Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana. fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana. fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico"

Transcript

1 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico 1

2 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico IL SISTEMA DELL OFFERTA TURISTICA Check up sintetico 2

3 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Il Grande Fiume Il Po è malato per il gigantesco prelievo di acqua dall agricoltura; per gli scarichi inquinanti di agricoltura e industria; per il pesante impatto delle escavazioni nel letto e in golena....il fiume non è balneabile, l acqua non è potabile. Il Po è inospitale: per gli alti argini che lo isolano dal territorio circostante; per la nebbia che lo avvolge nella stagione invernale; per il caldo e le zanzare nella stagione estiva; per la monotona uniformità paesaggistica delle sponde; per la forte corrente che lo rende pericoloso agli inesperti. 3

4 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Il Grande Fiume Il Po è navigabile Fino al delta e Venezia a est e fino a Piacenza a ovest; Con la Stradivari si arriva fino a Mantova risalendo il Mincio; con la Padus si toccano i comuni rivieraschi La sistemazione del porto di Boretto e i nuovi attracchi di Guastalla e Luzzara hanno migliorato la fruibilità turistica del fiume; Il Po è vitale: Il campo di pesca sportiva di Boretto (6 Km) attira nel fine settimana 300/400 pescatori, anche da fuori regione, molti dormono negli alberghi del parmigiano; Il Lido di Boretto, le aree golenali di Guastalla e di Luzzara rappresentano già oggi dei veri punti di attrazione per residenti e visitatori in cerca di relax. E praticabile anche la navigazione con piccole imbarcazioni purché condotte da piloti esperti. 4

5 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Il Grande Fiume Il Po è sorprendente Per il grandioso ecosistema che lo circonda, fatto di corsi d acqua, aree umide, radure e golene, boscaglie di pioppi, olmi e frassini; Per le mille suggestioni letterarie, storiche e artistiche che gli sono indissolubilmente legate; Per la rassicurante accoglienza della pianura che lo accompagna, così diversa dagli stereotipi dell Italia turistica 5

6 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Luoghi di arte e di storia La Piazza e la Basilica di San Marco a Boretto La Piazza e il Centro storico a Brescello Piazza dell Argenta e Palazzo Bentivoglio a Gualtieri Palazzo Gonzaga e Centro Storico a Guastalla La Torre Civica a Luzzara La Rocca dei Gonzaga a Novellara Gli scavi archeologici di Poviglio La Rocca e Palazzo Sartoretti a Reggiolo Museo del Po e la Casa dei Pontieri a Boretto Museo di Don Camillo e Peppone a Brescello Museo Bentivoglio a Gualtieri (Ligabue e Tirelli) Museo di Palazzo Gonzaga a Guastalla Museo dell arte Naif a Luzzara Museo Gonzaga a Novellara Museo Terramara e Civico di Poviglio - Cesare Zavattini a Luzzara - Augusto Daolio e i Nomadi a Novellara Non c è un Colosseo o una Piazza San Marco; ma una fitta maglia di testimonianze di un Italia minore che suggerisce percorsi tematici insoliti e avvincenti, dalle palafitte dell età del bronzo, al Rinascimento degli Estensi e dei Gonzaga, fino al novecento di Ligabue, Camillo e Don Peppone, Zavattini e Augusto Daolio. Non si può fare affidamento, dunque, sulla Grande Attrattiva, ma soprattutto su un buon gioco di squadra dei territori. 6

7 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE Eventi e manifestazioni La Notte bianca e i Fuochi d artificio a Boretto Il Campionato di motonautica e la Pesca sportiva a Boretto Il Festival del cinema, a Brescello Piante e Animali perduti, a Guastalla, fiera agricola ed enogastronomica Il Concerto dei Nomadi, a Novellara Un PO di musica, della Regione, in tutta la Bassa La Bassa Reggiana è terra vivace, gli eventi sono molti e variegati, la gente arriva numerosa dalle città vicine e anche da più lontano: decine di migliaia di partecipanti alla Fiera di Guastalla, ai Fuochi di Boretto, al Concerto dei Nomadi di Novellara, al Festival di Brescello. E tuttavia, ogni Comune tende a fare da solo, stenta a decollare il calendario unitario di area, manca un offerta turistica integrata, i maggiori benefici vanno agli alberghi delle province contigue. 7

8 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE La rete cicloturistica Parma Colorno Brescello Guastalla Luzzara Borgoforte (MN) Ferrara Delta Po 10 Km 16 Km 15 Km 8 Km 22 Km 60 Km 72 Km La pista ciclabile che costeggia il Po ha uno sviluppo impressionante: sono circa 200 Km da Parma al Delta già percorribili con la sola eccezione del tratto Guastalla Luzzara di cui non è stata ancora completa la sistemazione. Da Parma è inoltre facilmente raggiungibile un ulteriore tratto (80 Km ca) fino a Piacenza. Si tratta di una pista quasi totalmente pianeggiante, con un grado di difficoltà molto basso che la rende appetibile per il cicloturismo organizzato ma accessibile a tutti, ragazzi e anziani compresi, anche per una semplice passeggiata. Le località raggiungibili sono molte, ricche di attrattive naturalistiche, paesaggistiche e artistico culturale, i panorami sono a volta irripetibili. Dalla pista principale si diramano anche numerosi percorsi a maggiore difficoltà adatti ad un ciclista più esperto ed alla muontain bike. 8

9 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE RISORSE La tradizione gastronomica L Emilia è celebre in Italia e nel mondo per il Parmigiano Reggiano, il Prosciutto, l Aceto Balsamico, il Cotechino, i Tortellini e, per quanto banalizzato, il Lambrusco; la sua immagine in campo gastronomico è fortissima, condita da valori di abbondanza e generosità, legata più di ogni altra regione italiana al piacere di vivere, all allegria, alla sensualità; La cucina reggiana può vantare un ricco menù di eccellenze gastronomiche, dal culatello ai tortelli, dai passatelli alla carne di maiale nelle varianti più fantasiose; la bassa reggiana di suo ci aggiunge la specialità del pesce di fiume, persico, luccio etc.; Senza alcun dubbio la gastronomia,regionale e locale, rappresenta uno straordinario patrimonio culturale e d immagine su cui fare leva per profilare l identità dell offerta turistica territoriale. 9

10 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LE INFRASTRUTTURE Vicinissima alle autostrade del Sole e del Brennero, alla Stazione ferroviaria di Reggio, all aeroporto di Bologna, la Bassa Reggiana gode di una invidiabile accessibilità; La Padus e la Stradivari consentono la navigazione turistica del fiume, sono per questo una grande risorsa; la Stradivari, per la bellezza e il comfort, è di per se una vera attrazione, e un opportunità per meeting e convegni. La presenza di aree attrezzate (e gratuite) per la sosta dei camper (Guastalla, Boretto) è già rilevante, considerati gli standard italiani; Non ci sono punti noleggio di biciclette, né pubblici né privati; una condizione imprescindibile per il decollo del cicloturismo; 10

11 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana L OFFERTA RICETTIVA Le strutture Provincia di RE ALBERGHI B&B/afittacam Agriturismo Ostelli TOTALE EXTRA TOTALE GENERALE 2* 3* 4* PL N. PL N. PL N. PL N. PL N. PL Boretto Brescello Gualtieri Guastalla Luzzara Novellara Poviglio Reggiolo TOTALE La dotazione ricettiva è estremamente debole: sul totale degli otto comuni non si raggiungono i posti letto, davvero pochi se rapportati alla popolazione; gli alberghi sono pochi, pressochè inesistente l ospitalità rurale e in generale extralberghiera. Rischia di essere un handicap per lo sviluppo del turismo e comunque è un dato da tenere ben presente in qualsiasi strategia. Brescello, Poviglio e Reggiolo hanno l offerta alberghiera più forte. 11

12 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana L OFFERTA RICETTIVA Le strutture - Trend Fonte: Provincia di Reggio Emilia Abitanti Alberghi Extralberghieri TOTALE Istat N. P.letto N. P.letto N. P.letto N. P.letto N. P.letto N. P.letto BORETTO BRESCELLO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA NOVELLARA POVIGLIO REGGIOLO TOTALI Negli ultimi tre anni l offerta complessiva in posti letto è diminuita, soprattutto ma non solo per la chiusura dell albergo di Gualtieri. Infatti, tranne che a Brescello, il settore alberghiero è in flessione dappertutto; da segnalare la tendenza all aumento dell extralberghiero (+ 20% PL), dovuta però quasi per intero a Guastalla. Gualtieri è addirittura a offerta zero, anche se si prevede entro breve la riapertura dell albergo sottoposto a lavori di ristrutturazione. 12

13 Il Piano Territoriale di Coordinamento ha definito gli indirizzi fondamentali per la tutela ambientale e storico culturale dell asta fluviale e della Bassa Reggiana; Il Piano Territoriale di Valorizzazione Territoriale PTVP (Fondi UE) ha cofinanziato opere infrastrutturali con il progetto Rete Museale nelle piccole capitali del Po : Sistemazione Sala dei Giganti nel palazzo Bentivoglio di Gualtieri per migliorane la fruizione e potenziare il ruolo del palazzo quale Centro Espositivo d area; Restauro del piano nobile e primo piano del palazzo Gonzaga a Guastalla (nuova sede del Museo della città) per migliorarne la fruizione culturale e turistica; Completamento del restauro della Rocca dei Gonzaga a Novellara (riaperto al pubblico nel 2006), con interventi sulla facciata e sul loggiato; Incentiva anche servizi di noleggio imbarcazioni, ricovero natanti e altri servizi al turismo fluviale; Il Piano Turistico della Promozione Locale (PTPL Fondi regionali) contribuisce alla qualificazione dei servizi di informazione (IAT di Guastalla), di accoglienza (visite guidate) e attività promoinformative di area. 13

14 Il 27 maggio 2005 le 13 Province rivierasche del Po (Alessandria Cremona Cuneo Ferrara Lodi Mantova Parma Pavia Piacenza Reggio Emilia Rovigo Torino e Vercelli) e l Autorità di bacino sottoscrivono il Protocollo d intesa per la tutela e la valorizzazione del territorio e la promozione della sicurezza delle popolazioni della valle del Po. Schema di Programma di azioni 24 gennaio 2008 ASSE SICUREZZA, DIFESA DEL SUOLO E GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE MISURA 1: Miglioramento sicurezza idraulica e recupero degli spazi di mobilità del fiume nei territori di pianura MISURA 2: Controllo delle pressioni e mitigazione degli impatti sulle risorse idriche nella regione fluviale del Po MISURA 3: Monitoraggio e controllo integrato ASSE TUTELA E VALORIZZAZIONE AMBIENTALE MISURA 4: Rinaturazione e valorizzazione ambientale della fascia fluviale del Po MISURA 5: Promozione di una agricoltura ecocompatibile MISURA 6: Certificazione ambientale territoriale ASSE PROMOZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO MISURA 7: Valorizzazione dell identità locale ai fini dello sviluppo locale: paesaggio, cultura, patrimonio architettonico. MISURA 8: I percorsi, i luoghi e le spiagge del po MISURA 9: La marca del Po: creazione e promozione del sistema turistico MISURA 10: Navigazione fluviale MISURA 11: Valorizzazione delle risorse umane ASSE GOVERNANCE MISURA 12: Governance e partecipazione 14

15 ATTIVITA D INTERESSE TURISTICO 7.1 Paesaggio fluviale, Identita locale e Legame con il fiume 7.2 Realizzazione di un Sistema ecomuseale del Po 7.3 Interventi puntuali e di sistema per il recupero del patrimonio architettonico 7.4 Favorire la rifunzionalizzazione delle cascine e dell'edilizia rurale 8.1 Completamento della ciclovia del Po e del cammino del Po 8.2 Completamento della rete per la navigabilità turistica 8.3 Recupero di spiagge, e luoghi per la balneazione e gli usi turistico ricreativi 8.4 La gustovia del Po, percorso tra le eccellenze enogastronomiche del Po 9.1 Piano per l identificazione e il posizionamento sul mercato delle aree turistiche del fiume 9.2 Rafforzamento della rete di informazione e accoglienza turistica e completamento di portali tematici per la promozione turistica (Osservatorio Po) 9.3 Cartellone di eventi di rilevanza internazionale, nazionale e locale 15

16 PROGETTI IN CORSO che interessano la Bassa Reggiana: 1. Valorizzazione turistica del Po (con Piemonte, Lombardia, Veneto): Segnaletica fluviale lungo fiume e nei punti di approdo, Studio sulla Ciclovia del Po; Sostegno alle imprese ricettive e di servizio, Manifestazione Un Po di Musica. 2. Valorizzazione del Turismo scolastico e giovanile Ricerche, itinerari, materiali promozionali, educational tour e workshop con le scuole; 3. Paesaggi d autore (Guareschi, Ligabue, Zavattini) Ricerca, libro e sito web; itinerari d autore, alberghi e ristoranti d autore; In corso di realizzazione una collana di brochure monografiche per ogni autore; 4. Fattore K (2007) Analisi del sistema turistico regionale, bilanci PMI e interviste, seminario e Convegno. 5. BLUE Building river Landscape across United Europe Ricerche, piano di marketing turismo fluviale, pubblicazione Un Po di particolari ; 6. Borghi autentici Progetto promozionale nazionale, in corso di valutazione 16

17 L Unione di prodotto a cui appartiene la Bassa Reggiana ha identificato al suo interno quattro prodotti, di cui uno riguarda il Po e la Bassa Reggiana, ma sul sito è assolutamente vuoto (maggio 2009). Alle stesse pagine, e allo stesso risultato si arriva dal sito Appennino e parchi Borghi e castelli Le vie del gusto Po: il Grande fiume Un Po da vivere Un Po da gustare Un Po di natura Un Po di storia è il sito delle strade del vino, tematico, molto scarno soprattutto su Reggio Emilia, nessun riferimento al Po e alla Bassa Reggiana. Il Portale di prenotazioni alberghiere, è uno strumento certamente interessante, ma ancora incompleto e comunque di natura prettamente commerciale. La Bassa Reggiana è assente. 17

18 Gestioni Associate: Difensore Civico Appalti I.A.T. S.U.A.P. Polizia Municipale Servizi Sociali Protezione Civile Teatro Ragazzi L Unione Bassa Reggiana, è stata istituita ufficialmente il 18 dicembre 2008 e ha sede a Guastalla. La collaborazione tra i Comuni era già iniziata nel 2001, con la costituzione dell Associazione Intercomunale. L Unione funziona bene sul versante tecnico e amministrativo, i benefici delle gestioni associate sono riconosciuti e apprezzati da tutti; L Unione funziona meno bene sul versante politico istituzionale, fatica ad adottare strategie comuni e a porsi come soggetto unitario nei tavoli istituzionali sovraordinati, Provincia, Regione etc. Nel turismo persiste una generale difficoltà a mettere a sistema le risorse e ad operare con la logica di rete piuttosto che di campanile. Il è stato firmato un protocollo di intesa tra le unioni Bassa Reggiana, Reno-Galliera(Bo), Bassa Romagna (Ra) PUNTI DI DEBOLEZZA Vs. Turismo Risorse ambientali e culturali non valorizzate Mancato sviluppo della navigazione fluviale Assenza di programmazione turistica e culturale coordinata Debolezza del sistema di accoglienza e commercio Assenza di reti culturali e turistiche Conferenza del IRS OPPORTUNITA Vs. Turismo Attrazione di turisti short break Turismo naturalistico ed enogastronomico Turismo scolastico Iniziative di valorizzazione culturale del territorio Creazione di un marchio Bassa Reggiana per promuovere sia il territorio sia le imprese. Conferenza del IRS 18

19 ITINERARIO COMUNI - Cenni Storici - Percorso Ambientale - Percorso Artistico ITINERARIO AMBIENTE ITINERARIO STORICO ARTISTICO - Cenni Storici - Percorso Archeologico - Percorso Artistico Speciale Enogastronomia - Prodotti tipici - Cucina tipica - Fiere enogastronomiche - Oltre l enogastronomia Navigazione Fluviale (Proposte navigazione Padus) Manifestazioni I Comuni di Boretto, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Poviglio e Reggiolo si sono associati nel 2000 per la gestione della promozione turistica territoriale, con l'apertura di uno IAT a Guastalla, sostenuto dalla provincia di Reggio Emilia sulla base della legge R. 7/98. L Ufficio funziona 9 mesi all'anno (metà marzo - metà dicembre) con una apertura minima di trenta ore settimanali anche in giorni festivi. L Ufficio, positivo come centro di coordinamento, non riesce però a coprire il territorio adeguatamente. Da valutare convezioni con associazioni locali. Il sito internet della Bassa Reggiana è ricco ed esaustivo per l informazione territoriale, datato e poco accattivante per la grafica; complessivamente più informativo che promozionale. E un sito molto pubblico, con dovizia di informazione territoriale ma totalmente privo di informazione privata, mancano gli alberghi e la ricettività in genere, mancano i ristoranti e in generale le opportunità turistiche proposte da imprese private, come lo Stradivari. Ha una debole visibilità, irreperibile con le keywords - bassa reggiana- turismo po turismo fluviale. E infine non è integrato nel sistema regionale di promozione turistica on line. 19

20 INFRASTRUTTURE FLUVIALI Società a maggioranza pubblica, nata nel 2002, il comune di Boretto ha il 45%; E proprietaria della Padus ( euro di investimento). Si occupa della gestione del porto e del pontile di Boretto, degli approdi di Guastalla e Luzzara, della gestione della Padus; da poco si occupa anche di promozione; Nel 2008 ha venduto direttamente 6 pacchetti sulla Padus, tutti giornalieri, per 1550 turisti; i pacchetti a servizio complesso (guide ecc.) li vende la Caboto; Boretto - Mantova è il pacchetto più richiesto; ARNI Azienda pubblica, si occupa di dragaggio e misurazione dei fondali; E proprietaria del Museo del Po, chiuso da 3 anni per inagibilità e onerosità della gestione; Già ricevuti finanziamenti per il risanamento della struttura, resta il problema di una gestione economicamente sostenibile; Pubblica la rivista Qui Po, bella ma poco diffusa (1.000 copie in tutto il bacino del Po); Ha un ruolo importante nella pianificazione e gestione del la segnaletica sul fiume e sulla riviera. 20

21 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE E POTENZIALE Check up sintetico 21

22 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Il movimento turistico ALB ERGHI EXTRALBERGHIERI TOTALE Anno 2007 ITALIANI STRANIERI ITALIANI STRANIERI TOTALE (Prov. RE) Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze Arrivi Presenze BORETTO BRESCELLO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA NOVELLARA POVIGLIO REGGIOLO TOTALI Il movimento turistico in Bassa Reggiana è in gran parte composto da uomini d affari, in larga maggioranza italiani, per il 90% alberghiero. Si tratta di un turismo infrasettimanale che lascia vuoti gli alberghi nel fine settimana, un problema ma anche un opportunità, perché costituisce la condizione per l avvio di un turismo leisure nel week end, considerata la scarsità di offerta ricettiva. 22

23 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Il movimento turistico (trend) PRESENZE Italiani Stranieri Totale Italiani Stranieri Totale Italiani Stranieri Totale BORETTO BRESCELLO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA NOVELLARA POVIGLIO REGGIOLO TOTALI Nel triennio considerato il trend è molto positivo, le presenze complessive crescono del 40%, (43% italiani e 27% stranieri), facendo pensare che sia già partito un qualche processo di sviluppo turistico pur nella modestia dei numeri assoluti. Particolarmente robusta e regolare la crescita a Novellara, Poviglio e Reggiolo, in controtendenza Gualtieri e Luzzara. A Brescello aumentano gli italiani ma crollano gli stranieri, qualcosa del genere avviene anche a Boretto. 23

24 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Valutazioni degli operatori - 1 Le interviste, condotte nel mese di marzo 2009, registrano la crescente difficoltà (Grafici 1 e 2) soprattutto degli alberghi per la crisi economica, che penalizza il turismo d affari. Per quanto riguarda la clientela viene confermata la marginalità del turismo per gli alberghi, ancora di più per i ristoranti (grafici 3 e 4). 1. Come è andata la stagione 2008? 100% 100% 80% 60% 40% 20% male così così bene 3. Da chi è costituita la sua clientela prevalente? 80% 60% 40% 20% Da centri vicini Residenti Turisti Affari 0% Hotel Ristoranti 0% Hotel Ristoranti 2. Meglio o peggio dell'anno prima? 100% 80% 60% 40% peggio uguale 100% 80% 60% 40% 30-50% % 4. Quanto pesa la clientela turistica (2008)? 20% 0% Hotel Ristoranti meglio 20% 0% Hotel Ristoranti meno del 10% 24

25 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Valutazioni degli operatori - 2 Sulle possibilità di sviluppo turistico del territorio (Grafici 5 e 6) scettici gli albergatori, più ottimisti i ristoranti, ma gli uni e gli altri al turismo ci stanno comunque pensando e sperando. Confermato il relativo vuoto di fine settimana negli alberghi ma, meno scontato, il generale interesse a riempirlo (Grafici 7 e 8). 5. La clientela turistica potrebbe aumentare in futuro? 100% 80% 60% 40% 20% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Hotel Ristoranti 6. Lei crede allo sviluppo turistico della Bassa Reggiana? per niente poco molto No Forse Si 100% 80% 60% 40% 20% 7. Ha molti clienti nel fine settimana? 100% 80% 60% 40% 20% 0% No Hotel Abbastanza Si Ristoranti Pochi Abbastanza Si 8. E' interessato a lavorare di più nel fine settimana? 0% Hotel Ristoranti 0% Hotel Ristoranti 25

26 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA ATTUALE Valutazioni degli operatori - 3 La domanda n.9, pur con maggiore tiepidezza da parte degli albergatori, segnala una buona disponibilità a sperimentare una forma di aggregazione che faciliti le attività di promo commercializzazione. L ultima domanda conferma l opinione generale sui segmenti turistici più facilmente accessibili. 9. Per aumentare il turismo potrebbe servire un'associazione di operatori per la promozione? Secondo lei quale potrebbe essere il turismo più interessante? (risposte multiple) 100% 90% % 14 70% 12 Scolastico 60% 50% 40% 30% No Abbastanza Si Pesca & sport Crociere sul Po Cicloturismo Week end 20% 4 10% 0% Hotel Ristoranti 2 0 Hotel Ristoranti 26

27 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA POTENZIALE I bacini turistici di prossimità residenti PARMA MILANO MANTOVA I bacini di prossimità sono i naturali serbatoi a cui attingere per alimentare l offerta turistica della Bassa Reggiana nel segmento Escursionismo e Week End. PIACENZA MODENA BASSA REGGIANA FERRARA BOLOGNA Gli eventi, particolarmente quelli ad alto afflusso di pubblico, possono rappresentare le occasioni privilegiate in cui fra conoscere l offerta territoriale complessiva della Bassa Reggiana; in particolare il mix su cui fare leva è costituito dalle proposte di navigazione fluviale, cicloturismo, arte ed enogastronomia. 27

28 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana LA DOMANDA TURISTICA POTENZIALE I bacini turistici di prossimità turisti ARRIVI 2007 Parma Salso Maggiore Mantova BASSA REGGIANA Ferrara Brescia Verona Un secondo serbatoio per il turismo escursionistico è costituito dai turisti che pernottano nei bacini turistici contigui, particolarmente quello del Garda (Brescia e Verona) caratterizzato da alti numeri e alta permanenza media. Permanenza lunga anche nel turismo di Salsomaggiore, molto diverso in quantità e qualità. Più problematiche le città d arte dove tuttavia è comunque presente una quota di turisti a permanenza elevata e interessata a conoscere anche il territorio circostante. 28

29 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico VALUTAZIONI E OPPORTUNITA DÌ MERCATO 29

30 DIAGNOSI DELL OFFERTA TURISTICA FORZA Il Po esercita ancora una grande suggestione Il paesaggio della Bassa Reggiana ha una sua originale identità La rete cicloturistica ha uno sviluppo invidiabile La densità di Grandi Personaggi contemporanei e popolari La varietà di eventi e manifestazioni di grande richiamo La collocazione baricentrica su tre regioni densamente popolate La vicinanza di grandi bacini turistici: Salsomaggiore, Lago di Garda, Mantova, Ferrara La omogeneità di valutazioni e indirizzi delle istituzioni DEBOLEZZA Il Po e la sua immagine di fiume inquinato Il territorio profondamente manomesso La relativa scarsità di attrattive storico artistiche L offerta ricettiva, molto scarsa e orientata al business Basso coordinamento tra i Comuni negli eventi L assenza di imprese attive nell incoming 30

31 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana PRODOTTI POTENZIALI ESCURSIONISMO GIORNALIERO Target PROVENIENZA BASSA REGGIANA COME META (Residenti in): - Emilia Romagna - Lombardia - Veneto BASSA REGGIANA COME TAPPA (Turisti): - Lago di Garda - Salsomaggiore - Mantova - Ferrara - Parma FAMIGLIE MOTIVAZIONE PREVALENTE - Peppone e Don Camillo - Pesca - Gita sul Po (Padus, Stradivari) - Cicloturismo sul Po - Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia - Peppone e Don Camillo - Gita sul Po - Ligabue - Centri Storici - Scavi di Poviglio 31

32 Terre del grande fiume in Bassa Reggiana PRODOTTI POTENZIALI TURISMO DEL WEEK END PROVENIENZA Target FAMIGLIE MIX DI MOTIVAZIONI - Emilia Romagna - Lombardia - Piemonte - Veneto - Toscana - Gita sul Po (Padus, Stradivari) - Cicloturismo sul Po - Peppone e Don Camillo - Visita ai centri Storici -Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia Nel breve e medio periodo è il segmento di mercato realisticamente più accessibile (dopo l escursionismo giornaliero) e interessante: perché la Bassa Reggiana non dispone di risorse tali da giustificare una vacanza lunga e perché l offerta ricettiva è molto piccola, occupata durante la settimana dal più remunerativo turismo d affari; lo sviluppo di flussi turistici nel week end può motivare le imprese a investire in ulteriore ricettività. 32

33 Mercati e prodotti potenziali TURISMO SPORTIVO SUL FIUME PROVENIENZA Target APPASSIONATI MOTIVAZIONE - Italia centro Nord - Germania, Austria, Francia - Pesca sportiva - Campionati di motonautica - Enogastronomia E un segmento di mercato già presente e gravita sul porto fluviale di Boretto: le gare di pesca attirano nel fine settimana 300/400 appassionati, il campionato di motonautica muove anch esso alcune centinaia di sportivi che spesso si fermano qualche giorno anche per le prove; oltre naturalmente agli spettatori (giornalieri). Tuttavia la gran parte di questi turisti non trova ospitalità negli alberghi della zona. Occorre agire su questa segmento come sistema di area, mettendo in rete sia le risorse turistiche che l offerta ricettiva in modo di aumentare la ricaduta economica sul territorio. 33

34 Mercati e prodotti potenziali CICLOTURISMO ORGANIZZATO (tappa in Bassa Reggiana) PROVENIENZA Target APPASSIONATI MOTIVAZIONE - Italia centro Nord - Germania, Austria, Francia - - Crociere sul Po - Visita ai centri Storici - Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia Sono diversi milioni i turisti europei che amano fare la vacanza in bicicletta, soprattutto nei paesi del Nord Europa e in Germania, probabilmente il paese con il più alto numero di cicloturisti (oltre ). Numerosi anche i Tour Operators specializzati in questo genere di vacanza che richiede una particolare forma di organizzazione e assistenza, ancora più numerosi i siti internet che se ne occupano, amatoriali e commerciali. E un segmento molto interessante che per poter dare risultati significativi richiede specifiche azioni di promo commercializzazione e un forte coordinamento di prodotto con le altre province rivierasche. 34

35 Mercati e prodotti potenziali TURISMO ITINERANTE OPEN AIR (tappa in Bassa Reggiana) PROVENIENZA Target CAMPERISTI MOTIVAZIONE - Italia - Germania, Austria, Francia - - Crociere sul Po - Visita ai centri Storici - Eventi, Fiere e Manifestazioni - Enogastronomia Aumentare le aree di sosta attrezzate e favorire la realizzazione di Camping può fare della Bassa Reggiana una meta privilegiata per questa tipologia di turismo. Attualmente il parco autocaravan circolante in Italia raggiunge le 190mila unità, in Europa, in Europa sono complessivamente coloro che viaggiano in camper, con una media di 4 persone per veicolo e 15 uscite con il camper (51 giorni) per anno. Le mete preferite sono quelle che consentono escursioni all aria aperta, visite culturali/artistiche, percorsi enogastronomici, trekking in natura: i piccoli borghi, le città d arte, i parchi e le riserve naturali. (AC Nielsen Mondonatura 2006) 35

36 Terre del Grande Fiume in Bassa Reggiana Fattori e strategie di un possibile processo di sviluppo turistico CONCLUSIONI E PROPOSTE PER LO SVILUPPO TURISTICO DELLA BASSA REGGIANA 36

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6

Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Svolgimento a cura di Fabio Ferriello e Stefano Rascioni Pag. 1 a 6 Esame di Stato 2015 Istituto Professionale - Settore servizi Indirizzo Servizi per l enogastronomia e l ospitalità alberghiera Articolazione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia

Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia. Il disciplinare della rete Enogastronomia Costruire nuovi prodotti turistici in provincia di Palermo: l Enogastronomia Il disciplinare della rete Enogastronomia marzo 2004 A. Le premesse L Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Palermo

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA

SISTEMA TURISTICO RIVIERA DEL GARDA (art. 4 legge regionale n. 15/2007 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ) PARTE A DOCUMENTO STRATEGICO 1 AGENZIA TERRITORIALE PER IL TURISMO : Redazione a cura di: dott.ssa Lia Guinta

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

0 m. 15 km Stazione ferroviaria Koper - Capodistria. 50 m P BOUTIQUE HOTEL LOCALITÀ

0 m. 15 km Stazione ferroviaria Koper - Capodistria. 50 m P BOUTIQUE HOTEL LOCALITÀ BOUTIQUE HOTEL NELLE IMMEDIATE VICINANZE DI STRUTTURE SPORTIVE, PISTE CICLISTICE E RICREATIVE ALBERGO CON TRADIZIONE, APERTO TUTTI GIORNI DELL'ANNO PIÙ DI 2400 ORE DI SOLE ANNUALI LOCALITÀ 15 km Stazione

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it

www.mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma Tel 0342-615355 e-mail dottirinzoni@mt-consulting.it Inserire un disegno BANDO DAT DAT MORBEGNO: Mo.Ma I PROMOTORI I promotori del progetto DAT COMUNE DI MORBEGNO ENTE CAPOFILA TRAONA DAZIO- CIVO MELLO CERCINO COSIO VALTELLINO - MANTELLO ROGOLO - VALMASINO

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO

RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO REPORT FINALE SULLE ATTIVITA RELATIVE AL PROGETTO RICOGNIZIONE, MAPPATURA E ANALISI DEL TURISMO NEI PARCHI E RISERVE NATURALI DELLA REGIONE LAZIO Dipartimento Ambiente Settore Turismo Sostenibile e Parchi

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO

LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Esperienze di turismo in ambiente alpino Saint Marcel 12 13 giugno 2010 Luigi CORTESE LE RETI DI ATTORI LOCALI VALORE AGGIUNTO PER UN TERRITORIO TURISTICO Rete o sistema? Il concetto di rete è usato spesso

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità

DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA. Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità DOP E IGP: I NUMERI DELLA QUALITA Bologna, 12 settembre 2008 Lo strumento Dop e Igp: utilità, punti di forza e principali criticità Denis Pantini Coordinatore di Area Agricoltura e Industria alimentare

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli