Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA"

Transcript

1 Allegato A) MAGGIORAZIONE DEL COSTO MASSIMO AMMISSIBILE A CONTRIBUTO PER GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE, RECUPERO E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

2 1) NUOVA COSTRUZIONE Di seguito sono indicate le opere, gli impianti e/o i sistemi la cui realizzazione consente di ottenere una maggiorazione del costo totale dell'intervento di nuova costruzione (C.T.N.) determinato all art. 2 del presente regolamento, nonché le relative percentuali di incremento per ciascuna categoria. 1.a) tipologia onerosa La maggiorazione per tipologia onerosa viene riconosciuta: per edifici realizzati con tipologia costruttiva a schiera, nella misura del 5% da applicare al costo totale di nuova costruzione (CTN); per le altre tipologie costruttive nella misura indicata nella tabella seguente, variabile in relazione alla Superficie utile (Su) media degli alloggi appartenenti all edificio: classe di superficie maggiorazione del CTN Su (media) <= 65,00 mq 5% Su (media) > 65,00 mq e <= 75,00 mq 2% 1.b) giardino condominiale attrezzato La maggiorazione per il giardino attrezzato nella misura del 2% del costo totale di nuova costruzione (CTN), viene riconosciuta per gli interventi che prevedano la realizzazione di un giardino condominiale di superficie pari almeno al 30% della Superficie Complessiva (S.C.) dell intervento e provvisto di impianto di irrigazione automatico in cui siano posizionate panchine (una per ogni 100 mq di superficie con un minimo di tre), alberi in ragione di uno per ogni 40 mq della superficie del giardino e almeno una fontanella di acqua potabile. 1.c) qualità aggiuntiva 1.c.1) opere strutturali e di finitura delle parti comuni Nella tabella sottostante sono descritte le opere sulle parti comuni dell edificio considerate migliorative la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 5% del costo totale di nuova costruzione (CTN). Realizzazione di un locale condominiale, posto al piano terreno, di superficie pari al 2% della Superficie Utile complessiva dell intervento (S.U.) e comunque di superficie non inferiore a mq 20; Realizzazione di un apposito spazio, coperto ed illuminato, per la raccolta differenziata dei Rifiuti Solidi Urbani (R.S.U.) da realizzare secondo le specifiche indicazioni di ciascun gestore del servizio; Realizzazione di impianto Videocitofonico; Realizzazione di un impianto di video controllo delle parti comuni (VCC), compresa la zona autorimesse; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi realizzati siano destinati alla locazione a canone sociale) Installazione di cancello automatizzato per l accesso alle corsie delle autorimesse; Porte dei garages munite di apertura automatica; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi realizzati siano destinati alla locazione a canone sociale) Accensione automatica, con rilevatori di presenza, dell illuminazione di tutte le parti comuni (androni d ingresso, vano scala, corridoi di distribuzione, corsia garage etcc); Canali di gronda, discendenti pluviali e scossaline in rame di spessore minimo 8/10. 1.c.2) finitura degli alloggi Nella tabella sottostante sono descritte le opere di finitura degli alloggi considerate migliorative la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 2% del costo totale di nuova costruzione (CTN). Portoncino di ingresso agli alloggi blindato con certificato classe 2; Impianto di allarme antintrusione per ogni alloggio; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi realizzati siano destinati alla locazione a canone sociale) realizzazione di almeno il 50% dei servizi igienici dell alloggio finestrati verso l esterno, con un minimo di 1 (uno) o impianto di ventilazione meccanica controllata; illuminazione di emergenza negli alloggi (almeno due lampade per alloggio);

3 1.d) Sostenibilità ambientale Nella tabella sottostante sono indicati gli incrementi percentuali del costo totale di nuova costruzione (CTN) spettanti a seconda della classe ottenuta dal progetto in sede di valutazione preliminare della sostenibilità ambientale di cui alla L. R. n. 17/08. A lavori ultimati ed al momento della determinazione del contributo definitivo si terrà conto della classe ottenuta nel certificato di sostenibilità ambientale rilasciato dall ARPA Umbria. Classe di appartenenza L. R. n. 17/08 Classe C maggiorazione del CTN nessuna maggiorazione Classe B 4% Classe A 8% Classe A+ 10% La maggiorazione suddetta non sarà riconosciuta qualora l intervento benefici degli incrementi volumetrici previsti dalla vigente normativa per gli edifici certificati ai sensi della L. R. n. 17/08. 1.e) barriere architettoniche Nella tabella sottostante sono descritte le opere che consentono il migliore superamento delle barriere architettoniche da parte di tutti i cittadini, comprese le persone con disabilità, nonché il raggiungimento di uno standard maggiore di quello previsto dalla legge n. 13/89 e dal D.M. n. 236/89, la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 8% del costo totale di nuova costruzione (CTN). Installazione di un ascensore per ogni scala condominiale negli edifici con più di 2 (due) e meno di 6 (sei) livelli, ovvero installazione di 2 (due) ascensori in quelli con 6 sei livelli e oltre. (Per il soddisfacimento di tale criterio oltre ai livelli fuori terra si considerano anche i livelli interrati o seminterrati comunque realizzati); deve essere garantita l accessibilità di tutte le parti comuni degli edifici ed in particolare il pianerottolo sbarco scala-ascensore dovrà avere una superficie di minimo ml 3,00 x 1,70 mentre la larghezza dei corridoi di distribuzione dovrà essere minimo ml 1,50; il 20% degli alloggi, approssimati all unità superiore, deve essere totalmente accessibile con un minimo di due alloggi; visitabilità (soggiorno - bagno)di tutti gli alloggi dell intervento; totalità delle porte interne degli alloggi con luce netta minima cm 80; totalità delle finestre degli alloggi, con esclusione di quelle dei WC e delle cucine, che consentono la vista all esterno anche a persone sedute (altezza massima del davanzale dal calpestio cm. 60 ovvero fino a terra); pavimentazione di percorsi, all interno del lotto, con diverso materiale atto ad indicare agli ipovedenti il cammino da compiere; superamento di tutti i dislivelli presenti nel lotto di pertinenza, oltre che con gli scalini, anche con adeguate rampe di pendenza non superiore a quella stabilita dal D.M. n. 236/89; Per gli interventi volti alla costruzione di alloggi da destinare alla locazione sia a canone sociale, ai sensi del titolo IV della L.R. n. 23/03, che a canone concordato, realizzati da operatori pubblici, è ammesso a finanziamento anche l importo dell IVA, gravante sui lavori e sugli oneri complementari, e di tutte le altre imposte e/o tasse gravanti sull appalto medesimo. La realizzazione di tutte le opere e gli impianti, nonché la presenza di particolari condizioni e/o sistemi che danno diritto all incremento del costo totale di nuova costruzione (CTN), come sopra specificato, devono essere certificate dal Direttore dei lavori.

4 2) RECUPERO PRIMARIO Di seguito sono indicate le opere, gli impianti e/o i sistemi la cui realizzazione consente di ottenere una maggiorazione del costo totale dell'intervento di recupero primario (C.T.P.) determinato all art. 3 del presente regolamento, nonché le relative percentuali di incremento per ciascuna categoria. 2.a) giardino attrezzato La maggiorazione per il giardino attrezzato nella misura del 2% del costo totale di recupero primario (CTP) viene riconosciuta per gli interventi che prevedano la realizzazione di un giardino condominiale di superficie pari almeno al 30% della Superficie Complessiva (S.C.) dell intervento, provvisto di impianto di irrigazione automatico in cui siano posizionate panchine (una per ogni 100 mq di superficie con un minimo di tre), alberi in ragione di uno per ogni 40 mq della superficie del giardino e almeno una fontanella di acqua potabile. 2.b) qualità aggiuntiva Nella tabella sottostante sono descritte le opere considerate migliorative la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 6% del costo totale di recupero primario (CTP). Realizzazione di un locale condominiale, posto al piano terreno, di superficie pari al 2% della Superficie Utile complessiva dell intervento (S.U.) e comunque di superficie non inferiore a mq 20; Realizzazione di un apposito spazio, coperto ed illuminato, per la raccolta differenziata dei Rifiuti Solidi Urbani (R.S.U.) da realizzare secondo le specifiche indicazioni di ciascun gestore del servizio; Realizzazione di impianto Videocitofonico; Realizzazione di un impianto di video controllo delle parti comuni (VCC), compresa la zona autorimesse; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi recuperati siano destinati alla locazione a canone sociale) Installazione di cancello automatizzato per l accesso alle corsie delle autorimesse; Porte dei garages munite di apertura automatica; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi recuperati siano destinati alla locazione a canone sociale) Accensione automatica, con rilevatori di presenza, dell illuminazione di tutte le parti comuni (androni d ingresso, vano scala, corridoi di distribuzione, corsia garage etcc); Canali di gronda, discendenti pluviali e scossaline 2.c) Sostenibilità ambientale Nella tabella sottostante sono indicati gli incrementi percentuali del costo totale di recupero primario (CTP) spettanti a seconda della classe ottenuta dal progetto in sede di valutazione preliminare della sostenibilità ambientale di cui alla L. R. n. 17/08. A lavori ultimati ed al momento della determinazione del contributo definitivo si terrà conto della classe ottenuta nel certificato di sostenibilità ambientale rilasciato dall ARPA Umbria. Classe di appartenenza L. R. n. 17/08 Classe C maggiorazione del CTP nessuna maggiorazione Classe B 6% Classe A 10% Classe A+ 12% La maggiorazione suddetta non sarà riconosciuta qualora l intervento benefici degli incrementi volumetrici previsti dalla vigente normativa per gli edifici certificati ai sensi della L. R. n. 17/08.

5 2.d) barriere architettoniche Nella tabella sottostante sono descritte le opere che consentono il migliore superamento delle barriere architettoniche da parte di tutti i cittadini, comprese le persone con disabilità, nonché il raggiungimento di uno standard maggiore di quello previsto dalla legge n. 13/89 e dal D.M. n. 236/89, la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 8% del costo totale di recupero primario (CTP). Installazione di un ascensore per ogni scala condominiale negli edifici con più di 2 (due) e meno di 6 (sei) livelli, ovvero installazione di 2 (due) ascensori in quelli con 6 sei livelli e oltre, o installazione di piattaforma elevatrice, nel caso in cui non sia tecnicamente possibile montare l ascensore; (Per il soddisfacimento di tale criterio oltre ai livelli fuori terra si considerano anche i livelli interrati o seminterrati comunque realizzati); deve essere garantita l accessibilità di tutte le parti comuni degli edifici; accessibilità di almeno un alloggio per ciascun intervento; pavimentazione di percorsi, all interno del lotto, con diverso materiale atto ad indicare agli ipovedenti il cammino da compiere; superamento di tutti i dislivelli presenti nel lotto di pertinenza, oltre che con gli scalini, anche con adeguate rampe di pendenza non superiore a quella stabilita dal D.M. n. 236/89; 2.e) ulteriore maggiorazione Qualora l edificio presenti almeno una delle seguenti condizioni il costo totale di recupero primario (CTP) è incrementato del 5%: vincolo ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42. parte II, Titolo I; ubicazione in zona A del P.r.g.

6 3) RECUPERO SECONDARIO Di seguito sono indicate le opere, gli impianti e/o i sistemi la cui realizzazione consente di ottenere una maggiorazione del costo totale dell'intervento di recupero secondario (C.T.S.) determinato all art. 4 del presente regolamento, nonché le relative percentuali di incremento per ciascuna categoria. 3.a) qualità aggiuntiva Nella tabella sottostante sono descritte le opere considerate migliorative la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 2% del costo totale di recupero secondario (CTS) Portoncino di ingresso agli alloggi blindato con certificato classe 2; Impianto di allarme antintrusione per ogni alloggio; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi recuperati siano destinati alla locazione a canone sociale) illuminazione di emergenza negli alloggi (almeno due lampade per alloggio); 3.b) barriere architettoniche Di seguito sono elencate le opere che consentono il migliore superamento delle barriere architettoniche da parte di tutti i cittadini, comprese le persone con disabilità, nonché il raggiungimento di uno standard maggiore di quello previsto dalla legge n. 13/89 e dal D.M. n. 236/89, la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 2% del costo totale di recupero secondario (CTS). totalità delle porte interne degli alloggi con luce netta minima cm 80; almeno una finestra per ogni alloggio, con esclusione di quelle dei WC e delle cucine, deve consentire la vista all esterno anche a persone sedute (altezza massima del davanzale dal calpestio cm. 60 ovvero fino a terra); 2.c) ulteriore maggiorazione Qualora l edificio presenti almeno una delle seguenti condizioni il costo totale di recupero primario (CTS) è incrementato del 2%: vincolo ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42. parte II, Titolo I; ubicazione in zona A del P.r.g.; Per gli interventi volti al recupero o all acquisto e recupero di alloggi da destinare alla locazione sia a canone sociale, ai sensi del titolo IV della L.R. n. 23/03, che a canone concordato, realizzati da operatori pubblici, Il costo totale di recupero (CTR), determinato ai sensi degli artt. 5 o 6 del presente regolamento, è incrementato dell importo dell IVA gravante sui lavori e sugli oneri complementari e di tutte le altre imposte e/o tasse gravanti sull appalto medesimo. La realizzazione di tutte le opere e gli impianti, nonché la presenza di particolari condizioni e/o sistemi che danno diritto all incremento del costo totale di recupero primario (CTP) e/o secondario (CTS), come sopra specificato, devono essere certificate dal Direttore dei lavori.

7 4) MANUTENZIONE STRAORDINARIA Di seguito sono indicate le opere, gli impianti e/o i sistemi la cui realizzazione consente di ottenere una maggiorazione del costo totale dell'intervento di manutenzione straordinaria (C.T.M.) determinato all art. 7 del presente regolamento, nonché le relative percentuali di incremento per ciascuna categoria. 4.a) qualità aggiuntiva Nella tabella sottostante sono descritte le opere considerate migliorative la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 8% del costo totale di manutenzione straordinaria (C.T.M.) Realizzazione di impianto Videocitofonico; Realizzazione di un impianto di video controllo delle parti comuni (VCC), compresa la zona autorimesse; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi recuperati siano destinati alla locazione a canone sociale) Installazione di cancello automatizzato per l accesso alle corsie delle autorimesse; Porte dei garages munite di apertura automatica; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi recuperati siano destinati alla locazione a canone sociale) Accensione automatica, con rilevatori di presenza, dell illuminazione di tutte le parti comuni (androni d ingresso, vano scala, corridoi di distribuzione, corsia garage etcc); Canali di gronda, discendenti pluviali e scossaline in rame di spessore minimo 8/10; Portoncino di ingresso agli alloggi blindato con certificato classe 2; Impianto di allarme antintrusione per ogni alloggio; (tale opera non è obbligatoria qualora gli alloggi recuperati siano destinati alla locazione a canone sociale) illuminazione di emergenza negli alloggi (almeno due lampade per alloggio); 4.b) Sostenibilità ambientale Nella tabella sottostante sono indicati gli incrementi percentuali del costo totale di manutenzione straordinaria (C.T.M.) spettanti a seconda della classe ottenuta dal progetto in sede di valutazione preliminare della sostenibilità ambientale di cui alla L. R. n. 17/08. A lavori ultimati ed al momento della determinazione del contributo definitivo si terrà conto della classe ottenuta nel certificato di sostenibilità ambientale rilasciato dall ARPA Umbria. classe di appartenenza L. R. n. 17/08 Classe C maggiorazione del CTM nessuna maggiorazione Classe B 6% Classe A 10% Classe A+ 12% La maggiorazione suddetta non sarà riconosciuta qualora l intervento benefici degli incrementi volumetrici previsti dalla vigente normativa per gli edifici certificati ai sensi della L. R. n. 17/08. 4.c) barriere architettoniche

8 Nella tabella sottostante sono descritte le opere che consentono il migliore superamento delle barriere architettoniche da parte di tutti i cittadini, comprese le persone con disabilità, nonché il raggiungimento di uno standard maggiore di quello previsto dalla legge n. 13/89 e dal D.M. n. 236/89, la cui realizzazione consente di ottenere l incremento del 8% del costo totale di manutenzione straordinaria (C.T.M.) Installazione di un ascensore per ogni scala condominiale negli edifici con più di 2 (due) e meno di 6 (sei) livelli, ovvero installazione di 2 (due) ascensori in quelli con 6 sei livelli e oltre o installazione di piattaforma elevatrice, nel caso in cui non sia tecnicamente possibile montare l ascensore; (Per il soddisfacimento di tale criterio oltre ai livelli fuori terra si considerano anche i livelli interrati o seminterrati comunque realizzati), deve essere garantita l accessibilità di tutte le parti comuni degli edifici; accessibilità di almeno un alloggio per ciascun intervento; pavimentazione di percorsi, all interno del lotto, con diverso materiale atto ad indicare agli ipovedenti il cammino da compiere; superamento di tutti i dislivelli presenti nel lotto di pertinenza, oltre che con gli scalini, anche con adeguate rampe di pendenza non superiore a quella stabilita dal D.M. n. 236/89; totalità delle porte interne degli alloggi con luce netta minima cm 80; almeno una finestra per ogni alloggio, con esclusione di quelle dei WC e delle cucine, deve consentire la vista all esterno anche a persone sedute (altezza massima del davanzale dal calpestio cm. 60 ovvero fino a terra); 4.d) ulteriore maggiorazione Qualora l edificio presenti almeno una delle seguenti condizioni il costo totale di recupero primario (CTM) è incrementato del 5%: vincolo ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42. parte II, Titolo I; ubicazione in zona A del P.r.g.; Per gli interventi volti alla manutenzione straordinaria di alloggi da destinare alla locazione sia a canone sociale, ai sensi del titolo IV della L.R. n. 23/03, che a canone concordato, realizzati da operatori pubblici, è ammesso a finanziamento anche l importo dell IVA gravante sui lavori e sugli oneri complementari e di tutte le altre imposte e/o tasse gravanti sull appalto medesimo. La realizzazione di tutte le opere e gli impianti, nonché la presenza di particolari condizioni e/o sistemi che danno diritto all incremento del costo totale di manutenzione straordinaria (CTM), come sopra specificato, devono essere certificate dal Direttore dei lavori.

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato

Al Signor Sindaco del Comune di Prato. Al Comune di Prato Servizio Istanze Edilizie Via Arcivescovo Martini n.61 Prato Studio Tecnico Ing. MASSIMO CECCARINI Cod. Fisc. CCC MSM 56H14 G999V Part. I.V.A. 00036530970 Viale V. Veneto, 13 59100 PRATO Tel. e Fax 0574 29062 / 607600 Prato, li 27/12/10. e-mail: studiomcmp@conmet.it

Dettagli

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA

EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA EX-DIREZIONE DELLE SALINE NEL CENTRO STORICO DI CERVIA Complesso di proprietà di Pentagramma Romagna Spa in via XX Settembre n.38 e Corso Mazzini n.41, sito nel Comune di Cervia (RA). OPERE DI RESTAURO

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA

COMUNE DI SENIGALLIA COMUNE DI SENIGALLIA PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI EDIFICI RESIDENZIALI NEL COMPARTO 17R DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE SITO IN CESANO DI SENIGALLIA DITTA: EDRA IMMOBILIARE S.r.l. Via Cimabue, n 7 - SENIGALLIA

Dettagli

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone

Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone Eliminazione delle Barriere Architettoniche COMMENTO ALLA LEGGE N.13 DEL 9 GENNAIO 1989 Il D.P.R. N 380 del 6 giugno 2001, agli articoli 77-78 impone nella progettazione di tutti gli edifici il rispetto

Dettagli

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA

COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA COMUNE DI ANDORA REGIONE LIGURIA PROVINCIA SAVONA PERMESSO DI COSTRUIRE in parziale Sanatoria ed in Variante al P.d.C. n. 759/7 del 06/08/2010 EDIFICI A1 e A2 del P.U.O. PROGETTO PER NUOVE RESIDENZE IN

Dettagli

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014

VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 VILLA FIGOLI DES GENEYS PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA SUPERAMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE 5 AGOSTO 2014 AZV_A1_A3_9.004 INDICE - PREMESSA - TIPOLOGIA DELL INTERVENTO - RIFERIMENTI NORMATIVI -

Dettagli

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84

Edilizia residenziale normale di tipo plurifamiliare /mc 276,84 Tabella H Costi edilizi di riferimento per il calcolo sommario del costo di costruzione riferito ad interventi su edifici esistenti o di nuova edificazione 1 NUOVA EDIFICAZIONE u.m. valore Edilizia residenziale

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE

VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE VILLINO SIMON VIOLET INTERVENTO DI FRAZIONAMENTO E VENDITA DESCRIZIONE L immobile è ubicato nella primissima periferia cittadina in un contesto di alta qualità, con abitazioni circostanti prevalentemente

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Regione Autonoma della Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Regione Autonoma della Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE N 917/56 DEL 09.01.2008 OGGETTO: Legge 05.08.1978, n. 457- articolo 4, lettera g) - Definizione dei massimali di costo per gli interventi di edilizia residenziale pubblica. Aggiornamento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE COMUNE DI GUAGNANO (LE) ADEGUAMENTO DI UN IMMOBILE DI VIA BIRAGO NELLA FRAZIONE DI VILLA BALDASSARRI PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO SOCIO- EDUCATIVO E RIABILITATIVO PER DIVERSAMENTE ABILI RELAZIONE

Dettagli

L'ASSESSORE PER LA COOPERAZIONE, IL COMMERCIO, L'ARTIGIANATO E LA PESCA

L'ASSESSORE PER LA COOPERAZIONE, IL COMMERCIO, L'ARTIGIANATO E LA PESCA DECRETO 5 maggio 2005. Nuovi limiti massimi di costo per interventi di edilizia residenziale agevolata - recupero primario e secondario, ristrutturazione e/o manutenzione straordinaria, completamento immobile,

Dettagli

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia.

Alberto Arenghi Università degli Studi di Brescia La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. studio ajs La fruibilità nel regolamento edilizio del Comune di Brescia. Premessa!Le considerazioni che seguiranno fanno riferimento alla bozza del nuovo Regolamento Edilizio del 07-01-2005 in discussione

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA PROF. ING. S. CASCONE TIPOLOGIE EDILIZIE ABITAZIONI PERMANENTI URBANE C RESIDENZE COLLETTIVE: residence,

Dettagli

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART

REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART AREA TECNICA - SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E CIMITERI REALIZZAZIONE DI NUOVO FABBRICATO DA ADIBIRE A ARCHIVIO/MAGAZZINO NEL COMUNE DI PRATO IN LOC. IOLO DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE ART. 15

Dettagli

RASSEGNA SUI MASSIMALI DI COSTO PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

RASSEGNA SUI MASSIMALI DI COSTO PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA RASSEGNA SUI MASSIMALI DI COSTO PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Al fine di fornire elementi conoscitivi utili alla riflessione sull assetto attuale dei massimali di costo per l e.r.p. vigenti in Toscana,

Dettagli

Catasto terreni di Marostica, censuario di

Catasto terreni di Marostica, censuario di Aggiornamento 05/12/14 RELAZIONE E DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ relativa ai LIVELLI QUALITATIVI DI PROGETTAZIONE AI FINI DEL SUPERAMENTO E DELL ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (art. 1 comma

Dettagli

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2)

(ai sensi della legge 9/1/1989, n. 13) Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a a il abitante (1) in qualità di proprietario affittuario altro (2) DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI ESISTENTI ALLA DATA DELL 11 AGOSTO 1989 (ai sensi della legge 9/1/1989, n.

Dettagli

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_.

Oggetto_. Localizzazione_. Committente_. Altanon S.r.l. Descrizione_. Fase_. Scala_. Data deposito_. Codice interno_. GianRenato Piolo Architetto Oggetto_ Variante alla P.E. n. 2012/0533 ai sensi della L.R. 14/2009 e ss.mm.ii. e delle Norme Tecniche del Piano degli Interventi 2008/C per l'attuazione dei Comparti n.1,

Dettagli

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria.

Versamento con ccp n. 17368283 intestato a Comune di San Maurizio d Opaglio Servizio Tesoreria. Ufficio Tecnico Comune di San Maurizio d Opaglio Provincia di Novara Piazza I Maggio n. 4-28017 San Maurizio d Opaglio - Tel. 0322/967222 - Fax 0322/967247 e-mail: urbanistica@comune.sanmauriziodopaglio.no.it

Dettagli

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89

DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 AL G. NDACO DEL COMUNE DI SABBIO CHIESE (BS) D.P.R. 380/01 art. 77 e succ. VERIFICA DELL' ADATTABILITA' L. 13/89 L. 6/89 Allegata al progetto di Sportello Unico Attività Produttive da realizzarsi nel Comune

Dettagli

COMUNE DI CASTELBELLINO

COMUNE DI CASTELBELLINO COMUNE DI CASTELBELLINO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA P.zza S. Marco 15 60030 Castelbellino e.mail urbanistica.castelbellino@provincia.ancona.it Protocollo ALLEGATO C AL PERMESSO DI COSTRUIRE Ditta: Oggetto:

Dettagli

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.

DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili. COMMITTENTE: Beni Stabili Spa Sede legale: Via Piemonte,38-00187 Roma tel. +39.06.36222.1-06.36222.745 www.benistabili.it PROGETTO: ELABORAZIONE DOMANDA DI ADOZIONE E APPROVAZIONE P.U.A. 338 OGGETTO TITOLO

Dettagli

Realizzare l adattabilità

Realizzare l adattabilità PROGETTARE UNA CITTA OSPITALE Ciclo di incontri sulla progettazione accessibile Realizzare l adattabilità Bergamo, 24 settembre 2015 ADATTABILITA 1. Definizioni, riferimenti normativi 2. Come si progetta

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

COMUNE DI LIMANA Provincia di Belluno SERVIZIO TECNICO

COMUNE DI LIMANA Provincia di Belluno SERVIZIO TECNICO COMUNE DI LIMANA Provincia di Belluno SERVIZIO TECNICO Pratica edilizia nr. intestata a Località Foglio, Mappale. Zona territoriale omogenea, indice mc/mq. A) DETERMINAZIONE DELLA QUOTA COMMISURATA AGLI

Dettagli

CRITERI INTEGRATIVI PER L'APPLICAZIONE DELLE CONVENZIONI TIPO APPROVATE CON DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO REGIONALE N.RI 1108/99 E 326/02.

CRITERI INTEGRATIVI PER L'APPLICAZIONE DELLE CONVENZIONI TIPO APPROVATE CON DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO REGIONALE N.RI 1108/99 E 326/02. CRITERI INTEGRATIVI PER L'APPLICAZIONE DELLE CONVENZIONI TIPO APPROVATE CON DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO REGIONALE N.RI 1108/99 E 326/02. Determinazione del prezzo di cessione degli alloggi: Le convenzioni

Dettagli

Dott. Ing. Andrea Trabucchi tel: 339 8475543 e mail: andreatrabucchi@gmail.com andreatrabucchi@pec.it

Dott. Ing. Andrea Trabucchi tel: 339 8475543 e mail: andreatrabucchi@gmail.com andreatrabucchi@pec.it Perizia di stima Fallimento EdilSilva srl n. 31/2014 Tribunale di Piacenza Giudice: Dott. Maurizio Boselli Curatore: Avv. Renza Bravi *** n 1 Appartamento con Cantina - n 3 Autorimesse Via Guglielmo da

Dettagli

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi

5. ANALISI SPAZIALE. Distribuzione degli spazi 5. ANALISI SPAZIALE Distribuzione degli spazi L attenzione nella progettazione degli spazi si affianca alla scelta delle tecnologie più evolute per la gestione della qualità ambientale. L edificio è stato

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs)

Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO Comune di Mazzano (Bs) Mazzano (Bs) li, 27 febbraio 2012 Al Signor Sindaco del Comune di Mazzano (Bs) Oggetto: Relazione tecnica ex art. 10 punto 10,2 D.M. 236/89, allegata al P.L. via della Resistenza a Molinetto di MAZZANO

Dettagli

Protocollo C H I E D E

Protocollo C H I E D E Protocollo Marca da Bollo. 16,00 Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino DOMANDA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTO PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Elaborato E2 COMUNE DI SESTRI LEVANTE Località San Bartolomeo della Ginestra Zona di P.U.C.: AC(B3) E1 (TPA) territorio di presidio ambientale agricolo Istanza Permesso di Costruire in variante al P.U.C.

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI SCHEMI E POSSIBILI SOLUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DELLO SPAZIO COMMERCIALE SCHEMA FUNZIONALE INDICATIVO E DIMENSIONAMENTO ARREDI PER LA ZONA RECEPTION DIMENSIONAMENTO DI

Dettagli

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO

LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO progetto committente LAVORI PER L INSTALLAZIONE DI UN NUOVO ASCENSORE SCUOLA PRIMARIA E DELL INFANZIA BAODO COMUNE DI CELLE LIGURE Via Boagno 11-17015 Celle Ligure (SV) TEL. +39 019 826985 FAX +39 SAVONA

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica

REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE. ALLEGATO 1 Relazione tecnica Cosio Valtellino, 05.06.2008 REALIZZAZIONE NUOVO FABBRICATO BIFAMILIARE ALLEGATO 1 Relazione tecnica COMMITTENTI: Sigg DEL NERO DAVIDE DEL NERO LAURA PROGETTO: geom. RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA *************

Dettagli

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale

Allegati alle NTA. C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale Allegati alle NTA C - Allegati sulla qualità igienico sanitaria e ambientale AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 Variante n. 232 approvata

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova CITTA DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova Sportello Unico per l Edilizia SCHEMA ANALITICO DELLE SUPERFICI E VOLUMI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 16 DEL

Dettagli

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI)

DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO A NUOVI EDIFICI RESIDENZIALI (E SIMILI) MODELLO A Stresa, lì. Prot. N.. Spett.le Sportello Unico Edilizia Privata Comune di Stresa OGGETTO: DICHIARAZIONE E CALCOLO PER LA PREDETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO COMMISURATO AL COSTO DI COSTRUZIONE RELATIVO

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO BRONZO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: CRITERIO DA RISPETTARE STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTI

Dettagli

ESEMPIO PER LA RESIDENZA

ESEMPIO PER LA RESIDENZA COMUNE DI BOLZANO GEMEINDE BOZEN ESEMPIO PER LA RESIDENZA PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE PER IL SUPERAMENTO E L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI E PUBBLICI A COMPLETAMENTO

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

Determinazione del contributo di costruzione (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31)

Determinazione del contributo di costruzione (Legge Regionale 25/11/2002 n. 31) COMUNE DI FORLIMPOPOLI PROVINCIA DI FORLI CESENA Piazza Fratti, 2 47034 Forlimpopoli 6 SETTORE EDILIZIA PRIVATA TERRITORIO E AMBIENTE tel. 0543 / 749111 fax 0543 / 749247 e mail: ediliziaprivata@comune.forlimpopoli.fc.it

Dettagli

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e

Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e 1 2 Il progetto è stato redatto applicando il regolamento recante le norme per l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici; infatti sono stati eliminati tutti

Dettagli

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4.

5. CALCOLO DELLA CUBATURA URBANISTICA Cubatura parziale Centro comunale/azienda Servizi Sociali di Bolzano 4.310 m³. Totale 4. 1. NOTA GENERALE AL PROGETTO PRELIMINARE Sulla base di quanto stabilito dall Amministrazione Comunale, il presente progetto verrà realizzato per lotti distinti e secondo tempistiche differenti. La prima

Dettagli

EQUITALIA CENTRO SPA AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO E SPORTELLO

EQUITALIA CENTRO SPA AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO E SPORTELLO EQUITALIA CENTRO SPA AVVISO DI RICERCA DI IMMOBILE AD USO UFFICIO E SPORTELLO 1.NATURA DELLA RICERCA Equitalia Centro SpA, società appartenente al Gruppo Equitalia, ricerca in locazione, un immobile ad

Dettagli

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS

AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DELLA SARDEGNA ARPAS AVVISO MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PRELIMINARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L ACQUISIZIONE IN LOCAZIONE O IN PROPRIETA DI UN IMMOBILE SITO NEL COMUNE DI ORISTANO, DESTINATO AD ACCOGLIERE UFFICI E LABORATORI

Dettagli

2 PALAZZINE RESIDENZIALI

2 PALAZZINE RESIDENZIALI MANENTI N SUD Le 2 palazzine disporranno cadauna di un piano interrato raggiungibile anche con l'ascensore, con ubicate le autorimesse, le cantine e locali comuni da adibirsi a deposito bici e lavanderia.

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

LE BARRIERE ARCHITETTONICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BASILICATA POLO DI MATERA Facoltà di Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura (Classe 4/S) CORSO DI TECNOLOGIA DELL ARCHITETTURA LE BARRIERE ARCHITETTONICHE

Dettagli

DA UTILIZZARE PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO DA PARTE DEL DISABILE AL SINDACO DEL COMUNE DI PROV

DA UTILIZZARE PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO DA PARTE DEL DISABILE AL SINDACO DEL COMUNE DI PROV 14.62 DOMANDA di concessione di contributo per il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, ai sensi della legge 9 gennaio 1989, n. 13. DA UTILIZZARE PER LA RICHIESTA

Dettagli

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE

INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE ALLEGATO TECNICO INDIRIZZI PER LA PROGETTAZIONE DELL'AREA CONCORSO DI PROGETTAZIONE VOLÁNO NUOVI PROCESSI PER L ABITARE Livello urbanistico per il futuro deposito e approvazione del Piano di Lottizzazione

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

CRITERIO DA RISPETTARE

CRITERIO DA RISPETTARE SCHEDA DI RILEVAZIONE STRUTTURE PUBBLICI ESERCIZI E RISTORANTI LIVELLO ARGENTO Esercizio: Indirizzo: Telefono: Fax: Email: Web site: Referente: STRUTTURA ESTERNA BAR E RISTORANTE CRITERIO DA RISPETTARE

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche

LEGGE REGIONALE N. 3/07. Art. 9 - Barriere Architettoniche LEGGE REGIONALE N. 3/07 Art. 9 - Barriere Architettoniche GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE INDICE SCHEDA A1 Parte I. Pag. 2 SCHEDA A1 Parte II Pag. 6 SCHEDA B1.. Pag. 10 Si prega di non riferirsi più

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini

RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI. D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici. Codice civile + R.E. Distacchi dai confini RIFERIMENTI NORMATIVI DISTACCHI D.M.1444/68 - Distacchi stradali e distacchi tra edifici Distacchi stradali a) Per l < 7,00 m d = 5,00 m b) Per 7,00 m = l = 15,00 m d = 7,50 m c) Per l > 15,00 m d = 10,00

Dettagli

COMUNE D I SCORDIA mod. A5-SEP8

COMUNE D I SCORDIA mod. A5-SEP8 COMUNE D I SCORDIA mod. A5-SEP8 (PROVINCIA DI CATANIA) Area 5 Pianificazione - Urbanistica Territorio MODULO PER DETERMINAZIONE ONERI CONCESSORI Al Responsabile dell Area 5 del Comune di Scordia Oggetto:

Dettagli

Mq. 3.016,60*./mq. 3.000,00 =. 9.049.800,00. - costo di costruzione, pari a. 1.650,00 al mq (si tiene conto di finiture di

Mq. 3.016,60*./mq. 3.000,00 =. 9.049.800,00. - costo di costruzione, pari a. 1.650,00 al mq (si tiene conto di finiture di Mq. 3.016,60*./mq. 3.000,00 =. 9.049.800,00 A tale importo vanno detratti: - costo di costruzione, pari a. 1.650,00 al mq (si tiene conto di finiture di pregio o materiali di buona qualità) V.= mq. 3.016,60

Dettagli

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss

ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO. Tabelle millesimali di condominio. Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/10. Prof. Romano Oss ITG A. POZZO LEZIONI DI ESTIMO Tabelle millesimali di condominio Classi 5^ LB-LC-SA Anno scolastico 2009/0 Prof. Romano Oss Condominio: quando nello stesso fabbricato vi sono delle parti di proprietà individuale

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 Spazio riservato al protocollo: Spazio riservato all Ufficio: Il sottoscritto COGNOME E NOME SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 LUOGO

Dettagli

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI

VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI VOLUMI E SUPERFICI IN EDILIZIA Tratto da D. Borri, Lessico Urbanistico, Ed. Dedalo, BARI RICHIAMI DI TECNICA URBANISTICA SUPERFICIE URBANA Insieme delle superfici occupate da costruzioni ed attrezzature,

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di VERZUOLO. AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE

SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di VERZUOLO. AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE SPORTELLO UNICO PER L ATTIVITÀ EDILIZIA del COMUNE di VERZUOLO AUTOCERTIFICAZIONE per la CONFORMITÀ ALLE NORME IGIENICO SANITARIE (D.P.R. 6 giugno 2001 n. 380 e s.m.i., art. 20 comma 1) Allegato A alla

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti

tabella A 640 per le destinazioni residenziali e in 275 per quelle non residenziali. mediamente tabella B fabbricati collabenti AGGIORNAMENTO DEI CRITERI DI STIMA DEL VALORE COMMERCIALE DELLE AREE FABBRICABILI DEL TERRITORIO COMUNALE AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELL IMU PER L ANNO 2013 E PRINCIPI PER L ACCERTAMENTO ANNI PRECEDENTI

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI SESTRI LEVANTE PROGETTO DEFINITIVO DI RISTRUTTURAZIONE DEL PALAZZO FASCIE ROSSI POLO CULTURALE E MUSEALE PER LA CITTA E PER IL TIGULLIO ORIENTALE IMPIANTI ELETTRICI RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

Dettagli

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso)

RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) RELAZIONE DI DESCRIZIONE DEI LOCALI-IMPIANTI E DELLE ATTREZZATURE (stabilimenti di produzione, preparazione confezionamento, depositi all'ingrosso) Allegato 2 PAG. 1 ALLEGATO alla domanda di autorizzazione

Dettagli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli

ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI. sala polivalente/cento sociale ricreativo. utilizzo di cicli ALCUNE INDICAZIONI DIMENSIONALI sala polivalente/cento sociale ricreativo utilizzo di cicli Schema tratto da AA.VV., Enciclopedia pratica per PROGETTARE COSTRUIRE 8 ed. - Hoepli. pag. 28 ERGONOMIA E DIMENSIONAMENTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini

RELAZIONE TECNICA. Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini RELAZIONE TECNICA Oggetto: Descrizione delle soluzioni progettuali previste per garantire l accessibilità ai fini della legge 13/89 per l eliminazione delle barriere architettoniche. Premessa: Ai fini

Dettagli

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente

Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili Ausili e soluzioni per ciascun ambiente Scheda CORSO TEORICO ausili PRATICO SULLA VALUTAZIONE DEGLI AUSILI PER IL MIGLIORAMENTO DELL APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA Elementi da valutare in relazione ai bisogni dell utente Presentazione scheda ausili

Dettagli

Unione Europea R E P U B B L I C A I T A L I A N A

Unione Europea R E P U B B L I C A I T A L I A N A D.A. n. 682 Unione Europea R E P U B B L I C A I T A L I A N A Regione Siciliana Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità Dipartimento Regionale delle Infrastrutture della Mobilità e

Dettagli

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA

COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA COMUNE DI SPEZZANO ALBANESE PROVINCIA DI COSENZA DETERMINAZIONE SETTORE : 3 N 241 del Reg. Sett Data 19/11/2004 AREA TECNICO - MANUTENTIVA N 1501 del Reg. Gen. Al Responsabile Settore FINANZIARIO Al Segretario

Dettagli

Oggetto: Relazione tecnica di conformità alla L.S. n 13/89, D.M. n 236/89 e DGRV 509/ 10. Disposizioni per favorire il superamento e l eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici. Proprietà/Locatore

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.)

AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) S P A Z I O R I S E R V A T O A G L I U F F I C I C O M U N A L I AUTOCERTIFICAZIONE DI CONFORMITA IGIENICO SANITARIA (art. 20 comma 1 del D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.) Il/La sottoscritto/a AL COMUNE DI

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Tipologie edilizie e costi

Tipologie edilizie e costi Parcheggi 8-10-2007 11:46 Pagina 18 o- o PROGETTARE TECNOLOGIA Progetto Realizzazione Gestione 18 Tipologie edilizie e costi Parcheggi: quanto costa realizzarli Quanto costa realizzare un parcheggio fuori

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

ISTANZE EDILIZIE STANDARD DOCUMENTI DA PRESENTARE

ISTANZE EDILIZIE STANDARD DOCUMENTI DA PRESENTARE COMUNE DI AREZZO PROVINCIA DI AREZZO DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO PIANIFICAZIONE URBANISTICA UFFICIO EDILIZIA ISTANZE EDILIZIE STANDARD DOCUMENTI DA PRESENTARE DOCUMENTO DOMANDA ELABORATI SCALA

Dettagli

Limiti di costo per l edilizia residenziale pubblica agevolata e sovvenzionata Allegato A

Limiti di costo per l edilizia residenziale pubblica agevolata e sovvenzionata Allegato A Limiti di costo per l edilizia residenziale pubblica agevolata e sovvenzionata Allegato A Art. 1 - NUOVE EDIFICAZIONI 1. Il costo totale dell'intervento di nuova edificazione (C.T.N.), riconosciuto all'operatore,

Dettagli

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977)

Comune di Fano DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) DETERMINAZIONE DEL COSTO DI COSTRUZIONE RESIDENZIALE (rif. D.M. 10 maggio 1977) mod. CC01 Tabella 1 Incremento per superficie abitabile (art. 5) Classe di superficie Alloggi (n) abitabile Rapporto rispetto

Dettagli

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto

Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Calestano, fraz. Marzolara Nuova costruzione per 10 alloggi e 4 autorimesse destinati all affitto Generalità Il presente intervento ha interessato un lotto localizzato nel territorio del Comune di Calestano,

Dettagli

PARERE IGIENICO SANITARIO

PARERE IGIENICO SANITARIO (C.E. per frazionamento) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per frazionamento. Il sottoscritto.., nato

Dettagli

Beneficiari del finanziamento

Beneficiari del finanziamento CONTRIBUTI PER LA RICOSTRUZIONE (riparazione e ripristino di edifici dichiarati temporaneamente inagibili o parzialmente inagibili - schede aedes con esito b / c (ORDINANZA N.29 DEL 28/08/2012 e n. 32

Dettagli

DA UTILIZZARE PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO DA PARTE DEL DISABILE

DA UTILIZZARE PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO DA PARTE DEL DISABILE MARCA DA BOLLO 14,62 AL SINDACO della Città di RAGUSA DA UTILIZZARE PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTO DA PARTE DEL DISABILE OGGETTO: Richiesta di concessione contributo per superamento ed eliminazione delle

Dettagli

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE

Volume Virtuale Art. 11 Regol. Reg. n. 6/1977 TOTALE. Superficie lorda complessiva. RESIDENZIALE Percentuale At IMPORTO TOTALE SERVIZIO URBANISTICA -Sportello Unico Edilizia CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Pratica edilizia n Anno Richiedente Intervento: in via Oneri di Urbanizzazione: EDILIZIA RESIDENZIALE COMMERCIALE DIREZIONALE

Dettagli

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE CITTÀ DI FOLIGNO AREA GOVERNO DEL TERRITORIO E BENI CULTURALI Servizio Sportello Unico Edilizia Servizio Edilizia Via dei Molini, 20/a Corso Cavour, 89 MODELLO PER IL CALCOLO DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono:

CHIEDE. il rilascio della concessione edilizia per eseguire nell immobile suddetto i lavori di ristrutturazione che sinteticamente si descrivono: (C.E. per ristrutturazione) Istanza in bollo Al Responsabile di P.O. N. 4 Settore Urbanistica Del Comune di Casteltermini Oggetto: Richiesta di Concessione Edilizia per ristrutturazione. Il sottoscritto..,

Dettagli

C O M U N E D I C A M B I A N O

C O M U N E D I C A M B I A N O C O M U N E D I C A M B I A N O MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO INCARICO DEL 20/10/2014 RELAZIONE I Tecnici Incaricati Ing. Andrea BAUCHIERO Geom. Gianluigi PAGLIERO COMUNE DI CAMBIANO

Dettagli

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità

Istanza per il rilascio del certificato di agibilità Modello CA (01/02/2013) Allo Sportello Unico per l Edilizia Pagina 1 di 5 C O M U N E D I C A N D E L A (Provincia di Foggia) SETTORE TECNICO - URBANISTICO AMBIENTE - PATRIMONIO Protocollo Cod. Fisc. 80035910712

Dettagli