Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma Verdi. Luca Milano 1960.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960."

Transcript

1 File di dati

2 Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record

3 Operazioni sui file Per utilizzare i dati presenti in un file sono necessarie le seguenti operazioni 1. apertura 2. lettura/scrittura per rendere disponibile il file per l elaborazione: stabilisce un collegamento tra la memoria centrale ed il file registrato sulle memorie di massa, riservando un buffer per l operazione di I/O operazioni che si devono effettuare sul file 3. chiusura per rilasciare il file: viene interrotto il collegamento tra memoria centrale ed il file, liberando la memoria riservata per le operazioni d I/O

4 Lettura di un file lettura trasferisce un record da M.M. a M.C. Bianchi Verdi Neri Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Bianchi Anna Roma 1980 Buffer in Memoria centrale Memoria di massa

5 Scrittura di un file scrittura trasferisce un record da M.C. a M.M. Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Verdi Paola Bari 1954 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Buffer in Memoria centrale Memoria di massa

6 Tipologie di file in V.B. File sequenziali i dati vengono memorizzati in modo sequenziale uno di seguito all altro in fase di lettura i record devono essere letti in modo sequenziale (partendo dal primo) usati per archivi di piccole dimensioni su disco i campi di tipo String sono racchiusi tra doppi apici su disco i campi sono separati dalla virgola File ad accesso casuale i dati vengono memorizzati nella posizione richiesta all interno del file in fase di lettura e possibile accedere direttamente ad un dato record, conoscendone la posizione nel file

7 File sequenziali

8 File sequenziali: apertura Open percorso For modalita As #Numero percorso indica il nome fisico del file in memoria di massa, eventualmente corredato dal percorso modalita indica la modalita di accesso al file, sulla base dell operazione che si deve effettuare; puo essere: Output se si deve creare il file Append se si devono aggiungere record ad un file esistente Input se si deve leggere il file #Numero e un numero, stabilito in genere dal programmatore, che identifica il file all interno dell applicazione Esempio : Open Clienti.dat For Input As #1

9 File sequenziali: apertura Osservazioni sulle modalità di apertura Output se il file non esiste viene creato, altrimenti scrive i nuovi dati all inizio del file sovrascrivendo quelli esistenti (il contenuto precedente viene perso) Append se il file non esiste viene creato, altrimenti scrive i nuovi dati in coda, senza cancellare quelli esistenti Input se il file non esiste viene generato un errore di runtime (in VB Err.Number=53)

10 File sequenziali: chiusura Close #Numero #Numero e il numero del file che si desidera chiudere Esempio : Close #1

11 File sequenziali: scrittura Write #Numero, dato1, dato2,... #Numero e il numero del file in cui si desidera scrivere datox sono i campi del record che si desidera inserire Esempi Write #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita Write #1, txtcognome, txtnome, txtluogo, txtannonascita Osservazioni Dopo aver scritto l ultimo carattere, l istruzione Write inserisce nel file un carattere di nuova riga (ritorno a capo) Per poter scrivere su un file, il file stesso deve essere stato aperto con modalita Output o Append

12 File sequenziali: lettura Input #Numero, dato1, dato2,... #Numero e il numero del file che si desidera leggere datox sono i campi del record che si desiderano leggere Esempi Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita Input #1, lblcognome, lblnome, lblluogo, lblannonascita Osservazioni Per poter legger un file, il file stesso deve essere stato aperto con modalita Input

13 File sequenziali: ricerca completa SE non esiste FileA ALLORA Segnalazione all utente ALTRIMENTI Trovato=False Apertura in lettura FileA ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) Lettura di un record di FileA 1 SE condizione da analizzare sul record letto ALLORA Elaborazioni da effettuare (es.: aggiornamento 2 contatori, visualizzazioni, stampe, ecc ) Trovato=True FINE-SE FINE-ESEGUI Chiusura FileA SE Trovato=False ALLORA La ricerca ha dato esito negativo [ALTRIMENTI Eventuali visualizzazioni/stampe di dati finali] FINE-SE FINE-SE Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi 2 Anna RecClienti Roma Elaborazioni sui dati fino alla fine del FileA

14 File sequenziali: ricerca completa Codifica VB Ipotizziamo di dover contare il numero di clienti nati a Milano Dim Trovato As Boolean Dim Tot As Integer If Dir( Clienti.dat )= Then MsgBox Non esiste l archivio clienti! Else Trovato=False Tot=0 Open Clienti.dat For Input As #1 Do While Not EOF(1) Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If (RecClienti.Luogo= Milano ) Then Tot=Tot+1 Trovato=True End If Loop Close #1 If Not Trovato Then MsgBox Nessun cliente è nato a Milano Else MsgBox Numeo clienti nati a Milano = & Tot End If

15 File sequenziali: ricerca sequenziale SE non esiste FileA ALLORA Segnalazione all utente ALTRIMENTI Trovato=False Apertura in lettura FileA ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) E Trovato=False Lettura di un record di FileA 1 SE condizione da analizzare sul record letto ALLORA Elaborazioni da effettuare 2 Trovato=True FINE-SE FINE-ESEGUI Chiusura FileA SE Trovato=False ALLORA La ricerca ha dato esito negativo FINE-SE FINE-SE Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi 2 Anna RecClienti Roma Elaborazioni sui dati fino a quando si arriva alla fine del FileA o si trova il record

16 File sequenziali: ricerca sequenziale Codifica VB Ipotizziamo di visualizzare in una etichetta di un form nome e cognome della prima persona (presente nel file) nata nel 1960 Dim Trovato As Boolean If Dir( Clienti.dat )= Then MsgBox Non esiste l archivio clienti! Else Trovato=False Open Clienti.dat For Input As #1 Do While Not EOF(1) And Trovato=False Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If (RecClienti.AnnoNascita=1960) Then lblcognome=recclienti.cognome lblnome=recclienti.nome Trovato=True End If Loop Close #1 If Not Trovato Then MsgBox Nessun cliente è nato a Milano End If

17 File sequenziali: ordinamento di dati Non è possibile ordinare i dati direttamente nel file CARICAMENTO TABELLA 1 Apertura in lettura FileA I=0 ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) I=I+1 Lettura di un record di FileA in Tabxxx(I) FINE-ESEGUI Chiusura FileA N=I Cancellazione FileA Rinominare FileB con nome FileA ORDINAMENTO TABELLA PER I=1 To N-1 PER J=I+1 TO N Confronto e scambio dati NEXT J NEXT I 2 I dati verranno caricati in una tabella in M.C. e ordinati Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi Verdi Anna Luca. 1 TabClienti Roma Milano fino alla fine del FileA STAMPA/VISUALIZZAZIONE DATI ORDINATI 3

18 File sequenziali: ordinamento Codifica VB Stampa elenco clienti ordinato in base all anno di nascita If Dir( Clienti.dat )= Then MsgBox Non esiste l archivio clienti! Else I=0 Open Clienti.dat For Input As #1 Do While Not EOF(1) I=I+1 Input #1, TabClienti(I).Cognome, TabClienti(I).Nome,.. Loop Close #1 N=I For I=1 To N-1 For J=I+1 To N If TabClienti(I).Anno > TabClienti(J).Anno Then RecTemp=TabClienti(I) TabClienti(I)=TabClienti(J) TabClienti(J)=RecTemp End If Next J Next I For I=1 To N Printer.Print Tab(5);TabClienti(I).Cognome;. Next I Si dovranno dichiarare: La tabella RecTemp Le variabil I,J,N

19 File sequenziali: modifica dei dati Non è possibile effettuare direttamente modifiche (aggiornamenti o cancellazioni) sui record presenti in un file sequenziale Per effettuare aggiornamenti o cancellazioni di record occorre utilizzare un secondo file nel quale: registrare tutti i record con le eventuali modifiche (in caso di aggiornamento) registrare i record da conservare, tralasciando quelli da cancellare (in caso di cancellazione)

20 4 5 File sequenziali: modifica dei dati Apertura in lettura FileA Apertura in creazione FileB ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) Aggiornamento di dati Lettura di un record di FileA Modifica, nel record (buffer di memoria), dei dati che si intendono aggiornare Scrittura del record aggiornato in FileB FINE-ESEGUI Chiusura FileA Chiusura FileB Cancellazione FileA Rinominare FileB con nome FileA Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari Bianchi Anna 1 RecClienti Roma 1980 RecClienti.AnnoNascita= 1981 Bianchi Anna Roma 1981 Bianchi Anna Roma fino alla fine del FileA

21 File sequenziali: modifica dei dati Aggiornamento di dati: codifica VB Ipotizziamo di dover cambiare l anno di nascita di Anna Bianchi con il valore 1981 Open Clienti.dat For Input As #1 Open Nuovo.dat For Output As #2 Do While Not EOF(1) Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If (RecClienti.Cognome= Bianchi ) And (RecClienti.Nome= Anna ) Then RecClienti.AnnoNascita= 1981 End If Write #2, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita Loop Close #1 Close #2 Cancellazione file Clienti.dat Kill Clienti.dat Rinomina il nuovo file con nome Clienti.dat Name Nuovo.dat As Clienti.dat

22 3 4 File sequenziali: modifica dei dati Apertura in lettura FileA Apertura in creazione FileB ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) 1 2 Lettura di un record di FileA SE record da conservare ALLORA Scrittura del record in FileB FINE-SE FINE-ESEGUI Chiusura FileA Chiusura FileB Cancellazione FileA Rinominare FileB con nome FileA Cancellazione di record Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi Bianchi Anna Roma 1981 Anna 1 RecClienti Roma fino alla fine del FileA per tutti i record che si vogliono conservare

23 File sequenziali: modifica dei dati Cancellazione di record : codifica VB Ipotizziamo di dover cancellare tutti i clienti di Milano Open Clienti.dat For Input As #1 Open Nuovo.dat For Output As #2 Do While Not EOF(1) Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If RecClienti.Luogo <> Milano ) Then si devono conservare i dati dei clienti che non risiedono a Milano Write #2, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita End If Loop Close #1 Close #2 Cancellazione file Clienti.dat Kill Clienti.dat Rinomina il nuovo file con nome Clienti.dat Name Nuovo.dat As Clienti.dat

24 File ad accesso casuale

25 File ad accesso casuale: apertura Open percorso For Random As #Numero Len=LunghezzaRecord percorso indica il nome fisico del file in memoria di massa, eventualmente corredato dal percorso non esiste differenza, nella modalità di apertura, per operazioni di input e di output #Numero e un numero, stabilito in genere dal programmatore, che identifica il file all interno dell applicazione LunghezzaRecord fissa la dimensione del buffer di memoria, può essere calcolata tramite la funzione Len( ) Len(RecAmici) restituisce la dimensione (in byte) del record RecAmici Esempio : Open Amici.dat For Random As #1 Len=Len(RecAmici)

26 File a accsso casuale: chiusura Close #Numero #Numero e il numero del file che si desidera chiudere Esempio : Close #1

27 File ad accesso casuale: scrittura Put #Numero, [posizione], record #Numero e il numero del file in cui si desidera scrivere posizione indica la posizione (numero di record) nel file in cui si vuole scrivere il record. Questo parametro permette di determinare se il record deve essere aggiunto all archivio o se deve essere sovrascritto ad uno già esistente. Quest ultima evenienza si verifica quando viene indicata una posizione già occupata da un record. Per aggiungere un nuovo record al file, invece, è necessario indicare un numero pari al numero totale di record presenti in archivio, aumentato di una unità. record contiene il record da scrivere nel file

28 File ad accesso casuale: scrittura Esempi Modifica del record in posizione 8, registrando i dati prelevati da caselle di testo RecAmici.Cognome= txtcognome RecAmici.Nome= txtnome RecAmici.Luogo= txtluogo RecAmici.AnnoNascita= Val(txtAnno) Put #1,8,RecAmici Aggiunta di un record in fondo al file, registrando i dati prelevati da caselle di testo RecAmici.Cognome= txtcognome RecAmici.Nome= txtnome RecAmici.Luogo= txtluogo RecAmici.AnnoNascita= Val(txtAnno) Calcola il numero del nuovo record con la seguente formula: (dimensione del file) \ (dimensione del record) + 1 NumRec=LOF(1)\Len(RecAmici) + 1 Numero di record presenti nel file Put #1,NumrRec,RecAmici Dimensione del file (in byte)

29 File ad accesso casuale: lettura Get #Numero, [posizione], record #Numero e il numero del file in cui si desidera scrivere posizione indica la posizione (numero di record) nel file del record che si vuole leggere. Tale valore può essere omesso solo in occasione di operazioni di lettura in sequenza; l assenza di tale numero, indicante la posizione, provoca infatti l accesso al record successivo a quello corrente. Anche in caso di omissione della posizione, non possono però essere omesse le virgole record indica il nome della variabile record nella quale verrà collocato il record letto

30 File ad accesso casuale: scrittura Esempi Lettura del terzo record presente in archivio Get #1,3,RecAmici Lettura del record successivo rispetto a quello che è appena stato analizzato Get #1,,RecAmici

31 File ad accesso casuale: aggiornamento dati Attraverso le istruzioni di lettura e scrittura è possibile aggiornare record già esistenti all interno di un file. Per farlo è necessario: leggere il record che si intende modificare (istruzione Get) apportare le modifiche ai campi del record fornendo nuovi valori scrivere il record nella stessa posizione (istruzione Put)

32 File ad accesso casuale: posizionamento su un record Seek #Numero, [posizione] #Numero e il numero del file nel quale ci si deve posizionare (il file deve essere già aperto!) posizione indica il numero di record sul quale ci si vuole posizionare Esempi di utilizzo Lettura del quarto record presente in archivio Seek #1,4 Get #1,,RecAmici Lettura di tutti i record partendo dal quarto Seek #1,4 Do While Not EOF(1) Get #1,,RecAmici Loop

33 File ad accesso casuale: individuazione posizione di un record (1) Funzione Seek(Numero) #Numero e il numero del file da analizzare (il file deve essere già aperto!) La funzione restituisce il numero del record successivo a quello sul quale è stata fatta l ultima operazione (lettura/scrittura/posizionamento) Bianchi Verdi Neri Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Ultimo record letto Seek(1) restituisce 3

34 File ad accesso casuale: individuazione posizione di un record (2) Funzione Loc(Numero) #Numero e il numero del file da analizzare (il file deve essere già aperto!) La funzione restituisce il numero dell ultimo record letto/scritto Bianchi Verdi Neri Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Ultimo record letto Loc(1) restituisce 2

35 File ad accesso casuale: cancellazione record (1) Cancellazione logica Non provoca una reale eliminazione del record, ma i record da cancellare vengono contrassegnati come cancellati e rimangono all interno del file. E quindi necessario aggiungere, nel tracciato record un campo Boolean, che verrà impostato a True per i record che si vogliono eliminare. Ovviamente ogni routine di elaborazione non dovrà analizzare i record nei quali questo campo ha valore True. Per eliminare definitivamente i record cancellati sarà necessario attivare una procedura che copierà in un nuovo file solo i record da conservare. RecAmici Cognome Nome Luogo AnnoNascita Cancellato Boolean

36 File ad accesso casuale: cancellazione record (2) Cancellazione fisica Provoca una reale eliminazione del/i record da cancellare. La tecnica utilizzata è la stessa utilizzata per cancellare record in file sequenziali (vedi appunti) OSSERVAZIONI Quando l archivio da gestire prevede la cancellazione di un record alla volta (es. anagrafiche), è consigliabile prevedere l utilizzo di cancellazione logica, con aggiunta di una funzione che permetta di compattare il file, a richiesta dell utente Quando l archivio da gestire prevede cancellazione di blocchi di record, (es. eliminazione dall archivio di tutti i residenti a Genova) è consigliabile prevedere l utilizzo di cancellazione fisica.

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

Operazioni di input e output in Fortran 90

Operazioni di input e output in Fortran 90 Operazioni di input e output in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: file e formattazione DIS - Dipartimento di informatica

Dettagli

Gestione degli archivi e stampe

Gestione degli archivi e stampe Gestione degli archivi e stampe Utilizzando il linguaggio Visual Basic, con la gestione tradizionale degli archivi, sono consentiti tre tipi di accesso ai file: sequenziale, per la lettura e scrittura

Dettagli

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base:

Prof. Giuseppe Chiumeo. Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto tre strutture di base: LA STRUTTURA DI RIPETIZIONE La ripetizione POST-condizionale La ripetizione PRE-condizionale INTRODUZIONE (1/3) Avete già studiato che qualsiasi algoritmo appropriato può essere scritto utilizzando soltanto

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++ ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G A L I L E O F E R R A R I S DIISPENSA DII IINFORMATIICA E SIISTEMII AUTOMATIICII LA GESTIONE DEI FILE DI TESTO IN C++ Le classi per la gestione dei file. Il C++ è

Dettagli

BOZZA. cin per la comunicazione dal dispositivo di input standard, la tastiera, al programma (stream di input standard)

BOZZA. cin per la comunicazione dal dispositivo di input standard, la tastiera, al programma (stream di input standard) Capitolo 6 Input/output su file BOZZA 6.1 Stream e file L input/output in C ++, in particolare quello su file, avviene tramite stream. stream. Uno stream è un astrazione di un canale di comunicazione,

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa

Il file system. meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate. in memoria di massa Il File System 1 Il file system E quella componente del SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti

Dettagli

Il File System. Il file system

Il File System. Il file system Il File System Il file system Parte di SO che fornisce i meccanismi di accesso e memorizzazione delle informazioni (programmi e dati) allocate in memoria di massa Realizza i concetti astratti di file:

Dettagli

IL LINGUAGGIO Visual Basic

IL LINGUAGGIO Visual Basic Caratteristiche del linguaggio VB Linguaggio basato sugli eventi IL LINGUAGGI Visual Basic I programmi non sono procedurali, poiche non seguono una sequenza operativa. gni programma si basa infatti su

Dettagli

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic

Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic Programmazione in Excel con il linguaggio Visual Basic L'ambiente di programmazione Il foglio elettronico Excel, così come gli altri prodotti Office di Microsoft, possiede un vero e proprio ambiente di

Dettagli

Preparati per il compito in classe Modulo 5

Preparati per il compito in classe Modulo 5 Preparati per il compito in classe Modulo 5 Hai i dati relativi a una serie di N (con N < 20) cinema, per ogni cinema si conoscono il nome e l incasso. Scrivi un programma che, presi in input tali dati,

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Q U I C K B A S I C versione 4.5

Q U I C K B A S I C versione 4.5 Q U I C K B A S I C versione 4.5 Prof. Claudio Maccherani Anno scolastico 1998/1999 GENERALITÀ Quick Basic è un linguaggio di programmazione ad alto livello, interpretato e compilato. È fornito di un completo

Dettagli

www.wlascuola.4000.it

www.wlascuola.4000.it 1 Cenni di programmazione Risolvere un problema significa trovare un procedimento che consenta di produrre i risultati, a partire dai dati iniziali, attraverso un processo di elaborazione. La metodologia

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane

Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Algebra Booleana ed Espressioni Booleane Che cosa è un Algebra? Dato un insieme E di elementi (qualsiasi, non necessariamente numerico) ed una o più operazioni definite sugli elementi appartenenti a tale

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1

Le L z e ione n e d i d V isu s a u l B asi s c Prof.ssa Paola Goi 1 Lezione di Visual Basic Prof.ssa Paola Goi 1 VISUAL BASIC E un ambiente di programmazione che permette una programmazione: VISUALE AD EVENTI Per creare programmi applicativi nel sistema operativo Windows.

Dettagli

GENEALOGIA... 1 INTERFACCIA GRAFICA E CONTROLLI VISUALI...

GENEALOGIA... 1 INTERFACCIA GRAFICA E CONTROLLI VISUALI... prof. Claudio Maccherani, Perugia, 2003 INDICE GENEALOGIA... 1 INTERFACCIA GRAFICA E CONTROLLI VISUALI... 1 GENERALITÀ... 1 AMBIENTE DI PROGRAMMAZIONE... 2 CONTROLLI... 3 PROPRIETÀ... 3 EVENTI... 4 METODI...

Dettagli

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS

CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS CONTENUTI: CREAZIONE DI UN DATABASE E DI TABELLE IN ACCESS Creazione database vuoto Creazione tabella Inserimento dati A) Creazione di un database vuoto Avviamo il programma Microsoft Access. Dal menu

Dettagli

Struttura dati FILE. Concetto di FILE

Struttura dati FILE. Concetto di FILE Struttura dati FILE Concetto di FILE Per poter mantenere disponibili dei dati tra diverse esecuzioni di un programma (PERSISTENZA dei dati), è necessario poterli archiviare su memoria di massa. Un file

Dettagli

ISI s.r.l. Corso di Access 05 CREARE UN ELENCO MAILING ED INVIARE MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Pag. 1/6

ISI s.r.l. Corso di Access 05 CREARE UN ELENCO MAILING ED INVIARE MESSAGGI DI POSTA ELETTRONICA Pag. 1/6 Pag. 1/6 Quello che vogliamo ottenere con questo database è un semplice programma che permetta di fare mailing tramite posta elettronica. 1 Dopo aver creato il database con Access 97 o 2000 è necessario

Dettagli

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic

6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic LIBRERIA WEB 6. Applicazione: gestione del centro sportivo Olympic PROGETTO Il centro sportivo Olympic organizza corsi di tipo diverso: nuoto, danza, karate, ecc. Ogni corso ha un unico istruttore prevalente,

Dettagli

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script.

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script. I file in PHP Un file è un archivio elettronico contenente informazioni (dati) memorizzate su memoria di massa. Il file ha la caratteristica di consentire la lettura, la scrittura e la modifica dei dati

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

Corso di Visual Basic (Parte 8)

Corso di Visual Basic (Parte 8) Corso di Visual Basic (Parte 8) di MAURIZIO CRESPI Questo mese il corso di programmazione in Visual Basic focalizza la propria attenzione sulle procedure, talvolta dette subroutine L oggetto dell ottava

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Introduzione al Linguaggio C

Introduzione al Linguaggio C Introduzione al Linguaggio C File I/O Daniele Pighin April 2009 Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C 1/15 Outline File e dati Accesso ai file File I/O Daniele Pighin Introduzione al Linguaggio C

Dettagli

Indice. settembre 2008 Il File System 2

Indice. settembre 2008 Il File System 2 Il File System Indice 4. Il File System 5. Vantaggi del FS 6. Protezione 7. Condivisione 8. I file - 1 9. I file - 2 10. Attributi dei file 11. Directory 12. Livelli di astrazione - 1 13. Livelli di astrazione

Dettagli

Interfaccia del file system

Interfaccia del file system Interfaccia del file system Concetto di file Modalità di accesso Struttura delle directory Montaggio di un file system Condivisione di file Protezione 9.1 File E un insieme di informazioni correlate e

Dettagli

Corso sul linguaggio Java

Corso sul linguaggio Java Corso sul linguaggio Java Modulo JAVA6 A1 I file testo 1 Prerequisiti Programmazione base in Java Utilizzo di classi e oggetti Modello produttore consumatore Operazioni logiche su struttura file 2 1 Introduzione

Dettagli

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione

Automatizzare i compiti ripetitivi. I file batch. File batch (1) File batch (2) Visualizzazione (2) Visualizzazione Automatizzare i compiti ripetitivi I file batch Anno accademico 2000-01 1 Spesso capita di dover eseguire ripetutatmente una data sequenza di comandi Introdurli uno a uno da tastiera è un processo lento

Dettagli

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12.

File system. Chiamate di sistema POSIX Esempi: Chiamate di sistema Windows Esempio: Esercizi. 4.3 BSD Linux NTFS. Sistemi Operativi mod B 12. File system Chiamate di sistema POSIX Esempi: 4.3 BSD Linux Chiamate di sistema Windows Esempio: NTFS Esercizi 12.1 Le chiamate di sistema di UNIX per file UNIX mette a disposizione sia chiamate di sistema

Dettagli

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali

M.U.T. Modulo Unico Telematico. Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali M.U.T. Modulo Unico Telematico Specifiche tecniche interfaccia automatica per i Software Gestionali Data Redazione Documento 28/02/2011 Data Pubblicazione Documento Versione 2.1.0 Responsabile CNCE Giuseppe

Dettagli

Gestione di files Motivazioni

Gestione di files Motivazioni Gestione di files Motivazioni Un programma in esecuzione legge (sequenzialmente) una sequenza di caratteri prodotti "al volo" dall'utente (tramite tastiera) il programma in esecuzione scrive (sequenzialmente)

Dettagli

GESTIONE DEGLI ARCHIVI

GESTIONE DEGLI ARCHIVI GESTIONE DEGLI ARCHIVI ARCHIVIO NON SAS ARCHIVIO NON SAS PUT FILE CARDS PASSO DI DATA SET MERGE OUTPUT UPDATE ARCHIVIO SAS ARCHIVIO SAS La lettura richiede sempre la dichiarazione INPUT in cui si indicano

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Bot Tutorial. NTR Italia Via Sangro, 29 20132 Milano Tel. +39 02 28 04 04 68 Fax +39 02 28 93 80 2 www.ntradmin.com www.ntrglobal.

Bot Tutorial. NTR Italia Via Sangro, 29 20132 Milano Tel. +39 02 28 04 04 68 Fax +39 02 28 93 80 2 www.ntradmin.com www.ntrglobal. Bot Tutorial NTR Italia Via Sangro, 29 20132 Milano Tel. +39 02 28 04 04 68 Fax +39 02 28 93 80 2 www.ntradmin.com www.ntrglobal.com Offices in Barcelona - Boston - Dallas - Heidelberg - London - Madrid

Dettagli

Piccola guida a VBA per Word

Piccola guida a VBA per Word Piccola guida a VBA per Word La differenza tra VBA (Visual Basic for Applications) e VB6 (Visual Basic versione 6) Il modello di un documento Word Il progetto di un documento Word Come creare un nuovo

Dettagli

SCP - Scuola di Calcolo Parallelo - Scheduler per programmi paralleli. Mattia Sessolo I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave

SCP - Scuola di Calcolo Parallelo - Scheduler per programmi paralleli. Mattia Sessolo I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave SCP - Scuola di Calcolo Parallelo - Scheduler per programmi paralleli Mattia Sessolo I.T.I.S. V.Volterra San Donà di Piave 2006-2007 Introduzione Questo programma è stato ideato per facilitare e automatizzare

Dettagli

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX

NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX NOZIONI BASE SHELL E SCRIPT LINUX Aggiornato al 11 gennaio 2006 Ermes ZANNONI (ermes@zannoni.to.it) (http://www.zannoni.to.it) Indice : 1. Introduzione 2. La Shell 2.1 Comandida Shell 2.1.1 File e directory

Dettagli

www.mtcube.com Manuale di ASP

www.mtcube.com Manuale di ASP Manuale di ASP Sommario degli argomenti Che cosa sono le Active Server Pages... 3 Struttura, creazione ed esecuzione della pagina Asp... 3 Variabili e tipi di dati... 4 Numero Intero... 4 Numeri in virgola

Dettagli

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a.

Istruzioni condizionali. Istruzioni condizionali IF-THEN- ELSE IF-THEN-ELSE. Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. Istruzioni condizionali Istruzioni condizionali Statistica computazionale Carla Rampichini a.a. 2008/09 Subsetting I I espressione; I-THEN-ELSE I espress THEN istr; [ELSE istr;] DO WHILE DO UNTIL I-THEN-

Dettagli

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante

Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante Tiipii dii Datii iin Viisuall Basiic Le variabili di Visual Basic consentono di memorizzare temporaneamente valori durante l'esecuzione di un'applicazione. Alle variabili è associato un nome, utilizzato

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A)

ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Autore: Classe: Nicola Ceccon QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo ASP: DOMANDE E RISPOSTE (Q&A) Dispensa La dispensa presenta i contenuti fondamentali di ASP nella

Dettagli

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà:

Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: Prof. Emanuele Papotto Gli archivi Archivio: è un insieme organizzato di informazioni (movimenti contabili, archivi: clienti/fornitori, personale, magazzino) Proprietà: tra le informazioni esiste un nesso

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica

Software di base. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Software di base Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

Lab 11 Gestione file di testo"

Lab 11 Gestione file di testo Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni Lab 11 Gestione file di testo" Lab15 1 Esercizio 1 n Realizzare un programma che, aperto un file di testo di nome

Dettagli

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo

BARCODE. Gestione Codici a Barre. Release 4.90 Manuale Operativo Release 4.90 Manuale Operativo BARCODE Gestione Codici a Barre La gestione Barcode permette di importare i codici degli articoli letti da dispositivi d inserimento (penne ottiche e lettori Barcode) integrandosi

Dettagli

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM

Procedure memorizzate SQL-2003/PSM. Forma base di PSM. Parametri in PSM Procedure memorizzate SQL-2003/PSM Procedure memorizzate nel database Programmazione general-purpose Leggere sezione 8.2 di Garcia-Molina et al. Lucidi derivati da quelli di Jeffrey D. Ullman 1 Una estensione

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

I/O su Socket TCP: read()

I/O su Socket TCP: read() I/O su Socket TCP: read() I socket TCP, una volta che la connessione TCP sia stata instaurata, sono accedibili come se fossero dei file, mediante un descrittore di file (un intero) ottenuto tramite una

Dettagli

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI

ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI ARCHIVI E LORO ORGANIZZAZIONI Archivio: - insieme di registrazioni (record), ciascuna costituita da un insieme prefissato di informazioni elementari dette attributi (campi) - insieme di informazioni relative

Dettagli

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura

TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE. WEB SERVICE Descrizione procedura TRASMISSIONE REPORTISTICA MENSILE Indice 1. DESCRIZIONE... 3 2. METODI... 4 3. IL FILE XML... 6 3.1 Descrizione contenuti del file... 7 4. COME IMMETTERE I DATI SE NON CI SONO STATE VALUTAZIONI... 12 5.

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Corso di Programmazione ad oggetti

Corso di Programmazione ad oggetti Corso di Programmazione ad oggetti Il sistema di I/O del C++ a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 Il Modello di Von Neumann Il Modello di Von Neumann prevede che la CPU carichi in maniera sequenziale i

Dettagli

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a

A. Carullo Introduzione a Visual Basic. Introduzione a Introduzione a Visual Basic 1 Indice degli argomenti trattati Cos è Visual Basic? L ambiente di sviluppo Visual Basic I passi per la creazione di un progetto VB Operazioni più comuni in un progetto VB

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno UD 3.1b: Costrutti di un Algoritmo Dispense 1.2 I Costrutti di base 13 apr 2010

Dettagli

10.4. La classe File e gli attributi di directory e file

10.4. La classe File e gli attributi di directory e file pag.143 10.4. La classe File e gli attributi di directory e file Questa classe, molto utile per operare con i file su disco, consente di accedere alle directory, verificare e acquisire le caratteristiche

Dettagli

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10]

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] - 88 - Manuale di Aggiornamento 4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] È ora possibile importare i listini fornitori elencati in un file Excel. Si accede alla funzione dal menù Magazzino

Dettagli

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database

PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database PL/SQL Uso di un linguaggio procedurale per un database Roberto Basili Corso di Basi Di Dati 1 a.a. 2000-2001 Abstract Questa breve dispensa descrive piu etesamente i contenuti della esercitazione del

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II)

SISTEMI OPERATIVI. Realizzazione del file system. Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) (MODULO DI INFORMATICA II) SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) Realizzazione del file system Prof. Luca Gherardi Prof.ssa Patrizia Scandurra (anni precedenti) Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 Sommario Realizzazione

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012

Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Progetto Lauree Scientifiche Liceo Classico L.Ariosto, Ferrara Dipartimento di Matematica Università di Ferrara 24 Gennaio 2012 Concetti importanti da (ri)vedere Programmazione imperativa Strutture di

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 4: Operatori, Array, Controlli e Cicli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 4: Operatori, Array, Controlli e Cicli Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 4: Operatori, Array, Controlli e Cicli Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderà il concetto di Array, nel suo aspetto basilare, ed in particolare

Dettagli

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti

Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Parte 3 Modulo 4: Gestore del File System (Memoria secondaria) Componenti Interfaccia utente Gestore dell I/O Gestore del File System Gestore dei Processi Gestore della Memoria Centrale *KERNEL Informatica

Dettagli

Gli Array (2) Gli Array. Gli Array (4) Gli Array (3)

Gli Array (2) Gli Array. Gli Array (4) Gli Array (3) Gli Array! Gli Array sono una delle funzioni più interessanti e flessibili.! A differenza degli altri linguaggi.! Gli array di PHP possono archiviare dati di vari tipi.! Possono organizzarli automaticamente

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment

Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment Obiettivi d esame PHP Developer Fundamentals on MySQL Environment 1.0 Ambiente di sviluppo 1.1 Web server e database MySQL Comprendere la definizione dei processi che si occupano di fornire i servizi web

Dettagli

In questa puntata analizzeremo

In questa puntata analizzeremo Quarta parte Implementazione del protocollo MODBUS ASCII Quinta parte Simulatore PLC Il programma di supervisione Applicazione embedded 104 In questa puntata analizzeremo l ultima parte per quello che

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag