Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana del XVII secolo: gli obelischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana del XVII secolo: gli obelischi"

Transcript

1 Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana del XVII secolo: gli obelischi Ormai da alcuni anni ho avviato una ricerca volta a rintracciare quanto sopravviva dell antico Egitto nelle medaglie italiane, e questo a partire dagli esemplari conservati presso il Museo Civico Archeologico di Bologna 1. I risultati della prima fase d indagine, dedicata alla medaglistica italiana dei secoli XV e XVI, sono stati resi noti in una pubblicazione recente 2, alla quale si rimanda per gli approfondimenti del caso. Pur non volendo soffermarmi su un periodo già trattato, è comunque opportuno ricordare che, dalla seconda metà del XVI secolo, l Egitto simbolico e mitico concepito dal neoplatonismo di età rinascimentale ha un termine di paragone sempre più forte nell Egitto reale delle testimonianze archeologiche. Piccoli oggetti provenienti da aree sepolcrali, facili da trasportare e da rivendere sul mercato antiquario, iniziano a diffondersi per l Europa assieme alle mummie o alla polvere di mummia. Durante i lavori di riassetto urbanistico del tempo, inoltre, i monumenti egiziani presenti nelle città italiane sin dall antichità riemergono dal sottosuolo nella loro imponenza e originalità, suscitando un rinnovato interesse nei confronti del loro esotico paese d origine. Il confronto con il passato faraonico diventa un esigenza di lì a breve, quando la Riforma muove potenti accuse di risorto paganesimo al neoplatonismo e alla Chiesa Romana. La frequentazione del mondo pagano, inteso quale prefigurazione dell esperienza cristiana, deve essere riveduta e sostituita da una dichiarata ostilità nei suoi confronti. Il cambiamento è evidente anche nelle trasformazioni della Roma di Sisto V ( ; papa dal 24 aprile 1585), che razionalizza urbanisticamente la capitale per renderla il centro del mondo cattolico 3. Alcuni dei monumenti più rappresentativi del culto antico per gli idoli pagani, e in particolare quattro obelischi egiziani, sono allora riscattati alla cristianità come simboli di una nuova fase culturale, che non riesce e non sempre vuole cancellare la tradizione neoplatonica e la sua grandiosa lettura del passato. Dopo l innalzamento del primo monolite in Piazza San Pietro nel 1586, sono eretti l obelisco Laterano, l Esquilino, il Flaminio; ogni volta, una o più medaglie papali celebrano la riuscita dell impresa, perché porre un obelisco davanti a una basilica significa innalzare la Croce a trofeo della guerra vinta sul paganesimo dalla religione trionfante 4. Il XVII secolo eredita questa particolare abitudine architettonica, ormai cara ai pontefici, arricchendo il significato simbolico attribuito agli obelischi da Sisto V di ulteriori sfaccettature. In primo luogo, cambiano la cura estetica e l attenzione architettonica con cui si erigono alcuni nuovi monoliti o si ridisegnano e si arricchiscono gli spazi cittadini dei quali essi costituiscono il fulcro ideale. Anche in questo modo l insorgere e il diffondersi del gusto barocco, il cui centro di fioritura è Roma, manifesta il mutato spirito della Chiesa Romana. Dopo l austerità fine-cinquecentesca di vita, di atteggiamenti e di pratiche, che doveva scagionarla dalle accuse di rilassatezza nei costumi e quasi di degenerazione pagana, infatti, la Chiesa stempera ora il proprio rigore recuperando l orgoglio dell essere e del voler essere caput mundi, nella vita come nell arte. 1. Le medaglie appartenenti al Museo utili all indagine sul XVII secolo sono 45 e, con poche eccezioni, esauriscono l intero ambito di ricerca. In merito al Medagliere di Bologna cfr. Morigi Govi, C.: Il medagliere del Museo Civico Archeologico di Bologna. Storia della sua formazione, Dep. di Storia Patria di Bologna, XXXVI, 1986, pp ; Giovetti, P.: La catalogazione elettronica delle collezioni numismatiche del Museo Civico Archeologico di Bologna, RIN, CI, 2000, pp Picchi, D.: Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana di XV e XVI secolo, Proceedings of the 3 RD International Numismatic Congress in Croatia (October 11 th -14 th, 2001), Pula, 2002, pp Il pontefice, aiutato dall architetto Domenico Fontana, apre nuove strade che collegano luoghi preminenti del tessuto cittadino (piazze, chiese, monumenti), creando così un sistema centralizzato, esteso e in movimento a immagine dell universo copernicano. 4. Cfr. Mercati, M.: Gli obelischi di Roma (a cura di Cantelli, G.), Bologna, 1981, pp

2 Un protagonista del conseguente risveglio artistico e architettonico, che la medaglistica documenta, è Gian Lorenzo Bernini ( ), personalità fondamentale nel determinare l aspetto di Piazza Navona, che viene contornata all epoca da nuovi edifici e arricchita da tre fontane dalle quali sgorga l Acqua Vergine 5. Per ordine di Innocenzo X ( ; papa dal 6 agosto 1644) è innalzata al centro della piazza una fontana monumentale, detta dei Quattro Fiumi, che Bernini inizia nel 1648, completandola nel La fontana, una rappresentazione allegorica del ruolo pacificatore del papa sul mondo, i cui quattro continenti sono rappresentati dalle personificazioni di quattro grandi fiumi (Nilo, Gange, Danubio e Rio della Plata), ha come elemento centrale un obelisco di età domizianea (81-96 d.c.) 6, che il gesuita Athanasius Kircher ( ) studia in un opera specifica dal titolo Athanasii Kircheri e Societate Iesu obeliscus Pamphilius (Roma, 1650). Per comprendere meglio cosa pensi Kircher dell obelisco in sé, opinione che influenzerà l interpretazione di tali antichità per tutto il XVII secolo, basti la lettura del seguente passo: Dicimus per pyramidem seu obeliscum Aegyptios rerum naturam repraesentare voluisse sicut enim pyramis a summo fastigio velut a puncto incipiens per lineas in superficies et corpus abiens paulatim in omnes partes dilatatur, sic rerum omnium natura ab unico principio et fonte qui dividi nequit, nempe a Deo summo opifice profecta, varia deinceps formas suscipit ac in varia genera atque species diffunditur omniaque apici illi et puncto a quo omnia manant et profluunt, coniungit, quo sane optime repraesentari videtur primigenia illa mundi origo 7. In aggiunta a queste valenze cinquecentesche che Kircher fa proprie, l obelisco della fontana acquisisce i significati impliciti nella colomba con il ramoscello d ulivo che ne domina la sommità come potente emblema della pace ma, soprattutto, del casato Pamphili 8. Le correzioni apportate dal papa a uno dei testi composti dal gesuita per il basamento dell obelisco lo dimostrano, dato che nella redazione definitiva dell iscrizione destinata al lato meridionale la innocens columba, solo allusiva alle insegne di Innocenzo X, è seguita su sua richiesta dall espressione ben più forte obeliscum pro tropheo sibi statuens / Romae triumphat 9. La grandiosità dell impresa architettonica, il prestigio della famiglia Pamphili, il cui palazzo si affaccia proprio sulla piazza, e la vocazione pubblica che l area riacquista dal XVII secolo 10, sono commemorate da alcune medaglie di Gaspare Morone ( ). La prima, databile al quinto anno di Innocenzo X ed emessa in pochi esemplari per essere posta sotto l obelisco, ha al dritto il busto a destra del pontefice, a testa nuda e con piviale ornato da una processione, e la leggenda INNOCENTIVS.X.PON.MAX., completata sotto il busto da AN.V. e GM. ; al rovescio, reca una veduta prospettica di Piazza Navona con la fontana al centro, in primo piano, e la leggenda ABLVTO AQVA - VIRGINE, sopra, e AGONALIVM CRVORE., sotto (figg. 1-2) 11. All anno successivo appartiene una medaglia, di modulo identico e dallo stesso rovescio, che ha al dritto il busto del papa a destra, con tiara e piviale ornato dalla Vergine, e la leggenda INNOCEN..X.PON.MAX. A.VI., completata da.gm. sotto il taglio spalla 12. Seguono altre due medaglie dallo stesso rovescio, ma diverse per l immagine del dritto e per la circostanza di emissione: la prima, una coniazione non ufficiale, risale al settimo anno di Innocenzo X, ha il busto del papa a destra, con tiara e piviale ornato dall Arcangelo, e la leggenda INNOCEN.X - PONT.MAX.A.VII. con le iniziali dell incisore,.gm., sul taglio spalla 13 ; la seconda, invece, è la medaglia annuale dell ottavo anno, emessa per la fine lavori, recante il busto del papa a sinistra, con camauro e mozzetta, e la leggenda INNOCENTIVS. 5. L acquedotto dell Acqua Vergine, voluto da Agrippa per rifornire le sue terme nel Campo Marzio, alimenta ancora oggi la fontana dei Quattro Fiumi a Piazza Navona. 6. L obelisco Agonale, alto più di 16 metri e recante un iscrizione in caratteri geroglifici in onore di Domiziano, ritorna così nel luogo dove era stato eretto in età imperiale romana, e cioè nell area occupata allora dal Circo Domizianeo. 7. Kircher, A.: Athanasii Kircheri e Societate Iesu obeliscus Pamphilius, II, Roma, 1650, pp Cfr. Donadoni, S.: L Egitto dell Età Barocca, L Egitto dal mito all Egittologia, Milano, 1990, pp ; Marrone, C.: I geroglifici fantastici di Athanasius Kircher, Viterbo, 2002, pp Lo stemma Pamphili, infatti, reca la colomba con un ramoscello d ulivo nel becco. 9. Cfr. Cipriani, G.: Gli obelischi egizi. Politica e cultura nella Roma Barocca, Firenze, 1993, pp All epoca di Cesare e di Augusto vi sorgeva un recinto per i Ludi Ginnici, mentre al tempo di Nerone un anfiteatro per i Ludi Quinquennali. La forma allungata della piazza, invece, deriva dallo Stadio di Domiziano che occupò la stessa area dall anno 86 d.c. L antica tradizione ludica del luogo riprende vigore nel 1652 grazie a Innocenzo X, quando diventa un abitudine allagare la piazza nel mese di agosto per svolgervi feste e manifestazioni varie. 11. MCAB, n. 7540, Salina, AE-coniazione, Ø 39. Cfr. MCAB, n. 1907, Incerta, AE-coniazione, Ø 39,5; n. 2128, Palagi (?), AEconiazione, Ø 40; n. 3438, Universitaria, AE-coniazione con appiccagnoli, Ø 39,5; n. 6210, Salina, AE-coniazione, Ø 40. Bartolotti, F.: La medaglia annuale dei romani pontefici da Paolo V a Paolo VI, , Roma, 1967, p. 53, nota; Miselli, W.: Il papato dal 1605 al 1669 attraverso le medaglie, Milano, 2003, n Cfr. MCAB, n. 6214, Salina, AE-coniazione, Ø 39,5; n. 6215, Salina, AR-coniazione, Ø 38. Bartolotti, F.: op.cit., p. 53, la considera coniazione non ufficiale; Miselli, op.cit., n. 437 e var. n. 438 non attestata a Bologna. 13. Cfr. MCAB, n. 6224, Salina, Ø 39,5; n. 1400, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, Ø 39. n. 3451, Università, AE-coniazione, Ø 39. Bartolotti, F.: op.cit., p. 53, nota; Miselli, op.cit., n

3 SUGGESTIONI CULTURALI E SOPRAVVIVENZE ICONOGRAFICHE DELL ANTICO EGITTO NELLA MEDAGLISTICA ITALIANA DEL XVII SECOLO X.PONT.MAX., seguita da.an.viii.gm. sotto il taglio del busto (figg. 3-4) 14. Sempre a Bernini e a Morone si legano alcune medaglie che, celebrando la costruzione del colonnato di San Pietro voluto da Alessandro VII ( ; papa dal 7 aprile 1655), esaltano indirettamente il ruolo dell obelisco vaticano quale fulcro spaziale e simbolico della Chiesa Romana. Nel 1656 il papa incarica Bernini della progettazione di un porticato per arricchire, circoscrivendolo, il piazzale antistante la basilica del Santo. Il progetto, al quale collabora lo stesso pontefice, è modificato più volte prima di essere finito nel marzo Bernini, attento agli effetti di percezione visiva e in grado di dominare le leggi della prospettiva ottica, concepisce un colonnato quasi ellittico, che abbraccia la piazza senza chiuderla e senza sovrapporsi agli edifici esistenti. La scelta strategica di unire questo spazio alla facciata della chiesa tramite due ulteriori ali di colonnato, avvicina apparentemente ancora di più la basilica alla piazza e all obelisco, che funge da asse prospettico. Il 28 agosto 1657 sono deposte a fondazione della struttura alcuni esemplari di una medaglia disegnata e modellata in cera da Bernini, e poi fusa da Morone. La medaglia (figg. 5-6) 15, datata 1657, ha al dritto il busto a destra di Alessandro VII, con camauro e mozzetta, e la leggenda VATICANI.TEMPLI.AREA.PORTICIBVS.ORNATA., completata da ALEX.VII.P.M. in un cartiglio sotto il taglio del busto; sul rovescio sono invece raffigurati, in visione prospettica e dall alto, piazza San Pietro con il nuovo colonnato, un unica fontana in asse centrale con l obelisco, e, sullo sfondo, la basilica 16. La leggenda FVNDAMENTA.EIVS. / IN.MONTIBVS.SANCTIS (Vulgata, Salmo 86, 1), inserita in un cartiglio a rotolo di pergamena che prosegue idealmente l andamento del colonnato, è attribuibile al latinista Lukas Holsten ( ), bibliotecario vaticano dal Un autografo di Alessandro VII, con allegato un suo schizzo del colonnato, infatti, attesta l affidamento d incarico al canonico, oltre a descrivere le successive fasi di lavoro a cura di Bernini 17. Mentre la fusione di questa medaglia è attribuibile a Morone, le cui iniziali compaiono al dritto, sul taglio del busto dopo la data 18, non è certo a chi debba essere attribuita un altra medaglia senza firma e senza contorno perlinato, che ha un rovescio identico a questa, ma un dritto diverso nella scritta e nella forma del cartiglio, così come nel busto del papa, un poco più grande e stilisticamente migliore (figg. 7-8) 19 ; un ipotesi allettante potrebbe essere quella di attribuirla proprio a Bernini 20. Dieci anni dopo, conclusi i lavori, nuove medaglie celebrano la grandiosa trasformazione architettonica che ha modificato l approccio visivo con la chiesa più importante della Cristianità 21. Due medaglie, attribuibili a Gaspare Morone e datate al 1667, hanno al dritto il busto di Alessandro VII a sinistra, con tiara e piviale ornato dalle insegne Chigi, e la leggenda ALEXAN.VII.PONT - MAX.A.XII.. Al rovescio sono identiche nella raffigurazione prospettica e dall alto della basilica vaticana con il colonnato, l obelisco e le due fontane del progetto finale, mentre si differenziano per le leggende, che sono comunque le stesse delle medaglie di fondazione: in un caso FVNDAMENTA EIVS / IN MONTIBVS / SANCTIS è all esergo (figg. 9-10) 22 ; nell altro, FVNDA- MENTA EIVS IN MONTIBVS SANCTIS è disposta in circolo nel campo, mentre in esergo compare VATICANI TEMPLI / AREA PORTICIBVS / ORNATA (fig. 11) MCAB, n. 6238, Salina, AR-coniazione, Ø 38,5. Cfr. MCAB, n. 6237, Salina, AR-coniazione, Ø 37,5. Bartolotti, F.: op. cit., E 652; Miselli, op.cit., n. 469 e il riconio anacronistico n. 481, non attestato a Bologna, come la medaglia fusa dell ottavo anno che reca al dritto il papa a destra, con tiara e piviale, e la sola fontana al rovescio (n. 470). È inoltre opportuno citare un altra medaglia non esistente a Bologna, dell undicesimo anno dello stesso pontefice, che celebra l innalzamento dell obelisco di Piazza della Minerva sopra l elefantino ispirato a un immagine dell Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna (n. 629). 15. MCAB, n. 6263, Salina, Ø 76,5. Cfr. MCAB, n. 175, Crescimbeni, AE-fusione, Ø 74. Parise, R.: L ideologia della Controriforma nelle medaglie del 600 e 700, Se non v è denar, l Arcadia è presto terminata. Simbolismo nelle monete e nelle medaglie tra Controriforma e Secolo dei Lumi, Padova, 1997, n. 148; Miselli, op.cit., nn e cfr. anche n Esiste un altra medaglia detta di fondazione, che reca al dritto il busto del papa a sinistra e una diversa forma del cartiglio, mentre al rovescio la veduta prospettica e dall alto della piazza, con al centro l obelisco e di lato le due fontane del progetto finale. Varriano, J.: Alexander VII, Bernini and the Baroque Papal Medal, Italian Medals, Washington, 1987, p. 256, fig. 14; Vannel, F. e Toderi, G.: Medaglie e placchette del Museo Bardini di Firenze, Firenze, 1998, n. 92; Miselli, op.cit., n Biblioteca Apostolica Vaticana, Chigi R VIII c, fig.11; Morello, G.: Documenti berniniani nella Biblioteca Apostolica Vaticana, Bernini in Vaticano, Roma, 1981, p Sul taglio del busto, quindi, compare:.1657.g M MCAB, n. 3538, Università, Ø 71,5. Cfr. MCAB, n. 2142, Palagi (?), Ø 70,5; Miselli, op.cit., n Vannel, F. e Toderi, G.: La medaglia barocca in Toscana, Firenze, pp ; Idem (1998), op. cit., n Va menzionata anche una medaglia annuale del settimo anno di Alessandro VII, mancante nelle collezioni bolognesi, che, prima di queste, celebra la fase più viva dei lavori. Bartolotti, F.: op. cit., E. 661a; Vannel, F. e Toderi, G.: op. cit. (1998), n. 81; Miselli, op. cit., n MCAB, n. 1438, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 42. Cfr. MCAB, n. 3529, Università, AE-coniazione, ø 42; n. 6317, Salina, AEconiazione, ø 42,5; n. 6318, Salina, AE-coniazione, ø 40. Va segnalato un ibrido (MCAB, n. 6325, Salina, AE dorato-coniazione, ø 41,5), costituito dai rovesci di questa medaglia e di quella per la costruzione della cattedra di San Pietro; cfr. Vannel, F. e Toderi, G.: op. cit. (1998), n. 82; Miselli, op.cit., n MCAB, n. 2141, Palagi (?), AE-coniazione, ø 41. Cfr. MCAB, n. 1439, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 40; n. 2140, Palagi (?), AE-coniazione, ø 41; n. 3530, Università, AE-coniazione, ø 40,5; n. 6315, Salina, AE-fusione, ø 40,5; n. 6316, Salina, AE-coniazione, ø 40,5; Miselli, op.cit., n. 636 e cfr. anche n

4 Sempre durante il pontificato di Alessandro VII, un secondo obelisco di quelli innalzati da Sisto V, il Flaminio, diventa punto focale e prospettico privilegiato nella riconsiderazione spaziale e architettonica di un altra importante piazza romana. Nel 1658 il papa incarica Carlo Rainaldi ( ) di costruire due chiese in Piazza del Popolo, Santa Maria di Montesanto e Santa Maria dei Miracoli. La fabbrica della prima inizia nel 1662 e, per l occasione, è creata una medaglia (figg ) 24 che ha al dritto il busto del papa a sinistra, con tiara e piviale, e la leggenda ALEX.VII.PONT.-MAX.A.VIII ; al rovescio, in primo piano e al centro, l obelisco Flaminio funge da asse simmetrico per le due chiese gemelle. La leggenda nel campo, SAPIENTIA IN PLATEIS DAT VOCEM SVAM (Proverbi, I, 20), rimarca il significato religioso che si attribuisce all impresa, mentre la data in esergo, MDCLXII., ripete in caratteri romani l anno espresso in cifre arabe al dritto, sotto il busto di Alessandro VII. A questa medaglia, attribuita a Gioacchino Francesco Travani, ma caratterizzata da un pittoricismo berniniano, ne va associata una seconda, di modulo poco inferiore e con la leggenda in esergo EQ:CAROLVS RAINALDVS / INVENTOR, che celebra la fondazione di Santa Maria di Montesanto tramandando il nome del suo primo architetto (fig. 14) 25, poi sostituito nel prosieguo dei lavori da Bernini e da Carlo Fontana. Per completare questo filone tematico, è opportuno menzionare una medaglia fusa (fig. 15) 26, emessa nel secondo anno di Innocenzo XII ( ; papa dal 12 luglio 1691), quando il Palazzo di San Giovanni in Laterano è trasformato in ospizio per i poveri. La medaglia ha al dritto il busto del papa a destra, con camauro, mozzetta e stola, e la leggenda INNOCENTIVS.XII.PONT. OPTIM.MAXIM, completata da.an:ii., sotto il taglio del busto. Il suo rovescio reca ancora una volta un obelisco, il Laterano, che spicca nell insieme compositivo per la posizione centrale e il forte rilievo, elementi utili a ricucire la prospettiva delle due strutture architettoniche raffigurate sullo sfondo della piazza, il palazzo e la chiesa di San Giovanni, molto diverse e asimmetriche tra loro. La leggenda EGENOS.VAGOSQVE. INDVC. / IN.DOMVM.TVAM (Isaia, 58.7), inserita in un cartiglio a nastro in alto, ricorda l iscrizione apposta sul palazzo per volontà di Sisto V al tempo della sua costruzione. Se in tutte le medaglie esaminate sino a ora l iconografia dell obelisco occupa una posizione centrale o assiale da un punto di vista compositivo, in due opere successive, la prima di Gaspare Morone e la seconda di Giovanni Hamerani ( ), perde tale collocazione per spostarsi lateralmente e mostrarsi solo in parte. Questo nuovo tipo di visione non sminuisce certo il suo significato simbolico, ormai tanto forte e intellegibile da essere sufficiente anche un solo accenno del monolite. La medaglia annuale di Morone (figg ) 27, che risale al secondo anno di Clemente IX ( ; papa dal 20 giugno 1667) e commemora il successo ottenuto dal papa quale pacificatore di Francia e Spagna e quale promotore della Pace di Aquisgrana (2 maggio 1668), ne è un bell esempio. Al dritto compare il busto del pontefice a sinistra con camauro, mozzetta e stola, e la leggenda CLEM.IX.PONT -.MAX.AN.II, mentre il rovescio, che ha in esergo PACE POPVLIS SVIS / A DOMINO / CONCESSA., è caratterizzato da un notevole senso del movimento e non è privo di originali simmetrie. Il punto di vista dal quale si osserva la processione con il papa in primo piano a sinistra, i vescovi, il clero e gli armati, diretti in doppia fila verso San Pietro, si trova all interno dell ala destra del colonnato vaticano. Benché la basilica sia quasi completamente celata, non esistono dubbi sulla sua identità grazie alla raffigurazione della parte sinistra del portico e dell obelisco che ne sono diventati potenti segni identificativi. La prospettiva ardita e la necessità, per coloro che avanzano in processione, di superare a destra il monolite consentono di ribadire il senso di solidità, di fermezza e di affidabilità della Chiesa Romana, riassunte iconicamente dall obelisco, creando allo stesso tempo un duplice colonnato umano, speculare nell andamento a quello architettonico. Anche Giovanni Hamerani affida a un obelisco appena visibile sul rovescio della prima medaglia annuale di Clemente XI ( ; papa dal 29 novembre 24. MCAB, n. 3518, Università, AE-fusione, ø 65,5. In Museo esiste una medaglia uniface dallo stesso rovescio (MCAB, n. 6303, Salina, AE-fusione, ø 65,5); Varriano, J.: Alexander VII, Bernini and the Baroque Papal Medal, Italian Medals, Washington, 1987, p. 259 e fig. 21; Miselli, op.cit., nn. 601 e var MCAB, n. 3519, Università, AE-fusione, ø 63,5; Miselli, op.cit., n MCAB, n. 3731, Università, AE dorato-fusione, ø 102,5. Cfr. MCAB, n. 6560, Salina, zinco-fusione, ø 103,5; n. 6561, Salina, AE-fusione, ø 101,5; n. 6562, Salina, AE dorato-fusione, ø 102,5. Vannel, F. e Toderi, G.: La medaglia barocca in Toscana, Firenze, 1987, p. 23, fig. 14; Miselli, W.: Il papato dal 1669 al 1700 attraverso le medaglie, Pavia, 2001, n MCAB, n. 1918, Incerta, AE-coniazione, ø 33. Cfr. MCAB, n. 1453, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 34; n. 3560, Università, AE-coniazione, ø 33; n. 6343, Salina, AE-coniazione, ø 33,5; n. 6344, Salina, AR-coniazione, ø 33,5. Bartolotti, F.: op. cit., E 668 (la medaglia è datata al 1668). 1740

5 SUGGESTIONI CULTURALI E SOPRAVVIVENZE ICONOGRAFICHE DELL ANTICO EGITTO NELLA MEDAGLISTICA ITALIANA DEL XVII SECOLO 1700) (figg ) 28 lo stesso significato di fermezza, che in questo caso lo Stato della Chiesa e il suo pontefice devono avere nei confronti della turbolenta situazione politica europea, prefiggendosi il difficile obbiettivo di tutelare una pace a rischio per la successione sul trono di Spagna di Filippo d Angiò a Carlo II. La medaglia, che ha al dritto il busto di Clemente XI a sinistra, con tiara e piviale ornato da San Paolo, e la leggenda CLEMENS.XI -.PONT.MAX.ANNO.I., reca al rovescio la Chiesa genuflessa a sinistra, con lo sguardo volto al triangolo dello Spirito Santo e la mano sinistra sulla tiara; subito dietro, una tripla croce è appoggiata al basamento, con stemma Albani, di un obelisco appena visibile. Nonostante gli sforzi di Clemente XI, testimoniati dalla leggenda bene augurante.fiat.pax.svper ISRAEL (Salmo 125, 5), la guerra dilaga molto presto, dal 1701 al 1724, portando devastazione in tutta Europa. Per comprendere appieno questa medaglia, è utile menzionarne un altra, databile al diciottesimo anno di Clemente XI e a firma di Ferdinand de Saint Urbain ( ) 29, che ribadisce lo stesso concetto. Infatti, al suo rovescio compaiono tre figure femminili, sedute attorno a un obelisco, di nuovo centrale: a sinistra la Religione o la Fede con la croce e il calice; al centro, la Fermezza con la destra appoggiata all obelisco; a destra, la Giustizia con scettro e bilancia. È la leggenda sopra di loro, ÆTERNA.FIRMITAS - ORBIS.ROMANI., a sottolineare la valenza semantica assunta dal monolite che, nello specifico, sembra riferirsi a una controversia tra il papa e Filippo V di Spagna per la nomina dell arcivescovo di Siviglia 30 ma che, più in generale, evoca le gravi preoccupazioni e le difficoltà affrontate proprio da Clemente XI dopo lo scoppio della guerra in Europa. L incidenza numerica degli obelischi nelle medaglie italiane diminuisce in maniera drastica durante il secolo successivo, in particolare nella seconda metà del XVIII secolo. Obelischi di vario tipo continueranno a essere utilizzati anche in età neoclassica per decorare fontane, giardini, scalinate, portali d ingresso e recinti, in molti casi privati, a Roma e altrove, ma saranno rappresentati su stampe, incisioni e pitture, solo di rado sulle medaglie, perché si attenua la loro importanza simbolica a favore di più generici significati decorativi e architettonici. Saranno altri i soggetti di ispirazione antico-egiziana prediletti dalla medaglistica, ma a questi si dedicherà un ulteriore capitolo della ricerca in corso. 28 MCAB, n. 3757, Università, AE dorato-coniazione, ø 31,5. Cfr. MCAB, n. 1545, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 32; n. 2554, Verzaglia-Rusconi, AE-coniazione, ø 32; n. 6608, Salina, AE dorato-coniazione, ø 31,5; n. 6609, Salina, AR-coniazione, ø 31,5. Bartolotti, F.: op. cit., E 701; Miselli, W.: Il Papato dal 1700 al 1730 attraverso le medaglie, Torino, 1997, n La medaglia non è conservata nel Medagliere di Bologna, che possiede invece quella per l abate Jean Paul Bignon ( ), sempre a firma di Ferdinand de Saint Urbain e dallo stesso rovescio (MCAB, n. 9643, Salina, AE-coniazione, ø 56). 30. Miselli, W.: Il Papato dal 1700 al 1730 attraverso le medaglie, Torino, 1997, n. 115 e n

6 1742

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA

PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA PONTIFICIA ACADEMIA PRO VITA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM NUOVO STATUTO DELLA FONDAZIONE VITAE MYSTERIUM Preambolo La Fondazione autonoma "Vitae Mysterium" è stata eretta canonicamente dall'em.mo Card. Angelo

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013

INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 INCONTRI NEOPROFESSI OSF - MONZA 19 OTTOBRE 2013 Interventi -------------------------------------------------------------------------------------------------------- FRANCESCO E LA CHIESA DEL SUO TEMPO

Dettagli

L ape nell arte di Bernini

L ape nell arte di Bernini di Renzo Barbattini e Giuseppe Bergamini L ape nell arte di Bernini Si deve al genio di Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 - Roma 1680), mirabile interprete della nuova concezione estetica barocca, la realizzazione

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace.

Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. Terra e Cibo: alcune riflessioni su un volume del Consiglio Pontificio Giustizia e Pace. 1. È stato pubblicato, di recente, dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace un volume, che reca il

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista

LEGGERE UN OPERA D ARTE. Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista LEGGERE UN OPERA D ARTE Come individuare gli indicatori di periodo storico, stile e artista Cos è un opera d arte Leggere un opera d arte 2 Leggere un opera d arte 3 Cos è un opera d arte In origine arte

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c

a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. RSB0002 a) 20. b) 18. c) 16. d) 22. c RSB0001 In quale/i dei disegni proposti l area tratteggiata é maggiore dell area lasciata invece bianca? a) Nel disegno contrassegnato con il numero uno. b) In nessuno dei due. c) Nel disegno contrassegnato

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Opera d Arte società cooperativa, è

Opera d Arte società cooperativa, è LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

MODI, TONALITA E SCALE

MODI, TONALITA E SCALE Teoria musicale - 2 MODI, TONALITA E SCALE MODO MAGGIORE E MODO MINORE Parafrasando il titolo di un celebre libro di Thomas Merton, No man is an island - Nessun uomo è un isola, mi piace affermare subito

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line

Università degli Studi Roma Tre. Prenotazione on-line Università degli Studi Roma Tre Prenotazione on-line Istruzioni per effettuare la prenotazione on-line degli appelli presenti sul Portale dello Studente Assistenza... 2 Accedi al Portale dello Studente...

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano

Guida al Campus. Aule, mappe e servizi. Sede di Milano Guida al Campus Aule, mappe e servizi Sede di Milano INDICE Elenco aule per attività didattiche 2 Elenco Istituti e Dipartimenti 7 Mappe delle Sedi universitarie del campus di Milano 8 Vista d insieme

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO rt MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO PAVIMENTI E RIVESTIMENTI, TAVOLI, SCALE, PROGETTI. FORNITURA MARMI E PIETRE PER ABITAZIONI, HOTEL, EDILIZIA. Art Carrara by Amso International Carrara Italy

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche

Fondazione Memofonte onlus Studio per l elaborazione informatica delle fonti storico-artistiche c. 1 Illustrissimi signori Per la maggior facilità e chiarezza della stima dei mobili del patrimonio dell illustrissimo signor marchese bali Vincenzio Riccardi, incaricatami con il decreto delle signorie

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala

Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala Documento Preliminare alla Progettazione Concorso Internazionale di Idee Piazza della Scala SOMMARIO PREMESSA 1 OBIETTIVI DEL CONCORSO 2 INQUADRAMENTO URBANO 2.1 DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL AMBITO

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

DIO EDUCA IL SUO POPOLO

DIO EDUCA IL SUO POPOLO DIOCESI DI TRIESTE DIO EDUCA IL SUO POPOLO in preparazione della 62 ma Settimana Liturgica Nazionale Messaggio 1. A voi tutti, fratelli e sorelle che siete la Chiesa di Cristo a Trieste, giunga, da chi

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli