Itinerario da Piazza di Tor Sanguigna a Piazza Sant Eustachio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Itinerario da Piazza di Tor Sanguigna a Piazza Sant Eustachio"

Transcript

1 Itinerario da Piazza di Tor Sanguigna a Piazza Sant Eustachio Piazza di Tor Sanguigna La trecentesca Tor Sanguigna, costruita per la famiglia feudale dei Sanguigni, è ora incorporata in un gruppo di ordinari edifici. La torre è una di quelle che costellavano la città nel medioevo, ricordo di un tempo in cui Roma era divisa in campi armati, ciascuno con la sua roccaforte. Accanto alla piazza c è Piazza Fiammetta, forse l unica piazza al mondo dedicata a una prostituta. Via Zanardelli Costruita tra fine Ottocento e primi Novecento, è dedicata a Giuseppe Zanardelli, giurista, ministro e capo del governo. Visione umanitaria del carcere. I codici devono essere compresi anche dal popolo. Propose il divorzio, ma il disegno si dovette ritirare per la sollevazione popolare. Piazza Ponte Umberto Questa è la zona che rappresentava un passaggio obbligato per i pellegrini diretti a S. Pietro e, per questa ragione, era ricca di alberghi, locande e affittacamere, fiorentissimi soprattutto nel Medioevo e nel Rinascimento. In uno di questi alberghi alloggiò Dante in occasione del Giubileo del Sulla piazza dirimpetto al ponte c è il Museo Napoleonico, interessante raccolta di oggetti mirabili lasciati a Roma da membri della famiglia di Napoleone. La scala che fiancheggia il Museo conduce a Via dell Orso. Via dell Orso Il dislivello rispetto alla zona sovrastante è dovuto ai lavori eseguiti in connessione all arginamento del fiume. Il più importante dei locali d ospitalità presenti nella zona è stato la Locanda dell Orso, rimasta in funzione fin quasi alla fine dell Ottocento, quando però si era ridotta in locale d infima categoria (conducenti di diligenze, stallieri...), ma aveva ospitato Rabelais, Montaigne, Goethe. Originariamente l edificio era stato una comune casa romana del primo Quattrocento (notevoli di nota: colonne e capitelli, archi e cornicioni, finemente lavorati). Oggi è un ristorante di lusso. Sulla destra della strada si osservano due leoni di marmo (uno adesso, quello all angolo, è un calco, l altro originale forse proviene da un sarcofago romano. Via dei Portoghesi Dove Via dell Orso si allarga, cambia il nome in Via dei Portoghesi: qui, sulla sinistra, si eleva la ornatissima facciata secentesca di S. Antonio dei Portoghesi, opera di Martino Longhi il Giovane: il ricchissimo interno è rivestito di rari marmi di vari colori; nella prima cappella a destra c è un rilievo dello scultore neoclassico Antonio Canova e nella prima cappella a sinistra

2 un dipinto di Antoniazzo Romano, Vergine col Bambino e Santi; sul portale centrale c è un organo dorato del 700. Al n.18 c è la Torre della Scimmia, che deve il suo nome ad un emozionante fatto di cronaca: una scimmia, tenuta come animale domestico, porta un neonato sulla cima della torre, ma viene invocata la Madonna... Di fronte alla Chiesa di Sant Antonio c è uno degli ingressi del Convento Agostiniano, costruito nel Rinascimento insieme all adiacente Chiesa di Sant Agostino, ma rifatto interamente alla metà del 700 su disegno di Luigi Vanvitelli: uno sguardo al bel cortile può essere dato dall androne. Via della Scrofa Ricalca esattamente il tracciato di un'antica strada romana che, incorporando il percorso dell'attuale via di Ripetta, costeggiava a destra il Tevere (all'altezza dell'attuale ponte Cavour) ed a sinistra il Mausoleo di Augusto e confluiva nella via Flaminia, all'altezza dell'odierna piazza del Popolo. Si ritiene che l'antica via risalga al 29 a.c., ovvero all'epoca della costruzione del Mausoleo di Augusto. Il nome di via della Scrofa deriva dall'insegna di una locanda ivi esistente già nel Quattrocento, come si fa cenno in alcuni documenti del 1445, dai quali risulta che questa zona era denominata "la Scrofa". Il piccolo simulacro raffigurante una scrofa, probabilmente un frammento di un antico bassorilievo marmoreo, fu murato sulla facciata del convento degli Agostiniani e trasformato in fontanella per volontà di papa Gregorio XIII soltanto nel 1580: da ciò si deduce che non fu la fontana a dare il nome al luogo, poiché il toponimo esisteva già da oltre un secolo. Via della Scrofa è condivisa da due rioni: il primo tratto, da largo Giuseppe Toniolo fino all'incrocio con via della Stelletta (a destra) e via dei Portoghesi (a sinistra) appartiene al rione S. Eustachio; il tratto dal suddetto incrocio fino al congiungimento con via di Ripetta appartiene al rione Campo Marzio. Al civico 117 della via, ad angolo con piazza Nicosia, è situato palazzo Aragona Gonzaga. Piazza S. Agostino La Chiesa di Sant Agostino, che prospetta sulla piazza omonima, ha una facciata semplice e graziosa, simile a quella coeva di Santa Maria del Popolo. L interno fu rimodellato da Luigi Vanvitelli. Presso la porta centrale c è una statua della Vergine col Bambino di Jacopo Sansovino, nota come Madonna del Parto (forza e serenità ispirate da Michelangelo e dalla scultura classica). Sul terzo pilastro a sinistra c è un affresco di Raffaello, Il profeta Isaìa. Sotto l affresco c è un gruppo scultoreo con Sant Anna, la Vergine e il Bambino, commovente ritratto di famiglia di Andrea Sansovino, maestro di Jacopo. Nella prima cappella di Sinistra c è la meravigliosa Madonna dei Pellegrini di Caravaggio. In una vasta cappella a fianco dell altar maggiore, disegnato dal Bernini insieme ai due angeli in alto, c è la Tomba di Santa Monica, madre di Sant Agostino. Sull altare una Madonna Bizantina del Trecento. In fondo alla parte destra del transetto un Sant Agostino e altri Santi del Guercino, un grande maestro del Seicento. Piazza San Luigi dei Francesi San Luigi dei Francesi è la più importante delle Chiese Nazionali a Roma. La solenne facciata della fine del 500 è di Giacomo della Porta. La calda atmosfera

3 dell interno è prodotta dal gioco della luce sui marmi rosa e gialli e dalle decorazioni di stucco dorato. Nella Cappella dedicata all apostolo Matteo ci sono tre capolavori del Caravaggio, La vocazione di San Matteo, Il martirio di San Matteo, San Matteo e l Angelo (una copia, quest ultima, attenuata, perché l originale era troppo realistico). Nella cappella dedicata a Santa Cecilia ci sono affreschi del Domenichino. Via della Dogana Vecchia Lasciata la Chiesa di San Luigi, si continua verso destra lungo Via della Dogana Vecchia, dove si scorge l austero Palazzo seicentesco, oggi residenza del Presidente del Senato. Costeggiando Via del Salvatore, si arriva di fronte al Palazzo Madama, sede oggi del Senato, costruito verso la fine del 500 come residenza dei Medici. Corso Rinascimento Il Palazzo della Sapienza, costruito per Sisto V da Giacomo della Porta nel tardo 500, fu così chiamato perché sede dell Università di Roma. Interessante soprattutto il Cortile, su cui si affaccia anche la bella Chiesa di Sant Ivo del Borromini: la Cupola della Chiesa e la Lanterna a spirale sono espressione dell inesauribile fantasia dell artista. Piazza Sant Eustachio La Chiesa di S. Eustachio, originariamente una cappella, costruita da Costantino sul luogo del martirio. Ristrutturata più volte, oggi è in versione tardo-barocca; ma il bel campanile è medievale. Al sommo della facciata il cervo con la croce; il santo: protettore dei cacciatori (e dei cornuti, eustacchioni ). Il rione prende il nome dal martire (produce buona spiga, fruttifero ): Rione R VIII; (chirografo, documento autografo di Benedetto XIV, 18 maggio 1743). Centro di vita intellettuale con la Sapienza e il Teatro Valle. Chiese e corporazioni artigiane, comunità nazionali. Sventramenti per la costruzione di Corso Rinascimento e Corso Vittorio.

4 DA PONTE UMBERTO A SANT ANDREA DELLA VALLE Ponte Umberto I Conosciuto come ponte Umberto, collega piazza di Ponte Umberto I a piazza dei Tribunali, nei rioni Ponte e Prati. Progettato dall'architetto Angelo Vescovali, fu costruito tra il 1885 e il 1895; fu dedicato al re d'italia Umberto I, che inaugurò il ponte insieme alla la consorte Margherita di Savoia. Presenta tre arcate in muratura rivestite di travertino e pietra di Subiaco ed è lungo circa 105 metri. Via dell Orso Che il Rione Ponte sia uno dei più affascinanti di Roma non ci sono dubbi. Sarà perché il Tevere lo abbraccia in un ansa, come fosse una mamma protettiva. Un autentico scorcio magico è quello di Via dell Orso, il cui simbolo ne è diventata proprio l omonima Hostaria (Via dei Soldati 25c). Il palazzo risale al 400 ma solo agli inizi del 500 passa da abitazione ad albergo, uno dei migliori della città, tanto da soggiornarvi molti personaggi illustri come Goethe, Montaigne, Gogol e, secondo la leggenda, persino Dante Alighieri in occasione del Giubileo del Oggi questo posto è diventato un ristorante di alto livello e una discoteca tra le più in della capitale. Fin da sempre Via dell Orso (che prende nome da due bassorilievi uno al civico 87 raffiguranti un leone, scambiato per orso) e le vie adiacenti sono state sedi di botteghe artigiane famose in tutta la città. Tessuti, bronzo, argento, restauro, oro: i più abili artisti si trovavano proprio qui. Questa via, che pare essere permeata delle atmosfere passate, sopravvive indenne da secoli, senza essere stata intaccata da alcuno stravolgimento. E così, assieme ad essa, sopravvivono molte botteghe artigiane i cui proprietari sono discendenti di quelli che le aprirono. Essi, uniti dallo stesso intento, salvaguardare un patrimonio di tradizioni inestimabili, hanno fondato l Associazione Artigiani di Via dell Orso, la quale partecipa attivamente ad iniziative culturali di vario genere (La domenica dell orso, mercatino domenicale di antiquariato; Vogue Fashion s Night Out). Tra antichi portali, bassorilievi romani e palazzetti cinquecenteschi, ci si imbatte in decoratori e incisori. Via dei Portoghesi Questa viuzza (che prende il nome da un ospizio del 300 per pellegrini portoghesi), anche se piuttosto breve, presenta due punti di interesse molto forti: la Chiesa di S. Antonio e la Torre dei Frangipane, entrambi all angolo con Via dei Pianellari, fabbricanti delle pianelle, mattoni per l edilizia. La chiesa risale al 600: al suo interno, tra le numerose opere d arte, spicca senz altro il bellissimo organo dorato. Di fronte, c è il complesso statale che include la famosa Biblioteca Angelica (civico 12). La torre dei Frangipane, che risale al 1014, è invece protagonista di una curiosa leggenda: si narra che nel palazzo vivesse una famiglia con un neonato e una scimmia. Un giorno l animale prese il neonato con sé e si arrampicò fin sopra i merli della torre (da cui il nome: Torre della Scimmia), saltellando e rischiando di farlo precipitare. I genitori, assieme al popolo accorso, pregarono la Madonna affinché salvasse il piccolo. A quel punto, udito un fischio, la scimmia ridiscese portando con cura il bambino nella sua culla. Da quel giorno i

5 genitori vollero che ardesse sempre una lampada davanti la statua della Vergine, che fecero collocare sulla cima della torre. Via della Scrofa Ricalca esattamente il tracciato di un'antica strada romana che, incorporando il percorso dell'attuale via di Ripetta, costeggiava a destra il Tevere (all'altezza dell'attuale ponte Cavour) ed a sinistra il Mausoleo di Augusto e confluiva nella via Flaminia, all'altezza dell'odierna piazza del Popolo. Si ritiene che l'antica via risalga al 29 a.c., ovvero all'epoca della costruzione del Mausoleo di Augusto. Il nome di via della Scrofa deriva dall'insegna di una locanda ivi esistente già nel Quattrocento, come si fa cenno in alcuni documenti del 1445, dai quali risulta che questa zona era denominata "la Scrofa". Il piccolo simulacro raffigurante una scrofa (nel tratto della via appartenente al rione S. Eustachio), probabilmente un frammento di un antico bassorilievo marmoreo, fu murato sulla facciata del convento degli Agostiniani e trasformato in fontanella per volontà di papa Gregorio XIII soltanto nel 1580: da ciò si deduce che non fu la fontana a dare il nome al luogo, poiché il toponimo esisteva già da oltre un secolo. Via della Scrofa è condivisa da due rioni: il primo tratto, da largo Giuseppe Toniolo fino all'incrocio con via della Stelletta (a destra) e via dei Portoghesi (a sinistra) appartiene al rione S. Eustachio; il tratto dal suddetto incrocio fino al congiungimento con via di Ripetta appartiene al rione Campo Marzio. Al civico 117 della via, ad angolo con piazza Nicosia, è situato palazzo Aragona Gonzaga. un edificio che soltanto in apparenza costituisce un complesso unico con il palazzo Soderini Cellesi al quale è unito, oltre ad avere cortili intercomunicanti; in realtà si tratta di due edifici autonomi. Il primo fu costruito nella metà del Cinquecento da Giambattista Aragona e venduto nel 1587 al principe Scipione Gonzaga; nel 1645 fu acquistato da monsignor Cesa e poi in seguito dai Cellesi, che nella seconda metà del Settecento lo vendettero ai Negroni, oriundi di Bergamo, i quali acquistarono anche il palazzo Soderini e definirono più chiaramente l'unione dei due edifici. Nel Novecento l'edificio passò ai principi Galitzin di origine russa. Il palazzo subì numerose trasformazioni nel corso dei secoli, con caratteristiche barocche sovrapposte a quelle originarie, nonché la sopraelevazione ottocentesca. Il portale principale si apre su via della Scrofa, architravato e sormontato da un balconcino, sul quale si affaccia una porta-finestra con timpano semicircolare spezzato, al centro del quale è situata una testa di donna; le altre quattro finestre del primo piano presentano timpani triangolari e semicircolari. Al secondo piano si aprono cinque finestre architravate e decorate, mentre quelle del terzo piano, più piccole, sono incorniciate. Il pianterreno presenta quattro finestre inferriate, poste ai lati del portale, e due lapidi; la prima ricorda che TORQUATO TASSO OSPITE DEL CARDINALE SCIPIONE GONZAGA SOGGIORNÒ PIÙ VOLTE E A LUNGO IN QUESTO PALAZZO DAL MDLXXXVII (1587) AL MDXC (1590) IL COMUNE DI ROMA NEL TERZO CENTENARIO DELLA MORTE DEL POETA (1895). La seconda lapide così recita: LUIGI GONZAGA DELLA COMPAGNIA DI GESÙ FU OSPITE IN QUESTO PALAZZO DEL CARDINALE SCIPIONE GONZAGA SUO CUGINO NEL NOVEMBRE 1585 IL COMUNE DI ROMA NEL QUARTO CENTENARIO DELLA MORTE DEL SANTO. NOVEMBRE L'angolo smussato dell'edificio, ad angolo con piazza Nicosia, presenta un'edicola sacra di forma pentagonale raffigurante la Madonna in trono con Bambino, affiancati da due angeli e sormontati dalla colomba. L'edicola, ricca di molti ex voto, presenta anche la seguente iscrizione: VERGINE IMMACOLATA MARIA MADRE DEL DIVINO AMORE FATECI

6 SANTI GRAZIA MADONNA. Lo stesso angolo smussato presenta anche, al pianterreno, una vascasarcofago eretta nel XVI secolo durante il pontificato di Gregorio XIII Boncompagni. È caratterizzata da una semplice vasca rettangolare di granito romano, con ampi bordi arrotondati, che riceve acqua da due bocchette simmetriche inserite sulla parete di appoggio entro altrettante formelle di marmo modanate. Su piazza Nicosia vi è l'ingresso secondario costituito da un portale ad arco bugnato. Piazza S. Luigi dei Francesi San Luigi dei Francesi è una chiesa che affaccia sulla piazza omonima, non distante da Piazza Navona, nel rione Sant'Eustachio. È la chiesa nazionale dei francesi di Roma dal La comunità francese di Roma, che già possedeva una piccola cappella nei pressi di Sant'Andrea della Valle, alla fine del XV secolo permutò questa cappella con altri possedimenti dell abbazia di Farfa in Roma, per costruirvi una nuova e più spaziosa chiesa nazionale. I lavori furono eseguiti da Domenico Fontana su progetti di Giacomo Della Porta, e grazie alla munificenza di Caterina de' Medici, dal 1518 al 1589; chiesa fu consacrata l 8 ottobre Sebbene consacrata a Maria Vergine, a San Dionigi l'areopagita e al re San Luigi IX, essa è conosciuta soprattutto con quest' ultimo nome. Fin dagli inizi della sua costruzione essa fu eretta a parrocchia per i residenti francesi della città; inoltre è sede del titolo cardinalizio di San Luigi dei Francesi. La chiesa, dal punto di vista artistico, è un'esaltazione della Francia attraverso la rappresentazione dei suoi santi e dei suoi più grandi personaggi storici. Nella facciata sono rappresentate le statue di Carlo Magno, San Luigi, Santa Clotilde, Santa Giovanna di Valois. All interno vi sono affreschi con le Apoteosi di San Luigi e San Dionigi ed il racconto della vita di Clodoveo. Due sono i luoghi che racchiudono veri e propri capolavori dell arte del XVII secolo. Nella seconda cappella della navata di destra vi è l affresco con storie di Santa Cecilia del Domenichino ( ); mentre nella quinta cappella della navata di sinistra (cappella Contarelli) vi sono tre capolavori assoluti del Caravaggio: il Martirio di San Matteo, San Matteo e l'angelo e Vocazione di San Matteo. Via della Dogana Vecchia Strada di collegamento tra Piazza Navona e Piazza della Rotonda, culla del Pantheon, che si sviluppa nella parte settentrionale dell ansa del fiume Tevere, è una straordinaria strada che custodisce una serie di monumenti di alto valore artistico, tra i quali spiccano i cinquecenteschi Palazzo Giustiniani, la Casa di Galeotto Caccia con annessa fontana, ed il particolare della targa dedicata al degrado urbano della città di Roma. Corso Rinascimento incrocia il Corso Vittorio Emanuele II, nel centralissimo rione Sant Eustachio di Roma. Corso Rinascimento fa da culla al meraviglioso Palazzo Madama, sede del Senato della Repubblica italiana già dal 1871, il quale deve il nome a Margherita d Austria, vedova di Alessandro de Medici, chiamata la madama. Elegante ed imponente, il palazzo venne definito da Giuliano Sangallo nel 1503, per volere del cardinale Giovanni de Medici, figlio del Magnifico e

7 futuro papa Leone X e deve l attuale impianto e la sontuosa facciata all artista Paolo Marucelli. In seguito la destinazione a sede del Senato della Repubblica comportò la realizzazione delle sale di rappresentanza, visitabili fino alle tribune dell aula assembleare. Affacciata su Corso del Rinascimento, a pochi passi da Piazza Navona, la Chiesa di Sant Ivo alla Sapienza è opera della maturità artistica del Borromini. Inserita nel corpo edilizio del Palazzo della Sapienza, oggi sede dell Archivio di Stato di Roma, al termine dell esedra del cortile disegnata da Giacomo della Porta, ha una geometria complessa e dinamica. Sulla base rettangolare il geniale architetto imposta un esagono, all'interno di un triangolo, sui cui lati si trovano le cappelle e le absidi semicircolari. Sull esagono centrale si eleva la meravigliosa cupola, il cui tamburo lobato introduce all elica della sovrastante lanterna e alla scalinata, oltre le quali svetta l aerea gabbia in matallo della croce e del globo. Piazza Sant Andrea della Valle La basilica fu progettata e costruita da Giacomo Della Porta, Francesco Grimaldi, e Carlo Maderno tra il 1590 e il I lavori furono finanziati dal cardinale Alessandro Peretti di Montalto, nipote di papa Sisto V. Nel 1608 Maderno fu incaricato di completare l'edificio, ampliando il transetto ed innalzando la cupola. Invece la facciata barocca fu aggiunta tra il 1655 e il 1663 da Carlo Rainaldi. La facciata, di gusto tardo-barocco, fu realizzata dal 1655 al 1665 da Carlo Rainaldi che ampliò il progetto originario di Carlo Maderno. In travertino, alta, sontuosa, presenta due ordini di colonne appaiate e lesene corinzie. Al centro un finestrone sovrasta il portale, mentre ai lati si hanno nicchie con statue e finte finestre. Le statue nelle nicchie sono di Domenico Guidi (San Gaetano e San Sebastiano) e di Ercole Ferrata (Sant'Andrea apostolo e Sant'Andrea d'avellino). La facciata è caratterizzata da marcati chiaroscuri, dovuti alla abbondante presenza di colonne e cornicioni con forte aggetto. I lavori per la facciata furono finanziati dal cardinale Francesco Peretti di Montalto, nipote di Alessandro, l'originale finanziatore dell'opera. La tradizionale voluta di raccordo è assente nella parte destra, mentre nella parte sinistra è sostituita da un caratteristico angelo con l'ala alzata, di Ercole Ferrata. Le due statue muliebri sopra la porta sono di Cosimo Fancelli. La pianta della chiesa è a croce latina con una vasta navata e un transetto poco pronunciato, fiancheggiata da otto cappelle laterali. Lo schema planimetrico è riconducibile al modello della non distante chiesa del Gesù, sebbene con alcune differenze: in particolare, le cappelle di Sant'Andrea della Valle sono meno profonde e sensibilmente più alte, sottolineando così il forte ritmo verticale dell'edificio. Due ulteriori cappelle laterali si affacciano sull'abside, ampia e ricca di ori e affrescata da Mattia Preti con il trittico Crocifissione di Sant'Andrea, Martirio di Sant'Andrea e Sepoltura di Sant'Andrea. La volta è a botte, affrescata. L'interno della chiesa è fastoso e luminoso, pur mantenendo una struttura ordinata ed elegante, maestosa, e non stupisce che Giacomo Puccini l'abbia scelta per ambientare il primo atto della Tosca (anche se la cappella Attavanti di cui si parla nell'opera è un'invenzione poetica).

8 La Cappella Lancellotti si distingue per la qualità delle sculture. La cappella è opera di Carlo Fontana (1670). La prima cappella a sinistra è dedicata alla famiglia Barberini. Fu allestita da Matteo Castelli dal 1604 al 1616 su commissione del cardinale Maffeo Barberini, che divenne in seguito papa Urbano VIII. La pala che orna l'altare è di Domenico Passignano (1616). Alla sua decorazione lavorarono dal 1609, Pietro, Gian Lorenzo Bernini, Cristoforo Stati, Francesco Mochi e Ambrogio Bonvicino. La terza cappella a sinistra ospita un dipinto, piuttosto rovinato, eseguito da Giovanni De Vecchi nel Il valore di questa opera è simbolico, in quanto ritrae San Sebastiano, la cui chiesa sorgeva dove ora si trova Sant'Andrea Della Valle. Secondo la tradizione, Sebastiano fu un valoroso soldato romano, capitano dei Pretoriani sotto Diocleziano (280). Fervente cristiano, assisteva i martiri nelle prigioni, e per questo fu messo a morte da Diocleziano. Venne giustiziato dagli arcieri: nell'iconografia cristiana è raffigurato trafitto da numerose frecce. Narra la leggenda che la matrona romana Luciana trovò il suo corpo proprio dove ora si erge Sant'Andrea della Valle. Nel IV secolo venne eretta sul sito una piccola chiesa, che divenne meta di assidui pellegrinaggi. La cupola, realizzata da Carlo Maderno, è la terza in altezza della città di Roma, preceduta solo da quella della basilica di San Pietro in Vaticano e dalla più recente cupola della chiesa dei Santi Pietro e Paolo all'eur. All'esterno, il tamburo riprende il tema delle colonne binate della cupola di San Pietro. È molto luminosa grazie ad un ordine di finestre intervallate da semi-colonne, in numero di otto. La presenza delle finestre, se da un lato permette l'illuminazione sontuosa che caratterizza la chiesa, dall'altro rende difficilmente distinguibile il meraviglioso affresco della cupola, realizzato da Giovanni Lanfranco tra il 1621 ed il Il lavoro venne condotto in concomitanza, e probabilmente in competizione, con l'affresco dei pennacchi (o peducci) e del transetto absidale, con storie di Sant'Andrea, eseguiti dal Domenichino tra il 1621 ed il La cupola ritrae la Gloria del Paradiso, mentre i pennacchi rappresentano i Quattro evangelisti. Tra i due artisti, entrambi appartenenti alla Scuola Carracci, c'era forte competizione, tanto che lo Zampieri accusò Lanfranco di averlo spinto da un'impalcatura, dopodiché fuggì a Napoli. Sull'ampia cantoria in controfacciata, realizzata nel 1905 da Enrico Caraffa, si trova l'organo a canne della basilica, costruito nel 1909 da Carlo Vegezzi Bossi e Guido Buccolini e restaurato nel 1964 da Leandro Buccolini e ancora nel Attualmente (2012), l'organo è a due tastiere di 61 note ciascuna e pedaliera di 32 ed è a trasmissione elettrica. Probabilmente il nome della chiesa si deve al Palazzo Della Valle, che sorge accanto sulla stessa via, corso Vittorio Emanuele, al numero 101. Il palazzo, realizzato da Lorenzo Lotti (detto il Lorenzetto, scultore ed architetto legato a Raffaello) intorno al 1517, presenta il nome del cardinale Andrea della Valle scolpito sopra il portone.

9 La piazza antistante la chiesa e che da questa prende nome è ornata da una fontana che proviene dalla scomparsa piazza Scossacavalli, distrutta per i lavori di demolizione della spina di Borgo e la conseguente creazione di via della Conciliazione. L autore è Carlo Maderno (1614).

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE

XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE XX GIORNATA FAI DI PRIMAVERA Da 20 anni, ogni volta un Italia mai vista 24 25 marzo 2012 I BENI APERTI NEL MOLISE Con il Patrocinio di:» Le Delegazioni FAI della Regione Molise ringraziano Controllare

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara

La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara La Chiesa di S. Giovanni a Carbonara è ubicata nell'omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei

Dettagli

Architettura plateresca

Architettura plateresca SALAMANCA Geografia e storia Geografia 800 m s.l.m. 190.000 abitanti ca. Regione della Castilla y Leon Sulle rive del fiume Tormes È stata colonia romana (rimane il ponte) 712 invasa dagli Arabi e riconquistata

Dettagli

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO

CUNEO: A SPASSO PER IL CENTRO STORICO Dati percorso / itinerario : Responsabile percorso / itinerario : ISTITUTO GRANDIS Roberto Delprete CUNEO 0171-692623 12100 CUNEO (CN) cnis00300e@istruzione.it Italia http://www.grandiscuneo.it Fondata

Dettagli

Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna. Dal 6 all 8 novembre 2009

Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna. Dal 6 all 8 novembre 2009 Il Medioevo delle Torri e lo splendore dei Palazzi di Bologna Dal 6 all 8 novembre 2009 PROGRAMMA (soggetto a modifiche per gli orari di apertura dei siti da visitare) Direzione culturale: Prof. Valter

Dettagli

SCORCI DI STORIA NEI VICOLI ANTICHI

SCORCI DI STORIA NEI VICOLI ANTICHI SCORCI DI STORIA NEI VICOLI ANTICHI Piazza Navona Via dei Coronari è un lungo rettilineo che collega piazza Navona a ponte Sant Angelo. Realizzata intorno al 1470 da Sisto V per migliorare il traffico

Dettagli

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze

CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze CITY BOOK Guida Turistica sul Centro Storico della città di Firenze pubblicazione gratuita realizzata da qualità nei servizi per il turismo ITINERARIO TURISTICO/CULTURALE nel Centro Storico di Firenze

Dettagli

Vendrogno e le sue 13 chiese

Vendrogno e le sue 13 chiese Vendrogno e le sue 13 chiese Sono ben 13 le chiese nel territorio del comune di Vendrogno. Partendo dal nucleo del paese e seguendo un itinerario che si snoda attraverso tutte le frazioni, si possono incontrare

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

Ritrovo ore 14,30 Piazza S. Croce sotto statua Dante / Durata visita circa ore 2,00

Ritrovo ore 14,30 Piazza S. Croce sotto statua Dante / Durata visita circa ore 2,00 Cari amici, Vi proponiamo un nuovo programma di visite guidate a Chiese e Musei nei prossimi Mesi di Gennaio-Febbraio e Marzo 2016, con la Guida di Giampiero Graziani. Costo di iscrizione e partecipazione

Dettagli

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza

La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza La chiesa della Madonna di Campagna a Pallanza A nord di Pallanza, in posizione comoda da raggiungere anche dalle località di Suna e Intra, ai piedi del Monte Rosso, sorge la celebre e bella struttura

Dettagli

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65

La Facciata. 64 Orvieto. Il Duomo 65 La Facciata Ci vollero tre secoli per scolpire nella pietra, modellare nel bronzo e figurare con tessere di mosaico il volto del Duomo, delineandolo attraverso un articolato programma narrativo incentrato

Dettagli

COMUNE DI FORESTO SPARSO

COMUNE DI FORESTO SPARSO 1 CHIESA PARROCCHIALE S. MARCO EVANGELISTA Via Roma Ente pubblico Privato X X Adeguata X Libera X Edificata su un precedente edificio religioso (risalente circa al 1337). La nuova chiesa, consacrata nel

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il

Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Il Cammino del Sacro Arezzo, nel susseguirsi naturale delle sue strade, presenta Il Cammino del Sacro: il Museo diocesano, il Duomo e le altre chiese monumentali della città, tutti straordinariamente ricchi

Dettagli

FOTO DEL LAZIO. "Colosseo", in origine conosciuto col nome di "Anfiteatro Flavio" (foto miste).

FOTO DEL LAZIO. Colosseo, in origine conosciuto col nome di Anfiteatro Flavio (foto miste). FOTO DEL LAZIO Roma: come allora, ancora "caput mundi"... (parte I delle foto) Pini alla fermata della metropolitana "Anagnina" (nella prima foto) / "Piazza della Repubblica" (nella seconda foto) / "Teatro

Dettagli

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio

Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio Chiesa collegiata dei Santi Gervasio e Protasio - Sondrio RICERCA ESEGUITA DA MARCO MARVEGGIO, ALESSANDRO DELLA VALLE STEFANO PROIETTI,, IAN VUTCARIOV CLASSE 5^ SCUOLA PRIMARIA BRUNO CREDARO- VIA BOSATTA,

Dettagli

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13

CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 CONOSCI LA TUA CITTÀ ANNO SCOLASTICO 2012/13 NAVATA DI DESTRA IL GARGOYLE IL TIBURIO S. ANDREA BASILICA DI SANT ANDREA IN PIAZZA ROMA Fu edificata tra il 1219 e il 1227 per volere del cardinale Guala Bicchieri.

Dettagli

La cappella Pazzi 1429-1461

La cappella Pazzi 1429-1461 La cappella Pazzi 1429-1461 Cappella Pazzi era una aula dietro l altare dove la famiglia del committente aveva il diritto di sepoltura. Si pone accanto alla chiesa come una struttura che non ha bisogno

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012-2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: BOPS080005@ISTRUZIONE.IT PROGRAMMA SVOLTO a.s.

Dettagli

Il Manierismo nel Veneto

Il Manierismo nel Veneto Liceo Scientifico Paritario Ven. A. Luzzago Il Manierismo nel Veneto Jacopo Robusti detto il Tintoretto Paolo Caliari detto il Veronese Andrea Palladio Prof. Antonino Fallanca Tintoretto (1519 ca 94) Fu

Dettagli

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale

CHIESE E ORATORI DI RASSA. Chiesa parrocchiale CHIESE E ORATORI DI RASSA Chiesa parrocchiale La parrocchiale anticamente non era che una semplice chiesuola dedicata a S. Maiolo, o direm meglio, questa chiesuola era dove si facevano i divini officii,

Dettagli

Il centro storico di Castellaneta

Il centro storico di Castellaneta Il centro storico di Castellaneta La parte più antica di Castellaneta si trova sul punto più alto, il colle Archinto (241 metri s. l. m.) ed è circondato da due lati dalla gravina. Il centro storico mantiene

Dettagli

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni

ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE. Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni ANDRANO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Cripta dello Spirito Santo

Dettagli

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA

DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN CARLO DESCRIZIONE STORICO-ARTISTICA EDIFICIO CHIESA Consacrato il 15 novembre 1941 dal Beato Cardinale Alfredo Ildefonso Schuster Arcivescovo di Milano. Sorto in quattro tempi

Dettagli

PIAZZA ACHILLI RAOUL ang. Via MADONNA DELLE GRAZIE

PIAZZA ACHILLI RAOUL ang. Via MADONNA DELLE GRAZIE INDICE Esistenti PIAZZA ACHILLI RAOUL ang. Via MADONNA DELLE GRAZIE... 2 VIA CANAZZA 37... 3 VIA CANAZZA 46 angolo Via Trivulzio... 4 VIA CANAZZA 65... 5 VIA CANOVA angolo VIA S.TERESA DEL B.GESU'... 6

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

VENETO: PADOVA (Novembre 2013)

VENETO: PADOVA (Novembre 2013) VENETO: PADOVA (Novembre 2013) PAGINA DEL VENETO PADOVA, gita di un giorno Basilica di Sant'Antonio di Padova Nella città di Sant'Antonio e della storia... L'escursione nella città veneta è stata giornaliera

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA IL BAROCCO DI ROMA L arte della meraviglia e del movimento. Una passeggiata nel centro della città a vedere e fotografare piazze, chiese, fontane e statue del Seicento. Il giro include alcuni capolavori

Dettagli

Francesco Antonio Picchiatti. Il Pio Monte della Misericordia. La concezione architettonica della fabbrica è del Picchiatti, la parte decorativa di

Francesco Antonio Picchiatti. Il Pio Monte della Misericordia. La concezione architettonica della fabbrica è del Picchiatti, la parte decorativa di Francesco Antonio Picchiatti. Il Pio Monte della Misericordia. La concezione architettonica della fabbrica è del Picchiatti, la parte decorativa di Cosimo Fanzago. S. Maria dell Aiuto S. Maria dell Aiuto

Dettagli

VILLA MEMO GIORDANI VALERI

VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI VILLA MEMO GIORDANI VALERI Ora di proprietà del Comune di Quinto La villa, che si trova in via Borgo in prossimità dell incrocio con via Noalese, chiamata Memo, Giordani, Valeri

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19

L'ANGOLO D'ITALIA PIENZA: la città ideale. di Paolo Castellani. febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 PIENZA: la città ideale di Paolo Castellani febbraio 2011 - GEOMONDO - 19 Su una collina allungata a dominio della Val d Orcia, persa in una sinfonia di colli dolcissimi e di bianchi calanchi, tra file

Dettagli

L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri)

L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri) L abitato di Velate ai piedi del Monte S. Francesco e del massiccio del Campo dei Fiori (foto Adriano Sandri) Aspetti della vegetazione nei dintorni di Velate: -bosco misto con affioramenti calcarei; -faggeto

Dettagli

CHIESA DI SAN GIACOMO

CHIESA DI SAN GIACOMO CHIESA DI SAN GIACOMO La chiesa di San Giacomo sorge nel centro del rione Liparlati ed è una delle più antiche di Positano. Fondata nel XII secolo in onore di Santiago de Compostela( San Giacomo dal Campo

Dettagli

Chiesa dei Santi Luca e Martina, 1635-1650. Roma

Chiesa dei Santi Luca e Martina, 1635-1650. Roma Chiesa dei Santi Luca e Martina, 1635-1650. Roma Pietro Berrettini detto da Cortona (1597-1669) Architetto e pittore condivise con Bernini e Borromini la scena artistica del Barocco romano. Nato a Cortona,

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA.

LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Vincenzo Zito LA FACCIATA DELLA CATTEDRALE DI ANDRIA. Appunti storici di resistenza Fascicolo 1 Novembre 2014 Il presente opuscolo raccoglie una serie di appunti sul tema pubblicati sul sito Facebook Andria

Dettagli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli

BODRUM e EFESO. foto di Paola Battisti. di Patrizia Civeli BODRUM e EFESO foto di Paola Battisti 18 di Patrizia Civeli mente aperta, un inalterabile serenità di spirito. Proprio come Erodoto, il primo vero reporter della storia, il primo che per scrivere le sue

Dettagli

Montemagno: cenni storici

Montemagno: cenni storici Montemagno: cenni storici Il paese di Montemagno ha molto probabilmente origini romane piuché si conoscce l esistenza di un villaggio, Manius, presente su questo territorio. Le prime testimonianze scritte

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Visita a Brescia. Cinquecento, Seicento e Settecento.

Visita a Brescia. Cinquecento, Seicento e Settecento. Visita a Brescia. Cinquecento, Seicento e Settecento. Sabato 29 marzo siamo usciti per una visita d'istruzione alla nostra città, Brescia. Accompagnati dai professori Fanara e Grillo ci siamo recati al

Dettagli

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1

San Paolo Albanese. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Fig. 1 di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) San Paolo Albanese Le sue origini sono antiche. Dominio dello stato di Noia (l odierna Noepoli) per molto tempo, tra il 1526 e il 1534 fu popolato dai

Dettagli

Basilica di San Pietro

Basilica di San Pietro INDICE 1. Basilica di San Pietro 2. Roma del Caravaggio 3. MAXXI Museo 4. Castel Romano Designer Outlet 5. Roma sotterranea 6. Roma Imperiale 7. Musei Vaticani& Cappella Sistina 8. Ostia Antica 9. Palazzo

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

CHIESA SANTA MARGHERITA

CHIESA SANTA MARGHERITA CHIESA SANTA MARGHERITA La Chiesa di S. Margherita, si trova nel rione "Fornillo". Costruita dalla famiglia Porcelli forse nel XVI o XVII sec. venne restaurata nella seconda metà del 700, a cura degli

Dettagli

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante.

Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Una passeggiata tra storie d'amore e di fantasmi. Da SS. Annunziata alla Chiesa di Dante. Itinerario Libero non Guidato Segui il nostro consiglio, prendi per mano tua moglie o la tua fidanzata e portala

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno

1 giorno. 3 Giorno. 4 Giorno Roma ed ASsisi Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com - info@tasteandslowitaly.com

Dettagli

F.S. La mitica II D a Verona 3

F.S. La mitica II D a Verona 3 Visita guidata autogestita II D 15 febbraio 2008 P R O G R A M M A 8.28 Partenza da Padova in treno 9.33 Arrivo a Verona Porta nuova 9.50 ARENA ROMANA (1-2) MUSEO LAPIDARIO MAFFEI Raduno alle 8.00 in stazione

Dettagli

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico.

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico. Di Valeria Scarciafratte Il Palazzo del Quirinale è la residenza ufficiale del presidente della Repubblica Italiana. Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Speciale AGOAL *415 ESCLUSIVA AGOAL ROMA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE. 3-6 Aprile 2016

Speciale AGOAL *415 ESCLUSIVA AGOAL ROMA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE. 3-6 Aprile 2016 ESCLUSIVA AGOAL Speciale AGOAL *415 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE 3-6 Aprile 2016 GIUBILEO DELLA MISERICORDIA MISERICORDIOSI COME IL PADRE Che tu non possa vedere nulla più grande

Dettagli

Elenco opere in mostra

Elenco opere in mostra Via Sacra Foro romano, 1990 Gelatina ai sali d argento, AFM 1 Pendici del Campidoglio, 1990 Gelatina ai sali d argento, AFM 2 Colosseo, 1990 Gelatina ai sali d argento, AFM 3 Via di porta Ardeatina, 1990

Dettagli

L ARCHITETTURA GOTICA

L ARCHITETTURA GOTICA L ARCHITETTURA GOTICA LE ORIGINI DEL GOTICO Per architettura gotica si intende quell architettura nata in Francia, poi sviluppatasi in Germania e diffusasi in tutto il continente europeo, a partire dal

Dettagli

FONTE: www.annazelli.com/ OSPEDALI IN ROMA

FONTE: www.annazelli.com/ OSPEDALI IN ROMA FONTE: www.annazelli.com/ OSPEDALI IN ROMA Complesso di S. Spirito in Saxia, iniziato nel 727 quando il re dei Sassoni istituì la "Schola Saxonum" Complesso di S. Spirito in Saxia il Tiburio Complesso

Dettagli

PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE

PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE DISO PATRIMONIO CULTURALE TERRITORIALE Si richiede di verificare la bontà delle informazioni e di suggerire eventuali beni territoriali che fossero sfuggiti al censimento. Palazzo Baronale Miglietta All

Dettagli

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione

- 1 - Con il patrocinio di. Direzione e Redazione L Ospedale Maggiore, oggi Università Statale di Milano Monumentale complesso ospedaliero chiamato popolarmente dai milanesi Ca Granda, fondato nel 1456 da Francesco Sforza, duca di Milano e dalla moglie

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

SEICENTO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 13. IL SEICENTO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

SEICENTO prof.ssa Emanuela Pulvirenti www.didatticarte.it 13. IL SEICENTO CORSO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE 13. IL SEICENTO IL SECOLO DELLA MERAVIGLIA All inizio del XVII sec. l Italia non è indipendente e vive una grave crisi economica con carestie e pestilenze pur restando un importante centro culturale e

Dettagli

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo

Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Comunità montana Alta Valtellina - Comune di Sondalo Sondalo, in Valtellina, 940 metri sul livello del mare, si trova a pochi passi dai grandi centri turistiche dell'alta valle e sorge ai piedi del Parco

Dettagli

BERNINI E LA NUOVA ROMA. Pearson Italia

BERNINI E LA NUOVA ROMA. Pearson Italia L'artista dei papi Autoritratto, olio su tela, 53x43 cm, 1638 ca. Roma, Galleria Borghese. Gian Lorenzo Bernini (Napoli 1598 - Roma 1680), è considerato già alla sua epoca l'architetto, lo scultore e il

Dettagli

Viggiano. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT)

Viggiano. di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) di: Salvatore Sebaste Foto Bellini (Bernalda - MT) Viggiano Fu antico Pagus di Grumentum. Trae il suo nome da Vibianus, dal gentilizio romano Vibius, secondo Giacomo Racioppi. Nel sec. X sorse un insediamento

Dettagli

I Cristiani e gli Ebrei

I Cristiani e gli Ebrei I Cristiani e gli Ebrei La casa del Papa: Basilica di San Pietro e Musei Vaticani Le catene di San Pietro e la neve estiva nella Basilica di San Pietro in vincoli e nella Basilica di Santa Maria Maggiore

Dettagli

La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più

La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più LA BASILICA DI SAN ZENO La basilica di San Zeno è senza dubbio una delle più belle chiese romaniche esistenti in Italia. L intenso cromatismo, dato dall impiego della pietra di tufo usata sola o alternata

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I

Conservazione e valorizzazione dei monumenti allo stato di rudere della Costiera amalfitana I Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia

Dettagli

Elenco Opere. Caravaggio a Roma. Una vita dal vero

Elenco Opere. Caravaggio a Roma. Una vita dal vero Elenco Opere Caravaggio a. Una vita dal vero Guido Reni ( attr.) Ritratto di Beatrice Cenci, sec. XVII Olio su tela, cm 75x50 GALLERIA NAZIONALE D ARTE ANTICA DI PALAZZO BARBERINI Amor sacro e amor profano,

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

ALLEGATO FOTOGRAFICO DEI BENI CULTURALI

ALLEGATO FOTOGRAFICO DEI BENI CULTURALI - APPROVATO - Progettista: Commissario ad Acta Segretario Comunale: Adottato dal C.C. con delibera n 01 del 29.01.2015 Provvedimento di compatibilità con il PTCP n 20656 del 14.05.2015 Approvato dal Commissario

Dettagli

La chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Tesserete

La chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Tesserete La chiesa parrocchiale di Santo Stefano a Tesserete ITALIANO Da più di 1000 anni la chiesa di santo Stefano veglia, dal piccolo rilievo sul quale si appoggia, i paesi della Pieve di Capriasca. Le montagne

Dettagli

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA

L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Beni culturali SCHEDA DI DOCUMENTAZIONE N 13 L ANTICO MONASTERO SANTA CHIARA Posizione Si trova in contrada Omerelli, all estremità nord del centro storico di San Marino. Epoca Risale ai secoli XVI e XVII.

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

la chiesa come edificio: ieri e oggi

la chiesa come edificio: ieri e oggi m o d u lo 3 la chiesa come edificio: ieri e oggi twitter È necessario costruire nuove chiese quando c'è chi muore di fame? I preti dovrebbero mettersi per strada invece che stare tra quattro mura. Non

Dettagli

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara.

CHIESA DI SANTA CHIARA. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara. Analisi storica della città di Trani e pianta della Chiesa e Convento di S. Chiara. Vista della chiesa prima dei lavori di restauro Vista della chiesa dopo i lavori di restauro Vista della controfacciata

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.

La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro. ! La Chiesa di Sant Aniello a Caponapoli : un ponte tra passato, presente e futuro.... solo a partire da uno sguardo a ritroso che sa di non poter mai cogliere il passato così com era, può nascere un nuovo

Dettagli

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante

Esempi di restauro architettonico. Francesco Morante Esempi di restauro architettonico Francesco Morante L Arco di Tito L Arco di Tito è uno dei primi e più famosi restauri archeologici effettuati in Italia nel XIX secolo. L arco era stato costruito nel

Dettagli

PRATO ACCADEMICO PADOVA

PRATO ACCADEMICO PADOVA PRATO ACCADEMICO FOTO DI GABRIELE CROPPI Una città antica, culla di università e commerci, che ha sempre avuto una particolare attenzione per l arte, la cultura e la scienza. Da scoprire a piedi, con lentezza

Dettagli

Cenni storici. Passeggiare nella Storia GLI EDIFICI ECCLESIASTICI

Cenni storici. Passeggiare nella Storia GLI EDIFICI ECCLESIASTICI 1 Cenni storici Oltre alle chiese tutt oggi esistenti a Vicopisano e nei suoi immediati dintorni, i documenti ci testimoniano che in antico ancora più numerosi erano gli edifici ecclesiastici della zona,

Dettagli

Città di Castano Primo

Città di Castano Primo Città di Castano Primo Variante Piano delle Regole 2012 Nucleo di Antica Formazione Doc C02 Catalogo Elementi decorativi e di interesse artistico Sindaco Franco Rudoni Città di Castano Primo Assessorato

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco BERNINI E BORROMINI Rivalità e Trionfo del Barocco Introduzione BERNINI BORROMINI Nascita: Napoli/1598 Figlio di scultore (Pietro Bernini) Impara l arte dal padre Grande talento artistico Personalità estroversa

Dettagli