Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti"

Transcript

1 Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche cliente e fornitori? Risposta: Aprire l azienda, dal menù Stampe/Tabelle/Lista clienti/fornitori, con flag su Solo i nominativi errati. 2) Domanda: Quali dati vengono inclusi nell Elaborazione Operazioni spesometro? Risposta: I documenti IVA attivi e passivi, cioè fatture, note di credito e note di credito c/fattura, registrati nell'anno indicato a video, indipendentemente dall'importo del documento; corrispettivi di vendita, sui quali sono stati specificati, ai fini dello spesometro, i dati dei singoli clienti da comunicare, residenti o non residenti nel territorio italiano; corrispettivi di importo >= 3.600, automaticamente generati dalla procedura di incasso delle 'Distinte farmacia'. 3) Domanda: Quali dati vengono esclusi nell Elaborazione Operazioni spesometro? Risposta: I movimenti i cui clienti/fornitori l'utente ha identificato come 'Esclusi', cioè quelli classificati nella relativa tabella, ai fini dello spesometro, come 'Soggetto escluso'; i movimenti che l'utente ha espressamente scelto di escludere dalla comunicazione, cioè quelli sui quali l'utente ha indicato in prima nota, ai fini dello spesometro, il tipo di operazione 'Operazione non rilevante'; le righe di movimento sulle quali è stato specificato un articolo IVA identificato nella relativa tabella, ai fini dello spesometro, come 'Escluso'; i movimenti relativi a soggetti Black List, perché vanno riportati nell'apposita comunicazione; i movimenti relativi ad acquisti intracomunitari, perché vanno riportati nell'apposito elenco INTRASTAT; i movimenti relativi ai nominativi specificati nelle 'Impostazioni soggetto' come 'Nominativi privati in prima nota IVA', perché privi dei dati necessari alla generazione delle operazioni richieste. 4) Domanda: Come escludo un nominativo dallo spesometro? Risposta: Dal menù Tabelle/Clienti o Fornitori, aprire il nominativo e nel campo Operazioni spesometro indicare Soggetto escluso. Per visualizzare l elenco dei soggetti esclusi dallo spesometro, è possibile dalla voce di menù Tabelle/Clienti/Fornitori impostare la ricerca come segue: 5) Domanda: Dove trovo il file in formato Excel da far compilare ai clienti per poi importare in Contabilità DATEV KOINOS le operazioni da riportare nello spesometro? Risposta: Nel manuale della voce Strumenti/Importa da file di testo/operazioni spesometro. Si rinvia al manuale operativo, che contiene le relative specifiche nonché degli esempi. Per impostare il file di configurazione, utile per ed importare il file senza dover configurare le colonne, occorre selezionare come segue: 1

2 Scegliere la tipologia di file, se aggregato o analitico. Il file importato, deve essere in formato.csv (salvarlo da MS Excel come Tipo di file CSV delimitato dal separatore di elenco). I dati contenuti nel file (i formati dei campi, i campi obbligatori, ecc.) devono seguire le specifiche contenute nel nostro file di esempio, altrimenti l importazione non viene effettuata. Il file.txt/dat è solitamente già un file in formato telematico, quindi importabile solo in Telematico e Modelli, ma non modificabile. Per poter importare un file in Contabilità e modificarlo, è necessario avere un file in formato Excel, come l esempio presente nella Guida Strumenti/Importa da file di testo/operazioni spesometro. 6) Domanda: Posso importare anche il file telematico e non solo il file di testo in contabilità, per modificarlo con l applicativo DATEV KOINOS? Risposta: La funzione di importazione dati da file telematico sarà disponibile successivamente rispetto all attuale versione È però possibile importare il file telematico in Telematico e Modelli e con la nuova funzione di Modifica intermediario indicare un altro intermediario, per poi trasmetterlo. Da Telematico e Modelli eseguire la funzione Fornitura > Importa da file, che effettua anche il controllo Entratel e/o 2

3 l impostazione dell intermediario nella fornitura: 7) Domanda: Per contabilità provenienti da altro software devo inserire tutte le operazioni all interno di Operazioni Spesometro? Risposta: E possibile utilizzare l importazione di un file, tramite la voce di menù Strumenti/Importa da file di testo/operazioni spesometro (seguire la Guida on line) o con inserimento manuale da Contabilità/Operazioni spesometro. 8) Domanda: Ho un cliente gestito con un altro programma fino a metà del 2012 e poi ho proseguito l inserimento in Contabilità DATEV KOINOS. Come unisco i dati per poi effettuare l invio telematico con l applicativo DATEV KOINOS? Risposta: Se i dati fino a metà 2012 sono contenuti in un file telematico che risponde alle specifiche tecniche dello spesometro, questo può essere inviato direttamente all Agenzia delle Entrate. Infatti l Allegato A delle Specifiche tecniche pubblicate il 10/10/2013 indica che è possibile inviare più comunicazioni ordinarie riferite allo stesso soggetto per lo stesso periodo di riferimento. I dati inviati in ogni comunicazione ordinaria successiva alla prima sono considerati in aggiunta a quelli precedentemente comunicati. Occorre avere l avvertenza di predisporre entrambe le forniture telematiche nella stessa forma, cioè analitica o aggregata. In alternativa, è possibile importare un file opportunamente strutturato, tramite la voce di menù Strumenti/Importa da file di testo/operazioni spesometro (seguire la Guida on line) oppure inserire manualmente i dati da Contabilità/Operazioni spesometro. 9) Domanda: Come vanno comunicate le fatture cointestate ai fini dello spesometro? Risposta: Come da Istruzioni Ministeriali - Fattura cointestata, e cioè l operazione va segnalata per ciascuno dei cointestatari. La procedura di elaborazione provvede a gestire automaticamente questa casistica, quando il documento IVA è intestato ad un nominativo identificato in anagrafica dalla tipologia Mandante ed avendo specificato nella scheda Mandante i singoli intestatari. Si rimanda alla soluzione #122 Come gestire fatture cointestate in Contabilità 10) Domanda: Come vengono trattate le note di variazione? Risposta: La procedura identifica come 'Note di variazione' le fatture di importo negativo nonché i movimenti di prima nota la cui causale è di tipo 'Nota di credito' o 'Nota di credito c/fattura'. Questi movimenti, se intestati a soggetti residenti in Italia, sono riportati: - come importi negativi nelle apposite sezioni 'NE Note di variazione emesse' e 'NR Note di variazione ricevute', in caso di presentazione della comunicazione in formato 'Dati analitici'; 3

4 - come importi positivi negli appositi campi della sezione 'FA Operazioni documentate da fattura esposte in forma aggregata', in caso di presentazione della comunicazione in formato 'Dati aggregati'; più precisamente: a) l'imponibile e l'imposta relativa a documenti ricevuti da fornitori sono totalizzati nei campi 'Totale note di variazione a debito per la controparte' e 'Totale imposta sulle note di variazione a debito' delle operazioni attive, b) mentre l'imponibile e l'imposta relativa a documenti emessi a clienti sono totalizzati nei campi 'Totale note di variazione a credito per la controparte' e 'Totale imposta sulle note di variazione a credito' delle operazioni passive. Le fatture di importo positivo classificate, ai fini dello spesometro, come 'Note di variazione', sono riportate con importo positivo: - nelle apposite sezioni 'NE Note di variazione emesse' e 'NR Note di variazione ricevute', in caso di presentazione della comunicazione in formato 'Dati analitici'; - negli appositi campi della sezione 'FA Operazioni documentate da fattura esposte in forma aggregata', in caso di presentazione della comunicazione in formato 'Dati aggregati'; più precisamente: a) l'imponibile e l'imposta relativa a documenti emessi a clienti sono totalizzati nei campi 'Totale note di variazione a debito per la controparte' e 'Totale imposta sulle note di variazione a debito' delle operazioni attive, b) mentre l'imponibile e l'imposta relativa a documenti ricevuti da fornitori sono totalizzati nei campi 'Totale note di variazione a credito per la controparte' e 'Totale imposta sulle note di variazione a credito' delle operazioni passive. Nello spesometro in forma analitica, vengono riportate con il loro segno e suddivise in note di variazione emesse e note di variazione ricevute. Diversa è invece la modalità di esposizione di tali operazioni nella modalità aggregata, che, non ammettendo importi con segno negativo e non distinguendo tra documenti emessi e documenti ricevuti, raggruppa nelle operazioni attive le note di debito clienti e le note di credito fornitori e nelle operazioni passive le note di credito fornitori e le note di debito clienti. 11) Domanda: Ho il seguente caso: Contabilità di un commerciante al minuto che emette ricevuta fiscale e solo su richiesta del cliente emette fattura. Io registro in contabilità solo i corrispettivi mensili. Come inserisco in contabilità le fatture ai fini dello spesometro? Risposta: E possibile inserire i dati delle fatture non registrate direttamente nell archivio Operazioni spesometro (in forma analitica o aggregata), dopo aver eseguito l Elaborazione delle operazioni spesometro oppure, in alternativa, importare i dati da un file con la funzione Strumenti/Importa da file di testo/operazioni spesometro. In questo modo ricavi ed IVA restano invariati. Come da Istruzioni ministeriali: A decorrere dal 1 gennaio 2012, pertanto, per le operazioni per le quali viene rilasciata fattura occorre comunicare per ciascun cliente e fornitore tutte le operazioni effettuate, indipendentemente dall importo. Costituiscono eccezione le operazioni documentate con fattura delle attività di cui all artt. 22 e 74ter del decreto IVA che si sono avvalse della facoltà prevista dall art. 24 comma 2. Tali operazioni, per gli anni 2012 e 2013, sono da comunicare se di importo unitario non inferiore ai euro, e saranno comunicate senza limiti di importo a decorrere dalla comunicazione relativa all anno Quindi, per il 2012 e 2013, andranno inserite solo le fatture di importo totale >= ) Domanda: Ho dei clienti che hanno la doppia attività, professionista e impresa e quindi gestisco separatamente le due contabilità. Come opero per lo spesometro? Risposta: L allegato A delle specifiche tecniche pubblicate il 10/10/2013 indica: E possibile inviare più comunicazioni ordinarie riferite allo stesso soggetto per lo stesso periodo di riferimento. I dati inviati in ogni comunicazione ordinaria successiva alla 4

5 prima sono considerati in aggiunta a quelli precedentemente comunicati.. Si consiglia pertanto, in caso di gestione di archivi separati per la gestione di attività di impresa e di lavoro autonomo, di compilare una comunicazione per ogni archivio e di inviare tali comunicazioni distintamente. A tal proposito di segnala che è necessario inviare tali comunicazioni in forniture telematiche separate, perché non è gestita la presenza di più comunicazioni relative allo stesso soggetto (identificato dal codice fiscale) nella stessa fornitura telematica. Entrambe le forniture telematiche dovranno avere la stessa forma, cioè analitica o aggregata. 13) Domanda: Le registrazioni cumulative per importi inferiori a 300 euro, come vanno inserite ai fini dello spesometro? Risposta: L indicazione nello Spesometro dei documenti riepilogativi, cioè delle registrazioni cumulative relative a un insieme di documenti di importo inferiore a 300 euro, è automaticamente riportata dalla procedura di elaborazione delle prime note, in tutti i casi in cui i movimenti contabili siano stati inseriti utilizzando una causale di tipo Super registrazione (es. causali A21 o V25). Nel caso in cui tali registrazioni siano state effettuate con modalità diverse, occorre accedere alla scheda cliente o fornitore del nominativo utilizzato in questi casi e selezionare la voce Documento riepilogativo nel campo Operazioni spesometro. 14) Domanda: Per gli autotrasportatori in quale anno dello spesometro saranno riportati i dati del quarto trimestre? Risposta: Per gli autotrasportatori la procedura DATEV KOINOS propone lo spostamento di un trimestre ai soli fini del calcolo della liquidazione IVA / riporto in DF, non ai fini contabili. Lo spesometro segue la data di registrazione e quindi i documenti del IV trimestre rientreranno nello spesometro dell'anno. 15) Domanda: Le fatture a zero e quelle di importo inferiore all euro vanno inviate ai fini spesometro? Risposta: Le specifiche tecniche dell Agenzia delle Entrate indicano, per i campi imponibile e imposta della comunicazione, che almeno uno dei due deve essere diverso da zero. Inoltre gli importi delle operazioni da comunicare vanno troncati al momento della loro inclusione nella fornitura telematica. La procedura di elaborazione, quindi, ignora i documenti di importo pari a zero o inferiore all euro. In Contabilità e nella stampa di controllo sono presenti i decimali per agevolare i controlli. 16) Domanda: Come faccio a segnalare in contabilità i corrispettivi incassati ai fini spesometro? Risposta: In presenza di scontrini/ricevute fiscali emesse, da comunicare nello spesometro, occorre specificare nella maschera Spesometro all interno delle registrazioni contabili o nell inserimento dei corrispettivi mensili, l esatto l importo del singolo scontrino nonché il codice fiscale del relativo cliente (se residente in Italia) oppure il codice anagrafico del relativo nominativo (se residente all estero). Se però, a fronte di questi scontrini, è stata emessa fattura, che non è stata registrata in prima nota, essendo già inclusa nel totale dei corrispettivi del giorno, occorre non indicare il cliente in fase di registrazione del corrispettivo, ma aggiungere manualmente le fatture direttamente nell archivio Operazioni spesometro (in forma analitica o aggregata), dopo aver eseguito l Elaborazione delle operazioni spesometro; in alternativa è possibile importare i dati da un file, utilizzando la funzione Strumenti/Importa da file di testo/operazioni spesometro. Si ricorda che le istruzioni ministeriali riportano: A decorrere dal 1 gennaio 2012, pertanto, per le operazioni per le quali viene rilasciata fattura occorre comunicare per ciascun cliente e fornitore tutte le operazioni effettuate, indipendentemente dall importo. Costituiscono eccezione le 5

6 operazioni documentate con fattura delle attività di cui all artt. 22 e 74ter del decreto IVA che si sono avvalse della facoltà prevista dall art. 24 comma 2. Tali operazioni, per gli anni 2012 e 2013, sono da comunicare se di importo unitario non inferiore ai euro, e saranno comunicate senza limiti di importo a decorrere dalla comunicazione relativa all anno Quindi, per il 2012 e 2013, andranno inserite solo le fatture di importo totale >= ) Domanda: C è una stampa del modello spesometro? Risposta: La stampa è presente nella voce di menù Stampe/Multi soggetto/modello. Nel menù Stampa/Controllo/Operazioni spesometro è inoltre disponibile una stampa di controllo, più succinta della stampa modello, nella quale sono esposte le operazioni contenute nell apposito archivio. La stampa di controllo può essere eseguita anche con riferimento alle operazioni di un solo cliente/fornitore, specificando il nominativo sulla maschera di stampa. 18) Domanda: Posso generare il file telematico? Risposta: Sì, dall applicativo Telematico e Modelli, selezionare la funzione di Genera, da Contabilità generale e cespiti, selezionare il singolo nominativo da elaborare e come Tipo Modello NSP00 Operazioni Spesometro, che esegue il controllo telematico. 19) Domanda: Come vengono trattate le schede carburanti ai fini spesometro? Risposta: Le istruzioni del modello riportano le seguenti indicazioni: Rimangono [ ] esclusi dalla comunicazione i dati degli acquisti di carburante pagati con carte di credito. Gli acquisti di carburante effettuati da privati mediante carta di credito saranno peraltro acquisiti attraverso la comunicazione degli operatori finanziari prevista dall art. 21, comma 1ter del decreto legge n. 78/2010. Per i casi in cui permane la tenuta delle schede carburante il modello prevede la possibilità del soggetto obbligato alla comunicazione di riportarne i dati con le stesse modalità del documento riepilogativo. Per includere nello Spesometro le schede carburanti relative ad acquisti effettuati con mezzi di pagamento diversi dalle carte di credito o debito o prepagate, è necessario identificare opportunamente il fornitore fittizio utilizzato nella registrazione, accedendo alla relativa scheda e selezionando nel campo Operazioni spesometro la voce Documento riepilogativo ; in questo modo il codice fiscale fittizio non verrà archiviato (in questo caso è da ignorare la segnalazione di errore riportata sulla stampa della Lista clienti e fornitori con cod. fiscale errato). Se invece le schede carburanti non devono essere incluse nello spesometro, selezionare la voce Soggetto escluso. Si ricorda che attraverso il bottone posto alla destra del campo citato è possibile riportare l indicazione specificata video per quel fornitore in tutti gli altri archivi contabili che lo utilizzano. 20) Domanda: Come vengono gestite le operazioni legate al turismo? Risposta: I contribuenti che inviano lo Spesometro anche ai fini della Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all art. 49 comma 1 del DLgs n. 231/2007 devono identificare tali operazioni nella maschera Spesometro delle relative registrazioni contabili (fatture emesse o corrispettivi), selezionando la voce Operazione legata al turismo nel campo Tipo operazione. 21) Domanda: Come vengono gestite le autofatture? Risposta: L'applicazione dell'inversione contabile in caso di emissione di autofattura avviene in due modi: 1) attraverso l emissione di un documento da parte del committente (autofattura) oppure 2) integrando, sempre ad opera del committente, la fattura emessa dal fornitore. Nel primo caso, l autofattura va registrata in prima nota indicando come fornitore il soggetto che la emette, cioè il soggetto contabile, e specificando il fornitore vero e proprio nell apposito campo Nominativo di riferimento presente nella maschera Spesometro. 6

7 L elaborazione delle operazioni spesometro riporta l autofattura come operazione attiva nei quadri FA o FE, con l indicazione della partita IVA del contribuente; lo stesso documento viene riportato anche come operazione passiva: -se non è stato specificato il Nominativo di riferimento, il movimento viene riportato nei quadri FA o FR con l indicazione della partita IVA del soggetto contabile, - se il Nominativo di riferimento è un soggetto residente in Italia, il movimento viene riportato nei quadri FA o FR, altrimenti nei quadri BL o SE; i dati anagrafici riportati sono quelli del nominativo di riferimento. La fattura integrata, invece, deve essere registrata indicando direttamente il fornitore che ha emesso il documento, sia esso italiano oppure residente nella UE; non occorre specificare il nominativo di riferimento nella maschera Spesometro. L elaborazione delle operazioni spesometro riporta la fattura integrata solo come operazione passiva nei quadri FA o FR, se il fornitore è residente nel territorio dello Stato, oppure nei quadri BL o SE, se il fornitore è residente all estero; i dati anagrafici riportati sono quelli del fornitore stesso. Si elencano di seguito i casi in cui tali operazioni devono essere evidenziate in caso di presentazione della comunicazione in modalità analitica; tali informazioni non sono richieste in caso di invio in modalità aggregata. Autofatture (dati analitici operazioni passive): La procedura identifica come documento autofattura ai fini delle operazioni passive, le fatture passive intestate al soggetto contabile stesso (contribuente) e prive del fornitore di riferimento (il campo Nominativo di riferimento disponibile sulla maschera di prima nota spesometro è cioè vuoto). Questa precisazione viene riportata nell apposito campo Casella Autofattura della sezione FR Fatture ricevute e documenti riepilogativi (operazioni passive). Autofatture (dati analitici operazioni attive): La procedura identifica come documento autofattura ai fini delle operazioni attive, le fatture passive registrate utilizzando una causale di tipo Autofattura ed intestate al soggetto contabile stesso (contribuente), il cui fornitore di riferimento (il campo Nominativo di riferimento disponibile sulla maschera di prima nota spesometro è compilato) non risiede in Italia. Questa precisazione viene riportata nell apposito campo Casella Autofattura della sezione FE Fatture emesse e documenti riepilogativi (operazioni attive). In caso di indicazione nella maschera spesometro di un soggetto residente, verrà barrata la Casella Autofattura. 22) Domanda: Come gestisco lo spesometro anche ai fini della Comunicazione dei dati relativi ai contratti di noleggio e leasing? Risposta: Per i soggetti che inviano lo spesometro anche ai fini della Comunicazione dei dati relativi ai contratti di noleggio e leasing, occorre selezionare la voce opportuna nel campo Tipo di mezzo di trasporto presente nella maschera Spesometro disponibile in prima nota. Si specifica che in presenza di tali informazioni la procedura di elaborazione richiede che sia richiesta la modalità di presentazione dei dati in forma analitica. 23) Domanda: Per le operazioni nei confronti di operatori agricoli esonerati, c è una procedura da seguire? Risposta: Si raccomanda di scegliere la modalità di presentazione Dati analitici, se nell archivio contabile sono presenti acquisti e cessioni da e nei confronti dei produttori agricoli di cui all'articolo 34, sesto comma, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n In questo caso, infatti, la procedura di elaborazione dati non può effettuare alcun controllo preventivo. 24) Domanda: Come mi comporto per le operazioni con IVA non esposta in fattura? Risposta: I documenti con IVA non esposta in fattura (operazioni relative al regime del margine o delle agenzie di viaggio) vanno identificate ai fini dello spesometro; sono quelle che utilizzano un articolo IVA che riporta tale indicazione nella Tabella Articoli 7

8 IVA (casella IVA non esposta in fattura selezionata); si raccomanda pertanto di verificare la presenza di articoli personalizzati che necessitino di tale indicazione. 25) Domanda: Nel file di esempio dello spesometro (presente in Pagina Iniziale DESKTOP DATEV KOINOS) da utilizzare per l importazione, per la sezione SE e FN viene indicato sia cognome e nome che la Denominazione. Per le società non residenti deve quindi essere sempre indicato il rappresentante? Risposta: I campi possono essere alternativi; le specifiche tecniche riportano per SE/FN quanto segue: I dati anagrafici di persona fisica ("Cognome", "Nome", "Data di nascita", "Comune / Stato estero di nascita", "Provincia", "Codice Stato estero del domicilio") sono da considerarsi in alternativa ai dati del soggetto persona non fisica ( Denominazione / Ragione sociale, Città estera della Sede legale, Codice stato estero della Sede legale, Indirizzo estero della Sede legale ), ad esclusione dei casi di società, associazioni o altre organizzazioni senza personalità giuridica. In tali casi devono essere indicati anche gli estremi anagrafici di una delle persone che ne hanno la rappresentanza. 26) Domanda: Nello spesometro rientrano anche i mutui, finanziamenti ecc.? Risposta: Le Istruzioni Ministeriali riportano quanto segue: 1.1.1) Esclusioni oggettive Si ricorda inoltre che, secondo quanto affermato nella nota della Direzione Centrale Accertamento del 6 marzo 2012, pubblicata sul sito internet istituzionale dell Agenzia delle entrate, nel perimetro delle operazioni escluse sono ricomprese anche le operazioni finanziarie esenti da IVA ai sensi dell art. 10 d.p.r. n. 633 del 1972 in quanto già comunicate all Archivio dei rapporti. Ne consegue che gli operatori finanziari che abbiano esercitato l opzione per il regime speciale di cui all art. 36bis del decreto IVA con dispensa dagli obblighi di fatturazione per le operazioni esenti, devono comunicare solo le operazioni diverse da quelle finanziarie. L inclusione di un movimento IVA nello spesometro dipende dalla configurazione del relativo articolo IVA. Nel caso specifico, gli articoli 305 Art 10 numeri da 1) a 9) e 306 Art 10 numeri da 1) a 9) Operazioni tipiche vengono inclusi nello spesometro, perché alcune operazioni soggette a questi articoli vanno incluse. 27) Domanda: Le operazioni Intrastat vengono escluse in automatico dall elaborazione operazioni spesometro? Risposta: Si, se nelle registrazioni è stata utilizzata una causale collegata alla gestione Intrastat (verificabile dalla voce di menù Tabelle/Causali - campo Operazioni Intrastat). 28) Domanda: Le operazioni Black List vengono escluse in automatico dall elaborazione operazioni spesometro? Risposta: Si, la procedura di elaborazione esclude automaticamente tutti i movimenti che sono stati classificati dall utente ai fini della comunicazione Black list. Ignora anche i movimenti di importo non superiore a 500 Euro, sebbene questi non saranno inclusi nell'apposita comunicazione Black list; si ricorda che un movimento è identificato come Black list, quando il relativo nominativo risiede in un paese Black List. 29) Domanda: Un acquisto da San Marino rientra nello spesometro? Risposta: La comunicazione degli acquisti da operatori della Repubblica di San Marino, art. 16 lett. c) del D.M. 24/12/1993, è una comunicazione a sé stante, che fino al 30/9/2013 doveva essere effettuata in via cartacea. L'elaborazione dati spesometro non considera le operazioni effettuate nei confronti di soggetti residenti a San Marino, perché vanno incluse nella Comunicazione delle operazioni effettuate con controparti residenti o domiciliate in Paesi a fiscalità privilegiata (Black list). 30) Domanda: Come vanno inserite le fatture in regime di reverse charge per essere correttamente elaborate dallo spesometro? 8

9 Risposta: La fattura che contiene reverse charge va registrata utilizzando una causale di Tipo Autofattura art.17 ed indicando gli articoli IVA opportuni, cioè quelli sulla cui tabella è stato selezionata la casella Autofattura art.17'. Se il documento non è stato integrato ed è stata emessa un autofattura, andrà indicato come fornitore lo stesso soggetto contabile e come fornitore di riferimento (campo disponibile nella maschera di prima nota 'Spesometro') il fornitore reale. 31) Domanda: Come posso escludere delle registrazioni inserite? Risposta: Le operazioni possono essere escluse con l indicazione Operazione non rilevante all interno della maschera Spesometro sui singoli movimenti contabili. 32) Domanda: Le registrazioni che nella maschera spesometro hanno la vecchia indicazione di Importo frazionato, vanno modificate? Risposta: No, in automatico questa indicazione sarà assimilata a 'Operazione ordinaria' 33) Domanda: Le operazioni verso privati vanno sempre incluse nello spesometro? Risposta: No, solo le operazioni attive verso privati vanno comunicate, non quelle passive (es. acquisto di beni usati da privato non rileva ai fini dello spesometro). 34) Domanda: Le associazioni e gli enti non commerciali, sono soggetti obbligati alla presentazione dello Spesometro? Risposta: Gli Enti non commerciali devono presentare lo spesometro limitatamente alle operazioni derivanti dall attività commerciale. 35) Domanda: Gli acquisti di beni usati (regime del margine) vanno inclusi nello spesometro? Risposta: Si, utilizzando gli appositi articoli del regime del margine, perché così la procedura di elaborazione identifica queste operazioni, che vanno evidenziate nello spesometro. 36) Domanda: Cosa deve fare un contribuente minimo, per il quale in corso anno viene meno il regime semplificato? Risposta: I nuovi contribuenti minimi non sono tenuti a presentare lo spesometro; se nel 2012 hanno superato più del 50% dei ricavi, allora devono comunicare questa parte. 37) Domanda: Le fatture del 2012 registrate nel 2013, in quale spesometro vanno incluse? Risposta: I documenti rientrano nello spesometro in base alla loro data di registrazione; quindi, se registrati nel 2013 vanno nello spesometro del ) Domanda: Se i documenti riepilogativi di fatture inferiori ai 300 euro o le schede carburante sono state inserite con una causale normale, es. A05, come procedo per lo spesometro? Risposta: Andare in Tabelle/Fornitori dell anagrafica utilizzata e indicare in Operazioni spesometro la voce Documento riepilogativo ; è presente sulla destra un apposito bottone, che permette di riportare questa indicazione su tutte le altre aziende che utilizzano questo nominativo. 39) Domanda: La Partita iva ed il codice fiscale dei nominativi inclusi, devono essere corretti? O con solo uno dei due corretti è possibile fare la comunicazione? Risposta: Se il nominativo risiede in Italia, in presenza della partita IVA viene riportato questo dato, altrimenti viene riportato il codice fiscale. Il dato riportato deve essere formalmente corretto. Solo per i documenti riepilogativi non viene riportato né il codice fiscale, né la partita IVA, perché il nominativo, in questo caso, è fittizio. 40) Domanda: Devo identificare le note di variazione che si riferiscono ad anni precedenti? Risposta: Non è più necessario evidenziare le note di variazioni riferite ad anni precedenti. Tutte le note di variazioni sono uguali. La procedura di elaborazione considera automaticamente 'Note di variazione' i documenti registrati utilizzando causali 9

10 di tipo 'Nota di credito' o 'Nota di credito c/fattura'. 41) Domanda: Ci sono controlli specifici da fare che l elaborazione automatica non può fare? Risposta: Se sono stati registrati documenti riepilogativi non utilizzando una causale di tipo 'Super registrazione', occorre identificare come 'Documenti riepilogativi' i relativi clienti e fornitori; la stessa indicazione vale per le carte carburanti registrate utilizzando una causale di tipo IVA normale. Se nelle registrazioni IVA sono stati utilizzati articoli IVA inseriti manualmente dall'utente, che si riferiscono ad operazioni che non espongono l'iva (beni usati o agenzie di viaggio), occorre verificare che siano stati identificati come tali, selezionando l'apposita casella nella relativa anagrafica 'Articoli IVA'. Se sono presenti movimenti che sono operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all'art. 49 c. 1 del D.Lgs. 231/2007, occorre identificarli in prima nota specificando 'Operazione legata al turismo' nella maschera Spesometro, oppure inserire manualmente queste operazioni nella tabella 'Operazioni spesometro'. Le note di variazione in aumento dovrebbero essere già state identificate, specificando in prima nota, al momento della registrazione, 'Nota di variazione in aumento' nella maschera Spesometro. 42) Domanda: Le note di variazione in diminuzione, quando vengono inserite, devono essere classificate come operazioni ordinarie? Risposta: I documenti registrati utilizzando causali di tipo 'Nota di credito' o 'Nota di credito c/fattura' sono automaticamente considerati 'Note di variazione'; non serve quindi specificarlo nella maschera spesometro della prima nota. 43) Domanda: Per i nominativi extra UE la partita IVA viene considerata errata? Risposta: Per i soggetti che non risiedono in Italia sono riportati nello spesometro i relativi dati anagrafici, essendo questi nominativi privi di partita IVA (italiana). 44) Domanda: Vanno inviate le fatture emesse a privati per importi inferiori a 3.600,00? Risposta: Si. Si evidenzia che per il 2012 ed il 2013 non vanno comunicate le fatture emesse di importo inferiore a 3.600, se riferite alle attività di cui all'art. 22 e 74ter del decreto IVA che si sono avvalse della facoltà prevista dall'art. 24 c ) Domanda: Posso presentare più elenchi in successione per integrare il primo invio? Risposta: La procedura di generazione della fornitura telematica, che legge i dati contabili, considera tutte le operazioni presenti nell'apposito archivio; non è possibile sceglierne un sottoinsieme. Quindi, se il primo invio era errato, occorre effettuare un invio sostitutivo del primo. 46) Domanda: Per operazioni attive verso lo stesso nominativo, alcune relative all'attività e alcune come nominativo privato, come posso gestire lo spesometro? Risposta: Occorre codificare due nominativi diversi, da utilizzarsi in prima nota in base ai casi. 47) Domanda: E possibile generare un modello spesometro vuoto ( a zero ) solo con il frontespizio? Risposta: La procedura non permette la generazione di una fornitura telematica in assenza di operazioni. Le Istruzioni Ministeriali, infatti, indicano: 2) SOGGETTI OBBLIGATI E CONTENUTO DELLA COMUNICAZIONE Sono obbligati alla presentazione della comunicazione tutti i soggetti passivi dell imposta sul valore aggiunto, che abbiano effettuato : operazioni rilevanti ai fini IVA nel periodo di riferimento, quindi tutte le operazioni imponibili, non imponibili ed esenti di qualsiasi importo se documentate con fattura, di importo non inferiore ai se non documentate da fattura, ecc. 10

11 48) Domanda: Le operazioni relative all ex. Art. 74 comma 1 Dpr. 633/72 editoria sono escluse dallo spesometro? Risposta: Sì. Gli acquisti di prodotti editoriali sono esclusi dal campo di applicazione dell IVA. Tali operazioni sono quindi escluse dallo spesometro che richiede la comunicazione delle operazioni rilevanti IVA, con l unica eccezione delle fatture di acquisto da contribuenti minimi espressamente menzionate tra i Casi particolari. 49) Domanda: Come mai viene riportata nella Sezione FN una fattura emessa ad un soggetto residente in Italia fino al 10/6/2013, che poi si trasferisce all estero? Risposta: Occorre intervenire manualmente nei dati elaborati, modificando la sezione di riferimento, perché la procedura di elaborazione non gestisce i dati storici e quindi lo considera residente all estero. 50) Domanda: Ho indicato in Anagrafica Nominativi l indirizzo , ma viene ancora segnalato mancante al termine dell Elaborazione Operazioni spesometro; come mai? Risposta: Il frontespizio viene creato la prima volta che si esegue l elaborazione spesometro; nelle elaborazioni successive non viene più sovrascritto, al fine di mantenere eventuali modifiche apportate manualmente dall utente. Quindi, in questo caso, è necessario modificare manualmente il frontespizio. 51) Domanda: Perché i dati del Soggetto tenuto alla comunicazione, sebbene specificati sul frontespizio, non vengono riportati nella fornitura telematica, né sulla stampa del modello? Risposta: Il Soggetto tenuto alla comunicazione non è sempre richiesto. L Agenzia delle Entrate ha chiarito che la sezione Dati del soggetto tenuto alla comunicazione va compilata solo in casi particolari (liquidazione, fusione, ecc.). Tale particolarità è stata evidenziata nelle Note di rilascio della versione La sezione deve quindi essere compilata in caso di operazioni straordinarie, indicando anche la data di inizio procedura, o in caso di presentazione della comunicazione da parte del rappresentante fiscale di un soggetto estero. La procedura utilizza quindi i dati specificati in questa sezione del frontespizio solo in presenza della Data inizio procedura oppure in caso di indicazione dei codici carica 6 Rappresentante fiscale di soggetto non residente o 10 Rappresentante fiscale di soggetto non residente con le limitazioni di cui all art. 44, comma 3, del D.L. n. 331/ ) Domanda: E possibile ricercare i movimenti di prima nota in base alla classificazione inserita ai fini dello Spesometro (es. Operazioni non rilevanti o Operazioni legate al turismo)? Risposta: In prima nota, è possibile indicare nei campi Data registrazione il periodo 2012 e nel campo Cerca in selezionare Spesometro Class., come da immagine. Il risultato, dal menù Prima Nota/Invia a Microsoft Excel, è possibile esportarlo in MS Excel. 11

12 53) Domanda: Nella stampa del modello spesometro in forma analitica viene riportata la data di registrazione del documento, ma non la data del documento. E corretto? Risposta: Come da Istruzioni Ministeriali e Specifiche tecniche: Ai fini della selezione dei dati da estrarre deve essere utilizzata, se presente, la Data di registrazione. In assenza deve essere utilizzata la Data del documento. È obbligatorio indicare, alternativamente, la Data del documento oppure la Data di registrazione. La data utilizzata ai fini della selezione del record deve essere inclusa nell anno di riferimento. Il Numero fattura / Documento Riepilogativo è obbligatorio. 54) Domanda: Ho nominativi duplicati, perché inseriti con codice fiscale o p.i. errata. Come posso sistemarli ai fini spesometro? Risposta: In Anagrafica Nominativi è possibile inserire più volte lo stesso nominativo, compilando il campo presente dopo il codice fiscale. Correggerli, quindi con codice fiscale e p.i. corretti, indicando tale campo dopo il codice fiscale, rielaborare lo spesometro. 55) Domanda: Il controllo telematico spesometro segnala errate le p.i. dei condomini. Come mai? Risposta: Il controllo eseguito da Entratel verifica l esistenza presso l Anagrafe tributaria del codice fiscale o della partita IVA di ogni soggetto indicato nella comunicazione. Se il controllo segnala errata la partita IVA verificare che il soggetto ne sia effettivamente in possesso; in caso contrario compilare il campo Codice fiscale. Si ricorda che, dopo aver eseguito la modifica sull anagrafica del nominativo, occorre eseguire nuovamente la funzione Elaborazione operazioni spesometro (disponibile anche per singolo nominativo) e generare una nuova fornitura telematica. 56) Domanda: Ho registrato una nota di credito con causale V06 intestata a un soggetto estero, elaborando lo spesometro in forma aggregata non mi riporto l operazione nella Sezione BL, è corretto? Risposta: Le note di credito da e verso soggetti esteri non devono essere indicate. 57) Domanda: Come posso far esportare i dati utili per lo spesometro al mio cliente che utilizza DATEV KOINOS e importarli nel mio studio per inviare il file telematico del cliente? Risposta: Avviare il modulo Telematico e Modelli, funzione Genera, selezionando Contabilità, Tipo modello: NSP00; questo consentirà di generare il file telematico da inviare al commercialista. Questi, sempre da Telematico e Modelli eseguirà la funzione Fornitura > Importa da file, con la quale potrà effettuare anche il controllo Entratel e/o l impostazione dell intermediario nella fornitura: 12

13 58) Domanda: Non riesco ad eseguire il controllo telematico spesometro, appare la segnalazione che il Modulo di controllo non risulta installato. Risposta: Per eseguire il controllo telematico installare il modulo di controllo ministeriale proposto da Telematico e Modelli, oppure scaricarlo dal sito al seguente link:http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/content/nsilib/nsi/home/cosadevifare/comun icaredati/operazioni+rilevanti+fini+iva/compilazione+e+invio/procedura+spesometro/in dice+procedcont+spesometro e verificare sul sito Datev Koinos che la versione della Suite in uso sia la più recente 59) Domanda: Il controllo telematico segnala degli errori in un Modulo, ma non riesco a trovare dove sia tale Modulo. Ad es. Risposta: In Telematico e Modelli, selezionare la fornitura, il pulsante di Stampa Modello; il numero del modulo è riportato in alto a destra. 60) Domanda: Quando scarico le ricevute dello spesometro, viene segnalato il seguente messaggio: Formato della stringa di input non corretto e non viene scaricata alcuna ricevuta. Risposta: Ad oggi il prelevamento delle ricevute dello spesometro non può essere effettuato direttamente da Telematico e Modelli a causa di un anomalia che verrà corretta con la prossima versione, il cui rilascio è pianificato per metà Novembre. Le ricevute possono essere aperte accedendo all apposita funzione attraverso Entratel. Avvertenza operativa: quando si esegue il Preleva ricevute per altri modelli, è necessario deselezionare la voce NSP00 Operazioni spesometro, per evitare tale segnalazione di errore. 13

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A

GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A GUIDA ALLO SPESOMETRO IN SUITE NOTARO 4.1 SP4A Comunicazione Spesometro 2 Attivazione 2 Configurazioni 3 Classificazione delle Aliquote IVA 3 Dati soggetto obbligato 4 Opzioni 5 Nuovo adempimento 6 Gestione

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI

MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 2 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI Indice MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI 3 1 MANUALE ELENCO CLIENTI FORNITORI L'elenco prevede 5 sezioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO.

SI CONSIGLIA DI DISATTIVARE TEMPORANEAMENTE EVENTUALI SOFTWARE ANTIVIRUS PRIMA DI PROCEDERE CON IL CARICAMENTO DELL'AGGIORNAMENTO. Operazioni preliminari Gestionale 1 ZUCCHETTI ver. 5.0.0 Prima di installare la nuova versione è obbligatorio eseguire un salvataggio completo dei dati comuni e dei dati di tutte le aziende di lavoro.

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali

Manuale d uso. Gestione Aziendale. Software per l azienda. Software per librerie. Software per agenti editoriali Manuale d uso Gestione Aziendale Software per l azienda Software per librerie Software per agenti editoriali 1997-2008 Bazzacco Maurizio Tutti i diritti riservati. Prima edizione: settembre 2003. Finito

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo

Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Programma di gestione per service audio, luci, video Manuale operativo Presentazione ServiceControl è l evoluzione del primo programma, scritto per gestire il mio service circa 12 anni fa. Il programma

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0

ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 ELENCO MIGLIORIE INCLUSE DALLA 10.0.0 ALLA 14.3.0 NUOVE PRINCIPALI FUNZIONALITÀ 14.3.0 GENERAZIONE FILE EFFETTI IN FORMATO SEPA Dal programma 'Incassi e Pagamenti Automatici' è ora possibile generare file

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Le statistiche sono state raggruppate nelle seguenti aree di attività/processi della struttura sanitaria:

Le statistiche sono state raggruppate nelle seguenti aree di attività/processi della struttura sanitaria: Statistiche e Query partire dalla versione 63_01_006 LabPro ver 5.0 si è arricchito di 2 nuove funzionalità rispettivamente di estrazioni flessibili personalizzabili dei dati storicizzati nel database

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM

ECM Solution v.5.0. Il software per la gestione degli eventi ECM ECM Solution v.5.0 Il software per la gestione degli eventi ECM I provider accreditati ECM (sia Nazionali che Regionali) possono trovare in ECM Solution un valido strumento operativo per la gestione delle

Dettagli

GESTIONE CENTRI DI COSTO

GESTIONE CENTRI DI COSTO GESTIONE CENTRI DI COSTO Basta attribuire un conto economico ad un solo centro di costo fisso, oppure ad un centro di costo generico che, a sua volta, ridistribuisce a percentuale fissa su altri centri

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Il programma consente di visualizzare il contenuto dei files scaricabili da SIATEL 2.0 (PUNTOFISCO), relativi ai versamenti, eseguiti tramite modello

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli