STANDARD BRC e IFS V.6: ISO FSSC 22000: PRINCIPI ED INTERAZIONI «MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI»(MOCA) CERTIFICAZIONI VOLONTARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STANDARD BRC e IFS V.6: ISO 22000 - FSSC 22000: PRINCIPI ED INTERAZIONI «MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI»(MOCA) CERTIFICAZIONI VOLONTARIE"

Transcript

1 STANDARD BRC e IFS V.6: ISO FSSC 22000: PRINCIPI ED INTERAZIONI «MATERIALI A CONTATTO CON GLI ALIMENTI»(MOCA) CERTIFICAZIONI VOLONTARIE «MONITORAGGIO INSETTI NELLE INDUSTRIE ALIMENTARI» LA NORMA UNI 11381:2010 GLOBALGAP RSPO

2 Introduzione a Bureau Veritas Yes No Bureau Veritas 2

3 Bureau Veritas in sintesi Nato nel 1828 Leader a livello globale per i servizi di verifica di conformità nell ambito della Qualità, Salute e Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale (QHSE) Estesa Presenza geografica Distribuzione Dipendenti Zona Asia- Pacifico 27% Continente Americano 19% Fatturato: 2,9 Miliardi di Euro Fatturato pro-forma (inclusa Inspectorate*): 3,15 Miliardi di Euro Resto d Europa Medio Oriente Africa 33% Francia 21% Più di uffici in 140 Paesi Oltre dipendenti qualificati 8 Business globali che offrono un ampia gamma di servizi Ispezione, Test, Audit, Certificazione, Classificazione, Risk Management, Assistenza Tecnica e Formazione Oltre Clienti nel mondo distribuiti in ogni settore di mercato * le attività del gruppo Inspectorate, acquisito nel settembre 2010, sono state consolidate a partire dal terzo quadrimestre 2010 Sette Business Globali Distribuzione Fatturato Government Services & International Trade 6% Consumer Products 12% Commodities 15% Navale 10% Industria 19% Certificazione Verifiche 10% In-Service e HSE Edilizia e Infrastrutture 14% 14% Bureau Veritas 3

4 I nostri servizi: Conformità in ambito QHSE Standard di riferimento Schema Bureau Veritas, Standard Nazionale o Internazionale, Direttive Europee, Disciplinare del Cliente,... Deliverables Classificazione, Certificazione, Marcatura, Rapporto,... Verifica di Conformità Beni, Progetti Prodotti, Attività, Processi, Sistemi Completa Indipendenza rispetto a Progettazione / Produzione / Trattativa Contrattuale / Assicurazione Valore Aggiunto per il Cliente in termini di Licenza di operare, Nuovi Mercati / Clienti, Efficienza, Gestione Rischio Bureau Veritas 4

5 Un estesa copertura geografica Continente Americano 153 Uffici, comprendenti 31 laboratori Francia 165 Uffici, comprendenti 14 laboratori Resto d Europa, Medio Oriente, Africa 388 Uffici, comprendenti 45 laboratori Zona Asia-Pacifico 205 Uffici, comprendenti 66 laboratori 8,000 dipendenti 7,400 dipendenti 11,300 dipendenti 13,300 dipendenti 30 Paesi 77 Paesi 37 Paesi Un network globale comprendente oltre 900 uffici e laboratori su 140 Paesi Bureau Veritas 5

6 Bureau Veritas Italia 3 Aree Commerciali e 19 Sedi Operative I&F Area Nord Milano (anche Direzione Generale) Genova La Spezia Torino Cagliari Bologna Padova Ravenna Trieste Mestre Area Centro Roma Ancona Firenze Area Sud Napoli Bari Augusta 350 dipendenti oltre 600 tecnici e Valutatori su tutto il territorio nazionale Industry & Facilities Bureau Veritas 6

7 Un ampio ventaglio di Attività Industry & Facilities Industria Verifiche In-Service e HSE Edilizia e Infrastrutture Certificazione Verifica di conformità di apparecchiature e impianti industriali rispetto a requisiti legislativi o contrattuali dalla fase di progettazione alla dismissione I nostri servizi includono design review, shop inspection, site inspection, asset integrity management, certificazione di prodotto e attività di test correlate quali ad esempio prove non-distruttive sul prodotto Verifiche periodiche su attrezzature ed impianti per verificare la conformità rispetto a requisiti legislativi o contrattuali. Oggetto delle verifiche possono essere impianti elettrici, sistemi antincendio, ascensori, attrezzature a pressione, dispositivi di sollevamento e macchinari Verifica di conformità delle opere di costruzione rispetto alla legislazione locale e alle regole di buona tecnica, dalla fase di progettazione alla consegna I nostri servizi includono validazione di progetto, verifica della conformità legislativa, controllo tecnico, prove sui materiali, asset management e servizi di due diligence tecnica Certificazione di Sistemi di Gestione e processi in ambito qualità, salute e sicurezza, ambiente e responsabilità sociale rispetto a standard internazionali Audit di seconda parte rispetto a standard specifici del Cliente o propri di Bureau Veritas Navale Classificazione navale, certificazione di imbarcazioni e attrezzature navali, assistenza tecnica e servizi in outsourcing Consumer Products Government Services e International Trade (GSIT) Test, ispezioni e certificazione di beni di consumo quali prodotti tessili, apparecchiature, giocattoli, dispositivi elettrici ed elettronici Audit in fabbrica, verifiche in ambito responsabilità sociale e formazione Government Services: Pre-Shipment Inspection, X-Ray Scanning, Verification of Conformity sulle merci in importazione International Trade: Validazione quali-quantitativa delle merci, servizi in ambito automotive 7 business globali che favoriscono una crescita costante e opportunità di cross-selling Bureau Veritas 7

8 Leadership nei segmenti più significativi Marina Industria Ispezione e Verifica In-Service Salute, Sicurezza e Ambiente Costruzione Certificazione Prodotti di Consumo Pubblica Amministrazione e Commercio Internazionale Nº 2 mondiale per numero di navi Nº 6 mondiale per tonnellaggio Top 3 mondiale Top 3 Europa Nº 4 mondiale Nº 1 mondiale Nº 1 mondiale Nº 1 mondiale in giocattoli e hardline Nº 2 nel settore tessile, piattaforma E&E recentemente costruita Top 4 in Servizi Pubblica Amministrazione Posizione di privilegio nel Commercio Internazionale Bureau Veritas 8

9 Bureau Veritas Certification : numero 1 wordwide Opera in oltre 100 Paesi Oltre certificati emessi Oltre organizzazioni certificate nel mondo Organismo prescelto da grandi aziende internazionali Riconosciuto da oltre 40 organismi di accreditamento nazionali ed internazionali Un ampia gamma di servizi di certificazione e auditing Oltre auditor altamente qualificati ed esperti Bureau Veritas 9

10 Un ampio range di servizi Bureau Veritas Certification offre un ampio raggio di servizi di certificazione e audit dallo standard pubblico agli schemi privati in ambito Qualità, Sicirezza, Ambiente e Responsabilità sociale : QHSE Management System Certifications Soluzioni specifiche di settore Soluzioni per la Supply Chain and Risk Management Corporate Responsibility and Sustainable Development Training e certificazione del personale Bureau Veritas 10

11 Una rete mondiale per rispondere alle esigenze locali Europa 3079 auditors Medio-Oriente, India, Russia 300 auditors Continente Americano 880 auditors Zona Asia - Pacifico 1316 auditors Africa 125 auditors Vanta una sinergia unica di competenze locali ed internazionali Oltre il 60% degli audit sono svolti da personale interno di Bureau Veritas Certification Bureau Veritas 11

12 Il settore Agro Alimentare Introduzione

13 Il panorama certificativo FILIERA: SISTEMA NORMATIVO VOLONTARIO MOLTO DINAMICO RINTRACCIABILITA : ISO Aziende agricole Processi primari Trasfor mazione Grossisti Stoccator GDO CAMPO Globalgap GTP Tracciabilità / Prodotto GMP UNI Certificazione Prodotto Fami QS BRC / IFS GMP BRC-IOP EN Certificazione prodotto ISO BRC/IFS Logistic Certificazione di servizio Filiera - Prodotto TAVOLA Standard trasversali di gestione : ISO 9000, OHSAS 18001, ISO 14000, SA 8000, Schemi GHG ISO 22000; ISO TS 22002; FSSC 2200 Bureau Veritas 13

14 BUREAU VERITAS Food Network Un partner strategico per le nuove sfide del mercato Per tutte le aziende della filiera agro-alimentare, la gestione dei rischi legati alla Qualità, Salute & Sicurezza, Ambiente e Responsabilità Sociale è diventata un importante priorità. SERVIZI SU MISURA PER L INTERA FILIERA: QUESTO IL NOSTRO VALORE AGGIUNTO Mangimistico Agricoltura, Allevamento e Pesca Manufatturiero Logistica Retail Ristorazione Bureau Veritas 14

15 Scenario Settore agroalimentare Nuove esigenze La forte vocazione dell agro-alimentare all esportazione porta gli attori della filiera ad essere particolarmente sensibili a tutti i segnali di novità che il mercato ed i consumatori trasmettono. Le Organizzazioni imprenditoriali sono quindi sempre più spesso sollecitate a considerare gli impatti etici, sociali e ambientali delle proprie attività e politiche aziendali. Non più solo Sicurezza igienica Ma anche Sostenibilità Fiducia delle parti interessate Bureau Veritas 15

16 Alcuni nostri clienti food per la certificazione Bureau Veritas 16

17 Un insieme di standard ISO IFS food BRC-food FSSC Tipologia International Standard Non approvato GFSI Standard privato Approvato GFSI Standard privato Approvato GFSI Standard privato Approvato GFSI Promotore ISO (International Standard organisation) HDE (Germany) FCD (France) FEDERDISTRIBUZIONE BRC (UK) BIG 4 G4 Categoria Standard di Sistema Standard di prodotto Standard di prodotto Standard di Sistema Riconoscibilità Internazionale GDO: Europa Requisiti Sicurezza igienica Qualità + sicurezza igienica GDO: Inglese e anglofona Qualità + sicurezza igienica BIG 4-G4 Sicurezza igienica + prerequisiti Durata certificato 3 anni autoportante 1 anno autoportante 1 anno autoportante 3 anni autoportante Applicabilità : Food ( dal primario alla trasformazione) e non food ( es. packaging, servizi di pulizia ) Food (produzione) Food (produzione) Food (produzione) Report Report Report IFS ( positivo) Report BRC (positivo) Report report pas220 (positivo) Bureau Veritas 17

18 BRC GLOBAL STANDARD FOR FOOD SAFETY ISSUE 6

19 Background relativo allo sviluppo della Issue 6. Lo standard BRC - British Retailer Consortium è nato in Inghilterra, dove è oramai istituzionalizzato La nuova versione è in vigore dal 1 GENNAIO Gruppi di lavoro: - rappresentanti di Distributori, Servizi di ristorazione, Organismi di Certificazione, produttori e UKAS. - utilizzatori del Nord America La bozza dello Standard è stata resa disponibile per la consultazione pubblica e successivamente sottoposto ad una serie di verifiche di prova. Più di persone provenienti da tutto il mondo hanno scaricato la bozza del documento. Tutti i commenti sono stati riesaminati prima della stesura definitiva. Bureau Veritas 19

20 BRC Global Standard For Food Safety V.6 PRINCIPALI OBIETTIVI E CAMBIAMENTI maggiore enfasi nella definizione delle GMP ed incremento del tempo di audit su GMP coerenza dei risultati dell'audit affinché il grado di certificazione raggiunto sia veramente rappresentativo dello stato del sito stesso miglioramento dell audit report - mirato e che fornisca un valore aggiunto e non un costo aggiunto Action plan che introduce lo strumenti di analisi delle cause delle NC high risk /high care area chiarito il significato dei termini con l'introduzione di un albero delle decisioni come strumento di interpretazione semplificazione e chiarimento dei requisiti ( circa il 25% eliminazione di clausole o unione di più clausole) introduzione di nuovi requisiti (relativi a CORPI ESTRANEI, ALLERGENI, SANIFICAZIONE) Riduzione del numero di audit commissionati dai clienti Bureau Veritas 20

21 BRC Global Standard For Food Safety V.6 PRINCIPALI OBIETTIVI E CAMBIAMENTI Enrolment - definizione di un percorso per permettere il riconoscimento di quei siti che stanno ancora sviluppando il loro sistema di sicurezza alimentare e non sono ancora in grado di certificarlo Audit non annunciati volontari sviluppo di due opzioni (OPZ. 1 e OPZ. 2) Formazione auditors Definito il ruolo dei formatori autorizzati BRC (ATP) Competenze auditors conoscenza del settore specifico dell industria alimentare processo di sorveglianza CB indicatori di prestazione KPI s CB pubblicati sulla BRC Directory. La sorveglianza include visite presso la sede CB e visite presso le aziende auditate Bureau Veritas 21

22 I Cambiamenti: fundamental = trattamento BRC vers. 5 Fondamentali (10) Senior Management Commitment and Continual Improvement, Clause 1 The Food Safety Plan- HACCP. Clause 2 Internal Audits, Clause3.5 Corrective and Preventive Action. Clause 3.8 Traceability, Clause 3.9 Layout, Product Flow and Segregation, Clause4.3.1 Housekeeping and Hygiene, Clause 4.9 Handling Requirementr for Specific Materials- Materials Containing Allergens and Identity Preserved Materials, Clause 5.2 Control of operations.clause 6.1 BRC vers. 6 Fondamentali (10) Senior Management Commitment and Continual Improvement, Clause 1.1 The Food Safety Plan- HACCP. Clause 2 Internal Audits, Clause3.4 Corrective and Preventive Action. Clause 3.7 Traceability, Clause 3.9 Layout, Product Flow and Segregation, Clause 4.3 Housekeeping and Hygiene, Clause 4.11 Management of allergenes, Clause 5.2 Control of operations.clause 6.1 Training, Clause7.1. Training, Clause7.1. Bureau Veritas 22

23 I Cambiamenti Il mancato rispetto della dichiarazione di intenti (SOI) di una clausola fondamentale porta ad una major non-conformity (come vers 5): non-certificazione in fase di audit iniziale ritiro del certificato nelle verifiche successive. Ciò richiederà un ulteriore audit per evidenziare la chiusura effettiva delle non-conformità. Le dichiarazioni di intenti sono state riformulate per far si che esprimano a pieno gli obiettivi della specifica sezione e dei propri requisiti Nella V.6 una non-conformity alla dichiarazione di intenti SOI, può essere assegnata quando I singoli requisiti sono soddisfatti ma non l obiettivo generale. Fondamental clause SOI: Statement of intent. Bureau Veritas 23

24 I Cambiamenti Attenzione crescente alle GMP La v.6 prevede: Una checklist divisa in due parti (in linea con gli audit non annunciati opzione 2) che aiuti a definire i requisiti da verificare all'interno delle aree di produzione durante l audit (GMP). Verde e arancione GMP Riequilibrio del il numero e dell accuratezza dei requisiti a favore di un maggiore approfondimento sulle buone pratiche di lavorazione piuttosto che sulla documentazione del sistema Un nuovo formato di report che riduca il tempo di compilazione e che incoraggi un approccio di audit al tempo stesso più impegnativo La presenza all interno del materiale di formazione per gli auditor di una maggiore enfasi alla standardizzazione delle tecniche di conduzione dell audit BRC - interviste allo staff di produzione, casi studio, prove di audit, osservazioni delle procedure di modifica del prodotto, ecc DOCUMENTALE Bureau Veritas 24

25 I Cambiamenti Aggiornamento dei requisiti La revisione è stata pensata come un'opportunità per semplificare e rimuovere le ambiguità lessicali e la struttura dello Standard stesso. La revisione è stata realizzata a partire dalle dichiarazioni di intenti che precede ciascun gruppo di requisiti dello standard al fine di garantire l esplicitazione dei loro intenti nel modo più dettagliato possibile la riduzione generale del numero di requisiti attraverso l eliminazione e all accorpamento, in modo che ciascuno di esso esprima un idea significativa. Meno 25% Bureau Veritas 25

26 audit non annunciati Audit non annunciati ( opzionale!) La realizzazione di audit non annunciati è vista come la prova di una più realistica valutazione dei siti durante l attività lavorativa quotidiana. Color coding Per la Versione 5 i benefici derivanti non compensavano le difficoltà pratiche dovute alla realizzazione di controlli interamente condotti in maniera non annunciata. Due opzioni per gli audit non annunciati, entrambe volontarie. Opzione1 audit non annunciati- audit completamente non annunciati come per la Versione 5 Opzione 2-Audit suddiviso in 2 parti: Arancione: requisiti da verificare come GMP Verde: requisiti da verificare durante la verifica documentale Arancione/verde: requisiti da verificare sempre. Parte1 - audit non annunciati- consistenti nell ispezione delle GMP in linea di produzione e delle buone pratiche di lavorazione ( requisiti verdi) Parte 2 audit pianificati ( in accordo alla scadenza del certificato) - consistenti in una revisione del sistema documentale, delle procedure e delle registrazioni (requisiti arancioni) BRC promuoverà gli audit non annunciati e sosterrà sul mercato quei siti che raggiungeranno la certificazione con il grado superiore A+ Bureau Veritas 26

27 audit non annunciati PANORAMICA DI UN AUDIT NON -ANNUNCIATO La decisione di sottostare ad un audit completamente non-annunciato deve essere presa entro 3 mesi dall audit di verifica( precedentemente erano 28 ) I Siti devono fornire informazioni di base per consentire la pianificazione della verifica senza preavviso (requisito 7.2) I siti non devono essere assolutamente informati della data di audit previsto I siti devono notificare all Organismo di certificazione le date in cui saranno chiuse per vacanze e/o manutenzione ( max 15 gg per opzione 1 e max 10 per opzione 2) E fondamentale iniziare l ispezione del sito sottoposto ad audit non annunciato entro 30 minuti dall arrivo dell auditor, e si comincia dall ispezione delle linee di produzione. I benefici di tale schema sono: la maggior fiducia dei clienti verso l azienda e la riduzione della frequenza di audit da parte dei clienti stessi. Grade A+ è ora il massimo livello raggiungibile Bureau Veritas 27

28 Audit non annunciato opzione 1 Opzionale e svolto in un unico Audit Bureau Veritas 28

29 Audit non annunciato opzione 2 Opzionale e svolto in due parti Audit split into two separate audits 1 First audit is the Factory Audit (Unannounced) GMP Second audit is the Document Review Audit (Announced) 2 Bureau Veritas 29

30 Enrolment scheme Incoraggiamento alla sicurezza E aumentato il numero dei requisiti per la certificazione, ma per incoraggiare la certificazione, è stato introdotto un meccanismo per il riconoscimento di quei siti che stanno attualmente sviluppando il loro sistema di sicurezza alimentare E stato introdotto un sistema progressivo di punteggio che permette di riconoscere lo status dei siti e fornisce una misura con cui tracciare i progressi verso la piena certificazione Solo i siti che incontrano la piena certificazione possono essere certificati e riconosciuti attraverso la propria pubblicazione sul sito web pubblico BRC e ricevere i loghi BRC. Enrolment scheme Bureau Veritas 30

31 I Cambiamenti Completamento del quadro I miglioramenti della Versione 6 non riguardano solo la norma in se, ma interessano l intero schema di certificazione. Infatti riguardano Formazione Competenze dell auditor Organismo di certificazione Introdotti corsi di formazione interattivi per fornire informazioni sia agli auditor sia alle aziende Corsi erogati sia dal BRC sia dalla rete internazionale di Organismi di Formazione Approvati. Tutti gli auditor devono aver frequentato un corso di formazione di 2 giorni ed aver superato con successo l esame. Il BRC ha sempre richiesto agli auditor la conoscenza del settore industriale in cui conducono l ispezione e la relativa qualificazione per la categoria di prodotto. Il BRC ha definito i materiali per supportare gli Organismi di Certificazione e migliorare la conoscenza di settore dell auditor. Il BRC controlla le performance dei propri organismi di certificazione attraverso una serie di indici (KPI s: key performance indicator). I risultati di queste valutazioni saranno pubblicati sulla Directory BRC per consentire alle aziende di identificare e scegliere gli organismi di certificazione con le migliori prestazioni. Bureau Veritas 31

32 Tempo di Audit La durata tipica 2 giorni uomo e almeno il 50% della verifica sarà speso per il controllo del processo di produzione e l ispezione del sito La durata dell audit è calcolato in fase di revisione del contratto dall ente di certificazione definite tabelle che considerano come VARIABILI: DIMENSIONI DELLO STABILIMENTO, NUMERO DI DIPENDENTI, NUMERO DI PIANI DI HACCP Bureau Veritas 32

33 Chiusura NC Chiusura NC Regole ereditate dalla Vs 5 Le chiusure documentali devono essere presentate entro 28 giorni dalla verifica le EVIDENZE presentate in ritardo possono essere respinte ed incidere sui tempi di upload. Le non-conformità devono essere completamente chiuse o soluzioni temporanee devono essere in atto prima del rilascio del certificato un piano di azione non è accettabile. Le evidenze devono dimostrare la completa chiusura delle non-conformità Regole dalla Vs 6 Non c'è più nessuna chiusura ENTRO 90 giorni per gravi non conformità in seguito ad un audit iniziale (FOLLOW-UP) Questi Siti devono entrare nel programma di ENROLMENT se NON possono ottenere la certificazione entro 28 giorni.. Le aziende necessitano di un sistema per intraprendere l analisi delle cause-root Cause Analysis. UTILIZZO STRUMENTO ANALISI DELLE CAUSE NON CONFORMITA CAUSA AZIONE CORRETTIVA Bureau Veritas 33

34 DEFINIZIONE AREE DI RISCHIO INTRODUZIONE E DEFINIZIONE DI High Risk and High Care Per garantire un'applicazione più coerente dei termini in tutto il mondo. Per garantire che il layout e le condizioni ambientali siano adeguate per ridurre i rischi di contaminazione incrociata da agenti patogeni. Definizioni appaiono in appendice 2 (p. 94) insieme a un albero decisionale. Le modifiche si riflettono nelle sezioni 4 e 7 dei requisiti Enclose product area Open product Low risk area High care High risk Bureau Veritas 34

35 IFS versione 6

36 IFS Food Version 6 UN PROGETTO COMUNE: IFS FOOD, VERSIONE 6 Il nuovo IFS Food Versione 6 è stato elaborato in collaborazione con la grande distribuzione, produttori, ristorazione ed enti di certificazione. Uscito a Gennaio 2012 Obbligatorio dal 1 luglio 2012 Da gennaio 2012 standard IFS gratuiti Bureau Veritas 36

37 Evoluzione dello standard IFS vers. 5 IFS vers. 6 IFS vers. 5 IFS vers. 6 (5 capitoli ) ( 6 capitoli ) 10 KO 10 KO Senior Management Responsibility Senior Management Responsibility Responsabilità della Direzione Responsibility of the senior management Quality management system Resource Management Production Process Measurements, Analyses, Improvements Quality and Food Safety Management System Resource Management Planning and Production Process Measurements,Anal ysis, Improvements Food defense and external inspections Determinazione del sist. di monit. ogni CCP Igiene del personale Specifiche relative alle materie prime Specifiche relative al prodotto finito (alla ricetta) Gestione dei Corpi Estranei Sistema di tracciabilità Verifiche ispettive interne Monitoring system of each CCP Personnel hygiene Raw material specifications Formula/Recipe compliance co Foreign body s management Traceability system sys Internal audits Internal audits Procedure di ritiro e richiamo Procedure for withdrawal and recall Azioni Correttive Corrective actions Bureau Veritas 37

38 IFS FOOD V.6 PROCESSO DI CERTIFICAZIONE SEMPLIFICATO Si introduce, per la maggior parte dei produttori di prodotti stagionali, il cosiddetto audit di estensione, per poter inserire in un certificato IFS preesistente un prodotto stagionale supplementare senza dover necessariamente effettuare nuovamente un intero audit IFS. In questo modo si riduce notevolmente il dispendio di tempo e denaro per molti produttori di prodotti stagionali che si sottopongono a certificazione IFS. Lo stesso obiettivo lo persegue anche il nuovo principio «Multisite». Le aziende con più sedi e una sede direzionale centrale possono in futuro sottoporre ad audit i processi nella sede direzionale e poi far fluire questi risultati negli audit delle singole sedi produttive. Ciò ha il vantaggio che non è più necessario per ogni audit di una sede di produzione ricontrollare sempre e nuovamente le funzioni centrali. Bureau Veritas 38

39 IFS FOOD V.6 PRODOTTI COMMERCIALIZZATI Possono essere AGGIUNTI nel certificato se : I fornitori sono certificati IFS Si applicano 3 requisiti aggiuntivi nella check list Attività di commercializzazione sia specificata nel certificato e nel report ( se commercializzano e basta : si fa IFS BROKER ) Bureau Veritas 39

40 IFS FOOD V.6 IMPORTANZA DEL PACKAGING E MATERIALE A CONTATTO Nel nuovo IFS Food Versione 6 questo argomento viene ulteriormente potenziato. Durante l audit viene controllato se il produttore ha elaborato specifici requisiti per il PACKAGING del prodotto sulla base di una valutazione del rischio e dell utilizzo conforme alle disposizioni legali vigenti Risk ANALYSIS In molti punti dello standard diventa la base delle nostre decisioni requisiti coinvolti citano: Based on hazard analysis and assessment of associated risks... Bureau Veritas 40

41 IFS FOOD V.6 INTEGRITY PROGRAMM Fonte: IFS Food version 6 Bureau Veritas 41

42 IFS FOOD V.6 FOOD DEFENSE: CHECKLIST E LINEA GUIDA A partire dalla versione 6, tutti gli utenti di IFS Food devono impegnarsi a soddisfare i principi del capitolo 6 (non più volontario) Requisiti nello standard Linea guida Bureau Veritas 42

43 IFS FOOD V. 6 UN NUOVO CALCOLO DELLA DURATA DI AUDIT vengono introdotti nuovi vincoli per il calcolo della durata di audit (nfluenzati da Product scopes + tech scopes + numero dipendenti ) Fonte: IFS Food version 6 Bureau Veritas 43

44 IFS FOOD V. 6 UN NUOVO CALCOLO DELLA DURATA DI AUDIT ( calculator) (la durata media di 2 gg ; non più 1,5 gg) Fonte: IFS Food version 6 Bureau Veritas 44

45 DETERMINAZIONE DEL PUNTEGGIO Ogni requisito deve essere classificato con i seguenti risultati: A, B, C o D cambiato il punteggio per la valutazione «D»! RISULTATO SPIEGAZIONE LIVELLO BASE A totale conformità al requisito dello standard 20 punti B quasi totale conformità dello standard, ma è stata rilevata una piccola deviazione 15 punti C solo una piccola parte del requisito è soddisfatta 5 punti D D su KO il requisito dello standard non è soddisfatto -50 % punteggio -20 punti Major : sempre -15% punteggio Per ko o major il certificato va sospeso sul portale entro 48 h dall audit Bureau Veritas 45

46 I CAMBIAMENTI : CHECK LIST ON LINE Bureau Veritas 46

47 Rilascio del certificato Non conformità Stato Azioni da parte dell'organizzazione auditata ALMENO 1 K.O. Non approvato Concordare le azioni correttive e un nuovo audit iniziale Certificato NO Programmazione di un nuovo audit iniziale > 1 non conformità Maggiore o Non approvato Concordare le azioni correttive e un nuovo audit iniziale NO < 75% dei requisiti sono applicati Programmazione di un nuovo audit iniziale Massimo 1 non conformità Maggiore e > 75% dei requisiti del livello base sono applicati Non approvato finchè non sono intraprese azioni e effettuato follow up audit Inviare il piano di miglioramento entro due settimane dal ricevimento del rapporto preliminare Audit supplementare: massimo 6 mesi dopo la data dell audit Foundation level ( se major risolta) Punteggio totale è > 75% e < 95% Approvato a livello base dopo il ricevimento del piano di miglioramento Inviare il piano di miglioramento entro due settimane dal ricevimento del rapporto preliminare Foundation level ( frequenza 12 mesi) Punteggio complessivo > 95% Approvato a livello superiore dopo il ricevimento del piano di miglioramento Inviare il piano di miglioramento entro due settimane dal ricevimento del rapporto preliminare Higher level ( frequenza 12 mesi) Bureau Veritas 47

48 IFS FOOD V.6 ALLERTA CARNE EQUINA L International Technical Committee di IFS si è riunito il 26 Febbraio scorso; a seguito dello scandalo sulla carne di cavallo, esperti del settore produttivo, distributivo e della certificazione hanno deciso di rafforzare il focus sul tema dell autenticità in alcuni requisiti dello Standard IFS. Per questo motivo IFS ha introdotto modifiche sui requisiti e Le modifiche diventano obbligatorie dal 1 aprile Bureau Veritas 48

49 IFS FOOD V.6 ALLERTA CARNE EQUINA Riportiamo nel seguito i requisiti nella nuova formulazione. In maiuscolo le parti modificate. - IFS Food 6 requirement (purchase) The purchased products shall be checked in accordance with the existing specifications AND THEIR AUTHENTICITY. The schedule of these checks shall, as a minimum, take into account the following criteria; product requirements, supplier status (according to its assessment) and impact of the purchased products on the finished product. The origin shall be additionally checked, if mentioned in the specification. Bureau Veritas 49

50 IFS FOOD V.6 ALLERTA CARNE EQUINA - IFS Food 6 requirement (product analysis) Based on any internal or external information on product risks which may have an impact on food safety AND/OR QUALITY(INCL. ALDUTERATION AND FRAUD), the company shall update its control plan and/ or take any appropriate measure to control impact on finished products. The main objective of these amendments is to also place the focus of the companies on the point that they have the responsibility to check the authenticity of their raw materials and/or semi-finished products. IFS expects that manufacturers develop a risk based control plan to check authenticity of incoming raw materials and/or semi-finished products. For example, visual checks can be done if the raw-material nature can be clearly identified. If not, for example for frozen minced meat, further tests like DNA tests should be performed. IFS pubblicherà presto un aggiornamento dell IFS Food Standard nelle differenti lingue e la Excel comparison/ guidelines e auditxpress. Bureau Veritas 50

51 ISO 22000: 2005

52 LA SERIE ISO ISO 22000:2005 Food safety management systems -- Requirements for any organization in the food chain ISO/TS :2009 Prerequisite programmes on food safety -- Part 1: Food manufacturing ISO/TS 22003:2007 Food safety management systems -- Requirements for bodies providing audit and certification of food safety management systems ISO 22005:2007 Traceability in the feed and food chain -- General principles and basic requirements for system design and implementation ISO/TS 22004:2005 Food safety management systems -- Guidance on the application of ISO 22000:2005 ISO 22006:2009 Quality management systems -- Guidelines for the application of ISO 9001:2008 to crop production Bureau Veritas 52

53 ISO ISO 22000:2005 Sistemi di gestione per la sicurezza alimentare Requisiti per qualsiasi organizzazione nella filiera alimentare L ISO Committee TC34 ha pubblicato in settembre 2005 la norma ISO Ad Aprile 2006 UNI ha recepito la norma I cardini della ISO Metodo HACCP Hazard Analysis and Critical Control Points Codex Alimentarius Programmi di prerequisiti (PRP) Sicurezza igienica Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare Sistema di gestione ISO 9001 Comunicazione interattiva lungo la filiera Bureau Veritas 53

54 ISO CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMA Multisi Descrizione Categoria Esempi to Sì A produzione primaria animale Allevamento animale, ittico, produzione uova, etc. Sì B produzione primaria vegetale Coltivazione di frutta, verdura, cereali, orticole, etc. No C Prodotti trasformati freschi di origine animale ( inclusa la macellazione ) Carne, pollame, confezionamento uova, latte e prodotti ittici No D Prodotti trasformati freschi di origine vegetale Confezionamento di frutta e verdura fresca ; succhi di frutta e verdura, No E Prodotti alimentari a lunga conservazione Conserve, bevande prodotti da forno, snacks, pasta, farine, zucchero, dolciumi, sale No F Produzione di mangimi Per ittico ed animali Sì G Catering Ristoranti, ristorazioni collettive Sì H Distribuzione GDO, negozi, ingrosso No I Servizi Pulizie, disinfestazioni derattizzazioni, gestione rifiuti, approvvigionamento idrico, Sì J Trasporto e stoccaggio No K Fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici per l'industria alimentare No L Produzione di prodotti chimici e biologici per Additivi, vitamine, pesticidi, farmaci, l'industria alimentare e zootecnica fertilizzanti, detergenti-disinfettanti, aromi, spezie, biocolture No M produzione di materiale da imballo ed imballaggi per l'industria alimentare Bureau Veritas 54

55 ISO 9001 e ISO ISO & ISO 9001 interazioni 1. scopo 2. Riferimenti normativi 8. Validazione, verifica e miglioramento 3. Termini e definizioni 7. Pianificazione e realizzazione di prodotti sicuri 6. Gestione delle risorse 4 Sistema di gestione sicurezza alimentare 5 Responsabilità della Direzione Bureau Veritas 55

56 ISO 9001 e ISO ISO & ISO 9001 Comunicazione interattiva Controllo dei rischi / Progettazione e realizzazione di prodotti sicuri 5 Approccio sistematico alla sicurezza alimentare 4 Rapporto di reciproco vantaggio con il fornitore 3 Gestione delle risorse 2 Coinvolgimento delle persone 1 Responsabilità del leadership e della direzione Organizzazione focalizzata sul cliente Miglioramento continuo Approccio sistematico alla gestione Approccio reale al processo decisionale Metodo adottato ISO 9001 ISO Bureau Veritas 56

57 ISO Scopo e campo di applicazione 2-Riferimenti normativi 3- termini e definizioni Sistema di Gestione per la Sicurezza Alimentare(4.0) 4.1 Requisiti generali 4.2 Requisiti relativi alla documentazione 5- Responsabilità della Direzione 5.1 Impegno della Direzione 5.2 Politica per la Sicurezza Alimentare 5.3 Pianificazione del FSMS 5.4 Responsabilità ed Autorità 5.5 Responsabile del gruppo per la sicurezza alimentare 5.6 Comunicazione 5.7 Preparazione e Risposta all emergenza 5.8 Riesame da parte della Direzione 6- Gestione delle Risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse 6.2 Risorse umane 6.3 Infrastrutture 6.4 Ambienti di lavoro Bureau Veritas 57

58 ISO Pianificazione e realizzazione di prodotti sicuri 7.1 Generalità 7.2 Programmi di Pre-requisiti 7.3 Fasi preliminari per consentire l analisi dei pericoli 7.4 Analisi dei pericoli 7.5 Costituzione dei PRP operativi 7.6 Costituzione del piano HACCP 7.7 Aggiornamento delle informazioni e dei documenti preliminari per PRP e piano HACCP 7.8 Pianificazione della verifica 7.9 Sistema di rintracciabilità 7.10 Tenuta sotto controllo delle non conformità 8- Validazione, Verifica e Miglioramento del FSMS 8.1 Generalità 8.2 Validazione delle combinazione delle misure di controllo 8.3 Tenuta sotto Controllo del monitoraggio e della misurazione 8.4 Verifica del FSMS 8.5 Miglioramento Bureau Veritas 58

59 ISO 22000:ESEMPI Combinazione delle Misure di Controllo Infrastrutture & programmi di manutenzione Introduzione all analisi dei pericoli Initial opera tional PRPs Fasi preliminari Destinazione d uso Descrizione delle fasi del processo e delle misure di controllo Diagrammi di flusso Livelli di accettabilità Caratteri stiche del prodotto Analisi dei pericoli Identificazione dei pericoli Rischi da valutare Valutazione dei pericoli Rischi da controllare Valutazione delle misure di controllo Combinazione selezionata e categorizzata delle misure di controllo Fase di progettazione Piano HACCP Operational PRPs Validazione della combinazione delle misure di controllo Bureau Veritas 59

60 FSSC 22000

61 FSSC : (Food Safety System Certification ) Cosa è la FSSC 22000? E un sistema di certificazione per i produttori di alimenti, di proprietà della Foundation of Food Safety Certification Il progetto è stato sostenuto dalla Confederazione delle industrie alimentari e delle bevande dell'unione europea (CIAA). Il contenuto dello schema FSSC è stato approvato dal GFSI, a febbraio 2010 questo standard può essere considerato un omologo/equivalente nei contenuti agli standard BRC e IFS Certificazione di sistema : accreditamento ISO (www.fssc22000.com) Bureau Veritas 61

62 FSSC Quali sono i requisiti per ottenere la FSSC 22000? Food Safety Management System: in accordo con la ISO 22000:2005 Pre-requisite Programs: come previsto dalla ISO/TS ( elenco di prerequisiti ) Requisiti aggiuntivi : Appendix I A - PART I ISO PAS 220* PAS 223 PAS 222 FSSC REQUISITI AGGIUNTIVI RITIRATA E SOSTITUITA DALLA ISO/TS PART1 ( STESSI CONTENUTI ) Bureau Veritas 62

63 FSSC Bureau Veritas 63

64 FSSC Novità: PAS 223 E PAS 222 Bureau Veritas 64

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) MA l immaginazione aumenta con la pratica (William Somerset Maugham)

L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) MA l immaginazione aumenta con la pratica (William Somerset Maugham) GUIDA ALLA DIFESA INTEGRATA DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI L esperienza toglie più di quanto aggiunga (Platone) E l immaginazione è più importante del sapere (Albert Einstein) MA l immaginazione aumenta con

Dettagli

LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Stato attuale e prospettive di evoluzione

LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE Stato attuale e prospettive di evoluzione Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it Relazione SINCERT Novembre 2005 LA QUALITÀ NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali

Tiziano Bettati, Maria Teresa Pacchioli Centro Ricerche Produzioni Animali Il Divulgatore n.10/2002 Sicurezza alimentare PARTENDO DALLA DOP Tr@ce.pig è un progetto di tracciabilità della filiera del suino pesante utilizzato come materia prima per i Prosciutti di Parma a Denominazione

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI

MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI CONFEDERAZIONE NAZIONALE COLDIRETTI MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA MANUALE DI CORRETTA PRASSI OPERATIVA PER LA RINTRACCIABILITA E L IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI E DEI MANGIMI REGOLAMENTI CE N.

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014

APPLICAZIONE DEL (D.L.1937/07) SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP. DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI AUTOCONTROLLO HACCP (D.L.1937/07) DOTT. ANDREA STORTI 24-ottobre 2014 DEFINIZIONE HACCP ( HAZARD ANALYSIS AND CRITICAL POINT) Analisi dei Rischi e Controllo dei Punti Critici

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade 15 it Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa Valida dal: 16/01/2015 Distribuzione: pubblica Indice 1 Scopo... 4 2 Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese

Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese Linea Guida per l Organizzazione di un Sistema Prevenzionale nelle Piccole e Medie Imprese PRESENTAZIONE Il presente lavoro si propone l obiettivo di fornire un modello organizzativo ispirato ai Sistemi

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl

GE.NE Srl - MERCATOPESCA Srl - GEM Srl 1 Ge.Ne S.r.l è un'azienda che opera con successo da 20 anni nel commercio di prodotti ittici freschi e congelati, carne fresca confezionata di alta qualità, verdure e primi piatti surgelati. I moderni

Dettagli

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12

2006 02 09 Sottocomitato per lo schema SCR 2006 02 28 Comitato di Accreditamento COMITATO DI ACCREDITAMENTO. Accreditamento RT-12 Via Saccardo, 9 I-20134 MILANO Tel.: + 39 022100961 Fax: + 39 0221009637 Sito Internet: www.sincert.it E-mail: sincert@sincert.it C.F./P.IVA 10540660155 Titolo Sigla RT-12 Revisione 01 Data approvazioni

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Università degli Studi di Bergamo Seminario nell ambito del corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Bergamo, 6 maggio 2013 GLI ADEMPIMENTI DOGANALI NEL COMMERCIO INTERNAZIONALE Dott.ssa

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli