IN CITTÀ Disinfestazione attiva, la Asrem ha avviato il recupero delle aree urbane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IN CITTÀ Disinfestazione attiva, la Asrem ha avviato il recupero delle aree urbane"

Transcript

1 Sabato 5 maggio 2012 TERMOLI 15 IN CITTÀ Disinfestazione attiva, la Asrem ha avviato il recupero delle aree urbane TERMOLI. Ambiente, già attivi gli interventi di disinfestazione nel territorio comunale da parte della Asrem di Termoli. A seguito delle comunicazioni intercorse tra l Assessorato all Ambiente del comune e la Asrem di Termoli, circa gli interventi di disinfestazione da attuare sull intero territorio comunale, ivi compresa l area riguardante il Borgo antico, il Dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica ha rassicurato l Ente che tali operazioni sono già state avviate dalla mattinata di giovedì 3 maggio. Inoltre, i responsabili dell U.o.c. Igiene e Sanità Pubblica della Asrem di Termoli hanno garantito che tali azioni di bonifica, volte a eliminare completamente l eventuale presenza di insetti, parassiti e ratti, saranno nuovamente ripetute nel corso dell intero periodo estivo, al fine di tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini, nonché il decoro del territorio comunale.

2 CITTÀ DEL MOLISE L ISTITUTO DI RICERCA PRESENTA NUOVE CURE Giornata dell epilessia Il Neuromed avanti nella diagnosi P OZZILLI. Il 6 maggio 2012 si celebra in tutta Italia la Giornata nazionale dell epilessia promossa dalla Lega italiana contro l epilessia (Lice). Per l occasione l Irccs Neuromed, con il suo centro per la Chirurgia dell epilessia riconosciuto dalla Lice aderisce all iniziativa. L Istituto di ricerca molisano, domenica 6 e lunedì 7 maggio, allestisce un info-point con materiale informativo. Non solo, per l occasione, lunedì 7 maggio sarà inaugurato ufficialmente il nuovo sistema di monitoraggio video per l elettroencefalogramma acquisito anche grazie al contributo dell associazione figli inabili Banca d Italia (Afibi), progettato ed allestito ad hoc per il Centro epilessia Neuromed. Una tecnologia che colloca Neuromed tra i centri epilessia più innovativi ed all avanguardia. L apparecchiatura permette di monitorare contemporaneamente 6 pazienti, 24 ore su 24, consentendo la registrazione delle crisi dei pazienti tanto negli aspetti clinici quanto in quelli elettroencefalografici. La video-eeg è considerata uno strumento diagnostico molto utile ai fini della corretta definizione semeiologica delle crisi, soprattutto nell ambito della chirurgia dell epilessia. Consente inoltre di derivare i segnali del tracciato elettroencefalografico dalla superficie dello scalpo ma anche direttamente dal cervello (elettrocorticografia) laddove si rendesse necessario per definire correttamente la regione corticale responsabile dell origine delle crisi. Le informazioni registrate, archiviate e gestite tramite rete informatica, permette agli specialisti di rivedere, elaborare ed analizzare i tracciati audiovideo-eeg dalle differenti postazioni di rilettura presenti in reparto.

3 Sabato 5 maggio 2012 CITTÀ DEL MOLISE 25 AGNONE - ALTO MOLISE SANITAʼ di ADELE MOAURO AGNONE. Variazione di ambienti per il Servizio di Reumatologia dell Ospedale Caracciolo. Da alcuni giorni il reparto, che occupava due piccole stanze al quarto piano, si trova invece alla fine del lungo corridoio del primo adiacente ai locali del Distretto Sanitario di base.grazie alla collaborazione di Luigi Rosato, direttore del Distretto, il quale, su sollecitazione di Franco Paoletti, Responsabile del Servizio di Reumatologia, ha provveduto a far sì che l amministrazione della Asrem concedesse l autorizzazione, ora il reparto può godere di locali più ampi, per offrire un migliore servizio ai pazienti: 4 posti letto in DH in area medica, una sala infusioni, un ambulatorio per l ecografia e l infiltrativa, e una stanza per la capillaroscopia e la morfometria vertebrale computerizzata. Ed era ora che si trovas- Immagine di repertorio se una migliore sistemazione per uno dei reparti che fa onore al presidio agnonese. Il nostro centro effettua trattamenti con farmaci biotecnologici spiega Paoletti - che servono per curare le artriti croniche, permettendo la prevenzione del danno e della degenerazione, cura le osteoporosi severe con farmaci anabolizzanti e neoformativi dell osso, Ospedale Reumatologia cambia i locali Il centro medico resta uno dei migliori in Italia è uno dei pochi centri in Molise che effettua l ecografia articolare e muscolo-tendinea per le malattie reumatiche E possibile, infatti, effettuare presso il Caracciolo l ecografia articolare con sonde ad alta frequenza, oggi necessaria per una diagnosi precoce dell artrite, utile per un monitoraggio delle malattie e della risposta alle terapie. Il macchinario, particolarissimo, è stato acquistato col contributo dell Anmar (Associazione Nazionale Malati Reumatici) continua Paoletti - Inoltre, qui al Caracciolo, come Reumatologia portiamo avanti studi internazionali sull efficacia dei farmaci neoformativi, sull efficacia e la sicurezza di quelli biotecnologici, sul confronto dell efficacia tra i diversi farmaci. Siamo davvero molto avanti, molti centri d Italia indirizzano qui i loro pazienti. Mediamente, il servizio registra circa 700 DH e 1000 visite ambulatoriali all anno, con pazienti che vengono anche dalle regioni confinanti, Abruzzo, Puglia, Lazio, Campania ma anche Basilicata. E per questo che, anche nella proposta presentata relativamente al Psr, compare la richiesta di un Caracciolo che possa configurarsi come polo d eccellenza per la Reumatologia. Si potrebbero mettere in atto moltissime iniziative, e potremmo essere un punto di riferimento irrinunciabile, conclude Paoletti.Intanto, è pronto il programma per il convegno che si terrà il prossimo 19 maggio all Hotel Duca del Sannio, che avrà come tema i Percorsi diagnosticoterapeutici e riabilitativi delle malattie reumatiche. Curato e organizzato dallo stesso Paoletti, sarà un evento al quale presenzieranno moltissimi illustri nomi del settore medico-sanitario.

4 Sabato 5 maggio 2012 Campobasso 7 Palazzo San Giorgio Palazzo San Giorgio Il comitato pro Cardarelli ha presentato il neo presidente Italo Testa CAMPOBASSO. L ospedale Cardarelli non si tocca. Il nosocomio è un riferimento per tutta la regione. Questo in sostanza il pensiero del comitato pro Cardarelli che nella mattinata di ieri ha tenuto una conferenza a Palazzo San Giorgio per presentare il nuovo presidente Italo Testa, già primario di chirurgia. In un periodo in cui non ci sono soldi ha detto il presidente bisogna gestire quei pochi che ci sono assicurandosi prima che funzioni il servizio pubblico. La regione Molise si trova ora in difficoltà. Noi chiediamo che sia rilanciata la funzione dell ospedale Cardarelli che funziona bene e ha sempre funzionato bene nonostante cerchino di smantellarlo continuamente.

5 Sabato 5 maggio 2012 Venafro Valle del Volturno 17 Si tratta del nuovo apparecchio diagnostico acquistato anche grazie ai contributi della onlus Afibi Giornata nazionale dell epilessia, il Neuromed inaugura il video-eeg POZZILLI. In occasione della giornata nazionale dell epilessia il Neuromed inaugurerà il nuovo sistema video-eeg, apparecchio acquistato anche grazie al generoso contributo della Onlus Afibi (Asociazione figli inabili banca d Italia). La giornata nazionale promossa dalla Lega italiana contro l epilessia (Lice) si terrà domani. Anche l Istituto neurologico mediterraneo di Pozzilli, con il suo centro per la Chirurgia dell epilessia riconosciuto dalla Lice aderisce quindi, come del resto ogni anno, a questa iniziativa per poter divulgare il più possibile informazioni utili per chi soffre di questa patologia neurologica ma anche per chi ne è indirettamente coinvolto (familiari, amici, colleghi). A tal fine, presso la sede ospedaliera dell Irccs molisano domani ed il 7 maggio sarà allestito un info-point con materiale informativo. Non solo, per l occasione, lunedì sarà inaugurato ufficialmente il nuovo sistema di monitoraggio video-eeg progettato ed allestito ad hoc per il centro Epilessia Neuromed. Questa acquisizione colloca Neuromed tra i centri epilessia più innovativi ed all avanguardia. Esso offre infatti la possibilità di monitorare contemporaneamente sei pazienti, 24 ore su 24, consentendo la registrazione delle crisi dei pazienti tanto negli aspetti clinici quanto in quelli elettroencefalografici. La video-eeg è considerata uno strumento diagnostico molto utile ai fini della corretta definizione semeiologica delle crisi, soprattutto nell ambito della chirurgia dell epilessia. Consente inoltre di derivare i segnali eeg non solo dalla superficie dello scalpo, ma anche direttamente dal cervello (elettrocorticografia) laddove si rendesse necessario per definire correttamente la regione corticale responsabile dell origine delle crisi. Le informazioni registrate sono opportunamente archiviate e gestite tramite rete informatica, permettendo agli specialisti di rivedere, elaborare ed analizzare i tracciati audio/video/eeg dalle differenti postazioni di rilettura presenti in reparto. L Onlus Afibi, con il suo dono, ha dato insomma un enorme contributo non solo al centro Epilessia Neuromed ma a tutti quei pazienti che, anno dopo anno, si affidano alle cure dell Istituto neurologico mediterraneo di Pozzilli.

6 Termoli Sabato 5 maggio 2012 Via Martiri della Resistenza, Termoli (CB) - Tel Fax L Asrem sta disinfestando centro storico e borgo TERMOLI. A seguito delle comunicazioni intercorse tra l assessorato all Ambiente del comune e la Asrem di Termoli, circa gli interventi di disinfestazione da attuare sull intero territorio comunale, ivi compresa l area riguardante il Borgo antico, il Dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica ha rassicurato l Ente che tali operazioni sono già state avviate dalla mattinata di giovedì 3 maggio. Inoltre, i responsabili dell Uoc Igiene e Sanità Pubblica della Asrem di Termoli hanno garantito che tali azioni di bonifica, volte a eliminare completamente l'eventuale presenza di insetti, parassiti e ratti, saranno nuovamente ripetute nel corso dell intero periodo estivo, al fine di tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini, nonché il decoro del territorio comunale.

7 Il Quotidiano del Molise 4 PRIMO Sanità PIANO Sabato 5 maggio 2012 Redatto un documento circostanziato che analizza pregi e criticità di una struttura negli anni mortificata dai tagli Comitato Pro Cardarelli La sanità pubblica non si tocca L ospedale Cardarelli di Vittoria Todisco CAMPOBASSO. Attraverso una conferenza stampa tenutasi ieri si è presentato il Comitato Pro Cardarelli rinato dopo la sua costituzione nel 2007 quando la Regione iniziò la sua azione di smantellamento attraverso il progetto di trasferire alcuni reparti (nefrologia e oncologia); in quell occasione il comitato risultò incisivo nel ricusare il progetto e gli stessi cittadini si mobilitarono a difesa della sanità pubblica. L idea di smantellare il Cardarelli ha precisato il presidente, il dottor Italo Testa, medico chirurgo figura storica dell Ospedale non è affatto tramontata è proseguita in maniera molto sottile, ha fatto il suo corso depauperando il nosocomio del personale, rendendolo meno competitivo in una logica del rientro dal debito sanitario. La Cattolica è approdata da noi con l impegno di esprimere l eccellenza, attirare l utenza extraregionale cosa che non è avvenuta e il Molise non ha la capacità di sostenerne i debiti di una struttura che CAMPOBASSO. Il Cardarelli deve essere riqualificato e potenziato. Non solo critiche dicevamo, anche proposte, espresse dalla dottoressa Gabriella Ruzzi nel ribadire che il Cardarelli va protetto soprattutto dai cittadini Esso è insostituibile, giacché punto di riferimento extra regionale. Il Cardarelli ha detto benché svilito da discutibili strategie finanziarie e da una politica sanitaria penalizzante che hanno limitato e condizionato la qualità delle prestazioni; mortificato e svili- La conferenza stampa del comintato Pro Cardarelli Il dottor Italo Testa si è mostrata incapace di vivere di mezzi propri. Quella del Comitato Pro Cardarelli non è una guerra contro la Cattolica, divenuta nel frattempo Fondazione, quanto una battaglia civile a difesa della sanità pubblica e del diritto da parte del cittadino ad avere cure pronte ed adeguate; non solo, ma è soprattutto l impegno che personale medico, infermieristico ed ausiliario insieme ai cittadini aderenti agli altri comitati hanno assunto a difesa dell economia di questa regione che rischia di subire una pericolosa perdita di posti di lavoro e un ulteriore impoverimento del cittadino costretto a fronteggiare oneri tributari maggiori. Attraverso un analisi puntuale e dettagliata che coincide perfettamente con le critiche espresse dal Tavolo Tecnico che boccia senza mezzi termini l ipotesi di integrazione fra il Cardarelli e la Cattolica, il Comitato Pro Cardarelli dimostra la non economicità del progetto che la Regione intende portare avanti regalando alla Fondazione i reparti di Oncologia e Cardiologia, quelli cioè che con maggiore incisività determinano il sostentamento economico della sanità pubblica. Una relazione, quella presentata ieri mattina, che nasce da uno studio compiuto dal Comitato che ha esaminato documenti, ha girato Critiche alla politica sanitaria e proposte per salvare l ospedale to le tante professionalità presenti; abbandonato, anche dal punto di vista strutturale, deve essere rilanciato perché è sicuro di interpretare le esigenze e le istanze della popolazione. Le ricadute prodotte da anni di strategia del puro contenimento della spesa sanitaria pubblica con interventi sperequativi a vantaggio di quella privata hanno prodotto delle criticità cruciali, come ad esempio la lungaggine delle liste d attesa; l impossibilità d accesso alle cure ostacolata dalla riduzione dei posti letto; criticità ben percepite dalla popolazione. Nonostante tutto ciò il Comitato lancia una nuova sfida per il Cardarelli che è quella di migliorare la qualità dell offerta chiedendo certezze sui finanziamenti, chiarezza sulla scelte i reparti indagato le necessità e le criticità e, benché esclusa dalle audizioni dinanzi alla IV Commissione Permanente Regionale ha inviato questo materiale al ministero della Sanità, alla Corte dei Conti al Tavolo Tecnico oltre che a tutti i consiglieri regionali, comunali e provinciali. Ma non solo critiche, peraltro molto severe, s u l modo di amministrare la sanità e sulle scelte politiche volte a privilegiare il sistema privato. Il dottor Giuseppe Berardi ha denunciato l utilizzo finanche dei fondi Fas destinati allo sviluppo delle aree sottosviluppate, finite nello sperpero, addossando sulle spalle dei cittadini aumenti come la maggiorazione di 0.15 punti dell IRAP e di 0,30 punti dell IRPEF per quanto riguarda l anno 2011 in cui viene introdotto anche un ticket di 10 euro su visite specialistiche e analisi mediche e un ticket di 25 euro per i codici bianchi del Pronto Soccorso; in più una quota fissa di compartecipazione per ogni ricetta e per ogni confezione di farmaco. Se i nostri soldi fossero meglio amministrati ha detto avremmo migliori servizi e meno tasse. Ma i nostri amministratori non rispondono mai personalmente del danno economico da loro prodotto e il Molise non esprime malasanità quanto una cattiva gestione della sanità. Le dottoresse De Vincenzo e Ruzzi aziendali; una seria ed oculata programmazione dell offerta, la riqualificazione della struttura sia in termini strutturali che riferito all ammodernamento tecnologico, l aggiornamento del personale. Domande, tante alle quali la politica deve risposte certe CAMPOBASSO. Per quali motivi l Università Cattolica già dal 2010 ha deciso di modificare il suo stato giuridico trasformandosi in Fondazione mantenendo però le stesse strutture, stessi mezzi, stesse maestranze, stessi rapporti con l ASREM e con la Regione Molise, ivi comprese la titolarità delle autorizzazioni sanitarie e degli accreditamenti; la nomina dei componenti del Consiglio di Amministrazione del nuovo ente fatta su proposta del Rettore. L anticipazione di 20 milioni di euro per avviare la gestione della Fondazione, e tutti i dirigenti sanitari apicali restano alle dipendenze della Cattolica ma sono dati in prestito alla Fondazione. Ma allora l università Cattolica c è o non c è? Oppure c è ma non deve comparire? Sono questi parte degli intriganti e provocatori interrogativi proposti dal dottor Nicola Lombardi, altro rappresentante del Comitato Pro Cardarelli insieme alla dottoressa Carolina De Vincenzo, alla professoressa Aida Trentalance e a Patrizia Fiammelli ciascuna con il proprio ruolo all interno del Comitato. Nell atto costitutivo della Fondazione ha proseguito il dottor Lombardi è espressamente previsto che il Rettore della Cattolica prenda contatto con il Presidente della Regione Molise per la nomina di un rappresentante dell Ente regionale in seno al Consiglio di Amministrazione. Qual è il ruolo di un rappresentate di un Ente pubblico in una struttura privata? Con quali criteri si è pervenuto alla scelta? Nello statuto della Fondazione è previsto l ingresso nel Consiglio di Ammistrazione anche di cittadini, enti, istituzioni che condividano gli scopi della Fondazione e apportino una dote (chiaro che è in danaro ) e il loro peso nel Consiglio dipenderà dall entità della dote. La Regione Molise cosa ha portato in dote per meritarsi un consigliere? Soldi pubblici? Da quale voce di bilancio sono stati attinti? Ed ancora è messa nero su bianco l intenzione di trasformarsi in Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico: aspirazione legittima che però prevede un lungo e virtuoso percorso fatto di lavoro, ricerca, investimenti della durata di decenni. Ed allora l eccellenza, l alta qualità e la professionalità, le prestazioni sanitarie di secondo e terzo livello sono un aspirazione della Fondazione o un dato già acquisito? E allora perché pagare le tasse oggi per un alta specializzazione che deve ancora concretizzarsi? Ed ancora quale strumento giuridico governa i rapporti con la Fondazione? I rapporti tra sanità pubblica e sanità privata nelle venti regioni italiane sono rigidamente codificati per legge. Due i pilastri di riferimento: il primo è il pagamento del DRG vale a dire il privato eroga una prestazione sanitaria con un suo peso, un valore economico che moltiplicato per le prestazioni totali quantifica il relativo rimborso e, secondo le strutture private, hanno un tetto di spesa, un budget che non può essere sforato. Nella documentazione che la Fondazione ha inviato alla Regione Molise e recepita nella delibera del Commissario ad acta il 30 giugno del 2011 e protocollata con il numero 20 si fa riferimento, tra l altro, alla necessità di superare i propri tetti di spesa. La domanda che ci poniamo e poniamo a voi è: possiamo permettercelo?

8 SABATO O 5 MAGGIO ANNO XV - N. 123 REDAZIONE ISERNIA Neuromed. Domani e dopodomani all istituto sarà allestito un info-point sulla patologia Epilessia, la ricerca fa progressi Grazie all elettroencefalogramma sarà possibile individuare l area in cui nascono le crisi Foto archivio POZZILLI. Anche il Neuromed aderisce alla Giornata nazionale dell Epilessia promossa dalla Lega italiana contro L epilessia (Lice), che si celebra in tutta Italia il 6 maggio. L Istituto neurologico mediterraneo, che dispone di un centro per la chirurgia dell epilessia riconosciuto dalla Lice, aderisce all evento per poter divulgare il più possibile informazioni utili per chi soffre di questa patologia neurologica si legge nel comunicato inviato dall istituto ma anche per chi ne è indirettamente coinvolto (familiari, amici, colleghi). Proprio per assolvere al meglio tale compito, nelle giornate del 6 e 7 maggio sarà allestito presso la sede ospedaliera del Neuromed un punto informativo presso il quale sarà messo a disposizione materiale informativo riguardante la patologia. Inoltre è prevista per lunedì 7 maggio l inaugurazione del nuovo sistema di monitoraggio video-eeg acquisito viene precisato nella nota stampa anche grazie al generoso contributo dell Associazione Figli Inabili Banca d Italia (Afibi), progettato ed allestito ad hoc per il Centro Epilessia Neuromed. Questa acquisizione colloca Neuromed tra i centri epilessia più innovativi ed all avanguardia. Esso offre infatti la possibilità di monitorare contemporaneamente 6 pazienti, 24 ore su 24, consentendo la registrazione delle crisi dei pazienti tanto negli aspetti clinici quanto in quelli elettroencefalografici. La video-eeg è considerata uno strumento diagnostico molto utile ai fini della corretta definizione semeiologica delle crisi, soprattutto nell ambito della chirurgia dell epilessia. Consente inoltre di derivare i segnali Il Neuromed eeg non solo dalla superficie dello scalpo, ma anche direttamente dal cervello (elettrocorticografia) laddove si rendesse necessario per definire correttamente la regione corticale responsabile dell origine delle crisi. Le informazioni registrate sono opportunamente archiviate e gestite tramite rete informatica, permettendo agli specialisti di rivedere, elaborare ed analizzare i tracciati audio/video/ EEG dalle differenti postazioni di rilettura presenti in reparto. L Onlus Afibi, con il suo dono, ha dato un enorme contributo non solo al Centro Epilessia Neuromed ma a tutti quei pazienti che, anno dopo anno, si affidano alle cure dell Istituto.

9 Il Quotidiano del Molise Attualità Sabato o 5 maggio TERMOLI Un discorso complicato da fare, soprattutto con i ragazzi, ma indispensabile per promuovere la cultura della donazione. Due appuntamenti importanti quelli che si sono tenuti giovedì e venerdì con gli studenti degli istituti Commerciale, Geometra, Nautico e Industriale. Le iniziative sono nate per presentare il progetto Dai valore alla vita: rinnova la tua identità, che deriva da un accordo tra l Asrem, la Regione Molise e i Comuni. La cultura della donazione comincia dalle scuole L incontro al Boccardi di Termoli A parlare ai ragazzi, tutti delle classe quarte, quelli che si stanno avvicinando adesso alla maggiore età, hanno pensato Marilena D Ercole, Giuseppe Zagari, Egidia Cofelice, responsabile tecnico dell Asrem e Giovanni Di Girolamo, coordinatore dell ufficio sulla donazione. L iniziativa ha affermato Alberto Montano, dell Osservatorio regionale sulla qualità dei servizi sanitari nasce con l obiettivo di promuovere la cultura della donazione degli organi e per sviluppare la possibilità che, nel momento del rinnovo della carta di identità, ogni persona possa scegliere se entrare nella banca dati dei donatori di organi e, in questo modo, poter apporre un simbolo sulla carta di identità. In questo modo ha continuato Montano avremmo la possibilità di stabilire subito, e in maniera certa, se quella persona ha acconsentito alla donazione degli organi. Una certificazione indispensabile quando, nel momento del dolore, i familiari sono indecisi su quello che bisogna fare. Per evitare che, nonostante la persona deceduta abbia acconsentito a donare i propri organi, i parenti si possano opporre nel momento in cui questo non viene codificato. Il passo fondamentale è quello di informare. In Molise, in questi anni, abbiamo fatto di tutto per riorganizzare la materia e la rete regionale dei trapianti ha continuato Montano e abbiamo anche rinsaldato il rapporto con il centro interregionale di trapianti dell Aquila. Con la promozione di attività e incontri abbiamo aumentato il numero dei donatori confrontabili con le regioni piu avanzate in Italia. Un messaggio importante quello che è stato lanciato agli studenti: la donazione degli organi è un diritto, un ciclo vitale che parte dalla volontà del cittadino di voler donare i propri organi e dalla diagnosi di morte celebrale. La donazione è un gesto di solidarietà che ci distingue dagli altri e ci rende importanti. Mic. Bev.

10

11

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa

4 Attualità. Martedì 5 febbraio 2013. Il dossier dell Aifa. Il dossier dell Aifa 4 Attualità Martedì 5 febbraio 2013 CAMPOBASSO. Gli italiani hanno acquistato, nei primi nove mesi del 2012, un totale di 1 miliardo e 368 milioni di confezioni di medicinali, per una media - ha calcolato

Dettagli

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015

Relazione del Direttore Generale. al bilancio economico preventivo 2015 A.O. CARDARELLI NAPOLI Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Via Antonio Cardarelli, 9-80131 Napoli Relazione del Direttore Generale al bilancio economico preventivo 2015

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

Il S.Croce meritatrebollinirosa

Il S.Croce meritatrebollinirosa gg Sanità/Checosacambia Il S.Croce meritatrebollinirosa Premiato con il punteggio massimo per prevenzione, diagnosi e cura delle patologie di interesse femminile g CAMILLA PALLAVICINO CUNEO Con tre«bollini

Dettagli

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott.

relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo Molise (Malasanità al Cardarelli, un paziente) il dott. 10 Venerdì 2 settembre 2011 CAMPOBASSO LA REPLICA Malasanità, l Asrem si difende Lʼospedale Cardarelli di Campobasso CAMPOBASSO. In relazione a quanto pubblicato a pg. 8 nell edizione odierna del Il Nuovo

Dettagli

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive

Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Il ruolo e l impegno dell Istituto Spallanzani nel campo dell HIV/AIDS e delle malattie infettive Dott. Vitaliano De Salazar, Direttore Generale Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Rubrica Neuromed Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. 4 Il Quotidiano del Molise 25//26 PREVENZIONE TUMORI, AL NEUROMED L'ATTESO OPEN DAY SENOLOGIA 6 Il Sannio 24//26 SENOLOGIA, VENERDI' L'OPEN

Dettagli

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com

ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA. Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA onlus BRESCIA ASSOCIAZIONE DONNE OPERATE AL SENO BRESCIA Via Tosio, N 1 Tel 03042155 brescia.adositalia@gmail.com ADOSITALIA ADOS = Associazione Donne Operate al Seno Siamo un associazione di

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate)

Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) 09/2009 CARTA INFORMATIVA DEI SERVIZI DEI MEDICI IN GRUPPO Dr. Corbetta Contardo Luigi Dr. Corti Fiorenzo Massimo Dr.ssa Lampreda Maria P. Consuelo (Via Giotto 20 20060 Masate) IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

Dettagli

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise

CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise CENTRO REGIONALE TRAPIANTI Regione Abruzzo Regione Molise Perché donare i propri organi e tessuti? Decidere di donare i propri organi e tessuti dopo la morte è un gesto di grande generosità. Così facendo

Dettagli

REPORT ACCESSO ALL ASSISTENZA FARMACEUTICA DAL PUNTO DI VISTA CIVICO SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI E PROPOSTE

REPORT ACCESSO ALL ASSISTENZA FARMACEUTICA DAL PUNTO DI VISTA CIVICO SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI E PROPOSTE REPORT ACCESSO ALL ASSISTENZA FARMACEUTICA DAL PUNTO DI VISTA CIVICO SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI E PROPOSTE L assistenza farmaceutica è uno degli ambiti del nostro SSN che negli anni è stato oggetto

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI

Regione del Veneto. Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO CARTA DEI SERVIZI Regione del Veneto Azienda Unità Locale S ocio Sanitaria OVEST VICENTINO DISTRETTO SOCIO SANITARIO OSPEDALE DI COMUNITA VALDAGNO CARTA DEI SERVIZI 1 Presentazione dell Ospedale di Comunità: L Ospedale

Dettagli

guida ai servizi di psichiatria adulti

guida ai servizi di psichiatria adulti Dipartimento di Salute Mentale guida ai servizi di psichiatria adulti del Dipartimento di Salute Mentale Copia Prodotta Internamente dal Servizio Informazione e Comunicazione Ausl Imola Luglio 2005 Suggerimenti,

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE AREA POLITICHE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE DELLE PERSONE E DELLE PARI OPPORTUNITÀ PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE Codice CIFRA: AOS/DEL/2015/ OGGETTO: Rete dell Emergenza- Urgenza della

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina

Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Arruolamento nei Presidi accreditati e terapia delle malattie rare nei presidi non accreditati Alessandro Andriani ASL RMA, Presidio Nuovo Regina Margherita Palazzo Valentini, Roma 19 marzo 2010 1 Il Sistema

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Rubrica Neuromed Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. 8 Il Quotidiano del Molise 7//204 SALUTE E ALIMENTAZIONE SE NE DISCUTE OGGI IN UN CONVEGNO A POZZILLI 22 Il Sannio 5//204 DISTURBI DEL

Dettagli

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket

La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket La sanità in Lombardia tra tagli e nuovi ticket Risorse 2012: I fondi destinati al finanziamento del Ssr sono 17 miliardi e 450 milioni di euro circa, di cui 8,6 miliardi per l'assistenza distrettuale,

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011

Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 Il ticket di pronto soccorso principali caratteristiche dei sistemi regionali vigenti al 10 aprile 2011 L'art. 1, comma 796, punto p) della legge n. 296/2006 (Finanziaria 2007) ha stabilito che Per le

Dettagli

2 I FATTI. SALUTE La dislessia colpisce il 5% dei ragazzi, l impegno del Comitato scientifico

2 I FATTI. SALUTE La dislessia colpisce il 5% dei ragazzi, l impegno del Comitato scientifico 2 I FATTI Domenica 20 novembre 2011 SALUTE La dislessia colpisce il 5% dei ragazzi, l impegno del Comitato scientifico Nel corso di quest anno scolastico e con l avvio della nuova legislatura, il Comitato

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C.

REGOLAMENTO INTERNO DELL U.O. A. LUNGODEGENZA RIABILITATIVA E U.O.S. DI MEDICINA 1 STESURA U.O.C. DI Lungodegenza e U.O.S. di Medicina O.C. Pagina 1 INDICE SCOPO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI MEDICINA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI LUNGODEGENZA RIABILITATIVA DATA PROSSIMA REVISIONE FEBBRAIO 2011 SCOPO Fornire al cittadino uno strumento chiaro e

Dettagli

Servizio Specialistico Ambulatoriale

Servizio Specialistico Ambulatoriale Servizio Specialistico Ambulatoriale Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure,

Dettagli

Medici e Pediatri di Famiglia

Medici e Pediatri di Famiglia Medici e Pediatri di Famiglia L assistenza del medico e del pediatra di famiglia Il Medico di Medicina Generale (MMG) ed il Pediatra di Famiglia (PdF) sono le figure di riferimento per ogni problema che

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

n. 19 del 8 Aprile 2013 DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r)

n. 19 del 8 Aprile 2013 DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r) DECRETO n. 156 del 31.12.2012 rif. lettera r) Oggetto: - Determinazione delle tariffe per le prestazioni di pronto soccorso non seguito da ricovero e di trasporti con ambulanza ed elisoccorso (flusso G)

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli

I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli ASSESSORATO ALLE POLITCHE PER LA SALUTE WORKSHOP IN MATERIA DI SALUTE E SANITA Trento 5 maggio, 19 maggio, 5 giugno 2006 I Livelli Essenziali di Assistenza - LEA dott. Guido Baldessarelli 1 I Livelli essenziali

Dettagli

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE

IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE SITI LOMBARDIA: PERCORSO DI FORMAZIONE IL PERCORSO DELL ASSISTITO CON PATOLOGIA ACUTA TRA TERRITORIO E OSPEDALE MILANO, 9 ottobre2013 Azienda Ospedaliera della Provincia di Lecco Dott.ssa Patrizia Monti

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Soggetto: Cooperativa Sociale Nuova Sair. Forma Giuridica: Cooperativa Sociale di tipo A. Sede principale: Viale del Tecnopolo 83 - Roma

Soggetto: Cooperativa Sociale Nuova Sair. Forma Giuridica: Cooperativa Sociale di tipo A. Sede principale: Viale del Tecnopolo 83 - Roma Soggetto: Cooperativa Sociale Nuova Sair Forma Giuridica: Cooperativa Sociale di tipo A Sede principale: Viale del Tecnopolo 83 - Roma Altre sedi: Milano, Torino, Firenze, Ancona, Napoli e Cagliari Servizi

Dettagli

Titolo Convegno Le malattie reumatiche nuove prospettive nel rapporto medico paziente

Titolo Convegno Le malattie reumatiche nuove prospettive nel rapporto medico paziente Titolo Convegno Le malattie reumatiche nuove prospettive nel rapporto medico paziente Data venerdì 31 ottobre 2014 Luogo di svolgimento: Salerno, Sala Conferenze Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della

Dettagli

Fondi Fas per guarire la sanità Il Cipe dà l ok ma non al Molise

Fondi Fas per guarire la sanità Il Cipe dà l ok ma non al Molise I FATTI IL COMITATO INTERMINISTERIALE AUTORIZZA ABRUZZO, CAMPANIA E LAZIO AD USARE LE RISORSE PER COPRIRE IL DEFICIT Fondi Fas per guarire la sanità Il Cipe dà l ok ma non al Molise Accettata la proposta

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 22945 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 6 maggio 2015, n. 917 Legge 15 marzo 2010 n. 38 Disposizioni per garantire l accesso alle cure palliative ad alle terapie del dolore. Approvazione Linee Guida

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

Risonanza magnetica nucleare, nuovo apparecchio al Medical Center

Risonanza magnetica nucleare, nuovo apparecchio al Medical Center Sabato 3 settembre 2011 15 TERMOLI Risonanza magnetica nucleare, nuovo apparecchio al Medical Center Tra le autorità presenti per lʼinaugurazione il governatore Iorio, il vescovo De Luca e il sindaco di

Dettagli

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1

Consiglio per la salute 27.1.15 Pagina 1 Oggetto: OSSERVAZIONI AL PIANO PROVINCIALE PER LA SALUTE E ALLE LINEE GUIDA PER LA RIORGANIZZAZIONE DELLA RETE OSPEDALIERA PROVINCIALE DA PARTE DEL CONSIGLIO PER LA SALUTE DELLA COMUNITA DELLE GIUDICARIE

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Immigrazione, come dove e quando

Immigrazione, come dove e quando Immigrazione, come dove e quando Manuale d uso per l integrazione Edizione 2008 a cura del Ministero del lavoro, della Salute e Politiche Sociali Settore Politiche Sociali www.solidarietasociale.gov.it

Dettagli

ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Ospedale San Gerardo - Via Pergolesi 33-20900 Monza Villa Serena, 2 Piano

ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Ospedale San Gerardo - Via Pergolesi 33-20900 Monza Villa Serena, 2 Piano ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Villa Serena, 2 Piano Tel. 039 233 3653-039 233 9443 Fax 039233 2450 E-mail abiobrianza@hsgerardo.org Sito www.abiobrianza.org Da lunedì a venerdì,

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia.

Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Progetto di SIMULTANEOUS HOME CARE del paziente oncologico in fase avanzata di malattia. Unità Operativa di Oncologia Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese Area territoriale: Distretto di Varese,

Dettagli

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM

Dott. Giuseppe Taratufolo Dirigente medico Cure Primarie dell Azienda Sanitaria di Matera - ASM SCHEDA DI SINTESI PER IL MONITORAGGIO DEI PROGETTI REGIONALI Linea operativa: Assistenza primaria, assistenza h 24 e riduzione degli accessi impropri al Pronto Soccorso Regione BASILICATA Titolo del progetto

Dettagli

Prima di passare alla relazione sui dati del bilancio, vorremmo ringraziare ed esprimere il nostro sentimento di riconoscenza per Tutti voi soci.

Prima di passare alla relazione sui dati del bilancio, vorremmo ringraziare ed esprimere il nostro sentimento di riconoscenza per Tutti voi soci. Relazione di accompagnamento Bilancio 2015 Prima di passare alla relazione sui dati del bilancio, vorremmo ringraziare ed esprimere il nostro sentimento di riconoscenza per Tutti voi soci. Un anno fa,

Dettagli

FIORE: CAMBIAMO MENTALITA' PER UNA SANITA' MIGLIORE. Scritto da Isabella Giorgio Mercoledì 25 Agosto 2010 18:36

FIORE: CAMBIAMO MENTALITA' PER UNA SANITA' MIGLIORE. Scritto da Isabella Giorgio Mercoledì 25 Agosto 2010 18:36 La questione Sanità in Puglia e il piano di rientro è stato il tema del primo appuntamento de Le interviste di rilievo, promosso dalla Presidenza del Consiglio di Cassano Murge. Un dibattito, quanto mai

Dettagli

Residenza Sanitaria Assistenziale

Residenza Sanitaria Assistenziale Residenza Sanitaria Assistenziale Carta dei diritti del malato CARTA DEI DIRITTI DEL MALATO La presente Carta dei diritti del malato è costituita dalla RSA S.Rufina in Cittaducale Rieti, struttura socio-sanitaria

Dettagli

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile

Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Un riconoscimento che dal 2007 viene conferito agli ospedali italiani per l attenzione alle specifiche esigenze dell utenza femminile Obiettivo: individuare, collegare e premiare le strutture ospedaliere

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Direzione Sanitaria PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO DELLE PAZIENTI CON PATOLOGIA DELLA MAMMELLA Il carcinoma della mammella rappresenta la neoplasia più frequente nel sesso femminile, in tutte le fasce

Dettagli

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio

VOLONTARI LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE. Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA ASL ASL LATINA SISTEMA SISTEMA SANITARIO REGIONALE Centri di Servizio per il Volontariato del Lazio VOLONTARI NEL IN DISTRETTO RETE 1 - ASL DI APRILIA

Dettagli

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media

Procedura Aziendale. Rapporti con i mass media Pag. 2 di 7 SCOPO L Azienda USL 7 di Siena, all interno delle attività della, prevede la gestione dell informazione verso i mass media (stampa, radiofonici, televisivi ed on line). Nella complessa rete

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 3308 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore FLERES COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 21 MAGGIO 2012 Norme per l istituzione di strutture di riferimento per il

Dettagli

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA

PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA PIANO PROVINCIALE RIDUZIONE TEMPI DI ATTESA DELLE PRESTAZIONI DI SPECIALISTICA AMBULATORIALE DELL AUSL DI FERRARA Obiettivo 2015 sulle liste di attesa in Sanità in Regione Emilia - Romagna: garantire almeno

Dettagli

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA

RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA RIORGANIZZAZIONE DEI REPARTI INTERNISTICI PER INTENSITA' DI CURA BOLOGNA - VENERDI' 24 GENNAIO 2014 CONGRESSO ANIMO EMILIA ROMAGNA Revisione organizzativa per intensità delle cure dell Area Internistica

Dettagli

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SUI DIRITTI DEL MALATO Cittadinanzattiva/ Active Citizenship Network ha realizzato la Carta Europea dei Diritti del Malato Questa guida vuole essere uno strumento per portare

Dettagli

Dipartimento di Salute Mentale

Dipartimento di Salute Mentale OSPEDALE 88 Dipartimento di Salute Mentale Direttore: Dr. Vincenzo Zindato UO PSICHIATRIA CENTRO PSICO SOCIALE (CPS) E AMBULATORI PERIFERICI Il CPS è il Servizio che si occupa della prevenzione, della

Dettagli

n. 23 del 9 Aprile 2015 DECRETO n. 32 del 30.03.2015 Rif. lettera s)

n. 23 del 9 Aprile 2015 DECRETO n. 32 del 30.03.2015 Rif. lettera s) DECRETO n. 32 del 30.03.2015 Rif. lettera s) Oggetto: Rimodulazione delle misure regionali di compartecipazione alla spesa sanitaria di cui ai decreti commissariali n. 141 e n. 147/2014. Rettifiche ed

Dettagli

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora.

È un sistema composto di interessi generali e di interessi di parte e di tanto altro ancora. Dieci anni di sanità in Puglia 19 maggio 2011 Brindisi di Emilio Gianicolo È arduo il compito di mostrare in poche righe punti di forza e punti di debolezza di un sistema sanitario in confronto ai sistemi

Dettagli

ASSOCIAZIONE MALATI DI RENI O.N.L.U.S. C/o UOC di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Spirito 00193 ROMA LUNGOTEVERE IN SASSIA, 1 0668352552-1

ASSOCIAZIONE MALATI DI RENI O.N.L.U.S. C/o UOC di Nefrologia e Dialisi Ospedale S. Spirito 00193 ROMA LUNGOTEVERE IN SASSIA, 1 0668352552-1 Sig. Presidente, signori consiglieri, Commissione Sanità Consiglio Regionale del Lazio audizione 31 maggio 2012 Premesso che come tutti i cittadini di questa regione, ci auguriamo che al più presto possa

Dettagli

Oneri informativi per i cittadini e per le imprese, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 33/2013

Oneri informativi per i cittadini e per le imprese, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 33/2013 Oneri informativi per i cittadini e per le imprese, ai sensi dell art. 34 del D.Lgs n. 33/2013 Le politiche per l attuazione della trasparenza che si sono affiancate a quelle della semplificazione amministrativa

Dettagli

Federazione tra Associazioni di Volontariato. 15 febbraio 2013 1

Federazione tra Associazioni di Volontariato. 15 febbraio 2013 1 Federazione tra Associazioni di Volontariato 1 Ruolo dei Volontari Le Associazioni di volontariato svolgono all interno del Presidio Regina Margherita e Sant Anna un ruolo importante nel processo di umanizzazione

Dettagli

U.S.O. SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA

U.S.O. SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA SERVIZI DIAGNOSTICI E SANITARI U.S.O. SERVIZIO DI PSICOLOGIA CLINICA PRESIDIO Borgo Trento Ultimo aggiornamento 16/1/2012 MA

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011. Unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa Ospedale di Villafranca

Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011. Unità operativa di Medicina Fisica e Riabilitativa Ospedale di Villafranca Carta dei Servizi rev. 1 del 25 luglio 2011 Unità operativa di Azienda ULSS n. 22 Bussolengo VR Dipartimento di e Riabilitazione Unità operativa di Piano 2 corpo A: telefono reparto 045 6338258-045 6338107

Dettagli

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag.

UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA ROSSI. pag. pag. 7 AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI OSPITALIERI DI VERONA SCHEDA INFORMATIVA UNITA OPERATIVE CLINICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI VERONA UNITA OPERATIVA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE PRESIDIO POLICLINICO GIAMBATTISTA

Dettagli

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO

TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO TRASFERIMENTO DELLE TERAPIE ONCOLOGICHE E ONCO-EMATOLOGICHE COMPRESE DAL DRG 410 A LIVELLO AMBULATORIALE REGIONE ABRUZZO SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CRITERI LOGISTICI

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13

AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Servizio Sanitario Nazionale Regione Veneto AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO - SANITARIA N.13 Unità Operativa Complessa di CHIRURGIA GENERALE E MININVASIVA Presidio Ospedaliero di Dolo (VE) Direttore: Dott.

Dettagli

Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket.

Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket. Calabria: Deliberazione Giunta regionale del 5 maggio 2009 n. 247 - Partecipazione alla spesa sanitaria - ticket. Area d'interesse: Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Data pubblicazione: giovedì

Dettagli

Servizio di Radiologia

Servizio di Radiologia Servizio di Radiologia Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

PROPOSTA per la REALIZZAZIONE di un SERVIZIO DI ACCOGLIENZA per FAMIGLIE di MINORI con CARDIOPATIE CONGENITE

PROPOSTA per la REALIZZAZIONE di un SERVIZIO DI ACCOGLIENZA per FAMIGLIE di MINORI con CARDIOPATIE CONGENITE PROGETTO : LA CASA DEI CUORI PROPOSTA per la REALIZZAZIONE di un SERVIZIO DI ACCOGLIENZA per FAMIGLIE di MINORI con CARDIOPATIE CONGENITE Richiesta al Comune di Bologna dell assegnazione di immobile di

Dettagli

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009.

Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie  presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico in data 01.03.2009. C U R R I C U L U M P R O F E S S I O N A L E Giorgi Federica nata a Velletri il 05.05.1950. Attualmente è Direttore Medico di Struttura Complessa Cure Primarie " presso la ASL RM/A. Ha assunto tale incarico

Dettagli

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi

Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi le politiche CONFRONTI 3/2011 163 Le nuove frontiere dell assistenza: il caso della Fondazione Maddalena Grassi Migliorando le condizioni di vita e spostandosi più in là le frontiere della medicina, da

Dettagli

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto

DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA. Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto DAL TUO DONO UNA NUOVA VITA Le guide del Coordinamento prelievo e trapianto LA NOSTRA ATTIVITA DI TRAPIANTO CHI PUO DONARE L attività di trapianto agli Ospedali Riuniti di Bergamo, oggi Ospedale Papa Giovanni

Dettagli

BAMBINI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it

BAMBINI GUIDA PER L UTENTE. www.istituto-besta.it BAMBINI al BESTA GUIDA PER L UTENTE www.istituto-besta.it La Fondazione Carlo Besta è all avanguardia nello studio e nella cura dei disordini neurologici congeniti, acquisiti e geneticamente determinati

Dettagli

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere

In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi da sciogliere Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/13_novembre_04/europa-cure-senza-confini-ma-tanti-du... Page 1 of 1 11/11/2013 stampa chiudi DIRETTIVA In Europa cure senza confini Ma con tanti dubbi

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE

DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO ATTIVITA SPERIMENTALI E MALATTIE RARE Servizio Comunicazione viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030/3838315 Fax 030/3838280 E-mail: servizio.comunicazione@aslbrescia.it

Dettagli

Linee guida sulle procedure ed i parametri da adottare per la verifica della capacità operativa delle strutture sanitarie pubbliche e private.

Linee guida sulle procedure ed i parametri da adottare per la verifica della capacità operativa delle strutture sanitarie pubbliche e private. Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 24/46 del 27.6.2013 Linee guida sulle procedure ed i parametri da adottare per la verifica della capacità operativa delle strutture sanitarie pubbliche e private. PREMESSA

Dettagli

Regione Puglia Agenzia Regionale Sanitaria Cattedra di Reumatologia Università degli Studi di Bari Associazione Pugliese Malati Reumatici Onlus - Ente di Volontariato IL GOVERNO CLINICO IN REUMATOLOGIA

Dettagli

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena

Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Paolo Marolla UOC Oncologia Medica 2 ex Oncologia Geriatrica IFO - Istituto Regina Elena I PAZIENTI ONCOLOGICI Chirurgici Radioterapici

Dettagli

IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE?

IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE? IL MALATO ONCOLOGICO IN PRONTO SOCCORSO: QUALI ALTERNATIVE? Pronto Soccorso Ospedale S.Anna Como C. Maino, I. Bossi, E. Viganò, E. Guggiari, M. Grigioni, F. Cantaluppi, D. Leoni Scopo dello studio Monitoraggio

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino DISTRETTO SANITARIO 17 RIVIERA VAL DI VARA Per informazioni sui servizi 0187/533842 giorni feriali ore 08.00-12.00 Redatto dalla funzione Comunicazione S.C. Sistema

Dettagli

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella

Informazione per pazienti. Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Informazione per pazienti Il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) per tumore alla mammella Questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni sul percorso seguito

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Neuromed 17 Il Sannio 08/04/2016 NEUROMED A STOCCARDA CON IL PROGETTO "SPEL" 2 12 La Gazzetta del Molise 08/04/2016 IL PROGETTO "SPEL" DEL NEUROMED

Dettagli

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA

ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA Sanità ALFIERI (PD): LA LOMBARDIA È LA REGIONE ITALIANA CHE PAGA DI PIÙ LA SANITÀ PRIVATA. FORMIGONI NON RICORDA NÈ I SUOI VIAGGI NÈ I NUMERI DELLA SANITÀ LOMBARDA La Lombardia è la Regione italiana più

Dettagli

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA

SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA REGIONE DEL VENETO AZIENDA SOCIO SANITARIA LOCALE N. 10 VENETO ORIENTALE www.assl10.veneto.it SERVIZI DI MEDICINA TURISTICA A JESOLO EMERGENZA In caso di emergenza chiamare il 118 Per garantire vacanze

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Testata Data Titolo Pag. Rubrica Neuromed Ecodelmolise.com 04/07/2015 IL PROGETTO MOLI-SANI CONTRIBUISCE ALLA PREVENZIONE DEL DIABETE SU SCALA MONDIALE 11 La Gazzetta del Molise

Dettagli

La distinzione non è di poco conto perché costituisce, anche per il legislatore, il punto di partenza della disciplina.

La distinzione non è di poco conto perché costituisce, anche per il legislatore, il punto di partenza della disciplina. Con legge n. 7 del 19 marzo 2009 la Regione Veneto ha implementato la tutela dei diritti dei malati terminali grazie alla quale viene garantito, sin dal 1998[1], un sistema di prestazioni sanitarie dedicate

Dettagli

chi si prende cura di voi

chi si prende cura di voi chi si prende cura di voi Strutture accreditate per prestazioni specialistiche ambulatoriali Sanità Presso le seguenti strutture della provincia di Cremona tutti gli assistiti potranno ottenere prestazioni

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI

INFORMAZIONI GENERALI Con il Patrocinio di: LE ARTRITI E LA PSORIASI Convegno promosso da AISpA Onlus - Bologna Presidente: Do. Giuseppe Oranges Sabato 1 Giugno 2013 Hotel Don Carlo - San Marco Argentano (CS) Presidente del

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Liste di attesa e spesa privata: i cittadini pagano le inefficienze di un SSN sempre meno accessibile. Necessaria politica nazionale per l accesso ai servizi. Presentato

Dettagli