FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DI GINNASTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FEDERAZIONE INTERNAZIONALE DI GINNASTICA"

Transcript

1 Newsletter del CTF N. 31 Mrs. Nelly Kim, Presidente del Comitato Tecnico Minsk (BLR) / Lausanne (SUI), Febbraio 2011 A: Tutte le Federazioni I. Dopo i Campionati del Mondo di Rotterdam (NED) 2010, il CTF è lieto di presentare il General Report sulle gare, che include quanto segue: Valutazione della partecipazione, Statistiche relative ad età e prestazione, Attività del corpo giudicante, Osservazioni, Conclusioni. II. Codice dei punteggi 2009 Art.1.1 (#1) Cancellare: Volteggio o C-I, C-II e C-IV solo due rincorse o C-I qualificazione per C-III max. tre rincorse Ogni salto (inclusa la preparazione dell attrezzo) non può superare i 20 secondi Nuovo testo: Volteggio 30 sec. per ogni ginnasta. Ratio: Avere la stessa indicazione relativa al riscaldamento sia nel C.d.P. che nel R.T. Lo scopo dei 30 sec. di riscaldamento (50 sec. alle Parallele asimmetriche) prima della gara è quello di toccare l attrezzo e non svolgere una seduta d allenamento. Per questo motivo si parla di riscaldamento all attrezzo. Nota: Newsletters #28 e #29: l indicazione relativa al riscaldamento all attrezzo è da considerare obsoleta (#2 e #3). III. Newsletter 30 (#4) Linee di demarcazione Vicino alla linea di demarcazione significa che la ginnasta arriva molto vicino o sulla linea laterale del corridoio. La linea è parte del corridoio 8.6 Penalità specifiche all attrezzo Cancellare: L esecuzione della ribaltata con salto avanti carpiato con più di 180 di avvitamento sull AL non è realistica dal punto di vista biomeccanico. Perciò è sensato considerare tutti i volteggi di complessità progressivamente superiore (360, 540, ecc.) come salti tesi avanti. L insufficiente posizione tesa del corpo durante il secondo volo è considerata come un fallo d esecuzione e la giuria E detrarrà le penalità come da Codice dei punteggi. Cancellare : comunque, se la posizione carpiata è mantenuta dopo la linea della verticale (in posizione verticale ritta con la testa in alto), il volteggio sarà considerato carpiato.

2 Nuovo testo : Una courbette (posizione del corpo a cucchiaio o leggermente carpiato) che segue immediatamente la fase di repulsione è biomeccanicamente accettabile. Linea guida per il Riconoscimento dei volteggi con salto avanti carpiato con più di ½ avvitamento sull AL : seconda fase di volo: se l esecuzione della rotazione sull AL comincia verso la fine del salto carpiato, si riconoscerà un volteggio con salto avanti carpiato. A nome del CTF Mrs. Nellie Kim Presidente del CTF

3 Newsletter Nr 28 Mrs. Nelly Kim, Presidente del Comitato Tecnico Minsk (BLR) / Lausanne (SUI), Aprile 2009 A: Tutte le Federazioni Il CTF è lieto di presentare a tutte le federazioni affiliate alla FIG una sinossi delle recenti novità tecniche. Codice dei Punteggi 2009 Articolo Riscaldamento Correggi: Volteggio : C I, C II - Max. 4 min. e 30 sec. C IV Max. 2 min. e 30 sec. C I qualificazione per C III, la ginnasta può richiedere la terza rincorsa se necessario Corpo Libero : C I, C II, C IV 3 min. Cancellare : Ogni salto (inclusa la preparazione dell attrezzo) non può superare i 20 secondi Articolo Per la deviazione dalla direzione al volteggio, la giudice di linea dovrebbe segnalare la penalità (0.10/0.30/0.50) alzando una bandiera rossa Articolo Valore Difficoltà (VD) Chiarimento : L uscita fa parte degli 8 elementi conteggiati per il VD. Se non si esegue l uscita o la ginnasta cade senza arrivare prima con i piedi si contano solo 7 elementi Alla TR & CL l uscita è uno degli elementi acro conteggiati che non possono essere più di 4 se non si esegue l uscita. Es 1: 2 ginnici + 6 acro ma no USC Si conteggiano solo 6 VD per il punteggio D; 2 ginnici + 4 acro Es 2: 5 ginnici + 3 acro ma no USC Si conteggiano 7 VD per il punteggio D; 5 ginnici + 2 acro, o 4 ginnici e 3 acro. 5.5 Esercizio corto Il calcolo dei VD e il numero di elementi (ginnici/acro) nell esercizio non devono essere confusi. Es: 7 elementi o più sono stati eseguiti (escludendo l USC) = si contano 7 elementi per la Giuria D, ma la valutazione della Giuria E parte da p Es: 10 acro (USC compresa) + 1 ginnico = si contano 6 elementi per Giuria D, ma la valutazione della Giuria E parte da p Gli elementi con nessun VD* non possono essere contati *Gli elementi non nella Tabella degli elementi e/o gli elementi ripetuti. Articolo 6: Falli d arrivo: CL: L affondo deve essere considerato come un passo (0.10/0.30) Direttive da applicare per le penalità di tenuta del corpo (WC 06 Judges Instruction):

4 LETTERA DEL CTF NR 29 Dalla Sig. Nellie KIM, Presidente del Comitato tecnico Minsk (BLR) / Lausanne (SUI), Settembre 2009 Precisazioni tecniche, modifiche e disposizioni Queste direttive tecniche sono presentate per migliorare la coerenza e la comprensione del processo di giudizio. Ci sono alcune piccole modifiche per il C.d.P. ed anche alcuni chiarimenti e miglioramenti del linguaggio. Codice dei punteggi GAF 2009 ART Diritti della ginnasta II tempo di riscaldamento al volteggio ha creato dei problemi durante un certo numero di gare ed al fine di assicurarsi che il volteggio non ritarderà la durata della rotazione, la richiesta per una 3a r incorsa non è concessa. Cancellare : Max. 4 min.30 sec.. C - IV Max.2 min. 30 sec. Nuovo testo : Volteggio C-I, C-II & C-IV Il tempo massimo di riscaldamento è di 50 sec. per ogni ginnasta moltiplicato per il numero delle ginnaste del gruppo. Cancellare (C-I qualificazione per C-III massimo 3 rincorse) Precisazione: Durante le qualificazioni (C-I) e la finale a squadra (C-IV), il tempo totale di riscaldamento appartiene alla squadra VO: Non esiste un limite al numero delle rincorse nel tempo di riscaldamento (squadre o ginnaste individualiste). CL: se il gruppo è formato da una sola ginnasta i l tempo di riscaldamento rimane di 3 minuti. Questo è valido anche per le gare delle Junior. Art Funzione delle assistenti Precisazione : la giudice di linea al VOLTEGGIO deve garantire il rispetto del tempo di riscaldamento. Art.6 Falli di esecuzione Precisazione: cancellare la penalità di «precisione nella posizione tesa» La penalità è già coperta dalla penalità della posizione del corpo, e una doppia penalità non occorre. Falli di arrivo Precisazione : sfiorare/toccare l attrezzo/tappeto, ma non cadere contro l attrezzo

5 Newsletter del CTF Nr Penalità Specifiche all Attrezzo Penalità di p. 0.10/0.30 per: Eccessiva flessione delle anche (courbette) per iniziare il salto teso (dietro/avanti) L esecuzione della ribaltata con salto avanti carpiato con più di 180 di rotazione AL non è realisti ca dal punto di vista della biomeccanica. Quindi è sensato considerare tutti i volteggi con progressiva complessità (360, 5 40 ecc) come un salto teso avanti. L insufficient e posizione di corpo teso nella seconda fase di volo è considerata come un fallo di esecuzione, e la giuria E detrarrà le penalità come da Codice dei Punteggi. Indicazioni per il riconoscimento di: Salto avanti teso con rotazione sull AL (vedi figura #1 e #2). Salto avanti carpiato con rotazione sull AL (vedi figura #3). La " courbette" (posizione a cucchiaio o corpo leggermente carpiato) che segue immediatamente la repulsione è biomeccanicamente accettabile; tuttavia, se la posizione carpiata è mantenuta dopo la linea della verticale (in posizione verticale con la testa in alto), il salto sarà considerato carpiato. Salto avanti teso con avv. AL Salto avanti carpiato con avv. AL #1 #2 #3 Art Penalità Specifiche all Attrezzo Chiarimento : L elemento # (In entrata o nell esercizio): Entrambe le tecniche della kippe sono accettate (oscillazione o sospensione ). Se la ginnasta perde il ritmo in sospensione prima della kippe allo SA avrà una penalità di p.0.10 per Mancanza di ritmo negli elementi. Penalità di p. 0.10/ 0.30 per: o Mancanza di estensione delle anche negli elementi con volo e contromovimento sopra (oltre) lo staggio alto o Eccessiva flessione delle anche nella frustata (USC) Nuovo Elemento L elemento è stato spostato nel a seguito dell esecuzione ddel nuovo elemento (4.509) e pertanto è stata creata una nuova linea nella Tabella degli elementi. Art.10 Collegamento acrobatico di elementi avanti D + D L abbuono di collegamento di p viene dato quando la ginnasta è in grado di arrivare nel 1 salto (stessa tecnica dell arrivo d al salto dietro teso smezzato) ed eseguire il 2 sa lto avanti con spinta di due piedi senza pausa tra i due salti.

6 ARTICOLO 1 Norme per le Ginnaste 1.1 Diritti della Ginnasta Ogni ginnasta deve conoscere il CODICE DEI PUNTEGGI ed attenersi alle regole come specificato di seguito. Alle ginnaste è garantito il diritto di: essere giudicate correttamente, imparzialmente e in accordo con le regole del Codice dei Punteggi avere la fornitura d attrezzi e tappeti d arrivo durante il riscaldamento e l allenamento, identici a quelli della competizione sul podio, conformemente alle disposizioni della FIG ricevere per iscritto, entro un tempo ragionevole prima dell inizio della gara, la valutazione dei nuovi salti, elementi e collegamenti avere il suo punteggio immediatamente esposto al pubblico tramite tabellone elettronico o manuale approvato dalla FIG ricevere tramite il suo capo delegazione il tabulato dei suoi punteggi. Attrezzi La ginnasta deve utilizzare un tappeto morbido supplementare di 10 cm. sopra i normali tappeti d arrivo (20 cm.) per gli arrivi al Volteggio, e le uscite alle Parallele e alla Trave. Il tappeto supplementare non può essere spostato durante l esercizio. Può porre la pedana sopra il tappeto supplementare di 10 cm.(pa -TR) Con autorizzazione scritta del Presidente della Giuria Superiore è consentito alzare entrambi gli staggi delle parallele (5 cm. ognuno) se i piedi o il bacino della ginnasta toccano i tappeti Almeno 24 ore prima dell allenamento sul podio, la ginnasta o l allenatore deve presentare per iscritto al Presidente della Giuria Superiore la richiesta di alzare gli staggi alle parallele asimmetriche o presentare tale richiesta in accordo con il regolamento tecnico della FIG (RT) per quella gara. Col permesso della Giuria Superiore, può ripetere l esercizio se questo è stato interrotto per motivi indipendenti dalla sua volontà e responsabilità. Riscaldamento Per la Qualificazione (C-I), Finale Individuale (C-II) e Finale a Squadre (C-) Ad ogni attrezzo prima dell inizio della gara, ogni ginnasta (compreso la sostituta della ginnasta infortunata) dispone di un periodo di riscaldamento sul podio a tutti gli attrezzi: Volteggio C I, C II, CIV solo due rincorse C I - qualificazione per C III max. tre rincorse Ogni salto (compresa la preparazione dell attrezzo) non può superare 20 secondi Volteggio : 30 secondi per ogni ginnasta Parallele asimmetriche- 50 secondi per ogni ginnasta, compresa la preparazione degli staggi. Trave 30 secondi per ogni ginnasta Corpo libero 30 secondi per ogni ginnasta NOTA: Nella gara di qualificazione (C-1) e Finale di Squadra (C IV) il tempo di riscaldamento appartiene alla squadra. La squadra deve prestare attenzione allo scorrere del tempo, affinché anche l ultima ginnasta possa avere a disposizione il suo tempo di prova. Nei gruppi misti il periodo di riscaldamento è individuale per ogni ginnasta. L ordine del riscaldamento deve essere come l ordine di lavoro della gara. La fine del periodo di riscaldamento è segnata da un segnale acustico (gong). Se in quel momento la ginnasta è mentalmente e fisicamente pronta per eseguire un volteggio o è ancora sull attrezzo, può completare l elemento o la sequenza iniziata. Terminato il tempo di riscaldamento o nei momenti di pausa nel corso della competizione, si può preparare l attrezzo, ma la ginnasta non può provare. 1.2 Responsabilità delle GINNASTE Abbigliamento di gara Il costume di gara non deve essere trasparente, (è consentito anche un body che arrivi alle caviglie) deve rispettare i principi d estetica sportiva e avere una linea elegante. Il pantalone (fuseaux) deve essere dello stesso colore del body; può essere indossato sopra o sotto il costume. La scollatura del costume davanti o dietro deve essere appropriata, cioè, non può oltrepassare la metà dello sterno e non deve essere più bassa della linea inferiore delle scapole. Il costume può essere con o senza maniche; non sono consentiti body con spalline sottili, devono essere minimo 2cm. La sgambatura non deve superare l anca (massimo ). La lunghezza della sgambatura del costume non può superare i 2 cm dalla linea orizzontale tracciata alla base delle natiche. L emblema della nazione deve essere posizionato sul costume secondo le recenti regole di pubblicità della FIG. La ginnasta può portare solo i loghi, le pubblicità e le sponsorizzazioni che

FIG FLACK! HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE. 4º Edizione - Gennaio 2014

FIG FLACK! HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE. 4º Edizione - Gennaio 2014 Help Desk GAF 4º Edizione - Gennaio 2014 Indice: Sezioni 2-6 Sezione 7 1 6 Questo documento denominato Help Desk di Ginnastica Artistica Femminile intende chiarire ed esemplificare le diverse norme del

Dettagli

FIG FLACK HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE

FIG FLACK HELP DESK 2013-2016 GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE FIG FLACK Help Desk GAF 5º Edizione - Marzo 2015 Indice: Questo documento denominato Help Desk di Ginnastica Artistica Femminile intende chiarire ed esemplificare le diverse norme del Codice dei Punteggi

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE A Il Campionato Nazionale Serie A è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D., alle ex-ginnaste federali che, da almeno

Dettagli

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2012/2013 Regolamento e Programma Tecnico 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni

Dettagli

Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile

Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile I programmi tecnici sono stati formulati sul nuovo ordinamento del C.d.P. CSAIN sono suddivisi in settori in base alla difficoltà tecnica: SETTORE

Dettagli

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B

M.S.P. ITALIA SEZIONE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE Programma Tecnico Serie B SERIE B SERIE B 1. Il Campionato è riservato alle ginnaste più esperte. Sono escluse le ginnaste partecipanti al Campionati di Serie A; 2. La competizione è individuale; 3. E prevista una classifica assoluta determinata

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

Ginnastica Artistica 2015-2019 QUADRIENNIO 2015 2019 C.S.A.IN.

Ginnastica Artistica 2015-2019 QUADRIENNIO 2015 2019 C.S.A.IN. Ginnastica Artistica 2015-2019 Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile I programmi tecnici sono stati formulati sul nuovo ordinamento del C.d.P. CSAIN sono suddivisi in settori in base alla

Dettagli

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE

ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE ANNO 2013/2014 GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE REGOLAMENTO: BIG TEAM - Programma rivolto a ginnaste/i principianti o che frequentano corsi di avviamento allo sport. - Questo programma di competizioni

Dettagli

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale

Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ente Nazionale Democratico di Azione Sociale Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 Regolamento e Programma Tecnico 2 REGOLAMENTO NAZIONALE 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni

Dettagli

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società

PARALLELE CAMPIONATO GOLD Nome Ginnasta: Categoria Società USCITE STAGGIO GIRI/SLANCI ENTRATE PARALLELE CAMPIONATO GOLD Saltare all'appoggio ritto frontale Kippe infilata con 1 gamba: infilata in presa poplitea Capovolta dietro all appoggio ritto frontale (partenza

Dettagli

Campionato Nazionale di Eccellenza

Campionato Nazionale di Eccellenza Coordinamento Nazionale Ginnastica Artistica Prof. Mario Pappagallo Campionato Nazionale di Eccellenza A cura di Cinzia Pennesi Ginevra Civiletti Tiziana Di Nitto Alice Grecchi Ilenia Oberni Componenti

Dettagli

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014

PROGRAMMA. Trofeo Laudense 2013-2014 PROGRAMMA Trofeo Laudense 2013-2014 1 REGOLAMENTO TROFEO LAUDENSE 1. Il 1 livello potrà esser eseguito esclusivamente dai bambini frequentanti la scuola dell infanzia. 2. La classifica sarà divisa in livelli

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA ARTISTICA A.S.C. SALEMI ( TRAPANI ) 14 APRILE - 2013 PALAZZETTO DELLO SPORT ORGANIZZAZIONE TECNICA : Responsabile generale = Sig. Colicchia Sebastiano = Tel. 328 7273766,

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Codice Internazionale dei Punteggi Ginnastica Artistica Maschile

Federazione Ginnastica d Italia Codice Internazionale dei Punteggi Ginnastica Artistica Maschile Federazione Ginnastica d Italia Codice Internazionale dei Punteggi Ginnastica Artistica Maschile Federazione Internazionale di Ginnastica Comitato tecnico maschile Per i concorsi di Ginnastica Artistica

Dettagli

SCHEMA DELLA DIVISIONE STRUTTURALE DEGLI ELEMENTI DI SLANCIO LEGENDA

SCHEMA DELLA DIVISIONE STRUTTURALE DEGLI ELEMENTI DI SLANCIO LEGENDA SCHEMA DELLA DIVISIONE SUTTURALE DEGLI ELEMENTI DI SLCIO LEGENDA Attitudini Atteggiamenti SOSP VOLO FLESSO SQUAD TESO Attitudine di appoggio Attitudine di sospensione Attitudine di volo Atteggiamento flesso

Dettagli

ALLEGATO AI PROGRAMMI TECNICI GpT 2015

ALLEGATO AI PROGRAMMI TECNICI GpT 2015 DIREZIONE TECNICA NAZIONALE GINNASTICA per TUTTI ALLEGATO AI PROGRAMMI TECNICI GpT 2015 Aggiornato al 23 gennaio 2015 ATTIVITA (a Squadre) FASCIA ETA RAPPRESENTATIVA PROGRAMMA TECNICO E DOCUMENTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA LIBERTAS

REGOLAMENTO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA LIBERTAS REGOLAMENTO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA LIBERTAS La Libertas nazionale in collaborazione con l ASD SCFTITALIA indice ed organizza per l anno sportivo 2013/14 le attività riservata alla Ginnastica ritmica.

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2013-14 PRESIDENTE NAZIONALE. Antonino Viti COMITATO PROVINCIALE DI SALERNO

CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2013-14 PRESIDENTE NAZIONALE. Antonino Viti COMITATO PROVINCIALE DI SALERNO CAMPIONATO NAZIONALE DI GINNASTICA RITMICA 2013-14 PRESIDENTE NAZIONALE Antonino Viti COMITATO PROVINCIALE DI SALERNO Alfonso Luigi Venosi - Presidente Comitato Provinciale Via A. Barone 26, 84129 Salerno

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO CdP ROMA 6 Febbraio 2011. Daniela Delle Chiaie

CORSO AGGIORNAMENTO CdP ROMA 6 Febbraio 2011. Daniela Delle Chiaie GR CORSO AGGIORNAMENTO CdP ROMA 6 Febbraio 2011 Daniela Delle Chiaie D1 41 video HELP DESK precisazioni I^ Precisazione Pag. 15 1.4. riguardo a : 0,1 0,2 0,3 o più Simbolo errato della difficoltà corporea

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

Palazzetto dello Sport Lucera (FG), 26 maggio 2013

Palazzetto dello Sport Lucera (FG), 26 maggio 2013 Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica CAMPIONATO NAZIONALE GOLD Palazzetto dello Sport Lucera (FG), 26 maggio 2013 AMMISSIONE Il Campionato

Dettagli

Regolamento Campionato Provinciale Ginnastica Artistica 2014-2015. Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO

Regolamento Campionato Provinciale Ginnastica Artistica 2014-2015. Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO Consiglio Provinciale Varese REGOLAMENTO Ginnastica Artistica Regolamento 1 Consiglio Provinciale Varese CAMPIONATO NAZIONALE FASE PROVINCIALE Ginnastica Artistica Regolamento La manifestazione è aperta

Dettagli

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale

PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale Federazione Ginnastica d Italia Settore Ginnastica Generale PERCORSI MOTORI TROFEO GIOVANI 2007 Fase nazionale L AREA DEI PERCORSI è di m. 9 x 3, ma tale misura potrebbe subire variazioni per problemi

Dettagli

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA)

LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) LA PALLAVOLO PER I PRINCIPIANTI (MINI-VOLLEY E PALLAVOLO DI MASSA) Hiroshi Toyoda, presidente della Commissione allenatori della FIVB 1. Prima dell allenamento Prima di iniziare l allenamento di pallavolisti

Dettagli

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Artistica Femminile

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Artistica Femminile Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Artistica Femminile In convenzione con: A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana Settore Promozionale Agonistico TROFEO

Dettagli

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE

Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE Anno Sportivo 2012/2013 SETTORE GINNASTICA ARTISTICA FEMMINILE E MASCHILE PROGRAMMA GARA REGIONE SICILIA L2 CATEGORIE ANNO SPORTIVO 2012/2013 GIOVANISSIME: 2006-2005-2004 ALLIEVE: 2003-2002-2001 JUNIOR:

Dettagli

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle

Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Riceviamo dal Prof. Giorgio Garufi e pubblichiamo un preziosissimo scritto sulle Forme Basilari della Ginnastica Artistica agli attrezzi, strumento molto utile sia per i neofiti che per gli appassionati,

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE

ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE ELEMENTI VINCOLATI CON ROTAZIONE TRASCURABILE IN CONTATTO CON I PIEDI IN CONTATTO CON LE MANI IN CONTATTO CON MANI E PIEDI (andature quadrupediche) IN ACQUA Parte 2d (Disegni di elementi di slancio) p.

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato

Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato Regolamento tecnico di Nuoto Sincronizzato (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA INTERNATIONAL BEACH TCHOUKBALL FESTIVAL REGOLAMENTO PARTITE. 13^ Edizione Viserba di Rimini, 8-10 maggio 2015

FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA INTERNATIONAL BEACH TCHOUKBALL FESTIVAL REGOLAMENTO PARTITE. 13^ Edizione Viserba di Rimini, 8-10 maggio 2015 FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA REGOLAMENTO PARTITE 13^ Edizione Viserba di Rimini, 8-10 maggio 2015 1. INTRODUZIONE 2 2. MATERIALI E CAMPO 2 2.1. Pannelli e palloni 2 2.2. Campo 2 2.3. Riscaldamento e prestito

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE SOCIETA

REGOLAMENTO PER LE SOCIETA REGOLAMENTO PER LE SOCIETA Regolamento per il controllo della pubblicità Introduzione: Questo Regolamento viene applicato, nelle competizioni nazionali, per il controllo della pubblicità su: Indumenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Ritmica

REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Ritmica REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Ritmica 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette dal Settore Ginnastica - Sezione Ginnastica Ritmica della Confsport Italia A.S.D., tutte

Dettagli

ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA

ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA ATTIVITÀ SPORTIVA 2014/2015 delle Sezioni G.R. G.A.F. G.A.M. G.G. DANZA SETTORE GINNASTICA SEZIONE GINNASTICA RITMICA XXIV Campionato di Coreografia XVII Trofeo Internationalgym Trofeo Arcobaleno Arcobimbe

Dettagli

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre

ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 1 2 3 ANALISI DI UN SALTO DI LORENZO STRATTA Nella colonna a sinistra le sequenze di un salto di Lorenzo Stratta a 3.80 (record personale Asti, 24 ottobre 2010). Per meglio valutare e commentare l esecuzione

Dettagli

Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A / B Anno 2014-2015

Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A / B Anno 2014-2015 F.I.Bi.S. ROMAGNA ASD Piazza Tre Martiri 17/18 Castiglione di Cervia (RA) www.fibisromagna.it - infomail: fibis@fibisromagna.it - telefax 0544 952423 Goriziana Campionato romagnolo a squadre serie A /

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE

PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE PROVA MOTORIO-ATTITUDINALE La prova motorio-attitudinale è suddivisa in quattro moduli il cui ordine verrà stabilito dalla commissione esaminatrice, in relazione alle esigenze organizzative. Per ciascuno

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

PALLAVOLO SEZIONE A EVENTI UFFICIALI

PALLAVOLO SEZIONE A EVENTI UFFICIALI Aggiornamento Maggio 2015 INDICE Art.1 Estratto Regolamento Internazionale pag. 3 Sezione A Eventi Ufficiali pag. 3 Sezione B Campo ed Equipaggiamento pag. 3 Sezione C Regolamento delle competizioni pag.

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

TRADUZIONE INTEGRALE PARA-ROWING 2013 (rev 0-05/06/2013)

TRADUZIONE INTEGRALE PARA-ROWING 2013 (rev 0-05/06/2013) TRADUZIONE INTEGRALE PARA-ROWING 2013 (rev 0-05/06/2013) Appendice 13 al Rule Book 2013 FISA Regolamento di gara e/o deroghe al Codice di Gara FISA Regolamento delle competizioni Para-Rowing 2013 Le norme

Dettagli

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Aggiornamento Novembre 2012 PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Il Regolamento Sportivo Ufficiale Special Olympics deve essere applicato In tutte le competizioni di Ginnastica Special Olympics. Quale

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE. Specialità Volo CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Promozione potranno partecipare tutte le Società aventi diritto e provenienti dalla ex Serie C Nazionale, rispettando

Dettagli

Anno Sportivo 2015 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive

Anno Sportivo 2015 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive orme Tecniche 2015 Il documento intende presentare il panorama completo delle attività proposte dai Calendari Federali in modo che gli interessati a queste possano identificare, attraverso la consultazione

Dettagli

Copertina OPPORTUNITA DI PARTNERSHIP

Copertina OPPORTUNITA DI PARTNERSHIP Copertina OPPORTUNITA DI PARTNERSHIP LIVELLO INTERNAZIONALE PARTNER MAGLIA AZZURRA acquisizione della qualifica per le Aziende che desiderino apporre il proprio marchio sul body delle Squadre Nazionali

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B DI SPECIALITÀ

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B DI SPECIALITÀ Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica In convenzione con: A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

ISTRUTTORI NAZIONALI UFFICIALI DI CAMPO

ISTRUTTORI NAZIONALI UFFICIALI DI CAMPO ISTRUTTORI NAZIONALI UFFICIALI DI CAMPO A CURA DI GIANNI SAIBENE TINA SANTAMBROGIO Pagina 1 di 44 IL REFERTO DI GARA Il referto, documento ufficiale di gara, deve essere compilato cronologicamente in ogni

Dettagli

Anno Sportivo 2014 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive

Anno Sportivo 2014 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive Norme Tecniche 2014 Il documento intende presentare il panorama completo delle attività proposte dai Calendari Federali in modo che gli interessati a queste possano identificare, attraverso la consultazione

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE C DI SPECIALITÀ

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE C DI SPECIALITÀ Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica In convenzione con: A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE

Dettagli

IL PERCORSO VITA POLICROSALUS

IL PERCORSO VITA POLICROSALUS IL PERCORSO VITA POLICROSALUS EDUCAZIONE FISICA IN AMBIENTE NATURALE AL PARCO AVVENTURA IL GIGANTE Nel Parco comunale della Garena vicino al parco avventura il Gigante il comune di Vaglia ha istallato

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

CONFSPORT ITALIA A.S.D. Regolamento Tecnico Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 1

CONFSPORT ITALIA A.S.D. Regolamento Tecnico Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 1 CONFSPORT ITALIA A.S.D. Regolamento Tecnico Ginnastica Artistica Femminile 2014/2015 1 REGOLAMENTO GENERALE Sezione Ginnastica Artistica 1. Possono partecipare ai campionati ed alle manifestazioni indette

Dettagli

PRECISAZIONI C.d. P. 2013 e Help Desk:

PRECISAZIONI C.d. P. 2013 e Help Desk: PRECISAZIONI C.d. P. 2013 e Help Desk: DIFFICOLTA : 1.1.1. Ciascuna Difficoltà corporea è contata una sola volta o isolata o come componente di una Difficoltà di Rotazione Multipla o Mista 1.8.1. Non può

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 E REGOLE DI GIOCO 2013-16

ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 E REGOLE DI GIOCO 2013-16 ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 E REGOLE DI GIOCO 2013-16 AREA SVILUPPO E FORMAZIONE SETTORE TECNICO NAZIONALE UFFICIALI DI GARA ATTIVITA INTERNAZIONALE 2013 REGOLE DI GIOCO 2013 16 La FIVB ha pubblicato

Dettagli

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Ritmica

Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero. Sezione Ginnastica Ritmica Forum Europeo delle Associazioni Sportive, Culturali e del Tempo Libero Sezione Ginnastica Ritmica In convenzione con A.S.I. Alleanza Sportiva Italiana TROFEO ARCOBALENO Palestra CS Collelasalle, Roma

Dettagli

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE

Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Modello A CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE (FISDIR) CALCIO a 5 SETTORE AGONISTICO e SETTORE PROMOZIONALE Premessa Per attività programmata s intende partire da un analisi della situazione, stabilire gli obiettivi

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008

Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 Milano Movimento Gioco Sport 2007-2008 1 1^- 2^ ELEMENTARE Il percorso ginnico individuale Giocatori: Tutti gli alunni si mettono in fila ed uno alla volta eseguono il percorso tracciato Campo di gioco:

Dettagli

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI. Specialità Volo

CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI. Specialità Volo CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI 2013 Specialità Volo 1. CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI MASCHILI 1.1 CAMPIONATO ITALIANO ASSOLUTO INDIVIDUALE A questa competizione parteciperanno i migliori 16 giocatori di categoria

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

COPPA DEL MONDO PIANO SPONSOR GINNASTICA RITMICA. 6 Torneo Internazionale Città di Pesaro. federazione ginnastica d Italia

COPPA DEL MONDO PIANO SPONSOR GINNASTICA RITMICA. 6 Torneo Internazionale Città di Pesaro. federazione ginnastica d Italia 6 4 COPPA DEL MONDO GINNASTICA RITMICA PIANO SPONSOR 6 Torneo Internazionale Città di Pesaro federazione ginnastica d Italia 4 CINQUE ANNI DI SUCCESSI Per il sesto anno consecutivo l Adriatic Arena di

Dettagli

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO

LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO LINEE GUIDA AL PROTOCOLLO ED AL CERIMONIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ORIENTAMENTO 1 PREMESSA Nell ambito delle azioni dirette all innalzamento del livello qualitativo delle competizioni ed al miglioramento

Dettagli

MATERIA SCIENZE MOTORIE

MATERIA SCIENZE MOTORIE MATERIA SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO: 2014_-2015 INSEGNANTE: TROMBONE MICHELE CLASSE: 1D SETTORE: SC INDIRIZZO: FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende

Dettagli

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 CAMPIONATO DI PROMOZIONE 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionato di Promozione 1 CAMPIONATO di PROMOZIONE Regionale Al Campionato di Promozione (ex serie C) maschile 2015 possono iscriversi tutte

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015

QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 QUOTE ANNO SPORTIVO 2014 2015 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

QUOTE ANNO SPORTIVO 2015-2016

QUOTE ANNO SPORTIVO 2015-2016 QUOTE ANNO SPORTIVO 2015-2016 Affiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti) Riaffiliazione Confsport Italia (comprensiva del tess.to del Presidente e di 2 Dirigenti)

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO

STAGIONE SPORTIVA REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO STAGIONE SPORTIVA 2013-2013 REGOLAMENTO TECNICO ATTIVITA PROPAGANDA PALLANUOTO Premessa Tutte la iniziative del Settore Propaganda e Scuole Nuoto Federali si rivolgono agli allievi non agonisti, di tutte

Dettagli

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo

UISP Challenge CUP. Campionato di pallavolo UISP Challenge CUP Campionato di pallavolo CAMPIONATO DI PALLAVOLO UISP Challenge CUP Il Coordinamento Pallavolo UISP Bari indice e organizza il Campionato "UISP Challenge CUP" per la stagione sportiva

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

Anno Sportivo 2011 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive

Anno Sportivo 2011 Attività federali e Calendari. Attività Competitive. Attività NON Competitive Anno Sportivo 2011 Attività federali e Calendari Attività Competitive Attività NON Competitive Attività competitive 2011 Gare di rappresentativa societaria Gare individuali Serie A Campionati Assoluti

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo

CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015. Specialità Volo CAMPIONATO ITALIANO DI SOCIETÀ SERIE A 2015 Specialità Volo 1. PREMESSA Al Campionato di Società di Serie A potranno partecipare tutte le Società aventi diritto, rispettando le norme del presente Regolamento.

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli