I DIVORATORI DI LIBRI. A cura di Isabella Regazzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I DIVORATORI DI LIBRI. A cura di Isabella Regazzi"

Transcript

1 I DIVORATORI DI LIBRI A cura di Isabella Regazzi PREMESSA Se, in molte occasioni, agli uomini non piacciono i libri, capita che questi siano invece graditi a numerosi insetti (ma ricordiamo anche batteri e muffe). I più ricercati sono soprattutto quei libri tanto cari ai bibliofili, edizioni rare, preziose con copertine lussuose e in pelle, che vengono maneggiate raramente e spesso restano negli scaffali per molto tempo senza essere mai toccate per paura di rovinarle. Di questi ne apprezzano ogni parte, sia le pagine di cellulosa ben stagionata, sia le rilegature costituite da deliziose colle biologiche e profumati cuoi o teneri pellami. Ancor più sono apprezzate le opere antiche benché queste oramai vengano per lo più conservate in ambienti e condizioni a prova di insetti; ma nei tempi più remoti gli insetti ne hanno fatto strage, tant è che nel 1221 un editto di Federico II vietò l uso della carta per gli atti pubblici. Interi archivi cartacei vennero infatti distrutti dagli insetti che apprezzavano la colla d amido inizialmente utilizzata per impermeabilizzare la carta. BREVE CENNO STORICO SUL LIBRO E SULLE SUE PARTI COSTITUTIVE IL SUPPORTO SCRITTORIO I principali supporti cartacei impiegati nel corso della storia sono il papiro (per gli egizi), la foglia di palma (per gli indiani e indonesiani), la pergamena (ricavata da pelli di pecora e capra trattate con calce spenta), la carta di stracci (cotone, lino e canapa) e la carta di legno (la più recente, nata verso la metà dell Ottocento). La carta varia molto in qualità nei vari periodi storici sia per la diversità di tecniche di lavorazione che per i differenti materiali e additivi utilizzati. I primi fogli di carta risalgono ai cinesi (II secolo dopo cristo), in seguito nel III secolo agli arabi, poi l arte viene tramandata anche agli egiziani nel X secolo; La produzione di carta in Europa pare sia iniziata in Spagna, vicino a Valencia e precisamente a Xativa (si narra della presenza di un mulino idraulico per carta nel 1238), per diffondersi in seguito in Italia dove sorgono in molte città altrettanti mulini (Bologna, Genova, Venezia, Padova, Milano e d altre ancora) Ma a partire dal 1268 a Fabriano si compiono sostanziali innovazioni: introduzione della pila idraulica a magli multipli con ruota a pale, del telaio con rete di fili di ottone e infine sostituzione della colla d amido con il carniccio o colla animale molto meno appetita dai parassiti. Quest ultima innovazione rende di fatto inutile l editto di Federico II. LA COLLA Le colle gradite agli insetti sono sostanzialmente quelle già citate: la colla d amido (composta da farina bianca, glicerina e addizionata con un antisettico) e la colla di gelatina animale, o carniccio (ricavata tramite estrazione a caldo dai residui di lavorazione della carne e della concia). Spesso si aggiungono come additivi sapone, glicerina e un disinfettante. LA COPERTINA Le copertine in pelle o cuoio oltre a essere igroscopiche (quindi favoriscono l accumulo di umidità) possono essere attaccate da insetti, principalmente dermestidi. Sono a rischio di parassiti anche le copertine di libri antichi il cui supporto rigido era ricavato da vecchie pergamene.

2 GLI INSETTI Ma chi sono questi buongustai? e quali sono le parti che preferiscono? Infine quali sono quelli che maggiormente arrecano danni in archivi e biblioteche? NB:Bisogna porre attenzione anche ai propri libri e ai ricordi cartacei riposti in solaio o cantina! Per risponder a queste domande proponiamo un semplice schema riassuntivo, riportando in seguito dati più dettagliati sulla vita di alcuni infestanti. Gli insetti dannosi ai libri sono circa una settantina, i più frequenti sono gli anobidi ma riteniamo importanti anche i dermestidi, le termiti, i tisanuri e gli psocotteri. Benchè la maggior parte si cibi solo di alcune parti del libro quali ad esempio la colla, o la pelle spesso procurano danni più estesi, di rosicchiamento (erosioni) o di transito o di impupamento (gallerie o fori). ALCUNI DEGLI INSETTI DANNOSI AI LIBRI Parte preferenzialmente attaccata Nome Colla di Nome comune scientifico rilegatura Pagine, carta e cartone Copertina in pelle, cuoio, stoffa Rischio potenziale di danno Acheta Grillo domestico domestica X + Anthrenus spp. Antreno x ++ Anobium Tarlo del legno punctatum x +++ Attagenus spp. Attageno x ++ Dermestes Dermeste del lardarius lardo x x ++ Kalotermes Termite dal collo flavicollis giallo x ++ Lasioderma Anobio del serricorne tabacco x x x +++ Lepisma Pesciolino saccharina d argento x x +++U Liposcelis Pidocchio dei divinatorius libri x ++U Ptinus spp. Tarlo ragno x + Reticulitermes Termite nera lucifugus x ++U Stegobium Anobio del pane paniceum x X ++ Thermobia Pesciolino delle domestica case x x +++ Tinea Tarma delle pellionella pellicce x + Tineola Tarma chiara bisseliella dei panni x + + = raro ++ = possibile +++ = probabile U = favoriti da alti tassi di UR

3 LA PREVENZIONE Per prevenire l attacco dei parassiti gli archivi, le biblioteche, i musei ed i locali che conservano, anche temporaneamente materiale cartaceo importante devono avere caratteristiche ambientali particolari. CONDIZIONI AMBIENTALI IDONEE ALLA CONSERVAZIONE DEI LIBRI Temperatura compresa tra 15 e 18 C e UR tra 45 e 60% Ventilazione con filtri per la depurazione da polveri (spesso vettori di spore batteriche e fungine, ma possono anche contenere uova di insetti) e filtri ad acqua alcalina per la depurazione nelle grandi città dell aria inquinata da acido solforico. Limitazione delle radiazioni solari con vetri schermati o tendaggi e uso di lampade opalescenti. Frequenti operazioni di pulizia dei locali, degli scaffali, dei libri e di ogni altra struttura, arredo o apparecchiatura presente dove si possano annidare insetti. Disinfestazioni preventive dei locali. Ispezioni periodiche e monitoraggi degli infestanti finalizzati alla prevenzione. Formazione professionale del personale finalizzata alla prevenzione e sensibilizzazione al problema della conservazione. ALCUNI SEMPLICI CONSIGLI Riduzione dell umidità introducendo pezzetti di carbone nei ripiani delle librerie chiuse. Prevenzione di ammuffimenti con poche gocce di trementina sul legno dei ripiani. Prevenzione da insetti con uso di canfora all interno degli scaffali o di foglie di alloro essiccate tra le pagine dei libri. Inoltre periodicamente pulire dalla polvere e maneggiare (arieggiare/controllare) tutti i libri. LA DISINFESTAZIONE In genere a tale scopo vengono impiegate ditte specializzate o i servizi di Istituti per la conservazione dei beni culturali INTERVENTI AMBIENTALI PREVENTIVI Ricordiamo che gli interventi preventivi sono molto importanti per contenere a livelli minimi il problema degli insetti infestanti. Pulizia Controllo dell umidità Disinfezioni antimuffa mirate Disinfestazioni ambientali periodiche INTERVENTI DI EMERGENZA I prodotti e le tecniche devono garantire che il materiale oggetto dell intervento non subisca ulteriore deterioramenti quali decolorazioni, alterazioni cromatiche o patine oleose. Uso di insetticidi Impiego di gas tossici in camere a tenuta stagna Apparecchi per l impiego di atmosfere controllate o per la rimozione dell ossigeno Irraggiamento con microonde o onde ad alta frequenza SCHEDE BIO-ETOLOGICHE DI ALCUNI PARASSITI DEI LIBRI Stegobium paniceum Dermestes lardarius Lepisma saccarina

4 SPECIE : Stegobium paniceum NOME VOLGARE : Anobio del pane INQUADRAMENTO SISTEMATICO Classe : Insecta Ordine : Coleoptera Famiglia : Anobiidae DIMENSIONI Larva : 5 mm Adulto : 2-4 mm CARATTERISTICHE E DIFFUSIONE L'adulto è bruno-rossastro, di forma ovale e ricoperto di una fine peluria; il capo è nascosto sotto il protorace; le elitre sono scolpite da linee punteggiate; le antenne hanno gli ultimi 3 articoli più lunghi e più larghi. Specie cosmopolita e molto diffusa. HABITAT Industrie agro-alimentari, magazzini, abitazioni, ecc.. ABITUDINI ALIMENTARI Sia la larva che l'adulto sono estremamente polifagi, potendosi nutrire di pane, farina, crusca, biscotti, paste alimentari, radici e frutta secca, semi, caffè, tè, cioccolata, erbari, droghe svariate, dadi di brodo, cuoiami, legname in opera, libri, ecc.. CICLO BIOLOGICO Uovo > larva > pupa > adulto (vive gg) Durata del ciclo : 70 gg a 28 C; 200 gg a 17 C N generazioni/anno : da 1 a 3 N uova/femmina : LIMITI TERMICI PER LO SVILUPPO Temperatura minima : 10 C Temperatura ottimale : 30 C Temperatura massima : 35 C DANNI Diretti alle sostanze attaccate.

5 SPECIE : Dermestes lardarius NOME VOLGARE : Dermeste del lardo INQUADRAMENTO SISTEMATICO Classe : Insecta Ordine : Coleoptera Famiglia : Dermestidae DIMENSIONI Larva : fino a 15 mm Adulto : 6-9 mm CARATTERISTICHE E DIFFUSIONE L'adulto è ovale allungato, nero, con una fascia giallastra maculata di nero sulla parte anteriore delle elitre. La larva è ispida, da bruno rossastro a bruno scuro. Specie molto diffusa. HABITAT In natura in nidi di volatili, di lepidotteri gregari (processionaria) e di imenotteri sociali (api, vespe), che possono quindi costituire focolai di infestazione. Nell'ambiente urbano in magazzini, industrie alimentari ed abitazioni. ABITUDINI ALIMENTARI Larva : lardo, salumi, carne e pesce secco, formaggi stagionati, latte in polvere, biscotti, ossa, mangimi per uso zootecnico, arachidi, ma anche pellami, pellicce, abiti, collezioni entomologiche, libri, uova e crisalidi del baco da seta. Adulto : materiali amilacei e sostanze di origine animale secche. CICLO BIOLOGICO Uovo > larva > pupa > adulto (vive gg) Durata del ciclo : gg N generazioni/anno : 1-6 N uova/femmina : in media , deposte a gruppi di 3-8 sul substrato alimentare. LIMITI TERMICI PER LO SVILUPPO Temperatura minima : -3 C Temperatura ottimale : C Temperatura massima : 30 C DANNI Perdite quantitative e qualitative di prodotto. Le setole larvali possono causare allergie e, se ingerite, microulcerazioni alle pareti dell'apparato digerente. Le larve, in cerca di un luogo ove impuparsi, scavano gallerie nei materiali circostanti la zona infestata, danneggiandoli.

6 SPECIE : Lepisma saccharina NOME VOLGARE : Pesciolino d'argento INQUADRAMENTO SISTEMATICO Classe : Insecta Ordine : Thysanura Famiglia : Lepismatidae DIMENSIONI Adulto : 7-13 mm CARATTERISTICHE E DIFFUSIONE Insetto squamoso, color argentato, allungato e piatto, con antenne filiformi e fornito di due cerci ed un paracerco allungati all'estremità dell'addome. Specie molto nota e diffusa. HABITAT Abitazioni e stabili ben riscaldati e, possibilmente, umidi; balconi e terrazze; nidi di insetti e di uccelli. ABITUDINI ALIMENTARI Sostanze amilacee, colla, carta, libri, stoffe, tappeti, pellami, zucchero, spore, ife e cadaveri dei propri simili. Resiste per molto tempo al digiuno. CICLO BIOLOGICO Uovo > neanide (50 mute) > adulto (vive gg) Durata del ciclo : da un minimo di 3-4 mesi fino a 2-3 anni, in funzione delle condizioni ambientali. N generazioni/anno : variabile. N uova/femmina : isolate o a gruppi, nelle fessure o sotto gli oggetti. LIMITI TERMICI PER LO SVILUPPO Temperatura ottimale : C UR ottimale : 75-97% DANNI Possono arrecare danni a vecchi libri, tappeti, moquettes, carte da parati, ecc.. Non risultano essere vettori di microrganismi patogeni.

COLEOTTERI ANOBIDI (TARLI)

COLEOTTERI ANOBIDI (TARLI) COLEOTTERI ANOBIDI (TARLI) Stegobium paniceum (Coleptera, Anobiidae) (tarlo-anobio del pane) Larva Pupa Adulto Adulto L adulto di questa specie è lungo 1,5-3 mm, presenta una livrea di colore bruno scuro

Dettagli

CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore. Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario

CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore. Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario Insetti e libri Perché gli insetti danneggiano carta e libri? Principalmente

Dettagli

A CACCIA DI INSETTI NEGLI

A CACCIA DI INSETTI NEGLI A CACCIA DI INSETTI NEGLI ARCHIVI E NELLE BIBLIOTECHE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO MINISTERO PER I BENI

Dettagli

Classificazione degli insetti

Classificazione degli insetti Classificazione degli insetti Regno Phylum Classe Animalia Artropoda Insecta Ordine Famiglia Genere Specie Classificazione degli insetti A, un machilide sulla corteccia di un albero, dove può nutrirsi

Dettagli

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE

LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE LA SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO: CONSERVAZIONE E PREVENZIONE Eugenio Veca Laboratorio di Biologia ISTITUTO CENTRALE PER IL RESTAURO E LA CONSERVAZIONE DEL PATRIMONIO ARCHIVISTICO E LIBRARIO

Dettagli

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Il rischio di un attacco biologico da parte di insetti e microrganismi è comune a biblioteche, archivi e istituti museali

Dettagli

A cura di Isabella Regazzi e Graziano Dassi

A cura di Isabella Regazzi e Graziano Dassi I TARLI A cura di Isabella Regazzi e Graziano Dassi CHE COSA SONO I nomi comuni non sempre sono così comuni come si possa credere e possono talora generare confusione e malintesi; più volte ci è capitato

Dettagli

Cosa evitare e come conservare

Cosa evitare e come conservare Cosa evitare e come conservare Cecilia Prosperi La conservazione del patrimonio culturale è assicurata da una coerente, coordinata e programmata attività di studio, prevenzione, manutenzione e restauro.

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

incisione rupestre a Massello (Torino)

incisione rupestre a Massello (Torino) Maria Barbara Bertini * PREVENIRE è meglio che CURARE ovvero giocare d anticipo invece di gridare: al lupo al lupo * Direttore dell Archivio di Stato di Milano realizzazione slides a cura di Mariagrazia

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

Dalla Spesa alla Tavola

Dalla Spesa alla Tavola Dalla Spesa alla Tavola L Igiene e la Salute in Cucina Dott.ssa M. Stella 1 L Acquisto attento dei Prodotti Alimentari Dott.ssa M. Stella 2 L Etichetta di un Prodotto Alimentare 1) denominazione di vendita

Dettagli

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico Cimice dei letti Novità Novitàper il il controllo controllo delle delle cimici cimici dei dei letti letti a cura di Marco Gusti Agrotecnico Consulente in Igiene ambientale, disinfestazione, derattizzazione,

Dettagli

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS Aqua kill Insetticida Acaricida NO GAS Insetticida acaricida per insetti striscianti e volanti. Presidio Medico Chirurgico Reg. n 19695 del Ministero della Salute Sicuro ed efficace Presidio Chirurgico

Dettagli

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS. KILL-BookALERT.indd 1 26/07/11 11

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS. KILL-BookALERT.indd 1 26/07/11 11 Aqua kill Insetticida Acaricida NO GAS KILL-BookALERT.indd 1 26/07/11 11 Insetticida Acaricida contro insetti striscianti e volanti. PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO Reg. N. 19695 del Ministero della Salute

Dettagli

Cenni di Bio-ecologia dei Coleotteri

Cenni di Bio-ecologia dei Coleotteri Cenni di Bio-ecologia dei Coleotteri Mattia Calzolari Laboratorio Entomologia Sanitaria Istituto Zooprofilattico della Lombardia e dell Emilia Romagna ENTOMOLOGIA FORENSE E SICUREZZA ALIMENTARE Artropodi

Dettagli

NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007

NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007 NORME PRIVATE PER LA GELSICOLTURA E LA BACHICOLTURA BIOLOGICA ACCETTATE AI SENSI DELL ART. 42 DEL REG. (CE) N. 843/2007 1 Note introduttive I bachi da seta, nella loro qualità di prodotti agricoli vivi

Dettagli

Carlo Ferrari. Antitarlo fai da te! ANTEPRIMA. Elimina facilmente il tarlo dai tuoi mobili. Arte del restauro Edizioni

Carlo Ferrari. Antitarlo fai da te! ANTEPRIMA. Elimina facilmente il tarlo dai tuoi mobili. Arte del restauro Edizioni Carlo Ferrari Antitarlo fai da te! Elimina facilmente il tarlo dai tuoi mobili ANTEPRIMA Arte del restauro Edizioni ANTITARLO FAI DA TE! COSA TROVI IN QUESTA GUIDA Dalle e-mail che ricevo in continuazione

Dettagli

Giovanni Liotta SACRESTIA DELLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO NAPOLI. Situazione fitosanitaria degli arredi lignei

Giovanni Liotta SACRESTIA DELLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO NAPOLI. Situazione fitosanitaria degli arredi lignei Giovanni Liotta SACRESTIA DELLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO NAPOLI Situazione fitosanitaria degli arredi lignei Napoli, Aprile 2014 G. Liotta Sacrestia della Chiesa dei Santi Severino e Sossio Napoli

Dettagli

MANUTENZIONE CONSERVAZIONE E TECNICHE DI ANALISI FILATELICA

MANUTENZIONE CONSERVAZIONE E TECNICHE DI ANALISI FILATELICA MANUTENZIONE CONSERVAZIONE E TECNICHE DI ANALISI FILATELICA Fatta eccezione per talune anomale tipologie di francobolli realizzati su supporti metallici e su tessuti, il francobollo è per eccellenza di

Dettagli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli La funzione dei fori di sfarfallamento I fori che si notano sulle travi e sui mobili, indipendentemente dalla specie infestante che li ha prodotti,

Dettagli

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi)

Servizi di Consulenza Alimentare. (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Servizi di Consulenza Alimentare DOMANDE A RISPOSTA MULTIPLA QUESTIONARIO N 2 (la risposta ritenuta giusta va indicata ponendo una crocetta in parentesi) Cognome: Mansione: Nome: Data: 1. A quali fasi

Dettagli

PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO

PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO PERCHE LA RACCOLTA DEL RIFIUTO ORGANICO Il rifiuto organico costituisce circa il 30-40% in peso della quantità complessiva di rifiuti prodotti a livello domestico. L obiettivo che l AMV vuole raggiungere

Dettagli

Note generali sulle tecnologie di bonifica del parquet in opera

Note generali sulle tecnologie di bonifica del parquet in opera Note generali sulle tecnologie di bonifica del parquet in opera La disinfestazione radicale, attuata con tecnologie ecocompatibili Aerotermia e Microonde, con le quali è possibile intervenire su altre

Dettagli

Sembra che ai rifiuti che ho messo nel mio composter non succeda niente

Sembra che ai rifiuti che ho messo nel mio composter non succeda niente Divisione Igiene Ambientale Settembre 2003 Posizionamento, riempimento e svuotamento del composter Installare il composter: dove e come Scegliere un luogo soleggiato. Posizionare il composter sul terreno:

Dettagli

DEUMIDIFICATORI PER CELLE FRIGO

DEUMIDIFICATORI PER CELLE FRIGO DEUMIDIFICATORI PER CELLE FRIGO Tecnoklima s.r.l. Via Della Repubblica, 1 40050 Granarolo dell'emilia (BO) P. IVA 02608511206 Telefono 0516056846-0516066593 Fax 051761367 info@tecnoklima.eu Sulla base

Dettagli

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti

SCIENZE La Vita. Le muffe. Lab11. Fare esperimenti SCIENZE La Vita Ti sarà capitato di trovare un po di muffa in un vasetto di marmellata o su un limone in frigorifero, o di considerare, con golosità o perplessità a seconda che ti piaccia o no, le chiazze

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

Gli infestanti animali Un nuovo problema: Le cimici da letto

Gli infestanti animali Un nuovo problema: Le cimici da letto Gli infestanti animali Un nuovo problema: Le cimici da letto Intervento a cura di: Luigi Sansevero Milano, 22 Aprile 2015 Molti sono gli infestanti che invadono gli ambienti di vita e che comunemente conosciamo.

Dettagli

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI

ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI ALLEGATO 1A DESCRIZIONI DELLE PRESTAZIONI A1 - UFFICI SALE RIUNIONI AULE INFORMATIZZATE ARCHIVI CORRENTI DI PIANO BIBLIOTECHE UFFICIO CASSA SALA MEDICA* UFFICIO INFORMAZIONE E PASSI BOX VIGILANZA - SPOGLIATOI

Dettagli

Raccolta, stoccaggio e conservazione

Raccolta, stoccaggio e conservazione Raccolta, stoccaggio e conservazione Claudio Bonino, Emilio Gaspari, CALV - Consorzio Agrario Lombardo Veneto - Verona Trebbiatura-raccolta Effettuare la raccolta della granella con umidità compresa tra

Dettagli

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte Alterazioni dei formaggi Prof. Roberto Rosmini Alma Mater Studiorum-Università di Bologna 07/07/2005 1 Ispezione sanitaria dei prodotti a base di latte

Dettagli

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ]

Le malattie trasmesse da alimenti. Alimentando > Le malattie trasmesse ingerendo alimenti infetti [ 1 ] Le malattie trasmesse da alimenti [ 1 ] Le malattie trasmesse Gli alimenti sono la fonte di nutrimento necessaria per la vita dell uomo, ma possono diventare un pericolo per la salute del consumatore quando

Dettagli

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com

LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA. arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com LA QUALITA DELL ARIA DENTRO LA NOSTRA CASA arch. Luca Farinelli studio anguillametrica luca@anguillametrica.com NELLA CASA SI TRASCORRE L 80% DEL TEMPO DELLA NOSTRA VITA CHE ARIA RESPIRIAMO DENTRO LA NOSTRA

Dettagli

alle farfalle PIACE IL VINO ROSSO! UN CASO CONCRETO DI INFESTAZIONE DEI TAPPI DA PARTE DELLA FALSA TIGNOLA DEL GRANO IN UNA CANTINA DI INVECCHIAMENTO

alle farfalle PIACE IL VINO ROSSO! UN CASO CONCRETO DI INFESTAZIONE DEI TAPPI DA PARTE DELLA FALSA TIGNOLA DEL GRANO IN UNA CANTINA DI INVECCHIAMENTO Bottiglie di vino, giacenti nei locali di invecchiamento, sottoposte ad un forte attacco di N. granellus. Nella parte bassa dell immagine è possibile notare la macchia lasciata dal vino versato. alle farfalle

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi La sicurezza degli alimenti intesa sia come sicurezza igienica che come sicurezza nutrizionale è una responsabilità che non riguarda soltanto l'industria alimentare, ma tutti gli attori della catena di

Dettagli

cos è 01 Pesonetto è un gesto semplice. Scegliere consapevolmente.

cos è 01 Pesonetto è un gesto semplice. Scegliere consapevolmente. PESONETTO: CARTA D IDENTITA cos è 01 Pesonetto è un gesto semplice. Scegliere consapevolmente. Pesonetto è un negozio di prodotti sfusi. Prodotti del territorio, stoccati in spinatori, dispenser e cassette,

Dettagli

Degradamento del legno. Sabrina Palanti CNR IVALSA

Degradamento del legno. Sabrina Palanti CNR IVALSA Degradamento del legno Sabrina Palanti CNR IVALSA Definizione di durabilità naturale del legno La durabilità naturale di una specie legnosa è definita come la sua resistenza intrinseca agli attacchi da

Dettagli

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015 CALENDARIO 2015 gennaio 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Mus musculus domesticus È un piccolo roditore conosciuto come topo domestico. Presente in

Dettagli

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci

Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci Protezione naturale Prevenzione contro pappataci (lesmania), zecche e pulci PROTECTIVE CANE - GATTO Il rischio per gli animali domestici di essere infestati da parassiti è sempre presente. Il cane e il

Dettagli

USCITA ALL ARCHIVIO DI STATO

USCITA ALL ARCHIVIO DI STATO USCITA ALL ARCHIVIO DI STATO Mercoledì 18 febbraio 2015, noi alunni della classe II A siamo andati all Archivio di Stato di Assisi. Lì abbiamo incontrato una signora che ci ha invitati a entrare in una

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Disinfestazione ambientale

Disinfestazione ambientale Sede Milano: 20020 Arese - Viale Achille Varzi 1/d Succ. Siena: 53020 Castiglione d Orcia - Piazzetta XXXIII Aprile, 17 - Loc. Vivo d Orcia Disinfestazione ambientale Le debiotizzazioni ambientali devono

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

Microclimi e microrganismi: importanza del monitoraggio Mariasanta Montanari

Microclimi e microrganismi: importanza del monitoraggio Mariasanta Montanari Piacenza, 30 gennaio 2009 Prevenire per conservare Microclimi e microrganismi: importanza del monitoraggio Mariasanta Montanari Laboratorio di Biologia -Istituto Centrale per il restauro e la conservazione

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO SETTORE 3 URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO SERVIZIO: ECOLOGIA Prot. n. 2443 ORDINANZA del Reg. N. 08/08 Romano d Ezzelino, 11/02/2008 OGGETTO: LOTTA OBBLIGATORIA CONTRO LA PROCESSIONARIA DEL PINO

Dettagli

ALCUNE IMPORTANTI REGOLE COMPORTAMENTALI PER I GENITORI

ALCUNE IMPORTANTI REGOLE COMPORTAMENTALI PER I GENITORI ALCUNE IMPORTANTI REGOLE COMPORTAMENTALI PER I GENITORI 1. Conducete vostro figlio alle visite di controllo programmate dal medico, anche quando il bambino apparentemente sta bene. 2. Accertatevi che i

Dettagli

DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO

DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO Ing. Agostino Presutti IDS Ingegneria delle Soluzioni DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTTURA PORTANTE IN LEGNO Roma 26 giugno 2014 DURABILITA LA DURABILITA DEGLI EDIFICI A STRUTURA PORTANTE IN LEGNO L uso

Dettagli

Acari e insetti di interesse sanitario in ambiente confinato

Acari e insetti di interesse sanitario in ambiente confinato Acari e insetti di interesse sanitario in ambiente confinato Mario Principato Università degli Studi di Perugia Responsabile Scientifico del Centro di Ricerca Urania di Perugia www.edpa.it mario.principato@virgilio.it

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

www.vortice.com Perché è importante VENTILARE?

www.vortice.com Perché è importante VENTILARE? www.vortice.com Perché è importante VENTILARE? Ti riconosci in queste SITUAZIONI? L edificio malato Il problema dell inquinamento INDOOR è ormai un problema noto a tutti. La sindrome dell edificio malato

Dettagli

Intervento di tutela del patrimonio del Museo della Casa Contadina da attacchi xilofagi

Intervento di tutela del patrimonio del Museo della Casa Contadina da attacchi xilofagi Intervento di tutela del patrimonio del Museo della Casa Contadina da attacchi xilofagi Progetto realizzato con il sostegno della Palazzo Comunale sala dell Antico Mulino Gianfranco Magri 1 Un Polo di

Dettagli

I principali insetti infestanti le derrate e le industrie alimentari - Gli strumenti del monitoraggio

I principali insetti infestanti le derrate e le industrie alimentari - Gli strumenti del monitoraggio Camera di Commercio di Parma Centro per l innovazione e lo sviluppo economico I principali insetti infestanti le derrate e le industrie alimentari - Gli strumenti del monitoraggio Marco Pagani Istituto

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI

LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI LA CONSERVAZIONE DEI CEREALI La conservazione dei cereali assume importanza primaria nel determinare la qualità igienico sanitaria delle materie prime e del prodotto finito. Cause di alterazione: umidità

Dettagli

Acari. Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Acari. Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Acari sistematica, biologia, importanza sanitaria Dr. Claudio De Liberato Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Opilioni Arachnida Scorpioni Ragni Acari Acari: sistematica

Dettagli

MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi

MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi MASSIMIZZARE L ACQUISTO come ottenere il meglio dai nuovi infissi IL CONFORT Il confort all interno degli edifici è dato dalla somma di diversi fattori: l isolamento termo-acustico, la luminosità, la temperatura

Dettagli

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI CARTA ADATTA ALLA STAMPA CARTA ADATTA ALLA SCRITTURA CARTA PER INVOLGERE CARTA PER USI DOMESTICI CARTE SPECIALI CARTA COME BASE DEI CONTENITORI IN POLIACCOPPIATO

Dettagli

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità

Grassi: Grassi. 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: Grassi 3. scegli la qualità e limita la quantità 3. Grassi: scegli la qualità e limita la quantità 30 Per stare bene è necessario introdurre con l'alimentazione una certa quantità di grassi,

Dettagli

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza.

Nelle etichette devono essere riportati in modo chiaro gli ingredienti e la data di scadenza. COME SI PRESENTA IL PRODOTTO: Fare attenzione alle alterazioni visibili: il prodotto alterato può cambiare colore, odore, sapore, aspetto può cambiare consistenza o presentare tracce di muffe la confezione

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

FASCICOLO TECNICO TRATTAMENTI ANTITARLO SINOTAR. Presidio Medico Chirurgico Registrazione N. 18765. Prodotti per la conservazione e il restauro

FASCICOLO TECNICO TRATTAMENTI ANTITARLO SINOTAR. Presidio Medico Chirurgico Registrazione N. 18765. Prodotti per la conservazione e il restauro FASCICOLO TECNICO TRATTAMENTI ANTITARLO SINOTAR Presidio Medico Chirurgico Registrazione N. 18765 Prodotti per la conservazione e il restauro SINOTAR ANTITARLO PER LEGNO CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE

Dettagli

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof.

I Microrganismi. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational. Relatore: Nicola Bruno prof. Associazione di Promozione Sociale Cucinaverarte No profit Organization Area Educational I Microrganismi Relatore: Nicola Bruno prof. Casadei mail: nicola.casadei@cucinaverarte.eu Per uso personale e di

Dettagli

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO

COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO COMUNE DI STROZZA Provincia di Bergamo MANUALE DEL COMPOSTAGGIO Che cosa è il compostaggio domestico? E un processo naturale che permette di ottenere dagli scarti organici di cucina (filtri di caffè, scarti

Dettagli

Prontuario antimacchia

Prontuario antimacchia Prontuario antimacchia Capita spesso d imbattersi, nella vita di tutti i giorni, con il problema delle macchie sia sui tessuti che sulle pelli. Spesso questo problema può essere risolto con un semplice

Dettagli

Sistema antimuffa per interni. Vivere bene in un ambiente sano

Sistema antimuffa per interni. Vivere bene in un ambiente sano Sistema antimuffa per interni Vivere bene in un ambiente sano Effetti negativi della muffa Muffa: cos è in realtà? Muffa è un termine generico per indicare tante diverse tipologie di funghi. La muffa consiste

Dettagli

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura

Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Sopralluoghi igienico - nutrizionali ed alimentazione sicura Intervento a cura di: Dario Signorelli -Dipartimento di Prevenzione Medica SC Alimenti e Nutrizione ASL Milano Milano, 3 maggio 2012 1 servizio

Dettagli

Dr.ssa Chiara M. Dassi

Dr.ssa Chiara M. Dassi Topi e ratti in ambiente urbano Dr.ssa Chiara M. Dassi Un ombra segue l umanità: il topo G. Dassi, Un tesoro di Isole, Morgan Edizioni Tecniche I RODITORI TOPO SPECIE: Mus domesticus (topolino domestico)

Dettagli

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino

Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Servizio di Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche Elementi di igiene dei mangimi nell allevamento ovi-caprino Dott. Agostino Trogu Il latte ( la carne, ecc. ) comincia dalla bocca.. Mangime

Dettagli

L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia

L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia L ORO DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO! Dr. Danilo Pulvirenti Chimico Consulente Ambientale Gruppo FB: Compostiamoci bene - Sicilia EVOLUZIONE DELL UOMO UOMO TECNOLOGICUS! una civiltà lineare ENERGIA ENERGIA

Dettagli

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI

Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto. 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Aspetti Sanitari per la cura del cane e del gatto 30 Gennaio 2010 IGIENE COME MEZZO DI CONTROLLO DELLE PARASSITOSI Roberta Galuppi DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA VETERINARIA E PATOLOGIA ANIMALE UNIVERSITA

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE LATTE FRESCO DELLA VALTELLINA Art. 1 Denominazione Il nome Latte fresco della Valtellina è attribuito esclusivamente al prodotto che risponde alle condizioni ed ai requisiti

Dettagli

Protezione del legno. Protezione del legno. Durabilità delle costruzioni di legno. Constatazione. Durabilità delle costruzioni di legno.

Protezione del legno. Protezione del legno. Durabilità delle costruzioni di legno. Constatazione. Durabilità delle costruzioni di legno. Durabilità delle costruzioni di legno Constatazione Wangen a. Aar, CH - 1549-1559 I ponti stradali... - molto esposti - molto sensibili al degrado - durabilità discutibile Alcuni ponti stradali di legno

Dettagli

(Tratto da: Susanna Tamaro, Ogni angelo è tremendo, Milano, Bompiani, 2013)

(Tratto da: Susanna Tamaro, Ogni angelo è tremendo, Milano, Bompiani, 2013) Nei lunghi anni trascorsi a Roma, in un palazzo di pietra stretto fra altri palazzi, ho esercitato la mia attività, osservando i pesciolini d argento - quei minuscoli insetti che vivono tra i libri - e

Dettagli

Attenzione al Punteruolo rosso della palma

Attenzione al Punteruolo rosso della palma Attenzione al Punteruolo rosso della palma Punteruolo rosso della palma Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell Asia meridionale

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

SISTEMA A MICROONDE PER LA BONIFICA DA INFESTANTI DI OPERE D ARTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA ED AUTOMATICA

SISTEMA A MICROONDE PER LA BONIFICA DA INFESTANTI DI OPERE D ARTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA ED AUTOMATICA SISTEMA A MICROONDE PER LA BONIFICA DA INFESTANTI DI OPERE D ARTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA DIPARTIMENTO DI ELETTRONICA ED AUTOMATICA Sistema che sfrutta il riscaldamento a microonde per portare,

Dettagli

RIFIUTO AGENDE DI CARTA E/O CARTONCINO ALLUMINIO ANTINE DI MOBILI IN FERRO

RIFIUTO AGENDE DI CARTA E/O CARTONCINO ALLUMINIO ANTINE DI MOBILI IN FERRO RIFIUTO AGENDE DI CARTA E/O CARTONCINO ALLUMINIO ANTINE DI MOBILI IN FERRO APPARECCHI ELETTRONICI (tv,stampanti,computer ecc) ASPIRAPOLVERE AVANZI DI TORTE, PASTI IN GENERE AVANZI FREDDI DI CUCINA BATTERIE

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

AZIENDALE PRESENTAZIONE

AZIENDALE PRESENTAZIONE Servizi di igiene ambientale e disinfestazione www.lacristallina.it PRESENTAZIONE AZIENDALE Fondata a Messina nel 1983, La Cristallina nasce come impresa a conduzione familiare. L azienda si sviluppa rapidamente

Dettagli

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado.

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. Dicembre 2007 EDILIZIA PROFESSIONALE Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. SigmaKalon Univer S.p.a. Via Monte Rosa, 7 28010 Cavallirio (NO) Tel. (0163) 806 611 Fax (0163) 806 696 info@sigmakalon.it

Dettagli

GLI INVERTEBRATI DELLE ABITAZIONI VENEZIANE

GLI INVERTEBRATI DELLE ABITAZIONI VENEZIANE SOCIETÀ VENEZIANA DI SCIENZE NATURALI LAVORI Vol. 6 Supplemento ad uso didattico ENRICO RATTI (Museo Civico di Storia Naturale di Venezia) GLI INVERTEBRATI DELLE ABITAZIONI VENEZIANE VENEZIA 31 dicembre

Dettagli

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone.

I combustibili --- Appartengono a questa categoria, la legna da ardere, i carboni fossili e il coke di carbone. I combustibili --- DEFINIZIONE DI COMBUSTIBILE I combustibili sono tutti quei materiali che bruciando, producono calore. Per bruciare, i combustibili devono utilizzare ossigeno. Esistono tre tipi di combustibili

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Linea Ferramenta. IUMA Srl C.so Italia 152 San Giovanni Teatino 66020 (CH) Italy Tel. +39 085 4406256 info@iuma.it

Linea Ferramenta. IUMA Srl C.so Italia 152 San Giovanni Teatino 66020 (CH) Italy Tel. +39 085 4406256 info@iuma.it Linea Ferramenta I prodotti NANOtecnologici IUMA si distinguono non solo per il loro facile impiego ma anche per il loro utilizzo su superfici raffinate. Grazie alle costanti ricerche ed ai contatti con

Dettagli

Acari e blatte strumenti di prevenzione

Acari e blatte strumenti di prevenzione CASA SICURA, CASA SALUBRE strumenti di intervento 16 dicembre 2009 17 Sala Ex Consiglio Ospedale Bufalini Acari e blatte strumenti di prevenzione Contaminanti Biologici una serie di sostanze di origine

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto.

COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto. COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto. Dopo aver raggiunto elevate percentuali di Raccolta Differenziata Vi chiediamo di continuare a collaborare migliorando la qualità della

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

Ditta Tandoi - Corato

Ditta Tandoi - Corato Incontro di sensibilizzazione sulla produzione dei rifiuti 27 Gennaio 2011 Ditta Tandoi - Corato Nello De Padova Programma dell'incontro 09:00 09:15 Prima impressione 09:15 09:30 Prima riflessione 09:30

Dettagli

Sommario. Cos è e perché si usa... 10. Contro i disturbi... 18. Per la bellezza... 25. Per la casa... 34. In cucina e nelle ricette...

Sommario. Cos è e perché si usa... 10. Contro i disturbi... 18. Per la bellezza... 25. Per la casa... 34. In cucina e nelle ricette... Sommario INTRODUZIONE 6 BICARBONATO 9 Cos è e perché si usa... 10 Contro i disturbi... 18 Per la bellezza... 25 Per la casa... 34 In cucina e nelle ricette... 56 LIMONE 67 Cos è e perché si usa... 68 Contro

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena

IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE, SICUREZZA E NUTRIZIONE Diete speciali e celiachia nei nidi d infanzia di Modena IGIENE E SICUREZZA ALIMENTARE NELLA RISTORAZIONE SCOLASTICA Modena 16 e 24 marzo 2010 IL PACCHETTO IGIENE Comprende

Dettagli

La specie infestante. pagina 1 di 9

La specie infestante. pagina 1 di 9 La specie infestante Dalle evidenze raccolte nel sopralluogo effettuato sul del sito in oggetto, si presuppone che la specie infestante possa essere identificata come Reticulitermes lucifugus Rossi, una

Dettagli

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare

Tipologie significative per le strutture in legno naturale e legno lamellare ASPETTI AMBIENTALI DEL LEGNO Fornitura e deposito in cantiere I blocchi di legno massiccio, ma anche quelli in legno lamellare vengono trasportati con normali autocarri, dato il loro peso contenuto, e

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli