REPORT Open Space Technology CO2 cose da dire le mie azioni per cambiare il clima in città! 12 febbrario 2011 Fortino Sant Antonio Abate Bari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPORT Open Space Technology CO2 cose da dire le mie azioni per cambiare il clima in città! 12 febbrario 2011 Fortino Sant Antonio Abate Bari"

Transcript

1 REPORT Open Space Technology CO2 cose da dire le mie azioni per cambiare il clima in città! 12 febbrario 2011 Fortino Sant Antonio Abate Bari

2 PARTECIPANTI 1. Abenante Maria 2. Antonelli Paolo 3. Barile Annarita 4. Bernocco Nicola 5. Blasio Luigi 6. Boccardi Eliana 7. Cappabianca Giovanni 8. Caputo Alessandro 9. Carrieri Giuseppe 10. Cellamare Giovanni 11. Cicala Grazia 12. Copeta Davide 13. Corciulo Antonella 14. D Agostino Fabio 15. D Imperio Nicola 16. Dal Sasso Pasquale 17. De Astis Rosanna 18. De Benedictis Francesco 19. De Benedictis Leonarda 20. De Benedictis Luciana 21. De Chirico Francesca 22. De Manna Gioacchino 23. De Martin Rachele 24. De Padova Aniello 25. Del Vecchio Francesco 26. Di Bari Maria Rita 27. Di Bisceglie Nicla 28. Difronzo Maurizio 29. Di Gioia Graziana 30. Difino Nicola 31. Elicio Mariangela 32. Fatone Valeria 33. Ferrante Annamaria 34. Ferrara Adelaide Stella 35. Filograno Anna 36. Fiore Mariacarmela 37. Fusaro Francesca 38. Gangiani Alfio 39. Gelao Andrea 40. Giordano Antonio 41. Iacovelli Arianna 42. Innesto Alessandro 43. La Notte Giacinto 44. Lamacchia Giovanni 45. Landazuri Ana Sofia 46. Lecce Antonio 47. Leotta Luigi 48. Lionetti Antonia 49. Lodato Giovanna 50. Lorusso Giacomina 51. Lorusso Stefania 52. Mariani Anna 53. Marzella Silvia 54. Morgese Domenico 55. Nannavecchia Antonio 56. Natuzzi Nunzio 57. Nicotra Maria 58. Novembre Valentina 59. Pace Bernardo 60. Pagliarulo Giovanni 61. Paolino Maria Irene 62. Pasculli Francesco 63. Pignatelli Germana 64. Pilagatti Giacomo 65. Pitacco Marina 66. Poligneri Giovanni 67. Presicci Cosimo 68. Presta Gabriella 69. Pugliese Giovanni 70. Ranieri Grazia 71. Ricciardi Mariantonietta 72. Rienzo Pasquale 73. Romanelli Liborio 74. Saccente Graziana 75. Salvino Marianna 76. Scardicchio Alessandro 77. Scardicchio Daniele 78. Sebatier Alain 79. Sembiante Sergio 80. Shawki Daniela 81. Sivo Carmela 82. Somma Anna Rita 83. Sportelli Claudia 84. Stasi Nicola 85. Tanzi Chiara 86. Tanzi Felicia 87. Tartarino Patrizia 88. Tempesta Arianna 89. Tempesta Francesco 90. Traversa Onofrio 91. Troiano Daniela 92. Tulipani Giuseppe

3 Il progetto R.A.C.E.S. R.A.C.E.S. (Raising Awareness on Climate and Energy Saving for teachers, families, and stakeholders) è un progetto europeo sul cambiamento climatico che si rivolge a famiglie, insegnanti, amministratori locali. Il progetto è finanziato dal programma europeo LIFE+ Informazione e Comunicazione, strumento finanziario utilizzato dall Unione europea per sostenere progetti ambientali. Capofila del progetto è il Comune di Firenze insieme a: Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Comune di Modena, Fondazione E. Mach di Pergine Valsugana (TN), EURO-NET Synergy di Potenza, CNR Istituto nazionale di biometeorologia di Firenze. Il progetto Per migliorare la qualità della vita e del benessere delle generazioni presenti e future, lo sviluppo sostenibile deve affrontare sfide relative a temi ambientali, economici, sociali. Queste sfide sono direttamente e strettamente collegate al nostro modo di vivere. Le modalità di produzione e di consumo contribuiscono al riscaldamento globale, all inquinamento, al consumo dei materiali e allo sfruttamento intensivo delle risorse. I nostri stili di vita ed i nostri comportamenti costituiscono delle minacce non solo per l ambiente, ma anche per la nostra salute e la sicurezza alimentare. Questo significa che ognuno di noi ne è responsabile in prima persona. La tutela dell ambiente, della biodiversità, dell ecosistema è un dovere che riguarda tutti: per garantire un futuro al nostro pianeta occorre uno sforzo comune a partire da piccoli gesti quotidiani. La sfida non è facile: un ruolo fondamentale può essere svolto dalla comunicazione: il confronto ed il dialogo sono utili per condividere modelli di consumo e di produzione sostenibili ed imparare ad essere persone a basso impatto ambientale. Il progetto, che ha preso il via ufficialmente il 1 gennaio 2009, è diretto ad informare i cittadini sugli impatti locali del cambiamento del clima ed il valore del risparmio energetico, e prevede una serie di azioni di comunicazione e sensibilizzazione sulle strategie di adattamento e di mitigazione finalizzate al coinvolgimento attivo e partecipato dei cittadini. L obiettivo è quello di avviare un cammino verso una riflessione attenta sui rischi connessi con l utilizzo sconsiderato e irrazionale delle risorse naturali. R.A.C.E.S. vuole accrescere la consapevolezza sulla necessità di attuare stili di vita ecocompatibili, sperimentandoli nella vita quotidiana, azioni semplici, gratuite e non impegnative che ci possono aiutare a monitorare e ridurre le emissioni di CO 2 anche dentro le mura domestiche. Ma vuole aiutare anche i decisori locali in campo ambientale, favorendo un modello partecipativo e di bottom-up. Il progetto si articola in una dozzina di azioni specifiche tra cui: i Clima Days micro-conferenze e mostra, video documentari, tutorial, una brochure, la guida all ecologia domestica) e infine l OST CO2 cose da dire le mie azioni per cambiare il clima in città! Ognuno di noi ha un ruolo determinante nell'attuazione delle politiche di sviluppo sostenibile e di tutela delle risorse naturali, in quanto cittadini, professionisti, amministratori e decisori politici. Discutere e riflettere sul valore delle risorse ambientali e sull'emergenza ecologica, che a livello globale rischia seriamente di comprometterle, è assolutamente necessario ed urgente per tentare di generare un cambiamento convinto e permanente dei modi di pensare e di agire.

4 Cos è un Open Space Technology? Benvenuti! Se è la prima volta che vi avvicinate all Open Space Technology siete all inizio di quella che migliaia di persone in ogni parte del mondo hanno scoperto essere una magnifica avventura, che ha consentito a gente assolutamente normale di produrre, con regolarità, risultati spesso fuori dal comune. (Harrison Owen, 2007). Discutere dei temi del nostro territorio e scegliere di farlo con un metodo di gestione degli incontri fortemente innovativo e per alcuni addirittura eretico: una non conferenza, un metodo in cui i partecipanti sono liberi di contribuire ai lavori secondo il proprio interesse, un modo di interpretare la complessità della vita sociale che basa la sua riuscita sull autorganizzazione dei partecipanti. Una forza primaria, a detta di Harrison Owen! Come funziona? L Open Space Technology è una tecnica di gestione dei gruppi che permette di strutturare una discussione a partire da un tema generico (declinato sottoforma di domanda) in maniera tale da giungere a delle proposte concrete inerenti il tema di partenza. Fare un Open Space significa aprire uno spazio di discussione in cui i partecipanti sono liberi di muoversi, scegliendo quando e come contribuire ai lavori, lasciando spazio alla passione, all interesse e alla responsabilità delle persone, credendo nella capacità di ottenere quello di cui hanno bisogno. L OST è stato estensivamente utilizzato da organizzazioni private e pubbliche, in tutto il mondo, per gestire convegni progettazione partecipata con un numero di partecipanti compreso tra 5 e 2000 persone. All interno di un OST non ci sono interventi programmati e predefiniti o una scaletta di lavoro già organizzata. L idea è che chiunque sia interessato a proporre un tema che gli sta a cuore, può farlo assumendosi in questo modo la responsabilità di seguire la discussione del gruppo e di restituirne i risultati rispondendo in questo alla domanda posta all inizio alla plenaria. In estrema sintesi, il processo si svolge in questo modo: - apertura dei lavori da parte di un facilitatore; - i presenti propongono i temi da discutere coerentemente con la domanda/tema principale; - tutti i presenti scelgono i temi di cui vogliono discutere, aggregandosi a chi lo ha proposto; - si formano i gruppi di lavoro sui singoli temi; - alla conclusione i gruppi presentano a tutti ciò di cui hanno discusso. Al processo vero e proprio, si cerca di affiancare momenti di distensione quali pause caffè o zone dedicate a chiacchierate di carattere generale. Questi momenti, seppur non strutturati, costituiscono elementi fondamentali per la riuscita del processo in quanto favoriscono la socializzazione tra i partecipanti e lo scambio anche tra componenti di gruppi differenti. Con questa tecnica si produce, a fine discussione, un report di tutte le proposte emerse: tale report è distribuito ai singoli partecipanti immediatamente al termine della giornata di lavoro e costituisce un promemoria, ma anche una possibilità di impegno attivo per il raggiungimento degli obiettivi emersi. Lo stesso report sarà consegnato agli organi istituzionali locali, perché lo possano trasformare in azioni concrete sul territorio.

5

6

7 SINTESI DELLE PROPOSTE DISCUSSE Quali azioni per cambiare il clima in città? Ognuno di noi è tenuto a svolgere un ruolo proattivo nella promozione di risposte efficaci ai cambiamenti climatici su come è possibile misurarli e contrastarli in modo tangibile... E per ridurre le emissioni di CO2 è necessario aumentare la conoscenza a livello locale!

8 SESSIONE mattina - GRUPPO 1 Idea proposta da: Alain, Alessandro e Franco Chi ha partecipato: Claudia, Valentina, Bernardo, Grazia, Nicola, Franco, Eliana, Giovanna, Nunzio, Alessandro, Alain Titolo dell idea: IDEE E PROPOSTE PER MOBILITA SOSTENIBILE Di cosa abbiamo parlato 1. BICI, BIKE SHARING, PISTE CICLABILI 2. MEZZI PUBBLICI, CAPOLINEA, FILOBUS, PARK & RIDE 3. SEMAFORI, ROTATORIE, PARCHEGGI, START/STOP Quali sono state le conclusioni Elenchiamo di seguito le osservazioni che abbiamo dedotto dopo aver discusso gli argomenti di cui sopra. 1. BICI, BIKE SHARING, PISTE CICLABILI Area culturale incentivi economici uso bici riduzione costo biglietti mezzi pubblici incentivi acquisto bici (recupero fiscale) premialità e incentivi per chi si reca sul posto di lavoro con bici sconti su acquisti commerciali per chi si reca a comprare con mezzi alternativi Attività di sensibilizzazione presso scuole, famiglie incentivi bici day collaborazione amministrazioni civiche/mass media monitoraggio territoriale con operatori dedicati Area infrastrutturale progettazione urbanistica - piste ciclabili sopraelevate - aree open air - zone a traffico limitato/chiusura totale

9 - chiusura centri storici alle auto - parcheggi custoditi a costi ridotti - diffusione rastrelliere bici nei centri urbani - illuminazione notturna con energie alternative delle piste ciclabili - aumento spazi per bici nel caso di lavori pubblici 2. MEZZI PUBBLICI, CAPOLINEA, FILOBUS, PARK & RIDE Intermodalità bike/bus/car/train Incremento parcheggi di scambio all esterno dei centri urbani Maggiore diffusione delle info sui park & ride Uso combustibili eco-sostenibili Pannelli solari su pensiline bus + mezzi trasporto pubblico/+ fermate brevi Spostamento dei capolinea dal centro alla periferia Eliminazione/disincentivi (aumento costi) dei parcheggi in centro Taxi collettivi 3. SEMAFORI, ROTATORIE, PARCHEGGI, START/STOP Sincronizzazione dei semafori (onda verde) Timer delle durate semaforiche Legge che doti tutte le nuove auto di dispositivo start/stop Incremento delle rotatorie Autovelox passaggi pedonali Semafori intelligenti (sensori di presenza)

