Salute degli anziani in Francia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Salute degli anziani in Francia"

Transcript

1 La popolazione francese invecchia e l importanza numerica delle persone anziane con più di 60 anni e più di 75 anni aumenterà nei prossimi anni, con l ingresso nella terza età delle classi d età del «baby boom», associata all aumento costante della speranza di vita, senza dimenticare l invecchiamento dei disabili dalla nascita. Il contesto attuale sottende, quindi, un attenzione maggiore alle persone anziane, alla loro qualità della vita, al posto che questo gruppo sempre più importante occuperà nella società, ma anche ai costi umani e monetari legati alla non autosufficienza. In quest ottica, si sottolinea l incremento delle politiche di accompagnamento, di presa in carico delle persone anziane e delle loro famiglie, che si traduce nell adozione di diversi piani e misure, nella pubblicazione di leggi specifiche sulla non autosufficienza, oltre alla realizzazione di interventi di concertazione e di organizzazione delle risorse, soprattutto da parte del dipartimento. Attori La presa in carico della salute e della qualità della vita delle persone anziane, coinvolge diversi professionisti e molteplici istituzioni. Due ministeri hanno competenze in modo particolare rispetto alla cura delle persone anziane: - Il Ministère des Solidarités et de la Cohésion Sociale (Ministero della Solidarietà e della Coesione Sociale) - Il Ministère du Travail, de l Emploi et de la Santé (Ministero del Lavoro, dell Impiego e della Salute) A partire dall ultima riforma del governo (novembre 2010), la responsabilità diretta della cura degli «anziani» è stata assunta dal Ministère de la Solidarité et de la Cohésion Sociale (Ministero della Solidarietà e della Coesione Sociale). Il Ministère du Travail, de l Emploi et de la Santé (Ministero del Lavoro, dell Impiego e della Salute)resta tuttavia un attore principale per quanto riguarda il Piano Nazionale Alimentazione e Salute, Plan Santé Mentale - Piano Salute Mentale, ecc ). Un altro organismo nazionale è anche molto presente: la sicurezza sociale. Nell ambito della Loi de financement de la sécurité sociale LFSS (Legge di finanziamento della sicurezza sociale), le priorità di finanziamento sono definite ogni anno attraverso l objectif national de dépenses de l assurance maladie ONDAM (obiettivo nazionale di spesa dell Assicurazione Malattia) votato al Parlamento. Per la non auto-sufficienza, le diverse branche della sicurezza sociale partecipano, con quote più o meno importanti, per un ammontare di 13,45 miliardi di euro al fondo per la non autosufficienza degli anziani. Tra gli attori della sicurezza sociale, si può citare la caisse nationale d'assurance vieillesse - CNAV (cassa nazionale di assicurazione sulla vecchiaia), primo ente pensionistico francese incaricato di organizzare e gestire la pensione del regime generale della Sicurezza sociale 1. A livello regionale, se ne occupano le Caisses d assurance retraite et de la santé au travail 1 Si tratta del regime di base dei lavoratori dell industria, dei servizi e del commercio, ossia più del 70% della popolazione attiva ERSP - 1

2 CARSAT (Casse di assicurazione pensionistica e della salute occupazionale), e a livello locale i CICAS (Centres d Information de Conseil et d Accueil des Salariés Centri per l Informazione, la Consulenza e l Accoglienza dei Lavoratori). Per esempio, in Savoie, esiste un CICAS centrale a Chambéry e 4 sedi nei comuni secondari. La MSA, Mutualité Sociale Agricole, ente mutualistico, garantisce la protezione sociale del mondo agricolo e rurale. A questo titolo, la MSA si fa carico dei lavoratori non salariati, come i conduttori di aziende agricole o i datori di lavoro, i lavoratori agricoli, con i loro familiari aventi diritto e i pensionati. A livello locale, la MSA é organizzata sotto forma di rete e agisce in modo decentrato. La Caisse centrale CCMSA (Cassa centrale) rappresenta la MSA a livello nazionale. Nei dipartimenti della Savoie e della Haute-Savoie, questa funzione di satellite locale viene svolta dalla MSA delle Alpes du Nord, divisa in 28 settori. A livello nazionale vi sono anche gli organismi di riferimento e di accompagnamento alle politiche pubbliche nazionali. Creata con la Legge del 30 giugno 2004, la CNSA (la Caisse Nationale de Solidarité et d Autonomie cassa Nazionale di Solidarità e di Autonomia) è, allo stesso tempo, una cassa, un agenzia e uno spazio pubblico di scambio per l autonomia delle persone anziane e dei diversamente abili. Con un ammontare di 19,1 miliardi di euro nel 2010, il budget della CNSA fa da collettore delle risorse pubbliche nazionali destinate all accompagnamento dei portatori di handicap e non autosufficienti. Le risorse della CNSA provengono principalmente dai crediti dell assicurazione malattia («Objectif national des dépenses d assurance maladie ONDAM» Obiettivo nazionale di spesa dell assicurazione malattia ) destinati al settore medico-sociale ottenuti nell ambito della legge di finanziamento della sicurezza sociale, e da risorse proprie costituite dalla Contribution solidarité pour l autonomie CSA (Contributo di solidarietà epr l autonomia) e dallo 0,1 % della contribution sociale généralisée CSG (contributo sociale generalizzato. Creata con la legge di finanziamento della sicurezza sociale per l anno 2007, l ANESM (Agence nationale d évaluation des établissements médico-sociaux Agenzia nazionale di valutazione degli istituti medico-sociali) è nata grazie alla volontà pubblica di accompagnare le strutture e i servizi sociali e medico-sociali (ESSMS) nella realizzazione della valutazione interna ed esterna, istituita con la legge del 2 gennaio Le Haut Conseil pour l Avenir de l Assurance Maladie (Alto Consiglio per il Futuro dell Assicurazione Malattia) ha una funzione di competenza e di supporto decisionale rispetto all assicurazione malattia presso i ministeri di competenza. A partire dalle leggi sul decentramento, i dipartimenti hanno, salvo eccezioni, la responsabilità dell insieme delle prestazioni di sostegno sociale, tra cui il sostegno sociale alle persone anziane che copre le spese di compensazione della perdita di autonomia (allocazione personalizzata di autonomia), quelle di sostegno sociale all alloggio (ASH) e, più marginalmente, quelle dell assistenza a domicilio. I dipartimenti hanno elaborato degli Schemi Gerontologici che definiscono, coerentemente con le politiche governative, la politica dipartimentale in favore delle persone anziane ERSP - 2

3 In Haute-Savoie, l ultimo piano è stato adottato nel 2008 per un periodo di 5 anni fino al In Savoie, questo schema copriva il periodo Il Consiglio Generale della Haute-Savoie gestisce anche un sito internet, che consente agli anziani e alle loro famiglie di individuare meglio le strutture disponibili sul territorio del dipartimento. Anche i comuni e le intercomunalità si occupano del benessere delle persone anziane. Essi gestiscono i CCAS (Centres Communaux d Action Sociale Centri Comunali di Azione Sociale) o i CIAS (Centres Intercommunaux d Action Sociale Centri Intercomunali di Azione Sociale) in cui la parte dedicata all accompagnamento degli anziani può essere importante. Anche le associazioni contribuiscono a questo benessere nel quotidiano, attraverso i «club degli anziani», i centri ricreativi, le associazioni per il tempo libero, ecc L assistenza domiciliare delle persone anziane comprende, allo stesso tempo, cure e supporto nella vita quotidiana. L offerta di cure é garantita da molteplici operatori provenienti da diverse strutture di accoglienza: medicina ambulatoriale (medico referente, infermieri, masso fisioterapisti, farmacisti, assistenti domiciliari, medici di medicina generale, specialisti), strutture ospedaliere (urgenza, attività ambulatoriali, unità di cure postacuzie e riabilitazione, equipe mobili geriatriche, ospedalizzazione a domicilio ) e settore medico-sociale (servizi di cure domiciliari, accoglienza diurna, alloggio temporaneo) ; I servizi di supporto nella vita quotidiana in favore delle persone anziane si caratterizzano per la diversità delle prestazioni offerte (da un aiuto domestico ad un vero e proprio accompagnamento alla persona), per le differenze statutarie degli enti che intervengono (servizi delle amministrazioni locali, associazioni, società prestata rie o mandatarie, strutture autorizzate o certificate, impiego diretto). In questo registro ritroviamo anche i Services de Soins Infirmiers à Domicile SSIAD (Servizi di Cure Infermieristiche a Domicilio). Creata con la Legge n del 20 luglio 2001, l allocation personnalisée d autonomie - APA (allocazione personalizzata d autonomia) si rivolge agli anziani con più di settant anni, residenti presso la propria abitazione o in una struttura. Il suo sistema offre loro la presa in carico, che non è sottoposta a vincoli su base di reddito, di un piano di assistenza che comprende i diversi servizi e aiuti rispondendo ai bisogni particolari di ciascuna situazione di non autosufficienza. Gestita dai dipartimenti, l allocazione é calcolata in funzione delle entratedei beneficiari e del loro grado di non autosufficienza, misurato attraverso sei livelli di perdita dell autonomia della griglia nazionale AGGIR (Autonomie gérontologie groupes isoressources Autonomia gerontologia gruppi iso-risorse) detti GIR 1 fino a 6, l APA concede un indennizzo solo ai GIR da 1 a 4, ossia i livelli più gravi di non auto-sufficienza. 2 Questo Schema è disponibile sul seguente sito, dedicato agli anziani in Haute-Savoie 3 Schema disponibile al seguente indirizzo ERSP - 3

4 Oltre all APA, gli anziani possono beneficiare di un sostegno per l alloggio, gli spostamenti, e per la qualità della vita quotidiana. Questi aiuti di ordine sociale sono gestiti principalmente in una logica di prossimità delle amministrazioni locali. Come si vedrà in seguito, é soprattutto il dipartimento che ha ereditato queste prerogative dopo la legge sul decentramento del Le persone anziane vivono e sono anche curate nelle strutture. Possono essere accolte nelle Unités de Soins de Longue Durée USLD (Unità di Cura di Lungodegenza) degli ospedali, negli établissements d hébergement pour les personnes âgées dépendantes EHPAD (strutture abitative per le persone anziane non autosufficienti, nelel case di riposo, nelle strutture medico-sociali che ospitano i malati di Alzheimer e di altre malattie degenerative. Il reperimento di servizi associato all evoluzione delle problematiche correlate all invecchiamento della popolazione, col peso delle situazioni di non autosufficienza, può mettere le famiglie in situazioni di scelta difficili e di carico reale. Sia a casa che nelle strutture, le persone anziane che stanno diventando non autosufficienti, e le loro famiglie, devono spesso farsi carico di spese molto onerose nonostante l esistenza di diversi aiuti pubblici. Gli attacchi all autonomia della singola persona generano dei costi legati alle cure di cui necessitano le patologie che ne sono responsabili. Sebbene vi sia un rimborso da parte dell assicurazione malattia, una parte considerevole dei costi associati resta a carico degli anziani. L Alto Consiglio stima che in futuro la spesa media non coperta dall assicurazione malattia per le persone con più di ottant anni (delle quali più di una su due è a carico al 100 % per una lunga malattia) sarà di euro all anno ossia più del doppio dell importo medio sul totale della popolazione. Inoltre, é importante ricordare che agli anziani viene richiesto uno sforzo economico notevole in termini di assicurazione sanitaria integrativa, dal momento che gli enti che forniscono assicurazioni integrative tendenzialmente fissano le tariffe dei contratti in base all età e non offrono loro le stesse condizioni di adesione che applicano alle aziende che assicurano i propri lavoratori con una previdenza collettiva. In Francia la conoscenza dei servizi, dei diritti e dei possibili aiuti è un ostacolo molto concreto. Viene regolarmente ribadito il bisogno di orientarsi, sia da parte degli anziani che da parte delle loro famiglie, e di poter anticipare a monte le risposte, con gli specialisti. Si tratta di un asse di lavoro-chiave per gli attori che si occupano di assistenza sanitaria agli anziani. E in quest ottica che alcune leggi e alcuni piani hanno creato e/o propongono la creazione di strutture di coordinamento e di accoglienza pluri-istituzionali e multidisciplinari. A livello locale, si rammenta, comunque, che i consigli generali possono proporre risorse informative on-line, come il sito Age plus 74 della Haute-Savoie. Allo stesso modo, i CLIC (Comités Locaux d Information et de Coordination gérontologique Comitati Locali di Informazione e di Coordinamento gerontologico) si basano su una rete che riunisce Consiglio generale, comuni, centri comunali di azione sociale, servizi statali, Cassa regionale di assicurazione malattia, Mutualité sociale agricole, servizi di assistenza domiciliare, comitati di mutuo soccorso, associazioni, ospedali, reti sanitarie, strutture alberghiere, servizi sociali, operatori sanitari, attori del territorio ERSP - 4

5 I CLIC in Savoie e Haute-Savoie Dipartementi CLIC recensiti sul sito dei CLIC Contatti Haute Savoie CIAS Annecy Agglomération Annecy Savoie CLIC Chambéry CCAS Chambéry CLIC du Lac du Bourget CCAS Aix-les-Bains CLIC Arlysère Conseil Général CLIC Tarentaise Vanoise CCAS Salins-les-Termes Fonte : Portale dei CLIC Al fine di offrire uno sportello unico ai portatori di handicap, la Legge dell 11 febbraio 2005, detta legge Handicap, ha creato in ogni dipartimento un unico centro di accoglienza, orientamento e di riconoscimento dei diritti per i disabili: la maison départementale des personnes handicapées - MDPH (la casa dipartimentale delle persone con disabilità). La MDPH é un gruppo di interesse pubblico sotto la tutela del Consiglio Generale che riunisce il dipartimento, lo Stato(Affari sociali, Impiego, Educazione Nazionale), gli organismi locali di assicurazione malattia e di allocazioni familiari, e le associazioni che rappresentano i portatori di handicap. Le Maisons Départementales des Personnes Handicapées (MDPH) create nel 2005 hanno il compito di accoglienza, di informazione e di accompagnamento all accesso ai diritti e all orientamento. Le Maisons pour l Autonomie et l Intégration des personnes atteintes d Alzheimer- MAIA (Case per l Autonomia e l Integrazione dei malati di Alzheimer), previste su tutto il territorio come punto di raggruppamento dei servizi esistenti, fanno capo alla stessa volontà di offrire uno sportello unico, concordato tra gli attori impegnati nei servizi di cura, nel settore medico-sociale, nel sociale e con il compito di rispondere sul territorio e in maniera flessibile ai bisogni degli anziani e di chi si prende cura di loro. Queste MAIA sono designate all interno del Piano Alzheimer Piani Le Plan National Bien Vieillir (Piano Nazionale Invecchiare Bene ) é volto principalmente a migliorare la qualità della vita delle persone anziane. La prevenzione dei rischi, la tutela degli anziani nella vita sociale, sembrano essere delle linee principali sviluppate soprattutto a livello locale. Le Plan Solidarité Grand Âge (Piano Solidarietà Vecchiaia ) é declinato su 5 assi principali, elaborati ad hoc sulla base dell adattamento allo stato di non autosufficienza e della posta in gioco associata al poter effettuare assistenza a domicilio all anziano, ad aiutare chi si prende cura di lui, ad adattare i servizi di accoglienza a livello medico-sociale e di cure e a sviluppare la ricerca e la prevenzione. Le Plan Alzheimer (Piano Alzheimer ) é costruito su tre assi complementari di ricerca, di sensibilizzazione e di assistenza ai malati e a chi si prende cura di loro, sui quali si basano gli obiettivi e le 44 misure di questo piano nazionale. Il miglioramento della qualità della vita de malati e di chi si prende cura di loro, rappresenta l asse predominante di questo piano: 20 misure riguardano questo asse. Una delle logiche è lo ERSP - 5

6 sviluppo delle strutture di accoglienza con sportello unico, le Maisons pour l Autonomie et l Intégration des malades d Alzheimer (MAIA) e l ottimizzazione dei percorsi di cura, soprattutto con lo sviluppo di consulenze sulla memoria, di strutture di accoglienza adatte. Quest ultimo piano è successivo al piano e a quello Le malattie neuro-degenerative (Alzheimer, Parkinson e malattie affini) toccano circa il 12% delle persone con più di 70 anni persone soffrono attualmente di una malattia che altera il funzionamento del cervello; ogni anno vengono scoperti nuovi casi. Più di un francese su quattro ha almeno un parente affetto da una malattia cerebrale. Queste malattie sono all origine del 70% delle istituzionalizzazioni e del 72% delle richieste di contributi per la non autosufficienza (APA). Oltre a questi piani specifici per gli anziani, la salute di questi ultimi é citata anche nei piani sanitari tematici, come il Piano Salute mentale (sotto-sviluppato), il Piano Nazionale Nutrizione Salute (sovra-sviluppato). 4 et ERSP - 6

INAS LA PREVIDENZA SOCIALE IN FRANCIA. a cura di Graziano DEL TREPPO Coordinatore INAS Francia Consulente EURES

INAS LA PREVIDENZA SOCIALE IN FRANCIA. a cura di Graziano DEL TREPPO Coordinatore INAS Francia Consulente EURES INAS LA PREVIDENZA SOCIALE IN FRANCIA a cura di Graziano DEL TREPPO Coordinatore INAS Francia Consulente EURES EURES - INAS 77, rue Ambroise Croizat - B.P. 357-73003 CHAMBERY Cédex Tel. 04 79 62 01 63

Dettagli

Salute occupazionale in Francia

Salute occupazionale in Francia La prevenzione dei rischi professionali in Francia, fino a questi ultimi anni, si basava sull azione congiunta delle aziende, delle parti sociali e dei poteri pubblici, senza una vera politica nazionale

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

SOLUZIONI ASSICURATIVE per la SALUTE, la PROTEZIONE e l ASSISTENZA

SOLUZIONI ASSICURATIVE per la SALUTE, la PROTEZIONE e l ASSISTENZA incontro AL FUTURO SOLUZIONI ASSICURATIVE per la SALUTE, la PROTEZIONE e l ASSISTENZA Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Unione Industriale Biellese Associazione Industriali Novara Confindustria

Dettagli

incontro al futuro soluzioni assicurative per la salute, la protezione e l assistenza

incontro al futuro soluzioni assicurative per la salute, la protezione e l assistenza incontro al futuro soluzioni assicurative per la salute, la protezione e l assistenza Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa Unione Industriale Biellese Associazione Industriali Novara Confindustria

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

CONSIGLIO GENERALE DELLA VIENNE

CONSIGLIO GENERALE DELLA VIENNE Provincia di Padova Integrazione e Transizione Cooperativa Sociale a r.l. CONSIGLIO GENERALE DELLA VIENNE Il Consiglio Generale della Vienne, l'equivalente della Provincia in Francia, è un ente locale

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Gestione credito e attività sociali Inpdap

Gestione credito e attività sociali Inpdap Istituto Nazionale di Previdenza Per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica Gestione credito e attività sociali Inpdap 11 buone ragioni per aderire Gestione credito e attività sociali Inpdap 11 buone

Dettagli

RSA: possibile coniugare sociale, investimenti e sostegno all economia locale!

RSA: possibile coniugare sociale, investimenti e sostegno all economia locale! RSA: possibile coniugare sociale, investimenti e sostegno all economia locale! Sebastiaan Schrikker Roma - Martedì 2 febbraio 2016 LINK INSTITUTIONAL ADVISORY SAGL Via Guglielmo Marconi, 2 - CH 6900 Lugano

Dettagli

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio

I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio I servizi sociali per gli anziani nella Regione Lazio Premessa Progressivo aumento del numero degli anziani ripensamento dell assistenza Integrazione dell assistenza sanitaria e dei servizi alla persona

Dettagli

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014

Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus - Anno 2014 Lezione 8 Interventi socio assistenziali nell anziano Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri L invecchiamento

Dettagli

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti

Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti Problema Assistenza Anziani Cronici e Non Autosufficienti La sanità integrativa è una realtà destinata a crescere in Italia per ragioni strutturali che metteranno sottopressione soprattutto alcuni settori

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: ENEA Interventi

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

proposta di legge n. 404

proposta di legge n. 404 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 404 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELL AFFIDO DELLE PERSONE

Dettagli

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin

La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona. Giovanni Bertin La valutazione come occasione di confronto per la programmazione del Piano di Zona Giovanni Bertin Il livello di conoscenza del sistema di offerta http://pdz.venetosociale.it La rilevazione Piani

Dettagli

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi

Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Il ruolo delle Aziende ULSS nel garantire prestazioni, sviluppare innovazione, promuovere buone prassi Dott. Fortunato Rao, Direttore Generale Azienda ULSS 16, Regione del Veneto DECRETO LEGISLATIVO 6

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

Obiettivo della prevenzione:

Obiettivo della prevenzione: Obiettivo della prevenzione: ridurre il numero degli infortuni sul lavoro 30/05/2012 1 GLI INFORTUNI SUL LAVORO IN GERMANIA La Germania inizia a parlare di tutela dei lavoratori nel 1884, uno dei primi,

Dettagli

La riforma della previdenza complementare

La riforma della previdenza complementare La riforma della previdenza complementare 2 I 3 MOMENTI DEL FONDO PENSIONE (1) CONTRIBUZIONE LE FONTI DI FINANZIAMENTO DEL FONDO PENSIONE TFR MATURANDO CONTRIBUTO LAVORATORE CONTRIBUTO AZIENDA (2) GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE

REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE REGOLAMENTO UNITARIO PERLA GESTIONE DELLE UNITA DI VALUTAZIONE INTEGRATE E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE Adottato con delibera G. C. n. 108 del 24.2.2005 Articolo 1 - L INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti

L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti L assegno di cura: uno strumento dell integrazione socio sanitaria a supporto dell assistenza a domicilio per le persone non autosufficienti Paola Maccani Direttore Integrazione socio sanitaria APSS Valeria

Dettagli

Salute e alimentazione in Francia

Salute e alimentazione in Francia In Francia, lo Stato riconosce il ruolo fondamentale dell alimentazione come determinante di salute e sostiene la sfida di realizzare azioni di sensibilizzazione e informazione nutrizionale su misura per

Dettagli

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa

L assistenza domiciliare integrata in Basilicata e il modello Venosa SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza Unità Complessa di Oncologia Critica Territoriale e Cure Palliative - ADI Gianvito Corona Firenze, 2 dicembre 2010 Palazzo dei

Dettagli

I servizi Inpdap non hanno età Guida per chi è in pensione

I servizi Inpdap non hanno età Guida per chi è in pensione Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica I servizi Inpdap non hanno età Guida per chi è in pensione Gentile pensionata, gentile pensionato, sono lieta di comunicarle

Dettagli

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane

Protezione per l azienda. Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane Protezione per l azienda Le migliori soluzioni per proteggere le risorse umane LE MIGLIORI SOLUZIONI PER PROTEGGERE LE RISORSE UMANE Il successo di ogni organizzazione si basa sul benessere e l energia

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Studio di un progetto di welfare integrativo

Studio di un progetto di welfare integrativo Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare PREVIDENZA E ASSISTENZA: PROPOSTE PER UN APPROCCIO INTEGRATO Studio di un progetto di welfare integrativo Attuario Attuario Indice Di

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila

Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila Città di Adrano Città di Biancavilla Città di Santa Maria di Licodia ASP 3 Comune Capofila 1 DISTRETTO SOCIO SANITARIO D12 Adrano Biancavilla S.M. Licodia ASP 3 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA

Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Gruppo 1 I SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA TRA NUOVE DINAMICHE SOCIALI E SOSTENIBILITA ECONOMICA Il contesto demografico, epidemiologico e sociale Gli anziani a Cesena Aumento del 35% della popolazione

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

Soluzioni per il Welfare I Buoni Servizi

Soluzioni per il Welfare I Buoni Servizi Soluzioni per il Welfare I Buoni Servizi EDENRED in sintesi Edenred, leader mondiale delle carte e dei buoni di servizio, sviluppa e gestisce soluzioni per promuovere il benessere delle persone e le performance

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

REGOLAMENTO concernente L APPLICAZIONE DELLE TASSE PER GLI OSPITI DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI 2015

REGOLAMENTO concernente L APPLICAZIONE DELLE TASSE PER GLI OSPITI DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI 2015 Regolamento d applicazione delle tasse REGOLAMENTO concernente L APPLICAZIONE DELLE TASSE PER GLI OSPITI DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI 2015 Nome del file: DIRETTIVA - Regolamento d applicazione delle tasse

Dettagli

Badanti e Assistenti Familiari Specializzati

Badanti e Assistenti Familiari Specializzati Presidenza della Giunta Regionale Provincia di Catanzaro Provincia di Cosenza Regione Calabria Ass. Formazione Professionale Corso di Formazione gratuito per Badanti e Assistenti Familiari Specializzati

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese

Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Presentazione del progetto Non solo accoglienza per il reinserimento di cittadini detenuti ed ex detenuti a Busto Arsizio e Varese Non solo accoglienza, ma accompagnamento in percorsi di inclusione sociale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ART. 1. DEFINIZIONE Per trasporto comunale sociale si intende il servizio di trasporto a favore di persone in condizione di fragilità presso centri sanitari,

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE

PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE Comuni di COLBORDOLO - GABICCE MARE GRADARA - MOMBAROCCIO MONTECICCARDO MONTELABBATE PESARO SANT ANGELO IN LIZZOLA - TAVULLIA PRASSI OPERATIVA AFFIDO FAMILIARE PREMESSA - la

Dettagli

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale

I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale I Contratti di servizio come strumento di governance delle politiche di welfare locale Raffaele Tomba Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Agenzia sanitaria e sociale regionale Area innovazione sociale 1 Fasi

Dettagli

Area promozione e protezione sociale 28/10/2005

Area promozione e protezione sociale 28/10/2005 Area promozione e protezione sociale 28/10/2005 1 Il primo PIANO DI ZONA cittadino Trieste, 26 ottobre 2005 28/10/2005 2 TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE/ PROGETTAZIONE -Area disabili 28/10/2005 3 1.Di chi ci

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

4.14 Stato al 1 gennaio 2012

4.14 Stato al 1 gennaio 2012 4.14 Stato al 1 gennaio 2012 Contributo per l assistenza dell AI In generale 1 Il contributo per l assistenza permette ai beneficiari di un assegno per grandi invalidi che desiderano vivere a domicilio

Dettagli

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati.

Non ti scordar Cafè. un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Non ti scordar Cafè un intervento psicosociale per gli anziani istituzionalizzati. Quando le nostre esistenze sono in frantumi, e non ricordiamo più neanche qual è la prima lettera dell alfabeto, la mossa

Dettagli

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA

Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Accompagnare le cronicità e le fragilità IL NUOVO PATTO STATO-REGIONI: TRA TAGLI ED EFFICIENZA Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Milano, 01 Marzo 2014 La domanda Gli anziani

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE

REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE REGOLAMENTO PER LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA DELLE PERSONE SEGUITE DAL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE DELL ULSS 6 VICENZA INSERITE IN COMUNITA ALLOGGIO E GRUPPI APPARTAMENTO Approvato dalla Conferenza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Pari Opportunità Regione Calabria Le politiche conciliative nel Por Calabria FSE 2007/2013: la strategia del dual approach per garantire il gender mainstreaming

Dettagli

Sala Operativa Sociale

Sala Operativa Sociale Dipartimento Promozione dei Servizi Sociali e della Salute 800440022 Sala Operativa Sociale Dott.ssa Angelina Di Prinzio Roma, 09 Novembre 2010 EVOLUZIONE DELLA DOMANDA SOCIALE Dai dati quantitativi e

Dettagli

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare

Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Giornata Nazionale della Persona con lesion midollare Roma 10 Aprile 2015 La salute nella Persona con Lesione Midollare stabilizzata: la rete dei servizi territoriali nella centralità del progetto individuale:

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI INARZO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Il Comune di Inarzo istituisce per i residenti il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) agli anziani

Dettagli

Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII

Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII ISTRUTTORIA PUBBLICA PER LA DEFINIZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE Bologna, 21 Settembre 2010 Idee e proposte dall ASP Giovanni XXIII 1 IL CONTESTO In questi anni a Bologna abbiamo assistito a: aumento del

Dettagli

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it

Sportello informativo - Distretto di Ostiglia 800 379177 cead.distretto.ostiglia@aslmn.it Hai un familiare anziano o con disabilità gravissima che assisti a domicilio e ritieni di avere bisogno di essere sostenuto / aiutato? Regione Lombardia mette a disposizione dei servizi per aiutarti nel

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI

PROGRAMMAZIONE DELLA FORMAZIONE CONTINUA PER L INTEGRAZONE SOCIO SANITARIA E LA CONTINUITA DEI PROCESSI ASSISTENZIALI, RIFERITE AGLI ANZIANI Allegato parte integrante Programmazione della formazione ASSESSORATO ALLA SALUTE E POLITICHE SOCIALI Organizzazione e Qualità delle sanitarie Ufficio formazione e sviluppo delle risorse umane PROGRAMMAZIONE

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Convenzione quadro di partenariato

Convenzione quadro di partenariato Convenzione quadro di partenariato Tra Il Ministero della Salute, sito in viale Mohammed V, n 335, Rabat, rappresentato dal suo delegato del Ministero della Salute alla provincia di Khouribga, Da una parte

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 18-02-2010 REGIONE PIEMONTE Servizi domiciliari per persone non autosufficienti. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 8 del 25 febbraio 2010 Il Consiglio regionale

Dettagli

Art.1 - Oggetto del regolamento

Art.1 - Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE SPERIMENTALE DI ASSEGNI DI CURA AD ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CARICO ALL UNITA DI VALUTAZIONE GERIATRICA DEL DISTRETTO N.1 DELL A.S.L. 5 Art.1 - Oggetto del regolamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica

COMUNICATO STAMPA. Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell Amministrazione Pubblica COMUNICATO STAMPA Nel 2006: 2,9 miliardi di euro in prestazioni creditizie a tassi tra il 3,2 e il 4% oltre a 1,2 miliardi di euro attraverso istituto convenzionati Anche i pensionati pubblici potranno

Dettagli

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte

Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari. Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte Le politiche integrate per l accesso ai servizi socio-assistenziali e sanitari Raffaella Vitale Direttore Politiche Sociali Regione Piemonte 1 Integrazione socio-sanitaria Per integrazione socio-sanitaria

Dettagli

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii

Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Procedimenti Settore Servizi alla persona Descrizione Normativa Tempi Responsabile procedimento Ufficio Informazionii Responsabile ufficio Responsabile sostitutivo Assistenza domiciliare Per assistenza

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali

Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Clubhouses: Comunità che Creano Opportunità per Persone con Malattie Mentali Cos è una Clubhouse? Una clubhouse è prima di tutto una comunità di persone. Molto di più di un semplice programma, o di un

Dettagli

MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI

MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI MODULI SPERIMENTALI DI FORMAZIONE INTEGRATIVA POST QUALIFICA PER OPERATORI SOCIO SANITARI 1 INTRODUZIONE I moduli integrativi sperimentali, attivati ai sensi del comma 4 dell art. 8 dell Accordo stato

Dettagli

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA

ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana. Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA ASL - Uffici di Piano - Valle Imagna/Villa d Almè - Valle Brembana Progetto: BADANTI, VERSO UN ASSISTENZA FAMILIARE QUALIFICATA In Italia, a differenza degli altri Paesi, il 75/60% delle cure degli anziani

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Il progetto di vita: qualità oltre la scuola

Il progetto di vita: qualità oltre la scuola Il progetto di vita: qualità oltre la scuola Maria Grosso Associazione Italiana Persone Down 30 anni di cambiamenti nell integrazione! Dalla istituzionalizzazione/separazione all inclusione ( all inclusione

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli