Michela ALESSANDRONI. Roma, la città degli obelischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Michela ALESSANDRONI. Roma, la città degli obelischi"

Transcript

1 Michela ALESSANDRONI Roma, la città degli obelischi

2 CULTURA Il termine obelisco deriva dal vocabolo greco obeliskos, originato a sua volta da obelos, ed evidenzia la forma tipica dei caratteristici monumenti egiziani, cosi come quello arabo messalah che suggerisce l'idea di un grosso ago. La cuspide con cui terminano questi monumenti è detta pyramidion, bnbnt in egiziano antico. Nell'Egitto dei faraoni le parole usate per identificare tali monoliti innalzati erano mn, la forma più arcaica, e tkhn1. Tali monumenti si offrono attualmente ai nostri occhi all'incirca come si presentavano nell'antichità: dei monoliti a quattro facce, rastremati verso l'alto e dall'estremità appuntita. In alcuni periodi, però, la cuspide fu rivestita di materiali preziosi, presi dai tributi di tutte le nazioni 2, in modo da trasmettere uno splendore particolare. Ciascun monumento è diversificato dagli altri da alcune caratteristiche quali le dimensioni o il tipo di pietra, le rappresentazioni o le iscrizioni in geroglifico. Un terzo termine descrive con maggiore precisione certi obelischi: si tratta della parola bnbn, "the sacred stone of On", come lo traduce R O Faulkner nel suo dizionari03.questa definizione è interessante da una parte poiché essa non designa più 1'0- belisco in un senso generico, ma, con maggiore proprietà, quella pietra consacrata tipica di lunu, città del Basso Egitto (On-ne costituisce il corrispondente biblico ed Heliopolis quello greco), e dall'altra poiché il più antico obelisco si trova proprio in questo luogo. I fattori cui è necessario porgere attenzione sono quello della pietra, già di per sé carica di significato e che per di più è monolitica, e quello della sacralità connesso alla religiosità della città di lunu, sede del culto solare di Ra (da cui il nome greco Heliopolis). La maggior parte degli obelischi fu estratta dalle cave di granito (mat) della zona di Aswan, nell'alto Egitto, dove è ancora visibile il cosiddetto "obelisco incompiuto", mentre in alcuni casi si preferirono la quarzite (bia) e il basalto (bekhen). Casi come accadde per la costruzione delle piramidi, a partire dalla cosiddetta "piramide a gradoni" di Gioser alla fine della 111 dinastia, anche in questo caso il materiale utilizzato, la pietra, reca in sé un fermo senso di perennità. In entrambi i casi, infatti, una materia perpetua è associata ad una forma che si spinge perfetta verso l'alto, cosi come I Raymond o. Faulkner,A concise dictionary 01 Midd/e Egyplian, Oxford 1991, p A Gardiner, Egyplian Grammar, Oxford 1994, p Casi riferisce un'iscrizione a Karnak della regina Harshepsut, la quale fece fabbricare due grandi obelischi., Raymond O. Faulkner, A concise dictionary olmidd/e Egyplian, Oxford 1991, p

3 Mich~/a ALESSANDRONI il sole, Ra, era uscito dal Nun, l'oceano primordiale. Questi aspetti risulteranno maggiormente chiari alla luce di altre considerazioni che analizzeremo tra breve. La città di Iunu, come è stato già accennato, era sede privilegiata del culto di Ra, tanto che il suo nome più comune era pa ra, ossia "casa di Ra", o anche hat bennw, ossia "tempio di Bennw". Secondo la teologia eliopolitana Ra era sorto dal Nun sulla pietra bnbn ed essa era associata all'uccello primordiale Bennw, identificato poi con la Fenice. Lobelisco nella sua interezza doveva essere il simbolo concreto e visibile del mito. Plinio il Vecchio4 propose una identificazione tra il monumento egizio e il raggio di sole. Questa ipotesi si adatterebbe bene alla tradizione cinese, secondo cui la Fenice sarebbe nata dal Sole o dal Fuoco5: figlia della Fiamma porterebbe alle madri le anime dei figli dal cielo. Anche la maggior parte degli egittologi tende a ravvisare negli obelischi, come anche nelle piramidi, la rappresentazione di un fascio di raggi solari, mentre per alcuni questa idea va rapportata alla sola cuspide. Questa seconda possibilità sembra essere la più corretta se si tiene conto della correlazione tra gli elementi mitici e quelli simbolici e dei fatti linguistici. Se l'obelisco nella sua interezza simboleggiasse l'insieme dei raggi solari ci troveremmo davanti alla raffigurazione generica del sole che irraggia luce dall' alto oppure all' allusione ad un racconto diverso, quello del rogo incendiato dai raggi del sole su cui la Fenice si consumava, come riferisce Erodoto6; tuttavia sembra che il mito sia stato assimilato da qualche altra cultura del Vicino Oriente a causa delle affinità tra la Fenice e l'uccello Bennw e che non fosse dunque di origine egiziana. Ma Ra sorse sopra l'emersa pietra bnbn e un raggio di sole al di sotto del pyramidion non avrebbe senso. I vocaboli prodotti dalle stesse radici di tkhn e bnbn non assumono mai significati che abbiano a che fare con il sole in generale né con il raggio di sole in particolare, tranne forse in un unico caso? Prendiamo ad esempio tkh il filo a piombo che ricor-.plinio il Vecchio, Naturalis Historia, 36, 14., L. Charbonneau-Lassay, Il B~stiario del Cristo (vol. 1), Roma 1994, pp_ Erodoto, Euterp~, LXXIII. II, Lunico riferimento che può venire in mente è quello alla parola tkhn "injure" ere (O' Faulkner, p. 301). Si noti che questo termine è omorono a quello che abbiamo incontrato sopra, ma è descritto dal determinativo dell'occhio in vece di quello dell'obelisco. Si potrebbe pensare ad un riferimento ad un oggetto dalla forma appuntita che ferisce l'occhio, ma anche al raggio di sole che con la sua luminosità lede l'occhio umano. Questa ipotesi è tuttavia resa debole dal fatto che a volte è usato il determinativo della mano che tiene un bastone. 377

4 I CULTURA da la struttura del monumento, tkhy il secondo mese, tkhb immerso, irrigato. Allo stesso modo ricordiamo altri esempi: bnbnt pyramidion, bnn generare, diventare eretto, inondare, bnt alpa: questo significato in particolare può ricordare la storia dell'uccello Bennw che cantò cosi divinamente da incantare lo stesso Ra. Pur non riscontrando alcun significato relativo al sole, possiamo notare che da entrambe le radici sono statiprodotri vocaboli inerenti l'inondazione, l'irrigazione con un chiaro senso di fecondità. Al di là di un parallelismo possibile con il generare umano, nel mito la relazione è quella con le acque primordiali da cui sorse il sole sulla pietra bnbn. Ma il riferimento più immediato e spontaneo è cert~~nte al Nilo e alle sue acque che inondano la terra d'egitto portando fertilità; questo avvenimento occorreva quando la stella Sepdet (rappresentata dalla dea Sothis) si levava eliaca in cielo, ossia nel momento in cui era visibile un istante prima del sorgere del sole. Visibile all'orizzonte orientale, la stella Sepdet era associata al Bennw che come il Sole, giunge da oriente ad Eliopoli e si rigenera. La forma dell'obelisco simboleggia dunque la collinetta emersa su cui si collocò Ra,che, in un tempo mitico, usci dall' oceano primordiale e si spinse verso l'alto e, nel temp~ttuale, risorge ogni anno preceduto dalla stella Sepdet facendo straripare le acque fecondatrici del Nilo e lasciando una terra fertile. Questa teoria è confermata dalla presenza del segno dell'obelisco nel gruppo di geroglifici che descrivono la stella Sepdet. Dei ventuno obelischi sparsi in tutto il mondo, dall'egitto all'america, ben tredici si trovano nella nostra capitale, tanto che l'egittologo egiziano Labib Habachi, nella sua opera "I segreti degli obelischi", scrisse: "Gli appellativi di Roma sono numerosi, tuttavia uno solo fra i molti le si adatta meglio: la città degli obelischi". Di questi tredici monoliti presenti a Roma sette sono di età faraonica, tre anepigrafi e tre realizzati per volere di imperatori romani, con iscrizioni geroglifiche di imitazione rispetto a quelle originali. Il più antico risale alla XVIII dinastia, precisamente all'epoca dei faraoni Thutmosi 111 e Thutmosi IV; èal contempo anche l'obelisco più alto: torreggia con poco più di 32 metri d'altezza, per un peso di 455 tonnellate. Realizzato con il granito rosso delle cave di Aswan, aveva la cuspide e la parte più alta del fusto ricoperte di lamine di un metallo simile all'oro. L'iscrizione in geroglifico racconta che la sua sede originale del monumento era nel tempio di Amon-Ra a Karnak, precisamente nel sagrato superiore 378

5 Michela ALESSANDRONI del tempio, ad est della Sala delle Feste di Thutmosi III, luogo in cui fu ritrovato l'antico basamento nel corso di uno scavo condotto dall'egittologo 1'; Barguet. Fu Thutmosi N ad innalzarlo, per pietà filiale verso il padre che non era riuscito a portare a termine il progetto, ma sotto Ramses II esso divenne vero e proprio oggetto di culto. Chiamato dai moderni "obelisco unico", in quanto si differenzia dagli altri per non avere un suo corrispondente, si trovava in un santuario, all'interno dello tempio di Karnak, chiamato "l'orecchio che ascolta"; il popolo orante poteva vederlo attraverso una porta aperta oltre cui si trovava una barriera lignea. il dio era identificato con questo obelisco e così il faraone, dio egli stesso, era chiamato "colui che ascolta le preghiere". il pyramidion e il riquadro inferiore presentano scene in cui il faraone, figlio del sole, riceve benevolenza dagli dei e a sua volta porge loro libagioni ed altre offerte. Le quattro facce sono inscritte con colonne di geroglifici risalenti ai due faraoni sopra menzionati e con i cartigli di Rarnses II apposti in seguito. Augusto fu il primo a pensare di trasferire l'obelisco a Roma, ma, poiché quella ingente mole prevedeva un trasporto molto difficoltoso, ebbe un ripensamento. Dopo circa trecento anni, Costantino volle farlo eriger~ nella sua nuova capitale, così lo fece trasportare attraverso il Nilo fino ad Alessandria, ma la morte lo raggiunse prima che il monumento potesse arrivare a destinazione. I.:obelisco rimase infatti lì per alcuni anni, fin quando Costanzo II lo fece pervenire alla foce del Tevere ed innalzare nel Circo Massimo, inaugurandolo nel 357. Al di,sopra della cuspide fu posta una sfera di bronzo rivestita di oro, ma, dopo che fu colpita da un fulmine, venne sostituita con una torcia dello stesso materiale. Costanza II vi appose un' epigrafe alla base di ciascun lato; l'iscrizione si conservò fino al sedicesimo secolo, periodo in cui fu copiata8, ma poi venne distrutta. Crollato in un'epoca indefinita, l'obelisco si ruppe in tre parti. Riscoperto fra le rovine, nel 1588 fu fatto innalzare da Sisto V in Piazza San Giovanni in Laterano dove tutt' ora si trova. I.:obelisco che oggi si erge in Piazza del Popolo è il secondo per antichità, ma il primo ad essere stato trasportato dall'egitto a Roma. Realizzato durante la XIX dinastia da Seti I e da suo figlio Rarnses II il quale lo fece erigere nel tempio solare di Heliopolis, fu spostato per volere di Augusto nel 23 a.c. ed innaltato nello a.c. sulla spina.corpus inscriptionum latinarum, VI,

6 CULTURA del Circo Massimo come dono al sole. Seti I, rappresentato sul pyramidion sottoforma di sfinge, dispose le iscrizioni su una sola colonna come nel più antico obelisco, quello ad Heliopolis di Usertesen, lasciando completamente libera una faccia. Anche Ramses II è rappresentato sottoforma di sfinge, ma sul lato orientale, quello lasciato liscio dal padre. Egli aggiunse due colonne sui tre lati già inscritti e tre su quello vuoto, attualmente rivolto verso il Pincio. Anche in questo caso, con il passare dei secoli, 1'0- belisco cadde in rovina, fino a che, al tempo di Gregorio XIII, non furono ritrovate parti del basamento; dopo una più sistematica ricerca dei pezzi, Sisto V lo fece innalzare e consacrare nel 1589 in Piazza del Popolo, dopo aver scartato l'idea di porlo davanti alla basilica di Santa Croce in Gerusalemme. La coppia diobelischi formata da quello di Piazza della Rotonda, dove si trova il Pantheon, e da quello di villa Celimontana fu originariamente eretta davanti al tempio solare di Heliopolis da Ramses II. Non sappiamo per ordine di chi furono portati a Roma. Sembra che il primo, di granito rosso, si trovasse nei pressi dell'iseo campens e di certo fu posto nel luogo in cui si trova oggi da Clemente XI. Il secondo fu rinvenuto invece sul colle Capitolino, dove si trovava un piccolo tempio di Iside. Dopo alcune vicende, nel 1582 fu donato dagli amministratori della città al nobile romano Ciriaco Mattei, collezionista di antichità, il quale lo pose nei paraggi della sua villa laddove era stato progettato un ippodromo; poiché, con il tempo, rischiava di crollare M. de Godoy, appassionato di archeologia, si occupò del suo recupero e lo pose nei giardini della stessa villa. Pur essendo originale solo la parte superiore dell'obelisco, alta 2,68 metri, ed il fusto sottostante moderno, sono rimaste copie delle iscrizioni di due lati. Anche l'obelisco di granito rosso che si trova in Viale delle Terme di Diocleziano aveva un suo cortispondente, ora a Firenze nel Giardino di Boboli, ed insieme formavano una coppia analoga alla precedente, originariamente situata anch' essa nel tempio solare di Heliopolis da Ramses II. Il monumento fu scoperto nel 1883 durante una campagna di scavo nell'area dell'iseo del campo marzio. L'egittologo O. Marucchi ricorda come fu il primo a vedere questo monumento ed a leggere i cartelli reali di Ramesse IL discendendo nel cavo l4 sera stessa dell4 scoperta mentre il monolite era quasi tutto ricoperto dal fango9. L'obelisco fu eretto, a cura del.o. Marucchi, Obe/ischi egiziani, Roma 1898, p

7 Michela ALESSANDRONI Comune di Roma, davanti alla stazione nel 1887 a commemorare i soldati italiani caduti a Dogali per poi raggiungere la sua attuale collocazione nel 1924, a seguito del rifacimento dell'area dove si trovava. I.:obelisco di Monte Citorio è invece molto più tardo, appartiene alla XXVI dinastia, quella cosiddetta saitica, e più precisamente all'epoca di Psammetico II che lo innalzò in Heliopolis. Le iscrizioni sono piuttosto malridotte, ma sono leggibili i nomi e gli epiteti del faraone e la menzione del primo giubileo, nonostante abbia egli regnato per sei anni solamente. Cosl come accadde per l' obelisco di Piazza del Popolo, anche questo fu fatto trasponare per volere di Augusto: nello a.c. raggiunse Roma, fu sistemato sulla spina del Circo Massimo ed impiegato come meridiana. Dopo il suo crollo fu recuperato da Sisto V; interessato a questa sua utilizzazione, ma ben presto fu abbandonato a causa delle pessime condizioni in cui versava. Fu riscoperto sotto Benedetto XIV e, dopo una serie di lavori di restauro durata per tre anni, fu innalzato sotto Pio VI. Risale alla XXVI dinastia, al faraone Aprie, successore di Psammetico II, anche l'obelisco che si trova in Piazza della Minerva. Pur non conoscendo chi lo fece portare a Roma, sappiamo che si trovava nell'area dell'iseo; fu riportato alla luce sotto Alessandro VII nel 1665 e affidato alla custodia di A. Kircher. I tre obelischi di Piazza San Pietro, di Santa Maria Maggiore e di Piazza del Quirinale condividono la peculiarità di essere anepigrafi: questa condizione costituisce per noi una limitazione per cui non abbiamo informazioni riguardo la provenienza, la datazione ed il motivo per cui rimasero senza iscrizioni. Il primo di questo gruppo era stato collocato nel Foro Giulio di Alessandria per volere di Augusto, ma poi fu ponato a Roma da Caligola e posto nel Circo Vaticano. Qui vi restò fino al momento in cui venne portato da Sisto V nella sua nuova sede nel Gli altri due monumenti, entrambi di granito, furono portati dall'egitto congiuntamente per utilizzarli in coppia presso il Mausoleo di Augusto, dove furono trovati in frammenti nel sedicesimo secolo. Il primo dei due monoliti fu rinvenuto durante una campagna di scavo attorno al Mausoleo nel luglio del Sisto V lo fece erigere a Santa Maria Maggiore. Pio VI sistemò invece il secondo in Piazza del Quirinale nel 1786, facendolo sistemare fra due antiche statue chiamate "domatori di cavalli", dopo cinque anni di lavori per il restauro, il trasporto e l'innalzamento. Fu ufficialmente inaugurato il

8 CULTURA ottobre di quell'anno e corredato di un'iscrizione dedicatoria in cui è ricordata la provenienza egiziana del monolito, il suo trasferimento a Roma sotto Augusto e la nuova collocazione stabilita da Pio VI. Gli obelischi granitici di Trinità dei Monti, Piazza Navona e monte Pincio possono essere trattati insieme in quanto hanno la comune caratteristica di essere stati anepigrafi per un certo periodo, ma di essere stati poi inscritti una volta giunti a Roma. Forse sia questo gruppo quanto il precedente fu estratto dalle cave per volere degli imperatori romani che in seguito fecero incidere solo alcuni copiando le iscrizioni geroglificheautentiche. L'obelisco di Trinità dei Monti fu trasportato a Roma dopo la morte di Augusto, così come quelli che si trovavano nei pressi del Mausoleo, forse sotto Adriano e si ergeva negli Orti di Sallustio. Con Clemente XII, nel 1734, fu portato in Piazza San Giovanni in Laterano dove restò per cinquantacinque anni, fino a che Pio VI lo fece innalzare dove tutt' ora si trova. Il monumento che ora sorge in Piazza Navona fu estratto dalle cave di Aswan per volere di Domiziano in relazione alla costruzione del tempio di Iside da lui edificato, nei pressi del quale fece ergere il monolito. Massenzio lo fece trasferire nel circo di Romolo, suo figlio divinizzato. Nella primavera del G.L. Bernini lo innalzò in Piazza Navona per ordine del papa Innocenw X che voleva commemorare la propria nomina a pontefice. L'ultimo obelisco fu estratto sotto Adriano che lo fece situare nel tempio dedicato ad Antinoo. Nel III secolo fu spostato sulla spina del circo di Eliogabalo. Dopo il suo crollo passò nelle mani di diversi proprietari, poi fu acquistato da Clemente XIV che lo pose in Vaticano, per raggiungere, sotto Pio VII, l'attuale Viale dell'obelisco al Pincio. Queste vicende, esposte in maniera molto sintetica e senza un esame delle iscrizioni che richiederebbero una trattazione a parte, delineano il viaggio dei monoliti egiziani dalle sacre acque del Nilo alle sacre acque del Tevere attraverso il comune Mar Meditertaneo, in una continuità religiosa e culturale dall'egitto dei faraoni alla Roma degli imperatori, giungendo poi ad una rottura di tale continuità con la Roma papale che ha esorcizzato quei simboli solari e vi ha apposto la croce. 382

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito

La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito La Religione egizia La prima grande religione strutturata in maniera definita e chiara. Aveva un ruolo fondamentale per la società: tutto era ricondotto all ambito magico religioso. Pantheon molto variegato

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

GLI STRUMENTI MUSICALI DEGLI EGIZI

GLI STRUMENTI MUSICALI DEGLI EGIZI GLI STRUMENTI MUSICALI DEGLI EGIZI I FLAUTI Erano lunghi, sottili,dritti o leggermente arcuati. Soffiandovi dentro producevano un suono molto dolce. Chiudendo i buchi variava l altezza del suono prodotto.

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p.

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p. Porta pia Porta pia Borgo vaticano Porta del Popolo Porta Pia Negli stessi anni in cui il cardinale Peretti inizia i lavori della sua villa, Gregorio XIII interviene nelle vicine Terme di Diocleziano trasformandole

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

UN ALFABETO MISTERIOSO

UN ALFABETO MISTERIOSO UN ALFABETO MISTERIOSO Oggi in classe i bambini hanno trovato una strana iscrizione sulla lavagna: Mattia, il più studioso, riconosce subito i simboli della scrittura utilizzata nell antico Egitto: il

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola

Unità dal volto antico. Le radici archeologiche dell immagine dell Italia. Dialogo con il mondo della scuola Unità dal volto antico Le radici archeologiche dell immagine dell Italia Dialogo con il mondo della scuola Un nome, una terra Italia: casa comune fin dall antichità di Luca Mercuri Archeologo della Soprintendenza

Dettagli

a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO

a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO a.s. 2014-2015 GLI ALUNNI DELLA CLASSE IV DELLA SCUOLA PRIMARIA DI GROSOTTO PRESENTANO LA CIVILTÀ EGIZIA LUOGO SOCIETÀ TEMPO ASPETTI DI VITA QUOTIDIANA CLICCA SULL OVALE CHE PREFERISCI RELIGIONE ECONOMIA

Dettagli

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c.

Dall area del Grande Palazzo proviene una colonna romana del II secolo d.c. GRANDE PALAZZO Palatium Magnum Il Grande o Sacro Palazzo fu impiantato dall imperatore Costantino (324-337). Come modello fu assunto il Palazzo di Diocleziano a Spalato. Si estendeva per 100.000 mq fra

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana Il nuovo nella continuità della civiltà romana Panorama cronologico dei primi 6 secoli di cristianesimo Date importanti per il

Dettagli

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne

IL PROGRAMMA Ore 17,30 Coroncina Sacro Cuore di Gesù Ore 18,00 S. Messa Breve discorso del parroco Benedizione solenne L INVITO (PAG.1) L INVITO (PAG.2) Carissimi nel Signore, il 16 giugno 2011 avremo la gioia di celebrare i 25 anni di erezione della parrocchia, avvenuta con decreto dell'arcivescovo di Palermo Cardinale

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

FOTO DEL LAZIO. "Colosseo", in origine conosciuto col nome di "Anfiteatro Flavio" (foto miste).

FOTO DEL LAZIO. Colosseo, in origine conosciuto col nome di Anfiteatro Flavio (foto miste). FOTO DEL LAZIO Roma: come allora, ancora "caput mundi"... (parte I delle foto) Pini alla fermata della metropolitana "Anagnina" (nella prima foto) / "Piazza della Repubblica" (nella seconda foto) / "Teatro

Dettagli

Dal documentario di Piero e Alberto Angela

Dal documentario di Piero e Alberto Angela Dal documentario di Piero e Alberto Angela Elaborato di Mattia C, Margherita e Marco. 1B Pompei e le altre città Pompei fu fondata intorno all VIII secolo a.c. dagli Oschi che si insediarono, distinti

Dettagli

Giubileo di Hatshepsut

Giubileo di Hatshepsut Giubileo di Hatshepsut di Antonio Crasto Hatshepsut era figlia di Thutmose, il futuro Thutmose I, e della sposa e sorellastra, Ahmes. Thutmose I erano forse figlio di primo letto di Seniseneb, che, una

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1

L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 L ANTICO EGITTO. GLI EGIZI E LA RELIGIONE a cura di Angela Madia Pagina 1 Premessa Titolo del presente lavoro è L antico Egitto. Gli Egizi e la Religione. Questo testo semplificato vuole essere un aiuto

Dettagli

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 25 APRILE: FESTA DELLA LIBERAZIONE Si festeggia la liberazione

Dettagli

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei

Dante Alighieri. Classi seconde. Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri Classi seconde Scuola secondaria Galileo Galilei Dante Alighieri La vita Dante Alighieri nasce a Firenze nel 1265 in questa casa La famiglia appartiene alla piccola nobiltà cittadina La

Dettagli

ALLEGATO 1 testo di partenza. La situazione migratoria in Italia

ALLEGATO 1 testo di partenza. La situazione migratoria in Italia ALLEGATO 1 testo di partenza La situazione migratoria in Italia Il fenomeno migratorio in Italia ha ormai raggiunto proporzioni ragguardevoli: secondo le anticipazioni del Dossier Caritas 2005 le presenze

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI

UN LIBRO PER DUE RELIGIONI UN LIBRO PER DUE RELIGIONI La Bibbia è un libro il cui contenuto è considerato sacro sia dalla religione ebraica sia dalla religione cristiana. Le prime comunità cristiane conoscevano come libro sacro

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti:

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1b (Rg) TEST D INGRESSO Data Nome Cognome Matr.: Risultato della prova: PROVA DI COMPRENSIONE

Dettagli

Speciale AGOAL *415 ESCLUSIVA AGOAL ROMA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE. 3-6 Aprile 2016

Speciale AGOAL *415 ESCLUSIVA AGOAL ROMA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE. 3-6 Aprile 2016 ESCLUSIVA AGOAL Speciale AGOAL *415 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE 3-6 Aprile 2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE Che tu non possa vedere nulla più grande

Dettagli

Rispondi alle seguenti domande

Rispondi alle seguenti domande Gli affreschi e i rilievi delle pareti di templi e piramidi raccontano la storia dell antico Egitto. Si potrebbero paragonare a dei grandi libri illustrati di storia. Gli studiosi hanno così potuto conoscere

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

UNA STORIA MILLENARIA AGLI ALBORI DELLA CIVILTA. I più grandi faraoni della storia

UNA STORIA MILLENARIA AGLI ALBORI DELLA CIVILTA. I più grandi faraoni della storia UNA STORIA MILLENARIA AGLI ALBORI DELLA CIVILTA I più grandi faraoni della storia La desertificazione (10.000-4500 a. C.) Progressivamente, alla fine della glaciazione, la savana sahariana si desertificò.

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele

Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Classe 2 N Ha adottato il Colombario Costantiniano Con il progetto: Adotta un monumento I professori: Susanna Arganelli Alessandra Primicieli Michele Marinaccio Il Colombario Costantiniano è situato nel

Dettagli

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin

La scuola pitagorica - Storia 1. Gianluigi Bellin La scuola pitagorica - Storia 1 Gianluigi Bellin December 22, 2010 Storia. Di Pitagora sappiamo che nacque a Samo intorno al 570 ac., che viaggiò molto, anche in Egitto ed a Crotone, nel golfo di Taranto,

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

IL PELLEGRINAGGIO NEL MEDIOEVO GLI ABITI E I SIMBOLI DEL PELLEGRINO

IL PELLEGRINAGGIO NEL MEDIOEVO GLI ABITI E I SIMBOLI DEL PELLEGRINO IL PELLEGRINAGGIO NEL MEDIOEVO GLI ABITI E I SIMBOLI DEL PELLEGRINO I SIMBOLI DEI PELLEGRINI I principali simboli che identificano i pellegrini (signa peregrinationis) sono: la conchiglia: rappresenta

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distingue la specificità della proposta di salvezza del cristianesimo. Riconosce che la Bibbia è il

Dettagli

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo

Cercemaggiore (Santuario della Madonna della Libera) Vinghiaturo la Famiglia ATO Puglia approda a Cercemaggiore (CB) alla ricerca di spiritualità e felicità interiore ma sopratutto a scoperto una bellissima storia che ha confortati i cuori dei partecipanti. Si ringrazia

Dettagli

COLLEZIONE FOTOGRAFIE STORICHE DI ROMA ANTICA

COLLEZIONE FOTOGRAFIE STORICHE DI ROMA ANTICA COLLEZIONE FOTOGRAFIE STORICHE DI ROMA ANTICA Schedatura del prof. Franco MASALA Le fotografie sono tratte dal testo Restauri della Roma Imperiale con gli stati attuali ed il testo spiegativo in quattro

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale

Alessandro Magno e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale 1 e la civiltà ellenistica, ovvero dalla Macedonia all Impero Universale Alla morte di Filippo II, avvenuta nel 336 a.c., salì sul trono della Macedonia il figlio Alessandro. Il giovane ventenne era colto

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Alla scoperta di una pagina del rinascimento egizio HOREMHEB L EREDE DI TUTANKHAMON

Alla scoperta di una pagina del rinascimento egizio HOREMHEB L EREDE DI TUTANKHAMON Alla scoperta di una pagina del rinascimento egizio HOREMHEB L EREDE DI TUTANKHAMON Il Faraone HOREMHEB Horemheb, il Generale diventa Faraone. Un grande balzo indietro nel tempo, sulle rive del Nilo durante

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti

L uso di imbalsamare i corpi fu probabilmente suggerito agli antichi Egizi dall osservazione di un fenomeno naturale: i morti, sepolti La mummificazione o imbalsamazione è il metodo con cui gli antichi Egizi conservavano i corpi dei defunti, preservandoli dalla decomposizione. Questo risultato era particolarmente importante perché, secondo

Dettagli

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566

Gli Etruschi. Roma Caput Tour della D.ssa Marta De Tommaso telefono 333.4854287 www.romacaputour.it info@romacaputour.it partita iva 02158020566 Gli Etruschi Ori, bronzi e terracotte etrusche nel Museo etrusco di Villa Giulia Alla scoperta dei corredi funerari etruschi nel Museo Gregoriano etrusco dei Musei Vaticani Dove riposano gli antenati dei

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

LA SCRITTURA: memoria degli uomini

LA SCRITTURA: memoria degli uomini LA SCRITTURA: memoria degli uomini Roberto Iozzino ASL Roma A Via dei Sardi 35 tel 0677307774 ARIEE-APS Via Alvise Cadamosto 14 06 45665257 Diciassettemila anni fa alcuni uomini tracciano i primi disegni.

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944)

APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) APPARIZIONI DELLA REGINA DELLA FAMIGLIA Ghiaie di Bonate, Bergamo (13-31 maggio 1944) Posizione della Santa Chiesa Queste apparizioni della Madre di Dio non hanno ancora ottenuto il verdetto di autentica

Dettagli

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi.

L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. L osservatorio L osservatorio è collocato all interno del Parco pineta tra Saronno e Varese. Attorno ad esso troviamo un incredibile distesa di alberi. All interno troviamo la sala conferenze e i vari

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum

Un complotto in Julia Augusta Taurinorum Giulia Piovano Un complotto in Julia Augusta Taurinorum I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e

Dettagli

!" # " $% &'"!" ( # #!" #) * * ! * #"! 0# &!0 " #. 1-! #

! #  $% &'! ( # #! #) * * ! * #! 0# &!0  #. 1-! # ! # $% &'! ( # #! #) * * +, -.) # )- ) -# )- /)- # )-! )-# #! # -! * #! 0# &!0 #. 1-! # ( 2 &3'' ' '324% & 2%432 5 / # # # 0# # 0) #! *! 1! ) /5 )! 0 # #) )!0! #) 6 # 0#.0 #.1! - # ) 75/+88/8+7679$/$7

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

LA DONAZIONE DI COSTANTINO

LA DONAZIONE DI COSTANTINO LA DONAZIONE DI COSTANTINO La Chiesa per secoli ha giustificato il potere politico (temporale) dei papi, eredi degli imperatori romani, in base a un documento: la "Donazione di Costantino". Secondo questo

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY

www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE 04 giugno OLD RUGBY www.ipassatelli.it T 4o RNEO D ESTATE OLD RUGBY 2 European Veteran Rugby Series 2016 04 giugno 2016 ipassatelli... PRIGIONIERI E IBERNATI PER TRENT ANNI ABBIAMO FATTO UN VIAGGIO NEL TEMPO E DI COLPO I

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore

Preghiera per la beatificazione della Venerabile Serva di Dio. ISABELLA de ROSIS Fondatrice delle Suore Riparatrici del S. Cuore Cenni Biografici Madre Isabella de Rosis appartiene a quella schiera di anime elette, che, nel secolo scorso, mentre si diffondevano tante teorie contrarie alla fede, diedero vita a non pochi Istituti

Dettagli

Anche quest anno sarà Natale

Anche quest anno sarà Natale Anche quest anno sarà Natale I valori del messaggio cristiano, in un mondo abitato dall odio e dalla violenza, sono più che mai attuali e rispondono alle aspirazioni dell uomo di tutti i tempi. Per questo

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli

Evoluzione della carta nel corso dei secoli Evoluzione della carta nel corso dei secoli Introduzione della carta Le prime iscrizioni di cui si ha notizia risalgono a 4.000 anni prima di Cristo. èin Egitto che s inizia a produrre un primo materiale

Dettagli

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata.

Levitico. fu eretto il Tabernacolo) al 20 Maggio (giorno della partenza dal monte Sinai) Esodo 40:2-17. www.chiesaolgiata. VAVVICH RAH Levitico Egli chiama Parla dell'appello di Dio ai credenti per entrare in comunione con Lui ed alla santificazione del corpo, dell'anima e dello Spirito. Queste istruzioni furono date a Mosè

Dettagli

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845

TEMPLI E TEATRI. Campania illustrata. 1632-1845 Campania illustrata. 1632-1845 TEMPLI E TEATRI L area interessata dalla presenza dei templi è ovviamente quella del foro, quindi è giusto partire dall edificio consacrato a Giove, occupante il lato nord

Dettagli

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete.

Il leone funeriario in pietra calcarea rinvenuto all Aquila, nel cantiere di Porta Barete. All Aquila, nuovo leone come i due ormai al Getty A Porta Barete, una statua calcarea simile ad altre rinvenute nella zona. Le sculture a Malibu e l'"atleta" di Fano. Il leone funeriario in pietra calcarea

Dettagli

QUANDO VENNERO COSTRUITE LE PIRAMIDI?

QUANDO VENNERO COSTRUITE LE PIRAMIDI? Anno scolastico 2010-2011 Classi quarte CHI ERANO I COSTRUTTORI DELLE PIRAMIDI? Chi erano i costruttori delle piramidi? Chi sono i protagonisti di queste grandiose opere? Abbiamo cercato di far rinascere,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

RITRATTI ESEGUITI DA ERNESTO SOLARI

RITRATTI ESEGUITI DA ERNESTO SOLARI I MIEI SEI PAPI RITRATTI ESEGUITI DA ERNESTO SOLARI UN SALUTO A PAPA BENEDETTO XVI E UN AUGURIO AL MIO SETTIMO PAPA SOLARI: LE MIE VICENDE PAPALI IL PONTIFICATO DI PIO XII Dopo un conclave di appena tre

Dettagli

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina.

LA SACRA FAMIGLIA. loro offerta ritenuta giustificatrice della tradizionale Taula Giuseppina. LA SACRA FAMIGLIA Il dipinto, opera di bottega locale, realizzato su tela ad altra sovrapposta, restaurato circa 8 anni fa, potrebbe ritenersi settecentesco. Collocato sull altare dedicato a San Giuseppe,

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO

SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO SCOPRENDO MINERBIO CLASSE 4 D SCUOLA PRIMARIA MINERBIO CASETTE RURALI Case rurali costruite nel 1936 in epoca fascista interno semplice composto da: bagno-cucina-camera da letto e un salottino (tutto di

Dettagli