DEVISAPERECHE CASSA DE LELLIS ASSISTENZA SANITARIA PER I QUADRI DELLE AZIENDE MANAGERITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEVISAPERECHE CASSA DE LELLIS ASSISTENZA SANITARIA PER I QUADRI DELLE AZIENDE MANAGERITALIA"

Transcript

1 ASSOCIAZIONI CONTRATTO FORMAZIONE PREVIDENZA SANITÀ SERVIZI 25 CONOSCERE IL CONTRATTO Il periodo di prova CASSA DE LELLIS ASSISTENZA SANITARIA PER I QUADRI DELLE AZIENDE MANAGERITALIA 26 QUADRI La malattia, quali gli adempimenti FASDAC IMPORTANTE: INTERVENTI CORRETTIVI Controllo sui documenti di spesa 27 FONDO NEGRI Nuovo regolamento: facoltà di conversione della rendita in capitale CFMT Sulla rampa di lancio le attività formative Èsempre più sentita nel mondo del lavoro, sia da parte delle aziende che da quella dei dipendenti, l esigenza di protezione e di assistenza nelle due aree della sanità e degli infortuni. Manageritalia, con il supporto tecnico di Assidir, già da tempo propone un programma di assistenza sanitaria e una polizza cumulativa infortuni che possono essere sottoscritte dalle aziende a favore dei loro dipendenti. In particolare, oggi ricordiamo le caratteristiche e le peculiarità della Cassa interaziendale di assistenza sanitaria Carlo De Lellis, che tanto interesse sta suscitando presso le aziende e i quadri della Federazione. I VANTAGGI DELLE POLIZZE IN FORMA COLLETTIVA L offerta assicurativa in forma collettiva rivolta alle aziende risponde alle esigenze di incentivazione, motivazione e fidelizzazione dei dipendenti/collaboratori. Inoltre, le condizioni di assicurazione risultano più favorevoli rispetto a una polizza assicurativa individuale e i costi relativi più contenuti. LA CASSA DE LELLIS A queste esigenze risponde compiutamente la Cassa De Lellis che è un ente senza fini di lucro il cui scopo è fornire e promuovere forme di assistenza sanitaria integrativa rivolte specificamente alle aziende dei settori Manageritalia e ha come beneficiari delle prestazioni i loro dipendenti (quadri e non, ad esclusione dei dirigenti, già coperti dal Fasdac) ed eventualmente questi lo desiderassero, anche i loro familiari. 23

2 Cassa De Lellis CARATTERISTICHE DELLA CASSA E I SUOI PUNTI FORZA PRESTAZIONI SERVIZIO Ricoveri ospedalieri Spese extraospedaliere - cure e accertamenti diagnostici e ambulatoriali Parto Alta diagnostica Odontoiatria Ampiezza delle prestazioni nessun obbligo di compilazione di questionario anamnestico ammesse le malattie pregresse. Centri convenzionati (servizio di prenotazione tramite Europ Assistance con pagamento diretto della prestazione da parte della compagnia). Assistenza (prestazioni di soccorso in caso di emergenze gestito tramite numero verde). FORMA COMPLETA FORMA INTEGRATIVA FAMILIARI VANTAGGI FISCALI PER I QUADRI E PER L AZIENDA QUANTO COSTA AI QUADRI Dedicata ai quadri dipendenti di aziende il cui contratto non prevede la forma di assistenza sanitaria Quas (Trasporti, Agenzie marittime, Federlogistica). Dedicata ai quadri dipendenti di aziende il cui contratto prevede la Quas (Commercio, Federalberghi, Aica) e rimborsa l eccedenza che rimane a carico del quadro. Possibilità, a discrezione del quadro iscritto, di iscrivere anche i componenti del nucleo familiare. Il versamento in una cassa sanitaria non concorre a formare il reddito imponibile del lavoratore. I contributi che versano le aziende a fini sanitari sono considerati costo del lavoro e quindi sono detraibili dal reddito d impresa, purché ciò avvenga in applicazione di un contratto di lavoro o di un regolamento aziendale. Su queste somme, inoltre, l azienda non deve versare all Inps la contribuzione sociale piena ma solo un contributo di solidarietà del 10%. Sia nella forma completa che in quella integrativa, significativamente meno di una comune polizza assicurativa sanitaria. Estremamente favorevole se si considera il rapporto costo/prestazioni. È inoltre da sottolineare la modularità delle coperture (è infatti possibile escludere dalle garanzie il rimborso delle spese dentarie e delle prestazioni extraospedaliere) con sensibile riduzione del contributo. MODALITÀ DI ADESIONE È necessario un accordo tra azienda e dipendenti che istituisca l adesione alla Cassa e stabilisca la quota a carico delle parti. PER AVERE INFORMAZIONI Assidir, broker di Manageritalia, si occupa di tutti gli aspetti, tecnici e consulenziali, relativi alla Cassa De Lellis. I riferimenti per ottenere informazioni dettagliate sono i seguenti: ASSIDIR BROKERAGGIO ASSICURATIVO, via Stoppani Milano tel fax (signori Ruggero Pessina e Antonio Grieco). In forma più ampia, e con la possibilità di scaricare la modulistica di adesione, la Cassa De Lellis è presentata nel sito di Assidir (www.assidir.it) con accesso diretto dalla home page 24

3 Conoscere il contratto IL PERIODO DI PROVA Per espressa disposizione sia della norma contrattuale che di quella legale, può essere previsto solo in caso di assunzione e non di nomina. Deve risultare da atto scritto e deve essere firmato prima dell inizio del rapporto o, almeno, contestualmente Maria Laura Rebora I n caso di assunzione, il dirigente e il nuovo datore di lavoro possono sottoporre il rapporto di lavoro, che stanno per instaurare, a un periodo di prova come previsto dall art. 4 del vigente contratto collettivo dei dirigenti del terziario*. Il periodo di prova non può superare i 6 mesi di calendario dalla data di inizio del rapporto, escludendo dal computo eventuali periodi di sospensione. La norma contrattuale, che trae la sua origine dall art del codice civile, merita un approfondimento. Il patto di prova, innanzitutto, per espressa disposizione sia della norma contrattuale che di quella legale, può essere previsto solo in caso di assunzione e non di nomina. Deve risultare da atto scritto (di solito è la lettera di assunzione) e deve essere firmato prima dell inizio del rapporto o, almeno, contestualmente. La forma scritta, richiesta ad substantiam, è un requisito essenziale per la validità del patto di prova e, in sua mancanza o tardività, il contratto di lavoro si intende instaurato in via definitiva, indipendentemente dalla volontà delle parti e da eventuali accordi verbali. L eventuale periodo di prova, dunque, deve essere riportato esplicitamente nella lettera di assunzione e anche la sua durata deve essere esplicitata: 6 mesi è la durata massima consentita, ma gli interessati possono concordare un periodo più breve. A titolo di esempio, si può usare la formula è previsto un periodo di prova di 6 mesi, mentre la dizione è previsto un periodo di prova come da contratto collettivo è nulla. È bene che il dirigente, al momento di firmare per accettazione la lettera di assunzione (che è il contratto individuale di lavoro), apponga di suo pugno anche la data. La sospensione temporanea Tuttavia, anche se il periodo di prova non può superare i 6 mesi di calendario, possono esservi delle cause di sospensione - quali la malattia o l infortunio - che ne interrompono la decorrenza. La malattia o l infortunio costituiscono causa di impossibilità sopravvenuta temporanea della prestazione lavorativa, per causa non imputabile al lavoratore, il cui rischio per legge (art del codice civile), contrariamente ai principi generali di diritto in materia di obbligazioni, grava sul datore di lavoro. La sospensione del rapporto di lavoro, che rimane in vita ma cristallizzato, per malattia o per infortunio è una tutela del lavoratore, quale parte più debole del contratto. La più diffusa giurisprudenza ritiene che anche al lavoratore in prova - come a quello già assunto - spetti la sospensione del rapporto per la durata della malattia o dell infortunio, nei limiti temporali posti dal contratto collettivo (il cosiddetto periodo di comporto ). La prova, dunque, rimarrebbe sospesa e riprenderebbe a decorrere una volta cessato lo stato morboso o invalidante. Tra i contratti dei dirigenti di Manageritalia, quello delle agenzie marittime (art. 5, comma 2) prevede per il dirigente in prova un periodo di comporto ridotto (60 giorni anziché i 12 mesi spettanti al dirigente con contratto di assunzione definitiva). La risoluzione del rapporto Durante il periodo di prova entrambe le parti possono liberamente recedere dal rapporto senza preavviso: al dirigente spetterà il pagamento della retribuzione sino alla data di cessazione, dei ratei delle mensilità supplementari, delle ferie e delle ex-festività maturati e del tfr. Durante il periodo di prova, il datore di lavoro non è tenuto a indicare nella lettera di licenziamento la motivazione del recesso. Tuttavia, la facoltà di recesso aziendale non può essere assolutamente discrezionale, ma deve essere coerente con la causa del patto di prova. Il dirigente che impugni il licenziamento intimatogli durante il periodo di prova dovrà dimostrare non solo di avere superato positivamente la prova, ma anche il motivo reale che ha causato il licenziamento, che deve essere motivo illecito. Solo un motivo estraneo alla prova e non giustificato renderebbe, infatti, illegittimo il licenziamento, con conseguente diritto al risarcimento del danno. Altri motivi di impugnazione del licenziamento in prova potrebbero essere il non avere consentito nei fatti l esperimento della prova al dirigente, oppure avere risolto il rapporto dopo un periodo troppo breve, tale da impedire una valutazione ponderata. L onere della prova, in caso di ricorso al giudice, grava sul dirigente interessato che, pertanto, sarà opportuno consulti l Associazione di appartenenza prima di intraprendere le vie legali. * gli articoli corrispondenti degli altri settori sono: art. 4 ccnl 23/12/99 dirigenti dei trasporti; art. 4 ccnl 27/1/00 dirigenti d albergo Federalberghi; art. 4 ccnl 18/10/95 dirigenti d albergo Aica; art. 5 ccnl 4/4/01 dirigenti delle agenzie marittime; art. 2, comma 2, ccnl 21/7/95 dirigenti dei magazzini generali 25

4 Quadri Fasd LA MALATTIA, QUALI GLI ADEMPIMENTI In caso di malattia, il lavoratore ha il diritto a percepire la retribuzione solo se vengono rispettatati precisi adempimenti nei confronti del datore di lavoro e dell istituto previdenziale Mariella Colavito L a malattia del lavoratore è un ipotesi tipica di sospensione della prestazione lavorativa. Per malattia si intende l insorgenza di una qualsiasi alterazione dello stato di salute, che necessiti il ricorso a cure mediche e che produca un serio impedimento allo svolgimento dell attività lavorativa. Perché l assenza per malattia venga considerata giustificata e il lavoratore mantenga il diritto a percepire la retribuzione, è necessario che siano rispettatati precisi adempimenti nei confronti del datore di lavoro e dell istituto previdenziale, primo fra tutti la tempestiva comunicazione dell insorgenza della malattia. Il lavoratore, per fornire la prova dello stato morboso, deve inviare al datore di lavoro e all Inps la certificazione sanitaria rilasciata dal medico curante. Sono fatti salvi i casi in cui vi sia un giustificato impedimento. In particolare, al datore di lavoro bisognerà inviare l attestato contenente l indicazione della data di inizio e quella finale presunta della malattia; all ente previdenziale, invece, andrà inviato il certificato con la diagnosi. L invio della certificazione deve essere fatto entro 2 giorni dal rilascio mediante raccomandata con ricevuta di ritorno. A tale invio è subordinata l erogazione del trattamento di malattia secondo le percentuali previste dai singoli contratti collettivi. Il ritardo ingiustificato nell invio del certificato all Inps comporta la perdita del trattamento economico per i giorni di ritardo. Il quadro è tenuto a rendere noto all Inps il proprio domicilio durante l evento morboso. Sebbene tale comunicazione sia generalmente contenuta nella certificazione da inviare all Istituto previdenziale, è bene che il lavoratore verifichi l esatta apposizione dell indirizzo. Lo stato di malattia del quadro può essere oggetto di controllo richiesto dal datore di lavoro o dall Inps. Perché il controllo sia possibile, il lavoratore è obbligato a rispettare delle fasce di reperibilità giornaliere che vanno dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19, sabato, domenica e giorni festivi inclusi. Secondo la Corte di cassazione, una volta che il lavoratore abbia adempiuto all onere di indicare il luogo del domicilio e rendersi reperibile, lo stesso è libero di trascorrere il periodo di malattia in qualsiasi parte del territorio italiano, purché non contravvenga ai principi generali di correttezza e buona fede 1. L assenza ingiustificata alla visita di controllo comporta la perdita del trattamento economico per i primi 10 giorni e del 50% per i giorni successivi. La sanzione non viene applicata in caso di ricovero ospedaliero o per assenza per giustificato motivo. L Inps ha individuato i casi non sanzionabili: - forza maggiore; - coincidenza di visite e prestazioni mediche con le fasce di reperibilità, qualora si dimostri che non potevano essere effettuate in ore diverse. Sarà opportuno, in ogni caso, che il quadro si procuri la documentazione idonea a giustificare il mancato rispetto delle fasce di reperibilità. Anche il datore di lavoro potrà sanzionare l assenza ingiustificata del lavoratore, ricorrendo alle sanzioni disciplinari previste dallo statuto dei lavoratori e dalla contrattazione collettiva. Qualora lo stato di malattia si protragga oltre l iniziale prescrizione del medico curante, il quadro dovrà darne tempestiva comunicazione al datore di lavoro e provvedere ad inviare la nuova certificazione, possibilmente emessa entro il primo giorno successivo alla scadenza della prognosi precedente.una volta scaduto il termine ultimo posto dal medico per la prognosi, il quadro è tenuto a riprendere puntualmente la prestazione lavorativa. 1 Corte di cassazione n del 4 aprile 2001 IMPORTANTE INTERVENTI CORRETTIVI Slittano i forfait per alcuni interventi chirurgici e il nuovo tariffario per le fisioterapie Con il 1 settembre sono entrate in vigore le variazioni al sistema delle erogazioni del Fasdac in materia di psicoterapie, lenti correttive della vista, protesi e cure dentarie (per i dettagli vedi il n. 7/8 de Il giornale del dirigente). Contestualmente sarebbe dovuta partire l introduzione di un forfait per il rimborso in forma indiretta di alcuni interventi chirurgici e per l adozione del CONTROLLO SUI DOCUMENTI DI SPESA Nel quadro delle iniziative di razionalizzazione e verifica il Fasdac ha attivato un sistema automatico di registrazione e controllo della documentazione di spesa, grazie al quale registra gli estremi identificativi di tutte le fatture. Grazie a questo strumento ogni pratica, sia diretta che in- 26

5 ac DEVISAPERECHE Fondo Negri nuovo nomenclatore tariffario delle terapie fisiche e riabilitative. Vista la delicatezza della materia, si è deciso, invece, di approfondire ulteriormente l argomento utilizzando i dati statistici in possesso del Fondo per meglio definire il tipo d intervento cui applicare queste nuove procedure e l importo su cui assestarci in modo tale da garantire il corretto rimborso degli eventi evitando nello stesso tempo al fondo eccessi di spesa ingiustificati. Ulteriori informazioni saranno comunque disponibili sul sito e presso le Associazioni territoriali. Si ricorda che, in ogni caso, la decorrenza è definita in base alla data del documento di spesa. NUOVO REGOLAMENTO FACOLTÀ DI CONVERSIONE DELLA RENDITA IN CAPITALE All inizio del 2003 sono entrate in vigore le nuove norme statutarie e regolamentari che hanno modificato significativamente il sistema previdenziale del Fondo Negri. Per gli iscritti alla data del 27 aprile 1993 è stata introdotta la facoltà, una volta maturati i requisiti per il pensionamento di vecchiaia presso il Fondo, di richiedere la liquidazione dell intero trattamento sottoforma di capitale (art. 42 del regolamento). Conseguentemente, nello stesso articolo è stata prevista - limitatamente agli iscritti al 27 aprile 1993 che abbiano ottenuto il pensionamento presso il Fondo Negri nel periodo compreso tra l 1/1/1994 e il 31/12/2002, e risultino beneficiari di trattamenti di vecchiaia per un importo inferiore a annui - la facoltà di richiedere la liquidazione in capitale della pensione in godimento. Per la trasformazione in capitale della rendita, all importo annuo lordo in pagamento viene applicato il coefficiente dell allegato B del previgente regolamento, corrispondente all età compiuta e, comunque, non inferiore a quello relativo al 65 anno d età se uomo o al 60 se donna. Dall importo che risulta dalla trasformazione in capitale deve naturalmente essere dedotta la somma delle rate di pensione corrisposte in precedenza dal Fondo. Gli interessati che intendessero ottenere la conversione in capitale della rendita in godimento dovranno presentare domanda al Fondo entro il 31 dicembre 2003, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento. diretta, viene radiografata per evitare che per qualsiasi motivo possa avvenire la liquidazione di rimborsi non dovuti. Anche a prescindere da conseguenze ancora più spiacevoli, che potrebbero determinarsi qualora ne ricorressero gli estremi, è bene tenere presente che le eventuali duplicazioni delle richieste di rimborso vengono tutte sistematicamente individuate dal sistema automatico di controllo e ne viene inibito il pagamento non dovuto. Esempio di conteggio di conversione della rendita in capitale Pensionato di vecchiaia dall 1/4/1988 con 65 anni d età: Pensione annua lorda 913,655 x coefficiente conversione 11,515 = Capitale corrispondente alla rendita ,675 rate pensione 1/4/88-31/7/ ,095 Capitale da liquidare 5.839,585 Trattenute fiscali 1.225,205 Importo netto 4.614,385 27

6 Cfmt SULLA RAMPA DI LANCIO LE ATT Il Cfmt inizia il suo decimo anno di attività con risultati lusinghieri in termini di incremento delle attività e di crescente interesse per le iniziative formative. I dati consolidati di questi primi nove anni parlano chiaro: partecipanti, iniziative formative, aziende presenti ai diversi programmi di formazione. Inoltre, nell ultimo anno formativo ( ) è stato superato il traguardo delle partecipazioni. Lasciandoci il passato alle spalle, il futuro prossimo venturo del Centro di management si presenta ricco di novità e nuove iniziative, per mantenere vive e sempre aggiornate le proposte e il know-how formativo, accanto ai programmi formativi più tradizionali. Ecco, in sintesi, le principali guideline che il Cfmt svilupperà dal prossimo anno formativo Formazione, Informazione, Cultura: la Business school del terziario Questa la sfida che il Cfmt intende intraprendere, con l ambizione di diventare un vero e proprio polo culturale per i manager e le aziende del terziario. Un punto di riferimento per ricavare e scambiarsi informazioni, opinioni ed esperienze per aiutare imprese e dirigenti del settore a perfezionare il proprio know-how e a creare il proprio futuro. Ecco perché il Centro darà impulso a una serie di servizi integrativi alla tradizionale formazione di alto valore aggiunto e caratterizzato da un approccio multicanale. Dall altro, la diffusione di cultura avverrà anche con la promozione di indagini di scenario, ricerche biennali sulla customer satisfaction nei servizi, analisi dei trend settoriali e iniziative editoriali periodiche. Il Cfmt rappresenterà, dunque, una vera palestra di formazione manageriale, per rendere effettiva e permanente la cultura, l innovazione e la formazione nel terziario. Indagine Il Terziario nell economia della conoscenza: da settore residuale a motore dello sviluppo Un indagine ad ampio spettro, di rilevanza strategica e politica, abbinata a un importante evento che ha come obiettivo la misurazione dello stato dell arte del terziario sia dal punto di vista degli attori coinvolti, aziende e manager del settore, che delle possibilità oggettive di cambiamento. Un occasione per riaffermare sia l identità culturale, sia la specificità delle imprese e dei manager del terziario. Uno spazio di dialogo per enfatizzare il contributo del terziario allo sviluppo socio-economico del paese. Multicanalità e servizi ad alto valore aggiunto L offerta formativa del Centro di management sarà arricchita introducendo gradualmente la multicanalità e servizi ad alto valore aggiunto di informazione e cultura manageriale: iniziative editoriali, forum, sviluppo del portale interattivo, la ricerca, la banca dati delle conoscenze, link con i più importanti siti di informazione culturale, la creazione di una biblioteca virtuale del terziario. La strategia di fondo sarà caratterizzata da una precisa scelta di integrazione fra attività tradizionali e/o virtuali mirate allo sviluppo dell apprendimento del management. Multicanalità significherà inoltre la creazione di pacchetti/percorsi formativi che integreranno, intorno ad un tema/problema, metodologie didattiche diverse quali aula, formazione a distanza, strumenti di assessment. Flessibilità dell offerta formativa Un progetto di costumer care che si concretizza nel rispondere tempestivamente alle richieste dei nostri associati, aziende e dirigenti, aumentando quindi le capacità di ascolto del nostro mercato di riferimento. Il sito del Cfmt sarà personalizzato con un area dedicata (training on demand), consentendo un contatto permanente con le imprese e i dirigenti, che in tempo reale potranno richiedere le attività formative di interesse da programmare sul proprio territorio. Verrà inoltre ampliato e personalizzato il dialogo diretto con i nostri associati e con le Associazioni Manageritalia e Confcommercio dislocate sul territorio e quindi vicine ai nostri utenti, per comprenderne le esigenze culturali e formative. Web comunity Uno spazio virtuale a disposizione dei manager per facilitare e promuovere, oltre il momento d aula, la formazione continua e aumentare contestualmente la fidelizzazione e la partecipazione alle iniziative del Centro. Personalizzazione Per personalizzare l apprendimento, la struttura del Centro di management fornisce un servizio di consulenza formativa finalizzato a creare percorsi formativi ad hoc per le aziende e i manager tramite assessment, counselling individuali, pacchetti di iniziative focalizzati su un problema manageriale. 28

7 IVITÀ FORMATIVE Attività di formazione Vediamo nel dettaglio le scelte di fondo che caratterizzeranno le diverse aree dell offerta : Progetto itinera L offerta interaziendale, caratterizzata dai corsi a catalogo, rappresenta il core business del Centro con circa il 50% del volume delle partecipazioni. I seminari delle 4 macro aree (Gestione risorse umane, Controllo di gestione e finanza, Marketing e organizzazione forze di vendita, Organizzazione e strategie) sono finalizzati a supportare i manager nell attività operativa quotidiana e si caratterizzano per l utilizzo di metodologie didattiche innovative e fortemente interattive nonché per il continuo aggiornamento dei contenuti. Nella nuova brochure si è scelto di rendere più visibili i seminari relativi all Information technology, inserendo questi corsi nell area Organizzazione e strategie. I corsi a calendario programmati quest anno saranno 94, di cui 15 novità. In generale, la programmazione delle attività formative sarà improntata alla massima flessibilità attraverso il lancio nel corso dell anno di seminari in risposta a nuovi bisogni formativi emersi. Convegni e workshop È l area del Cfmt, che ha come obiettivo principale l aggiornamento e l informazione sui temi di forte attualità. Rappresenta più del 20% delle attività formative del Centro e si distingue per l approccio fortemente pragmatico e per il contributo di autorevoli specialisti italiani e internazionali. Distance learning: da Fad a e-learning Il Cfmt ha l obiettivo di creare un vero e proprio centro di formazione virtuale per l erogazione e la gestione dell attività didattico-formativa integrabile con i modelli più tradizionali. Caratteristica distintiva del modello di distance learning sarà l architettura modulare dei corsi, conformabile e adattabile alle esigenze individuali. Nell ottica quindi di una significativa penetrazione di questa modalità tra i nostri associati, il catalogo Fad, che attualmente presenta 6 corsi oltre all iniziativa del Business english on line, verrà integrato con nuove proposte finalizzate all individuazione di autonomi percorsi di apprendimento. Il Check-up per le aziende È il progetto che, per sua natura, risponde meglio alla richiesta di personalizzazione in quanto offre uno strumento di diagnosi e di governo per comprendere il proprio posizionamento nel mercato, la valorizzazione dei punti di forza e delle eventuali criticità da monitorare nelle seguenti tre aree strategiche fondamentali: il profilo economico-finanziario e di rischio; il profilo della competitività commerciale; il profilo delle competenze delle risorse umane. È un progetto ad elevato valore aggiunto per le aziende partecipanti, che hanno apprezzato la concretezza e la semplicità degli strumenti e dei modelli adottati. L Accademia delle capacità manageriali È un progetto innovativo che ha l obiettivo di sviluppare il possesso delle capacità manageriali chiave indispensabili per il raggiungimento dei risultati aziendali. La metodologia didattica è fortemente innovativa e interattiva. Il percorso formativo e così strutturato: la diagnosi: l utilizzo di assessment questionnaries che garantiscono la personalizzazione dell apprendimento; la palestra: due giornate in aula per apprendere le tecniche di potenziamento della capacità chiave; l allenamento: lavori individuali e counselling con il docente per verificare i progressi ottenuti e concordare una strategia di consolidamento; il club dell eccellenza: incontri serali con i top performer delle capacità, momenti di confronto e di scambio di esperienze. Service management È un progetto di rilevanza fondamentale per il Centro, vista la specificità e il focus sul mondo dei servizi e il buon livello di gradimento espresso dai partecipanti nelle scorse edizioni. Il progetto verrà quindi interamente riprogettato e arricchito anche attraverso nuove partnership con esperti internazionali, che potranno garantire un costante livello di innovazione. 29

8 Cfmt Formazione su misura per le aziende Dato il buon risultato ottenuto nel corso dell anno, si prevede il consolidamento delle attività, ponendo grande attenzione alla qualità dei progetti formativi. Ad oggi, il Cfmt ha sviluppato progetti di formazione su misura per più di 70 aziende. Starting Il progetto per i neo dirigenti, in partnership con SDA- Bocconi, è ormai divenuto un asset fondamentale nel percorso formativo di ogni dirigente. Anche quest anno, vista la grande richiesta di partecipazione, è prevista la realizzazione di due edizioni a Milano e una a Roma. Executive master Il progetto, sviluppato in collaborazione con l Università di Castellanza, Cuneo e Associati e Cap Gemini Ernst & Young, verrà riprogrammato nel primo semestre del La struttura del progetto rimarrà invariata: tre moduli focalizzati su tre aree di competenze quali Gestire se stessi e le persone, Gestire il business, Creare il futuro; gli incontri Nuove frontiere con i massimi esperti nazionali e internazionali; due sessioni Elective di approfondimento per personalizzare il proprio percorso di apprendimento; un area del sito Cfmt riservata ai partecipanti al progetto per la raccolta e sistematizzazione in tempo reale dei contributi dei singoli e per consentire la massima interazione fra le persone. Executive forum Il nuovo progetto In/certezze: come capire il cambiamento economico, sociale, tecnologico e culturale sarà realizzato a Milano e a Roma. Le quattro sessioni che lo compongono esploreranno alcune problematiche tipiche nei momenti di rapido cambiamento e nei contesti globalizzati: l in/certezza della finanza; l in/certezza demografica; l in/certezza del contratto; l in/certezza dei consumi; l in/certezza del welfare. Il progetto privilegerà la massima interazione tra partecipanti all incontro e relatori, con la possibilità di porre domande agli esperti in modo diretto anche tramite web. Inoltre, una sintesi del dibattito verrà pubblicata anche sul sito del Cfmt. Incontri internazionali Per il prossimo anno, nell ottica di ampliare l attività culturale del Centro e di celebrare il decennale della nascita della struttura, sono previsti alcuni incontri che prevedono la possibilità di confrontarsi con relatori di fama internazionale. I contributi di questi esperti, impegnati costantemente nello sforzo di interpretazione della realtà, soddisfano un esigenza di analisi e di scambio culturale indispensabile per governare l imprevedibilità degli scenari che toccano oggi la società e le imprese. Il primo evento di questa tipologia sarà in videoconferenza con Milano e Roma e vedrà l intervento di Seth Godin, vice president direct marketing di Yahoo e autore del best seller Permission marketing. Nel secondo semestre, invece, Felipe Fernandez Armesto, docente di storia moderna all Università di Oxford, sarà a Milano per un intervento di carattere più strettamente culturale, in relazione al suo ultimo saggio Millennium: il racconto di mille anni della storia del mondo, un approccio sintetico alla storia del mondo dal 1000 al 2000, che interconnette gli apporti e le vicende delle varie aree del mondo. Collegato agli eventi, verrà ideata e inserita come spazio dedicato nel sito web del Cfmt una parte redazionale ad hoc dove saranno disponibili articoli e materiale dei relatori protagonisti degli eventi. Il portale Cfmt Oltre a garantire una maggiore relazione tra il Centro e gli associati, il sito del Cfmt (www.cfmt.it) sarà sempre più lo strumento privilegiato per la comunicazione dei vari programmi formativi e per l attivazione di servizi aggiuntivi alla formazione. NUOVA SEDE PER IL CFMT DI ROMA Il Cfmt di Roma si è trasferito in Via Mario Bianchini Roma Il numero di telefono, di fax e l indirizzo restano invariati 30

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Il lavoro subordinato

Il lavoro subordinato Il lavoro subordinato Aggiornato a luglio 2012 1 CHE COS È? Il contratto di lavoro subordinato è un contratto con il quale un lavoratore si impegna a svolgere una determinata attività lavorativa alle dipendenze

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli