Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate"

Transcript

1 Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate aggiornato al 22 aprile 2015

2

3 INDICE DEI CONTENUTI 1. PREMESSA, DEFINIZIONI, RIFERIMENTI NORMATIVI Il Manuale di Gestione documentale dell Agenzia delle Entrate Ambito di applicazione del Manuale di gestione Adozione e pubblicazione del Manuale di gestione di Ente Definizioni Riferimenti normativi MODELLO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DOCUMENTALE Coordinatore della gestione documentale Aree Organizzative Omogenee Indirizzi di posta elettronica delle AOO Caselle di Posta Elettronica Certificata (PEC) Caselle di posta elettronica ordinaria Comunicazioni tra AOO dell Agenzia Servizio di gestione documentale delle AOO Responsabile della gestione documentale della AOO Vicario del Responsabile della gestione documentale Delegato del Responsabile della gestione documentale Manuale di gestione dell AOO Pubblicazione del Manuale di gestione dell AOO Aggiornamento del Manuale di gestione dell AOO Avvicendamento del Responsabile della gestione documentale PROTOCOLLAZIONE E REGISTRAZIONE DEI DOCUMENTI Il sistema dei Registri Il Registro ufficiale di protocollo Documenti esclusi dalla registrazione di protocollo Il Registro di emergenza in modalità web Il Registro di emergenza in modalità stand alone Il Registro Interno Registri particolari Unità organizzative di registrazione di protocollo Operatività delle U.O. di protocollo Segnatura di protocollo Segnatura dei documenti cartacei Segnatura dei documenti elettronici Annullamento di una protocollazione o registrazione Annullamento parziale Annullamento totale Limiti all annullamento totale Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate i

4 4. GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI Flussi documentali in ingresso Ricezione e protocollazione Formato dei documenti ricevuti in forma elettronica Corrispondenza non soggetta ad apertura Protocollazione Protocollazione differita Rilascio di ricevute attestanti la ricezione Documenti consegnati a mano Documenti inviati all AOO tramite PEC Documenti ricevuti tramite fax Processi per i quali è rilevante la prima data di arrivo del documento. 18 Processi per i quali è rilevante la data di arrivo del documento in originale Gestione dei documenti erroneamente indirizzati all Agenzia Documenti cartacei Documenti di competenza di altra AOO dell Agenzia delle Entrate Documento di competenza di altra amministrazione Documenti elettronici Documenti di competenza di altra AOO dell Agenzia delle Entrate Documento di competenza di altra amministrazione Atti notificati all Agenzia tramite messo notificatore Corrispondenza con tracciatura del mittente (es. raccomandata) Corrispondenza qualificata (es. posta raccomandata, atti notificati tramite messo notificatore) indirizzata a persona individuata nominativamente Documenti inerenti a gare d appalto Lettere anonime, documenti non firmati e documenti con firma illeggibile Segnatura Assegnazione Flussi documentali in uscita Formazione del documento Sottoscrizione Utilizzo della copia analogica di documento firmato digitalmente (art. 3 bis del Codice dell Amministrazione Digitale) Registrazione di protocollo Spedizione Utilizzo del fax tra pubbliche amministrazioni Flussi documentali interni all AOO TRATTAMENTO DEI DOCUMENTI RISERVATI TUTELA DEI DATI PERSONALI E SENSIBILI CLASSIFICAZIONE, FASCICOLAZIONE E ARCHIVIAZIONE DEI DOCUMENTI Classificazione dei documenti Titolario di classificazione Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate ii

5 Attribuzione del codice di classificazione ai documenti Fascicolazione dei documenti Archiviazione dei documenti Archiviazione dei documenti elettronici Archiviazione dei documenti cartacei Piano di conservazione dell archivio Versamento dei fascicoli nell archivio di deposito Sistema di conservazione dei documenti informatici Responsabile della Conservazione Il Manuale di conservazione PIANO DI SICUREZZA ALLEGATI Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate iii

6 1. PREMESSA, DEFINIZIONI, RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1. Il Manuale di Gestione documentale dell Agenzia delle Entrate Il Manuale di gestione documentale, previsto dall articolo adottato ai sensi dell art. 5 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 dicembre 2013, è il documento attraverso il quale vengono definite le regole e i principi per la gestione della documentazione prodotta e archiviata dalle pubbliche amministrazioni. Inoltre, il Manuale fornisce le istruzioni necessarie ad assicurare il corretto funzionamento del Servizio per la tenuta del protocollo informatico, della gestione dei flussi documentali e degli archivi (di seguito Servizio di gestione documentale) istituito, ai sensi dell art. 61 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 445/2000, presso ogni Area Organizzativa Omogenea (AOO) cioè per ciascun insieme di uffici da considerare ai fini della gestione unica e coordinata dei documenti individuato all interno dell amministrazione ai sensi dell art. 50 dello stesso DPR. L Agenzia delle Entrate è un ente articolato su più AOO e, allo scopo di assicurare uniformità di trattamento dei documenti, ha individuato la figura (prevista a questo scopo dall art. 3 del DPCM 3 dicembre 2013) del Coordinatore della Gestione documentale. In questo contesto, il Coordinatore della gestione documentale provvede ad emanare il presente Manuale di Gestione documentale per l Ente Agenzia delle Entrate (di seguito definito Manuale di Ente) che indica le regole e i principi della gestione documentale comuni a tutte le AOO dell Agenzia. Il contenuto del Manuale di Ente è vincolante per tutte le AOO. Il Manuale di Ente individua gli aspetti della gestione documentale la cui definizione è demandata alle scelte organizzative di competenza di ciascun responsabile di AOO. Tali scelte organizzative sono declinate dal responsabile dell AOO all interno del Manuale di gestione documentale dell AOO (di seguito Manuale di AOO) che pertanto integra il Manuale di Ente. In definitiva, il Manuale di Ente: definisce le regole per la gestione del Servizio di protocollo per tutte le AOO dell Agenzia delle Entrate; fissa i principi di gestione dei documenti per la gestione dei documenti con particolare riguardo all uso del titolario di classificazione e alle regole per la costituzione e manutenzione del fascicolo elettronico; Al Manuale di AOO è invece demandata, nell ambito dei principi definiti dal Manuale di ente: l individuazione delle unità organizzative responsabili delle attività di registrazione di protocollo, di organizzazione e di tenuta dei documenti all interno dell AOO; la definizione di modalità di relazione con l utenza per quanto attiene la ricezione di documenti; l individuazione delle responsabilità connesse alla gestione della documentazione ricevuta, spedita e interna all AOO. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 1

7 Ambito di applicazione del Manuale di gestione I principi gestionali contenuti nel Manuale di gestione documentale si applicano a tutti i flussi documentali in entrata e in uscita dagli uffici dell Agenzia ad eccezione di quelli riguardanti tipologie documentali per le quali siano applicabili specifiche diposizioni normative o regolamentari Adozione e pubblicazione del Manuale di gestione di Ente Il Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate è proposto dal Coordinatore della gestione documentale dell Agenzia al Tavolo Permanente ICT 1 che lo approva. Il Manuale di gestione documentale viene pubblicato sul sito internet dell Agenzia. Le modifiche al Manuale di Ente vengono approvate dal Tavolo Permanente ICT su proposta del Coordinatore della gestione documentale Definizioni Ai fini del presente manuale si intende: per Agenzia, l Agenzia delle Entrate; per CAD, il DLGS 7 marzo 2005, n.82 Codice dell Amministrazione Digitale; per Testo Unico, il DPR 445 del 20 dicembre 2000 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, per Regole tecniche, l insieme delle norme di attuazione del Codice dell Amministrazione Digitale che regolano la gestione dei documenti informatici e dei flussi documentali; per Sistema documentale, l insieme delle regole, dei processi, delle procedure e delle tecnologie utilizzato dall Agenzia delle Entrate per le attività finalizzate alla archiviazione e gestione dei documenti informatici durante il loro ciclo di vita; per Coordinatore della gestione documentale, la figura individuata ai sensi dell art. 3 delle Regole tecniche sul protocollo informatico (DPCM 3 dicembre 2013) cui compete la definizione di criteri e regole omogenee per la gestione di documenti all interno delle singole AOO dell Agenzie e le modalità di comunicazione tra le diverse AOO dell Agenzia; per AOO - Area Organizzativa Omogenea, l insieme degli uffici da considerare ai fini di una gestione unica e coordinata dei documenti; per Manuale di Ente, Il Manuale di Gestione documentale dell Agenzia delle Entrate contenente i principi e le regole per la gestione documentale valide per tutte le strutture dell Agenzia; 1 Il Tavolo Permanente ICT è stato istituito con atto del Direttore dell Agenzia n del 2 maggio Al Tavolo è stato affidata la promozione delle iniziative concernenti l attuazione delle direttive in materia di digitalizzazione, nonché la pianificazione e il coordinamento del processo di diffusione della dematerializzazione dei documenti. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 2

8 per Manuale di AOO, il documento redatto, ad integrazione del Manuale di Ente, nel quale il Responsabile di ciascuna Area Organizzativa Omogenea esplicita le scelte organizzative che il Manuale di Ente riserva alla sua competenza; per Servizio di gestione documentale, il Servizio per la tenuta del protocollo e la gestione dei flussi documentali e degli archivi (previsto dall articolo 61 del D.P.R. 445 del 20 dicembre 2000 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) istituito presso ciascuna AOO dell Agenzia, al quale spetta il compito di garantire il corretto impiego del sistema di protocollo e assicura, in generale, il funzionamento del sistema di gestione documentale; per Responsabile della gestione documentale, il Responsabile del Servizio di gestione documentale individuato in ciascuna AOO dell Agenzia, per ProtocolloASP/NSD, l applicazione utilizzata dagli uffici dell Agenzia delle Entrate per la gestione del registro di protocollo le registrazioni di protocollo e per la gestione dei documenti. per SOGEI, la Società che eroga il Servizio di Protocollo Informatico e di gestione documentale. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 3

9 1.3. Riferimenti normativi Nella redazione del presente Manuale di Gestione si è tenuto conto, in particolare, di quanto previsto dalle seguenti norme in materia di gestione dei documenti amministrativi e dei flussi documentali: Legge 7 agosto 1990 n Nuove norme sul procedimento amministrativo; Legge 15 marzo 1997 n. 59 Per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa; Decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa; Decreto legislativo 30 giugno 2003, n.196 Codice in materia di protezione dei dati personali; Decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n Regolamento recante disposizioni per l utilizzo della posta elettronica certificata; Decreto legislativo 7 marzo 2005 n Codice dell amministrazione Digitale, aggiornato e integrato dal D. Lgs. 4 aprile 2006 n. 159; Legge 28 gennaio 2009, n. 2 - Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, recante misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 6 maggio Disposizioni in materia di rilascio e di uso della casella di posta elettronica certificata assegnata ai cittadini Decreto legislativo 27 ottobre 2009 n Attuazione della legge 4 marzo 2009 n. 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni; Decreto legislativo 30 dicembre 2010 n Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82, recante Codice dell'amministrazione digitale, a norma dell'articolo 33 della legge 18 giugno 2009, n. 69; Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 Dicembre Regole tecniche per il protocollo informatico; Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 novembre 2014 Regole tecniche in materia di formazione, trasmissione, copia, duplicazione, riproduzione e validazione temporale dei documenti informatici e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 4

10 2. MODELLO ORGANIZZATIVO PER LA GESTIONE DOCUMENTALE 2.1. Coordinatore della gestione documentale L Agenzia delle Entrate si configura come un ente articolato su una pluralità di Aree Organizzative Omogenee (AOO), articolate nelle tipologie descritte al successivo punto 2.2. Al fine di garantire criteri uniformi per la gestione dei documenti nelle diverse AOO, e in linea con quanto previsto dall articolo 3 del DPCM 3 dicembre 2013, l Agenzia ha individuato il Coordinatore della gestione documentale nel responsabile dell Ufficio analisi dei processi e gestione documentale della Direzione centrale del Personale. Il Coordinatore della gestione documentale assolve ai compiti indicati nell art. 4 del DPCM 3 dicembre 2013 e, in particolare: - predispone il Manuale di gestione documentale dell Ente Agenzia delle Entrate, definendo i principi e le regole di gestione documentale comuni a tutte le AOO dell Agenzia; - predispone lo schema di Manuale di gestione da adottare presso ciascuna AOO dell Agenzia che rappresenta parte integrante del Manuale di Ente; - predispone, d intesa con il responsabile della conservazione, il responsabile dei sistemi informativi, il responsabile del trattamento dei dati personali e il responsabile dell ufficio i cui all art. 17 del CAD, il piano per la sicurezza informatica relativo alla formazione, alla gestione, alla trasmissione, all interscambio, all accesso e alla conservazione dei documenti informatici Aree Organizzative Omogenee Ai sensi dell art. 50 del Testo Unico, l Agenzia delle Entrate ha individuato le Aree Organizzative Omogenee (AOO), cioè gli insiemi di uffici da considerare ai fini di una gestione unica e coordinata dei documenti. Le AOO dell Agenzia possono essere distinte nelle seguenti tipologie: AOO centrale : è un AOO unica, comprendente l Ufficio del Direttore dell Agenzia, gli uffici di staff al Direttore dell Agenzia e tutte le Direzioni Centrali; AOO regionali : si identificano con ciascuna Direzione regionale dell Agenzia, con la Direzione provinciale di Trento e con la Direzione provinciale di Bolzano; AOO provinciali : coincidono con ciascuna Direzione provinciale e ciascun Ufficio provinciale - Territorio; AOO CAM : coincidono con ciascun Centro di Assistenza Multicanale (CAM); AOO CO : corrispondono con ciascun Centro Operativo (CO). L elenco delle AOO individuate per l Agenzia delle Entrate è allegato al presente Manuale. L elenco delle AOO è suscettibile di modifica in relazione all individuazione di nuove AOO o alla riorganizzazione delle medesime. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 5

11 L aggiornamento dell elenco è garantito dal Coordinatore della gestione documentale Indirizzi di posta elettronica delle AOO Caselle di Posta Elettronica Certificata (PEC) Presso ciascuna AOO dell Agenzia delle Entrate è stato istituito almeno un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC). Gli indirizzi di PEC delle AOO sono pubblicati sul sito internet dell Agenzia ( e nell Indice PA (consultabile all indirizzo Le caselle di PEC attive presso le AOO dell Agenzia delle Entrate ricevono esclusivamente messaggi inviati da altre caselle di PEC Caselle di posta elettronica ordinaria Presso ciascuna AOO dell Agenzia è attivo almeno un indirizzo di posta elettronica ordinaria istituzionale. Gli indirizzi di posta elettronica ordinaria delle AOO sono pubblicati sul sito internet dell Agenzia ( e nell Indice PA (consultabile all indirizzo Comunicazioni tra AOO dell Agenzia Le comunicazioni scambiate tra diverse AOO dell Agenzia delle Entrate avvengono: tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) quando la comunicazione ha il valore di posta raccomandata o, comunque, sia necessario attestare con certezza il momento dell invio e della ricezione; tramite posta elettronica ordinaria in tutti gli altri casi. In ogni caso, lo scambio di comunicazioni tra AOO dell Agenzia non avviene mai tramite la posta ordinaria, posta raccomandata o fax, ad eccezione dei casi in cui l uso dei suddetti mezzi di comunicazione sia espressamente richiamato dalle norme applicabili Servizio di gestione documentale delle AOO All interno di ogni singola AOO è istituito, ai sensi dell art. 61 del DPR n. 445/2000 (Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) il Servizio per la tenuta del protocollo e la gestione dei flussi documentali e degli archivi, di seguito definito Servizio di gestione documentale al quale spetta il compito di garantire il corretto impiego del sistema di protocollo e assicura, in generale, il funzionamento del sistema di gestione documentale Responsabile della gestione documentale della AOO Per ogni AOO è individuato il Responsabile della gestione documentale, preposto al Servizio di gestione documentale, nelle seguenti figure: per l AOO centrale: coincide con il Responsabile della dematerializzazione dei documenti e della gestione dei flussi; Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 6

12 per le AOO regionali : coincide con il direttore regionale o con altro dirigente della direzione regionale indicato dal direttore regionale e con il direttore provinciale, o altro dirigente indicato dal direttore provinciale per la Direzione provinciale di Bolzano e la Direzione provinciale di Trento; per le AOO provinciali : coincide con il direttore provinciale e con il direttore dell ufficio provinciale Territorio, per le rispettive strutture; per le AOO CAM : coincide con il direttore del Centro di Assistenza Multicanale; per le AOO CO : coincide con il direttore del Centro Operativo. Il Responsabile della gestione documentale assicura il rispetto, nell ambito dell AOO, delle indicazioni contenute nel presente Manuale di Ente e definisce le scelte organizzative connesse alla gestione documentale e del protocollo informatico che il presente Manuale di Ente rimanda alla sua competenza. In particolare, il Responsabile della gestione documentale: a) attribuisce il livello di autorizzazione per l accesso alle funzioni del sistema di protocollo informatico e di gestione documentale; b) garantisce che le operazioni di registrazione e di segnatura di protocollo si svolgano nel rispetto nel rispetto delle normative vigenti; c) cura che le funzionalità del sistema in caso di guasti o anomalie siano ripristinate nel più breve tempo possibile; d) garantisce il buon funzionamento degli strumenti e dell organizzazione delle attività di registrazione di protocollo, di gestione dei documenti e dei flussi documentali; e) autorizza le operazioni di annullamento delle registrazioni di protocollo di cui all'articolo 54 del DPR 445/2000; f) autorizza l apertura del registro di emergenza nella modalità stand alone (vedi successivo punto 3.1.3) dopo aver accertato l indisponibilità del sistema e, dopo aver verificato il ripristino del suo corretto funzionamento, ne dispone la chiusura. Le determinazioni assunte in materia di gestione documentale da parte del Responsabile della gestione documentale dell AOO ad integrazione di quelle previste nel Manuale di Ente sono raccolte nel Manuale di gestione dell AOO, redatto secondo le indicazioni fornite dal presente Manuale e approvato dal Responsabile della gestione documentale dell AOO Vicario del Responsabile della gestione documentale Ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. b) del DPCM 3 dicembre 2013, il Responsabile della gestione documentale individua un vicario per i casi di vacanza, assenza o impedimento del Responsabile Delegato del Responsabile della gestione documentale Allo scopo di agevolare l assolvimento dei compiti assegnatigli, il Responsabile della gestione documentale può individuare, all interno di ciascuna AOO, un suo delegato definendo, eventualmente, il contesto organizzativo nel quale egli può esercitare le attività delegate. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 7

13 Il delegato del Responsabile della gestione documentale, nell ambito del contesto nel quale esercita la delega, può svolgere alcune funzioni, meramente operative, attribuite al Responsabile della gestione documentale necessarie per garantire il buon andamento della gestione documentale in una struttura articolata e complessa. Pertanto il Delegato del Responsabile della gestione documentale può: attribuire il livello di autorizzazione per l'accesso alle funzioni del sistema di protocollo informatico e di gestione documentale assegnando i relativi ruoli agli utenti dell AOO; garantire che le operazioni di registrazione e di segnatura di protocollo si svolgano nel rispetto delle normative vigenti; autorizzare le operazioni di annullamento delle registrazioni di protocollo Manuale di gestione dell AOO Le scelte organizzative demandate dal presenta Manuale di Ente al Responsabile della Gestione documentale dell AOO vengono raccolte nel Manuale di gestione documentale dell AOO, di seguito Manuale di AOO. Lo schema di Manuale di AOO è definito dal Coordinatore della gestione documentale. e, in particolare: a) descrive il flusso di lavorazione dei documenti ricevuti, spediti o interni, all AOO; b) definisce le regole di registrazione, di smistamento e di assegnazione dei documenti ricevuti; c) definisce le modalità di formazione e gestione dei fascicoli informatici e delle aggregazioni documentali informatiche; d) indica le unità organizzative responsabili delle attività di registrazione di protocollo e i relativi orari di operatività; e) indica le unità organizzative responsabili per l organizzazione e la tenuta dei documenti all interno dell AOO; f) indica tipologie di documenti esclusi dalla registrazione di protocollo o soggetti a registrazione particolare, ulteriori rispetto a quelle indicate nel Manuale di Ente; g) i criteri e le modalità per il rilascio delle abilitazioni di accesso al sistema di protocollo e di gestione documentale indicando i relativi ruoli utilizzati all interno dell AOO; h) i criteri e le modalità di accesso alle registrazioni e alle informazioni documentali da parte di soggetti estranei all AOO; i) le modalità di utilizzo del registro di emergenza all interno dell AOO. Il Manuale di AOO è adottato con Ordine di Servizio del Responsabile della gestione documentale dell AOO. L Ordine di Servizio è registrato nel Registro interno dell AOO (vedi punto 3.1.4, Il Registro Interno) Pubblicazione del Manuale di gestione dell AOO Il Manuale di gestione dell AOO è pubblicato sul sito internet istituzionale dell Agenzia delle Entrate e nello spazio intranet dedicato all AOO (o della direzione regionale, se la pagina intranet dell AOO non è disponibile). Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 8

14 Aggiornamento del Manuale di gestione dell AOO Il Manuale di gestione dell AOO viene aggiornato ogni qualvolta il Responsabile delle gestione documentale lo ritiene opportuno. Ogni nuova versione del Manuale di AOO viene adottata con Ordine di Servizio del Responsabile della gestione documentale dell AOO. L Ordine di Servizio viene registrato nel Registro interno dell AOO (vedi punto 3.1.4, Il Registro Interno). Il Responsabile della gestione documentale richiede tempestivamente la pubblicazione di ogni nuova versione del Manuale di AOO sul sito internet dell Agenzia e nello spazio intranet dedicato Avvicendamento del Responsabile della gestione documentale Nel caso di avvicendamento del Responsabile della gestione documentale dell AOO, il nuovo Responsabile deve prendere visione del Manuale di AOO, verificare le regole in esso contenute ed eventualmente modificarle aggiornando il Manuale con proprio Ordine di Servizio. Le regole contenute nel Manuale di AOO si intendono valide fino all eventuale Ordine di Servizio che le modifica. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 9

15 3. PROTOCOLLAZIONE E REGISTRAZIONE DEI DOCUMENTI All interno dell AOO tutti i documenti devono essere oggetto di registrazione. In particolare, per i documenti ricevuti e spediti dall AOO, la registrazione di protocollo prevista dall art. 53 del DPR 445/2000 ha la funzione giuridica di garantire la trasparenza amministrativa in relazione alle operazioni di ricezione e di invio dei documenti da parte dell AOO. Tramite il Registro di Protocollo (e gli altri registri istituiti con le finalità indicate nel presente Manuale) è possibile registrare ufficialmente l esistenza di un documento all interno delle AOO e tenere traccia delle sue movimentazioni Il sistema dei Registri In ciascuna AOO sono istituiti i seguenti registri obbligatori: il Registro Ufficiale di Protocollo, per registrare le comunicazioni ricevute e spedite dalla AOO; il Registro di Protocollo di emergenza in modalità web, automaticamente attivato nel caso di indisponibilità generalizzata del sistema di protocollo centralizzato; il Registro di Protocollo di Emergenza in modalità stand alone, da attivare, su provvedimento del Responsabile della gestione documentale dell AOO in caso di malfunzionamenti prolungati dell applicazione informatica. un unico Registro Interno, utilizzato per tracciare le comunicazioni che si svolgono tra strutture interne all AOO. Su autorizzazione del Coordinatore della gestione documentale possono, inoltre, essere istituiti Registri particolari destinati alla registrazione di particolari tipologie di documenti secondo quanto previsto nel paragrafo Registri particolari Il Registro ufficiale di protocollo Ai sensi dell art. 53 del D.P.R. 445/2000, sono soggetti alla registrazione sul registro Ufficiale di protocollo: - tutti i documenti ricevuti dall AOO; - tutti i documenti spediti, consegnati o, comunque, in uscita dall AOO. La registrazione sul Registro Ufficiale di protocollo avviene utilizzando il sistema ProtocolloASP/NSD. Il numero di protocollo attribuito dal sistema informatico individua un unico documento (e i suoi eventuali allegati) e, di conseguenza, ogni documento reca un solo numero di protocollo. Nell ambito di ogni AOO la numerazione progressiva delle registrazioni di protocollo è unica, si chiude al 31 dicembre di ogni anno e ricomincia dal primo gennaio dell anno successivo. Non è consentita l attribuzione manuale di numeri di protocollo. Non è possibile attribuire ad un documento un numero già attribuito dal sistema informatico ad altri documenti, anche se questi documenti sono strettamente correlati tra loro. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 10

16 Non è pertanto consentito in nessun caso l utilizzo di un unico numero di protocollo per il documento in arrivo e per il documento in partenza. Le informazioni da inserire obbligatoriamente nella registrazione di protocollo sono (art. 53 del D.P.R. n. 445/2000): il numero di protocollo e la data di registrazione attribuiti in automatico dal sistema; il mittente/destinatario; l oggetto; l impronta del documento informatico se trasmesso per via telematica Documenti esclusi dalla registrazione di protocollo Sono esclusi dall obbligo di registrazione le seguenti tipologie di documenti: le Gazzette ufficiali; i Bollettini ufficiali e i notiziari della pubblica amministrazione; le note di ricezione delle circolari e altre disposizioni; i materiali statistici; gli atti preparatori interni; i giornali, le riviste, i materiali pubblicitari e gli inviti a manifestazioni; i documenti già soggetti a registrazione particolare dell amministrazione Il Registro di emergenza in modalità web In caso di indisponibilità generalizzata del sistema di protocollo informatico, dovuta a problemi infrastrutturali del sistema ProtocolloASP/NSD, a problemi del sistema di autenticazione o delle reti locali per cui non è possibile accedere ai sistemi centrali, viene automaticamente attivato, simultaneamente per tutte le AOO, il Registro di Emergenza in modalità web. Durante l impiego del Registro di emergenza web è possibile continuare le registrazioni di protocollo anche in assenza del sistema centralizzato: ad ogni documento registrato in modalità di emergenza viene attribuito un identificativo numerico che viene comunicato al mittente a valere per qualunque successivo rapporto con l ufficio. La sequenza numerica utilizzata sul Registro di emergenza web garantisce l identificazione univoca dei documenti registrati dall AOO. Una volta superate le criticità che hanno determinato l avvio della protocollazione di emergenza web, il sistema di protocollazione viene automaticamente ripristinato. Le registrazioni di protocollo effettuate in regime di emergenza web vengono automaticamente riversate nel Registro Ufficiale di protocollo alla conclusione del malfunzionamento e il sistema provvede al collegamento automatico tra il numero di registrazione di emergenza ed il numero di protocollo ufficiale Il Registro di emergenza in modalità stand alone Nel caso in cui i malfunzionamenti del sistema ProtocolloASP/NSD siano tali da non poter essere risolti mediante la protocollazione di emergenza in modalità web, Il Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 11

17 Responsabile della gestione documentale dell AOO autorizza il ricorso alla protocollazione sui Registri di emergenza stand alone. L autorizzazione può essere concessa anche con semplice da registrare sul registro Interno dell AOO e da conservare agli atti dell ufficio. La protocollazione sui Registri di emergenza stand alone può avvenire solo presso specifiche postazioni di lavoro sulle quali è stato preventivamente installato l apposito software, consentendo quindi alla AOO di proseguire le attività di protocollazione. L elenco delle postazioni presso le quali sono installati i Registri di emergenza deve essere portato a conoscenza del personale dell AOO e deve essere dichiarato all interno del Manuale di gestione dell AOO. Il Responsabile della gestione documentale assicura che presso ciascuna postazione di emergenza siano sempre disponibili le versioni aggiornate delle indicazioni agli utenti per operare in emergenza. Durante l impiego del Registro di emergenza, ad ogni documento registrato viene attributo un identificativo numerico che viene comunicato al mittente a valere per qualunque successivo rapporto con l ufficio. La sequenza numerica utilizzata su ogni Registro di emergenza garantisce l identificazione univoca dei documenti registrati dall AOO. Una volta constatata la cessazione delle cause che avevano determinato il ricorso alla protocollazione di emergenza, il Responsabile del Servizio dispone la chiusura dei registri di emergenza stand alone e si assicura che le normali modalità di protocollazione anche siano state ripristinate su tutte le postazioni precedentemente adibite alla protocollazione di emergenza. Le registrazioni di protocollo effettuate in regime di emergenza vengono riversate nel Registro Ufficiale alla conclusione del malfunzionamento e il sistema provvede al collegamento automatico tra il numero di registrazione di emergenza ed il numero di protocollo ufficiale Il Registro Interno Il Registro Interno è utilizzato per registrare i documenti scambiati tra strutture interne (ordini di servizio, comunicazioni tra uffici interni, comunicazioni al personale, ecc.) dell AOO e non destinati all invio a soggetti esterni all AOO stessa. Il Registro Interno è tenuto mediante l applicazione ProtocolloASP/NSD. Per ogni documento (e per i suoi allegati) registrato nel Registro Interno sono registrate, in maniera non modificabile, le seguenti informazioni: il numero di registrazione e la data di registrazione attribuiti in automatico dal sistema; l oggetto. Nell ambito dell AOO la numerazione progressiva delle registrazioni interne, analogamente alle registrazioni di protocollo, è unica, si chiude al 31 dicembre di ogni anno e ricomincia dal primo gennaio dell anno successivo Registri particolari Oltre ai registri di cui ai punti precedenti, la cui istituzione è obbligatoria per tutte le AOO, all interno dell AOO possono essere istituiti Registri particolari, destinati alla Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 12

18 registrazione di tipologie di documenti omogenee per contenuto, finalità o modalità di gestione. Le possibili tipologie di Registri particolari sono le seguenti: - di corrispondenza, se destinati a registrare documenti in entrata o in uscita dall AOO - interni, se finalizzati a registrare documenti non destinati all invio all esterno dell AOO In funzione della loro tipologia, i Registri particolari devono assicurare modalità di registrazioni analoghe a quelle assicurate, rispettivamente, per le registrazioni effettuate sul Registro Ufficiale di protocollo e sul Registro interno. In particolare, deve essere assicurata la consequenzialità dei numeri di registrazione attribuiti in forma automatica e la non modificabilità delle registrazioni, salvo quanto previsto per l annullamento (totale o parziale) delle registrazioni. L istituzione dei Registri particolari è autorizzata dal Coordinatore della gestione documentale che ne valuta l opportunità in base ai principi di gestione dei documenti declinati nel presente Manuale e nelle eventuali Linee guida emanate. I Registri particolari autorizzati dal Coordinatore della Gestione documentale sono riportati: - in un apposito elenco, da pubblicare entro sei mesi dall entrata in vigore del presente Manuale e aggiornato dal Coordinatore della gestione documentale, che riporta, per ciascun registro, l indicazione dell AOO presso il registro è stato istituito; - nel Manuale di gestione dell AOO presso il quale il Registro particolare è stato istituito Unità organizzative di registrazione di protocollo Il Responsabile della gestione documentale dell AOO individua, all interno dell AOO, le Unità Organizzative di protocollo, cioè le articolazioni interne dell AOO preposte alla protocollazione in entrata e in uscita dei documenti, scegliendo uno dei seguenti modelli organizzativi: - Protocollazione centralizzata, con l individuazione di una unica U.O. di protocollo per ciascuna sede fisica dell AOO; - Protocollazione distribuita, con l individuazione di più U.O. di protocollo. Il modello di protocollazione scelto dal Responsabile dell AOO e l elenco delle U.O. di protocollo è riportato nel Manuale di AOO Operatività delle U.O. di protocollo Il Responsabile della gestione documentale dell AOO definisce l orario di operatività delle Unità Organizzative di protocollo all interno del quale è assicurata la protocollazione dei documenti nella stessa giornata di ricezione, salvo quanto previsto dal punto (Protocollazione differita). L orario di operatività delle U.O. di protocollo individuate in corrispondenza di uffici dell Agenzia aperti al pubblico coincide con l orario di apertura al pubblico. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 13

19 L orario di operatività delle U.O. di protocollo è pubblicato nel Manuale dell AOO e il Responsabile della gestione documentale dell AOO assicura che tale orario venga portato a conoscenza dell utenza con ogni utile mezzo Segnatura di protocollo Segnatura dei documenti cartacei La segnatura di protocollo è l apposizione o l associazione all originale del documento, in forma permanente non modificabile, delle informazioni riguardanti il documento stesso. Essa consente di individuare ciascun documento in modo inequivocabile. La segnatura di protocollo di un documento cartaceo avviene attraverso l apposizione su di esso di un segno grafico (ad esempio: un timbro, un etichetta a lettura ottica, ecc.) sul quale vengono riportate le informazioni minime richieste dall art. 55 del D.P.R. 445/2000: codice identificativo dell amministrazione e dell AOO; identificativo del Registro; data e numero di protocollo del documento; Segnatura dei documenti elettronici Per i documenti prodotti in formato elettronico e firmati digitalmente la segnatura di protocollo non può essere apposta sul documento e, pertanto, è necessario assicurarsi che essa sia allegata al documento originale. Per i documenti elettronici protocollati in ingresso l associazione permanente tra la segnatura e il documento è assicurata nell ambito del sistema ProtocolloASP/NSD. Per i documenti prodotti dall AOO e destinati ad essere inviati a destinatari esterni all AOO si distinguono i seguenti casi: - per i documenti inviati tramite Posta Elettronica Certificata utilizzando le funzionalità del sistema ProtocolloASP/NSD, i dati della segnatura di protocollo di un documento informatico sono contenuti in un apposito file di segnatura (la cui strutture e contenuti sono conformi alle disposizioni tecniche vigenti) automaticamente allegato al messaggio in uscita; - per i documenti elettronici inviati in qualsiasi altra modalità, gli estremi della segnatura devono essere comunicati al destinatario contestualmente all invio del documento originale Annullamento di una protocollazione o registrazione L annullamento di un registrazione avvenuta sul Registro Ufficiale di protocollo o su qualunque altro registro istituito all interno dell AOO può essere: - parziale, quando riguarda solo alcuni elementi della registrazione (oggetto, mittente/destinatario); - totale, quando riguarda l intera registrazione. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 14

20 Annullamento parziale In caso di meri errori materiali nella definizione dell oggetto o nella identificazione del mittente/destinatario di una protocollazione o registrazione di un documento è possibile procedere all annullamento parziale della protocollazione/registrazione per correggere tali errori. L annullamento parziale della protocollazione/registrazione è consentito agli utenti del sistema ProtocolloASP/NSD in possesso dei relativi permessi. Il sistema di protocollo informatico mantiene memoria della modifica effettuata e del suo autore Annullamento totale Nel caso di errore che determini il venire meno del documento o della sua ricezione/spedizione, si procede all annullamento totale della protocollazione/ registrazione. L annullamento totale di una protocollazione/registrazione viene disposto dal Responsabile della gestione documentale (o da un suo delegato) sulla base di una specifica richiesta scritta che riporti i motivi per i quali si rende necessario l annullamento. Gli estremi del provvedimento con il quale viene disposto l annullamento sono inseriti nell applicazione al momento dell annullamento del protocollo. L operazione di annullamento totale di una protocollazione/registrazione può essere effettuata solo dagli utenti del sistema ProtocolloASP/NSD in possesso di un idoneo privilegio. L annullamento totale non fa venir meno il numero di protocollo/registrazione che quindi non può essere riutilizzato ma determina l inopponibilità assoluta della registrazione. Il sistema ProtocolloASP/NSD mantiene comunque traccia dell annullamento, consentendo la consultazione di dati annullati, e del suo autore Limiti all annullamento totale Una registrazione di protocollo su un documento in uscita dall AOO è possibile solo prima che l invio del documento si sia completato. Non è possibile procedere all annullamento totale di una registrazione di uscita laddove sia verificata l effettiva spedizione del documento. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 15

21 4. GESTIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI 4.1. Flussi documentali in ingresso La gestione dei flussi documentali relativi alla documentazione ricevuta dalle AOO dell Agenzia delle Entrate si svolge secondo le seguenti fasi: 1. Ricezione 2. Protocollazione 3. Segnatura 4. Assegnazione Ricezione e protocollazione I documenti posso pervenire all AOO: in forma cartacea tramite: il servizio postale; consegna diretta presso uno degli uffici o degli sportelli dell AOO aperti al pubblico; apparecchi fax; in forma elettronica attraverso una delle caselle di posta elettronica (ordinaria o certificata) attivate presso l AOO e i cui indirizzi sono pubblicati sul sito internet dell Agenzia e nell Indice delle Pubbliche Amministrazioni; i servizi online resi disponibili tramute il sito internet dell Agenzia delle Entrate Formato dei documenti ricevuti in forma elettronica Salvo i casi in cui, in relazione a specifici flussi documentali, vi siano particolari previsioni normative, provvedimenti del Direttore dell Agenzia delle Entrate o istruzioni operative per la fruizione di servizi telematici resi disponibili dall Agenzia che dispongano diversamente, l Agenzia delle Entrate assicura l accettazione dei documenti elettronici inviati ai suoi uffici tramite posta elettronica, posta elettronica certificata, servizi telematici o consegnati su supporto informatici quando prodotti in uno dei formati riportati nel documento Elenco dei formati dei documenti elettronici (allegato al presente Manuale). In tutti gli altri casi, laddove il documento inviato o consegnato agli uffici dell Agenzia sia prodotto in formati tali da non consentirne una corretta gestione, l ufficio ne darà comunicazione al mittente richiedendo contestualmente la ripetizione dell invio in uno dei formati indicati nell elenco o in altro formato concordato con l ufficio. In ogni caso i documenti elettronici inviati o consegnati agli uffici dell Agenzia dovranno essere privi di elementi attivi, tra cui macro e campi variabili. L aggiornamento del documento Elenco dei formati dei documenti elettronici è curato dal Coordinatore della Gestione Documentale. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 16

22 Corrispondenza non soggetta ad apertura I plichi e le buste riconducibili alle seguenti categorie non devono essere aperti dalla struttura che li riceve: corrispondenza per la quale, sulla busta, sia riportata la dicitura Riservato, Segreto o qualunque altra formula idonea a far ritenere che il contenuto sia soggetto all applicazione di particolari restrizioni all accesso; corrispondenza indirizzata nominativamente a dirigenti o funzionari; corrispondenza per la quale, sulla busta, sia riportata la dicitura Personale, S.P.M. o qualunque altra formula idonea a far ritenere che si tratti di corrispondenza di carattere personale; corrispondenza relativa a gare d appalto; corrispondenza proveniente da strutture appartenenti al Servizio Sanitario Nazionale o, comunque, per la quale si possa ipotizzare un contenuto relativo ad informazioni sullo stato di salute del soggetto interessato. tutte le altre tipologie di documenti indicate dal Responsabile della gestione documentale dell AOO. La struttura che riceve la corrispondenza rientrante nelle suddette tipologie non procede all apertura dei plichi e delle buste, ma provvede all apposizione sulla busta del timbro con la data di ricezione. La protocollazione delle suddette missive seguirà le indicazioni fornite nei paragrafi successivi Protocollazione La registrazione in ingresso avviene presso le Unità Organizzative di protocollo individuate dal Responsabile della gestione documentale dell AOO. Qualora tali documenti siano stati ricevuti presso un articolazione interna dell AOO che non è stata individuata come Unità Organizzativa di protocollo, essi devono essere tempestivamente trasmessi all Unità Organizzativa di protocollo per non ritardare le operazioni di registrazione. Il Responsabile della gestione documentale dell AOO descrive nel Manuale dell AOO i più idonei flussi per la gestione della corrispondenza in entrata e in uscita. La protocollazione in entrata avviene nella stessa giornata lavorativa di ricezione per i documenti ricevuti entro l orario di operatività delle UO di protocollo preposte alla ricezione dei documenti. I documenti ricevuti oltre il suddetto orario sono protocollati entro il giorno lavorativo successivo, salvo quanto indicato al punto (Protocollazione differita). Nel caso in cui la protocollazione avvenga in giorno successivo a quello della ricezione, l addetto alla protocollazione annoterà, nel sistema di protocollo, la data di effettiva ricezione del documento Protocollazione differita Nel caso di un temporaneo, eccezionale ed imprevisto carico di lavoro che non permetta di completare il trattamento di tutta la corrispondenza ricevuta nella giornata, il Responsabile della gestione documentale dell AOO può autorizzare con proprio provvedimento la protocollazione differita, fissando, in ogni caso, un periodo massimo entro il quale l operazione deve essere effettuata. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 17

23 Il provvedimento con il quale viene autorizzato il differimento della protocollazione può essere adottato solo per le specifiche tipologie di documenti citate nel provvedimento stesso. Il provvedimento, inoltre, riporta le motivazioni che giustificano il differimento della protocollazione. Su tutti i documenti ricevuti in forma cartacea per i quali sia stata autorizzata la protocollazione differita gli addetti al Servizio di Corrispondenza appongono il timbro con la data di arrivo Rilascio di ricevute attestanti la ricezione Documenti consegnati a mano Nel caso in cui un documento venga consegnato a mano ad un ufficio dell AOO dal mittente o da altra persona incaricata e venga contestualmente richiesto il rilascio di una ricevuta attestante l avvenuta consegna, l addetto dell Unità Organizzativa di protocollo che riceve il documento provvede a protocollarlo sul Registro Ufficiale di protocollo (o su altro registro particolare istituito presso l AOO) e rilascia la ricevuta prodotta dal sistema di protocollo. Nel caso in cui non sia possibile l immediata protocollazione di un documento consegnato a mano (ad esempio, perché la consegna avviene oltre l orario di operatività delle unità organizzative responsabili della ricezioni dei documenti), il plico verrà ricevuto in deposito e verrà rilasciata una ricevuta che conterrà l elenco dei documenti consegnati e nella quale deve essere riportata la seguente dicitura La presente ricevuta non vale come ricevuta di protocollo. La protocollazione del documento consegnato sarà effettuata entro il primo giorno lavorativo utile dalla data di consegna. Documenti inviati all AOO tramite PEC Nel caso di documenti inviati all AOO tramite Posta Elettronica Certificata agli indirizzi PEC dell AOO il sistema di posta attesta l avvenuta ricezione del documento producendo una ricevuta di consegna automaticamente recapitata al mittente. Il sistema di posta non produce alcuna ricevuta nel caso di messaggi inviati da caselle di PEC a indirizzi di posta elettronica ordinaria (non certificata) dell AOO. Tutti i messaggi di Posta Elettronica Certificata, ad eccezione di quelli contenenti le tipologie di documenti escluse dalla protocollazione (vedi punto Documenti esclusi dalla registrazione di protocollo) devono essere protocollati secondo quanto descritto nei paragrafi successivi Documenti ricevuti tramite fax I documenti ricevuti tramite fax sono soggetti a protocollazione. Nel caso in cui, al documento ricevuto tramite fax segua l invio del documento originale, si distinguono i seguenti casi: Processi per i quali è rilevante la prima data di arrivo del documento Qualora il documento originale anticipato via fax pervenga successivamente, e non siano riscontrate differenze tra i due documenti, il documento ricevuto successivamente non dovrebbe essere oggetto di autonoma protocollazione ma ad esso dovranno essere attribuiti lo stesso numero e la stessa data di protocollo assegnati al fax nel momento della sua ricezione. Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 18

24 Nel caso in cui, per errore, il documento originale pervenuto successivamente dovesse essere oggetto di autonoma protocollazione, la relativa registrazione dovrà essere annullata indicando come motivazione Documento già protocollato. Processi per i quali è rilevante la data di arrivo del documento in originale Fanno eccezione alla regola sopra indicata quei documenti per i quali, in forza di norma di legge, abbia valore la ricezione del documento in forma originale (ad esempio, domande di interpello). In questi casi, qualora il documento originale sia stato anticipato via fax, la protocollazione di tale documento avverrà specificando nelle note Documento protocollato in attesa dell originale. Una volta ricevuto il documento in originale, tale successiva ricezione sarà oggetto di protocollazione e il nuovo numero di protocollo sarà collegato a quello emesso in occasione della ricezione del documento anticipato via fax Gestione dei documenti erroneamente indirizzati all Agenzia Documenti cartacei Nel caso in cui pervengano erroneamente all AOO documenti indirizzati ad altri soggetti devono essere distinte le seguenti possibilità: Documenti di competenza di altra AOO dell Agenzia delle Entrate I documenti ricevuti per i quali si individui la competenza di altra AOO dell Agenzia delle Entrate, devono essere sempre protocollati in entrata dall AOO ricevente e tempestivamente inoltrati all AOO competente indicando, nella nota di trasmissione, gli estremi della protocollazione effettuata. Documento di competenza di altra amministrazione Nel caso di documenti indirizzati o, comunque, pervenuti ad una AOO dell Agenzia delle Entrate ma indirizzati o di competenza di altra amministrazione o di altro soggetto, si distinguono i seguenti casi: se l errore viene individuato prima dell apertura del plico (ad esempio, nel caso di errore materiale nella consegna, da parte del servizio postale, di documento indirizzato ad altro destinatario): il documento viene restituito al servizio postale, al corriere privato o alla persona fisica che lo ha materialmente consegnato; se l errore viene individuato dopo l apertura del plico: il documento viene protocollato in entrata, inserendo nell oggetto la dicitura PERVENUTO PER ERRORE, e quindi inviato al mittente. Solo nel caso in cui non sia possibile individuare il mittente, il documento viene inoltrato all amministrazione competente. Documenti elettronici Nel caso in cui pervengano erroneamente sulle caselle di posta elettronica dell AOO documenti indirizzati ad altri soggetti devono essere distinte le seguenti possibilità: Documenti di competenza di altra AOO dell Agenzia delle Entrate I documenti ricevuti per i quali si individui la competenza di altra AOO dell Agenzia delle Entrate, devono essere sempre protocollati in entrata dall AOO ricevente e Manuale di gestione documentale dell Agenzia delle Entrate 19

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di CATANZARO SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI"

Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea Automobile Club di BARI Manuale di Gestione Protocollo Informatico (art.5 del DPCM 31/10/2000) Area Organizzativa Omogenea "Automobile Club di BARI" SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. AREA ORGANIZZATIVA

Dettagli

Il protocollo informatico

Il protocollo informatico La dematerializzazione dei documenti amministrativi Il protocollo informatico Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it Udine 22 novembre 2012 1 1.1 L'obbligo di registrazione dei documenti amministrativi

Dettagli

C O M U N E DI A S S E M I N I

C O M U N E DI A S S E M I N I C O M U N E DI A S S E M I N I PROVINCIA DI CAGLIARI SERVIZIO ICT MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEL FLUSSO DOCUMENTALE (artt. 3 e 5 DPCM 3/12/2013) SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI APPROVATO CON DELIBERA DELLA G.C. N. 209 DEL 12/12/2011 COMUNE DI TORRE PELLICE -------------- PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI INDICE

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI COMUNE DI MARINEO (PROV. DI PALERMO) MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI (approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 106 del 24/11/04) 1 PARTE PRIMA

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE DEI DOCUMENTI 1 INDICE SEZIONE I Articolo 1 Articolo 2 SEZIONE II Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 SEZIONE III Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 SEZIONE IV Articolo

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNE DI SAN PELLEGRINO TERME Provincia di Bergamo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONE...1 Articolo 1 - Ambito di

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di POTENZA GENNAIO 2013 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3.

Dettagli

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82

Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE (CAD) Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 Modifiche ed integrazioni introdotte dal decreto-legge 22 giugno 2012 n. 83 e 6 luglio 2012 n 95 (convertiti con modificazioni,

Dettagli

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI

PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER IL RILASCIO E L UTILIZZO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DELL AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II PER FINI ISTITUZIONALI Approvato con deliberazione n. 463 del 10.08.2015

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Approvato dalla Giunta Comunale con Deliberazione n. 170 del _08/10/2015 SOMMARIO SEZIONE I - Disposizioni di carattere generale... 4 Articolo 1: ambito di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO Prot. n. 4519 del 12/10/2015 MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO PREMESSA II presente manuale, previsto dall'art. 5 del DPCM 3 dicembre 2013, descrive il sistema di gestione e di conservazione

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi

Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi COMUNE DI COMO Servizio Archivio e Protocollo Manuale per la gestione del protocollo, dei flussi documentali e degli archivi (Artt. 3 e 5 DPCM 31 ottobre 2000) Allegato n. 9 Gestione dei flussi documentali

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI COMUNE DI MASSA MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI 1 CAPO I AMBITO DI APPLICAZIONE Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente manuale, nell ambito dell ordinamento

Dettagli

Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013)

Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013) Manuale di gestione del Protocollo informatico e dei flussi documentali (DPCM 31/10/2000 e DPCM 03/12/2013) Approvato con deliberazione G.C. n. 204 del 08/10/2015 Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

ALLEGATO N. 4. Premessa

ALLEGATO N. 4. Premessa 1 ALLEGATO N. 4 PIANO DI SICUREZZA RELATIVO ALLA FORMAZIONE, ALLA GESTIONE, ALLA TRASMISSIONE, ALL INTERSCAMBIO, ALL ACCESSO, ALLA CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Premessa Il presente piano di

Dettagli

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Ordine dei Farmacisti della Provincia di Ferrara Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Manuale gestore DT-Manuale gestore (per utenti servizio CDI) VERSIONE 2.0 del 09/10/2015 1. Premesse

Dettagli

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO

PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO PRODUZIONE E CONSERVAZIONE DEL REGISTRO GIORNALIERO DI PROTOCOLLO Sommario 1. Introduzione e breve inquadramento normativo... 2 2. Contenuti del registro giornaliero di protocollo... 4 3. Formazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Versione 1.0 Aggiornato al 29 Luglio 2009 www.to.camcom.it/guideregistroimprese Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA ANAGRAFE ECONOMICA - REGISTRO IMPRESE REGISTRO IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI COMUNE DI SANTO STEFANO LODIGIANO PROVINCIA DI LODI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Allegato 1) al Manuale di gestione APPROVATO CON ATTO DI G.C. N. 96 DEL 28.12.2015 PIANO PER LA SICUREZZA

Dettagli

Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015

Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015 Allegato alla determinazione n. 1066/000/DIG/15/0008 del 9 ottobre 2015 Regione Piemonte AZIENDA SANITARIA LOCALE CN2 VIA VIDA N. 10 12051 ALBA (CN) C.F./Partita I.V.A. n.: 02419170044 MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres.

L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres. L.R. 15/2010, art. 29, c. 1, lett. f) e g) B.U.R. 5/11/2014, n. 45 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 ottobre 2014, n. 0206/Pres. Regolamento per la disciplina della domanda tavolare telematica e

Dettagli

Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia

Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia Manuale di Gestione del protocollo informatico dell Azienda U.S.L. 3 di Pistoia 1 Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la gestione e la tenuta del protocollo informatico dell

Dettagli

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO

COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BORGOMANERO MANUALE DI GESTIONE PROTOCOLLO INFORMATICO SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI...4 ART. 1 OGGETTO DELLA DISCIPLINA... 4 ART. 2 FINALITÀ... 4 ART. 3 IL SERVIZIO DEL PROTOCOLLO... 4

Dettagli

Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea

Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Direzione provinciale di Udine Premessa L Agenzia delle Entrate si è dotata di un Manuale per la gestione documentale (di seguito, Manuale

Dettagli

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI

1. LE FASI DELLA GESTIONE DEI DOCUMENTI Testo estratto da STEANO PIGLIAPOCO, La gestione informatica dei documenti: aspetti archivistici e organizzativi, in OMENICO PIAZZA (a cura di), Il protocollo informatico per la pubblica amministrazione,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Alle amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs.

Dettagli

Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico

Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico 53 Distretto Scolastico Nocera Inferiore LICEO SCIENTIFICO STATALE N. SENSALE Via S. D Alessandro 84014 Nocera Inferiore (SA) - Tel. 081/925463 Fax 081/5173203 E-mail: saps04000b@istruzione.it saps04000b@pec.istruzione.it

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA REGOLAMENTO DELL UFFICIO DI PROTOCOLLO, DEGLI ARCHIVI E DELL UFFICIO SPEDIZIONE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 132 DEL 16 SETTEMBRE 2003 E DIVENUTO

Dettagli

PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI...

PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI... I N D I C E PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI... 3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE......3 ART. 2 DEFINIZIONI... 3 ART. 3 INDIVIDUAZIONE DELL AREA ORGANIZZATIVA OMOGENEA (AOO)....4 ART. 4

Dettagli

Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Direzione Provinciale I di Napoli

Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Direzione Provinciale I di Napoli Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Direzione Provinciale I di Napoli Premessa L Agenzia delle Entrate si è dotata di un Manuale per la gestione documentale (di seguito, Manuale

Dettagli

Valore probatorio: posta tradizionale 2 PEC

Valore probatorio: posta tradizionale 2 PEC Valore probatorio: posta tradizionale 2 PEC Il messaggio di posta tradizionale viene comunque ricevuto dal titolare della casella di PEC, imbustato in una anomalia messaggio Al mittente non certificato

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014 Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1898 DEL 17 OTTOBRE 2014 Regolamento per la disciplina

Dettagli

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE

Tribunale Militare della Spezia Manuale di Gestione del Protocollo Informatico MANUALE DI GESTIONE MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione è l insieme di regole necessarie per la gestione ed il corretto funzionamento del sistema di protocollo, dei procedimenti amministrativi informatici e del sistema

Dettagli

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Vademecum per l edizione del Manuale di Gestione documentale degli Enti Locali ai sensi dell art.5 del DPCM 3 dicembre 2013 a cura di Domenico Barone e Marco Angeloni e con la collaborazione di Gabriella

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna

Manuale di Gestione Protocollo Informatico. Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di Bologna Giugno 2012 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...2 2. DEFINIZIONI...2 3. COMPITI DEL SERVIZIO PROTOCOLLO

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata Contenuti PA digitale La Posta Elettronica Certificata Paola Cantamessa Direzione Enti Locali Cos è la PEC: E un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle

Dettagli

Direzione Provinciale di Lucca

Direzione Provinciale di Lucca Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Direzione Provinciale di Lucca Premessa L Agenzia delle Entrate si è dotata di un Manuale per la gestione documentale (di seguito Manuale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE

LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE LINEE GUIDA PER LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI, DELLE PROCEDURE E DEI PROCEDIMENTI DELL ENTE 1. La dematerializzazione degli

Dettagli

REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE"

REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE REGIONE SICILIA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO - PIEMONTE" Ctr. Papardo tel.090-3991 Messina Contrada Papardo - 98158 Messina - C.F. e Partita IVA 03051880833 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI

Dettagli

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni

Regione Siciliana. Assessorato Industria Dipartimento Industria. Area Affari Generali e Comuni Regione Siciliana Assessorato Industria Dipartimento Industria Area Affari Generali e Comuni MANUALE DEL PROTOCOLLO UNICO INFORMATICO (Documento soggetto a continuo aggiornamento) (art. 5 del DPCM 31.10.2000)

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Ufficio Provinciale Pisa Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Pisa Marzo 2012 Versione 3.0 Ufficio Provinciale Pisa SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3

Dettagli

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014

Il CAD e il Dlgs. 33. Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e il Dlgs. 33 gli obblighi delle scuole: trasparenza, dematerializzazione, archiviazione sostitutiva Brescia I.I.S. Tartaglia Olivieri 21 gennaio 2014 Il CAD e le Istituzioni scolastiche: dal documento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE SEZIONE A) DEFINIZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI PROTOCOLLO GENERALE. SEZIONE B) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI CONSERVAZIONE DIGITALE DEI DOCUMENTI

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Comune di Campogalliano Provincia di Modena

Comune di Campogalliano Provincia di Modena Comune di Campogalliano Provincia di Modena Manuale di gestione del protocollo informatico e di conservazione dei documenti Approvato con delibera di Giunta comunale n. 86 del 28 dicembre 2005 Modificato

Dettagli

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni

CAPO I Riferimenti normativi, ambito di applicazione, definizioni DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO ------------------------------------------------------------------------------------------------------------ CAPO I Riferimenti normativi, ambito

Dettagli

DIRETTIVE CONCERNENTI L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

DIRETTIVE CONCERNENTI L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Allegato A) DIRETTIVE CONCERNENTI L UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA E DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA DA PARTE DELL AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. 1. LA POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE E LA POSTA ELETTRONICA

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI

Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Il Codice dell Amministrazione Digitale IL SISTEMA DI GESTIONE INFORMATICA DEI DOCUMENTI Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Definizione 1 E un servizio, obbligatorio

Dettagli

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000)

Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 41 del 19.02.2008 In vigore

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico, dei documenti e dell archivio

Manuale di gestione del protocollo informatico, dei documenti e dell archivio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Generale Ambito Territoriale per la Provincia di Perugia Ufficio III. Manuale di gestione

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO

DEI DOCUMENTI E DELL ARCHIVIO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE

L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE L ORGANIZZAZIONE DEI FLUSSI DOCUMENTALI: LINEE GUIDA PER IL MANUALE DI GESTIONE Il Manuale di Gestione Descrive il sistema di gestione e di conservazione dei documenti e fornisce le istruzioni per il corretto

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale PRA di Padova Aprile 2012 Versione 3.0 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONE E COMPITI...3 3.

Dettagli

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI

PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI Documento n. 9 - Allegato al manuale di gestione PIANO PER LA SICUREZZA DEI DOCUMENTI INFORMATICI 1. Composizione del piano Il piano di conservazione oltre

Dettagli

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI 3 1.1 Ambito di applicazione 3 1.2 Definizioni dei termini 3 1.3 Area organizzativa omogenea 3 1.4 Servizio per la gestione informatica del protocollo, dei documenti,

Dettagli

2. RESPONSABILE DELLA GESTIONE DOCUMENTALE

2. RESPONSABILE DELLA GESTIONE DOCUMENTALE Manuale di gestione documentale per l Area Organizzativa Omogenea Direzione provinciale I di Roma Premessa L Agenzia delle Entrate si è dotata di un Manuale per la gestione documentale (di seguito, Manuale

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.

Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n. Manuale di gestione del sistema informatico di gestione documentaria Approvato con deliberazione Giunta Provinciale del 29.11.2010 n.319 Il presente Manuale è stato redatto dal Gruppo di lavoro dell Università

Dettagli

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP

L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP Prof. Stefano Pigliapoco L AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE: OPPORTUNITÀ E OBBLIGHI PER GLI ENTI ERP s.pigliapoco@unimc.it La società dell informazione e della conoscenza La digitalizzazione delle comunicazioni,

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI. (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011)

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI. (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011) DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI (Deliberazione della Giunta Comunale n. 569 del 29 dicembre 2011) PARTE PRIMA - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI...3

Dettagli

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011

Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale. CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Posta Elettronica Certificata e Firma Digitale CST Monterraneo, 9 Febbraio 2011 Agenda Posta Elettronica Certificata Cos è Riferimenti normativi Soggetti Flusso dei messaggi Vantaggi PEC nella Pubblica

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INDICE MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO E DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI ALL. A) INDICE PARTE PRIMA AMBITO DI APPLICAZIONE DEL MANUALE E DEFINIZIONI 1.1 Introduzione 1.2 Finalità del manuale 1.3

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti del Comune di Foligno

CITTÀ DI FOLIGNO. Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti del Comune di Foligno CITTÀ DI FOLIGNO Manuale di gestione ed archiviazione dei documenti Approvato con D.G.C. n. 465 del 29/12/2003 Integrato con D.G.C. n. 374 del 31/10/2007 SEZIONE I - AMBITO DI APPLICAZIONE E DEFINIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE

COMUNE DI ALEZIO MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE COMUNE DI ALEZIO MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 134 del 16/12/2015 1 SOMMARIO PRINCIPI GENERALI Premessa Definizioni e riferimenti normativi 1.1 Aree

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli e visualizzazione

Dettagli

Sommario. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

Sommario. Manuale di Gestione del Protocollo Informatico Comune di Sesto Calende Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000; DPCM 3/12/2013) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Ambito

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI

DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI E ARCHIVI DIGITALI s.pigliapoco@unimc.it Il nuovo codice dell amministrazione digitale (CAD) Il decreto legislativo 30 dicembre 2010, n. 235, adottato a norma

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO

MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO COMUNE DI BONATE SOPRA Provincia di Bergamo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO - Sezione 1 - Disposizioni generali 1.1 Ambito di applicazione 1.2 Definizioni dei termini 1.3 Area organizzativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASSA 6 Cod. fiscale 80002800458 P.zza Albania, 7 54100 Massa tel.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASSA 6 Cod. fiscale 80002800458 P.zza Albania, 7 54100 Massa tel. ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASSA 6 Cod. fiscale 80002800458 P.zza Albania, 7 54100 Massa tel. 0585/833924 e-mail: msic81200d@istruzione.it - P.E.C.:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato Generale Ufficio del Segretario Generale Manuale di gestione per l archivio e il protocollo informatico Presidenza del Consiglio dei Ministri Manuale

Dettagli

Comune di Codogno. Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi

Comune di Codogno. Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi Comune di Codogno Manuale per la gestione del protocollo informatico, dei flussi documentali e degli archivi (Articoli 3 e 5 Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 dicembre 2013) VERSIONE

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Roma, 24 luglio 2014 LA FATTURAZIONE ELETTRONICA Pubblichiamo di seguito un documento dell Agenzia per l Italia Digitale (AGID) che illustra le principali caratteristiche del passaggio alla fatturazione

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

L interscambio documentale per via telematica: strumenti e mezzi

L interscambio documentale per via telematica: strumenti e mezzi Novembre - dicembre 2012 L interscambio documentale per via telematica: strumenti e mezzi Loredana Bozzi Sistemi di comunicazione telematica Posta elettronica (posta elettronica semplice, PEC, CEC PAC)

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <<numero ed anno del fallimento>> << Società fallita>>

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <<numero ed anno del fallimento>> << Società fallita>> TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO > Si informa che con Sentenza il Tribunale di Roma ha dichiarato il fallimento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. PROT. N. 2010/143663 Provvedimento attuativo della comunicazione dell impronta relativa ai documenti informatici rilevanti ai fini tributari, ai sensi dell articolo 5 del decreto 23 gennaio 2004. IL DIRETTORE

Dettagli

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000)

Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Protocollo Informatico (D.p.r. 445/2000) Ricerca veloce degli atti, archiviazione, fascicolazione ed inventario Inserimento semplice e funzionale Collegamento tra protocolli tramite la gestione dei fascicoli

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Affari Generali e istituzionali Ufficio Affari Generali e Istituzionali, Archivio e Protocollo MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico COMUNE DI CAPOLONA (Provincia di Arezzo) Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 DPCM 31/10/2000) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Ambito

Dettagli

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...

SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... Comune di Abbiategrasso Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei Documenti e dell Archivio (artt. 3 e 5 dpcm 31/10/2000) Sommario SEZIONE 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 4 1.1 Ambito di applicazione...

Dettagli

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

PROT. 5340 A/39/d. Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - "CARLO GEMMELLARO"

PROT. 5340 A/39/d. Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - CARLO GEMMELLARO PROT. 5340 A/39/d Manuale di gestione documentale e del protocollo informatico ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE - "CARLO GEMMELLARO" Indice generale 1. Scopo e campo di applicazione del documento

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Art. 5 DPCM 3/12/2013 Regole tecniche per il protocollo informatico COMUNE DI TRECASTELLI (AN)

MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Art. 5 DPCM 3/12/2013 Regole tecniche per il protocollo informatico COMUNE DI TRECASTELLI (AN) MANUALE DI GESTIONE DOCUMENTALE Art. 5 DPCM 3/12/2013 Regole tecniche per il protocollo informatico COMUNE DI TRECASTELLI (AN) 2 INDICE SEZIONE I - Disposizioni generali... 5 Articolo 1 - Ambito di applicazione...

Dettagli

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) C.F. - P.I. 00185430477 MANUALE PER LA GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI (approvato con deliberazione G.C.

Dettagli

Identità e PEC nella prassi della PA

Identità e PEC nella prassi della PA 1/20 SDA BOCCONI Document Management Academy 2011 Identità e PEC nella prassi della PA Dott. Filippo Caravati La Posta Elettronica Certificata 2/20 La posta elettronica è uno strumento di comunicazione

Dettagli

Manuale di gestione del protocollo informatico

Manuale di gestione del protocollo informatico Manuale di gestione del protocollo informatico ALLEGATO A 1. Ambito di applicazione del manuale e definizioni...2 2. Le tipologie documentarie...3 2.1. Documenti in arrivo...3 2.2. Documenti in partenza...4

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEL PROTOCOLLO, DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI

MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEL PROTOCOLLO, DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI MANUALE DI GESTIONE INFORMATICA DEL PROTOCOLLO, DEI DOCUMENTI E DEGLI ARCHIVI SOMMARIO 1.PREMESSA...1 1.1. Ambito di applicazione...1 1.2. Definizioni...1 1.3. Principale normativa di riferimento...5 2.ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Attuazione del processo di dematerializzazione nelle Pubbliche Amministrazioni

Attuazione del processo di dematerializzazione nelle Pubbliche Amministrazioni Attuazione del processo di dematerializzazione nelle Pubbliche Amministrazioni Chiara Grapelli Archivista ed esperta in Gestione documentale Lecco, 6 maggio 2016 D.P.C.M. 3 dicembre 2013 Regole tecniche

Dettagli

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico

Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Manuale di gestione. dei flussi documentali e del Protocollo informatico Comune di SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA Manuale di gestione dei flussi documentali e del Protocollo informatico Approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.77 del 13.10.2015 Struttura Manuale di

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DELL'ARCHIVIO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI

MANUALE DI GESTIONE DELL'ARCHIVIO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI MANUALE DI GESTIONE DELL'ARCHIVIO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI Città di Cattolica Provincia di Rimini SERVIZIO PER LA GESTIONE DELL'ARCHIVIO E DEI FLUSSI DOCUMENTALI Manuale di gestione del patrimonio documentale

Dettagli

PEC: istruzioni per l uso

PEC: istruzioni per l uso PEC: istruzioni per l uso Dott.ssa Lucia Maffei Responsabile della Divisione Flussi Documentali e Informativi Posta elettronica certificata - PEC Nasce per offrire una valida e più efficace alternativa

Dettagli