COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE"

Transcript

1 COMUNE DI SAMBUCA PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA Progetto preliminare, definitivo, esecutivo relativo all intervento di ripristino della viabilità della strada comunale Lentula-Torri interrotta a seguito dell evento franoso verificatosi in data 05/01/2014 (LOTTO I) RELAZIONE TECNICA Agliana, 11/06/2014 il tecnico incaricato Prof.Ing. Enrico Mangoni

2 RELAZIONE GENERALE SULL INTERVENTO I lavori in esame, prevedono il ripristino della viabilità per l abitato di Torri, che è risultato interrotto, a seguito di grave evento franoso verificatosi in data 05/01/2014. Le opere per il ripristino definitivo della viabilità non possono ad oggi essere finanziate interamente, per cui si procederà ad un primo lotto di lavori, con l unico scopo di avere una pista transitabile in grado di non interrompere completamente la viabilità. A causa della frana, tale pista sarà realizzata a tergo del muro esistente in pietrame, dovendosi a tale scopo scavare ed incidere il fronte roccioso di monte per poter ricavare lo spazio di transito. La nuova pista prevede, per una parte del suo sviluppo, il sostentamento da parte di una paratia in micropali d acciaio, convenientemente ancorati in roccia. Nella parte centrale, dove la pista è molto vicina alla frana, la paratia sarà realizzata con doppia fila di pali; nella zona laterale dove non sono presenti fratture nel terreno la paratia può beneficiare del contrasto del terreno posto a valle della pista e sarà quindi realizzata con singola fila di pali; nella zona laterale opposta alla precedente, dove sono presenti evidenti fratture nel terreno, la paratia sarà realizzata anche in questo caso con una doppia fila di pali. Completano le opere, la rete paramassi, posta in corrispondenza del fronte scavato, per far posto alla pista, nonché un sistema di monitoraggio attivo posto in corrispondenza delle estremità della pista e viabilità esistente, capace di rilevare in continuo, i movimenti del versante posto a valle della viabilità, e di inviare a soggetti preposti, immediato segnale di allarme. Il progettista Prof.Ing.Enrico Mangoni Relazione generale

3 VERIFICA DELLA PARATIA -Caratterizzazione meccanica del terreno e schema della paratia ai fini delle verifiche Come evidenziato nella relazione geologica nonché nella sezione riportata di seguito, la stratigrafia dell area interessata dall intervento è costituita sostanzialmente da un primo strato di terreni rimaneggiati con spessore variabile da 2 a 4m; un secondo strato, fino ad una profondità di circa 10m, costituito per un tratto da depositi detritici e per un secondo tratto da porzione alterata/fratturata del substrato roccioso; infine, oltre i 10m di profondità, si trova il substrato roccioso. Gli strati individuati sono stati classificati da un punto di vista geotecnico attraverso le seguenti caratteristiche: -Terreni rimaneggiati e copertura superficiale -Angolo di attrito =32 -Peso specifico γ=1800 kg/m 3 -Modulo elastico longitudinale E=70 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,4 -Depositi detritici mediamente consistenti -Angolo di attrito =32 -Peso specifico γ=1800 kg/m 3 -Modulo elastico longitudinale E=300 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,3 -Porzione alterata del substrato roccioso Relazione di calcolo 1

4 -Angolo di attrito =32 -Peso specifico γ=2100 kg/m 3 -Coesione c =0.05 kg/cm 2 -Modulo elastico longitudinale E=1000 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,3 -Substrato roccioso -Angolo di attrito =40 -Peso specifico γ=2400 kg/m 3 -Coesione c =0.3 kg/cm 2 -Modulo elastico longitudinale E=5000 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,25 Tali strati offrono un contrasto laterale alla deformazione dei micropali in acciaio, che viene valutata con la relazione di Chiarugi-Maia. I micropali utilizzati sono di diametro =139.7mm sp.10 mm. K H = D E ED 2 12 ( 1 ν ) E p J p 4 E= modulo elastico longitudinale del terreno D=diametro efficace del micropalo ottenuto tenendo conto del manicotto di malta che lo riveste, pari a circa 20cm ν= coefficiente di Poisson E p =modulo elastico dell acciaio= kg/cm 2 J p =momento d inerzia del micropalo di solo acciaio Per gli strati in esame, si ottiene quindi: -Terreni rimaneggiati e copertura superficiale -K H1 2,73 kg/cm 3 -Depositi detritici mediamente consistenti -K H2 12,18 kg/cm 3 -Porzione alterata del substrato roccioso -K H3 44,90 kg/cm 3 -Substrato roccioso -K H4 266,6 kg/cm 3 Si trascura il contrasto dello strato di terreno rimaneggiato superficiale di spessore pari a circa 4m. Data la presenza di movimenti franosi che interessano parte del tratto di strada interessato dall intervento e data la non uniformità della stratigrafia del sito, si distinguono tre differenti tratti di paratia, per ognuno dei quali si procederà con le verifiche. Gli schemi strutturali per la verifica della paratia sono i seguenti: Relazione di calcolo 2

5 Il TRATTO 1 è realizzato con micropali di diametro =139.7mm sp.10 mm posti ad interasse di 90cm e collegati in sommità da un cordolo in c.a. 60x60cm. Non essendo in questa zona presenti fessure nel terreno, si considera il contrasto laterale sull intera altezza dei pali escluso il tratto superficiale di 4m di terreno rimaneggiato. Il TRATTO 2 è realizzato con doppia fila di micropali di diametro =139.7mm sp.10 mm posti ad interasse di 90cm in modo alternato e collegati in sommità da un cordolo in c.a. 80x60cm. Tale tratto è quello in corrispondenza della linea di frana, che dista circa 2,0m dalla paratia, per cui si aumenta a 5,0m la lunghezza del tratto superficiale privo di contrasto laterale per escludere la parte instabile di terreno. Il TRATTO 3 è realizzato anch esso con doppia fila di micropali di diametro =139.7mm sp.10 mm, ma posti ad interasse di 50cm in modo alternato e collegati in sommità da un cordolo in c.a. 80x60cm. Tale tratto si estende oltre l attuale sviluppo della linea di frana, ma si rende necessario a causa della presenza di fessure sulla sede stradale e sul ciglio. Poiché le fessure sono più vicine alla paratia rispetto al tratto Relazione di calcolo 3

6 precedente e poiché il terreno al di sotto dello strato superficiale è, in questo tratto, costituito da depositi detritici mediamente consistenti, si ritiene opportuno non fare affidamento sul contrasto laterale degli strati superiori e considerare il solo contrasto offerto dal substrato roccioso. Si assume che il substrato roccioso non generi spinte sulla paratie. -Tipologie di carico insistenti sulla paratia La paratia, viene sottoposta alla spinta dovuta ai carichi variabili, distribuiti e concentrati, trasmessi dalla strada, all azione spingente dovuta al terreno a tergo di essa, nonché all azione spingente di tipo sismico in relazione alla massa inerziale del terreno a tergo della paratia. Spinta del terreno Per quanto riguarda la spinta del terreno, questa può determinarsi in base alla teoria di Rankine, con la quale, ipotizzando attrito nullo fra terreno ed opera di ritegno, si ottiene un coefficiente di spinta attiva: 2 π φ K a = tg = 0, Da cui si ottiene: St = γ K a H = 64,5kN / m Tale valore è ricavato cautelativamente considerando un unico strato di terreno a cui si assegnano le caratteristiche del terreno che genera la spinta maggiore (porzione alterata del substrato roccioso). Relazione di calcolo 4

7 Spinta sismica L azione dinamica del terremoto si suppone sia rappresentata da una forza di inerzia statica equivalente, proporzionale al peso W della massa potenzialmente instabile. Le componenti orizzontale e verticale di tale forza possono esprimersi come F h = K h W e F v = K v W, con K h e K v rispettivamente pari ai coefficienti sismici orizzontale e verticale. In particolare le NTC2008, fanno riferimento alle componenti orizzontali e verticali dell accellerazione equivalente: ah = K h g = αβa max, a v = 0 a max =accelerazione orizzontale massima attesa al sito α, β =coefficienti di spostamento e deformabilità (vedi parag N.T.C.) Imponendo che lo spostamento massimo u s che l opera può sopportare senza riduzioni di resistenza, sia pari a 0.005H=6cm, risulta β =0.43, e quindi essendoα =1, otteniamo infine: a h = 0.43a max L accellerazione a max può essere ottenuta sulla base della relazione: a max = S S ST ag S S =coefficiente di amplificazione stratigrafica S T =coefficiente di amplificazione topografica Sulla base di quanto riportato all interno della relazione geologica, risulta: S S =1,473,S T =1,2, a g =0,199g (Stato limite di salvaguardia della vita SLV), e a g =0,151g (Stato limite di danno SLD) Quindi risulta : a h =0,151g L azione sismica orizzontale F h è quindi pari a: F = Wa Come dimensioni della massa potenzialmente instabile si può ragionevolmente assumere un cuneo di terreno corrispondente al cuneo di spinta attiva, rappresentato nella figura seguente: h h Relazione di calcolo 5

8 Il peso della massa potenzialmente instabile, per un metro di paratia, è quindi: W=577,50 kn L azione sismica per un metro di paratia risulta quindi: F h =87,2 kn allo SLV F h =37,5 kn allo SLD Tali azioni corrispondono ad un carico distribuito sulla paratia pari a: S s = 8,72kN / m allo SLV S s = 3,76kN / m allo SLD Carichi presenti sulla strada Per determinare i carichi presenti sulla strada, si fa riferimento a quanto riportato al Capitolo 5 delle NTC 2008, in particolare ai fini del carico si considera la viabilità relativa alla strada in esame come viabilità di II categoria, e quanto riportato al punto delle norme medesime. I carichi insistenti sulla viabilità risultano pertanto un carico uniformemente ripartito q 1k =7,20kN/m 2, e quattro carichi concentrati Q 1k, ciascuno pari a 120kN, disposti secondo lo schema seguente: Q1k=12000 kg 200 q1k=720 kg/mq 120 Per quanto riguarda il carico distribuito presente sulla strada, il valore della spinta orizzontale sulla paratia, al metro lineare, è dato da: Relazione di calcolo 6

9 S q = q1 k K a = 2,21kN / m Per quanto riguarda i carichi concentrati, si considera che questi abbiano influenza su un tratto di paratia lungo 2,8m, individuato secondo lo schema seguente: Per la determinazione della spinta sulla paratia data dal singolo carico concentrato, si fa riferimento alla figura seguente, nella quale sono illustrate le relazioni in funzione della geometria della paratia, della posizione e del valore del carico. Nel caso in esame, essendo x=0,4m e Qp=120kN, si ottiene come valore massimo della pressione sulla paratia: 2 σ h = 1,94kN / m Tale azione come detto, interessa un tratto di paratia lungo 2,8m e pertanto le successive verifiche prenderanno in esame un tratto di paratia lungo proprio 2,8m. Relazione di calcolo 7

10 -Combinazioni di carico secondo le NTC 2008 Secondo quanto riportato all interno delle NTC 2008, in particolare al punto C , la valutazione della paratia in presenza di azioni sismiche, viene condotta secondo le combinazioni di carico seguenti relative all approccio 1. Per le verifiche sul terreno, seguendo la combinazione 2 (A2+M2+R2) in cui i coefficienti A2 sono posti uguali ad uno, mentre le variazioni di spinta dovute a sisma sono valutate con i coefficienti parziali M2. Per la verifica degli elementi strutturali, seguendo la combinazione 1 (A1+M1+R1) in cui i coefficienti A1 sono posti uguali ad uno. Per la verifica in condizioni non sismiche si fa riferimento al punto C , in particolare per le verifiche strutturali si utilizza la combinazione 1 (A1+M1+R1) dell approccio 1 con i coefficienti A1 al valore come da tabelle NTC Per le verifiche geotecniche si utilizza invece la combinazione 2 (A2+M2+R1). Per l analisi statica non sismica si utilizza la combinazione di carico seguente: 1,3 Spinta terreno + 1,5 Spinta da sovraccarichi su strada Per l analisi sismica si utilizza invece la combinazione di carico seguente: Spinta terreno + Spinta sismica -Verifica dei micropali della paratia Per la determinazione delle sollecitazioni nei tre tratti in cui è suddivisa la paratia, si utilizzano altrettanti modelli agli elementi finiti realizzati con SAP Come già specificato, per ciascun tratto da verificare (tratti 1,2 e 3), si esamina una porzione di paratia di lunghezza pari a 2,8m e il modello di calcolo è costituito da un unica asta vincolata con molle e con appoggio in sommità dato dalla presenza del cordolo ancorato con pali disposti a cavalletto ad interasse di 5m. Le caratteristiche di inerzia della sezione e di rigidezza delle molle sono assegnate considerando le proprietà equivalenti relative all insieme di pali compresi nella porzione di 2,8m di paratia. Relazione di calcolo 8

11 Tratto 1 Tratto 2 Tratto 3 TRATTO 1: micropali fila singola interasse 90cm Le massime sollecitazioni sui micropali ricavate dal modello sono pari a: -caso sismico M max =98 knm, T max =169kN -caso non sismico M max =92 knm, T max =167kN Il caso più gravoso risulta quindi quello sismico. Le sollecitazioni resistenti, risultano: We f yk 2Af yk M Rd = =166kNm, VRd = 4 =2024 kn γ M 0 π 3γ M 0 Poichè il taglio sollecitante è inferiore della metà del taglio resistente, non c è interazione taglio-momento. La verifica del tratto 1 è quindi soddisfatta. TRATTO 2: micropali doppia fila interasse 90cm alternati Relazione di calcolo 9

12 Le massime sollecitazioni sui micropali ricavate dal modello sono pari a: -caso sismico M max =146 knm, T max =240kN -caso non sismico M max =179 knm, T max =317kN Il caso più gravoso risulta quindi quello non sismico. Le sollecitazioni resistenti, risultano: We f yk 2Af yk M Rd = =1078kNm, VRd = 7 =3542 kn γ M 0 π 3γ M 0 Poichè il taglio sollecitante è inferiore della metà del taglio resistente, non c è interazione taglio-momento. La verifica del tratto 2 è quindi soddisfatta. Per il tratto 2, essendo presente sul cordolo della paratia la barriera bordo strada, si effettua la verifica della paratia anche sotto la condizione di carico eccezionale data dal possibile urto di un veicolo. Per l azione data dalla collisione di un veicolo si può fare riferimento al punto delle NTC in cui tale forza è schematizzata con una forza orizzontale equivalente di 100kN applicata 100mm sotto alla sommità della barriera. Nel caso in esame, la barriera è alta 830mm quindi la forza è applicata a 730mm dalla sommità della paratia. Tale azione genera un momento in testa alla paratia pari a M =73kNm. Sotto la combinazione di carico eccezionale, le massime sollecitazioni sui micropali risultano: M max =156 knm, T max =253kN Tali sollecitazioni sono inferiori a quelle del caso analizzato in precedenza, quindi la verifica in condizioni eccezionali è soddisfatta. TRATTO 3: micropali doppia fila interasse 50cm alternati Le massime sollecitazioni sui micropali ricavate dal modello sono pari a: -caso sismico M max =1337 knm, T max =1415kN -caso non sismico M max =1607 knm, T max =1701kN Il caso più gravoso risulta quindi quello non sismico. Le sollecitazioni resistenti, risultano: We f yk 2Af yk M Rd = =1851kNm, VRd = 12 =6072 kn γ π 3γ M 0 M 0 Relazione di calcolo 10

13 Poichè il taglio sollecitante è inferiore della metà del taglio resistente, non c è interazione taglio-momento. La verifica del tratto 3 è quindi soddisfatta. -Verifica del cordolo in sommità Si effettua la verifica dei cordoli di testa considerando uno schema statico appoggioappoggio con luce pari a 5,0m. Gli appoggi sono dati dai micropali inclinati disposti a cavalletto ogni 5,0m lungo lo sviluppo dei cordoli dei tratti 1 e 2 e dai tiranti disposti lungo il tratto 3, sempre con interasse 5,0m. Il carico applicato è un carico distribuito ottenuto dalla reazione di appoggio in sommità dei modelli precedenti ripartita sulla lunghezza. TRATTO 1: cordolo 60x60 R=72,4 kn massimo valore della reazione di appoggio in sommità; q=25,8 kn/m M max =80,8 knm, T max =64,5kN Considerando le armature longitudinali presenti nella trave, pari a 3 18 lungo il lato interno e pari a 3 18 sul lato esterno, e staffe 8/20 si ricavano le sollecitazioni resistenti della sezione: M Rd =161,7 knm, T Rd =105kN (trascurando l armatura a taglio) Il cordolo risulta quindi verificato. TRATTO 2: cordolo 80x60 R=107 kn massimo valore della reazione di appoggio in sommità; q=38,2 kn/m M max =119,4 knm, T max =95,5kN Considerando le armature longitudinali presenti nella trave, pari a 3 18 lungo il lato interno e pari a 3 18 sul lato esterno, e staffe 8/20 si ricavano le sollecitazioni resistenti della sezione: M Rd =221,4 knm, T Rd =150kN (trascurando l armatura a taglio) Il cordolo risulta quindi verificato. TRATTO 3: cordolo 80x60 R=324 kn massimo valore della reazione di appoggio in sommità; q=115 kn/m M max =361 knm, T max =287,5kN Considerando le armature longitudinali presenti nella trave, pari a 5 18 lungo il lato interno e pari a 5 18 sul lato esterno, e staffe 8/20 si ricavano le sollecitazioni resistenti della sezione: M Rd =506 knm, T Rd =329kN Il cordolo risulta quindi verificato. Relazione di calcolo 11

14 -Verifica dei micropali disposti a cavalletto Dalle reazioni orizzontali dei vincoli di appoggio in sommità posti nei modelli agli elementi finiti, si ricavano le massime azioni assiali che sollecitano i micropali inclinati disposti a cavalletto con interasse pari a 5,0m nei tratti 1 e 2. Consideriamo lo schema seguente: Fig.7 Basamento con micropali inclinati TRATTO 1: L azione R trasferita dalla paratia è pari a: R=82,5kN nel caso non sismico; R=129kN nel caso sismico. Scomponendo tale azione, si ottengono gli sforzi assiali di trazione e compressione che sollecitano i micropali: R=R1=R2=82,5kN nel caso non sismico; R=R1=R2=129kN nel caso sismico. Per la valutazione della resistenza laterale unitaria del micropalo si utilizza la seguente relazione riportata in letteratura: τ l = K σ ' v tanφ con K = 1 sinφ Considerando un diametro del palo (camicia compresa) di circa 200mm, e applicando il coefficienteγ R = 1, 6 (approccio 1 combinazione 2), si ha una portanza laterale per metro di palo pari a: - 1,68kN/m per il terreno rimaneggiato; - 11,16kN/m per la roccia alterata; - 24,8kN/m per il substrato roccioso; Considerando quindi l intero palo lungo 15m, si ha che l azione assiale resistente è pari a: R RES 197kN>R La verifica è pertanto soddisfatta. TRATTO 2: L azione R trasferita dalla paratia è pari a: R=142kN nel caso non sismico; R=191kN nel caso sismico. Scomponendo tale azione, si ottengono gli sforzi assiali di trazione e compressione che sollecitano i micropali: Relazione di calcolo 12

15 R=R1=R2=142kN nel caso non sismico; R=R1=R2=191kN nel caso sismico. Per la valutazione della resistenza laterale unitaria del micropalo si procede come fatto per il tratto 1. Considerando quindi l intero palo lungo 15m, si ha che l azione assiale resistente è pari a: R RES 197kN>R La verifica è pertanto soddisfatta. -Verifica dell ancoraggio dei micropali ai cordoli in sommità L ancoraggio dei micropali a cavalletto ai cordoli viene realizzato mediante saldatura di piastra metallica circolare e irrigidimenti di spessore 10mm. Il massimo valore dell azione R vale: R=191kN ottenuta per il caso sismico nel tratto 2. Considerando la superficie della piastra come corona circolare di diametro esterno 30cm, su questa si ha una pressione ortogonale pari a: 2 σ = 3,46N / mm Si considera lo schema statico a mensola di lunghezza 8cm. Come sezione di verifica della piastra si considera quella costituita dall irrigidimento e da un tratto di 10cm di piastra: Le sollecitazioni massime all incastro sono pari a: M max =2,54 knm, T max =48kN Le sollecitazioni resistenti valgono: M Rd =3,53 knm; T Rd =121kN La verifica della piastra è quindi soddisfatta. Relazione di calcolo 13

16 Si verifica anche la saldatura a cordone di spessore 8mm di collegamento tra la piastra e il micropalo. Lo spessore della sezione di gola è pari a: s=5.65mm. L area efficace della saldatura è quindi pari a: A=2478mm 2 La tensione ortogonale sulla saldatura risulta dunque: 2 2 τ = 77,1N / mm < 1 f = β yk 192,5N / mm La verifica della saldatura è soddisfatta. Il collegamento dei micropali verticali non a cavalletto lungo la paratia avviene con la stessa tipologia di quello appena visto ma senza gli irrigidimenti dal momento che le azioni sono alquanto ridotte perché date unicamente dal carico del cordolo. L azione che compete al singolo palo in questo caso è pari a: Rv=10,5kN A cui corrisponde un pressione sulla piastra pari a: 2 σ = 0,18N / mm Considerando per la verifica sempre lo schema a mensola di luce 8cm e come sezione resistente un rettangolo di spessore 10mm e larghezza 10mm, si determinano le massime sollecitazioni all incastro: M max =0,00576 knm, T max =0,144kN Le sollecitazioni resistenti valgono: M Rd =0,04365 knm; T Rd =15kN La verifica della piastra è quindi soddisfatta. Per la verifica della saldatura si rimanda a quella vista per i micropali a cavalletto. -Verifica dei tiranti di ancoraggio nel tratto 3 L appoggio in testa alla paratia nel tratto 3 è fornito non da micropali a cavalletto come nei tratti 1 e 2 ma da tiranti inclinati a 45 che vanno ad ancorarsi con il tratto attivo nel substrato roccioso. Dalle reazioni fornite dal modello agli elementi finiti e considerando un inclinazione dei tiranti di 45, si ricavano i massimi valori delle azioni di trazione sollecitanti: T soll =510/cos45 =721kN nel caso sismico T soll =457/cos45 =646kN nel caso non sismico Per la determinazione dell azione di trazione resistente offerta dal tirante si utilizza la relazione seguente: Pr = πd γ d 2 L K tanϕ + ca π D L Dove: D è il diametro medio del foro; γ è il peso specifico del substrato roccioso; d 2 è la profondità media del tratto attivo; L è la lunghezza del tratto attivo del tirante K = 1 senϕ c a = 0. 9c adesione Relazione di calcolo 14

17 Nel caso in esame si hanno tiranti di lunghezza complessiva di 30m, in cui il tratto attivo nel substrato roccioso ha lunghezza L=17,3m. La profondità media del tratto attivo vale 15,2m, quindi dalla relazione precedente si ottiene: Pr = 1490,6 kn A tale valore va applicato il coefficiente parziale pari a 1.2; inoltre i parametri geotecnici sono ricavati mediante l effettuazione di n 3 sondaggi e quindi occorre dividere anche per il fattore di correlazioneζ = 1, 7 (parag NTC 2008) In definitiva, il valore della trazione resistente offerta dal tirante è pari a: Presistente = 735 kn Tale valore risulta superiore ai valori sollecitanti, quindi la verifica del tirante è soddisfatta. Il progettista Prof.Ing. Enrico Mangoni Relazione di calcolo 15

18 RELAZIONE GEOTECNICA Per quanto riguarda i parametri di riferimento per le verifiche della paratia riportate nella relazione di calcolo, si è fatto riferimento alla relazione geologica allegata. Si riportano di seguito i parametri significativi utilizzati: Parametri del terreno: -Terreni rimaneggiati e copertura superficiale -Angolo di attrito =32 -Peso specifico γ=1800 kg/m 3 -Modulo elastico longitudinale E=70 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,4 -Depositi detritici mediamente consistenti -Angolo di attrito =32 -Peso specifico γ=1800 kg/m 3 -Modulo elastico longitudinale E=300 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,3 -Porzione alterata del substrato roccioso -Angolo di attrito =32 -Peso specifico γ=2100 kg/m 3 -Coesione c =0.05 kg/cm 2 -Modulo elastico longitudinale E=1000 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,3 -Substrato roccioso -Angolo di attrito =40 -Peso specifico γ=2400 kg/m 3 -Coesione c =0.3 kg/cm 2 -Modulo elastico longitudinale E=5000 kg/cm 2 -Modulo di Poisson ν = 0,25 Parametri sismici: -Categoria di sottosuolo: E -Categoria topografica:t2 -Periodo di riferimento: 50 anni -Coefficiente Cu: 1 -a g,slv=0.199g -a g,sld=0.079g Relazione geotecnica

19 RELAZIONE SUI MATERIALI IMPIEGATI Calcestruzzo per magroni classe di resistenza C12-15 R ck =15N/mm 2 f ck =0,83R ck =12,45N/mm 2 γ C =1,5 α cc =0,85 f cd =α cc f ck /γ C =7,055N/mm 2 f ctm =0,3 f ck 2/3 =1,10N/mm 2 f ctd =0,7f ctm /γ C =0,51N/mm 2 E 0 =2,70 x10 7 kn/m 2 Calcestruzzo per C.A. di opere in fondazione classe di resistenza C25-30 classe di consistenza S4 Rapporto a/c 0,6; contenuto minimo in cemento 300 Kg/m3 slump mm classe di esposizione XC2 diametro massimo inerti 32 mm copriferro 4 cm R ck =30N/mm 2 f ck =0,83R ck =24,9N/mm 2 γ C =1,5 α cc =0,85 f cd =α cc f ck /γ C =14,11N/mm 2 f ctm =0,3 f ck 2/3 =2,56N/mm 2 f ctd =0,7f ctm /γ C =1,19N/mm 2 E 0 =3,14 x10 7 kn/m 2 Acciaio per armatura B450C Barre nervate in B450C f tk =540N/mm 2 f yk =450N/mm 2 γ M =1,15 f yd =391N/mm 2 Acciaio per carpenteria metallica S275 f tk =430N/mm 2 f yk =275N/mm 2 Relazione sui materiali impiegati e Normativa di riferimento

20 γ M =1,05 f yd =261,9N/mm 2 Acciaio per carpenteria metallica S355 f tk =510N/mm 2 f yk =355N/mm 2 γ M =1,05 f yd =338,0 N/mm 2 - D.M. Infrastrutture Circolare esplicativa n 617 del NORMATIVA DI RIFERIMENTO Il progettista Prof.Ing. Enrico Mangoni Relazione sui materiali impiegati e Normativa di riferimento

21 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE Le strutture di cui al presente progetto non necessitano di manutenzioni particolari in relazione all uso per le quali sono impiegate. In particolare, le parti strutturali e i componenti che compongono le varie opere, non devono subire alcun monitoraggio, manutenzione e/o sostituzione ad intervalli di tempo programmati, all interno della vita utile della struttura, per potersi avere il comportamento strutturale assunto alla base del progetto. Gli unici interventi di manutenzione da eseguire, risultano essere legati all estetica dei componenti e quindi non hanno alcun legame con il comportamento strutturale. In linea del tutto generale, si consiglia di valutare la qualità superficiale di parti in calcestruzzo armato direttamente esposte ad intervalli di tempo non superiori a dieci anni, e quella di parti in acciaio ad intervalli di tempo non superiori a cinque anni. Resta inteso, che sarà cura ed onere del committente, valutare le condizioni dei componenti strutturali, in proprio, o attraverso idonei specialisti qualora il manufatto in progetto fosse sottoposto ad eventi e/o malfunzionamenti di componenti non strutturali, ovvero ad infiltrazioni, azioni dovute ad incendio, cedimenti fondali, eventi sismici, etcc, che alteri in qualsiasi modo le ipotesi di progetto. Il Progettista Prof. Ing. Enrico Mangoni Piano di manutenzione

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali

Pali di fondazione. modulo B Le fondazioni. La portata dei pali 1 Pali di fondazione La portata dei pali Nel caso dei pali di punta soggetti a sforzi assiali, cioè realizzati in terreni incoerenti e infissi in terreno profondo compatto, il carico ammissibile P su ogni

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8

INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 2/6 INDICE 1 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 MATERIALI... 7 4 TRAVE IN C.A. - ANALISI DEI CARICHI... 8 5 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI TRAVE... 9 6 CALCOLO DELLE SOLLECITAZIONI

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO

DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO INDICE 1. INTRODUZIONE pag.. DATI GENERALI ED OPZIONI DI CALCOLO pag. 3. EFFETTI DELLE AZIONI pag. 4 4. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI VERTICALI pag. 5 5. VERIFICHE AGLI SLU PER CARICHI TRASVERSALI pag.

Dettagli

CALCOLO DEL NUOVO PONTE

CALCOLO DEL NUOVO PONTE CALCOLO DEL NUOVO PONTE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI I materiali utilizzati sono: - Calcestruzzo Rck450 = 2500 Kg/m 3 Resistenza di esercizio a flessione: f cd = 0,44*45 = 19,8 N/mm 2 = 198 Kg/cm 2 -

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente:

NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa cui viene fatto riferimento nelle fasi di calcolo e progettazione è la seguente: Sono illustrati con la presente i risultati dei calcoli che riguardano il progetto della scala in c.a da realizzarsi nel rifugio Cima Bossola in località Marciana NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa

Dettagli

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni

CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO. NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008 Norme Tecniche per le costruzioni GENERALITA COMUNE DI PREDOSA Provincia di Alessandria CONSOLIDAMENTO PONTE E DIFESA SPONDA DESTRA TORRENTE STANAVAZZO ZONA SISMICA: Zona 3 ai sensi dell OPCM 3274/2003 NORMATIVA UTILIZZATA: D.M. 14/01/2008

Dettagli

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO

Arch. Giuliano Moscon SERVIZIO TECNICO ASSOCIATO COMUNI DI FONDO E MALOSCO COMUNE DI MALOSCO Provincia di Trento PROGETTO INTERVENTO DI SOMMA URGENZA RECUPERO E CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE DEL MURO DI SOSTEGNO SU P.F. 666 C.C. MALOSCO I IN VIA MIRAVALLE. Relazione di calcolo COMMITTENTE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali...

1 Relazione Generale sull Intervento...2. 2 Determinazione dei parametri geotecnici...2. 3 Normativa di riferimento...3. 4 Relazione sui materiali... 1 Relazione Generale sull Intervento... Determinazione dei parametri geotecnici... 3 Normativa di riferimento...3 4 Relazione sui materiali...3 5 Verifiche statiche...4 5.1 Formule di calcolo delle azioni...4

Dettagli

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO

AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI BERTIOLO AMPLIAMENTO CIMITERO DI POZZECCO PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE Asseverazione classificazione categoria Relazione sulle caratteristiche

Dettagli

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012

PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Cognome e nome PROVA DI AMMISSIONE ALLA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE A.A. 2011/2012 Si ricorda al candidato di rispondere alle domande di Idraulica, Scienza delle costruzioni e Tecnica delle

Dettagli

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO

SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO SP 97 DI CINZANO LAVORI PER LA MESSA IN SICUREZZA DELLA SEDE STRADALE AL KM 10+700 IN COMUNE DI CINZANO INTERVENTO DEFINITIVO VARIANTE IN CORSO D OPERA RELAZIONE DI CALCOLO VR010A - Relazione di calcolo.doc

Dettagli

RELAZIONE TECNICO STRUTTURALE INDICE. 2.1 CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione...

RELAZIONE TECNICO STRUTTURALE INDICE. 2.1 CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di fondazione... Relazione tecnico strutturale Pag 1 RELAZIONE TECNICO STRUTTURALE INDICE 1 PREMESSA...2 2 VERIFICHE GEOTECNICHE...4 2.1 CASO A - Una struttura tipo contrapposto riempita completamente + due piastre di

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

2. NORMATIVA. Il progetto e stato redatto nel rispetto delle seguenti norme:

2. NORMATIVA. Il progetto e stato redatto nel rispetto delle seguenti norme: 1 INDICE 1. GENERALITA... 2 2. NORMATIVA... 3 3. MATERIALI E LIMITI TENSIONALI... 4 4. ANALISI DEI CARICHI... 5 5. CARATTERISTICHE GEOMETRICHE... 9 6. CARATTERISTICHE DI SOLLECITAZIONE... 10 7. VERIFICHE

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc

Documento #: Doc_a8_(9_b).doc 10.10.8 Esempi di progetti e verifiche di generiche sezioni inflesse o presso-tensoinflesse in conglomerato armato (rettangolari piene, circolari piene e circolari cave) Si riportano, di seguito, alcuni

Dettagli

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO

SOMMARIO CITTA DI BIELLA DISSESTO STRADA DI CANTONE VINDOLO OPERE STRUTTURALI DI RIPRISTINO PROGETTO DEFINITIVO/ESECUTIVO RELAZIONE DI CALCOLO SOMMARIO 1 GENERALITA... 2 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 3 DATI GEOTECNICI E MATERIALI... 2 4 VERIFICHE... 2 5 Verifica a s.l.e. in combinazione rara (Vindolo_2_Rara.PRT)... 3 5.1 Modello Strutturale...

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

SOMMARIO 7.2 MURI A2... 26 7.3 MURI A3... 31 7.4 MURI A4... 35 7.5 MURI A5... 39

SOMMARIO 7.2 MURI A2... 26 7.3 MURI A3... 31 7.4 MURI A4... 35 7.5 MURI A5... 39 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5 3 CARATTERISTICHE DEI MATERIALI... 6 3.1 CALCESTRUZZO C32/40 PER MURI E CIABATTE DI FONDAZIONE IN C.A.... 6 3.2 ACCIAIO PER CEMENTO ARMATO (B450C)...

Dettagli

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue

Pali di fondazione. Portata dei pali. Scelta del tipo di palo. 8 Le fondazioni 8.3 Fondazioni continue 1 Pali di fondazione Si possono avere: a) pali in legno: oggi quasi totalmente abbandonati e impiegati solo per modeste costruzioni che trasmettono carichi limitati, per lo più in zone con abbondante legname,

Dettagli

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone -

TAV. 10 20 gennaio 2013. Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole - Val di Daone - PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA Parco Naturale Adamello Brenta Via Nazionale, 24 38080 Strembo TN Realizzazione di un percorso naturalistico sensoriale accessibile UN SENTIERO PER TUTTI in località Nudole

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Comune di Monte Santa Maria Tiberina

Comune di Monte Santa Maria Tiberina Studio Tecnico Amantini Ing. Matteo ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- COMUNE di MONTE SANTA MARIA TIBERINA

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno

RELAZIONE RISPOSTA A DOMANDA N. 2. Generalità. Fondazioni. Caratteristiche del terreno RISPOSTA A DOMANDA N. 2 RELAZIONE Generalità La presente relazione illustra gli aspetti geotecnici e delle fondazioni relativi alle strutture delle seguenti opere: EDIFICIO SERVIZI BUNKER PROTEXIMETRICO

Dettagli

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI

SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI SOMMARIO 1. VERIFICA DELLA PASSERELLA DI ACCESSO AL TEATRO - DESCRIZIONE DELL OPERA - NORMATIVA DI RIFERIMENTO - MATERIALI ADOTTATI 1.1 DIMENSIONAMENTO E VERIFICA DEGLI ELEMENTI STRUTTURALI travi secondarie

Dettagli

Normative di riferimento

Normative di riferimento Aztec Informatica CARL 9.0 Relazione di calcolo 1 RELAZIONE DI CALCOLO GEOTECNICO Normative di riferimento - Legge nr. 1086 del 05/11/1971. Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio,

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO

SP 10 Padana Inferiore Intervento urgente di ricostruzione del viadotto al km 7+400 PROVINCIA DI TORINO PROVINCIA DI TORINO INTERVENTO URGENTE DI RICOSTRUZIONE DEL VIADOTTO LUNGO LA S.P. 10 (EX S.R. 10) "PADANA INFERIORE" AL KM 7+400 RELAZIONE DI CALCOLO OPERE PROVVISIONALI R011A - Relazione di calcolo opere

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

esercizio e le verifiche di durabilità.

esercizio e le verifiche di durabilità. Normativa: aspetti generali e di dettaglio FONDAZIONI PER EDIFICI Le scelte progettuali per le opere di fondazione devono essere effettuate t contestualmente e congruentemente con quelle delle strutture

Dettagli

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S

VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S VARIANTE STRADALE EX ANAS EX S.S.460 LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLE FONDAZIONI SCALZATE ED ALLARGAMENTO DELLA SEDE STRADALE DEL PONTE DI CUORGNE' AL KM 30+300 PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE GEOTECNICA FONDAZIONI

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZION PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì OPERE DI SOSTEGNO I AGGIORNAMENTO 24/01/2015 OPERE DI SOSTEGNO Conoscenze Programma Abilità

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI

DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI SOMMARIO 2 GENERALITA 3 3 DESCRIZIONE DELLE FONDAZIONI 3 4 PERICOLOSITA SISMICA 4 5 CARATTERIZZAZIONE FISICO-MECCANICA DEL TERRENO 4 6 MODELLI GEOTECNICI DI SOTTOSUOLO 5 7 VERIFICHE DELLA SICUREZZA E DELLE

Dettagli

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1

1 RELAZIONE TECNICA GENERALE... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... 1 Sommario 1 RELAZIONE TECNICA GENERALE.... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO.... 1 1.4 METODO DI VERIFICA.... 1 2 RELAZIONE

Dettagli

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta

FONDAZIONI DIRETTE prof. Stefano Catasta La scelta ed il dimensionamento di una soluzione fondale di tipo diretto superficiale è legata oltre alle caratteristiche del terreno su cui sorgerà la costruzione anche dal tipo di soluzione strutturale

Dettagli

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie

PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie http://www.aztec.it/prodotto.aspx?cod=aztpac3d PAC 3D Modellatore per il calcolo 3D delle paratie Il calcolo delle paratie viene generalmente condotto nell ipotesi di deformazione piana, supponendo che

Dettagli

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO

MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano. piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO MILANOSPORT S.P.A. CENTRO SPORTIVO SAINI Viale Corelli, 136 20134 Milano piscina 50 m NUOVA DISTRIBUZIONE IDRAULICA PROGETTO ESECUTIVO DIRETTORE TECNICO ARCH. STEFANO PEDULLA R4M engineering ELABORATO

Dettagli

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO

DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO DIMENSIONAMENTO DI UN PILASTRO Si dimensioni un pilastro nelle tre diverse tecnologie: legno, acciaio e cemento armato. Osservando una generica pianta di carpenteria, il pilastro centrale sarà quello maggiormente

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m

0.00 m. 1,75 m. ghiaiosa); γ 3 = 14,5 kn/m 3 c = 0 kpa ϕ = 35. 10.00 m. 21.75 m ESERCITAZIONE n. 5 Carico limite di un palo trivellato Si calcoli, con le formule statiche, il carico limite di un palo trivellato del diametro di 0,4 m e della lunghezza di 11 m, realizzato in un sito

Dettagli

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato

Progetto di un muro di sostegno in cemento armato ITG Cassino Corso di costruzioni prof. Giovanni Di Lillo Per il progetto dei due muri si sceglie la tipologia in cemento armato per il muro con altezza di 5.00 m, mentre il muro con altezza di.50 m sarà

Dettagli

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN)

ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAVE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) ANALISI STRUTTURALE DELLA TRAE PORTA-PARANCO IN ACCIAIO (sala C LNGS - INFN) SALA C SALA A SALA B Ing. FRANCESCO POTENZA Ing. UBERTO DI SABATINO 1 1. PREESSA La presente relazione illustra i risultati

Dettagli

SOMMARIO 1. PREMESSA 1 2. CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI 1 3. FONDAZIONI 2 4. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 5 5. IPOTESI DI CARICO 6 6.

SOMMARIO 1. PREMESSA 1 2. CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI 1 3. FONDAZIONI 2 4. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 5 5. IPOTESI DI CARICO 6 6. SOMMARIO 1. PREMESSA 1 2. CARATTERISTICHE MECCANICHE DEI MATERIALI 1 3. FONDAZIONI 2 4. NORMATIVA DI RIFERIMENTO 5 5. IPOTESI DI CARICO 6 6. TIPOLOGIA DI PRODUZIONE 6 7. MODALITA DI POSA IN OPERA 7 8.

Dettagli

Fondazioni a platea e su cordolo

Fondazioni a platea e su cordolo Fondazioni a platea e su cordolo Fondazione a platea massiccia Una volta normalmente impiegata per svariate tipologie di edifici, oggi la fondazione a platea massiccia viene quasi esclusivamente adottata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROGETTISTI: RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO:

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PROGETTISTI: RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Giunta Regionale Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della costa Servizio Tecnico di Bacino Romagna (Cesena, Forlì, Ravenna, Rimini) Sede di Rimini DI PRONTO INTERVENTO D.Lgs. 1010/48 PI11101

Dettagli

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO

COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI RIMINI - DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E MOBILITA URBANA - PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO SISMICO DELL EDIFICIO SCOLASTICO DENOMINATO SCUOLA ELEMENTARE GIANNI RODARI (VIA QUAGLIATI

Dettagli

1. Normative di riferimento

1. Normative di riferimento INDICE 1. Normative di riferimento... 2 2. Calcolo della spinta sul muro... 3 3. Verifica a ribaltamento... 4 4. Verifica a scorrimento... 4 5. Verifica al carico limite... 5 6. Verifica alla stabilità

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili

Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Istituto Tecnico per Geometri Corso di Costruzioni Edili Prof. Giacomo Sacco LEZIONI SUL CEMENTO ARMATO Sforzo normale, Flessione e taglio CONCETTI FONDAMENTALI Il calcestruzzo ha una bassa resistenza

Dettagli

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7.

Si può fare riferimento al modulo di reazione K r dato dal rapporto tra pressione e cedimento corrispondente: K r = p/s (kn/m 3 ) (7. 124 7 Indagini e prove in situ 88-08-07273-8 contrasto manometro martinetto idraulico micrometro piastre sostegno del micrometro FIGURA 7.19 pressione unitaria a) cedimento il controllo della deformabilità

Dettagli

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto.

GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. GENERALITÀ La presente relazione sulle fondazioni riguarda il progetto Riqualificazione della scuola media C. Colombo in Taranto. Il progetto prevede: la realizzazione di un nuovo intervento strutturale:

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA

PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI QUARRATA Realizzazione nuova passerella ciclo pedonale sul fosso quadrelli in corrispondenza del ponte sulla S.P. N. 6 Quarrata/Ponte alla trave. SOMMARIO RELAZIONE DI CALCOLO

Dettagli

RELAZIONE STRUTTURALE

RELAZIONE STRUTTURALE RELAZIONE STRUTTURALE DESCRIZIONE DELL OPERA. Si prevede di realizzare una passerella pedonale in acciaio per l accesso secondario alla grotta. La struttura è costituita da due travi parallele in acciaio

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

SETTI O PARETI IN C.A.

SETTI O PARETI IN C.A. SETTI O PARETI IN C.A. Parete Pareti accoppiate SETTI O PARETI IN C.A. Na 20% Fh i i h i Na/M tot >=0.2 SETTI O PARETI IN C.A. IL FATTORE DI STRUTTURA VERIFICHE SETTI O PARETI IN C.A. SOLLECITAZIONI -FLESSIONE

Dettagli

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM

REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM REALIZZAZIONE DI OPERE IN CEMENTO ARMATO CON TUBI IN GFRP TIPO ROCKWORM 1 1. Premessa La presente relazione ha per oggetto lo studio delle strutture in cemento armato in cui il rinforzo interno, anzichè

Dettagli

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE

RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE CALCOLI STATICI PALO DI ILLUMINAZIONE 1 DESCRIZIONE GENERALE DELL OPERA Le verifiche di seguito riportate riguardano un palo a sbraccio in acciaio di sezione tubolare variabile, di altezza complessiva,

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a:

(IMP) FOGNATURA. e poiché in base alla seconda relazione di Bazin: dato che: si ha che: nel caso di pendenza i = 1% = 0,01 si riduce a: (IMP) FOGNATURA Il tubo PE a.d. è particolarmente indicato per la realizzazione di impianti di scarico in edifici civili ed industriali, oppure in terreni particolarmente instabili dove altri materiali

Dettagli

Combinazione dei carichi

Combinazione dei carichi Combinazione dei carichi Un passo fondamentale del progetto di un opera civile è sicuramente l analisi delle forze agenti su essa che sono necessarie per l individuazione delle corrette sollecitazioni

Dettagli

7 CAPITOLO 7. PONTE IN CA

7 CAPITOLO 7. PONTE IN CA Capitolo 7. Ponte in CA 199 7 CAPITOLO 7. PONTE IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista nella compilazione del SI-ERC per il caso di un ponte in cemento armato. 7.1 DESCRIZIONE

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m

1.800x0,01x(0,33+0,16)= - Sovraccarico accidentale di 400 kg/mq 400x0,33 132,00 kg/m Premessa La scala si sviluppa in una gabbia, di forma rettangolare, formata da quattro pilastri posti agli spigoli e travi lungo i quattro lati. Viene realizzata secondo la tipologia di trave a ginocchio

Dettagli

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI

TECNICA DELLE COSTRUZIONI: PROGETTO DI STRUTTURE LE FONDAZIONI LE FONDAZIONI Generalità sulle fondazioni Fondazioni dirette Plinti isolati Trave rovescia Esecutivi di strutture di fondazione Generalità Le opere di fondazione hanno il compito di trasferire le sollecitazioni

Dettagli

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V

STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO - V AGGIORNAMENTO 22/09/2012 DOMINIO DI RESISTENZA Prendiamo in considerazione la trave rettangolare

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. NORMATIVA... 8 3. MATERIALI... 8 4. DEFINIZIONE DEI CARICHI... 9 5. CRITERI DI VERIFICA... 9 R4M engineering INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. CHIUSURA DEL FORO SCALA A CHIOCCIOLA ESISTENTE... 4 1.2. CHIUSURA CAVEDI IMPIANTISTICI ESISTENTI... 5 1.3. AMPLIAMENTO DELLA VASCA... 6 1.4. ORDITURA PORTANTE

Dettagli

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE...

SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... INDICE GENERALE PREMESSA... 1 OGGETTO... 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE... 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI... 2.2 STATI LIMITE... 2.2.1 Stati Limite Ultimi (SLU)... 2.2.2 Stati Limite di Esercizio (SLE)...

Dettagli

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania

Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE. Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Lezione PONTI E GRANDI STRUTTURE Prof. Pier Paolo Rossi Università degli Studi di Catania Azioni variabili da traffico Azioni sugli impalcati Azioni variabili da traffico I carichi variabili da traffico

Dettagli

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml.

CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC 2,00 X 2,00 ml. CALCOLO DI STRUTTURA PER PALCO ARENA-CLASSIC,00 X,00 ml. SIXTEMA S.r.l. Loc. Mezzano Passone, 11 6846 Corno Giovine (LO) Italy tel-fax +39 0377 69370 r.a. info@sixtema-line.com sixtema-line.com 1) PREMESSE:

Dettagli

VERIFICHE DI STABILITA DI UN PENDIO

VERIFICHE DI STABILITA DI UN PENDIO VERIFICHE DI STABILITA DI UN PENDIO 52 Secondo le NTC 2008, il livello di sicurezza di un versante è espresso, in generale, come rapporto tra resistenza al taglio disponibile, presa con il suo valore caratteristico

Dettagli

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI

FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI FONDAZIONI SU PALI TRIVELLATI 1.0 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DEI PALI Il dimensionamento dei pali viene eseguito tenendo conto dei criteri appresso riportati. a) Inizialmente vengono determinati i carichi

Dettagli

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO

DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO PREMESSA DELLO STUDIO ESEGUITO L edificio oggetto d intervento (fig.1) è situato nel Comune di Vittoria in Provincia di Ragusa. Si tratta di un edificio esistente con struttura portante mista, telai in

Dettagli

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2

STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 STRUTTURE MISTE ACCIAIO-CLS Lezione 2 I SISTEMI DI CONNESSIONE Tipologie di connettori Calcolo della sollecitazione nei connettori Connettori a totale ripristino di resistenza Connettori a parziale ripristino

Dettagli

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio

COPERTINA. Prototipo di Relazione geotecnica di esempio COPERTINA Prototipo di Relazione geotecnica di esempio GENERALITA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI (NTC 2008 CAP. 6 e CIRCOLARE 617/2009 punto C6.2.2.5) OGGETTO COMUNE: Progetto di una struttura in

Dettagli

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria.

Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. Politecnico di Torino Calcolo di edificio con struttura prefabbricata situato in zona sismica di I categoria. III parte Pag. 1 Le componenti dell azione sismica devono essere considerate come agenti simultaneamente,

Dettagli

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio

Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio Verifica di sicurezza di un capannone industriale in acciaio 1 Elementi strutturali Travi principali reticolari (capriate); travi secondarie (arcarecci); pilastri; controventi di falda; controventi longitudinali

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE SULLE CARATTERISTICHE DEI MATERIALI IMPIEGATI INDICE INDICE INDICE... 1 1. Conglomerati cementizi... 2 1.1 Conglomerato cementizio magro... 2 1.2 Conglomerato cementizio per strutture di fondazione... 2 1.3 Conglomerato cementizio per strutture in elevazione...

Dettagli

ALLEGATO N.9 Portanza e cedimenti - valutazioni preliminari

ALLEGATO N.9 Portanza e cedimenti - valutazioni preliminari ALLEGATO N.9 Portanza e cedimenti - valutazioni preliminari DATI GENERALI Azione sismica NTC 2008 Lat./ Long. [WGS84] 43,618868/10,642293 Larghezza fondazione 1,2 m Lunghezza fondazione 10,0 m Profondità

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA

EDIFICI IN MURATURA ORDINARIA, ARMATA O MISTA Edifici in muratura portante 2 1 Cosa è ANDILWall? ANDILWall è un software di analisi strutturale che utilizza il motore di calcolo SAM II, sviluppato presso l Università degli Studi di Pavia e presso

Dettagli

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE

TRAVI SU SUOLO ALLA WINKLER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Università degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica TRAVI SU SUOO AA WINKER, INTERAZIONE TERRENO-FONDAZIONE Prof.. Cavaleri Ing. F. Di Trapani TRAVI

Dettagli

Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici ed Infrastrutture Via Crispi 33-88100 CATANZARO

Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici ed Infrastrutture Via Crispi 33-88100 CATANZARO UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA Regione Calabria Dipartimento n.9 Lavori Pubblici ed Infrastrutture Via Crispi 33-88100 CATANZARO SPECIFICHE SISTEMA SIERC POR Calabria FESR 2007-2013.

Dettagli

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato

La nuova normativa sismica. Edifici in cemento armato La nuova normativa sismica Ordinanza 3274 del 20 marzo 2003 e 3431 del 3 maggio 2005 Edifici in cemento armato Prof. Ing. Gennaro Magliulo Conglomerato: Caratteristiche dei materiali Rbk > = 25 Mpa (250

Dettagli

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture.

Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. CONSOLIDAMENTI Il Consolidamento è la tecnica ingegneristica finalizzata alla stabilizzazione e rinforzo dei terreni e delle fondazioni delle strutture. Essa non può prescindere dai risultati di un accurata

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

Relazione geotecnica

Relazione geotecnica COMUNE DI CORTONA (Provincia di Arezzo) APPROVVIGIONAMENTO IDRICO DELL INVASO DI MONTEDOGLIO SCHEMA IDRAULICO DI CORTONA COSTRUZIONE DELL IMPIANTO DI POTABILIZZAZIONE DI CORTONA PROGETTO DEFINITIVO Sommario

Dettagli

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA

SOLETTA SU LAMIERA GRECATA SOLETTA SU LAMIERA GRECATA (Revisione 3-01-006) Fig. 1 I solai composti in acciaio-calcestruzzo sono costituiti da una lamiera grecata di acciaio su cui viene eseguito un getto di calcestruzzo normale

Dettagli

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza)

COMUNE DI VIGGIANO. (Provincia di Potenza) COMUNE DI VIGGIANO (Provincia di Potenza) PALESTRA COMUNALE PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI 1 RELAZIONE GEOTECNICA E SULLE FONDAZIONI Dalla relazione geologica redatta dallo

Dettagli

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL

TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL 1 2 TEST DI VALIDAZIONE DEL SOFTWARE VEM NL Confronto dei risultati tra il software VEM NL el il metodo SAM proposto dall Unità di Ricerca dell Università di Pavia. Stacec s.r.l. Software e servizi per

Dettagli