(Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO: Piano di azione per l energia sostenibile (PAES). Approvazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "(Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. OGGETTO: Piano di azione per l energia sostenibile (PAES). Approvazione."

Transcript

1 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 21 del 2 ottobre 2012 OGGETTO: Piano di azione per l energia sostenibile (PAES). Approvazione. Il Consiglio comunale, il giorno 2 ottobre 2012, si è riunito in seduta straordinaria di seconda convocazione nella sede dell Ente, nelle persone dei signori: Pres. Ass. Pres. Ass. SUMMA Vito (Sindaco - Presidente) X LOVALLO Canio X BIA Davide X LUCIA Vito X BOCHICCHIO Antonio X MECCA Antonio X BOCHICCHIO Donato X PACE Domenico X COLANGELO Emilio X ROSA Vito Fernando X COLANGELO Giovanbattista X SALVATORE Domenico X COVIELLO Tommaso X SABIA Donato X CLAPS Vincenzo X SANTORO Ivan Vito X D ANDREA Anna X SILEO Leonardo X DE LISA Michele X SUMMA Angelo X LORUSSO Vito X Partecipa alla seduta il Segretario Generale, dott. Pietro Rosa. Risultato che i consiglieri intervenuti sono in numero legale, assume la presidenza della seduta il Sindaco, ai sensi dell articolo 39, comma 3, del decreto legislativo n. 267/2000.

2 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la proposta di deliberazione, allegata quale parte integrante e sostanziale della presente, recante l oggetto riportato sul frontespizio; SENTITA la relazione dell Assessore all ambiente, gli interventi dei Consiglieri e la replica del Sindaco, riportati integralmente nella trascrizione allegata quale parte integrante e sostanziale della presente; VISTO il parere di regolarità tecnica, reso ai sensi dell art. 49 del decreto legislativo n. 267/2000; VISTO l art. 42, comma 2, lettera b), del decreto legislativo n. 267/2000; con voti favorevoli n. 19, astenuti n. 1 (Colangelo Giovanbattista), nessuno contrario, espressi in forma palese per alzata di mano da n. 20 consiglieri presenti e votanti, D E L I B E R A 1) di approvare il Piano di azione per l energia sostenibile (PAES) redatto dalla Società Energetica Lucana s.p.a., che si allega alla presente deliberazione come parte integrante e sostanziale; 2) di dare atto che il presente provvedimento non comporta l assunzione di impegni di spesa né riduzione di entrate, demandati a successiva fase di attuazione del Piano, che comporterà specifici atti di impegno per il finanziamento delle azioni; Dopo la votazione si allontana dall aula il consigliere De Lisa.

3 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE SERVIZIO AMBIENTE OGGETTO: Piano di azione per l energia sostenibile (PAES). Approvazione. RELAZIONE ISTRUTTORIA Premesso che con deliberazione di Consiglio comunale n. 25 del 16 settembre 2011, esecutiva a termini di legge, è stata deliberata l' adesione al Patto dei Sindaci e alla campagna "Energia sostenibile per l Europa"; Vista e richiamata la deliberazione di Giunta comunale n. 84 del 13 ottobre 2011, esecutiva, con la quale è stato approvato l' atto d' intesa e d' impegno "Patto dei Sindaci" con la Provincia di Potenza e la Società Energetica Lucana s.p.a., incaricata della predisposizione del Piano di azione per l energia sostenibile (PAES) del Comune di Avigliano; Richiamato il PAES predisposto dalla Società Energetica Lucana spa, con l' assistenza tecnicoamministrativa di questo Comune, come previsto dall' atto di intesa sottoscritto tra l Ente e la società SEL s.p.a.; Dato atto che la presente proposta di provvedimento non comporta l' assunzione di impegni di spesa né riduzione di entrate, demandati a successiva fase di attuazione del Piano che comporterà specifici atti di impegno per il finanziamento delle azioni; Visto il parere favorevole della 2^ commissione consiliare Programmazione e politica del territorio, espresso nella seduta del 26 settembre 2012; Visto lo Statuto comunale; Visto il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267; si propone al Consiglio comunale di approvare la seguente

4 DELIBERAZIONE con la quale si stabilisce 1) di approvare il Piano di azione per l' energia sostenibile (PAES) redatto dalla Società Energetica Lucana s.p.a., che si allega alla presente deliberazione come parte integrante e sostanziale; 2) di dare atto che il presente provvedimento non comporta l' assunzione di impegni di spesa né riduzione di entrate, demandati a successiva fase di attuazione del Piano, che comporterà specifici atti di impegno per il finanziamento delle azioni. Il Responsabile del servizio F.to Ing. Maria Mecca L Assessore F.to Ass. Leonardo Sileo 26 settembre 2012

5 PARERE DI REGOLARITÀ TECNICA (ai sensi del comma 1 dell art.49 del D.Lgs n. 267/2000) FAVOREVOLE Il Responsabile del servizio Avigliano, 26/09/2012 F.to Ing. Maria Mecca PARERE DI REGOLARITÀ CONTABILE (ai sensi del comma 1 dell art.49 del D.Lgs n. 267/2000) PARERE NON RICHIESTO in quanto la deliberazione non comporta impegno di spesa o diminuzione di entrata

6 ALLEGATO ALLA DELIBERA C.C. N. 21 DEL 02 OTTOBRE 2012 Quindi per effetto della nuova formulazione dei punti all ordine del giorno, si pone in discussione il punto n. 11: PAIS. Piano d azione per l energia sostenibile. Approvazione. Assessore Sileo, prego. Ass. Leonardo SILEO Questo punto all ordine del giorno propone di approvare il Piano di azione per l energia sostenibile derivante dall impegno, assunto circa un anno fa da questo Consiglio con l adesione al Patto dei Sindaci, di mettere in campo azioni concrete volte a ridurre di almeno il 20% le emissioni di gas serra entro il 2020, di aumentare la quantità di energia derivante da fonti rinnovabili e di ridurre i consumi energetici. Colgo l occasione per ringraziare i tecnici comunali per il puntuale ed attento lavoro fatto nel reperire i dati; la Provincia di Potenza, in quanto Ente di supporto per la redazione del Patto dei Sindaci, i tecnici della SEL e la stessa SEL che hanno redatto, insieme ai membri dell Amministrazione, il PAIS. Ringrazio, inoltre, coloro che hanno lavorato con Seconda Commissione Consiliare per approfondire ed analizzare il piano, licenziandolo con un approvazione all unanimità. Definito il valore di partenza dell emissione di biossido di carbonio per Avigliano pari a circa tonnellate, alla data del 2009, anno di riferimento, valore ottenuto da un attenta analisi dei consumi di tutti i vettori energetici presenti sul territorio, si definisce il piano delle azioni, individuando la politica energetica che il Comune intende adottare per ottenere i risultati sperati. Il Piano è stato concepito sulle caratteristiche naturali e sulle vocazioni del territorio Aviglianese. La mole del lavoro svolto è notevole, ma molto brevemente le schede si possono suddividere in tre-quattro tipologie particolari. Abbiamo le tipologie incentrate sull azione materiale da mettere in atto, cioè quelle realmente possibili da realizzare fisicamente e sono: quelle sull efficientamento della pubblica illuminazione con l ammodernamento tecnologico, quindi il passaggio alle lampadine a led; la realizzazione di impianti fotovoltaici sulle falde di tutti gli edifici pubblici; l efficientamento energetico degli edifici pubblici più energivori con interventi che innalzerebbero la classe energetica; l installazione di impianti di microcogenerazione ad alto rendimento per la fornitura di energia elettrica e termica, anche per strutture vicine a quelle in cui sono installati questi impianti di microcogenerazione attraverso il teleriscaldamento. Inoltre, la realizzazione di impianti microelolici di piccola potenza, da quattro a otto chilowatt, ad asse verticale, ben armonizzati con il territorio circostante in cui vengono ad essere ospitati. Ovviamente, questa è solamente una piccola descrizione di tutti gli interventi immaginati, però per macroaree diciamo che in aggiunta a queste azioni materiali ne esistono altre, immateriali, che appartengono più all azione di informazione e sensibilizzazione con l obiettivo di modificare le abitudine dei cittadini e delle imprese che, spinti dal buon esempio dato dalla pubblica Amministrazione, saranno indotti ad azioni e comportamenti energeticamente sostenibili. A questo tipo di azioni, per esempio, appartiene quella dell istituzione di uno sportello denominato Sportello energia che aprirebbe un canale diretto tra le imprese, i cittadini ed i tecnici attraverso la informazione e la sensibilizzazione sui temi ambientali. Oltre a questo, ci sono altri interventi di carattere più specificatamente informativi, quali possono essere giornate di incontri e di focus su alcuni argomenti specifici, specificatamente per quanto riguarda l energia e l ambiente, campagne di educazione nelle scuole ed in altri ambiti quali, per esempio, possono essere quelli commerciali e del terziario.

7 Altre azioni invece intervengono attraverso gli strumenti di Governo del territorio sull edilizia residenziale privata, ad esempio con l introduzione di quello che viene chiamato allegato energetico al regolamento edilizio, che definisce metodologie costruttive, parametri minimi di prestazione energetica e il contributo minimo di energia derivante da fonti rinnovabili nelle nuove costruzione e nelle ristrutturazioni di una certa rilevanza. Tutti questi sono interventi che potranno essere incentivati tramite agevolazioni in termini di sgravi fiscali, riduzione degli oneri di urbanizzazione oppure di bonus volumetrici. L insieme di tutte queste azioni che ho appena elencato ci porteranno a cogliere l obiettivo che ci siamo prefissati e che l adesione al Patto dei Sindaci ci impone, quindi la riduzione dell emissione di gas serra superiore a quello che è il valore del 20%. Tant è vero che tutte queste azioni messe in campo porterebbero ad un abbattimento delle emissioni pari al 22,01%. In questo modo il Comune di Avigliano darà il suo contributo alla prevenzione dei rischi ambientali, al miglioramento della qualità della vita dei cittadini e alla riduzione dei costi pubblici e privati connessi al consumo di energia. Quindi, ovviamente, si propone di approvare il PAIS così com è stato licenziato dalla Commissione competente. Grazie. Grazie, Assessore. Ci sono interventi? Prego, consigliere Rosa. Cons. Vito Fernando ROSA Io sono favorevole a questo piano, voterò a favore. In Commissione non ero presente, ma non fa niente. Il problema è che si fanno questi piani perché bisogna stare dentro il protocollo di Kyoto, dentro delle cose inevitabili, però non ci si crede molto. Allora, io avevo cominciato a leggere attentamente questo malloppo di 150 pagine, che secondo questa Amministrazione dovevo scaricarmi dal computer, stando mezza giornata a stampare e consumando tutto il materiale necessario che io pago. Il documento relativo a questo tema è una cosa importante ed interessante, però, a dire la verità, sono arrivato a pagina 20, 21, 22 e mi sono fermato, perché ci sono delle cose messe per darsi lustro, ma che non corrispondono alla realtà. Ad esempio, a pagina 18 si dice che Avigliano fa da cerniera tra il Potentino, il Marmo Platano ed il Vulture, quindi occupa una posizione geografica strategica, ribadendo il concetto della sua naturale vocazione turistica. Poi c è una parte che stride con quanto dichiarato sulla vendita dei biglietti: a pagina 12 è scritto che ci sono state Assessore, io voglio esprimere il concetto è che biglietti staccati per uno spettacolo non significa turismo; turismo è dato da una famiglia che arriva e sta una settimana sul posto, mangia, dorme e spende, portando qualche regalo quando torna a casa. Questo è turismo e da qui possono nascere sviluppo ed occupazione. Uno spettacolo, pur essendo sempre la cultura positiva non è garanzia di questo, per cui l invito che fa Unità Popolare è di smetterla di parlare di turismo. Va fatto tutto quello che c è da fare, ma quando voi dite: Dobbiamo puntare sul turismo io ribadisco che vi sbagliate perché Avigliano deve puntare sull attività produttiva e sull artigianato, come diceva anche il consigliere Colangelo. A parte queste considerazioni, gli obiettivi di ridurre le emissioni determinate da alculne attività sono un po chimere, anche se qualche cosa di concreto si potrebbe fare. Si dovrebbero mettere in atto le condizioni per ridurre queste emissioni esistenti. Ad esempio, si dice che la deforestazione causa l aumento dell inquinamento ed è un ovvietà, lo sappiamo tutti, ma cosa facciamo in questa direzione? Niente. I braccianti forestali, di cui il Comune di Avigliano fa da capofila, non pianta più un albero da anni, invece dovremmo approfittare di questa situazione. Se Avigliano continuerà a conservare il ruolo di Comune capofila, potrà cominciare a sperimentare la forestazione produttiva, perché comprare 500 piantine è proprio niente. Infatti, una delle attività rimaste all Area Programma è proprio questa. A proposito delle Aree Programma voglio dire una cosa. Queste non erano

8 previste per legge e da ora si chiameranno Unione dei Comuni; lo stesso De Filippo, insieme al suo manager, che fa l esperto in questo settore, non si era accorto che le Aree Programma non avevano una base giuridica in Italia. Inoltre, sembra che sia rimasto un vivaio a livello regionale su cui si possono acquisire gratuitamente e io credo che questa cosa debba essere proprio oggetto di un piano di intervento di sperimentazione. La forestazione produttiva si trova pienamente all interno di questo piano per ridurre l emissione e per consentire una migliore vivibilità. Mi sono fermato a pagina 20 dove si dice: Per il 2011 sono stati previsti ,46, ma non so questi soldi che fine hanno fatto, sono ben euro ed il 2011 è finito. Io un idea l avrei, però la devo andare a verificare, che siano stati utilizzati per tenere in piedi la SEL che fino a questo momento è un baraccone; bisogna pagare gli emolumenti a chi ci lavora, soprattutto al suo Presidente, nostro concittadino, Rocco Colangelo. Va bene, adesso sei ex, perché da poco è subentrato Petrone. Per il triennio invece è prevista la miseria di di euro tondi. Il fatto che sono tutti tondi con gli zeri finali significa che non c è una programmazione precisa. Io leggo che per il triennio è in valutazione un piano di investimento per oltre tondi, allora il mio ragionamento era questo: poiché questo è un piano regionale e poiché ci sono 131 Comuni, con di euro in un triennio si compra l acqua minerale. Ass. Leonardo SILEO Allora queste cifre riguardano solo il Comune di Avigliano e sono delle stime relative al periodo Se noi mettessimo in campo tutte le azioni che abbiamo previsto per far sì che l abbattimento arrivi al 22%, allora dovremmo spendere di euro. I finanziamenti, potresti chiederci, da dove dovrebbero derivare? È l elenco che sta appena sopra, a pagina 20. Sono tutte stime di quelli che potrebbero essere gli interventi e di quelli che potrebbero essere i finanziamenti: royalties derivanti dal protocollo d intesa Regione Basilicata-ENI, royalties derivanti da parchi eolici, IMU su impianti fotovoltaici e così via. Quindi finanziamenti di carattere regionale, sovracomunale, ministeriale e soprattutto il finanziamento tramite terzo o l utilizzo di ESCO, che potrebbero investire su alcune di queste azioni che riteniamo essere più interessanti, facendo in modo che l Amministrazione Comunale non metta un euro in questo intervento. Cons. Vito Fernando ROSA Allora, innanzi tutto questo concetto da queste due righe sintetiche non si desume, quindi sarebbe stato utile mettere per iscritto le cose che l Assessore ha spiegato adesso. Nonostante ciò, la questione per me è ancora peggiore, perché è un ipotesi di investimento, è una valutazione e quindi c è la totale incertezza. I ,46 si riferiscono sempre al Comune di Avigliano? Siccome sono 5 miliardi di vecchie lire, che fine hanno fatto? Sono arrivate, come le avete spese? Questo non c è qui dentro ed è la cosa più importante. Io con tutte queste riserve dichiaro di votare a favore di questo piano, perché poi ci sarà la possibilità di miglioare e di aggiustare, comunque è una cosa giusta e positiva. Grazie. Grazie. Prego, Assessore. Ass. Leonardo SILEO Visto che ho parlato dei 5 milioni, magari parlo anche dei 2 milioni. Poiché le emissioni di base vengono definite dall anno 2009, tutti gli interventi effettuati e presenti in queste azioni, dal 2009 ad oggi, sono state contabilizzate e la somma di questi interventi fa euro.

9 Facciamo un esempio concreto, così forse si chiarisce meglio. Ass. Leonardo SILEO Per esempio, i euro utilizzati per la metanizzazione rientrano in questa cifra; i euro per l ampliamento e l ammodernamento della pubblica illuminazione, quindi il passaggio dalle lampade ad incandescenza alle lampade ai vapori di sodio ad alta pressione, rientrano in questa cifra. La raccolta differenziata è un altro elemento, quindi tutti gli elementi che fanno parte delle schede presenti concorrono alla somma dei Prego, consigliere Lovallo. Consigliere Colangelo, diamo la precedenza, perché il consigliere Lovallo non ha ancora parlato. Prego. Cons. Canio LOVALLO Giusto una curiosità. Si è parlato di fotovoltaico e roba varia, ma io non ho sentito fare cenno alle colonnine elettriche. Chiedo se il Comune intende investire anche sulle macchine elettriche. Prego, Assessore. Ass. Leonardo SILEO In una delle schede è stato previsto, con il rinnovo del parco auto, il passaggio dalle auto a gasolio e a benzina alle auto a GPL, cosa più verosimile, perché oggi la tecnologia non ci permette di avere a disposizione da subito le auto elettriche. Inoltre, sul nostro territorio abbiamo un impianto che ci consente di approvvigionarci direttamente. Ovviamente, il passaggio riguarderà inizialmente le macchine dei vigili e dell Ufficio Tecnico, che sono le più datate nel tempo e le più rovinate e che quindi saranno le prime ad essere sostituite con queste a GPL. Nulla esclude però, che appena la tecnologia ce lo permetterà, potremo estendere questo tipo di conversione. Prego, consigliere Colangelo. Cons. Giovanbattista COLANGELO Grazie, Sindaco. Porterò anch io il mio contributo su questo tema, ripartendo innanzitutto da quella delibera che è un po la mamma di questo piano e che il 16 settembre dell anno scorso questo Consiglio ha approvato con la sola astensione del consigliere Rosa. Allora si trattava di aderire al Patto dei Sindaci, presupposto di questo piano. Ebbene, questo piano mi pare nasca male. Se prendiamo questa delibera, il Patto dei Sindaci che, ripeto, costituisce il fondamento delle cose scritte nel PAIS, si dice testualmente: Noi, Sindaci, ci impegnamo a mobilitare la società civile nelle nostre aree geografiche al fine di sviluppare insieme a loro il piano di azione che indichi. Quindi il Patto dei Sindaci, approvato a settembre dell anno scorso, ci diceva che questo doveva essere il frutto di una interlocuzione importante con la società civile, che si sarebbe dovuta interrogare su questo piano e che avrebbe potuto portare il proprio

10 contributo. Invece noi oggi ci troviamo a discutere di un pacchetto, bello e confezionato, in barba a quanto detto dal Consiglio Comunale, quindi siamo qui a discutere probabilmente dell aria fritta. Il soggetto che poi in una qualche misura avrebbe dovuto fungere da braccio operativo, ha avuto l incarico il 13 ottobre del L anno scorso è stata sottoscritta, con deliberazione di Giunta Comunale, l approvazione dell atto di impegno con la società energetica lucana per la redazione dei PAIS. Quindi da ottobre dell anno scorso SEL era nella condizione di poter materialmente predisporre la documentazione e far sì che il Comune potesse discutere e sensibilizzare l opinione pubblica, perché altrimenti noi potremmo fare i trattati di diritto sostenibile, potremmo fare i trattati di sviluppo delle comunità, ma poi veniamo meno agli impegni che noi stessi ci siamo dati. Ripeto, ci fu la totale e unanime condivisione del Consiglio Comunale, nessuno ha votato contro, mentre oggi ci troviamo a discutere di un qualche cosa che nel metodo ritengo assolutamente superficiale, perché trovo sconcertante che non si sia letto quello che dice il Patto dei Sindaci. Io invito l Assessore e la maggioranza, dopo la prima discussione, a soprassedere all approvazione o meno del piano medesimo, ma di avviare una fase di interlocuzione con la società civile per dare un minimo di coerenza ed un minimo di dignità anche alle cose che questo Consiglio ha approvato un anno fa. Nel merito, analizzando il piano, a pagina 7, almeno nella bozza che ho io, c è scritto inserire il messaggio del Sindaco. Probabilmente è un errore che andrebbe corretto, non lo so se è stato fatto, però oggi discutiamo che cosa? Di quella bozza che gli è stata trasmessa. Non voglio fare polemica, ma in quest Aula, per il rispetto che si ha del ruolo del Consiglio, si dovrebbe arrivare con un approfondimento tale da evitare situazioni veramente al limite dell increscioso. A pagina 19 del piano si individuano gli aspetti organizzativi e finanziari. Si prevede che il Comune si debba impegnare in prima persona in maniera importante, poi in maniera del tutto generica si dice che il complesso delle azioni poste in essere nel piano medesimo reca nelle indicazioni per ogni azione la fonte di finanziamento. E quali sono queste fonti di finanziamento? Dovrebbero essere quelle riportate a pagina 20. Al primo punto si parla di royalties derivanti dal protocollo di intesa Regione-ENI. Bene, probabilmente anche qui c è stato un errore di trascrizione, perché questo Comune non fa parte del comprensorio delle gestioni delle royalties. Però sai benissimo che SEL è finanziato con le royalties. Cons. Giovanbattista COLANGELO No, stiamo parlando del finanziamento delle azioni. Al primo rigo sopra quelle royalties vengono, perché SEL è finanziato con quei soldi e gestisce il gas che viene da quei pozzi. Tu lo sai per lavoro, giusto? Cons. Giovanbattista COLANGELO Sindaco, probabilmente si è distratto, ma io volevo dire un altra cosa. Voglio capire bene. É giusto o è sbagliato che quei soldi vengano da lì?

11 Cons. Giovanbattista COLANGELO Posso esprimere il mio giudizio? Benissimo. Allora, nel piano viene detto che il complesso delle azioni riportate nel piano medesimo viene finanziato non solo dai da fondi comunali. Chiedo scusa, ma rinuncio a parlare. Cons. Vito Fernando ROSA Così non si registra nemmeno, perché parlate due persone contemporaneamente. Ho sbagliato io ad interrompere. Dai, prosegui. Il Sindaco ne deve tener conto. Cons. Vito Fernando ROSA Cons. Giovanbattista COLANGELO Volevo fare un altra considerazione. Io vengo sempre considerato come colui che fa le interpretazioni didascaliche, ma credo che in questa assemblea ognuno cerca di portare il proprio contributo, facendo del proprio meglio, e anche io, che non ho pretese particolari, cerco di farlo. Secondo me, quella riflessione non mi pare pertinente rispetto a questo piano. Poi replicherete e mi verrete a dire che non è così. Io nel finanziamento delle singole azioni, e stiamo parlando di questo, non ho trovato in nessuna di esse il riferimento all utilizzo dei fondi che derivano dal protocollo ENI. Rispetto all efficientamento nella pubblica Amministrazione, a pagina 71, si dice che l Ente ha programmato un intervento di riqualificazione dell estensione della pubblica illuminazione con l ammodernamento tecnologico di tutti gli impianti e questo nell ambito di un piano di investimenti dal 2013 al Qualche mese fa abbiamo approvato la relazione previsionale e programmatica per il triennio, sino al Io ho provato a guardare, ma non c è traccia di questo piano di ammodernamento della pubblica illuminazione, anche perché il finanziamento pare essere cospicuo. Infatti sono stimati euro e nella parte relativa alle strategie finanziarie si parla di fondi comunali e di finanziamento tramite ESCO. Siccome nella relazione previsionale e programmatica non ho trovato questo riferimento, volevo avere rassicurazioni del perché si giunge solo adesso a questo e del perché non si è avviato un confronto anche con i cittadini. A pagina 133 del piano, sempre rispetto alle azioni poste in essere, si parla di un azione relativa alla creazione di un parco scientifico e tecnologico sul Monte Carmine. Anche qui si chiede e si promuove l attivazione di parco scientifico e tecnologico, realizzato nei pressi dell Osservatorio Astronomico; i tempi di realizzazione non vengono nemmeno rappresentati, ma volevo sottolineare che nella relazione di qualche mese fa non c è traccia. Sicuramente sarà un intervento positivo, ma si deve avviare una discussione con i cittadini se si ritiene di sviluppare situazioni in questo campo. Poi voglio fare due considerazioni su altre due schede relative alla qualità della vita. Alle pagine 138 e 139 c è la fotocopia della relazione previsionale e programmatica del Cito finanche la consulta del commercio. Ci siamo ricordati della pluriattività. Penso che la consulta dei commercianti abbia poca attinenza con questo documento e sono convinto del fatto che la buona volontà e il voler arrivare rapidamente all approvazione di questo piano probabilmente hanno fatto perdere di vista alcune sbavature che sarebbe opportuno rivedere, avviando un confronto anche con la società civile. Se uno avesse letto con più attenzione questo documento, probabilmente tante imperfezioni non ci sarebbero perché siamo tutte persone di buon senso e per questo sottoponevo questa considerazione: rivedete questo piano. Abbiamo la possibilità di approfondirlo meglio sotto tanti profili e dopo magari procediamo all approvazione, perché è un atto importante che tranquillamente

12 può giungere ad approvazione con il voto unanime di questo Consiglio. Così com è io ho qualche difficoltà ad approvarlo, perché ho evidenziato delle situazioni che probabilmente sono frutto solo della fretta. Grazie, consigliere Colangelo. Prego, consigliere Coviello. Cons. Tommaso COVIELLO La mia era solo una questione di tipo organizzativo. Volevo spezzare una lancia, semmai ce ne fosse bisogno, a favore del consigliere Colangelo che era quasi indotto a non parlare. Volevo rammentare a tutti i partecipanti a questo consesso che noi dobbiamo rispetto a tutti per quello che si dice nel momento in cui si prende la parola, perché noi non dobbiamo dire quello che ci viene consigliato da qualcuno. Volevo cogliere questa occasione per enfatizzare, perché più volte ci siamo trovati ad interrompere il collega che parla in maniera impropria. Da questi microfoni noi siamo autorizzati a dire quello che vogliamo, rimanendo nell ambito dell educazione e del buon gusto senza offendere nessuno. Era solo questo quello che volevo rimarcare. Grazie. Ovviamente, mi corre l obbligo di precisare che non essendo un aula di Tribunale, il consigliere Colangelo non ha bisogno di difese di ufficio, come pure, evidentemente, se c è un certo tono è perché ci lega un rapporto che va oltre quello politico. Anzi, non mi è mai capitato di togliere la parola a nessuno e non lo farei mai. Per rispetto all intelligenza del consigliere Colangelo, devo dire che era una discussione accesa su una interpretazione per la quale mi sono già scusato. Ci sono altri interventi? Cons. Vito LORUSSO Signor Sindaco, intervengo solo per dare la disponibilità di voto del nostro gruppo a favore del Piano d azione per l energia sostenibile, perché, aldilà delle azioni previste dal piano, riteniamo che in futuro si debba andare in questa direzione per cercare di ridurre al minimo le emissioni nell ambiente. Abbiamo sempre sostenuto la necessità di tutelare l ambiente come bene primario e quindi noi preannunciamo il nostro voto favorevole al Piano d azione per l energia sostenibile. Grazie. Ci sono altri interventi? Prego. Cons. Vito Fernando ROSA Prima, per i chiarimenti dati dall Assessore, mi sono dimenticato la proposta finale che volevo fare e che voglio risulti a verbale. Per fare qualcosa di concreto, oltre alla questione della forestazione che accennavo, credo che bisogna studiare i modi per concentrare una spesa nelle aree produttive, sia quella di Contrada Serra Ventaruli, che quella di Sarnelli. Noi vediamo che dove ci sono opifici con un alto consumo di energia, si fanno investimenti di euro per mettere i pannelli solari, ma tutto a livello di iniziativa individuale. Noi non siamo contrari alle azioni che volete mettere in campo; ad esempio, non diciamo che non va rinnovato il parco macchine del Comune, ma per quanto il metano sia meno inquinante della benzina, si tratta di

13 cose che sono state fatte anche in passato e con altri fondi. Ora, se l Amministrazione comunale vuole fare qualcosa di concreto per i cittadini, evitando che ognuno si faccia un impianto di trasformazione, si può studiare la soluzione di un unica centrale di trasformazione di accumulo di energia elettrica in un area. La gente può mettere i pannelli sul proprio capannone, però poi gli ritorna l energia e invece di fare dieci impianti di trasformazione se ne fa uno, con i finanziamenti totali o parziali del Comune. Questo significa invertire la rotta e fare qualcosa di concreto, altrimenti restano sempre e solo buone intenzioni, perché un artigiano non vede mai una volta o che gli vengono tolte 50 lire su una bolletta o che gli danno 100 lire. Allora, quando c è una cosa di questo tipo si possono fare piccole iniziative, che hanno bisogno di essere finanziate. Il Sindaco diceva che in questo periodo c è un attacco frontale alla politica, ma non è vero. L attacco frontale è al popolo lavoratore, a chi paga le tasse. A quale politica? Alla politica del Lazio c è un attacco alla politica? La gente giustamente pensa che pure io, facendo politica dalla mattina alla sera, avrò il mio utile. Noi andiamo ad alimentare questa antipolitica e questo qualunquismo. Io so che pago con il lavoro. Da questo punto di vista noi siamo di fronte ad un attacco alla politica sbagliata, ma soprattutto di fronte ad un attacco al popolo. Sembra che sia stato tolto anche il controllo, mi diceva il Viceprefetto, sugli Enti locali che le Prefetture avevano e mi ha invitato a leggere un rigo e mezzo di un decreto recente del Governo Monti che riduce le attività di controllo. Da dicembre inoltre sembra che non ci sarà più il difensore civico, a cui io mi sono rivolto tante volte, in virtù della politica del risparmio. Allora, quale attacco alla politica? Qua c è un attacco della democrazia, c è un attacco ai diritti della gente e non alla politica, se intesa come bene supremo, bene del popolo e Amministrazione. Quindi la mia proposta, assessore Sileo, è di vedere cosa si può fare concretamente per gli artigiani con i fondi a disposizione, dopo aver rinnovato il parco macchine del Comune. Grazie. Grazie. Prego, assessore. Ass. Leonardo SILEO Volevo rispondere un attimo all assessore Colangelo in riferimento agli strumenti di partecipazione della redazione del PAIS. Magari commettendo qualche piccolo errore di valutazione ma questo poi lo dovrà giudicare chi sta dall altra parte avevamo immaginato il momento zero dal quale poter definire l abbattimento dell emissione di biossido di carbonio; avviare una serie di azioni e proprio per favorire quel percorso abbiamo inserito anche delle azioni di carattere immateriale, come quelle di informazione e di sensibilizzazione, ma poiché il piano e il Patto dei Sindaci prevedono che almeno ogni due anni il piano venga revisionato e valutato, nel corso di questi due anni avremmo potuto avviare anche procedure di coinvolgimento di altri soggetti. Secondo me, alcune schede non sono state lette o non sono state interpretate nel modo giusto, perché per quanto riguarda l efficientamento della pubblica illuminazione, ad esempio, è chiaro che i fondi sono sia di carattere comunale che di finanziamento tramite ESCO, perché una parte riguarda un intervento già realizzato, quello che dicevo prima, ed una parte riguarda un idea progettuale che verrà messa in atto solamente se riusciamo ad attivare tutte le procedure che ci eravamo immaginati con il finanziamento tramite l ESCO oppure tramite altri finanziamenti a cui possiamo in qualche modo attingere. Grazie, assessore Sileo. Io faccio prima una battuta: abbiamo capito che il consigliere Rosa frequenta il Viceprefetto abitualmente e ci dà testimonianza di una su presenza costante lì.

14 Questo piano definisce una strategia partendo da un assunto. C è un impegno, che questi paesi hanno acquisito in via volontaria, che è quello di ridurre le emissioni e ognuno di noi dà un contributo. Questo contributo lo si realizza immaginando azioni che riducano le emissioni, partendo da un momento zero, come veniva spiegato, e dimostrando che nell arco di un certo numeri di anni una serie di azioni possano abbattere queste emissioni. Allo stato non è che esistono miliardi di euro da mettere in campo, quindi bisogna immaginare azioni che, utilizzando quello che si ha a disposizione, realizzano questo risultato. Per esempio, sulla cogenerazione si immagina di utilizzare con le risorse che il Comune già spende un sistema di produzione di energia che consente con le stesse risorse di alimentare più strutture e di conseguire in questo modo un economia indiretta da investire nell ammodernamento e nell efficientamento energetico delle strutture stesse. Per dirla in italiano, se spendo 100 di gasolio, trasformo quell impianto di riscaldamento in centrale a cogenerazione, cioè che oltre a produrre acqua calda, produce energia, e con le stesse risorse riesco ad alimentare due-tre plessi. Quello che risparmio lo utilizzo per efficientare ciò che ho e abbattere le emissioni. Qui non è che dobbiamo discutere di bonus o di benefit o di risorse aggiuntive che altri potrebbero darci. Noi stiamo dentro una strategia più ampia che in qualche modo investe anche le risorse derivanti dalle estrazioni petrolifere, per questo il riferimento alle royalties, da parte di un soggetto nato per promuovere questa attività insieme alla Provincia, che è capofila, e serve ad attestare sulla nostra comunità una visione un po più avanzata rispetto ad alcune tematiche. Ovviamente, è un percorso in fieri, che si costruisce nel tempo, perché nessuno immagina di poter abbattere le emissioni così come vengono rappresentate qui. È un occasione anche di autovalutazione, di autoanalisi. Vi invito a leggere questi numeri; io non sapevo che ad Avigliano ci fossero automobili oppure che la produzione di emissioni domestiche ha un entità così elevata. Ora è chiaro che questo necessita anche di ulteriori aggiunte nella modalità in cui venivano rappresentati e proposte, però segna un momento di inizio e attesta una sensibilità di cui tutti, io credo, dovremmo essere in qualche modo fieri. Poi ognuno, ovviamente, sceglie e decide se votare o no questo piano. Ci sono altri interventi? Se non ci sono altri interventi, andiamo rapidamente al voto. Favorevoli? Astenuti? Uno. Contrari? Approvato a maggioranza.

15 Letto, confermato e sottoscritto Il Presidente F.to dott. Vito Summa Il Segretario Generale F.to dott. Pietro Rosa ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Si attesta che copia della deliberazione è pubblicata all Albo Pretorio del Comune di Avigliano per 15 giorni consecutivi a partire dal giorno 10 ottobre 2012 Reg. N Avigliano, 10 ottobre 2012 Il responsabile dell Albo F.to Anna Santoro RELAZIONE DI ESECUTIVITÀ Il sottoscritto Segretario Generale attesta che la presente deliberazione è diventata esecutiva a tutti gli effetti di legge trascorsi 10 giorni dalla data di pubblicazione ai sensi dell art. 134, comma 3, del D.Lgs. 267/2000. Avigliano, Il Segretario Generale F.to dott. Pietro Rosa Copia conforme all originale per uso amministrativo. Avigliano, 10 ottobre 2012 Il Segretario Generale F.to dott. Pietro Rosa

CITTÀ DI AVIGLIANO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 53 del 16 giugno 2012

CITTÀ DI AVIGLIANO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 53 del 16 giugno 2012 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 53 del 16 giugno 2012 OGGETTO: Presentazione del libro Il piede di Federico (Lagopesole, 16 giugno 2012). Concessione patrocinio.

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 42 In data 25.09.2014 Prot. N. 14229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 11 Reg. Del. COMUNE DI ASOLO Provincia di Treviso DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione ordinaria seduta pubblica in prima convocazione del giorno 25/05/2006 OGGETTO: D.L. n. 444 del 27.10.1995,

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 22.11.2012

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 70 del 22.11.2012 COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA OGGETTO: Progetto europeo Patto dei Sindaci Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Approvazione. Rientrano in aula i Cons. Pasqualetto Giuseppe e Stradiotto

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 del 28 gennaio 2011 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri).

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 53 avente per oggetto: Approvazione del progetto comportante variante agli strumenti urbanistici, relativo alla riqualificazione e potenziamento

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 20 del 27-09-2011 SEDUTA: ORDINARIA- CONVOCAZIONE:PRIMA OGGETTO: ADESIONE DEL COMUNE DI SALA CONSILINA

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Cod. ISTAT COM 42011 DELIBERAZIONE NUMERO 53 DEL 27-10-14 OGGETTO: MODIFICA REGOLAMENTO PER CONFERIMENTO BORSE DI STUDIO AL MERITO ALLA MEMORIA DEL PROF. ANTONIO

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 46 del Reg.

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

Città di Melfi PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 58 DEL 31/10/2014

Città di Melfi PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 58 DEL 31/10/2014 Città di Melfi PROVINCIA DI POTENZA DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 58 DEL 31/10/2014 OGGETTO: ISTITUZIONE DIRITTI SUED - APPROVAZIONE L anno duemilaquattordi, il giorno trentuno, del

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE Provincia di Torino Città di Orbassano VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 59 OGGETTO: CONVENZIONE PER LA REGOLAMENTAZIONE DEI RAPPORTI RECIPROCI TRA LA PROVINCIA DI TORINO E IL

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 10 In data 27.02.2014 Prot. N. 3252 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101 del Reg. OGGETTO: Incarico professionale per la nomina di Energy Manager, che individuino gli interventi per la efficientizzazione

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 18 In data 23/05/2012 Prot. N. 7819 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 127 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Lavori di trasformazione del cinema Don Bosco, p.ed. 304 in C.C. Bezzecca, in centro

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 07 In data 13.01.2015 Prot. N. 866 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI SAN VITO PROVINCIA DI CAGLIARI N. 45 DEL 27.09.2012 ORIGINALE DELLA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Istituzione Scuola Civica di Musica - Statuto - Regolamento-: approvazione. L anno

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE

COMUNE DI CASTELLANA GROTTE copia COMUNE DI CASTELLANA GROTTE P rovi nci a di Bari CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N. 47 del 30/11/2011 OGGETTO: Modifica schede del programma triennale 2011/2013 nonché della programmazione annuale

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso

COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso COMUNE DI CASALE SUL SILE Provincia di Treviso COPIA Delibera nr. 20 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Oggetto: VARIANTE AL PIANO COMUNALE DELLA TELEFONIA MOBILE - ADOZIONE L anno duemilaquindici,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 7 DEL 03/04/2009 Originale VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA L'anno duemilanove, addì tre del mese di aprile

Dettagli

COMUNE di Mesoraca. Provincia di Crotone

COMUNE di Mesoraca. Provincia di Crotone COMUNE di Mesoraca Provincia di Crotone COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 19 del 07-10-2013 Prot: 11197 Data: 14.10.2013 Oggetto: DECRETO LGS N. 163/2006 E D.M. MINISTERO DELLE IN= FRASTRUTTURE

Dettagli

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia.

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. 7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni Giolitti. Atto di indirizzo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. CONSIGLIERE DE LUCIA C. - Nulla, è giunto

Dettagli

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO

COMUNE DI CASTRIGNANO DEL CAPO COMUNE DI CASTRIGNANO DEL PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 18 Del 07-10-2010 Oggetto: RATIFICA VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2010, BILANCIO PLURIENNALE 2010-2012- PIANO

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54/2013 Seduta del 20.11.2013 OGGETTO GARANZIA SUSSIDIARIA PER L ASSUNZIONE DI MUTUO DA PARTE DELL UNIONE DEI COMUNI DEL MEDIO BRENTA PER LA REALIZZAZIONE DELLA

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 180 Del 29-12-2014 C O P I A Oggetto: Lavori di realizzazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 63 del 14 giugno 2013

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 63 del 14 giugno 2013 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 63 del 14 giugno 2013 OGGETTO: Regolamento comunale per la disciplina dell orario di lavoro e della presenza in servizio

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo Nr. 9 del 20/04/2009 Cod. Ente 10243 CONVENZIONE TRA I COMUNI DELLA GRANDE BERGAMO PER L ACQUISTO DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE SUL LIBERO MERCATO. VERBALE

Dettagli

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003

Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Delibera del Consiglio Comunale di Asolo n.15/2003 Data di convocazione: 11-04-2003 Oggetto: Esame ed approvazione "Regolamento comunale di semplificazione dei procedimenti di spesa in economia". Il Sindaco

Dettagli

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova

COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova COMUNE DI TERRASSA PADOVANA Provincia di Padova ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE - N. 5/11 Sessione ordinaria - Seduta Pubblica di 1 a convocazione Reg. Pubbl. N. REFERTO DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia di Enna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 228 Reg. Data: 12/11/2012 OGGETTO: SALVAGUARDIA EQUILIBRI DI BILANCIO.ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI DELIBERAZIONE

Dettagli

OGGETTO: MOZIONE SU SVILUPPO INSTALLAZIONE PANNELLI SOLARI E FOTOVOLTAICI

OGGETTO: MOZIONE SU SVILUPPO INSTALLAZIONE PANNELLI SOLARI E FOTOVOLTAICI C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 110 DEL 13 SETTEMBRE 2011 OGGETTO: MOZIONE SU SVILUPPO INSTALLAZIONE PANNELLI SOLARI E FOTOVOLTAICI L anno duemilaundici il giorno

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Consiglio Comunale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Consiglio Comunale Proposta N. 33 Prot. Data 29/06/2015 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 98 del Reg. Data 30/07/2015 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) n. 12 Del 08/07/2014

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) n. 12 Del 08/07/2014 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) DELIBERAZIONE del Consiglio Comunale n. 12 Del 08/07/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE DEI REGOLAMENTI DI DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) - APPROVAZIONE

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTÀ DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 20 In data: 25/05/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONGLIO COMUNALE Seduta pubblica ordinaria di prima convocazione OGGETTO: APPROVAZIONE RETTIFICA

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 59 In data 28/09/2011 Prot. N. 16134 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Convocazione

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 3 In data 27.02.2014 Prot. N. 4229 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

Comune di San Pietro Vernotico Provincia di Brindisi

Comune di San Pietro Vernotico Provincia di Brindisi Comune di San Pietro Vernotico Provincia di Brindisi VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 6 DEL 30/11/2012 OGGETTO: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO AFFERENTE AL COSTO DI COSTRUZIONE L anno

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI VERONA E LE SINERGIE CON IL SETTORE PRIVATO Riccardo Tardiani Coordinamento Ambiente Comune di Verona Smart Energy Expo - Sala Smart City y & Communities

Dettagli

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE DEI NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI ANNO 2014

OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE DEI NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI ANNO 2014 web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 7 OGGETTO: AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 23 DEL 24/07/2013

COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 23 DEL 24/07/2013 COPIA COMUNE DI CADELBOSCO DI SOPRA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA DELIBERAZIONE N. 23 DEL 24/07/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica Oggetto: ADESIONE

Dettagli

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO

COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO N. 02 Registro Generale delle Deliberazioni in seduta del 22.02.2013 Prot. Gen. N. 861 del 25.02.2013 COMUNE DI MEANA SARDO PROVlNClA DI NUORO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: PAES - ADESIONE

Dettagli

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri).

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri). Il presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 16 avente per oggetto: Sostegno al disegno di legge per il finanziamento statale della manutenzione delle Mura Venete e trasferimento della

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

COMUNE DI CUNEO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale. Seduta del 20 Novembre 2013

COMUNE DI CUNEO. Verbale di deliberazione della Giunta Comunale. Seduta del 20 Novembre 2013 COMUNE DI CUNEO N.295 registro deliberazione Settore Lavori Pubblici Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Seduta del 20 Novembre 2013 OGGETTO: AFFIDAMENTO ALLA SOCIETA DI SERVIZI ENERGETICI AJA

Dettagli

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 08/09/2014

CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE. N. 19 del 08/09/2014 CITTA DI SAN PRISCO PROVINCIA DI CASERTA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONGLIO COMUNALE N. 19 del 08/09/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMU AN 2014 L anno duemilaquattordici addì

Dettagli

COMUNE DI BELLINO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BELLINO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BELLINO PROVINCIA DI CUNEO V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 OGGETTO: ALLESTIMENTO DELLA SALA MULTIMEDIALE/LABORATORIO DIDATTICO NEL MUSEO DEL TEMPO E DELLE

Dettagli

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15

COMUNE DI CEPRANO. Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Numero 32 Del 01-04-15 COMUNE DI CEPRANO Provincia di Frosinone DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 32 Del 01-04-15 COPIA Oggetto: BILANCIO PARTECIPATIVO ANNO 2015. DETERMINAZIONI L'anno duemilaquindici il giorno uno

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 ==================================================================== OGGETTO : APPROVAZIONE DEL

Dettagli

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce

COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce COMUNE DI TAURISANO Provincia di Lecce DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 10 del 11-05-2009 COPIA OGGETTO:PROTOCOLLO D'INTESA PER LO SVILUPPO TERRITORIALE DEL SUD SALENTO ATTRAVERSO LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 48 del 20/03/2015 OGGETTO: Lavori per il recupero e la messa in sicurezza della Scuola Materna ed Elementare

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 38 N 15594 prot. DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE PROGETTO DEFINITIVO STRALCIO A PREDISPOSTO SU INCARICO DEL CONSORZIO PER L AREA INDUSTRIALE

Dettagli

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI BORGETTO Provincia di Palermo DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 3 Del 26 Gennaio 2015 L anno Duemilaquindici il giorno Ventisei del mese di Gennaio alle ore 10:00, nella

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova N. 88 di reg. del 22.09.2010 N. di prot. COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO AMBIENTALE

Dettagli

DELIBERA C.C. N. 49 DEL 25.06.2013. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale SESSIONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE

DELIBERA C.C. N. 49 DEL 25.06.2013. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale SESSIONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE ORIGINALE COMUNE DI ALBINEA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA DELIBERAZIONE N. 49 Data deliberazione 25.06.2013 Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale SESSIONE ORDINARIA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova

Comune di San Giorgio di Mantova P i azz a dell a Repu bbl ica, 8. T e l 037 6 2731 11 F ax 037 6 2731 54 p. e. c. c o m u n e. s an g io r g i o di m an t o v a@p e c. r e g ione.lombardia. it C. F. 800 046 102 02 ORIGINALE Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 252 OGGETTO: BANDO DELLA COMPAGNIA DI SAN PAOLO DI TORINO LINEE GUIDA PER LA RIFUNZIONALIZZAZIONE DI SPAZI

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI MARUGGIO PROVINCIA DI TARANTO N. 36 REGISTRO DELIBERE REGISTRO COPIA DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Realizzazione impianto fotovoltaico loc. Salete della Società Puglia Solar 2

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza COPIA N. DC / 27 / 2013 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica In data 5-Agosto-2013

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Casa COMUNE di FRANCOLISE Tel. 0823/881330 - Fax 0823/877049 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.56 del Reg. OGGETTO: Adesione ai servizi per la continuità operativa ed il Disaster Recovery

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale

PROVINCIA DI CATANZARO COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale COMUNE DI JACURSO PROVINCIA DI CATANZARO Nr. 31 del 27/09/2012 COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Imposta Municipale propria (IMU). Determinazione

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 92 Del 17-09-2015 C O P I A Oggetto: nomina rendicondatore dei maggiori oneri per la gestione SGATE. L'anno duemilaquindici

Dettagli

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Comune di Tradate Verbale di deliberazione della Giunta Comunale N. 110 Registro Deliberazioni Oggetto: Affidamento per il Servizio di somministrazione di energia elettrica per edifici comunali e per la

Dettagli

CITTÀ DI AGROPOLI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. copia N 03 del 31/01/2012

CITTÀ DI AGROPOLI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. copia N 03 del 31/01/2012 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE copia N 03 del 31/01/2012 OGGETTO : DECRETO L.VO 163/2006 E SUCC. MIOD. ED INTEGRAZIONI. ART.128, C.6. PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino AMMINISTRATORI

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino AMMINISTRATORI COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino AMMINISTRATORI COPIA ESTRATTO DEL VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Nr. 314 Del 14/11/2011 INTERROGAZIONE " PARTECIPAZIONE ALLA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 168 / Prot. Data 17/04/2014 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile N 136 del Reg. Data 17/04/2014 Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo COPIA Delibera nº Data 93 23/11/2006 Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale adunanza di prima convocazione - Seduta pubblica Oggetto: ADESIONE

Dettagli

Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale

Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale N. 220 Reg. Data 05/11/2012 OGGETTO: Riorganizzazione aree pubbliche da destinare al commercio di varie tipologie di prodotti - Integrazione

Dettagli

C O M U N E D I C I C C I A N O Provincia di Napoli Sede Legale: C.so Garibaldi n. 3 80033 Cicciano

C O M U N E D I C I C C I A N O Provincia di Napoli Sede Legale: C.so Garibaldi n. 3 80033 Cicciano C O M U N E D I C I C C I A N O Provincia di Napoli Sede Legale: C.so Garibaldi n. 3 80033 Cicciano DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O P I A N. 15 DEL 22.04.2015 OGGETTO: Proposta al Consiglio Comunale

Dettagli

copia n 027 del 02/02/2012

copia n 027 del 02/02/2012 CITTÀ DI AGROPOLI (Provincia di Salerno) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE copia n 027 del 02/02/2012 OGGETTO : ATTO DI CITAZIONE AL GIUDICE DI PACE SIGG.RI DI NAPOLI PIERINO E DI NAPOLI ANTONIO C/COMUNE

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 42 / Prot. Data 10/02/2015 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale N 45 del Reg.

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo COMUNE DI VILLA D ALMÉ Provincia di Bergamo Nr. 44 del 28/09/2004 Cod. Ente 10243 STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI E VERIFICA DEGLI EQUILIBRI GENERALI DI BILANCIO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA. Ufficio Segreteria VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI IDRO PROVINCIA DI BRESCIA Ufficio Segreteria Codice Ente 10332 ANNO 2015 DELIBERAZIONE N.36 del 29/09/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza di prima convocazione Seduta

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 9 OGGETTO : AUTORIZZAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E REALIZZAZIONE

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli