Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana del XVII secolo: gli obelischi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana del XVII secolo: gli obelischi"

Transcript

1 Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana del XVII secolo: gli obelischi Ormai da alcuni anni ho avviato una ricerca volta a rintracciare quanto sopravviva dell antico Egitto nelle medaglie italiane, e questo a partire dagli esemplari conservati presso il Museo Civico Archeologico di Bologna 1. I risultati della prima fase d indagine, dedicata alla medaglistica italiana dei secoli XV e XVI, sono stati resi noti in una pubblicazione recente 2, alla quale si rimanda per gli approfondimenti del caso. Pur non volendo soffermarmi su un periodo già trattato, è comunque opportuno ricordare che, dalla seconda metà del XVI secolo, l Egitto simbolico e mitico concepito dal neoplatonismo di età rinascimentale ha un termine di paragone sempre più forte nell Egitto reale delle testimonianze archeologiche. Piccoli oggetti provenienti da aree sepolcrali, facili da trasportare e da rivendere sul mercato antiquario, iniziano a diffondersi per l Europa assieme alle mummie o alla polvere di mummia. Durante i lavori di riassetto urbanistico del tempo, inoltre, i monumenti egiziani presenti nelle città italiane sin dall antichità riemergono dal sottosuolo nella loro imponenza e originalità, suscitando un rinnovato interesse nei confronti del loro esotico paese d origine. Il confronto con il passato faraonico diventa un esigenza di lì a breve, quando la Riforma muove potenti accuse di risorto paganesimo al neoplatonismo e alla Chiesa Romana. La frequentazione del mondo pagano, inteso quale prefigurazione dell esperienza cristiana, deve essere riveduta e sostituita da una dichiarata ostilità nei suoi confronti. Il cambiamento è evidente anche nelle trasformazioni della Roma di Sisto V ( ; papa dal 24 aprile 1585), che razionalizza urbanisticamente la capitale per renderla il centro del mondo cattolico 3. Alcuni dei monumenti più rappresentativi del culto antico per gli idoli pagani, e in particolare quattro obelischi egiziani, sono allora riscattati alla cristianità come simboli di una nuova fase culturale, che non riesce e non sempre vuole cancellare la tradizione neoplatonica e la sua grandiosa lettura del passato. Dopo l innalzamento del primo monolite in Piazza San Pietro nel 1586, sono eretti l obelisco Laterano, l Esquilino, il Flaminio; ogni volta, una o più medaglie papali celebrano la riuscita dell impresa, perché porre un obelisco davanti a una basilica significa innalzare la Croce a trofeo della guerra vinta sul paganesimo dalla religione trionfante 4. Il XVII secolo eredita questa particolare abitudine architettonica, ormai cara ai pontefici, arricchendo il significato simbolico attribuito agli obelischi da Sisto V di ulteriori sfaccettature. In primo luogo, cambiano la cura estetica e l attenzione architettonica con cui si erigono alcuni nuovi monoliti o si ridisegnano e si arricchiscono gli spazi cittadini dei quali essi costituiscono il fulcro ideale. Anche in questo modo l insorgere e il diffondersi del gusto barocco, il cui centro di fioritura è Roma, manifesta il mutato spirito della Chiesa Romana. Dopo l austerità fine-cinquecentesca di vita, di atteggiamenti e di pratiche, che doveva scagionarla dalle accuse di rilassatezza nei costumi e quasi di degenerazione pagana, infatti, la Chiesa stempera ora il proprio rigore recuperando l orgoglio dell essere e del voler essere caput mundi, nella vita come nell arte. 1. Le medaglie appartenenti al Museo utili all indagine sul XVII secolo sono 45 e, con poche eccezioni, esauriscono l intero ambito di ricerca. In merito al Medagliere di Bologna cfr. Morigi Govi, C.: Il medagliere del Museo Civico Archeologico di Bologna. Storia della sua formazione, Dep. di Storia Patria di Bologna, XXXVI, 1986, pp ; Giovetti, P.: La catalogazione elettronica delle collezioni numismatiche del Museo Civico Archeologico di Bologna, RIN, CI, 2000, pp Picchi, D.: Suggestioni culturali e sopravvivenze iconografiche dell antico Egitto nella medaglistica italiana di XV e XVI secolo, Proceedings of the 3 RD International Numismatic Congress in Croatia (October 11 th -14 th, 2001), Pula, 2002, pp Il pontefice, aiutato dall architetto Domenico Fontana, apre nuove strade che collegano luoghi preminenti del tessuto cittadino (piazze, chiese, monumenti), creando così un sistema centralizzato, esteso e in movimento a immagine dell universo copernicano. 4. Cfr. Mercati, M.: Gli obelischi di Roma (a cura di Cantelli, G.), Bologna, 1981, pp

2 Un protagonista del conseguente risveglio artistico e architettonico, che la medaglistica documenta, è Gian Lorenzo Bernini ( ), personalità fondamentale nel determinare l aspetto di Piazza Navona, che viene contornata all epoca da nuovi edifici e arricchita da tre fontane dalle quali sgorga l Acqua Vergine 5. Per ordine di Innocenzo X ( ; papa dal 6 agosto 1644) è innalzata al centro della piazza una fontana monumentale, detta dei Quattro Fiumi, che Bernini inizia nel 1648, completandola nel La fontana, una rappresentazione allegorica del ruolo pacificatore del papa sul mondo, i cui quattro continenti sono rappresentati dalle personificazioni di quattro grandi fiumi (Nilo, Gange, Danubio e Rio della Plata), ha come elemento centrale un obelisco di età domizianea (81-96 d.c.) 6, che il gesuita Athanasius Kircher ( ) studia in un opera specifica dal titolo Athanasii Kircheri e Societate Iesu obeliscus Pamphilius (Roma, 1650). Per comprendere meglio cosa pensi Kircher dell obelisco in sé, opinione che influenzerà l interpretazione di tali antichità per tutto il XVII secolo, basti la lettura del seguente passo: Dicimus per pyramidem seu obeliscum Aegyptios rerum naturam repraesentare voluisse sicut enim pyramis a summo fastigio velut a puncto incipiens per lineas in superficies et corpus abiens paulatim in omnes partes dilatatur, sic rerum omnium natura ab unico principio et fonte qui dividi nequit, nempe a Deo summo opifice profecta, varia deinceps formas suscipit ac in varia genera atque species diffunditur omniaque apici illi et puncto a quo omnia manant et profluunt, coniungit, quo sane optime repraesentari videtur primigenia illa mundi origo 7. In aggiunta a queste valenze cinquecentesche che Kircher fa proprie, l obelisco della fontana acquisisce i significati impliciti nella colomba con il ramoscello d ulivo che ne domina la sommità come potente emblema della pace ma, soprattutto, del casato Pamphili 8. Le correzioni apportate dal papa a uno dei testi composti dal gesuita per il basamento dell obelisco lo dimostrano, dato che nella redazione definitiva dell iscrizione destinata al lato meridionale la innocens columba, solo allusiva alle insegne di Innocenzo X, è seguita su sua richiesta dall espressione ben più forte obeliscum pro tropheo sibi statuens / Romae triumphat 9. La grandiosità dell impresa architettonica, il prestigio della famiglia Pamphili, il cui palazzo si affaccia proprio sulla piazza, e la vocazione pubblica che l area riacquista dal XVII secolo 10, sono commemorate da alcune medaglie di Gaspare Morone ( ). La prima, databile al quinto anno di Innocenzo X ed emessa in pochi esemplari per essere posta sotto l obelisco, ha al dritto il busto a destra del pontefice, a testa nuda e con piviale ornato da una processione, e la leggenda INNOCENTIVS.X.PON.MAX., completata sotto il busto da AN.V. e GM. ; al rovescio, reca una veduta prospettica di Piazza Navona con la fontana al centro, in primo piano, e la leggenda ABLVTO AQVA - VIRGINE, sopra, e AGONALIVM CRVORE., sotto (figg. 1-2) 11. All anno successivo appartiene una medaglia, di modulo identico e dallo stesso rovescio, che ha al dritto il busto del papa a destra, con tiara e piviale ornato dalla Vergine, e la leggenda INNOCEN..X.PON.MAX. A.VI., completata da.gm. sotto il taglio spalla 12. Seguono altre due medaglie dallo stesso rovescio, ma diverse per l immagine del dritto e per la circostanza di emissione: la prima, una coniazione non ufficiale, risale al settimo anno di Innocenzo X, ha il busto del papa a destra, con tiara e piviale ornato dall Arcangelo, e la leggenda INNOCEN.X - PONT.MAX.A.VII. con le iniziali dell incisore,.gm., sul taglio spalla 13 ; la seconda, invece, è la medaglia annuale dell ottavo anno, emessa per la fine lavori, recante il busto del papa a sinistra, con camauro e mozzetta, e la leggenda INNOCENTIVS. 5. L acquedotto dell Acqua Vergine, voluto da Agrippa per rifornire le sue terme nel Campo Marzio, alimenta ancora oggi la fontana dei Quattro Fiumi a Piazza Navona. 6. L obelisco Agonale, alto più di 16 metri e recante un iscrizione in caratteri geroglifici in onore di Domiziano, ritorna così nel luogo dove era stato eretto in età imperiale romana, e cioè nell area occupata allora dal Circo Domizianeo. 7. Kircher, A.: Athanasii Kircheri e Societate Iesu obeliscus Pamphilius, II, Roma, 1650, pp Cfr. Donadoni, S.: L Egitto dell Età Barocca, L Egitto dal mito all Egittologia, Milano, 1990, pp ; Marrone, C.: I geroglifici fantastici di Athanasius Kircher, Viterbo, 2002, pp Lo stemma Pamphili, infatti, reca la colomba con un ramoscello d ulivo nel becco. 9. Cfr. Cipriani, G.: Gli obelischi egizi. Politica e cultura nella Roma Barocca, Firenze, 1993, pp All epoca di Cesare e di Augusto vi sorgeva un recinto per i Ludi Ginnici, mentre al tempo di Nerone un anfiteatro per i Ludi Quinquennali. La forma allungata della piazza, invece, deriva dallo Stadio di Domiziano che occupò la stessa area dall anno 86 d.c. L antica tradizione ludica del luogo riprende vigore nel 1652 grazie a Innocenzo X, quando diventa un abitudine allagare la piazza nel mese di agosto per svolgervi feste e manifestazioni varie. 11. MCAB, n. 7540, Salina, AE-coniazione, Ø 39. Cfr. MCAB, n. 1907, Incerta, AE-coniazione, Ø 39,5; n. 2128, Palagi (?), AEconiazione, Ø 40; n. 3438, Universitaria, AE-coniazione con appiccagnoli, Ø 39,5; n. 6210, Salina, AE-coniazione, Ø 40. Bartolotti, F.: La medaglia annuale dei romani pontefici da Paolo V a Paolo VI, , Roma, 1967, p. 53, nota; Miselli, W.: Il papato dal 1605 al 1669 attraverso le medaglie, Milano, 2003, n Cfr. MCAB, n. 6214, Salina, AE-coniazione, Ø 39,5; n. 6215, Salina, AR-coniazione, Ø 38. Bartolotti, F.: op.cit., p. 53, la considera coniazione non ufficiale; Miselli, op.cit., n. 437 e var. n. 438 non attestata a Bologna. 13. Cfr. MCAB, n. 6224, Salina, Ø 39,5; n. 1400, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, Ø 39. n. 3451, Università, AE-coniazione, Ø 39. Bartolotti, F.: op.cit., p. 53, nota; Miselli, op.cit., n

3 SUGGESTIONI CULTURALI E SOPRAVVIVENZE ICONOGRAFICHE DELL ANTICO EGITTO NELLA MEDAGLISTICA ITALIANA DEL XVII SECOLO X.PONT.MAX., seguita da.an.viii.gm. sotto il taglio del busto (figg. 3-4) 14. Sempre a Bernini e a Morone si legano alcune medaglie che, celebrando la costruzione del colonnato di San Pietro voluto da Alessandro VII ( ; papa dal 7 aprile 1655), esaltano indirettamente il ruolo dell obelisco vaticano quale fulcro spaziale e simbolico della Chiesa Romana. Nel 1656 il papa incarica Bernini della progettazione di un porticato per arricchire, circoscrivendolo, il piazzale antistante la basilica del Santo. Il progetto, al quale collabora lo stesso pontefice, è modificato più volte prima di essere finito nel marzo Bernini, attento agli effetti di percezione visiva e in grado di dominare le leggi della prospettiva ottica, concepisce un colonnato quasi ellittico, che abbraccia la piazza senza chiuderla e senza sovrapporsi agli edifici esistenti. La scelta strategica di unire questo spazio alla facciata della chiesa tramite due ulteriori ali di colonnato, avvicina apparentemente ancora di più la basilica alla piazza e all obelisco, che funge da asse prospettico. Il 28 agosto 1657 sono deposte a fondazione della struttura alcuni esemplari di una medaglia disegnata e modellata in cera da Bernini, e poi fusa da Morone. La medaglia (figg. 5-6) 15, datata 1657, ha al dritto il busto a destra di Alessandro VII, con camauro e mozzetta, e la leggenda VATICANI.TEMPLI.AREA.PORTICIBVS.ORNATA., completata da ALEX.VII.P.M. in un cartiglio sotto il taglio del busto; sul rovescio sono invece raffigurati, in visione prospettica e dall alto, piazza San Pietro con il nuovo colonnato, un unica fontana in asse centrale con l obelisco, e, sullo sfondo, la basilica 16. La leggenda FVNDAMENTA.EIVS. / IN.MONTIBVS.SANCTIS (Vulgata, Salmo 86, 1), inserita in un cartiglio a rotolo di pergamena che prosegue idealmente l andamento del colonnato, è attribuibile al latinista Lukas Holsten ( ), bibliotecario vaticano dal Un autografo di Alessandro VII, con allegato un suo schizzo del colonnato, infatti, attesta l affidamento d incarico al canonico, oltre a descrivere le successive fasi di lavoro a cura di Bernini 17. Mentre la fusione di questa medaglia è attribuibile a Morone, le cui iniziali compaiono al dritto, sul taglio del busto dopo la data 18, non è certo a chi debba essere attribuita un altra medaglia senza firma e senza contorno perlinato, che ha un rovescio identico a questa, ma un dritto diverso nella scritta e nella forma del cartiglio, così come nel busto del papa, un poco più grande e stilisticamente migliore (figg. 7-8) 19 ; un ipotesi allettante potrebbe essere quella di attribuirla proprio a Bernini 20. Dieci anni dopo, conclusi i lavori, nuove medaglie celebrano la grandiosa trasformazione architettonica che ha modificato l approccio visivo con la chiesa più importante della Cristianità 21. Due medaglie, attribuibili a Gaspare Morone e datate al 1667, hanno al dritto il busto di Alessandro VII a sinistra, con tiara e piviale ornato dalle insegne Chigi, e la leggenda ALEXAN.VII.PONT - MAX.A.XII.. Al rovescio sono identiche nella raffigurazione prospettica e dall alto della basilica vaticana con il colonnato, l obelisco e le due fontane del progetto finale, mentre si differenziano per le leggende, che sono comunque le stesse delle medaglie di fondazione: in un caso FVNDAMENTA EIVS / IN MONTIBVS / SANCTIS è all esergo (figg. 9-10) 22 ; nell altro, FVNDA- MENTA EIVS IN MONTIBVS SANCTIS è disposta in circolo nel campo, mentre in esergo compare VATICANI TEMPLI / AREA PORTICIBVS / ORNATA (fig. 11) MCAB, n. 6238, Salina, AR-coniazione, Ø 38,5. Cfr. MCAB, n. 6237, Salina, AR-coniazione, Ø 37,5. Bartolotti, F.: op. cit., E 652; Miselli, op.cit., n. 469 e il riconio anacronistico n. 481, non attestato a Bologna, come la medaglia fusa dell ottavo anno che reca al dritto il papa a destra, con tiara e piviale, e la sola fontana al rovescio (n. 470). È inoltre opportuno citare un altra medaglia non esistente a Bologna, dell undicesimo anno dello stesso pontefice, che celebra l innalzamento dell obelisco di Piazza della Minerva sopra l elefantino ispirato a un immagine dell Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna (n. 629). 15. MCAB, n. 6263, Salina, Ø 76,5. Cfr. MCAB, n. 175, Crescimbeni, AE-fusione, Ø 74. Parise, R.: L ideologia della Controriforma nelle medaglie del 600 e 700, Se non v è denar, l Arcadia è presto terminata. Simbolismo nelle monete e nelle medaglie tra Controriforma e Secolo dei Lumi, Padova, 1997, n. 148; Miselli, op.cit., nn e cfr. anche n Esiste un altra medaglia detta di fondazione, che reca al dritto il busto del papa a sinistra e una diversa forma del cartiglio, mentre al rovescio la veduta prospettica e dall alto della piazza, con al centro l obelisco e di lato le due fontane del progetto finale. Varriano, J.: Alexander VII, Bernini and the Baroque Papal Medal, Italian Medals, Washington, 1987, p. 256, fig. 14; Vannel, F. e Toderi, G.: Medaglie e placchette del Museo Bardini di Firenze, Firenze, 1998, n. 92; Miselli, op.cit., n Biblioteca Apostolica Vaticana, Chigi R VIII c, fig.11; Morello, G.: Documenti berniniani nella Biblioteca Apostolica Vaticana, Bernini in Vaticano, Roma, 1981, p Sul taglio del busto, quindi, compare:.1657.g M MCAB, n. 3538, Università, Ø 71,5. Cfr. MCAB, n. 2142, Palagi (?), Ø 70,5; Miselli, op.cit., n Vannel, F. e Toderi, G.: La medaglia barocca in Toscana, Firenze, pp ; Idem (1998), op. cit., n Va menzionata anche una medaglia annuale del settimo anno di Alessandro VII, mancante nelle collezioni bolognesi, che, prima di queste, celebra la fase più viva dei lavori. Bartolotti, F.: op. cit., E. 661a; Vannel, F. e Toderi, G.: op. cit. (1998), n. 81; Miselli, op. cit., n MCAB, n. 1438, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 42. Cfr. MCAB, n. 3529, Università, AE-coniazione, ø 42; n. 6317, Salina, AEconiazione, ø 42,5; n. 6318, Salina, AE-coniazione, ø 40. Va segnalato un ibrido (MCAB, n. 6325, Salina, AE dorato-coniazione, ø 41,5), costituito dai rovesci di questa medaglia e di quella per la costruzione della cattedra di San Pietro; cfr. Vannel, F. e Toderi, G.: op. cit. (1998), n. 82; Miselli, op.cit., n MCAB, n. 2141, Palagi (?), AE-coniazione, ø 41. Cfr. MCAB, n. 1439, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 40; n. 2140, Palagi (?), AE-coniazione, ø 41; n. 3530, Università, AE-coniazione, ø 40,5; n. 6315, Salina, AE-fusione, ø 40,5; n. 6316, Salina, AE-coniazione, ø 40,5; Miselli, op.cit., n. 636 e cfr. anche n

4 Sempre durante il pontificato di Alessandro VII, un secondo obelisco di quelli innalzati da Sisto V, il Flaminio, diventa punto focale e prospettico privilegiato nella riconsiderazione spaziale e architettonica di un altra importante piazza romana. Nel 1658 il papa incarica Carlo Rainaldi ( ) di costruire due chiese in Piazza del Popolo, Santa Maria di Montesanto e Santa Maria dei Miracoli. La fabbrica della prima inizia nel 1662 e, per l occasione, è creata una medaglia (figg ) 24 che ha al dritto il busto del papa a sinistra, con tiara e piviale, e la leggenda ALEX.VII.PONT.-MAX.A.VIII ; al rovescio, in primo piano e al centro, l obelisco Flaminio funge da asse simmetrico per le due chiese gemelle. La leggenda nel campo, SAPIENTIA IN PLATEIS DAT VOCEM SVAM (Proverbi, I, 20), rimarca il significato religioso che si attribuisce all impresa, mentre la data in esergo, MDCLXII., ripete in caratteri romani l anno espresso in cifre arabe al dritto, sotto il busto di Alessandro VII. A questa medaglia, attribuita a Gioacchino Francesco Travani, ma caratterizzata da un pittoricismo berniniano, ne va associata una seconda, di modulo poco inferiore e con la leggenda in esergo EQ:CAROLVS RAINALDVS / INVENTOR, che celebra la fondazione di Santa Maria di Montesanto tramandando il nome del suo primo architetto (fig. 14) 25, poi sostituito nel prosieguo dei lavori da Bernini e da Carlo Fontana. Per completare questo filone tematico, è opportuno menzionare una medaglia fusa (fig. 15) 26, emessa nel secondo anno di Innocenzo XII ( ; papa dal 12 luglio 1691), quando il Palazzo di San Giovanni in Laterano è trasformato in ospizio per i poveri. La medaglia ha al dritto il busto del papa a destra, con camauro, mozzetta e stola, e la leggenda INNOCENTIVS.XII.PONT. OPTIM.MAXIM, completata da.an:ii., sotto il taglio del busto. Il suo rovescio reca ancora una volta un obelisco, il Laterano, che spicca nell insieme compositivo per la posizione centrale e il forte rilievo, elementi utili a ricucire la prospettiva delle due strutture architettoniche raffigurate sullo sfondo della piazza, il palazzo e la chiesa di San Giovanni, molto diverse e asimmetriche tra loro. La leggenda EGENOS.VAGOSQVE. INDVC. / IN.DOMVM.TVAM (Isaia, 58.7), inserita in un cartiglio a nastro in alto, ricorda l iscrizione apposta sul palazzo per volontà di Sisto V al tempo della sua costruzione. Se in tutte le medaglie esaminate sino a ora l iconografia dell obelisco occupa una posizione centrale o assiale da un punto di vista compositivo, in due opere successive, la prima di Gaspare Morone e la seconda di Giovanni Hamerani ( ), perde tale collocazione per spostarsi lateralmente e mostrarsi solo in parte. Questo nuovo tipo di visione non sminuisce certo il suo significato simbolico, ormai tanto forte e intellegibile da essere sufficiente anche un solo accenno del monolite. La medaglia annuale di Morone (figg ) 27, che risale al secondo anno di Clemente IX ( ; papa dal 20 giugno 1667) e commemora il successo ottenuto dal papa quale pacificatore di Francia e Spagna e quale promotore della Pace di Aquisgrana (2 maggio 1668), ne è un bell esempio. Al dritto compare il busto del pontefice a sinistra con camauro, mozzetta e stola, e la leggenda CLEM.IX.PONT -.MAX.AN.II, mentre il rovescio, che ha in esergo PACE POPVLIS SVIS / A DOMINO / CONCESSA., è caratterizzato da un notevole senso del movimento e non è privo di originali simmetrie. Il punto di vista dal quale si osserva la processione con il papa in primo piano a sinistra, i vescovi, il clero e gli armati, diretti in doppia fila verso San Pietro, si trova all interno dell ala destra del colonnato vaticano. Benché la basilica sia quasi completamente celata, non esistono dubbi sulla sua identità grazie alla raffigurazione della parte sinistra del portico e dell obelisco che ne sono diventati potenti segni identificativi. La prospettiva ardita e la necessità, per coloro che avanzano in processione, di superare a destra il monolite consentono di ribadire il senso di solidità, di fermezza e di affidabilità della Chiesa Romana, riassunte iconicamente dall obelisco, creando allo stesso tempo un duplice colonnato umano, speculare nell andamento a quello architettonico. Anche Giovanni Hamerani affida a un obelisco appena visibile sul rovescio della prima medaglia annuale di Clemente XI ( ; papa dal 29 novembre 24. MCAB, n. 3518, Università, AE-fusione, ø 65,5. In Museo esiste una medaglia uniface dallo stesso rovescio (MCAB, n. 6303, Salina, AE-fusione, ø 65,5); Varriano, J.: Alexander VII, Bernini and the Baroque Papal Medal, Italian Medals, Washington, 1987, p. 259 e fig. 21; Miselli, op.cit., nn. 601 e var MCAB, n. 3519, Università, AE-fusione, ø 63,5; Miselli, op.cit., n MCAB, n. 3731, Università, AE dorato-fusione, ø 102,5. Cfr. MCAB, n. 6560, Salina, zinco-fusione, ø 103,5; n. 6561, Salina, AE-fusione, ø 101,5; n. 6562, Salina, AE dorato-fusione, ø 102,5. Vannel, F. e Toderi, G.: La medaglia barocca in Toscana, Firenze, 1987, p. 23, fig. 14; Miselli, W.: Il papato dal 1669 al 1700 attraverso le medaglie, Pavia, 2001, n MCAB, n. 1918, Incerta, AE-coniazione, ø 33. Cfr. MCAB, n. 1453, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 34; n. 3560, Università, AE-coniazione, ø 33; n. 6343, Salina, AE-coniazione, ø 33,5; n. 6344, Salina, AR-coniazione, ø 33,5. Bartolotti, F.: op. cit., E 668 (la medaglia è datata al 1668). 1740

5 SUGGESTIONI CULTURALI E SOPRAVVIVENZE ICONOGRAFICHE DELL ANTICO EGITTO NELLA MEDAGLISTICA ITALIANA DEL XVII SECOLO 1700) (figg ) 28 lo stesso significato di fermezza, che in questo caso lo Stato della Chiesa e il suo pontefice devono avere nei confronti della turbolenta situazione politica europea, prefiggendosi il difficile obbiettivo di tutelare una pace a rischio per la successione sul trono di Spagna di Filippo d Angiò a Carlo II. La medaglia, che ha al dritto il busto di Clemente XI a sinistra, con tiara e piviale ornato da San Paolo, e la leggenda CLEMENS.XI -.PONT.MAX.ANNO.I., reca al rovescio la Chiesa genuflessa a sinistra, con lo sguardo volto al triangolo dello Spirito Santo e la mano sinistra sulla tiara; subito dietro, una tripla croce è appoggiata al basamento, con stemma Albani, di un obelisco appena visibile. Nonostante gli sforzi di Clemente XI, testimoniati dalla leggenda bene augurante.fiat.pax.svper ISRAEL (Salmo 125, 5), la guerra dilaga molto presto, dal 1701 al 1724, portando devastazione in tutta Europa. Per comprendere appieno questa medaglia, è utile menzionarne un altra, databile al diciottesimo anno di Clemente XI e a firma di Ferdinand de Saint Urbain ( ) 29, che ribadisce lo stesso concetto. Infatti, al suo rovescio compaiono tre figure femminili, sedute attorno a un obelisco, di nuovo centrale: a sinistra la Religione o la Fede con la croce e il calice; al centro, la Fermezza con la destra appoggiata all obelisco; a destra, la Giustizia con scettro e bilancia. È la leggenda sopra di loro, ÆTERNA.FIRMITAS - ORBIS.ROMANI., a sottolineare la valenza semantica assunta dal monolite che, nello specifico, sembra riferirsi a una controversia tra il papa e Filippo V di Spagna per la nomina dell arcivescovo di Siviglia 30 ma che, più in generale, evoca le gravi preoccupazioni e le difficoltà affrontate proprio da Clemente XI dopo lo scoppio della guerra in Europa. L incidenza numerica degli obelischi nelle medaglie italiane diminuisce in maniera drastica durante il secolo successivo, in particolare nella seconda metà del XVIII secolo. Obelischi di vario tipo continueranno a essere utilizzati anche in età neoclassica per decorare fontane, giardini, scalinate, portali d ingresso e recinti, in molti casi privati, a Roma e altrove, ma saranno rappresentati su stampe, incisioni e pitture, solo di rado sulle medaglie, perché si attenua la loro importanza simbolica a favore di più generici significati decorativi e architettonici. Saranno altri i soggetti di ispirazione antico-egiziana prediletti dalla medaglistica, ma a questi si dedicherà un ulteriore capitolo della ricerca in corso. 28 MCAB, n. 3757, Università, AE dorato-coniazione, ø 31,5. Cfr. MCAB, n. 1545, Palagi o duplicati Univ., AE-coniazione, ø 32; n. 2554, Verzaglia-Rusconi, AE-coniazione, ø 32; n. 6608, Salina, AE dorato-coniazione, ø 31,5; n. 6609, Salina, AR-coniazione, ø 31,5. Bartolotti, F.: op. cit., E 701; Miselli, W.: Il Papato dal 1700 al 1730 attraverso le medaglie, Torino, 1997, n La medaglia non è conservata nel Medagliere di Bologna, che possiede invece quella per l abate Jean Paul Bignon ( ), sempre a firma di Ferdinand de Saint Urbain e dallo stesso rovescio (MCAB, n. 9643, Salina, AE-coniazione, ø 56). 30. Miselli, W.: Il Papato dal 1700 al 1730 attraverso le medaglie, Torino, 1997, n. 115 e n

6 1742

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p.

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p. Porta pia Porta pia Borgo vaticano Porta del Popolo Porta Pia Negli stessi anni in cui il cardinale Peretti inizia i lavori della sua villa, Gregorio XIII interviene nelle vicine Terme di Diocleziano trasformandole

Dettagli

Lot 201: Paolo V. Paolo V. Sommo Pontefice 1605-1621. Camillo Borghese di Roma. Completamento della Cappella Paolina del... Estimate: 500 CHF Lot unsold Lot 202: Paolo V. Paolo V. Sommo Pontefice 1605-1621.

Dettagli

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno Roma ed ASsisi Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Associazione Culturale. I Gatti del Foro

Associazione Culturale. I Gatti del Foro Associazione Culturale I Gatti del Foro L Associazione I Gatti del Foro propone alle scuole medie inferiori una serie di visite guidate concepite per gli alunni delle classi 1ª, 2ª e 3ª. L intento è quello

Dettagli

SABATO 5 FEBBRAIO 2011

SABATO 5 FEBBRAIO 2011 ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCHIMEDE Via Clitunno, 28 00198 Roma Tel. 068418271 Fax 068552660 http://www.archimedecultura.it e-mail: archimede.ac@mclink.it Ordine degli Ingegneri di Roma Via Emanuele Orlando

Dettagli

FOTO DEL LAZIO. "Colosseo", in origine conosciuto col nome di "Anfiteatro Flavio" (foto miste).

FOTO DEL LAZIO. Colosseo, in origine conosciuto col nome di Anfiteatro Flavio (foto miste). FOTO DEL LAZIO Roma: come allora, ancora "caput mundi"... (parte I delle foto) Pini alla fermata della metropolitana "Anagnina" (nella prima foto) / "Piazza della Repubblica" (nella seconda foto) / "Teatro

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

R O M A Archeologica, Cristiana, Barocca

R O M A Archeologica, Cristiana, Barocca Associazione culturale Bareggese Via Don Biella 2 Bareggio (MI) P. IVA : 07178300963 www.numtuccinsema.it L associazione culturale Bareggese P r o p o n e T o u r d i c i n q u e g i o r n i R O M A Archeologica,

Dettagli

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini

01 Statua Barberini I sec ac Marmo 165 cm Roma Musei Capitolini Ritrattistica Repubblicana per il culto antenati Realistica Ritrattistica Augustea Patrizia e Aulica tra realismo e simbolismo Arte Plebea e Storico Celebrativa Simbolica 01 Statua Barberini I sec ac Marmo

Dettagli

Folder e busta-ricordo «Pasqua 2015»

Folder e busta-ricordo «Pasqua 2015» Comunicato del 27 marzo 2015 Folder e busta-ricordo «Pasqua 2015» In occasione della solennità della Santa Pasqua 2015 le Poste Vaticane emetteranno una busta-ricordo, acquistabile anche nel folder dedicato

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Indice dei soggetti. Medaglie p. 1 Conii p. 3 Punzoni p. 5 Medaglie a stampa p. 5. Medaglie

Indice dei soggetti. Medaglie p. 1 Conii p. 3 Punzoni p. 5 Medaglie a stampa p. 5. Medaglie Indice dei soggetti Medaglie p. 1 Conii p. 3 Punzoni p. 5 Medaglie a stampa p. 5 Medaglie Adriano VI. I santi Pietro e Paolo Adriano VI. Incoronazione Pontificia Adriano VI. Sapienza Alessandro VI. Apertura

Dettagli

Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane, alluvioni, chiese, papi e imperatori

Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane, alluvioni, chiese, papi e imperatori Istituto Tecnico per il Turismo LIVIA BOTTARDI Via Petiti, 97 Roma Prof. Salvatore Liguori (Geografia Turistica) PIAZZA NAVONA E L ACQUA VERGINE Il grande teatro di Roma, tra obelischi, acque, fontane,

Dettagli

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco

Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze. Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Il secondo Piano di Gestione del Centro Storico di Firenze Comune di Firenze Direzione Cultura, Turismo e Sport Ufficio Unesco Cos è il Piano di Gestione Obbligo principale di un sito UNESCO è quello di

Dettagli

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina)

La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) La santa casta della Chiesa (fonte: LA SANTA CASTA DELLA CHIESA di Claudio Rendina) I dati riportati nel libro si riferiscono alla data del 31 dicembre 2008 Quadro di sintesi della struttura organizzativa:

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta

Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta Sabbioneta Museo diffuso di Sabbioneta Sabbioneta, città di fondazione, fu edificata tra il 1556 ed il 1591 per volere del Duca Vespasiano Gonzaga Colonna, si presenta

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA

Vol I, pp. 176-217. ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA Vol I, pp. 176-217 ARTE PALEOCRISTIANA BIZANTINA e BARBARICA II sec. 476 d.c. Decadenza dell impero romano Dal II sec. al 476 è il periodo della decadenza dell impero romano L esercito era incapace di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Folder e busta-ricordo «Pasqua 2015»

Folder e busta-ricordo «Pasqua 2015» Comunicato del 27 marzo 2015 Folder e busta-ricordo «Pasqua 2015» In occasione della solennità della Santa Pasqua 2015 le Poste Vaticane emetteranno una busta-ricordo, acquistabile anche nel folder dedicato

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Il Cinquecento a Napoli

Il Cinquecento a Napoli SEZIONE IV Il Cinquecento a Napoli 14 15 16 VETRINE 14 Napoli tra Francia e Spagna 15 L età di Carlo V 16 L età di Filippo II Sala B 95 VETRINA 14 Napoli tra Francia e Spagna Zecche presenti in vetrina

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMA architetti e imprese al Mart : i prodotti e la pubblicità

PROGRAMMA architetti e imprese al Mart : i prodotti e la pubblicità PROGRAMMA architetti e imprese al Mart : i prodotti e la pubblicità Ore 15.30 Apertura al pubblico della sala consultazione e del deposito dell Archivio del 900, con visita guidata ai materiali esposti

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

cd centro documentazione

cd centro documentazione cd centro documentazione Turismo scolastico di puccy paleari / elena pollastri Basilica S. Pietro al Monte Oratorio S. Benedetto sopra Civate ieri nello spazio Viabilità Dov è oggi nel tempo fuori Basilica

Dettagli

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

ARTE MINOICA prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it. 4a. ARTE MINOICA CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 4a. ARTE MINOICA ALLE ORIGINI DELL ARTE GRECA La civiltà cretese (o minoica) e quella micenea prendono il nome dai principali centri di sviluppo: l isola di Creta (situata nel mar Egeo, fra la Grecia e

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS

La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS La Santa Sede GIOVANNI PAOLO II LETTERA APOSTOLICA IN FORMA DI MOTU PROPRIO IUSTI IUDICIS CON CUI SI RIORDINA INTEGRALMENTE LA MATERIA RIGUARDANTE L ESERCIZIO DELLA FUNZIONE DEI PATRONI E DEGLI AVVOCATI

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392.

ACQUEDOTTO VERGINE. (min 10 / max 20 persone a visita) Visite guidate a cura dell associazione culturale M ARTE Info e prenotazioni 392. ACQUEDOTTO VERGINE Via del Nazareno, 9/a Unico acquedotto antico tuttora in funzione, fu realizzato nel 19 a.c. per rifornire le terme di Agrippa nel Campo Marzio. Il percorso consiste nell illustrazione

Dettagli

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali

Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM 28-11-2011 0:18 Pagina 125 Parte seconda Tre casi per l elaborazione di una metodologia: strategie progettuali 9. Scheda Cavriana 125-137.qxp:00+01-ok+okGM

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z UN NUOVO ITINERARIO CON VISITE GUIDATE E ATTIVITA CULTURALI NEI TESORI ARCHEOLOGICI INFO 060608 Sabato 3 marzo MONTE TESTACCIO Via Zabaglia, 24 / angolo Via Galvani È una collina

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Dove metti il divano?

Dove metti il divano? Dove metti il divano? Indicazioni per l insegnante Obiettivi didattici le preposizioni a, da e di + articolo le espressioni di luogo Svolgimento Obiettivo dell attività-gioco proposta è quello di far utilizzare

Dettagli

Ch er mercordí a mmercato, ggente mie, sce siino ferravecchi e scatolari, rigattieri, spazzini, bbicchierari, stracciaroli e ttant antre marcanzie, nun c è ggnente da dí. Ma ste scanzìe da libbri, e sti

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CONTENUTI ABILITA ATTIVITA TEMPI

CONTENUTI ABILITA ATTIVITA TEMPI PROGRAMMAZIONE STORIA - classe III MODULO 1 - DALLA RINASCITA DOPO IL 1000 ALLA CRISI DEL '300 Leggere, confrontare, interpretare dati, tabelle, grafici Distinguere aspetti sociali, economici e politici

Dettagli

Folder Sede Vacante 2013. Folder Benedictus PP. XVI Renuntiat Ministerio Petrino

Folder Sede Vacante 2013. Folder Benedictus PP. XVI Renuntiat Ministerio Petrino Comunicato del 28 febbraio 2013 Il Servizio Poste Vaticane informa che presso tutti i propri Uffici postali sono disponibili i seguenti prodotti. Folder Sede Vacante 2013 Il folder contiene due buste Sede

Dettagli

MEDAGLIE. 992 riduzione al 50%

MEDAGLIE. 992 riduzione al 50% MEDAGLIE 990 991 990 CREMONA - Luigi XIV (1643-1715) Medaglia 1702 - Busto a d. - R/ Antico guerriero sta per trafiggere un nemico - Opus I. Mauger CU Ø 41 mm Leggera ossidazione al R/ qfdc 200 991 MANTOVA

Dettagli

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO

VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO PROPOSTA DI PROGETTO DIDATTICO Anno scolastico 2014/2015 VIVERE LA STORIA DELL XI MUNICIPIO (PROPOSTA INTERATTIVA SCUOLA-TERRITORIO ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DIRETTA DEI MONUMENTI ) Discipline: Storia/Arte

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte

Cod. 01. Laboratorio di Didattica Museale Museo Civico di Rieti a cura del Museo Civico di Rieti e dell Associazione Culturale ReArte Cod. 01 SEZIONE ARCHEOLOGICA ARTI E MESTIERI NELL EPOCA DI VESPASIANO scavo archeologico simulato, laboratorio numismatico, la scrittura degli antichi FASCIA DI ETÀ: 5/10 anni N. BAMBINI: Da definire in

Dettagli

Prof. Arch.Vincenzo Zucchi Politecnico di Milano - Italia. Malaga 22 marzo 2006

Prof. Arch.Vincenzo Zucchi Politecnico di Milano - Italia. Malaga 22 marzo 2006 Prof. Arch.Vincenzo Zucchi Politecnico di Milano - Italia Malaga 22 marzo 2006 Atene: Agorà, 300 a.c. Atene: Agorà, alla fine dell età ellenistica Atene: Agorà, II sec. d. C. Assi fondamentali della centuriazione

Dettagli

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI

UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI UNITA FORMATIVA: IL CRISTIANESIMO LE CONFESSIONI CRISTIANE: ORTODOSSI E RIFORMATI TSC: L alunno si confronta con l esperienza religiosa e distinge la specificità di salvezza del Cristianesimo; identifica

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011

ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 ROMA SEGRETA DALLA A ALLA Z SECONDA EDIZIONE - ESTATE 2011 PROGRAMMA SABATO 30 LUGLIO INSULA ROMANA SOTTO PALAZZO SPECCHI Via di San Paolo alla Regola, 16 Un viaggio a ritroso nel tempo e un vero spaccato

Dettagli

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 25 APRILE: FESTA DELLA LIBERAZIONE Si festeggia la liberazione

Dettagli

IL BILANCIO INTEGRATO ENTI

IL BILANCIO INTEGRATO ENTI IL BILANCIO INTEGRATO ENTI Santa Sede Carità Santa Sede Curia Santa Sede Pastorale Stato Città Vaticano Governatorato SCV Direzioni Uffici Direzione della Ragioneria dello Stato Direzione dei Servizi generali

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI

TOcCARE SUMMER SCHOOL 2015 CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA CORSI SETTIMANALI Protocollo d intesa con il Comune di Milano SUMMER SCHOOL 2015 CORSI SETTIMANALI 1-27 giugno 6-18 luglio 24 agosto-5 settembre 9.00-12.00 / 13.00-17.00 TOcCARE CASCINA SANT AMBROGIO 15 SECOLI IN CASCINA

Dettagli

Prof. Alberto Cottino. Storico dell arte. Torino MAESTRO DELLE VANITAS. (attivo a Roma? Intorno alla metà del XVII secolo)

Prof. Alberto Cottino. Storico dell arte. Torino MAESTRO DELLE VANITAS. (attivo a Roma? Intorno alla metà del XVII secolo) MAESTRO DELLE VANITAS (attivo a Roma? Intorno alla metà del XVII secolo) Natura morta di fiori in un vaso di vetro poggiato su un libro, un globo, una candela e altri libri su un tappeto da tavola (Vanitas)

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

CATALOGO ARREDO URBANO COMMERCIALE

CATALOGO ARREDO URBANO COMMERCIALE CATALOGO ARREDO URBANO COMMERCIALE CATALOGO DELL ARREDO URBANO COMMERCIALE L attenzione al senso della Storia, il maturato desiderio di intrecciare innovazione e conservazione dell identità urbana e l

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano 04_09_CIL79_Aldo Rossi 26-01-2001 15:21 Pagina 4 Progetti Cecilia Bolognesi Le prime volte saremo destinati a cercarlo a lungo, sfrecciando sulla tangenziale che lo lambisce a sud di Milano, con lo sguardo

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Lazio Via Pianciani 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Scolastica Regionale per il Lazio Via Pianciani 32 00185 Roma MPI- AOODRLA Registro Ufficiale Prot. n. 24274 uscita Roma, 12 ottobre 2010 Ai Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche Statali del Lazio, di ogni ordine e grado Ai Coordinatori delle Attività educative

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO

LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO LAVORO IN CLASSE PRIMA DELL USCITA DIDATTICA LA PIAZZA RELIGIOSA: PIAZZA SAN PIETRO Come sempre, prima delle uscite didattiche relative al progetto Roma in tasca, le maestre Nina e Ornella ci parlano della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA IL BAROCCO DI ROMA L arte della meraviglia e del movimento. Una passeggiata nel centro della città a vedere e fotografare piazze, chiese, fontane e statue del Seicento. Il giro include alcuni capolavori

Dettagli

Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento1

Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento1 Vittorio Franchetti Pardo Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento Illustrazioni Uno dei castelli che marca la presenza dell Ordine Teutonico nei territori russi (da V. Kostosin, Architettura russa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli