Schede Tecniche 2 grado

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Schede Tecniche 2 grado"

Transcript

1 DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio V Anno Scolastico Schede Tecniche 2 grado

2 INDICE DISCIPLINA pagina DISCIPLINA pagina INDICE 2 HOCKEY PRATO 37 NORME GENERALI 3 JUDO 38 ATLETICA CAMPESTRE 10 KARATE 38 ATLETICA PISTA 11 LOTTA 39 GINNASTICA 12 MOTONAUTICA R.C. 40 GINNASTICA AEROBICA 12 ORIENTAMENTO e TRIAL - O 41 NUOTO 13 PALLAPUGNO 43 NUOTO PINNATO 13 PALLAMANO 45 NUOTO SALVAMENTO 14 PALLATAMBURELLO 46 SCI ALPINO 15 PATTINAGGIO CORSA 50 SCI NORDICO 15 PATTINAGGIO GHIACCIO F. 50 SNOW BOARD 16 PATTINAGGIO GHIACCIO V. 51 CALCIO 17 PESCA SPORTIVA LANCIO 52 CALCIO A 5 18 PENTATHLON MODERNO 53 PALLACANESTRO 19 PESI 54 PALLAVOLO 20 PUGILATO EDUCATIVO 55 AEROMODELLISMO 21 RUGBY 56 ARRAMPICATA SPORT. 22 SCACCHI 57 BADMINTON 23 SCHERMA 58 BASEBALL // SOFTBALL 24 SQUASH 59 BOCCE 25 TENNIS 60 BOWLING 26 TENNISTAVOLO 61 BRIDGE 27 TIRO A SEGNO 63 CANOA 28 TIRO A VOLO 63 CANOTTAGGIO 28 TIRO CON L'ARCO 63 CANOTTAGGIO SEDILE FISSO 29 TRIATHOLN 64 CICLISMO 30 TWIRLING 65 CRICKET 31 VELA 67 DAMA 32 WUSHU - KUNGFU 68 DANZA SPORTIVA 33 SPORT DISABILI 69 GOLF 35 HOCKEY GHIACCIO 36 HOCKEY PISTA 36 Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 2

3 GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI DELLE SCUOLE DI PRIMO E DI SECONDO GRADO ANNO SCOLASTICO Indicazioni tecnico-organizzative I Giochi Sportivi Studenteschi (GSS) sono promossi ed organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione (M.P.I.) in collaborazione con il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), con le Regioni e gli Enti Locali. Essi sono riservati agli studenti delle scuole statali e non statali di primo e di secondo grado, regolarmente iscritti e frequentanti. Si raccomanda a tutte le Commissioni Organizzatrici, ognuna al proprio livello, l applicazione di quanto previsto dalla Direttiva Ministeriale del 9 febbraio 2007 Più sport a scuola e vince la vita. Linee di indirizzo generali ed azioni a livello nazionale per lo sport a scuola con particolare riferimento a quanto riportato al punto PARTECIPAZIONE Partecipano ai GSS tutti gli studenti senza esclusione alcuna, a condizione che abbiano frequentato regolarmente le ore di avviamento alla pratica sportiva scolastica; resta affidata al Dirigente scolastico la puntuale verifica circa il normale svolgimento di dette ore. È consentito agli studenti di istituzioni scolastiche che non aderiscono a nessuna tra le discipline previste dal progetto tecnico dei GSS, frequentare le ore di avviamento alla pratica sportiva in scuole ed istituti vicini o in altre scuole collegate in rete dello stesso ordine e grado, purché presentino: Dichiarazione del Dirigente Scolastico della scuola in cui lo studente frequenta regolarmente le lezioni, attestante che la scuola ha deliberato la non partecipazione ai GSS; Nulla osta dei Dirigenti delle scuole interessate; Autorizzazione dei genitori o di chi esercita la patria potestà. Detti studenti potranno prendere parte alle manifestazioni sportive scolastiche programmate fino alla fase d Istituto. La partecipazione delle Istituzioni scolastiche avviene per rappresentative d istituto e per partecipazione individuale ed è deliberata dai competenti organi collegiali. La delibera di partecipazione ai Giochi deve riferirsi alle discipline, di cui al successivo elenco. L adesione ad ogni singola disciplina sportiva deve essere valutata e proposta agli organi collegiali dall apposito comitato tecnico previsto al successivo punto 4.1. Allo scopo di favorire la pratica sportiva per tutti gli studenti, anche a coloro che non usufruiscono di altre opportunità, verrà dato massimo spazio alle attività d'istituto attraverso tornei di classe e d'interclasse, momenti centrali di tutte le attività dei GSS e autentiche feste di sport. I tornei interni (di classe, d'interclasse, etc.) costituiscono la parte fondamentale e più qualificante del processo di preparazione al movimento di ogni alunno. L obiettivo è quello di moltiplicare il tempo che ogni studente per tutto l arco dell anno scolastico, dedicherà alle attività motorie e sportive. La scuola primaria realizza l attività, indirizzata a tutti gli alunni, coerentemente con i contenuti dell insegnamento delle scienze motorie definiti dal curricolo; ciò vale anche per scuole primarie ove si attuano iniziative sperimentali di servizio di consulenza dell attività motoria. Potranno essere realizzati percorsi con prove a carattere polivalente ed organizzate, a livello locale, iniziative tra reti di scuole con feste dello sport e giornate dedicate e manifestazioni dimostrative. Gli alunni delle classi 3^, 4^ e 5^, espletato il programma delle attività di base, possono partecipare alle attività di Giocosport liberamente scelte dagli OO.CC., nell'ambito di quanto previsto dal P.O.F. La preparazione si esplica nel corso dell'intero anno scolastico sotto la guida degli insegnanti della scuola primaria, con la collaborazione di docenti di educazione fisica in qualità di consulenti. 2 CATEGORIE ISTITUZIONI SCOLASTICHE SECONDARIE DI PRIMO GRADO Nelle scuole di istruzione secondaria di primo grado, la categoria è unica tranne che nelle discipline di ATLETICA LEGGERA (Campestre e pista) ed ORIENTAMENTO per le quali sono previste le seguenti categorie. Categoria Anni di nascita RAGAZZI/E CADETTI/E Per le altre discipline la categoria è unica (1994, 1995, 1996, 1997). Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 3

4 ISTITUZIONI SCOLASTICHE SECONDARIE DI SECONDO GRADO: tutte le discipline. Categoria Anni di nascita ALLIEVI ALLIEVE UNDER JUNIORES MASCHILE FEMMINILE 91 e precedenti 3 - COMMISSIONI ORGANIZZATRICI 3.1 Commissione Organizzatrice Nazionale (C.O.N.) La Commissione Organizzatrice Nazionale ha il compito di redigere i regolamenti, indicare gli indirizzi organizzativi, individuare le sedi di svolgimento e coordinare l organizzazione delle manifestazioni successive a quelle regionali. E presieduta dal Direttore Generale per lo Studente (o da un suo delegato) ed è composta da rappresentanti del M.P.I. e del CONI; può essere integrata di volta in volta da rappresentanti di altri enti o istituzioni. 3.2 Commissioni Organizzatrici Regionali (C.O.R.) Le commissioni regionali sono responsabili dell organizzazione delle attività per le scuole di ogni ordine e grado nella regione. Ciascuna commissione potrà, di volta in volta integrare la propria composizione e si articolerà sul territorio, in sottocommissioni provinciali, comunali e/o locali per meglio corrispondere alle esigenze organizzative dei Giochi. In tale contesto si dovrà porre particolare attenzione ai necessari rapporti di collaborazione con tutti i soggetti territoriali e locali interessati e con il C.O.N.I. provinciale, ai fini di un supporto organizzativo e finanziario ai Giochi Sportivi Studenteschi. La commissione organizzatrice regionale, presieduta dal Direttore Scolastico Regionale (o da un suo delegato), è composta da: l assessore regionale allo sport, in qualità di vicepresidente; l assessore regionale all istruzione, in qualità di vicepresidente l assessore regionale alle politiche giovanili, in qualità di vicepresidente il presidente regionale del CONI, in qualità di vicepresidente; gli assessori provinciali allo sport; i coordinatori di educazione fisica e sportiva della regione; i presidenti provinciali del CONI della regione; i presidenti regionali delle Federazioni sportive interessate; un rappresentante dell A.N.C.I.; un rappresentante dei presidenti delle consulte provinciali degli studenti; un rappresentante del CONI, quale referente tecnico; docenti esperti nelle discipline sportive interessate, nominati dal Direttore Regionale. Per ciascuna disciplina sportiva del programma dei Giochi potranno essere formate, a cura dei Coordinatori di Educazione Fisica, apposite équipe tecniche che collaboreranno all organizzazione delle attività in sintonia con le linee programmatiche contenute nei piani provinciali delle attività motorie. Le C.O.R. svolgono i seguenti compiti: indicono le manifestazioni dei Giochi relativamente al proprio livello di competenza; formulano i programmi delle manifestazioni e organizzano le relative attività rendendo tempestivamente noti i programmi alle istituzioni scolastiche attraverso i competenti Uffici scolastici provinciali; vigilano sullo svolgimento delle manifestazioni, garantendone l assistenza sanitaria - si richiama in tal senso la nota prot. n. 259/A4 del 20 gennaio e quanto altro possa assicurarne la buona riuscita; costituiscono nel loro seno le commissioni disciplinari ; inviano alla commissione organizzatrice della fase successiva le iscrizioni e organizzano la conseguente partecipazione degli aventi diritto; le schede di iscrizione degli studenti devono essere inviate debitamente compilate. deliberano in merito all assegnazione del materiale sportivo, e all impiego dei fondi per l organizzazione delle manifestazioni e per la partecipazione delle rappresentative; raccolgono le iscrizioni e copia dei risultati; assicurano e promuovono la partecipazione degli studenti diversamente abili. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 4

5 Circa tale ultimo compito, ferme restando le già sperimentate forme di partecipazione degli studenti diversamente abili a tutte le fasi dei G.S.S. nelle discipline stabilite di volta in volta dalle competenti Commissioni, sono particolarmente raccomandate iniziative di sport integrato tra studenti diversamente abili e studenti normodotati (a solo titolo esemplificativo: staffette nel nuoto, nell atletica, nell orientamento; sport di squadra con formazioni integrate). Le esperienze più significative scelte tra quelle segnalate dalle rispettive C.O.R. saranno presenti a livello sperimentale alle finali nazionali di disciplina. 4 - FASI DI SVOLGIMENTO 4.1 Fase di circolo o di istituto All atto della delibera di partecipazione della scuola ai GSS, anche alla sola fase d istituto, il Dirigente scolastico provvederà alla nomina del Comitato tecnico organizzativo per l attuazione dei seguenti compiti: valutare e proporre, sulla base delle richieste degli studenti, delle strutture sportive fruibili dalla scuola e sulle opportunità e risorse offerte dal territorio, l adesione alle discipline sportive scelte tra quelle elencate nel progetto tecnico dei GSS. inviare l adesione, a firma del Dirigente scolastico, alla commissione organizzatrice competente; formulare il programma ed organizzare le attività, le gare e i tornei di circolo e di istituto, assicurando l allestimento dei campi di gara, l assistenza sanitaria, ove prevista, e quanto altro possa concorrere alla buona riuscita delle manifestazioni; costituire le giurie con alunni, insegnanti, genitori; inviare alla Commissione competente le iscrizioni ed organizzare la partecipazione degli alunni del circolo o dell istituto alle fasi successive. 4.2 Fasi successive Alle manifestazioni successive a quelle d istituto e fino alle fasi regionali comprese, sono ammesse le rappresentative d'istituto nel numero stabilito dalle C.O.R.. Per ciò che concerne le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado si raccomanda l organizzazione di manifestazioni sportive scolastiche riservate alla categoria JUNIORES che, come noto, comprende la maggioranza degli studenti frequentanti tale ordine di scuole. In ogni caso : Nelle discipline individuali dovrà sempre essere garantito l accesso alla fase successiva di almeno una rappresentava di istituto e dei primi due (2) studenti vincitori in ogni specialità della disciplina; nel caso in cui uno o più studenti appartenessero alla/e squadre/e qualificata/e, si scorrerà la classifica fino ad individuare gli studenti in posizione utile alla partecipazione. Nelle discipline di squadra i calendari dovranno essere modulati a seconda delle richieste e delle esigenze del territorio in modo da favorire il massimo delle occasioni d incontro tra le rappresentative studentesche, anche per quelle discipline non codificate ma particolarmente diffuse a livello locale e territoriale. Per ciò che concerne le finali nazionali sarà emanata apposita nota. 4.3 Fasi nazionali Per consentire lo svolgimento delle fasi successive, ove previste, le fasi regionali dovranno terminare improrogabilmente entro il 19 maggio 2008 per le istituzioni scolastiche di primo grado ed entro il 31 maggio 2008 per quelle di secondo grado. ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI PRIMO GRADO Per l anno scolastico , le discipline ammesse alle finali nazionali per le istituzioni scolastiche di primo grado, saranno comunicate con apposita nota a seguito del monitoraggio delle adesioni che lo scrivente Ufficio condurrà attraverso la scheda di rilevazione allegata alla presente nota. Tale scheda dovrà essere restituita entro e non oltre il 30 novembre 2007; i risultati del monitoraggio saranno resi noti entro il 31 dicembre Le finali nazionali di corsa campestre e degli sport invernali saranno comunque disputate a prescindere dai risultati del sopra citato monitoraggio. ISTITUZIONI SCOLASTICHE DI SECONDO GRADO Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 5

6 Saranno organizzate fasi nazionali prioritariamente per le discipline per le quali sono previste, nel 2009, manifestazioni indette dalla Federazione Internazionale dello Sport Scolastico (ISF). Ulteriori discipline potranno essere ammesse alle fasi nazionali sulla base del numero di adesioni rilevate dal monitoraggio, in analogia a quanto previsto per le istituzioni scolastiche di primo grado, compatibilmente con le risorse finanziarie disponibili. Per le discipline individuali non sono previste fasi intermedie tra quella regionale e la finale nazionale; per le discipline di squadra i criteri di ammissione che qualificheranno alla fase nazionale saranno indicati con apposita nota. Resta inteso che anche quest anno potranno essere organizzate finali nazionali per le discipline, di cui all elenco a pag. 8, per le quali le rispettive Federazioni siano disposte ad assumere l intero onere finanziario, previa certificazione da parte delle C.O.R. dell avvenuto svolgimento delle fasi regionali. Le richieste relative dovranno essere inoltrate nei tempi utili alla scrivente Direzione Generale. Pertanto, in attesa degli esiti delle procedure sopra descritte, le discipline per ora ammesse alle finali nazionali per le categorie Allievi/e Istituzioni scolastiche di secondo grado - a.s sono: IST. SCOLASTICHE DI SECONDO GRADO: Allievi e Allieve under 16 DISCIPLINE DI SQUADRA DISCIPLINE INDIVIDUALI CALCIO SPORT INVERNALI CORSA CAMPESTRE PALLACANESTRO ATLETICA LEGGERA ORIENTAMENTO NUOTO 4.4 EVENTI La Direzione generale per lo studente, al fine di una migliore programmazione anche livello periferico degli eventi previsti ha individuato per le finali nazionali 2008 dei GSS i seguenti periodi di massima: MANIFESTAZIONE CAMPESTRE SPORT INVERNALI ESTIVI PRIMO GRADO ESTIVI SECONDO GRADO PERIODO FEBBRAIO MARZO MAGGIO/GIUGNO MAGGIO/GIUGNO Le località e le modalità organizzative delle manifestazioni saranno comunicate con apposita nota condivisa con il CONI. 5 - IMPIANTI ED ATTREZZATURE Per le manifestazioni d istituto, comunali o distrettuali, ove non siano disponibili impianti scolastici, le commissioni organizzatrici potranno reperire ed avvalersi di impianti minimi di base purché rispondano, in linea generale, alle esigenze tecniche della disciplina e alle norme generali di sicurezza ed igiene. Dalle fasi provinciali comprese, gli impianti e le attrezzature dovranno essere quelli approvati e/o omologati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali (FSN). 6 - ACCOMPAGNATORI DEGLI STUDENTI Le squadre partecipanti dovranno essere accompagnate da un docente di educazione fisica della scuola di appartenenza. Nel caso di impossibilità di questi ultimi ad accettare l'incarico, il Dirigente scolastico potrà individuare, quale accompagnatore, un docente di altra materia cultore dello sport. La conduzione tecnica sui campi di gara è affidata, di norma, ai docenti di educazione fisica della scuola e in nessun caso, pena l esclusione, a personale non docente o estraneo alla scuola. In occasione dello svolgimento delle Finali Nazionali per le rappresentative composte da più di 8 studenti potrà essere previsto un secondo accompagnatore, incaricato dal Dirigente Scolastico e scelto tra il personale di ruolo effettivamente in servizio presso la scuola stessa. Tale condizione dovrà essere dichiarata dal Dirigente scolastico sull allegato B/I. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 6

7 7 - GIURIE ED ARBITRI Ciascun istituto dovrà individuare nominativi di docenti, studenti, genitori ed operatori scolastici disponibili a collaborare in compiti di organizzazione e giuria, specialmente nelle fasi d istituto. Dalle fasi provinciali incluse e fino alle fasi nazionali, le C.O.R., attraverso le Federazioni competenti dovranno assicurare, secondo le modalità previste dalle proprie normative, i servizi di giuria, arbitraggio e cronometraggio anche avvalendosi di studenti arbitri. A tale proposito si conferma anche per l.a.s. 2007/2008 la possibilità, da parte delle C.O.R., di organizzare corsi per studenti arbitri in collaborazione con il CONI e le FSN competenti. Dalle fasi regionali comprese gli oneri relativi ai servizi di cronometraggio saranno a carico del CONI. In occasione di tutte le manifestazioni, ivi comprese le finali nazionali ove previste, gli Uffici scolastici regionali competenti, su proposta della commissioni organizzatrici possono disporre l esonero, per brevi periodi, dai normali obblighi di servizio di personale della scuola con compiti organizzativi, di giuria e arbitraggio. 8- COMMISSIONI DISCIPLINARI Per ogni sottocommissione nominata sul territorio dalla C.O.R. dovrà essere prevista una Commissione Disciplinare composta: Dal Coordinatore di E.F. della provincia che la presiede; Da un rappresentante del CONI nominato dal Comitato competente; Da un rappresentante della Federazione sportiva interessata; Da un docente esperto della disciplina nominato ad inizio anno. Presso ogni C.O.R. deve essere costituita una commissione disciplinare sportiva composta: Da un coordinatore di E.F. della regione, nominato dalla C.O.R., che la presiede; Da un rappresentante del CONI nominato dal Comitato regionale competente; Da un rappresentante della Federazione sportiva interessata; Da un docente esperto della disciplina nominato ad inizio anno. In occasione delle manifestazioni successive alle fasi regionali, presso la C.O.R. competente deve essere insediata una commissione disciplinare sportiva i cui componenti sono nominati dalle amministrazioni centrali composta: Da un rappresentante del M.P.I. che la presiede; Da un rappresentante del CONI; Da un rappresentante della Federazione sportiva interessata; Da un docente esperto della disciplina nominato dal Direttore dell Ufficio Scolastico Regionale ospitante la manifestazione. Le commissioni disciplinari hanno il compito di: esaminare i reclami concernenti eventuali posizioni irregolari dei partecipanti; adottare sulla base dei rapporti dei giudici di gara eventuali ulteriori provvedimenti di disciplina sportiva per fatti accaduti durante la manifestazione; segnalare, per i provvedimenti del caso, alle autorità scolastiche competenti fatti e comportamenti contrari all etica sportiva o comunque scorretti, verificatisi nel corso della manifestazione; segnalare all autorità scolastica competente i provvedimenti adottati. I reclami devono essere presentati per iscritto alla segreteria della commissione organizzatrice competente entro le 6 ore successive lo svolgimento della gara. Per le gare svolte a concentramento il termine per la presentazione dei reclami è fissato in 2 ore dal termine delle gara. Non sono consentiti reclami generici e non documentati. La commissione disciplinare sportiva deve rispondere per iscritto, dandone tempestiva comunicazione alle scuole ed alle Commissioni Organizzatrici interessate. Le deliberazioni delle Commissioni Disciplinari dovranno essere adottate nei tempi utili alla partecipazione, della rappresentativa avente diritto, alle fasi successive. Indipendentemente dalla presentazione di reclami, la commissione disciplinare sportiva deve procedere d ufficio in qualsiasi momento per decidere motivatamente su eventuali gravi irregolarità di cui venisse a conoscenza. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 7

8 Nel caso in cui una rappresentativa non si presenti alla disputa di un incontro, tranne che per gravi e documentati motivi, essa viene eliminata dal torneo e ai fini della determinazione della classifica finale si acquisiranno solo i risultati delle squadre rimaste in gara. Le decisioni delle commissioni disciplinari di livello inferiore a quella della C.O.R. possono essere oggetto di ricorso solo per inottemperanza alle norme riportate nelle schede tecniche. Tali ricorsi devono essere indirizzati alla commissione disciplinare della C.O.R. competente per territorio che delibera in via definitiva dandone immediata comunicazione agli interessati. 9 - CASI DI PARITA Nei casi di parità, si rinvia ai regolamenti e norme delle rispettive discipline. Non sono previsti, nei giochi di squadra, i tempi supplementari, salvo che non sia diversamente stabilito nelle singole schede tecniche. Se i regolamenti non dispongono al riguardo, vale la norma del passaggio alla fase successiva del concorrente più giovane di età o della squadra che totalizza la minore media delle età dei componenti (gg/mm/aa) PARTECIPAZIONE A PIÙ DISCIPLINE È consentita la partecipazione a più discipline a condizione che lo consentano il calendario e la sistemazione logistica. In occasione delle Finali Nazionali è consentita la partecipazione ad una sola disciplina COMPOSIZIONE DELLE SQUADRE e SOSTITUZIONE ALUNNI Alle finali nazionali potranno prendere parte solo quegli alunni iscritti e frequentanti la scuola nell anno al quale la Finale nazionale fa riferimento. In accordo con Il C.O.N.I. e le Federazioni Sportive Interessate saranno riviste le schede tecniche di quelle discipline che nel corso delle pregresse edizioni hanno determinato casi di incerta applicazione della norma DOCUMENTAZIONE In tutte le fasi successive a quella d istituto, il docente accompagnatore di ogni rappresentativa dovrà recare con sè il modello B/I in triplice copia, compilato in ogni sua parte e firmato dal Dirigente scolastico. Ogni alunno dovrà avere con sè un documento di identità personale. Per gli allievi minori di anni 14 l identità personale sarà attestata dal Dirigente scolastico della scuola di appartenenza; il modello di attestazione d identità dovrà obbligatoriamente essere munito di foto tessera (il modello, valido ai solo fini del riconoscimento nelle gare previste dai GSS, sarà allegato alla nota contenente le schede tecniche delle singole discipline) ASSISTENZA SANITARIA COPERTURA ASSICURATIVA Per tutti gli studenti partecipanti ai Giochi Sportivi Studenteschi è previsto il controllo sanitario per la pratica di attività sportive non agonistiche a norma del D.M. 28 Febbraio 1983 e del D.P.R. 272/00. A partire dalle fasi successive a quella d istituto le Commissioni Organizzatrici, d intesa con l Ente locale, adotteranno le più opportune misure affinché nelle manifestazioni sia garantita l appropriata assistenza medica (v. nota prot. n. 259/A4 del 20/01/03). Alle fasi regionali e nazionali, dove, per forza di cose, l agonismo diventa maggiore, dovrà essere assicurato il controllo sanitario per la pratica sportiva agonistica. Gli oneri derivanti potranno essere messi a carico delle scuole, delle Regioni e degli Enti Locali con il concorso, previa intesa, del Coni e della Federazione Medico Sportiva, nonché, ove necessario, delle famiglie degli studenti. A seguito del D.L. 1 Ottobre 2007 n. 159 SOPPRESSIONE DELLA CASSA DI PREVIDENZA PER L ASSICURAZIONE DEGLI SPORTIVI (SPORTASS) E DISPOSIZIONI SUL CREDITO PER L IMPIANTISTICA SPORTIVA pubblicato sulla G.U. 229 del 2/10/2007, si richiama l attenzione dei sigg. Dirigenti Scolastici in ordine alla copertura assicurativa obbligatoria per allievi e insegnanti partecipanti alle attività sportive scolastiche. Si rammenta infatti che tutti gli studenti ed i Docenti partecipanti alle diverse fasi dei G.S.S. previsti dal P.O.F., dovranno essere coperti da polizza assicurativa per i rischi connessi allo svolgimento di tali attività (che potranno svolgersi anche al di fuori della scuola o del proprio territorio comunale, provinciale, regionale), in quanto copertura ulteriore rispetto a quella garantita dall INAIL ai sensi dell art.1 del D.P.R. 10 ottobre 1996 n.567, modificato dal D.P.R. 9 aprile 1999 n PREMIAZIONI I materiali utili alle varie premiazioni, fino alle fasi nazionali comprese, saranno forniti dal CONI INTERVENTI CULTURALI In occasione delle manifestazioni territoriali, regionali e nazionali le competenti commissioni organizzatrici dovranno promuovere iniziative a carattere culturale per l approfondimento delle tematiche connesse all attività sportiva, anche in relazione al territorio in cui si svolgono gli eventi. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 8

9 16 - RINVIO Per quanto non previsto nelle presenti norme generali e nelle schede tecniche, si fa riferimento ai regolamenti tecnici delle rispettive FSN. GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI DISCIPLINE PREVISTE AEROMODELLISMO ORIENTAMENTO ARRAMPICATA SPORTIVA ATLETICA LEGGERA CAMPESTRE ATLETICA LEGGERA PISTA BADMINTON BOCCE BOWLING BRIDGE CALCIO CALCIO A 5 CANOA CANOTTAGGIO CANOTTAGGIO SEDILE FISSO CICLISMO CRICKET DAMA DANZA SPORTIVA GINNASTICA AEROBICA GINNASTICA GIOCHI E SPORT TRADIZIONALI GOLF HOCKEY GHIACCIO HOCKEY PISTA HOCKEY PRATO JUDO KARATE KARTING LOTTA MOTONAUTICA MOTONAUTICA RADIOCOMAN. NUOTO NUOTO PINNATO NUOTO SALVAMENTO PALLACANESTRO PALLAMANO PALLAPUGNO PALLATAMBURELLO PALLAVOLO PATTINAGGIO CORSA PATTINAGGIO GHIACCIO PENTATHLON MODERNO PESCA SPORTIVA PESI PUGILATO EDUCATIVO RUGBY SCACCHI SCHERMA SCI ALPINO SCI DI FONDO SCI NAUTICO SNOW BOARD SOFTBALL misto / BASEBALL SPORT EQUESTRI SQUASH TAEKWONDO TENNIS TENNISTAVOLO TIRO A SEGNO TIRO A VOLO TIRO CON L'ARCO TRIATHLON TWIRLING VELA WUSHU KUNG FU SPORT DISABILI Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 9

10 ATLETICA LEGGERA Corsa campestre Partecipanti Il numero dei partecipanti per ogni squadra è stabilito da ogni singola commissione organizzatrice. I percorsi devono essere pianeggianti, ricavati su fondo naturale con piccoli ostacoli facilmente prevedibili. E necessario che il terreno presenti un ampio spazio per la partenza in linea. Anche in prossimità del traguardo il terreno deve essere sufficientemente ampio in modo da consentire l eventuale arrivo contemporaneo di più concorrenti. Distanze gara: Categoria Maschile Femminile Allievi da 3200 a 4000 Mt da 2000 a 3000 Mt Juniores Mt circa Mt 3000 circa Punteggi In tutte le fasi sarà attribuito ai partecipanti di squadra il punteggio corrispondente alla classifica individuale di appartenenza, come segue: 1 punto al primo, 2 al secondo, 3 al terzo, fino all'ultimo regolarmente punteggiato. Un componente la squadra classificata nella fase precedente, che si ritira o che viene squalificato prende tanti punti quanti sono il numero dei partecipanti di squadra ammessi alla manifestazione più uno. La squadra vincitrice risulterà quella che avrà sommato il minor punteggio dei suoi quattro concorrenti meglio classificati. In caso di parità fra 2 o più rappresentative, prevarrà quella che avrà ottenuto i migliori piazzamenti. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 10

11 ATLETICA LEGGERA Attività su pista Programma Tecnico categorie Allievi e Juniores - Pista Maschile: m. 100 m. 110 hs (10 hs h. 91 m. 13,72 9x9,14 14,02) m m salto in alto salto in lungo getto del peso di kg. 5 (juniores kg 6) lancio del disco da kg. 1,5 staffetta 4x100 m. - Pista Femminile: m. 100 m. 100 hs (10 hs h. 76 m. 13,00 9x8,00 15,00) - m. 300 m salto in alto salto in lungo getto del peso di kg. 3 lancio del disco da kg. 1 staffetta 4x100 m. Qualora sul territorio ne esistano le possibilità, e su delibera delle competenti commissioni, potranno essere previste manifestazioni per gruppi di scuole o per classi. A titolo esemplificativo si ricorda che possono essere svolte gare per classi per le sole corse (anche su strada), per i lanci, per i salti o per le staffette. Fino alla fase regionale inclusa potranno essere inoltre previste le seguenti gare: Marcia maschile km 4 - femminile km 3 Biathlon (corsa + salto // corsa + lancio // salto + lancio) Si ricorda inoltre che, sia per le scuole di istruzione secondaria di primo grado che per le scuole di istruzione secondaria di secondo grado, le competenti commissioni organizzatrici stabiliscono, le modalità di accesso alle fasi successive degli atleti individualisti. Rappresentativa di Istituto Fino alla finale regionale compresa il numero di atleti che ogni scuola potrà iscrivere alle varie gare in programma viene stabilita dalla competente commissione; La Rappresentativa deve partecipare a tutte le gare previste dal programma tecnico con i propri alunni. Ogni alunno potrà prendere ad una sola gara più la staffetta 4x100. La staffetta 4x100 è composta da 4 alunni della squadra ad eccezione del concorrente dei m Verrà redatta una classifica individuale per ogni specialità. A tutti i partecipanti di squadra verrà attribuito il punteggio corrispondente alla classifica individuale di appartenenza come segue: 1 punto al 1, 2 al 2, 3 al 3, fino all ultimo regolarmente arrivato; ai ritirati e agli eventuali squalificati si assegnano tanti punti quanti sono gli ammessi di squadra più uno; ai non partiti si assegnano tanti punti quanti sono gli ammessi di squadra più 2. Nel caso in cui un atleta acquisisce il diritto a partecipare ad una finale (distrettuale, comunale, provinciale, regionale o nazionale) e durante lo svolgimento della stessa commette nei concorsi tre nulli IN APERTURA, gli viene attribuito l ultimo posto in classifica senza l aggravio di un punto supplementare. Calcolo delle Classifiche Ai fini del calcolo della classifica finale a squadre saranno presi in considerazione i migliori 8 risultati ottenuti in specialità diverse da studenti appartenenti alla stessa scuola (con la possibilità cioè di poter scartare il punteggio peggiore). In caso di parità fra 2 o più rappresentative prevarrà quella che avrà ottenuto i migliori piazzamenti. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 11

12 GINNASTICA e GINNASTICA AEROBICA I regolamenti della Ginnastica, data la loro voluminosità, sono allegati alla fine della presente nota. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 12

13 NUOTO Rappresentativa d istituto La composizione della Rappresentative di Istituto è stabilita dalla competente commissione organizzatrice. Successivamente alla fase provinciale ogni rappresentativa sarà composta da 6 alunni. Programma tecnico Maschile e Femminile 50 metri Dorso, 50 metri Rana, 50 metri Farfalla, 50 metri Stile Libero Staffetta 4x50 Mista ( quattro Stili ), Staffetta 6x50 stile libero. La partecipazione delle rappresentative scolastiche alle fasi seguenti quella di istituto viene stabilita dalla Commissione competente. Tutti gli alunni componenti la rappresentativa d istituto potranno essere iscritti ad una sola gare individuale e alle due staffette. Ogni istituto potrà iscrivere non più di due allievi alle gare individuali. Impianti e attrezzature Le gare si disputeranno in impianti idonei. A tutti i partecipanti verrà attribuito il punteggio corrispondente alla classifica individuale di specialità come segue: un punto al primo, due punti al secondo, tre punti al terzo fino all ultimo regolarmente arrivato. Ai fini del calcolo della classifica finale a squadre (nella gara dove risulteranno iscritti due atleti dello stesso istituto) sarà preso in considerazione il miglior risultato conseguito da uno dei due componenti la rappresentativa. Al secondo partecipante dell istituto alla medesima gara non verrà attribuito alcun punteggio e si procederà senza considerare la sua presenza. Gli atleti non partiti, i ritirati e agli eventuali squalificati si vedranno assegnare tanti punti quanti sono gli iscritti di squadra più uno. Entrambe le staffette porteranno punteggio come già spiegato per le gare individuali. Risulterà vincente la rappresentativa che avrà totalizzato il minor punteggio. In caso di parità tra rappresentative prevarrà quella che avrà ottenuto i miglior piazzamenti.nel caso che perduri la situazione di parità si procederà prendendo in considerazione i risultati cronometrici ottenuti in primo luogo nella staffetta 4x50 mista e successivamente (qualora perduri la situazione di parità) nella staffetta 6x50 stile libero. NUOTO PINNATO Programma Tecnico e distanze Nuoto Pinnato Velocità Maschile e femminile. Stile pinne: 50 metri e staffetta 4 x 50 Stile Nuoto Pinnato: 50 metri e staffetta 4 x 50 Rappresentativa di Istituto A partire dalla fase provinciale la rappresentativa sarà composta da 16 alunni, 8 maschi e 8 femmine, con obbligo di iscrizione di 4 atleti per ogni distanza. Le gare si disputeranno in piscina (25 o 50 metri). Le attrezzature previste per lo stile pinne sono: pinne in gomma o derivati di essa di produzione industriale aventi misura fuori tutto di cm. 65. Le attrezzature previste per lo stile nuoto pinnato sono libere: pinne o monopinne di qualsiasi materiale o dimensioni. A tutti i partecipanti verrà attribuito il punteggio corrispondente alla classifica individuale di appartenenza come segue: 1 punto al 1 classificato, 2 punti al 2, 3 al 3, fino all ultimo regolarmente arrivato. Ai ritirati, ai non partiti, agli eventuali squalificati si assegnerà un punto in più dell ultimo classificato. Ai fini della classifica finale a squadre si terrà conto il miglior risultato ottenuto dalle due staffette e i migliori 2 risultati ottenuti in ciascuna delle gare individuali. Risulterà vincente la rappresentativa d Istituto che avrà totalizzato il minor punteggio. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 13

14 In caso di parità fra 2 o più rappresentative prevarrà quella che avrà ottenuto i migliori piazzamenti. In caso la parità dovesse persistere prevarrà la rappresentativa che avrà ottenuto il miglior piazzamento nella staffetta 4 x 50 stile nuoto pinnato. Abbigliamento Costume, ciabatte, cuffia ed occhialini. NUOTO SALVAMENTO Programma Tecnico 50 mt stile libero e sottopassaggi 50 mt stile libero con pinne e sottopassaggi 50 mt trasporto del sacchetto (5 kg) staffetta 4x50 stile libero con sottopassaggi Rappresentativa d istituto La composizione della rappresentativa di Istituto è stabilita dalla competente commissione organizzatrice. Successivamente alla fase provinciale la rappresentativa sarà composta da 4 alunni (4M o 4F) La partecipazione delle Rappresentative scolastiche alle fasi seguenti quella d Istituto viene stabilita dalla Commissione competente. Le gare si disputeranno in impianti idonei. Regole di base Trasporto del sacchetto Dopo la partenza, il concorrente si tuffa in acqua, nuota mt. 25 a stile libero e recupera il sacchetto affondato, alla profondità di cm. 50. il sacchetto, durante il trasporto, rimane sommerso. La presa è libera, nuotata a dorso o sul fianco. L attrezzo è costituita da un sacchetto di tela, riempito di ghiaia, del peso di Kg. 5, collegato, attraverso una sagola di cm. 50, ad una boetta. Non sono previste penalità per la gara di trasporto del sacchetto. Nuoto con sottopassaggi: gli ostacoli saranno realizzati con la classica struttura. (pannelli verticali dell altezza di cm. 70 della lunghezza della corsia). In alternativa si potranno realizzare dei sottopassaggi orizzontali di larghezza non superiore ai 2 mt. Utilizzando ad esempio: teli, fasce, nastri corsie disposte trasversalmente. Dopo un segnale acustico, il concorrente si tuffa in acqua e nuota a stile libero. Il concorrente deve riemergere dopo il tuffo di partenza e dopo essere passato sotto ciascun ostacolo. Il concorrente può darsi la spinta sul fondo della piscina, quando riemerge da ciascun sottopassaggio. Non sono previste penalità. A tutti i partecipanti verrà attribuito il punteggio corrispondente alla classifica individuale di appartenenza per ciascuna prova come segue: 1 punto al 1, 2 al 2, 3 al 3, fino all ultimo regolarmente arrivato. Ai ritirati, ai non partiti, agli eventuali squalificati si assegnano tanti punti quante sono gli ammessi di squadra più uno. Ai fini del calcolo della classifica finale individuale si sommeranno i punteggi acquisiti nelle singole prove. Risulterà vincente la rappresentativa d istituto che avrà totalizzato il minor punteggio. Per la classifica a squadra verranno sommati i punteggi dei quattro componenti la medesima rappresentativa e i punteggi della staffetta, vincerà la rappresentativa che avrà totalizzato il minor punteggio. In caso di parità fra 2 o più rappresentative, prevarrà quella che avrà ottenuto, i migliori piazzamenti. Nel caso la parità dovesse persistere passerà il turno la rappresentativa più giovane. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 14

15 Programma tecnico Gara di slalom gigante maschile e femminile. SCI ALPINO La partecipazione delle Rappresentative scolastiche e il numero degli studenti che ogni singola istituzione scolastica potrà iscrivere alle singole gare in programma viene stabilita dalla Commissione competente. Rappresentativa d istituto La Rappresentativa d Istituto, maschile e femminile, è composta da 3 alunni/e. Impianti e attrezzature Sono utilizzati impianti ed attrezzature regolarmente omologati secondo le norme tecniche federali per le specifiche categorie. Per la gara di gigante è previsto un dislivello di mt.250/350, il numero delle porte (cambi di direzione) deve essere compreso fra il 11% e il 15% del dislivello del percorso. Si ricorda l obbligatorietà dell uso del casco omologato da certificazione europea EN1077 rilasciato da Ente autorizzato, mentre è consigliato l uso del paraschiena. Al termine di ogni gara verrà stilata una classifica individuale. Ai partecipanti di squadra vengono riconosciuti i seguenti punteggi secondo l'ordine d'arrivo: 1 punto al 1, 2 punti al 2, 3 al 3, 4 al 4, 5 al 5 e così via fino all'ultimo regolarmente arrivato. Ai ritirati, agli eventuali squalificati si assegnano tanti punti quanti sono ammessi di squadra più uno. La classifica di squadra si ottiene sommando i migliori tre piazzamenti dei componenti la Rappresentativa d Istituto. La squadra vincitrice risulterà quella che avrà sommato il minor punteggio. In caso di parità fra 2 o più Rappresentative, prevarrà quella che avrà ottenuto, i migliori piazzamenti. SCI NORDICO Programma tecnico Gara di fondo maschile e femminile tecnica libera. Partecipazioni La partecipazione delle Rappresentative scolastiche e il numero degli studenti che ogni singola istituzione scolastica potrà iscrivere alle singole gare in programma viene stabilita dalla Commissione competente. Rappresentativa d istituto La Rappresentativa d Istituto, maschile e femminile, è composta da 3 alunni/e. Impianti e attrezzature Sono utilizzati impianti ed attrezzature regolarmente omologati secondo le norme tecniche federali. Per la gara individuale di fondo maschile la lunghezza del percorso è di Km. 7,5 con un dislivello totale di tutte le salite di m. 150/250 mentre il dislivello per la massima salita è di m.60. Per la gara individuale di fondo femminile la lunghezza del percorso è di Km. 5 con un dislivello totale di tutte le salite di m. 100/150 mentre il dislivello per la massima salita è di m.40. Per la gara di staffetta maschile (3 concorrenti) la lunghezza del percorso è di Km. 7,5 con un dislivello totale di tutte le salite di m. 150/250 mentre il dislivello per la massima salita è di m.60. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 15

16 Per la gara di staffetta femminile (3 concorrenti) la lunghezza del percorso è di Km. 5 con un dislivello totale di tutte le salite di m. 100/150 mentre il dislivello per la massima salita è di m.40. Al termine di ogni gara verrà stilata una classifica individuale. Ai partecipanti di squadra vengono riconosciuti i seguenti punteggi secondo l'ordine d'arrivo: 1 punto al 1, 2 punti al 2, 3 al 3, 4 al 4, 5 al 5 e così via fino all'ultimo regolarmente arrivato. Ai ritirati, agli eventuali squalificati si assegnano tanti punti quanti sono ammessi di squadra più uno. La classifica di squadra si ottiene sommando i punteggi delle classifiche individuali dei tre migliori prestazioni ottenute dai componenti la Rappresentativa d Istituto. La squadra vincitrice risulterà quella che avrà sommato il minor punteggio. In caso di parità fra 2 o più Rappresentative, prevarrà quella che avrà ottenuto, nell ordine, i migliori piazzamenti. Programma tecnico Gara di slalom gigante maschile Gara di slalom gigante femminile. SNOWBOARD La partecipazione delle Rappresentative scolastiche alle fasi seguenti quella d'istituto viene stabilita dalla Commissione competente. Rappresentativa d istituto La Rappresentativa d Istituto maschile è composta da 2 alunni. La Rappresentativa d Istituto femminile è composta da 2 alunne. Impianti e attrezzature Sono utilizzati impianti ed attrezzature regolarmente omologati secondo le norme tecniche federali per le specifiche categorie. Si ricorda l obbligatorietà dell uso del casco omologato da certificazione europea EN1077 rilasciato da Ente autorizzato, e del paraschiena. Al termine di ogni gara verrà stilata una classifica maschile ed una femminile. Ai partecipanti vengono riconosciuti i seguenti punteggi secondo l'ordine d'arrivo: 1 punto al 1, 2 punti al 2, 3 al 3, 4 al 4, 5 al 5 e così via fino all'ultimo regolarmente arrivato. Ai ritirati, agli eventuali squalificati si assegnano tanti punti quanti sono ammessi di squadra più uno. La classifica di squadra si ottiene sommando i punteggi ottenute dai componenti la Rappresentativa d Istituto. La squadra vincitrice risulterà quella che avrà sommato il minor punteggio. In caso di parità fra 2 o più Rappresentative, prevarrà quella che avrà ottenuto i migliori piazzamenti. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 16

17 Programma tecnico Tornei a squadre di calcio a 11 maschili e femminili. CALCIO a 11 Composizione delle squadre Calcio a 11: squadre composte da 14 giocatori/trici, di cui 10 scendono in campo ed uno in porta. Tempi di gioco Calcio a 11 maschile: 4 tempi di 20 minuti senza intervallo fra 1 e 2 e fra 3 e 4. Nel 1 tempo di gioco non sono ammesse sostituzioni se non in caso di infortunio. All inizio del 2 tempo il Direttore di gara dovrà verificare che tutte le atlete di riserva siano immesse per disputare il 2 tempo di gioco per intero (senza possibilità cioè di essere sostituite, fatti salvi i casi di infortunio). Nel 3 e 4 tempo di gioco sono ammessi i cambi liberi. Tra il 2 e 3 tempo di gioco si effettuerà un intervallo di 5 minuti con inversione di campo. Calcio a 11 femminile: 4 tempi di 15 minuti senza intervallo fra 1 e 2 e fra 3 e 4. Nel 1 tempo di gioco non sono ammesse sostituzioni se non in caso di infortunio. All inizio del 2 tempo il Direttore di gara dovrà verificare che tutte le atlete di riserva siano immesse per disputare il 2 tempo di gioco per intero (senza possibilità cioè di essere sostituite, fatti salvi i casi di infortunio). Tra il 2 e 3 tempo di gioco si effettuerà un intervallo di 5 minuti con inversione di campo. Calcio a 11: Si gioca su campi di calcio o in spazi adattabili. Maschile: si gioca con il pallone n. 5. Femminile: si gioca con il pallone n. 4. Regole di base I giocatori di riserva possono essere immessi quali sostituti nel 3 e 4 tempo di gioco e in qualsiasi ruolo. Nel 1 e 2 tempo di gioco sono ammessi cambi solo in caso di infortunio. Chi esce può rientrare. Sono ammessi cambi liberi. Fatti salvi i casi di infortunio, alla fine dell incontro tutti i giocatori devono aver giocato, in caso contrario la partita verrà data persa. Abbigliamento Il portiere deve indossare una maglia di colore diverso da quello dei compagni di squadra. Il giocatore non deve indossare alcun oggetto che sia pericoloso per gli altri giocatori (catenelle, braccialetti, anelli, orologi, ecc.). E obbligatorio l uso dei parastinchi. Nei tornei con formula di girone all italiana, in caso di parità di punti, la squadra che passa al turno successivo è determinata nell ordine dai seguenti criteri: - risultati conseguiti negli incontri diretti; - differenza reti; - maggior numero di reti realizzate; - dalla minore età media dei giocatori; - dal sorteggio. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 17

18 Norme comuni M.P.I. C.O.N.I. CALCIO A 5 Maschile e Femminile Abbigliamento Il portiere deve indossare una maglia di colore diverso da quello dei compagni di squadra. Il giocatore non deve indossare alcun oggetto che sia pericoloso per gli altri giocatori (catenelle, braccialetti, anelli, orologi, ecc.). Sono consentite soltanto calzature tipo scarpe da ginnastica, scarpe di tela con suole in gomma o altro materiale similare. E obbligatorio l uso dei parastinchi. Nei tornei con formula di girone all italiana, in caso di parità di punti, la squadra che passa al turno successivo è determinata nell ordine dai seguenti criteri: - risultati conseguiti negli incontri diretti; - differenza reti; - maggior numero di reti realizzate; - dalla minore età media dei giocatori; - dal sorteggio. Ogni vittoria vale in classifica punti 3, ogni pareggio punti 1, ogni sconfitta punti 0. Composizione delle squadre Squadre composte da 8 giocatori/trici, di cui 4 scendono in campo ed uno in porta. Tempi di gioco 4 tempi di 10 minuti senza intervallo fra 1 e 2 e fra 3 e 4. Nel 1 tempo di gioco non sono ammesse sostituzioni se non in caso di infortunio. All inizio del 2 tempo il Direttore di gara dovrà verificare che tutte le atlete di riserva siano immesse per disputare il 2 tempo di gioco per intero (senza possibilità cioè di essere sostituite, fatti salvi i casi di infortunio). Nel 3 e 4 tempo di gioco sono ammessi i cambi liberi. Tra il 2 e 3 tempo di gioco si effettuerà un intervallo di 5 minuti con inversione di campo. Il campo di gioco ha le seguenti misure lunghezza max mt. 42 min 25; larghezza max mt. 25 min 15. E ammessa la disputa degli incontri in palestre o altri spazi adattabili. Misure della porta altezza mt. 2, larghezza mt. 3. Le porte devono essere fissate al terreno. Regole di base Si gioca con un pallone di circonferenza massima di 64 cm minima 62 cm e del peso che varia da 390 a 430 grammi. I giocatori di riserva possono essere immessi quali sostituti nel 3 e 4 tempo di gioco e in qualsiasi ruolo. Nel 1 e 2 tempo di gioco sono ammessi cambi solo in caso di infortunio. Sono ammessi cambi liberi. Chi esce può rientrare. Non esiste fuorigioco. Le due squadre hanno la possibilità di richiedere un minuto di time-out per ogni tempo di gioco. Fatti salvi i casi di infortunio, al termine della gara tutti devono aver giocato almeno un tempo, in caso contrario la partita verrà data persa. Per quanto no specificato nel presente regolamento si fa riferimento al regolamento tecnico federale. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 18

19 PALLACANESTRO Composizione delle squadre Ogni squadra, maschile e femminile, potrà iscrivere a referto in ogni gara 12 giocatori/trici di cui scendono 5 in campo. Non sono ammesse squadre con un numero di 8 giocatori/trici. Nel caso in cui una squadra si presenti con meno di 8 giocatori, la gara non verrà effettuata e la squadra in difetto avrà partita persa 30-0 ed un punto in meno in classifica. Alle semifinali ed alle finali nazionali non saranno ammesse squadre incomplete (12 giocatori). Tempi di gioco Incontri di 4 tempi da 10 minuti effettivi ciascuno, con intervalli di 2 tra il primo ed il secondo tempo e tra il terzo e il quarto tempo, mentre tra il secondo ed il terzo tempo si osserva un intervallo di 10. I campi i canestri ed i palloni sono di tipo regolamentare. Regole di base Può essere chiesta una sospensione di 1 minuto per ogni squadra e per ogni tempo di gioco e 2 minuti nell ultimo tempo di gioco. Le sospensioni non sono cumulabili. Il bonus dei falli è fissato a 4 per ogni tempo. Si applica la regola dei 24 con azzeramento del tempo ad ogni azione. Rimangono vigenti tutte le altre regole a tempo (3, 5, 8 ) e l infrazione di metà campo. Si può attuare qualsiasi tipo di difesa (individuale, zona, zona-press, ecc.) Norme particolari Sanzioni Non sono ammesse squadre con un numero inferiore ad 8 giocatori/trici. Nel caso in cui una squadra si presenti con meno di 8 giocatori/trici, la gara non verrà effettuata e la squadra in difetto avrà partita persa per 30-0 ed un punto in meno in classifica, qualora si tratti di un torneo con formula di girone all italiana. Nel caso di parità al termine dei tempi regolamentari, si svolgerà un tempo supplementare di 5 minuti ed in caso di ulteriore parità si procederà con i tempi supplementari ad oltranza, fino a quando non si sblocchi la parità. Nei tornei con formula di girone all italiana, in caso di parità, la squadra che passa al turno successivo è determinata nell ordine dai seguenti criteri: 1) risultati conseguiti negli incontri diretti; 2) quoziente canestri risultante da detti incontri; 3) quoziente canestri risultante da tutti gli incontri sostenuti; 4) dal maggior numeri di canestri realizzati dalla squadra. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 19

20 PALLAVOLO Composizione delle squadre Ogni squadra è composta da un massimo di 12 giocatori con la presenza in campo, in ogni circostanza, di 6 giocatori. Non saranno ammesse alla disputa dell incontro squadre con meno di 8 giocatori. Impianti e attrezzature Il campo misura m. 9 di larghezza e m. 18 di lunghezza e la rete deve essere posta alle seguenti altezze: cat. Allievi: mt. 2,35 - cat. Allieve: mt. 2,24 Cat. Jun/Maschile: mt Cat. Jun/Femminile: mt. 2,24 E consentito l uso di vari tipi di pallone, in pelle o in materiale sintetico, purché vengano rispettate le seguenti dimensioni: circonferenza da cm 62 a cm 67, peso da gr. 220 a gr Regole di gioco Tutti gli incontri si disputano su 3 set obbligatori (giocati con il Rally Point System ). Il terzo set prevede sia la ripetizione del sorteggio che il cambio del campo al 13 punto. Ogni set vinto vale un punto. Gli incontri ad eliminazione diretta e/o con formule a concentramento si disputano al meglio dei 2 set su 3, giocati con il Rally point system (il 3 set a 15 con cambio di campo a 8 punti) Rally point system : per ogni azione viene assegnato un punto, sia che vinca la squadra al servizio che quella in ricezione. In questo secondo caso, oltre a conquistare il punto, la squadra acquisisce anche il diritto a servire, ruotando di una posizione in senso orario. Ciascun set termina quando la squadra ha raggiunto 25 punti con un minimo di 2 punti di vantaggio sulla squadra avversaria. La palla può colpire ogni parte del corpo del giocatore. Quando la palla di servizio tocca la rete, ma passa comunque nel campo avverso, l azione continua. Sono ammesse 6 sostituzioni per ogni squadra ad ogni set. L uso del giocatore libero è consentito esclusivamente per le categorie Juniores Maschile e Juniores femminile. L allenatore può dare istruzioni di gioco agli atleti stando in piedi o muovendosi nella zona libera davanti alla propria panchina, dal prolungamento della linea di attacco all area di riscaldamento, senza disturbare o ritardare il gioco. Nel caso in cui due o più squadre risultino alla pari, la graduatoria viene stabilita, in ordine prioritario: 1. in base al maggior numero di gare vinte 2. in base al miglior quoziente set 3. in base al miglior quoziente punti 4. risultato degli incontri diretti tra le squadre a pari punti RIFERIMENTO: Per quanto non previsto nel presente regolamento, vige il regolamento tecnico della FIPAV. Su proposta della competente Federazione Nazionale, ogni Commissione Organizzatrice potrà attivare, fino alla fase provinciale inclusa ed in collaborazione con i locali comitati FIPAV, tornei di Beach Volley (Beach nd school) riservati a agli studenti degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado. Giochi Sportivi Studenteschi Indicazioni tecnico-organizzative 2 grado 20

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per lo studente

Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per lo studente Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per lo studente GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI DELLE SCUOLE DI PRIMO E DI SECONDO GRADO ANNO SCOLASTICO 2007-2008 Indicazioni tecnico-organizzative I Giochi

Dettagli

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO A.S. 2009/2010. Progetto Tecnico

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO A.S. 2009/2010. Progetto Tecnico GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO A.S. 2009/2010 Progetto Tecnico I Giochi Sportivi Studenteschi (GSS) sono promossi ed organizzati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Prot. n. 1461 Modena, 27.02.2014

Prot. n. 1461 Modena, 27.02.2014 Prot. n. 1461 Modena, 27.02.2014 - Ai Dirigenti delle Scuole Secondarie di 1 Grado Statali e non Statali interessate - Al Comitato Provinciale C.O.N.I. - Al Comitato Provinciale F.I.P.A.V. OGGETTO :Campionati

Dettagli

Prot. AOOUSPPZ/1501 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n.

Prot. AOOUSPPZ/1501 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ufficio II Ambito Territoriale per la Provincia di Potenza Prot. AOOUSPPZ/1501 Potenza, 08 Aprile

Dettagli

SCHEDE TECNICHE INDICE

SCHEDE TECNICHE INDICE Giochi Sportivi Studenteschi 2006/ 2007 SCHEDE TECNICHE INDICE ARGOMENTO/DISCIPLINA 1 grado pagina 2 grado pagina ARGOMENTO/DISCIPLINA 1 grado pagina 2 grado pagina INDICE 2 HOCKEY PISTA 33 NORME GENERALI

Dettagli

INDICE 1 grado pagina

INDICE 1 grado pagina INDICE DISCIPLINA 1 grado pagina 2 grado pagina DISCIPLINA 1 grado pagina 2 grado pagina INDICE 2 65 HOCKEY PRATO 94 NORME GENERALI 66 JUDO 95 ATLETICA CAMPESTRE 68 KARATE 96 ATLETICA PISTA 69 LOTTA 96

Dettagli

Attività di avviamento alla pratica sportiva e Giochi Sportivi Studenteschi. Progetto Tecnico a.s. 2011/2012

Attività di avviamento alla pratica sportiva e Giochi Sportivi Studenteschi. Progetto Tecnico a.s. 2011/2012 Attività di avviamento alla pratica sportiva e Giochi Sportivi Studenteschi Progetto Tecnico a.s. 2011/2012 Scuole del Primo ciclo di Istruzione(secondarie di primo grado) Scuole del Secondo Ciclo di Istruzione

Dettagli

Manifestazione Nazionale Giochi Sportivi Studenteschi - Sport Invernali 2008/2009

Manifestazione Nazionale Giochi Sportivi Studenteschi - Sport Invernali 2008/2009 Manifestazione Nazionale Giochi Sportivi Studenteschi - Sport Invernali 2008/2009 Il Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale per lo Studente l Integrazione, la Partecipazione

Dettagli

Prot. AOOUSPPZ/1504 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n. Educ. Fisica e sportiva

Prot. AOOUSPPZ/1504 Potenza, 08 Aprile 2013 Allegati n. Educ. Fisica e sportiva Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ufficio II Ambito Territoriale per la Provincia di Potenza Prot. AOOUSPPZ/1504 Potenza, 08 Aprile

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per lo Studente, L Integrazione,la e la Comunicazione Ufficio V Prot. n. 0000316 Roma, 20 gennaio

Dettagli

Direzione generale per lo studente

Direzione generale per lo studente Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per lo studente Prot. n. 5090/A0 Roma, 13 ottobre 2006 AI Direttori Generali capi degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico

Dettagli

Oggetto: Giochi Sportivi Studenteschi 2002 03 Sport Disabili : proroga termini per le adesioni.

Oggetto: Giochi Sportivi Studenteschi 2002 03 Sport Disabili : proroga termini per le adesioni. Prot. 1651/p 21.2.2003 TORINO, Circ. Reg. Nr. 54 AI DIRIGENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 E 2 GRADO DEL PIEMONTE LORO SEDI AGLI INSEGNANTI DI EF E DI SOSTEGNO p.c. Ai Dirigenti dei C.S.A. del Piemonte

Dettagli

CAMPIONATI STUDENTESCHI SUPERCLASSE CUP

CAMPIONATI STUDENTESCHI SUPERCLASSE CUP CAMPIONATI STUDENTESCHI SUPERCLASSE CUP A seguito della collaborazione tra la Federazione Italiana Giuoco Calcio - Settore Giovanile e Scolastico e il Ministero dell Istruzione, dell Università e della

Dettagli

CENT RO SPORT IVO IT AL IANO. Comitato provinciale di Macerata. Giocare per credere. Comunicato. Ufficiale n. 2. Sport&Go

CENT RO SPORT IVO IT AL IANO. Comitato provinciale di Macerata. Giocare per credere. Comunicato. Ufficiale n. 2. Sport&Go Comunicato Ufficiale n. 2 Sport&Go Affisso all albo il 15 ottobre 2015 V. le G. Matteotti,92 62012 Civitanova M. Cell: 3297065661 e-mail: civitanova@csimacerata.it Comunicato Ufficiale n. 2 Sport&Go Campionati

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2001 / 2002 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado INDICE 86 FIGURA CALCIO A 5 67 PATTINAGGIO GHIACCIO

Giochi Sportivi Studenteschi 2001 / 2002 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado INDICE 86 FIGURA CALCIO A 5 67 PATTINAGGIO GHIACCIO INDICE DISCIPLINA 1 grado 2 grado DISCIPLINA pagina pagina INDICE 54 CICLISMO 1 grado pagina NORME GENERALI 55 DAMA 81 ATL. CAMPESTRE 58 GOLF ATL. PISTA 59 HOCKEY GHIACCIO 82 NUOTO 60 HOCKEY PISTA 83 GINNASTICA

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2003/ 2004 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado INDICE

Giochi Sportivi Studenteschi 2003/ 2004 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado INDICE INDICE DISCIPLINA 1 grado 2 grado DISCIPLINA 1 grado 2 grado pagina pagina pagina pagina INDICE 2 51 CANOTTAGGIO 78 NORME GENERALI 52 CICLISMO 79 ATLETICA CAMPESTRE 54 DAMA 79 ATLETICA PISTA 55 GOLF 80

Dettagli

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Anno Scolastico 2013-2014

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Anno Scolastico 2013-2014 AI DIRIGENTI SCOLASTICI DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO INTERESSATI LORO SEDI AL COMITATO PROVINCIALE C.O.N.I. - SASSARI AL COMITATO PROVINCIALE F.I.G.C. Oggetto: GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI

Dettagli

MIUR.AOOUSPBN.REGISTRO UFFICIALE(U).0000761.24-02-2016

MIUR.AOOUSPBN.REGISTRO UFFICIALE(U).0000761.24-02-2016 MIUR.OOUSPN.REGISTRO UFFICILE(U).0000761.24-02-2016 i Dirigenti Scolastici Istituti di 2^ Grado Oggetto: GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI DI CLCIO 5 MSCHILE 2015/16. L Organismo Provinciale per lo Sport a

Dettagli

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato

Campionato Provinciale di Pallacanestro maschile come appresso indicato e secondo i concentramenti ed il calendario allegato Prot. n 2692/14 Cosenza, lì 10/04/2014 Coordinamento e.m.f.s. Ai Sigg. Dirigenti Scolastici Scuole Secondarie 1 Grado Interessati LORO SEDI e.p.c. Al Comitato Provinciale F.I.P. Cosenza Al Delegato Provinciale

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi Finali Nazionali Istituzioni scolastiche secondarie di PRIMO grado Individuali e Squadra

Giochi Sportivi Studenteschi Finali Nazionali Istituzioni scolastiche secondarie di PRIMO grado Individuali e Squadra Giochi Sportivi Studenteschi Finali Nazionali Istituzioni scolastiche secondarie di PRIMO grado Individuali e Squadra NORME COMUNI Le finali nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi delle discipline

Dettagli

Al C.O.N.I. - Comitato Provinciale Potenza Via Appia, 208 Potenza - potenza@coni.it

Al C.O.N.I. - Comitato Provinciale Potenza Via Appia, 208 Potenza - potenza@coni.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Ufficio II - Ambito Territoriale per la Provincia di Potenza - Coordinamento per l Educazione Fisica

Dettagli

OGGETTO: Finale regionale GSS Scacchi 2010/2011.

OGGETTO: Finale regionale GSS Scacchi 2010/2011. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio X - Ambito territoriale per la provincia di Roma Coordinamento di Educazione Motoria Fisica

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2003/ 2004 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado SCHEDE TECNICHE 2 GRADO A. S.

Giochi Sportivi Studenteschi 2003/ 2004 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado SCHEDE TECNICHE 2 GRADO A. S. SCHEDE TECNICHE 2 GRADO A. S. 2003/2004 INDICE DISCIPLINA 1 grado 2 grado DISCIPLINA 1 grado 2 grado pagina pagina pagina pagina INDICE 2 51 CANOTTAGGIO 78 NORME GENERALI 52 CICLISMO 79 ATLETICA CAMPESTRE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per lo studente Ufficio V Prot. n. 4620/A5 Roma, 3 novembre 2004 Ai Direttori Generali Regionali

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE I campi sottolineati sono obbligatori SEZIONE 1: INDIRIZZO E CONTATTI 1.1 - Denominazione Associazione/Cooperativa. 1.2 - Tipologia Associazione Sportiva Dilettantistica con personalità giuridica Associazione

Dettagli

AI DIRIGENTI SCOLASTICI DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 e 2 GRADO STATALI E NON STATALI TORINO E PROVINCIA

AI DIRIGENTI SCOLASTICI DEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 e 2 GRADO STATALI E NON STATALI TORINO E PROVINCIA UFFICIO EDUCAZIONE FISICA DI TORINO uef.to@usrpiemonte.it Via Coazze, 18 10138 Torino Tel. 011 4404388 Fax 0114330465 Prot. n. 777/P/C32 Torino, 27 gennaio 2011 Circ. n. 55 AI DIRIGENTI SCOLASTICI DEGLI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

AOODRLA Reg.Uff. Prot. 10659 Roma, 12 aprile 2012

AOODRLA Reg.Uff. Prot. 10659 Roma, 12 aprile 2012 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

ALUNNI CON DISABILITÀ

ALUNNI CON DISABILITÀ ATLETICA LEGGERA Corsa campestre Partecipanti Il numero dei partecipanti per ogni squadra è stabilito da ogni singola commissione organizzatrice. Impianti ed attrezzature I percorsi devono essere pianeggianti,

Dettagli

C.O.R. Organigramma Commissione Organizzatrice Regionale - Equipé Tecnica

C.O.R. Organigramma Commissione Organizzatrice Regionale - Equipé Tecnica Ufficio II - Bari, 28.08.2009 Prot. 7240 Attività Sportiva Scolastica 2009/ 10 E.mail: marino.pellico.ba@istruzione.it Sito web: www.uspbari.net Ai Dirigenti U.S.P. delle Province Ai Coordinatori di Ed.

Dettagli

OGGETTO: G.S.S. - Atletica Leggera su pista.

OGGETTO: G.S.S. - Atletica Leggera su pista. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio X - Ambito territoriale per la provincia di Roma Coordinamento di Educazione Motoria Fisica

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi. Finali Nazionali Istituzioni scolastiche secondarie di SECONDO grado

Giochi Sportivi Studenteschi. Finali Nazionali Istituzioni scolastiche secondarie di SECONDO grado Giochi Sportivi Studenteschi Finali Nazionali Istituzioni scolastiche secondarie di SECONDO grado Individuali e Squadra LIGNANO SABBIADORO (UD) INDICAZIONI GENERALI Partecipano alle finali nazionali per

Dettagli

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013

NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 NORME ATTIVITA' PROMOZIONALE 2013 ESORDIENTI M/F (6-11 anni) NORME GENERALI Gli Esordienti sono suddivisi in tre fasce d età secondo il seguente schema: Esordienti C 6-7 anni (nati negli anni 2007-2006)

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici Scuole Primarie e Secondarie di primo grado

Ai Dirigenti Scolastici Scuole Primarie e Secondarie di primo grado Milano, luglio 2015 Ai Dirigenti Scolastici Scuole Primarie e Secondarie di primo grado di Milano e Provincia Cortese Dirigente, sono lieto di inviarle il progetto LA PALLAVOLO VA A SCUOLA giunto alla

Dettagli

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio V

Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione e la Partecipazione Ufficio V PROGETTO TECNICO A.S. 2014/2015 1 PREMESSA Nell anno scolastico 2013/14 le scuole hanno seguito due percorsi: i Campionati studenteschi e Classi in gioco, quest ultimo caratterizzato dalla partecipazione

Dettagli

Prot. n 409 E.F Asti, 06 Maggio 2013

Prot. n 409 E.F Asti, 06 Maggio 2013 Ufficio XII - Ambito Territoriale di Asti Educazione Motoria, Fisica, Sportiva, Educazione alla salute e Sicurezza Stradale Coordinamento e gestione delle attività degli studenti Piazza Alfieri, n.30 14100

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011)

Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento. (edizione novembre 2011) Regolamento tecnico di Nuoto Salvamento (edizione novembre 2011) Premessa Il presente regolamento tecnico è basato sulle regole adottate dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) ed adattate alle esigenze

Dettagli

ATLETICA LEGGERA. Pista

ATLETICA LEGGERA. Pista ATLETICA LEGGERA Pista CATEGORIA ANNI DI NASCITA Ragazzi/e 2004-2005 Cadetti/e 2002-2003 Programma Categoria Gruppi Gare Ragazzi/e Corse 60-600 - 4x100 (cambio libero) Salti Alto - Lungo Lanci Peso gomma

Dettagli

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15.

La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. La Lega Pallavolo Uisp Treviso, in collaborazione con Boom Camp, organizza il campionato invernale di beach volley 2014/15. SEDE E PERIODO DI SVOLGIMENTO Le partite del campionato si svolgeranno presso

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013

PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 PALLAVOLO AMATORI FASE LOCALE DEL CAMPIONATO REGIONALE E NAZIONALE CSI STAGIONE SPORTIVA 2012-2013 REGOLAMENTO UFFICIALE A cura della Commissione Tecnica Pallavolo CENTRO SPORTIVO ITALIANO - COMITATO PROVINCIALE

Dettagli

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10156 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.

Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10156 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno. Liceo Scientifico Giordano Bruno via Marinuzzi 1-10156 TORINO tel 011.2624884 fax 011.2621682 E-mail giordanobruno@gbruno.com http://www.gbruno.it STATUTO del Centro Sportivo Scolastico E istituito all

Dettagli

Roma, 26/1/2012. OGGETTO: Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 TENNISTAVOLO - Scuole Secondarie di I grado

Roma, 26/1/2012. OGGETTO: Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 TENNISTAVOLO - Scuole Secondarie di I grado Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio X - Ambito territoriale per la provincia di Roma Coordinamento di Educazione Motoria Fisica

Dettagli

REGOLAMENTO MINIVOLLEY 2012 2013

REGOLAMENTO MINIVOLLEY 2012 2013 REGOLAMENTO MINIVOLLEY 2012 2013 Il Minivolley può essere praticato per l anno 2012/2013 dagli atleti e dalle atlete nati/e negli anni 2001 / 2002 / 2003 / 2004/ 2005 / 2006 / 2007 così suddivisi: Propedeutico:

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si richiama il già citato DPR 122/2009. Come previsto dal Regolamento di Istituto (art. 28), che si rifà all art.2 c.4 dello Statuto delle Studentesse e degli

Dettagli

Federazione Scacchistica Italiana Regolamento dei Giochi Sportivi Studenteschi

Federazione Scacchistica Italiana Regolamento dei Giochi Sportivi Studenteschi 1. Premessa REGOLAMENTO dei Giochi Sportivi Studenteschi F.S.I. Questo documento recepisce la normativa annuale emanata dal M.I.U.R. - Dipartimento per l Istruzione, Direzione Generale per lo studente,

Dettagli

Oggetto: attività Sportiva Scolastica Campionati Studenteschi Nuoto 2014/2015.

Oggetto: attività Sportiva Scolastica Campionati Studenteschi Nuoto 2014/2015. Prot. n. 1209/B Catania, 20.04.2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali FRANCESCO REDI di Paternò G.B. VACCARINI di Catania GIOVANNI VERGA di Adrano L O R O S E D I Al Comitato Prov.le CONI

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Coordinamento Ed. Motoria, Fisica e Sportiva

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Coordinamento Ed. Motoria, Fisica e Sportiva Bari, 12.11.2007 Prot. 5049/MP/ Attività Sportiva 2007/08 Coordinatore regionale Prof. Marino Pellico E.mail: marino.pellico.ba@istruzione.it Sito web: www.uspbari.net Ai Dirigenti U.S.P. delle Province

Dettagli

DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE CAMPIONATI STUDENTESCHI ISTITUTI DI 1 e 2 GRADO

DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE CAMPIONATI STUDENTESCHI ISTITUTI DI 1 e 2 GRADO DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE CAMPIONATI STUDENTESCHI ISTITUTI DI 1 e 2 GRADO DISPOSIZIONI TECNICHE In ciascuna gara individuale del programma tecnico il numero massimo dei concorrenti è 40, dei

Dettagli

CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANZIO III Via Machiavelli s.n.c. tel.06/9873212 - Fax 06/9873540 rmic8c700e@istruzione.it

Dettagli

Regolamento tecnico di Pallavolo

Regolamento tecnico di Pallavolo Regolamento tecnico di Pallavolo (edizione aprile 2014) 1 Premessa La disciplina della PALLAVOLO praticata degli atleti tesserati della FISDIR prevede competizioni a carattere esclusivamente promozionale

Dettagli

INDICE SCHEDE TECNICHE ARGOMENTO/DISCIPLINA AEROMODELLISMO 2 ARRAMPICATA SPORTIVA 3 ATLETICA LEGGERA - CORSA CAMPESTRE 4 ATLETICA PISTA 5 BADMINTON 8

INDICE SCHEDE TECNICHE ARGOMENTO/DISCIPLINA AEROMODELLISMO 2 ARRAMPICATA SPORTIVA 3 ATLETICA LEGGERA - CORSA CAMPESTRE 4 ATLETICA PISTA 5 BADMINTON 8 INDICE SCHEDE TECNICHE ARGOMENTO/DISCIPLINA AEROMODELLISMO 2 ARRAMPICATA SPORTIVA 3 ATLETICA LEGGERA - CORSA CAMPESTRE 4 ATLETICA PISTA 5 BADMINTON 8 BASEBALL E SOFTBALL 11 BOCCE 12 BOWLING 13 BRIDGE 14

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOOUSPVA.REGISTRO UFFICIALE(U).0010356.03-12-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XXI Varese Ufficio Educazione Fisica

Dettagli

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012

TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 TORNEO REGIONALE GIOVANI CALCIATRICI GIOVANISSIME 7 CONTRO 7 STAGIONE SPORTIVA 2011-2012 REGOLAMENTO ART. 1 - TITOLO Il Comitato Regionale FIGC-LND del Friuli Venezia Giulia, d intesa con il Settore Giovanile

Dettagli

INDICE SCHEDE TECNICHE

INDICE SCHEDE TECNICHE INDICE SCHEDE TECNICHE ARGOMENTO/DISCIPLINA AEROMODELLISMO 2 ARRAMPICATA SPORTIVA 3 ATLETICA LEGGERA 4 ATLETICA ALUNNI CON DISABILITA 6 BADMINTON 7 BOCCE 8 BOWLING 9 BRIDGE 11 CALCIO 12 CALCIO A 5 13 CALCIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Direzione generale per lo studente

Direzione generale per lo studente Dipartimento per l Istruzione Direzione generale per lo studente Prot. Nr. 3739/A5 Roma, 27 luglio Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la

Dettagli

Prot.11320 Uscita Roma, 14/4/2011

Prot.11320 Uscita Roma, 14/4/2011 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio X - Ambito territoriale per la provincia di Roma Coordinamento di Educazione Motoria Fisica

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 13 MASCHILE 3 X 3 Fase Provinciale 2015/2016

CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 13 MASCHILE 3 X 3 Fase Provinciale 2015/2016 COMUNICATO UFFICIALE N. 15 STAGIONE AGONISTICA 2015/2016 CAMPIONATO NAZIONALE UNDER 13 MASCHILE 3 X 3 Fase Provinciale 2015/2016 La Federazione Italiana Pallavolo indice ed il Comitato Provinciale di Roma

Dettagli

Prot.n. 123/EF Salerno, 27/03/2009

Prot.n. 123/EF Salerno, 27/03/2009 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Generale per la Regione Campania Ufficio Scolastico Provinciale di Salerno Educazione Fisica e Sportiva e-mai : edfisica@csasalerno.it

Dettagli

25 Minivolley 2015 DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE ORGANIZZAZIONE SEDE DI TAPPA.

25 Minivolley 2015 DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE ORGANIZZAZIONE SEDE DI TAPPA. 25 Minivolley 2015 1) Organizzazione delle tappe. DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE ORGANIZZAZIONE SEDE DI TAPPA. Le domande delle Società che intendono candidarsi sia come sede di Tappa minivolley che come sede

Dettagli

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari

3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016. Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari 3 MEMORIAL DON FRANCO SACCO 2016 Organizzato dall Oratorio Centro Giovanile REDENTORE Bari Regolamento del Torneo IL TORNEO E RISERVATO A TUTTI I GIOCATORI CHE ABBIANO COMPIUTO IL 30 ANNO DI ETA AL MOMENTO

Dettagli

Prot.11918 Uscita Roma, 21/4/2011

Prot.11918 Uscita Roma, 21/4/2011 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio X - Ambito territoriale per la provincia di Roma Coordinamento di Educazione Motoria Fisica

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO VIII - Ambito territoriale per la provincia di Brindisi Prot. MPIAOOUSPBR

Dettagli

ALUNNI CON DISABILITÀ Giochi Sportivi Studenteschi Scuole Secondarie di II Grado Modulo Iscrizione Atletica Leggera Corsa Campestre

ALUNNI CON DISABILITÀ Giochi Sportivi Studenteschi Scuole Secondarie di II Grado Modulo Iscrizione Atletica Leggera Corsa Campestre e al COR ALUNNI CON DISABILITÀ Atletica Leggera Corsa Campestre Distanze gara: Scuole 2 Grado Allievi DIR HFD Allieve DIR HFD Allievi HS - Allieve HS - 1996/97/98/99/2000/01 Min. 1500m max 2000m 1996/97/98/99/2000/01

Dettagli

Note generali Categorie Attività praticate Squadre Compiti degli accompagnatori

Note generali Categorie Attività praticate Squadre Compiti degli accompagnatori Note generali Il CSI Regionale del Piemonte indice ed organizza il Meeting dei giovani ad Acqui Terme dal 29 aprile al 1 maggio. Il meeting è caratterizzato da una parte di attività sportiva (svolta alla

Dettagli

SCUOLE SECONDARIA II grado

SCUOLE SECONDARIA II grado Email!"#$ % &'() OGGETTO: Giochi Sportivi Studenteschi Provinciali di Rugby 2013-2014. SCUOLE SECONDARIA II grado ISCRIZIONI PRESSO L UFFICIO EDUCAZIONE FISICA TRAMITE E-MAIL educazionefisica@istruzionevicenza.it

Dettagli

TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado

TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado ANNO SCOLASTICO 2008-2009 PRESENTAZIONE I Giochi Sportivi Studenteschi di PALLAVOLO della scuola secondaria di 1 grado prevedono

Dettagli

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Allegato 1 Pag. 1 di 12 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Stagione sportiva 2013/2014 Di seguito si illustrano nel dettaglio le attività

Dettagli

TROFEO DELLE PROVINCE 2015. 2 Memorial GIANFRANCO MAZZA

TROFEO DELLE PROVINCE 2015. 2 Memorial GIANFRANCO MAZZA Prot. n. 28/15/cqr Ai Oggetto: KINDERIADI - Trofeo delle Province 2015. 2 Memorial Gianfranco Mazza. Ai Bologna, 24 febbraio 2015 Presidenti dei Comitati Provinciali FIPAV Emilia Romagna Referente Tecnico

Dettagli

Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di VELA. Istituzioni scolastiche del I (scuole secondarie di I grado) e II Ciclo di Istruzione

Finali Nazionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di VELA. Istituzioni scolastiche del I (scuole secondarie di I grado) e II Ciclo di Istruzione Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport Ufficio per lo Sport Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI & 28 TROFEO RAGAZZI

REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI & 28 TROFEO RAGAZZI CENTRO SPORTIVO ITALIANO CREMONA REGOLAMENTO BAMBINI IN GIOCO E RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI

Dettagli

Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 Istituzioni scolastiche del I ciclo di Istruzione (scuole secondarie di I grado) LOTTA

Giochi Sportivi Studenteschi 2011/2012 Istituzioni scolastiche del I ciclo di Istruzione (scuole secondarie di I grado) LOTTA Programma tecnico LOTTA Gioco del Cerchio Il Gioco del Cerchio è il gioco che la FIJLKAM settore Lotta propone al mondo della Scuola. E un gioco di contatto che mostra alcuni aspetti della Lotta Olimpica,

Dettagli

DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE ISTITUTI DI 1 GRADO

DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE ISTITUTI DI 1 GRADO DISPOSITIVO TECNICO FINALE NAZIONALE ISTITUTI DI 1 GRADO PROGRAMMA ORARIO MERCOLEDI' 5 GIUGNO (Mattina) ORA CADETTI CADETTE 8.45 Ritrovo Giurie e Concorrenti 9.30 LUNGO - qualificazioni gruppo A 9.30 VORTEX

Dettagli

I CAMPIONATI STUDENTESCHI 2015 di SCACCHI (FASE REGIONALE DI BASILICATA)

I CAMPIONATI STUDENTESCHI 2015 di SCACCHI (FASE REGIONALE DI BASILICATA) Il Liceo Scientifico Statale Galileo Galilei su indicazione del C.O.R. e del Delegato Regionale F.S.I. in collaborazione con L A. S. D. Accademia Scacchi di Potenza con il patrocinio del e della Regione

Dettagli

ATTO DI COSTITUZIONE DEL CENTRO SCOLASTICO SPORTIVO Benedetto Croce Palermo A.S. 2015/16

ATTO DI COSTITUZIONE DEL CENTRO SCOLASTICO SPORTIVO Benedetto Croce Palermo A.S. 2015/16 ATTO DI COSTITUZIONE DEL CENTRO SCOLASTICO SPORTIVO Benedetto Croce Palermo A.S. 2015/16 Il giorno 8 del mese di Settembre dell anno 2015 si costituisce il Centro Scolastico Sportivo Benedetto Croce i

Dettagli

FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE

FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE Comitato Provinciale di Modena FIPAV SETTORE SCUOLA E PROMOZIONE Via Giardini, 470/H - 41124 Modena (MO) - Tel. 059/8752312 327 - Fax 059/8754944 email: giovanile @ fipav.mo.it Responsabile settore CRISTINA

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE

1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE 1 TORNEO MASCHILE DI MINIVOLLEY DELLA SCUOLA DI PALLAVOLO LUBE La manifestazione si svolgerà presso il PALASPORT FONTESCODELLA DI MACERATA DOMENICA 7 NOVEMBRE 2010 Il ritrovo è fissato alle ore 13:15 Lo

Dettagli

USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011

USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011 USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011 2.4 Norme regolamentari dell attività di base Premesso che il Settore Giovanile e Scolastico verificherà costantemente il rispetto delle norme tecniche, didattiche ed organizzative

Dettagli

Note generali. Attività praticate

Note generali. Attività praticate Note generali Il CSI Regionale del Piemonte indice ed organizza il Meeting dei giovani e le finali under 14 nelle seguenti discipline: Pallavolo, Pallacanestro, calcio a sette, calcio a cinque ad Acqui

Dettagli

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015

CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 CAMPIONATI DI SOCIETA 2015 Specialità Petanque. Regolamento Campionati di Società 1 CAMPIONATO di SOCIETA SERIE A MASCHILE Vi partecipano di diritto le prime sei Società classificate nell anno agonistico

Dettagli

Ministero dell Istruzione,Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio Scolastico Provinciale di Firenze

Ministero dell Istruzione,Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio Scolastico Provinciale di Firenze 1 Ministero dell Istruzione,Università e Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Ufficio Scolastico Provinciale di Firenze Prot.n 10350 Firenze, 18 marzo 2009 Ufficio Educazione Fisica e Sportiva

Dettagli

Prot. n 2864/20 C32 Varese, 10/12/2007

Prot. n 2864/20 C32 Varese, 10/12/2007 !"# $! Prot. n 2864/20 C32 Varese, 10/12/2007 AI DIRIGENTI SCOLASTICI DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI 1 e 2 GRADO STATALI E NON STATALI ALLA SCUOLA EUROPEA VIA MONTELLO - 21100 VARESE AL PRESIDENTE PROVINCIA

Dettagli

M.P.I. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA DIREZIONE GENERALE. Rif. n 5365/EF Napoli, 15 aprile 2008

M.P.I. UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA DIREZIONE GENERALE. Rif. n 5365/EF Napoli, 15 aprile 2008 DIREZIONE GENERALE COORDINAMENTO REGIONALE ATTIVITA PER L EDUCAZIONE MOTORIA Via Ponte della Maddalena, 55 Napoli Rif. n 5365/EF Napoli, 15 aprile 2008 Ai Dirigenti UU.SS.PP. Campania Ai Coordinatori E.F.

Dettagli

Settore Scuola, Promozione e Sviluppo Attività Giovanile

Settore Scuola, Promozione e Sviluppo Attività Giovanile FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE PUGLIA Settore Scuola, Promozione e Sviluppo Attività Giovanile Progetto: BEACH ND SCHOOL 1 FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO REGIONALE PUGLIA Settore

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DI UNA MANIFESTAZIONE SPORTIVA SCOLASTICA

ORGANIZZAZIONE DI UNA MANIFESTAZIONE SPORTIVA SCOLASTICA TORNEO DI MINIVOLLEY per le classi prime delle scuole secondarie di 1 grado ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PRESENTAZIONE I Giochi Sportivi Studenteschi di PALLAVOLO della scuola secondaria di 1 grado prevedono

Dettagli

Oggetto: G.S.S. 2011-12 - Attività di avviamento alla pratica sportiva indirizzata agli alunni con disabilità.

Oggetto: G.S.S. 2011-12 - Attività di avviamento alla pratica sportiva indirizzata agli alunni con disabilità. Prot. n. 0503/EF Sa Salerno, 17 ottobre 2011 Ai Dirigenti Scolastici Ai Referenti dei Centri Sportivi Scolastici Ai Docenti di Educazione Fisica delle Istituzioni Scolastiche aderenti ai G.S.S. Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOCHI STUDENTESCHI

REGOLAMENTO DEI GIOCHI STUDENTESCHI REGOLAMENTO DEI GIOCHI STUDENTESCHI Attivamente insieme online - Copyright CLIO 2012 INDICE SCHEDE TECNICHE ARGOMENTO/DISCIPLINA AEROMODELLISMO 2 ARRAMPICATA SPORTIVA 3 ATLETICA LEGGERA - CORSA CAMPESTRE

Dettagli

Campionati Studenteschi 2013/2014 Istituzioni scolastiche secondarie di I grado AEROMODELLISMO

Campionati Studenteschi 2013/2014 Istituzioni scolastiche secondarie di I grado AEROMODELLISMO AEROMODELLISMO Programma tecnico > Lanci di un aeromodello (non inferiori a 3). Ogni lancio consiste in 2 prove ed è considerato ufficiale: a) alla prima prova con tempo di volo pari o superiore a 20 ;

Dettagli

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15

CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 A tutte le Società di Monza Brianza Loro sedi Agrate Brianza, 22-12-2014 Prot. 211/CPG e p.c. C.R. Lombardia FIPAV ROMA CIRCOLARE DI INDIZIONE DEI TROFEI BRIANZA STAGIONE 2014/15 2 MODALITA DI SVOLGIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11

REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 REGOLAMENTO CSI LAZIO - CALCIO A 11 Validità dei regolamenti La fase finale dei Campionati Regionali 2014 si svolge secondo quanto stabilito dal Regolamento generale pubblicato su Sport in regola -Regolamento

Dettagli

Campionati Studenteschi 2014/2015 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado

Campionati Studenteschi 2014/2015 Istituzioni scolastiche secondarie di II grado AEROMODELLISMO Programma tecnico Lanci di un aeromodello (non inferiore a 3). Ogni lancio consiste in 2 prove ed è considerato ufficiale: a) alla prima prova con tempo di volo pari o superiore a 20 ; b)

Dettagli

NOTA DEL STN-UG SUI CORSI PER ARBITRI PROVINCIALI E BEACH VOLLEY 3 LIVELLO NELL AMBITO SCOLASTICO

NOTA DEL STN-UG SUI CORSI PER ARBITRI PROVINCIALI E BEACH VOLLEY 3 LIVELLO NELL AMBITO SCOLASTICO NOTA DEL STN-UG SUI CORSI PER ARBITRI PROVINCIALI E BEACH VOLLEY 3 LIVELLO NELL AMBITO SCOLASTICO Il CONI ha stipulato da alcuni anni un accordo di collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

A Climband Belluno. Campionati Studenteschi 2015/16- Manifestazione promozionale regionale di arrampicata sportiva 1 e 2 grado Giovedì 26 maggio 2016.

A Climband Belluno. Campionati Studenteschi 2015/16- Manifestazione promozionale regionale di arrampicata sportiva 1 e 2 grado Giovedì 26 maggio 2016. Ministero dell istruzione, dell università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto DIREZIONE GENERALE Ufficio II - Ordinamenti scolastici. Politiche formative e orientamento. Rapporti

Dettagli

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo DISPOSIZIONI GENERALI PER IL SETTORE SCUOLA F.I.R. 2014-2015 1 INTRODUZIONE Il Rugby è uno sport di emozioni, di cooperazione, di contatto ed è convinzione della Federazione Italiana Rugby che ciò lo renda

Dettagli