I N D I C E APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA 1 [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] 2 [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N D I C E APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA 1 [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] 2 [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ]"

Transcript

1 LA DIFFERENZIAZIONE CHE MASSIMIZZA IL PROFITTO IL CIRCOLO VIRTUOSO PER RILANCIARE LA CRESCITA I N D I C E [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ] APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA INTENSITÀ DI INNOVAZIONE

2 [ L A DIFFERENZIAZIONE CHE MASSIMIZZA IL PROFITTO ] Recenti ricerche hanno confermato l importanza della differenziazione del mercato per determinare il ritorno sugli investimenti che le aziende effettuano in innovazione. Ci si trova in presenza di un circolo virtuoso dove, mano a mano che le imprese di un settore introducono delle innovazioni, il tasso di differenziazione del settore tende ad aumentare e questo favorisce la redditività media delle imprese che vi operano. Tuttavia gli sforzi di innovazione devono essere modulati per consentire un adeguato ritorno degli investimenti. Tale necessità è messa in evidenza dall osservatorio PIMS su 7. imprese che permette di comprendere l effetto della differenziazione del mercato sulla redditività degli investimenti in innovazione. Il capo azienda ha il ruolo di assegnare le giuste priorità bilanciando il portafoglio di business consolidati che portano cassa e risorse fresche da investire in business innovativi, destinati ad aprire nuovi mercati dove assicurarsi posizioni di vantaggio competitivo in condizioni di elevata differenziazione, ottenendo così la massima remunerazione del capitale investito.. [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE: UN CIRCOLO VIRTUOSO ] Mai come in questo ultimi anni il tema dell innovazione è entrato nell agenda degli imprenditori e di tutti coloro che guidano un organizzazione. Il tasso di crescita dell economia del nostro paese ci fa intravedere un sistema economico incapace di reagire ad un contesto competitivo internazionale che ha ormai cambiato forma. Dall avvento dell euro, tutti i Paesi che hanno dovuto adeguare il loro sistema monetario hanno adeguato il loro modello competitivo, si sono attivati per trovare nuovi modi per competere, senza poter più fare leva sulla svalutazione della moneta nazionale. L Inghilterra, pur non appartenendo ad Eurolandia, ha rafforzato il suo primato nei servizi e oggi la City è considerata la Silicon Valley della finanza internazionale. Ha saputo fare i conti con una nuova supermoneta che avrebbe ben presto - sono passati solo 7 anni - rappresentato un fulcro importante dell economia mondiale, ridimensionando in modo significativo il ruolo del dollaro. Tedeschi e francesi hanno avuto le loro difficoltà a mantenere un assetto interno stabile. I primi assicurando una promettente integrazione delle due germanie per poter disporre di un mercato interno più grande, con più potenzialità. I secondi puntando su un modello di crescita internazionale con una forte spinta nelle attività di M&A, favoriti anche da un euro forte. La Spagna ha attraversato un momento d oro, con un economia che è cresciuta più della media europea da ormai tre anni, anche se ultimamente è coinvolta nella crisi immobiliare: efficienza della macchina dello Stato, rafforzamento del ruolo internazionale in settori innovativi come l energia pulita e rinnovabile, e sviluppo del mercato interno, sono gli ingredienti della ricetta.

3 Figura La differenziazione del mercato ha un impatto decisivo sul ritorno degli investimenti Nella ricerca di una via innovativa è, tuttavia, necessario tenere in considerazione il fatto che i risultati saranno condizionati da alcune caratteristiche ambientali che possono rappresentare problemi oppure opportunità. Introdurre delle novità in un mercato attento alle nuove proposte e con una propensione al riconoscimento di un premio di prezzo sarà più promettente rispetto a investire in un mercato dove l offerta dei concorrenti è appiattita verso un livello minimo di prestazione e l unico elemento di competizione è il prezzo. In altri termini, il grado di differenziazione di un mercato è un fattore che può svolgere la funzione di acceleratore o freno all ottenimento di risultati economici da parte di progetti innovativi. I ricercatori PIMS hanno isolato l effetto che la differenziazione del mercato ha sul rendimento del capitale investito di imprese che adottano strategie che puntano a creare vantaggi competitivi modificando il proprio profilo d offerta. n Come si può rilevare dalla figura, a fronte di un livello di qualità percepita dai clienti costante, la variazione di differenziazione del mercato può rappresentare una leva importante per la redditività con variazioni di ROI che spaziano dal 0 al 0%. Il nostro ufficio studi ha effettuato approfondimenti per stabilire in che modo la correlazione tra redditività, differenziazione e intensità di innovazione può cambiare in ragione del tipo di settore economico. A sostegno di tali evidenze scientifiche, abbiamo esaminato alcuni casi reali. a. Beni di consumo durevoli. In questo settore abbiamo valutato il comportamento del marchio di elettrodomestici Miele sul mercato italiano. Il brand tedesco gode di una notevole reputazione in termini di qualità percepita e affidabilità, assumendo nel nostro Paese il ruolo di vero e proprio status symbol per le categorie di consumatori con maggiori disponibilità di spesa.

4 Il mercato dell elettrodomestico in Italia si presenta particolarmente differenziato. Esistono molti brand posizionati in una fascia di prezzi che può oscillare da 00 a 000 per una lavatrice. Dentro questa forbice di prezzi si collocano gamme prodotto molto articolate, sia per prestazione, sia per notorietà e reputazione dei marchi ad essi associati. La figura illustra la curva del valore del marchio Miele, confrontata con la curva di prodotti di fascia alta e prodotti di fascia bassa. Figura Miele si differenzia su Curva del valore MIELE prezzo, affidabilità, durata e status Livello competitivo Miele Low High 0 Prezzo Comunicazione Assistenza Design Prestazioni tecniche Consumi Innovazione Affidabilità Durata Status Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli Appare evidente che Miele, in un mercato caratterizzato da un discreto grado di differenziazione, opera con costanza una strategia basata su elementi dell offerta che non sono presidiati dalla concorrenza, lasciando che quest ultima si scontri utilizzando le medesime leve competitive. Tale comportamento è determinato dal fatto che, quando il mercato percepisce un livello di differenziazione già marcato, i posizionamenti dei brand sono già chiari e gli investimenti più efficaci sono quelli che producono un rafforzamento degli elementi distintivi. Eccessivi investimenti provocherebbero incrementi di costi difficilmente trasferibili sui prezzi e il mercato non percepirebbe importanti discontinuità nel valore generato. b. Beni di consumo non durevoli. In questo settore abbiamo avuto modo di osservare il comportamento del brand De Cecco nella pasta secca nel mercato italiano. Possiamo dire che anche il mercato della pasta presenta un discreto tasso di differenziazione: i brand presenti nella distribuzione sono decine e i prezzi possono oscillare in maniera più contenuta rispetto al settore degli elettrodomestici. Attribuiamo quindi a questo settore un tasso di differenziazione medio. In questo contesto il brand De Cecco opera una strategia che valorizza la storia, la trazione e ogni investimento va nella direzione della qualità del prodotto e della tradizione.

5 Figura De Cecco si differenzia su prodotto, status e storia Curva del valore DECECCO Livello competitivo Dececco Follower Leader 0 Prezzo Comunicazione Package Innovazione Copertura canale Promozioni Notorietà brand Qualità prodotto Status Storia Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli La curva del valore ci mostra che il marchio De Cecco concentra i maggiori sforzi competitivi nel mantenere un livello di eccellenza sugli attributi che sono alla base del suo posizionamento da oltre un secolo. In un mercato di beni di consumo non durevoli mediamente differenziato, infatti, elevati investimenti per innovare la propria offerta non premiano la redditività. Al contrario, gli investimenti saranno maggiormente remunerativi se focalizzati nel rendere ancora più evidenti e solidi i propri vantaggi competitivi. c. Beni Industriali. Nel settore dei beni industriali abbiamo osservato l impresa Ansaldo Energie del gruppo Finmeccanica. L impresa produce impianti e macchine per la produzione di energia elettrica ed ha saputo adottare efficaci strategie di rilancio dopo un periodo buio caratterizzato da importanti ristrutturazioni. Complice il mercato certamente favorevole, l azienda ha saputo investire nella giusta direzione in un contesto dove il grado di differenziazione del mercato era ancora modesto e le scelte dei committenti legate essenzialmente a valutazioni di tipi tecnico. La concorrenza è rappresentata da importanti gruppi internazionali, che vantano una presenza storica nel comparto dell energia - Siemens, General Electric - e Ansaldo Energie ha dovuto conquistarsi spazio nelle gare internazionali dimostrando affidabilità e serietà a condizioni competitive. A tal fine l azienda ha puntato molto su un modello di business capace di essere veloce, reattivo e orientato al cliente. Ha saputo surrogare una inferiorità di brand e di copertura internazionale con una maggiore attenzione ai tempi e alla flessibilità nelle fasi di realizzazione in cantiere, al fine di accogliere le richieste dei committenti i quali, durante opere della durata di oltre mesi, potevano cogliere maggiori opportunità anche in corso d opera.

6 Curva del valore AEN Figura Ansaldo Energie si differenzia sui tempi e flessibilità di esecuzione Livello competitivo 0 AEN Follower Leader Prezzo Servizi Manualistica Affidabilità Assistenza Reperibilità pezzi ricambio Prestazioni Tempi esecuzione Training Assicurazioni Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli Ansaldo ha saputo innovare il modello di business presentandosi al mercato con una curva che si concentra su elementi di valore per il cliente, avendo dato per acquisito il rispetto di parametri tecnici e prestazionali che sono invece materia dei capitolati. Nel settore dei beni industriali, l innovazione può assumere un importanza notevole, sia a favore, sia contro la redditività. In presenza di tassi di differenziazione molto bassi, gli investimenti in innovazione hanno periodi di ammortamento lunghi. Questo a causa dei processi di qualificazione molto tecnici da parte dei clienti e committenti. Per avere prestazioni straordinarie è necessario favorire una maggiore differenziazione. In un mercato polarizzato - pochi brand forti nell alto di gamma e altri operatori nella fascia bassa del mercato - AEN ha saputo conquistarsi un ruolo nel gruppo che guida il mercato e, per farlo, ha lavorato sugli attributi ritenuti meno importanti dai concorrenti ma che i committenti hanno cominciato ad apprezzare. Questo ha contribuito a modificare l assetto del mercato, incrementando il tasso di differenziazione e favorendo così il ROI delle imprese più innovative. d. Componenti. Il settore dei componenti è caratterizzato anch esso da un processo di acquisto basato su valutazioni tecniche ed economiche da parte dei clienti. I fattori differenzianti più comuni sono quindi il prezzo e le prestazioni e le varie combinazione dei due elementi. In questo settore abbiamo osservato l azienda RICA, parte del gruppo Zoppas, leader nella produzione di componenti riscaldanti per applicazioni industriali, professionali e domestiche. L azienda opera in un contesto estremamente articolato con un modello multi business che le consente di coprire differenti segmenti di applicazione. Da quelli più specializzati a quelli più commodity. Nelle applicazioni caratterizzate da una moltitudine di operatori focalizzati sul minor prezzo e in presenza di caratteristiche tecniche standard dei prodotti, l azienda ha puntato sulla competitività dei costi: delocalizzazione produttiva e efficienza

7 industriale sono alla base del modello di business per i segmenti con minor grado di differenziazione. Figura.a Curva del valore RICA (commodity) Rica è competitiva su tutte le variabili nei settori commodity Livello competitivo RICA Cina Local 0 Prezzo Puntualità Velocità consegne Affidabilità Assistenza Conformità Copertura logistica Innovazione Prestazioni Progettazione Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli Una volta acquisita la necessaria competitività di costo attraverso iniziative industriali appropriate, l azienda ha puntato sulla valorizzazione dei fattori competitivi differenzianti, senza tuttavia effettuare investimenti specifici. A tale fine vengono utilizzate le sinergie con i laboratori, gli uffici tecnici e la supply chain delle operation di gruppo. In settori applicativi maggiormente guidati da contenuti specialistici dell offerta, come ad esempio le resistenze elettriche per le torri eoliche, oppure i riscaldatori per il settore aerospaziale, l azienda ha adottato strategie competitive basate sulla capacità di creare valore per i cliente. In tali contesti è stato necessario adottare innovazioni di carattere organizzativo per interagire con i clienti e identificare gli attributi di servizio e prodotto differenzianti per i mercato, evitando così di lavorare utilizzando unicamente la leva del prezzo. Curva del valore RICA (Speciality) Figura.b Rica si differenzia sulle variabili di qualità nei settori specialty Livello competitivo RICA Cina Local 0 Prezzo Affidabilità Puntualità Prestazioni Personalizzazioni Progettazione Innovazione Assistenza Copertura logistica Certificazioni Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli

8 L esperienza del gruppo Zoppas mostra che quando la differenziazione del mercato è molto bassa, la strada più promettente è quella di limitare gli investimenti in innovazione e ricercare invece la massima competitività di costo. Viceversa, in presenza di differenziazioni apprezzabili del mercato, l innovazione di prodotto, di processo e organizzativa porta a tassi di crescita e di redditività promettenti. Disporre di strumenti in grado di assistere il management nel riconoscere il giusto grado di innovazione in relazione al tasso di differenziazione del mercato nel quale l azienda opera è, quindi, un passo importante per le decisioni aziendali. In linea generale abbiamo identificato l esistenza di un circolo virtuoso nel quale ogni impresa dovrebbe posizionarsi per comprendere quali mosse e con che intensità cogliere appieno tutte le opportunità. Mano a mano a mano che le imprese che operano in un settore introducono delle innovazioni, il tasso di differenziazione del settore tende ad aumentare. Tale fenomeno favorisce la redditività delle imprese che vi operano. Tuttavia gli sforzi di innovazione devono essere modulati per consentire un adeguato ritorno degli investimenti. Tale necessità è messa in evidenza dall osservatorio PIMS su 7. imprese appartenenti ai vari settori - beni di consumo durevoli, beni di consumo non durevoli, beni industriali, componenti, materie prime, servizi che permette di comprendere l effetto della differenziazione del mercato sulla redditività degli investimenti in innovazione (vedi appendice).. [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ] In azienda diviene prioritario stimare gli impatti sulla redditività derivanti da eventi quali una variazione della qualità percepita dal mercato in conseguenza di iniziative che hanno saputo innovare l offerta a parità di tasso di differenziazione di mercato, oppure una variazione del tasso di differenziazione del mercato in conseguenza del mutamento dei fattori critici di acquisto da parte dei clienti oppure da un mutamento del sistema d offerta dei concorrenti a parità di qualità percepita della propria offerta, oppure una combinazione delle variazioni indicate. L osservatorio PIMS permette di elaborare i coefficienti di impatto sul ROI in ragione della variazione di: a. differenziazione del mercato b. qualità percepita relativa. In questo modo è possibile stimare la variazione di redditività attesa da iniziative destinate ad innovare la qualità offerta e/o di modificare il tasso di differenziazione di un mercato. Si prenda, ad esempio, un impresa con un capitale investito netto di 0 mio ed un EBIT di mio. Il ROI dell impresa risulta pari al 0%. Il management aziendale 7

9 decide di misurare in modo analitico il tasso di differenziazione del mercato e tale parametro risulta pari ad, collocandosi in un livello di bassa differenziazione. Il livello di qualità percepita relativa è pari a, quindi l offerta è esattamente al centro del mercato, equidistante dal concorrente più competitivo e dal meno competitivo. Iniziative in grado di incrementare di tre punti il livello di qualità percepita relativa avranno nel medio termine un impatto sull EBIT pari a,7 mio. Le stesse iniziative attuate da un impresa che opera in un mercato con un tasso di differenziazione pari a, quindi decisamente alto, porterebbero ad un incremento potenziale dell EBIT aziendale pari a,7 mio. La valutazione proposta si presta ad essere applicata anche in situazioni ove la variazione non sta nel livello di qualità percepita relativa, bensì nel livello di differenziazione del mercato. Utilizzando gli stessi parametri dell esempio precedente si assuma che l impresa non adotti alcuna iniziativa per modificare il livello di qualità percepita relativa. Per contro, il sistema d offerta degli operatori cambia in modo significativo per assecondare una domanda sempre più esigente e polarizzata. In tal caso potremmo assumere che a parità di qualità offerta, il passaggio da a nel tasso di differenziazione del mercato potrebbe condurre ad un aumento dell EBIT aziendale di circa 800 mila euro. Le aziende hanno a disposizione validi strumenti di lavoro per valutare un livello di innovazione responsabile, in grado di coniugare gli effetti della differenziazione del mercato con gli investimenti necessari per incrementare il valore del proprio sistema d offerta. Le tecniche e gli strumenti manageriali a sostegno di un percorso di innovazione responsabile sono ormai alla portata di manager ed imprenditori. Ma per il successo di iniziative di innovazione di valore applicare questi meccanismi non basta. Il capo azienda ha un ruolo determinante nel delineare un percorso chiaro all interno del quale ricercare la strada di massimizzazione del valore. Il capo deve assegnare le giuste priorità bilanciando il portafoglio di business consolidati che portano cassa e risorse fresche da investire in business innovativi destinati ad aprire nuovi mercati dove assicurarsi posizioni di vantaggio competitivo in condizioni di elevata differenziazione ottenendo così la massima remunerazione del capitale investito. 8

10 APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA INTENSITÁ DI INNOVAZIONE La differenziazione del mercato è un elemento critico che contribuisce a determinare le prestazioni economico finanziarie delle imprese che vi operano. Diviene importante valutare il grado di differenziazione di un mercato e comprendere l impatto di questo sui fondamentali delle imprese che competono al suo interno. La differenziazione è l ampiezza delle differenze tra le prestazioni offerte dai concorrenti che operano nello stesso mercato. La sua misurazione comporta il rilevamento dei parametri relativi alle prestazioni che i clienti considerano critiche per la loro scelta dei fornitori. Assumiamo che in un mercato operino tre imprese concorrenti A, B e C e che ognuna abbia un offerta valutabile secondo tre tipologie di prestazioni: prodotto, servizio e immagine. Assumiamo inoltre che i clienti di quel mercato effettuino le loro valutazioni attribuendo a ciascun tipo di prestazione un importanza espressa come % nella decisione d acquisto. La situazione competitiva apparirebbe come quella mostrata nella tabella seguente. Importanza Conc. A Conc. B Conc. C Media Prodotto 0% 7,0 8,0,0,7 Servizio % 8,0 0,0,0,7 Immagine % 7,0 8,0,0,,0,0,0 9,7 Il grado di differenziazione del mercato è calcolato in,0. Tale valore è dato dalla media dei valori assoluti delle differenze tra le prestazioni riscontrate nei diversi sistemi d offerta, ponderate per il livello di importanza attribuita dai clienti. DIFFERENZIAZIONE Importanza A/B la/bl p A/C la/cl p Media Prodotto 0%,00 0,0,00 0,80 0,0 Servizio %,00 0,0,00,0,00 Immagine %,00 0,,00,0 0,70,,,0 La differenziazione rappresenta un valore strutturale di un determinato mercato ed è strettamente legato a tre ordini di fattori tra loro correlati: a. Il numero dei concorrenti presenti b. Il livello di prestazione che ciascun concorrente è in grado di assicurare per ciascun parametro considerato critico per i clienti c. L importanza che i clienti attribuiscono a ciascun parametro delle offerte. Secondo gli studi effettuati dai ricercatori PIMS il tasso di differenziazione così calcolato è un parametro che contribuisce alla determinazione del profilo strategico di un impresa e come tale è in grado di influenzare le prestazioni in termini del ritorno su capitale investito (ROI). Gli studi condotti hanno contribuito a realizzare la metrica di valutazione della differenziazione: molto alta,, media, 0, molto bassa. Il grado di differenziazione è un attributo del profilo strategico prezioso in quanto consente di determinare il ritorno atteso da iniziative innovative mirate all incremento del valore offerto al mercato (vedi Fig. ). 9

11 Figura Differenziazione, qualità e redditività Fonte: Osservatorio PIMS Appare evidente che il ROI dell impresa cresce con il crescere della qualità percepita relativa e che questa relazione tende a modificarsi con il cambiare del tasso di differenziazione del mercato. In mercati scarsamente differenziati, infatti, gli investimenti destinati ad accrescere la qualità percepita rischiano di non tradursi in effettivi vantaggi competitivi, non produrre vantaggi di prezzo e al contrario incrementare i costi. Viceversa, in mercati via via più differenziati, gli investimenti destinati alla crescita della qualità percepita relativa producono vantaggi di prezzo più che proporzionali ai costi e pertanto spingono il ROI a livelli crescenti. PER INFORMAZIONI Dott.ssa Anna Favari Gruppo Ceccarelli S.p.A. Via Cerva, 0 Milano Tel (r.a.) Fax

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6

Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Le decisioni relative al prodotto: Cap. 6 Il prodotto Tre punti fondamentali 1. Elementi di base nella gestione del prodotto 2. Sviluppo di nuovi prodotti 3. L organizzazione per il prodotto 1.Elementi

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE

Reti, Accordi e Cooperazioni interaziendali a.a. 2008-2009 INDICE INDICE 1. Crescita aziendale e contesto esterno 2. Crescita aziendale e contesto interno 3. Crescita quantitativa e sviluppo qualitativo 4. Le dimensioni rilevanti dello sviluppo qualitativo 5. Le modalità

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Guida al Piano Industriale. Listing Guides

Guida al Piano Industriale. Listing Guides Guida al Piano Industriale Listing Guides Ai lavori hanno partecipato (Luglio 2003): BORSA ITALIANA (Luca Lombardo, Nunzio Visciano, Andrea Scremin) DELOITTE & TOUCHE CORPORATE FINANCE (Guido Vesin, Raffaella

Dettagli

Quanto vale una donna?

Quanto vale una donna? Quanto vale una donna? Sotto esame: Maggior equità nel settore degli appalti pubblici 7 marzo 2014 L'Equal Pay Day è un'iniziativa di BPW Switzerland che ha luogo in tutta la Svizzera. Dobbiamo imparare

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5

La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale Cap. 5 La strategia di marketing nel quadro della pianificazione strategica generale SCHEMA DI SINTESI 1. Che cos è la pianificazione

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli