Foglio Condizioni Esecutive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Foglio Condizioni Esecutive"

Transcript

1 Allegato A) al Capitolato - SERVIZIO DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE Foglio Condizioni Esecutive Art.1 - Oggetto del Servizio Per servizio di derattizzazione si intende la lotta ai roditori nocivi sinantropi commensali con particolare riferimento a: Rattus norvegicus (ratto delle fogne), Rattus rattus (ratto nero), Mus domesticus (topo domestico). L'attività riguarda il complesso di procedimenti ed operazioni di derattizzazione da svolgere in ambito pubblico. Per servizio di disinfestazione si intende prioritariamente la lotta alla zanzara che infesta il territorio con le due specie più comuni Culex pipiens (zanzara comune) e Aedes albopictus (zanzara tigre). Ulteriormente, viene compresa la lotta a mosche, vespe e calabroni, in quanto insetti che possono rappresentare un rischio igienico-sanitario. L'attività riguarda il complesso di procedimenti ed operazioni di disinfestazione che vengono svolti in ambito pubblico. Si considerano servizi ordinari le prestazioni relative alla disinfestazione larvicida contro le zanzare e la derattizzazione. Si considerano servizi su richiesta le prestazioni relative alla disinfestazione adulticida contro le zanzare e contro altri insetti volanti e non. Art. 2 - Servizi da espletare I servizi richiesti (ordinari) sono relativi alla disinfestazione larvicida zanzare e derattizzazione roditori nocivi (popolazione murina). I servizi a chiamata sono relativi alla disinfestazione adulticida zanzare e contro altri insetti volanti e non (vespe e calabroni, blatte, bruco americano, mosche, zecche, etc.). In tali casi l Ente appaltante procederà fissando l esecuzione dei servizi oggetto d appalto secondo le effettive necessità, fino alla concorrenza di una spesa massima autorizzata per il periodo considerato, secondo i prezzi unitari indicati nell offerta. Gli importi comprenderanno tutte le spese per i mezzi d opera, assicurazioni di ogni specie, tutte le forniture occorrenti e loro lavorazione ed impiego, indennità di passaggi, di depositi, di cantiere, di occupazioni temporanee diverse, mezzi d opera provvisionali, nessuno escluso, carichi, trasporti e scarichi di ascesa e discesa e quanto occorre per dare il servizio compiuto a perfetta regola d arte, intendendosi nei prezzi stessi compreso ogni compenso per gli oneri tutti che l Appaltatore dovrà sostenere a tale scopo, anche se non esplicitamente detto o richiamati nei vari articoli del presente foglio condizioni esecutive. Art. 3 Fatturazioni e pagamenti Il corrispettivo per le prestazioni oggetto dell appalto sarà liquidato sulla base di fatture mensili o trimestrale finale, emesse dall Appaltatore e vistate dal Responsabile del Procedimento. A ciascuna fattura dovranno essere allegati: - gli Ordini di servizio; - distinta riepilogativa riportante gli interventi e i servizi eseguiti. L emissione del mandato di pagamento avverrà entro 30 giorni dalla data di acquisizione della fattura al protocollo generale. L appaltatore è tenuto ad assolvere a tutti gli obblighi previsti dall art. 3 della legge n. 136/2010 al fine di assicurare la tracciabilità dei movimenti finanziari relativi all appalto. Art. 4 Tipologia dei servizi richiesti e livelli minimi di intervento

2 La ditta aggiudicataria dovrà garantire i seguenti servizi: 1) DISINFESTAZIONE contro le zanzare Gli interventi contro la zanzara tigre (Aedes albopictus) e contro le zanzare in genere possono essere programmati e su segnalazione da parte dell Ufficio Ambiente e si distinguono in due tipologie di trattamento: 1.1 Trattamenti larvicida: Per la lotta larvicida il livello di intervento MINIMO corrisponderà a n. 5 interventi, eseguiti indicativamente tra l inizio del mese di maggio e la fine del mese di ottobre, ogni 3-4 o 5 settimane a richiesta del Comune. I trattamenti interesseranno tutte le caditoie stradali, bocche di lupo, etc. (quantità stimata circa 4.870), comprese quelle presenti lungo gli spartitraffico di delimitazione delle diverse corsie stradali, nei perimetri delle rotatorie, sulle piste ciclabili e pedonali, nonché le aree limitrofe a canali e fossi di scolo (quantità stimata circa 10 km), secondo l elenco delle strade da trattare fornite dal Committente. Il numero di caditoie presenti nel territorio, che dovrà essere stimato dalla ditta aggiudicataria, potrà essere suscettibile di aggiornamento nel corso dell appalto. Nessun ulteriore compenso sarà dovuto nel caso in cui l aumento sia contenuto entro il 10%; nel caso di aumenti superiori il valore stimato dell appalto subirà le opportune variazioni per effetto dell applicazione dei prezzi unitari sulle quantità effettivamente eseguite. Gli interventi potranno subire variazioni in aumento o in diminuzione a seconda dello sviluppo biologico della popolazione di zanzare o dell andamento climatico stagionale in base agli esiti delle verifiche di efficacia. 1.2 Trattamenti adulticida, a richiesta: La ditta dovrà effettuare, a richiesta, trattamenti adulticida su alberature e aree verdi pubbliche con mezzi adeguati secondo l elenco dei siti fornito dal Committente. Le aree da sottoporre a trattamento adulticida (focolai) possono variare in ampiezza e avere caratteristiche tali da richiedere uno specifico metodo di trattamento in base alla tipologia (parchi pubblici, giardini di scuole pubbliche, cimiteri, ecc.), avvalendosi di atomizzatori e/o nebulizzatori con potenza media di 25 CV, in un tempo operativo di n. 1 ora. Il livello di intervento è previsto a richiesta, eseguiti indicativamente tra l inizio del mese di giugno e la fine del mese di settembre. 2) DERATTIZZAZIONE La ditta dovrà disporre una rete di erogatori fissi di esche rodenticide nelle aree pubbliche secondo le postazioni individuate nel monitoraggio iniziale del territorio. Le postazioni dovranno essere indicativamente in n. di 200 per tutto il territorio. Le postazioni da sottoporre a trattamento possono variare per adeguarle alla densità ed alla estensione della popolazione murina, oltre che sulla base di segnalazioni che dovessero pervenire agli uffici comunali. Nessun ulteriore compenso sarà dovuto nel caso in cui l aumento sia contenuto entro il 10%; nel caso di aumenti superiori il valore stimato dell appalto subirà le opportune variazioni per effetto dell applicazione dei prezzi unitari sulle quantità effettivamente eseguite. Il livello di intervento MINIMO corrisponderà a n. 6 interventi da effettuarsi annualmente in genere ogni 2 (due ) mesi a richiesta del Comune. Gli interventi potranno subire variazioni in aumento o in diminuzione a seconda dello sviluppo biologico della popolazione murina o dell andamento stagionale, senza che ciò possa dare diritto a maggiori compensi. Le postazioni sul territorio comprendono la derattizzazione programmata anche delle seguenti strutture: - Aree esterne di edifici scolastici - Aree esterne di strutture comunali - Cimiteri (e/o strutture e piazzale pertinenziali) Oltre ai suddetti interventi programmati, l Impresa dovrà garantire interventi puntuali su richiesta. Il

3 numero di interventi stimati e ricompresi nel prezzo sono circa 50 interventi annui o rapportati ai mesi durata del servizio. 3) DISINFESTAZIONE contro altri insetti volanti e non, a richiesta e ricompresi: La ditta ha l onere di eseguire su richiesta scritta da parte dell Ufficio Ambiente del Comune e secondo necessità, interventi di disinfestazione su edifici, caditoie e aree pubbliche di altre tipologie di insetti non ricomprese nei precedenti punti. Gli interventi potranno riguardare vespe, calabroni, blatte, bruco Americano, zecche, etc. La ditta ha l onere nel caso in cui vengano richiesti dall Ufficio Ambiente interventi in area privata, di eseguire gli stessi ai costi unitari di cui al presente appalto. Il numero di interventi che si considerano ricompresi nei costi del presente appalto senza che la ditta possa pretendere maggiori compensi sono: - Vespe e calabroni: massimo n. 10 interventi annuali; - Blatte: interventi su massimo n. 25 pozzetti o caditoie nel periodo annuo; - Bruco Americano: massimo n. 2 intervento su 20 piante; - Zecche: massimo n. 2 intervento su area sino a circa 1000mq; - Altri insetti: massimo n. 4 interventi su area sino a circa 100 mq. Nel caso di ulteriori interventi, il valore stimato dell appalto subirà le opportune variazioni per effetto dell applicazione dei prezzi unitari sugli interventi effettivamente eseguiti. Art. 5 Programmazione degli interventi e su segnalazione La ditta dovrà effettuare entro 30 giorni dall aggiudicazione dell appalto un monitoraggio adeguato del territorio per verificare le postazioni e i possibili focolai di sviluppo di zanzare e ratti e predisporre un adeguato piano di lotta complessivo. Il piano di lotta contro zanzare e topi dovrà comprendere un dettagliato e specifico programma per i servizi di disinfestazione e derattizzazione previsti dall appalto, definendo con esattezza la tempistica degli interventi in relazione all andamento stagionale. Il programma, oltre alle modalità operative, dovrà indicare: l intervallo di tempo proposto tra i vari interventi e la durata degli stessi in termini di giornate lavorative; i prodotti da utilizzare per ogni tipo di intervento e la quantità presuntiva per intervento; il numero e la qualifica degli operai in relazione ai diversi tipi di intervento; i mezzi e le attrezzature previste; l orario di lavoro. In ogni caso la ditta dovrà inviare all Ufficio Ambiente almeno 20 giorni prima dell inizio di ciascun intervento, il calendario esatto dei trattamenti per consentire all Amministrazione di darne debita pubblicità alla cittadinanza con congruo anticipo. Nel giorno di effettuazione dell intervento l operatore della Ditta dovrà presentarsi al referente dell Ufficio Ambiente comunale. Nel caso di segnalazioni inviate via mail o fax dall Ufficio Ambiente comunale, la Ditta entro 24 ore dovrà recarsi nell area oggetto della segnalazione, verificare la situazione e adottare i provvedimenti necessari ove l infestazione sia in area pubblica. Il report relativo al trattamento, controfirmato ove possibile dal cittadino segnalante, dovrà essere consegnato entro le successive 48 h all Ufficio Ambiente del Comune. Per particolari situazioni di emergenza legate all accertamento, da parte delle autorità preposte, di rischi sanitari per i cittadini connessi all infestazione di zanzare (es. virus Chikungunya e West Nile Desease) saranno adottati - su indicazione delle preposte autorità sanitarie e sulla base degli appositi protocolli regionali in vigore - tutti i provvedimenti d urgenza che competeranno all Ente comunale. Nel periodo antecedente l apertura dell anno scolastico e nel caso di centri estivi, l impresa dovrà eseguire trattamenti localizzati nelle strutture scolastiche.

4 Art. 6 Modalità e report di esecuzione degli interventi DISINFESTAZIONE Per ogni ciclo programmato di trattamento larvicida l unità operativa addetta ai trattamenti deve stilare un report relativo all attività svolta da consegnare o inviare (anche a mezzo posta elettronica) al Committente entro 24 ore dal termine del ciclo di trattamento. Tutte le situazioni che hanno ostacolato il normale svolgimento del lavoro vanno segnalate tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. Il report deve contenere almeno: il nominativo degli operatori della squadra impiegata, la data di intervento, l elenco delle vie o aree trattate, la quantità di miscela impiegata, la quantità di prodotto usato, l elenco degli eventuali tombini e aree limitrofe ai fossi non trattati nel caso di interventi larvicida e l elenco delle aree verdi non trattate nel caso di interventi adulticida e la relativa motivazione. L organizzazione del servizio e tutti i contatti preventivi necessari al suo corretto svolgimento sono interamente a carico della Ditta aggiudicataria. Durante la campagna di disinfestazione adulticida spetta alla Ditta l affissione, almeno 24 ore prima dell intervento, di chiari avvisi in prossimità delle aree, per avvertire i cittadini. Nel caso in cui l intervento sia stato richiesto in via d urgenza l affissione potrà avvenire fino a 18 ore prima dell intervento. Gli interventi adulticidi dovranno essere effettuati nelle prime ore della mattinata, al fine di rendere l area accessibile alla cittadinanza nel corso della giornata. Nell esecuzione degli interventi, la ditta dovrà prestare attenzione alle condizioni meteorologiche, al fine di evitare dilavamenti del prodotto. Se entro 6 ore dall intervento si verificheranno precipitazioni, la ditta dovrà ripetere il trattamento senza pretendere indennità di sorta. DERATTIZZAZIONE La lotta alla popolazione murina dovrà essere eseguita con tecniche appropriate e con interventi adeguati alla densità ed alla estensione della popolazione stessa, compreso il posizionamento di esche con relativa protezione e box contenitore. Al termine di ogni intervento l operatore dovrà confermare al referente comunale l avvenuto trattamento. L attività espletata da ciascuna squadra operativa dovrà risultare da una scheda di servizio giornaliera o complessiva da consegnare entro 48 ore dal termine di ogni ciclo effettuato nel Comune, riportante l indicazione delle zone e delle vie trattate, nonché lo stato di ogni singola postazione trattata per l attività di derattizzazione. Nel servizio di derattizzazione le esche impiegate dovranno sempre essere posizionate all interno di apposite mangiatoie che devono presentare le seguenti caratteristiche: - presenza di sistemi di chiusura; - devono permettere l accesso solamente ai roditori; - devono possedere sulla loro superficie indicazioni di avvertimento e la data di ogni intervento; - le mangiatoie dislocate in siti con accesso di minori (scuole, parchi e aree ludiche e simili) dovranno essere posizionate in sedi non accessibili. La Ditta si dovrà impegnare ad apporre cartelli, per informare i cittadini sulla campagna di derattizzazione in corso, contenenti: i periodi di intervento; il principio attivo utilizzato; l antidoto; l indicazione di rivolgersi al pronto soccorso nel caso di ingestione; il recapito della Ditta. Le schede di avvenuto intervento o schede di servizio, di cui sopra, dovranno indicare: - data e ora degli interventi; - nome e matricola degli operatori; - via o area intervento con le seguenti specifiche:

5 0 = esca non consumata; 1 = esca consumata in parte; 2 = esca totalmente consumata; N = nuova postazione; X = postazione non rinvenuta; L = presenza di limacce; S = postazione sostituita; R = postazione rimossa; I = postazione non accessibile; P= tombino e/o bocca di lupo paraffinato. INTERVENTI CONTRO ALTRI INSETTI VOLANTI O NON La lotta contro altri insetti infestanti su richiesta da parte del Comune dovrà essere condotta con mezzi e prodotti adeguati al tipo di infestazione. Spetta alla Ditta: comunicare a mezzo fax o all Ufficio Ambiente comunale, con anticipo di almeno 24 ore, il giorno esatto dell intervento, la durata prevista, il tipo di prodotto da utilizzare, il relativo principio attivo e le eventuali prescrizioni; l affissione, almeno 24 ore prima dell intervento, di chiari avvisi in prossimità delle aree, per avvertire i cittadini del tipo di intervento da eseguire, il principio attivo utilizzato, eventuali prescrizioni ed il recapito della Ditta; la consegna all Ufficio Ambiente comunale entro 48 ore dal termine del ciclo di trattamento un report relativo all attività svolta contenente almeno: il nominativo degli operatori della squadra impiegata, la data di intervento, l area trattata, la quantità di prodotto impiegato. Tutte le situazioni che hanno ostacolato il normale svolgimento del lavoro vanno segnalate tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. L organizzazione del servizio e tutti i contatti preventivi necessari al suo corretto svolgimento sono interamente a carico della Ditta aggiudicataria. L intervento dovrà essere effettuato nell orario più consono per il tipo di intervento da eseguire o secondo le disposizioni del Committente. Nell esecuzione degli interventi, la ditta dovrà prestare attenzione alle condizioni meteorologiche, al fine di evitare dilavamenti del prodotto. Se entro 6 ore dall intervento si verificheranno precipitazioni, la ditta dovrà ripetere il trattamento senza pretendere indennità di sorta. Art. 7 Operatori e mezzi La Ditta deve disporre di un numero di telefono fisso, un numero di fax e un indirizzo di posta elettronica (per comunicazioni tramite ). Deve inoltre nominare un referente responsabile in loco, precisandone nome, cognome, recapito telefonico cellulare e qualifica ricoperta all interno dell Azienda. Tali dati dovranno essere comunicati dalla ditta prima dell affidamento dell appalto e dovranno essere comunicate tempestivamente eventuali variazioni in corso d opera. Gli operatori addetti ai trattamenti dovranno essere dotati di cartellino personale di riconoscimento e utilizzare pettorine (gilet) ad alta visibilità con esplicita indicazione del nome della Ditta. Il Committente, dietro motivata richiesta, potrà pretendere la sostituzione degli operatori con altri di provata esperienza e capacità. Gli interventi devono essere eseguiti nel rispetto della legislazione vigente, garantendo il minimo impatto ambientale. La Ditta dovrà fornire un elenco con l indicazione del numero, tipo e marca degli automezzi nonché delle attrezzature di vario tipo utilizzate per lo svolgimento dei servizi.

6 Per il servizio di disinfestazione adulticida delle zanzare si richiede la disponibilità di almeno n. 1 unità operativa costituita da un operatore specializzato dotato di idoneo automezzo portante nebulizzatore a Basso Volume (LV) da impiegarsi nel trattamento di ampi spazi (es. vie cittadine, parchi pubblici) e/o di nebulizzatori dorsali a motore per il trattamento a piedi in spazi di limitata estensione e/o impossibili da raggiungere col nebulizzatore sull automezzo. I nebulizzatori portati dall automezzo o spalleggiati devono essere in grado di produrre aerosol freddo con diametro di particelle minori di 50 μ. Sui mezzi operativi utilizzati dalla ditta aggiudicataria è fatto obbligo, se e quando richiesto dalla committenza, l applicazione di strumentazione GPS secondo le indicazioni della committenza ma a carico dell appaltatore, al fine di eseguire idoneo controllo sui luoghi e sulle tempistiche di trattamento. Tali mezzi devono essere utilizzati dagli operatori nel loro percorso. Art. 8 Tipologia e modalità di impeigo dei prodotti I prodotti utilizzati per la disinfestazione e la derattizzazione dovranno essere forniti dalla ditta aggiudicataria dell appalto, per l intera durata prevista dello stesso. Per tali materiali dovrà essere tenuto dalla ditta un registro di carico e scarico. La ditta in sede di offerta dovrà fornire l elenco dei prodotti che intende utilizzare, corredato da tutta la documentazione relativa agli stessi (autorizzazioni e registrazione c/o Ministero della Salute, schede tecniche e tossicologiche). I prodotti utilizzati dovranno fornire ampie garanzie di sicurezza nei confronti dell uomo, degli animali, delle derrate alimentari e degli insetti utili. Sono da preferire i prodotti in soluzione acquosa e i solventi non aromatici. Le modalità e i tempi di applicazione dovranno garantire la tutela della popolazione, delle abitazioni, delle coltivazioni pronte per il raccolto e degli animali domestici. Per i trattamenti larvicidi dovrà essere utilizzato un regolatore di crescita (pyriproxifen e/o diflubenzuron) nelle diverse formulazioni presenti nel mercato. Deve essere effettuata la distribuzione di almeno ml di soluzione per tombino in modo da assicurare una buona copertura della sua superficie. Nel trattamento dei tombini a griglia i formulati granulari sono sconsigliati per il rischio che la compressa venga trattenuta da materiale galleggiante e quindi resa inutile. Non sono ammessi prodotti che richiedano turni di intervento inferiori alle 2-3 settimane. Pertanto in fase di offerta dovranno essere indicati il o i formulati larvicidi che la Ditta intende utilizzare, allegando: Etichetta, Scheda Tecnica e Scheda di Sicurezza di ciascuno dei prodotti proposti. Si richiedono idonee attrezzature quali pompe a pressione di tipo portatile con serbatoio della capacità minima di 10 litri per la distribuzione di formulati larvicidi liquidi o attrezzature idonee alla distribuzione di formulati granulari. Si precisa che, in riferimento all attrezzatura idonea, nel trattamento di bocche di lupo l operatore deve assicurare il raggiungimento dell acqua da parte del formulato alle dosi prestabilite. A seconda delle situazioni potrà essere richiesto di svolgere le operazioni di trattamento a piedi o con l ausilio di ciclo o motociclo. Per i trattamenti adulticidi dovrà essere utilizzata una miscela di 2 principi attivi a base di piretroidi anche sinergizzati con piperonil butossido, il primo fotolabile, dotato di rapido potere abbattente, e il secondo fotostabile, dotato di attività residuale. Le formulazioni impiegate dovranno essere prive di solventi. I formulati devono essere impiegati alle dosi indicate in etichetta per lo specifico impiego contro le zanzare. Poiché l efficacia del trattamento aumenta col diminuire della dimensione delle particelle che compongono la nube irrorata dal nebulizzatore, devono essere utilizzate macchine nebulizzatici in grado di lavorare a basso volume e con elevata capacità di frantumazione del liquido per erogare particelle di aerosol di diametro inferiori a 50 m. Nel rispetto della normativa vigente i formulati proposti devono essere registrati come Presidi medico chirurgici (PMC) per la lotta all esterno contro le zanzare in ambito civile. Non sono ammessi formulati che presentino nella composizione coformulanti classificati con la frase di rischio: - R40 Possibilità di effetti irreversibili - R45 Può provocare il cancro - R49 Può provocare il cancro per inalazione accompagnata dal simbolo T+ (teschio) - R61 Può danneggiare i bambini non ancora nati

7 - R63 Possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati. È facoltà del Committente chiedere la sostituzione dei formulati usati in caso di odori e di effetti particolarmente irritanti per le mucose, anche a basse concentrazioni di fitotossicità alle normali dosi di utilizzo. Per l attività di derattizzazione dovranno essere utilizzati dei formulati in pasta fresca e paraffinato contenente come Principio attivo brodifacum e bromadiolone. Le esche rodenticide impiegate dovranno contenere il denatonium benzoato (l aggiunta del denatonium benzoato contribuisce a rendere le esche derattizzanti più sicure in quanto diminuisce la probabilità che avvengano ingestioni da parte di animali non bersaglio ). Per ogni postazione è opportuno posizionare almeno 100 grammi di esca che dovrà essere fissata all interno della postazione (meglio se vengono usate delle vaschette che aderiscono perfettamente all interno delle postazioni) in modo tale che il ratto non porti all esterno parte dell esca. Per la lotta al bruco americano verranno utilizzati prodotti microbiologici, IGR o piretroidi a seconda dell area dove verrà eseguito l intervento e dello stadio di sviluppo delle larve di Hyphantria cunea al momento dell intervento. Art. 9 Prescrizioni comuni a tutti gli interventi La Ditta aggiudicataria è tenuta a dare tempestiva comunicazione della sussistenza di eventuali cause, ad essa non imputabili, ostative o limitative del corretto e/o compiuto svolgimento dei servizi oggetto del presente capitolato. La Ditta aggiudicataria dovrà concordare l accesso alle strutture comunali custodite oggetto d interventi di disinfestazione con i rispettivi responsabili. In tal caso, sarà cura della Ditta aggiudicataria rispettare le modalità e gli orari d accesso concordati con i responsabili delle strutture stesse e rispondere di eventuali problemi od inconvenienti connessi con l accesso alle aree in oggetto. È a carico della Ditta aggiudicataria la richiesta di permessi e/o licenze necessari allo svolgimento del servizio oggetto del presente capitolato. Gli interventi non effettuati per cause imputabili alla Ditta non saranno liquidati ed il Responsabile del Servizio valuterà l inadempienza per l applicazione delle penali sulla base di quanto previsto dal presente Foglio condizioni esecutive. ART. 11 Valutazione dell'efficienza della Ditta e dell'efficacia dei trattamenti La Ditta aggiudicataria dovrà eseguire i servizi con la diligenza professionale necessaria. La stazione appaltante svolgerà gli opportuni controlli, anche avvalendosi di incaricati esterni. In particolare, per i controlli istituzionali di competenza, gli operatori incaricati dal Committente avranno libero accesso in qualsiasi momento alla sede della Ditta aggiudicataria, al deposito prodotti, alla sua base operativa territoriale per l ispezione alle attrezzature; potranno inoltre presenziare alle operazioni di trattamento e prelevare dai serbatoi campioni di prodotto da sottoporre a titolazione. Il Committente, a propria discrezione, effettuerà sopralluoghi al fine di verificare l efficienza ed efficacia dei servizi resi, l adempimento degli obblighi del presente capitolato nonché il rispetto dei programmi giornalieri comunicati e la veridicità dei report che la Ditta aggiudicataria è tenuta a produrre. Sulla base dei rapporti informativi relativi ai controlli eseguiti il Committente, nel caso di rilevate mancanze e/o inadempienze nell espletamento dei servizi, applicherà le penali nella misura e secondo i criteri indicati nel presente capitolato e/o potrà redigere specifiche prescrizioni per il corretto svolgimento della attività a contratto. La mancata trasmissione dei report di esecuzione degli interventi sia periodici che a richiesta, equivale al non adempimento dell intervento programmato con conseguente determinazione della penale prevista per l inadempienza e la non liquidazione economica dei trattamenti stessi. Il Committente o il personale incaricato dei controlli verificheranno che il comportamento, l abbigliamento e la dotazione tecnica del personale durante l espletamento del servizio siano confacenti alle norme di buona condotta e a quanto previsto nel presente disciplinare. Rappresentanti della Ditta aggiudicataria potranno presenziare in ogni momento ai controlli previsti. A tal fine la Ditta potrà chiedere al Committente le indicazioni precise su dove si stiano svolgendo i controlli della giornata in corso. Per l attività di disinfestazione zanzare il committente può richiedere alla Ditta appaltatrice, o far eseguire tramite personale tecnico incaricato, verifiche analitiche, nella misura massima di 2 annue a carico della ditta

8 appaltatrice, sull efficacia dei trattamenti larvicidi tramite il prelievo di campioni di acqua nei focolai larvali trattati. In questi campioni verrà osservato il completamento del ciclo vitale delle larve presenti. Questi controlli di qualità verranno eseguiti dal 3 al 21 giorno dall inizio del trattamento, su un numero pari al 30% di focolai del totale ad ogni turno di trattamento. Non saranno prese in considerazione le caditoie che risultano visibilmente in secca, e quelle la cui apertura risulti impossibile. Verrà considerato corretto un trattamento che consenta un tasso di sfarfallamento pari o inferiore al 10% per singolo campione. I risultati della verifica e le relative considerazioni dovranno essere sottoscritte da tecnico abilitato. Per l attività di derattizzazione il Committente effettuerà le seguenti verifiche: presenza di efficaci sistemi di chiusura delle postazioni utilizzate; posizionamento sulla postazione e nell area della cartellonistica necessaria con particolare riguardo alle aree particolarmente frequentate dalla popolazione; informazioni contenute nella cartellonistica usata (principio attivo usato, antidoto, recapito telefonico, data di visita da parte dell operatore alla postazione, ecc ); quantitativo di prodotto posizionato all interno della postazione. Per le altre attività di disinfestazione il Committente verificherà l efficienza ed efficacia dei servizi resi, l adempimento degli obblighi del presente foglio condizioni nonché il rispetto del programma giornaliero e la veridicità dei report che la Ditta aggiudicataria è tenuta a produrre. Art Norme - Obblighi - Responsabilità La ditta aggiudicataria è tenuta a: a. rispettare ed attenersi scrupolosamente alle disposizioni contenute nel presente Foglio condizioni esecutive; per quanto non espressamente sancito, valgono le indicazioni dei regolamenti nazionale e comunale di polizia urbana; b. assumersi tutti gli oneri derivanti dall'assunzione, formazione ed amministrazione del personale necessario ai servizi nonché al pagamento dei relativi contributi ed indennità a loro spettanti, ed impegnarsi all'osservanza delle norme derivanti dalle leggi vigenti, decreti e contratti collettivi di lavoro, assicurazioni e previdenze sociali obbligatorie, prevenzione infortuni sul lavoro, sicurezza ed ogni altro onere previsto a carico del datore di lavoro; c. assumersi la responsabilità le precauzioni, le cautele nell uso di insetticidi e di tutte le sostanze chimiche o biologiche utilizzate nell espletamento dei lavori, onde evitare il verificarsi di danni a persone, animali o cose. A tali fini la ditta deve produrre una polizza assicurativa per la responsabilità civile verso terzi che preveda la copertura dei danni che possono derivare da fatto suo o del suo personale a persone, animali e cose, intendendosi come terzi, il Comune, ed anche le sue proprietà, oltre che i propri dipendenti, per tutta la durata del contratto. d. a redigere e consegnare prima della stipula dell eventuale contratto un piano operativo di sicurezza che sarà parte integrante del contratto di appalto; in caso di mancata consegna del piano richiesto non si procederà alla stipula del contratto. L'inosservanza delle predette condizioni costituisce per l'impresa appaltatrice responsabilità, sia in via penale che civile in riferimento ai danni, che per effetto dell'inosservanza stessa, dovessero derivare al personale, a terzi ed a strutture, impianti o edifici oggetto del presente appalto. Art Penalità In nessun caso l Appaltatore potrà sospendere il servizio, tranne che in caso di sospensione dovuta a causa di forza maggiore. In tal caso la sospensione permane per il tempo necessario a far cessare le cause che hanno determinato l interruzione dell esecuzione dell appalto. L inosservanza, da parte dell Appaltatore, delle previsioni di cui al foglio delle condizioni esecutive, la ritardata o mancata trasmissione dei rapporti d intervento comporterà l applicazione di penali proporzionate alla gravità dei fatti accertati, tenuto conto di ogni situazione e/o circostanza rilevante, di importo variabile da 50,00 a 250,00. L ammontare delle penali sarà detratto dal corrispettivo dovuto all Appaltatore. L applicazione delle penali è subordinata alla preventiva contestazione scritta delle inadempienze all Appaltatore, con diffida a porvi rimedio entro un termine stabilito. Le infrazioni riscontrate saranno comunicate, a mezzo fax, all Appaltatore che potrà, entro il termine di 24

9 ore, presentare le sue motivate deduzioni. In caso di recidiva, l ammontare delle penali potrà essere raddoppiato, salva la facoltà della Stazione Appaltante di procedere alla risoluzione del contratto. Se nel corso delle verifiche si evidenzia un inefficacia degli interventi di disinfestazione, la Ditta dovrà ripetere la disinfestazione entro 24 ore dalla richiesta senza alcun onere a carico del Comune. La mancata ripetizione comporterà una penale pari a 200,00. Qualora l inefficacia degli interventi eseguiti dalla Ditta crei una forte situazione di disagio (lamentele della popolazione, elevate infestazioni) il Comune può far eseguire d ufficio l intervento ad un altra Ditta ed addebitare il tutto alla Ditta inadempiente. Per l attività di derattizzazione, qualora venisse evidenziata una difforme esecuzione del servizio, questa verrà comunicata in forma scritta alla ditta esecutrice che dovrà intervenire per far fronte alle difformità entro 48 ore dalla comunicazione. Il mancato intervento comporterà una penale pari a 200,00. Gli inadempimenti alle obbligazioni contrattuali e quelli relativi alla cattiva o insoddisfacente esecuzione delle prestazioni oggetto del contratto riguarderanno a titolo esemplificativo e non esaustivo: Mancata consegna dei report Mancata trasmissione del programma di interventi, di eventuali variazioni ai programmi gia comunicati Mancata esecuzione di un intervento programmato o concordato preventivamente Ritardo nell esecuzione di un intervento di disinfestazione programmato o concordato preventivamente con il Responsabile del Servizio, salvo modifiche motivate ed approvate dal Responsabile del Servizio Rifiuto da parte della Ditta contraente di collaborare nell esecuzione dei controlli Percentuale di sfarfallamento, rilevata agli appositi controlli, superiore al 10% per tombino controllato Mancato attraversamento dell area indicato dal programma di intervento o suo attraversamento a velocità non consona verificato tramite ricevitore GPS o con altre metodologie di pari efficacia a seconda della gravità del disservizio documentato dal controllo di qualità nonché ripetizione del trattamento Mancata attivazione del ricevitore GPS per ogni ora di mancato funzionamento Nel caso di trattamenti adulticidi su area pubblica: mancata o non idonea esposizione degli appositi manifesti di avviso all utenza secondo le modalità e con i contenuti prescritti dalle disposizioni legislative vigenti a scopo di sicurezza o secondo quanto prescritto dal presente Disciplinare e/o dal Responsabile del Procedimeno Non veridicità accertata del report di interventi inviati Non conformità, rispetto alla proposta offerta, in relazione alla struttura organizzativa utilizzata per l esecuzione delle prestazioni, con riferimento al personale, alle attrezzature e ai mezzi Non rispondenza delle diluizioni e/o preparazioni impiegate rispetto a quanto prescritto nella scheda tecnica del prodotto per ciascuna contestazione Mancato o non conforme utilizzo di attrezzature - mezzi - indumenti per ciascuna contestazione La ritardata esecuzione di un intervento previsto diventa mancata esecuzione dopo 3 giorni solari di ritardo; qualora trattasi di intervento di emergenza si considera mancata esecuzione dopo 1 solo giorno solare di ritardo. La penale prevista per la mancata esecuzione assorbe quella prevista per la ritardata esecuzione. Art. 13 Risoluzione del contratto Il Committente si riserva la facoltà di risolvere il contratto nei casi previsti dal presente Foglio condizioni esecutive, dell'art. 20 Capitolato Speciale principale dei servizi ed inoltre: a) in qualunque momento dell esecuzione, avvalendosi della facoltà consentita dall art del Codice Civile; b) mancato rispetto delle condizioni contrattuali compreso quanto previsto dal presente Foglio condizioni; c) arbitraria ed ingiustificata interruzione o sospensione da parte dell impresa appaltatrice del servizio oggetto del presente Capitolato, non dipendente da causa di forza maggiore;

10 d) mancato rispetto delle disposizioni di legge circa la prevenzione degli infortuni, l assistenza e la previdenza dei lavoratori impiegati nell esecuzione del servizio dato in appalto; e) cessione del contratto o subappalti non autorizzati dalla Stazione Appaltante; f) carenza della qualità del servizio; g) scarsa qualità delle attrezzature utilizzate riconducibili all anno di fabbricazione dei mezzi; h) ripetuti ritardi rispetto ai termini fissati negli ordini di servizio; i) esecuzione del servizio in contrasto con le buone regole dell'arte; j) per tutti gli altri casi contemplati dalla legislazione vigente; k) grave negligenza nella conduzione dell appalto. Sarà considerata grave negligenza la circostanza che la ditta appaltatrice sia incorsa in n. 3 (tre) provvedimenti sanzionatori con applicazione delle relative penali. Qualora la risoluzione avvenga per colpa della ditta appaltatrice, per ritardi, inadempimenti o difetti di esecuzione del servizio, ogni maggiore costo delle opere ripetute da altre ditte, comprese le eventuali spese per atti e simili, resta a carico della ditta aggiudicataria, mentre gli eventuali utili restano a favore dell'amministrazione Appaltante, salva l'applicazione delle penali previste ed il risarcimento dei danni. E' automatica la risoluzione del contratto in caso di fallimento o cessazione dell'impresa appaltatrice. In caso di risoluzione del contratto si applicano le disposizioni previste dal Codice Civile. Art Controversie Si rinvia a quanto previsto all'art. 18 del Capitolato speciale d'appalto principale dei servizi appaltati. Art Sicurezza sul lavoro La ditta dovrà rispettare tutte le norme connesse alla sicurezza sul lavoro, nonché presentare, prima dell'inizio del servizio, un Piano Operativo di Sicurezza ed una dichiarazione in cui attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi di cui al D.Lgs. 81/2008.

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana SERVIZIO PER GLI INTERVENTI LARVICIDI ED ADULTICIDI PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE CONTRO ALTRI INFESTANTI, IN AREE

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI

CAPITOLATO D ONERI Allegato A2 (composto da n. 17 pagine) PARTE I CONDIZIONI GENERALI PROVINCIA REGIONALE DI ENNA denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. 8/2014 C.F. 80000810863 TEL. +390935521111 Fax +390935500429 Piazza Garibaldi, 2 SETTORE VI Territorio Pianificazione

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

00185 Roma Via Castelfidardo, 41

00185 Roma Via Castelfidardo, 41 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI SEDE DEGLI UFFICI DELL ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI VETERINARI (VIA CASTELFIDARDO, 41), DELLE PARTI COMUNI DELL IMMOBILE

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE

AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Allegato alla determinazione dirigenziale n. 1/2011 AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE Ufficio di Segreteria Giuridico-Amministrativa U.O. Affari Generali, Giuridici e di Raccordo Istituzionale Via V.

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

1a parte SEDUTA PUBBLICA. Preliminarmente il Dirigente espletante la procedura di gara dà atto che:

1a parte SEDUTA PUBBLICA. Preliminarmente il Dirigente espletante la procedura di gara dà atto che: Verbale di gara ufficiosa mediante cottimo fiduciario, ai sensi dell art. 125, comma 11 del D.Lgs. n. 163/2006 e dell art. 6 del Regolamento per l esecuzione di forniture e servizi in economia approvato

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE

PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE PROGETTO MOSCHE 3.0 GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI PER IL CONTROLLO DELLE MOSCHE INQUADRIAMO QUESTO PROBLEMA Il benessere animale e l igiene ambientale zootecnica costituiscono fattori chiave nella gestione

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.

Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i. Azienda Municipale Ambiente SpA Roma Capitale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3 D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Rev. N. 00 00 Data: Bando di gara di appalto o di prestazione

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Note relative al controllo delle blatte

Note relative al controllo delle blatte Estratto dal sito www.disinfestanti.it Note relative al controllo delle blatte La lotta alle blatte è estremamente diffusa perchè questi insetti possono fungere da veicolo per svariati microrganismi patogeni

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli