Editoriale. 1. Distribuzione di frequenza dell intensità dell isola di calore in una settimana estiva di riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Editoriale. 1. Distribuzione di frequenza dell intensità dell isola di calore in una settimana estiva di riferimento"

Transcript

1 Editoriale Un modello logico interpretativo per valutare il microclima delle città dell Europa Centrale di Kristina Kiesel, Milena Vuckovic, and Ardeshir Mahdavi Partner del progetto UHI, Università di Vienna Il numero di abitanti delle città sta crescendo e con esso l influenza del microclima urbano sul benessere delle persone. Il comfort termico e la qualità dell aria variano significativamente all interno di una città a seconda della conformazione morfologica, della densità e distribuzione delle costruzioni, dell estenzione della rete di trasporti urbani e della presenza di aree verdi e corpi idrici. (Grimmond 2007, Alexandri 2007). I dati rilevati in numerose città di tutto il mondo confermano l aumento della temperatura delle zone centrali delle città rispetto alla periferia, a questo fenomeno si fa riferimento quando si parla di Isole di Calore (Urban Heat Island UHI, Voogt 2002, Arnfeld 2003, Blazejczyk 2006, Oke 1981, Gaffin et al. 2008, Kiesel et al. 2012). L aumento della temperatura ha un effetto negativo sul benessere dei cittadini (Harlan et al. 2011). Inoltre l aumento della temperatura comporta un aumento dei consumi di energia per il raffrescamento degli ambienti (Akbari 2005). In questo quadro vengono presentati alcuni risultati del progetto Urban Heat Island (Central Europe Program, No 3CE292P3). Il primo dei quali è la quantificazione del fenomeno in alcune città del centro Europa (Kiesel et al. 2013b).Quindi si è proceduto ad analizzare il legame tra alcune configurazioni urbanistiche e il microclima urbano. E stato costruito uno schema di analisi con cui confrontare in modo sistematico le differenze morfologiche, geometriche e dei materiali in rispetto alle differenze di temperatura. Inoltre per aumentare l efficacia delle misure di mitigazione dell isola di calore sono stati usati modelli numerici di simulazione del microclima e valutazioni empiriche. L isola di calore è definita come la differenza di temperatura tra l area urbana e la periferia rurale(oke 1972). Nella maggior parte dei casi la differenza di temperatura è intorno ai 3 C, ma in alcune circastanze particolari può raggiungere anch ei 12 C(Voog 2002). Le proprietà delle superfici (Grimmond et al. 1991, Akbari et al. 2001), assieme al calore antropogenico e ai fenomeni di evaporazione ( Taha 1997) possono dar luogo all aumento della temperatura. Qui 1. Distribuzione di frequenza dell intensità dell isola di calore in una settimana estiva di riferimento 2. Distribuzione media oraria dell intensità dell UHI in un giorno estivo di riferimento 1

2 Editoriale 3 Andamento delle temperature medie annuali per un periodo di 30 anni vogliamo studiare la frequenza, l intensità a la correlazione con l alternarsi di giorno e notte dell isola di calore in una settimana campione e l evolvere sul lungo periodo delle temperature della periferia rurale e del centro nelle città di Budapest, Lubiana, Modena, Padova, Praga, Stoccarda, Vienna e Varsavia. La rilevanza del fenomeno può essere indicata con l intensità dell isola di calore che si misura in gradi Kelvin ed è pari alla differenza di temperatura tra l area rurale e il centro urbanizzato. Come accennato per ciascuna città sono stati scelti i dati di temperatura nel periodo estivo in una settimana campione, in cui si sono verificate alte temperature dell aria e bassa intensità del vento; per questa settimana sono stati raccolti dati di temperatura, velocità del vento e precipitazione per due stazioni rappresentative(una rurale e una urbana). Per analizzare l andamento delle temperature sul lungo periodo sono state calcolate le medie annuali della temperatura e l intensità dell isola di calore per un periodo di 30 anni, dal 1980 al 2011(Modena, Praga, Stoccarda, Varsavia) e dal 1994 al 2011(Padova, Vienna), dal 2000 al 2011 per Budapest. In figura 1 sono riportati i dati di frequenza dell isola di calore per la settimana campione; in Figura 2 i valori orari durante un giorno della settimana campione. I dati mostrano con chiarezza l esistenza e l intensità del fenomeno nelle città considerate, specialmente durante la notte (Figura 2). Mentre, la dipendenza dall ora varia significativamente da città a città. Le differenze sul 4. Andamento delle temperature medie annuali, stazione rurale 5. Trend di lungo periodo dell intensità dell isola di calore fenomeno da città a città si notano anche in Figura 1, in questo caso uno shift della curva verso destra, denota un aumento dell intensità. In figura 3 e 4 sono riportate le medie annuali della temperatura delle due stazioni (rurale e urbana) per un periodo di 30 anni. In figura 5 sono mostrati i trend di intensità per lo stesso periodo. La serie storica mostra una crescita delle temperature in entrambe le stazioni. In accordo con l andamento a scala regionale e globale, con l eccezione di Budapest, si osserva un aumento costante di circa 2,5 K in tutte le città. Nello stesso periodo la temperatura media annuale delle stazioni urbane 2

3 Editoriale Tabella 1: Variabili descrittive delle caratteristiche geometriche dell U2O Tabella 2: Variabili descrittive delle superfici e dei materiali della U2O Tabella 3: Principali azioni di mitigazione è aumentata in tutte le città, meno a Stoccarda 1 C maggiormente a Varsavia 3 C. Va sottolineato che mentre i valori di temperatura sono generalmente aumentati in entrambe le stazioni, l intensità dell isola di calore è rimasta costante. All interno del progetto UHI è stato sviluppato (Mahdavi et al. 2013)uno schema per quantificare il fenomeno in un area definita come U2O (unit of observation), e valutare le possibili azioni di mitigazione e adattamento anche con l uso di modelli numerici. Lo schema si applica nelle seguenti fasi: i) Definizione dell area studio U2O: è un area scelta e con precisi confini in base alle caratteristiche urbanistiche e costituisce il caso studio per le misure di mitigazioni; ii) descrizione delle caratteristiche e del- le proprietà geometriche e fische delle superfici presenti nell U2O; iii) Calcolo dell intensità dell isola di calore; iv)scelta degli interventi di mitigazione previsti; v) valutazione dell effetto delle misure di mitigazione con strumenti modellistici; vi) classificazione dell impatto delle misure in termini di riduzione dell intensità del fenomeno; vii)valutazione complessiva degli interventi con analisi costi/benefici. Con questo approccio l U2O viene utilizzata per quantificare sistematicamente la variabilità del microclima nell area della città. L estensione dell area viene definita facendo riferimento ad un diametro compreso tra 400 e 1000m, all interno di una zona con caratteristiche urbanistiche e costruttive comuni. Per precisare il rapporto tra microclima e caratteristiche morfologiche, geometriche, ottiche e termiche sono state scelte e incluse nell analisi una serie di variabili legate ad esse. Per stimare l efficacia delle azioni di mitigazione nella riduzione dell intensità dell isola di calore, gli interventi vanno espressi in termini di variazione delle caratteristiche dell U2O. A questo scopo è stato individuato un set di variabili, riassunte in tabella 1 e 2, scelte in base a precedenti studi (Mahdavi et al. 2013, Kiesel et al. 2013) ed al confronto avvenuto nei meeting del progetto. Dopo aver scelto l U2O e averla descritta in base ai parametri scelti, le misure di mitigazione (Tabella 3) possono essere tradotte in termini di variazioni dei valori dei parametri. Per esempio l introduzione di tetti e facciate verdi comporta variazioni dell albedo, dell emissività, della conduzione termica, della capacità calorica specifica e della densità. Nella tabella 3 sono riassunte le più diffuse azioni di mitiga- 3

4 Editoriale 6. Valori delle variabili per il caso studio di Vienna, valori attuali e previsione dei valori associati ad un intervento di mitigazione 7. Differenza di temperatura media oraria simulata dal modello numerico, centro di Vienna zione. Queste azioni possono essere raggruppate in tre famiglie: edifici, pavimentazioni e vegetazione. In tabella 3 sono riassunte anche i principali benefici attesi da ciascuna della azioni. Successivamente l impatto delle misure può essere stimato utilizzando appropriati strumenti di modellistici. A questo scopo sono stati usati modelli di due tipi: l analisi statistica dei dati empirici e la computational fluid dynamic. L analisi statistica dei dati permette di stimare sulla base di misure empiriche la correlazione tra l intensità del fenomeno e le diverse caratteristiche dell area in esame. Per quanto riguarda i modelli numerici, si possono applicare a diversa scala, da quella più ampia dei modelli climatici regionali fino ai modelli di simulazione per singolo edificio (Mirzaei 2010). Per illustrare l applicazione del metodo, di seguito è esposto il caso di Vienna, la cui U2O è stata scelta nel centro città. In figura 6 sono mostrate le caratteristiche dell area nello stato attuale, usando le variabili prescelte, e le differenze nei valori che si avrebbero applicando le seguenti misure di mitigazione: 1) Piantare alberi lungo il canyon urbano; 2) impiego di tetti verdi; 3) una combinazione delle misure 1 e 2. In questo caso la stima dell effetto delle misure di mitigazione è stato fatto usando il modello numerico ENVI-MET. Nella figura 7 sono riportati i risultati della simulazione per un giorno estivo di riferimento, in termini di riduzione dell intensità del fenomeno. I risultati mostrano il grado di avanzamento nel raggiungimento degli obbiettivi del progetto, ovvero nella comprensione del fenomeno dell isola di calore e nell individuazione di appropriate misure di mitigazione ed adattamento. Le serie di dati di temperatura raccolte rispettivamente nelle stazioni urbane e rurali dimostrano che in numerose città del centro Europa è presente il fenomeno dell isola di calore con una intensità significativa. Tuttavia l analisi svolta sui dati di temperatura raccolti su base oraria dimostrano una maggiore evidenza del fenomeno durante le ore notturne. Per rispondere alla necessità di strumenti efficaci nella comprensione del fenomeno e nella valutazione dell effetto di mitigazione delle misure, in collaborazione con tutti i partner del progetto è stato definito e testato un comune metodo sistematico di valutazione. Quindi sono state definite le caratteristiche geometriche, fisiche e termiche delle superfici e degli edifici, che influenzano maggiormente il microclima dell U2O e l intensità dell isola di calore. L applicazione di questo modello empirico e l impiego di un modello di simulazione del microclima in ambito urbano, sono stati testati applicandoli al caso dell area di studio di Vienna. Il lavoro, che sta ora proseguendo, di interpretazione ed analisi statistica dei risultati definisce in modo più preciso la relazione tra l intensità dell isola di calore e le principali caratteristiche del- 4

5 Editoriale l area come la densità e tipologia costruttiva, la geometria dell edificato e della rete stradale (canyon), le proprietà ottiche e termiche delle superfici, la vegetazione e i corpi idrici, infrastrutture di trasporto e industriali. I risultati attesi da questo lavoro non si limitano alla verifica sperimentale delle simulazioni numeriche, ma mirano alla definizione di un quadro interpretativo semplificato che aiuti a valutare l efficacia delle misure di mitigazione. Riferimenti Akbari, H., Pomerantz, M., Taha, H Cool surfaces and shade trees to reduce energy use and improve air quality in urban areas. Solar Energy, Volume 70, Issue 3: Akbari, H Energy Saving Potentials and Air Quality Benefits of Urban Heat Island Mitigation. Lawrence Berkeley National Laboratory, Berkeley, CA. Alexandri, E Green cities of tomorrow?. Sustainable Construction, Materials and Practices, Portugal SB07: Arnfeld, A.J Two decades of urban climate research: a review of turbulence, exchanges of energy and water, and the urban heat island. International Journal of Climatology, Volume 23, Issue 1: Blazejczyk, K., Bakowska, M., Wieclaw, M Urban heat island in large and small cities. 6th International Conference on Urban Climate, Göteborg, Sweden, June : Envi-met: 3-dimensional microclimate model, available at: last accessed January 9th, 2014 Gaffin, S. R., Rosenzweig, C., Khanbilvardi, R., Parshall, L., Mahani, S., Glickman, H., Goldberg, R., Blake, R., Slosberg, R. B., Hillel, D Variations in New York city s urban heat island strength over time and space. Theoretical and applied climatology, Volume 94: Grimmond, C.S.B. Cleugh, H., Oke, T.R An objective urban heat storage model and its comparison with other schemes. Atmospheric Environment, Volume 25B, Issue 3: Grimmond, C.S.B., Urbanization and global environmental change: local effects of urban warming. Cities and global environmental change, Volume 173, Issue 1: Harlan, S L., Ruddell, D.M Climate change and health in cities: impacts of heat and air pollution and potential co-benefits from mitigation and adaptation. Current Opinion in Environmental Sustainability, Volume 3, Issue 3: Kiesel, K., Vuckovic, M., Orehounig, K., Mahdavi, A Analysis of micro climatic variations and the urban heat island phenomenon in the city of Vienna, EURA conference, European Urban Research Association, September 20-22, Vienna, Austria. Kiesel, K., Vuckovic, M., Mahdavi, A. 2013a. Representation Of Weather Conditions In Building Performance Simulation: A Case Study Of Microclimatic Variance In Central Europe, IBPSA, 13th International Conference of the International Building Performance Simulation Association, August 25-28, France. Kiesel, K., Vuckovic, M., Mahdavi, A. 2013b. The extent and implications of the urban heat island phenomenon in Central European region, CESBP, 2nd Central Europe Symposium on Building Physics, September 9-11, Vienna, Austria. Mahdavi, A., Kiesel, K., Vuckovic, M A framework for the evaluation of urban heat island mitigation measures. SB13 Munich Conference, April 23-26, Germany. Mirzaei, P. A., Haghighat, F Approaches to study Urban Heat Island Abilities and limitations, Building and Environment, Volme 45, Issue 10, pp Oke, T.R City size and the urban heat island. Atmospheric Environment, Volume 7, Issue 8: Oke, T.R Canyon geometry and the nocturnal urban heat island comparison of scale model and field observations. Journal of Climatology, Volume 1: Taha, H Urban climates and heat islands: albedo, evapotranspiration, and anthropogenic heat. Energy and buildings, Volume 25, Issue 2: Voogt, J.A Urban Heat Island. Encyclopedia of Global Environmental Change, Volume 3:

6 Aree Pilota Simulazione del clima urbano con i modelli SURFEX/TEB del Servizio Meteorologico Ungherese Ilona Krüzselyi Hungarian Meteorological Service. Mária Kovács Department of Climatology and Landscape Ecology, University of Szeged Aree Pilota Introduzione La maggior parte delle persone vivono oggi nelle città, che stanno diventando sempre più grandi con significativi effetti sul clima locale. Questo fenomeno è di particolare interesse dal punto di vista dell adattamento ai global change, in quanto le caratteristiche delle superfici delle aree urbane possono ampliare l effetto dei cambiamenti climatici. Le simulazioni con modelli numerici sono utili per studiare le interazioni con l atmosfera della superficie urbana e per questo scopo il Servizio Meteorologico Ungherese(HMS) ha utilizzato (HMS)SURFEX. Metodo SURFEX(SURface EXternalisèe; La Monigne, 2009) può utilizzare 4 schemi per le superfici urbane, acque marine, acque interne e natura. Il modello Town Energy Balance(TEB) (Mason, 2000) descrive l interazione tra l area urbana e l atmosfera simulando i flussi turbolenti. Modella gli le strade come canyon i cui limiti sono le superfici degli edifici. TEB tiene conto delle diverse caratteristiche delle superfici dei tetti, strade e facciate con differenti proprietà termiche. E in grado di studiare l effetto dei tetti e delle strade nell intercettare le precipitazioni, la nebbia, il drenaggio, l assorbimento della radiazione, i flussi di calore etc. Può valutare l effetto del flusso di calore e degli scarichi prodotti dalle attività umane come il traffico, l industria e il riscaldamento degli ambienti. SURFEX può essere inizializzato sia con dati misurati che con risultati di altri modelli. SURFEX può essere accoppiato ai modelli atmosferici e dare il feedback dell effetto delle superfici, o funzionare singolarmente, in quest ultima modalità si perde la possibilità di interazione tra i punti della griglia. Presso il HMS l uso di SURFEX/ TEB(in seguito SURFEX) è iniziato nel 2010(Vértesi, 2011) per simulare l effetto delle isole di calore a Budapest. Sull area di Budapest sono stati completati due esperimenti con una durata di 10 anni. SURFEX è stato utilizzato a partire dai risultati del modello a scala regionale ALADIN (RCM; Csima e Horànyi, 2008). I modelli a scala regionale devono essere a loro volta inizializzati o dai modelli a scla globale o da dati storici provenienti dal database climatologici tridimensionali creati con le tecniche di data assimilation. In questo studio ALADIN ha usato i dati di rielaborati da ERA-40 (Uppala e al., 2005). I risultati del modello ALADIN per l ampia area dei Carpazi con risoluzione 10km, sono stati interpolati su una griglia con risoluzione 1km sulla sola area di Budapest (Fig.1). I risultato è stato usato come input per SUR- FLEX, che è stato usato in modalità offline con la stessa risoluzione 1km e con le suerfici descritte dal database ECO- CLIMAP (Masson et al.,2003). Il primo esperimento è stato condotto sul periodo ; però ECOCLIMAP contiene dati a partire dal 2006, quindi non poteva descrivere fedelmente l edificato soprattutto per la parte più recente della prima periferia. Quindi, l esperimento è stato ripetuto per 1. Diagramma delle griglie di SURFLEX con la topografia [m] e in rosso l area urbana 6

7 Aree Pilota il periodo per verificare l influenza sui risultati dei cambiamenti. I risultati sono stati validati utilizzando i dati di due stazioni dell HAM: la prima in centro città, via Kitaibel nei pressi della collina di Buda, la seconda in Pestszentlorinc, in periferia (Fig.2). Tuttavia ECOCLIMAP considera entrambe le posizione come periferiche. Risultati La figura 3 mostra l effetto dell interpolazione e della simulazione con SUR- FLEX sul campo della temperatura. Nella seconda parte si vede chiaramente la zona più fredda della collina di Buda, da cui si capisce che l interpolazione tiene conto dell orografia con una risoluzione maggiore. Il campo della temperatura calcolato son SURFEX, terza parte della figura, restituisce dati più dettagliati, si distingue il Danubio e appaiono dei picchi di temperatura nel centro della città. Nei punti di controllo SURFEX stima maggiori temperature per la maggior parte dei mesi in entrambi i periodi. In via Kitaibel i risultati sono migliori, tranne che per i periodi affetti da sottostima(da novembre a gennaio). La sovrastima diminuisce nel periodo , forse anche per il maggior dettaglio nella descrizione delle superfici. Le simulazioni sono in accordo con le misure della temperatura e mostrano la presenza dell isola di calore du- 2. Dominio di simulazione, area di Budapest(linea rossa) e stazioni HMS (K-via Kitaibel P Pestszentlorinc) 3. Temperatura media in primavera ( C) ALADIN-Climate a 10 e 1 km di risoluzione, sinistra e centro; a destra SURFLEX a risoluzione 1 km; periodo (Vertesi, 2011) 4. Differenza della temperatura media mensile ( C) tra SUR- FLEX e le misure in (K) Kitaibel e (P) Pestszentlonic nei periodi e Intensità dell isola di calore da modello (mod) e osservata (obs) ( C) nei periodi e

8 Aree Pilota rante tutto l anno in entrambi i periodi, e in particolare durante l inverno (Fig. 5). Come è prevedibile SURFEX stima la temperatura della stazione centrale sempre più alta di quella periferica. Tuttavia la temperatura del punto centrale è sempre inferiore a quella del punto periferico, intensità dell isola di calore negativa, ovvero SURFLEX non prevede isola di calore. Questo può essere spiegato considerando che ECO- CLIMAP descrive alleo stesso modo le due superfici, oppure considerando che ALADIN-Climate stima un effeto di raffreddamento della collina di Buda su via Kitaibel. Nel periodo non si nota alcun fenomeno di isola di calore, mentre nel periodo il modello ne simula la presenza in inverno, però la sottostima in estate aumenta. La differenza tra i due periodi può essere dovuta al diverso forcing atmosferico. Nei due punti di riferimento il modello non da risultati molto attendibili, ma lo studio ha anche dimostrato che considerando un area più ampia, SURFLEX prevede la presenza di un ciclo quotidiano dell effetto isola di calore. Durante il gior- 6. Differenza della temperatura media da simulazione ( C) rispetto alle misure in Pestszentlorinc in inverno ed estate per il periodo e (I punti rossi sono le due stazioni di controllo) no non vi è effetto, mente questo si presenta dopo l imbrunire (in inverno alle 18.00, in estate alle 21.00). Il massimo si manifesta 5-6 ore dopo il tramonto.. Le stesse considerazioni valgono anche per il periodo Sommario Il Servizio Meteorologico Ungherese ha usato il modello SURFLEX per studiare l interazinoe tra l area urbana e l atmosfera. Nella prima fase sono stati completati alcuni test. In questo resoconto sono riportati i risultati preliminari della validazione. Dai risultati si vede che SURFLEX restituisce le principali caratteristiche del clima urbano: temperature più alte nel centro e il ciclo quotidiano dell isola di calore. Tuttavia l analisi mostra anche alcune discrepanze: nei punti di controllo SURFLEX sovrastima la temperatura in molti mesi e il punto in centro è calcolato più freddo, in contraddizione con le misure. Sono previsti altri esperimenti e test per verificare nel dettaglio la risposta del modello. L obiettivo finale è il downscaling delle previsioni al livello urbano in linea con le previsioni dei modelli climatici. Riferimenti Csima, G. and Horányi, A., 2008: Validation of the ALADIN-Climate regional climate model at the Hungarian Meteorological Service. Időjárás, 112, La Moigne, P., 2009: SURFEX Scientific Documentation; Note de centre (CNRM/GMME), Météo-France, Toulouse, France. Masson, V., 2000: A Physically-based Scheme for the Urban Energy Budget in Atmospheric Models. Bound.-Layer Meteor., 94, Masson V., J.-L. Champeaux, F. Chauvin, C. Meriguet and R. Lacaze, 2003: A global database of land surface parameters at 1km resolution in meteorological and climate models. J. Climate, 16, Uppala, S.M., Kallberg, P.W., Simmons, A.J., Andrae, U., da Costa Bechtold, V., Fiorino, M., Gibson, J.K., Haseler, J., Hernandez, A., Kelly, G.A., Li, X., Onogi, K., Saarinen, S., Sokka, N., Allan, R.P., Andersson, E., Arpe, K., Balmaseda, M.A., Beljaars, A.C.M., van de Berg, L., Bidlot, J., Bormann, N., Caires, S., Chevallier, F., Dethof, A., Dragosavac, M., Fisher, M., Fuentes, M., Hagemann, S., Hólm, E., Hoskins, B.J., Isaksen, L., Janssen, P.A.E.M., Jenne, R., McNally, A.P., Mahfouf, J.-F., Morcrette, J.-J., Rayner, N.A., Saunders, R.W., Simon, P., Sterl, A., Trenberth, K.E., Untch, A., Vasiljevic, D., Viterbo, P., and Woollen, J., 2005: The ERA-40 re-analysis. Quart. J. R. Meteorol. Soc. 131, Vértesi, Á. É., 2011: Modelling possibilities of the urban heat island effect in Budapest (in Hungarian), Master Thesis, ELTE, Budapest, Hungary. 8

9 Aree Pilota Aree Pilota Intensità dell isola di calore a Stoccarda Christine Ketterer, Andreas Matzarakis - Albert-Ludwigs-University Freiburg E noto che i parametri meteorologici hanno una diversa distribuzione, temporale e spaziale, passando dai centri urbani verso le periferie rurali, e che queste differenze sono dovute alle diverse caratteristiche delle superfici e quindi al diverso assorbimento della radiazione dovuto al cambio della struttura urbana. L isola di calore espressa come differenza della temperatura dell aria è studiata in tutto il mondo come una delle più importanti caratteristiche del clima urbano. In questo studio applichiamo i metodi della bio-meteorologia per valutare gli aspetti legati al comfort climatico per gli abitanti e l uso che ne si può fare nella pianificazione urbana. La biometeorologia studia la percezione della temperatura da parte degli esseri umani come risultato complessivo dei valori di temperatura, velocità del vento, umidità e radiazione, con l uso degli indicatori termici. In altre parole si cerca di usare un unico valore che sia più facilmente comprensibile anche ai non esperti e che sia più facilmente utilizzabile. L indice di temperatura fisiologica equivalente (PET) viene usato per quantificare l effetto complessivo della variabili meteorologiche combinate con il bilancio termico umano e la sua percezione. I modelli a micro-scala Ray- Man (Matzarakis et al. 2007) ed ENVI-MET 3.1 (Bruse and Fleer 1998) assieme a TIC-ENVI-MET (Ketter and Matzarakis 2014) sono stati usati per simulare le condizioni biometeorologiche in termini di PET per gli abitanti di Stoccarda. L analisi parte dai dati misurati dall Ente Nazionale Tedesco di Meteorologia (DWD), dal Comune di Stoccarda, e ricavati dai modelli a scala regionale (REMO) applicando lo Scenario A1B. Di seguito viene descritto il metodo di calcolo dell intensità dell isola di calore per Stoccarda, la quarta città più grande della Germania. Il centro di Stoccarda si trova in un avvallamento circondato da colline (Fig.1), il comfort climatico per gli abitanti è basso non solo per l effetto isola di calore ma anche per il forte inquinamento dell aria che si verifica quando persistono condizioni di vento debole, con velocità inferiore ad 1 m/s. (Fig.1). 1. Topografia di Stoccarda, rosa dei venti e stazioni di misura (Ketter e Matzarakis 2014) 9

10 Pilot areas Stima in base alla temperatura dell aria e indice PET Si possono descrivere le diverse condizioni di comfort in termini di temperatura dell aria con diversa risoluzione temporale in base ai dati disponibili. Sono state esaminate le condizioni a partire da una serie di dati per un periodo di 10 anni ( ) usando una analisi in frequenza, che ha il vantaggio di essere molto dettagliata (Fig.2). In centro città la media su base annua è di 2 C, il massimo 12 C. La media calcolata con l indice UHI-PET è di 3,3 C e il massimo di 20 C. Il massimo su base mensile si verifica durante l inverno a causa del calore prodotto dalle attività che si svolgono in centro città. Però, usando le medie orarie, il massimo di intensità dell UHI si verifica in estate. 2. Distribuzione di frequenza dell intensità dell isola di calore nelle 4 stazioni di misura rispetto alla stazione rurale, dal 2000 al Dati analizzati: temperatura dell aria Ta(alto) e PET(basso) Analisi a campione per le aree in ristrutturazione Un altra applicazione possibile di questo metodo consiste nell analisi di un progetto di ristrutturazione, nel caso specifico la parte ovest della città, attualmente area ospedaliera. Definendo differenti scenari di intervento (ricostruzione dell area per fini abitativi, destinazione a parco pubblico o altro), si ottengono informazioni utili per i progettisti e le autorità competenti. Le diverse ipotesi possono essere esaminate applicando i modelli a microscala(envi-met in combinazione con TIC-ENVI-MET) e possono dare informazioni utili per ricavare l indice di confort climatico nei casi di eventi estremi. Nel caso in esame l indice PET è risultato essere 10 C inferiore nella aree all ombra degli alberi rispetto a quelle con solo erba, e 25 C inferiore rispetto alle superfici impermeabilizzate (pavimentate) (Fig.3). La differenza media nell area ad 1,5 m di altezza è invece risultata essere 1 C. 3. Simulazioni della PET con ENVI-MET per l area Olga hospital (sinistra) e parco (destra) sulla stessa area, giorno estivo alle

11 Pilot areas Importanza dell orientamento e della larghezza delle strade Hanno inoltre rilevanza per le condizioni microclimatiche le dimensioni degli edifici e l orientamento e larghezza delle strade, in particolare durante le c.d. ondate di calore posso aiutare ad aumentare il confort climatico a ridurre lo stress termico per i cittadini. Nel caso di Stoccardo è stato calcolato che lo stress termi- co può essere ridotto orientando la strada in direzione NNW-SSE e definendola con un aspetto di forma minimo di 1,5. Un canyon con queste caratteristiche può inoltre favorire l esposizione alla radiazione solare in inverno e favorisce nella media annuale il verificarsi di condizioni di confort termico. Effetto del global change nell area urbana Per studiare l evoluzione fino a fine secolo sono stati ricavati i dati dai modelli a scala regionale. Nel periodo le previsioni per le frequenza dei c.d. giorni caldi (Tamax > ai 30 C) e dei giorni estivi (Tamax > 25 C) danno rispettivamente un aumento del 174% e del 140% ; nel periodo rispettivamente del 280% e 157%. Inoltre i giorni per anno con Tamax < 0 C sono previsti in diminuzione del 30% nel periodo Il numero dei giorni con stress termico, PET > 35 C alle aumenterà di 6 giorni nel periodo e di 28 giorni a fine secolo, secondo quanto previsto dal modello REMO Scenario A1B, lo scenario B1 non prevede aumenti fino a metà secolo, ma un aumento di 16 giorni nel periodo Per i giorni di stress per freddo intenso alle 6.00 lo scenario A1B(B1) prevede un calo di 15(10) giorni nel e di 48(29) giorni nel Al contrario lo scenario A1B prevede un numero di giorni con stress termico PET > 29 C in aumento di 5(15) giorni entro la metà (fine) del secolo. Raccomandazioni emerse dall analisi dell indice biometeorologico Il progetto pilota nella città di Stoccarda porta alle seguenti conclusioni. La topografia, in particolare durante i giorni con inversione termica, è la maggior causa dell UHI. I valori più alti si verificano in estate e sono fortemente legati ai valori di radiazione, anche se la media mensile dei valori dell UHI è più alta in inverno, a causa del calore antropogenico. I modelli climatici a scala regionale prevedono un forte aumento dei giorni con stress termico, è quindi vitale studiare misure di adattamento, ad es. un area verde porta un calo medio di 1 K per la zona, e fino a 25 K per particolari posizioni. L orientamento delle strade a NNW-SSE con un aspetto di froma di 1,5 ottimizza il confort climatico durante tutto l anno. I risultati di queste analisi devono essere di più semplice comprensione, basati su lunghe serie storiche e comprendere anche gli effetti del clima urbano sui cittadini, che passano la maggior parte del tempo in città con l alternarsi delle condizioni diurne e notturne. Bibliografia Bruse, M; Fleer, H (1998): Simulating surface-plant-air interactions inside urban environments with a three dimensional numerical model. The challenge of awareness in developing societies. Environmental Modelling & Software 13 (3-4), S Ketterer, C; Matzarakis, A (2014): Human-biometeorological assessment of heat stress reduction by replanning measures in Stuttgart, Germany. Landscape and Urban Planning 122, S Ketterer, C; Matzarakis, A (2014): Human-biometeorological assessment of the urban heat island in a city with complex topography - The case of Stuttgart, Germany. Urban Climate (2014). DOI: /j.landurbplan Matzarakis, A; Rutz, F; Mayer, H (2007): Modelling radiation fluxes in simple and complex environments-application of the RayMan model. International Journal of Biometeorology 51 (4), S

12 Meetings Meetings 5 Riunione del Transnational Scientific Board (TSB) e 6 Steering Committee Venezia Il 17 e 18 ottobre si sono tenute a Venezia presso il Palazzo Grandi Stazioni il 5 incontro del Transnational Scientific Board e il quinto Steering Committee. L evento è stato organizzato dall ufficio Pianificazione e parchi della Regione Veneto ed è stata l occasione per esaminare lo stato di avanzamento delle azioni pilota nelle 8 aree definite nelle città partecipanti, prendendo in considerazione le strategie di mitigazione ed adattamento, le buone pratiche per la sostenibilità ambientale dell area urbana, il legame tra il dis-confort termico e la salute dei cittadini e infine il Decision Support System. Sono stati valutati tutti gli obbiettivi da raggiungere per task e deliverable e per olcuni casi specifici sono stati organizzati incontri bilaterali con il lead partner. Terza edizione dell esposizione Geo-Oikos Verona La Regione Veneto ha organizzato dal 9 all 11 ottobre la terza edizione dell esposizione Geo-Oikos. Questo è l appuntamento pensato per far incontrare e promuovere ad un largo pubblico le iniziative e i piani di sviluppo della Regione volti ad un uso sostenibile e consapevole del territorio, al risparmio energetico e più in generale per aumentare la consapevolezza dei cittadini sull importanza del confort bioclimatico delle città. La Regione Veneto come partner del progetto UHI ha organizzato durante l evento un workshop dedicato agli effetti dell isola di calore, in questa occasione i partner italiani hanno presentato le attività di misura e simulazione svolte dal progetto nelle due aree pilota di Padova e Modena. 12

13 Gruppi tematici trans-nazionali Gruppi tematici trans-nazionali I Transnational Focus Group sono lo spazio di dibattito pensato all interno del progetto per discutere gli aspetti legati all isola di calore.. una bella definizione, ma molto distante da quanto è successo. Per avere un dibattito proficuo bisogna usare e comprendere un linguaggio comune, ma, dopo tre anni di incomprensioni, sono quasi sicuro che non sia il caso del progetto Urban Heat Island. Esperti di clima, urbanisti, ingegneri ed epidemiologi non usano assolutamente lo stesso linguaggio! Non è una questione di traduzione in Inglese, Italinao, Tedesco o Ungherese ma di Climatiano, Urbaniano e così via. La logica che ha ispirato per tre anni gli incontri dei TFG è stata: trovare l anello di congiunzione tra le modalità multidisciplinari di affrontare i problemi legati alle isole di calore. Quindi cosa è successo? Il primo incontro si è tenuto a Stoccarda, settembre 2011, dove si sono formati i quattro gruppi di lavoro (vedi newsletter n.1) L inizio del lavoro è stato la definizione delle regole del gioco e dei giocatori ed è stato l inizio del sentiero (molto accidentato!): sono state scelte quattro differenti prospettive sotto le quali guardare il fenomeno dell isola di calore. A Budapest, febbraio 2012, il secondo incontro, si è capita la distanza, il dibattito si è concentrato su alcuni aspetti specifici per cercare, almeno in questi, di arrivare ad un comune punto di vista le conseguenze si sono viste nel terzo incontro: l incomunicabilità! Terzo incontro, Varsavia, ottobre 2012, i tavoli di dibattito: I. Esperti in pianificazione (TFG1) a confronto con gli epidemiologi (TFG3), nocciolo della questione: quali sono gli indicatori numerici che bisogna usare per stimare l impatto dell isola di calore. II. Meteorologi (TFG4) a confronto con gli esperti di comunicazione (TFG2): Esiste un modo, un metodo, un linguaggio per rendere efficace la comunicazione tra scienziati e cittadini? La comune reazione dei membri dei TFG a Varsavia è stata lo scoraggiamento! Ma di sicuro è stato utile per provare a vedere le cose nello stesso modo e trovare alcuni punti di contatto. Quarto episodio: cosa abbiamo intorno? E stato il meeting di Praga, aprile 2013, l occasione per far incontrare gli esperti dei TFG con i tavoli di lavoro locale e discutere assieme delle azioni pilota, delle migliori pratiche e dei vincoli rigidi. Il quinto episodio della saga la raccolta! Venezia ottobre 2013, obbiettivo: portare a compimento il dibattito. Per guidare il processo creativo e concretizzare una proposta, ogni TFG ha ricevuto il compito di comporre due dichiarazioni. L incontro è stato organizzato come un compito in classe con l obiettivo di far completare due direttive, una livello locale ed una a livello europeo, per combattere il fenomeno dell isola di calore. Le prime reazioni sono state un po disorientate e incerte. E i risultati? Ovviamente nella prossima newsletter! TFG s, Venice, october Chi è interessato a seguire la discussione, vuole dare un contributo o esrpimere un punto di vista sugli argomenti trattati può contattare il coordinatore dei gruppi trans-nazionali: Davide Fava 13

14 Partners Partners Regional Agency for Environment Protection in Emilia-Romagna Emilia Romagna Region. General Directorate Territorial and negotiated planning, agreements Veneto Region - Territorial and Strategic Planning Department CORILA. Consortium for Coordination of Research Activities Concerning the Venice Lagoon System Karlsruhe Institute of Technology Municipality of Stuttgart Meteorological Institute - University of Freiburg Institute of Geography and Spatial Organization, Polish Academy Of Sciences Nofer Institute of Occupational Health Vienna University of Technology - Department of Building Physics and Building Ecology Municipal Department 22 - Environmental Protection Departement in Vienna (MA 22) environment/protection Hungarian Meteorological Service Charles University in Prague, Faculty of Mathematics and Physics City Development Authority of Prague Czech Hydrometeorological Institute Scientific Research Centre of the Slovenian Academy of Sciences and Arts Municipality of Ljubljana UHI Project Newsletter n. 3 Gennaio 2014 Comitato editoriale: Matteo Morgantin, Enrico Rinaldi, CORILA - Partner responsabile Newsletter. Salvatore Puglisi Regione Emilia Romagna. Per il Partner leader Chiara Pederzini, Democenter Sipe e Chiara Licata, Euris S.r.l. Per ulteriori informazioni visitate il sito: Questo progetto è implementato attraverso il Programma CENTRAL EUROPE cofinanziato da ERDF (www.central2013.eu) 14

Newsletter. Editoriale. N. 1. Ottobre 2012. di Paolo Lauriola UHI Lead Partner Representative

Newsletter. Editoriale. N. 1. Ottobre 2012. di Paolo Lauriola UHI Lead Partner Representative Newsletter N. 1. Ottobre 2012 Editoriale di Paolo Lauriola UHI Lead Partner Representative La popolazione mondiale si sta sempre più concentrando nelle città. In Europa circa il 75% della popolazione vive

Dettagli

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane

Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane La Rete che vogliamo Agende 21 Locali Italiane Comune di Padova 20 Settembre 2013 Urbanistica ed Adattamento: le prime esperienze Italiane Francesco Musco, Iuav Venezia climatechange@iuav.it Insediamenti

Dettagli

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Stefano Zauli Sajani, Stefano Marchesi Centro Tematico Regionale Ambiente e Salute ARPA Emilia- Romagna Applicazione di modelli Nell ambito

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI

OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI OMBREGGIATURA CON LE PIANTE PER IL CONTROLLO SOLARE DEGLI EDIFICI G. Papadakis, P. Tsamis, S. Kyritsis Department of Agricultural Engineering, Agricultural University of Athens, Greece Data: 13 gennaio

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Rapporto sulle attività del primo anno di dottorato di ricerca in. Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente

Rapporto sulle attività del primo anno di dottorato di ricerca in. Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente Rapporto sulle attività del primo anno di dottorato di ricerca in Nuove Tecnologie & Informazione Territorio e Ambiente RICERCA - Iuav - Scuola di Dottorato IL PROGETTO DI RICERCA Adattamento Urbano ai

Dettagli

POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON)

POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON) POLLUTION MONITORING OF SHIP EMISSIONS: AN INTEGRATED APPROACH FOR HARBOURS OF THE ADRIATIC BASIN (POSEIDON) D. Contini Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, ISAC-CNR, Lecce, Italy www.programmemed.eu

Dettagli

FUNZIONE TERMICA DELLE PARETI RIVESTITE DI EDERA

FUNZIONE TERMICA DELLE PARETI RIVESTITE DI EDERA FUNZIONE TERMICA DELLE PARETI RIVESTITE DI EDERA Liao Zaiyi, J.L. Niu Department of Building Services Engineering, The Hong Kong Polytechnic University, Hunghum, Kowloon, Hong Kong. Introduzione Questa

Dettagli

TRATTATO TECNICO: reflex +

TRATTATO TECNICO: reflex + 2013 TRATTATO TECNICO: reflex + Kejdi Prifti IIVELA 01/05/2013 i.i.v.e.l.a. S.r.l. - Via della Grafica, 55-40064 Ozzano dell Emilia (BO) Italia - Tel. 051-799171 Fax 051-796650 www.iivela.it email iivela@iivela.it

Dettagli

PRESTAZIONI ENERGETICHE ED AMBIENTALI DI EDIFICI CON PARETI CHE UTILIZZANO RIVESTIMENTI ATRIATHERMICA

PRESTAZIONI ENERGETICHE ED AMBIENTALI DI EDIFICI CON PARETI CHE UTILIZZANO RIVESTIMENTI ATRIATHERMICA PRESTAZIONI ENERGETICHE ED AMBIENTALI DI EDIFICI CON PARETI CHE UTILIZZANO RIVESTIMENTI ATRIATHERMICA Convenzione fra il Dipartimento DREAM e il Colorificio ATRIA Palermo, Febbraio 2009 Responsabile Scientifico:

Dettagli

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software

ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software ARTICOLO TECNICO Smart-MED-Parks: il Software Introduzione Da Febbraio 2013, data di lancio del progetto Smart-MED-Parks, sono state realizzate un insieme di azioni al fine di: - Aumentare il livello di

Dettagli

Strato limite in ambiente urbano Principali motivazioni

Strato limite in ambiente urbano Principali motivazioni Strato limite in ambiente urbano Principali motivazioni La maggior parte della popolazione mondiale vive in aree urbane Qualità dell aria in ambiente urbano Effetti del vento sugli edifici ed effetti dei

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DELLE SUPERFICI FINESTRATE PER LA RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI

OTTIMIZZAZIONE DELLE SUPERFICI FINESTRATE PER LA RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI F. Piccininni 321 OTTIMIZZAZIONE DELLE SUPERFICI FINESTRATE PER LA RIDUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI Francesco Piccininni Dipartimento di Fisica Tecnica del Politecnico di Bari SOMMARIO La diffusione degli

Dettagli

Riflettività ed emissività. Standards per il risparmio energetico: richiedono alta riflettività ed emissività

Riflettività ed emissività. Standards per il risparmio energetico: richiedono alta riflettività ed emissività Come può un sottile strato di vernice portare a un risparmio energetico? Vi siete chiesti perché un contenitore thermos mantiene il caffè caldo? Basta osservare la sua costruzione: ha uno strato interno

Dettagli

VILLAGGIO ARTIGIANO MODENA OVEST STRUMENTI E METODI PER LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI

VILLAGGIO ARTIGIANO MODENA OVEST STRUMENTI E METODI PER LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI VILLAGGIO ARTIGIANO MODENA OVEST STRUMENTI E METODI PER LA VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI Modena - 11 aprile 2014 MITIGAZIONE DELL ISOLA DI CALORE azioni e interventi locali report ARPA 2006 - Giovanni Bonafè,

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici

La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici La diagnosi energetica e gli interventi di riqualificazione degli edifici I professionisti e le imprese a confronto 25-26 Novembre 2015 Pépinièresd entreprisesespace AOSTA Prof. Ing. Daniele TESTI BETTER

Dettagli

ENERGIA, METEOROLOGIA E CLIMA Cristina Lavecchia

ENERGIA, METEOROLOGIA E CLIMA Cristina Lavecchia CONTABILIZZAZIONE E GESTIONE ENERGETICA: I CONTRATTI DI SERVIZIO ENERGIA, L EFFICIENZA ENERGETICA E LE SMART GRID 10 APRILE 2015 NAPOLI MOSTRA D OLTREMARE SALA TIRRENO ENERGIA, METEOROLOGIA E CLIMA Cristina

Dettagli

1 Introduzione... 2. 2 Configurazioni di impianto, caratteristiche e dati tecnici... 3. 3 Posizionamento... 7. 4 Benefici dell'impianto...

1 Introduzione... 2. 2 Configurazioni di impianto, caratteristiche e dati tecnici... 3. 3 Posizionamento... 7. 4 Benefici dell'impianto... Titolo: Caso studio Data: Febbraio 2014 Descrizione: Autore: Co-autore: Lingua: Versione: 1.1 Fattibilità dell integrazione di un impianto solare termico a servizio di un futuro nuovo quartiere multifunzione

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

La simulazione termo-energetica dinamica e l'integrazione tra prestazione energetica e comfort degli ambienti confinati

La simulazione termo-energetica dinamica e l'integrazione tra prestazione energetica e comfort degli ambienti confinati La simulazione termo-energetica dinamica e l'integrazione tra prestazione energetica e comfort degli ambienti confinati La natura del problema e il contesto in cui si colloca La domanda di energia per

Dettagli

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna 10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna Michele Stortini, Giovanni Bonafè, Marco Deserti, Simona Maccaferri, Enrico Minguzzi, Antonella Morgillo Centro Tematico Regionale

Dettagli

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I

TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA BASILICATA - Facoltà di Architettura di Matera Classe LM/4, conforme alla DIRETTIVA EUROPEA 85/384 e al D.M. 22 ottobre 2004, n.270 a.a. 2011/2012 II ANNO Semestrale TECNOLOGIA

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO

INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Dipartimento di Ingegneria Industriale MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO La parola ai software Verona - 9 ottobre 2013 INTRODUZIONE ALLA MODELLAZIONE ENERGETICA IN REGIME DINAMICO Roberto Zecchin

Dettagli

TETTI COOL E PAVIMENTI COOL: MATERIALI INTELLIGENTI PER L EDILIZIA

TETTI COOL E PAVIMENTI COOL: MATERIALI INTELLIGENTI PER L EDILIZIA TETTI COOL E PAVIMENTI COOL: MATERIALI INTELLIGENTI PER L EDILIZIA CORSO BASE Coordinatore Scientifico: Ing. Alberto Muscio Università di Modena e Reggio Emilia 1 Sede corso: AESS Via E. Caruso, 3 Modena

Dettagli

Efficienza energetica nei punti vendita al dettaglio Tecnologia di controllo intelligente in un supermercato della Baviera meridionale 2011-4

Efficienza energetica nei punti vendita al dettaglio Tecnologia di controllo intelligente in un supermercato della Baviera meridionale 2011-4 2011-4 Edgar Mayer Product Manager c/o Honeywell GmbH Efficienza energetica nei punti vendita al dettaglio supermercato della Per i responsabili dei supermercati, i costi operativi per la tecnologia dell

Dettagli

l ecolabel europeo degli edifici Soglie e punti

l ecolabel europeo degli edifici Soglie e punti EDILIZIA 32 l ecolabel europeo degli edifici di LAURA CUTAIA*, STEFANIA MINESTRINI* Nel panorama internazionale esistono numerose esperienze di sistemi di certificazione ambientale degli edifici. Si tratta

Dettagli

Progetto RE.S.IS.: Ricerca e Sviluppo per la Sismologia e l Ingegneria Sismica

Progetto RE.S.IS.: Ricerca e Sviluppo per la Sismologia e l Ingegneria Sismica 5 Convegno Tecnico Scientifico Progetto RE.S.IS.: Ricerca e Sviluppo per la Sismologia e l Ingegneria Sismica Sistema VULSIN per la Protezione delle Lifeline dal Rischio Sismico Carlo Vardanega Andrea

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI QUALITY WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI QUALITY WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni MAGGIO TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI QUALITY Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner WORKSHOP QUALITY Ricerca e sviluppo per la qualità delle

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

Annex 53- IEA Total energy use in buildings - Analysis and evaluation methods

Annex 53- IEA Total energy use in buildings - Analysis and evaluation methods Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Annex 53- IEA Total energy use in buildings - Analysis and evaluation methods M. Filippi,

Dettagli

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it

degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it degli Ingg.ri G.Fedrigo C.Gorio VIA SOLFERINO N 55-25121 - BRESCIA www.ingambiente.it - e-mail: ingambiente@bolbusiness.it Tel. 030-3757406 Fax 030-2899490 1 2 3 INDICE 1 Generalità pag. 04 2 Il comparto

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO "Strumenti di analisi, misure ed interventi in materia di traffico e riscaldamento

POLITECNICO DI MILANO Strumenti di analisi, misure ed interventi in materia di traffico e riscaldamento POLITECNICO DI MILANO "Strumenti di analisi, misure ed interventi in materia di traffico e riscaldamento Bruno Villavecchia Direttore Ambiente e Energia Agenzia Mobilità e Ambiente Srl Concentrazione di

Dettagli

PROTOCOLLO ITACA 2009

PROTOCOLLO ITACA 2009 Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale PROTOCOLLO ITACA 2009 Art. 9, Schema Legge Regionale: Norme per l edilizia sostenibile LINEE GUIDA E DISCIPLINARE TECNICO

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo.

Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Progettare con il vetro. L involucro trasparente è efficiente per il comfort termico e visivo. Estratto dal libro: Involucro trasparente ed efficienza energetica Tecnologie, prestazioni e controllo ambientale

Dettagli

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera

Focus Valutazione degli impatti in atmosfera Focus Valutazione degli impatti in atmosfera VALUTAZIONE di IMPATTO AMBIENTALE ai sensi del D. Lgs 152/2006 e smi e Legge Regionale 9/99 di un Impianto per la valorizzazione energetica di sottoprodotti

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Linea progettuale 3 Valutazione dell esposizione nella coorte di popolazione residente intorno agli impianti

Linea progettuale 3 Valutazione dell esposizione nella coorte di popolazione residente intorno agli impianti Seminario regionale Il progetto MONITER: monitoraggio degli inceneritori nel territorio dell Emilia-Romagna Bologna, 26 maggio 2008 Linea progettuale 3 Valutazione dell esposizione nella coorte di popolazione

Dettagli

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella

Sede centrale I Guzzini. Giorni/ Ore d impiego: 9 ore. Studio di Architettura Mario Cucinella Sede centrale I Guzzini Giorni/ Ore d impiego: 9 ore Progettisti: Studio di Architettura Mario Cucinella Ingegneri: Studio di Architettura Mario Cucinella Sorgenti di energia: Ventilazione naturale Copertura

Dettagli

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.

Dipartimento di Energia Sezione Elettrica. Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399. Dipartimento di Energia Sezione Elettrica Grande Capannone 2 Piano Via La Masa 34 20156 Milano Tel: +39.02.2399.8506 Fax: +39.02.2399.8566 CALCOLO DEL PERFORMANCE RATIO E DEL FATTORE DI TRASPOSIZIONE DELL

Dettagli

Felice Tatangelo (1) Ezio Crestaz (1), Michele Pellegrini (1) e Peter Schätzl (2) (1) Torino, 9 Ottobre 2013. Saipem S.p.A.

Felice Tatangelo (1) Ezio Crestaz (1), Michele Pellegrini (1) e Peter Schätzl (2) (1) Torino, 9 Ottobre 2013. Saipem S.p.A. FEFLOW - ArcGIS: Sistema Spaziale di Supporto alle Decisioni per la valutazione delle politiche ottimali di gestione delle acque sotterranee Una nuova prospettiva per i Decision Makers Felice Tatangelo

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future

Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Cambiamenti climatici e Trentino: lavori in corso e opportunità future Roberto Barbiero Dipartimento Protezione Civile e Infrastrutture roberto.barbiero@provincia.tn.it I cambiamenti

Dettagli

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana

Emissioni dei veicoli in autostrada e simulazione dell impatto sulla qualità dell aria nell area metropolitana bresciana Contratto di Ricerca tra Comune di Brescia e Dipartimento di Elettronica per l Automazione (Università degli Studi di Brescia) Responsabile scientifico: prof. Giovanna Finzi Emissioni dei veicoli in autostrada

Dettagli

Il Sistema Integrato Genera Innovazione e sostenibilità

Il Sistema Integrato Genera Innovazione e sostenibilità 1 2 Il Sistema Integrato Genera Innovazione e sostenibilità Il Sistema Genera integra ed ottimizza le seguenti tecnologie: impianto fotovoltaico - giardino pensile - sistema di raffreddamento e pulizia

Dettagli

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To

DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO. Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To DRASTICITA DI TEMPRA DEI GAS E DEI LIQUIDI A CONFRONTO Elio Gianotti Trattamenti Termici Ferioli e Gianotti SpA Rivoli To INTRODUZIONE La gamma dei gas e dei liquidi di tempra commercialmente disponibili

Dettagli

Il Piano di Adattamento della città di Bologna

Il Piano di Adattamento della città di Bologna Il Piano di Adattamento della città di Bologna Il progetto BlUEAP (LIFE11 ENV/IT/119) Cordinatore: Comune di Bologna Partner: Kyoto Club, Ambiente Italia, ARPA Emilia Romagna durata: 36 mesi (01/10/2012-30/09/2015)

Dettagli

Gestione energetica: Monitoraggio, visualizzazione, valutazione e ottimizzazione del consumo energetico 2012-2. Michael Rader

Gestione energetica: Monitoraggio, visualizzazione, valutazione e ottimizzazione del consumo energetico 2012-2. Michael Rader 2012-2 Michael Rader Marketing Manager CentraLine c/o Honeywell GmbH Gestione energetica: e ottimizzazione del Parte 2: visualizzazione e dei dati di consumo Il primo articolo di questa serie in due parti

Dettagli

Previsione a supporto della Prevenzione

Previsione a supporto della Prevenzione Previsione a supporto della Prevenzione 19 giugno 2013 ARPA Agenzia Regionale per la Protezione dell'ambiente del Friuli Venezia Giulia CRMA Centro Regionale di Modellistica Ambientale crma@arpa.fvg.it

Dettagli

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4

LEZIONE 4. Indice CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 CORSO E-LEARNING LEZIONE 4 Indice Efficienza Energetica negli Edifici o Infissi esterni o Progettazione bioclimatica o Consigli per incrementare l efficienza energetica Note sui diritti d autore Il presente

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Il vento nei modelli di clima

Il vento nei modelli di clima Il vento nei modelli di clima Alessandro Dell Aquila Sandro Calmanti ENEA UTMEA-CLIM Unità Tecnica Modellistica Energetica Ambientale Laboratorio Modellistica Climatica ed Impatti CNMCA Giovedì 29 Aprile

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

GLI ACCUMULI TERMICI A CAMBIAMENTO DI FASE

GLI ACCUMULI TERMICI A CAMBIAMENTO DI FASE GLI ACCUMULI TERMICI A CAMBIAMENTO DI FASE R. Lazzarin, M. Noro, L. Zamboni Dipartimento di Tecnica e Gestione dei sistemi industriali Università degli Studi di Padova CITTA SOSTENIBILE Convegno Climatizzazione

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

PROGETTO DI VIA GIAMBELLINO

PROGETTO DI VIA GIAMBELLINO PROGETTO DI VIA GIAMBELLINO COMUNE DI MILANO DOCUMENTO FINALE 27 Novembre 2008 1. EFFICIENZA ENERGETICA NEL COMPLESSO DI VIA GIAMBELLINO 1.1 INTRODUZIONE Nell ambito della Convenzione stipulata tra Regione

Dettagli

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione

Numero dipendenti e collaboratori: 81 ricercatori e tecnologi 31 tecnici e amministrativi 63 ricercatori a contratto e in formazione Attività e ricerche ISAC è il maggior istituto che opera sulle tematiche di scienze dell atmosfera e del clima nel CNR e in Italia. Le competenze dell Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima (ISAC)

Dettagli

ABB Group November 23, 2010 Slide 1

ABB Group November 23, 2010 Slide 1 Simone Zoani ABB, IX Giornata Ricerca Anie, 19/11/2010 Aumentare l efficienza energetica negli edifici con la Home & Building Automation Il caso della Regione Molise November 23, 2010 Slide 1 Ridurre gli

Dettagli

LA METODOLOGIA DYNAMIC COMPUTATIONAL G.I.S.

LA METODOLOGIA DYNAMIC COMPUTATIONAL G.I.S. LA METODOLOGIA DYNAMIC COMPUTATIONAL G.I.S. Ing. Giuseppe Magro Associato in convenzione di ricerca con il Dipartimento di Ingegneria Energetica Nucleare e del Controllo Ambientale, D.I.E.N.C.A. - Università

Dettagli

SIMULAZIONI E MODELLI PER LA QUALITÀ DELL ARIA

SIMULAZIONI E MODELLI PER LA QUALITÀ DELL ARIA SIMULAZIONI E MODELLI PER LA QUALITÀ DELL ARIA In Italia si rilevano spesso elevate concentrazioni di ozono e particolato, che superano i limiti fissati dalla legislazione vigente. Per affrontare questo

Dettagli

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo

Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Riqualificazione energetica nell ambito del progetto Smart City: i casi di Treviso e Jesolo Prof. ing. Luigi Schibuola Dipartimento di Culture del Progetto - Università IUAV di Venezia Unità di ricerca

Dettagli

Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale. Lunedì 16 marzo 2015, Firenze

Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale. Lunedì 16 marzo 2015, Firenze Microclima, indicatori di vivibilità e sostenibilità ambientale Lunedì 16 marzo 2015, Firenze IL DIPARTIMENTO DIpartimento di Scienze delle Produzioni Agroalimentari e dell'ambiente (DISPAA) Dipartimento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Linee di sviluppo governative in tema di efficienza energetica Marcello Capra Dipartimento per l Energia EFFICIENZA ENERGETICA, POLITICHE TERRITORIALI E TELERISCALDAMENTO EGEA - Alba, 18 novembre 2011

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

L aria: trait d union tra i territori padani

L aria: trait d union tra i territori padani L aria: trait d union tra i territori padani Silvia Anna Bellinzona Direttore Settore Monitoraggi Ambientali Guido Lanzani Responsabile U.O. Qualità dell aria Elisabetta Angelino Responsabile U.O. Modellistica

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio

Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio Workshop regionale SMARTINNO 23 Ottobre 2014 Edifici storici e Città Soluzioni low cost di rilievo 3D e ortofoto ad altissima risoluzione per interi centri storici Dott. Stefano Picchio IL RILIEVO DELLA

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Radiazione i solare e ambiente urbano

Radiazione i solare e ambiente urbano Radiazione i solare e ambiente urbano L isola di calore urbana Uso di pannelli: effetti positivi e qualche problema L effetto della vegetazione Bilancio energetico complessivo Esempi L isola di calore

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

ATTIVITA 5 Modellistica

ATTIVITA 5 Modellistica ATTIVITA 5 Modellistica qualità dell aria Giuseppe Maffeis Giampiero Malvasi consulenti ARPAV-ORAR ATTIVITA' 1 Stima delle emissioni in atmosfera ATTIVITA' 5 Modellistica qualità dell'aria ATTIVITA' 4

Dettagli

i Cool Roof di Elisabe.a Cara0n

i Cool Roof di Elisabe.a Cara0n i Cool Roof di Elisabe.a Cara0n Ambito di applicazione Sistemi di copertura cool roof - white roof - cool color Efficienza energetica - isole di calore urbane - effetto testa calda - consumi energetici

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

f o green ro so o lar EcoroofEc

f o green ro so o lar EcoroofEc Ecoroof solar green La copertura di un edificio rappresenta uno degli elementi piu significativi della sua configurazione e funzionamento. Inoltre circa il 25% delle dispersioni totale di energia di un

Dettagli

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale

Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale Il protocollo di Kyoto: dalla scala globale a quella locale * Il cambiamento climatico: il problema a scala globale *Antonio Ballarin Denti è Ordinario di Fisica ambientale all Università Cattolica di

Dettagli

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO:

INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: INQUINANTI GASSOSI E PARTICOLATO: CONFRONTO SIMULAZIONI/OSSERVAZIONI PER DIVERSE CONFIGURAZIONI DEL SISTEMA MODELLISTICO AMS-MINNI Massimo D Isidoro, Gino Briganti, Andrea Cappelletti, Mihaela Mircea ENEA

Dettagli

The pilot project in Riolo Terme; Overview and discussion about current regulations; Main needs of stakeholders concerning RES

The pilot project in Riolo Terme; Overview and discussion about current regulations; Main needs of stakeholders concerning RES The pilot project in Riolo Terme; Overview and discussion about current regulations; Main needs of stakeholders concerning RES Giovanni Santarato Università di Ferrara Riolo Terme, 26 Giugno 2012 Project

Dettagli

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione

In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione In genere hanno descritto i risultati del monitoraggio di indicatori biologici di esposizione sono generalmente di tipo geografico; l esposizione e l effetto vengono solitamente valutati a livello di popolazione.

Dettagli

Climate change e strategie di adattamento: il caso di Bologna Lorenzo Bono (Ambiente Italia), Piero Pelizzaro (Kyoto Club)

Climate change e strategie di adattamento: il caso di Bologna Lorenzo Bono (Ambiente Italia), Piero Pelizzaro (Kyoto Club) Fondazione Cariplo progetto Capacity building n.1 REesilienceLAB http://www.resiliencelab.eu Incontri di formazione Resilienza urbana e territoriale incontri di formazione 7 maggio 2014 TEMI E PRATICHE

Dettagli

IL PROGETTO SERPENTE

IL PROGETTO SERPENTE Agenzia Fiorentina per l Energia Srl Florence Energy Agency IL PROGETTO SERPENTE Surpassing Energy Targets through Efficient Public Buildings http://www.serpente-project.eu Roma 13 Giugno 2013 Agenzia

Dettagli

Istituto per le Energie Rinnovabili

Istituto per le Energie Rinnovabili Istituto per le Energie Rinnovabili Istituto per le Energie Rinnovabili L Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC appoggia partner industriali nella sperimentazione e nell implementazione di tecnologie

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO

Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Contribution of Emission Sources on the Air quality of the POrt-cities in Greece and Italy CESAPO Le attività svolte dai tre partners italiani del progetto CESAPO, l Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

Scheda 4 «Smart City» SMART ENVIRONMENT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Smart City» SMART ENVIRONMENT. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento Il termine Smart Environment riguarda concetti quali lo sviluppo sostenibile e attività quali la riduzione dei rifiuti prodotti da una determinata

Dettagli

SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015

SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015 SmartGreen Building Nuove costruzioni e riqualificazione dell esistente Milano, 18 giugno 2015 La piattaforma BEyond 2015 BEyond 2015 è la piattaforma di incontro e confronto che traccia la strada per

Dettagli

LA CLIMATOLOGIA NEL RISPARMIO ENERGETICO. I DATI RELATIVI ALLA CITTA DI FOGGIA

LA CLIMATOLOGIA NEL RISPARMIO ENERGETICO. I DATI RELATIVI ALLA CITTA DI FOGGIA LA CLIMATOLOGIA NEL RISPARMIO ENERGETICO. I DATI RELATIVI ALLA CITTA DI FOGGIA Pur alla luce delle nuove situazioni congiunturali, fra le quali la maggiore offerta di petrolio e il cambio lira-dollaro

Dettagli

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE

MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE MODELLISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA NELL'AREA METROPOLITANA TORINESE Alessandro Bertello Rossella Prandi Sommario 1. Finalità dello studio 2. Aggiornamento inventario delle emissioni 3. Gli scenari emissivi

Dettagli

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills

Echi dal PMI Global Congress Europe 2004. Area of focus SWT. Software and Technical Skills Echi dal PMI Global Congress Europe 2004 Area of focus SWT Software and Technical Skills Maria Antonietta Cervini Senior Clinical Planner Nerviano Medical Science Nerviano (Milano) Italy 21 May 2004 1

Dettagli

EED Sonde Geotermiche

EED Sonde Geotermiche EED Sonde Geotermiche EED è un software per il calcolo delle sonde geotermiche verticali - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

ITI 2012. Istruzioni tecniche per l aerazione dei rifugi con isolamento termico

ITI 2012. Istruzioni tecniche per l aerazione dei rifugi con isolamento termico Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Ufficio federale della protezione della popolazione UFPP Infrastruttura ITI 2012 Istruzioni tecniche per l aerazione

Dettagli

Home and Building Automation: La gestione dell edificio per l ottimizzazione delle prestazioni energetiche. Massimo Valerii Presidente KNX Italia

Home and Building Automation: La gestione dell edificio per l ottimizzazione delle prestazioni energetiche. Massimo Valerii Presidente KNX Italia Home and Building Automation: La gestione dell edificio per l ottimizzazione delle prestazioni energetiche Massimo Valerii Presidente KNX Italia Padova / Villa Ottoboni - 26 febbraio 2015 Cosa è KNX? Cosa

Dettagli