Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana. fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana. fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico"

Transcript

1 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico 1

2 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico IL SISTEMA DELL OFFERTA TURISTICA Check up sintetico 2

3 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Il Grande Fiume Il Po è malato per il gigantesco prelievo di acqua dall agricoltura; per gli scarichi inquinanti di agricoltura e industria; per il pesante impatto delle escavazioni nel letto e in golena....il fiume non è balneabile, l acqua non è potabile. Il Po è inospitale: per gli alti argini che lo isolano dal territorio circostante; per la nebbia che lo avvolge nella stagione invernale; per il caldo e le zanzare nella stagione estiva; per la monotona uniformità paesaggistica delle sponde; per la forte corrente che lo rende pericoloso agli inesperti. 3

4 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Il Grande Fiume Il Po è navigabile Fino al delta e Venezia a est e fino a Piacenza a ovest; Con la Stradivari si arriva fino a Mantova risalendo il Mincio; con la Padus si toccano i comuni rivieraschi La sistemazione del porto di Boretto e i nuovi attracchi di Guastalla e Luzzara hanno migliorato la fruibilità turistica del fiume; Il Po è vitale: Il campo di pesca sportiva di Boretto (6 Km) attira nel fine settimana 300/400 pescatori, anche da fuori regione, molti dormono negli alberghi del parmigiano; Il Lido di Boretto, le aree golenali di Guastalla e di Luzzara rappresentano già oggi dei veri punti di attrazione per residenti e visitatori in cerca di relax. E praticabile anche la navigazione con piccole imbarcazioni purché condotte da piloti esperti. 4

5 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Il Grande Fiume Il Po è sorprendente Per il grandioso ecosistema che lo circonda, fatto di corsi d acqua, aree umide, radure e golene, boscaglie di pioppi, olmi e frassini; Per le mille suggestioni letterarie, storiche e artistiche che gli sono indissolubilmente legate; Per la rassicurante accoglienza della pianura che lo accompagna, così diversa dagli stereotipi dell Italia turistica 5

6 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Luoghi di arte e di storia La Piazza e la Basilica di San Marco a Boretto La Piazza e il Centro storico a Brescello Piazza dell Argenta e Palazzo Bentivoglio a Gualtieri Palazzo Gonzaga e Centro Storico a Guastalla La Torre Civica a Luzzara La Rocca dei Gonzaga a Novellara Gli scavi archeologici di Poviglio La Rocca e Palazzo Sartoretti a Reggiolo Museo del Po e la Casa dei Pontieri a Boretto Museo di Don Camillo e Peppone a Brescello Museo Bentivoglio a Gualtieri (Ligabue e Tirelli) Museo di Palazzo Gonzaga a Guastalla Museo dell arte Naif a Luzzara Museo Gonzaga a Novellara Museo Terramara e Civico di Poviglio - Cesare Zavattini a Luzzara - Augusto Daolio e i Nomadi a Novellara Non c è un Colosseo o una Piazza San Marco; ma una fitta maglia di testimonianze di un Italia minore che suggerisce percorsi tematici insoliti e avvincenti, dalle palafitte dell età del bronzo, al Rinascimento degli Estensi e dei Gonzaga, fino al novecento di Ligabue, Camillo e Don Peppone, Zavattini e Augusto Daolio. Non si può fare affidamento, dunque, sulla Grande Attrattiva, ma soprattutto su un buon gioco di squadra dei territori. 6

7 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Eventi e manifestazioni La Notte bianca e i Fuochi d artificio a Boretto Il Campionato di motonautica e la Pesca sportiva a Boretto Il Festival del cinema, a Brescello Piante e Animali perduti, a Guastalla, fiera agricola ed enogastronomica Il Concerto dei Nomadi, a Novellara Un PO di musica, della Regione, in tutta la Bassa La Bassa Reggiana è terra vivace, gli eventi sono molti e variegati, la gente arriva numerosa dalle città vicine e anche da più lontano: decine di migliaia di partecipanti alla Fiera di Guastalla, ai Fuochi di Boretto, al Concerto dei Nomadi di Novellara, al Festival di Brescello. E tuttavia, ogni Comune tende a fare da solo, stenta a decollare il calendario unitario di area, manca un offerta turistica integrata, i maggiori benefici vanno agli alberghi delle province contigue. 7

8 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE La rete cicloturistica Parma Colorno Brescello Guastalla Luzzara Borgoforte (MN) Ferrara Delta Po 10 Km 16 Km 15 Km 8 Km 22 Km 60 Km 72 Km La pista ciclabile che costeggia il Po ha uno sviluppo impressionante: sono circa 200 Km da Parma al Delta già percorribili con la sola eccezione del tratto Guastalla Luzzara di cui non è stata ancora completa la sistemazione. Da Parma è inoltre facilmente raggiungibile un ulteriore tratto (80 Km ca) fino a Piacenza. Si tratta di una pista quasi totalmente pianeggiante, con un grado di difficoltà molto basso che la rende appetibile per il cicloturismo organizzato ma accessibile a tutti, ragazzi e anziani compresi, anche per una semplice passeggiata. Le località raggiungibili sono molte, ricche di attrattive naturalistiche, paesaggistiche e artistico culturale, i panorami sono a volta irripetibili. Dalla pista principale si diramano anche numerosi percorsi a maggiore difficoltà adatti ad un ciclista più esperto ed alla muontain bike. 8

9 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE La tradizione gastronomica L Emilia è celebre in Italia e nel mondo per il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto, l Aceto Balsamico, il Cotechino, i Tortellini e, per quanto banalizzato, il Lambrusco; la sua immagine in campo gastronomico è fortissima, condita da valori di abbondanza e generosità, legata più di ogni altra regione italiana al piacere di vivere, all allegria, alla sensualità; La cucina reggiana può vantare un ricco menù di eccellenze gastronomiche, dal culatello ai tortelli, dai passatelli alla carne di maiale nelle varianti più fantasiose; la bassa reggiana di suo ci aggiunge la specialità del pesce di fiume, persico, luccio etc.; Senza alcun dubbio la gastronomia,regionale e locale, rappresenta uno straordinario patrimonio culturale e d immagine su cui fare leva per profilare l identità dell offerta turistica territoriale. 9

10 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE INFRASTRUTTURE Vicinissima alle autostrade del Sole e del Brennero, alla Stazione ferroviaria di Reggio, all aeroporto di Bologna, la Bassa Reggiana gode di una invidiabile accessibilità; La Padus e la Stradivari consentono la navigazione turistica del fiume, sono per questo una grande risorsa; la Stradivari, per la bellezza e il comfort, è di per se una vera attrazione, e un opportunità per meeting e convegni. La presenza di aree attrezzate (e gratuite) per la sosta dei camper (Guastalla, Boretto) è già rilevante, considerati gli standard italiani; Non ci sono punti noleggio di biciclette, né pubblici né privati; una condizione imprescindibile per il decollo del cicloturismo; 10

11 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana L OFFERTA RICETTIVA Le strutture Provincia di RE ALBERGHI B&B/afittacam Agriturismo Ostelli TOTALE EXTRA TOTALE GENERALE 2* 3* 4* PL N. PL N. PL N. PL N. PL N. PL Boretto Brescello Gualtieri Guastalla Luzzara Novellara Poviglio Reggiolo TOTALE La dotazione ricettiva è estremamente debole: sul totale degli otto comuni non si raggiungono i posti letto, davvero pochi se rapportati alla popolazione; gli alberghi sono pochi, pressochè inesistente l ospitalità rurale e in generale extralberghiera. Rischia di essere un handicap per lo sviluppo del turismo e comunque è un dato da tenere ben presente in qualsiasi strategia. Brescello, Poviglio e Reggiolo hanno l offerta alberghiera più forte. 11

12 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana L OFFERTA RICETTIVA Le strutture - Trend Fonte: Provincia di Reggio Emilia Abitanti Alberghi Extralberghieri TOTALE Istat N. P.letto N. P.letto N. P.letto N. P.letto N. P.letto N. P.letto BORETTO BRESCELLO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA NOVELLARA POVIGLIO REGGIOLO TOTALI Negli ultimi tre anni l offerta complessiva in posti letto è diminuita, soprattutto ma non solo per la chiusura dell albergo di Gualtieri. Infatti, tranne che a Brescello, il settore alberghiero è in flessione dappertutto; da segnalare la tendenza all aumento dell extralberghiero (+ 20% PL), dovuta però quasi per intero a Guastalla. Gualtieri è addirittura a offerta zero, anche se si prevede entro breve la riapertura dell albergo sottoposto a lavori di ristrutturazione. 12

13 Il Piano Territoriale di Coordinamento ha definito gli indirizzi fondamentali per la tutela ambientale e storico culturale dell asta fluviale e della Bassa Reggiana; Il Piano Territoriale di Valorizzazione Territoriale PTVP (Fondi UE) ha cofinanziato opere infrastrutturali con il progetto Rete Museale nelle piccole capitali del Po : Sistemazione Sala dei Giganti nel palazzo Bentivoglio di Gualtieri per migliorane la fruizione e potenziare il ruolo del palazzo quale Centro Espositivo d area; Restauro del piano nobile e primo piano del palazzo Gonzaga a Guastalla (nuova sede del Museo della città) per migliorarne la fruizione culturale e turistica; Completamento del restauro della Rocca dei Gonzaga a Novellara (riaperto al pubblico nel 2006), con interventi sulla facciata e sul loggiato; Incentiva anche servizi di noleggio imbarcazioni, ricovero natanti e altri servizi al turismo fluviale; Il Piano Turistico della Promozione Locale (PTPL Fondi regionali) contribuisce alla qualificazione dei servizi di informazione (IAT di Guastalla), di accoglienza (visite guidate) e attività promoinformative di area. 13

14 Il 27 maggio 2005 le 13 Province rivierasche del Po (Alessandria Cremona Cuneo Ferrara Lodi Mantova Parma Pavia Piacenza Reggio Emilia Rovigo Torino e Vercelli) e l Autorità di bacino sottoscrivono il Protocollo d intesa per la tutela e la valorizzazione del territorio e la promozione della sicurezza delle popolazioni della valle del Po. Schema di Programma di azioni 24 gennaio 2008 ASSE SICUREZZA, DIFESA DEL SUOLO E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE MISURA 1: Miglioramento sicurezza idraulica e recupero degli spazi di mobilità del fiume nei territori di pianura MISURA 2: Controllo delle pressioni e mitigazione degli impatti sulle risorse idriche nella regione fluviale del Po MISURA 3: Monitoraggio e controllo integrato ASSE TUTELA E VALORIZZAZIONE AMBIENTALE MISURA 4: Rinaturazione e valorizzazione ambientale della fascia fluviale del Po MISURA 5: Promozione di una agricoltura ecocompatibile MISURA 6: Certificazione ambientale territoriale ASSE PROMOZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO MISURA 7: Valorizzazione dell identità locale ai fini dello sviluppo locale: paesaggio, cultura, patrimonio architettonico. MISURA 8: I percorsi, i luoghi e le spiagge del po MISURA 9: La marca del Po: creazione e promozione del sistema turistico MISURA 10: Navigazione fluviale MISURA 11: Valorizzazione delle risorse umane ASSE GOVERNANCE MISURA 12: Governance e partecipazione 14

15 ATTIVITA D INTERESSE TURISTICO 7.1 Paesaggio fluviale, Identita locale e Legame con il fiume 7.2 Realizzazione di un Sistema ecomuseale del Po 7.3 Interventi puntuali e di sistema per il recupero del patrimonio architettonico 7.4 Favorire la rifunzionalizzazione delle cascine e dell'edilizia rurale 8.1 Completamento della ciclovia del Po e del cammino del Po 8.2 Completamento della rete per la navigabilità turistica 8.3 Recupero di spiagge, e luoghi per la balneazione e gli usi turistico ricreativi 8.4 La gustovia del Po, percorso tra le eccellenze enogastronomiche del Po 9.1 Piano per l identificazione e il posizionamento sul mercato delle aree turistiche del fiume 9.2 Rafforzamento della rete di informazione e accoglienza turistica e completamento di portali tematici per la promozione turistica (Osservatorio Po) 9.3 Cartellone di eventi di rilevanza internazionale, nazionale e locale 15

16 PROGETTI IN CORSO che interessano la Bassa Reggiana: 1. Valorizzazione turistica del Po (con Piemonte, Lombardia, Veneto): Segnaletica fluviale lungo fiume e nei punti di approdo, Studio sulla Ciclovia del Po; Sostegno alle imprese ricettive e di servizio, Manifestazione Un Po di Musica. 2. Valorizzazione del Turismo scolastico e giovanile Ricerche, itinerari, materiali promozionali, educational tour e workshop con le scuole; 3. Paesaggi d autore (Guareschi, Ligabue, Zavattini) Ricerca, libro e sito web; itinerari d autore, alberghi e ristoranti d autore; In corso di realizzazione una collana di brochure monografiche per ogni autore; 4. Fattore K (2007) Analisi del sistema turistico regionale, bilanci PMI e interviste, seminario e Convegno. 5. BLUE Building river Landscape across United Europe Ricerche, piano di marketing turismo fluviale, pubblicazione Un Po di particolari ; 6. Borghi autentici Progetto promozionale nazionale, in corso di valutazione 16

17 L Unione di prodotto a cui appartiene la Bassa Reggiana ha identificato al suo interno quattro prodotti, di cui uno riguarda il Po e la Bassa Reggiana, ma sul sito è assolutamente vuoto (maggio 2009). Alle stesse pagine, e allo stesso risultato si arriva dal sito Appennino e parchi Borghi e castelli Le vie del gusto Po: il Grande fiume Un Po da vivere Un Po da gustare Un Po di natura Un Po di storia è il sito delle strade del vino, tematico, molto scarno soprattutto su Reggio Emilia, nessun riferimento al Po e alla Bassa Reggiana. Il Portale di prenotazioni alberghiere, è uno strumento certamente interessante, ma ancora incompleto e comunque di natura prettamente commerciale. La Bassa Reggiana è assente. 17

18 Gestioni Associate: Difensore Civico Appalti I.A.T. S.U.A.P. Polizia Municipale Servizi Sociali Protezione Civile Teatro Ragazzi L Unione Bassa Reggiana, è stata istituita ufficialmente il 18 dicembre 2008 e ha sede a Guastalla. La collaborazione tra i Comuni era già iniziata nel 2001, con la costituzione dell Associazione Intercomunale. L Unione funziona bene sul versante tecnico e amministrativo, i benefici delle gestioni associate sono riconosciuti e apprezzati da tutti; L Unione funziona meno bene sul versante politico istituzionale, fatica ad adottare strategie comuni e a porsi come soggetto unitario nei tavoli istituzionali sovraordinati, Provincia, Regione etc. Nel turismo persiste una generale difficoltà a mettere a sistema le risorse e ad operare con la logica di rete piuttosto che di campanile. Il è stato firmato un protocollo di intesa tra le unioni Bassa Reggiana, Reno-Galliera(Bo), Bassa Romagna (Ra) PUNTI DI DEBOLEZZA Vs. Turismo Risorse ambientali e culturali non valorizzate Mancato sviluppo della navigazione fluviale Assenza di programmazione turistica e culturale coordinata Debolezza del sistema di accoglienza e commercio Assenza di reti culturali e turistiche Conferenza del IRS OPPORTUNITA Vs. Turismo Attrazione di turisti short break Turismo naturalistico ed enogastronomico Turismo scolastico Iniziative di valorizzazione culturale del territorio Creazione di un marchio Bassa Reggiana per promuovere sia il territorio sia le imprese. Conferenza del IRS 18

19 ITINERARIO COMUNI - Cenni Storici - Percorso Ambientale - Percorso Artistico ITINERARIO AMBIENTE ITINERARIO STORICO ARTISTICO - Cenni Storici - Percorso Archeologico - Percorso Artistico Speciale Enogastronomia - Prodotti tipici - Cucina tipica - Fiere enogastronomiche - Oltre l enogastronomia Navigazione Fluviale (Proposte navigazione Padus) Manifestazioni I Comuni di Boretto, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Poviglio e Reggiolo si sono associati nel 2000 per la gestione della promozione turistica territoriale, con l'apertura di uno IAT a Guastalla, sostenuto dalla provincia di Reggio Emilia sulla base della legge R. 7/98. L Ufficio funziona 9 mesi all'anno (metà marzo - metà dicembre) con una apertura minima di trenta ore settimanali anche in giorni festivi. L Ufficio, positivo come centro di coordinamento, non riesce però a coprire il territorio adeguatamente. Da valutare convezioni con associazioni locali. Il sito internet della Bassa Reggiana è ricco ed esaustivo per l informazione territoriale, datato e poco accattivante per la grafica; complessivamente più informativo che promozionale. E un sito molto pubblico, con dovizia di informazione territoriale ma totalmente privo di informazione privata, mancano gli alberghi e la ricettività in genere, mancano i ristoranti e in generale le opportunità turistiche proposte da imprese private, come lo Stradivari. Ha una debole visibilità, irreperibile con le keywords - bassa reggiana- turismo po turismo fluviale. E infine non è integrato nel sistema regionale di promozione turistica on line. 19

20 INFRASTRUTTURE FLUVIALI Società a maggioranza pubblica, nata nel 2002, il comune di Boretto ha il 45%; E proprietaria della Padus ( euro di investimento). Si occupa della gestione del porto e del pontile di Boretto, degli approdi di Guastalla e Luzzara, della gestione della Padus; da poco si occupa anche di promozione; Nel 2008 ha venduto direttamente 6 pacchetti sulla Padus, tutti giornalieri, per 1550 turisti; i pacchetti a servizio complesso (guide ecc.) li vende la Caboto; Boretto - Mantova è il pacchetto più richiesto; ARNI Azienda pubblica, si occupa di dragaggio e misurazione dei fondali; E proprietaria del Museo del Po, chiuso da 3 anni per inagibilità e onerosità della gestione; Già ricevuti finanziamenti per il risanamento della struttura, resta il problema di una gestione economicamente sostenibile; Pubblica la rivista Qui Po, bella ma poco diffusa (1.000 copie in tutto il bacino del Po); Ha un ruolo importante nella pianificazione e gestione del la segnaletica sul fiume e sulla riviera. 20

21 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE E POTENZIALE Check up sintetico 21

22 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Il movimento turistico ALB ERGHI EXTRALBERGHIERI TOTALE Anno 2007 ITALIANI STRANIERI ITALIANI STRANIERI TOTALE (Prov. RE) Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze BORETTO BRESCELLO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA NOVELLARA POVIGLIO REGGIOLO TOTALI Il movimento turistico in Bassa Reggiana è in gran parte composto da uomini d affari, in larga maggioranza italiani, per il 90% alberghiero. Si tratta di un turismo infrasettimanale che lascia vuoti gli alberghi nel fine settimana, un problema ma anche un opportunità, perché costituisce la condizione per l avvio di un turismo leisure nel week end, considerata la scarsità di offerta ricettiva. 22

23 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Il movimento turistico (trend) PRESENZE Italiani Stranieri Totale Italiani Stranieri Totale Italiani Stranieri Totale BORETTO BRESCELLO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA NOVELLARA POVIGLIO REGGIOLO TOTALI Nel triennio considerato il trend è molto positivo, le presenze complessive crescono del 40%, (43% italiani e 27% stranieri), facendo pensare che sia già partito un qualche processo di sviluppo turistico pur nella modestia dei numeri assoluti. Particolarmente robusta e regolare la crescita a Novellara, Poviglio e Reggiolo, in controtendenza Gualtieri e Luzzara. A Brescello aumentano gli italiani ma crollano gli stranieri, qualcosa del genere avviene anche a Boretto. 23

24 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Valutazioni degli operatori - 1 Le interviste, condotte nel mese di marzo 2009, registrano la crescente difficoltà (Grafici 1 e 2) soprattutto degli alberghi per la crisi economica, che penalizza il turismo d affari. Per quanto riguarda la clientela viene confermata la marginalità del turismo per gli alberghi, ancora di più per i ristoranti (grafici 3 e 4). 1. Come è andata la stagione 2008? 100% 100% 80% 60% 40% 20% male così così bene 3. Da chi è costituita la sua clientela prevalente? 80% 60% 40% 20% Da centri vicini Residenti Turisti Affari 0% Hotel Ristoranti 0% Hotel Ristoranti 2. Meglio o peggio dell'anno prima? 100% 80% 60% 40% peggio uguale 100% 80% 60% 40% 30-50% % 4. Quanto pesa la clientela turistica (2008)? 20% 0% Hotel Ristoranti meglio 20% 0% Hotel Ristoranti meno del 10% 24

25 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Valutazioni degli operatori - 2 Sulle possibilità di sviluppo turistico del territorio (Grafici 5 e 6) scettici gli albergatori, più ottimisti i ristoranti, ma gli uni e gli altri al turismo ci stanno comunque pensando e sperando. Confermato il relativo vuoto di fine settimana negli alberghi ma, meno scontato, il generale interesse a riempirlo (Grafici 7 e 8). 5. La clientela turistica potrebbe aumentare in futuro? 100% 80% 60% 40% 20% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Hotel Ristoranti 6. Lei crede allo sviluppo turistico della Bassa Reggiana? per niente poco molto No Forse Si 100% 80% 60% 40% 20% 7. Ha molti clienti nel fine settimana? 100% 80% 60% 40% 20% 0% No Hotel Abbastanza Si Ristoranti Pochi Abbastanza Si 8. E' interessato a lavorare di più nel fine settimana? 0% Hotel Ristoranti 0% Hotel Ristoranti 25

26 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Valutazioni degli operatori - 3 La domanda n.9, pur con maggiore tiepidezza da parte degli albergatori, segnala una buona disponibilità a sperimentare una forma di aggregazione che faciliti le attività di promo commercializzazione. L ultima domanda conferma l opinione generale sui segmenti turistici più facilmente accessibili. 9. Per aumentare il turismo potrebbe servire un'associazione di operatori per la promozione? Secondo lei quale potrebbe essere il turismo più interessante? (risposte multiple) 100% 90% % 14 70% 12 Scolastico 60% 50% 40% 30% No Abbastanza Si Pesca & sport Crociere sul Po Cicloturismo Week end 20% 4 10% 0% Hotel Ristoranti 2 0 Hotel Ristoranti 26

27 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA POTENZIALE I bacini turistici di prossimità residenti PARMA MILANO MANTOVA I bacini di prossimità sono i naturali serbatoi a cui attingere per alimentare l offerta turistica della Bassa Reggiana nel segmento Escursionismo e Week End. PIACENZA MODENA BASSA REGGIANA FERRARA BOLOGNA Gli eventi, particolarmente quelli ad alto afflusso di pubblico, possono rappresentare le occasioni privilegiate in cui fra conoscere l offerta territoriale complessiva della Bassa Reggiana; in particolare il mix su cui fare leva è costituito dalle proposte di navigazione fluviale, cicloturismo, arte ed enogastronomia. 27

28 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA POTENZIALE I bacini turistici di prossimità turisti ARRIVI 2007 Parma Salso Maggiore Mantova BASSA REGGIANA Ferrara Brescia Verona Un secondo serbatoio per il turismo escursionistico è costituito dai turisti che pernottano nei bacini turistici contigui, particolarmente quello del Garda (Brescia e Verona) caratterizzato da alti numeri e alta permanenza media. Permanenza lunga anche nel turismo di Salsomaggiore, molto diverso in quantità e qualità. Più problematiche le città d arte dove tuttavia è comunque presente una quota di turisti a permanenza elevata e interessata a conoscere anche il territorio circostante. 28

29 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico VALUTAZIONI E OPPORTUNITA DÌ MERCATO 29

30 DIAGNOSI DELL OFFERTA TURISTICA FORZA Il Po esercita ancora una grande suggestione Il paesaggio della Bassa Reggiana ha una sua originale identità La rete cicloturistica ha uno sviluppo invidiabile La densità di Grandi Personaggi contemporanei e popolari La varietà di eventi e manifestazioni di grande richiamo La collocazione baricentrica su tre regioni densamente popolate La vicinanza di grandi bacini turistici: Salsomaggiore, Lago di Garda, Mantova, Ferrara La omogeneità di valutazioni e indirizzi delle istituzioni DEBOLEZZA Il Po e la sua immagine di fiume inquinato Il territorio profondamente manomesso La relativa scarsità di attrattive storico artistiche L offerta ricettiva, molto scarsa e orientata al business Basso coordinamento tra i Comuni negli eventi L assenza di imprese attive nell incoming 30

31 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana PRODOTTI POTENZIALI ESCURSIONISMO GIORNALIERO Target PROVENIENZA BASSA REGGIANA COME META (Residenti in): - Emilia Romagna - Lombardia - Veneto BASSA REGGIANA COME TAPPA (Turisti): - Lago di Garda - Salsomaggiore - Mantova - Ferrara - Parma FAMIGLIE MOTIVAZIONE PREVALENTE - Peppone e Don Camillo - Pesca - Gita sul Po (Padus, Stradivari) - Cicloturismo sul Po - Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia - Peppone e Don Camillo - Gita sul Po - Ligabue - Centri Storici - Scavi di Poviglio 31

32 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana PRODOTTI POTENZIALI TURISMO DEL WEEK END PROVENIENZA Target FAMIGLIE MIX DI MOTIVAZIONI - Emilia Romagna - Lombardia - Piemonte - Veneto - Toscana - Gita sul Po (Padus, Stradivari) - Cicloturismo sul Po - Peppone e Don Camillo - Visita ai centri Storici -Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia Nel breve e medio periodo è il segmento di mercato realisticamente più accessibile (dopo l escursionismo giornaliero) e interessante: perché la Bassa Reggiana non dispone di risorse tali da giustificare una vacanza lunga e perché l offerta ricettiva è molto piccola, occupata durante la settimana dal più remunerativo turismo d affari; lo sviluppo di flussi turistici nel week end può motivare le imprese a investire in ulteriore ricettività. 32

33 Mercati e prodotti potenziali TURISMO SPORTIVO SUL FIUME PROVENIENZA Target APPASSIONATI MOTIVAZIONE - Italia centro Nord - Germania, Austria, Francia - Pesca sportiva - Campionati di motonautica - Enogastronomia E un segmento di mercato già presente e gravita sul porto fluviale di Boretto: le gare di pesca attirano nel fine settimana 300/400 appassionati, il campionato di motonautica muove anch esso alcune centinaia di sportivi che spesso si fermano qualche giorno anche per le prove; oltre naturalmente agli spettatori (giornalieri). Tuttavia la gran parte di questi turisti non trova ospitalità negli alberghi della zona. Occorre agire su questa segmento come sistema di area, mettendo in rete sia le risorse turistiche che l offerta ricettiva in modo di aumentare la ricaduta economica sul territorio. 33

34 Mercati e prodotti potenziali CICLOTURISMO ORGANIZZATO (tappa in Bassa Reggiana) PROVENIENZA Target APPASSIONATI MOTIVAZIONE - Italia centro Nord - Germania, Austria, Francia - - Crociere sul Po - Visita ai centri Storici - Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia Sono diversi milioni i turisti europei che amano fare la vacanza in bicicletta, soprattutto nei paesi del Nord Europa e in Germania, probabilmente il paese con il più alto numero di cicloturisti (oltre ). Numerosi anche i Tour Operators specializzati in questo genere di vacanza che richiede una particolare forma di organizzazione e assistenza, ancora più numerosi i siti internet che se ne occupano, amatoriali e commerciali. E un segmento molto interessante che per poter dare risultati significativi richiede specifiche azioni di promo commercializzazione e un forte coordinamento di prodotto con le altre province rivierasche. 34

35 Mercati e prodotti potenziali TURISMO ITINERANTE OPEN AIR (tappa in Bassa Reggiana) PROVENIENZA Target CAMPERISTI MOTIVAZIONE - Italia - Germania, Austria, Francia - - Crociere sul Po - Visita ai centri Storici - Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia Aumentare le aree di sosta attrezzate e favorire la realizzazione di Camping può fare della Bassa Reggiana una meta privilegiata per questa tipologia di turismo. Attualmente il parco autocaravan circolante in Italia raggiunge le 190mila unità, in Europa, in Europa sono complessivamente coloro che viaggiano in camper, con una media di 4 persone per veicolo e 15 uscite con il camper (51 giorni) per anno. Le mete preferite sono quelle che consentono escursioni all aria aperta, visite culturali/artistiche, percorsi enogastronomici, trekking in natura: i piccoli borghi, le città d arte, i parchi e le riserve naturali. (AC Nielsen Mondonatura 2006) 35

36 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico CONCLUSIONI E PROPOSTE PER LO SVILUPPO TURISTICO DELLA BASSA REGGIANA 36

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO

PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO COMUNE DI PIACENZA PROTOCOLLO D INTESA PER LA VALORIZZAZIONE STRATEGICA DEI TERRITORI DELL ASTA FLUVIALE DEL PO TRA COMUNE DI CREMONA COMUNE DI PIACENZA PROVINCIA DI LODI.,.ottobre 2015 Premesso che: L

Dettagli

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po

Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI PIACENZA FACOLTA DI ECONOMIA MASTER IN MANAGER SVILUPPO TURISTICO TERRITORIALE MUST Risorse e potenzialità turistiche della Media Valle del Po SINTESI PER IL

Dettagli

Progetto interregionale. Valorizzazione turistica fiume Po Obiettivi e azioni

Progetto interregionale. Valorizzazione turistica fiume Po Obiettivi e azioni Progetto interregionale Valorizzazione turistica fiume Po Obiettivi e azioni Il progetto interregionale Valorizzazione turistica fiume Po LN/135/2001 Regioni Partner Emilia-Romagna (capofila), Lombardia,

Dettagli

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane

Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane RISORSE NATURALI E CULTURALI COME ATTRATTORI QSN 2007-2013 Attrattività e immagine di alcune aree turistiche italiane Roma, 28 settembre 2005 INDAGINI DOXA PER IL MINISTERO ATTIVITA PRODUTTIVE - PON ATAS

Dettagli

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva

Rimini Bike Hotels 2013. A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva Rimini Bike Hotels 2013 A Rimini un nuovo Club di Prodotto per la vacanza attiva aprile 2012 LO SCENARIO DI RIFERIMENTO Oggi il turismo e le motivazioni che lo alimentano sono profondamente cambiate Ci

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento

Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento Newsletter VisitItaly in lingua italiana, tedesca e inglese. Il mezzo più veloce per raggiungere il proprio target di riferimento [pag. 2] Cos è la Newsletter di VisitItaly [pag. 3] Perché promuoversi

Dettagli

PERIODO DI RIFERIMENTO: GENNAIO 2011 OTTOBRE 2014

PERIODO DI RIFERIMENTO: GENNAIO 2011 OTTOBRE 2014 MONITORAGGIO E ANALISI DELLA REPUTAZIONE ONLINE DEI COMUNI DI BARGA, BORGO A MOZZANO, CAPANNORI, FORTE DEI MARMI, LUCCA, PIETRASANTA E VIAREGGIO E DELLE AREE DELLA GARFAGNANA, LUCCHESIA, MEDIAVALLE E VERSILIA.

Dettagli

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012

Turismo Veneto: il lago di Garda. Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Turismo Veneto: il lago di Garda Giovanni Altomare Direttore Federalberghi Garda Veneto Verona, 4 maggio 2012 Il turismo in Italia Il turismo in Italia rappresenta il 9,5% del PIL, oltre 130 miliardi di

Dettagli

Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming

Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming Zeppelin, Girolibero e Girolibero Incoming Potenzialità dei viaggi in bicicletta nell esperienza del tour operator vicentino leader del settore in Italia. Relatore: Antonio Fasolato Zeppelin.it, viaggiare

Dettagli

Dal tracciato alla fruizione turistica.

Dal tracciato alla fruizione turistica. Progetto Turismo Equestre Ippovie del Veneto Dal tracciato alla fruizione turistica. Franco Norido Settore Divulgazione Tecnica, Formazione Professionale ed Educazione Naturalistica. Cos è una Ippovia

Dettagli

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica

Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica Potenza, 10 febbraio 2015 Agli organi di informazione Gianpiero Perri: La bella stagione della Basilicata turistica L andamento turistico dell anno appena trascorso, benchè fortemente segnato dalla gravità

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

Progetto interregionale cicloturismo

Progetto interregionale cicloturismo Progetto interregionale cicloturismo 1 Indice 1 Premessa...2 2 Titolo del progetto...3 3 Obiettivi...3 4 Descrizione generale...3 5 Azioni previste...4 6 Dettaglio fasi...5 Fase preliminare...5 Fase di

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011

DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I. Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 DOCUMENTO TECNICO ALLEGATO I Obiettivi specifici del Piano turistico triennale 2011/2013 Linee di azione, di cui al Piano turistico triennale 2011/2013, e attività previste nel 2011 Risorse stanziate nel

Dettagli

SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA

SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA SULLA STRADA DEGLI ANTICHI ROMANI: LA VIA CLAUDIA AUGUSTA Mantova Ostiglia Vigasio Veronaa Veneto, Lombardia 5 giorni/4 notti Questo percorso sarà dedicato alla percorrenza del primo tratto dell antica

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso

Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso Elaborazioni dai dati ufficiali 2009-2010 Evoluzione dell andamento turistico in Provincia di Treviso - Osservatorio Turistico Provinciale - I flussi turistici nei primi mesi del 2010 ARRIVI Valori Assoluti

Dettagli

Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009

Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009 Turismo: profili di sviluppo. Un territorio tra identità e innovazione Iglesias, 16 dicembre 2009 DI COSA PARLEREMO Il STL Sulcis Iglesiente nel 2009: l affermazione di un percorso triennale La metodologia

Dettagli

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO

I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I PROGETTI INTERREGIONALI IN AMBITO TURISTICO I Progetti interregionali dell Assessorato al Turismo Nell ottica di valorizzazione e di una maggiore fruibilità di siti e beni a carattere storicoartistico,

Dettagli

GARDA MARE. 8 giorni/7 notti

GARDA MARE. 8 giorni/7 notti GARDA MARE Peschiera del Garda Mantova - San Benedetto Po Sermide Stellata- Ferrara - Mesola Veneto, Lombardia, Emilia Romagna 8 giorni/7 notti La scoperta della parte orientale della Pianura Padana, attraverso

Dettagli

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti

Pubblica Amministrazione Turistica. Aspetti generali Compiti Pubblica Amministrazione Turistica Aspetti generali Compiti Cenni storici Nel periodo tra le due guerre iniziò a maturare una maggiore consapevolezza del ruolo che il turismo poteva svolgere nell economia

Dettagli

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO.

LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LA TUA OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO LAINO CASTELLO: UN BORGO ALBERGO NEL PARCO NAZIONALE DEL POLLINO. LAINO CASTELLO Praia a Mare Parco Nazionale del Pollino UBICAZIONE UN LUOGO UNICO L antico borgo di

Dettagli

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA

BANDI 2014. Bando senza scadenza LINEE GUIDA Bando senza scadenza BREZZA: piste cicloturistiche connesse a VENTO Il problema Dorsali e piste cicloturistiche sono infrastrutture leggere di lunga e media percorrenza che permettono, con un impatto ambientale

Dettagli

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino.

Introduzione. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino. TECHTOUR Tecnologia e turismo: la realtà aumentata per la promozione degli itinerari romano e bizantino Introduzione Mara Manente Sala Europa, Unioncamere del Veneto Venezia 1 Marzo 2013 Il quadro di riferimento

Dettagli

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008

Osservatorio del paesaggio dei parchi del Po e della Collina Torinese WORKING PAPER 06/2008 OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO DEI PARCHI DEL PO E DELLA COLLINA TORINESE WORKING PAPER 06/2008 Un piano strategico per il fiume Po Dipartimento Interateneo Territorio Politecnico e Università di Torino INDICE

Dettagli

Turismo innovativo - Valorizzazione dell attrattività del territorio

Turismo innovativo - Valorizzazione dell attrattività del territorio ESTRATTO Turismo innovativo - Valorizzazione dell attrattività del territorio Como, 8 maggio 2009 Documentazione distribuita in occasione della 7ma Giornata dell Economia - Como 8 maggio 2009 Chiostro

Dettagli

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA

GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA GUALTIERI E BRESCELLO DI DON CAMILLO E PEPPONE PASSANDO PER IL PROSCIUTTO DI PARMA Quest anno devo dire che stiamo usando tanto la moto, soprattutto perché le temperature miti stanno lottando con l inverno

Dettagli

ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA. LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche

ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA. LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche ORGANIZZAZIONE TURISTICA EMILIA - ROMAGNA LAURA SCHIFF Dirigente - Servizio Commercio, Turismo e Qualità aree turisdche EVOLUZIONE DELLA LEGISLAZIONE SETTORE TURISMO REGIONE EMILIA- ROMAGNA LEGGE REGIONALE

Dettagli

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale

QUESTIONARIO. Turismo individuale Turismo di gruppo Turismo delle famiglie Turismo giovanile Turismo senior/terza età Turismo sociale QUESTIONARIO Allo scopo di fotografare la Destinazione Turistica di Fiesole ed elaborare una analisi Swot che consenta di focalizzare i punti di forza, di debolezza, le opportunità e le minacce Le chiediamo

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

LE AZIONI REALIZZATE NEL 2001: INDICAZIONI PER LA PROGRAMMAZIONE 2002

LE AZIONI REALIZZATE NEL 2001: INDICAZIONI PER LA PROGRAMMAZIONE 2002 LE AZIONI REALIZZATE NEL 2001: INDICAZIONI PER LA PROGRAMMAZIONE 2002 Prima di entrare nel merito della descrizione dei progetti previsti in ogni singolo filone d intervento per il 2002, ci è sembrato

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti Una nuova grande fiera internazionale sulla bici Una sede fieristica e un organizzazione forti La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l equilibrio devi muoverti. 1 SCENARIO La bicicletta è

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Progetto strategico. Sintesi a cura di DELTA 2000

Progetto strategico. Sintesi a cura di DELTA 2000 Progetto strategico Sintesi a cura di DELTA 2000 TITOLO e ACRONIMO Valorizzazione e promozione di itinerari turistici "slow" tra l'italia e la Slovenia - PROGRAMMA, BANDO E ASSE DI RIFERIMENTO Italia Slovenia

Dettagli

20-22 Ottobre 2011 Fiera di Brescia. www.teknomotive.com. expo materiali tecnologie subfornitura PER L INDUSTRIA DEI TRASPORTI I.P.

20-22 Ottobre 2011 Fiera di Brescia. www.teknomotive.com. expo materiali tecnologie subfornitura PER L INDUSTRIA DEI TRASPORTI I.P. I.P. expo materiali tecnologie subfornitura PER L INDUSTRIA DEI TRASPORTI 20-22 Ottobre 2011 Fiera di Brescia www.teknomotive.com E un evento organizzato da In partnership con E importante esporre a Teknomotive

Dettagli

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER

Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Attuazione dell impostazione LEADER UNIONE EUROPEA Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Regione Puglia Attuazione dell impostazione LEADER Cos è il GAL? Il Gruppo di Azione Locale (GAL) è un gruppo formato da soggetti

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Turismo rurale per promuovere attrattività e fruibilità del sistema rurale

Turismo rurale per promuovere attrattività e fruibilità del sistema rurale Seminario realizzato con il contributo della Misura 331 Formazione e informazione degli operatori economici del PSR 2007/2013 Reg Ce 1698/2005 REDAZIONE E DIVULGAZIONE DEI RISULTATI DELL OPERAZIONE Titolo

Dettagli

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori

CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori CARTA EUROPEA PER IL TURISMO SOSTENIBILE NELLE AREE PROTETTE Indagine sul profilo e soddisfazione dei visitatori Gentile Visitatore, attraverso l adesione alla Carta Europea per il Turismo sostenibile

Dettagli

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE

ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE ALCUNE IDEE PER UN PARCO DA VIVERE A 25 anni dall istituzione del Parco e 10 dalla Legge Regionale sulle Aree Protette, Legambiente propone al Parco e agli enti locali alcune di iniziative per rafforzare

Dettagli

Progetto di promozione turistica territoriale 2012

Progetto di promozione turistica territoriale 2012 Progetto di promozione turistica territoriale 2012 Disciplina delle Strade del Vino l obiettivo principale consiste nella valorizzazione dei territori a vocazione agricola e vinicola, con particolare riferimento

Dettagli

VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri -

VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri - VILLAS TOURISM IN ITALY - il turismo delle ville affittate agli stranieri - Gli affitti turistici, si sa, sono entrati in una crisi profonda: non serve essere in prima linea sul mare o nel centro della

Dettagli

GAL dei Due Laghi Progetto Turismo Tematico Il Poliedro Istituto di Ricerche

GAL dei Due Laghi Progetto Turismo Tematico Il Poliedro Istituto di Ricerche CAPITOLO 1 Premessa Obiettivi, metodologia, inquadramento 1 L obiettivo del Progetto è quello di proporre, mediante una attenta lettura dei flussi turistici e delle risorse e opportunità locali, alcuni

Dettagli

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE

ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE CORSO DI ORDINAMENTO ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Tema di: ECONOMIA E TECNICA DELL AZIENDA TURISTICA I prodotti turistici si configurano come il risultato

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio

I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA. LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio I PIANI DI VALORIZZAZIONE IN PIEMONTE GABRIELLA BOVONE, SARA MELA LaST - Laboratorio Sviluppo e Territorio Indice 1. Il Bando Regionale sui PdV 2. Il territorio 3. Il partenariato 4. Le risorse dei PdV

Dettagli

1.7 BOLOGNA WELCOME E LA DMO: VALORIZZAZIONE TURISTICA DELLE RISORSE CULTURALI E PAESAGGISTICHE

1.7 BOLOGNA WELCOME E LA DMO: VALORIZZAZIONE TURISTICA DELLE RISORSE CULTURALI E PAESAGGISTICHE 1.7 BOLOGNA WELCOME E LA DMO: VALORIZZAZIONE TURISTICA DELLE RISORSE CULTURALI E PAESAGGISTICHE 19.06.2013 INTRODUZIONE AL PROGETTO L università di Bologna ha realizzato nel 2012 uno studio su 16 casi

Dettagli

Rapporto tra Piano di marketing e progettualità interna/esterna all area

Rapporto tra Piano di marketing e progettualità interna/esterna all area Rapporto tra Piano di marketing e progettualità interna/esterna all area di Daniele Fanzini Progettualità interna all area I finanziamenti europei di obiettivo 2 hanno dato ai territori dell Oltrepò mantovano

Dettagli

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2

PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 PAESAGGIO E SOSTENIBILITÀ GLI STUDENTI PROPONGONO NUOVE IDEE DI TURISMO SCOLASTICO2 Dicembre 2011 Maggio 2012 secondo anno di collaborazione Italia Nostra Onlus- MIUR MIUR ITALIA NOSTRA più di 10 anni

Dettagli

VENETO IN BICICLETTA:

VENETO IN BICICLETTA: Monselice, 28 novembre 2011 GAL Patavino GAL Bassa Padovana Su due ruote tra i Colli Euganei e la Bassa Padovana VENETO IN BICICLETTA: Piano di valorizzazione del cicloturismo Rete Escursionistica Veneta

Dettagli

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010

Progetto. promo-commercializzazione. TurismoFVG 2010 Progetto promo-commercializzazione TurismoFVG 2010 Obiettivi generali del progetto Progetto per la realizzazione di un programma di commercializzazione del prodotto turistico della Regione Friuli Venezia

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

Imago Report mercato turistico

Imago Report mercato turistico Imago Report mercato turistico REPORT SULLE NUOVE TENDENZE DEL TURISTA ITALIANO ED ESTERO FOCUS SUL TURISTA ENOGASTRONOMICO 22 LUGLIO 2015 Indice: I principali trend del turismo in Italia Il turista ESTERO

Dettagli

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006

I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI. Claudio Cipollini. 24 Novembre 2006 I FABBISOGNI DEL TURISMO PUGLIESE IL TERRITORIO, L ECONOMIA, I TURISTI, I PUGLIESI Claudio Cipollini Direttore Generale Retecamere (Unioncamere) 24 Novembre 26 IL PROGRAMMA DI SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo

Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo beta Il Portale Turistico più completo sull Italia, consultato dai turisti di tutto il mondo [pag. 2] Perché scegliere VisitItaly [pag. 3] Il pacchetto promozionale VisitItaly [pag. 5] Newsletter [pag.

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA BASSA PADOVANA

INTESA PROGRAMMATICA D AREA BASSA PADOVANA INTESA PROGRAMMATICA D AREA BASSA PADOVANA Rilevazione di nuovi progetti 2010-2012 SCHEDA E LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE DI NUOVI PROGETTI Progetti puntuali Presentati da un singolo Comune/Soggetto con

Dettagli

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale

UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale BENVENUTO! In questo viaggio attraverso la Lombardia che si prepara ad Expo, potrai scoprire molte cose che forse ancora non sai della tua regione e della

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 -

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - OSSERVATORIO TURISTICO DELLA MONTAGNA - Consuntivo stagione invernale 2012-2013 - La stagione invernale 2012-2013 si è conclusa negativamente Le settimane bianche registrano una preoccupante discesa nonostante

Dettagli

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali

Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA. Dati generali SCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori per l innovazione e la sperimentazione INFEA Dati generali 1 Denominazione CEA capofila: Ente titolare: Indirizzo: Telefono:

Dettagli

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri

4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri 2007 -Indagine sul settore AGRITURISMO in provincia di FIRENZE 4 a Parte: Indagine agli intermediari e ai tour operator italiani e stranieri Fino a qualche anno fa, molte aziende agrituristiche non avevano

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

Imparare l Italiano a Modena? Milano MODENA. Parma Bologna. Firenze PERCHÉ SÌ!

Imparare l Italiano a Modena? Milano MODENA. Parma Bologna. Firenze PERCHÉ SÌ! Imparare l Italiano a Modena? Verona Venezia Milano MODENA Parma Bologna Firenze PERCHÉ SÌ! 1 La scuola di Lingue e Arti Scioglilingua propone corsi di lingua e cultura italiana per stranieri con modalità

Dettagli

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA

DIRITTO DEL TURISMO LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 1 LA DISCIPLINA DEL TURISMO NELLA REGIONE PUGLIA 2 I PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI L.R. n. 28/78 Interventi della Regione per la promozione del turismo pugliese L.R. n. 12/89 Incentivazione regionale

Dettagli

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita

Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Sviluppo sostenibile, tutela della biodiversità e dell ambiente, qualità della vita Azioni di valorizzazione turistica e culturale e strategie di tutela ambientale e paesaggistica lungo il fiume Ticino

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio by Graziano Molon Madonna di Campiglio l Centro turistico rinomato del Trentino occidentale l 73 Km da Trento l 127 Km da Brescia l

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

CONVENZIONE tra Unione Italiana Sport per tutti e Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano

CONVENZIONE tra Unione Italiana Sport per tutti e Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano CONVENZIONE tra Unione Italiana Sport per tutti e Parco Nazionale Appennino tosco-emiliano Oggetto: Sviluppo e promozione di attività sportive sostenibili sul territorio del Parco Nazionale dell Appennino

Dettagli

REPORT MERCATO TURISTICO

REPORT MERCATO TURISTICO REPORT MERCATO TURISTICO Report sulle nuove tendenze del turismo italiano ed estero Focus sul turista enogastronomico 22 luglio 2015 INDICE Trend del turismo estero in Italia.. pag. 3 Trend del turismo

Dettagli

Carta dei Servizi degli uffici IAT della PUGLIA

Carta dei Servizi degli uffici IAT della PUGLIA Carta dei Servizi degli uffici IAT della PUGLIA 1. Premessa La Carta dei Servizi ha lo scopo di chiarire e rendere manifesti gli aspetti strategicooperativi che dovranno essere condivisi e applicati dai

Dettagli

Articolo 4 Oggetto Sociale

Articolo 4 Oggetto Sociale Articolo 4 Oggetto Sociale La Cooperativa, con riferimento ai requisiti e agli interessi dei soci, ha per oggetto: 1. Istituire o gestire comunità alloggio, a carattere residenziale o semiresidenziale,

Dettagli

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO

DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO DESCRIZIONE DELL INVESTIMENTO PROPOSTO Quartiere S.Elia a Cagliari. Sardegna Italia. Contesto e potenzialità del quartiere Il quartiere di Sant Elia, collocato tra lo stadio, che da esso prende il nome,

Dettagli

Federazione Strade dei Vini e Sapori di Lombardia

Federazione Strade dei Vini e Sapori di Lombardia Federazione Strade dei Vini e Sapori di Lombardia SITUAZIONE DELLA FEDERAZIONE DELLE STRADE DEL VINO E DEI SAPORI DI LOMBARDIA A DICEMBRE 2013 La Federazione delle Strade del vino e dei sapori di Lombardia

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

La pianificazione turistica territoriale

La pianificazione turistica territoriale La pianificazione turistica territoriale Università di Urbino, 24 novembre 2004 LORENZA ROSSINI 1 L approccio per distretti E prodotti turistici Bisogni di base Scelta del tipo di vacanza Identificazione

Dettagli

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio

Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Il marketing territoriale dal basso: il cittadino protagonista della promozione del territorio Paolo Grigolli Chiara Bille Caprino Veronese 16 ottobre 2014 PROGETTO DI PROMOZIONE DEL TURISMO RURALE: I

Dettagli

PIANO DI RILANCIO TURISTICO 2011 2016 Linee guida per lo sviluppo economico del Paese

PIANO DI RILANCIO TURISTICO 2011 2016 Linee guida per lo sviluppo economico del Paese PIANO DI RILANCIO TURISTICO 2011 2016 Linee guida per lo sviluppo economico del Paese U.S.O.T. Premessa La Repubblica di San Marino sta vivendo un momento difficile. La crisi dei rapporti con l Italia

Dettagli

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Commissione Europea Regione Puglia COMITATO PROMOTORE DEL GRUPPO DI AZIONE LOCALE COLLINE JONICHE QUESTIONARIO E SCHEDA PER LA RACCOLTA PROPOSTE

Dettagli

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313

GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 GAL IL GAL PRESENTA I BANDI DELLE MISURE 311, 312, 313 BANDO MISURA 311 Diversificazione in attività non agricole La misura 413. 311 viene attivata per favorire la permanenza delle attività agricole laddove

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15

PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 PERCORSI FORMATIVI PER LE IMPRESE TURISTICHE CATALOGO FORMATIVO 2014/15 Sommario Presentazione generale...3 1. LA QUALITA e IL MARCHIO OSPITALITA ITALIANA...4 1.1 Elementi base della qualità totale nelle

Dettagli

ROMIT Roman Itineraries

ROMIT Roman Itineraries Community Initiative INTERREG III B ROMIT Roman Itineraries Centro Studi EUROPA INFORM Rimini (Italy) Dicembre 2004 INDICE Pag. ABSTRACT 3 INTRODUZIONE 6 CAP. 1 - LA CULTURA NELLE NUOVE TENDENZE DEL TURISMO

Dettagli

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai

Una laurea: Bah!!! 2/2. Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi. Ti laurei. Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Una laurea: Bah!!! Ti laurei Passa un anno e trovi posto nel 53% dei casi Se te ne vai all estero, nel 45,4% dei casi non rientrerai Fonte: Rapporto Almalaurea sull occupazione Una laurea: Bah!!! 1/2 Ma,

Dettagli

IL TURISMO DEL GOLF DATI E SPUNTI DI

IL TURISMO DEL GOLF DATI E SPUNTI DI IL TURISMO DEL GOLF DATI E SPUNTI DI RIFLESSIONE MARIA ELENA ROSSI SVILUPPO PIEMONTE TURISMO S.R.L. Contesto turistico internazionale Fonte UNWTO, ENIT, Ban nca d Itlia, Il Sole 24 Ore I fatti del 2014

Dettagli

PIEMONTE INCENTIVES, MEETING, CONVENTIONS, EVENTS

PIEMONTE INCENTIVES, MEETING, CONVENTIONS, EVENTS PIEMONTE INCENTIVES, MEETING, CONVENTIONS, EVENTS Eventi legati ai viaggi incentive, ai piccoli convegni, alla formazione, alla presentazione di nuovi prodotti, in strutture particolari, dotate di sale

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia. Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG

Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia. Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG Cicloturismo: un opportunità di sviluppo per il Friuli Venezia Giulia Elisabetta Rosso Per il Coordinamento regionale FIAB FVG AGENDA 1. Cos'è la FIAB 2. Perché investire sul CICLOTURISMO 3. NUMERI sul

Dettagli

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09

Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo. Executive Summary 12/02/09 Studio di fattibilità sul turismo congressuale nel Mantovano: Analisi, Linee di azione e Prospettive di sviluppo Executive Summary 12/02/09 Piano di Progetto Analisi dei dati di mercato Analisi dei dati

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision

Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita 1.2 Holidaytravelpass 1.2.1 Mission Holidaytravelpass 1.2.2 Vision Chi Siamo 1.1 Una realtà in crescita In costante sviluppo, sempre pronta a cogliere le migliori opportunità offerte dal mercato, Holidaytravelpass si è presto consolidata anche come tour operator initalia

Dettagli

1. Visione, incarico e compiti dell Azienda di Soggiorno di Merano ai sensi dello statuto

1. Visione, incarico e compiti dell Azienda di Soggiorno di Merano ai sensi dello statuto Azienda di Soggiorno di Merano: orientamento strategico 2015-2018 1. Visione, incarico e compiti dell Azienda di Soggiorno di Merano ai sensi dello statuto 2. Processo strategico dell Azienda per Merano

Dettagli

il contesto turistico maltese

il contesto turistico maltese 29 31 2. Il contesto turistico maltese 2.1 I trend della domanda Dopo aver attraversato un ciclo economico quarantennale, tra periodi di forte crescita e periodi di crisi, il settore turistico è divenuto

Dettagli

Turismo di Comunità in Val di Rabbi

Turismo di Comunità in Val di Rabbi Turismo di Comunità in Val di Rabbi Sintesi del progetto Il Turismo di Comunità : definizione Il turismo responsabile di comunità è una nuova forma di accoglienza turistica, recentemente sviluppatasi in

Dettagli

Il STL SI a 3 anni dall avvio: risultati conseguiti e linee-guida per i prossimi anni

Il STL SI a 3 anni dall avvio: risultati conseguiti e linee-guida per i prossimi anni Il STL SI a 3 anni dall avvio: risultati conseguiti e linee-guida per i prossimi anni Stefano Dall Aglio General Manager ECONSTAT, Strategie per l Industria Turistica Iglesias, 16 dicembre 2009 Consuntivo

Dettagli

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1

Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori. www.isnart.it 1 Valorizzazione delle aree naturali protette come chiave di sviluppo turistico dei territori www.isnart.it 1 Le aree protette in Italia 23 parchi nazionali (oltre 500 comuni) 152 parchi regionali (quasi

Dettagli

Piano di Valorizzazione Territoriale Integrato per la Valle di Susa

Piano di Valorizzazione Territoriale Integrato per la Valle di Susa Piano di Valorizzazione Territoriale Integrato per la Valle di Susa Liguria Heritage - 18 giugno 2015 Avv. Andrea Archinà Assessore Comune di Avigliana Da Dove Parte? 1. territorio transfrontaliero : l

Dettagli