Il gruppo corale fra i più apprezzati a livello mondiale, vincitore del premio National Black Music Caucus Gospel Choir di New York, ha animato la serata organizzata dalla Fondazione per i propri ospiti: soci, amministratori dell Ente orvietano ed altre cariche cittadine, si sono fatti coinvolgere dalla forte carica emotiva data dal particolare connubio di musica sacra e profana. Un meltin pot di ritmo, canto e nuove interpretazioni che ha creato un atmosfera solenne ed estatica generata principalmente dagli Inni e dagli Spirituals che appartengono alla più ricca tradizione Gospel. Partendo dalla famosa Let it be dei Beatles, il maestro Marshall, musicista e direttore, ha concluso la serata con l intramontabile Oh, Happy Day cui è seguito un brindisi offerto dal consorzio Tutela dei Vini di Orvieto. La serata ha voluto essere un modo per augurare una buona fine d anno a tutti gli intervenuti con l intento di trasmettere attraverso la musica un messaggio di collaborazione per lo sviluppo e la valorizzazione della città e del territorio.

4 4 news Il Documento Programmatico Previsionale 2010 Documento Programmatico Previsionale ha la funzione di individuare le risorse disponibili, di delineare le prio- IL rità programmatiche e di indirizzare l attività della Fondazione nell esercizio successivo. A norma di statuto è approvato dal Consiglio di Indirizzo su proposta del Consiglio di Amministrazione entro il 31 ottobre di ogni anno. Il Documento annuale tiene conto delle linee strategiche che sono tracciate dal Programma Pluriennale di Attività nell ambito di settori di intervento istituzionale scelti dal Consiglio di Indirizzo ogni tre anni. Il Documento Programmatico 2010 si inserisce, quindi, nel Programma Pluriennale e ne rispecchia la filosofia, incentrata sulla concentrazione di gran parte delle risorse verso progetti rilevanti, che spesso assumono natura pluriennale, al fine di consentire alla Fondazione di dare un reale contributo al miglioramento della qualità della vita del territorio di riferimento nei suoi vari aspetti: culturale, economico e sociale. I settori di intervento cui si rivolge l attività dell Ente nel triennio di riferimento sono i seguenti: - Arte, attività e beni culturali; - Istruzione e formazione, incluso l acquisto di prodotti editoriali per la scuola; - Sviluppo locale ed edilizia popolare locale. Gli altri settori ammessi sono i seguenti: - Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; - Volontariato, filantropia e beneficenza; - Assistenza agli anziani. Il Documento, a partire dall analisi del patrimonio, formula stime in ordine ai risultati di bilancio dell anno 2010 e conseguentemente fornisce una previsione sulle risorse disponibili in tale anno per l attività erogativa. Il patrimonio dell Ente ammonterà prevedibilmente a Euro 66 milioni, composto dalla partecipazione nella Cassa di Risparmio di Orvieto Spa per circa 24,5 milioni, dalla Cassa Depositi e Prestiti Spa per 1 milione e da un patrimonio liquido pari a circa 40,5 milioni. La stima in ordine ai proventi (dividendi e risultati della gestione patrimoniale) ammonta a circa 2,8 milioni di Euro, da cui risultano un avanzo di esercizio previsto di circa 2,2, milioni e risorse disponibili per l attività erogativa pari a Euro. Tali disponibilità troveranno la seguente ripartizione nei settori di intervento: - Arte, attività e beni culturali Euro Istruzione e formazione Euro incluso l acquisto di prodotti editoriali per la scuola - Sviluppo locale ed edilizia popolare locale Euro Salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa Euro Volontariato, filantropia e beneficenza Euro Assistenza agli anziani Euro Le risorse saranno destinate alla realizzazione di progetti di origine interna e al finanziamento di meritevoli iniziative provenienti da soggetti terzi che saranno individuate tra le richieste di contributo. Le domande potranno essere presentate in due periodi dell anno alle condizioni stabilite nell apposita disciplina che viene resa pubblica all inizio di ogni anno. Fra i progetti di origine interna rientrano le attività da realizzare attraverso la società strumentale, fra le quali sono previste: - la mostra Arte in Umbria nel Novecento organizzata dalla Consulta delle Fondazioni umbre nelle sei città sedi delle Fondazioni bancarie; - la pubblicazione del terzo volume della Storia di Orvieto nell ambito dell attività editoriale; - l utilizzo in forma commerciale della sala convegni di Palazzo Coelli con l obiettivo di recuperare parte dei costi generali di manutenzione della struttura. Per quanto concerne il Belvedere di Orvieto l Ente ha reso pubblico alla fine del 2009 un bando per l assegnazione del servizio del punto ristoro a terzi che risultino in grado di gestire professionalmente la struttura. È importante sottolineare anche i progetti pluriennali già in corso quali: - il sostegno al progetto di ristrutturazione dell Istituto Piccolomini - Febei che prevede la realizzazione di una residenza protetta per anziani autosufficienti; - la realizzazione di un plastico della città di Orvieto come rappresentata nella pianta topografica risalente al 1563 commissionata dal notaio Angelo Sanvitani; - gli acquisti di opere d arte secondo criteri di interesse e collegamento con il territorio; - il bando di concorso per borse di studio destinate a studenti meritevoli accompagnandoli dopo la scuola superiore, in presenza di risultati positivi, per l intera durata legale dei corsi universitari triennali. Sono infine segnalati i più importanti progetti ricorrenti sostenuti con cadenza annuale: Umbria Jazz Winter, concerto di Pasqua, attività della Scuola di Musica Adriano Casasole di Orvieto, stagione concertistica orvietana dell Associazione Spazio Musica di Genova, stagione teatrale del Teatro Mancinelli, Premio Barzini, Corteo Storico Corpus Domini.

5 Autunno - Inverno ricco di appuntamenti per il Centro Congressi di Palazzo Coelli IL 2009 chiude positivamente le attività del centro congressi di palazzo Coelli che si conferma un importante polo multifunzionale sia a livello territoriale che nazionale. Spazi moderni ed efficienti, ambienti unici e preziosi hanno reso la nuova area congressuale appetibile per tutti gli operatori del comparto. L intera struttura, portando a compimento l obiettivo primario della Fondazione, è stata in grado di rispondere alle significativa richiesta da parte di Enti, Associazioni ed aziende private attratti dalla location prestigiosa e dai suoi servizi. In controtendenza con quello che è accaduto in ambito nazionale dove i centri congressuali hanno registrato una contrazione del mercato, Palazzo Coelli ha ottenuto una ottima performance, dimostrando di essersi pienamente affermato nella meeting industry. La stagione invernale si è chiusa con un numero considerevole di eventi alcuni della durata di un solo giorno, altri di due o tre giorni, soprattutto nel caso del grande convegno medico a carattere internazionale che si è tenuto nel mese di novembre della Mediterranean School of Oncology. L attività del centro congressi, con il passare dei mesi, è andata in crescendo, accogliendo una clientela differenziata. La struttura, infatti, grazie alla modularità degli spazi, ha potuto ospitare variegate tipologie di eventi: i corsi di formazione della Cassa di Risparmio di Orvieto e della società Inmetodo srl, il master dell Harvard Medical School del Massachusetts, le conferenze dell Istituto Storico Artistico Orvietano, della Fondazione del Centro Studi Città di Orvieto. Nell elegante centro congressuale si sono tenuti i convegni del Sid_Amd, di OrvietoLug, del Consorzio Tutela dei Vini di Orvieto, della Confai di Terni. Palazzo Coelli si è trasformato anche in una location per eventi d eccezione che ha ospitato il concerto promosso dall associazione Amici del Cuore di Orvieto e il Concerto Gospel Explosion in occasione della 17 edizione di Umbria Jazz Winter. La sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto si sta sempre più affermando come una realtà multifunzionale e flessibile per la città e per il territorio. AUMENTO DI CAPITALE DELLA BANCA CONFERITARIA L ingresso della Banca Popolare di Bari, quale socio di maggioranza, nella compagine sociale della Cassa di Risparmio di Orvieto Spa è stato determinato dall obiettivo strategico di farle assumere un ruolo di rilievo come banca di riferimento del Gruppo nell Italia Centrale. La Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, condividendo fin dall inizio le linee generali di sviluppo della nuova Capogruppo, lo scorso maggio 2009 ha sottoscritto un aumento di capitale, resosi necessario a seguito dell acquisizione da parte della Cro Spa di quattro sportelli nella provincia di Pistoia, e ripartito in funzione delle quote di possesso: euro della Popolare di Bari e euro della Fondazione. L Ente orvietano ritenendo fondamentale partecipare al piano strategico di espansione della banca, intende sostenere, qualora fossero ritenuti necessari, successivi aumenti di capitale volti a incrementare la crescita sul territorio della Cassa di Risparmio di Orvieto Spa. news Anni di bronzo: mostra fotografica dedicata alle porte del Duomo di bronzo. Le porte di Emilio Greco negli scatti di Enrico Valentini è il titolo della prima mostra fotografica Anni inaugurata il 19 dicembre presso il Museo Emilio Greco. Un racconto fotografico e scientifico fatto di immagini storiche dedicato al tema delle porte bronzee della cattedrale, scolpite da Emilio Greco tra il 1962 ed 1964 e poste in opera dopo contrastate polemiche solo nell agosto del 1970, in seguito ad un decreto ministeriale. L esposizione, promossa e realizzata dall Opera del Duomo, con un importante contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, in collaborazione con il Comune di Orvieto e gli Archivi Emilio Greco, presenta le immagini inedite di Enrico Valentini, che documentano le diverse fasi di uno dei momenti fondamentali della vita della cattedrale orvietana: l installazione delle nuove porte. La mostra è costituita da circa 60 fotografie per la maggior parte in bianco e nero, di alta qualità e di grandi dimensioni che ritraggono Emilio Greco e i vari protagonisti che hanno collaborato e partecipato al montaggio delle contestate porte bronzee commissionate all artista nel 1962 e fuse nel 1964 presso la Fonderia d Arte Michelucci di Pistoia. Greco, nel momento in cui ricevette l incarico, era già un artista affermato ed oggi le sue opere, dopo aver ricevuto premi e riconoscimenti importanti, figurano nei principali musei nazionali ed internazionali. Obiettivo della mostra è suscitare, attraverso il forte impatto visivo delle immagini, maggiore attenzione alle vicende che hanno fatto la storia del Duomo e di Orvieto, con l auspicio di sensibilizzare il vasto pubblico ad approfondire il legame tra passato e presente generando un dialogo con il costante divenire dei linguaggi artistici contemporanei. Musica e solidarietà in Piazza Duomo: il sostegno della Fondazione al concerto della Banda dell Arma dei Carabinieri 5 U CRO ha voluto sostenere con un rilevante contributo, n grande concerto per una grande causa, questo il titolo dell appuntamento in musica che la Fondazione confermando anche in questa occasione l importanza del proprio ruolo volto sia alla valorizzazione del territorio sia al sostegno delle attività benefiche e filantropiche. Il concerto della banda dell Arma dei Carabinieri, svoltosi domenica 14 giugno, a conclusione della solenne festività del Corpus Domini, ha rappresentato un evento di grande spessore, all insegna della musica e della solidarietà, cui hanno partecipato i maggiori Enti cittadini. Le offerte raccolte sono state devolute all Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, organizzazione da anni impegnata a favore dei bambini della Terra Santa, e all O.N.A.O.M.A.C, ente morale a sostegno delle famiglie degli orfani dell Arma: entrambe le Associazioni hanno come finalità primaria quella dell istruzione dei ragazzi. A conclusione dell evento musicale che ha visto una piazza gremita di ospiti, tra i quali la moglie del carabiniere Feruglio, morto ad Umbertide, il Presidente della Fondazione, Vincenzo Fumi, ha ribadito l importanza del valore della solidarietà e la volontà dell Ente da lui rappresentato a contribuire alle iniziative culturali e artistiche della città e del territorio.

6 6 news Disciplina per la presentazione di richieste di contributo - Esercizio 2010 Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, persona giuridica privata senza fini di lucro e dotata di piena autonomia sta- La tutaria e gestionale, persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico (Statuto, art.4) indirizzando i suoi interventi in alcuni settori previsti dalla normativa vigente. Per il 2010 il Consiglio di Indirizzo della Fondazione ha individuato nel Documento di Programmazione annuale i settori rilevanti e quelli ammessi verso i quali orientare l attività istituzionale. La Fondazione svolge la sua attività istituzionale prevalentemente nel territorio del Comune di Orvieto e degli altri Comuni previsti dallo statuto della Fondazione (Alviano, Attigliano, Baschi, Bolsena, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Fabro, Guardea, Montecchio, Montegabbione, Parrano, Porano, San Venanzo). La Fondazione svolge la sua attività istituzionale attraverso: a. la realizzazione di progetti propri; b. l erogazione di contributi indirizzati a progetti predisposti da terzi nei settori d intervento indicati nel richiamato DPP dalla Fondazione e destinati a produrre risultati socialmente rilevanti in un arco temporale determinato. Ciò posto, la Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto emana il presente avviso per raccogliere e regolamentare richieste di contributi per le iniziative di cui alla precedente lettera b, da realizzare esclusivamente nell ambito dei settori di seguito specificati. Settori previsti nel DPP 2010: 1. Arte, Attività e Beni Culturali; 2. Istruzione e Formazione; 3. Sviluppo Locale; 4. Salute e Medicina Preventiva e Riabilitativa; 5. Volontariato, Filantropia e Beneficenza; 6. Assistenza agli anziani. 1) Chi può presentare la richiesta per ottenere un contributo dalla Fondazione: La Fondazione esamina le richieste pervenute esclusivamente da: - Persone giuridiche sia pubbliche che private non aventi finalità di lucro; - Fondazioni; - Associazioni costituite da almeno tre anni; - Società strumentali, come definite dall art. 1, comma 1, lett.h) del D.Lgs. 153/99; - Imprese sociali; - Cooperative Sociali di cui alla L. 381/91; - Altre Istituzioni di carattere privato, senza finalità di lucro, che: a. promuovano lo sviluppo economico del territorio di competenza della Fondazione; b. perseguano scopi di utilità sociale svolgendo attività nei settori di intervento previsti dalla Fondazione; c. operino in via non occasionale nei settori di intervento previsti dalla Fondazione. 2) Chi non può presentare la richiesta per ottenere un contributo dalla Fondazione: - le persone fisiche; - le Società commerciali e le organizzazioni i cui statuti e/o atti costitutivi non escludano esplicitamente finalità di lucro; - i partiti o movimenti politici; - le organizzazioni sindacali o di patronato; - le associazioni sportive di natura professionale o dilettantistica, a meno che le richieste non siano rivolte a sovvenire necessità di soggetti appartenenti a categorie sociali deboli. TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE Le richieste di contributo potranno essere presentate nei seguenti periodi: - Dal 7 gennaio 2010 al 31 marzo 2010; - Dal 1 luglio 2010 al 30 settembre Le richieste di contributo che perverranno dal 7 gennaio 2010 al 31 marzo 2010, saranno esaminate entro il 30 giugno Le richieste di contributo che perverranno dal 1 luglio 2010 al 30 settembre 2010 saranno esaminate entro il 31 dicembre Le richieste dovranno essere indirizzate, a mezzo di lettera raccomandata A.R., a: Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto, Piazza Febei, Orvieto (TR), o raccomandata a mano che potrà essere consegnata presso gli uffici della Fondazione dal lunedì al giovedì dalle ore 10 alle ore Per la presentazione delle richieste, la modulistica è disponibile presso la sede della Fondazione in Orvieto, Piazza Febei, Orvieto (TR) ed è inoltre disponibile per la consultazione e scaricabile dal sito internet della Fondazione - Tutti i dati forniti saranno trattati nel rispetto delle previsioni del D.lgs 196/2003 per le sole finalità legali ed amministrative della Fondazione. SONO ESCLUSE LE RICHIESTE: - relative a contributi di gestione ordinaria, finanziamenti generici, finanziamenti a copertura di disavanzi pregressi; - relative a progetti proposti da organizzazioni di volontariato, che rientrano invece nell attività istituzionale proposta dai CESVOL. ESAME DELLE RICHIESTE La Fondazione potrà discrezionalmente: 1. accogliere integralmente o parzialmente la richiesta di contributo; 2. definire le modalità e la cadenza di erogazione del contributo concesso; 3. riservarsi il diritto di accesso nei luoghi ove si realizza il progetto o si svolge l attività e la facoltà di controllare in loco lo stato di avanzamento dei lavori. OBBLIGO DELLA RENDICONTAZIONE L erogazione delle risorse deliberate per l intervento è effettuata sulla base della presentazione della documentazione comprovante la spesa sostenuta, di una relazione dettagliata sulla realizzazione del progetto e sui risultati ottenuti, contenuti nel modulo di richiesta di liquidazione, scaricabile dal sito internet della Fondazione. REVOCA DEI FINANZIAMENTI La Fondazione potrà revocare l assegnazione nei seguenti casi: - siano accertati i motivi che inducano a ritenere non realizzabile la continuazione del progetto o del sostegno; - sia accertato, all esito della verifica della rendicontazione, l uso non corretto dei fondi erogati; in questo caso la Fondazione potrà in qualsiasi momento disporre l interruzione del finanziamento e richiedere la restituzione, che dovrà avvenire entro 30 giorni, delle somme già eventualmente versate; - sia accertata l esistenza di ulteriori contributi di altri Enti non precedentemente dichiarati; in tale ipotesi la Fondazione potrà a suo insindacabile giudizio valutare di ridurre il contributo in misura proporzionale all ammontare delle entrate non preventivate; - sia accertato che a distanza di 18 mesi dalla comunicazione della concessione del finanziamento, il progetto non sia stato realizzato, salvo giustificato motivo che la Fondazione dovrà valutare mediante delibera del Consiglio di Amministrazione che potrà prevedere una proroga del termine. Orvieto, 18 dicembre 2009 IL PRESIDENTE (Vincenzo Fumi)

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO CONFERENZA STAMPA. Orvieto Palazzo Coelli, venerdì 17 aprile 2009

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO CONFERENZA STAMPA. Orvieto Palazzo Coelli, venerdì 17 aprile 2009 FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO CONFERENZA STAMPA Orvieto Palazzo Coelli, venerdì 17 aprile 2009 Un cordiale saluto a tutti i presenti ed un ringraziamento per essere intervenuti alla odierna

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

BANDO 2014. Obiettivi

BANDO 2014. Obiettivi BANDO 2014 Obiettivi La Fondazione persegue esclusivamente fini di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico del territorio e, tenuto conto delle risorse disponibili, realizza la propria

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FI- NANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI, ASSOCIAZIONI, COMITATI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

COMUNE DI MONTEMILETTO

COMUNE DI MONTEMILETTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI NONCHE DI BENI MOBILI ED IMMOBILI AD ASSOCIAZIONI, ENTI O ALTRI ORGANISMI PRIVATI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BIELLA. ORGANO DI INDIRIZZO seduta del 28 ottobre 2004

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI BIELLA. ORGANO DI INDIRIZZO seduta del 28 ottobre 2004 5. APPROVAZIONE DEL DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2005 Il Presidente sottopone all esame dell Organo di Indirizzo il Documento Programmatico Previsionale, relativo all esercizio 1 gennaio 2005 31

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Approvato dal Consiglio Provinciale con deliberazione n. 117 del 10.12.2002 Modificato con delibera di Consiglio Provinciale n. 19 del 1.4.2004 1 REGOLAMENTO

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

REGOLAMENTO BANDO 2015

REGOLAMENTO BANDO 2015 REGOLAMENTO BANDO 2015 La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale relativa al 2015, promuove un bando per la presentazione di richieste di finanziamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE

Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI, IL BILANCIO, LE RISORSE UMANE E LA FORMAZIONE IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3; VISTO il decreto legislativo 22 gennaio 2004,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 1035 DEL 31-12-2013 - SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - OGGETTO: Associazioni culturali locali diverse. Sostegno attività

Dettagli

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Nel

Dettagli

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015

BANDO RASSEGNE TEATRALI - ANNO 2015 PREMESSA Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, data la presenza attiva sul territorio di Associazioni impegnate nell organizzazione e gestione di Rassegne teatrali, intende sollecitare i soggetti interessati

Dettagli

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE

BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE BANDO 2016.3 ASSISTENZA SOCIALE PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione della Comunità

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

STATUTO. DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1. "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste

STATUTO. DELLA FONDAZIONE proposta ARTICOLO 1. Assidipost-Federmanager (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste STATUTO DELLA FONDAZIONE "proposta" ARTICOLO 1 "Assidipost-Federmanager" (Associazione Sindacale Dirigenti del Gruppo Poste Italiane) aderente a "Federmanager" e "CIDA" (Confederazione Italiana Dirigenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI. ART. 1 I Principi REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E SOCIALI ART. 1 I Principi L Amministrazione Comunale di Tempio Pausania può concedere contributi finanziari al fine

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO

BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO BANDO 2016.5 SALUTE MENTALE E DISAGIO PSICHICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI 1. FINALITÀ DEL BANDO La Fondazione

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2014 Introduzione Premessa metodologica Le disponibilità economiche Ripartizione delle risorse nei settori d intervento L attività Istituzionale Indirizzi operativi

Dettagli

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE

Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE D. R. Regolamento per le Associazioni studentesche e per le Attività formative autogestite dagli studenti IL RETTORE VISTO lo Statuto di Autonomia dell Università Ca Foscari Venezia; VISTO il Regolamento

Dettagli

Museo Archeologico Ambientale

Museo Archeologico Ambientale STATUTO del MUSEO ARCHEOLOGICO AMBIENTALE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO) Art. 1 Denominazione e sede Il Museo Archeologico Ambientale è una struttura di cui Ente titolare è il Comune di San Giovanni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

BANDO SPORT ANNO 2015

BANDO SPORT ANNO 2015 BANDO SPORT ANNO 2015 Pubblicato il 02.03.2015 Premessa La Fondazione Cassa di Risparmio di Modena è una Fondazione di diritto privato ai sensi dell art. 2 comma 1 del Decreto Legislativo n. 153 del 17/05/1999.

Dettagli

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI Il presente documento disciplina le procedure per lo svolgimento dell attività istituzionale riferita alla presentazione di progetti da

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul

Art.1 - Denominazione e sede. Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul STATUTO DELLA FONDAZIONE ARETINA DI STUDI SUL CLASSICISMO Art.1 - Denominazione e sede Il Comune di Arezzo e l Associazione denominata Centro di studi sul classicismo costituiscono la Fondazione Aretina

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI:

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI: 1 AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI E DI RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER L ANNO 2015 EMANATO IL 26 FEBBRAIO 2015 SETTORI INTERESSATI: - ARTE, ATTIVITA E BENI CULTURALI - VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO?

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 Fondazione Provinciale della Comunità Comasca onlus FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. COMUNE DI VIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. Approvato con deliberazione di C.C. n.23 del 18/03/1991 Modificato

Dettagli

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario)

BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) BANDO A TEMA RICERCA DI BASE 2008 (Anno del centenario) La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale relativa al 2008, promuove un Bando a tema per il finanziamento

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum

Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Statuto dell Associazione Culturale Senza Scopo di Lucro cinaforum Denominazione Oggetto Sede Art. 1 1. E costituita, ai sensi dell art. 36 c.c., l Associazione culturale denominata Cinaforum. La denominazione

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE DI QUARTU SANT ELENA QUARTU SANT ALENI Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI OD ORGANISMI PUBBLICI O PRIVATI

Dettagli

Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche:

Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche: 1 Master di I Livello in gestione ed innovazione nelle Amministrazioni Pubbliche: L attività istituzionale nelle Fondazioni di origine bancaria Verona, 12 maggio 2006 2 Verona, 12 maggio 2006 Fausto Sinagra

Dettagli

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO Amici dell Archivio Fotografico Lucchese 4 Maggio 2010 STATUTO Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese Art. 1 E costituita in

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

PREVENTIVO ESERCIZIO 01/07/2015-30/06/2016 Parziali Totali

PREVENTIVO ESERCIZIO 01/07/2015-30/06/2016 Parziali Totali FONDAZIONE ASM BRESCIA Sede legale: 25124 Brescia via Lamarmora, 230 Sede operativa: 25121 Brescia Piazza del Vescovato, 3 Codice fiscale: 02339090983 PREVENTIVO ESERCIZIO 01/07/2015-30/06/2016 Parziali

Dettagli

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India

Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India Sito: www.fondazionevarrone.it Bando per sette borse di studio: 5 per un anno di studio negli U.S.A 1 per un anno di studio in Cina 1 per un anno di studio in India In collaborazione con 1 SETTE BORSE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI Redatto ai sensi della legge 23 dicembre 1998 n 461, del decreto legislativo n 153 del 17 maggio 1999 e dell'atto di indirizzo del Ministro del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica del

Dettagli

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di

VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di VOLONTARIATO, FILANTROPIA E BENEFICENZA AVVISO UNICO PER L ANNO 2015 L avviso è rivolto a tutti i soggetti in possesso dei requisiti di finanziabilità previsti dall art. 4 del Regolamento dell attività

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA

REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA - 1 - INDICE REGOLAMENTO PER LE EROGAZIONI LIBERALI DELLA BANCA 3 ART. 1 3 ART. 2 3 ART. 3 3 ART. 4 4 ART. 5 4 ART. 6 4 ART. 7 4 ART.8 4 ART. 9 4 ART.

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE PER GLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale n. 688 del 16 luglio 1997; modificato con delibere del Consiglio di Amministrazione nelle sedute

Dettagli

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria

Cantieri d Arte 2006 Restauro e tutela del patrimonio monumentale religioso in Piemonte e in Liguria La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Informazioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale

Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale Allegato parte integrante Allegato A Criteri per la concessione di contributi ad iniziative programmate dalla Giunta Provinciale La Provincia autonoma di Trento ai sensi della Legge Provinciale n. 10/1988

Dettagli

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO Proposta da: Coordinamento delle Associazioni di Volontariato MoVI Movimento di Volontariato Italiano Casa del Volontariato

BOZZA DI REGOLAMENTO Proposta da: Coordinamento delle Associazioni di Volontariato MoVI Movimento di Volontariato Italiano Casa del Volontariato COMUNE DI GELA BOZZA DI REGOLAMENTO Proposta da: Coordinamento delle Associazioni di Volontariato MoVI Movimento di Volontariato Italiano Casa del Volontariato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

BANDO 2016 REGOLAMENTO

BANDO 2016 REGOLAMENTO BANDO 2016 REGOLAMENTO La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale, promuove un bando per la presentazione di richieste di finanziamento a favore di progetti

Dettagli

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative

Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative Regolamento, criteri e modalità per concessione patrocinio, partecipazione a comitati d onore e compartecipazione a iniziative APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 31/05/2013 2 I N D I C E Premessa...5 Art.

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI

BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI Emanato ai sensi dell art. 2 let. d) del Regolamento per il perseguimento delle finalità istituzionali ed in attuazione del Documento Programmatico Previsionale 2014.

Dettagli

2015-2016 Un anno scolastico in

2015-2016 Un anno scolastico in 2015-2016 Un anno scolastico in U.S.A. e CINA La Fondazione Varrone, in collaborazione con Intercultura, bandisce un concorso per OTTO borse di studio completamente gratuite, di cui SEI per soggiorni di

Dettagli

bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative

bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative bando per iniziative culturali ad ampia diffusione e con finalità divulgative primo bando quadrimestrale 2014 per il sostegno di progetti proposti da realtà di volontariato culturale budget complessivo

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari

Art. 1 Finalità. Art. 2 Quadro normativo di riferimento. Art. 3 Destinatari Allegato al decreto del direttore centrale 6 agosto 2012 n. 1087/ISTR Bando per il finanziamento delle Sezioni Primavera anno scolastico 2012/2013 Art. 1 Finalità 1. Il presente bando viene emanato al

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni

Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) REGOLAMENTO COMUNALE. Albo delle Associazioni. Rapporti con le Associazioni Comune di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Settore Servizi Sociali e Cultura REGOLAMENTO COMUNALE PER l ISTITUZIONE DELL Albo delle Associazioni E PER I Rapporti con le Associazioni Approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI PER LA CULTURA, LO SPORT E LE MANIFESTAZIONI DI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI PER LA CULTURA, LO SPORT E LE MANIFESTAZIONI DI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI PER LA CULTURA, LO SPORT E LE MANIFESTAZIONI DI SPETTACOLO ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Iniziative di valorizzazione del territorio primo semestre 2012 Ulteriori richieste di contributo pervenute oltre il termine Determinazioni

Iniziative di valorizzazione del territorio primo semestre 2012 Ulteriori richieste di contributo pervenute oltre il termine Determinazioni 80 L'anno duemiladodici il giorno dodici del mese di aprile presso la propria sede si è riunita la Giunta della Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Perugia, convocata con nota

Dettagli

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013

AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 AVETE PROGETTI PER IL FUTURO? BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2013 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con

Dettagli

Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo

Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo Gara Nazionale di Teatro Classico e Contemporaneo PREMESSA L Associazione culturale Achille e la Tartaruga e il Liceo Classico Torquato Tasso di Salerno, in collaborazione con il Palinuro Teatro Festival

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI D IPARTIMENTO PER GLI AFFARI REGIONALI, LE AUTONOMIE E LO SPORT Ritenuto che risulta dimostrato l interesse pubblico concreto ed attuale alla revoca del provvedimento in esame; Decreta: Art. 1. Il decreto dirigenziale n. 3/CC/2013 regione Calabria del 30 gennaio 2013

Dettagli

Per il perseguimento dei propri scopi potrà affiliarsi ad associazioni o federazioni nazionali ed internazionali.

Per il perseguimento dei propri scopi potrà affiliarsi ad associazioni o federazioni nazionali ed internazionali. El Fueye tango club Ass. Culturale Sportivo Dilettantistica Statuto Art. 1: Denominazione e Marchio E costituita l Associazione culturale sportivo dilettantistica denominata El Fueye tango club, qui di

Dettagli

STATUTO Art. 1 - E' costituita per volontà di Banche Popolari Unite Società Cooperativa per Azioni (ora Unione di Banche Italiane), in seguito

STATUTO Art. 1 - E' costituita per volontà di Banche Popolari Unite Società Cooperativa per Azioni (ora Unione di Banche Italiane), in seguito STATUTO Art. 1 - E' costituita per volontà di Banche Popolari Unite Società Cooperativa per Azioni (ora Unione di Banche Italiane), in seguito indicata come "socio fondatore" la "Fondazione Unione di Banche

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Allegato A alla delibera C.C. N. 17 Del 01.03.2011. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Art.1 Definizione e finalità Il patrocinio rappresenta una forma simbolica di adesione ed una

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PLURIENNALE

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PLURIENNALE DOCUMENTO PROGRAMMATICO PLURIENNALE per il biennio 2012 2013 a) PREMESSA Il presente Documento contiene le linee programmatiche e gli indirizzi dell attività erogativa e delle politiche di investimento

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

omissis (2) omissis (3)

omissis (2) omissis (3) 9(1(72 /HJJHUHJLRQDOHVHWWHPEUHQ%85Q 1250(,10$7(5,$',35202=,21((',))86,21(',$77,9,7 $57,67,&+(086,&$/,7($75$/,(&,1(0$72*5$),&+( 7LWROR, 2JJHWWRHILQDOLWjGHOODOHJJH $UW3ULQFLSLJHQHUDOL La Regione Veneto promuove

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa.

2. DESTINATARI: Sono destinatari del programma tutti gli enti, pubblici e privati, senza scopo di lucro e non esercenti impresa. SAPERE DONARE Insieme 2010 Regolamento 1. OBIETTIVI: Sapere Donare è un progetto della Fondazione CRT nato per sostenere e promuovere la cultura della donazione. L avvio del progetto nel 2005 è consistito

Dettagli

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINIO, CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, VANTAGGI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI E PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DELLE

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

RICHIESTA DI CONTRIBUTO

RICHIESTA DI CONTRIBUTO RICHIESTA DI CONTRIBUTO Spett.le Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto Piazza Febei, 3 05018 - Orvieto (TR) RISERVATO ALLA FONDAZIONE Luogo e data: Ricevuto il Protocollo: DATI RIGUARDANTI IL RICHIEDENTE

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Allegato sub B) alla deliberazione C.C. n. 24 in data del 26.07.2011 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MUZZANA DEL TURGNANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONIMICI AD ENTI PUBBLICI, ASSOCIAZIONI E SOGGETTI PRIVATI

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004.

Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI. Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. Provincia di Prato REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI E BENEFICI ECONOMICI Testo approvato con Deliberazione C.P. n.48 del 14.04.2004. 1 Indice PROVINCIA DI PRATO INDICE Art. 1 Oggetto del

Dettagli

COMUNE DI BEDIZZOLE Provincia di Brescia. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausilii finanziari.

COMUNE DI BEDIZZOLE Provincia di Brescia. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausilii finanziari. COMUNE DI BEDIZZOLE Provincia di Brescia Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausilii finanziari. Albo Beneficiari Approvato con delibera C.C. N. 14 del 21.03.1991 Approvato

Dettagli