Mosaico statistico n. 1 Aprile 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mosaico statistico n. 1 Aprile 2007"

Transcript

1 n. 1 Aprile 2007 ISSN

2 Mosaico statistico n. 1 Aprile 2007 ISSN Indice 1. Roma e le altre metropoli europee: Il fattore innovazione: la capacità pag. 2 brevettuale del territorio 2. Popolazione pag Roma multietnica pag P.I.L. e valore aggiunto pag I consumi delle famiglie pag Prezzi pag Roma nell economia globale pag Occupazione e forze di lavoro pag Turismo pag Mercato immobiliare pag Dati finanziari e bancari pag Demografia delle imprese pag Consumi di energia elettrica pag Ambiente pag Cultura pag Mobilità pag Criminalità: gli illeciti ambientali pag. 173 Il Mosaico Statistico, nella sua nuova veste, si propone come una raccolta ragionata e commentata di dati su Roma. Le differenti sezioni del Mosaico Statistico verranno pertanto di volta in volta aggiornate a seconda sia della disponibilità di nuovi dati e sia della volontà di dare conto di particolari dinamiche socio-economiche della città di Roma. In ogni nuovo numero del Mosaico Statistico, quindi, non sempre le nuove informazioni vanno ad aggiungersi a quelle vecchie, ma talvolta le sostituiscono e in altri casi le integrano. Come accade ad esempio per il primo capitolo, nel quale Roma viene confrontata con altre metropoli europee relativamente ad un tema specifico, di volta in volta diverso. Per avere dunque un quadro complessivo dei temi trattati nel corso dell anno, si rimanda alla consultazione dei vari numeri del Mosaico, disponibili on line all indirizzo 1

3 1. Roma e le altre metropoli europee. Il fattore innovazione: la capacità brevettuale del territorio Fattore chiave che segna la strada verso la tecnologia e, dunque, l innovazione, le domande per brevetti 1 depositate presso lo European Patent Office (EPO) rappresentano un solido punto di riferimento per valutare il posizionamento competitivo dei territori in quella che è stata chiamata, tra le molte definizioni, economia informazionale. Ma la produzione di innovazioni brevettabili non è strategica solo per la sua capacità di informare (appunto) le potenzialità di sviluppo del territorio, dei beni che produce, dei servizi che offre; essa si riverbera anche sulla bilancia tecnologica e, dunque, sul grado di dipendenza/indipendenza del territorio stesso dalle innovazioni realizzate altrove. Complessivamente, nel 2003, dalla regione Lazio si sono generate 138 domande di brevetto, con una variazione negativa rispetto all anno precedente (-45,1%; variazione calcolata, però, su dati 2003 ancora provvisori) e un posizionamento assoluto tra le dodici regioni considerate migliore solo della regione di Bruxelles 2 (56 domande di brevetto) e quella di Madrid (96), e notevolmente peggiore di realtà quali Parigi (1.758), la Lombardia (855) e Francoforte (770, tab. 1.1 e fig. 1.1). Il quadro appare sostanzialmente simile anche qualora venga preso in considerazione il - più corretto - indicatore standardizzato in base alla popolazione residente (domande di brevetto per milione di abitanti, tab. 1.1 e fig. 1.2). Anche in questo caso, infatti, il Lazio (26,8 domande di brevetto per milione di abitanti) figura nelle retrovie della capacità brevettuale in un confronto con le principali regioni europee nel quale emerge l eccellenza di Francoforte (204,8) e Helsinki (171,4) e la potenza dei laboratori e dei centri di ricerca e sviluppo che hanno sede a Parigi (157,9). I diversi angoli visuali del tema, dunque, propongono la medesima chiave interpretativa: il Lazio, territorio moderno e avanzato (i termini di paragone qui considerati rappresentano le eccellenze continentali e in taluni casi, e per talune specializzazioni, le eccellenze mondiali) presenta ancora un ritardo e, di conseguenza, notevoli margini di crescita che evidentemente, considerando la sua dotazione in termini di capitale umano, u- niversità, centri di ricerca pubblici e privati, richiedono l ottimizzazione di alcune criticità ancora presenti. Una di queste trova forse forma e contenuto in quanto presentato nella fig. 1.3 (e anche nella tab. 1.2), lì dove le regioni europee vengono poste su un piano cartesiano che descrive, sulle ascisse, la numerosità delle domande di brevetto presentate e, sulle ordinate, l incidenza percentuale delle domande provinciali sul totale delle domande regionali. Se si esclude il solo caso di Parigi, il grafico mostra una correlazione inversa tra le variabili considerate. Più precisamente, quella che sembra emergere è la maggiore capacità brevettuale delle regioni che ospitano un capoluogo che non origina la maggior parte delle domande di brevetti; i territori regionali più vivaci mostrano, cioè, la loro potenzialità se l innovazione è diffusa nel territorio e non concentrata nel capoluogo. Tra i contesti regionali, va evidenziato il caso del Lazio: una regione dove le domande di brevetto concentrate nel capoluogo costituiscono oltre l 80% si colloca nelle posizioni più basse per ciò che riguarda il livello di innovazione; invece, una sinergia territoriale tra la metropoli romana e il resto del territorio sembrerebbe promettere una crescita di capacità competitiva per l intero sistema territoriale. 1 Un brevetto è un titolo legale che garantisce al suo possessore il diritto esclusivo di utilizzare una invenzione in un area e per un tempo illimitato (Eurostat, Scinece, technology and innovation in Europe, 2007) 2 Per immediatezza di comprensione, ci si riferisce alle regioni qui considerate con il nome del rispettivo capoluogo, a parte per i due casi italiani (Lazio e Lombardia) per i quali i nomi delle regioni sono ben noti. Nel quadro 1 sono riportati i codici Eurostat delle regioni (NUTS2) e dei relativi capoluoghi (NUTS3). 2

4 Se quella delineata è la panoramica generale relativa alle innovazioni che vengono prodotte e brevettate sui territori, la tab. 1.3 offre un dettaglio delle sezioni 3 che segnala, appunto, la distribuzione dei brevetti presentati nei diversi ambiti per ciascuna delle regioni: nel Lazio, ad esempio, su cento domande presentate da a- ziende o centri di ricerca nel 2003, il 28,9% si è concentrato nel campo delle necessità umane (dall agricoltura alla medicina, dallo sport alle attività di svago), il 15,4% in quella della chimica-metallurgia e il 15,2% in quella dell elettricità. Nella successiva tabella (tab. 1.4) e nella fig. 1.4, è esposta, poi, l attività prevalente di ciascuna delle regioni considerate; ne emerge un quadro che mostra l assenza di una vera e propria specializzazione: non si riscontra, infatti, in nessuno dei territori considerati, la predominanza netta di una delle sezioni. Una differente classificazione dei brevetti presentati presso lo European Patent Office (EPO) consente l esame dei tre settori 4 più avanzati (trasversali ad alcune delle sezioni appena viste): il settore high tech, che comprende aeronautica, computer e attrezzature automatizzate, tecnologia di comunicazione (communication technology), attrezzatura laser, ingegneria genetica e dei microrganismi, semiconduttori; il settore ICT (information and communication technology), a cui fanno riferimento le telecomunicazioni, l elettronica di consumo, i computer e le macchine da ufficio, le altre tecnologie informatiche che consentono di trasmettere le informazioni; il settore delle biotecnologie, che può essere definito come l applicazione della scienza e della tecnologia agli organismi viventi, o a parti, prodotti o modelli di essi, al fine della produzione di conoscenza, di beni o di servizi. Tali settori sono descritti nelle tabb. 1.5, 1.6 e 1.7 attraverso il numero di brevetti depositati e anche, come fatto fin qui, attraverso la standardizzazione con la popolazione residente (brevetti per milione di abitanti). Però è con la tab. 1.8 e la fig. 1.5 che il quadro appare più chiaro: vengono esposte, infatti, a fianco del numero di brevetti, anche le incidenze di ciascun settore sul totale delle domande presentate. La specializzazione in questi settori mostra senz altro, laddove sia caratterizzata da alti valori, la capacità di un territorio di sfruttare la tecnologia e la scienza nei settori a maggior innovazione. Emerge la regione di Helsinki dove la capacità innovativa è fortemente polarizzata tra il settore della tecnologia avanzata (high tech) e quello dell ICT e, da questi, sembra esaurita; tale regione presenta, d altra parte, una peculiarità difficilmente imitabile: la presenza di un gigante tecnologico come la Nokia, infatti, informa il territorio con la sua domanda di ricerca, innovazione e subfornitura. Anche il gruppo di regioni formato da Berlino, Parigi e Londra risulta, comunque, polarizzato tra i due settori, ma in misura lievemente minore, restando, infatti, una parte di mercato variabile tra il 40% e il 50% non specializzata. Nei territori di Madrid, del Lazio e di Copenaghen, poi, pur in un quadro di ampliamento della innovazione non specializzata, si delinea, più che altrove, il settore delle biotecnologie che caratterizza più di un brevetto su dieci; anche in questo gruppo, comunque, va evidenziata la prevalenza dell high tech e dell ICT, che occupano circa il 20% della capacità innovativa. Nelle restanti regioni considerate, non emerge una particolare specializzazione: infatti l insieme dei brevetti dei tre settori è inferiore al 50% dei brevetti totali prevalente è, in tutti casi, l ICT. 3 Per una descrizione dettagliata dei comparti produttivi compresi nelle diverse sezioni (NACE), si può fare riferimento alla classificazione Eurostat a partire da: 4 Le definizioni sono tratte da: Eurostat, Science, technology and innovation in Europe,

5 Quadro 1 - Codici Eurostat delle regioni (NUTS2) e dei relativi capoluoghi (NUTS3) NUTS3 NUTS2 Amsterdam nl326 nl32 Barcellona es511 es51 Berlino de300 de30 Bruxelles be100 be10 Copenaghen dk001 dk00 Francoforte de712 de71 Helsinki fi181 fi18 Londra eki11 eki1 Madrid es300 es30 Milano (Lombardia) itc45 itc4 Parigi fr101 fr10 Roma (Lazio) ite43 ite4 Fonte: Eurostat Tab. 1.1 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee (NUTS2), valori assoluti e per milione di abitanti. Anni 2001, 2002 e 2003 (valori provvisori) Brevetti V.A Var. % 2001/2003 per abitanti Diff. % 2001/2003 Amsterdam ,7 117,9 130,5 70,0-47,8 Barcellona ,5 69,0 72,8 35,1-34,0 Berlino ,1 199,7 203,9 107,2-92,5 Bruxelles ,4 173,2 120,4 56,5-116,6 Copenaghen ,5 220,7 217,5 110,8-109,9 Francoforte ,1 421,7 412,2 204,8-216,8 Helsinki ,9 443,2 383,7 171,4-271,8 Londra ,6 : : 122,1 Madrid ,9 43,1 42,1 17,2-26,0 Milano (Lombardia) ,0 169,7 178,4 93,9-75,8 Parigi ,2 313,7 296,2 157,9-155,7 Roma (Lazio) ,1 49,1 44,2 26,8-22,3 Fonte: elaborazione su dati Eurostat,

6 Fig. 1.1 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee (NUTS2), valori assoluti. Anno 2003 (valori provvisori) Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2007 Fig. 1.2 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee (NUTS2), valori per abitanti. Anno 2003 (valori provvisori) 250,0 200,0 204,8 171,4 157,9 15 0,0 122,1 110,8 107,2 10 0,0 50,0 93,9 70,0 56,5 35,1 26,8 17,2 0,0 Fonte: elaborazione su dati Eurostat,

7 Fig Domande di brevetti depositate nelle regioni europee (NUTS2) e incidenza delle domande depositate nei capoluoghi di regione (NUTS3), valori assoluti. Anno 2003 (per NUTS2 valori provvisori e per NUTS3 valori stimati*) 120 Incidenza del capoluogo sulla regione Madrid Berlino 100 Bruxelles 80 Roma Barcellona Helsinki 60 Londra 40 Amsterdam Milano Parigi 20 Copenaghen Francoforte Domande di brevetto nelle regioni (NUTS2) Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2005 Tab. 1.2 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee (NUTS2) e nei capoluoghi di regione (NUTS3), valori assoluti. Anno 2003 (per NUTS2 valori provvisori e per NUTS3 valori stimati*) Brevetti NUTS3 NUTS2 Incidenza % dei valori NUTS3 sui valorinuts2 Amsterdam ,0 Barcellona ,7 Berlino ,0 Bruxelles ,0 Copenaghen ,0 Francoforte ,8 Helsinki ,2 Londra ,3 Madrid ,0 Milano (Lombardia) ,2 Parigi ,9 Roma (Lazio) ,5 * Sono state applicate le incidenze relative al 2002, anno per il quale erano disponibili i dati relativi ai NUTS3 Fonte: elaborazione su dati Eurostat,

8 Tab. 1.3 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee (NUTS2) per sezione di specializzazione, valori assoluti e valori %. Anno 2003 (valori provvisori) Brevetti Necessità umane Trasporti Chimicametallurgia V.A. Val. V.A. Val.% V.A. Val. % % Tessile-carta Edilizia Ingegneria meccanica V.A. Val.% V.A. Val. V.A. Val. % % Fisica Elettricità Totale V.A. Val. % Amsterdam 32 18, , ,7 1 0,6 12 6,6 10 5, ,2 12 6, Barcellona 49 21, , ,1 7 3,1 20 8,8 19 8,4 21 9,4 19 8, Berlino 47 12, , ,0 3 0,8 7 1,9 32 8, , , Bruxelles 12 21,3 9 16, ,9 2 2,7 2 3,9 6 10,2 6 10, Copenaghen , , ,5 4 0,8 30 5,1 52 8, , , Francoforte , , ,7 22 2,9 17 2,2 61 7, , , Helsinki 34 7, ,7 39 8,9 25 5,6 14 3,1 12 2, , , Londra 89 25, , ,9 2 0,6 13 3,8 19 5, , , Madrid 21 21, , ,4 1 0,7 2 2,3 5 4, , , Milano (Lombardia) , , ,6 53 6,2 37 4, ,2 85 9, , Parigi , , ,7 2 0,1 51 2, , , , Roma (Lazio) 39 28, , ,4 1 0,9 10 7,1 7 5, , , Totale 12 regioni , , , , , , , , In grigio sono evidenziate le regioni che superano la specializzazione media dell insieme delle 12 regioni Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2007 V.A. Val. % V.A. Val.% Tab. 1.4 Settore prevalente e domande di brevetti depositate nel settore prevalente nelle regioni europee (NUTS2), valori %. Anno 2003 (valori provvisori) Settore Specializzazione Bruxelles Chimica-metallurgia 35,9 Helsinki Elettricità 35,9 Amsterdam Chimica-metallurgia 29,7 Roma (Lazio) Necessità umane 28,9 Barcellona Trasporti 28,0 Francoforte Chimica-metallurgia 27,7 Copenaghen Necessità umane 27,4 Londra Necessità umane 25,5 Berlino Elettricità 24,0 Milano (Lombardia) Trasporti 22,7 Madrid Necessità umane 21,5 Parigi Necessità umane 19,8 Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2007 Indice 7

9 Fig. 1.4 Domande di brevetti depositate nel settore prevalente nelle regioni europee (NUTS2), valori %. Anno 2003 (valori provvisori) 40,0 35,9 35,9 35,0 30,0 25,0 20,0 29,7 28,9 28,0 27,7 27,4 25,5 24,0 22,7 21,5 19,8 15,0 10,0 5,0 0,0 Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2007 Tab. 1.5 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee del settore high tech (NUTS2), valori assoluti e per milione di abitanti. Anni 2001, 2002 e 2003 (valori provvisori) Brevetti - settore high tech Città V.A. per abitanti Amsterdam Barcellona Berlino Bruxelles Copenaghen Francoforte Helsinki Londra Madrid Milano (Lombardia) Parigi Roma (Lazio) Fonte: elaborazione su dati Eurostat,

10 Tab. 1.6 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee del settore ICT (NUTS2), valori assoluti e per milione di abitanti. Anni 2001, 2002 e 2003 (valori provvisori) Brevetti - settore ICT Città V.A. per abitanti Amsterdam Barcellona Berlino Bruxelles Copenaghen Francoforte Helsinki Londra : : 37 Madrid Milano (Lombardia) Parigi Roma (Lazio) Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2007 Tab. 1.7 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee del settore delle biotecnologie (NUTS2), valori assoluti e per milione di abitanti. Anni 2001, 2002 e 2003 (valori provvisori) Brevetti settore delle biotecnologie Città V.A. per abitanti Amsterdam Barcellona Berlino Bruxelles Copenaghen Francoforte Helsinki Londra : : 8 Madrid Milano (Lombardia) Parigi Roma (Lazio) Fonte: elaborazione su dati Eurostat,

11 Tab. 1.8 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee del settore high tech, ICT e delle biotecnologie (NUTS2), valori assoluti e incidenza percentuale sul totale dei brevetti. Anno 2003 (valori provvisori) Città V.A. High tech ICT Biotecnologie Inc. % su brevetti totali V.A. Inc. % su brevetti totali V.A. Inc. % su brevetti totali Amsterdam 24 13, ,9 17 9,3 Barcellona 22 9, ,9 7 3,0 Berlino 88 24, ,1 33 9,1 Bruxelles 8 13, ,0 4 7,6 Copenaghen , , ,1 Francoforte 84 10, ,2 20 2,6 Helsinki , ,3 14 3,3 Londra 80 22, ,1 24 6,9 Madrid 21 21, , ,3 Milano (Lombardia) 86 10, ,3 19 2,2 Parigi , ,8 58 3,3 Roma (Lazio) 29 21, , ,0 Fonte: elaborazione su dati Eurostat, 2007 Fig. 1.5 Domande di brevetti depositate nelle regioni europee del settore high tech, ICT e delle biotecnologie (NUTS2), incidenza percentuale sul totale dei brevetti. Anno 2003 (valori provvisori) 60,0 50,0 40,0 high tech ICT biotecnologie 30,0 20,0 10,0 - Fonte: elaborazione su dati Eurostat,

12 2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio La tendenza ad una ripresa della crescita della popolazione residente a Roma, osservata nel corso dei due anni precedenti, non sembra confermata per il Infatti dopo due decenni durante i quali a Roma come nei più grandi comuni del Centro e del Nord Italia l ammontare della popolazione era andato costantemente diminuendo e dopo che nel 2003 e nel 2004 si era registrato nella Capitale un incremento dello 0,05% e dello 0,47% del numero dei residenti, nel 2005 la popolazione è tornata a diminuire. I dati del bilancio demografico indicano infatti che a Roma la popolazione nell ultimo anno si è ridotta dello 0,24% passando dai di residenti del 2004 ai del 2005, con una perdita di abitanti da attribuire ai valori, entrambi negativi, del saldo naturale e del saldo migratorio. La stessa situazione si è verificata a Torino e a Bologna che nell ultimo anno hanno registrato entrambe un decremento di popolazione dello 0,18% mentre Milano ha confermato, se pur contenuta, la tendenza all aumento del numero dei residenti (+0,72%), iniziata già nel 2003 (tab. 2.1). Nel corso del 2005 a Roma il saldo naturale è stato di segno negativo perché il numero dei morti ha superato il numero dei nati di 521 unità (tab. 2.2). In particolare le nascite nel 2005 sono diminuite rispetto all anno precedente dello 0,5% mentre nel 2002 e nel 2003 erano aumentate rispettivamente del 6,4% e del 2,6% (tab. 2.5). Il tasso di natalità, che indica nel 2005 la nascita di 9,7 bambini per mille residenti, è così diminuito rispetto ai due anni precedenti durante i quali si erano registrati valori maggiori di quelli medi nazionali e superiori ai 10 nati ogni mille residenti (tab. 2.7). Il segno negativo del saldo migratorio è da attribuire all eccedenza dei cancellati rispetto agli iscritti nell anagrafe cittadina, che ha prodotto una perdita di unità di popolazione residente. Nel complesso le persone che sono venute a vivere nella Capitale nel 2005 sono state , il 13,2% in meno di quante ne erano arrivate nel 2004, mentre sono coloro che hanno lasciato Roma per trasferirsi in altri comuni italiani o esteri (+ 20,6%) (tab. 2.3). In particolare il saldo migratorio con l estero ( unità residenti), che già da molti anni si mantiene di segno positivo non solo a Roma ma anche negli altri grandi comuni italiani, non è stato sufficiente nell ultimo anno a compensare il segno negativo del saldo migratorio interno ( unità residenti). Sono stati i nuovi residenti nella Capitale provenienti dall estero, il 33,4% in meno rispetto al 2004, mentre sono stati i romani che si sono trasferiti a vivere fuori dai confini nazionali, il 50,5% più dell anno precedente (tab. 2.3). L eccedenza di iscrizioni rispetto alle cancellazioni ha fatto così registrare un saldo migratorio con l estero che indica la presenza di 6,3 nuovi residenti stranieri ogni residenti, inferiore di 4 punti percentuali dello stesso tasso registrato nel 2004 (tab. 2.6). C è da considerare in realtà che il 2003 ed in particolare il 2004 sono stati gli anni che maggiormente hanno risentito delle iscrizioni anagrafiche avvenute a seguito della regolarizzazione degli stranieri presenti in Italia prevista dalle leggi n. 189 e n. 222 del Il saldo migratorio con l interno, che ormai da molti anni è negativo sia a Roma sia negli altri grandi comuni del Centro e del Nord Italia a causa dei trasferimenti di residenti nei comuni limitrofi, indica che nel 2005 la perdita di unità residenti è stata a Roma particolarmente consistente. Nella Capitale, infatti, l eccedenza di cancellazioni per trasferimenti interni al territorio nazionale rispetto alle iscrizioni, sempre interne, ha fatto registrare nel corso del 2005 la perdita di unità residenti, la più alta tra quelle registrate negli ultimi 10 anni (tab. 2.3). Benché gli iscritti provenienti da altri comuni italiani siano aumentati del 6,6%, passando dai del 2004 ai del 2005, più sostenuto è stato l incremento di quanti hanno lasciato la Capitale per trasferirsi in altri comuni italiani. I cittadini romani che sono andati a vivere in altre zone del nostro paese sono stati infatti , il 20,6% in più rispetto al 2004 (tab. 2.3). 11

13 Per capire verso quali aree si dirige chi lascia la Capitale è utile analizzare la distribuzione di quanti si sono cancellati dall anagrafe cittadina per trasferirsi altrove. Nel 2005 quasi la metà (47,3%) del totale dei cancellati dall archivio anagrafico del comune di Roma si è stabilito nei comuni della provincia di Roma, il 13% in altri comuni delle province del Lazio, il 32,3% in altri comuni italiani e il 7,4% all estero. Rispetto al 2003 si è accentuata la tendenza dei romani a trasferirsi nei comuni dell area metropolitana, nei comuni della regione e all estero a scapito dei trasferimenti verso gli altri comuni italiani (tab.2.11 e fig. 2.6). Tra i comuni dell area metropolitana romana quello che registra il maggior numero di iscrizioni di residenti provenienti dalla Capitale è Fiumicino. A Ladispoli nel 2005 si sono trasferiti il 73,7% in più di cittadini romani rispetto al 2004 mentre Ardea, Albano Laziale e Rocca di Papa sono gli unici ad aver registrato un decremento dei nuovi residenti provenienti dal comune di Roma. La Gran Bretagna è la nazione nella quale si stabiliscono il maggior numero di romani, ed insieme agli Stati Uniti d America è quella che ha registrato, tra il 2004 e 2005, l incremento più consistente di trasferimenti dal comune di Roma (rispettivamente + 99,6% e +141,9%) (tab. 2.15). I nuovi residenti nel comune di Roma provengono invece prevalentemente dall estero (34,8%), dai comuni italiani (33,8%, esclusi i comuni del Lazio) e dai comuni della provincia di Roma (21,1%). È la Romania la nazione dalla quale proviene il maggior numero degli immigrati nella Capitale (il 30,8% e il 22,6% del totale degli iscritti nel comune di Roma dall estero rispettivamente nel 2004 e nel 2005), seguita nel 2004 dal Bangladesh (7,2%) e nel 2005 dalle Filippine (6,9%) (tab. 2.14). Per quel che riguarda l Italia sono prevalentemente gli abitanti dei comuni della provincia di Napoli che si trasferiscono a Roma (nel 2005 l 8% degli iscritti nel comune di Roma dai comuni delle province italiane e- sclusa la provincia di Roma) seguiti da coloro che provengono dai comuni della provincia di Latina (5,3%), della provincia di Viterbo (4,7%) e della provincia di Milano (4,6%). Le iscrizioni nell archivio anagrafico di Roma dai comuni dell area metropolitana milanese sono in realtà diminuiti rispetto al 2004 del 15,3% mentre sono aumentate del 21,2% quelle provenienti dai comuni della provincia di Viterbo (tab. 2.16). Nell ambito dell area metropolitana romana i nuovi residenti nella Capitale provengono in primo luogo dal comune di Guidonia Montecelio (nel 2005 il 7,4% degli iscritti nel comune di Roma dai comuni della provincia di Roma), di Ardea (6,2%) e di Pomezia (5,7%) benché in quest ultimo comune si sia registrata nel 2005 una flessione dei trasferimenti del 14,8% rispetto al 2004 (tab. 2.12). 12

14 Tab Popolazione residente a Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli e nel complesso dell'italia al 31 dicembre degli anni dal 1981 al 2005 (v.a. e variazioni %) anni Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia v.a. var.% v.a. var.% v.a. var.% v.a. var.% v.a. var.% v.a. var.% , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,49 Fonte: elaborazioni su dati Istat "Ricostruzione intercensuaria della popolazione ; ", "Popolazione residente " e "Bilancio demografico nazionale 2005"; Ufficio statistico del Comune di Roma "Movimento e calcolo della popolazione residente" Fig Popolazione residente nei comuni di Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli e in Italia (variazioni %) 5,00 variazione % variazione % ,00 variazione % variazione % ,00 2,00 1,00 0,00 Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia -1,00-2,00 Fonte: elaborazioni su dati Istat "Ricostruzione intercensuaria della popolazione ; ", "Popolazione residente " e "Bilancio demografico nazionale 2005"; Ufficio statistico del Comune di Roma "Movimento e calcolo della popolazione residente" 13

15 Tab Popolazione residente e movimento anagrafico per i comuni di Roma, Torino, Milano, Bologna e Napoli. Anni (v.a e variazioni %) anni Nati vivi Morti Saldo naturale Totale Iscritti di cui dall'estero Totale Cancellati di cui per l'estero Saldo tra iscritti e cancellati Saldo totale Popolazione residente al 31 dicembre variazione % rispetto all'anno precedente Roma , , , ,24 Torino , , , ,18 Milano , , , ,72 Bologna , , , ,18 Napoli , , , ,10 Italia , , , ,49 Fonte: elaborazioni su dati Istat "Bilancio demografico"; Ufficio statistico del Comune di Roma "Movimento e calcolo della popolazione residente" 14

16 Tab Iscritti, cancellati e saldo migratorio nel comune di Roma. Anni dal 1994 al 2005 (v.a. e variazioni %) anni da altri comuni iscritti dall'estero altro totale iscritti per altri comuni cancellati per l'estero altro saldo migratorio totale cancellati saldo migratorio interno saldo migratorio con l'estero v.a. var. % v.a. var. % v.a. v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. v.a. var. % v.a. v.a. v.a , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma Fig. 2.2 Saldo migratorio nel comune di Roma dal 1994 al Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma 15

17 Fig. 2.3 Saldo migratorio interno nel comune di Roma dal 1994 al Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma Fig. 2.4 Saldo migratorio con l estero nel comune di Roma dal 1994 al Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma 16

18 Tab Nati, morti e saldo naturale a Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli e nel complesso dell' Italia. Anni dal 1991 al 2005 (v.a.) Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia anni Nati Morti saldo naturale Nati Morti saldo naturale Nati Morti saldo naturale n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Fonte:elaborazioni su dati Istat - "Ricostruzione intercensuaria del bilancio demografico ", "Sistema indicatori territoriali" e Ufficio statistico del comune di Roma 17 Nati Morti saldo naturale Nati Morti saldo naturale Tab Nati e morti a Roma, Torino, Milano, Bologna, Napoli e nel complesso dell' Italia. Anni dal 1991 al 2005 (v.a. e variazioni %) Roma Torino Milano Bologna Napoli Italia anni Nati Morti saldo naturale Nati Morti Nati Morti Nati Morti Nati Morti Nati Morti Nati Morti v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % v.a. var. % , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,3 n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. Fonte: elaborazioni su dati Istat "Ricostruzione intercensuaria del bilancio demografico " e "Sistema indicatori territoriali"; Ufficio statistico del Comune di Roma "Movimento e calcolo della popolazione residente"

19 Fig. 2.5 Saldo naturale nel comune di Roma dal 1992 al 2005 saldo naturale Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma Tab Tasso migratorio, tasso migratorio interno e tasso migratorio estero per il comune di Roma. Anni anni tasso migratorio tasso migratorio interno tasso migratorio e- stero ,1-8,7 1, ,5-5,6 2, ,9-6,5 3, ,4-4,1 8, ,1-5,8 4, ,2-1,4 0, ,0-1,7 6, ,6-2,9 5, ,6-5,5 3, ,9-3,3 6, ,6-4,9 10, ,2-7,6 6,3 Fonte: elaborazioni su dati dell'ufficio statistico del Comune di Roma Tab Tasso di natalità* per anno. Anni Comuni Roma 10,3 9,4 9,4 9,4 10,0 10,2 9,7 Torino 7,9 8,5 8,3 8,7 9,0 8,8 8,9 Milano 8,2 8,9 9,4 9,6 9,6 9,8 9,4 Bologna 7,3 7,6 7,5 7,8 7,7 8,1 7,9 Napoli 11,2 10,9 11,0 10,8 10,9 10,7 10,5 Italia 9,4 9,5 9,4 9,4 9,4 9,7 9,4 * (Nati vivi residenti / Popolazione residente media) * Fonte: elaborazioni su dati Istat - Sistema indicatori territoriali e Bilancio demografico nazionale

20 Tab Tasso di mortalità (Maschi + Femmine)* per anno e comune. Anni Comuni Roma 10,13 9,59 9,48 9,75 10,40 10,17 9,9 Torino 11,14 10,88 10,35 10,81 11,81 10,33 10,5 Milano 11,87 11,21 11,46 11,46 11,40 10,46 10,4 Bologna 13,58 13,55 13,05 12,63 13,79 12,52 13,0 Napoli 9,60 9,63 9,38 9,20 9,64 9,24 9,8 *(Morti residenti / Popolazione residente media) * Fonte: Istat - Sistema indicatori territoriali Tab Indicatori strutturali degli iscritti in anagrafe. Anni dal 2001 al 2005 indicatore indice di vecchiaia 1 151,2 153,9 156,2 159,6 indice di dipenedenza 2 47,0 48,0 48,9 50,1 indice di ricambio 3 155,1 153,6 148,5 140,4 indice di struttura 4 103,3 105,9 108,7 112,4 anziani per bambino 5 3,8 3,8 3,8 3,9 rapporto di mascolinità 6 90,8 90,5 90,4 90,2 età media 7 43,2 43,4 43,6 n.d. 1 (pop. 65 anni e +)/(pop. 0-14) * 100 (pop pop. 65 anni e +/pop ) * 100 (pop / pop )* 100 (pop / pop ) * pop. 65 anni e + / pop. Minore 6 anni (n. maschi/ n. femmine) *100 7 media ponderata delle età degli individui che compongono la popolazione Fonte: elaborazioni su dati archivio anagrafico del Comune di Roma Tab Iscritti nel Comune di Roma per principali aree di provenienza, anni 2003, 2004 e 2005 (distribuzione percentuale e variazioni percentuali). Aree di provenienza distrib.% distrib.% distrib.% comuni della provincia di Roma 17,2 17,1 21,1 comuni della provincia di Napoli 2,7 2,7 3,3 comuni della provincia di Milano 1,8 1,9 1,9 comuni della provincia di Latina 2,0 1,7 2,2 comuni della provincia di Viterbo 1,4 1,4 1,9 comuni della provincia di Frosinone 1,3 1,2 1,6 comuni della provincia di Cosenza 1,2 1,2 1,3 comuni della provincia di Rieti 1,1 1,1 1,5 comuni della provincia di L'Aquila 1,1 1,1 1,3 comuni della provincia di Catanzaro 0,9 0,9 0,9 comuni della provincia di Bari 0,9 0,7 1,1 comuni della provincia di Salerno 0,9 0,9 1,2 comuni della provincia di Reggio Calabria 0,8 0,8 0,9 comuni della provincia di Perugia 0,7 0,7 0,9 comuni della provincia di Caserta 0,7 0,7 0,9 altri comuni italiani 16,9 16,4 20,1 totale comuni italiani 51,5 50,5 62,1 totale comuni esteri 44,4 46,4 34,8 da comuni anomali 4,1 3,0 3,2 Totale 100,0 100,0 100,0 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento 19

21 Tab Cancellati dal comune di Roma per aree principali di destinazione, anni 2003, 2004 e 2005 (%) Aree di destinazione distrib.% distrib.% distrib.% comuni della provincia di Roma 45,4 47,8 47,3 comuni della provincia di Viterbo 4,5 4,7 4,8 comuni della provincia di Latina 3,2 3,6 3,5 comuni della provincia di Rieti 3,1 3,3 3,0 comuni della provincia di Milano 2,6 2,6 2,6 comuni della provincia di L'Aquila 1,9 1,7 2,0 comuni della provincia di Frosinone 1,7 1,8 1,7 comuni della provincia di Perugia 1,6 1,7 1,4 comuni della provincia di Napoli 1,4 1,4 1,2 comuni della provincia di Terni 1,0 1,0 1,2 comuni della provincia di Cosenza 1,0 0,7 0,5 comuni della provincia di Torino 0,8 0,8 0,7 comuni della provincia di Firenze 0,8 0,7 0,7 comuni della provincia di Bologna 0,8 0,7 0,7 comuni della provincia di Grosseto 0,7 0,6 0,7 altri comuni italiani 22,6 21,9 20,6 totale comuni italiani 93,0 94,9 92,6 totale comuni esteri 7,0 4,9 7,4 cancellati di cui non si hanno informazioni 0,3 Totale 100,0 100,0 100,0 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento Fig. 2.6 Distribuzione percentuale dei cancellati dal comune di Roma per aree di destinazione, % 90% 7,0 4,9 7,4 80% 70% 35,1 33,8 32,3 60% totale comuni esteri 50% 40% 12,5 13,4 13,0 altri comuni italiani altri comuni delle province del Lazio comuni della provincia di Roma 30% 20% 45,4 47,8 47,3 10% 0% Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma 20

22 Fig. 2.7 Distribuzione percentuale degli iscritti nel comune di Roma per aree di provenienza, % 90% 4,1 3,0 3,2 80% 70% 60% 50% 40% 44,4 46,8 28,5 28,0 34,8 33,8 da comuni anomali totale comuni esteri altri comuni italiani altri comuni delle province del Lazio comuni della provincia di Roma 30% 20% 5,8 5,4 7,2 10% 17,2 17,1 21,1 0% Fonte: elaborazioni su dati Ufficio statistico del Comune di Roma Tab Iscritti nel comune di Roma dai primi 30 comuni della provincia di Roma, anni 2004 e 2005 (v.a. e %) variazione Aree di provenienza v.a. % v.a. % v.a. var. % Comune di Guidonia Montecelio 761 7, ,4 35 4,6 Comune di Pomezia 715 7, , ,8 Comune di Ardea 632 6, ,2 36 5,7 Comune di Fiumicino 557 5, ,5 39 7,0 Comune di Ladispoli 458 4, , ,5 Comune di Anzio 418 4, , ,3 Comune di Cerveteri 418 4, , ,4 Comune di Ciampino 416 4, ,8-5 -1,2 Comune di Fonte Nuova 323 3, ,2 26 8,0 Comune di Marino 257 2, , ,5 Comune di Santa Marinella 245 2, , ,5 comune di Monterotondo 231 2, ,1-6 -2,6 Comune di Tivoli 223 2, , ,0 Comune di Zagarolo 185 1, , ,4 Comune di Albano Laziale 174 1, ,7 4 2,3 Comune di Formello 168 1, ,7 12 7,1 Comune di Frascati 164 1, , ,1 Comune di Grottaferrata 163 1, , ,0 Comune di Nettunao 163 1, , ,5 Comune di Anguillara Sabazia 157 1, , ,2 Comune di Velletri 153 1, , ,5 Comune di Campagnano di Roma 129 1, ,2 1 0,8 Comune di Montecompatri 125 1,2 98 0, ,6 Comune di Castelnuovo di Porto 116 1,2 99 0, ,7 Comune di Bracciano 113 1, ,2 11 9,7 Comune di Mentana 106 1, , ,2 Comune di Ariccia 95 0, , ,9 Comune di Rocca Priora 95 0, , ,5 Comune di San Cesareo 89 0, , ,6 Comune di Civitavecchia 86 0,9 99 0, ,1 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento 21

23 Tab Cancellati dal comune di Roma verso i primi 30 comuni della provincia di Roma di destinazione, anni 2004 e 2005 (v.a. e %) Aree di destinazione variazione v.a. % v.a. % v.a. var. % Comune di Fiumicino , , ,0 Comune di Guidonia montecelio , , ,6 Comune di Ardea , , ,8 Comune di Pomezia , , ,6 Comune di Cerveteri 917 4, , ,6 Comune di Anzio 858 4, , ,3 Comune di Ladispoli 711 3, , ,7 Comune di Albano Laziale 593 2, , ,9 Comune di Fonte Nuova 538 2, , ,2 comune di Monterotondo 512 2, , ,2 Comune di Anguillara Sabazia 482 2, ,9 4 0,8 Comune di Ciampino 470 2, , ,2 Comune di Marino 457 2, , ,3 Comune di Nettuno 400 1, , ,0 Comune di Formello 396 1, ,6 16 4,0 Comune di Fiano Romano 382 1, ,5 6 1,6 Comune di Zagarolo 376 1, , ,7 Comune di Bracciano 334 1, , ,8 Comune di San Cesareo 331 1, ,4 31 9,4 Comune di Tivoli 331 1, , ,1 Comune di Santa Marinella 329 1, , ,0 Comune di Grottaferrata 283 1, , ,5 Comune di Mentana 251 1, ,0 1 0,4 Comune di Castelnuovo di Porto 239 1, , ,6 Comune di Riano 232 1, , ,9 Comune di Montecompatri 219 1, , ,0 Comune di Rocca di Papa 216 1, , ,6 Comune di Velletri 214 1, , ,9 Comune di Palestrina 206 1, , ,2 Comune di Rignano Flaminio 202 1, ,8 15 7,4 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento Tab Iscritti nel comune di Roma dai primi 10 paesi esteri di provenienza. Anni 2004 e 2005 (v.a. e %) Aree di provenienza variazione v.a. % v.a. % v.a. var. % Romania , , ,3 Bangladesh , , ,4 Ucraina , , ,5 Ecuador , , ,8 Polonia , , ,3 Filippine , , ,5 Moldavia , , ,5 Perù , , ,2 Cina 710 2, , ,7 Albania 605 2, , ,2 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento 22

24 Tab Cancellati dal comune di Roma verso i primi 10 paesi esteri di destinazione, anni 2004 e 2005 (v.a. e %) Aree di destinazione variazione v.a. % v.a. % v.a. var. % Gran Bretagna , , ,6 Germania 211 9, , ,1 Stati Uniti d'america 179 8, , ,9 Francia 177 8, , ,1 Brasile 138 6, , ,9 Spagna 121 5, , ,7 Svizzera 111 5, , ,5 Bergio 96 4, , ,9 Canada 74 3, , ,9 Australia 46 2,1 93 2, ,2 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento Tab Iscritti nel comune di Roma dai comuni delle prime 10 province di provenienza, anni 2003, 2004 e 2005 (v.a. e %) Aree di provenienza variazione variazione v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % comuni della provincia di Napoli , ,2 23 1, ,0 72 4,5 comuni della provincia di Milano , ,8 56 5, , ,3 comuni della provincia di Latina , , , ,3 88 8,6 comuni della provincia di Viterbo 825 4, ,2-4 -0, , ,2 comuni della provincia di Frosinone 766 3, , , , ,1 comuni della provincia di Cosenza 675 3, ,5 20 3, , ,9 comuni della provincia di Rieti 624 3, ,3 16 2, , ,8 comuni della provincia di L'Aquila 618 3, ,1-2 -0, ,2 41 6,7 comuni della provincia di Catanzaro 528 2, ,8 17 3, , ,9 comuni della provincia di Bari 507 2, , , , ,1 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento Tab Cancellati dal comune di Roma verso i comuni delle prime 10 province italiane di destinazione, anni 2004 e 2005 (v.a. e %) Aree di destinazione variazione variazione v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % v.a. % comuni della provincia di Viterbo , , , , ,0 comuni della provincia di Latina , ,6 35 2, , ,1 comuni della provincia di Rieti , , , , ,8 comuni della provincia di Milano , , , , ,0 comuni della provincia di L'Aquila 897 3, , , , ,6 comuni della provincia di Frosinone 834 3, , , , ,6 comuni della provincia di Perugia 772 3, ,7 0 0, ,2 23 3,0 comuni della provincia di Napoli 676 2, , , ,6 23 3,7 comuni della provincia di Terni 492 2, , , , ,8 comuni della provincia di Cosenza 478 2, , , , ,0 Fonte: Archivio Anagrafico del Comune di Roma - elaborazioni operate in base alla data di verifica dell'evento 23

1. Roma e le altre metropoli europee. I fattori della competitività: innovazione e accoglienza

1. Roma e le altre metropoli europee. I fattori della competitività: innovazione e accoglienza 1. Roma e le altre metropoli europee. I fattori della competitività: innovazione e accoglienza Il fattore innovazione: la capacità brevettuale del territorio. Fattore chiave che segna la strada verso la

Dettagli

2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio

2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio 2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio La tendenza ad una ripresa della crescita della popolazione residente a Roma, osservata nel corso dei due anni precedenti, non sembra confermata

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee. Il fattore innovazione: la capacità brevettuale del territorio

1. Roma e le altre metropoli europee. Il fattore innovazione: la capacità brevettuale del territorio 1. Roma e le altre metropoli europee. Il fattore innovazione: la capacità brevettuale del territorio Fattore chiave che segna la strada verso la tecnologia e, dunque, l innovazione, le domande per brevetti

Dettagli

Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006

Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006 n. 2 Settembre 2006 Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006 Indice 1. Roma e le altre metropoli europee: Pil e potere d acquisto pag. 2 2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio pag.

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO Servizio Aziende e Partecipazioni comunali LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA AL 1/1/2006 A CONFRONTO CON QUELLA RESIDENTE A FAENZA Edizione 1/ST/st/26.10.2006

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee: Pil e potere d acquisto

1. Roma e le altre metropoli europee: Pil e potere d acquisto 1. Roma e le altre metropoli europee: Pil e potere d acquisto Come è ormai consuetudine, il primo capitolo del Mosaico Statistico fornisce una descrizione e interpretazione delle caratteristiche di Roma

Dettagli

La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma. 2 trimestre 2011

La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma. 2 trimestre 2011 La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma 2 trimestre 2011 La presenza di imprenditori nordafricani in provincia di Roma 2 trimestre 2011 A cura di: Lo studio è stato realizzato dal

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

n. 1 Ap rile 2008 ISS N 1971-2758

n. 1 Ap rile 2008 ISS N 1971-2758 Comune di Roma Assessorato al Bilancio e allo Sviluppo Economico XV Dipartimento V U.O. Politiche Economiche e di Sviluppo n. 1 Ap rile 28 ISS N 1971-2758 DIPARTIMENTO XV POLITICHE ECONOMICHE E COORDINAMENTO

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, made in Italy: 59mila marchi e 44mila brevetti depositati in 12 anni Roma 11 maggio 2012 Prodotti di largo consumo, sistema moda, dispositivi elettronici, elettrici,

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008

Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 30 luglio 2008 Conoscere l Umbria Annuario Statistico ed. 2008 L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla sua dodicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Tavola 19.1 Distribuzione Banche e sportelli per gruppi istituzionali di banche e per provincia - Anni 2002-2003-2004 di cui: Totale

Tavola 19.1 Distribuzione Banche e sportelli per gruppi istituzionali di banche e per provincia - Anni 2002-2003-2004 di cui: Totale Credito 19 CREDITO La presente sezione riporta i dati statistici di fonte Banca d Italia relativi al settore Credito nel Lazio. In particolare riporta i dati relativi all offerta di Banche e Sportelli,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale

Lo scenario economico provinciale Lo scenario economico provinciale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma Novembre 2005 La ricerca è stata svolta all interno della Posizione organizzativa Informazione economica

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004 DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 Capitolo 1 POPOLAZIONE PREMESSA Redatta dalla Direzione Demografia - Servizio Anagrafe

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2009 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2009 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 2.536 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

Mosaico statistico n. 3 Dicembre 2006

Mosaico statistico n. 3 Dicembre 2006 n. 3 Dicembre 2006 ISSN 1971-2758 Mosaico statistico n. 3 Dicembre 2006 ISSN 1971-2758 Indice 1. Roma e le altre metropoli europee: un focus sull ambiente pag. 2 2. Popolazione pag. 9 3. Roma multietnica

Dettagli

Bollettino Epidemiologico n. 79. La popolazione nella ASL BN1 (anno 2004)

Bollettino Epidemiologico n. 79. La popolazione nella ASL BN1 (anno 2004) Dipartimento di Prevenzione E & P ASL - Benevento Bollettino Epidemiologico n. 79 Servizio Epidemiologia e Prevenzione - Tel. 0824-322240 - Fax 0824-23154 - e-mail sep@aslbenevento.it La popolazione nella

Dettagli

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente

1. Roma e le altre metropoli europee: la popolazione residente 1. e le altre metropoli europee: la popolazione residente Dal confronto tra le principali città europee - classificate secondo una tassonomia che distingue le metropoli globali dalle capitali politico-aministrative

Dettagli

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009

Milano. Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica. Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Anno scolastico 2008 2009 Milano Settore Sistemi Integrati per i Servizi e Statistica Scuole dell infanzia, Primarie e Secondarie di I grado Anno scolastico 28 29 Comune di Milano A cura di: Vittoria Carminati Elaborazione dati:

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

La relazione tra banche e migranti in Italia

La relazione tra banche e migranti in Italia La relazione fra migranti e banche in Italia è venuta emergendo come un tema di grande interesse, suscitando l attenzione sia delle istituzioni pubbliche che del mondo economico e finanziario. Ciò ha comportato

Dettagli

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE

QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE COSVILUPPO 1 e QUADRO NAZIONALE DELL IMMIGRAZIONE LORENZO TODESCHINI IMMIGRATI: PROBLEMA O RISORSA? L immigrazione è spesso percepita come fatto negativo e non è facile cambiare mentalità 2 solo di recente

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

Alunni con cittadinanza non italiana

Alunni con cittadinanza non italiana Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi Direzione Generale per lo Studente, l Integrazione, la partecipazione

Dettagli

ALLEGATO D CANONI DI CONCESSIONE D'USO BENI STRUMENTALI E MUTUI agg. luglio 2008

ALLEGATO D CANONI DI CONCESSIONE D'USO BENI STRUMENTALI E MUTUI agg. luglio 2008 Confronto ricavi attesi e ricavi reali 2003-2008 Nuova tariffa media 2009-2032 ALLEGATO D CANONI DI CONCESSIONE D'USO BENI STRUMENTALI E MUTUI file: All D canoni e mutui.xls Il presente tabulato contiene

Dettagli

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012

DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 DEMOGRAFIA DELLE IMPRESE CREMONESI 1 trimestre 2012 Imprese nel complesso In Lombardia, nel primo trimestre del 2012 le anagrafi camerali registrano un saldo negativo di 1.675 unità. Alla fine di marzo

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado

PROGETTO DITER. Secondaria di I grado Scheda D.I.Ter N. 9/aggiornamento a giugno 2013 Allievi stranieri a scuola in Piemonte. Aggiornamento 2012 La crescita del numero di allievi stranieri in Piemonte è proseguita nell anno scolastico 2011/12

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Dal 1 maggio 2014

SERVIZI DI TRASPORTO. Un esempio: fino a 1.000. Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Dal 1 maggio 2014 SERVIZI DI TRASPORTO Dal 1 maggio 2014 Scopri le nuove tariffe dei servizi di trasporto. Un esempio: fino a 1.000 59 Per ulteriori informazioni rivolgiti a qualsiasi Banco Informazioni in ESPOSIZIONE MOBILI,

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

Il contesto socio-economico e la Partecipazione in Provincia di Rieti

Il contesto socio-economico e la Partecipazione in Provincia di Rieti Il contesto socio-economico e la Partecipazione in Provincia di Rieti di Daniela Bucci e Roberto Fantozzi Villa Potenziani Rieti 15 Novembre 2006 Struttura della Presentazione La domanda e l offerta di

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010)

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) 20 ottobre 2010 Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla quattordicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono?

Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? MAT E RIALI D IDAT TI C I SULL I M M I GRAZ I O N E C E STIM TEMA DELL INCONTRO/UNITA DIDATTICA OBIETTIVO Quanti sono gli immigrati a Verona e da dove vengono? Fornire agli studenti alcuni dati utili a

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio PGT. DdP 02a. Comune di Cassolnovo (PV) DOCUMENTO DI PIANO Quadro conoscitivo 1 parte

PGT Piano di Governo del Territorio PGT. DdP 02a. Comune di Cassolnovo (PV) DOCUMENTO DI PIANO Quadro conoscitivo 1 parte PGT Piano di Governo del Territorio Comune di Cassolnovo (PV) COMUNE DI CASSOLNOVO (PV) 27023 Piazza Vittorio Veneto n. 1 Tel. 0381 928769 Fex. 0381 929175 p.iva 00477120182 sito internet comunale: WWW.COMUNE.CASSOLNOVO.PV.IT

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE L istruzione a Firenze La diffusione dell istruzione tra le varie classi della popolazione non soltanto misura l efficacia del sistema scolastico di un dato sistema sociale, ma fornisce anche una misura

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento

Dettagli

I bolognesi emigrati all'estero

I bolognesi emigrati all'estero I bolognesi emigrati all'estero Le principali caratteristiche degli iscritti all'anagrafe dei cittadini Italiani Residenti all'estero (AIRE) del Comune di Bologna maggio 2013 Capo Dipartimento Programmazione:

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015

CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI. Firenze, 07 maggio 2015 CONOSCERE LE CITTA METROPOLITANE: QUALI DATI, QUALI ANALISI Firenze, 07 maggio 2015 1 Le 14 città metropolitane italiane. Un primo sguardo Le città metropolitane coprono il 17% del territorio italiano

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

QUINTO RAPPORTO ANNUALE

QUINTO RAPPORTO ANNUALE QUINTO RAPPORTO ANNUALE I migranti nel mercato del lavoro in Italia a cura della Direzione Generale dell Immigrazione e delle Politiche di Integrazione 20 15 LE NOVITA DEL QUINTO RAPPORTO ANNUALE 2015.

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2014

Dossier Statistico Immigrazione 2014 Dalle discriminazioni ai diritti Dossier Statistico Immigrazione 2014 Rapporto UNAR a cura del Centro Studi e Ricerche IDOS Obiettivi del Rapporto Superare i luoghi comuni sulle migrazioni, a partire dal

Dettagli

FLUSSI TURISTICI approfondimento 2009

FLUSSI TURISTICI approfondimento 2009 FLUSSI TURISTICI approfondimento 2009 Flussi Turistici 2009: confronto Milano e Rilevazione movimento clienti per tipologia di struttura ricettiva di Milano città e Milano città 2009 ARRIVI PRESENZE ARRIVI

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA

LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA 22 settembre 2011 1 gennaio 2011 LA POPOLAZIONE STRANIERA RESIDENTE IN ITALIA Gli stranieri residenti in Italia al 1 gennaio 2011 sono 4.570.317, 335mila in più rispetto all anno precedente (+7,9%). L

Dettagli

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale

Processi innovativi. (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Processi innovativi (pp. 571-625 del volume) La numerazione delle tabelle riproduce quella del testo integrale Costruire i territori digitali Le analisi di Rur e Censis sulle città digitali, partendo dai

Dettagli

Sicurezza stradale e nuovi cittadini

Sicurezza stradale e nuovi cittadini Sicurezza stradale e nuovi cittadini Premessa Dall Unità d Italia ad oggi, la presenza straniera nel nostro Paese è profondamente mutata sia nei numeri che nella tipologia. Se, infatti, fino a qualche

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

NOTA STUDIO CONFESERCENTI

NOTA STUDIO CONFESERCENTI Ufficio Stampa NOTA STUDIO CONFESERCENTI IMPRESE, STUDIO CONFESERCENTI: GLI IMMIGRATI RESISTONO MEGLIO ALLA CRISI: NEI PRIMI NOVE MESI DEL 2012 LE IMPRESE INDIVIDUALI CON TITOLARI EXTRA UE CRESCONO DI

Dettagli

Rilevazione assenze dei dipendenti pubblici

Rilevazione assenze dei dipendenti pubblici Rilevazione assenze dei dipendenti pubblici DICEMBRE 2009 REGIONE LAZIO (Dicembre ) (1/4) COMUNE DI ANGUILLARA SABAZIA -67,0 AZIENDA UNIVERSITARIA POLICLINICO S.ANDREA -64,6 COMUNE DI PRIVERNO -55,2 AMMINISTRAZIONE

Dettagli

LA REVISIONE ANAGRAFICA

LA REVISIONE ANAGRAFICA LA REVISIONE ANAGRAFICA Allineamento tra popolazione anagrafica e popolazione calcolata post Censimento 2011 Indice Premessa... 3 XV Censimento della popolazione e delle abitazioni 2011... 3 La revisione

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

Gli indicatori per i profili di BES delle province: una valutazione del primo output informativo del progetto

Gli indicatori per i profili di BES delle province: una valutazione del primo output informativo del progetto Gli indicatori per i profili di BES delle province: una valutazione del primo output informativo del progetto Chiara Capogrossi, Giampietro Perri, Stefania Taralli 18 dicembre 2014 Sommario L individuazione

Dettagli

Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015

Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015 www.provincia.roma.it Ragioneria Generale Relazione Previsionale e Programmatica 2013-2015 D.P.R. 326/98 Sezione 1 - P. I Caratteristiche della Popolazione, del Territorio, dell Economia Insediata Strumenti

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO 1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO Ormai da quasi vent anni il comune di Torino sta perdendo popolazione. Dopo il boom demografico durato fino alla metà degli anni settanta,

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA

LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA LE VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA FOCUS SULL INDUSTRIA FARMACEUTICA Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare, diceva Seneca. Oggi l Italia, con la crisi quasi alle spalle

Dettagli

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà

Caritas/Migrantes. Dossier Statistico Immigrazione 2009. XIX Rapporto. Immigrazione: conoscenza e solidarietà Caritas/Migrantes Dossier Statistico Immigrazione 2009 XIX Rapporto Immigrazione: conoscenza e solidarietà In Europa, e specialmente nel nostro Paese, l immigrazione continua a crescere nonostante la crisi,

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

ANALISI DELLA POPOLAZIONE. 1 Comune di Marsala ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA

ANALISI DELLA POPOLAZIONE. 1 Comune di Marsala ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA ANALISI DELLA POPOLAZIONE PROCESSO DI REDAZIONE DEL PIANO STRATEGICO DELLA CITTÀ DI MARSALA FASE DI DIAGNOSTICA, LETTURA ED ASCOLTO DEL TERRITORIO

Dettagli

Milano Indicatori demografici

Milano Indicatori demografici Milano Indicatori demografici Anno 2011 Comune di Milano Area Innovazione economia e sviluppo Settore Statistica A cura di Paolo Bonomi Pagina 2 Milano Indicatori demografici Anno 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE

LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE LE IMPRESE NEL CIRCONDARIO IMOLESE CONSISTENZA E NATI-MORTALITÀ 1 SEMESTRE 2013 UFFICIO STATISTICA A cura di: Alessandro De Felice Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093445

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes

Dossier Statistico Immigrazione 2007 XVII Rapporto Caritas - Migrantes Migranti nel mondo, in Sardegna,nel Medio Campidano ASSESSORATO AL LAVORO - IMMIGRAZIONE ED EMIGRAZIONE Osservatorio provinciale sui flussi migratori Presentazione del Dossier Statistico Immigrazione 2007

Dettagli

Le richieste di accesso al sistema di agevolazione tariffaria potranno essere effettuate a partire dall 11 aprile e fino al 31 luglio.

Le richieste di accesso al sistema di agevolazione tariffaria potranno essere effettuate a partire dall 11 aprile e fino al 31 luglio. PROVINCIA DI ROMA Assessorato alle Politiche dei Trasporti e della Mobilità Dipartimento VI Governo del Territorio e della Mobilità Servizio 3 Pianificazione dei sistemi di mobilità e trasporto pubblico

Dettagli

Camera di Commercio di Roma. Le imprese turistiche della provincia di Roma

Camera di Commercio di Roma. Le imprese turistiche della provincia di Roma Camera di Commercio di Roma Le imprese turistiche della provincia di Roma Le imprese turistiche della provincia di Roma Il Rapporto è stato realizzato a cura di ISNART scpa Istituto Nazionale Ricerche

Dettagli

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO

2. GLI INTERNATIONAL STUDENT A MILANO: QUANTI SONO CAPITOLO 2 indagine QuAntitAtivA Maria Teresa Morana 1. INTRODUZIONE Gli studenti stranieri che decidono di studiare nel Comune di per un breve o lungo periodo possono scegliere tra i corsi di istruzione

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli