Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo"

Transcript

1 Mariapia Pizzolante Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo Il femminismo, come altri movimenti sorti tra la fine degli anni Sessanta e gli anni Settanta, deve la sua origine a gruppi di donne incontratesi in diversi luoghi e momenti e poi entrati in comunicazione fra di loro. Non a torto questa è stata definita l epoca dell azione collettiva, la stagione dei movimenti, e una delle sue parole chiave è stata la partecipazione. Partecipazione che ha avuto le sue manifestazioni più originali nei comitati di quartiere, nei movimenti focalizzati sul territorio o su questioni legate al welfare o alle professioni 1. In questo panorama il femminismo risulta ancora una volta emblematico per il suo stesso sorgere inesorabilmente legato all esperienza del gruppo, anzi dei piccoli gruppi. Proprio per questo motivo tracciare un quadro preciso del femminismo italiano delle origini non è compito semplice, perché gli atti di nascita sono stati molteplici sia su un piano geografico che temporale. Le fonti storiografiche 2 sembrano concordare sul primato cronologico del gruppo Demau (Demistificazione-Autoritarismo), nato a Milano agli albori del 1966 con un chiaro intento di rottura con la società patriarcale e un programma definito da riunioni tra donne, a cui gli 1 Giovanni Moro, Anni Settanta, Einaudi, Torino 2007, pp ; cfr. anche Paul Ginsborg, Storia d Italia dal dopoguerra a oggi, Einaudi, Torino 1989; Francesco Barbagallo, progetto e direzione di, Storia dell Italia repubblicana, vol. 2, La trasformazione dell Italia. Sviluppo e squilibri, tomo 2, Istituzioni, movimenti, culture, Einaudi, Torino 1995; Marcello Flores, Alberto De Bernardi, Il Sessantotto, Il Mulino, Bologna 2003; Anna Bravo, A colpi di cuore, Laterza, Roma-Bari Cfr. Teresa Bertilotti, Anna Scattigno, a cura di, Il femminismo degli anni 70, Viella, Roma 2005; Fiamma Lussana, Le donne e la modernizzazione. Il neofemminismo degli anni Settanta, in Francesco Barbagallo, progetto e direzione di, Storia dell Italia repubblicana, vol. 3, L Italia nella crisi mondiale. L ultimo ventennio, tomo 2, Istituzioni, politiche, culture, Einaudi, Torino 1998; Bianca Maria Frabotta, Femminismo e lotta di classe in Italia ( ), Savelli, Roma rivista Snodi LT2 rev-07.indd 99

2 100 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE uomini verranno invitati solo per la discussione su temi specifici 3. Ma la maggior parte dei gruppi nasce tra il 1970 e il 1973, anno in cui vengono fondate anche riviste molto importanti come Sottosopra e Effe, riviste di donne per le donne, le cui redazioni si possono considerare gruppi specifici alla stregua degli altri. Il 1970 è l anno di Lotta Femminista, nato a Padova, formato in parte da donne provenienti da Potere Operaio, il cui fulcro di discussione è il nesso tra lavoro produttivo e lavoro riproduttivo, e che pertanto risulta rilevante dal punto di vista dei rapporti con la componente marxista della cultura politica italiana. Dello stesso anno sono Il Cerchio Spezzato, nato a Trento con un forte nesso con il movimento studentesco, e Anabasi, sorto a Milano e attivo soprattutto nell analisi del corpo e della sessualità, in relazione ai documenti che giungono dagli Stati Uniti, sulle cui basi si strutturano le riunioni del gruppo 4. Roma, dunque, non ha sicuramente il primato temporale nella costituzione di un movimento femminista o, perlomeno, di un soggetto formalizzato, visibile all esterno. Pertanto non è semplice rintracciare il momento esatto in cui quel qualcosa si è formato, a partire dall incontro di un gruppo di donne che si sono trovate a discutere di tematiche che le riguardavano. Il serbatoio da cui attingere le maggiori informazioni è sicuramente Archivia, l archivio e centro di documentazione femminista e studi sulle donne della Casa Internazionale delle donne di Roma che, come altri archivi di movimenti femministi, se da un lato risulta carente di documenti quali registrazioni e verbali di riunioni, dall altro stupisce per la ricchezza e la bellezza di manifesti, racconti e volantini che testimoniano un lavoro molto ampio su forme alternative per la divulgazione dei messaggi. Forme alternative ma anche fonti alternative, dal momento che sono caratterizzate da mancanze significative: spesso le carte sono non solo prive di date e nomi (il che rende il lavoro di ricostruzione quasi investigativo), ma anche decontestualizzate. Inoltre si ritrovano sparse negli archivi di singole donne, anche non appartenenti al movimento, o raccolte con 3 Cfr. anche, per il gruppo Demau, Aida Ribero, Una questione di libertà. Il femminismo degli anni Settanta, Rosenberg & Sellier, Torino 1999, pp Il gruppo era composto da una trentina di donne, intellettuali di diversa formazione (laiche e cattoliche) che cercavano di scoprire le radici della subordinazione della donna. 4 Per un approfondimento sui gruppi citati e sugli antecedenti e gli influssi statunitensi vedi: Lussana, Le donne e la modernizzazione, cit.; Diego Giacchetti, Nessuno ci può giudicare, DeriveApprodi, Roma rivista Snodi LT2 rev-07.indd 100

