Swiss Issues Regioni Concorrenza fiscale cantonale: nessun indebolimento in vista. redditi. ulteriori. popolare. tassazione. già.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Swiss Issues Regioni Concorrenza fiscale cantonale: nessun indebolimento in vista. redditi. ulteriori. popolare. tassazione. già."

Transcript

1 Swiss Issues Regioni Concorrenza fiscale cantonale: nessun indebolimento in vista Maggio 2012 TAX-I concorrenza fiscale l'imposta cantoni imposte patrimonio Svizzera reddito sull'utile misure cantone dispendio federale livello capitale deduzione base figli fisiche dell'imposizione riforma cantonale entrate forfettaria riduzione imprese valida cantonali nazionale tassazione Giuridicamente effetti giuridiche holding l'imposizione parte viene essere gettito imposizione progressione Giuridicamente internazionale politica situazione società soppressione tasso utili almeno Confederazione domicilio Figura Fonte stata Credit dell'aliquota Economic finanze indebitamento può Research Suisse Tax così l'accudimento minori modello Obvaldo popolare prima Riduzione Zugo aliquote all'imposta caso d'imposta dell'imposta fiscali media soltanto valore Zurigo anni attraente condizioni costi domestica fase freddo imponibile imposta l'onere maniera moltiplicatore Neuchâtel quadro redditi sede seguito annuale Basilea calcolo conto degressiva legge minor netto ogni però punto sistema state tariffa - all'ipc attuale determinati Mentre Svitto svizzeri tal ulteriori critico Day dell' devono diverse Esterno Flat già livelli mentre Ticino tipi tramite tuttavia vista volta / anno comune diritto diversi II scala senso alcuna CH cifre circa crisi criteri fatto fattori Gran Indice infatti sedi tali terza all'utilizzo AR differenza dopo far III lordo metà OW posto scatti serve SH termini TG UR Uri verso

2 Sigla editoriale Editore Martin Neff, Head Credit Suisse Economic Research Uetlibergstrasse 231, CH-8070 Zurigo Contatto Telefono +41 (0) Autori Thomas Rühl Andrea Schnell Nora Sydow Foto di copertina Nuvola di parole chiave. Le dimensioni delle parole sono determinate in base alla loro frequenza nel testo Chiusura redazionale Ordini Telefono +41 (0) Visitateci su Internet Disclaimer Il presente documento è stato redatto dall Economic Research del Credit Suisse e non è il risultato di un analisi finanziaria nostra o altrui. Le «Direttive per la salvaguardia dell indipendenza dell analisi finanziaria» dell Associazione Svizzera dei Banchieri non si applicano pertanto al presente documento. La presente pubblicazione persegue esclusivamente fini informativi. Le tesi ivi riportate sono state formulate dall Economic Research del Credit Suisse alla data di stampa (con riserva di modifiche). La presente pubblicazione può essere citata con l indicazione della fonte. Copyright 2012 Credit Suisse Group SA e/o aziende a esso collegate. Tutti i diritti riservati. Swiss Issues Regioni

3 Contenuto Sintesi 4 1 Armonizzazione fiscale e concorrenza fiscale 5 2 Onere fiscale dei cantoni Tax Independence Day: un indicatore dell'onere fiscale individuale Indice dell'onere fiscale per le persone fisiche e giuridiche 9 3 Stato delle finanze cantonali e misure fiscali Stato delle finanze Misure fiscali pianificate 15 4 Focus: dibattito sull'imposizione forfettaria 18 5 Focus: zelo riformista nell'imposizione delle imprese 22 6 Conclusione 24 Swiss Issues Regioni 3

4 Sintesi Le relazioni tra i cantoni svizzeri sono improntate alla collaborazione, alla solidarietà ma anche alla competizione. L'aspetto concorrenziale emerge con la massima evidenza nella politica fiscale: per posizionarsi come sede economica e di domicilio attraente, negli ultimi anni i cantoni hanno infatti adottato innumerevoli misure di sgravio. I più attrattivi rimangono sempre i cantoni della Svizzera centrale. Per le persone fisiche ciò è chiaramente evidente se si considera il Tax Independence Day (TAX-I), che per un'economia domestica nel canton Zugo cade più di un mese prima rispetto al canton Ginevra. A un risultato simile portano anche i nostri indici più generici dell'onere fiscale per le persone fisiche e giuridiche. Ultimamente però le riduzioni delle imposte stanno diventando di moda anche nella Svizzera romanda: Le misure adottate dal canton Neuchâtel cominciano a far sentire la loro pressione sui diretti vicini. I cantoni godono di ampia libertà nell'organizzazione della loro politica fiscale. L'armonizzazione riguarda soltanto la forma e la base d'imposizione, ma non le aliquote d'imposta. Nel 2010 è fallita l'iniziativa popolare per arginare la concorrenza fiscale, sicché si può affermare che lo status quo sia stato chiaramente legittimato in maniera democratica. Il modello della Flat Rate Tax è divenuto popolare dopo che il Tribunale federale ha dichiarato incostituzionali i controversi modelli d'imposta degressiva. Ultimamente l'oggetto del contendere è l'imposizione forfettaria. La Confederazione sta cercando di rafforzare l'accettazione di questo strumento attraverso un inasprimento dei criteri e l'innalzamento degli importi minimi. A livello cantonale, tuttavia, l'elettorato ha già abolito questa regolamentazione speciale in tre cantoni, e altri faranno seguito. Sul fronte delle imposte sulle società si sta nel frattempo delineando la terza riforma su scala nazionale. La prima e la terza riforma dell'imposizione delle imprese incidono soprattutto sul posizionamento della Svizzera nella concorrenza internazionale. Mentre il primo pacchetto di riforme ha reso particolarmente attrattiva la tassazione degli utili esteri e delle società di partecipazione, la terza riforma nasce come reazione alle critiche provenienti dall'estero. Si può già prevedere l'orientamento strategico della riforma III dell'imposizione delle imprese, anche se le misure esatte non sono ancora state definite. Il secondo pacchetto di sgravi mirava a ridurre la doppia imposizione economica e a introdurre ulteriori agevolazioni nella distribuzione degli utili. Poiché il minor gettito derivante era stato sottostimato, la riforma è stata fatta oggetto di pesanti critiche a posteriori. Questo esempio mostra in maniera esemplare il conflitto di finalità nella politica fiscale: da un lato Confederazione e cantoni cercano di posizionarsi come sedi attrattive dal punto di vista fiscale; dall'altro non si deve permettere che l'organizzazione del sistema fiscale vada a intaccare le finanze pubbliche. Se si considerano i consuntivi dello scorso anno e l'indebitamento, i cantoni appaiono finanziariamente solidi su tutto il territorio nazionale. Mentre diversi stati occidentali devono affrontare problemi di deficit e montagne di debiti, 19 cantoni su 26 hanno chiuso il 2011 in positivo. L'indebitamento non appare preoccupante in nessun cantone della Svizzera e sette cantoni registrano addirittura un patrimonio netto. Le minori entrate dovute alla crisi sono limitate e la BNS continua a distribuire utili. Dal punto di vista attuale si può quindi ritenere che difficilmente la competizione fiscale perderà di intensità. I cantoni continueranno ad avere la possibilità di migliorare la qualità della loro localizzazione per mezzo di misure di sgravio fiscale. In questo senso la Svizzera è unica rispetto al panorama internazionale, dove all'orizzonte si profilano aumenti dell'onere fiscale e la riduzione delle prestazioni pubbliche. Nei paesi fortemente indebitati, il rapporto determinante per il contribuente tra prestazioni pubbliche e tasse tenderà a peggiorare, mentre l'attrattiva della Svizzera, grazie alla concorrenza fiscale, continuerà a crescere in termini relativi. Swiss Issues Regioni 4

5 1 Armonizzazione fiscale e concorrenza fiscale Uniformazione grazie all'armonizzazione fiscale formale Con la Legge federale sull'armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni del 2001, la varietà d'imposte fino a quel momento esistente in Svizzera è stata uniformata per mezzo di un'armonizzazione fiscale formale. Le disposizioni disciplinano principalmente l'imposta sugli utili immobiliari, l'imposta sul patrimonio e il calcolo del reddito in caso di trasferimento da un altro cantone. Sono stati inoltre emanati regolamenti uniformi per l'imposizione di holding e società di domicilio, per la riscossione di imposte alla fonte e per la prassi di tassazione (introduzione della tassazione postnumerando annuale). Poiché si è rinunciato a un'armonizzazione fiscale materiale, i cantoni e i comuni continuano a essere sovrani nella determinazione delle aliquote e delle deduzioni sociali. I cantoni possono quindi tassare in maniera diversa il patrimonio e il reddito delle persone fisiche come anche il capitale e gli utili delle persone giuridiche. Il diritto cantonale contempla inoltre la sovranità fiscale dei comuni. Questo federalismo fiscale rende possibile la concorrenza fiscale tra i cantoni. Grazie alla crescente mobilità, gli abitanti possono scegliere il loro nuovo domicilio in funzione dell'aliquota d'imposta prevalente, mentre la democrazia diretta permette all'elettorato di esprimersi in merito alla determinazione delle imposte. Figura 1 Concorrenza fiscale vivace Esempi selezionati Legge federale sull'armonizzazione delle imposte dirette dei Cantoni e dei Comuni Entrata in vigore della tassazione degressiva dei redditi nel canton SH Entrata in vigore della tassazione degressiva dei redditi nel canton OW Accettata in votazione l'introduzione delle imposte degressive nel canton AR (dal ) AR rinuncia all'attuazione del responso popolare (la legge era stata dapprima annullata dal Tribunale federale perché abbinata all'utilizzo dell'oro della Banca nazionale) Il Tribunale federale dichiara incostituzionale l'imposizione degressiva Introduzione di una Flat Rate Tax nel canton OW Introduzione di una Flat Rate Tax nei cantoni UR e SH Flat Rate Tax respinta nel canton TG Respinta un'iniziativa popolare sull'uniformazione del tasso marginale minimo d'imposizione per redditi elevati Fonte: Credit Suisse Economic Research Dall'imposizione degressiva alla Flat Rate Tax I cantoni svizzeri godono di ampie libertà fiscali. Le leggi fiscali cantonali devono essere conformi alla Legge sull'armonizzazione delle imposte dirette; questa, tuttavia, disciplina soltanto le questioni di carattere formale. Negli ultimi decenni l'elettorato svizzero ha respinto tutta una serie di interventi volti all'allineamento delle aliquote d'imposta e quindi a un'armonizzazione materiale. Grazie alla legittimazione assicurata dalla democrazia diretta, tra i cantoni si è sviluppata una vivace competizione a livello fiscale. Negli ultimi anni sono state adottate diverse misure, alcune delle quali sono state oggetto di accesi dibattiti. Le misure più importanti sono elencate nella figura 1. Quella che ha suscitato più scalpore di tutte è stata l'introduzione di una tassazione degressiva dei redditi nel canton Obvaldo. Già due anni prima erano state introdotte aliquote d'imposta degressive nel canton Sciaffusa, ma qui la novità fiscale non aveva avuto lo stesso impatto mediatico che si è registrato in seguito nel canton Obvaldo, bensì era caduta presto nel dimenticatoio nonostante i ricorsi presentati al Tribunale federale. L'Appenzello Esterno è salito sul treno delle tariffe degressive e a maggio 2006 ha presentato in votazione una corrispondente revisione della legge fiscale con aliquote d'imposta degressive, con esito positivo alle urne. Ad agosto 2006 le città di Winterthur, Sciaffusa, Zurigo e San Gallo hanno preso le loro contromisure e cancellato i contributi ai comuni finanziariamente deboli dei cantoni Obvaldo, Sciaffusa e Appenzello Esterno. La città di Sciaffusa si è così schierata contro l'omonimo cantone. La legge fiscale dell'appenzello Esterno è stata annullata dal Tribunale federale nell'autunno 2006, in quanto abbinata all'utilizzo dell'oro della Banca nazionale, e l'amministrazione cantonale ha quindi rinunciato senza lottare all'aliquota d'imposta degressiva. Swiss Issues Regioni 5

6 Dopo alcune difficoltà iniziali, sono cominciati a pervenire al Tribunale federale anche ricorsi contro la decisione popolare di Obvaldo. Soltanto dopo che un consigliere nazionale del canton Vaud ha depositato i suoi documenti in Obvaldo, con grande risonanza nei media, è stato possibile trovare persone intitolate a presentare ricorso. Le aliquote d'imposta degressive sono state esaminate dal punto di vista del diritto costituzionale e a giugno 2007 l'imposizione degressiva è stata dichiarata incostituzionale a causa della violazione del principio della capacità contributiva. Il 16 dicembre 2007 l'elettorato di Obvaldo si è espresso a favore di una revisione di legge con una Flat Rate Tax che dal 2008 ha introdotto un'aliquota d'imposta uniforme per tutti i redditi. Nel 2009 è stata la volta dei cantoni Uri e Sciaffusa. Nel canton Turgovia è invece stata respinta una simile proposta. A novembre 2010 si è votato in merito all'introduzione di un tasso marginale minimo d'imposizione per redditi elevati uniforme su tutto il territorio nazionale. Ciò avrebbe annullato l'autonomia fiscale dei cantoni e comportato un incremento delle imposte in 14 cantoni. L'iniziativa è stata respinta. Aumenti dell'onere fiscale prevedibili all'estero In Svizzera la concorrenza fiscale tra i cantoni non ha finora perso intensità. Neanche la recessione del 2009 e l'andamento economico tuttora titubante hanno cambiato qualcosa in questo panorama. Un esempio in tal senso è rappresentato dal canton Zurigo: nonostante un piano di risanamento nell'ordine di miliardi della cassa pensione cantonale BVK, l'innalzamento del moltiplicatore d'imposta cantonale è stato respinto. In ultima analisi è la situazione delle finanze pubbliche a decidere in merito alla possibilità per la Confederazione e per i cantoni di ridurre il loro onere fiscale e migliorare così la qualità della loro localizzazione. Nei paesi stranieri più vicini la situazione è fondamentalmente diversa: il contesto attuale, influenzato dalla crisi del debito dei paesi dell'euro e dalle elezioni presidenziali, rende sempre più realistica la prospettiva di un aumento delle imposte. Anche negli Stati Uniti crescono le probabilità che vengano adottate misure un tempo impensabili per il rafforzamento delle entrate erariali, come per esempio la cosiddetta "imposta Buffet" sui redditi elevati. Finora l'attenzione è stata rivolta alle uscite erariali, con un quadro caratterizzato da programmi di risparmio, riduzione delle prestazioni pubbliche e nell'ambito dei sistemi di ridistribuzione nonché un atteggiamento di prudenza negli investimenti infrastrutturali. Mentre una parte delle misure servirà ad accrescere l'efficienza ed è quindi opportuna dal punto di vista dei contribuenti, nel complesso il rapporto costi-benefici finirà per peggiorare, in quanto vi sarà un onere fiscale più elevato a fronte di minori prestazioni. Il presente studio serve innanzitutto a mostrare come si configura l'onere fiscale nei cantoni svizzeri, ma aiuta anche a fornire una panoramica delle principali misure fiscali adottate dai singoli cantoni. La situazione attuale delle finanze dei cantoni viene esaminata al fine di individuare gli eventuali margini per ulteriori sgravi fiscali. Infine, vengono trattati con particolare attenzione due argomenti speciali: gli attuali sviluppi a livello dell'imposta forfettaria e le riforme dell'imposizione delle imprese. Swiss Issues Regioni 6

7 2 Onere fiscale dei cantoni L'attuale onere fiscale in una collettività territoriale rappresenta uno dei criteri centrali della qualità della sua localizzazione. Partecipando alla competizione fiscale, i cantoni svizzeri sono da sempre chiamati ad adeguare le loro aliquote d'imposta alle esigenze degli abitanti e delle imprese locali. Le piccole dimensioni della Svizzera consentono ai contribuenti di "votare con i piedi", cioè di lasciare un cantone se la politica cantonale non è in grado di offrire loro condizioni quadro adeguate. Oltre alle libertà fiscali dei cantoni, i comuni hanno la possibilità di scegliere il loro moltiplicatore d'imposta. Le differenze su scala nazionale nell'onere fiscale sono però determinate in larga misura dalle leggi fiscali cantonali. Di seguito ci concentreremo quindi soprattutto sulle differenze tra i vari cantoni. 2.1 Tax Independence Day: un indicatore dell'onere fiscale individuale Quanto tempo lavoro per lo Stato? Metodologia Le persone esercitanti un'attività lucrativa non lavorano soltanto a proprio vantaggio. Una parte del salario annuo deve infatti essere accantonata per la notifica di tassazione, il che significa che per un certo periodo si lavora per lo Stato. Il Tax Freedom Day elaborato negli Stati Uniti ha lo scopo di illustrare l'onere fiscale di un'economia nazionale e rendere così possibili confronti su scala internazionale. Il calcolo viene effettuato sulla base di parametri macroeconomici e il risultato è molto simile alla quota fiscale. Noi riprendiamo il concetto del Tax Freedom Day e calcoliamo il Tax Independence Day (TAX-I) al fine di rappresentare le differenze cantonali a livello di onere fiscale per le persone fisiche. Il TAX-I indica il giorno in cui un contribuente arriva a guadagnare il denaro che gli serve per pagare le imposte. Il presupposto a tal fine è che ogni contribuente eserciti un'attività lucrativa dal 1 gennaio e che accantoni il suo reddito da lavoro esclusivamente per pagare le imposte. In base all'aliquota d'imposta del cantone di domicilio e alla situazione reddituale e familiare, il TAX-I può essere raggiunto da alcuni contribuenti prima e da altri dopo. Il calcolo viene effettuato secondo una microprospettiva sulla base di tre economie domestiche modello: "neolaureato", "coppia con doppio reddito" e "famiglia": Neolaureato: Individuo singolo, reddito 75'000 CHF, nessun patrimonio Coppia con doppio reddito: Coppia sposata senza figli, reddito 200'000 CHF, patrimonio 300'000 CHF Famiglia: Coppia sposata con due figli, reddito 150'000 CHF, patrimonio 200'000 CHF Per queste economie domestiche modello, l'onere fiscale viene calcolato in percentuale del reddito lordo. Questo parametro include l'imposta sui redditi delle persone fisiche (Confederazione, cantone, comune), l'imposta sul patrimonio e i contributi sociali obbligatori (AVS, AI, IPG, AD). Ai fini del calcolo si utilizzano cifre reali e regolamenti fiscali vigenti, il che spiega perché il TAX-I può essere calcolato soltanto in maniera retroattiva. I risultati seguenti si riferiscono pertanto al Risultati La data del TAX-I varia notevolmente tra i vari cantoni e le diverse economie domestiche modello. Mentre la famiglia modello nel canton Zugo copre le sue imposte per tutto l'anno già l'11 febbraio, la coppia con doppio reddito nel canton Neuchâtel deve lavorare secondo il nostro modello fino al 3 maggio. Swiss Issues Regioni 7

8 Figura 2 TAX-I dei cantoni svizzeri per la coppia con doppio reddito nel 2011 Coppia sposata senza figli, reddito 200'000 CHF, patrimonio 300'000 CHF Gli stemmi dei cantoni indicano il giorno in cui l'economia domestica ha guadagnato l'intero ammontare dell'imposta nel rispettivo cantone LU MA ME GIO VE SA DO MARZO APRILE MAGG Fonte: Credit Suisse Economic Research In Romandia si lavora più a lungo per lo Stato La figura 2 rappresenta il TAX-I in forma di calendario per la coppia con doppio reddito senza figli. Per questo tipo di economia domestica, l'onere fiscale a Neuchâtel è doppio rispetto al canton Zugo. Infatti, a Zugo bisogna lavorare per guadagnare i soldi per le imposte soltanto fino al 9 marzo, mentre nel canton Neuchâtel si arriva fino al 3 maggio. La variazione nell'onere fiscale tra i cantoni per le coppie con doppio reddito è quella più marcata. Il TAX-I tutti tipi di economie domestiche è mostrato nella figura 3. Per tutti i tipi di economie domestiche, Zugo, Svitto e Nidvaldo si collocano ai primi posti in ordine invariato, mentre Giura e Neuchâtel sono i fanalini di coda. Per i cantoni romandi, il TAX-I cade generalmente più tardi che non nei cantoni della Svizzera tedesca. Il canton Ticino si colloca più o meno a metà strada. Il posizionamento dei cantoni varia sensibilmente in funzione delle diverse economie domestiche. Così, per esempio, cantoni come Grigioni, San Gallo, Ticino, Vallese e Ginevra sono nettamente più attrattivi per la famiglia modello che non per gli altri due tipi di economie domestiche. Lo dimostra con chiarezza l'esempio del canton Vallese, che concede elevate deduzioni per i figli. Al contrario, i cantoni Obvaldo e Appenzello Esterno sono molto meno convenienti per la famiglia e molto più per il neolaureato e la coppia con doppio reddito. In gran parte dei cantoni il raggiungimento del TAX-I avviene generalmente nella sequenza "famiglia", "neolaureato" e "coppia con doppio reddito". In tutti i cantoni la coppia con doppio reddito è l'economia domestica più tassata. Swiss Issues Regioni 8

9 Figura 3 TAX-I per le economie domestiche modello Neolaureato Reddito 75'000 CHF, Nessun patrimonio Coppia con doppio reddito Reddito 200'000 CHF, Patrimonio 300'000 CHF Famiglia Reddito 150'000 CHF, Patrimonio 200'000 CHF ZG ZG ZG SZ SZ SZ NW OW NW OW NW UR ZH UR ZH AI AI AI UR ZH GR GL GL OW GR LU GL AR AG SG TI TG TI AG AR LU LU GR TG TG SG AG SG SH SH SH TI VS BL BL AR FR FR FR BS SO BL VS BS GE BE BE BS SO VD SO GE VS VD VD GE BE JU JU JU NE NE NE Fonte: Credit Suisse Economic Research 2.2 Indice dell'onere fiscale per le persone fisiche e giuridiche Mentre il TAX-I rappresenta l'attrattiva fiscale dei cantoni per economie domestiche modello selezionate, i nostri affermati indicatori dell'onere fiscale consentono di assumere una prospettiva più generalizzata. Imposizione delle persone fisiche Per il calcolo dell imposizione fiscale delle persone fisiche si considerano le imposte sul reddito e sul patrimonio in percentuale del reddito lordo o del patrimonio netto a livello di Confederazione, cantone e comune. Un adeguamento che tiene conto degli ultimi dati fiscali ha luogo con cadenza annuale. Per il calcolo della pressione fiscale sul reddito si analizza sia il livello che la progressione su un intervallo di reddito da 50'000 a 300'000 CHF. Le classi di reddito sono applicate in maniera uniforme in tutte le regioni, a prescindere dalla distribuzione prevalente del reddito. Sulla base delle aliquote fiscali selezionate per i singoli livelli di reddito si ottiene un indice per la misura della pressione fiscale per ogni comune. Questo procedimento viene ripetuto per quattro tipi di economia domestica, per i quali sono utilizzati diversi livelli di reddito. Per l aggregazione sui quattro tipi di economia domestica si utilizzano le loro percentuali rispetto alla popolazione totale. Anche in questo caso non vengono considerate le differenze regionali nella composizione dei tipi di economia domestica, poiché non deve essere determinato l onere fiscale sulla popolazione residente, ma quello su una persona che desidera trasferirsi, sulle cui condizioni di reddito e di patrimonio non è possibile fare supposizioni a priori. Swiss Issues Regioni 9

10 Per quanto riguarda l imposta sul patrimonio viene utilizzata la stessa procedura. Si determina l ammontare dell imposta in percentuale sul patrimonio su un intervallo patrimoniale da 100'000 a 1'000'000 CHF per i diversi livelli patrimoniali. Infine, dall indice per l imposta sul reddito e l imposta sul patrimonio si genera un indice totale per l imposizione fiscale delle persone fisiche. L'indice può essere aggregato a qualsiasi livello regionale grazie ad una ponderazione in base alla superficie utile. Imposizione delle persone giuridiche Per il calcolo della pressione fiscale per le persone giuridiche si determinano le imposte sul capitale e sull utile netto in percentuale dell utile netto per tutti i comuni. Ancora una volta viene redatto un indice totale per la pressione fiscale delle persone giuridiche, che misura l onere complessivo di imposte sul capitale e sull utile a livello di Confederazione, cantone e comune. Sono registrate eventuali imposte immobiliari e imposte di culto, tuttavia non gli sgravi fiscali accordati in modo selettivo per aziende di nuova fondazione o di nuovo insediamento. Anche in questo caso l'indice può essere aggregato a diversi livelli regionali con una ponderazione in base alla superficie utile. Figura 4 Onere fiscale delle persone fisiche nel 2011 Indice, CH = 100 Figura 5 Onere fiscale delle persone giuridiche nel 2011 Indice, CH = SZ ZG ZH AI UR NW OW JU FR BE BS BL VS VD GE SO LU GL TG GR AR TI SG SH AG NE OW SZ AI NW AR LU AG SG TG SH GL UR ZG GR BE TI ZH VS FR SO BL NE BS GE VD JU Fonte: Credit Suisse Economic Research, Braingroup Fonte: Credit Suisse Economic Research, Braingroup Svizzera centrale attrattiva per le persone fisiche e giuridiche La figura 4 e la figura 5 mostrano l'onere fiscale per le imprese e le persone fisiche nel I cantoni della Svizzera centrale Zugo, Svitto, Nidvaldo e Obvaldo si collocano in cima alla classifica dei cantoni fiscalmente più attrattivi per le persone fisiche. L'attrattiva della Svizzera centrale è data non solo dalle condizioni quadro fiscali, ma anche dalla raggiungibilità recentemente migliorata: Con l'inaugurazione dell'autostrada A4 nel Knonaueramt, gli agglomerati di Zurigo, Zugo e Lucerna si trovano ora infatti a più breve distanza. La strutturazione del sistema fiscale elvetico consente alle aree periferiche di assumere un posizionamento attraente nella competizione fiscale, divenendo il luogo di domicilio d'elezione per i pendolari. Da diversi anni i cantoni Zugo e Svitto da una parte e i cantoni Giura e Neuchâtel dall'altra occupano rispettivamente i primi e gli ultimi posti della classifica. Anche nell'imposizione delle imprese sono soprattutto i cantoni più piccoli a trainare la competizione fiscale. Grazie alla sua riduzione dell'imposta sull'utile e alla quasi eliminazione dell'imposta sul capitale nel 2011, il canton Nidvaldo guida ora la classifica dell'imposizione delle imprese, seguito dai cantoni Appenzello Esterno e Obvaldo. I due cantoni-città di Basilea e Ginevra evidenziano nel 2011 le imposte più elevate per le imprese. Anche se nella concorrenza fiscale regionale Basilea Campagna è riuscita a ottenere un posizionamento più attraente di Basilea Città grazie alla riforma fiscale del 2008, nella competizione nazionale il cantone non è stato in grado di raggiungere un posizionamento superiore alla media. Emerge chiaramente che i cantoni della Svizzera tedesca sono più attrattivi di quelli romandi a livello sia di imposizione individuale sia di imposizione delle imprese, a riprova del fatto che la concorrenza fiscale nazionale è una questione soprattutto di dimensioni geografiche e di confini linguistici. Swiss Issues Regioni 10

11 Persone giuridiche: ulteriori differenze specifiche Imposizione delle persone fisiche rilevante anche per le imprese Per individuare il cantone in cui stabilire la propria sede occorre considerare, oltre all'imposta sull'utile e sul capitale, anche ulteriori parametri fiscalmente rilevanti quali: il minor onere fiscale per determinati tipi di società, gli sgravi fiscali selettivi per le imprese di nuovo insediamento, le prassi vantaggiose di ammortamento, le condizioni attraenti per i progetti d'investimento, l'usufrutto di esenzioni fiscali parziali nell'ambito delle misure comunemente note sotto il nome di "Lex Bonny" o le differenti direttive d'imposizione a livello cantonale per gli accantonamenti, tutti elementi determinanti dal punto di vista delle imprese per la scelta della sede ma che non possono essere inseriti nel nostro indice in quanto fortemente dipendenti dai casi specifici. L'imposta sull'utile per le imprese ha carattere progressivo praticamente in tutti i cantoni. A differenza di quanto avviene a livello internazionale, in Svizzera la competizione fiscale si ha anche a livello di imposizione individuale. Proprio in questo segmento l'attrattiva fiscale diviene sempre più importante alla luce della crescente mobilità e della parallela separazione tra luogo di domicilio e di lavoro, soprattutto nel caso di persone mobili e benestanti. Un onere fiscale moderato per le persone fisiche viene sempre più considerato anche nel calcolo delle imprese, in quanto una situazione fiscale attraente per quadri e specialisti con un buon reddito facilita la ricerca di forza lavoro altamente qualificata. Il confronto tra l'imposizione delle persone fisiche e delle imprese mostra le diverse strategie fiscali in una panoramica d'insieme (figura 6). Figura 6 Onere fiscale per imprese e privati nel 2011 Indice, CH = II BS GE VD JU NE I Persone fisiche ZH TI BE 110 SO VS FR 100 GR BL 90 LU AG SH 80 UR ZG GL TG SG 70 AI SZ OW AR 60 NW 50 III IV Persone giuridiche Fonte: Credit Suisse Economic Research, Braingroup Röstigraben nella politica fiscale Convergenza verso strategie d'imposizione simmetrica La figura 6 mostra il posizionamento dei cantoni nel quadro della politica fiscale. L'onere fiscale delle persone fisiche viene rappresentato in orizzontale, l'onere fiscale delle persone giuridiche in verticale. Nel primo quadrante le imposte per le persone fisiche e giuridiche si collocano al di sopra della media nazionale. Nel terzo quadrante si trovano invece i cantoni fiscalmente più vantaggiosi. Il secondo e il quarto quadrante mostrano i cantoni che perseguono una politica fiscale mirata con un'imposizione asimmetrica. Rispetto a quanto rilevato in passato, si può notare una convergenza verso strategie d'imposizione simmetrica. La maggior parte dei cantoni si situa nel primo e nel terzo quadrante della figura 6. I cantoni che si collocano nel terzo quadrante sono quelli caratterizzati da una combinazione di bassa imposizione fiscale sia per le persone fisiche che per le persone giuridiche. Ad approfittare della concorrenza fiscale intercantonale sono soprattutto i cantoni rurali e quelli più piccoli, che possono offrire imposte più attrattive in modo da compensare gli svantaggi della loro ubicazione naturale. Più della metà dei cantoni persegue una strategia di bassa imposizione individuale e delle imprese. Nei cantoni romandi, invece, come anche a Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta e Berna l'imposizione fiscale rimane ancora nettamente superiore alla media sia per le persone fisiche sia per quelle giuridiche. Solo i Swiss Issues Regioni 11

12 cantoni Zurigo e Ticino seguono al momento una politica fiscale asimmetrica, in cui un'attrattiva superiore alla media per le persone fisiche si contrappone a un'elevata imposizione delle persone giuridiche. Nella classifica sull'onere fiscale complessivo, Zugo, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo e Uri si collocano ai primi posti, seguiti da Zurigo. Le strategie fiscali rappresentate esprimono una media su reddito, patrimonio, utile e capitale. Il giudizio sull'attrattiva fiscale dei migliori cantoni non è pertanto limitato a gruppi specifici, bensì include la totalità dei contribuenti. Imposizione di società holding Fondamentalmente ogni impresa deve pagare le imposte sul suo utile. A livello federale l'aliquota d'imposta è costante per tutti i livelli di utile, ma in quasi tutti i cantoni l'imposta sull'utile ha carattere progressivo. Nella competizione nazionale e internazionale tra le sedi economiche viene attribuita grande importanza all'imposta sull'utile, in quanto gli utili delle imprese sono assoggettati a imposta nel luogo in cui insorgono. Poiché esiste tuttavia un certo margine nella determinazione del luogo concreto in cui insorgono gli utili, le imprese attive in ambito internazionale ne approfittano per realizzare un'ottimizzazione fiscale. Le società holding sono imprese che detengono partecipazioni in altre imprese. Grazie alle holding, i gruppi internazionali possono gestire le loro società affiliate. A livello cantonale le holding non pagano l'imposta sull'utile, mentre l'imposta sull'utile dell'8,5% applicabile a livello federale può essere ridotta a zero tramite deduzione della partecipazione, così da evitare la doppia imposizione dell'utile 1. I privilegi legati alla sede per le holding in Svizzera si basano su: basse aliquote d'imposta - esonero dall'imposta sull'utile a livello cantonale e comunale - 8,5% meno deduzione della partecipazione a livello federale - imposta sul valore aggiunto deduzione delle imposte sull'utile dall'utile imponibile sicurezza giuridica (stabilità politica, possibilità di richiedere decisioni preventive alle autorità fiscali) vari strumenti di promozione in caso di nuovi insediamenti A giugno 2010 l'unione europea ha proposto alla Svizzera di intavolare un dialogo in merito al rispetto del codice di condotta riguardante l'imposizione delle imprese, in base al quale gli Stati dell'unione europea sono tenuti ad astenersi dalle prassi fiscali che prevedono un diverso trattamento per le imprese non residenti. 1 Presupposto per l'imposizione come società holding: oggetto della holding stabilito tramite statuto, nessuna attività d'affari in Svizzera, quota di partecipazione pari a 2/3 dell'attivo o 2/3 dei proventi. Swiss Issues Regioni 12

13 3 Stato delle finanze cantonali e misure fiscali Il sistema fiscale elvetico concede ai cantoni un margine relativamente ampio nell'organizzazione dei loro piani fiscali e la popolazione ha ripetutamente espresso la volontà di non porre vincoli di legge alla concorrenza fiscale. Ad una gara senza limiti per ridurre le imposte si contrappongono però taluni ostacoli finanziari. Così, per esempio, le entrate fiscali di un ente pubblico sono finalizzate al finanziamento di prestazioni pubbliche. A fronte di un substrato fiscale invariato, un minor gettito fiscale dovrebbe comportare o un aumento dell efficienza o una riduzione di tali prestazioni o un incremento dell'indebitamento. Per comprendere come i cantoni affrontano questo trade-off, basta gettare uno sguardo ai consuntivi recentemente pubblicati per il 2011, alla situazione sul fronte dell'indebitamento e alle misure fiscali previste. 3.1 Stato delle finanze cantonali La situazione finanziaria costituisce la base per gli investimenti nell'attrattiva fiscale I mesi da febbraio ad aprile rappresentano ogni anno il periodo di rendiconto per i cantoni. A differenza delle imprese quotate in borsa, qui i bilanci negativi non si traducono in crolli dei corsi bensì determinano una spinta più forte verso riforme politiche, pacchetti di risparmio o aumenti dell'onere fiscale. Lo stato delle finanze dei cantoni indica quindi il margine d'azione per le future misure fiscali. Figura 7 Consuntivi cantonali 2011 Risultato conto corrente (MCA) risp. risultato conto economico complessivo (MCA2) Cantone Saldo Saldo per abitante Effetti straordinari (in mio. CHF) (in CHF) ZH -1' ' mia. CHF per il risanamento della cassa pensione cant. BE LU UR SZ OW NW Risultato straordinario di 4.5 mio. CHF dovuto all'utilizzo del capitale proprio a seguito della rivalutazione dell'attivo in combinazione con la conversione del sistema contabile GL ZG FR SO BL Accantonamento di 48.5 mio. CHF per il risanamento della cassa pensione BS SH AR AI SG GR AG TG TI VD VS NE Utilizzo degli accantonamenti per l'università per l'ammontare di 12 mio. CHF GE Rivalutazione di terreni e partecipazioni nell'ordine di 150 mio. CHF JU Fonte: Credit Suisse Economic Research, conti pubblici cantonali 2011 Swiss Issues Regioni 13

14 Bilanci 2011: prevalgono le cifre positive Indebitamento: generalmente a posto Nella figura 7 sono riportate le cifre di chiusura attuali dei cantoni, inclusi gli eventi finanziari straordinari. Lo scorso anno soltanto sette cantoni hanno dichiarato saldi negativi, e di questi il canton Zurigo avrebbe realizzato un risultato decisamente positivo se non si fosse tenuto conto degli effetti straordinari. Nel corso del 2011 le distribuzioni degli utili della Banca nazionale svizzera hanno provocato una certa confusione tra i direttori delle finanze cantonali, in quanto solamente ad anno avanzato è stato possibile sapere se ci sarebbe stata una distribuzione degli utili. I bilanci sono così risultati inaspettatamente positivi o negativi nella misura in cui erano stati preventivati pagamenti da parte della BNS. È questo il caso del deficit inaspettatamente elevato nel canton San Gallo, che ha avuto come conseguenza la delibera di un incremento d'imposta applicabile dal 2012 (si veda la figura 9). Anche nel canton Svitto l'esercizio 2011 è stato chiuso decisamente in negativo e si sta già lavorando a un piano di misure che servirà a riportare le cifre in positivo dal Per il terzo anno consecutivo, anche nel 2011 il canton Basilea Campagna ha registrato un deficit. Qui un pacchetto di misure di sgravio destinate a riportare in equilibrio le finanze sarà sottoposto a votazione nel mese di giugno. Nel complesso l'attuale situazione finanziaria continua comunque a offrire ai cantoni un certo margine per ulteriori riduzioni delle imposte. Un crescente divario tra le uscite e le entrate nei bilanci pubblici si traduce a medio termine in un innalzamento del debito. Che i tempi dell'economia dell'indebitamento sfrenato stiano ormai volgendo al termine lo dimostra non da ultimo l'attuale crisi del debito nell'area dell'euro. Per la generazione attiva l'accumulo di debiti rappresenta una prospettiva interessante, in quanto permette di realizzare una ridistribuzione da domani a oggi. Non si riesce tuttavia a determinare con chiarezza quale grado di indebitamento debba essere considerato troppo elevato. I criteri per la fissazione di un tetto di debito come il criterio di Maastricht in base al quale i debiti dello Stato non dovevano superare in linea di massima il 60% della prestazione economica appaiono troppo rigidi e non tengono conto delle peculiarità delle singole collettività territoriali. Secondo il potenziale di crescita e la struttura di entrate e uscite, ogni cantone può permettersi un diverso grado di indebitamento. Nell'analisi della situazione debitoria perseguiamo pertanto un approccio che giudica singolarmente l'indebitamento dei cantoni. Figura 8 Valutazione del tasso di indebitamento 2011 Tasso di indebitamento lordo in percentuale del tasso di indebitamento critico, sulla base dei consuntivi 2010 e dei budget % 90% 100%: Trappola dei debiti 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% AI AR GR OW GL ZG VS UR VD TG SH SO FR NW LU SZ ZH AG BL BE SG GE JU BS TI NE Tasso di indebitamento attuale in percentuale Divario dal tasso di indebitamento critico Fonte: Amministrazione federale delle finanze, Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDF), Credit Suisse Economic Research Questo tasso di indebitamento critico di entità variabile a seconda dei cantoni funge da orientamento per la valutazione della situazione debitoria attuale. Esso mostra quanto la Swiss Issues Regioni 14

15 situazione attuale disti ancora dal valore critico e, di riflesso, quanto sia realistico lo scenario di una trappola dei debiti. Al raggiungimento del tasso di indebitamento critico, un cantone sarebbe già costretto a contrarre nuovi debiti per far fronte all'onere degli interessi. L'indicatore di livello nella figura 8 mostra per ogni cantone a che punto si trova il tasso di indebitamento attuale rispetto al tasso di indebitamento critico. I valori dei cantoni svizzeri sono compresi nell'intervallo tra 0,6% (Appenzello Interno) e 27% (Neuchâtel), con una media di 10,3%. In fondo alla scala si trovano i due cantoni di Appenzello, Grigioni, Obvaldo, Glarona e Zugo con valori al di sotto del 5%. Il grado di indebitamento più elevato rispetto al livello critico è quello del canton Neuchâtel, seguito a una certa distanza dal Ticino. Le finanze dei cantoni svizzeri si presentano quindi in buona salute. Questo è non da ultimo un risultato della concorrenza fiscale, che obbliga i cantoni ad un uso parsimonioso delle proprie risorse. 3.2 Misure fiscali pianificate Nelle due tabelle seguenti sono riassunte importanti misure fiscali adottate dai singoli cantoni. Figura 9 Misure fiscali per persone fisiche Principali disposizioni Cantone Misure Stato Entrata in vigore ZH BE LU UR SZ L'elettorato respinge l'iniziativa popolare per dimezzare l'imposta sul patrimonio Respinta la proposta "Sgravi d'imposta per persone fisiche", come pure i controprogetti "Una strategia fiscale sostenibile" e "Imposte più basse per le famiglie" Accolta l'iniziativa popolare per una tassazione maggiormente progressiva e per l'incremento dell'imposta sul patrimonio per i grandi patrimoni Compensazione automatica biennale degli effetti della progressione a freddo (in base all'indice nazionale dei prezzi al consumo (IPC) nel maggio dell'anno precedente) Respinto dal Consiglio di Stato l'innalzamento di 7 punti percentuali del moltiplicatore d'imposta cantonale Compensazione degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc) Riduzione della tariffa d'imposta sul patrimonio e rafforzamento del freno all'imposta sul patrimonio Riduzione della tariffa d'imposta sul reddito e aumento della deduzione per figli Nuova regolamentazione dell'imposizione forfettaria e adeguamento delle tariffe e deduzioni a seguito della compensazione degli effetti della progressione a freddo Sgravio del ceto medio per l'imposta sul reddito Sgravio dei redditi elevati (appiattimento dell'andamento della progressione) Introduzione di una deduzione generale per l'accudimento dei figli e compensazione degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc) Respinta la soppressione dell'imposizione forfettaria, accolto il controprogetto (per le persone con economia domestica pari almeno a sette volte la pigione o il valore locativo. Per i restanti contribuenti, tre volte l'importo del prezzo di pensione per alloggio e ristorazione nel luogo di soggiorno, e comunque almeno 600'000 CHF). La sostanza imponibile corrisponde ora a venti volte il reddito, quindi almeno a 12 mio. CHF Innalzamento del moltiplicatore d'imposta di 1/20 respinto dal Gran Consiglio Riduzione dell'aliquota d'imposta sul reddito e sul patrimonio Aumento della deduzione sociale per l'imposta sul patrimonio Aumento della deduzione del valore locativo Compensazione annuale automatica degli effetti della progressione a freddo Compensazione parziale degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc) Aumento delle deduzioni per figli e della deduzione sociale per l'imposta sul patrimonio In fase di consultazione Dicembre 2011 In fase di consultazione Votazione del per la prima volta nel Marzo OW Sgravio dei redditi medi e alti, innalzamento delle deduzioni per figli, votazione del NW Riduzione dell'aliquota d'imposta massima dal 3% al 2,75% Introduzione di una deduzione per l'accudimento dei propri figli (3'000 CHF) Compensazione degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc) GL ZG Respinta la soppressione dell'imposizione forfettaria, deduzione più elevata dei costi per l'accudimento dei figli da parte di terzi Incremento delle deduzioni dei costi per l'accudimento dei figli da parte di terzi, ampliamento della deduzione per la pigione, mantenimento del valore locativo al livello attuale per i prossimi 5 anni, compensazione annuale degli effetti della progressione a freddo, Landsgemeinde del , votazione del FR Riduzioni delle imposte tramite splitting integrale e riduzione dell'imposizione sul patrimonio (5-10%) SO Adeguamento per la doppia imposizione economica (passaggio al sistema di imposizione parziale) Abbassamento del moltiplicatore d'imposta di 4 punti percentuali e riduzione dell'imposta sul patrimonio Fonte: Credit Suisse Economic Research, leggi fiscali cantonali, informazioni delle amministrazioni cantonali delle contribuzioni Swiss Issues Regioni 15

16 Figura 10 Misure fiscali per persone fisiche (seguito) Principali disposizioni Cantone Misure Stato Entrata in vigore BS BL Sgravio delle persone fisiche tramite riduzione dell'imposta sul reddito e incremento degli importi esenti per l'imposta sul patrimonio. Pianificazione scaglionata delle riduzioni (vincolata a determinate condizioni quadro: economia non in recessione, l'indebitamento netto deve distare almeno di un punto per mille dal tasso di indebitamento netto massimo consentito per legge), incremento delle deduzioni per figli Graduale riduzione dell'aliquota d'imposta sul reddito dal 23,5% (2011) - 23% (2012) al 22,25% nel 2014, requisiti come sopra Importo esente incrementato del 50% per l'imposta sul patrimonio Progetto pendente per la soppressione dell'imposizione forfettaria Compensazione annuale degli effetti della progressione a freddo Precisazione della deduzione dei costi per l'accudimento dei figli da parte di terzi Soppressione dell'imposizione forfettaria verrà sottoposta a votazione popolare In fase di consultazione SH Accolta la soppressione dell'imposizione forfettaria, votazione del AR Accolta la soppressione dell'imposizione forfettaria, votazione del In preparazione Compensazione degli effetti della progressione a freddo 2013 AI Deduzione per figli in formazione SG Respinta la soppressione dell'imposizione forfettaria, accolto il controprogetto (reddito imponibile: almeno sette volte la pigione o il valore locativo, comunque almeno 600'000 CHF, sostanza imponibile: almeno venti volte il reddito, quindi 12 mio. CHF) Incremento del moltiplicatore d'imposta cantonale dal 95% al 105%, votazione del GR Riduzione dell'imposta sul patrimonio dello 0,1 Adeguamento al diritto tributario federale per l'imposizione forfettaria, i moltiplicatori d'imposta per l'imposta sul reddito e sul patrimonio devono poter essere determinati in maniera indipendente gli uni dagli altri AG Riduzione della tariffa d'imposta sul reddito tramite riduzione del tasso massimo di 0,25 punti percentuali Riduzione della tariffa d'imposta sul patrimonio tramite riduzione degli scatti tariffari e del tasso massimo e adeguamento degli importi esenti per l'imposta sul patrimonio Aumento della deduzione per figli e della deduzione dei costi per l'accudimento dei figli da parte di terzi Compensazione annuale degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc alla fine di giugno dell'anno precedente) TG Riduzione del numero di scatti tariffari per l'imposta sul reddito da 11 a 7, riduzione del tasso marginale d'imposizione dell'imposta sul reddito all'8%, lo splitting integrale sostituisce lo splitting parziale nel caso di coppie sposate Respinta la soppressione dell'imposizione forfettaria, accolto il controprogetto (con ammontare dell'imposta pari a 150'000 CHF o, se superiore: 10 volte la pigione o il valore locativo o 4 volte i costi di pensione come base imponibile) Compensazione annuale degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc) In fase di consultazione In fase di consultazione Votazione del TI Sgravi di imposte per famiglie con figli In fase di consultazione VD VS NE GE Sgravio delle famiglie tramite aumento della deduzione per l'accudimento dei figli Riduzione del moltiplicatore d'imposta cantonale dal 157,5% al 154,5% Riduzione della deduzione per l'accudimento dei figli da parte di terzi da 4'000 CHF a 3'000 CHF, introduzione di una deduzione per l'accudimento dei propri figli Compensazione annuale degli effetti della progressione a freddo (in base all'ipc) Aumento della deduzione per l'accudimento dei figli (deduzione dei costi di accudimento effettivi) Aumento della deduzione per figli Riduzione del valore locativo Riduzione in due fasi dell'aliquota d'imposta massima dell'1% Aumento della deduzione per l'accudimento dei figli (deduzione dei costi di accudimento effettivi), aumento della deduzione per figli (9'000 CHF per il 2010 e 10'000 CHF dal 2011) e introduzione di uno splitting per coniugi Limitazione dell'imposta sul reddito e sul patrimonio di cantone e comune al 60% del reddito netto per la prima volta nel / JU Riduzione dell'imposta sul reddito dell'1% Più gli adeguamenti cantonali alla riforma II dell'imposizione delle imprese Entro il 2011 Fonte: Credit Suisse Economic Research Swiss Issues Regioni 16

17 Figura 11 Misure fiscali per persone giuridiche Principali disposizioni Cantone Misura Stato Entrata in vigore ZH Computo dell'imposta sull'utile nell'imposta sul capitale Respinto dal Consiglio di Stato l'innalzamento di 7 punti percentuali del moltiplicatore d'imposta Votazione popolare del Dicembre 2011 cantonale BE Computo dell'imposta sull'utile nell'imposta sul capitale LU Riduzione dell'imposta semplice sul capitale Riduzione dell'imposta semplice sull'utile /2012 Innalzamento del moltiplicatore d'imposta di 1/20 respinto dal Gran Consiglio Marzo 2012 UR Riduzione dell'aliquota dell'imposta sull'utile SZ Riduzione dell'aliquota d'imposta sull'utile (passaggio dalla tariffa a 2 scaglioni alla tariffa a /2011 scaglione) OW Per le società miste: riduzione delle imposte sul capitale NW Riduzione dell'imposta fissa sull'utile Riduzione dell'imposta fissa sul capitale (de facto soppressione) Sgravio d'imposta per i proventi da licenze (box licenze) GL - ZG Riduzione graduale dell'imposta sull'utile 2012: 6,25% 2013: 6,00% 2014: 5,75% FR Riduzione dell'imposta sull'utile e sul capitale SO Computo dell'imposta sull'utile nell'imposta sul capitale Riduzione dell'imposta sull'utile BS Riduzione graduale dell'aliquota fiscale massima per l'imposta sull'utile: prima riduzione nel Ulteriori scatti di riduzione associati a determinati requisiti (economia non in recessione, l'indebitamento netto deve distare almeno un punto per mille dal tasso di indebitamento netto massimo previsto per legge) Ulteriore riduzione graduale dell'aliquota fiscale massima per l'imposta sull'utile (vincolata alle condizioni quadro di cui sopra) BL - SH - AR - Decisione del Gran Consiglio del In fase di consultazione 2012: 20,5% 2013: 20% 2017: 18% AI Introduzione di una doppia tariffa, agevolata la distribuzione degli utili sotto forma di dividendi Ampliamento della fascia di tassazione dell'utile SG Innalzamento del moltiplicatore d'imposta cantonale dal 95% al 105% GR I moltiplicatori d'imposta per l'imposta sull'utile e sul capitale devono poter essere determinati indipendentemente gli uni dagli altri In fase di consultazione AG Riduzione della tariffa d'imposta sull'utile e sul capitale In fase di consultazione TG La mozione per la riduzione dell'aliquota d'imposta sull'utile è stata ritirata TI VD Riduzione dell'imposta sulla sostanza VS - NE Computo dell'imposta sull'utile nell'imposta sul capitale Riduzione dell'aliquota d'imposta sul capitale di holding e società di domicilio allo 0,005 Soppressa l'esenzione fiscale per le imprese straniere Riduzione graduale dell'aliquota d'imposta sull'utile al 5% fino al / 2016 GE Riduzione dell'imposta sull'utile per partecipazioni aziendali pari almeno al 10% JU Riduzione lineare dell'1% dell'imposta sull'utile Più gli adeguamenti cantonali alla riforma II dell'imposizione delle imprese Entro il 2011 Fonte: Credit Suisse Economic Research, leggi fiscali cantonali, informazioni delle amministrazioni cantonali delle contribuzioni Swiss Issues Regioni 17

18 4 Focus: dibattito sull'imposizione forfettaria L'imposizione secondo il dispendio, detta anche imposizione forfettaria, è stata introdotta per la prima volta nelle regioni del lago Lemano. In questa attraente regione di domicilio, l'imposta venne creata per la prima volta negli anni Trenta del secolo scorso per gli stranieri con un elevato potere d'acquisto che non esercitavano alcuna attività lucrativa. Nella competizione fiscale internazionale ci si rese presto conto del vantaggio di un simile modello fiscale per il federalismo elvetico. 2 Quando l'attore Charlie Chaplin si trasferì in Svizzera nel 1952, l'imposta secondo il dispendio ricevette la famosa denominazione di "Lex Chaplin". Mentre l'imposizione riguardava inizialmente soprattutto le persone in età di pensionamento (età minima 55 anni), l'entrata in vigore degli accordi bilaterali con l'unione europea ha fatto sì che anche le persone benestanti più giovani provenienti da Stati dell'ue e dell'aels potessero richiedere la tassazione forfettaria. 3 Questo cambiamento, spesso denominato anche "clausola playboy", sembra essere una delle cause principali per la scarsa accettazione dell'imposta da parte della popolazione. Quale argomentazione principale viene addotta l'ingiustizia dell'imposizione forfettaria. Sarebbero infatti violati due principi di equità: uguale trattamento di uguali circostanze di fatto rispettivamente diverso trattamento di diverse circostanze di fatto. Da un lato le persone devono essere tassate in maniera comparabile, ma dall'altro devono essere applicate aliquote d'imposta più elevate per le persone con maggiore capacità finanziaria. La cerchia di persone che può accedere alla più attrattiva imposizione forfettaria in alternativa all'imposizione ordinaria è piuttosto ristretta. Al contempo non è chiaro se sia rispettato il principio della capacità contributiva, in quanto non viene effettuata alcuna stima ordinaria degli importi soggetti all'obbligo fiscale. Definizione L'imposizione secondo il dispendio è un sistema di tassazione semplificato che si prefigge di ridurre la complessità dei rapporti finanziari distribuiti a livello internazionale. A tal fine serve soltanto una dichiarazione d'imposta rudimentale, che in particolare non prevede alcuna indicazione esatta dei valori patrimoniali all'estero. Per le imposte cantonali e comunali vengono stabiliti un reddito e patrimonio corrispondenti al dispendio, tenendo conto delle spese di sostentamento a livello mondiale. Gli importi così determinati sono quindi tassati con le tariffe ordinarie. A livello federale e nella maggior parte dei cantoni il dispendio deve essere pari almeno a cinque volte il valore locativo o la pigione. Le entrate estere delle persone assoggettate a imposizione forfettaria sono inoltre tassate alla fonte all'estero e sono quindi sottoposte a un'imposizione ordinaria. Figura 12 Votazioni popolari sulla tassazione forfettaria ZH Soppressione GL Nessuna soppressione TG Nessuna soppressione SH Soppressione SG Nessuna soppressione AR Soppressione LU Nessuna soppressione Fonte: Credit Suisse Economic Research Zurigo: cantone pioniere nella soppressione dell'imposizione forfettaria L'iniziativa dal titolo "Basta con i vantaggi fiscali per i milionari stranieri (soppressione dell'imposta forfettaria)" ha dato voce al malumore dilagante circa il trattamento particolare riservato a persone straniere facoltose a Zurigo e nel 2009 è stata accolta con una maggioranza 2 Possono richiedere l'imposizione secondo il dispendio anche gli svizzeri emigrati all'estero e desiderosi di rientrare, che per 10 anni non sono stati contribuenti in Svizzera nella misura in cui non esercitino alcuna attività lucrativa in territorio elvetico. 3 I cittadini stranieri continuano sì a necessitare di un permesso di soggiorno, ma vengono meno i contingenti per i cittadini dell'ue/aels. Tra i motivi per la concessione del permesso di soggiorno si annoverano ora non solo l'attività lucrativa, la formazione, il ricongiungimento familiare e i trattamenti medici, ma anche il soggiorno privato. Swiss Issues Regioni 18

19 del 52,9%. Dopo Zurigo, la tassazione forfettaria è stata soppressa anche nel canton Sciaffusa e nell Appenzello Esterno (figura 12). In tali circostanze, lo strumento d'imposizione è stato difeso dal rispettivo governo cantonale e bocciato dalla volontà popolare. Una tendenza inversa si registra nel canton Basilea Città: qui il Governo è del parere che l'imposta forfettaria debba essere soppressa e ha pertanto presentato al Gran Consiglio una revisione di legge in tal senso. In quattro cantoni il popolo ha votato contro un abolizione di questa forma di imposizione. Secondo le indicazioni della Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDF), nel 2010 vivevano in Svizzera circa 5500 persone soggette a imposizione forfettaria, la maggior parte delle quali nei cantoni Vaud, Vallese, Ticino e Ginevra. Nel 1999 erano poco più di 3'000 (si veda la figura 13). Nel 2010 il gettito fiscale generato dall'imposta forfettaria ammontava a circa 668 mio. CHF, di cui 204 mio. CHF spettanti alla Confederazione, 300 mio. CHF ai cantoni e 165 mio. CHF ai comuni. Figura 13 Numero di persone soggette all'imposta secondo il dispendio nei cantoni ZH (stimate) ** BE * LU UR ** ** ** ** SZ * 73 * OW ** NW GL ** ** ** ** ZG FR SO 6 ** ** ** BS ** 14 * 15 * 16 BL ** ** 6 9 SH ** ** ** 7 AR ** AI ** SG * GR AG ** ** 9 14 TG ** TI VD 1'123 1'105 * 1'197 1'397 VS '005 1'162 NE ** GE * 690 * JU Totale ** Svizzera 3'106 4'146 5'003 5'445 *: Dati dell'anno precedente **: Cantoni con 5 o meno persone soggette all'imposta secondo il dispendio ZH: In base alla votazione popolare dell'8 febbraio 2009, dal 1 gennaio 2010 l'imposizione secondo il dispendio è ammessa per l'imposta cantonale e comunale soltanto per il periodo di acquisizione del domicilio. Fonte: CDF Punto di vista del Consiglio federale: innalzare la base imponibile e inasprire i requisiti Nonostante i recenti interventi e sviluppi politici in alcuni cantoni (si veda la figura 12), la Confederazione continua a rifiutarsi di sopprimere l'imposizione forfettaria. Per migliorare l'accettazione di questo tipo di tassazione, alla fine di giugno 2011 è stato approvato un messaggio all'attenzione del Parlamento. Swiss Issues Regioni 19

20 D'ora in avanti: - le spese di sostentamento dovranno essere pari ad almeno sette volte le spese di domicilio; - per il reddito imponibile così determinato dovrà però essere applicato un importo minimo liberamente scelto dai cantoni; - per l'imposta federale diretta dovrà valere una base imponibile minima di 400'000 CHF; - per l'imposizione secondo il dispendio nel caso di coniugi, in futuro i requisiti per l'imposizione secondo il dispendio dovranno essere soddisfatti da entrambi i coniugi. Il sistema fiscale di stampo federale della Svizzera permette di adottare soluzioni decentrate, da un lato per tenere conto delle diverse preferenze a livello locale e dall'altro per consentire la competizione internazionale di singole collettività territoriali. Nella competizione internazionale per accaparrarsi persone benestanti, l'imposizione differenziata secondo il dispendio rappresenta uno strumento adeguato per conquistare e trattenere tali soggetti. La figura 14 mostra quali sono i cantoni maggiormente interessati. I cantoni che realizzano una quota superiore alla media del loro gettito fiscale in base al principio del dispendio sono colorati di rosa più scuro. Figura 14 Gettito fiscale dall'imposta forfettaria nel 2010 Quota dell'imposta forfettaria cantonale rispetto al gettito fiscale; entrate complessive medie pro capite dell imposta forfettaria per le persone a questa soggette in CHF Imposta forfettaria pro capite in CHF 33'784-62'000 62'001-95'000 95' ' ' ' '001-1'140'000 Delémont Basel Liestal Schaffhausen Frauenfeld Zürich Aarau Herisau St. Gallen Appenzell Solothurn Zug Neuchâtel Bern Luzern Stans Sarnen Schwyz Altdorf Glarus Chur Fribourg Lausanne Sion Genève Bellinzona Quota imposta forfettaria Persone soggette a imposta forfettaria <= 5 0% % km 0.26% % 0.79% - 1.3% 1.4% - 2.3% Fonte: Credit Suisse Economic Research, CDF, Geostat Dal 1 gennaio 2010 il canton Zurigo non riconosce più alcuna tassazione forfettaria al di fuori del periodo di acquisizione del domicilio. I dati relativi ai cantoni Glarona, Soletta e Uri non possono essere rappresentati per ragioni di protezione dei dati (cantoni con meno di cinque persone soggette a imposta forfettaria). Grigioni, Ticino, Vallese, Vaud e Ginevra realizzano una quota superiore alla media del loro gettito fiscale attraverso le entrate cantonali dalla tassazione forfettaria. Nella media nazionale lo 0,78% circa del gettito fiscale cantonale proviene dalla tassazione forfettaria. Se si considerano le entrate complessive (imposta federale, cantonale e comunale) dalla tassazione forfettaria, si ottiene un quadro diverso. I cerchi verdi mostrano le entrate totali per persona soggetta all'imposta forfettaria. Il canton Svitto realizza le entrate più Swiss Issues Regioni 20

DISLOCAZIONE DELLA RESIDENZA IN SVIZZERA: OPZIONE E OPPORTUNITÀ

DISLOCAZIONE DELLA RESIDENZA IN SVIZZERA: OPZIONE E OPPORTUNITÀ Steimle & Partners Consulting Sagl Tax & Legal Consultants Via Pretorio 22 CH-6900 Lugano Tel. +41 91 913 99 00 Fax +41 91 913 99 09 e-mail: info@steimle-consulting.ch www.steimle-consulting.ch DISLOCAZIONE

Dettagli

6.08 Stato al 1 gennaio 2009. Assegni familiari. Scopo degli assegni familiari 1 Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente

6.08 Stato al 1 gennaio 2009. Assegni familiari. Scopo degli assegni familiari 1 Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente 6.08 Stato al 1 gennaio 2009 Assegni familiari In generale Scopo degli assegni familiari 1 Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente i costi sostenuti dai genitori per il mantenimento

Dettagli

6.08 Assegni familiari Assegni familiari

6.08 Assegni familiari Assegni familiari 6.08 Assegni familiari Assegni familiari Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente i costi sostenuti dai genitori per il mantenimento dei figli. Essi

Dettagli

6.08 Stato al 1 gennaio 2013

6.08 Stato al 1 gennaio 2013 6.08 Stato al 1 gennaio 2013 Assegni familiari In generale 1 Scopo degli assegni familiari Con gli assegni familiari si intende compensare parzialmente i costi sostenuti dai genitori per il mantenimento

Dettagli

Risultati della procedura di consultazione. Modifica del Codice delle obbligazioni

Risultati della procedura di consultazione. Modifica del Codice delle obbligazioni Risultati della procedura di consultazione Modifica del Codice delle obbligazioni (Trasparenza delle retribuzioni corrisposte ai membri del consiglio d'amministrazione e della direzione) Ufficio federale

Dettagli

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di settembre 2011

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di settembre 2011 Studio su fallimenti e avviamenti aziendali 18. 10. 2011 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/stampa Fallimenti e avviamenti aziendali

Dettagli

Formazione e scienza 1558-1500. Edizione 2015. Istituzioni di formazione. Neuchâtel 2015

Formazione e scienza 1558-1500. Edizione 2015. Istituzioni di formazione. Neuchâtel 2015 15 Formazione e scienza 1558-1500 Edizione 2015 Istituzioni di formazione Neuchâtel 2015 Informazioni: Statistica delle istituzioni di formazione (SBI): schulstat@bfs.admin.ch. Altre informazioni inerenti

Dettagli

Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia

Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia N E W S D A L M O N D O 18 M A R Z O 2 0 1 5 Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati gli assegni esentasse per i figli e la tassa sull energia Svizzera Votazione popolare dell 8 marzo: bocciati

Dettagli

Argomenti Contro 13.084. Dokumentation Documentation Documentazione

Argomenti Contro 13.084. Dokumentation Documentation Documentazione Parlamentsdienste Services du Parlement Servizi del Parlamento Servetschs dal parlament 13.084 Argomenti Contro Sostenere le famiglie! Esentare dalle imposte gli assegni per i figli e gli assegni di formazione.

Dettagli

1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici.

1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici. 1 / 20 Analisi statistiche Rapporto annuale 2014, analisi relativa a tutta la Svizzera Informazioni e moduli di richiesta: www.ilprogrammaedifici.ch 2 / 20 05.01.2015 Centro nazionale di prestazioni, Ernst

Dettagli

La deducibilità dei premi assicurativi: dall iniziativa popolare del Canton Vaud alla situazione nei diversi Cantoni

La deducibilità dei premi assicurativi: dall iniziativa popolare del Canton Vaud alla situazione nei diversi Cantoni La deducibilità dei premi assicurativi: dall iniziativa popolare del Canton Vaud alla situazione nei diversi Cantoni Dubbi sulla compatibilità dell iniziativa popolare proposta dal Partito socialista vodese

Dettagli

Guida per il futuro contribuente

Guida per il futuro contribuente Guida per il futuro contribuente CONFERENZ A SVIZZERA DELLE IMPOSTE COMMISSIONE INFORMA ZIONE Guida per il futuro contribuente 2014 La tassazione del reddito e della sostanza in Svizzera Edizione 2014

Dettagli

6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP

6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 6.06 Previdenza professionale (PP) Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La previdenza professionale (PP) è il secondo pilastro del sistema

Dettagli

Il credito ai fornitori non è mai stato tanto amato le aziende pagano le fatture con un ritardo medio di 19,5 giorni

Il credito ai fornitori non è mai stato tanto amato le aziende pagano le fatture con un ritardo medio di 19,5 giorni Statistica sul comportamento di pagamento delle Statistica sul comportamento di pagamento delle aziende in Svizzera aziende in Svizzera A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 892 Urdorf

Dettagli

La morale di pagamento migliora leggermente: le aziende pagano le fatture in media con un ritardo di 18.1 giorni

La morale di pagamento migliora leggermente: le aziende pagano le fatture in media con un ritardo di 18.1 giorni le aziende in Svizzera pagano così A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/presse La morale migliora leggermente: le aziende pagano le

Dettagli

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge

Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge Doppia imposizione intercantonale (art. 127 cpv. 3 Cost.) Proposta di una nuova regolamentazione a livello di legge con considerevoli semplificazioni amministrative l articolo 127 capoverso 3 della Costituzione

Dettagli

5.02 Prestazioni complementari Diritto alle prestazioni complementari all AVS e all AI

5.02 Prestazioni complementari Diritto alle prestazioni complementari all AVS e all AI 5.02 Prestazioni complementari Diritto alle prestazioni complementari all AVS e all AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) sono concesse quando le rendite e il reddito

Dettagli

Swiss Issues Regioni Dove costa meno la vita? Il reddito disponibile in Svizzera

Swiss Issues Regioni Dove costa meno la vita? Il reddito disponibile in Svizzera Swiss Issues Regioni Dove costa meno la vita? Il reddito disponibile in Svizzera Novembre 2008 Sigla editoriale Editore Credit Suisse Economic Research Uetlibergstrasse 231, CH-8070 Zurigo Contatto regionen.economicresearch@credit-suisse.com

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q1/213 Q1/213 Le aziende svizzere si stanno comportando molto bene: la contrazione delle offerte di posti di lavoro nell ultimo trimestre 212 si è rivelata

Dettagli

Documento n. 2 21 aprile 2007 LE IMPOSTE CANTONALI E COMUNALI IN SVIZZERA

Documento n. 2 21 aprile 2007 LE IMPOSTE CANTONALI E COMUNALI IN SVIZZERA Documento n. 2 21 aprile 2007 LE IMPOSTE CANTONALI E COMUNALI IN SVIZZERA 1 26 CANTONI Argovia, Appenzello Interno, Appenzello Esterno, Berna, Basilea Campagna, Basilea Città, Friburgo, Ginevra, Glarona,

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2013 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

18 Finanze pubbliche. Introduzione

18 Finanze pubbliche. Introduzione 8 Finanze pubbliche Introduzione 3 Panorama 3 Le finanze del Cantone Ticino 4 Entrate e uscite del Cantone per categoria 4 Debito pubblico e altri indicatori del Cantone 5 Indicatori finanziari del Cantone

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2013 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

Forum fiscale Lugano 2009 La piazza fiscale svizzera è in movimento. E la vostra impresa?

Forum fiscale Lugano 2009 La piazza fiscale svizzera è in movimento. E la vostra impresa? Forum fiscale Lugano 2009 La piazza fiscale svizzera è in movimento. E la vostra impresa? Giovedì, Palazzo dei Congressi, Lugano PwC Programma Saluto e introduzione Filippo Celio Dove condurrà la riforma

Dettagli

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale)

della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) di minoranza 4802 R2 17 novembre 1999 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 ottobre 1998 concernente la modifica della legge tributaria (II pacchetto fiscale) Il Consiglio

Dettagli

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di gennaio 2012

Fallimenti e avviamenti aziendali alla fine di gennaio 2012 Studio su fallimenti e avviamenti aziendali 22. 2. 2012 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/stampa Fallimenti e avviamenti aziendali

Dettagli

Modifica del 2 aprile 2013. Il Consiglio federale svizzero decreta:

Modifica del 2 aprile 2013. Il Consiglio federale svizzero decreta: Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale al contratto collettivo di lavoro per il settore privato dei servizi di sicurezza Modifica del 2 aprile 2013 Il Consiglio federale

Dettagli

Finanze del sistema formativo

Finanze del sistema formativo 15 Formazione e scienza 1502-1500 Finanze del sistema formativo Edizione 2015 Neuchâtel, 2015 Introduzione Il presente opuscolo offre una panoramica sulle finanze del sistema formativo. Si basa essenzialmente

Dettagli

Previdenza professionale delle persone disoccupate

Previdenza professionale delle persone disoccupate EDIZIONE 2014 Informazione complementare all Info-Service «Disoccupazione» Un opuscolo per i disoccupati Previdenza professionale delle persone disoccupate secondo la LADI e la LPP OSSERVAZIONI Il presente

Dettagli

Risanare conviene. Breve guida al Programma Edifici

Risanare conviene. Breve guida al Programma Edifici Risanare conviene. Breve guida al Programma Edifici Un esempio Una tipica abitazione unifamiliare svizzera può prevenire fino a 2 tonnellate di emissioni di CO 2 l anno, con un risparmio annuo in spese

Dettagli

Fallimenti e costituzioni di imprese nella prima metà del 2012

Fallimenti e costituzioni di imprese nella prima metà del 2012 Studio sui fallimenti aziendali e la costituzione d imprese 24. 7. 2012 A cura di: Dun & Bradstreet (Schweiz) AG Grossmattstrasse 9 8902 Urdorf Telefono 044 735 61 11 www.dnb.ch/stampa Fallimenti e costituzioni

Dettagli

Approvazione degli atti legislativi cantonali, informazione sui trattati intercantonali e sui trattati di Cantoni con l estero

Approvazione degli atti legislativi cantonali, informazione sui trattati intercantonali e sui trattati di Cantoni con l estero Revisione parziale della legge sull organizzazione del Governo e dell Amministrazione [LOGA]: Approvazione degli atti legislativi cantonali, informazione sui trattati intercantonali e sui trattati di Cantoni

Dettagli

Insieme per un'assicurazione malattia duratura. Conferenza stampa Zurigo, 10 maggio 2010

Insieme per un'assicurazione malattia duratura. Conferenza stampa Zurigo, 10 maggio 2010 Insieme per un'assicurazione malattia duratura Conferenza stampa Zurigo, 10 maggio 2010 Programma Sfide nel mercato dell'assicurazione malattia Insieme per un'assicurazione malattia duratura Due partner

Dettagli

DFF Documentazione. Nuova impostazione della deduzione per coniugi con doppio reddito per attenuare la penalizzazione del matrimonio

DFF Documentazione. Nuova impostazione della deduzione per coniugi con doppio reddito per attenuare la penalizzazione del matrimonio 23 settembre 2005 Nuova impostazione della deduzione per coniugi con doppio reddito per attenuare la penalizzazione del matrimonio La disparità di trattamento esistente nella legge federale sull imposta

Dettagli

Modifica del 30 giugno 2008. Il Consiglio federale svizzero decreta:

Modifica del 30 giugno 2008. Il Consiglio federale svizzero decreta: Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale al contratto collettivo di lavoro per il settore privato dei servizi di sicurezza Modifica del 30 giugno 2008 Il Consiglio federale

Dettagli

Sage 200 Personale Documentazione nuova imposta alla fonte 2014 10.10.2013

Sage 200 Personale Documentazione nuova imposta alla fonte 2014 10.10.2013 Sage 200 Personale Documentazione nuova imposta alla fonte 2014 10.10.2013 Sommario Sommario 2 1.0 Introduzione 3 2.0 Panoramica delle nuove tariffe 4 3.0 Conversione alle nuove tariffe 7 3.1 Requisiti

Dettagli

La nostra offerta per la previdenza. Ottimizzare l onere fiscale e godere di condizioni preferenziali

La nostra offerta per la previdenza. Ottimizzare l onere fiscale e godere di condizioni preferenziali La nostra offerta per la previdenza Ottimizzare l onere fiscale e godere di condizioni preferenziali La nostra vita cambia continuamente. Ma il desiderio dell indipendenza finanziaria rimane una costante.

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q3/213 Q3/213 L economia svizzera sta crescendo esponenzialmente. E con essa anche il mercato del lavoro. Mai negli ultimi tre anni erano stati offerti così

Dettagli

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione

Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione Ordinanza sul finanziamento dell assicurazione contro la disoccupazione (OFAD) 837.141 del 31 gennaio 1996 (Stato 12 marzo 2002) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 109 della legge del 25

Dettagli

Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni

Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni Prassi Amministrazione delle imposte dei Grigioni Reddito da partecipazioni: attenuazione della doppia imposizione economica LIG 39 cpv. 4; 64 cpv. 3 1. ESPOSIZIONE DEL PROBLEMA Con la revisione parziale

Dettagli

Rapporto sull esito dell indagine conoscitiva del 24 febbraio 2010

Rapporto sull esito dell indagine conoscitiva del 24 febbraio 2010 Dipartimento federale dell economia DFE Segreteria di Stato dell economia SECO - Modifica dell ordinanza del 31 agosto 1983 sull assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l indennità per insolvenza

Dettagli

Fatturazione electronica all Assicurazione invalidità

Fatturazione electronica all Assicurazione invalidità Département fédéral des finances DFF Centrale de compensation CdC Unité CENT Paiement des prestations individuelles AVS/AI Fatturazione electronica all Assicurazione invalidità Indice 1 Introduzione...

Dettagli

La popolazione della Svizzera

La popolazione della Svizzera 1 Popolazione 81-9 La popolazione della Svizzera 29 Neuchâtel, 21 L essenziale in breve Nel 29, l evoluzione demografica della Svizzera si è distinta da quella registrata l anno precedente per un saldo

Dettagli

Grafici con commento riguardanti l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per il periodo 1996-2003

Grafici con commento riguardanti l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per il periodo 1996-2003 Conferenza stampa DFI/UFAS, 4 ottobre 2002 Grafici con commento riguardanti l'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie per il periodo 1996-2003 Pagina Evoluzione dei costi nel settore della

Dettagli

Nuovo patto fiscale. Riforma del sistema fiscale orientata alla tutela della famiglia, alla crescita e all equità

Nuovo patto fiscale. Riforma del sistema fiscale orientata alla tutela della famiglia, alla crescita e all equità Progetto di legge di iniziativa popolare: Nuovo patto fiscale. Riforma del sistema fiscale orientata alla tutela della famiglia, alla crescita e all equità Perché l Italia possa davvero ripartire è necessario

Dettagli

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano

Donatella Ferrari. Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano Donatella Ferrari Scuola Universitaria della Svizzera Italiana (SUPSI), Lugano 1 Art. 3 Federalismo Cost. Fed. I Cantoni sono sovrani per quanto la loro sovranità non sia limitata dalla Costituzione federale

Dettagli

Novità legislative federali e cantonali

Novità legislative federali e cantonali 2/26 Novità legislative federali e cantonali Una panoramica sui diversi cambiamenti in ambito di imposte dirette I. Novità legislative federali Dal 1. gennaio 2011 sono previste importanti novità legislative

Dettagli

CONFERENZA FISCALE SVIZZERA GUIDA PER IL FUTURO CONTRIBUENTE

CONFERENZA FISCALE SVIZZERA GUIDA PER IL FUTURO CONTRIBUENTE CONFERENZA FISCALE SVIZZERA GUIDA PER IL FUTURO CONTRIBUENTE La tassazione del reddito e della sostanza in Svizzera Edizione 2010 8 a edizione, 2010 Editore: Autore: Illustrazioni: Stampa: Conferenza fiscale

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q1/215 Q1/215 Lo shock del franco si ripercuote sul mercato del lavoro svizzero: l (ASJMI) fatica a mantenersi in territorio positivo nel primo trimestre

Dettagli

Rapporto esplicativo concernente la modifica dell ordinanza sulla determinazione delle zone di applicazione in materia di agevolazioni fiscali

Rapporto esplicativo concernente la modifica dell ordinanza sulla determinazione delle zone di applicazione in materia di agevolazioni fiscali Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Rapporto esplicativo concernente la modifica dell ordinanza sulla determinazione delle zone di applicazione in materia di agevolazioni

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Q2/211 Q2/211 Il mercato del lavoro svizzero ha registrato nel secondo trimestre dell anno in corso movimenti laterali. La dinamica di crescita osservabile con chiarezza nel

Dettagli

Caratteristiche del sistema fiscale svizzero

Caratteristiche del sistema fiscale svizzero 5 Caratteristiche del sistema fiscale svizzero 1 CONSIDERAZIONI GENERALI Per sistema fiscale la scienza finanziaria intende l'insieme delle imposte prelevate in un Paese, anche se fra di loro non vi è

Dettagli

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015

BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.2015 BREVE INFORMAZIONE Segretariato generale CDPE, 22.9.215 Il concordato sulle della CDPE Considerato che per la concessione delle sono competenti i Cantoni, con il Concordato sulle s'intende raggiungere

Dettagli

Imposta federale diretta Periodo fiscale 2001/2002

Imposta federale diretta Periodo fiscale 2001/2002 Divisione principale imposta federale diretta, imposta preventiva, tasse di bollo Eidgenössische Steuerverwaltung ESTV Administration fédérale des contributions AFC Amministrazione federale delle contribuzioni

Dettagli

Il sistema fiscale svizzero

Il sistema fiscale svizzero Il sistema fiscale svizzero CONFERENZA FISCALE SVIZZERA COMMISSIONE PER L INFORMAZIONE Il sistema fiscale svizzero 2005 Caratteristiche del sistema fiscale svizzero Le imposte della Confederazione Edizione

Dettagli

Nota informativa aumento dei costi 2011

Nota informativa aumento dei costi 2011 Nota informativa aumento dei costi 2011 Dal 1 gennaio 2011 le imprese dovranno confrontarsi con notevoli aumenti dei costi. Di conseguenza, il singolo imprenditore deve valutare se e in che misura adeguare

Dettagli

Il sistema fiscale svizzero

Il sistema fiscale svizzero 2015 Il sistema fiscale svizzero CONFERENZA SVIZZERA DELLE IMPOSTE COMMISSIONE INFORMAZIONE Il sistema fiscale svizzero Caratteristiche del sistema fiscale svizzero Le imposte della Confederazione Edizione

Dettagli

Monitor Strutturale: 10 anni di crescita economica tra divari e convergenze interregionali

Monitor Strutturale: 10 anni di crescita economica tra divari e convergenze interregionali Monitor Strutturale: 10 anni di crescita economica tra divari e convergenze interregionali Siegfried Alberton, IRE-USI, estratto dal contributo annuale dell IRE al rapporto di attività di Bancastato, edizione

Dettagli

Cassa malati 2013: grande successo per il modello alternativo medico di famiglia

Cassa malati 2013: grande successo per il modello alternativo medico di famiglia Cassa malati 2013: grande successo per il modello alternativo medico di famiglia Nella scelta dell assicurazione malattia, gli Svizzeri optano sempre più spesso per il modello alternativo del medico di

Dettagli

Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico. Vicenza - 25.05.15

Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico. Vicenza - 25.05.15 Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico Vicenza - 25.05.15 1. La Svizzera ed il sistema federale differenze territoriali e settoriali 2. Distinzione

Dettagli

Info. faif - ATTUAZIONE IN CASO DI AUTO AZIENDALI. recht news DA interessant xxxxx. (3. Teil) Di cosa si tratta? www.bdo.ch

Info. faif - ATTUAZIONE IN CASO DI AUTO AZIENDALI. recht news DA interessant xxxxx. (3. Teil) Di cosa si tratta? www.bdo.ch Info DICEMBRE 2015 www.bdo.ch recht news DA interessant BERNA xxxxx faif - ATTUAZIONE IN CASO DI AUTO AZIENDALI (3. Teil) DAL 1 GENNAIO 2016 A livello di imposta federale diretta, la deduzione delle spese

Dettagli

Chiesa. persone. Per la. Per le. Poiché uniti siamo più efficienti. Ritratto

Chiesa. persone. Per la. Per le. Poiché uniti siamo più efficienti. Ritratto Ritratto Poiché uniti siamo più efficienti Per la Chiesa Per le persone Conferenza centrale cattolica romana della Svizzera (RKZ) Hirschengraben 66 CH-8001 Zurigo T +41 44 266 12 00 info@rkz.ch www.rkz.ch

Dettagli

REVISIONE PARZIALE LIG: ENTRATA IN VIGORE L'1.1.2008 PANORAMICA

REVISIONE PARZIALE LIG: ENTRATA IN VIGORE L'1.1.2008 PANORAMICA Amministrazione delle imposte Capo del servizio giuridico Nota interna REVISIONE PARZIALE LIG: ENTRATA IN VIGORE L'1.1.2008 PANORAMICA 1. Premesse Il 17 ottobre 2006, il Gran Consiglio ha approvato la

Dettagli

14.051. Messaggio concernente la legge federale sull imposizione degli utili di persone giuridiche con scopi ideali.

14.051. Messaggio concernente la legge federale sull imposizione degli utili di persone giuridiche con scopi ideali. 14.051 Messaggio concernente la legge federale sull imposizione degli utili di persone giuridiche con scopi ideali del 6 giugno 2014 Onorevoli presidenti e consiglieri, con il presente messaggio vi sottoponiamo,

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q4/212 Q4/212 Dopo diversi trimestri di crescita, il mercato del lavoro svizzero nel quarto trimestre 212 ha registrato una chiara tendenza negativa. Ciò

Dettagli

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO

10.060. Decreto federale concernente l'iniziativa popolare Sicurezza dell'alloggio per i pensionati ARGOMENTI PRO 10.060 Decreto federale concernente l'iniziativa popolare "Sicurezza dell'alloggio per i pensionati" ARGOMENTI PRO Argomenti-In breve Iniziativa Sicurezza dell alloggio per i pensionati in breve Occasione

Dettagli

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte

Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte SCHEDA D INFORMAZIONE N 3: QUESTIONI SULLA RIDISTRIBUZIONE Dal 1990 le imprese pagano sempre più imposte Parlare della riforma dell imposizione delle imprese significa anche affrontare i timori relativi

Dettagli

Continua crescita del parco veicoli: preferenza per i veicoli a diesel e a trazione integrale

Continua crescita del parco veicoli: preferenza per i veicoli a diesel e a trazione integrale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale di statistica UST Comunicato stampa Embargo: 04.02.2014, 9:15 11 Mobilità e trasporti N. 0352-1400-70 Veicoli stradali nel 2013 Continua crescita

Dettagli

Finanze federali 2016: è necessario risparmiare dossierpolitica

Finanze federali 2016: è necessario risparmiare dossierpolitica Finanze federali 2016: è necessario risparmiare dossierpolitica 16 novembre 2015 Numero 12 Politica budgetaria La situazione finanziaria della Confederazione è peggiorata. Le spese restano più o meno costanti

Dettagli

Ecco come pagano le fatture le aziende svizzere

Ecco come pagano le fatture le aziende svizzere Ecco come pagano le fatture le aziende svizzere Quasi la metà delle fatture vengono pagate in ritardo. Differenze fra i diversi cantoni anche per quanto riguarda ildenaro: gli svizzeri occidentali sono

Dettagli

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Indipendenti Sommario 1. Obbligo di contribuzione 2 1.1 In generale 2 1.2 Contributi AVS/AI/IPG

Dettagli

di maggioranza Ü ³»² ± 21 marzo 2014 FINANZE E ECONOMIA

di maggioranza Ü ³»² ± 21 marzo 2014 FINANZE E ECONOMIA Î ± ± di maggioranza ²«³» ± ݱ²½» ²» ¼ Ü ³»² ± 21 marzo 2014 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sull'iniziativa parlamentare 27 settembre 2011 presentata nella forma generica da Matteo

Dettagli

Come riformare la tassazione del capitale?

Come riformare la tassazione del capitale? avenir punti di vista 7 Come riformare la tassazione del capitale? La Riforma dell imposizione delle imprese 3, sfida fiscale del secolo Marco Salvi «avenir punti di vista» presenta analisi, posizioni

Dettagli

Il nuovo canone radiotelevisivo sostituisce il canone di ricezione

Il nuovo canone radiotelevisivo sostituisce il canone di ricezione Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni DATEC 26 settembre 2014 / Scheda informativa relativa alla revisione della legge sulla radiotelevisione (LRTV) Il

Dettagli

6481 R2 20 gennaio 2012 FINANZE E ECONOMIA

6481 R2 20 gennaio 2012 FINANZE E ECONOMIA 6481 R2 20 gennaio 2012 FINANZE E ECONOMIA della Commissione speciale tributaria sul messaggio 23 marzo 2011 concernente il progetto di modifica della Legge tributaria del 21 giugno 1994 Sgravi fiscali

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Quarterly Report Q4/214 Q4/214 L (ASJMI) evidenzia nell ultimo trimestre del 214 una contrazione del 1 percento. Quasi tutte le regioni sono interessate da una diminuzione

Dettagli

Il Cantone presenta un risultato annuale 2014 positivo

Il Cantone presenta un risultato annuale 2014 positivo Departement für Finanzen und Gemeinden Graubünden Departament da finanzas e vischnancas dal Grischun Dipartimento delle finanze e dei comuni dei Grigioni 7001 Coira, Rosenweg 4 Tel. 081 257 21 21 Fax 081

Dettagli

Adecco Swiss Job Market Index

Adecco Swiss Job Market Index Adecco Swiss Job Market Index Q1/ Q1/ Buone notizie dal mercato del lavoro svizzero: nel primo trimestre del l offerta di posti di lavoro ha raggiunto livelli che non si registravano da tempo. Gli indici

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011

Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 2011 Dipartimento federale delle finanze DFF Comunicato stampa Data 3 settembre 29 Il Consiglio federale prepara il terreno per il consolidamento del bilancio a contare dal 211 Nel corso della sua seduta odierna

Dettagli

Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte)

Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte) di: Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati Comprare casa in Svizzera: guida fiscale all acquisto (prima parte) A quali forme di tassazione si va incontro comprando una casa in Svizzera? Ecco la prima

Dettagli

Rapporto della Commissione dell'economia e dei tributi del 19 ottobre 2007

Rapporto della Commissione dell'economia e dei tributi del 19 ottobre 2007 Ständerat Conseil des Etats Consiglio degli Stati Cussegl dals stadis 04.446 n Iv.pa. Gruppo V. Competenza cantonale per il risparmio edilizio agevolato dal profilo fiscale 04.448 n Iv.pa. Gysin. Possibilità

Dettagli

2010 Strategia della piazza finanziaria 2015

2010 Strategia della piazza finanziaria 2015 2010 Strategia della piazza finanziaria 2015 La piazza finanziaria è il settore più importante per il benessere in Svizzera, in quanto genera un buon 12% del prodotto interno lordo, contribuisce nella

Dettagli

Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte

Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte Informazione del 4 marzo 2015 Nota sulla fornitura dei dati conformemente agli standard salariali CH con imposta alla fonte Gentili signore ed egregi signori, Con l'introduzione degli standard salariali

Dettagli

Il sistema fiscale svizzero

Il sistema fiscale svizzero Il sistema fiscale svizzero 2013 CONFERENZ A SVIZZERA DELLE IMPOSTE COMMISSIONE INFORMA ZIONE Il sistema fiscale svizzero Caratteristiche del sistema fiscale svizzero Le imposte cantonali e comunali Le

Dettagli

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale

1. Primo conto d esercizio della previdenza professionale. 2. Sintesi. 2.1 Volume delle attività nel settore della previdenza professionale Rapporto dell UFAP sul rilevamento dei dati e sulla pubblicazione dei conti d esercizio 2005 della previdenza professionale delle imprese svizzere di assicurazione sulla vita 1. Primo conto d esercizio

Dettagli

2.09 Stato al 1 gennaio 2013

2.09 Stato al 1 gennaio 2013 2.09 Stato al 1 gennaio 2013 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Campagna OIP 2014: "negozi e offerte online" Risultati

Campagna OIP 2014: negozi e offerte online Risultati Campagna OIP 2014: "negozi e offerte online" Risultati Settori controllati Articoli sportivi Moda, Elettrodomest Apparecchi abbigliamento ici elettronici Mobili, arredamenti Commercio di Generi vini alimentari

Dettagli

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza

Assicurazione obbligatoria 2 In linea di principio, il regime obbligatorio della previdenza 6.06 Stato al 1 gennaio 2011 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP 1 I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

Comunicato. I ticinesi campioni svizzeri nella tutela del clima

Comunicato. I ticinesi campioni svizzeri nella tutela del clima Comunicato I ticinesi campioni svizzeri nella tutela del clima Zurich Svizzera www.zurich.ch Zurigo Compagnia di Assicurazioni SA Zurigo Compagnia di Assicurazioni sulla Vita SA Media Relations Thurgauerstrasse

Dettagli

Pronti per il futuro. Tra le proprie quattro mura. Come realizzare il sogno dell abitazione propria: istruzioni per l uso

Pronti per il futuro. Tra le proprie quattro mura. Come realizzare il sogno dell abitazione propria: istruzioni per l uso Pronti per il futuro. Tra le proprie quattro mura. Come realizzare il sogno dell abitazione propria: istruzioni per l uso Pronti per il futuro. Il sogno delle proprie quattro mura risale agli albori dell

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni

Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Informazioni sull obbligo di contribuzione e di conteggio, sulla riscossione dei contributi e sulle prestazioni Indipendenti e datori di lavoro Sommario 1. Obbligo di contribuzione 2 1.1 In generale 2

Dettagli

del sistema fiscale svizzero

del sistema fiscale svizzero 2011 Il sistema fiscale svizzero CONFERENZA FISCALE SVIZZERA COMMISSIONE INFORMAZIONE Il sistema fiscale svizzero Caratteristiche del sistema fiscale svizzero Le imposte della Confederazione Edizione 2011

Dettagli

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi

1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi 2.09 Stato al 1 gennaio 2010 Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere In generale 1 Il presente promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale

Domande e risposte. «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte. Votazione popolare federale del 18 maggio 2003. In generale Votazione popolare federale del 18 maggio 2003 Domande e risposte «Iniziativa sulla salute»: domande e risposte In generale Cosa chiede l iniziativa? Perché il Consiglio federale vuole mantenere il sistema

Dettagli

Informazione Terravis

Informazione Terravis Listino prezzi per gli istituti di credito Informazione Terravis Indice 1. AMBITO DI APPLICAZIONE 2 2. COMMISSIONE DI BASE INFORMAZIONI 2 2.1 Acquisizione elettronica di dati 3 2.2 Geoinformazioni 3 3.

Dettagli

6.06. Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP. Assicurazione obbligatoria. Esenzione dall assicurazione obbligatoria

6.06. Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP. Assicurazione obbligatoria. Esenzione dall assicurazione obbligatoria 6.06 Stato al 1 gennaio 2010 1 Obbligo d affiliazione a un istituto di previdenza secondo la LPP I datori di lavoro che impiegano salariati da assicurare obbligatoriamente devono essere affiliati a un

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli