LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI"

Transcript

1 Forlì, 5 luglio 2013 Prot. n. 115/2013 LE ATTIVITA AGRICOLE CONNESSE: DEFINIZIONE, REGOLE E CONCETTI Continuano a pervenire al nostro ufficio studi, numerose richieste di chiarimenti sulla gestione fiscale delle attività connesse previste dall art del c.c.. Abbiamo ritenuto pertanto opportuno ritornare su questo argomento e ribadire di seguito i principali concetti che regolano queste particolari attività soprattutto quelle rivolte alle prestazioni di servizio. PRODUZIONE DI VEGETALI SU PIÙ PIANI Per le attività dirette alla produzione di vegetali esercitate oltre il limite di cui all'articolo 32, comma 2, lettera b), del Tuir, l'articolo 56-bis del Tuir prevede, al primo comma, che "il reddito relativo alla parte eccedente concorre a formare il reddito d'impresa nell'ammontare corrispondente al reddito agrario relativo alla superficie sulla quale la produzione insiste in proporzione alla superficie eccedente". Le attività dirette alla produzione di vegetali danno luogo a reddito d'impresa, dunque, se eccedono il limite di cui all'articolo 32, comma 2, lettera b), del Tuir, cioè se la superficie adibita a produzione supera il doppio di quella del terreno su cui insiste la produzione stessa. In tal caso, il reddito relativo alla superficie eccedente può essere determinato: analiticamente, attraverso la compilazione del quadro RF o RG forfetariamente, attraverso la compilazione della sezione II del quadro RD, ai sensi dell'articolo 56-bis, seguendo la seguente formula: R.I. = superficie eccedente x R.A. / superficie su cui insiste la produzione. La superficie eccedente viene determinata dalla differenza tra la superficie totale di produzione (somma delle superfici dei bancali, dei ripiani, eccetera) e la superficie del terreno su cui insiste la produzione. MANIPOLAZIONE E TRASFORMAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI Le attività di manipolazione, conservazione, trasformazione, valorizzazione e commercializzazione di prodotti agricoli, possono generare un reddito agrario se hanno per oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall'allevamento degli animali e individuati dal decreto ministeriale 19 marzo

2 Anche per questo tipo di attività, è previsto che il reddito venga determinato ai sensi dell'articolo 34 del Tuir, mediante l'applicazione delle tariffe d'estimo, con conseguente compilazione del quadro RA del modello Unico. Qualora i beni non siano compresi nel citato decreto, trova applicazione l'articolo 56-bis del Tuir; in tal caso, il reddito d'impresa può essere determinato: analiticamente, con la compilazione del quadro RF o RG del modello Unico forfetariamente, attraverso la compilazione del quadro RD, sezione III. Se non viene rispettato il requisito della prevalenza, l'eccedenza è sottoposta alle disposizioni sul reddito d'impresa, da determinarsi ai sensi dell'articolo 56 del Tuir. In particolare, va detto che, qualora non sia soddisfatto il requisito della prevalenza, occorre distinguere il caso in cui l'attività connessa abbia a oggetto beni che rientrano fra quelli elencati nel decreto ministeriale dal caso in cui riguardi beni diversi da questi ultimi. Infatti, nella prima ipotesi, opera la cosiddetta franchigia e, quindi, sono da qualificarsi come redditi agrari ai sensi dell'articolo 32 i redditi rivenienti dall'attività di trasformazione dei prodotti agricoli nei limiti del doppio delle quantità prodotte in proprio dall'imprenditore agricolo (o, nel caso di acquisti per un miglioramento della gamma, nei limiti del doppio del valore normale delle medesime); i redditi ottenuti dalla trasformazione delle quantità eccedenti devono, invece, essere determinati in base alle regole in materia di reddito d'impresa. Nel caso in cui l'attività di trasformazione o manipolazione riguardi beni che non rientrano fra quelli elencati nel citato decreto ministeriale, non essendo soddisfatto il requisito della prevalenza, l'intero reddito prodotto costituisce reddito d'impresa, da determinarsi analiticamente in base all'articolo 56 del Tuir. A maggior chiarimento valgano i seguenti Esempi: Nel caso dell'imprenditore agricolo che produce olio di oliva utilizzando anche olive acquistate presso terzi, è necessario, affinché possa mantenere lo status di imprenditore agricolo, che la quantità di olive di produzione propria impiegate nel processo sia superiore a quella acquistata all'esterno. In tal caso, l'intera attività di produzione e vendita dell'olio - effettuata anche attraverso la trasformazione di olive acquistate da terzi - viene qualificata come attività agricola e la tassazione viene regolata secondo le disposizioni che regolano il reddito agrario. Nel caso di un imprenditore che trasforma olive di propria produzione e commercializza l'olio di oliva che ne deriva dopo un processo di trasformazione e che, contestualmente, vende olio di semi di granturco già prodotto da terzi e destinato alla vendita, il quadro fiscale è il seguente: - limitatamente all'attività di produzione di olio di oliva, il produttore è qualificato quale imprenditore agricolo e i redditi che ne derivano sono considerati agrari; - l'attività di vendita dell'olio acquistato presso terzi - poiché non comporta alcuna attività di manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione - è da considerarsi attività commerciale, tassata secondo le regole del reddito d'impresa. Un agricoltore che produce 100 quintali di ciliegie e ne acquista 50 per rivenderle con le proprie allo 2

3 stato originario, per la parte acquistata produce reddito d'impresa determinato in base a costi e ricavi. Rientrano invece tra le attività agricole: l'acquisto di ciliegie da terzi per produrre marmellata da parte di un produttore di marmellate di fragole Ll'acquisto e la vinificazione di uve bianche da parte di un produttore di uve nere l'acquisto di carote per la loro rivendita dopo averle ripulite e confezionate da parte di un produttore di radicchio. In questi casi, l'attività produce reddito agrario in quanto l'acquisto di prodotti presso terzi ha la finalità di ampliare la gamma, a condizione che essi abbiano subito un processo di manipolazione e trasformazione e che siano riconducibili al medesimo comparto produttivo in cui opera l'imprenditore agricolo. In relazione al caso di un imprenditore agricolo che esercita l'attività di allevamento di bovini da latte, che realizza anche la trasformazione del latte ottenendo mozzarella e yogurt e svolge, un'attività di produzione di gelati, budini, torte, caffè con panna, cappuccino con latte di mucca: - la produzione e cessione di mozzarella, burro, panna, yogurt, eccetera, ottenuti dalla trasformazione del latte, sono da ricondurre al regime del reddito agrario ai sensi dell'articolo 32, comma 2, lettera c), del Tuir, atteso che rientrano nel decreto ministeriale ; - la cessione degli altri prodotti (gelati, torte e budini), non rientrando fra quelli presenti nel decreto ministeriale, non può essere assoggettata al regime dell'articolo 32 e nemmeno a quello dell'articolo 56-bis. I redditi in questione dovranno essere determinati analiticamente e sottoposti a imposizione secondo le regole ordinarie del reddito d'impresa; - nel caso in cui gli altri prodotti sopra indicati vengono consumati in locali all'uopo apprestati dall'imprenditore agricolo (somministrazione di alimenti e bevande anziché cessione di beni), l'attività potrà essere ricondotta a quella dell'agriturismo se l'attività viene svolta nel rispetto della normativa in materia (articolo 5, legge 413/1991); in caso contrario, i redditi derivanti dalla predetta attività andranno determinati analiticamente sulla base dei criteri generali di determinazione dei redditi d'impresa basati su un raffronto dei componenti positivi e dei componenti negativi di reddito. E' il caso di precisare che le attività di trasformazione riconducibili al regime previsto dall'articolo 56-bis sono quelle attività che concernono le trasformazioni in prodotti diversi da quelli compresi nella tabella allegata al decreto ministeriale (disponibile nel nostro portale). Devono ritenersi escluse le attività di trasformazione non usualmente esercitate nell'ambito dell'attività agricola, che intervengono in una fase successiva a quella che ha originato i beni elencati nel decreto ministeriale, atte a trasformare ulteriormente questi ultimi beni fino a realizzare prodotti nuovi che non trovano connessione con l'attività agricola principale ai sensi dell'articolo 2135 del c.c. Ad esempio, non rientra nel disposto dell'articolo 56-bis la trasformazione dello yogurt in gelato, in quanto frutto di una successiva trasformazione dello yogurt, prodotto derivante dal latte compreso nell'elenco allegato al decreto ministeriale. 3

4 La determinazione forfetaria del reddito ai sensi dell'articolo 56-bis, prevista per le attività ivi indicate, rappresenta una tassazione agevolata con applicazione di un coefficiente di redditività all'ammontare dei corrispettivi conseguiti. In particolare, si tratta: 1. per le attività connesse relative a prodotti non inclusi nel decreto, ma ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo, il reddito viene determinato applicando ai corrispettivi relativi alle operazioni registrate o soggette a registrazione ai fini Iva il coefficiente di redditività del 15 per cento (il reddito va indicato nel rigo RD9) 2. per le attività di agriturismo, il reddito viene determinato applicando ai ricavi derivanti dall'attività il coefficiente di redditività del 25 per cento 3. per le attività dirette alla fornitura di servizi effettuate mediante l'utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell'azienda normalmente impiegate nell'attività agricola principale, il reddito si determina applicando il coefficiente di redditività del 25 per cento all'ammontare dei corrispettivi registrati ai fini Iva. PRESTAZIONI DI SERVIZI Relativamente al punto sub. 3, va precisato che l'attività di prestazione di servizi non deve assumere, per dimensione, organizzazione di capitali e risorse, la natura di attività principale. Tale confronto va effettuato sulla base del fatturato realizzato con l'impiego di ciascuna specifica attrezzatura: il requisito della prevalenza è rispettato quando il fatturato derivante dall'impiego delle attrezzature normalmente impiegate nell'attività agricola principale è superiore al fatturato ottenuto attraverso l'utilizzo delle altre attrezzature. Ad esempio, in presenza di un'attività di servizi svolta utilizzando un trattore normalmente impiegato nell'attività agricola principale (ciò che soddisfa il requisito della normalità) e una mototrebbiatrice normalmente non utilizzata per l'attività principale, il requisito della prevalenza andrà verificato sulla base del raffronto tra il fatturato ottenuto con l'utilizzo del trattore nell'attività di servizi per conto terzi (ad esempio, 20mila euro) e il fatturato ottenuto con la mototrebbiatrice (ad esempio, 15mila euro). Si precisa che, nell'effettuare questo confronto, non possono essere annoverate fra le attrezzature "normalmente impiegate nell'attività agricola esercitata" della propria azienda beni le cui potenzialità siano sproporzionate rispetto all'estensione dei terreni dell'imprenditore agricolo o che non siano necessari nello svolgimento delle sue colture. Un caso interessante collegato all'ipotesi prospettata al punto sub n. 3 è esaminato nella risoluzione n. 17 del 15/2/2005, che prende in esame il caso di una società semplice che svolge l'attività di allevamento e che intende utilizzare i liquami ottenuti nell'ambito di tale attività per produrre energia elettrica da destinare in parte all'autoconsumo e in parte alla vendita sul mercato. La società istante, essendo una società semplice, è assoggettata alle norme dell'imprenditore individuale e quindi alla disciplina del reddito agrario. L'Agenzia, nel rispondere all'istanza, precisa che: 4

5 l'art del c.c. ricomprende fra le attività agricole quelle (...) dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l'utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell'azienda normalmente impiegate nell'attività agricola esercitata; nella cir. n. 44/2002 è stato chiarito che detta attività non deve assumere, per dimensione, organizzazione di capitali e risorse umane, la connotazione di attività principale; nella cir. n. 44/2004 sono state chiarite le modalità con cui verificare la sussistenza del requisito della prevalenza dell'utilizzo di attrezzature normalmente impiegate nell'attività agricola principale. Nel caso in esame poiché l'attività di produzione di energia elettrica viene svolta con mezzi non impiegati nell'attività agricola ne consegue che si è in presenza di un'attività commerciale soggetta al seguente trattamento: i redditi, non essendo riconducibili nella categoria dei redditi agrari o dei redditi forfetizzati, sono tassabili analiticamente come redditi d'impresa ai sensi dell'art. 56 del Tuir. 5

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA

FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA FISCALITÀ DELL IMPRESA AGRICOLA Imprenditore Agricolo (Art. 2135 Codice Civile come modificato dal D.Lgs 18 maggio 2001, n. 228) Attività agricole in senso stretto È imprenditore agricolo chi esercita

Dettagli

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015

RISOLUZIONE N. 86/E. Roma, 15/10/2015 RISOLUZIONE N. 86/E Direzione Centrale Normativa Roma, 15/10/2015 OGGETTO: Interpello ordinario Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - (Tassazione forfettaria del reddito derivante dalla produzione e

Dettagli

Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dott. Davide FERRE - Commercialista REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE PRODUZIONI VEGETALI E SERVIZI FITOSANITARI Ufficio formazione professionale e aggiornamento Dott. Davide FERRE - Commercialista

Dettagli

Società agricole e ICI. Stefano Spina

Società agricole e ICI. Stefano Spina Società agricole e ICI Stefano Spina 1 AZIENDE AGRICOLE SOCIETÀ AGRICOLE 2 IVA L IVA IN AGRICOLTURA Art.34 DPR 26.10.72 n.633 La disciplina IVA per il settore agricolo prescinde dalla qualifica di azienda

Dettagli

UNICO PF: novità quadrord Attività agricole connesse Roberta Aiolfi e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo

UNICO PF: novità quadrord Attività agricole connesse Roberta Aiolfi e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo UNICO PF: novità quadrord Attività agricole connesse Roberta Aiolfi e Donatella Cerone - Dottori commercialisti in Bergamo ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Quadro RD deve essere utilizzato per dichiarare

Dettagli

Tipologie di contribuenti

Tipologie di contribuenti DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Tipologie di contribuenti Il mondo dei contribuenti Persone Fisiche viene analizzato sia nella sua completezza che considerando i soli titolari di partita iva. Tutti i contribuenti

Dettagli

IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO

IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO IMPRESA ED IMPRENDITORE AGRICOLO Inquandramento normativo e fiscale Torino, 23 Marzo 2009 1B Dott. Andrea CHIABRANDO Studio Tecnico Agrario - Pinerolo (TO) La nozione di Imprenditore Agricolo L'Imprenditore

Dettagli

Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne. in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006

Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne. in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti e Relazioni Esterne in collaborazione con Direzione Regionale della Liguria AGGIORNAMENTO 2006 INDICE I. ASPETTI GENERALI 2 DEFINIZIONE DI IMPRENDITORE AGRICOLO

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA COMMISSIONE DI STUDIO IMPOSTE DIRETTE QUADERNO a cura di Letizia Giovanna Galati IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA FEBBRAIO 2014 1 Con la circolare n.32/e del 2009, l Agenzia delle Entrate ha fornito importanti

Dettagli

L agricoltura, i maneggi e i cavalli

L agricoltura, i maneggi e i cavalli L agricoltura, i maneggi e i cavalli Problematiche relative alla gestione delle strutture agricole: aspetti fiscali Centro Ippico La Pinetina Limido Comasco (CO) 23/09/2014 Dott. Peppino Titone Responsabile

Dettagli

L ATTIVITA DI FLOROVIVAISMO VECCHI RISCHI NUOVI ACCERTAMENTI

L ATTIVITA DI FLOROVIVAISMO VECCHI RISCHI NUOVI ACCERTAMENTI Forlì, 12 dicembre 2013 Prot. n. 217/2013 L ATTIVITA DI FLOROVIVAISMO VECCHI RISCHI NUOVI ACCERTAMENTI PREMESSA NORMATIVA I redditi fondiari sono disciplinati dall art. 25 D.P.R. 917/86, e si distinguono

Dettagli

CIRCOLARE N. 50 /E. Direzione Centrale Normativa Roma,Roma,1 settembre 2010 Roma, 1 ottobre 2010

CIRCOLARE N. 50 /E. Direzione Centrale Normativa Roma,Roma,1 settembre 2010 Roma, 1 ottobre 2010 CIRCOLARE N. 50 /E Direzione Centrale Normativa Roma,Roma,1 settembre 2010 Roma, 1 ottobre 2010 OGGETTO: Società agricole Opzione per determinazione del reddito su base catastale - Articolo 1, comma 1093,

Dettagli

Lo stesso criterio si applica anche per le minusvalenze.

Lo stesso criterio si applica anche per le minusvalenze. NOVITA NORMATIVE La dichiarazione dei redditi degli enti non commerciali relativa all anno 2004 risente in particolar modo, delle modifiche al Tuir conseguenti alla promulgazione del Dlgs 344/2003 che

Dettagli

AGRITURISMO DESCRIZIONE

AGRITURISMO DESCRIZIONE AGRITURISMO DESCRIZIONE L'attività di agriturismo nella Regione Veneto è stata regolata con Legge Regionale 18 aprile 1997, n. 9 che stabiliva i principi, le finalità e le condizioni per lo svolgimento

Dettagli

GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO

GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO GUIDA FISCALE PER IL SETTORE VINICOLO Sommario I. ASPETTI GENERALI...3 INTRODUZIONE...3 L IMPRENDITORE AGRICOLO...3 LE CANTINE SOCIALI E I CONSORZI...4 I RIVENDITORI DI PRODOTTI ENOLOGICI...5 II. IMPOSTE

Dettagli

Ripristinata l'opzione per la tassazione catastale

Ripristinata l'opzione per la tassazione catastale Numero 18/2014 Pagina 1 di 6 Ripristinata l' per la tassazione catastale Numero : 18/2014 Gruppo : Oggetto : AGEVOLAZIONI REGIMI AGEVOLATI IMPRESE AGRICOLE Norme e prassi : D.P.R. 442/1997; DECRETO 213

Dettagli

RISOLUZIONE N.286/E. Roma, 11 ottobre 2007. OGGETTO: Costruzione e locazione di box auto. Trattamento tributario IRES e IVA.

RISOLUZIONE N.286/E. Roma, 11 ottobre 2007. OGGETTO: Costruzione e locazione di box auto. Trattamento tributario IRES e IVA. RISOLUZIONE N.286/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 11 ottobre 2007 OGGETTO: Costruzione e locazione di box auto. Trattamento tributario IRES e IVA. QUESITO L Ente istante riferisce di

Dettagli

Meccanismi di incentivazioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Tariffa incentivante. Pronunce Agenzia Entrate

Meccanismi di incentivazioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Tariffa incentivante. Pronunce Agenzia Entrate Meccanismi di incentivazioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili convegno nazionale & question time IL CONTO ENERGIA IL REGIME FISCALE DEL FOTOVOLTAICO Certificati verdi (d.lgs.vo n. 79 del

Dettagli

REGIONE SICILIANA Assessorato Bilancio e Finanze Dipartimento Finanze e Credito

REGIONE SICILIANA Assessorato Bilancio e Finanze Dipartimento Finanze e Credito REGIONE SICILIANA Assessorato Bilancio e Finanze Dipartimento Finanze e Credito Direzione Regionale della Sicilia REGIONE SICILIANA Assessorato Agricoltura e Foreste Dipartimento Interventi Strutturali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 145/E

RISOLUZIONE N. 145/E RISOLUZIONE N. 145/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,28 giugno 2007 OGGETTO: Tattamento tributario riservato, ai fini IVA, al diritto d autore Chiarimenti in merito alla corretta applicazione

Dettagli

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20%

Tabella A - Coltivazione ore standard/ettaro/anno. Cereali, oleaginose, favino (escluso mais) 25 +10% +20% Allegato A PARTE I Determinazione delle ore lavoro per realizzare la condizione di principalità di cui all'articolo 6, comma 3, lettera a) della l.r.30/2003. (42) 1. PREMESSA L imprenditore agricolo che

Dettagli

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 06 luglio 2009

CIRCOLARE N. 32/E. Roma, 06 luglio 2009 CIRCOLARE N. 32/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Imprenditori agricoli - produzione e cessione di energia elettrica e calorica da fonti rinnovabili agroforestali

Dettagli

TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON COMMERCIALI

TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON COMMERCIALI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO FISCALE E CONTABILE AI FINI IVA E IIDD DI ATTIVITÀ COMMERCIALI O AGRICOLE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI NON

Dettagli

RISOLUZIONE N. 381/E

RISOLUZIONE N. 381/E RISOLUZIONE N. 381/E Roma, 18 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. 2007/155042 OGGETTO: Istanza di Interpello. Articolo 167, comma 5, del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917. Società

Dettagli

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73

IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO ALLEVAMENTI 18 bis del D.P.R. 600/73 Note operative ed Esempi Documento a cura di SEDI Srl - RIPRODUZIONE VIETATA 1 L articolo 18 bis del D.P.R. 600/73 prevede l obbligo

Dettagli

l agenzia 2 in f orma

l agenzia 2 in f orma l agenzia 2 in f orma 2004 GUIDA FISCALE PER IL SETTORE AGRICOLO AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne INDICE I. ASPETTI GENERALI 2 Definizione di imprenditore agricolo 2 Prevalenza dell attività

Dettagli

1 approfondimento. L imprenditore agricolo e le società agricole. (di Bobbio, Gliozzi e Lenti)

1 approfondimento. L imprenditore agricolo e le società agricole. (di Bobbio, Gliozzi e Lenti) 1 approfondimento L imprenditore agricolo e le società agricole (di Bobbio, Gliozzi e Lenti) Il nuovo testo dell art. 2135 del codice civile (introdotto dall art. 1 del d.lgs. 228/2001) ha ampliato la

Dettagli

Dott. Gaetano Petrelli N O T A I O

Dott. Gaetano Petrelli N O T A I O Dott. Gaetano Petrelli N O T A I O Corso Cobianchi, 62 - Verbania (VB) Tel. 0323.516881 - Fax 0323.581832 Cod.Fisc. PTR GTN 62D25 F848T P. IVA 01302980030 IMPRENDITORE AGRICOLO PROFESSIONALE Il D. Lgs.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 226/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 226/E QUESITO RISOLUZIONE N. 226/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,18 agosto 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Requisito della commercialità per l applicazione della participation exemption - Art.

Dettagli

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili Le associazioni sportive dilettantistiche che svolgono attività commerciale hanno l'obbligo

Dettagli

Contribuenti titolari di partita Iva

Contribuenti titolari di partita Iva DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI Contribuenti titolari di partita Iva A partire dai soli contribuenti che hanno presentato il modello Unico, vengono considerati titolari di partita Iva tutti coloro che soddisfano

Dettagli

IL REGIME SPECIALE IVA

IL REGIME SPECIALE IVA IL REGIME SPECIALE IVA Il regime speciale Iva per i produttori agricoli (e per la pesca in acque dolci) è regolato dell'art. 34 del Dpr. n. 733 del 1972 che è stato completamente riscritto con l'art. 5

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 11/2015 DETRAIBILITA IVA E DEDUCIBILITA DELLE SPESE TELEFONICHE

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 11/2015 DETRAIBILITA IVA E DEDUCIBILITA DELLE SPESE TELEFONICHE CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 11/2015 ARGOMENTO: DETRAIBILITA IVA E DEDUCIBILITA DELLE SPESE La Finanziaria 2008 1, con decorrenza dal 1/1/2008, ha modificato le regole per la detrazione dell IVA assolta sull

Dettagli

Risposte a quesiti in materia di imposte dirette, Irap, Iva, sanzioni tributarie e varie.

Risposte a quesiti in materia di imposte dirette, Irap, Iva, sanzioni tributarie e varie. Circolare n. 98 del 17 maggio 2000 Oggetto: Risposte a quesiti in materia di imposte dirette, Irap, Iva, sanzioni tributarie e varie. Sintesi: La circolare fornisce chiarimenti in materia di imposte sui

Dettagli

Natura giuridica La distribuzione per natura giuridica ha utilizzato la seguente aggregazione dei codici 1.

Natura giuridica La distribuzione per natura giuridica ha utilizzato la seguente aggregazione dei codici 1. Sono elencate le variabili oggetto di analisi, per ognuna delle quali è specicato il signicato e indicato il rigo di riferimento del modello Unico Enti non commerciali 2008. Nel caso di variabili calcolate

Dettagli

RISOLUZIONE N. 3/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 3/E. Quesito RISOLUZIONE N. 3/E Roma, 9 gennaio 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Artt. 5 e c. 5-bis, del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446 Determinazione base imponibile IRAP imprenditori agricoli

Dettagli

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA

IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA IL FOTOVOLTAICO IN AGRICOLTURA La soluzione dell impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica viene presa in considerazione da molte imprese agricole vuoi per la necessità di sostituire

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

Oggetto: Sintesi: Testo: INDICE 1 Monitoraggio fiscale valutario: articolo 1, d.l. 167 del 1990 articolo 10, comma 4, d.lgs. 461 del 1997.

Oggetto: Sintesi: Testo: INDICE 1 Monitoraggio fiscale valutario: articolo 1, d.l. 167 del 1990 articolo 10, comma 4, d.lgs. 461 del 1997. Oggetto: Risposte ai quesiti forniti in occasione della videoconferenza del 30 gennaio 2001 e del convegno del 23 febbraio 2001 in materia di FISCALITA' FINANZIARIA, STOCK OPTION e ASSOCIAZIONI SPORTIVE

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2010 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88 /E

RISOLUZIONE N. 88 /E RISOLUZIONE N. 88 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 ottobre 2015 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Fatturazione e regime fiscale dei compensi da versare ai medici, dipendenti

Dettagli

I chiarimenti sul regime fiscale opzionale, che dura almeno tre anni, rivolto a snc, sas, srl e cooperative

I chiarimenti sul regime fiscale opzionale, che dura almeno tre anni, rivolto a snc, sas, srl e cooperative I chiarimenti sul regime fiscale opzionale, che dura almeno tre anni, rivolto a snc, sas, srl e cooperative La normativa delle società di comodo abbraccia anche quelle agricole. Queste ultime, infatti,

Dettagli

4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015

4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015 4 CHIACCHIERE ASPETTI FISCALI DELL IMPRESA DI FAMIGLIA NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE BARDOLINO, 4 MARZO 2015 RELATORE GIOVANNI POZZANI dottore commercialista e revisore legale COSA SI INTENDE PER PASSAGGIO

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c.

UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA. Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. UNIBAS ECONOMIA AZIENDALE Diritto commerciale 2013/14 IMPRESA AGRICOLA Statuto generale dell imprenditore + Articoli da 2135 a 2140 c.c. TRATTAMENTO DI FAVORE DEL LEGISLATORE importanza concreta della

Dettagli

L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA. L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura

L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA. L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura Pag. 1 di 24 L APICOLTORE IMPRENDITORE AGRICOLO * * * PREMESSA L articolo 2135 del codice civile (modificato nel 2001) definisce in modo chiaro la figura dell imprenditore agricolo in chi esercita le attività

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRES ANNO D IMPOSTA 2012 Società di capitali Enti non commerciali IRES Società di capitali Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili

Dettagli

Circolari della Fondazione Studi

Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 NUMERO 2 Circolari della Fondazione Studi Le Circolari n. 2 del 30.01.2015 Autore : Vincenzo Summa PREMESSA REGIME FORFETARIO Con la Legge 190/2014, art.1 commi da 54 a 89, cambia l'applicazione

Dettagli

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo

L'impresa. N.B. è imprenditore chi produce beni o servizi destinati al mercato e non all'autoconsumo L'impresa * L'art. 2082 del codice civile definisce imprenditore "chi esercita professionalmente un'attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi" * Dalla

Dettagli

SEGNALAZIONE DANNI da avversità atmosferiche o calamità naturali nel Comune di (prov. ) (1) EVENTO CALAMITOSO: del (2)

SEGNALAZIONE DANNI da avversità atmosferiche o calamità naturali nel Comune di (prov. ) (1) EVENTO CALAMITOSO: del (2) Si rende pubblico il modello segnalazione danni da evento calamitoso "cenere e lapilli vulcanici del Vulcano Etna da gennaio ad aprile 2013", pervenuto da ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it

www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it L ATTIVITA APISTICA L INQUADRAMENTO LEGISLATIVO E FISCALE Dott. Luigi Palmieri Dottore in Scienze e Tecnologie Agrarie Perito Agrario Laureato - Agrotecnico Laureato Esperto Apistico www.palmieri.cc www.mielepalmieri.it

Dettagli

OGGETTO: Interpello ALFA Azienda per il diritto agli Studi Superiori

OGGETTO: Interpello ALFA Azienda per il diritto agli Studi Superiori RISOLUZIONE N. 162/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso R Roma, 18 APRILE 2008 OGGETTO: Interpello ALFA Azienda per il diritto agli Studi Superiori QUESITO Il rappresentante legale di ALFA Azienda

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E FISCALI

ASPETTI NORMATIVI E FISCALI CAPITOLO 1 ASPETTI NORMATIVI E FISCALI 1.1 Lo scenario normativo di riferimento: il D. Lgs. 228/01 Le semplificazioni in materia di vendita al dettaglio di prodotti agricoli propri non possono ignorare

Dettagli

Le novità del Modello Unico SP 2015

Le novità del Modello Unico SP 2015 Le novità del Modello Unico SP 2015 N. 18 12.05.2015 Frontespizio Redditi dei fabbricati - Quadro RB Reddito di allevamento di animali e reddito derivante da produzione di vegetali e da altre attività

Dettagli

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita')

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita') Legge regionale 23 marzo 1995, n. 38. (Testo coordinato) Disciplina dell'agriturismo. (B.U. 24 marzo 1995, suppl. al n. 12) Modificata da l.r. 38/2009 Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 Titolo I. Generalita'

Dettagli

FISCO E VINO 2013. Guida agli adempimenti fiscali ed alle agevolazioni per il settore vitivinicolo

FISCO E VINO 2013. Guida agli adempimenti fiscali ed alle agevolazioni per il settore vitivinicolo vini e oli di sicilia Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Risorse Agricole e Alimentari Direzione Regionale della Sicilia IRVOS Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia FISCO E VINO 2013 Guida

Dettagli

LA DISCIPLINA DETTATA DALL ART. 62 DELLA L. 24/03/2012 N. 27

LA DISCIPLINA DETTATA DALL ART. 62 DELLA L. 24/03/2012 N. 27 Forlì, 04 aprile 2013 Prot. n. 56/2013 LA DISCIPLINA DETTATA DALL ART. 62 DELLA L. 24/03/2012 N. 27 AMBITO DI APPLICAZIONE Le disposizioni di cui all art. 62 della legge 24/03/2012 n. 27 si applicano alle

Dettagli

Oggetto: REGOLE E VALUTAZIONI DI SEPARAZIONE DELLE ATTIVITÀ AI FINI IVA NEL COMPARTO IMMOBILIARE DOPO LE RECENTI NOVITÀ IN MATERIA

Oggetto: REGOLE E VALUTAZIONI DI SEPARAZIONE DELLE ATTIVITÀ AI FINI IVA NEL COMPARTO IMMOBILIARE DOPO LE RECENTI NOVITÀ IN MATERIA Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: REGOLE E VALUTAZIONI DI SEPARAZIONE DELLE ATTIVITÀ AI FINI IVA NEL COMPARTO IMMOBILIARE DOPO LE RECENTI NOVITÀ IN MATERIA Con l'articolo 57 del D.L. n.1 del 24 gennaio

Dettagli

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI

QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI QUADRO RG REDDITO D IMPRESA IN REGIME DI CONTABILITÀ SEMPLIFICATA E REGIMI FORFETARI ASPETTI GENERALI Sono tenuti alla compilazione del Quadro RG gli enti non commerciali residenti e non residenti con

Dettagli

Commercio - Vademecum sull'applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli

Commercio - Vademecum sull'applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli Commercio - Vademecum sull'applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli Vademecum sull applicazione della disciplina in materia di vendita diretta dei prodotti agricoli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 191/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 23 luglio 2009

RISOLUZIONE N. 191/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 23 luglio 2009 RISOLUZIONE N. 191/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 luglio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212. Assegnazione di beni al socio - Trattamento tributario

Dettagli

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI

Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI Comune di Soave Provincia di Verona AREA ECONOMICO FINANZIARIA SERVIZIO TRIBUTI AL COMUNE DI SOAVE 1 DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA PER IL RICONOSCIMENTO DELLA RURALITA AI FINI DELL IMPOSTA

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

La fiscalità del fotovoltaico

La fiscalità del fotovoltaico La fiscalità del fotovoltaico Il modulo offre una panoramica sui diversi regimi fiscali cui è sottoposto un impianto fotovoltaico, in base al regime tariffario degli incentivi e degli usi finali dell'energia

Dettagli

Fiscooggi.it Agricoltura e fisco

Fiscooggi.it Agricoltura e fisco di Mena Maio e Maurizio Tozzi SOMMARIO La legge di orientamento in agricoltura. Definizione di imprenditore e di attività La tassazione dei redditi in agricoltura La disciplina dei fabbricati rurali La

Dettagli

RISOLUZIONE N. 128/E

RISOLUZIONE N. 128/E RISOLUZIONE N. 128/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 aprile 2008 OGGETTO:Istanza di interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento fiscale dei canoni corrisposti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

ESPOSIZIONE DEL QUESITO

ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 12 marzo 2007 OGGETTO: Istanza di interpello Azienda Sanitaria Ospedaliera ALFA Regime IVA sulle consulenze e perizie mediche rese da medici (con rapporto esclusivo con l ASL)

Dettagli

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive;

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive; Decreto 2 marzo 2010 (Gu 5 maggio 2010 n. 103) Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica Il Ministro delle politiche agricole

Dettagli

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti)

RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) RAPIDO CALCOLO DELL IMPATTO FISCALE E PREVIDENZIALE SUL REDDITO (di artigiani, commercianti, professionisti) INTRODUZIONE A norma dell art. 2222 del cod. civile si hanno rapporti di lavoro autonomo ogni

Dettagli

Adempimenti documentali rifiuti Formulari-Registri-MUD-Sistri

Adempimenti documentali rifiuti Formulari-Registri-MUD-Sistri WORK SHOP L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Adempimenti documentali rifiuti Formulari-Registri-MUD-Sistri Milano, 11/12 novembre 2015 ARPA Lombardia - Settore

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI

STUDIO DOTT. BONVICINI STUDIO DOTT. BONVICINI n. 9 del 10 luglio 2003 L INDETRAIBILITÀ PARZIALE DELL IVA DELLE AUTOVETTURE Soltanto in poche circostanze il contribuente ha la possibilità della detrazione dell IVA relativa all

Dettagli

FILIERA CORTA E VENDITA DIRETTA IN AGRICOLTURA BIOLOGICA. ASPETTI OPERATIVI

FILIERA CORTA E VENDITA DIRETTA IN AGRICOLTURA BIOLOGICA. ASPETTI OPERATIVI Pagina 1 di 1 FILIERA CORTA E VENDITA DIRETTA IN AGRICOLTURA BIOLOGICA. ASPETTI OPERATIVI Vi proponiamo qui alcune note operative (con relativi riferimenti di legge) di carattere generale ovvero con valenza

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 162 del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 162 del DPR n. 917 del 1986, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 41/E Roma, 09 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 162 del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE N. 140/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 novembre 2004 Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Con

Dettagli

Tremonti-ter in azione dal 2009

Tremonti-ter in azione dal 2009 Tremonti-ter in azione dal 2009 L agevolazione prevede uno sconto Irpef/Ires pari al 50% dei costi per l acquisto di nuovi macchinari L esclusione dall imposizione sul reddito d impresa del valore (pari

Dettagli

Il regime fiscale degli omaggi natalizi

Il regime fiscale degli omaggi natalizi n 47 del 23 dicembre 2011 circolare n 661 del 21 dicembre 2011 referente BERENZI/mr Il regime fiscale degli omaggi natalizi Con l'approssimarsi del periodo natalizio e con esso la prassi di distribuire

Dettagli

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006

Risoluzione n. 30/E. Roma, 16 febbraio 2006 Risoluzione n. 30/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 febbraio 2006 OGGETTO: Istanza di Interpello. Avv. ALFA. Trattamento fiscale applicabile alle spese sostenute da un professionista

Dettagli

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016

Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili nel 2016 riferimento: i) ai soggetti che iniziano l attività nel 2016; ii) ai soggetti già in attività nel 2015 in relazione alle scelte per il 2016. Attività di impresa e lavoro autonomo: i regimi fiscali adottabili

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 52 31.12.2013 Il regime IVA nel settore agricolo Il regime speciale IVA e il regime di esonero per i produttori agricoli marginali Categoria: Agricoltura Sottocategoria:

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

Circolare informativa n.1/2015

Circolare informativa n.1/2015 Dott. Giuseppina Sica D o t t o r e C o m m e r c i a l i s t a A l b o u n i c o A V n. 6 2 7 R e v i s o r e d e i C o n t i n. 1 3 6. 6 9 2 C o n s u l e n t e T e c n i c o t r i b u n a l e A V n.

Dettagli

IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI

IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO BANDE MUSICALI IMPOSTAZIONE FISCALE DEL COMPLESSI BANDISTICI Dott. Corrado Colombo 21 marzo 2014 - corso Europa Milano LE PECULIARITA FISCALI DELLE BANDE

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE

DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE DESCRIZIONE DELLA SITUAZIONE AZIENDALE INIZIALE Breve descrizione della situazione aziendale INIZIALE (con riferimento all'ordinamento colturale, all'allevamento, alle attività connesse e alla dotazione

Dettagli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli

Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Disciplina fiscale Lezione 4 I titoli Titoli non costituenti immobilizzazioni (Attivo Circolante) Art. 94 c. 3 DPR 917/86 I titoli vanno raggruppati in categorie omogenee per natura, intendendo della stessa

Dettagli

Autotrasporti: confermate le agevolazioni per il 2014

Autotrasporti: confermate le agevolazioni per il 2014 Numero 110/2014 Pagina 1 di 6 Autotrasporti: confermate le agevolazioni per il 2014 Numero : 110/2014 Gruppo : AGEVOLAZIONI Oggetto : AGEVOLAZIONI IMPRESE DI AUTOTRASPORTO DI MERCI Norme e prassi : ART.

Dettagli

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

ASPETTI FISCALI DEGLI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate

Le novità dei modello UNICO 2013. DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità dei modello UNICO 2013 DC SAC Modulistica Agenzia delle entrate Le novità del modello UNICO 2013 Persone fisiche Fascicolo 1 ARGOMENTI PRINCIPALI Tra le principali novità del modello Unico PF

Dettagli

Fisco & Contabilità. Azioni proprie: l assegnazione ai soci N. 21. La guida pratica contabile 29.05.2013. Premessa

Fisco & Contabilità. Azioni proprie: l assegnazione ai soci N. 21. La guida pratica contabile 29.05.2013. Premessa Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 21 29.05.2013 Azioni proprie: l assegnazione ai soci Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili Può accadere che una società,

Dettagli

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda

Fringe benefit aziendali. Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 173 16.06.2015 Fringe benefit aziendali Aspetti fiscali per il percettore e l azienda Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette I fringe

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 42 20.11.2013 Cessione d azienda Ripartizione dei valori, profili di competenza e modalità di tassazione Categoria: Bilancio e Contabilità Sottocategoria:

Dettagli