Che cosa fai di solito?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Che cosa fai di solito?"

Transcript

1 La vita quotidiana Che cosa fai di solito? Per cominciare Atti comunicativi Parlare delle abitudini quotidiane. Obiettivi linguistici Presente indicativo dei verbi riflessivi. Presente indicativo dei verbi irregolari andare, fare, uscire. Avverbi di tempo. Obiettivi lessicali Le parti del giorno. Verbi di routine quotidiana. Attività abituali. 1 Abbinate le azioni alle immagini. Osservate le foto insieme, poi seguite le indicazioni del manuale. Segue il confronto tra compagni e il riscontro in plenum. Per ampliare il lessico fatevi suggerire dagli studenti altre attività che svolgono abitualmente: fare sport, studiare, bere il caffè, ecc. Scrivetele alla lavagna. Soluzione: 1i, 2a, 3b, 4h, 5c, 6d, 7g, 8e, 9f, 10l Parlare di azioni quotidiane 2 Ascoltate il dialogo e scegliete la risposta giusta. 19 Obiettivo dell ascolto è la comprensione delle azioni quotidiane compiute dai protagonisti in successione temporale. Non soffermatevi ancora sul tema dell ora e sull uso delle preposizioni articolate, verranno affrontati a partire dal punto 9. Fate ascoltare agli studenti la registrazione una volta a libro chiuso e due volte a libro aperto, avendo cura di chiarire prima le parole nuove dell attività. Segue il confronto in coppia e controllo in plenum. Soluzione: 1B, 2C, 3B, 4A 3 Leggete i testi e abbinate le immagini. Invitate gli studenti a leggere individualmente i testi e successivamente a collegarli alle foto. Scrivete intanto alla lavagna le espressioni seguenti: farsi la barba, truccarsi, restare sotto le coperte, addormentarsi, ecc. senza tradurle. Lasciate che gli studenti si confrontino con i compagni. Se notate difficoltà chiedete loro di indicarvi le foto a cui potrebbero corrispondere le espressioni scritte alla lavagna. Procedete con il controllo in plenum. Soluzione: 1B, 2D, 3C, 4A Invitate gli studenti a evidenziare nei testi letti nell attività precedente gli avverbi di tempo: prima poi/ dopo e poi/ Nel frattempo. Successivamente chiedete loro di esplicitare il significato degli avverbi osservandone la successione temporale all interno delle frasi. 4 Rileggete i testi e rispondete. Gli studenti leggono nuovamente i testi di pag. 47 e rispondono alle domande. Fate seguire un confronto in coppia e un riscontro in plenum. Soluzione: 1. Alessandra, Giulio e Francesca. 2. Alessandra. 3. Jacopo. 4. Giulio e Francesca. 5. Alessandra. 6. Matteo Osservate e completate. I corsisti rileggono i testi di pag. 47 e le domande del punto 4, poi sottolineano la coniugazione dei verbi riflessivi svegliarsi, alzarsi, prepararsi, riaddormentarsi, lavarsi, farsi la barba, vestirsi e truccarsi. Fate quindi completare lo specchietto grammaticale. Invitate la classe ora a svolgere un attività di analisi contrastiva: chiedete agli studenti di individuare le differenze tra la coniugazione dei verbi riflessivi in italiano e in tedesco, come per esempio la collocazione dei pronomi riflessivi. Spiegate che non sempre i verbi che 28

2 sono riflessivi in italiano lo sono anche in tedesco, per esempio alzarsi, sposarsi. Successivamente chiedete ai vostri studenti di completare anche le coniugazioni dei verbi irregolari andare e fare, ricavandole sempre dalla lettura dei testi del punto 3 e delle domande del punto 4 del manuale. Soluzione: mi sveglio, ci svegliamo; vado, va, faccio, fa 5 Completate il testo con i verbi indicati tra parentesi. I corsisti completano individualmente il testo con i verbi indicati. Segue un confronto in coppia e il riscontro in plenum. Soluzione: si svegliano, si alzano, si lava, si trucca, si veste, prepara, fa, va, lavarsi, si fa, si prepara, prende, ascolta, prendono, vanno 6 Scrivete cinque frasi sulle vostre abitudini al mattino e fate un confronto con un vostro compagno. Gli studenti prima lavorano individualmente e dopo si confrontano con il compagno. In plenum riferiscono se hanno abitudini in comune. Attività alternativa Fate esercitare la coniugazione dei verbi riflessivi col gioco dei dadi. Scrivete alla lavagna una lista di sei verbi: svegliarsi, alzarsi, lavarsi, vestirsi, prepararsi e truccarsi, poi chiedete agli studenti di coniugarli tirando i dadi, col primo lancio del dado si sceglie il verbo, col secondo la persona a cui coniugarlo (1 = io, 2 = tu ecc.). Fate continuare l attività a catena. 7 Fate ora una piccola inchiesta nel vostro gruppo con l aiuto delle domande al punto 4. Dividete la classe in piccoli gruppi. Gli studenti utilizzano la traccia del punto 4 a pag. 48 del manuale. Se volete, potete aggiungere altre domande, per esempio Chi si trucca? Chi si fa la barba? Chi non si alza subito quando suona la sveglia? Chi prende la bicicletta?. Invitateli a intervistarsi a vicenda. Date circa 10 minuti di tempo. In plenum verificate le abitudini dei vostri studenti. Le parti della giornata Ampliamento del lessico. Invitate gli studenti a osservare le cartoline e a indovinare di che città si tratta. Da cosa la riconoscono? San Marco in lontananza e le gondole sono immagini uniche. Chiedete se sono già stati a Venezia. Quali sono le parti del giorno raffigurate? La mattina/il mattino, il pomeriggio, la sera, la notte. Scrivete alla lavagna le espressioni nuove per fissarle meglio. Dire e chiedere l ora Atti comunicativi Dire e chiedere l ora. Obiettivi lessicali L ora espressa in modo formale e informale. 8 L ora espressa in modo informale. Abbinate l ora ad ogni orologio. Poi ascoltate e controllate le vostre risposte. 20 Seguite le indicazioni fornite dal manuale. Fate svolgere l attività singolarmente. Ripetete l ascolto a libro aperto più di una volta. In plenum chiarite gli eventuali dubbi. Soluzione: A4, B5, C2, D1, E3 Unità 4 Materiale necessario: Un orologio di cartone con le lancette mobili. Spiegate agli studenti che le due espressioni che ore sono e che ora è hanno lo stesso significato. Invitateli ad osservare l illustrazione dell orologio. Come si dice l ora? Il significato delle espressioni meno, e, mezzo/a lo avranno già dedotto dall attività 8 a pag. 49 del manuale. La forma sono le meno un quarto si può rendere anche con sono le e tre quarti. Con l orologio di cartone fate esercitare ora i vostri corsisti: a turno dovranno chiedere l ora al compagno e rispondere. Fate fare a questo punto un analisi contrastiva con la loro lingua, vi diranno così che in italiano si usa l articolo davanti alle ore, non si usa il sostantivo ora/ore ma solo il numero e altre differenze che noteranno. Chiedete a sorpresa agli studenti che ora è. Ripetete questa domanda più volte durante l ora. 29

3 Informazioni Gli italiani hanno orari un po diversi dai tedeschi. Gli orari di apertura e chiusura dei servizi pubblici e dei negozi variano da località a località. Molti uffici pubblici, compresi uffici postali e sportelli bancari, applicano l'orario continuato, aprendo in genere tra le 8:00 e le 8:30 di mattina e chiudendo l'accesso al pubblico nelle prime ore del pomeriggio, mentre gli orari più comuni di apertura dei negozi sono dalle 8:30 alle 12:30 e dalle 15:30/16:00 alle 19:30/ I supermercati di solito fanno l orario continuato e sono aperti qualche volta anche la domenica e comunque in determinati giorni festivi. In Italia gli orari più comuni dei pasti variano a seconda della regione tra le 12:30 e le 13:30/14.00 per il pranzo e tra le 19:30 e le 21:30 per la cena. 9 L ora espressa in modo formale. Ascoltate i brevi dialoghi e scegliete la risposta giusta. 21 Spiegate ai corsisti che esiste anche un modo formale di dire l ora. In contesti ufficiali come alla stazione, all aeroporto, alla TV e alla radio si usa l orario ufficiale: le tredici, le quattordici, ecc. Fate ripetere l ascolto due volte a libro aperto e invitate gli studenti a scegliere tra le risposte date quella corretta. Dopo ogni ascolto segue un confronto tra compagni. Verificate in plenum. Soluzione: 1A, 2B,3B, 4A 5C 10 Abbinate ad ogni orologio l ora esatta. In coppia poi chiedete a turno l ora e rispondete. Fate svolgere quest attività individualmente. Segue il confronto in coppia e il controllo in plenum. Soluzione: A4, B5, C3, D1, E2 Indicare la durata di azioni quotidiane Atti comunicativi Indicare l ora e la durata delle azioni quotidiane. Obiettivi linguistici Preposizioni articolate a e da. Obiettivi lessicali Attività quotidiane e del tempo libero. 11 A che ora ti alzi la mattina? Leggete la giornata tipo di queste persone e completate la tabella. Suddividete l attività in due tempi. Prima gli studenti leggono individualmente i testi, poi in coppia completano la griglia. Verificate insieme. Soluzione: Carlotta 8.00/ 9.00/ 14.00/ / Paola / 8.00/ 14.00/ / Franco 4.00/ 4.30/ Gli studenti riflettono induttivamente sull uso delle preposizioni articolate per indicare le espressioni di tempo. Ripetete qui qualche frase ripresa dai testi al punto 11 per chiarire il significato delle espressioni. Aggiungete un esempio per l ultima espressione: A partire dalle 12 mi trovi a casa. Invitate ora gli studenti a sottolineare tutte le preposizioni articolate che hanno incontrato nei testi dell attività precedente. Chiedetegli di formulare qualche ipotesi su come si formano le preposizioni articolate. Sistematizzate insieme a loro la regola disegnando lo specchietto delle preposizioni articolate da e a alla lavagna. Le altre preposizioni articolate sono nell unità 5. Attività supplementare Fate lavorare gli studenti in gruppi di 3 4 persone e invitateli a scambiarsi informazioni sugli orari della loro vita pubblica, ad esempio gli orari dei negozi, degli autobus, dei treni, dei luoghi dove abitano, l orario del telegiornale, del corso di italiano ecc. Segue un confronto in plenum. Attività supplementare In plenum fatevi suggerire dagli studenti le forme delle preposizioni articolate di a e da, presenti nei testi dell attività 11: non solo di quelle usate per indicare orari, ma anche di quelle che si trovano davanti ai sostantivi, come all università, al bar, ecc. Fatevi dettare dagli studenti i nomi di altri luoghi dove si recano abitualmente, ad esempio stazione, supermercato, ufficio postale, ecc. e aggiungetene altri, scelti da voi, come zoo, ospedale, negozio, centro, osteria, ecc. A turno gli studenti forniscono la preposizione 30

4 articolata corretta: alla stazione, al supermercato, ecc. Chiedete loro in quali altre occasioni hanno già incontrato le preposizioni articolate: ricorderanno senz altro espressioni come lasagne alla bolognese e magari anche lavorare al computer. 12 Guardate le immagini e descrivete la giornata di Sandro. In coppie i corsisti osservano i disegni e raccontano la giornata tipo di Sandro, facendo attenzione agli orari. Per rendere più creativa l attività chiedete agli studenti di immaginare come passa il pomeriggio Sandro. Riscontro in plenum. Soluzione: Sandro si sveglia alle 8.00 e poi si alza. Dalle 8.10 alle 8.30 è in bagno, si lava e si prepara. Comincia a lavorare alle 9.05 e lavora fino a mezzogiorno e mezzo. Alle cena e guarda la televisione. Va a dormire alle Possibili soluzioni per le attività del tempo libero: Il pomeriggio lavora fino alle tre e poi si riposa./ Il pomeriggio non lavora, esce e fa sport. 13 Intervistate un compagno sulla sua giornata tipo, poi scambiatevi i ruoli. Adesso tocca agli studenti parlare della loro giornata tipo. Invitateli ad intervistarsi a coppie. Possono aggiungere anche qualche attività del tempo libero. Verificate girando per la classe. 14 Leggete l agenda di Tommaso e rispondete. Seguite le istruzioni del manuale. In coppia gli studenti leggono l agenda e rispondono alle domande. Riscontro in plenum. Spiegate che il calcetto indica più comunemente il calcio-balilla, mentre come vocabolo tecnico-sportivo indica il gioco del calcio in forma ridotta (5 giocatori per squadra). Chiedete ai corsisti se riescono a indovinare l origine etimologica dei giorni della settimana (vedi informazioni). Fate notare che in questa attività i giorni della settimana vengono usati senza articolo. Chiedete di rileggere il primo testo al punto 11 e di spiegare la differenza di significato: i giorni della settimana sono preceduti dall articolo determinativo solo se indicano azioni abituali. Invitate gli studenti a fare qualche esempio pensando agli appuntamenti fissi della loro settimana, per esempio al giorno in cui vengono al corso d italiano. Soluzione: 1. no 2. lunedì alle venerdì Informazioni L origine etimologica dei giorni della settimana: lunedì corrisponde alla Luna, martedì a Marte, mercoledì a Mercurio, giovedì a Giove, venerdì a Venere, sabato al Sabbath (il giorno di riposo secondo la tradizione ebraica) e infine la domenica è il giorno dedicato a Dio. 15 Scrivete ora i vostri impegni per questa settimana e cercate in coppia di fissare un appuntamento per fare qualcosa insieme. Gli studenti scrivono gli appuntamenti della settimana sulle loro agende. In coppia facendosi domande a vicenda scelgono un giorno e un orario che vada bene a entrambi per combinare un appuntamento. Invitateli anche a parlare di cosa vorrebbero fare insieme. 16 Ascoltate e segnate con una x con quale frequenza Laura compie queste azioni. 22 L ascolto introduce un nuovo input linguistico: gli avverbi di frequenza. Gli studenti ascoltano una volta a libro chiuso e due volte a libro aperto. Dopo ogni ascolto si confrontano tra compagni e indicano la frequenza con cui Laura compie le azioni segnandola con una crocetta. Riscontro in plenum. Spiegate che andare a cena fuori significa mangiare al ristorante. Soluzione: andare a teatro: ogni tanto; uscire con amici: qualche volta; leggere il giornale: sempre; andare a cena fuori: raramente; guardare la televisione: mai; svegliarsi presto: raramente; fare la spesa: spesso Attività supplementare Materiale necessario: alcuni dadi. Invitate gli studenti a dire con quale frequenza compiono le azioni descritte nella griglia del punto 16. Poi approfittatene per far ripassare brevemente le tre coniugazioni verbali (-are/-ere/-ire). Portate dei dadi da casa. Procedimento a catena. Fate tirare i dadi, gli studenti coniugano un verbo a scelta alla persona indicata dal numero uscito. Invitate gli studenti ad osservare le percentuali indicate dagli avverbi di frequenza. Fate qualche esempio ricorrendo alla sequenziazione. Faciliterete 31

5 così la riflessione induttiva dei vostri corsisti sul loro uso. Scrivete alla lavagna le frasi: dormo sempre 8 ore, faccio spesso la spesa, di solito a colazione bevo il caffè, qualche volta vado al cinema, raramente vado a letto prima delle 22.00, non lavo mai la macchina. In questo modo avrete anche chiarito la posizione degli avverbi all interno della frase. 17 Abbinate le frasi nel modo opportuno. In coppie i corsisti collegano le frasi delle due colonne. Avvisateli che esiste solo una possibilità per ognuna di esse. Verificate in plenum. Soluzione: 2G, 3A, 4B, 5C, 6D, 7H, 8F Invitate gli studenti a tradurre in tedesco la frase Non vado mai al cinema la domenica e a riflettere sulla costruzione della doppia negazione in italiano. Il verbo è preceduto dal non e l avverbio di frequenza mai segue il predicato. Percorso alternativo Se volete, potete aumentate il grado di difficoltà dell attività appena svolta. Fotocopiate l esercizio 18 di pag. 51 del manuale e ritagliate separatamente immagini e didascalie. Dividete la classe in piccoli gruppi e distribuite a ogni gruppo il materiale in ordine casuale. Date circa 10 minuti di tempo per riordinare la giornata di Davide. Ogni gruppo riferisce alla classe. Gioco Materiale necessario: fotocopie di pag. 82, un dado a gruppo, una pedina a studente. Serve una fotocopia del piano da gioco per ogni gruppo di circa 5 studenti. Gli studenti mettono la loro pedina sulla casella Partenza, a turno tirano il dado, procedono e rispondono alla domanda riportata sulla casella. Vince chi arriva prima con il numero adeguato sulla casella Arrivo. Attività supplementare Chiedete agli studenti di scrivere su un foglietto tre azioni che compiono abitualmente e altrettante che non fanno mai. Raccogliete i foglietti e ridistribuiteli a casaccio. Gli studenti si alzano in piedi, girano per la classe e facendosi delle domande cercano di scoprire l autore delle frasi. Se volete fare un riscontro chiedete a ogni studente di riferire alla classe le abitudini del compagno. 18 La giornata di Davide. Osservate come si svolge la giornata di Davide e scrivete delle frasi. Produzione scritta. Dividete gli studenti in coppie. Invitateli prima ad osservare le immagini che illustrano le azioni compiute da Davide e successivamente a descrivere la sua giornata tipo. I corsisti devono coniugare i verbi alla terza persona singolare e indicare con che frequenza Davide compie le azioni raffigurate. Esempio di soluzione: Di solito fa colazione alle Raramente va al lavoro alle Alle qualche volta fa una pausa. Spesso pranza dalle alle Alle esce sempre dall ufficio. Ogni tanto dalle alle va in piscina. Di solito cena alle Alle spesso guarda la TV. Non va mai a letto prima delle Ascolto 19 Una giornata da organizzare. Ascoltate la telefonata di Claudia all amica Antonella. 23 Fate ascoltare una prima volta la telefonata a libro chiuso e due volte a libro aperto, dopo aver spiegato alla classe la situazione iniziale. Chiarite se richiesto il significato di impegni e cose da sbrigare. Alla fine di ogni ascolto invitate gli studenti a confrontarsi con un compagno diverso. Fate poi segnare l ordine in cui si succedono gli impegni. Verificate in plenum. Trascrizione: Pronto? Ciao Antonella, sono Claudia! Ciao Claudia, come stai? Allora stasera andiamo al cinema insieme, vero? Certo. Ti chiamo proprio per metterci d accordo sull orario. Sai, ho ricevuto una mail di un carissimo amico. Arriva stasera alle nove alla stazione. Per te va bene se andiamo al cinema alle cinque e mezza? Sì, bene. Magari incontriamoci prima non so andiamo a prendere qualcosa al bar Eh Mi dispiace ma non posso, ho veramente un sacco di cose da sbrigare. Prima del cinema devo comprare alcuni regali. Sai, è il compleanno di Luca, di Alberto e anche di Marta. 32

6 Ah, va bene Allora incontriamoci al cinema alle cinque e mezzo. E cosa devi fare poi? Guarda, alle devo andare dalla parrucchiera, sai, per farmi sistemare un po i capelli e poi devo portare la macchina dal carrozziere. Beh, allora hai proprio una giornata piena! Ok, a più tardi! Ciao, a dopo! Soluzione: Claudia prima va dal parrucchiere e poi porta la macchina dal carrozziere. Nel pomeriggio compra i regali e poi va al cinema. Guardiamo da vicino! Obiettivo culturale Biglietti da visita, d ingresso, uno scontrino. 20 L indomani nella borsa di Claudia ci sono questi biglietti. Quale non riguarda gli impegni del giorno precedente? Gli studenti osservano individualmente i biglietti e indicano quale di essi non riguarda gli appuntamenti di Claudia del giorno prima. Segue un confronto a coppie e riscontro in plenum. Scopo dell attività è la comprensione selettiva dei testi. Soluzione: Il biglietto da visita della cantina Il Pergolato. Fonologia pag Scopo di questo esercizio è la pronuncia della s e s doppia (adesso, sera, riposante ecc.) e il collegamento tra le parole nella frase. Invitate gli studenti ad ascoltare le frasi e a ripeterle poi coralmente. Alla scoperta dell Italia Obiettivi lessicali Ampliamento del lessico: attività del tempo libero. Obiettivi culturali La cura del proprio aspetto fisico. Prima di affrontare il testo analizzate insieme ai vostri studenti il titolo e l immagine. Se potete, fate una fotocopia della foto con il solo titolo e distribuitela agli studenti. Invitateli a fare ipotesi in coppia sul contenuto del testo e scrivetele alla lavagna senza commentare. Lasciate loro poi il tempo necessario per leggere individualmente il testo e verificate l esattezza delle loro supposizioni. 21 Contate le risposte e scrivete il numero accanto alle lettere A, B e C. Poi in gruppi confrontate i vostri risultati. Passate ora al test. Gli studenti rispondono individualmente alle domande del test e calcolano il loro punteggio. Successivamente in piccoli gruppi paragonano i loro risultati ed eleggono i più attenti alla cura del proprio aspetto. L attività è divertente e motivante allo stesso tempo perché permette agli studenti di confrontarsi con un testo autentico secondo le modalità del gioco. Autovalutazione Distribuite agli studenti la scheda di pag. 83 e invitateli a completarla per la volta successiva. Il riscontro avverrà in plenum. Chiavi delle schede di autovalutazione 1 1c, 2e, 3a, 4b, 5f, 6d 2 1. Mi alzo alle 2. Faccio colazione alle 3. Lavoro/ studio fino alle 4. Faccio la pausa dalle alle 5. Esco dall ufficio/dall università/da scuola alle 6. Non guardo mai/guardo sempre (spesso) la televisione/guardo la televisione raramente (qualche volta) 7. Il lunedì/ la domenica ho più ore. 3 svegliarsi: ti svegli/si sveglia/ci svegliamo/vi svegliate/ si svegliano alzarsi: mi alzo/si alza/ci alziamo/vi alzate/si alzano lavarsi: mi lavo/ti lavi/si lava/ci laviamo/si lavano vestirsi: mi vesto/ti vesti/ci vestiamo/vi vestite riposarsi: mi riposo/si riposa/vi riposate/si riposano 4 1. allo 2. al mese, dal parrucchiere 3. alla 4. Qualche volta 5. La 6. A 33

7 Ripasso 2 Un viaggio in barca nell arcipelago toscano Attività introduttiva Materiale necessario: prospetti, foto, diapositive, cartoline delle isole dell arcipelago toscano. Chiedete agli studenti se sono già stati in vacanza in Toscana o se hanno visitato le isole dell arcipelago. Invitateli a raccontare qualche episodio del loro soggiorno in quei luoghi, a descrivere il paesaggio, la cucina del posto, gli acquisti al mercato, ecc. Portate in classe del materiale che illustri le isole dell arcipelago toscano oppure suggerite ai corsisti, durante l ora di lezione precedente, di raccoglierne per l attività che intendete svolgere insieme la volta successiva. Stimolate l immaginazione degli studenti e invitateli a compiere un viaggio virtuale: una vacanza in barca al largo di queste incantevoli isole. Gioco Attività Gioco didattico. Obiettivo Fissaggio del lessico e reimpiego delle strutture linguistiche delle unità 3 e 4. Partecipanti 3 5 per gruppo. Durata minuti. Materiale Dadi, pedine, pag. 58 del libro di classe. Istruzioni del gioco: vedi pag. 256 di Azzurro. Spiegate agli studenti che l attività ludica che state per introdurre permetterà loro di sperimentare le strutture linguistiche, i temi e il lessico appresi nelle unità 3 e 4. Se volete trasformare il gioco in un attività ancora più comunicativa invitate la persona che ha tirato il dado a scegliere un compagno con cui svolgere il compito in forma di minidialogo, scambiando per ogni situazione indicata dalle caselle qualche battuta. Informazioni Al largo della costa della Toscana sorgono le isole dell arcipelago toscano: L Elba, Capraia, Montecristo, il Giglio, Pianosa, Giannutri, e Gorgona. Sono isole prevalentemente montuose (1019 m. il Monte Capanne nell isola d Elba) e scarsamente abitate. L isola d Elba e l isola del Giglio sono i centri turistici più noti dell arcipelago toscano. Portfolio Invitate gli studenti a lavorare individualmente e a formulare degli esempi per ogni funzione comunicativa (nel primo caso ad esempio Ho due fratelli). Fate fare un confronto a gruppi in modo che ogni studente abbia la possibilità di verificare la sua padronanza della lingua. Terminate l attività con un ulteriore riscontro in plenum in cui gli studenti hanno la possibilità di esprimere eventuali domande o di spiegare quali contenuti vorrebbero ancora ripetere. Imparare ad imparare 1 Imparare con tutti i sensi Chiedete ai corsisti in gruppi di tre persone qual è secondo loro la strategia d apprendimento più efficace per fissare un numero maggiore di nuovi input lessicali. Solo ascoltare? Solo vedere? Ascoltare e vedere contemporaneamente o ascoltare, vedere e saper fare con la lingua? Non dimenticate che ognuno dei corsisti ha tempi e stili di apprendimento differenti. Ci sono individui visivi che preferiscono imparare attraverso mappe mentali, diagrammi, ecc., di conseguenza dovrete privilegiare strategie che favoriscano la visualizzazione, come tabelle, griglie e attività di abbinamento lingua immagine. Studenti prevalentemente auditivi preferiranno attività che sviluppino l abilità d ascolto, come fasi di brainstorming orali, discussioni, canzoni, ecc. I cinestetici prediligeranno la drammatizzazione, i giochi di ruolo, ecc. Per altri ancora il fissaggio del lessico sarà possibile solo attraverso l analisi testuale e la successiva sistematizzazione scritta delle nuove espressioni. Qualcuno preferirà attività individuali, altri lavori di coppia o di gruppo. 34

8 Suggerimenti ed attività supplementari Di seguito alcune strategie per favorire l acquisizione e la memorizzazione del lessico che tengono conto dei diversi modi di apprendere degli studenti (vedi anche pag. 21 della Guida per l insegnante e pag. 33 di Azzurro) che potete proporre e sperimentare in classe. Associazioni logiche Una tecnica per favorire il recupero e l ampliamento del lessico e fare uso della lingua dell unità 3 in modo divertente e motivante è quella di creare delle associazioni logiche tra i termini. Chiedete agli studenti, a gruppi di 3 4, di partire da parole che verranno scelte in base ad associazioni (casa, università, esami, vacanza, aereo, viaggiare, mare, amici, pizza, bar, cinema, discoteca, musica leggera, ecc.) e di riutilizzarle in frasi a catena, per esempio: 1 studente: Mi piace passare le vacanze con gli amici ; 2 stud.: e andare con loro al mare, al cinema 3 stud.: e passare una serata in pizzeria. Caccia all intruso L attività, di solito ben accetta, serve a sistematizzare il lessico, a focalizzare l attenzione sul significato delle espressioni e offre un feedback immediato. Si formano delle associazioni tra i termini. Se per esempio volete ricapitolare il lessico dell unità 4 potete procedere con catene di questo tipo: mattina, sera, domani, pomeriggio, oppure madre, nonno, fratello, amico. Le espressioni in grassetto evidenziano l intruso. invitate i corsisti a riaprire i libri, a coprire la lista dei vocaboli, e a scrivere nello spazio sottostante quelli che riescono a ricordare. Se sono riusciti a fissare più di 7 parole l esperimento ha avuto successo. Complimenti! Chiedete quale delle strategie di apprendimento lessicale hanno attivato per ricordare meglio i vocaboli: li hanno imparati a memoria, ordinati per temi, per ordine alfabetico, associati a un immagine o utilizzati per inventare una storia? Discutetene in plenum. Gli studenti ripetono l attività a coppie scegliendo altri 15 vocaboli, li scrivono su un foglietto e lo scambiano col vicino. Invitateli a sperimentare e ad utilizzare una delle strategie elencate in questa attività per memorizzare il lessico. Percorso alternativo Ripasso 2 Dividete la classe in gruppi e invitateli a inventare una storia utilizzando più vocaboli possibili tra quelli contenuti nella lista del punto 2 del loro manuale. Date circa 15 minuti di tempo, poi chiedete ad ogni gruppo di riferire la storia alla classe. Ora non vi resta che invitare i corsisti a mettere in pratica la capacità di imparare ad imparare suggerendo loro di sfogliare le ultime due unità affrontate, di scegliere dei vocaboli difficili, di lavorare a coppie e di applicare una delle strategie tra quelle illustrate che ritengono la più efficace. Fate riferire in plenum e discutetene insieme. Sinonimi e contrari Per favorire l acquisizione delle espressioni riferite all aspetto fisico e al carattere (unità 3) invitate i corsisti a creare delle associazioni semantiche con coppie di sinonimi e contrari. In piccoli gruppi gli studenti individuano nei testi di pag. 36 e pag. 40 dell unità 3 delle coppie di sinonimi (timido riservato, carino figo, ecc.) e contrari (attivo pigro, magro grassoccio, ecc.), le ricopiano e riferiscono in plenum. 2 Attività per memorizzare i vocaboli Fate svolgere agli studenti un piccolo esperimento linguistico. Chiedete loro di leggere attentamente e più volte i vocaboli riportati all interno del riquadro, poi a libro chiuso create un momento di distensione, per esempio ascoltando insieme della musica o semplicemente parlando di altro. Successivamente 35

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

Viva le vacanze! Leitfaden

Viva le vacanze! Leitfaden Viva le vacanze! Viva le vacanze! è un corso ideato per un pubblico adulto, senza preconoscenze della lingua italiana ed interessato ad acquisire una competenza linguistica e culturale di base, soprattutto

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

LE PREPOSIZIONI ITALIANE

LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI ITALIANE LE PREPOSIZIONI SEMPLICI Esempi: DI A DA IN CON SU PER TRA FRA Andiamo in citta`. Torniamo a Roma. Viene da Palermo. LE PREPOSIZIONI ARTICOLATE Preposizione + articolo determinativo

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

A Era un pacco con un fiocco. Pagina introduttiva

A Era un pacco con un fiocco. Pagina introduttiva Pagina introduttiva Tema Lessico Materiale necessario Raccontare Argomenti di conversazioni Alcune fotocopie della pagina introduttiva (da cui siano stati tolti tutti i testi e lasciate solo le foto, ognuna

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO

IL PASSATO PROSSIMO. sono andato. ho mangiato. Formazione del participio passato regolare PARL-ARE PARL-ATO VED- ERE VED-UTO FIN-IRE FIN- ITO IL PASSATO PROSSIMO Il passato prossimo in italiano è un tempo composto. Si forma con le forme del presente di ESSERE o AVERE (verbi ausiliari) più il participio passato del verbo principale: sono andato

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo:

CHE LAVORO FAI? UNITÁ 2. Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Pablo: Pablo: CHE LAVORO FAI? Rachid: Rachid: Rachid: Rachid: Ciao, Pablo. dove vai? Io vado a lavorare. Che lavoro fai? Io lavoro in fabbrica. E tu? Io faccio il muratore. Anche lui è muratore. Si chiama Rachid. Lui

Dettagli

A Vorrei fare il servizio civile.

A Vorrei fare il servizio civile. Pagina introduttiva Tema Attività introduttiva: alcuni fo- gli formato A 4 e dei pennarelli colorati Materiale Un sito Internet Internet e le informazioni Attività introduttiva: dividete la classe in gruppi

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile

2011 Alma Edizioni. Materiale fotocopiabile Proponiamo alcune possibili attività didattiche da fare in classe con i calendari di Domani, in cui sono riportati gli eventi significativi della cultura e della Storia d Italia. 2011 Alma Edizioni Materiale

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Alla ricerca di un lavoro

Alla ricerca di un lavoro Modulo 3 Alla ricerca di un lavoro Presentazione del modulo In questo modulo, Irina, una giovane bielorussa che vive in Italia, affronta le tipiche situazioni delle persone che vogliono trovare un posto

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

TEST D USCITA. PROVA N. 1 Scelta multipla, chiuso, presente indicativo, lettura. Scegli la giusta domanda per ogni risposta.

TEST D USCITA. PROVA N. 1 Scelta multipla, chiuso, presente indicativo, lettura. Scegli la giusta domanda per ogni risposta. IO PARLO ITALIANO Corso di italiano per immigrati Lezione 1 Puntata 3 TEST D USCITA PROVA N. 1 Scelta multipla, chiuso, presente indicativo, lettura. Scegli la giusta domanda per ogni risposta. 1. Risposta:

Dettagli

Modulo 11. In viaggio. Presentazione del modulo

Modulo 11. In viaggio. Presentazione del modulo Modulo 11 In viaggio Presentazione del modulo In questo modulo, i protagonisti, cittadini italiani e stranieri, affrontano le tipiche situazioni di qualcuno che deve viaggiare. In particolare, le situazioni

Dettagli

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali.

Unità uno. barche e vento. I colori. Le parti del corpo. I numeri. da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali. Unità uno I numeri da 0 a 10 Che tempo fa? 1 I colori Le parti del corpo I numeri da 11 a 20 La casa Chi è? La casa (2) Gli animali Gli animali (2) I giorni, i mesi, le stagioni barche e vento Da dove

Dettagli

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi:

GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: GRAMMATICA IL MODO CONGIUNTIVO - 1 Osserva i seguenti esempi: Sono certo che Carlo è in ufficio perché mi ha appena telefonato. So che Maria ha superato brillantemente l esame. L ho appena incontrata nel

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test

In ce. pagina 89. Istruzioni delle attività di classe. Soluzioni - Esercizi, Fonetica, Test In ce di Introduzione Cos è Parla con me? pagina 4 Parla con me 2 pagina 4 Il libro di classe pagina 5. Le unità didattiche pagina 5. Le schede culturali pagina 6. La storia a fumetti pagina 6. Le appendici

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Attività con la fune

Attività con la fune lo sport a scuola Attività con la fune percorso n. 1 Attrezzatura: - uno spazio adatto (palestra, cortile) - una fune Scansione delle attività: 1. Fase motoria 2. Fase espressivo-analogica 3. Fase ludica

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

parcheggio cani ammessi camera matrimoniale L albergo ideale Leggi le descrizioni degli alberghi e rispondi alle domande di pag. 47.

parcheggio cani ammessi camera matrimoniale L albergo ideale Leggi le descrizioni degli alberghi e rispondi alle domande di pag. 47. In albergo 1 Che cosa significa? Collega le parole ai disegni. b. frigobar bagno parcheggio a. c. camera singola cani ammessi e. doccia camera matrimoniale d. f. 2 L albergo ideale Leggi le descrizioni

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme

Percorsi interculturali di apprendimento linguistico. Io e gli Altri...... In viaggio insieme Percorsi interculturali di apprendimento linguistico Io e gli Altri...... In viaggio insieme 18 Io e gli Altri Attività rivolte a studenti di livello A1 1. PRESENTIAMOCI! Obiettivi generali: conoscenza

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu

Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Io e gli altri T CD 1 1 Come va? Come stanno queste persone? Guarda le immagini e ascolta. Cosa dici quando chiedi a qualcuno come sta? Con il Lei Con il tu Scrivi le risposte nell ordine giusto, dalla

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli