Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo"

Transcript

1 Mariapia Pizzolante Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo Il femminismo, come altri movimenti sorti tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta, deve la sua origine a gruppi di donne incontratesi in diversi luoghi e momenti e poi entrati in comunicazione fra di loro. Non a torto questa è stata definita l epoca dell azione collettiva, la stagione dei movimenti, e una delle sue parole chiave è stata la partecipazione. Partecipazione che ha avuto le sue manifestazioni più originali nei comitati di quartiere, nei movimenti focalizzati sul territorio o su questioni legate al welfare o alle professioni 1. In questo panorama il femminismo risulta ancora una volta emblematico per il suo stesso sorgere inesorabilmente legato all esperienza del gruppo, anzi dei piccoli gruppi. Proprio per questo motivo tracciare un quadro preciso del femminismo italiano delle origini non è compito semplice, perché gli atti di nascita sono stati molteplici sia su un piano geografico che temporale. Le fonti storiografiche 2 sembrano concordare sul primato cronologico del gruppo Demau (Demistificazione-Autoritarismo), nato a Milano agli albori del 1966 con un chiaro intento di rottura con la società patriarcale e un programma definito da riunioni tra donne, a cui gli 1 Giovanni Moro, Anni Settanta, Einaudi, Torino 2007, pp ; cfr. anche Paul Ginsborg, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi, Einaudi, Torino 1989; Francesco Barbagallo, progetto e direzione di, Storia dell Italia repubblicana, vol. 2, La trasformazione dell Italia. Sviluppo e squilibri, tomo 2, Istituzioni, movimenti, culture, Einaudi, Torino 1995; Marcello Flores, Alberto De Bernardi, Il Sessantotto, Il Mulino, Bologna 2003; Anna Bravo, A colpi di cuore, Laterza, Roma-Bari Cfr. Teresa Bertilotti, Anna Scattigno, a cura di, Il femminismo degli anni 70, Viella, Roma 2005; Fiamma Lussana, Le donne e la modernizzazione. Il neofemminismo degli anni Settanta, in Francesco Barbagallo, progetto e direzione di, Storia dell Italia repubblicana, vol. 3, L Italia nella crisi mondiale. L ultimo ventennio, tomo 2, Istituzioni, politiche, culture, Einaudi, Torino 1998; Bianca Maria Frabotta, Femminismo e lotta di classe in Italia ( ), Savelli, Roma rivista Snodi LT2 rev-07.indd 99

2 100 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE uomini verranno invitati solo per la discussione su temi specifici 3. Ma la maggior parte dei gruppi nasce tra il 1970 e il 1973, anno in cui vengono fondate anche riviste molto importanti come Sottosopra e Effe, riviste di donne per le donne, le cui redazioni si possono considerare gruppi specifici alla stregua degli altri. Il 1970 è l anno di Lotta Femminista, nato a Padova, formato in parte da donne provenienti da Potere Operaio, il cui fulcro di discussione è il nesso tra lavoro produttivo e lavoro riproduttivo, e che pertanto risulta rilevante dal punto di vista dei rapporti con la componente marxista della cultura politica italiana. Dello stesso anno sono Il Cerchio Spezzato, nato a Trento con un forte nesso con il movimento studentesco, e Anabasi, sorto a Milano e attivo soprattutto nell analisi del corpo e della sessualità, in relazione ai documenti che giungono dagli Stati Uniti, sulle cui basi si strutturano le riunioni del gruppo 4. Roma, dunque, non ha sicuramente il primato temporale nella costituzione di un movimento femminista o, perlomeno, di un soggetto formalizzato, visibile all esterno. Pertanto non è semplice rintracciare il momento esatto in cui quel qualcosa si è formato, a partire dall incontro di un gruppo di donne che si sono trovate a discutere di tematiche che le riguardavano. Il serbatoio da cui attingere le maggiori informazioni è sicuramente Archivia, l archivio e centro di documentazione femminista e studi sulle donne della Casa Internazionale delle donne di Roma che, come altri archivi di movimenti femministi, se da un lato risulta carente di documenti quali registrazioni e verbali di riunioni, dall altro stupisce per la ricchezza e la bellezza di manifesti, racconti e volantini che testimoniano un lavoro molto ampio su forme alternative per la divulgazione dei messaggi. Forme alternative ma anche fonti alternative, dal momento che sono caratterizzate da mancanze significative: spesso le carte sono non solo prive di date e nomi (il che rende il lavoro di ricostruzione quasi investigativo), ma anche decontestualizzate. Inoltre si ritrovano sparse negli archivi di singole donne, anche non appartenenti al movimento, o raccolte con 3 Cfr. anche, per il gruppo Demau, Aida Ribero, Una questione di libertà. Il femminismo degli anni Settanta, Rosenberg & Sellier, Torino 1999, pp Il gruppo era composto da una trentina di donne, intellettuali di diversa formazione (laiche e cattoliche) che cercavano di scoprire le radici della subordinazione della donna. 4 Per un approfondimento sui gruppi citati e sugli antecedenti e gli influssi statunitensi vedi: Lussana, Le donne e la modernizzazione, cit.; Diego Giacchetti, Nessuno ci può giudicare, DeriveApprodi, Roma rivista Snodi LT2 rev-07.indd 100

3 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 101 criteri definiti da esigenze contingenti in volumi da loro stesse curati. Si tratta comunque di testimonianze di una precoce volontà di lasciar traccia e della difficoltà di farlo in modi e linguaggi coerenti con la novità rappresentata dal movimento stesso e dalle sue peculiarità. Come scrivono due protagoniste: La mia amica Alma Sabatini ed io abbiamo notato una cosa singolare: abbiamo una serie di ciclostilati e di foglietti, tutti quanti senza data. Come mai? Vi era io credo, questo senso non so se del precario o dell assolutamente eterno per cui per molti di questi documenti non possiamo stabilire se sono del 1969 o del 70 o del 71, perché sono senza data 5. Dunque mentre in altre città italiane certi gruppi, certi nomi avevano già un identità e un programma, a Roma fino al nulla era venuto ancora alla luce. Il 1970 è l anno in cui viene steso il Manifesto di Rivolta femminile, uno dei gruppi più importanti e originali del panorama italiano. Le redattrici sono tre donne che si incontrano in primavera e che, per le loro stesse specificità, rappresentano bene le diverse anime del movimento e le varie correnti che da lì si formeranno, prendendo poi strade diverse. Si tratta di Carla Lonzi, Carla Accardi ed Elvira Banotti. Il tratto distintivo di Rivolta, a cui tutte le femministe romane riconoscono la funzione di grande madre 6 della riflessione femminista degli anni Settanta, appare dalle testimonianze essere quello di una sorta di cenacolo intellettuale, in cui si fa autocoscienza, ma non si organizza nessuna azione pratica. Ad ogni modo, come sostiene Marisa Rodano, non può essere un caso che in poche altre città il movimento femminista sia stato, negli anni 70, così ampio e vivace, così duraturo e così articolato come a Roma. Forse proprio perché, pur ignorandola e spesso negandone la validità, il femminismo romano aveva dietro di sé anni di 5 Viola Angelini, Alma Sabatini, Prime esperienze del neofemminismo in Italia. Un testo a due voci, in Anna Maria Crispino, a cura di, Esperienza storica femminile nell età moderna e contemporanea. Atti del seminario, vol. 2, UDI Circolo La Goccia, Roma 1989, p Intervista a Edda Billi, in Maria Pia Pizzolante, Il femminismo degli anni Settanta e l aborto, Tesi di laurea in Storia contemporanea, Università degli studi di Roma La Sapienza, a.a. 2007/2008, p rivista Snodi LT2 rev-07.indd 101

4 102 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE battaglia di migliaia e migliaia di donne, di militanti, di dirigenti espresse dal popolo 7. Anche per questo motivo è difficile individuare con precisione quale sia la cellula originaria del movimento romano, che conterrà al suo interno decine di gruppi, divisi su tematiche specifiche, appartenenze politiche ma per lo più di quartiere. Si tende però a considerare come capostipite del movimento il collettivo di via Pompeo Magno, che prenderà il nome di Movimento Femminista Romano 8, essendo del resto per visibilità e autorevolezza quello capace di meglio rappresentare la specificità di Roma. Il nome però verrà assunto solo a metà del Inizialmente, sui primi documenti o in occasione delle prime uscite, il collettivo aveva assunto il nome di Collettivo di Lotta Femminista. Come specifica Edda Billi in un intervista 9, Movimento Femminista Romano era diventato un nome troppo generico quando, nel 73 appunto, i gruppi di donne erano aumentati notevolmente, interessando tutte le categorie, dalle operaie alle hostess alle casalinghe. Così si optava per il nome della strada che ospitava la sede. Il Pompeo Magno è il gruppo che cercheremo di tratteggiare. Difficile rintracciare, come dicevamo, le singole protagoniste di quel momento e quindi riuscire a creare una mappa delle formazioni da cui esse provenivano. Sicuramente il legame con Rivolta fu forte, innanzitutto perché furono Roma e Milano le città in cui in un primo momento comparvero sulle mura copie del Manifesto di Rivolta femminile, e poi perché la natura stessa di questo gruppo lo portava ad essere la cellula da cui, come scrive Frabotta, quasi per un fenomeno di partenogenesi si sprigioneranno numerosi Collettivi di Lotta femminista, che in alcuni casi come quello romano si staccheranno e procederanno autonomamente 10. È un meccanismo particolare che sembra caratterizzare la formazione di questi primi gruppi, tanto che Spagnoletti sente il bisogno di spiegare come all interno di Rivolta ogni singolo gruppo si autogestisse sulla base di 7 Marisa Rodano, Donne comuniste a Roma, in Quaderni di storia delle donne comuniste, 1989, n. 3, p Il sostantivo Movimento, che tenderei ad usare per i discorsi sull intero femminismo anni Settanta, nel caso del Pompeo Magno compare come nome proprio: pertanto farò la differenza utilizzando la minuscola e la maiuscola. 9 Pizzolante, Il femminismo degli anni Settanta e l aborto, cit., p Bianca Maria Frabotta, Femminismo e lotta di classe in Italia ( ), cit., p. 38. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 102

5 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 103 un analisi complessiva di tutti i meccanismi, le dimensioni e i condizionamenti dell oppressione femminile 11. Ed è proprio la necessità di superare ogni forma di autoritarismo e di verticismo a portare i gruppi a rendersi indipendenti per realizzare un autentica autonomia: Essi hanno preso consistenza come realtà politica col nome di Collettivi di Lotta femminista 12. Ma più tardi, nel febbraio del 72, un comunicato di Rivolta stesso rivendica l autonomia da qualsiasi altro gruppo e soprattutto la differenza con i Collettivi di Lotta Femminista : Il gruppo di Rivolta femminile di Roma, insieme ai gruppi di Milano, Torino, Genova, desidera con questo scritto rendere noti il più largamente possibile e ribadire quanto segue: 1) Rivolta Femminile non ha leader e non l ha mai avuto. 2) Rivolta Femminile non ha mai inteso provocare né accettare un dialogo con il mondo maschile nemmeno in quelle occasioni in cui altre femministe partecipano. [ ] In questo momento, a un anno e mezzo dalle prime riunioni di Rivolta Femminile dopo la pubblicazione del nostro Manifesto (luglio 1970), desideriamo non lasciare nell incertezza la nostra identificazione: quei gruppi formatisi in seguito a Rivolta Femminile, ma che si sono dati il nome di Collettivi di Lotta Femminista non sono la nostra continuazione, come afferma R. Spagnoletti nel suo libro sui Movimenti femministi in Italia, perché Rivolta femminile esiste con i suoi gruppi di autocoscienza e ha avuto sempre una continuità di svolgimento sulle sue premesse. Con questo noi non neghiamo il dato di fatto che sul nascere del femminismo, ci si unisca nell entusiasmo con tante diversità che poi vanno separate per lasciare a ciascuna il suo campo di attuazione [ ] la miriade dei gruppi femministi per noi è la conferma che la differenziazione di ogni gruppo non è negativa poiché corrisponde alla scoperta delle molteplicità che compongono il mondo femminile 13. E questo vale per quello che si costituisce a Roma come Collettivo di Lotta femminista nel maggio del 1971 e che più tardi sarà il Movimento Femminista Romano. Testimonianza di questa filiazione non proprio diretta viene dalle interviste a Edda Billi 14, la quale sostiene che Carla Lonzi fu la prima a portare la riflessione nei termini della presa di coscienza 11 Rosalba Spagnoletti, I movimenti femministi in Italia, Savelli, Roma 1971, p Ibid. 13 Per l identificazione di Rivolta femminile, in Sottosopra, 1973, n. 1, p Roberta Tatafiore, A prova di donna, Cooperativa libera stampa, Roma 1990, p. 56; Pizzolante, Il femminismo degli anni Settanta e l aborto, cit., p rivista Snodi LT2 rev-07.indd 103

6 104 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE dell esclusione delle donne dall umanità. Anche Cloti Ricciardi afferma di aver partecipato ad alcune riunioni di Rivolta 15, prima di incontrarsi con le donne di Pompeo Magno, che la lasciano insoddisfatta per la chiusura verso l esterno. Così il futuro MFR di via Pompeo Magno si muove da subito in maniera diversa, uscendo nel sociale. Edda Billi ripete con insistenza che Rivolta era un pensatoio, un circolo intellettuale, chiuso verso l esterno, fondamentale per la riflessione che sviluppa e da cui prenderanno le mosse le protagoniste del futuro Pompeo Magno, differenziandosi proprio perché da subito si apriranno all esterno, usciranno fuori, andranno in fabbrica, nei mercati, nelle strade 16. Come raccontano le stesse protagoniste sulle pagine di Donnità 17, un libro da loro prodotto per documentare i primi anni di attività del collettivo, l atto costitutivo fu una mostra su La donna e la pubblicità che si tenne a piazza Navona il 9 maggio Il volantino che pubblicizzava la mostra e invitava alla partecipazione era un appello alla riflessione sul proprio ruolo e su quell immagine che veniva data per scontata e pertanto comunicata attraverso tutti i mass media. È la prima volta che usciamo allo scoperto, ancora non ci conoscono, scrivono su Donnità mentre raccontano quella giornata in cui raccoglievano su un quaderno indirizzi e adesioni di donne che avrebbero voluto continuare ad incontrare le artefici di quella mostra. La donna e la pubblicità segnava l esordio pubblico del movimento romano. I maggiori quotidiani dell epoca non danno notizia della mostra: nessun accenno sul Messaggero e su Paese Sera, nulla sul Corriere della Sera, e niente nemmeno sull Unità, 15 Ivi, p Ivi, p Donnità. Cronache del movimento femminista romano, pubblicazione del Centro di Documentazione del Movimento Femminista Romano (via Pompeo Magno 94), Roma s.d., p. 5: Si tratta di un libro collettivo perché non solo le azioni ma anche gli interventi individuali sono il frutto di un discorso comune; per conservargli questo carattere di elaborazione collettiva ogni avvenimento viene raccontato o introdotto da una compagna diversa, fra quelle presenti in una determinata azione o situazione. Inoltre, per quanto riguarda il rapporto con Rivolta femminile, si legge a p. 6: Rivolta Femminile esprimeva ed esprime la sua rivolta, la rivolta delle donne, con i metodi propri della cultura femminile, per questo rifiutava e rifiuta un certo tipo di rapporto con l esterno: stampa, manifestazioni ecc. anche se inteso a sensibilizzare larghi strati di donne. Noi, pur riconoscendoci nel loro modo di muoversi, volevamo farlo, in quel momento con la nostra energia, il nostro linguaggio e la nostra fantasia, anche nei luoghi e attraverso quelle azioni che erano stati i luoghi e le azioni tradizionalmente riservate ai maschi e dove la partecipazione delle donne, quando c era stata, si era rivelata essere, come nel quotidiano, nient altro che un apporto, un sostegno alle loro lotte. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 104

7 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 105 che in quei giorni è concentrata sull apertura della campagna elettorale per le provinciali e le comunali del giugno. D altra parte sono giorni intensi per la varietà di manifestazioni: il giorno prima molti giovani di ambo i sessi avevano sfilato da piazza Esedra a San Lorenzo per proclamare l opposizione all imperialismo USA; lo stesso giorno i pedonauti avevano marciato per 25 km dentro la cinta romana con lo scopo di raccogliere fondi per i popoli del Terzo mondo; organizzata dai giovani cattolici del gruppo Mani Tese, in una parrocchia del Prenestino si teneva inoltre una manifestazione divorzista che vide l intervento dei poliziotti chiamati dal sacerdote. Invece è un settimanale, Panorama 18, a raccontare la piazza Navona del 9 maggio: giornata scelta non a caso, in quanto festa della mamma, figura esaustiva della femminilità per la tradizione a cui le femministe cercavano di contrapporsi. L autore dell articolo parla di una dozzina di femministe tra i 15 e i 40 anni che avevano creato in meno di quattro metri quadrati, delimitati dai moduli tubolari usati per costruire ponteggi, su 20 metri di tela di sacco questa mostra sulla pubblicità oppressiva della donna. Si trattava di tante pagine pubblicitarie strappate da riviste e giornali, che ritraevano figure di donne rosee e sorridenti, contrapposte a immagini di donne in fabbrica e nelle manifestazioni di protesta che, come si leggeva nelle scritte che accompagnavano le immagini, erano il vero volto della donna oppressa. Il volantino che veniva distribuito conteneva una serie di domande provocatorie per le donne: - è vero che «se il tuo nome è donna, il tuo corpo esprime la tua esistenza, il senso della tua stessa vita?» - è vero che «la tua libertà sta nell avere la pelle più liscia?» - è vero che «sei innamorata del pavimento» che devi pulire ogni giorno? - è vero che per te «l amore è un diamante» o un automobile più grossa? - è vero che se sei madre hai solo figli maschi? Il mondo della pubblicità ti dice di «sì». Su ogni giornale e rivista che leggi, nelle strade che percorri, nel cinema che frequenti gli annunci pubblicitari proiettano una certa immagine di te come donna Stefano Camozzini, Basta con la donna fatta per vendere, in Panorama, 20 maggio 1971, p Archivia, Centro di documentazione internazionale Alma Sabatini, Fondo Pompeo Magno, fasc. 1, 1971, volantino maggio 1971; cfr. anche Donnità, cit., p. 12. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 105

8 106 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE Quello che è ancora il Collettivo di Lotta femminista nome temporaneo, scrive anche Panorama si è creato anche un logo: un pugno rosso racchiuso in un cerchio, simbolo del legame con la sinistra ma in una nuova veste femminile. La mostra è stata organizzata da poche donne riunite in casa di una di loro, Susan 20, e l autorizzazione alla Questura e al Comune è stata chiesta da Joanna Capra, una traduttrice italiana scomparsa di recente. Pareri discordanti sul numero delle adesioni vengono dalle organizzatrici e da Panorama : le prime dicono che a fine giornata hanno tanti indirizzi sul quaderno (sebbene abbiano notato la diffidenza delle donne, che dopo rapidi sguardi andavano via, laddove gli uomini incuriositi facevano domande); il settimanale invece scrive che a metà manifestazione c erano ancora solo cinque firme. In realtà probabilmente, sebbene tra metà e fine manifestazione le firme si siano solo raddoppiate, agli occhi della dozzina di organizzatrici gli indirizzi potevano essere tanti : la differenza di percezione è tale perché non ci si rende conto di come si sia avviata l attività di queste donne. In quel momento, infatti, erano soltanto poche amiche o conoscenti che si trovavano a parlare e sentire gli stessi problemi; non ancora il movimento che invaderà Roma nelle grandi manifestazioni del Un ultimo accenno all articolo di Panorama che dava notizia della mostra: l autore scrive che il gruppo di piazza Navona è la più recente di una decina di organizzazioni femministe. E aggiunge: la regola è tenere l incognito, non avere capi, diffidare degli uomini, parlare ciascuna a titolo individuale. Questa è la ragione della difficoltà nell individuare le protagoniste, il motivo della presenza dei soli nomi di alcune di loro anche nei documenti interni, e ciò rende difficile il censimento dei gruppi: la decina di cui parla il giornalista comprende plausibilmente anche le formazioni interne ai partiti, le sezioni o commissioni femminili. Dunque l oppressione ideologica e la tematica della donna-oggetto rappresentano due delle molle fondamentali del movimento, e queste rivendicazioni mettono in moto proteste che per essere veramente rivoluzionarie non possono utilizzare moduli maschili, ma si esprimono attraverso la non-violenza (considerata da sempre una prerogativa femminile, in contrapposizione all aggressività degli uomini), la creatività 20 Probabilmente è Susan Dubiner, la ragazza americana di cui parla Cloti Ricciardi (nell intervista di cui sopra), che si trovava a Roma per una borsa di studio e che venne a contatto con il femminismo qui, non in America, come si potrebbe presupporre pensando alle influenze americane di cui abbiamo detto. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 106

9 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 107 e la capacità di inventare nuovi linguaggi, nuovi stili, nuove forme di manifestazione pubblica. Così le mostre, gli sketch improvvisati in piazza, i volantini-fumetto, le testimonianze orali diventano i moduli espressivi dell altra metà del cielo, caratterizzando non solo l azione in quegli anni, ma anche la produzione di fonti. Inizia un lavoro di proselitismo che raccoglie donne per strada e le organizza attorno a centri, consultori, librerie, teatri, ma anche nei quartieri, nelle fabbriche, nelle scuole, usando tutti i mezzi di comunicazione possibili: Dal libro al documentario, dal giornale al dibattito, dal ciclostilato allo spettacolo, dal fumetto all happening; superando largamente i confini elitistici, intellettuali e borghesi della sua origine, per conquistare periferie proletarie e sottoproletarie, province depresse, masse di operaie e di casalinghe, per imporsi perentoriamente alla più riluttante opinione pubblica e divenire una costante del nostro panorama sociale e politico 21. Forse l enfasi di questo spunto di Ravaioli è conforme al clima creato dalle manifestazioni che invaderanno Roma tra il 75 e il 77, ma sicuramente è con questi strumenti che si avvia la trasformazione di un piccolo gruppo di donne riunite in casa in uno dei movimenti più duraturi degli anni Settanta. Nell Introduzione del numero di Memoria, la rivista che già nel 1981 inizia a riflettere e rendere pubblico il dibattito attorno ai nodi del femminismo e della storia delle donne, si legge: è attraverso le tematiche e le pratiche del corpo e della sessualità che il movimento femminista conosce una circolazione e un influenza sociali; il fenomeno del cosiddetto «femminismo diffuso» trova probabilmente qui un decisivo impulso 22. Ma è anche qui che si misura più direttamente con lo Stato, o meglio con i partiti della sinistra storica che, come dice Fiamma Lussana, riescono a neutralizzare la carica eversiva del movimento. Yasmine Ergas, analizzando questo passaggio fondamentale, individua nell accesso del 21 Carla Ravaioli, La donna, in Antonio Gambino et al., Dal 68 a oggi come siamo e come eravamo, Laterza, Roma-Bari 1979, p Memoria, 1987, n , p. 6. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 107

10 108 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE PCI all area di governo sia l abbassamento della soglia generale della conflittualità sociale sia il suo farsi promotore della canalizzazione dei conflitti emersi in quel decennio. Così anche il femminismo deve ridefinirsi e coniugare la proiezione nel life style politics col tentativo di organizzare le donne come interesse sociale particolare 23 : le donne si mobilitano in luoghi specifici, per esempio attraverso associazioni sindacali nei posti di lavoro o centri di produzione culturale, e riaffermano la vocazione universalistica quando si pongono come estranee al sistema socio-politico. Il nodo problematico tra sesso e genere richiama e riallaccia tanti altri fili, legati a loro volta da contraddizioni e nessi indissolubili: il personale e il politico, l individualismo liberale e la cultura marxista, la sessualità nel confronto pubblico-privato, la biologia e la storia, le differenze. Ognuno di questi temi apre discorsi infiniti e mette in campo diverse discipline. Ma non è questa la sede per darne conto. 23 Yasmine Ergas, Nelle maglie della politica. Femminismo, istituzioni e politiche sociali nell Italia degli anni 70, Franco Angeli, Milano 1986, p. 81. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 108

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi.

Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. Guida alla promozione, all adesione e al sostegno dell iniziativa europea Uno di Noi. 6 maggio 2013 Perché l embrione umano è già uno di noi Comitato italiano UNO DI NOI Lungotevere dei Vallati 10, 00186

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO

MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO MOVIMENTO STUDENTESCO E SINDACALE A ROVERETO CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo «Movimento studentesco e sindacale a Rovereto» raccoglie materiali versati congiuntamente da Quinto Antonelli,

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE

SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE SE UNA NOTTE D INVERNO UN NARRATORE Qualche appunto sul perché è importante, in questo inverno della politica, raccontare storie Giovanna Cosenza e Annamaria Testa Quando su NeU e Dis.amb.iguando abbiamo

Dettagli