ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE"

Transcript

1 ANTONIO PANELLA RUOLO DELLA COOPERAZIONE COME ELEMENTO QUALIFICANTE DEL PROCESSO DI SVILUPPO DEL SISTEMA AGROALIMENTARE Il sistema agroalimentare italiano è inserito in un contesto di mercato altamente competitivo. A seguito del periodo di stagnazione in corso il sistema produttivo si trova a lottare in un mercato ancora più competitivo, tutto questo si traduce in una revisione dei processi produttivi, obbligata e necessaria in tutte le aziende del settore agroalimentare. Il ripensamento dei sistemi produttivi a livello nazionale porterà inevitabilmente ad un successo o la perdita di competitività negli scenari nazionali, comunitari ed extracomunitari L estrema apertura dei mercati ha, sui sistemi agroalimentari nazionali, un impatto tale da costringere l offerta a ricercare vantaggi competitivi per conservare la clientela nazionale e per avvicinare il consumatore estero. Tali vantaggi competitivi devono essere ricercati in fattori che non siano solo il prezzo, ma anche la garanzia di qualità e di sicurezza alimentare ed il contenimento dei costi, derivanti da una diversa organizzazione del settore. Garanzia di qualità, contenimento dei costi, promozione del sistema paese Italia soprattutto sui mercati extraeuropei sono passaggi fondamentali che vengono richiesti dai produttori primari spesso soci di cooperative, attraverso un semplice concetto: mantenimento e rivalutazione dei prezzi del prodotto primario di qualità (il latte e la carne in stalla, la frutta sulle piante, la verdura in campo). Ai fini della competitività, l ambiente economico nel quale il sistema agroalimentare nazionale e comunitario si trova ad operare è caratterizzato da tre schemi di consumo: il primo è basato sulla necessità alimentari primarie: il divario sempre crescente tra possibilità economiche di diverse fasce di popolazione influisce sulle scelte strategiche di posizionamento delle aziende produttrici. E fuori da ogni dubbio che le aziende con grandi capacità di produzione devono tenere in considerazione due aspetti tra loro contrastanti: la diminuita capacità di spesa delle famiglie negli ultimi anni e i mercati emergenti a livello globale (Russia, brasile, paesi asean, ecc.); il secondo schema di consumo è basato sull omogeneizzazione dei consumi, frutto di campagne di comunicazione e di informazione spinte al punto tale da condizionare acquisti e abitudini alimentari; il terzo schema di consumo è invece più orientato su una segmentazione del mercato, relativamente alle preferenze, più complesse, ricercate, personali e per diversa identità culturale a livello locale. In considerazione dei modelli di consumo è evidente la necessità che il sistema agroalimentare si orienti sempre più al mercato con grande flessibilità, attraverso la ricerca di vantaggi competitivi e in considerazione di mercati sempre più vasti e competitor sempre più agguerriti. Altrettanto rilevante nello sviluppo e per un miglioramento della competitività del sistema agroalimentare italiano, è l ambiente istituzionale che con le sue decisioni influenza in maniera importante tutte le politiche economiche e commerciali dei paesi produttori; in un contesto in cui occorre tenere in giusta 1

2 considerazione l ambiente istituzionale e le logiche di mercato si mette a dura prova l efficacia delle scelte e l efficienza del sistema produttivo. Dal punto di vista della produzione agricola, l'italia è, per quantità e per qualità, uno dei massimi produttori agricoli dell'unione Europea, malgrado questo l'agricoltura soffre uno svantaggio strutturale nei confronti di tutti gli altri settori di attività economica ed è inoltre caratterizzata al suo interno da livelli di sviluppo fortemente differenziati e ineguali; si stima, ad esempio, che soltanto il 20% delle aziende agricole riesca a beneficiare dell'80% degli aiuti comunitari. L'agricoltura italiana rappresenta oltre il 20% di quella comunitaria in termini di valore aggiunto e il 16% in termini di produzione vendibile; inoltre il settore agricolo produce il 3,8% del valore aggiunto nazionale e impiega il 7% degli occupati totali. Per quanto riguarda la trasformazione dei prodotti agricoli la specializzazione dell'industria di trasformazione italiana è generalmente incentrata negli stessi comparti in cui esiste una specializzazione produttiva agricola (olio, ortaggi, frutta, vino, formaggi e carne). Questo elemento denota una forte specificità di comparto e territoriale dell'industria alimentare che può portare ad uno sviluppo agroindustriale basato su filiere territoriali e distretti produttivi anche nelle zone più deboli da questo punto di vista. In questo contesto, la cooperazione rappresenta da anni la modalità principale a disposizione degli agricoltori (produttori e fornitori della materia prima a monte della filiera) per accedere al mercato, giocando un ruolo attivo non soltanto attraverso la coltivazione e la fornitura dei prodotti agricoli, ma anche attraverso la partecipazione alle decisioni nel settore della trasformazione, della distribuzione e della commercializzazione dei prodotti segmenti ormai imprescindibili ai fini della giusta valorizzazione delle produzioni agricole e zootecniche. Su tutto il territorio nazionale sono molteplici le imprese cooperative strutturatesi con natura e funzioni di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli; il comparto zootecnico, lattiero-caseario, ortofrutticolo e vitivinicolo presentano il maggior numero di cooperative, il vitivinicolo e olivicolo presentano, in proporzione, un numero di soci significativamente superiore rispetto agli altri comparti (si tratta, nella maggior parte, di aziende agricole associate). Da evidenziare anche come la cooperazione agroalimentare nei comparti vitivinicolo, lattiero caseario e zootecnico è molto legata ai prodotti tipici regionali o nazionali. Nella produzione di frutta e verdura si agisce invece sulla differenziazione del prodotto che si confeziona utilizzando marchi della grande distribuzione o marchi propri. Se l ortofrutticolo si caratterizza per essere il primo aggregato relativamente all occupazione attiva (circa addetti), al numero di imprese e al fatturato; nelle produzioni animali (carni fresche e trasformate e prodotti lattiero caseari) per produzione, condizionamento e trasformazione il movimento cooperativo agroalimentare gioca un ruolo di primo livello nel panorama produttivo nazionale. La zootecnia da carne (comprese le imprese avi-cunicole) rappresenta il secondo comparto per fatturato nella cooperazione agroalimentare. Va anche rilevato come, in un contesto di concorrenza e di libero mercato le strutture cooperative concorrono anche tra di loro e questo soprattutto a livello locale, può portare ad un rallentamento del movimento soprattutto se si pensa che l ambito di azione della maggior parte delle cooperative del settore agroalimentare è locale o nazionale. Per questo la competizione delle cooperative sul mercato agroalimentare deve essere vista sia con l'industria che con le altre cooperative. 2

3 Le dimensioni economiche e gli scostamenti dal 2006 al 2008 e con alcune proiezioni al 2010 dimostrano una tenuta ed un incremento del tessuto cooperativo agroalimentare è inoltre significativa la tenuta del numero totale degli addetti dal 2006 al 2010 soprattutto in relazione alla previsione 2010 e cioè in pieno periodo di recessione (-0,6 %). Il RUOLO della cooperazione nel settore agroalimentare italiano è sicuramente di primo piano ed è confermato da un fatturato pari al 24% del fatturato totale del settore agroalimentare italiano, rappresentando così il 36% della produzione lorda vendibile del settore agricolo. Inoltre, secondo dati del 2008, le circa 5834 cooperative agricole italiane rappresentano una base sociale di circa soci e addetti, con una dimensione media in termini di fatturato pari a 5,9 milioni di euro. Questi numeri definiscono il ruolo di leadership delle grandi cooperative nel sistema agroalimentare nazionale: nella classifica delle prime 50 imprese alimentari del Paese, 10 sono cooperative. Con la sua radicata presenza sul territorio la cooperazione rappresenta inoltre un efficace strumento di valorizzazione della produzione agricola nazionale infatti, dei 50 miliardi di euro di produzione lorda vendibile italiana, poco meno di 18 miliardi (36%) sono governati (trasformati e veicolati) da imprese cooperative e di questi ben 13 miliardi (26%) sono costituiti dai conferimenti dei soci. I conferimenti da socio sono di particolare interesse e tratto distintivo particolarmente virtuoso che accomuna l intero sistema cooperativo agricolo nazionale rispetto agli altri Paesi europei infatti tale valore rappresenta l 82% (inteso come media nazionale) della materia prima conferita. Un dato estremamente significativo in termini di rapporto mutualistico tra l impresa cooperativa ed il socio, basti pensare che la riforma del diritto societario del 2003 ha fissato il principio della mutualità prevalente al 50,1% del totale degli approvvigionamenti. Questo significa che le cooperative assicurano un fortissimo radicamento con il territorio e con i produttori agricoli; ciò permette ai consumatori di contare su prodotti garantiti in termini di qualità e rintracciabilità delle materie prime, ma soprattutto di origine certa. Inoltre, il fatto che la cooperazione lavori quasi esclusivamente materia prima italiana evidenzia come le cooperative siano il principale garante del modello produttivo MADE IN ITALY. La completa tracciabilità di filiera, secondo il principio dal campo alla tavola garantita dalle cooperative di trasformazione consente di ridurre la distanza tra produzione e consumo e offre alti livelli di sicurezza alimentare. Riguardo alla gestione la specificità dell impresa cooperativa sta soprattutto nella ripartizione del risultato di gestione che tende a privilegiare l interesse del socio, cercando di garantire una remunerazione spesso superiore a quella degli altri produttori di mercato e,quando questo non è possibile, cerca di essere cuscinetto nei confronti della fluttuazione di mercato del valore della materia prima agricola prodotta e conferita dai soci. Siamo quindi in presenza di una consolidata e forte attività nella fase della gestione della produzione agricola, e negli ultimi 20 anni, anche nella fase di trasformazione dei prodotti; oggi la cooperazione è sempre più orientata verso la conquista dei segmenti avanzati della commercializzazione e della distribuzione. Questo percorso di crescita è stato reso possibile grazie ad una progressiva crescita dimensionale delle imprese dovuta in gran parte a processi di concentrazione e integrazione che hanno complessivamente interessato il 40% delle cooperative agroalimentari. Sono i processi di concentrazione che hanno consentito alle cooperative di aumentare la capacità competitiva, specie sui mercati esteri e nei confronti della grande distribuzione organizzata e di conseguire un migliore posizionamento sul mercato, cercando 3

4 di trasferire sempre maggiore valore ai soci. Nonostante tutto dati recenti evidenziano che il 63% delle cooperative ha un fatturato fino a 2 ml ed il 7% non ha addirittura nessuno stabilimento, con il 63% che ha un solo stabilimento. Elementi distintivi della cooperazione del settore dell agroalimentare risultano essere e dovranno esserlo sempre di più in futuro: il peso delle cooperative del settore; la mutualità come eccellenza; la concentrazione; la cooperazione all interno della filiera agricola. Nonostante i risultati raggiunti la progressiva apertura dei mercati internazionali, la pressione esercitata dal sistema distributivo e quella interna dettata dai processi di concentrazione delle industrie alimentari hanno progressivamente accresciuto la tensione competitiva interna a tutto il sistema agroalimentare. La cooperazione è da tempo sensibile a queste tematiche e cerca di dotarsi di strumenti al fine di accelerare i processi che possono aumentare la sua capacità competitiva, anche attraverso innovazioni di carattere tecnologico e prestando una particolare attenzione all'innovazione gestionale. Dal punto di vista strategico quindi anche il settore della cooperazione agroalimentare deve confrontarsi con una coerente gestione degli strumenti e delle politiche adottabili. In questo ambito la capacità di adattare modalità, strumenti e organizzazione in maniera dinamica, risultano fattori vincenti in un mercato estremamente competitivo. Talvolta però, in condizione di particolare difficoltà la revisione degli obiettivi strategici diventa strada obbligata. Se proviamo ad analizzare alcuni punti di debolezza ci accorgiamo come l efficienza in termini di costi sia un fattore fondamentale per le imprese cooperative dell agroalimentare, insieme alla possibilità di competere sul mercato con una adeguata gamma di prodotti. Altre variabili sono la capacità di realizzare azioni di marketing e di vendita efficaci oltre che attuare azioni capaci di accedere a reti distributive significative. In una analisi aziendale interna una valutazione negativa delle variabili: costi della produzione e competizione sul mercato (marketing e ricerca&sviluppo), porta sempre a definire una assenza od una carenza di politica di prodotto, uno scarso presidio del mercato finale e una situazione di debolezza commerciale nei confronti della distribuzione. Punto di forza della cooperazione agroalimentare è la percezione di qualità del prodotto che scaturisce da una associazione tra qualità intrinseca dei prodotti agroalimentari e movimento cooperativo, anche se, in molti casi, siamo di fronte all assenza di un percorso di qualità certificato, soprattutto per le quelle realtà produttive che distribuiscono a livello locale e nazionale. Il diffondersi dell attenzione non solo alla qualità percepita ma anche a quella certificata, mercati sempre più allargati dove è strategico ridurre la distanza tra il produttore ed il consumatore finale, sono tutti aspetti di un nuovo approccio che vede la costruzione e divulgazione della filiera agroalimentare come possibile ulteriore elemento distintivo di produzioni di qualità con il quale potere competere sul mercato. La costruzione delle filiere, infatti, ha connotati diversi a seconda del comparto produttivo in cui si opera e delle scelte strategiche che al suo interno appaiono più convenienti. 4

5 Le cooperative attribuiscono una grande importanza alla possibilità di controllare la filiera poiché ciò permette loro di garantire la qualità del prodotto che, in questo settore, appare di cruciale importanza sia per la normativa esistente che per la sensibilità dei consumatori. La possibilità di tracciare l'intero percorso del prodotto dall'origine fino al consumo finale per garantirne la qualità ai consumatori è un vantaggio competitivo essenziale per le produzioni agroalimentari inoltre, l'inserimento in una filiera rappresenta un modo per differenziare le proprie attività. Di contro sono visti come elementi di debolezza i costi, la capacità di sviluppare marketing, vendita, contatti e accessi alla rete distributiva. Questo non vuol dire che il sistema cooperativo non ricerchi tali possibilità, in molti casi infatti le imprese cooperative non hanno forza sufficiente per sviluppare da sole contatti e accessi alla rete di vendita, piuttosto che azione di promozione e marketing.. In un panorama così variegato, per condizioni geografiche, sociali, economiche e di mercato, se consideriamo parametri quali modalità di approvvigionamento, in termini di quantità, qualità e tipo di conferitore, dinamicità dell azienda nella realizzazione degli investimenti e delle innovazioni, approccio al mercato e strategia aziendale, le imprese cooperative del settore agroalimentare possono essere definite, secondo uno studio dell Osservatorio sulla Cooperazione Agricola, in: Deboli - quando siamo in presenza di aziende scarsamente strutturate basso livello organizzativo e gestionale e poco inclini all innovazione ed alla produzione secondo disciplinari di qualità certificata Robuste - quando trattasi di aziende più dinamiche e strutturate, dove sono frequenti innovazioni di processo, di sistema ed organizzative al fine di mantenere e migliorare il livello di competitività sul mercato. Quello appena visto è un modo per distinguere l attitudine delle imprese cooperative, nell evoluzione del settore agroalimentare, occorre però tenere conto anche delle opportunità offerte dagli andamenti dei consumi e dall'organizzazione del sistema distributivo nazionale e internazionale. In sintesi risulta strategico: ampliare la quota di mercato dei prodotti agroalimentari; puntare su una strategia di rafforzamento della struttura organizzativa, a livello produttivo e di commercializzazione; ma anche puntare su una valorizzazione dei prodotti di qualità e dei prodotti tipici legati a specifici contesti territoriali. Altro fattore di interesse nel settore agroalimentare sono le risorse umane, il livello di istruzione, la capacità e l efficacia nella realizzazione di azioni formative; la situazione delle imprese cooperative da questo punto di vista non è diversa da quella del complesso del settore anche se in queste ultime si nota una maggiore sensibilità ed attenzione. Il livello di istruzione inoltre non è l'unico indicatore a cui ricondurre l'analisi della competenza professionale, fondamentali sono anche le competenze acquisite attraverso l affiancamento sul posto di lavoro e la trasmissione di conoscenza attraverso canali molteplici e spesso non espliciti. Il settore esprime una forte domanda di formazione e cerca alternative alle talvolta scarse possibilità offerte dal sistema dell'istruzione e della formazione professionale nella costruzione di figure professionali mirate. In tema di fabbisogni e di miglioramento delle competenze già da tempo sono state individuate le aree su cui investire per aumentare la propria capacità competitiva. 5

6 Le aziende tentano di concentrare i propri investimenti e affidano le principali ipotesi di sviluppo per il prossimo futuro a figure delle aree: marketing, pianificazione strategica, pubblicità, comunicazione e qualità. La produzione, invece, necessita di figure professionali capaci di intervenire per migliorare l'integrazione della filiera, consolidare i processi di innovazione organizzativa e tecnologica, migliorare la logistica e aumentare la conoscenza sulle tecniche di coltivazione e trasformazione. Ultimo aspetto su cui porre la vostra attenzione è la commercializzazione indirizzata all export. Se pensiamo che la parte predominante dell export dell agroalimentare è da attribuire al prodotto ortofrutticolo (prodotto facilmente deperibile) non manca certo la capacità di organizzare l export. Abbiamo già analizzato i principali canali di vendita, l allocazione di risorse per marketing e promozione, ma è alto il numero di imprese cooperative con un fatturato sotto i 2 ml o comunque non sufficientemente robuste da fare fronte ad un ufficio marketing e promozione con risorse dedicate. Ma la domanda interna è stagnante mentre quella internazionale è sempre più dinamica e quindi occorre guardare a nuovi mercati. I dati export al 2009 della cooperazione definiscono: 2.2 miliardi di di vendite all estero 6.6 % è l incidenza sul fatturato totale dell agroalimentare della cooperazione - ortofrutticolo: 39% del fatturato - vitivinicolo: 58% del fatturato 9.0% è il valore della cooperazione rispetto al totale del fatturato italiano delle esportazioni agroalimentari In questa situazione i vincoli aziendali all esportazione risultano essere principalmente: per il 22% - ridotti volumi di prodotto per il 12% - mancanza di contatti commerciali per il 8% - gamma ristretta di prodotti per il 6% - inadeguate competenze manageriali per il 8% difficoltà di rapporti con la distribuzione Il vincoli sopra elencati rappresentano il 56% del totale, per queste voci l aggregazione dei servizi può risultare strategica e capace di risolvere e migliorare le condizioni dell export. Da questo punto di vista la COOPERAZIONE diventa fondamentale anche tra aziende concorrenti sul mercato, poiché il confronto è sul mercato e non nella competizione tra le aziende. Allora potrebbe essere utile e strategico allearsi in strutture aggregate per azioni di marketing e di promozione comune e lasciare al consumatore finale la scelta del che cosa comprare, Per concludere la cooperazione italiana gioca un ruolo importante nel panorama agroalimentare italiano ma è soprattutto forte della possibilità di cooperare per porre rimedio ai punti di debolezza che dovranno essere ricercati, affrontati e risolti in breve per non perdere competitività. 6

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO

L ALLEVAMENTO OVICAPRINO L ALLEVAMENTO OVICAPRINO La fotografia La rilevanza del comparto. L allevamento ovicaprino ha una scarsa rilevanza nell economia agricola nazionale: l offerta di latte e carni ovicaprine incide per circa

Dettagli

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014

COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 COOPERAZIONE AGROALIMENTARE ASSOCIATA «AVANZATA»: TREND 2014 a cura di: Bologna, INDICE 2 IL CAMPIONE DELLA «COOPERAZIONE AVANZATA» pag. 4 «COOPERAZIONE AVANZATA»: IL FATTURATO pag. 8 «COOPERAZIONE AVANZATA»:

Dettagli

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE

L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE L ALLEVAMENTO BOVINO DA CARNE La fotografia La rilevanza del comparto: l offerta di carne bovina incide circa il 40% sul valore della produzione degli allevamenti da carne e circa ¼ su quello de totale

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf

Presentazione intermediazione finanziaria finanziamenti partecipazioni sostegno di nuovi investimenti e/o di progetti di sviluppo supporto al Mipaaf Reggio Emilia, 13 febbraio 2014 Presentazione è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf), iscritta agli artt.

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande

Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Settore delle Industrie Alimentari e Bevande Tendenze e prospettive strategiche Gennaio 2015 La rilevanza del settore agroalimentare In Italia il processo di produzione e distribuzione di prodotti agroalimentari

Dettagli

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012

PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA. Giuseppe Roma DG Censis. Roma 29 novembre 2012 PRIMO RAPPORTO SULLA COOPERAZIONE IN ITALIA Giuseppe Roma DG Censis Roma 29 novembre 2012 La forza della cooperazione nell economia italiana 80 mila cooperative Circa 1 milione 350 mila occupati (7,2%

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma

Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Osservatorio SANA 2015 L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO SILVIA ZUCCONI - Nomisma Progetto promosso da: Con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 OSSERVATORIO SANA 2015 a cura di OBIETTIVI

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE Con l indagine del Panel agroalimentare viene somministrato periodicamente un questionario ad un campione di 6 imprese dell industria agroalimentare, prevalentemente impegnate nella

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 30.1.2014 SWD(2014) 29 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE SINTESI DELLA VALUTAZIONE D'IMPATTO che accompagna il documento Proposta di REGOLAMENTO DEL

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Profilo dei vincitori del Premio europeo per l innovazione cooperativa 2009 e descrizione dei loro progetti innovativi

Profilo dei vincitori del Premio europeo per l innovazione cooperativa 2009 e descrizione dei loro progetti innovativi P(09)4743:2 dei vincitori del Premio europeo per l innovazione 2009 e descrizione dei loro progetti innovativi Categoria Processi alimentari FEIRACO S.C.G. (Spagna) Lattierocaseario Feiraco è una delle

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

IV Forum settore agroalimentare

IV Forum settore agroalimentare IV Forum settore agroalimentare Patti di Filiera Agroalimentare per lo Sviluppo del Sulcis Iglesiente Patto di Filiera: Filiera delle carni. Riunione del 06 ottobre 2011 - ore 16:00 Sala Conferenze Via

Dettagli

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP

Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti DOP e IGP Incremento dell export agroalimentare: importante valorizzare i prodotti e IGP Fra gli obiettivi del Governo a sostegno dell economia e dell occupazione, c è l incremento, entro il 2020, dell export agroalimentare

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro.

Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi poco sotto a 5,1 miliardi di euro. Denis Pantini e Paolo Bono, Nomisma Wine Monitor denis.pantini@nomisma.it paolo.bono@nomisma.it Nel 2014 il vino italiano ha ritoccato verso l alto il proprio record in termini di esportazioni, assestandosi

Dettagli

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano

La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano La risicoltura italiana e le sfide della nuova P.A.C. Enrico Losi - Ente Nazionale Risi - Milano Semine 2012 Con le semine del 2012 si è completata la vecchia riforma: tutti gli aiuti accoppiati sono stati

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale

Alcuni Dati. Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) Settore agroalimentare locale Alcuni Dati Nostre elaborazioni su dati ISTAT - CIS (2001) La valorizzazione dei prodotti agroalimentari locali nella Grande Distribuzione Imprese agroalimentari sul totale delle imprese censite Addetti

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... (Prov. ) il.. e residente in... (Prov ) Via /P.zza... n... CAP..., C.F... P.IVA.., e-mail...

Il/La sottoscritto/a.. nato/a a... (Prov. ) il.. e residente in... (Prov ) Via /P.zza... n... CAP..., C.F... P.IVA.., e-mail... Allegato A AVVISO PUBBLICO PER LA COSTITUZIONE DI UNA LONG LIST di collaboratori da impegnare in attività didattiche nell ambito del percorso di Istruzione Tecnica Superiore per: Tecnico per il controllo,

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

Il quadro di riferimento

Il quadro di riferimento Il quadro di riferimento L'agroalimentare Made in Italy rappresenta circa il 15 per cento del Prodotto Interno lordo (PIL), secondo solo al comparto manifatturiero. L'agricoltura italiana è in Europa il

Dettagli

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO

Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO marketing highlights Attrezzature e componenti di arredo per retail e GDO A cura di: Marino Serafino Identificazione del settore Produzione e distribuzione di attrezzature, soluzioni e componenti di arredo

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale

Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia. Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Le aree di specializzazione della Regione Friuli Venezia Giulia Traccia di discussione Sistema della ricerca e tessuto imprenditoriale Area di specializzazione (settore) (Identificazione dell Area di specializzazione)

Dettagli

Documenti FLAI. Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE

Documenti FLAI. Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE PER USCIRE DALLA CRISI E GUARDARE AL FUTURO SERVE UNA POLITICA INDUSTRIALE Le proposte della Cgil Documenti FLAI Settore Agroalimentare LA FILIERA AGROALIMENTARE Giovedì 8 Ottobre 2009 Sala del Tempio

Dettagli

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria

5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria 5. La sicurezza alimentare e la sanità veterinaria L impatto della globalizzazione dei mercati sia sulla sicurezza degli alimenti sia sulla salute delle popolazioni animali è stato considerevole. Il sistema

Dettagli

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte

ABBIGLIAMENTO INFANTILE SETTEMBRE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE. La voce di Databank EDIZIONE 16. prima parte EDIZIONE 16 prima parte SETTEMBRE La voce di Databank 2012 Cerved Group Spa Tutti i diritti riservati Riproduzione vietata ABBIGLIAMENTO INFANTILE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE PAROLA D ORDINE: DELOCALIZZARE

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance

Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance PROVINCIA DI COSENZA Settore Programmazione ed Internazionalizzazione Il DAQ di Sibari: aspetti normativi e governance INDICE 1. Il concetto di distretto agroalimentare 3 2. La L. R. della Calabria n.

Dettagli

Un settore d eccellenza

Un settore d eccellenza Abitare Un settore d eccellenza Il Sistema Abitare Italia rappresenta una sintesi felice di diversi settori merceologici caratterizzati da un elevato contenuto qualitativo sia di prodotto che di processo.

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

DOC. Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai. wine. Professione. Tracciabilità totale

DOC. Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai. wine. Professione. Tracciabilità totale Il territorio, la cultura e la professionalità in tutto quello che fai Analisi costi di produzione Quaderno di campagna Registri di cantina Tracciabilità e rintracciabilità Controllo autenticità del prodotto

Dettagli

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010

P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza. Genova 19 novembre 2010 P.O. Marittimo Italia Francia Bambini e Prodotti di Eccellenza Grazia Manca U.O.Informazione Comunitaria Dipartimento della Multifunzionalità dell Azienda Agricola e delle Filiere Agroalimentari per lo

Dettagli

CAPITOLO VII MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

CAPITOLO VII MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI CAPITOLO VII MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DI TRASFORMAZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI Riferimento al PSR Veneto: Misura 7 Miglioramento delle condizioni di trasformazione e di commercializzazione

Dettagli

FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE

FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE Rilevazione promossa da FRIULADRIA CRÉDIT AGRICOLE Quaderni FNE Collana Osservatori, n. 170 maggio 2013 AGROINDUSTRIA E DISTRIBUZIONE a cura di Gianluca Toschi coordinamento di Daniele Marini Sommario

Dettagli

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE

UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE ROMA UN FUTURO DA COLTIVARE PER LE AREE METROPOLITANE Relatore: Claudio Destro - Presidente Confagricoltura di Roma I nuovi orizzonti dell agricoltura multifunzionale di Roma Milano, 6 settembre 2015 Evoluzioni

Dettagli

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002).

ISA. svolge attività di supporto al Mipaaf nei procedimenti di erogazione delle agevolazioni relative ai contratti di filiera (L. 289/2002). Commissione Agricoltura Senato - Roma, 25 Luglio 2013 Presentazione ISA è una società di intermediazione finanziaria, partecipata al 100% dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf),

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

GLI ITALIANI E IL VINO Comportamenti e. all acquisto diretto dal produttore

GLI ITALIANI E IL VINO Comportamenti e. all acquisto diretto dal produttore GLI ITALIANI E IL VINO Comportamenti e propensione all acquisto diretto dal produttore DENIS PANTINI Responsabile Area Agricoltura e Industria Alimentare Vinitaly, 8 aprile 2010 I temi di approfondimento

Dettagli

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari

Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari L agroalimentare italiano nel commercio mondiale: Specializzazione, competitività e dinamiche Il made in Italy nel commercio con l estero dei prodotti agroalimentari Roberto Henke (Inea) Gruppo di lavoro:

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Problematiche concorrenziali nel settore agro-alimentare: struttura distributiva, relazioni verticali e criteri di formazione dei prezzi

Problematiche concorrenziali nel settore agro-alimentare: struttura distributiva, relazioni verticali e criteri di formazione dei prezzi Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Problematiche concorrenziali nel settore agro-alimentare: struttura distributiva, relazioni verticali e criteri di formazione dei prezzi Roma Palazzo Rospigliosi

Dettagli

CREDITO E COOPERAZIONE

CREDITO E COOPERAZIONE CREDITO E COOPERAZIONE PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO 2 L Osservatorio e l analisi sul credito 3 Osservatorio della cooperazione agricola italiana Istituito presso il Mipaaf(legge 11/11/2005 n. 231) Sostenuto

Dettagli

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere. Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano LA TRACCIABILITÀ DEI PRODOTTI AGRO-ALIMENTARI: UN ANALISI DELLE IMPLICAZIONI ECONOMICHE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E PER I CONSUMATORI Alessandro Banterle e Alessia Cavaliere Dipartimento di Economia

Dettagli

Il sistema agroalimentare

Il sistema agroalimentare ENAA 2015/2016 Il sistema agroalimentare Obiettivo: conoscere le principali componenti e caratteristiche del sistema agroalimentare italiano. SETTORE PRIMARIO Forme di conduzione e occupazione

Dettagli

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza

GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE. Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza GLI SCENARI EUROPEI PER IL DOPO QUOTE LATTE Paolo Sckokai Università Cattolica, Piacenza Schema della relazione 1) Lo studio della Commissione Europea sul settore lattiero-caseario post-2015 2) Gli scenari

Dettagli

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Nata nel 1957, l'associazione Nazionale delle Cooperative Agroalimentari

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17

INDICE PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 PRESENTAZIONE...9 INTRODUZIONE...11 SIGLE E ABBREVIAZIONI...13 NOTA DI SINTESI...17 IL QUADRO DELL AGROALIMENTARE VENETO 1. L EVOLUZIONE DEL SISTEMA AGROALIMENTARE DEL VENETO (Davide Bortolozzo, Andrea

Dettagli

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA

PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE DI FRUTTA FRESCA La fotografia La rilevanza del comparto L elevata vocazione produttiva del territorio nazionale ed il consolidarsi di tradizioni colturali hanno consentito

Dettagli

Progetto di legge n. 83/9^

Progetto di legge n. 83/9^ Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Progetto di legge n. 83/9^ Norme per il sostegno dei gruppi di acquisto solidale (GAS), dei gruppi organizzati per la domanda offerta, e la promozione

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO

CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO CONGIUNTURA TREND E INVESTIMENTI NEL SETTORE COSMETICO 2 NOTA ECONOMICA Tenuta del consumo di prodotti per la cura del corpo e per il benessere personale. Anche nel periodo a cavallo tra il 2009 e i primi

Dettagli

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani

Proposta per una strategia di promozione dei prodotti agricoli lucani DIPARTIMENTO POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Viale Vincenzo Verrastro, 10-85100 Potenza ass_agricoltura@regione.basilicata.it tel. 0971668710 fax 0971668731 L ASSESSORE Potenza lì 05/05/2014 MATERA 2019

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2016 Il fatturato dell industria italiana rimarrà su ritmi di crescita ancora superiori al 2% nell anno in corso per poi entrare in

Dettagli

Economia e filiere in agricoltura

Economia e filiere in agricoltura Economia e filiere in agricoltura giuseppe timpanaro Modulo Jean Monnet Nuove Competenze per Nuove Sfide: politiche nazionali ed europee per la lotta alla Criminalità Organizzata UNITA TEMATICA del Di3A

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

L accesso al credito delle imprese agricole Analisi del primo trimestre 2013

L accesso al credito delle imprese agricole Analisi del primo trimestre 2013 numero 2/13 L accesso al credito delle imprese agricole Analisi del primo trimestre 2013 Prosegue nel primo trimestre del 2013 la stretta creditizia ai danni del settore primario: i crediti bancari erogati

Dettagli

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi

Produzione. MANIFATTURA e MERCATI. Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Produzione MANIFATTURA e MERCATI Le PMI dopo sette anni di crisi Realizzata da CNA Produzione In collaborazione con Centro Studi CNA MANIFATTURA

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentari Ismea Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva 2005 Introduzione Attraverso le aziende del Panel delle aziende di

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management

di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management SETTORE AGROALIMENTARE: ANALISI SWOT PER I PRODOTTI DI QUALITA di Paolo Mariano Marketing e vendite>> Marketing e management Nei Paesi sviluppati l alimentazione ha perso, in parte, il suo significato

Dettagli

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ

Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014. Asse 1 - Ricerca ed innovazione OBIETTIVI E FINALITÀ Le azioni previste nel Patto di Sviluppo 2011 2014 Asse 1 - Ricerca ed innovazione Le azioni previste in questo asse riguardano lo sviluppo di temi di ricerca industriale e di sviluppo precompetitivo,

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore Alta Formazione per le Nome Fondazione Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto Agroalimentare Viterbo

Istituto Tecnico Superiore Alta Formazione per le Nome Fondazione Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto Agroalimentare Viterbo Informazioni Fondazione Istituto Tecnico Superiore Alta Formazione per le Nome Fondazione Nuove Tecnologie per il Made in Italy nel comparto Agroalimentare Viterbo Indirizzo Sede Via Saffi, 49 - Viterbo

Dettagli

SINTESI RAPPORTO 2009 IMPRESA E COMPETITIVITÀ

SINTESI RAPPORTO 2009 IMPRESA E COMPETITIVITÀ SINTESI RAPPORTO 2009 IMPRESA E COMPETITIVITÀ Il Rapporto 2009 Impresa e Competitività, realizzato da SRM (Associazione Studi e Ricerche per il Mezzogiorno) e OBI (Osservatorio Banche e Imprese di Economia

Dettagli

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo)

PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) PIER FRANCESCO ASSO (Università di Palermo) Gli indicatori di bilancio, le elaborazioni, le analisi sul passato e le previsioni per il futuro che sono contenute nel Rapporto Mediobanca - Unioncamere offrono,

Dettagli

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati

NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati NUOVE MODALITÀ DI INTERNAZIONALIZZAZIONE il fattore strategico della conoscenza dei mercati FABIO PICCOLI Esperto Internazionalizzazione Wine Monitor Bologna, 3 aprile 2013 L internazionalizzazione non

Dettagli

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla

Mercato del biologico. La Filiera. Relazione dott. G.Tecilla Mercato del biologico La Filiera Relazione dott. G.Tecilla Il mercato BIO in Italia Il BIO in Italia vale 3 miliardi di euro e continua a crescere: la spesa domestica di prodotti biologici è salita nel

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Made in Italy agroalimentare, etichette dei prodotti lattiero caseari e materie prime italiane

Made in Italy agroalimentare, etichette dei prodotti lattiero caseari e materie prime italiane Comunicato stampa Expo 2015 INDAGINE CONOSCITIVA SUI BISOGNI INFORMATIVI DEI CONSUMATORI ITALIANI Osservatorio permanente sulla Filiera italiana del Latte «Mangiar Sano, Filiera Italiana» Made in Italy

Dettagli

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice

Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Disciplinare Sistema IT01 100% Qualità Originale Italiana Made in Italy Certificate Appendice Parte A.A. Appendice Settore Agroalimentare Pagina 1/5 APPENDICE I SETTORE AGROALIMETARE 1 - Obiettivo Il presente

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa.

La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. La giusta direzione per dare forza alla tua impresa. CHI SIAMO Assofermet è l Associazione Nazionale delle imprese del commercio, della distribuzione e della prelavorazione di prodotti siderurgici, dei

Dettagli

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia

Tendenze attuali e prospettive della produzione di carne bovina nel mondo e in Italia Incontro tecnico ASSEMBLEA GENERALE ASPROCARNE Tendenze attuali e prospettive della nel mondo e in Italia Kees de Roest - Claudio Montanari CRPA-Reggio Emilia Mercoledì 24 giugno 2015 Fossano Centro Ricerche

Dettagli

FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA

FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA FEDERALIMENTARE: MENTRE I CONCORRENTI VANNO IN TUTTO IL MONDO, NOI RISCHIAMO DI ESSERE SEMPRE E SOLO IN VENDITA Il segnale di allarme arriva in occasione della presentazione di uno studio Federalimentare-Ismea

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

ICT: le leve nella creazione del valore

ICT: le leve nella creazione del valore ICT: le leve nella creazione del valore di Alessio Piccioni Consulente Mondaini Partners Srl Le soluzioni ICT rappresentano un investimento sempre più di rilevanza strategica, che incide profondamente

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli