Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma Verdi. Luca Milano 1960.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960."

Transcript

1 File di dati

2 Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record

3 Operazioni sui file Per utilizzare i dati presenti in un file sono necessarie le seguenti operazioni 1. apertura 2. lettura/scrittura per rendere disponibile il file per l elaborazione: stabilisce un collegamento tra la memoria centrale ed il file registrato sulle memorie di massa, riservando un buffer per l operazione di I/O operazioni che si devono effettuare sul file 3. chiusura per rilasciare il file: viene interrotto il collegamento tra memoria centrale ed il file, liberando la memoria riservata per le operazioni d I/O

4 Lettura di un file lettura trasferisce un record da M.M. a M.C. Bianchi Verdi Neri Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Bianchi Anna Roma 1980 Buffer in Memoria centrale Memoria di massa

5 Scrittura di un file scrittura trasferisce un record da M.C. a M.M. Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Verdi Paola Bari 1954 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Buffer in Memoria centrale Memoria di massa

6 Tipologie di file in V.B. File sequenziali i dati vengono memorizzati in modo sequenziale uno di seguito all altro in fase di lettura i record devono essere letti in modo sequenziale (partendo dal primo) usati per archivi di piccole dimensioni su disco i campi di tipo String sono racchiusi tra doppi apici su disco i campi sono separati dalla virgola File ad accesso casuale i dati vengono memorizzati nella posizione richiesta all interno del file in fase di lettura e possibile accedere direttamente ad un dato record, conoscendone la posizione nel file

7 File sequenziali

8 File sequenziali: apertura Open percorso For modalita As #Numero percorso indica il nome fisico del file in memoria di massa, eventualmente corredato dal percorso modalita indica la modalita di accesso al file, sulla base dell operazione che si deve effettuare; puo essere: Output se si deve creare il file Append se si devono aggiungere record ad un file esistente Input se si deve leggere il file #Numero e un numero, stabilito in genere dal programmatore, che identifica il file all interno dell applicazione Esempio : Open Clienti.dat For Input As #1

9 File sequenziali: apertura Osservazioni sulle modalità di apertura Output se il file non esiste viene creato, altrimenti scrive i nuovi dati all inizio del file sovrascrivendo quelli esistenti (il contenuto precedente viene perso) Append se il file non esiste viene creato, altrimenti scrive i nuovi dati in coda, senza cancellare quelli esistenti Input se il file non esiste viene generato un errore di runtime (in VB Err.Number=53)

10 File sequenziali: chiusura Close #Numero #Numero e il numero del file che si desidera chiudere Esempio : Close #1

11 File sequenziali: scrittura Write #Numero, dato1, dato2,... #Numero e il numero del file in cui si desidera scrivere datox sono i campi del record che si desidera inserire Esempi Write #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita Write #1, txtcognome, txtnome, txtluogo, txtannonascita Osservazioni Dopo aver scritto l ultimo carattere, l istruzione Write inserisce nel file un carattere di nuova riga (ritorno a capo) Per poter scrivere su un file, il file stesso deve essere stato aperto con modalita Output o Append

12 File sequenziali: lettura Input #Numero, dato1, dato2,... #Numero e il numero del file che si desidera leggere datox sono i campi del record che si desiderano leggere Esempi Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita Input #1, lblcognome, lblnome, lblluogo, lblannonascita Osservazioni Per poter legger un file, il file stesso deve essere stato aperto con modalita Input

13 File sequenziali: ricerca completa SE non esiste FileA ALLORA Segnalazione all utente ALTRIMENTI Trovato=False Apertura in lettura FileA ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) Lettura di un record di FileA 1 SE condizione da analizzare sul record letto ALLORA Elaborazioni da effettuare (es.: aggiornamento 2 contatori, visualizzazioni, stampe, ecc ) Trovato=True FINE-SE FINE-ESEGUI Chiusura FileA SE Trovato=False ALLORA La ricerca ha dato esito negativo [ALTRIMENTI Eventuali visualizzazioni/stampe di dati finali] FINE-SE FINE-SE Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi 2 Anna RecClienti Roma Elaborazioni sui dati fino alla fine del FileA

14 File sequenziali: ricerca completa Codifica VB Ipotizziamo di dover contare il numero di clienti nati a Milano Dim Trovato As Boolean Dim Tot As Integer If Dir( Clienti.dat )= Then MsgBox Non esiste l archivio clienti! Else Trovato=False Tot=0 Open Clienti.dat For Input As #1 Do While Not EOF(1) Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If (RecClienti.Luogo= Milano ) Then Tot=Tot+1 Trovato=True End If Loop Close #1 If Not Trovato Then MsgBox Nessun cliente è nato a Milano Else MsgBox Numeo clienti nati a Milano = & Tot End If

15 File sequenziali: ricerca sequenziale SE non esiste FileA ALLORA Segnalazione all utente ALTRIMENTI Trovato=False Apertura in lettura FileA ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) E Trovato=False Lettura di un record di FileA 1 SE condizione da analizzare sul record letto ALLORA Elaborazioni da effettuare 2 Trovato=True FINE-SE FINE-ESEGUI Chiusura FileA SE Trovato=False ALLORA La ricerca ha dato esito negativo FINE-SE FINE-SE Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi 2 Anna RecClienti Roma Elaborazioni sui dati fino a quando si arriva alla fine del FileA o si trova il record

16 File sequenziali: ricerca sequenziale Codifica VB Ipotizziamo di visualizzare in una etichetta di un form nome e cognome della prima persona (presente nel file) nata nel 1960 Dim Trovato As Boolean If Dir( Clienti.dat )= Then MsgBox Non esiste l archivio clienti! Else Trovato=False Open Clienti.dat For Input As #1 Do While Not EOF(1) And Trovato=False Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If (RecClienti.AnnoNascita=1960) Then lblcognome=recclienti.cognome lblnome=recclienti.nome Trovato=True End If Loop Close #1 If Not Trovato Then MsgBox Nessun cliente è nato a Milano End If

17 File sequenziali: ordinamento di dati Non è possibile ordinare i dati direttamente nel file CARICAMENTO TABELLA 1 Apertura in lettura FileA I=0 ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) I=I+1 Lettura di un record di FileA in Tabxxx(I) FINE-ESEGUI Chiusura FileA N=I Cancellazione FileA Rinominare FileB con nome FileA ORDINAMENTO TABELLA PER I=1 To N-1 PER J=I+1 TO N Confronto e scambio dati NEXT J NEXT I 2 I dati verranno caricati in una tabella in M.C. e ordinati Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi Verdi Anna Luca. 1 TabClienti Roma Milano fino alla fine del FileA STAMPA/VISUALIZZAZIONE DATI ORDINATI 3

18 File sequenziali: ordinamento Codifica VB Stampa elenco clienti ordinato in base all anno di nascita If Dir( Clienti.dat )= Then MsgBox Non esiste l archivio clienti! Else I=0 Open Clienti.dat For Input As #1 Do While Not EOF(1) I=I+1 Input #1, TabClienti(I).Cognome, TabClienti(I).Nome,.. Loop Close #1 N=I For I=1 To N-1 For J=I+1 To N If TabClienti(I).Anno > TabClienti(J).Anno Then RecTemp=TabClienti(I) TabClienti(I)=TabClienti(J) TabClienti(J)=RecTemp End If Next J Next I For I=1 To N Printer.Print Tab(5);TabClienti(I).Cognome;. Next I Si dovranno dichiarare: La tabella RecTemp Le variabil I,J,N

19 File sequenziali: modifica dei dati Non è possibile effettuare direttamente modifiche (aggiornamenti o cancellazioni) sui record presenti in un file sequenziale Per effettuare aggiornamenti o cancellazioni di record occorre utilizzare un secondo file nel quale: registrare tutti i record con le eventuali modifiche (in caso di aggiornamento) registrare i record da conservare, tralasciando quelli da cancellare (in caso di cancellazione)

20 4 5 File sequenziali: modifica dei dati Apertura in lettura FileA Apertura in creazione FileB ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) Aggiornamento di dati Lettura di un record di FileA Modifica, nel record (buffer di memoria), dei dati che si intendono aggiornare Scrittura del record aggiornato in FileB FINE-ESEGUI Chiusura FileA Chiusura FileB Cancellazione FileA Rinominare FileB con nome FileA Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari Bianchi Anna 1 RecClienti Roma 1980 RecClienti.AnnoNascita= 1981 Bianchi Anna Roma 1981 Bianchi Anna Roma fino alla fine del FileA

21 File sequenziali: modifica dei dati Aggiornamento di dati: codifica VB Ipotizziamo di dover cambiare l anno di nascita di Anna Bianchi con il valore 1981 Open Clienti.dat For Input As #1 Open Nuovo.dat For Output As #2 Do While Not EOF(1) Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If (RecClienti.Cognome= Bianchi ) And (RecClienti.Nome= Anna ) Then RecClienti.AnnoNascita= 1981 End If Write #2, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita Loop Close #1 Close #2 Cancellazione file Clienti.dat Kill Clienti.dat Rinomina il nuovo file con nome Clienti.dat Name Nuovo.dat As Clienti.dat

22 3 4 File sequenziali: modifica dei dati Apertura in lettura FileA Apertura in creazione FileB ESEGUI MENTRE Not(Fine FileA) 1 2 Lettura di un record di FileA SE record da conservare ALLORA Scrittura del record in FileB FINE-SE FINE-ESEGUI Chiusura FileA Chiusura FileB Cancellazione FileA Rinominare FileB con nome FileA Cancellazione di record Bianchi Anna Roma 1980 Verdi Luca Milano 1960 Neri Andrea Torino 1976 Verdi Paola Bari 1954 Bianchi Bianchi Anna Roma 1981 Anna 1 RecClienti Roma fino alla fine del FileA per tutti i record che si vogliono conservare

23 File sequenziali: modifica dei dati Cancellazione di record : codifica VB Ipotizziamo di dover cancellare tutti i clienti di Milano Open Clienti.dat For Input As #1 Open Nuovo.dat For Output As #2 Do While Not EOF(1) Input #1, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita If RecClienti.Luogo <> Milano ) Then si devono conservare i dati dei clienti che non risiedono a Milano Write #2, RecClienti.Cognome, RecClienti.Nome, RecClienti.Luogo, RecClienti.AnnoNascita End If Loop Close #1 Close #2 Cancellazione file Clienti.dat Kill Clienti.dat Rinomina il nuovo file con nome Clienti.dat Name Nuovo.dat As Clienti.dat

24 File ad accesso casuale

25 File ad accesso casuale: apertura Open percorso For Random As #Numero Len=LunghezzaRecord percorso indica il nome fisico del file in memoria di massa, eventualmente corredato dal percorso non esiste differenza, nella modalità di apertura, per operazioni di input e di output #Numero e un numero, stabilito in genere dal programmatore, che identifica il file all interno dell applicazione LunghezzaRecord fissa la dimensione del buffer di memoria, può essere calcolata tramite la funzione Len( ) Len(RecAmici) restituisce la dimensione (in byte) del record RecAmici Esempio : Open Amici.dat For Random As #1 Len=Len(RecAmici)

26 File a accsso casuale: chiusura Close #Numero #Numero e il numero del file che si desidera chiudere Esempio : Close #1

27 File ad accesso casuale: scrittura Put #Numero, [posizione], record #Numero e il numero del file in cui si desidera scrivere posizione indica la posizione (numero di record) nel file in cui si vuole scrivere il record. Questo parametro permette di determinare se il record deve essere aggiunto all archivio o se deve essere sovrascritto ad uno già esistente. Quest ultima evenienza si verifica quando viene indicata una posizione già occupata da un record. Per aggiungere un nuovo record al file, invece, è necessario indicare un numero pari al numero totale di record presenti in archivio, aumentato di una unità. record contiene il record da scrivere nel file

28 File ad accesso casuale: scrittura Esempi Modifica del record in posizione 8, registrando i dati prelevati da caselle di testo RecAmici.Cognome= txtcognome RecAmici.Nome= txtnome RecAmici.Luogo= txtluogo RecAmici.AnnoNascita= Val(txtAnno) Put #1,8,RecAmici Aggiunta di un record in fondo al file, registrando i dati prelevati da caselle di testo RecAmici.Cognome= txtcognome RecAmici.Nome= txtnome RecAmici.Luogo= txtluogo RecAmici.AnnoNascita= Val(txtAnno) Calcola il numero del nuovo record con la seguente formula: (dimensione del file) \ (dimensione del record) + 1 NumRec=LOF(1)\Len(RecAmici) + 1 Numero di record presenti nel file Put #1,NumrRec,RecAmici Dimensione del file (in byte)

29 File ad accesso casuale: lettura Get #Numero, [posizione], record #Numero e il numero del file in cui si desidera scrivere posizione indica la posizione (numero di record) nel file del record che si vuole leggere. Tale valore può essere omesso solo in occasione di operazioni di lettura in sequenza; l assenza di tale numero, indicante la posizione, provoca infatti l accesso al record successivo a quello corrente. Anche in caso di omissione della posizione, non possono però essere omesse le virgole record indica il nome della variabile record nella quale verrà collocato il record letto

30 File ad accesso casuale: scrittura Esempi Lettura del terzo record presente in archivio Get #1,3,RecAmici Lettura del record successivo rispetto a quello che è appena stato analizzato Get #1,,RecAmici

31 File ad accesso casuale: aggiornamento dati Attraverso le istruzioni di lettura e scrittura è possibile aggiornare record già esistenti all interno di un file. Per farlo è necessario: leggere il record che si intende modificare (istruzione Get) apportare le modifiche ai campi del record fornendo nuovi valori scrivere il record nella stessa posizione (istruzione Put)

32 File ad accesso casuale: posizionamento su un record Seek #Numero, [posizione] #Numero e il numero del file nel quale ci si deve posizionare (il file deve essere già aperto!) posizione indica il numero di record sul quale ci si vuole posizionare Esempi di utilizzo Lettura del quarto record presente in archivio Seek #1,4 Get #1,,RecAmici Lettura di tutti i record partendo dal quarto Seek #1,4 Do While Not EOF(1) Get #1,,RecAmici Loop

33 File ad accesso casuale: individuazione posizione di un record (1) Funzione Seek(Numero) #Numero e il numero del file da analizzare (il file deve essere già aperto!) La funzione restituisce il numero del record successivo a quello sul quale è stata fatta l ultima operazione (lettura/scrittura/posizionamento) Bianchi Verdi Neri Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Ultimo record letto Seek(1) restituisce 3

34 File ad accesso casuale: individuazione posizione di un record (2) Funzione Loc(Numero) #Numero e il numero del file da analizzare (il file deve essere già aperto!) La funzione restituisce il numero dell ultimo record letto/scritto Bianchi Verdi Neri Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Ultimo record letto Loc(1) restituisce 2

35 File ad accesso casuale: cancellazione record (1) Cancellazione logica Non provoca una reale eliminazione del record, ma i record da cancellare vengono contrassegnati come cancellati e rimangono all interno del file. E quindi necessario aggiungere, nel tracciato record un campo Boolean, che verrà impostato a True per i record che si vogliono eliminare. Ovviamente ogni routine di elaborazione non dovrà analizzare i record nei quali questo campo ha valore True. Per eliminare definitivamente i record cancellati sarà necessario attivare una procedura che copierà in un nuovo file solo i record da conservare. RecAmici Cognome Nome Luogo AnnoNascita Cancellato Boolean

36 File ad accesso casuale: cancellazione record (2) Cancellazione fisica Provoca una reale eliminazione del/i record da cancellare. La tecnica utilizzata è la stessa utilizzata per cancellare record in file sequenziali (vedi appunti) OSSERVAZIONI Quando l archivio da gestire prevede la cancellazione di un record alla volta (es. anagrafiche), è consigliabile prevedere l utilizzo di cancellazione logica, con aggiunta di una funzione che permetta di compattare il file, a richiesta dell utente Quando l archivio da gestire prevede cancellazione di blocchi di record, (es. eliminazione dall archivio di tutti i residenti a Genova) è consigliabile prevedere l utilizzo di cancellazione fisica.

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File

Fondamenti di Informatica T. Linguaggio C: File Linguaggio C: File I File Il file e` l'unita` logica di memorizzazione dei dati su memoria di massa, che consente una memorizzazione persistente dei dati, non limitata dalle dimensioni della memoria centrale.

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Gestione dei File in C

Gestione dei File in C Gestione dei File in C Maurizio Palesi DIIT Università di Catania Viale Andrea Doria 6, 95125 Catania mpalesi@diit.unict.it http://www.diit.unict.it/users/mpalesi Sommario In questo documento saranno introdotte

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO

AREA RETTANGOLO LIRE IN EURO AREA RETTANGOLO Private Sub Area() Dim h As Integer h = InputBox("altezza") b = InputBox("base") A = b * h MsgBox( L area del Rettangolo è : & A) LIRE IN EURO Dim lire As Double Dim euro As Double lire

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader

Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Verifica che una grammatica sia Context Free nel GrammaReader Sommario Dispensa di Linguaggi di Programmazione Corrado Mencar Pasquale Lops In questa dispensa si descrivono alcune soluzioni per verificare

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti

Funzioni matlab per la gestione dei file. Informatica B Prof. Morzenti Funzioni matlab per la gestione dei file Informatica B Prof. Morzenti File Contenitori di informazione permanenti Sono memorizzati su memoria di massa Possono continuare a esistere indipendentemente dalla

Dettagli

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE

DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE DAL PROBLEMA AL CODICE: ATTRAVERSO LO PSEUDOCODICE Il problema Un computer è usato per risolvere dei problemi Prenotazione di un viaggio Compilazione e stampa di un certificato in un ufficio comunale Preparazione

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo

Appunti di Sistemi Operativi. Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Appunti di Sistemi Operativi Enzo Mumolo e-mail address :mumolo@units.it web address :www.units.it/mumolo Indice 1 Cenni su alcuni algoritmi del Kernel di Unix 1 1.1 Elementi di Unix Internals.................................

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31

Le Liste. Elisa Marengo. Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica. Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Le Liste Elisa Marengo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Informatica Elisa Marengo (UNITO) Le Liste 1 / 31 Cos è una Lista Una lista è una collezione di elementi omogenei che: potrebbero

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Chiamate di sistema per la Inter Process Communication (IPC) in POSIX E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Pipe Cos'è un pipe? E' un canale di comunicazione che unisce due processi Caratteristiche: La più vecchia

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati

Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Algoritmi Algoritmi Risolvere un problema significa individuare un procedimento che permetta di arrivare al risultato partendo dai dati Il procedimento (chiamato algoritmo) è composto da passi elementari

Dettagli

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2)

Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Fondamenti dell Informatica Ricorsione e Iterazione Simona Ronchi Della Rocca (dal testo: Kfoury, Moll and Arbib, cap.5.2) Definiamo innanzitutto una relazione d ordine tra le funzioni. Siano φ e ψ funzioni

Dettagli

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247

Cos è una stringa (1) Stringhe. Leggere e scrivere stringhe (1) Cos è una stringa (2) DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Cos è una stringa (1) Stringhe DD Cap. 8 pp. 305-341 KP Cap. 6 pp. 241-247 Una stringa è una serie di caratteri trattati come una singola unità. Essa potrà includere lettere, cifre, simboli e caratteri

Dettagli

StarOffice TM 7 Office Suite

StarOffice TM 7 Office Suite StarOffice TM 7 Office Suite A Sun TM ONE Software Offering Manuale di programmazione in Basic Sun Microsystems, Inc. 4150 Network Circle Santa Clara, CA 95054 U.S.A. 650-960-1300 Part No. 817-3918-10

Dettagli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli

Le Stringhe. Un introduzione operativa. Luigi Palopoli Le Stringhe p.1/19 Le Stringhe Un introduzione operativa Luigi Palopoli ReTiS Lab - Scuola Superiore S. Anna Viale Rinaldo Piaggio 34 Pontedera - Pisa Tel. 050-883444 Email: palopoli@sssup.it URL: http://feanor.sssup.it/

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Per realizzare un programma in VB

Per realizzare un programma in VB Per realizzare un programma in VB E necessario eseguire nell ordine i seguenti passi: 1) Dato un problema, disegnare la tabella delle variabili 2) Determinare l algoritmo risolutivo con la pseudocodifica

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti

Scuola Specializzazione Istruzione Superiore. Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Scuola Specializzazione Istruzione Superiore Object Oriented Programming (OOP) Introduzione alla programmazione orientata agli oggetti Michele Batocchi ITC Vittorio Emanuele II Perugia A.S. 2007/2008 Introduzione

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di

RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di RICORSIONE - schema ricorsivo (o induttivo) si esegue l'azione S, su un insieme di dati D, mediante eventuale esecuzione di esempio CERCA 90 NEL SACCHETTO = estrai num Casi num 90 Effetti CERCA 90 NEL

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

1 PARTE Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

1 PARTE Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net 1 PARTE Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo.

Dettagli

Fortran per Ingegneri

Fortran per Ingegneri Fortran per Ingegneri Lezione 5 A.A. 0/04 Ing. Davide Vanzo davide.vanzo@unitn.it Ing. Simone Zen simone.zen@unitn.it ufficio: Laboratorio didattico di modellistica ambientale ( piano) Tel interno: 488

Dettagli

Struttura a record. File ad accesso diretto. Modalità di apertura. Modalità di apertura

Struttura a record. File ad accesso diretto. Modalità di apertura. Modalità di apertura Struttura a record 2 File ad accesso diretto Il file è organizzato in record aventi tutti la stessa struttura e quindi dimensione record 0 record 1 record 2 Ver. 2.4 2010 - Claudio Fornaro - Corso di programmazione

Dettagli

Un oggetto per la lettura dalla tastiera

Un oggetto per la lettura dalla tastiera Fondamenti di informatica Oggetti e Java ottobre 2012 1 Un oggetto per la lettura dalla tastiera Le API di Java hanno un oggetto System.in che rappresenta la tastiera del calcolatore, ma che non è semplice

Dettagli

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero

---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero ---------------------------------------------------------------- Puntatori a funzione. In C è possibile utilizzare dei puntatori a funzioni, ovvero delle variabili a cui possono essere assegnati gli indirizzi

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project

Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project Linguaggio C++ Uso ambiente Dev C++ con creazione di progetto con scelta Basic --> Empty Project NB: E necessario: adoperare la sintassi più evoluta per le direttive di precompilazione 1, usando come contenitore

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it

Introduzione ai Device Drivers in Linux. E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it Introduzione ai Device Drivers in Linux E.Mumolo, DEEI mumolo@units.it 1 Device Drivers Moduli software che gestiscono le periferiche attraverso il file system Tutte le periferiche sono viste come file

Dettagli

Comandi di Input/Output in Matlab

Comandi di Input/Output in Matlab Comandi di Input/Output in Matlab Il comando format controlla la configurazione numerica dei valori esposta da MAT- LAB; il comando regola solamente come i numeri sono visualizzati o stampati, non come

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona

La ricorsione. Politecnico di Milano Sede di Cremona La ricorsione Politecnico di Milano Sede di Cremona Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://www.elet.polimi.it/~cugola Definizioni ricorsive Sono comuni

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); }

/** * VETTORE DINAMICO elementi */ private Vector elementi; /** * METODO COSTRUTTORE */ public coda() { elementi=new Vector(); } import java.util.*; class coda * Questa classe contiene tutti i metodi per la gestione della coda * @author D'Ambrosio Giovanni Classe 4D I.T.I.S. Grottaminarda * @version 26/02/2010 * VETTORE DINAMICO

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica

Funzioni. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Funzioni Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e dei

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni

Esercitazione 7. Procedure e Funzioni Esercitazione 7 Procedure e Funzioni Esercizio Scrivere un programma che memorizza in un array di elementi di tipo double le temperature relative al mese corrente e ne determina la temperatura massima,

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007

Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Laboratorio di Calcolatori 1 Corso di Laurea in Fisica A.A. 2006/2007 Dott.Davide Di Ruscio Dipartimento di Informatica Università degli Studi di L Aquila Lezione del 08/03/07 Nota Questi lucidi sono tratti

Dettagli

Problem solving avanzato

Problem solving avanzato Problem solving avanzato Formulazione del problema Struttura dati e algoritmo Il programma 2 26 Politecnico di Torino 1 Dati in input (1/4) Sono dati due file di testo, contenenti le informazioni sulle

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT

Introduzione. Esempio 1. Soluzione: SPOSTA_1.BAT Introduzione Un file batch è un file di testo di tipo ASCII che contiene una sequenza di comandi DOS. I file batch devono avere estensione.bat I comandi DOS all interno dei programmi batch sono eseguiti

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Linguaggio C: introduzione

Linguaggio C: introduzione Linguaggio C: introduzione Il linguaggio C è un linguaggio general purpose sviluppato nel 1972 da Dennis Ritchie per scrivere il sistema operativo UNIX ed alcune applicazioni per un PDP-11. Il linguaggio

Dettagli

Prolog: aritmetica e ricorsione

Prolog: aritmetica e ricorsione Capitolo 13 Prolog: aritmetica e ricorsione Slide: Aritmetica e ricorsione 13.1 Operatori aritmetici In logica non vi è alcun meccanismo per la valutazione di funzioni, che è fondamentale in un linguaggio

Dettagli

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO

PD32. Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO PD32 Esercitazione sull interfacciamento con un dispositivo di IO Domanda #5 14/09/2000 Si dispone di un PD32 per effettuare il collaudo di un circuito integrato combinatorio con 5 ingressi e una uscita,

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Gestione dinamica di una pila

Gestione dinamica di una pila Gestione dinamica di una pila Una pila o stack è una lista lineare a lunghezza variabile in cui inserimenti (push) ed estrazioni (pop) vengono effettuate ad un solo estremo, detto testa (top) della pila.

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Aniello Murano http://people.na.infn.it people.na.infn.it/~murano/ 1 Operazioni su Liste Doppie e Circolari 2 1 Indice Liste puntate semplici: Gli elementi sono

Dettagli

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED

I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED I FILTRI SED, GREP (e AWK) Tratto da http://www.pluto.it/files/ildp/guide/abs/textproc.html SED SED è un programma in grado di eseguire delle trasformazioni elementari in un flusso di dati di ingresso,

Dettagli

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I.

Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. Guida funzioni di importa /esporta pratiche e anagrafiche; importa dati R.I. 1. PREMESSA sulle MODALITA' di UTILIZZO Fedra Plus 6 può essere utilizzato in: in modalità interattiva; da interfaccia (GUI),

Dettagli