La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento"

Transcript

1 Sezione Toscana e Umbria Toscana La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Verifiche Periodiche ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione Toscana e Umbria

2 Bibliografia di riferimento Regione Toscana/GRMI Guida operativa all applicazione del DM 22 gennaio 2008 n. 37 Regione Toscana/GRMI Linee guida per l applicazione del DPR 462/2001 Regione Toscana/ASL10 Strumenti per l applicazione del D.M. 22 gennaio 2008 n /06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 2

3 Norme sulla sicurezza degli impianti Legge 1/3/1968, n. 186: Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici Legge 5/3/1990, n 46: Norme per la sicurezza degli impianti D. M. 22/3/2008 n. 37: [ ] Riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici Solo Edifici e Pertinenze 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 3

4 Norme a tutela della salute del lavoratore D.lgs. 9/4/2008, n. 81: Testo unico sulla sicurezza e salute sul lavoro Titolo II Luoghi di Lavoro Titolo III Uso delle attrezzature di lavoro (*) e dei dispositivi di protezione individuale Capo III - Impianti ed apparecchiature elettriche (*) Impianti di servizio (utilizzo generale) Impianti tecnologici (attrezzature di lavoro) qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti necessari all attuazione di un processo produttivo, destinato ad essere usato durante il lavoro; 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 4

5 Il quadro normativo attuale In vigore DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attivita' di installazione degli impianti all'interno degli edifici. Inoltre: Pareri del Ministero dello Sviluppo Economico 26/3 e 26/4/08 LEGGE 5 marzo 1990, n.46: Norme per la sicurezza degli impianti - limitatamente agli articoli 8 (Finanziamento delle attività di normazione), 14 (Verifiche) e 16 (Sanzioni) DPR 18 aprile 1994, n. 392: Regolamento recante disciplina del procedimento di riconoscimento delle imprese ai fini della installazione, ampliamento e trasformazione degli impianti nel rispetto delle norme di sicurezza. DPR 13 maggio 1998, n. 218: Regolamento recante disposizioni in materia di sicurezza degli impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico. DPR 14 dicembre 1999, n. 558: Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di inizio di attività e per la domanda di iscrizione all'albo delle imprese artigiane o al registro delle imprese per particolari categorie di attività soggette alla verifica di determinati requisiti tecnici (numeri dell'allegato 1 della legge 15 marzo 1997, n. 10/06/ ). Regola dell'arte e Norme CEI 5

6 Obblighi di legge In base al quadro legislativo precedente: I nuovi impianti sono realizzati da installatori abilitati nel rispetto della regola dell arte. Al termine dei lavori è stata rilasciata la dichiarazione di conformità. I vecchi impianti sono stati adeguati e presentano almeno i requisiti minimi richiesti dalla legge. Se non sono stati necessari lavori, il proprietario ha redatto un atto notorio. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 6

7 L ambito di applicazione Art. 1 comma 1 Il presente decreto si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione d'uso, collocati all'interno degli stessi o delle relative pertinenze. Se l'impianto e' connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura. Non c è più distinzione tra edifici adibiti ad uso civile e immobili adibiti ad attività produttive, commercio, terziario ed altri usi che si trovava nella Legge 46/90 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 7

8 Esclusioni Il decreto non si applica agli impianti installati all esterno che non sono al servizio degli edifici Tipico esempio: gli impianti di illuminazione pubblica 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 8

9 Cantieri edili Gli impianti di cantiere e similari, i quali hanno una fornitura provvisoria di energia elettrica sono esclusi dagli obblighi della redazione del progetto e dell'attestazione di collaudo Resta l obbligo di rilascio della dichiarazione di conformità da parte dell installatore. Le procedure adottate in regime di 46/90 nell ambito dei cantieri edili restano valide 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 9

10 Realizzazione ed installazione degli impianti Art. 6 comma 1. Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell'arte, in conformità alla normativa vigente e sono responsabili della corretta esecuzione degli stessi. Gli impianti realizzati in conformità alla vigente normativa e alle norme dell'uni, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'unione europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano eseguiti secondo la regola dell'arte. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 10

11 DM 22/1/08 n. 37 Come realizzare impianti sicuri Installatore abilitato Allegati Dichiarazione Conformità Progetto Realizzazione impianto Controllo sicurezza e funzionalità committente Professionista abilitato Messa in esercizio impianto 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 11

12 Requisiti Tecnico Professionali Diploma di laurea in materia tecnica specifica. Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo con specializzazione relativa al settore delle attività di cui all'articolo anni inserimento (1 anno per impianti idrici). Titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale + 4 anni inserimento (2 anni per impianti idrici). Prestazione lavorativa svolta, alle dirette dipendenze di una impresa abilitata nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell'operaio installatore per un periodo non inferiore a 3 anni (vale solo il periodo svolto in qualità di operaio installatore specializzato). 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 12

13 Il progetto degli impianti Art. 5 c.1 Per l'installazione, la trasformazione e l'ampliamento degli impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettere a), b), c), d), e), g), e' redatto un progetto. Sono esclusi gli impianti della lettera f (ascensori e montacarichi) L articolo 5 c.2 stabilisce limiti dimensionali per determinare se il progetto deve essere redatto da professionista iscritto negli albi professionali oppure dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice. Impianti semplici il progetto redatto dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice Impianti complessi il progetto redatto professionista iscritto negli albi professionali secondo la specifica competenza tecnica richiesta 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 13

14 Limiti Dimensionali Impianti elettrici utenze non domestiche Impianti di cui all'articolo 1, comma 2, lettera a), relativi agli immobili adibiti ad attività produttive, al commercio, al terziario e ad altri usi, quando: le utenze sono alimentate a tensione superiore a 1000 V, inclusa la parte in bassa tensione, o quando le utenze sono alimentate in bassa tensione aventi potenza impegnata superiore a 6 kw o qualora la superficie superi i 200 mq; BT PI > 6kW? si no Superficie > 200 mq? si no Progetto redatto da resp. tecnico Tipo di impianto Progetto redatto da professionista abilitato AT/MT 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 14

15 Il contenuto del progetto I progetti degli impianti sono elaborati secondo la regola dell'arte. I progetti elaborati in conformità alla vigente normativa e alle indicazioni delle guide e alle norme dell'uni, del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'unione europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano redatti secondo la regola dell'arte. EX Nei luoghi a maggior rischio di incendio e in quelli con pericoli di esplosione, particolare attenzione e' posta nella scelta dei materiali e componenti da utilizzare nel rispetto della specifica normativa tecnica vigente. I progetti contengono almeno: -Gli schemi dell'impianto -I disegni planimetrici -Una relazione tecnica 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 15

16 La relazione tecnica La relazione tecnica deve contenere informazioni sulla consistenza e sulla tipologia dell'installazione, della trasformazione o dell'ampliamento dell'impianto stesso, con particolare riguardo a: Tipologia e alle caratteristiche dei materiali e componenti da utilizzare Misure di prevenzione e di sicurezza da adottare. In caso di rifacimento parziale degli impianti, deve inoltre essere espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell'impianto. Nota 4 alla dichiarazione di conformità Fa parte del progetto la citazione della Pratica di Prevenzione Incendi (ove richiesta) 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 16

17 Rifacimento parziale di impianti Art. 7 comma 3 In caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità, e l'attestazione di collaudo ove previsto, si riferiscono alla sola parte degli impianti oggetto dell'opera di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell'intero impianto. Nella dichiarazione di cui al comma 1 e nel progetto di cui all'articolo 5, e' espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell'impianto. immobile Allegati Zona A Rifacimento parziale Dichiarazione Conformità Zona A In pratica si ribadisce il concetto che il nuovo impianto si deve integrare con l esistente e che nel valutare le condizioni di sicurezza e funzionalità si deve tenere in conto non solo del nuovo impianto, ma anche delle parti dell impianto esistente connesse al nuovo impianto. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 17

18 Progetto semplificato Nei casi in cui il progetto e' redatto dal responsabile tecnico dell'impresa installatrice l'elaborato tecnico e' costituito almeno dallo schema dell'impianto da realizzare inteso come descrizione funzionale ed effettiva dell'opera da eseguire eventualmente integrato con la necessaria documentazione tecnica attestante le varianti introdotte in corso d'opera. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 18

19 La dichiarazione di conformità Dopo aver realizzato l'impianto conformemente al progetto ed aver controllato l'impianto ai fini della sicurezza e funzionaltà, l'installatore redige la Dichiarazione di conformità Modelli (art. 7) Allegato I, ad uso delle imprese installatrici Allegato II, ad uso degli uffici tecnici interni di imprese non installatrici I modelli sono da completare con gli allegati obbligatori e facoltativi 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 19

20 DM 37/08 La documentazione IMPIANTO A REGOLA D ARTE Progetto + Varianti Dichiarazione di conformità committente 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 20

21 Cosa dichiara l'installatore? DICHIARA sotto la propria personale responsabilità, che l impianto è stato realizzato in modo conforme alla regola dell arte, secondo quanto previsto dall art. 6, tenuto conto delle condizioni di esercizio e degli usi a cui è destinato l edificio, avendo in particolare: rispettato il progetto redatto ai sensi dell art. 5 da (2).. ; seguito la norma tecnica applicabile all impiego (3)...; installato componenti e materiali adatti al luogo di installazione (artt. 5 e 6); controllato l impianto ai fini della sicurezza e della funzionalità con esito positivo, avendo eseguito le verifiche richieste dalle norme e dalle disposizioni di legge. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 21 21

22 DM 22/1/08 n. 37 Impianti privi di dichiarazione di conformità Professionista abilitato Relazione Dichiarazione di Rispondenza committente Impianto Complesso Impianto Semplice Sopralluogo, ispezione e prove strumentali Ok? si Responsabile tecnico esperto no Lavori di adeguamento 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 22

23 Uso e manutenzione degli impianti Art. 8 comma 2 Il proprietario dell'impianto adotta le misure necessarie per conservarne le caratteristiche di sicurezza previste dalla normativa vigente in materia, tenendo conto delle istruzioni per l'uso e la manutenzione predisposte dall'impresa installatrice dell'impianto e dai fabbricanti delle apparecchiature installate. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 23

24 Testo Unico - Manutenzione Articolo 86 Verifiche e controlli 1. Ferme restando le disposizioni del decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre 2001, n. 462, in materia di verifiche periodiche, il datore di lavoro provvede affinché gli impianti elettrici e gli impianti di protezione dai fulmini siano periodicamente sottoposti a controllo secondo le indicazioni delle norme di buona tecnica e la normativa vigente per verificarne lo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza. 2. Con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, adottato sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono stabilite le modalità ed i criteri per l effettuazione delle verifiche e dei controlli di cui al comma L esito dei controlli di cui al comma 1 è verbalizzato e tenuto a disposizione dell autorità di vigilanza. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 24

25 La Regola dell'arte Nelle norme di legge viene più volte ribadito che gli impianti dovranno essere conformi alla regola dell'arte. DM 37/08 art. 6 Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell'arte [...] Legge 46/90 art.7 c.1 Le imprese realizzano gli impianti secondo la regola dell'arte [...] Legge 186/68 art.1 Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d'arte 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 25

26 La Regola dell'arte Ma cosa si intende con Regola dell'arte? La definizione di una regola dell'arte risale al tempo delle Corporazioni, che disponevano dettagliati regolamenti in genere riguardanti l'utilizzo di determinati materiali, strumenti, procedure e soluzioni realizzative volte a garantire la qualità del prodotto o del servizio finale. (fonte: Wikipedia) Sicurezza Regola dell'arte Qualità Funzionalità 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 26

27 Quale Regola dell'arte? Per come è stata definita la regola dell'arte è funzione: Del momento storico nel quale viene realizzato ed utilizzato l'impianto Del contesto nel quale viene realizzato l'impianto Italia USA Regola dell'arte ITA2000 Regola dell'arte USA2000 Regola dell'arte ITA2050 Regola dell'arte USA /06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 27

28 Definire la Regola dell'arte Le norme di legge possono contenere specifici requisiti che devono essere soddisfatti dagli impianti (es. impianti realizzati all'interno di attività normate da regole tecniche dei VVF). Tali requisiti sono cogenti. A queste si aggiungono le Norme Tecniche (CEI e UNI). Queste sono volontarie 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 28

29 Sicurezza & Funzionalità Norme di Legge + Norme Tecniche = Si definiscono in questo modo le regole che, una volta rispettate, assicurano che l'impianto sia Sicuro e Funzionale 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 29

30 Norme Applicabili Quali sono le Norme di Legge e le Norme Tecniche pertinenti? Norme di legge Pertinenti Norme tecniche Pertinenti Σ 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 30

31 Classificazione È fondamentale in quanto consente di selezionare il quadro normativo di riferimento Dati utili alla classificazione Tipologia di attività Parametri dimensionali Valutazione dei rischi Requisiti funzionali Personale presente Apparecchi/Impianti utilizzatori... 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 31

32 Classificazione & Valutazione dei rischi Incendio Valutazione dei Rischi Fulminazione Esplosione... 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 32

33 Il risultato della classificazione Ambiente a maggio rischio in caso di incendio Ambienti Ordinari Uffici Locali con bagni e docce Magazzino Spogliatoi Servizi Igienici Deposito Solventi Luogo con rischio di esplosione 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 33

34 La regola dell'arte (ancora!) La Regola dell'arte (RdA) è quindi funzione di: RdA = f(tempo, luogo, classificazione) 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 34

35 Evoluzione della Regola dell'arte Se la Regola dell'arte si evolve, gli impianti già realizzati sono da considerarsi ancora sicuri e funzionali oppure devono essere adeguati? In linea di principio non sussiste l'obbligo di adeguare gli impianti preesistenti. Questo a meno che l'adeguamento non venga imposto da norme o regolamenti di legge, oppure se la valutazione del rischio non porti a concludere che le misure di protezione non sono più adeguate. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 35

36 L'evoluzione La valutazione dei rischi è un documento in continua evoluzione. Nel tempo le procedure per valutare il rischio possono cambiare. È necessario valutare se la classificazione precedente è ancora valida; negli ambienti/attività dove cambia la classificazione sarà necessario verificare se gli impianti installati sono ancora a regola d'arte. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 36

37 Le norme CEI Comitato Elettrotecnico Italiano L'attività normativa riguarda numerosi settori tra i quali: Materiali e dei componenti elettrici. Progettazione e costruzione degli impianti elettrici. Esercizio degli impianti elettrici Valutazione del rischio (fulminazione e esplosione) È composto di comitati, ognuno dei quali si occupa di un argomento specifico. La tendenza è quella di avere norme armonizzate a livello europeo. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 37

38 Finalità delle norme tecniche Per la progettazione dell impianto elettrico devono essere prese in considerazione le informazioni qui di seguito indicate al fine di assicurare: la protezione delle persone e dei beni in accordo con le prescrizioni della Sezione 131; il corretto funzionamento dell impianto elettrico per l uso previsto. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 38

39 Le norme CEI Organizzazione delle norme Sono individuate da numeri (es. norma CEI 64-8, norma CEI EN ). Vi sono norme base (es. CEI 64-8 per gli impianti BT o CEI 99-2 e CEI 99-3 per gli impianti AT) che definiscono le prescrizioni standard per la sicurezza e la funzionalità. Se l impianto è costruito in luoghi dove non vi sono rischi particolari, è sufficiente che sia costruito in conformità alle norme base. Se l impianto è costruito in luoghi dove vi sono rischi specifici (quali, ad esempio, depositi di materiali infiammabili) oltre alle prescrizioni della norma base si applicano prescrizioni dettate da norme specifiche per l ambiente di installazione. 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 39

40 Le norme CEI Norme Specifiche (Norma CEI 64-8/7) 712 SISTEMI FOTOVOLTAICI SOLARI DI ALIMENTAZIONE 714 IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE SITUATI ALL ESTERNO 715 IMPIANTI DI ILLUMINAZIONE A BASSISSIMA TENSIONE 717 UNITA MOBILI O TRASPORTABILI 751 AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO D INCENDIO 752 IMPIANTI ELETTRICI NEI LUOGHI DI PUBBLICO SPETTACOLO E DI INTRATTENIMENTO 753 SISTEMI DI RISCALDAMENTO PER PAVIMENTO E SOFFITTO 754 IMPIANTI ELETTRICI IN CARAVAN E CAMPER 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 40

41 Le norme CEI Ambienti a maggior rischio in caso di incendio Tipo A Ambienti a maggior rischio in caso d incendio per l elevata densità di affollamento o per l elevato tempo di sfollamento in caso di incendio o per l elevato danno ad animali e cose Tipo B Ambienti a maggior rischio in caso d incendio in quanto aventi strutture portanti combustibili Tipo C Ambienti a maggior rischio in caso d'incendio per la presenza di materiale infiammabile o combustibile in lavorazione, convogliamento, manipolazione o deposito di detti materiali (classe richiesta per il compartimento antincendio considerato è pari o superiore a 30 Allegato B) : In generale, in assenza di valutazioni eseguite nel rispetto di quanto indicato in , gli ambienti dove si svolgono le attività elencate nel DPR 151/2011 sono considerati ambienti a maggior rischio in caso di incendio 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 41

42 Gestione degli impianti Dichiarazione di Conformità Impianto a Regola d'arte Norme di Legge Istruzioni Installatore Norme CEI/UNI Valutazione dei Rischi Inizio Attività Controlli sull'impianto Richiesta Manutenzione Ordinaria? Richiesta Manutenzione Straordinaria? Manutenzione Ordinaria Manutenzione Straordinaria Registro dei Controlli Registro delle Manutenzioni 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 42

43 Variazioni Classificazione V01 Variazioni Rispetto a V00? SI Definizione Nuova Regola dell'arte Valutazione Conformità alla nuova Regola NO SI Conforme? Variazione del processo produttivo Variazione della destinazione d'uso dei locali Aggiornamento della valutazione dei rischi... Nessun intervento NO Adeguamenti 10/06/2013 Regola dell'arte e Norme CEI 43

44 Sezione Toscana e Umbria Toscana Grazie (parzialmente) per l attenzione Dott. Ing. Emilio Giovannini

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento

La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Sezione Toscana e Umbria La Regola dell Arte e le Norme CEI determinare il quadro normativo di riferimento Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara

Dettagli

Impianti elettrici DM 37/08

Impianti elettrici DM 37/08 Impianti elettrici DM 37/08 Requisiti fondamentali di sicurezza Obblighi normativi 1 Impianti elettrici nei condomini ALCUNE CONSIDERAZIONI Servizi condominiali U1 U2 U3 U4 Un guasto elettrico che si verifica

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37).

ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME IN MATERIA DI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI NEGLI EDIFICI (D.M.22/01/2008 N.37). Comune di Modena Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Via Santi 60 - Tel. 059/203.2224 - Fax 059/203.2164 E-mail giovanni.villanti@comune.modena.it Il Dirigente Responsabile del Settore Modena,

Dettagli

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione)

Sommario. Preambolo. Preambolo. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: Articolo 1. (Ambito di applicazione) Legge 05-03-1990, n. 46 - Norme per la sicurezza degli impianti Sommario, Preambolo, Art.1, Art.2, Art.3, Art.4, Art.5, Art.6, Art.7, Art.8, Art.9, Art.10, Art.11, Art.12, Art.13, Art.14, Art.15, Art.16,

Dettagli

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08

DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DALLA LEGGE 46/90 E DAL DPR 47/91 AL NUOVO DM 37/08 DM del 22/01/08 n. 37 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ATTIVITA DI INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI Art. 1 - IMPIANTI SOGGETTI ALL APPLICAZIONE

Dettagli

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990)

L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) L. 5 marzo 1990, n. 46: Norme per la sicurezza degli impianti. (Gazzetta Ufficiale n. 59 del 12 marzo 1990) La presente legge è stata inizialmente assorbita nel D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380: Testo unico

Dettagli

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme

Pericoli derivanti dalla DM 37/08 corrente elettrica: provvedimenti. protezione e norme Area Iniziative Formative Via R. Guardini, 75 - Telefono 0461.496048 - Fax 0461.496093 1 CORSI DI FORMAZIONE PER ESPERTI VERIFICATORI Decreto del Presidente della Provincia n. 25-105/Leg del 20 novembre

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi

D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi D.Lgs. 81/08 TESTO UNICO Titolo I Principi Comuni Capo III Gestione della prevenzione nei luoghi di lavoro Sezione I Misure di tutela e obblighi Art. 17 Obblighi del datore di lavoro non delegabili 1.

Dettagli

Legge n. 46 del 5 marzo 1990

Legge n. 46 del 5 marzo 1990 Legge n. 46 del 5 marzo 1990 Norme per la sicurezza degli impianti. SOMMARIO Art. 1. Ambito di applicazione. Art. 2. Soggetti abilitati. Art. 3. Requisiti tecnico-professionali. Art. 4. Accertamento dei

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole

Sicurezza degli impianti negli edifici: nuove regole D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra

SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra SCHEDA NR. 05 Impianti elettrici e di terra Soggetti obbligati Proprietari o affittuari di immobili soggetti alla legge n. 46/90: edifici adibiti ad uso civile e limitatamente agli impianti elettrici anche

Dettagli

DOCUMENTINEWS GRAZIE A:

DOCUMENTINEWS GRAZIE A: DOCUMENTINEWS Approfondimenti schematici e monotematici di tipo tecnico-giuridico su Normative, Regole, Giurisprudenza, Tecnologie, Tecniche, Prodotti e Materiali da costruzione e per lo studio professionale.

Dettagli

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37

Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 Il sistema dei controlli VV.F. Il D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 1 D. M. 22/01/2008 n.37 Ministero dello Sviluppo Economico - Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13,

Dettagli

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1

ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 ISPESL DIPARTIMENTO DI ROMA ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 1 RISCHIO ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 2 PANORAMA LEGISLATIVO NEL SETTORE ELETTRICO ISPESL - DIPARTIMENTO DI ROMA - 3 IMPIANTI E

Dettagli

I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Aspetti generali e riferimento normativo D.Lgs. 81/08 Ing. Andrea PINNA Mercoledì, 1 dicembre 2010 Centro Congressi Unione Industriale di Torino D.Lgs.

Dettagli

Sicurezza degli impianti negli edifici

Sicurezza degli impianti negli edifici D.M. 22 GENNAIO 2008 N 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n.248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti.

Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti. Legge ordinaria del Parlamento n 46 del 05/03/1990 Norme per la sicurezza degli impianti. pubblicato/a su : Gazzetta Ufficiale Italiana n 59 del 12/03/1990 NOTE Artt. 1, 2, 3: sugli aspetti disciplinati

Dettagli

(1/circ) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni:

(1/circ) Con riferimento al presente provvedimento sono state emanate le seguenti istruzioni: 182. INFORTUNI SUL LAVORO E MALATTIE PROFESSIONALI (Assicurazione obbligatoria contro gli) F) Provvedimenti vari Norme per la sicurezza degli impianti. Pubblicata nella Gazz. Uff. 12 marzo 1990, n. 59.

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO

SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO ITE Bassi in collaborazione con Federamministratori Corso per amministratori condominiali SICUREZZA ELETTRICA IN CONDOMINIO Relatore: Dott. Ing. Donati Bassano PRINCIPALI LEGGI E NORMATIVE Legge 220/12:

Dettagli

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA:

COMUNE di CHIOGGIA. Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DITTA: COMUNE di CHIOGGIA Scheda per l individuazione degli impianti soggetti all obbligo del progetto (art.5 D.M. n 37 del 22/01/2008) DATI IDENTIFICATIVI DELL INTERVENTO: DITTA: PRATICA EDILIZIA: DESCRIZIONE

Dettagli

SINTESI NORMATIVA DELLA SICUREZZA DELLE PERSONE Suddivisione della normativa vigente per campi di applicazione

SINTESI NORMATIVA DELLA SICUREZZA DELLE PERSONE Suddivisione della normativa vigente per campi di applicazione SINTESI NORMATIVA DELLA SICUREZZA DELLE PERSONE Suddivisione della normativa vigente per campi di applicazione SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO - Dlgs n. 81/2008 - Testo Unico in materia di sicurezza e salute

Dettagli

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37: Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11- quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in

Dettagli

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009

ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 CORSO PREPARATORIO ESAMI DI STATO INGEGNERIA DELLA COMUNICAZIONE ING. SALVATORE MAFFEI - ORDINE DEGLI INGEGNERI DI AVELLINO - 18 DICEMBRE 2009 OGGI PARLEREMO DI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEGLI IMPIANTI

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica

IL DIRETTORE GENERALE per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica DECRETO 19 maggio 2010 Modifica degli allegati al decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. IL DIRETTORE

Dettagli

La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio

La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio La Qualificazione del Personale Addetto ai Servizi di Sicurezza: Il Settore Antincendio D.M. 10 Marzo 1998 D.M. 37 22/01/2008 Direttiva Servizi TC4 CEN/CLC A cura di Mirco Damoli DM 10/3/1998 Criteri generali

Dettagli

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008

Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI. Bologna, 26 marzo 2008 Regolamento di riordino delle disposizioni in materia di attività di INSTALLAZIONE IMPIANTI NEGLI EDIFICI Bologna, 26 marzo 2008 Decreto n. 37 del 22/1/2008 Regolamento concernente l attuazione dell articolo

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice;

2) Nome e cognome del titolare o legale rappresentante della ditta installatrice; LA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Alla fine del lavoro l installatore è tenuto a rilasciare al committente la Dichiarazione di Conformità dei lavori eseguiti, tale dichiarazione per essere valida deve essere

Dettagli

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI

INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI INSTALLAZIONE DI IMPIANTI ELETTRICI Breve descrizione Requisiti Dichiarazione di conformità Iter amministrativo Riferimenti normativi Breve descrizione Rientrano nelle attività di impiantistica elettrica

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO. DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 1 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37 (pubblicato nella G.U. n 61 del 12/03/2008) Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a)

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

Visti gli articoli 8, 14 e 16 della legge 5 marzo 1990, n. 46, recante norme per la sicurezza degli impianti;

Visti gli articoli 8, 14 e 16 della legge 5 marzo 1990, n. 46, recante norme per la sicurezza degli impianti; D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 (1). Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in

Dettagli

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici

DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione di impianti all interno degli edifici R-08 1 1 DM 22 gennaio 2008 n. 37 Disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

Gli impianti antincendio. Il quadro normativo di riferimento

Gli impianti antincendio. Il quadro normativo di riferimento Gli impianti antincendio Il quadro normativo di riferimento Mariangela Merrone Chieti, 24 marzo 2010 LA NORMATIVA COGENTE E VOLONTARIA Sin dagli anni 60 nel nostro Paese e negli altri che si proponevano

Dettagli

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008

Impianti telefonici interni (Scheda) IMPIANTI TELEFONICI INTERNI. Ultimo aggiornamento: 1 apr. 2008 IMPIANTI TELEFONICI INTERNI Sistema di alimentazione: Le società telefoniche, con le quali occorre prendere accordi, forniscono un armadietto unificato (420x140x70 mm) con sportello a serratura, per la

Dettagli

LEGGE 28 ottobre 2005 n.148 REPUBBLICA DI SAN MARINO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

LEGGE 28 ottobre 2005 n.148 REPUBBLICA DI SAN MARINO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI LEGGE 28 ottobre 2005 n.148 REPUBBLICA DI SAN MARINO DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA DEGLI IMPIANTI Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE D.M. 22 Gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37

Decreto Ministeriale 22 gennaio 2008 n. 37 Regolamento concernente l attuazione dell articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE N 8 articoli (da art.

Dettagli

I diversi tipi di impianti

I diversi tipi di impianti Secondo quanto stabilito dal Decreto n.37 del 22/01/2008 il progetto degli impianti è sempre obbligatorio. E' da notare che, contrariamente a quanto pensano alcuni (purtroppo anche per scarsa conoscenza

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DECRETO 22 gennaio 2008 -, n. 37 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Regolamento concernente l'attuazione dell'articolo 11-quaterdecies, comma 13, lettera a) della legge n. 248 del 2 dicembre 2005, recante

Dettagli

Seminario tecnico. Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08. Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV

Seminario tecnico. Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08. Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV Seminario tecnico Le verifiche degli Impianti D.Lgs 81/08 Relatore: dott. Brizzi Roberto TECNICO ARPAV Con il patrocinio di in collaborazione con: STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Negli

Dettagli

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011

QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 1/12 QUADERNO TECNICO Gennaio 2011 Autore: Dott. Mauro Baldissin - Tecnico della Prevenzione CANTIERI EDILI CONTROLLI FONDAMENTALI PER RIDURRE IL RISCHIO ELETTRICO Premessa Nei cantieri edili i rischi

Dettagli

Adeguamento o realizzazione di un impianto

Adeguamento o realizzazione di un impianto CONVEGNO LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI (DALLA L. 46/90 AL D.M. 37/2008) VENERDI 09 APRILE 2010 SALA CONVEGNI Adeguamento o realizzazione di un impianto ASSOCIAZIONE INDUSTRIALI VIA PORTAZZOLO,

Dettagli

Impianti elettrici nei condomini

Impianti elettrici nei condomini Incontro di aggiornamento ANACI BOLOGNA Impianti elettrici nei condomini Ing. Alfonso Montefusco Direttore UOC Impiantistica Antinfortunistica Azienda USL di Bologna Teatro Galliera via Matteotti 27 Bologna

Dettagli

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono

(da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore Denominazione Indirizzo Telefono Richiesta di attivazione della fornitura di gas REVISIONE: 1 DEL: 25.05.2005 PAG. 1 DI 1 178 Allegato A della Delibera 40/04 dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas (da compilarsi a cura del cliente

Dettagli

DPR 22 ottobre 2001, n. 462 Verifiche periodiche

DPR 22 ottobre 2001, n. 462 Verifiche periodiche Sezione Toscana e Umbria DPR 22 ottobre 2001, n. 462 Verifiche periodiche Dott. Ing. Emilio Giovannini Direttore UO Prevenzione Protezione dai Rischi ASL1 di Massa Carrara Consigliere AEIT sezione Toscana

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza

L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della formazione continua nell ambito della sicurezza Trento, 13 novembre 2013 2 L importanza della conoscenza dell evoluzione normativa e della

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO di concerto con IL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art. 11-quaterdecies, comma 13, lettera a), della Legge n. 248 del 02/12/2005, recante riordino

Dettagli

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447

LEGGE 5.3.1990 n 46. D.P.R. 6.12.1991 n 447 LEGGE 5.3.1990 n 46 RME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D.P.R. 6.12.1991 n 447 REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE 1 Che cosa regolamenta la Legge 46/90? 2 In quale modo la Legge 46/90 garantisce la

Dettagli

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi

LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi LA SICUREZZA ELETTRICA NELLE AZIENDE AGRICOLE la normativa di riferimento e la prevenzione dai rischi Bergamo 10 febbraio 2012 dott. Giuseppe Trapletti Quali sono le principali situazioni di rischio elettrico?

Dettagli

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008

Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Spettabile CLIENTE e FORNITORE Sua Sede Rif.: 025-2008 RVARI C&F Milano, 03-11-2008 Oggetto: Impianti negli edifici Applicazione del nuovo Regolamento con D.M. 37/2008 Egregi Signori e Gentili Signore,

Dettagli

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08.

Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto Ministeriale 22 Gennaio 2008, n 37 coordinato con le modifiche di cui al D.L. 112/08. Decreto del Ministero dello sviluppo economico 22/01/2008, n. 37 Regolamento concernente l'attuazione dell'art.

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'art. 15 della legge 5 marzo 1990 n.46, recante norme per la sicurezza degli impianti; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447 Regolamento di attuazione in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione Visto l'art. 15 della legge

Dettagli

D.P.R. 22 ottobre 2001, n.462

D.P.R. 22 ottobre 2001, n.462 I CONTROLLI MANUTENTIVI DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Verifiche periodiche degli impianti di messa a terra, degli impianti di protezione dalle scariche atmosferiche e degli impianti elettrici nei luoghi con

Dettagli

D. M. 22 gennaio 2008, n. 37 DICHIARAZIONI 15/04/2014. D. Lgs. 81/08. Titolo modulo PRINCIPALI ENTI NORMATORI

D. M. 22 gennaio 2008, n. 37 DICHIARAZIONI 15/04/2014. D. Lgs. 81/08. Titolo modulo PRINCIPALI ENTI NORMATORI PRINCIPALI ENTI NORMATORI IEC International Electrotecnical Committee CORSO DI FORMAZIONE Docente Ing. Livio Della Seta CENELEC European Committee for Electrotecnical Standardization) Titolo modulo RISCHIO

Dettagli

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI STORIA DELLA LEGISLAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI Il primo accenno agli impianti elettrici su una legge italiana fu negli anni trenta introducendo nel codice penale un articolo e negli anni quaranta,

Dettagli

DPR 462/01 (verifiche impianti elettrici di messa a terra)

DPR 462/01 (verifiche impianti elettrici di messa a terra) DPR 462/01 (verifiche impianti elettrici di messa a terra) La nuova legislazione per l esecuzione e le verifiche degli impianti elettrici (DPR 462/01) Generalità D.P.R. 462/01 Il 23 gennaio 2002 è entrato

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DELL IMPIANTO ai sensi del decreto 22 gennaio 2008 n. 37, art. 7

DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DELL IMPIANTO ai sensi del decreto 22 gennaio 2008 n. 37, art. 7 DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DELL IMPIANTO ai sensi del decreto 22 gennaio 2008 n. 37, art. 7 Il sottoscritto Roberto Marchini che ricopre da almeno cinque anni il ruolo di responsabile tecnico di una

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

D.P.R. 6-12-1991 n. 447 Regolamento di attuazione della L. 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. Pubblicato nella Gazz. Uff. 15 febbraio 1992, n. 38. D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso nell'adunanza generale del 27 giugno 1991; D.P.R. 6 dicembre 1991, n. 447. Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'art. 87, quinto comma, della Costituzione;

Dettagli

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig.

Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. Scheda per opere di: Immobile di proprietà Sig. 1 La/Il sottoscritta/o codice fiscale in qualità di progettista dell'intervento di, relativo all immobile sito in Taurisano, indirizzo, di proprietà del/dei

Dettagli

Impianti Antiintrusione (Scheda)

Impianti Antiintrusione (Scheda) IMPIANTI ANTINTRUSIONE Sistema di alimentazione: TT Normalmente un impianto anti-intrusione è dotato di alimentazione propria basata su batterie in grado di alimentare l'impianto per adeguati periodi.

Dettagli

Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più

Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più FORMAZIONE Gli impianti termici nell edilizia Sei lezioni per saperne di più di Mauro Cappello A partire da questo numero la rubrica Formazione ospiterà un nuovo corso curato dall Ingegnere Mauro Cappello,

Dettagli

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI Procedura per richieste di attivazione della fornitura di gas pervenute al venditore a partire dall'1 aprile 2007 (art. 16,

Dettagli

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17

Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Verifica degli impianti installati in luoghi con pericolo di esplosione: il DPR 462/01 e la norma CEI EN 60079-17 Fabio Olivieri ATEX DAY Desenzano del Garda, 26 giugno 2015 DPR 462 del 22 Ottobre 2001

Dettagli

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE

CAPO III IMPIANTI E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo III Capo III articoli 80-87 e Allegati V- VI - IX Titolo IV Capo II art 117 e Allegato X - così come modificati dal Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n.

Dettagli

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n.

NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI (Adempimenti ai sensi dell art. 6, L. 05.03.1990 n. 46, e dell art. 4, D.P.R. 06.12.1991 n. ALLEGATO 7 BIS ALLA RICHIESTA DI PERMESSO DI COSTRUIRE O DENUNCIA INIZIO ATTIVITA DICHIARAZIONE PER ADEMPIMENTI LEGGE N. 46/90 ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI SAN MARTI DI VENEZZE (RO)

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA DICHIARAZIONE DI CONFORMITA e DICHIARAZIONE DI RISPONDENZA GROSSETO, 21 ottobre 2011 Al termine dei lavori, previa effettuazione delle verifiche previste dalle norme vigenti, comprese quelle di funzionalità,

Dettagli

Aspetti Giuridici: Denuncia di messa in servizio e Verifiche di Legge

Aspetti Giuridici: Denuncia di messa in servizio e Verifiche di Legge Relazione Argomento : Modalità di accertamento e di controllo delle documentazioni tecniche necessarie a corredo di un impianto realizzato in locali adibiti ad uso estetico/medico Fonti Giuridiche e Normative:

Dettagli

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione.

Immobiliare EuroEdil Viale Milano 345 scala: 2 piano: 3 interno: 12 40126 Bologna (BO) Nuovo impianto di condizionamento in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0007-2010 Data 12/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Immobiliare EuroEdil Viale

Dettagli

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI

LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI 1 CERTIFICAZIONI DEGLI IMPIANTI LE CLAUSOLE DA INSERIRE NEI PRELIMINARI LA DICHIARAZIONE DELLA PROPRIETA ALL AGENTE IMMOBILIARE Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008, n.

Dettagli

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel

In omaggio agli abbonati a TuttoNormel SPIN: Software Per INstallatori Nuovi software per preparare la dichiarazione di conformità (SPIN- DICO) e la dichiarazione di rispondenza (SPIN-DIRI) secondo il Decreto 22/1/08 n. 37. In omaggio agli

Dettagli

LEGGE 5 marzo 1990, n.46 - Norme per la sicurezza degli impianti.

LEGGE 5 marzo 1990, n.46 - Norme per la sicurezza degli impianti. Pagina 1 di 7 Home Mappa E-mail facile Ricerca scegli la categoria... 6 Gazzette, leggi e normativa > Normativa nazionali più importante > L. 46/90 GU n. 59 del 12-3-1990 note: Entrata in vigore della

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99

TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 TESTO COORDINATO DELLA LEGGE 46/90 CON I DECRETI APPLICATIVI: DPR 447/91 - DPR 392/94 - DPR 218/98 - DPR 558/99 LEGGE 5 marzo 1990, n. 46 (G.U. n. 59 del 12.3.1990) NORME PER LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III

D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III D.Lgs. 81/08 Titolo III Capo III Gli Impianti e le Apparecchiature Elettriche RELATORI: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI Art. 80 comma 1 IL Datore di Lavoro provvede affinchè i materiali

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici )

DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno degli edifici ) COMUNE DI VALLARSA Provincia di Trento ALL UFFICIO TECNICO DEL COMUNE DI VALLARSA DICHIARAZIONE (ai sensi del D.M. 22.01.2008n. 37 circa Disposizioni in materia di installazzione degli impianti all interno

Dettagli

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI

DM DM 37/08 37/08 IMPIANTI ELETTRICI Campo di applicazione ed obblighi nel settore industriale Il DM 37/08 si applica a tutti gli impianti posti all interno degli edifici (ed anche agli impianti utilizzatori posti all esterno di edifici se

Dettagli

Ing. Franco del Conte Direttivo AIPROS

Ing. Franco del Conte Direttivo AIPROS D.Lgs. 81/2008: Gli obblighi dei datori di lavoro, dei progettisti e degli installatori in materia di sicurezza aziendale e relative responsabilità professionali Ing. Franco del Conte Direttivo AIPROS

Dettagli

Denunce di conformità ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205 COMUNE DI MILANO LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

Denunce di conformità ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205 COMUNE DI MILANO LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MILANO DIREZIONE CENTRALE DECENTRAMENTO ED AUTORIZZAZIONI LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE Via G.B. Pirelli 39 - Milano ex DPR 462/01 recapiti telefonici: 0288456237 / 0288456205

Dettagli

IL RISCHIO ELETTRICO IMPIANTI ELETTRICI LEGISLAZIONE

IL RISCHIO ELETTRICO IMPIANTI ELETTRICI LEGISLAZIONE IL RISCHIO ELETTRICO IMPIANTI ELETTRICI LEGISLAZIONE TESTO UNICO SICUREZZA D.Lgs. 9 Aprile 2008 N. 81 Art. 71 Comma 8 - Le attrezzature vengono sottoposte a controllo iniziale dopo l installazione e dopo

Dettagli

Il Rischio Elettrico nell uso degli impianti condominiali. Adempimenti, obblighi e documentazione necessaria

Il Rischio Elettrico nell uso degli impianti condominiali. Adempimenti, obblighi e documentazione necessaria Il Rischio Elettrico nell uso degli impianti condominiali Adempimenti, obblighi e documentazione necessaria Impianti elettrici considerati: Quelli ubicati nelle parti comuni del condominio Tutti gli impianti

Dettagli

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90.

LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. LE NOVITA' INTRODOTTE DAL DECRETO MINISTERIALE N. 37 DEL 22 GENNAIO 2008 RISPETTO ALLA LEGGE 46/90. AMBITO DI APPLICAZIONE - ART. 1 Il DM N. 37 del 22/01/2008 trova applicazione negli interventi relativi

Dettagli

Statistica degli infortuni

Statistica degli infortuni SEMINARIO VAL DELLA TORRE 15 febbraio 2013 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI CANTIERI EDILI: suggerimenti operativi per i CSP/CSE Relatore Dott. Ing. Dario CASTAGNERI Tecnico della prevenzione

Dettagli

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione.

Roberto Rossi Via Via Rosselli 54 scala: piano: T interno: 2 47522 Cesena (FC) Nuovo impianto solare termico in civile abitazione. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0016-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

Guida al nuovo decreto sull installazione degli impianti DM 37/08

Guida al nuovo decreto sull installazione degli impianti DM 37/08 Pubblicato il 28/04/2008 Aggiornato al: 12/08/2008 Guida al nuovo decreto sull installazione degli impianti DM 37/08 di Gianfranco Ceresini 1 Generalità Annuntio vobis gaudium magnum: Habemus lex. Il conclave

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE ALLEGATO I (DI CUI ALL ART. 7) DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA DELL ARTE Il sottoscritto Giovanni Rossi, titolare o legale rappresentante dell impresa Giovanni Rossi Impianti Elettrici,

Dettagli

ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08

ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08 ABROGATA LA LEGGE 46/90, SOSTITUITA DAL DM 37/08 Il 27 marzo 2008 è stata abrogata la Legge n. 46 del 5 marzo 1990 recante: Norme per la sicurezza degli impianti. Decaduti anche tutti i relativi decreti

Dettagli

QUALIFICAZIONE INSTALLATORI ELETTRICI. Como 4 marzo 2015

QUALIFICAZIONE INSTALLATORI ELETTRICI. Como 4 marzo 2015 QUALIFICAZIONE INSTALLATORI ELETTRICI Como 4 marzo 2015 LEGGI E NORMATIVE L esecuzione degli impianti elettrici per l alimentazione di centrali termiche e caldaie è regolamentata dal Decreto del Ministero

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data.

DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE. art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 0013-2010. Data. DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ DELL'IMPIANTO ALLA REGOLA DELL'ARTE art. 7, Decreto 22 gennaio 2008, n. 37 Prot. N 0013-2010 Data 22/03/2010 Committente: Ubicazione Descrizione: Roberto Rossi Via Via Rosselli

Dettagli

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici

Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Cenni Normativi sulla Sicurezza degli Impianti Elettrici Prof. Dott. Ing. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it

Dettagli