3 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 101 criteri definiti da esigenze contingenti in volumi da loro stesse curati. Si tratta comunque di testimonianze di una precoce volontà di lasciar traccia e della difficoltà di farlo in modi e linguaggi coerenti con la novità rappresentata dal movimento stesso e dalle sue peculiarità. Come scrivono due protagoniste: La mia amica Alma Sabatini ed io abbiamo notato una cosa singolare: abbiamo una serie di ciclostilati e di foglietti, tutti quanti senza data. Come mai? Vi era io credo, questo senso non so se del precario o dell assolutamente eterno per cui per molti di questi documenti non possiamo stabilire se sono del 1969 o del 70 o del 71, perché sono senza data 5. Dunque mentre in altre città italiane certi gruppi, certi nomi avevano già un identità e un programma, a Roma fino al nulla era venuto ancora alla luce. Il 1970 è l anno in cui viene steso il Manifesto di Rivolta femminile, uno dei gruppi più importanti e originali del panorama italiano. Le redattrici sono tre donne che si incontrano in primavera e che, per le loro stesse specificità, rappresentano bene le diverse anime del movimento e le varie correnti che da lì si formeranno, prendendo poi strade diverse. Si tratta di Carla Lonzi, Carla Accardi ed Elvira Banotti. Il tratto distintivo di Rivolta, a cui tutte le femministe romane riconoscono la funzione di grande madre 6 della riflessione femminista degli anni Settanta, appare dalle testimonianze essere quello di una sorta di cenacolo intellettuale, in cui si fa autocoscienza, ma non si organizza nessuna azione pratica. Ad ogni modo, come sostiene Marisa Rodano, non può essere un caso che in poche altre città il movimento femminista sia stato, negli anni 70, così ampio e vivace, così duraturo e così articolato come a Roma. Forse proprio perché, pur ignorandola e spesso negandone la validità, il femminismo romano aveva dietro di sé anni di 5 Viola Angelini, Alma Sabatini, Prime esperienze del neofemminismo in Italia. Un testo a due voci, in Anna Maria Crispino, a cura di, Esperienza storica femminile nell età moderna e contemporanea. Atti del seminario, vol. 2, UDI Circolo La Goccia, Roma 1989, p Intervista a Edda Billi, in Maria Pia Pizzolante, Il femminismo degli anni Settanta e l aborto, Tesi di laurea in Storia contemporanea, Università degli studi di Roma La Sapienza, a.a. 2007/2008, p rivista Snodi LT2 rev-07.indd 101

4 102 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE battaglia di migliaia e migliaia di donne, di militanti, di dirigenti espresse dal popolo 7. Anche per questo motivo è difficile individuare con precisione quale sia la cellula originaria del movimento romano, che conterrà al suo interno decine di gruppi, divisi su tematiche specifiche, appartenenze politiche ma per lo più di quartiere. Si tende però a considerare come capostipite del movimento il collettivo di via Pompeo Magno, che prenderà il nome di Movimento Femminista Romano 8, essendo del resto per visibilità e autorevolezza quello capace di meglio rappresentare la specificità di Roma. Il nome però verrà assunto solo a metà del Inizialmente, sui primi documenti o in occasione delle prime uscite, il collettivo aveva assunto il nome di Collettivo di Lotta Femminista. Come specifica Edda Billi in un intervista 9, Movimento Femminista Romano era diventato un nome troppo generico quando, nel 73 appunto, i gruppi di donne erano aumentati notevolmente, interessando tutte le categorie, dalle operaie alle hostess alle casalinghe. Così si optava per il nome della strada che ospitava la sede. Il Pompeo Magno è il gruppo che cercheremo di tratteggiare. Difficile rintracciare, come dicevamo, le singole protagoniste di quel momento e quindi riuscire a creare una mappa delle formazioni da cui esse provenivano. Sicuramente il legame con Rivolta fu forte, innanzitutto perché furono Roma e Milano le città in cui in un primo momento comparvero sulle mura copie del Manifesto di Rivolta femminile, e poi perché la natura stessa di questo gruppo lo portava ad essere la cellula da cui, come scrive Frabotta, quasi per un fenomeno di partenogenesi si sprigioneranno numerosi Collettivi di Lotta femminista, che in alcuni casi come quello romano si staccheranno e procederanno autonomamente 10. È un meccanismo particolare che sembra caratterizzare la formazione di questi primi gruppi, tanto che Spagnoletti sente il bisogno di spiegare come all interno di Rivolta ogni singolo gruppo si autogestisse sulla base di 7 Marisa Rodano, Donne comuniste a Roma, in Quaderni di storia delle donne comuniste, 1989, n. 3, p Il sostantivo Movimento, che tenderei ad usare per i discorsi sull intero femminismo anni Settanta, nel caso del Pompeo Magno compare come nome proprio: pertanto farò la differenza utilizzando la minuscola e la maiuscola. 9 Pizzolante, Il femminismo degli anni Settanta e l aborto, cit., p Bianca Maria Frabotta, Femminismo e lotta di classe in Italia ( ), cit., p. 38. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 102

5 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 103 un analisi complessiva di tutti i meccanismi, le dimensioni e i condizionamenti dell oppressione femminile 11. Ed è proprio la necessità di superare ogni forma di autoritarismo e di verticismo a portare i gruppi a rendersi indipendenti per realizzare un autentica autonomia: Essi hanno preso consistenza come realtà politica col nome di Collettivi di Lotta femminista 12. Ma più tardi, nel febbraio del 72, un comunicato di Rivolta stesso rivendica l autonomia da qualsiasi altro gruppo e soprattutto la differenza con i Collettivi di Lotta Femminista : Il gruppo di Rivolta femminile di Roma, insieme ai gruppi di Milano, Torino, Genova, desidera con questo scritto rendere noti il più largamente possibile e ribadire quanto segue: 1) Rivolta Femminile non ha leader e non l ha mai avuto. 2) Rivolta Femminile non ha mai inteso provocare né accettare un dialogo con il mondo maschile nemmeno in quelle occasioni in cui altre femministe partecipano. [ ] In questo momento, a un anno e mezzo dalle prime riunioni di Rivolta Femminile dopo la pubblicazione del nostro Manifesto (luglio 1970), desideriamo non lasciare nell incertezza la nostra identificazione: quei gruppi formatisi in seguito a Rivolta Femminile, ma che si sono dati il nome di Collettivi di Lotta Femminista non sono la nostra continuazione, come afferma R. Spagnoletti nel suo libro sui Movimenti femministi in Italia, perché Rivolta femminile esiste con i suoi gruppi di autocoscienza e ha avuto sempre una continuità di svolgimento sulle sue premesse. Con questo noi non neghiamo il dato di fatto che sul nascere del femminismo, ci si unisca nell entusiasmo con tante diversità che poi vanno separate per lasciare a ciascuna il suo campo di attuazione [ ] la miriade dei gruppi femministi per noi è la conferma che la differenziazione di ogni gruppo non è negativa poiché corrisponde alla scoperta delle molteplicità che compongono il mondo femminile 13. E questo vale per quello che si costituisce a Roma come Collettivo di Lotta femminista nel maggio del 1971 e che più tardi sarà il Movimento Femminista Romano. Testimonianza di questa filiazione non proprio diretta viene dalle interviste a Edda Billi 14, la quale sostiene che Carla Lonzi fu la prima a portare la riflessione nei termini della presa di coscienza 11 Rosalba Spagnoletti, I movimenti femministi in Italia, Savelli, Roma 1971, p Ibid. 13 Per l identificazione di Rivolta femminile, in Sottosopra, 1973, n. 1, p Roberta Tatafiore, A prova di donna, Cooperativa libera stampa, Roma 1990, p. 56; Pizzolante, Il femminismo degli anni Settanta e l aborto, cit., p rivista Snodi LT2 rev-07.indd 103

6 104 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE dell esclusione delle donne dall umanità. Anche Cloti Ricciardi afferma di aver partecipato ad alcune riunioni di Rivolta 15, prima di incontrarsi con le donne di Pompeo Magno, che la lasciano insoddisfatta per la chiusura verso l esterno. Così il futuro MFR di via Pompeo Magno si muove da subito in maniera diversa, uscendo nel sociale. Edda Billi ripete con insistenza che Rivolta era un pensatoio, un circolo intellettuale, chiuso verso l esterno, fondamentale per la riflessione che sviluppa e da cui prenderanno le mosse le protagoniste del futuro Pompeo Magno, differenziandosi proprio perché da subito si apriranno all esterno, usciranno fuori, andranno in fabbrica, nei mercati, nelle strade 16. Come raccontano le stesse protagoniste sulle pagine di Donnità 17, un libro da loro prodotto per documentare i primi anni di attività del collettivo, l atto costitutivo fu una mostra su La donna e la pubblicità che si tenne a piazza Navona il 9 maggio Il volantino che pubblicizzava la mostra e invitava alla partecipazione era un appello alla riflessione sul proprio ruolo e su quell immagine che veniva data per scontata e pertanto comunicata attraverso tutti i mass media. È la prima volta che usciamo allo scoperto, ancora non ci conoscono, scrivono su Donnità mentre raccontano quella giornata in cui raccoglievano su un quaderno indirizzi e adesioni di donne che avrebbero voluto continuare ad incontrare le artefici di quella mostra. La donna e la pubblicità segnava l esordio pubblico del movimento romano. I maggiori quotidiani dell epoca non danno notizia della mostra: nessun accenno sul Messaggero e su Paese Sera, nulla sul Corriere della Sera, e niente nemmeno sull Unità, 15 Ivi, p Ivi, p Donnità. Cronache del movimento femminista romano, pubblicazione del Centro di Documentazione del Movimento Femminista Romano (via Pompeo Magno 94), Roma s.d., p. 5: Si tratta di un libro collettivo perché non solo le azioni ma anche gli interventi individuali sono il frutto di un discorso comune; per conservargli questo carattere di elaborazione collettiva ogni avvenimento viene raccontato o introdotto da una compagna diversa, fra quelle presenti in una determinata azione o situazione. Inoltre, per quanto riguarda il rapporto con Rivolta femminile, si legge a p. 6: Rivolta Femminile esprimeva ed esprime la sua rivolta, la rivolta delle donne, con i metodi propri della cultura femminile, per questo rifiutava e rifiuta un certo tipo di rapporto con l esterno: stampa, manifestazioni ecc. anche se inteso a sensibilizzare larghi strati di donne. Noi, pur riconoscendoci nel loro modo di muoversi, volevamo farlo, in quel momento con la nostra energia, il nostro linguaggio e la nostra fantasia, anche nei luoghi e attraverso quelle azioni che erano stati i luoghi e le azioni tradizionalmente riservate ai maschi e dove la partecipazione delle donne, quando c era stata, si era rivelata essere, come nel quotidiano, nient altro che un apporto, un sostegno alle loro lotte. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 104

7 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 105 che in quei giorni è concentrata sull apertura della campagna elettorale per le provinciali e le comunali del giugno. D altra parte sono giorni intensi per la varietà di manifestazioni: il giorno prima molti giovani di ambo i sessi avevano sfilato da piazza Esedra a San Lorenzo per proclamare l opposizione all imperialismo USA; lo stesso giorno i pedonauti avevano marciato per 25 km dentro la cinta romana con lo scopo di raccogliere fondi per i popoli del Terzo mondo; organizzata dai giovani cattolici del gruppo Mani Tese, in una parrocchia del Prenestino si teneva inoltre una manifestazione divorzista che vide l intervento dei poliziotti chiamati dal sacerdote. Invece è un settimanale, Panorama 18, a raccontare la piazza Navona del 9 maggio: giornata scelta non a caso, in quanto festa della mamma, figura esaustiva della femminilità per la tradizione a cui le femministe cercavano di contrapporsi. L autore dell articolo parla di una dozzina di femministe tra i 15 e i 40 anni che avevano creato in meno di quattro metri quadrati, delimitati dai moduli tubolari usati per costruire ponteggi, su 20 metri di tela di sacco questa mostra sulla pubblicità oppressiva della donna. Si trattava di tante pagine pubblicitarie strappate da riviste e giornali, che ritraevano figure di donne rosee e sorridenti, contrapposte a immagini di donne in fabbrica e nelle manifestazioni di protesta che, come si leggeva nelle scritte che accompagnavano le immagini, erano il vero volto della donna oppressa. Il volantino che veniva distribuito conteneva una serie di domande provocatorie per le donne: - è vero che «se il tuo nome è donna, il tuo corpo esprime la tua esistenza, il senso della tua stessa vita?» - è vero che «la tua libertà sta nell avere la pelle più liscia?» - è vero che «sei innamorata del pavimento» che devi pulire ogni giorno? - è vero che per te «l amore è un diamante» o un automobile più grossa? - è vero che se sei madre hai solo figli maschi? Il mondo della pubblicità ti dice di «sì». Su ogni giornale e rivista che leggi, nelle strade che percorri, nel cinema che frequenti gli annunci pubblicitari proiettano una certa immagine di te come donna Stefano Camozzini, Basta con la donna fatta per vendere, in Panorama, 20 maggio 1971, p Archivia, Centro di documentazione internazionale Alma Sabatini, Fondo Pompeo Magno, fasc. 1, 1971, volantino maggio 1971; cfr. anche Donnità, cit., p. 12. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 105

8 106 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE Quello che è ancora il Collettivo di Lotta femminista nome temporaneo, scrive anche Panorama si è creato anche un logo: un pugno rosso racchiuso in un cerchio, simbolo del legame con la sinistra ma in una nuova veste femminile. La mostra è stata organizzata da poche donne riunite in casa di una di loro, Susan 20, e l autorizzazione alla Questura e al Comune è stata chiesta da Joanna Capra, una traduttrice italiana scomparsa di recente. Pareri discordanti sul numero delle adesioni vengono dalle organizzatrici e da Panorama : le prime dicono che a fine giornata hanno tanti indirizzi sul quaderno (sebbene abbiano notato la diffidenza delle donne, che dopo rapidi sguardi andavano via, laddove gli uomini incuriositi facevano domande); il settimanale invece scrive che a metà manifestazione c erano ancora solo cinque firme. In realtà probabilmente, sebbene tra metà e fine manifestazione le firme si siano solo raddoppiate, agli occhi della dozzina di organizzatrici gli indirizzi potevano essere tanti : la differenza di percezione è tale perché non ci si rende conto di come si sia avviata l attività di queste donne. In quel momento, infatti, erano soltanto poche amiche o conoscenti che si trovavano a parlare e sentire gli stessi problemi; non ancora il movimento che invaderà Roma nelle grandi manifestazioni del Un ultimo accenno all articolo di Panorama che dava notizia della mostra: l autore scrive che il gruppo di piazza Navona è la più recente di una decina di organizzazioni femministe. E aggiunge: la regola è tenere l incognito, non avere capi, diffidare degli uomini, parlare ciascuna a titolo individuale. Questa è la ragione della difficoltà nell individuare le protagoniste, il motivo della presenza dei soli nomi di alcune di loro anche nei documenti interni, e ciò rende difficile il censimento dei gruppi: la decina di cui parla il giornalista comprende plausibilmente anche le formazioni interne ai partiti, le sezioni o commissioni femminili. Dunque l oppressione ideologica e la tematica della donna-oggetto rappresentano due delle molle fondamentali del movimento, e queste rivendicazioni mettono in moto proteste che per essere veramente rivoluzionarie non possono utilizzare moduli maschili, ma si esprimono attraverso la non-violenza (considerata da sempre una prerogativa femminile, in contrapposizione all aggressività degli uomini), la creatività 20 Probabilmente è Susan Dubiner, la ragazza americana di cui parla Cloti Ricciardi (nell intervista di cui sopra), che si trovava a Roma per una borsa di studio e che venne a contatto con il femminismo qui, non in America, come si potrebbe presupporre pensando alle influenze americane di cui abbiamo detto. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 106

9 Il Pompeo Magno da piccolo gruppo a collettivo 107 e la capacità di inventare nuovi linguaggi, nuovi stili, nuove forme di manifestazione pubblica. Così le mostre, gli sketch improvvisati in piazza, i volantini-fumetto, le testimonianze orali diventano i moduli espressivi dell altra metà del cielo, caratterizzando non solo l azione in quegli anni, ma anche la produzione di fonti. Inizia un lavoro di proselitismo che raccoglie donne per strada e le organizza attorno a centri, consultori, librerie, teatri, ma anche nei quartieri, nelle fabbriche, nelle scuole, usando tutti i mezzi di comunicazione possibili: Dal libro al documentario, dal giornale al dibattito, dal ciclostilato allo spettacolo, dal fumetto all happening; superando largamente i confini elitistici, intellettuali e borghesi della sua origine, per conquistare periferie proletarie e sottoproletarie, province depresse, masse di operaie e di casalinghe, per imporsi perentoriamente alla più riluttante opinione pubblica e divenire una costante del nostro panorama sociale e politico 21. Forse l enfasi di questo spunto di Ravaioli è conforme al clima creato dalle manifestazioni che invaderanno Roma tra il 75 e il 77, ma sicuramente è con questi strumenti che si avvia la trasformazione di un piccolo gruppo di donne riunite in casa in uno dei movimenti più duraturi degli anni Settanta. Nell Introduzione del numero di Memoria, la rivista che già nel 1981 inizia a riflettere e rendere pubblico il dibattito attorno ai nodi del femminismo e della storia delle donne, si legge: è attraverso le tematiche e le pratiche del corpo e della sessualità che il movimento femminista conosce una circolazione e un influenza sociali; il fenomeno del cosiddetto «femminismo diffuso» trova probabilmente qui un decisivo impulso 22. Ma è anche qui che si misura più direttamente con lo Stato, o meglio con i partiti della sinistra storica che, come dice Fiamma Lussana, riescono a neutralizzare la carica eversiva del movimento. Yasmine Ergas, analizzando questo passaggio fondamentale, individua nell accesso del 21 Carla Ravaioli, La donna, in Antonio Gambino et al., Dal 68 a oggi come siamo e come eravamo, Laterza, Roma-Bari 1979, p Memoria, 1987, n , p. 6. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 107

10 108 Fonti dell io - Fonti del noi MARIAPIA PIZZOLANTE PCI all area di governo sia l abbassamento della soglia generale della conflittualità sociale sia il suo farsi promotore della canalizzazione dei conflitti emersi in quel decennio. Così anche il femminismo deve ridefinirsi e coniugare la proiezione nel life style politics col tentativo di organizzare le donne come interesse sociale particolare 23 : le donne si mobilitano in luoghi specifici, per esempio attraverso associazioni sindacali nei posti di lavoro o centri di produzione culturale, e riaffermano la vocazione universalistica quando si pongono come estranee al sistema socio-politico. Il nodo problematico tra sesso e genere richiama e riallaccia tanti altri fili, legati a loro volta da contraddizioni e nessi indissolubili: il personale e il politico, l individualismo liberale e la cultura marxista, la sessualità nel confronto pubblico-privato, la biologia e la storia, le differenze. Ognuno di questi temi apre discorsi infiniti e mette in campo diverse discipline. Ma non è questa la sede per darne conto. 23 Yasmine Ergas, Nelle maglie della politica. Femminismo, istituzioni e politiche sociali nell Italia degli anni 70, Franco Angeli, Milano 1986, p. 81. rivista Snodi LT2 rev-07.indd 108

Introduzione * La riflessione è ripresa dal saggio di Anna Scattigno in questo volume; cfr. p. 163, nota n. 10.

Introduzione * La riflessione è ripresa dal saggio di Anna Scattigno in questo volume; cfr. p. 163, nota n. 10. Introduzione * Carla Lonzi è tornata. L attenzione che femministe e studiose di varie discipline le hanno riservato in questi ultimissimi anni è stata davvero rilevante; non è pertanto superfluo interrogarsi

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

IDEOLOGIA GENDER QUANTA CONFUSIONE!

IDEOLOGIA GENDER QUANTA CONFUSIONE! IDEOLOGIA GENDER QUANTA CONFUSIONE! Dopo quasi due anni di riflessioni, incontri, seminari, discussioni e dibattiti che come Direttivo abbiamo avuto l occasione di seguire, sentiamo che è arrivato il momento

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

1970-1980: il movimento femminista in Alto Adige

1970-1980: il movimento femminista in Alto Adige 76 1970-1980: il movimento femminista in Alto Adige La presenza del movimento femminista in Alto Adige agli inizi degli anni Settanta fu un fenomeno esclusivamente cittadino, prevalentemente italiano,

Dettagli

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni

L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni L uso del territorio nella vita quotidiana: alimentazione e tradizioni Cercare le origini Qualunque sia l attività umana studiata il medesimo errore aspetta al varco i ricercatori di origini : confondere

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità?

Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Nuovi poteri e/o nuove responsabilità? Antinomie degli effetti del movimentismo femminile sulla bioetica Liana M. Daher Dipartimento di Scienze della Formazione Università degli Studi di Catania daher@unict.it

Dettagli

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa)

Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) Indagine sulle Pari Opportunità rivolta agli studenti e alle studentesse dell Università di Roma Tre (Nota Integrativa) 1. Introduzione Questa indagine nasce per fare luce su come il tema delle pari opportunità

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa

In collaborazione con. www.edilportale.com/pianocasa In collaborazione con l iniziativa edilportale tour 2010 PIANO CASA le istituzioni viaggiano in ordine sparso Con questa iniziativa intendiamo fare il punto della situazione operando un monitoraggio dell

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado

Fondazione Pirelli Educational. Scuola secondaria di I grado Fondazione Pirelli Educational 2015 2016 Laboratori Fondazione Pirelli Per l anno scolastico 2015-2016 la Fondazione organizza un programma gratuito di percorsi didattici e creativi rivolto alle scuole

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne

Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne 25 Novembre 2013 Giornata internazionale per l eliminazione della violenza contro le donne il nostro impegno l iniziativa di Torino 22 Novembre 2013 Organizzata dal segretario dell Utl Luca Pantanella

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Donne salute e medicina di Angelica Vitiello

Donne salute e medicina di Angelica Vitiello Donne salute e medicina di Angelica Vitiello Negli anni 70 il femminismo esplode portando sulla scena politica il corpo delle donne. Una generazione imprevista di donne getta lo scompiglio nei partiti,

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA. Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO TERZO BIENNIO-CLASSE QUINTA PRIMARIA DISCIPLINA:STORIA Anno scolastico 2013/2014 INSEGNANTE:FEDERICA REDOLFI STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe quinta

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città.

riportare quindi il centro del nostro mondo tra le mura della nostra città. magazine free press Firenze Urban Lifestyle è un magazine freepress che nasce dalla volontà di dare energia alla forza intrinseca della città di Firenze. La nostra redazione vuole dar voce a realtà e situazioni

Dettagli

PROGETTO INTEGRATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ NELLE SCUOLE RACCOLTA DI PERCORSI DIDATTICI

PROGETTO INTEGRATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ NELLE SCUOLE RACCOLTA DI PERCORSI DIDATTICI PROGETTO INTEGRATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ NELLE SCUOLE RACCOLTA DI PERCORSI DIDATTICI PIPOL Progetto Integrato per le Pari Opportunità nelle scuole, progetto finanziato con la Misura E1 Linea di intervento

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it

G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it G.C.A.R. IL NODO Via Zandonai 19 10154 TORINO tel: +39 011 201538 fax: +39 011 200262 e-mail: ilnodo@iol.it Persona di riferimento: Andrea Procellana Tipologia di attività svolte: SITUAZIONE DI RIFERIMENTO:

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Alino Ducceschi, sestese di origini toscane, sindacalista della Fiom, tecnico dell azienda Oronzio De Nora Impianti elettrochimici, ha versato alla Fondazione

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

La riforma del diritto di famiglia

La riforma del diritto di famiglia Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Scienze Politiche Corso di Laurea Specialistica in Scienze della Politica e del Governo Nuovo ordinamento La riforma del diritto di famiglia Il ruolo dell'udi

Dettagli

Vediamone una alla volta.

Vediamone una alla volta. SESSUALITÀ: SI APRE UN MONDO! Non lasciarti ingannare anche tu. SESSUALITÀ È TUTTA LA PERSONA UMANA. Secondo il modello proposto da Fabio Veglia 1, l esperienza della sessualità umana si organizza intorno

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 1.1.1

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Il Giardino segreto: una storia illustrata

Il Giardino segreto: una storia illustrata Il Giardino segreto: una storia illustrata a cura di Anna Pellizzi Che cosa fare: prima leggi il libro, poi commenta e illustra la storia. Sarà un modo piacevole e divertente per approfondire la lettura.

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA

CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA CINEMA E FORMAZIONE IL CINEMA CHE STA NEL MONDO CHE STA NEL CINEMA appunti sul convegno tenutosi a Milano, Università degli studi Bicocca, il 17 e 18 ottobre 2003 venerdì 17 Intervento di Gianni Canova,

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

Volti e orizzonti del volontariato

Volti e orizzonti del volontariato 33 Convegno nazionale delle Caritas Diocesane Volti e orizzonti del volontariato Indagine sul volontariato giovanile nel contesto delle Caritas diocesane 1 Torino, 22-25 giugno 2009 Indice Il percorso

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE:

SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: Convegno SIMPe SS La sfida del terzo millennio La Medicina delle Persone Sane LA SALUTE AFFETTIVA E SESSUALE: un progetto di intervento Prof. Roberta Giommi Direttore Istituto Internazionale di sessuologia

Dettagli

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS

CENTRO DI ASCOLTO CARITAS CENTRO DI ASCOLTO CARITAS PROGETTO OPERATIVO Parrocchia SS Pietro e Paolo TURATE Oggi le persone hanno più bisogno di ascolto che di parole. Soltanto quando diamo ascolto all altro con attenzione e non

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna.

Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Prevenzione della recidiva e messa alla prova: le opinioni e l esperienza degli operatori dell Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni di Bologna. Di Gabriele Prati * e Sara Nascetti ** Riassunto: esistono

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile

Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la Festa della donna. Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile Ogni anno, l 8 Marzo si celebra la "Festa della donna". Ma perché è stata istituita? E perché proprio l 8 Marzo? Questa data ricorda una terribile tragedia, avvenuta l 8 Marzo 1908, a New York, negli Stati

Dettagli

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE

RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE RELAZIONE FINALE DOL 2008/2009 LA MAGIA DEL NATALE L arrivo del Natale porta nella Scuola dell Infanzia inevitabili suggestioni di festa, di regali e di sorprese, esercita un fascino particolare nella

Dettagli

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO

Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it. Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI ALTINO Premessa Il Museo, situato all interno dell'area archeologica

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Scuola Media Statale di Carmagnola

Scuola Media Statale di Carmagnola Scuola Media Statale di Carmagnola RICERCA DELLA CLASSE III F PROGETTO GHISA Anno scolastico 2005/06. Temi sviluppati: 1. L esperienza delle 150 ore nella Scuola Media di Carmagnola. 2. Ambiente di lavoro

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO

L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO L EDUCAZIONE AI MEDIA PROMOSSA DAGLI ENTI LOCALI Marco Grollo - PROGETTO AVIANO Negli ultimi anni i media sono sempre più al centro dell attenzione, per la loro sempre più rapida diffusione, soprattutto

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale La gestione creativa dei conflitti L ARTE STRATEGICA DI GESTIRE I CONFLITTI (L autodifesa conversazionale) Potenziare la capacità di gestione delle dinamiche conflittuali e di trarre occasioni di crescita

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

Stiamo svolgendo una ricerca sul modo in cui i/le ragazzi/e della tua età compiono

Stiamo svolgendo una ricerca sul modo in cui i/le ragazzi/e della tua età compiono Dipartimento di Psicologia Gaetano Kanizsa Stiamo svolgendo una ricerca sul modo in cui i/le ragazzi/e della tua età compiono la scelta post-diploma. Ti chiediamo di partecipare a questa ricerca compilando

Dettagli

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Progetto realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Sommario L idea e gli obiettivi... 1 La funzione degli RLS tra limiti e opportunità... 2 Il KIT OMERO... 4 Pari

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA MANUALE PER IL docente II EDIZIONE A.S. 2014-2015 ATTIVITÀ FORMATIVE PER LA SCUOLA DELL INFANZIA 1 INDICE Il progetto 03 Scambio di generazioni 04 Crescendo si scambia in 4 mosse 05 Certi giochi sono sempre

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Convinzioni e Convenzioni

Convinzioni e Convenzioni Convinzioni e Convenzioni Il mio background accademico è l Antropologia Culturale, la scienza sociale che si occupa dello studio dell uomo dal punto di vista delle sue manifestazioni culturali, ossia quegli

Dettagli

I media e la politica

I media e la politica I media e la politica Rapporto media e politica 1) Media subordinati al sistema politico 2) Media che influenzano il sistema politico 3) Rapporto di negoziazione e reciproca influenza tra media e politica

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

La Casa del popolo di Faenza. Presentazione del libro di Salvatore Banzola. Vera Zamagni

La Casa del popolo di Faenza. Presentazione del libro di Salvatore Banzola. Vera Zamagni La Casa del popolo di Faenza Presentazione del libro di Salvatore Banzola Vera Zamagni ripercorrere: Ci sono tre registri di lettura nel libro di Banzola che vorrei qui brevemente 1) I luoghi. I 35 cattolici

Dettagli

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014

PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI AVIO SCUOLA PRIMARIA DI AVIO E SABBIONARA PIANO ANNUALE DI LAVORO Anno scolastico 2013/2014 Classe 2^ STORIA GEOGRAFIA Docenti M.Cristina Eccheli Barbara Marinelli STORIA COMPETENZE

Dettagli

Aggressività: violenza, furti e bullismo

Aggressività: violenza, furti e bullismo Aggressività: violenza, furti e bullismo Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo di compilazione (es. per primo questionario completato

Dettagli