10 SESSIONE mattina - GRUPPO 2 Idea proposta da: Tonio Titolo dell idea: VENDESI CASA BENESSERE INCLUSO Chi ha partecipato: Nello Tonio Pasquale Di cosa abbiamo parlato Quali dovrebbero essere i criteri e le caratteristiche in base alle quali scegliere una casa? Localizzazione (centro storico, periferia, zona residenziale, case sparse, ecc...) Dotazione di Servizi Pubblici e Commerciali di prossimità (scuole, uffici, fruttivendolo, droghiere, GAS, ecc...) Caratteristiche Socio demografiche del contesto ( biodiversità : presenza di diverse generazioni, competenze, culture, ecc...) Classe energetica dell'edificio (anche a costo di un sovraprezzo facilmente ammortizzabile) Libretto della casa / Manutenibilità (impianti accessibili e riparabili in autonomia, documentazione dell'edificio, ecc...) Spazi condivisi di socialità (cortile, sala condominiale, spazi verdi accessibili, ecc...) Funzioni condivise (lavanderia, asciugatoio, compostiera, officina per gli hobby e le riparazioni, ecc...) Sistema di Mobilità a cui si possa accedere (piste ciclabili, zone pedonali, mezzi pubblici, mezzi condivisi, ecc...) Flessibilità dell'uso nel tempo / Modificabilità (al cambiare della composizione familiare deve essere possibile ridestinare gli spazi: da cameretta per i bimbi a studio a camera per gli ospiti, ecc...) Materiali costruttivi (Km0, Bioregionalismo, Produzione a basso impatto, smaltibilità, ecc...) Impiantistica ragionata (ad esempio: pompe di calore centralizzate per grossi condomini invece che le caldaiette, water che utilizzano l'acqua del lavandino, predisposizione per l'allaccio di lavatrice e lavastoviglie all'acqua calda, ecc...) Esposizione / Ombreggiamento / Illuminazione naturale Grado di inquinamento indoor Autonomia energetica Impianto idrico a riuso di acque reflue / piovane

11 Quali sono state le conclusioni La casa del futuro non va' vista solo come l'involucro per quanto ben fatto, non energivoro, ergonomico, comodo, ecc..., ma come luogo di vita da usare in relazione con lo spazio esterno: dal pianerottolo all'intero palazzo, dal cortile all'intero quartiere. Per scegliere una casa (se proprio si deve comprarla invece che autocostruirla assieme ad amici e parenti) bisogna tener conto di variabili socio-culturali-demografico-ambientali del contesto in cui è inserita, oltre che tecnologiche. Dovrà essere scelta non perché lavoro qui e quindi qui devo comprare casa ma perché mi piace vivere qui, in questo luogo, con questo clima, con questa gente e qui troverò un lavoro utile a questa comunità per sostenermi. La ricreazione della vita di comunità attorno alla casa è la precondizione per sviluppare comportamenti e stili di vita eco-compatibili ed a basso impatto. In sostanza è precondizione per ridurre lo spreco di materia ed energia e quindi la produzione di cambiamento climatico.

12 SESSIONE mattina - GRUPPO 3 Idea proposta da: Nicla Chi ha partecipato: Nicla Carmela Annarita Luigi Titolo dell idea: IL VERDE IN CITTÀ Di cosa abbiamo parlato Promuovere la cultura del giardino e del paesaggio. Il verde crea benessere ambientale e psico-fisico. Più verde in città: - Diffondere cultura dei giardini pensili; - Aumento delle aree verdi, quali parchi e giardini, percorsi con antiche cultivar proprie del nostro territorio; - Eating Landscape nella città (percorsi guidati che sviluppano, attraversi i cinque sensi, una sensazione di benessere grazie al verde che può essere toccato, udito, assaporato...); - Orti urbani; - Aree giochi bambini. Più verde nella riqualificazione delle periferie tra CITTA' e CAMPAGNA Predisporre delle aree a verde con specifiche funzioni, quali aree apposite per i cani Anno internazionale delle FORESTE> Riforestazione Aumento delle risorse economiche, da parte delle amministrazioni pubbliche, per il verde e per le sue diverse componenti. Piste ciclabili immerse nel verde con abbattimento barriere architettoniche. Esaltare rapporto tra MARE e GIARDINO, divenendo più consapevoli della bellezza del paesaggio e diffondere tale cultura all'intera cittadinanza. Promuovere iniziative culturali per valorizzare giardini storici, ville private...

13 SESSIONE mattina - GRUPPO 4a Idea proposta da: Giacomo Chi ha partecipato: Giacomo Chiara Felicia Giacinto Titolo dell idea: ENERGIA PULITA Di cosa abbiamo parlato Dopo aver riflettuto su alcune criticità esistenti, proponiamo: costituzione fondo di garanzia per consentire a chiunque l'avvio della pratica presso la banca incentivare, mediante informazione più capillare, i gruppi di acquisto (condominiali)

14 SESSIONE mattina - GRUPPO 4b Idea proposta da: Giacinto Chi ha partecipato: Giacomo Chiara Giacinto Grazia Marina Titolo dell idea: UTILIZZO DEL TERRITORIO Di cosa abbiamo parlato - Non sottrarre altro terreno agricolo per costruire case, parcheggi, ma utilizzare l esistente abbandonato, non utilizzato o in degrado; - Incentivi per restaurare vecchie abitazioni; - Aumento spazi verdi; - Parcheggi interrati in zone non utilizzate (ex caserma Rossani, ecc.) - Bloccare ulteriore interramento dell ansa di Marisabella (in alternativa utilizzare l interporto di Bari)

15 SESSIONE mattina - GRUPPO 5 Idea proposta da: Mary, Onofrio, 5A Itc Titolo dell idea: ISOLA ECOLOGICA, RICICLAGGIO E RACCOLTA DIFFERENZIATA Chi ha partecipato: Mary Onofrio 5A Itc Ruvo Di cosa abbiamo parlato Abbiamo parlato della realizzazione di isole ecologiche nelle quali bisogna raccogliere e selezionare i rifiuti ingombranti ed obsoleti, con orari flessibili per permettere a chiunque, nell'arco della giornata, di accedere a depositare i propri rifiuti. Per permettere questo, ci deve essere la presenza di operatori che si alternano negli orari e allo stesso tempo specializzati nella selezione. E' opportuno quindi incentivare il cittadino, attraverso l'utilizzo di un budget, ove è possibile accreditare, attraverso dei punteggi che permettono successivamente una riduzione sulla tassa smaltimento rifiuti. Pensare che dalla raccolta differenziata si possa ricavare ricchezza, per esempio dalla plastica si potrebbero ricavare tessuti in nylon, pila; riutilizzare la carta. Si chiede la collaborazione delle industrie a ridurre la produzione di imballaggi e incentivare l'uso di materiale biodegradabile. E' necessario controllare i fondi che vengono stanziati dalla Unione Europea (UE) affinché siano mirati allo scopo per cui sono finanziati. In alcune realtà si procede per la raccolta porta a porta attuando un trattamento biologico a freddo (senza alcuna emissione di Co2 nell'ambiente) dei rifiuti rispettando l'ambiente e la salute producendo così una raccolta differenziata abbandonando l'idea di realizzare inceneritori e discariche. Attraverso la raccolta dell'umido è possibile trasformarlo in compostaggio e limitare i danni provocati al suolo da fitofarmaci e diserbanti. E' importante, anche, recuperare l'olio utilizzato per la frittura (dannosi per l'ambiente, inquinando le falde acquifere) in apposite taniche. E' opportuno che i comuni si attivino, oltre al problema dello smaltimento, anche alla ricerca di contenitori che potrebbero essere meno impattanti per l'estetica della città.

16 SESSIONE mattina GRUPPO 6 Idea proposta da: Annarita Chi ha partecipato: Anasofia Annarita Graziana Annamaria Francesco Maria Antonio Cosimo Gabriella Giovanni Titolo dell idea: CONSUMI E SPESA CRITICI / RISPARMIO ENERGETICO / CONSUMI DOMESTICI Di cosa abbiamo parlato Elenco sintetico tematiche affrontate: Prima di acquistare/consumare, porsi domande critiche e credere nell'importanza delle singole buone azioni quotidiane Sensibilizzazione per innescare un cambiamento culturale partendo già dalla prima infanzia e facendo leva sui contesti familiari Favorire la produzione ed il consumo di prodotti locali e stagionali e del commercio equo e solidale per contrastare le produzioni delle multinazionali Ideare sistemi utili a coinvolgere i soggetti meno sensibili ai temi trattati Quali sono state le conclusioni Farsi promotori della tematica affrontata nel proprio contesto sociale (famiglia, amici, territorio, lavoro...) Riuso oggetti Consumo acqua pubblica Diminuzione consumo carne Evitare uso bicchieri e stoviglie di plastica Rifiutare imballaggi utili quando si fa la spesa Fare il bucato a 40 anziché 60 Spegnere gli elettrodomestici e le luci quando non sono in uso Utilizzo di prodotti (alimentari e non) alla spina Minore utilizzo di carburanti fossili Acquisto di prodotti locali e di stagione (rintracciabili) Installazione impianti fotovoltaici a costo 0, ripagati con conto energia su scala condominiale Car sharing (come istituzione)

17 SESSIONE mattina GRUPPO 7 Idea proposta da: Adelaide Chi ha partecipato: Adelaide Antonio Valeria Gaetano Giovanni Titolo dell idea: EDUCARE ALL'ECOLOGIA DALL'INFANZIA Di cosa abbiamo parlato 1. Importanza dell'argomento in quanto permette di: 1.1 maggiore facilità di comunicare modelli di vita alternativi in ragazzi che non hanno ancora consolidato comportamenti scorretti o comunque non rispettosi dell'ambiente; 1.2 attraverso i ragazzi introdurre in famiglia l'attenzione alle problematiche ambientali; 1.3 creare una sensibilità ambientale e atteggiamenti di azione sostenibile negli adulti di domani; 2. Stakeholders: - Ragazzi: bambini ed adolescenti: Target primario - Scuola (Provveditorato, Direzioni scolastiche, Consigli d'istituto): Promotori e/o Decisori; - Comune (Circoscrizioni, Assessorati): Promotori e/o Decisori; - Associazioni (ambientaliste, scout, parrocchie): Promotori - Famiglie: Promotori attraverso i rappresentanti in Consiglio d'istituto, Target secondario; 3. Strategie (andare oltre la sensibilità dei singoli): -Il comune in partenariato con le istituzioni preposte (provveditorato, Ministeri, UE) utilizzando finanziamenti finalizzati (PON) o ricorrendo alle risorse già istituzionalizzate (insegnanti di ruolo, programmi ministeriali) e/o a contributi a costo zero tramite ARPA, ASL, Associazioni e/o Volontariato, può rendere capillare l'educazione ambientale proponendo modelli di vita alternativi finalizzati a creare futuri cittadini a basso impatto ambientale. - La scuola propone e valorizza POF e PON finalizzati in tal senso, valorizzando anche le risorse a scarso impatto economico (in quanto anche a basso impatto ambientale). - Le Associazioni ed il Volontariato, accreditate presso le Istituzioni (Regione, Comune, Scuole) propongono a Comune, Circoscrizioni e Scuole Progetti specifici. Quali sono state le conclusioni L'abilità da sottolineare nei decisori è la capacità di realizzare progetti compatibili con le limitate risorse economiche. L'educazione è l'attività a miglior rapporto costo/beneficio, in quanto il costo è Zero (se viene dall'associazionismo o dal Volontariato) oppure già istituzionalizzato (insegnanti delle scuole), mentre il beneficio è elevatissimo in termini di sensibilità maturata nei ragazzi. Però sembra di combattere contro i mulini a vento...! Infatti le Istituzioni spesso hanno interesse a portare avanti solo progetti su cui spendere soldi. Prevale la dimensione giustificativa del Non ci sono soldi e non si può fare niente. Il personale delle scuole spesso è incoraggiato al disimpegno senza condizioni contrattuali adeguate (Gelmini docet) o anche soltanto al di fuori di ogni valutazione di merito. Però ci siamo divertiti lo stesso...!

18 SESSIONE pomeriggio GRUPPO 8 Idea proposta da: Nicola Chi ha partecipato: Cosimo Antonio Giovanni Nicola Titolo dell idea: PERCEZIONE DELL'EMERGENZA CO2 CATASTROFISTA. Come abbattere il pregiudizio nella sottovalutazione Di cosa abbiamo parlato Nel giudizio popolare diffuso, il tema ambientale è visto con gli occhi dello scetticismo in quanto l'emergenza = catastrofe. Su larga scala, si ha la tendenza a considerare un argomento lontano dalla propria portata. Milano è inquinata ma è a 1200km da Bari, la carne allevata in batteria la mangiano gli americani, i ghiacci si sciolgono al polo. Persino su argomenti che riguardano la propria casa o la propria persona, si glissa con fare poco responsabile: la differenziata non serve perché cmq tutto finisce nella stessa discarica e tanto è inutile mangiar sano che tanto il cancro ce lo prendiamo da un'altra parte...gli ambientalisti, o i sostenitori della sobrietà del vivere semplice e sostenibile sono visti, a causa della loro polemica proselitista, come dei catastrofisti. Come sovvertire lo Status Quo del cattivo branding ambientalista? Come creare una visione positivista e propositiva dell'emergenza? Abbiamo individuato 2 settori che abbiamo chiamato LEVE: Popolazione Politica Le soluzioni sovvertenti riguardano: La comunità scientifica Scuola-educazione ambientale clero Attraverso la demolizione dei modelli negativi trasmissione dei modelli emozionali VS dati tecnici Non siamo riusciti per motivi di tempo ad analizzare i modelli comunicativi, metodologie e mezzi per la comunicazione efficace al sovvertimento del pregiudizio

19

20

21 SUPPORTO TECNICO METODOLOGICO Made In People a.p.s. Via Giulio Petroni 117/C Bari Web: GRUPPO DI LAVORO Germana Pignatelli - conduzione Giovanni Pugliese Maurizio Difronzo Andrea Gelao

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts

uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts Il progetto ECO Courts: uno sguardo d insieme Daniela Luise Project manager ECO Courts IL PROGETTO IN BREVE ECO Courts è l acronimo di ECOlogical COurtyards United for Resources saving through smart Technologies

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Con l Europa investiamo nel vostro futuro

Con l Europa investiamo nel vostro futuro Facilitatore ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ELENA DI SAVOIA PIERO CALAMANDREI ISTITUTO TECNICO STATALE TECNOLOGICO ECONOMICO CHIMICA MATERIALI E BIOTECNOLOGIE SANITARIE AMBIENTALI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Andare a scuola da soli

Andare a scuola da soli Bollettino a cura del Progetto di Ricerca "La città dei bambini", Reparto di Psicopedagogia, Istituto Psicologia del CNR di Roma via U. Aldrovandi, 18-00197 Roma, Tel. 06 3221198, Fax 06 3217090, cittbamb@kant.irmkant.rm.cnr.it

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA

Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA Graduatoria Docenti aspiranti all UTILIZZAZIONE nei LICEI MUSICALI Anno Scolastico 0/ Esecuzione e Interpretazione / CHITARRA sul posto o sulla quota orario assegnata nell anno scolastico 0/ (docenti titolari

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Un pipistrello per amico Istituto di Istruzione Superiore "A. Cecchi. (Villa Caprile) Pesaro 15 Ottobre 2010 storia e risultati di un progetto nazionale di divulgazione e di ricerca Paolo AGNELLI Giacomo

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts

Lavorare con la. buone pratiche. Lavorare con la natura. métiers seront verts Kate Holt / WWF-UK Lavorare con la natura. Quand tous Dati les e buone pratiche métiers seront verts Maria Antonietta Quadrelli Ufficio Transforming Culture WWF Italia 24 Aprile 2015 Quand tous les métiers

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli