Imperialismo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imperialismo 1875-1914"

Transcript

1 Imperialismo

2

3 "Ma paradossalmente l'età che va dal 1875 al 1914 può essere detta Età imperiale non solo perché essa diede vita a un imperialismo di nuovo tipo, bensì anche per una ragione di stampo più antico. Fu quello, probabilmente, il periodo della storia mondiale moderna in cui furono più numerosi i sovrani che si chiamavano ufficialmente "imperatori", o erano ritenuti dai diplomatici occidentali degni di questo titolo. In un senso meno banale, il nostro periodo è ovviamente l'età di un nuovo tipo di impero, quello coloniale. La supremazia economica e militare dei paesi capitalsitici era da un pezzo fuori discussione; ma tra la fine del XVIII secolo e l'ultimo venticinquesimo del XIX non si era fatto nessun tentativo sistematico di tradurla in conquiste, annessioni e amministrazioni formali. Fra il 1880 e il 1914 il tentativo fu fatto, e la maggior parte del mondo extraeuropeo, ad eccezione delle Americhe, fu formalmente spartito in territori soggetti al governo esplicito, o all'implicito dominio politico dell'uno o dell'altro di un manipolo di stati: principalmente Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Olanda, Belgio, Stati Uniti, Giappone." (Hobsbawm, Età degli imperi pag. 67)

4 " il termine "imperialismo" cominciò a entrare nel lessico politico e giornalistico durante gli anni 1890, nel corso dei dibattiti sulla conquista coloniale. il termine ha acquistato man mano, e ormai probabilmente non perderà più, una coloritura peggiorativa... l'imperialismo è una cosa comunemente ritenuta riprovevole e quindi attribuita agli altri." (idem, pag. 70 e 71)

5 " l'imperialismo del tardo ottocento era indubbiamente "nuovo". Era figlio di un'era di competizione nuova fra economie nazionali capitalistico-industriali rivali; nuova e intensificata dalla spinta ad assicurarsi e a salvaguardare i mercati in un periodo di incertezza economica; Quell'imperialismo era parte di un processo di allontanamento dal capitalismo del laissez-faire pubblico e privato; processo anch'esso nuovo, e implicante l'avvento sia di grandi società e di oligopoli, sia di un maggiore intervento dello stato nelle faccende economiche". (idem, pag )

6 "Un peso molto maggiore ebbe la diffusa tendenza a offrire agli elettori la gloria anziché più costose riforme: e cosa c'era di più glorioso della conquista di territori esotici e di genti e di carnagione scura, specie se erano di solito conquistabili a buon mercato? Più in generale l'imperialismo incoraggiava le masse, e specialmente i potenziali scontenti a identificarsi con lo Stato e la nazione imperiale, e così a giustificare e legittimare inconsciamente il sistema politico-sociale rappresentato dallo stato medesimo." (Hobsbawm, Età degli imperi, pag. 82).

7 " era convinzione diffusa che l'imperialismo potesse non solo surrogare le riforme sociali, ma fosse anche popolare. Alla prova dei fatti la guerra, o almeno la prospettiva di una guerra vittoriosa, dimostrò di avere un potenziale demagogico intrinseco anche maggiore". (idem, pag. 123)

8 "Il cinquantennio che precede il 1914 fu un'età classica di xenofobia e quindi di reazione nazionalistica contro di essa, perché, anche lasciando da parte il colonialismo, fu un'età di mobilità e migrazione massiccia, specie nei decenni della Depressione, di manifesta o sotterranea tensione sociale " (idem, pag. 176)

9 Nuovo imperialismo L imperialismo del tardo Ottocento fu una prosecuzione dell espansione coloniale setteottocentesca, ma con alcuni caratteri specifici: Rapidità (pochi decenni a fronte di secoli) Superficie di conquista (1/5 delle terre del globo e 1/10 dei suoi abitanti) Soggetti conquistatori (gli stati a fronte delle compagnie private) Ragioni di conquista non solo economiche ma anche politiche (dominare intere regioni anche quando il vantaggio non era percepibile)

10 Imperialismo (pag. 365) Motivazioni economiche (Hobson, Lenin) Ricerca di mercati, sbocco investimenti, materie prime Imperialismo economico (Inghilterra in America del sud) Motivazioni politiche (Schumpter, Fieldhouse) Ricerca del prestigio e coesione interna Equilibri diplomatici e di potenza

11 L imperialismo americano è il prodotto naturale della pressione economica di un improvviso incremento del capitale, che non può trovare impiego in patria e ha bisogno di mercati stranieri per i beni e per gli investimenti. Le medesime necessità sussistono nei paesi europei e spingono, come viene ammesso, i vari governi sulla medesima strada. (Hobson, Imperialismo 1902)

12 Dal momento che le nazioni entrano una dopo l altra nell economia delle macchine e tutte adottano sistemi industriali avanzati, diventa sempre più difficile per i produttori, per gli operatori commerciali, per i finanzieri disporre con profitto delle proprie risorse economiche, sicché essi sono sempre più fortemente tentati di usare i rispettivi governi al fine di assicurarsi per loro uso privato qualche remoto e arretrato paese mediante annessione o protettorato. (Hobson, Imperialismo 1902)

13 Il processo, ci si dirà, è inevitabile e tale in realtà appare a un esame superficiale. Dappertutto ci si presentano forze di produzione in eccesso, dappertutto un eccesso di capitale in cerca di investimento. Non c è uomo d affari che non ammetta che l aumento del potere di produzione nel suo paese eccede la corrispondente crescita dei consumi, che possono essere prodotte quantità di beni maggiori di quelle che possano essere esitate con profitto e che esiste un capitale in eccesso rispetto alle possibilità di trovare investimenti remunerativi. (Hobson, Imperialismo)

14 Se si volesse dare la più concisa definizione possibile dell imperialismo, si dovrebbe dire che l imperialismo è lo stadio monopolistico del capitalismo. Tale definizione conterrebbe l essenziale, giacché da un lato il capitale finanziario è il capitale bancario delle poche grandi banche monopolistiche, fuso col capitale delle unioni monopolistiche industriali, e d altro lato la ripartizione del mondo significa passaggio dalla politica coloniale, estendentesi senza ostacoli ai territori non ancora dominati da nessuna potenza capitalistica, alla politica coloniale del possesso monopolistico della superficie terrestre definitivamente ripartita. Nel 1916 Lenin pubblicò un saggio intitolato L imperialismo fase suprema del capitalismo, nel quale sviluppava le tesi dell economista inglese John Atkinson Hobson, sostenitore della maggiore rilevanza dei fattori economici del colonialismo

15 Quindi noi dobbiamo dare una definizione dell imperialismo, che contenga i suoi cinque principali contrassegni, e cioè: 1) la concentrazione della produzione e del capitale, che ha raggiunto un grado talmente alto di sviluppo da creare i monopoli con funzione decisiva nella vita economica; 2) la fusione del capitale bancario col capitale industriale e il formarsi, sulla base di questo «capitale finanziario», di un oligarchia finanziaria; 3) la grande importanza acquistata dall esportazione di capitale in confronto con l esportazione di merci; 4) il sorgere di associazioni monopolistiche internazionali di capitalisti, che si ripartiscono il mondo; 5) la compiuta ripartizione della terra tra le più grandi potenze capitalistiche. (Lenin)

16 Secondo SCHUMPETER (1919 "La sociologia dell'imperialismo") bisogna distinguere tra capitalismo teorico, essenzialmente razionale e benefico, caratterizzato da una economia dinamica e di sviluppo equilibrato; e capitalismo reale essenzialmente imperialistico ed oppressivo, apportatore di squilibri e disuguaglianze. Imperialismo è per lo studioso "l'assurda tendenza da parte di uno Stato a perseguire una espansione illimitata e violenta". Il modello di capitalismo reale si sarebbe realizzato per il prevalere di una componente irrazionale e atavica dell'uomo stesso. Con il prevalere della componente razionale nella vita sociale l'imperialismo sarebbe scomparso. "Un mondo puramente capitalistico non può offrire terreno fertile agli impulsi imperialistici" - "Il capitalismo è per sua stessa natura anti-imperialistico".

17 Un importante contributo al dibattito sull origine dell imperialismo è venuto da studiosi che, criticando le interpretazioni di Hobson e di Lenin, i quali consideravano determinanti le cause di tipo economico, hanno assegnato un maggior peso a fattori di ordine politico e sociologico. Lo storico inglese David Kenneth Fieldhouse collega l espansione coloniale alla situazione dell Europa a partire dal 1870, quando ebbe inizio una crescente rivalità tra gli stati, vennero nuovamente applicate tariffe protettive e «la potenza militare tornò ad essere il criterio, il metro della grandezza nazionale». In tal modo divenne sempre più popolare l idea imperiale, fondata su «concetti assurdi, irrazionali come la superiorità della razza e il prestigio della nazione». [Vedi fotocopie]

18 Secondo G. Barone (Imperialismo e colonialismo 1999) l imperialismo giocò un ruolo importante nell opera di nazionalizzazione delle masse [pag. 344], ovvero di integrazione dei ceti popolari nello stato-nazione e nei suoi valori. Ricorda che secondo lo storico inglese Hobsbawm negli ultimi decenni dell Ottocento si diffuse la tendenza ad offrire agli elettori la gloria anziché le più costose riforme (Imperialismo delle masse - vedi pag. 367)

19 L Imperialismo come fenomeno economico La seconda rivoluzione industriale ( ; ) La grande depressione ( )

20

21 La seconda rivoluzione industriale Sviluppo tecnologico Chimico, elettrico, siderurgico Concentrazione industriale Integrazione finanza industria Intervento dello stato Razionalizzazione produttiva Cartelli, trust Banche miste, società per azioni Commesse all industria protezionismo imperialismo Taylorismo, fordismo

22 Sovrapproduzione Cause congiunturali Innovazione tecnologica Capitalismo monopolistico Eccesso di offerta Grande depressione Protezionismo Colonialismo Società di massa Nuove potenze industriali

23

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI

SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI SUL CONCETTO DI IMPERIALISMO MATERIALE DIDATTICO A CURA DI PAOLO CARMIGNANI IMPERIALISMO: definizione 1 (in senso più ampio) Espansione territoriale di uno stato a spese di altri stati o nazioni sui quali

Dettagli

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina

Imperialismo imperialismo sovrapproduzione civiltà prestigio nazionalismo Gran Bretagna Francia Germania Africa Conferenza di Berlino Cina Imperialismo A partire dagli ultimi decenni dell'ottocento e fino alla Prima guerra mondiale, l'europa vive un periodo storico caratterizzato dal desiderio da parte di alcuni Stati del Vecchio continente

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore

La seconda rivoluzione industriale. L'industrializzazione fra XIX e XX secolo. Lezioni d'autore La seconda rivoluzione industriale L'industrializzazione fra XIX e XX secolo Lezioni d'autore Industrializzazione e sviluppo economico Il sistema di fabbrica continua a espandersi e cambia il volto di

Dettagli

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE

MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MASTER DI I E II LIVELLO IN MANAGEMENT DEL GOVERNO LOCALE MILANO 29 30 APRILE FINANZA PUBBLICA TEORIE ECONOMICHE Sergio Zucchetti 1 Una parentesi: le teorie economiche Quando in Italia si parla di politiche

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

LA FRANCIA. fattori di ordine sociale: - ostilità all industrializzazione. i casi nazionali: Corso di STORIA ECONOMICA, a.a.

LA FRANCIA. fattori di ordine sociale: - ostilità all industrializzazione. i casi nazionali: Corso di STORIA ECONOMICA, a.a. Corso di STORIA ECONOMICA, a.a. 2003-2004 LUCIDI sulla storia della grande impresa / seconda parte ARGOMENTI: La FRANCIA - lucidi 103-121 La GERMANIA - lucidi 122-125 Il GIAPPONE - lucidi 126-131 L ITALIA

Dettagli

Nazionalismo Colonialismo Imperialismo. L età dell imperialismo La spartizione dell Africa La penetrazione in Asia Gli interessi in Medio Oriente

Nazionalismo Colonialismo Imperialismo. L età dell imperialismo La spartizione dell Africa La penetrazione in Asia Gli interessi in Medio Oriente Nazionalismo Colonialismo Imperialismo L età dell imperialismo La spartizione dell Africa La penetrazione in Asia Gli interessi in Medio Oriente L età dell imperialismo fase aggressiva della conquista

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL ECONOMIA LEZIONE III FONTI DEL DIRITTO DELL IMPRESA PROF. MARIA ROSARIA NADDEO Indice 1 Direttive, Costituzione, codici, leggi ------------------------------------------------------------------

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE

PRIMA GUERRA MONDIALE Capitolo 4L A PRIMA GUERRA MONDIALE Il mondo durante la Prima Guerra Mondiale Alle origini del conflitto Nel 1914 l Europa era percorsa da molteplici tensioni e da rivalità profonde tra gli Stati, che

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE

CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE CAP 5 IL DECLINO INGLESE E L EMERGERE DI TEMIBILI COMPETITORI FUORI DELL EUROPA: STATI UNITI E GIAPPONE Il declino della Gran Bretagna Anche il first mover pur avendo grandi vantaggi non li riesce a mantenere

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 11: Potere di Mercato David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini

La formazione dello stato moderno. Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini La formazione dello stato moderno Lo stato moderno Le forme dello stato moderno Lo stato del re e lo stato dei cittadini Un solo stato cristiano? Il Medioevo aveva teorizzato l unità politica e religiosa

Dettagli

LE PRINCIPALI SCUOLE DI ECONOMIA PROF. MATTIA LETTIERI

LE PRINCIPALI SCUOLE DI ECONOMIA PROF. MATTIA LETTIERI LE PRINCIPALI SCUOLE DI ECONOMIA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 L EVOLUZIONE DELLE IDEE-------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 L ECONOMIA CLASSICA

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

Quaderni interdisciplinari. Antonino Sciotto L IMPERIALISMO. come fenomeno politico, economico e culturale MARNASCUOLA

Quaderni interdisciplinari. Antonino Sciotto L IMPERIALISMO. come fenomeno politico, economico e culturale MARNASCUOLA Quaderni interdisciplinari Antonino Sciotto L IMPERIALISMO come fenomeno politico, economico e culturale MARNASCUOLA La discussione che presentiamo è limitata all aspetto storico dell imperialismo. L edizione

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

La crisi del 1929 e il New Deal

La crisi del 1929 e il New Deal La crisi del 1929 e il New Deal 1919-29 decollo economia USA Tra il 1919 e il 1929 si assiste ad uno straordinario decollo dell economia americana che comporta l aumento del 78% della produzione industriale.

Dettagli

IL CASO TEDESCO. Un caso di veloce modernizzazione. INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA...e tuttavia rapida (1830-1870)

IL CASO TEDESCO. Un caso di veloce modernizzazione. INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA...e tuttavia rapida (1830-1870) Un caso di veloce modernizzazione gli altri casi nazionali IL CASO TEDESCO slides Lezione 21.05.2010 INDUSTRIALIZZAZIONE RITARDATA...e tuttavia rapida (1830-1870) Essa si innestò su un antico (e ricco)

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

Crisi finanziaria e politica economica

Crisi finanziaria e politica economica Crisi finanziaria e politica economica * Istituzioni finanziarie e governi I progressi finanziari degli ultimi mesi sono stati piuttosto eclatanti. Essi hanno prodotto dei grandi cambiamenti all interno

Dettagli

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale

1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale SOMMARI0 QUATTRO Lezione del 24 0ttobre 2005. 1 ) La politica del lavoro nell economia internazionale Il lavoro come fattore di produzione. La politica del lavoro presenta una diversa dimensione rispetto

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia

Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Dal financial al social verso nuovi modelli di Economia Vedano Olona 20 3 2012 "Quando una persona viene al mondo è un albero di possibilità, di tante possibili vite; tanti rami, tanti bivi: di questo

Dettagli

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com

CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI. UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com CORSO DI RELAZIONI INTERNAZIONALI UNICAL a.a. 2014/2015 Docente: Cecilia Emma Sottilotta Mail: sottilottac@gmail.com INTERNATIONAL POLITICAL ECONOMY I DIBATTITI CONTEMPORANEI 3 LA STABILITA EGEMONICA (I)

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2

La Russia e il modello standard «modificato» 1/2. La Russia e il modello standard «modificato» 2/2 La Russia e il modello standard «modificato» 1/2 La Russia era una delle regioni più arretrate d Europa ancora a metà del Ottocento Lo Zar Alessandro II per modernizzare il paese e stimolare la crescita

Dettagli

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI

IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME DI LIMITI ALL USO DELLA FORZA INTERNAZIONALE ED INTERNA DEGLI STATI PROF. GIUSEPPE CATALDI Indice 1 IL CONTENUTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE COME INSIEME

Dettagli

APPROFONDIMENTI 1870-1914 Interpretazioni dell Imperialismo

APPROFONDIMENTI 1870-1914 Interpretazioni dell Imperialismo APPROFONDIMENTI 1870-1914 Interpretazioni dell Imperialismo «L economista inglese John Hobson può essere considerato il fondatore dell interpretazione in chiave economica dell imperialismo. Nella sua opera

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANAGEMENT IN SANITÁ

INTRODUZIONE AL MANAGEMENT IN SANITÁ INTRODUZIONE AL MANAGEMENT IN SANITÁ PROCESSO MANAGERIALE MODO SISTEMATICO DI OPERARE IN QUANTO TUTTI I MANAGERS, INDIPENDENTEMENTE DALLE LORO ATTITUDINI O CAPACITÁ, INTRAPRENDONO UNA SERIE DI ATTIVITÁ

Dettagli

IL PARASSITISMO NELLA CONTESA INTERNAZIONALE VII (Prospettiva Marxista marzo 2014)

IL PARASSITISMO NELLA CONTESA INTERNAZIONALE VII (Prospettiva Marxista marzo 2014) IL PARASSITISMO NELLA CONTESA INTERNAZIONALE VII (Prospettiva Marxista marzo 2014) «Si trattava invece di presentare da una parte questo modo di produzione capitalistico nel suo nesso storico e nella sua

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

DOMANDE di RIEPILOGO

DOMANDE di RIEPILOGO DOMANDE di RIEPILOGO UNITA A - ANALISI ECONOMICA DELL IMPRESA Lez 3 Aspetti organizzativi dell impresa Natura e forme istituzionali Quali sono le caratteristiche dell impresa come istituzione gerarchica

Dettagli

studi superiori / 1006 studi storici

studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 1 04/09/15 16:30 Giangiulio_stampa_CS5.indd 2 04/09/15 16:30 studi superiori / 1006 studi storici Giangiulio_stampa_CS5.indd 3 04/09/15 16:30 I lettori che desiderano informazioni

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

Antonella Laino Il monopolio naturale

Antonella Laino Il monopolio naturale A13 477 Antonella Laino Il monopolio naturale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN 978-88-548-4809-2

Dettagli

IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE IL MONDO DEI ROBOT: I PROTAGONISTI DELL AUTOMAZIONE INDUSTRIALE La realizzazione di sistemi di controllo automatico si può far risalire ad epoche piuttosto remote nella storia dell umanità. Le prime applicazioni

Dettagli

In ricordo del professor Veniero Del Punta

In ricordo del professor Veniero Del Punta I In ricordo del professor Veniero Del Punta Il professor Veniero Del Punta, da vari decenni autorevole e prestigioso membro del nostro Comitato Scientifico, è improvvisamente mancato il 3 aprile scorso.

Dettagli

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea

Ines Cavelli. 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Ines Cavelli 1945-1954 UNIONE EUROPEA: perché? Intrighi politici sulla via dell integrazione europea Alla mia piccola, preziosa famiglia. INDICE La situazione economica della Francia...10 La situazione

Dettagli

Disoccupazione, disuguaglianza e instabilità.

Disoccupazione, disuguaglianza e instabilità. Jeronim Capaldo è Senior Researcher al Global Development and Environment Institute della Tufts University di Boston Disoccupazione, disuguaglianza e instabilità. L impatto del TTIP Il TTIP fra USA e UE,

Dettagli

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane 3.1. I modelli capitalistici diffusi nel contesto internazionale 3.2. Il modello di capitalismo italiano 3.1 I modelli capitalistici diffusi

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Il Welfare State in una prospettiva storica. Dalle parole chiave ai momenti chiave

Il Welfare State in una prospettiva storica. Dalle parole chiave ai momenti chiave Il Welfare State in una prospettiva storica. Dalle parole chiave ai momenti chiave Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Abbiamo

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche

Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Lezioni Lincee di Economia Milano 2 marzo 2015 Giorgio Lunghini Le cause delle crisi economiche Una volta uno studente chiese a N. Kaldor (un grande economista di Cambridge, ma di origine ungherese) se

Dettagli

La politica commerciale

La politica commerciale La politica commerciale Arcangelis 2005 1 Introduzione Se la Cina impone un dazio sulle importazioni dall UE e dagli USA, che cosa accade? E se sussidia le proprie esportazioni? Qual è stato l effetto

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt

Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Internet: l era dei media globali e comuni Reed Hundt Reed Hundt è responsabile dell iniziativa IDEA (International Digital Economy Accords) promossa dall Aspen Institute ed ex presidente della Commissione

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Stabilità di un accordo collusivo Fattori

Dettagli

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio

Il commercio internazionale. I vantaggi del libero scambio Il commercio I vantaggi del libero scambio Gli argomenti pro e contro il libero scambio Elementi di storia delle relazioni commerciali dagli anni trenta ad oggi I diversi tipi di accordi commerciali Vi

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

Karl Marx. Il Capitale

Karl Marx. Il Capitale Karl Marx Il Capitale Il Capitale Marx esamina le leggi economiche che regolano lo sviluppo del capitalismo, dalle quali dipende destino della borghesia. Critica dell economia politica Marx prende le distanze

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030

Premessa. Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Premessa Arrivare al 2050, sopravvivere al 2030 Bastarono pochi mesi perché l impero sovietico si sfasciasse, pochi giorni per modificare radicalmente la situazione del Nordafrica. Potrebbero bastare pochi

Dettagli

Speculazioni sul cibo e volatilità dei prezzi delle commodity agricole. Le richieste della società civile 1

Speculazioni sul cibo e volatilità dei prezzi delle commodity agricole. Le richieste della società civile 1 Speculazioni sul cibo e volatilità dei prezzi delle commodity agricole. Le richieste della società civile 1 1.Introduzione La liberalizzazione dei mercati avvenuta negli ultimi 15 anni si è basata sostanzialmente

Dettagli

La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici

La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici La cultura dell innovazione: valori, comportamenti e territori innogenetici Riccardo Viale (Fondazione Cotec e SSPA, Roma) 2008 Lugano, 6 novem bre 2008 INTRODUZIONE Numerosi studi hanno evidenziato come

Dettagli

Tesi di Laurea LA DISCIPLINA DEL LAVORO DEGLI IMMIGRATI. Relatore: Ch.mo Prof. Michel Martone. Dottorando: Massimo Junior Visco.

Tesi di Laurea LA DISCIPLINA DEL LAVORO DEGLI IMMIGRATI. Relatore: Ch.mo Prof. Michel Martone. Dottorando: Massimo Junior Visco. Tesi di Laurea LA DISCIPLINA DEL LAVORO DEGLI IMMIGRATI Relatore: Ch.mo Prof. Michel Martone Dottorando: Massimo Junior Visco Sintesi Il lavoro che si è svolto, lungi dal voler fornire una fotografia meramente

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

17 maggio 2013 Roberto Russo

17 maggio 2013 Roberto Russo Comprare Italia! 17 maggio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Una delle massime di Warren Buffett, riferita agli investitori, recita: Guarda avanti e non attraverso lo specchietto retrovisore. Tale

Dettagli

L ETÀ DELL IMPERIALISMO

L ETÀ DELL IMPERIALISMO 1 L ETÀ DELL IMPERIALISMO L età dell imperialismo va dal 1870 al 1914. Questa epoca viene chiamata dell imperialismo perché, ironicamente, fu il periodo col maggior numero di Stati che venivano chiamati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

LA DINAMICA DEL CAMBIAMENTO

LA DINAMICA DEL CAMBIAMENTO LA DINAMICA DEL CAMBIAMENTO Il mondo è in rapida trasformazione spinto dagli effetti di una rivoluzione tecnologica diffusa, ossia una accelerazione senza precedenti della produzione di nuove tecnologie

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia

Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere. A cura di Michele Borgia Il rapporto fra finanziamento e qualità delle prestazioni nelle ASL e nelle aziende ospedaliere A cura di Michele Borgia Struttura dell intervento I. Caratteristiche originarie e carenze : II. Istituzioni

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A.

3. DIVISIONE DEL LAVORO E STRATIFICAZIONE FIORENZO PARZIALE INTEGRAZIONE SOCIALE E MERCATO DEL LAVORO UNIVERSITA LUMSA-ROMA A.A. 1 Abbiamo visto che: Appunti Forze sociali e istituzioni si influenzano a vicenda e danno vita a una data regolazione sociale Il capitalismo ha assunto diverse forme. Col capitalismo industriale, in particolare

Dettagli

Capire la finanza e la finanza etica

Capire la finanza e la finanza etica Corso Intensivo Capire la finanza e la finanza etica Sabato 5 febbraio 2011 Seminario di Marco Passarella (Università di Bergamo) PRIMA PARTE Il ruolo del pubblico nella regolazione dei mercati. L'evoluzione

Dettagli

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE

RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE RISPARMIO E CONSUMO NELLE FAMIGLIE ITALIANE Sommario: 1. Ruolo economico del risparmio 2. La ricchezza delle famiglie 3. La propensione al risparmio 4. Invecchiamento della popolazione, sistemi pensionistici,

Dettagli

Indice. 1 Il ruolo dello stato nell economia ---------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il ruolo dello stato nell economia ---------------------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE X IL RUOLO DELLO STATO NELL ECONOMIA PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Il ruolo dello stato nell economia ----------------------------------------------------------------------

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 1 Introduzione Prof. Gianmaria Martini Cosa studia l economia L economia è la scienza delle decisioni di soggetti razionali

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX

XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX XVI Convegno AIAF ASSIOM FOREX Relazione introduttiva Gregorio De Felice, Presidente AIAF Napoli, 13 febbraio 2010 1 Signor Governatore, Autorità, Signori Delegati, sono ormai trascorsi quasi mille giorni

Dettagli