Tessuti e centralità nella morfologia urbana di Roma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tessuti e centralità nella morfologia urbana di Roma"

Transcript

1 A08 120

2

3 Antonio Cappuccitti Tessuti e centralità nella morfologia urbana di Roma ARACNE

4 Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: dicembre 2006

5 5 Indice Introduzione. Tessuti e centralità nella morfologia urbana di Roma 7 Capitolo primo Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 1.1 Gli obiettivi di base della ricerca Il metodo e le categorie di lettura Le scansioni storiche: motivazioni della scelta Roma. Generatori morfologici e impianti generatori Morfologia e principi insediativi. Strutture urbane 20 Capitolo secondo Spazi funzione e forme urbane. I luoghi del tempo libero 2.1 Spazi funzione: obiettivi e modalità di analisi Roma. Gli spazi e le funzioni del tempo libero in tre epoche Piazza Navona Foro Italico Villaggio dei divertimenti The Village 70 Capitolo terzo Le misure 3.1 Misure di Tessuti e Forme aperte: elementi di una lettura diacronica Schede di misura di parti urbane morfologicamente omogenee 83 Riferimenti bibliografici 109

6

7 7 Introduzione Tessuti e centralità nella morfologia urbana di Roma Questo libro illustra sinteticamente alcuni dei risultati di un percorso di ricerca concernente diversi aspetti della morfologia urbana di Roma, nel quale l autore si è impegnato presso il Dipartimento di Architettura e Urbanistica per l Ingegneria dell Università degli Studi di Roma La Sapienza. Si tratta di contributi elaborati nell ambito della partecipazione a due ricerche universitarie di interesse nazionale, coordinate da Elio Piroddi, incentrate sullo studio dei caratteri della forma urbana e degli usi della città che nel tempo storico esplicano un peculiare potenziale morfogenetico nei confronti dell assetto fisico dei sistemi insediativi. La prima ricerca, svoltasi a partire dal 1999, aveva come titolo Morfogenesi dello spazio urbano. Storia, usi, progetto; la seconda, che si è svolta in continuità con la prima e con l obiettivo di approfondirne i temi trattati e gli obiettivi, si è intitolata invece Costruzione di un Atlante dello spazio urbano in Italia. Entrambe le suddette ricerche, delle quali si sintetizzano i principali obiettivi più avanti, si sono caratterizzate per un metodo di analisi e sperimentazione che ha visto impegnate le unità operative di nove diverse Università italiane 1 nella ricerca comune di itinerari metodologici, categorie di lettura e forme di rappresentazione dei risultati tesi a favorire l analisi comparata di fatti urbani e caratteri morfologici delle nove rispettive città di appartenenza, a partire da una serie di analisi sui rispettivi contesti urbani operate sulla base di criteri unificati. Il contributo che viene qui esposto illustra momenti di ricerca esperiti nell ambito del coordinamento nazionale delle due ricerche posto in atto dall unità di Roma, al quale l autore della presente pubblicazione ha collaborato. I testi e gli elaborati esposti, in questo senso, costituiscono l esito di una azione iterativa di sperimentazione e confronto che ha portato in una prima fase all individuazione di percorsi e griglie di lettura unificati per le diverse sedi, e quindi, in un secondo tempo, all effettuazione di studi mirati sulle specificità del singolo caso urbano, nella prospettiva di un analisi comparata conclusiva estesa ai nove casi urbani di studio. Una parte delle sintesi e degli elaborati qui illustrati è destinata ad essere compresa, opportunamente integrata, nella pubblicazione conclusiva dei risultati delle 1 Le ricerche Morfogenesi dello spazio urbano. Storia, Usi, Progetto e Costruzione di un Atlante dello spazio urbano in Italia hanno impegnato nove unità di ricerca di altrettante sedi universitarie. Il responsabile nazionale è stato Elio Piroddi, i responsabili locali sono stati: Fabio Bronzini (Ancona), Franco Selicato (Bari), Roberto Busi (Brescia), Giancarlo Deplano (Cagliari), Paola Di Biagi (Ferrara per la sede di Venezia), Paolo Giovannini (Firenze), Bruno Gabrielli (Genova), Pier Paolo Balbo di Vinadio (Reggio Calabria), Claudia Mattogno (Roma).

8 8 suddette ricerche di interesse nazionale. La presente pubblicazione è da intendersi, quindi, come una sintesi in progress dei risultati concernenti gli specifici campi di ricerca indagati dall autore, nell ambito delle suddette iniziative di ricerca di interesse nazionale. La morfologia urbana di Roma è stata analizzata da punti di vista diversi e complementari, in modo congruente con il sistema degli obiettivi comuni delle due ricerche che viene esposto sinteticamente nel primo capitolo. Una prima parte della ricerca, della quale si tratta nel primo capitolo, ha riguardato l analisi dei tessuti insediativi e della struttura urbana della città, nell ottica di porre in evidenza nelle sue peculiarità i caratteri e le mutue correlazioni tra queste due componenti fondamentali della forma urbana, e in particolare l evoluzione di detti caratteri nel corso del tempo storico. Questa parte della ricerca, di carattere propriamente morfologico, ha richiesto come momento iniziale l individuazione di un metodo e di categorie di lettura espressamente mirati alla comparazione delle peculiarità delle forme urbane di contesti diversi. Direttamente connessa a questa prima azione di ricerca, incentrata su aspetti morfologici e strutturali di scala urbana, è stata l elaborazione di misure urbane applicate ad un campione significativo di tessuti urbani e di altri tipi di forme insediative. Queste misure, sintetizzate in schede delle quali si riporta un campione nel terzo capitolo, hanno consentito di porre in rilievo diversi aspetti qualiquantitativi della forma urbana, che rivestono una particolare rilevanza nell evidenziare i mutamenti delle forme e dei principi insediativi nel tempo e i rapporti caratteristici tra spazio pubblico e spazio privato della città in epoche diverse. Una seconda parte della ricerca, trattata nel secondo capitolo, ha riguardato lo studio di particolari funzioni urbane, caratterizzate tipicamente nel tempo storico da un peculiare potenziale morfogenetico nei confronti della conformazione dell insediamento urbano, e contraddistinte da un elevato contenuto di socialità nell ambito della cultura della città (funzioni religiose, civiche, culturali, commerciali, ricreative). Vengono qui illustrati sinteticamente, in particolare, alcuni dei risultati di ricerca concernenti una delle suddette funzioni morfogenetiche, la funzione ricreativa, che è stata analizzata nell ambito dello studio di un campione significativo di spazi urbani rappresentativi di epoche diverse. L analisi diacronica dei caratteri della funzione urbana è stata operata parallelamente allo studio degli spazi urbani che nel corso della storia hanno ospitato detta funzione, coerentemente con gli obiettivi di base delle due ricerche di interesse nazionale, tesi ad una lettura del nesso che lega alcuni particolari contenuti funzionali della città con i caratteri morfologici degli spazi urbani e dell evoluzione nel tempo di questo nesso. Roma, ottobre 2006

9 Capitolo Primo Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 1.1 Gli obiettivi di base della ricerca 1.2 Il metodo e le categorie di lettura 1.3 Le scansioni storiche: motivazioni della scelta 1.4 Roma. Generatori morfologici e impianti generatori 1.5 Morfologia e principi insediativi. Strutture urbane

10

11 Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 1.1 Gli obiettivi di base della ricerca I contributi di ricerca che vengono illustrati in questo libro si inquadrano nella ricerca di interesse nazionale Morfogenesi dello spazio urbano. Storia, usi, progetto, svoltasi a partire dal 1999 e coordinata da Elio Piroddi. Come si è evidenziato nell introduzione, la ricerca ha impegnato nove unità operative di diverse sedi universitarie italiane, che hanno svolto analisi e studi sulle rispettive città di appartenenza adottando la metodica dell analisi comparata sul campo, e si è imperniata su una lettura diacronica della morfologia delle nove città articolata su due differenti scale: quella della struttura urbana e delle parti riconoscibili alla dimensione urbana come morfologicamente omogenee, e quello di alcuni spazi e forme urbane strutturanti, generati da tipi particolari di funzioni urbane caratterizzate da elevato grado di permanenza nella storia e da peculiari potenzialità morfogenetiche sulla forma della città. Il presente capitolo riguarda il primo dei due campi di ricerca citati, ed illustra nello specifico una serie di azioni e risultati di ricerca concernenti la morfologia urbana della città di Roma. La prima parte della ricerca Morfogenesi dello spazio urbano ha riguardato una lettura della forma alla scala dell intera città, e si è basata in particolare sul riconoscimento di parti urbane omogenee per conformazione e caratteri dei tessuti edificati, e sull individuazione del sistema dei luoghi centrali e delle relazioni urbane strutturanti. Questa parte della ricerca ha compreso inoltre una serie di misure su campioni significativi di tessuto urbano, concernenti indicatori e parametri dimensionali, di conformazione interna, di densità, di relazioni quantitative tra spazi privati e pubblici. Questa lettura della struttura urbana e del sistema delle parti morfologicamente omogenee, come anche la seconda parte della ricerca, ha inteso porre in evidenza la processualità diacronica dei fatti urbani analizzati, ed è stata riferita, per questo, a tre diverse epoche definite convenzionalmente come premoderna (la città costruita fino all Unità d Italia), moderna (dall Unità al 1945) e contemporanea. Nell operare letture di scala urbana, e tese ad individuare le relazioni tra insieme delle parti urbane omogenee e struttura della città, nonché l evoluzione diacronica di dette relazioni, la ricerca si è posta l obiettivo di base di evidenziare principi insediativi ed evolutivi peculiari della forma della città, ponendo in rilievo caratteri e modalità dei diversi processi descritti, nell ottica di una comparazione di casi urbani notevoli destinata a concludersi con la pubblicazione coordinata dei risultati relativi ad ognuna delle nove città.

12 12 Capitolo Primo 1.2 Il metodo e le categorie di lettura Le azioni di ricerca esperite sono state finalizzate, nella fase di elaborazione preliminare e di analisi della morfologia urbana, alla costruzione di quadri per una lettura sinottica di differenti elementi e aspetti costitutivi della città fisica: Parti urbane morfologicamente omogenee, classificate in base a distinzioni relative alla conformazione dei rispettivi tessuti (grana, modularità, complessità, forma d impianto correlazioni tra le parti costitutive ecc.); Assi infrastrutturali caratterizzati da valenza strutturante per la forma urbana, e distinti in Assi di livello territoriale, urbani primari, urbani secondari, ferrovie; Centralità urbane, distinte in base ai criteri dello specifico carattere e contenuto (Centralità funzionali, morfologiche, ambientali, miste), del rango (di livello territoriale, di settore urbano, locali), della conformazione (Centralità puntuali, luoghi centrali lineari - Assi commerciali o direzionali -, invasi spaziali, emergenze edilizie speciali). La classificazione delle Parti urbane morfologicamente omogenee ha posto in rilievo il sistema insediativo della città nelle peculiarità morfologiche di carattere estensivo delle sue forme costitutive. La lettura del sistema degli assi e delle centralità, invece, ha consentito di porre in evidenza i caratteri della Struttura urbana, della quale dette componenti della città costituiscono gli elementi costitutivi. Di queste due componenti fondamentali della forma urbana, le Parti urbane morfologicamente omogenee e la Struttura urbana, sono stati analizzati i caratteri morfologici e le mutue correlazioni, ma soprattutto l evoluzione diacronica nel tempo storico. La scelta della scala di lettura per l analisi generale della morfologia urbana (1 : per la città pre-moderna, 1 : per la città moderna e contemporanea), ha costituito un ipotesi operativa di base determinante per la selezione del quadro delle categorie d analisi, e si è basata sull obiettivo di un analisi morfologica tesa ad una lettura sia delle specificità morfologiche generali di tessuti, parti ed elementi urbani che dei nessi di struttura di questi alla scala urbana. Per quanto riguarda il metodo operativo adottato nell elaborazione dei quadri di analisi, quindi, si è proceduto nell ordine all individuazione delle parti morfologicamente omogenee, delle centralità e degli assi strutturanti. La parte relativa alle centralità, in particolare, è stata accompagnata dall analisi comparativa di diversi rilevanti studi e ricerche su Roma e sull Area romana riguardo a questo tema (in particolare: studi storici sulla forma urbis vedi riferimenti bibliografici a pag. 110, analisi morfologiche e proposte di assetto policentrico dell Area metropolitana di Roma elaborate da diversi Autori, esposte in particolare in

13 Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 13 AA.VV., IRSPEL: Libro bianco sull Area romana, Roma 1990; Ricerca sulle microcittà del Comune di Roma CRESME: Centralità, nuove municipalità, i- dentità - anno 1995, USPR - Comune di Roma, 1996; Studi sul sistema delle centralità esistenti e di progetto elaborati nell ambito della formazione del Nuovo Piano Regolatore adottato nel 2003, altri studi e ricerche). Per quanto attiene alle classificazioni delle Parti urbane morfologicamente omogenee, per ottenere distinzioni chiare ed univoche si è effettuata la lettura in base a due macro-categorie principali di analisi: Tessuti e Forme aperte, con i seguenti significati delle due espressioni. Tessuto urbano: forma insediativa nella quale è riconoscibile una stretta congruenza tra impianto viario e trama edilizia, che non si limita alla giustapposizione ordinata tra trama viaria, isolati e lotti, ma che si evidenzia anche nel fatto che gli assi stradali e gli assi di giacitura dei corpi edilizi sono prevalentemente paralleli. Forme aperte: forme insediative prive della complementarità morfologica trama viaria - edificato caratteristica del tessuto, perché l idea di città sottesa al progetto unitario delle parti è stata programmaticamente in antitesi con l impianto a tessuto della tradizione urbana, oppure perché nello sviluppo progressivo e per singoli isolati è andato perduto il rapporto di tradizionale complementarità di forma tra strada ed edificio. In base a questa accezione, si sono classificate senza ulteriori distinzioni entro la categoria di lettura forme aperte morfologie insediative anche sostanzialmente diverse, dalle parti basate su progetti unitari di derivazione funzionalista fino alle estese parti urbane caratteristiche delle periferie consolidate che si caratterizzano talvolta per una conformazione anche regolare della trama viaria, ma per un a- spetto composito ed irregolare delle aggregazioni edilizie. Articolate distinzioni, al contrario, sono state operate per le parti urbane classificabili entro i tessuti. In questo caso, la distinzione tra le diverse tipologie di forme insediative ha compreso la classificazione sulla base di due aspetti fondamentali: la morfologia generale d impianto e la grana dei tessuti. La morfologia d impianto descrive sinteticamente i differenti modi con i quali il reticolo viario disegna isolati e lotti nei quali si dispone la trama edilizia, che potremmo sintetizzare con l impiego di un limitato numero di aggettivi ed e- spressioni: Intricato compatto. Esiste diretta complementarità tra trama edilizia e spazio della circolazione e collettivo (tessuto compatto). La conformazione planimetrica è irregolare e non riconducibile al modello geometrico del reticolo. Reticolare. La conformazione della trama viaria ed edilizia mostra la presenza di un reticolo. Potranno essere classificati con questo aggettivo sia tessuti caratterizzati da spiccata regolarità geometrica del reticolo (intendendo quindi

14 14 Capitolo Primo l aggettivo reticolare come sinonimo di modulare) sia tessuti meno regolari nei quali il reticolo non deriva dalla giustapposizione di un modulo. Radiocentrico. La presenza di una polarità/centralità morfologica determina la conformazione polarizzata del tessuto. Organico. La conformazione a flessi e priva di modularità geometrica della trama viaria mostra comunque complementarità tra spazio della strada e lotti edificatori. Composito. Il tessuto si presenta unitario e compiuto nella dimensione e nell immagine complessiva, ma è composto al suo interno da parti caratterizzate da morfologie d impianto e da grane dimensionali diverse, la dimensione delle quali non consente di effettuare più minute distinzioni alla scala nella quale effettuiamo l analisi. E il caso, ad esempio, di insediamenti esito di un progetto unitario ispirato al recupero della forma - tessuto, nei quali è stata deliberatamente ricercata una peculiare e riconoscibile tematizzazione morfologica delle diverse parti costitutive del tessuto. Frammenti di tessuto. Parti urbane compiute che si configurano come elementi dotati dei caratteri morfologici tipici del tessuto quanto a rapporto tra edificato e trama viaria, ma la cui ridotta estensione non consente di parlare propriamente di tessuto. E il caso, ad esempio, di parti compiute che si presentano con l immagine caratteristica di elementi modulari di tessuto, i quali non si ripetono iterativamente nel territorio in una trama un numero di volte sufficiente a costruire un tessuto. Per quanto riguarda le aree della città occupate da edifici e complessi specializzati per grandi attrezzature e da edifici e complessi produttivi e commerciali, si è proceduto ad una classificazione basata semplicemente sui detti contenuti funzionali, per quanto queste aree costituiscano una aliquota rilevante del sistema insediativo di Roma. Una classificazione univoca propriamente morfologica di queste zone è infatti impossibile e priva di significato, dato il composito e variegato repertorio di modalità insediative che le caratterizza. La grana del tessuto, distinta in grossa, media, fine, indica in modo generale e qualitativo la dimensione planimetrica media del reticolo viario e degli isolati, per alcune delle tipologie di tessuto indicate (reticolare e organico). Si sono distinti, cosi, tessuti reticolari a grana grossa, media, fine, tessuti organici a grana media e fine. Il criterio per le distinzione dei diversi tipi di grana di un dato tipo di tessuto è stato individuato sulla base del metodo iterativo di verifica adottato per la ricerca, a valle di una prima azione di classificazione e di comparazione di tutte le parti morfologicamente omogenee per le tre scansioni temporali. E stata adottata una definizione della grana indipendente dalla densità edilizia e quindi dall altezza dei volumi, ma dipendente invece unicamente da misure e conformazioni di carattere planimetrico. E risultato necessario distinguere, al fi-

15 Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 15 ne di ottenere distinzioni dotate di sufficiente precisione ed univocità, due criteri classificatori diversi per la grana di tessuti reticolari e organici: 1. Grana di tessuti reticolari. Elemento di base per definire il tipo di grana è la dimensione dei corpi edilizi continui che costituiscono gli isolati. Un tessuto urbano reticolare con isolati anche di ampia dimensione, ognuno dei quali costituito però da molteplici lotti di piccola dimensione occupati da edilizia u- ni/bifamiliare o da edifici a blocco con scala singola con dimensioni d ingombro planimetrico massimo di 25 m. circa (es. palazzine ), è a grana fine, quale che sia la dimensione dell isolato. Un tessuto urbano reticolare con isolati occupati da corpi edilizi continui a più scale (es. organizzati a corte), è invece definito a grana media o grossa, a seconda delle dimensioni dell edificato proposte appresso. Può essere a grana media il tessuto reticolare con dimensione planimetrica lineare dei corpi edilizi continui con più scale fino a un massimo di 60 metri circa, a grana grossa dalla suddetta dimensione in su. 2. Grana di tessuti organici. Per i tessuti organici costituiti in ampia prevalenza da edilizia a blocco a scala singola di dimensioni medio/piccole o u- ni/bifamiliare, in lotti con verde pertinenziale, l elemento di distinzione tra grana fine e media sarà la dimensione del lotto. Può essere a grana fine il tessuto organico con dimensione planimetrica lineare dei lotti edificati fino a metri mediamente, a grana media dalla suddetta dimensione in su. Oltre alle suddette individuazioni di definizioni e di categorie di lettura fondamentali, di rilevanza centrale per la ricerca, gli obiettivi di analisi diacronica della forma urbana alla base dello studio hanno indicato come necessaria una puntuale definizione di una serie di ulteriori termini notevoli (Generatori morfologici, Impianti generatori, Principi insediativi), peraltro già presenti con accezioni differenziate nel campo disciplinare dell analisi morfologica della città, il cui significato adottato dallo studio è chiarito più avanti. 1.3 Le scansioni storiche: motivazioni della scelta Conformemente all obiettivo di una lettura diacronica delle analisi in differenti momenti storici significativi, come abbiamo già evidenziato, sono stati individuati tre diversi periodi di riferimento: quello relativo alla città storica, o meglio alla città premoderna, costruita prima del 1870, quello della città moderna, costruita fino al 1945, quello della città contemporanea, che ha preso forma dal 1945 ai giorni nostri. Le motivazioni della scelta di questi periodi, ed in particolare dei loro momenti storici iniziali e conclusivi, coerentemente con la natura e gli obiettivi della ri-

16 16 Capitolo Primo cerca si basano su un duplice criterio, legato rispettivamente ai caratteri propriamente morfologici dell evoluzione della forma urbana ed agli aspetti legati al mutare nel tempo di quelle funzioni urbane - che è come dire di quegli usi della città da parte della comunità urbana che la vive - che da sempre hanno avuto rilevanza centrale nel dare forma alla città fisica nel suo complesso ed ai suoi spazi collettivi e centrali in particolare. Come per ogni specifica realtà urbana, del resto, i particolari momenti topici della Storia che possono delimitare lassi di tempo aggettivabili come premoderno, moderno, contemporaneo sono in parte legati a caratteri specifici del singolo caso urbano di Roma, e possono essere assunti in modo univoco solo accettando la necessaria semplificazione operativa di leggere in una serie di momenti discreti fatti evolutivi che hanno gradualmente maturato i propri contenuti in una complessa e articolata serie di episodi notevoli. Per quanto riguarda l itinerario evolutivo della forma fisica della città, letto alla scala degli assetti strutturali urbani e delle conformazioni dei tessuti, la tripartizione di periodi assunta rende conto delle specificità di tre differenti momenti notevoli della Storia urbana romana, e quindi dei caratteri globali delle relative conformazioni della struttura morfologica della Città: la città della storia preunitaria, che nell articolata struttura compatta del proprio tessuto mostra l esito fisico di una complessa stratificazione di eventi su un ambito territoriale ben limitato, la città post-unitaria e della cospicua espansione fino al secondo conflitto mondiale, nella quale la crescita insediativa per nuove addizioni urbane collima con il potere morfogenetico di antiche e nuove infrastrutture e con il succedersi di differenti politiche urbane, la città contemporanea, con il moltiplicarsi delle logiche insediative e delle idee di città caratterizzanti le tante differenti parti del suo intenso sviluppo. Per quanto attiene invece all evoluzione di contenuti degli usi e delle funzioni urbane, la collocazione storica dei tre periodi di analisi risponde all obiettivo di leggere negli aspetti essenziali le permanenze e modificazioni nelle funzione urbane oggetto di analisi, in relazione agli effetti salienti di queste sulla conformazione dello spazio urbano: la stratificazione complessa di usi e funzioni urbane della città storica, la progressiva specializzazione di talune specie di usi urbani e la rilevanza delle mutate condizioni di accessibilità nella città moderna, i molteplici mutamenti nella natura dei modi d uso nella città contemporanea, nella quale la permanenza nel lungo periodo di talune tradizionali forme di uso dello spazio - e della relativa importanza in termini di determinazione della forma urbana - sembra accompagnarsi per altri usi ad un sostanziale scollamento tra rilevanza delle funzioni e potere morfogenetico sulla struttura insediativa e sui tessuti urbani.

17 Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 17 Per la lettura diacronica delle analisi nelle tre sezioni storiche significative, sono stati predisposti differenti riferimenti cartografici come base delle elaborazioni. Città pre-moderna: Nuova Pianta di Roma di Giovan Battista Nolli, 1748; Città moderna: Carta d Italia I.G.M., 1949; Città contemporanea: Carta Tecnica Regionale della Regione Lazio, Date le particolari specificità del caso urbano di Roma, sotto il profilo dell assetto strutturale e della morfologia dei tessuti, si è operata la scelta di limitare le elaborazioni e le analisi all ambito urbano delimitato dall anello autostradale del Grande Raccordo Anulare, per ciò che riguarda lo studio relativo alla città moderna e contemporanea. Questo assumendo la validità dell ipotesi che all interno di questo limite territoriale sia presente l intera gamma di situazioni urbane rilevanti per l analisi della morfologia urbana, attenendo invece più propriamente all analisi morfologica alla scala territoriale - data l estensione e le particolari interrelazioni di carattere metropolitano del Comune di Roma - lo studio di altre forme insediative presenti nel rimanente territorio dell Area romana. 1.4 Roma. Generatori morfologici e impianti generatori Nel corso della sua storia plurisecolare, Roma ha espanso e contratto la propria popolazione e la propria estensione fisica per più volte, e in misura singolare sotto il profilo quantitativo. Se solo si confrontano la città all epoca del compimento dell Unità d Italia e la città contemporanea, in centoquarantacinque anni la popolazione ha avuto un incremento di circa quattordici volte, mentre a fronte di questo il territorio urbanizzato si è moltiplicato in estensione di ben cinquanta volte. Parimenti, l evoluzione della struttura della città, dall epoca premoderna a quella contemporanea, ha costituito il riflesso di una stratificazione di eventi per certi versi assolutamente unica nella storia e di singolare complessità, nel corso della quale il rapporto tra fattori morfogenetici dell assetto urbano e conformazione delle invarianti territoriali ha assunto connotazioni complesse e multiformi. Nel corso di un evoluzione urbana così peculiare, alcuni elementi fondamentali della morfologia territoriale ed alcuni segni dell antropizzazione di scala territoriale hanno svolto un ruolo morfogenetico o di riferimento invariante sulla struttura della città con sostanziale continuità. Diversi altri hanno assunto e perduto successivamente questo ruolo in modo specifico e limitatamente ad alcuni momenti o periodi storici, in relazione all espansione complessiva della città ed alle sue modalità di sviluppo in quella particolare epoca. Distingueremo nel seguito, per questo, la sintetica descrizione dei generatori morfologici e degli impianti generatori per le tre epoche premoderna, moderna, contemporanea.

18 18 Capitolo Primo L accezione dell espressione generatore morfologico utilizzata è quella di elemento naturale o della morfologia orografica territoriale che ha inciso in misura determinante sulla conformazione fisica del sistema insediativo e della struttura urbana nel suo complesso. L espressione di impianto generatore è invece riferita a quei sistemi di elementi che hanno esplicato nel tempo la stessa funzione morfogenetica e strutturante descritta sopra per i generatori morfologici, ma che costituiscono segni importanti dell attività antropica, come è il caso delle strade di antico impianto. La città premoderna La più estesa e dettagliata descrizione dei generatori morfologici e degli impianti generatori della città di Roma, dall epoca dell insediamento preistorico alla città contemporanea, è quella operata nel celebre studio muratoriano Studi per una operante storia urbana di Roma. 1 Anche da questo sono tratti alcuni dei sintetici elementi di lettura morfologica che si riportano di seguito. Generatori morfologici di base della Roma antica sono il corso del fiume Tevere ed il sistema di rilievi collinari avente come baricentro il Colle Palatino. La Roma quadrata della tradizione varroniana, fortificata da una cinta di mura con quattro porte, era sita sul Palatino, colle dai pendii acclivi posto in posizione dominante rispetto al fiume. Il primo abitato si articola su quattro regioni collinari in base a principi insediativi dominati dalla presenza dei rilievi, Suburana, Esquilina, Collina, Palatina. La cinta delle mura serviane, attorno alle quattro regioni, costituisce il primo attestamento del sistema delle antiche strade, in corrispondenza delle nove porte principali. L espansione urbana antica, con la sua massima dimensione di età imperiale, interessa in fasi successive le aree di pianura del Campo Marzio e site oltre il Tevere e i colli Viminale ed Esquilino. Anche all epoca della massima espansione del sistema dei grandi contenitori pubblici e della rete viaria, la forma urbana mostra un articolazione che, ad eccezione del sistema impostato sulla via Lata, non è morfologicamente riconducibile a forti elementi ordinatori alla scala urbana, ed è per antonomasia variegata e dotata di nessi strutturali autonomi e molteplici nelle sue singole parti costitutive. La Roma compresa entro le Mura Aureliane assume in una stratificazione di momenti successivi, in relazione a differenti operazioni di ristrutturazione urbana, importanti elementi di riferimento dell impianto. Della prima metà del Cinquecento sono l apertura del rettifilo di Via Giulia e l ampliamento della via Lata, mentre è nel che Sisto V imprime un decisivo impulso alla riorganiz- 1 Saverio Muratori, Renato Bollati, Sergio Bollati, Guido Marinucci: Studi per una operante storia urbana di Roma, Centro Studi di Storia Urbanistica, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma 1963.

19 Invarianti territoriali, morfologie insediative, struttura urbana 19 zazione urbana con il rafforzamento del Tridente viario imperniato su Piazza del Popolo, l individuazione per opera del Fontana di un impianto di sviluppo stellare incentrato sulle principali basiliche, il posizionamento strategico di vari obelischi. Questa rete di percorsi urbani rettilinei, con il sistema di elementi urbani singolari siti nei loro punti di convergenza, viene a costituire il maggiore e più determinante impianto generatore della Roma premoderna, fino all epoca post unitaria. La città moderna A fronte dell ampia molteplicità di principi insediativi alla base della forma urbana nelle sue diverse parti morfologicamente omogenee, anche l espansione urbana moderna e contemporanea vede nei segni dell orografia territoriale i suoi generatori morfologici maggiormente rilevanti. Gli andamenti delle acclività e dei crinali, in particolare, determinano una forma urbana congruente con la loro giacitura nella parte Nord e Ovest della città, nella quale prevale una conformazione planoaltimetricamente articolata del territorio, mentre nei quadranti Est e Sud il prevalere di aree pianeggianti determina conformazioni insediative dovute ad altri tipi di fattori. In epoca moderna, diversi rilevanti momenti di pianificazione hanno determinato conformazioni degli impianti urbani che in alcuni casi denotano una programmata aderenza ai caratteri orografici del sito: dalle conformazioni radiocentriche di insediamenti come i quartieri di Piazza Mazzini, Re di Roma, Bologna, pianificati nell ambito del Piano del Sanjust del 1909, agli impianti organici dei quartieri Città-giardino Aniene e Garbatella. Impianto generatore di base, alla scala urbana e territoriale, è il reticolo radiale delle strade consolari e delle altre infrastrutture radiali principali, unitamente, in misura subordinata all impianto viario radiocentrico, alla rete delle connessioni anulari. La città contemporanea Nell epoca contemporanea la forma urbis riflette il moltiplicarsi delle modalità e principi insediativi, e la complessità e discontinuità nel tempo dei momenti di pianificazione e riorganizzazione urbana, ma anche la molteplicità delle forme dell insediamento di origine abusiva, presente nella periferia in misura imponente. La struttura dei generatori morfologici, in questo quadro, esplica un ruolo differenziato nei differenti quadranti dell espansione periferica. Il quadrante urbano Ovest presenta una giacitura longitudinale dei crinali e delle acclività in direzione Nord-Sud, parallela ai corsi d acqua principali che

20 20 Capitolo Primo confluiscono nel Tevere a Sud della città. Questo ha determinato, alla scala urbana, una strutturazione morfologica dell insediamento prevalentemente per settori disposti in senso anulare rispetto al centro città, accanto alle originarie e cospicue espansioni radiali lungo le strade consolari. Anche il quadrante nord presenta una complessa articolazione planoaltimetrica che si riflette in termini morfologici sulla struttura dell insediamento, sia per le parti programmate che per quelle di origine spontanea. Nei quadranti urbani Sud ed Est, nei quali il supporto orografico è prevalentemente pianeggiante, i fattori morfogenetici di tipo antropico prevalgono su quelli di carattere orografico e naturale. Nel settore Est, in particolare, l impianto radiale determinato dagli assi territoriali di antico impianto ha costituito nel Novecento il più rilevante elemento catalizzatore del sistema insediativo; questo ha determinato una conformazione radiale alla scala territoriale dell insediamento. In epoca più recente, lo sviluppo incrementale dei tessuti ha avuto luogo in misura cospicua lungo direttrici anulari, rispetto all impianto radiale delle antiche strade. L estremo limite di questa evoluzione degli impianti generatori è ben rappresentato dall effetto volano per l insediamento assunto dall anello viario di carattere autostradale del Grande Raccordo Anulare e da alcune importanti connessioni autostradali; effetto che si esplica su insediamenti di natura funzionale diversa, ma in particolare su attrezzature di servizio pubbliche e private di rango metropolitano e su insediamenti di funzioni speciali, particolarmente sensibili a condizioni di ottimale accessibilità determinate dalle infrastrutture viarie ad elevato scorrimento. 1.5 Morfologia e principi insediativi. Strutture urbane La città premoderna La città rappresentata nella Nuova Carta di Roma di Giovan Battista Nolli del 1748 è quella completamente compresa entro la cinta della antiche Mura Aureliane (del II sec. d.c.), più volte ristrutturata, che racchiude aree per oltre 1370 ettari. Entro questo perimetro murario è compreso il nucleo urbano che presenta i segni di stratificazione maggiormente leggibili e di lungo periodo: il cuore di Roma antica entro l ansa fluviale di Campo Marzio, della città morta, di Trastevere e del Vaticano, più volte costruita e ricostruita nell arco di oltre venticinque secoli; l espansione barocca e tardo-barocca sino all inizio del XIX secolo, imperniata sul Tridente viario principale convergente in Piazza del Popolo. L articolazione morfologica della città al 1748 presenta due tipologie fondamentali di conformazione del tessuto, che fanno riscontro ad epoche di formazione diverse e a differenti livelli di stratificazione storico insediativa: Tessuti intri-

Tessuto urbano. di Antonio Cappuccitti

Tessuto urbano. di Antonio Cappuccitti Tessuto urbano di Antonio Cappuccitti Come si è già rilevato nel capitolo Forme insediative, la forma fisica della città può essere analizzata a differenti scale di osservazione, a seconda dell estensione

Dettagli

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870

ROMA Capitale d Italiad Città e piani regolatori dal 1870 Universita degli studi di Roma La Sapienza - Facolta di Architettura L. Quaroni Corso di Laurea Specialistica Quinquennale in Architettura UE Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA a.a. 2008/2009 II semestre

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI

IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL PIANO PER LA CITTÀ DI VIENNA DEL 1858 VIENNA OGGI IL RING DI VIENNA L'azione urbanistica più nota della Vienna del XIX secolo èla realizzazione del RING (1859.1872), nella quale si esprimono gli elementi

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Storia della città e dell urbanistica Verso una legislazione urbanistica moderna

Storia della città e dell urbanistica Verso una legislazione urbanistica moderna Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia della città e dell urbanistica Verso una legislazione urbanistica

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 7 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito urbano è collocato intorno all asse della via Emilia nella porzione est rispetto al centro città. In particolare esso è

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale

I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale SEMINARIO Il riclassamento delle unità immobiliari di Roma Capitale Roma, 16 aprile 2014 I criteri alla base del processo di revisione parziale del classamento nelle microzone anomale di Roma Capitale

Dettagli

BUGNARA_Le pietre della ricostruzione, tra amnesie e memoria storica

BUGNARA_Le pietre della ricostruzione, tra amnesie e memoria storica BUGNARA_Le pietre della ricostruzione, tra amnesie e memoria storica workshop urbano_ 29/30/31 marzo 2012 p. 1 In collaborazione con Università degli studi dell Aquila Facoltà di Ingegneria Politecnico

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000

Milano (MI) PII Montecity Rogoredo. Scala 1:20.000 Milano (MI) PII Montecity Rogoredo Scala 1:20.000 Inquadramento territoriale Il Programma Integrato d Intervento interessa un area di circa 1.100.000 mq, collocata nel settore sud est di Milano, attualmente

Dettagli

1.5. Il centro storico 1.5.1. Un ambito urbano di pregio La ristretta fascia compresa fra la SP342dir. e la linea ferroviaria Carnate-Lecco è occupata dal centro storico, impostato sull unico asse viario

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

LABORATORIO DI ANALISI E PIANIFICAZIONE DELLA CITTÀ E DEL TERRITORIO

LABORATORIO DI ANALISI E PIANIFICAZIONE DELLA CITTÀ E DEL TERRITORIO LABORATORIO DI ANALISI E PIANIFICAZIONE DELLA CITTÀ E DEL TERRITORIO Corso di Pianificazione della città e del territorio Docente: Prof. A. Sarlo A.A. 2011-12 Lezione 1 Città, territorio e piano: dal dopoguerra

Dettagli

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE

LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE LA CITTA DI TRANSIZIONE: ECOLOGIA E ABITARE SOSTENIBILE IL PROGETTO PILOTA DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO PER LA RISOLUZIONE URBANISTICA DELLA MAGLIA 21 ESPANSIONE C2 SCOPRIAMO BARI: STRUMENTI

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia)

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Piogge, portate e qualità dei deflussi in fognatura nel periodo 1987-2006 Sergio Papiri Professore Associato di Costruzioni Idrauliche Dipartimento

Dettagli

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III SEDUTA INIZIALE 5 MAGGIO 2014 CONFERENZA URBANISTICA PERCORSO COMPLESSIVO 1. Seduta iniziale della conferenza municipale Illustrazione delle questioni, degli

Dettagli

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942

Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica in Italia: dalla legge 2359 alla legge 1150/1942 Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2014/2015 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Storia dalla città e dell urbanistica Sviluppo dell urbanistica

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per

In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri più importanti per Michele Stavagna STADTUMBAU BERLIN Rigenerazione urbana tra riqualificazione edilizia e memoria identitaria In buona parte distrutta al termine della II guerra mondiale dopo essere stata una dei centri

Dettagli

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE

ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE ALLEGATO 7 ANALISI DEL REGIME VEICOLARE Il sistema viario esistente e i livelli di traffico La Provincia di Vicenza, come buona parte del Nordest, si caratterizza per l accentuato policentrismo in prossimità

Dettagli

a) Città a scacchiera: intreccio ortogonale di strade che delimitano isolatri di forma quadrata. Si sono sviluppate su terreno pianeggiante.

a) Città a scacchiera: intreccio ortogonale di strade che delimitano isolatri di forma quadrata. Si sono sviluppate su terreno pianeggiante. La città a) Città a scacchiera: intreccio ortogonale di strade che delimitano isolatri di forma quadrata. Si sono sviluppate su terreno pianeggiante. Le direttrici di traffico sono due, perpendicolari

Dettagli

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano

Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Bolzano Ferroplan. Recupero dell area della stazione ferroviaria di Bolzano L ambito della trasformazione Il tema dell area ferroviaria di Bolzano

Dettagli

ANALISI ELABORATA DAL SICeT di ROMA e LAZIO

ANALISI ELABORATA DAL SICeT di ROMA e LAZIO ANALISI ELABORATA DAL SICeT di ROMA e LAZIO SU UN CAMPIONE DI CONTRATTI DI LOCAZIONE STIPULATI AI SENSI DELL ART. 2 COMMA 3 DELLA LEGGE 431/98 NELL AREA METROPOLITANA DI ROMA. E stato sviluppato uno studio

Dettagli

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino

Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino PROGETTO PER IL CONCORSO PER IL CENTRO DIREZIONALE DI TORINO 1 Progetto per il Concorso per il Centro direzionale di Torino B63f/1 Terzo premio Operazione 70-1970 L area destinata dal P.R.G. di Torino

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI

ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Aggiornato 01.07.05 ESAME DELL IMPATTO PAESISTICO DEI PROGETTI Applicato in forma sperimentale agli interventi edilizi maggiori. (Approvato ai sensi dell art. 30 delle Norme di Attuazione del Piano Territoriale

Dettagli

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste

Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste convegno relatore Maria Genovese Incentivi per la riqualificazione energetica: i crediti edilizi ed il regolamento del comune di trieste Nuovo Piano Regolatore Generale Comunale Le direttive Contenere

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna

Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna Sette città Strategie e progetti per il nuovo piano urbanistico di Bologna dopo 20 anni un nuovo Piano per Bologna A venti anni di distanza dall ultimo piano urbanistico generale, Bologna avvia il percorso

Dettagli

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento

Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2. Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento COMUNE DI CESSALTO Provincia di Treviso Piano Regolatore Generale NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ALLEGATO 2 Schede urbanistiche relative alle Unità Minime di Intervento Aggiornamento novembre 2006 N.B.:

Dettagli

vendita residenziale Corso d'italia salario / pinciano - roma Cod. 01VE1950 rigamontireagency.com grupporigamonti.com

vendita residenziale Corso d'italia salario / pinciano - roma Cod. 01VE1950 rigamontireagency.com grupporigamonti.com vendita residenziale Corso d'italia salario / pinciano - roma Cod. 01VE1950 grupporigamonti.com rigamontireagency.com vendita residenziale corso d'italia 00198 - salario - pinciano / Roma Codice 01VE1950

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

Tecnica e Pianificazione Urbanistica

Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Palermo - Scuola Politecnica Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Anno accademico 2014-2015 Tecnica e Pianificazione Urbanistica Prof. Ignazio Vinci Lezioni frontali La dimensione

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

relazione illustrativa

relazione illustrativa ALLEGATO relazione illustrativa Data Integrazione Via F. Rismondo n 29 Pisa tel. 050-564951 e-mail archit.pisa@libero.it Via Sarzanese Nord n 2762 Piano del Quercione (LU) tel. 0584-938967 e-mail archit.associati@libero.it

Dettagli

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche.

ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. ITINERARIO 1. Sito UNESCO Orto Botanico dell Università di Padova ; Centro storico di Padova; Anello fluviale di Padova e Mura storiche. Elaborazione su immagine tratta dal sito www.padovanavigazione.it

Dettagli

DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE.

DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE. DIRETTIVE PER IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA SU AREE PRIVATE. 1 ART. 1 OGGETTO DEL PROVVEDIMENTO Il presente provvedimento contiene le norme, le direttive e i criteri per l apertura, il trasferimento

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGRAMMI INTEGRATI DI INTERVENTO (P.I.I.): MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA CONCERTAZIONE IL SINDACO Allegato B Visto il Piano Regolatore Generale, approvato con

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a

COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a COMUNE DI BRESCIA TRIUMPLINA 43 PROGETTO DI TRASFORMAZIONE area ex IDRA - Violino Unita di intervento D.1a Progettista Committente Progetto Sede operativa: Via Massimo d'azeglio, 23 25128 Brescia T. +39

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Allegato n 2 Data:10/03/2015 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE n 13 art.63, 5 comma della L.R.5/2007 art.

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto Temi Giugno 2014 Prova pratico-grafica (6 ore) Tema n.1 Consideriamo un edificio

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

Consorzio ZAI Comune di Verona

Consorzio ZAI Comune di Verona Studio del Traffico PUA Consorzio ZAI Quadrante Europa Area rd Sommario 1 PREMESSA... 2 2 CONTENUTI DELLO STUDIO E ANTICIPAZIONE DEI RISULTATI... 2 3 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 5 4 SISTEMA INFRASTRUTTURALE

Dettagli

Nota Informativa_Viale Mazzini

Nota Informativa_Viale Mazzini GRUPPORIGAMONTI REAL ESTATE Nota Informativa_Viale Mazzini ROMA / Vendita COD. 02VE1292 Rigamonti Real Estate: International Advisor rigamontirealestate.com viale Giuseppe Mazzini L immobile è ubicato

Dettagli

Anno Accademico 2011-2012. Docente: Arch. Sante FORESTA PROGRAMMA ED ESERCITAZIONE PRATICA

Anno Accademico 2011-2012. Docente: Arch. Sante FORESTA PROGRAMMA ED ESERCITAZIONE PRATICA Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Urbanistica Corso di Laurea: Primo Livello - Classe L-21 Classe delle lauree in scienze della pianificazione

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*)

Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Da Milano all Aquila: i Centri Storici tra boom e rinascita di Saverio DI ROLLO (*) Quanti di noi avranno avuto un senso di leggero straniamento percorrendo le strade di numerosi centri storici italiani?

Dettagli

LA POPOLAZIONE SCOLASTICA NEL COMUNE DI ROMA E NEL I MUNICIPIO (indagine conoscitiva della Commissione Scuola)

LA POPOLAZIONE SCOLASTICA NEL COMUNE DI ROMA E NEL I MUNICIPIO (indagine conoscitiva della Commissione Scuola) LA POPOLAZIONE SCOLASTICA NEL COMUNE DI ROMA E NEL I MUNICIPIO (indagine conoscitiva della Commissione Scuola) I ANDAMENTO DEMOGRAFICO Il grafico riporta il numero dei nati per anno di età compiuta al..,

Dettagli

facoltà di architettura luigi vanvitelli corso di analisi e tecniche di pianificazione urbanistica docente enrico formato

facoltà di architettura luigi vanvitelli corso di analisi e tecniche di pianificazione urbanistica docente enrico formato facoltà di architettura luigi vanvitelli docente Fondamenti, modelli, tendenze. Lezione n.4 Utopie + landscape movement. La città-giardino > Howard e la codifica della città giardino Ebenezer Howard (1850-1928)

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA Piano Strategico Aree Gioco Urbane RELAZIONE ILLUSTRATIVA PROGETTO DEFINITIVO Ottobre 2009 Coordinamento progettuale Laboratorio Città Sostenibile Pier Giorgio Turi Responsabile Settore Gestione Verde

Dettagli

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GEOGRAFIA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA PRIMARIA GEOGRAFIA L ALUNNO SI ORIENTA NELLO SPAZIO CIRCOSTANTE E SULLE CARTE GEOGRAFICHE, UTILIZZANDO RIFERIMENTI TOPOLOGICI E PUNTI CARDINALI. UTILIZZA IL LINGUAGGIO DELLA GEO-GRAFICITÀ PER

Dettagli

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2011/2012 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE 30 aprile e 7 maggio 10,30-13,30

Dettagli

Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre Jonio Tratta Jonio-Bufalotta. Scheda illustrativa dell intervento

Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre Jonio Tratta Jonio-Bufalotta. Scheda illustrativa dell intervento Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre Jonio Tratta Jonio-Bufalotta Scheda illustrativa dell intervento INTERVENTO Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre

Dettagli

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e P R O V I N C I A D I P A R M A Comune di SALA BAGANZA PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Q U A D R O C O N O S C I T I V O Bilancio urbanistico del PRG vigente Sindaco Cristina Merusi

Dettagli

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti

Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Reti viarie, stradali, porti, aeroporti ed eliporti Le analisi poste alla base della carta della rete viaria, ferroviaria, porti, aeroporti ed eliporti 5, rappresentano nel Piano di Emergenza un importanza

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

PUBBLICAZIONI. Libri e dispense a stampa

PUBBLICAZIONI. Libri e dispense a stampa PUBBLICAZIONI Libri e dispense a stampa 2007 La regola dell arte. Manuale di legislazione urbanistica e regolamentazione edilizia, Edizioni di Legislazione Tecnica, Roma 2007, pp. 186 + CD-Rom 2004 Negoziazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

5 Lezione PROCESSO EDILIZIO

5 Lezione PROCESSO EDILIZIO Docente: Arch. Maria Azzalin Università Degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale 5 Lezione PROCESSO EDILIZIO

Dettagli

ACCORDO TERRITORIALE FRA LA PROVINCIA DI BOLOGNA E I COMUNI DI BOLOGNA, CASTENASO, GRANAROLO DELL'EMILIA NONCHE' SOC.

ACCORDO TERRITORIALE FRA LA PROVINCIA DI BOLOGNA E I COMUNI DI BOLOGNA, CASTENASO, GRANAROLO DELL'EMILIA NONCHE' SOC. ACCORDO TERRITORIALE FRA LA PROVINCIA DI BOLOGNA E I COMUNI DI BOLOGNA, CASTENASO, GRANAROLO DELL'EMILIA NONCHE' SOC. HERA SPA PER LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA AZIENDALE DI VIA BERTI PICHAT, SITA IN BOLOGNA,

Dettagli

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari

La città. Dalla polis greca alla città ecosostenibile. De Agostini 2013 De Agostini Scuola Novara Autore: Luca Montanari La città Dalla polis greca alla città ecosostenibile 1 LA POLIS GRECA Dall VIII al IV secolo a.c. In epoca classica la città greca era caratterizzata dalla suddivisione alto/basso: la parte alta corrispondeva

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI DELLO SPAZIO URBANO. LA QUARTA DIMENSIONE NELLA GEOREFERENZIAZIONE DELL ICONOGRAFIA STORICA DI ROME

LE TRASFORMAZIONI DELLO SPAZIO URBANO. LA QUARTA DIMENSIONE NELLA GEOREFERENZIAZIONE DELL ICONOGRAFIA STORICA DI ROME LE TRASFORMAZIONI DELLO SPAZIO URBANO. LA QUARTA DIMENSIONE NELLA GEOREFERENZIAZIONE DELL ICONOGRAFIA STORICA DI ROME Piero Albisinni Prof. Arch. Professore ordinario piero.albisinni@uniroma1.it Antonio

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Gruppo di Lavoro PUBBLICO per la Verifica PARTECIPATA con i Cittadini del PROGETTO DEL PARCO

Gruppo di Lavoro PUBBLICO per la Verifica PARTECIPATA con i Cittadini del PROGETTO DEL PARCO Gruppo di Lavoro PUBBLICO per la Verifica PARTECIPATA con i Cittadini del PROGETTO DEL PARCO IL SITO Villa Sciarra Villa Celimontana Circo Massimo Parco della Resistenza Parco San Sebastiano Riserva

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali

Politecnico di Milano Scuola di Architettura e Società Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Corso di Laurea Magistrale in Pianificazione Urbana e Politiche Territoriali Linee guida progettuali per un nuovo Piano delle Regole Lombardo il caso Meda: modelli insediativi e indirizzi urbanistici per

Dettagli

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità

Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. I tipi spaziali di mobilità Sfide e progetti per il sistema di trasporto pubblico e la gestione del trasporto in Ancona. Ancona, capoluogo delle Marche, ha un estensione territoriale di 125,60 Kmq. con 102.816 abitanti. La sua parte

Dettagli

ITALY SURVIVAL GUIDE. Trento. Rome Tor Vergata E B E C

ITALY SURVIVAL GUIDE. Trento. Rome Tor Vergata E B E C ITALY SURVIVAL GUIDE Trento Rome Tor Vergata E B E C INDICE o INFO SU ROMA o SCHEDULE o COME RAGGIUNGERCI CAMPUSX FACOLTA DI INGEGNERIA o COME MUOVERSI CON I MEZZI o SPOSTAMENTI FACOLTA / CAMPUS o COSA

Dettagli

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino

Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino 13/286 Torino Nuova Economia S.p.A. Corso G. Marconi, 10 10125 Torino ASSUNZIONE DI UN FINANZIAMENTO FINALIZZATO ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO RESIDUO CORRELATO ALLA REALIZZAZIONE DEL CENTRO DEL DESIGN

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C.

Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. Alla Giunta Regionale del Veneto, Palazzo Balbi, Dorsoduro 3901 30120 Venezia. OSSERVAZIONI ALLA VARIANTE AL P.T.R.C. adottata dalla Giunta Regionale con Dgr. n 427 del 10.04.2013 Sono trascorsi quattro

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Scheda relativa a Bellezza singola o individua Volume A CROSA LAVINIA (S.F.d Albaro) N 33

Scheda relativa a Bellezza singola o individua Volume A CROSA LAVINIA (S.F.d Albaro) N 33 778/22 S.FRANCESCO D'ALBARO TBN n 16 D.M. 29/04/1931 (lettera di notifica) TERRENI E FABBRICATI SITI IN VIA FOGLIENSE LOC. S.PIETRO FOCE Elenco della documentazione allegata agli atti della Soprintendenza:

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il nuovo Piano di Governo del Territorio

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il nuovo Piano di Governo del Territorio Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) di Milano La città di Milano come paradigma La città

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli