I N D I C E APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA 1 [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] 2 [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ]

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I N D I C E APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA 1 [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] 2 [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ]"

Transcript

1 LA DIFFERENZIAZIONE CHE MASSIMIZZA IL PROFITTO IL CIRCOLO VIRTUOSO PER RILANCIARE LA CRESCITA I N D I C E [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE ] [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ] APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA INTENSITÀ DI INNOVAZIONE

2 [ L A DIFFERENZIAZIONE CHE MASSIMIZZA IL PROFITTO ] Recenti ricerche hanno confermato l importanza della differenziazione del mercato per determinare il ritorno sugli investimenti che le aziende effettuano in innovazione. Ci si trova in presenza di un circolo virtuoso dove, mano a mano che le imprese di un settore introducono delle innovazioni, il tasso di differenziazione del settore tende ad aumentare e questo favorisce la redditività media delle imprese che vi operano. Tuttavia gli sforzi di innovazione devono essere modulati per consentire un adeguato ritorno degli investimenti. Tale necessità è messa in evidenza dall osservatorio PIMS su 7. imprese che permette di comprendere l effetto della differenziazione del mercato sulla redditività degli investimenti in innovazione. Il capo azienda ha il ruolo di assegnare le giuste priorità bilanciando il portafoglio di business consolidati che portano cassa e risorse fresche da investire in business innovativi, destinati ad aprire nuovi mercati dove assicurarsi posizioni di vantaggio competitivo in condizioni di elevata differenziazione, ottenendo così la massima remunerazione del capitale investito.. [ INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE: UN CIRCOLO VIRTUOSO ] Mai come in questo ultimi anni il tema dell innovazione è entrato nell agenda degli imprenditori e di tutti coloro che guidano un organizzazione. Il tasso di crescita dell economia del nostro paese ci fa intravedere un sistema economico incapace di reagire ad un contesto competitivo internazionale che ha ormai cambiato forma. Dall avvento dell euro, tutti i Paesi che hanno dovuto adeguare il loro sistema monetario hanno adeguato il loro modello competitivo, si sono attivati per trovare nuovi modi per competere, senza poter più fare leva sulla svalutazione della moneta nazionale. L Inghilterra, pur non appartenendo ad Eurolandia, ha rafforzato il suo primato nei servizi e oggi la City è considerata la Silicon Valley della finanza internazionale. Ha saputo fare i conti con una nuova supermoneta che avrebbe ben presto - sono passati solo 7 anni - rappresentato un fulcro importante dell economia mondiale, ridimensionando in modo significativo il ruolo del dollaro. Tedeschi e francesi hanno avuto le loro difficoltà a mantenere un assetto interno stabile. I primi assicurando una promettente integrazione delle due germanie per poter disporre di un mercato interno più grande, con più potenzialità. I secondi puntando su un modello di crescita internazionale con una forte spinta nelle attività di M&A, favoriti anche da un euro forte. La Spagna ha attraversato un momento d oro, con un economia che è cresciuta più della media europea da ormai tre anni, anche se ultimamente è coinvolta nella crisi immobiliare: efficienza della macchina dello Stato, rafforzamento del ruolo internazionale in settori innovativi come l energia pulita e rinnovabile, e sviluppo del mercato interno, sono gli ingredienti della ricetta.

3 Figura La differenziazione del mercato ha un impatto decisivo sul ritorno degli investimenti Nella ricerca di una via innovativa è, tuttavia, necessario tenere in considerazione il fatto che i risultati saranno condizionati da alcune caratteristiche ambientali che possono rappresentare problemi oppure opportunità. Introdurre delle novità in un mercato attento alle nuove proposte e con una propensione al riconoscimento di un premio di prezzo sarà più promettente rispetto a investire in un mercato dove l offerta dei concorrenti è appiattita verso un livello minimo di prestazione e l unico elemento di competizione è il prezzo. In altri termini, il grado di differenziazione di un mercato è un fattore che può svolgere la funzione di acceleratore o freno all ottenimento di risultati economici da parte di progetti innovativi. I ricercatori PIMS hanno isolato l effetto che la differenziazione del mercato ha sul rendimento del capitale investito di imprese che adottano strategie che puntano a creare vantaggi competitivi modificando il proprio profilo d offerta. n Come si può rilevare dalla figura, a fronte di un livello di qualità percepita dai clienti costante, la variazione di differenziazione del mercato può rappresentare una leva importante per la redditività con variazioni di ROI che spaziano dal 0 al 0%. Il nostro ufficio studi ha effettuato approfondimenti per stabilire in che modo la correlazione tra redditività, differenziazione e intensità di innovazione può cambiare in ragione del tipo di settore economico. A sostegno di tali evidenze scientifiche, abbiamo esaminato alcuni casi reali. a. Beni di consumo durevoli. In questo settore abbiamo valutato il comportamento del marchio di elettrodomestici Miele sul mercato italiano. Il brand tedesco gode di una notevole reputazione in termini di qualità percepita e affidabilità, assumendo nel nostro Paese il ruolo di vero e proprio status symbol per le categorie di consumatori con maggiori disponibilità di spesa.

4 Il mercato dell elettrodomestico in Italia si presenta particolarmente differenziato. Esistono molti brand posizionati in una fascia di prezzi che può oscillare da 00 a 000 per una lavatrice. Dentro questa forbice di prezzi si collocano gamme prodotto molto articolate, sia per prestazione, sia per notorietà e reputazione dei marchi ad essi associati. La figura illustra la curva del valore del marchio Miele, confrontata con la curva di prodotti di fascia alta e prodotti di fascia bassa. Figura Miele si differenzia su Curva del valore MIELE prezzo, affidabilità, durata e status Livello competitivo Miele Low High 0 Prezzo Comunicazione Assistenza Design Prestazioni tecniche Consumi Innovazione Affidabilità Durata Status Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli Appare evidente che Miele, in un mercato caratterizzato da un discreto grado di differenziazione, opera con costanza una strategia basata su elementi dell offerta che non sono presidiati dalla concorrenza, lasciando che quest ultima si scontri utilizzando le medesime leve competitive. Tale comportamento è determinato dal fatto che, quando il mercato percepisce un livello di differenziazione già marcato, i posizionamenti dei brand sono già chiari e gli investimenti più efficaci sono quelli che producono un rafforzamento degli elementi distintivi. Eccessivi investimenti provocherebbero incrementi di costi difficilmente trasferibili sui prezzi e il mercato non percepirebbe importanti discontinuità nel valore generato. b. Beni di consumo non durevoli. In questo settore abbiamo avuto modo di osservare il comportamento del brand De Cecco nella pasta secca nel mercato italiano. Possiamo dire che anche il mercato della pasta presenta un discreto tasso di differenziazione: i brand presenti nella distribuzione sono decine e i prezzi possono oscillare in maniera più contenuta rispetto al settore degli elettrodomestici. Attribuiamo quindi a questo settore un tasso di differenziazione medio. In questo contesto il brand De Cecco opera una strategia che valorizza la storia, la trazione e ogni investimento va nella direzione della qualità del prodotto e della tradizione.

5 Figura De Cecco si differenzia su prodotto, status e storia Curva del valore DECECCO Livello competitivo Dececco Follower Leader 0 Prezzo Comunicazione Package Innovazione Copertura canale Promozioni Notorietà brand Qualità prodotto Status Storia Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli La curva del valore ci mostra che il marchio De Cecco concentra i maggiori sforzi competitivi nel mantenere un livello di eccellenza sugli attributi che sono alla base del suo posizionamento da oltre un secolo. In un mercato di beni di consumo non durevoli mediamente differenziato, infatti, elevati investimenti per innovare la propria offerta non premiano la redditività. Al contrario, gli investimenti saranno maggiormente remunerativi se focalizzati nel rendere ancora più evidenti e solidi i propri vantaggi competitivi. c. Beni Industriali. Nel settore dei beni industriali abbiamo osservato l impresa Ansaldo Energie del gruppo Finmeccanica. L impresa produce impianti e macchine per la produzione di energia elettrica ed ha saputo adottare efficaci strategie di rilancio dopo un periodo buio caratterizzato da importanti ristrutturazioni. Complice il mercato certamente favorevole, l azienda ha saputo investire nella giusta direzione in un contesto dove il grado di differenziazione del mercato era ancora modesto e le scelte dei committenti legate essenzialmente a valutazioni di tipi tecnico. La concorrenza è rappresentata da importanti gruppi internazionali, che vantano una presenza storica nel comparto dell energia - Siemens, General Electric - e Ansaldo Energie ha dovuto conquistarsi spazio nelle gare internazionali dimostrando affidabilità e serietà a condizioni competitive. A tal fine l azienda ha puntato molto su un modello di business capace di essere veloce, reattivo e orientato al cliente. Ha saputo surrogare una inferiorità di brand e di copertura internazionale con una maggiore attenzione ai tempi e alla flessibilità nelle fasi di realizzazione in cantiere, al fine di accogliere le richieste dei committenti i quali, durante opere della durata di oltre mesi, potevano cogliere maggiori opportunità anche in corso d opera.

6 Curva del valore AEN Figura Ansaldo Energie si differenzia sui tempi e flessibilità di esecuzione Livello competitivo 0 AEN Follower Leader Prezzo Servizi Manualistica Affidabilità Assistenza Reperibilità pezzi ricambio Prestazioni Tempi esecuzione Training Assicurazioni Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli Ansaldo ha saputo innovare il modello di business presentandosi al mercato con una curva che si concentra su elementi di valore per il cliente, avendo dato per acquisito il rispetto di parametri tecnici e prestazionali che sono invece materia dei capitolati. Nel settore dei beni industriali, l innovazione può assumere un importanza notevole, sia a favore, sia contro la redditività. In presenza di tassi di differenziazione molto bassi, gli investimenti in innovazione hanno periodi di ammortamento lunghi. Questo a causa dei processi di qualificazione molto tecnici da parte dei clienti e committenti. Per avere prestazioni straordinarie è necessario favorire una maggiore differenziazione. In un mercato polarizzato - pochi brand forti nell alto di gamma e altri operatori nella fascia bassa del mercato - AEN ha saputo conquistarsi un ruolo nel gruppo che guida il mercato e, per farlo, ha lavorato sugli attributi ritenuti meno importanti dai concorrenti ma che i committenti hanno cominciato ad apprezzare. Questo ha contribuito a modificare l assetto del mercato, incrementando il tasso di differenziazione e favorendo così il ROI delle imprese più innovative. d. Componenti. Il settore dei componenti è caratterizzato anch esso da un processo di acquisto basato su valutazioni tecniche ed economiche da parte dei clienti. I fattori differenzianti più comuni sono quindi il prezzo e le prestazioni e le varie combinazione dei due elementi. In questo settore abbiamo osservato l azienda RICA, parte del gruppo Zoppas, leader nella produzione di componenti riscaldanti per applicazioni industriali, professionali e domestiche. L azienda opera in un contesto estremamente articolato con un modello multi business che le consente di coprire differenti segmenti di applicazione. Da quelli più specializzati a quelli più commodity. Nelle applicazioni caratterizzate da una moltitudine di operatori focalizzati sul minor prezzo e in presenza di caratteristiche tecniche standard dei prodotti, l azienda ha puntato sulla competitività dei costi: delocalizzazione produttiva e efficienza

7 industriale sono alla base del modello di business per i segmenti con minor grado di differenziazione. Figura.a Curva del valore RICA (commodity) Rica è competitiva su tutte le variabili nei settori commodity Livello competitivo RICA Cina Local 0 Prezzo Puntualità Velocità consegne Affidabilità Assistenza Conformità Copertura logistica Innovazione Prestazioni Progettazione Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli Una volta acquisita la necessaria competitività di costo attraverso iniziative industriali appropriate, l azienda ha puntato sulla valorizzazione dei fattori competitivi differenzianti, senza tuttavia effettuare investimenti specifici. A tale fine vengono utilizzate le sinergie con i laboratori, gli uffici tecnici e la supply chain delle operation di gruppo. In settori applicativi maggiormente guidati da contenuti specialistici dell offerta, come ad esempio le resistenze elettriche per le torri eoliche, oppure i riscaldatori per il settore aerospaziale, l azienda ha adottato strategie competitive basate sulla capacità di creare valore per i cliente. In tali contesti è stato necessario adottare innovazioni di carattere organizzativo per interagire con i clienti e identificare gli attributi di servizio e prodotto differenzianti per i mercato, evitando così di lavorare utilizzando unicamente la leva del prezzo. Curva del valore RICA (Speciality) Figura.b Rica si differenzia sulle variabili di qualità nei settori specialty Livello competitivo RICA Cina Local 0 Prezzo Affidabilità Puntualità Prestazioni Personalizzazioni Progettazione Innovazione Assistenza Copertura logistica Certificazioni Attributi dell'offerta Fonte: Ceccarelli

8 L esperienza del gruppo Zoppas mostra che quando la differenziazione del mercato è molto bassa, la strada più promettente è quella di limitare gli investimenti in innovazione e ricercare invece la massima competitività di costo. Viceversa, in presenza di differenziazioni apprezzabili del mercato, l innovazione di prodotto, di processo e organizzativa porta a tassi di crescita e di redditività promettenti. Disporre di strumenti in grado di assistere il management nel riconoscere il giusto grado di innovazione in relazione al tasso di differenziazione del mercato nel quale l azienda opera è, quindi, un passo importante per le decisioni aziendali. In linea generale abbiamo identificato l esistenza di un circolo virtuoso nel quale ogni impresa dovrebbe posizionarsi per comprendere quali mosse e con che intensità cogliere appieno tutte le opportunità. Mano a mano a mano che le imprese che operano in un settore introducono delle innovazioni, il tasso di differenziazione del settore tende ad aumentare. Tale fenomeno favorisce la redditività delle imprese che vi operano. Tuttavia gli sforzi di innovazione devono essere modulati per consentire un adeguato ritorno degli investimenti. Tale necessità è messa in evidenza dall osservatorio PIMS su 7. imprese appartenenti ai vari settori - beni di consumo durevoli, beni di consumo non durevoli, beni industriali, componenti, materie prime, servizi che permette di comprendere l effetto della differenziazione del mercato sulla redditività degli investimenti in innovazione (vedi appendice).. [ LE IMPLICAZIONI PER LE AZIENDE ] In azienda diviene prioritario stimare gli impatti sulla redditività derivanti da eventi quali una variazione della qualità percepita dal mercato in conseguenza di iniziative che hanno saputo innovare l offerta a parità di tasso di differenziazione di mercato, oppure una variazione del tasso di differenziazione del mercato in conseguenza del mutamento dei fattori critici di acquisto da parte dei clienti oppure da un mutamento del sistema d offerta dei concorrenti a parità di qualità percepita della propria offerta, oppure una combinazione delle variazioni indicate. L osservatorio PIMS permette di elaborare i coefficienti di impatto sul ROI in ragione della variazione di: a. differenziazione del mercato b. qualità percepita relativa. In questo modo è possibile stimare la variazione di redditività attesa da iniziative destinate ad innovare la qualità offerta e/o di modificare il tasso di differenziazione di un mercato. Si prenda, ad esempio, un impresa con un capitale investito netto di 0 mio ed un EBIT di mio. Il ROI dell impresa risulta pari al 0%. Il management aziendale 7

9 decide di misurare in modo analitico il tasso di differenziazione del mercato e tale parametro risulta pari ad, collocandosi in un livello di bassa differenziazione. Il livello di qualità percepita relativa è pari a, quindi l offerta è esattamente al centro del mercato, equidistante dal concorrente più competitivo e dal meno competitivo. Iniziative in grado di incrementare di tre punti il livello di qualità percepita relativa avranno nel medio termine un impatto sull EBIT pari a,7 mio. Le stesse iniziative attuate da un impresa che opera in un mercato con un tasso di differenziazione pari a, quindi decisamente alto, porterebbero ad un incremento potenziale dell EBIT aziendale pari a,7 mio. La valutazione proposta si presta ad essere applicata anche in situazioni ove la variazione non sta nel livello di qualità percepita relativa, bensì nel livello di differenziazione del mercato. Utilizzando gli stessi parametri dell esempio precedente si assuma che l impresa non adotti alcuna iniziativa per modificare il livello di qualità percepita relativa. Per contro, il sistema d offerta degli operatori cambia in modo significativo per assecondare una domanda sempre più esigente e polarizzata. In tal caso potremmo assumere che a parità di qualità offerta, il passaggio da a nel tasso di differenziazione del mercato potrebbe condurre ad un aumento dell EBIT aziendale di circa 800 mila euro. Le aziende hanno a disposizione validi strumenti di lavoro per valutare un livello di innovazione responsabile, in grado di coniugare gli effetti della differenziazione del mercato con gli investimenti necessari per incrementare il valore del proprio sistema d offerta. Le tecniche e gli strumenti manageriali a sostegno di un percorso di innovazione responsabile sono ormai alla portata di manager ed imprenditori. Ma per il successo di iniziative di innovazione di valore applicare questi meccanismi non basta. Il capo azienda ha un ruolo determinante nel delineare un percorso chiaro all interno del quale ricercare la strada di massimizzazione del valore. Il capo deve assegnare le giuste priorità bilanciando il portafoglio di business consolidati che portano cassa e risorse fresche da investire in business innovativi destinati ad aprire nuovi mercati dove assicurarsi posizioni di vantaggio competitivo in condizioni di elevata differenziazione ottenendo così la massima remunerazione del capitale investito. 8

10 APPENDICE: COME STABILIRE LA GIUSTA INTENSITÁ DI INNOVAZIONE La differenziazione del mercato è un elemento critico che contribuisce a determinare le prestazioni economico finanziarie delle imprese che vi operano. Diviene importante valutare il grado di differenziazione di un mercato e comprendere l impatto di questo sui fondamentali delle imprese che competono al suo interno. La differenziazione è l ampiezza delle differenze tra le prestazioni offerte dai concorrenti che operano nello stesso mercato. La sua misurazione comporta il rilevamento dei parametri relativi alle prestazioni che i clienti considerano critiche per la loro scelta dei fornitori. Assumiamo che in un mercato operino tre imprese concorrenti A, B e C e che ognuna abbia un offerta valutabile secondo tre tipologie di prestazioni: prodotto, servizio e immagine. Assumiamo inoltre che i clienti di quel mercato effettuino le loro valutazioni attribuendo a ciascun tipo di prestazione un importanza espressa come % nella decisione d acquisto. La situazione competitiva apparirebbe come quella mostrata nella tabella seguente. Importanza Conc. A Conc. B Conc. C Media Prodotto 0% 7,0 8,0,0,7 Servizio % 8,0 0,0,0,7 Immagine % 7,0 8,0,0,,0,0,0 9,7 Il grado di differenziazione del mercato è calcolato in,0. Tale valore è dato dalla media dei valori assoluti delle differenze tra le prestazioni riscontrate nei diversi sistemi d offerta, ponderate per il livello di importanza attribuita dai clienti. DIFFERENZIAZIONE Importanza A/B la/bl p A/C la/cl p Media Prodotto 0%,00 0,0,00 0,80 0,0 Servizio %,00 0,0,00,0,00 Immagine %,00 0,,00,0 0,70,,,0 La differenziazione rappresenta un valore strutturale di un determinato mercato ed è strettamente legato a tre ordini di fattori tra loro correlati: a. Il numero dei concorrenti presenti b. Il livello di prestazione che ciascun concorrente è in grado di assicurare per ciascun parametro considerato critico per i clienti c. L importanza che i clienti attribuiscono a ciascun parametro delle offerte. Secondo gli studi effettuati dai ricercatori PIMS il tasso di differenziazione così calcolato è un parametro che contribuisce alla determinazione del profilo strategico di un impresa e come tale è in grado di influenzare le prestazioni in termini del ritorno su capitale investito (ROI). Gli studi condotti hanno contribuito a realizzare la metrica di valutazione della differenziazione: molto alta,, media, 0, molto bassa. Il grado di differenziazione è un attributo del profilo strategico prezioso in quanto consente di determinare il ritorno atteso da iniziative innovative mirate all incremento del valore offerto al mercato (vedi Fig. ). 9

11 Figura Differenziazione, qualità e redditività Fonte: Osservatorio PIMS Appare evidente che il ROI dell impresa cresce con il crescere della qualità percepita relativa e che questa relazione tende a modificarsi con il cambiare del tasso di differenziazione del mercato. In mercati scarsamente differenziati, infatti, gli investimenti destinati ad accrescere la qualità percepita rischiano di non tradursi in effettivi vantaggi competitivi, non produrre vantaggi di prezzo e al contrario incrementare i costi. Viceversa, in mercati via via più differenziati, gli investimenti destinati alla crescita della qualità percepita relativa producono vantaggi di prezzo più che proporzionali ai costi e pertanto spingono il ROI a livelli crescenti. PER INFORMAZIONI Dott.ssa Anna Favari Gruppo Ceccarelli S.p.A. Via Cerva, 0 Milano Tel (r.a.) Fax

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

I N D I C E 1 [LE IMPRESE IN BUONA SALUTE CREANO 2 [PRIMA REGOLA: UNA GOVERNANCE 3 [SECONDA REGOLA:UN SISTEMA DI

I N D I C E 1 [LE IMPRESE IN BUONA SALUTE CREANO 2 [PRIMA REGOLA: UNA GOVERNANCE 3 [SECONDA REGOLA:UN SISTEMA DI LA STRADA PER LA SOSTENIBILITÀ AZIENDALE IL MANAGEMENT EFFICACE TIENE L IMPRESA IN BUONA SALUTE I N D I C E 1 [LE IMPRESE IN BUONA SALUTE CREANO VALORE NEL TEMPO] 2 [PRIMA REGOLA: UNA GOVERNANCE ADEGUATA]

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ OSSERVATORIO EUROPA ] 3 [ QUALITA E DIFFERENZIAZIONE. SEMPRE ] 4 [ IL PREZZO GENERA VANTAGGI SOSTENIBILI ]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ OSSERVATORIO EUROPA ] 3 [ QUALITA E DIFFERENZIAZIONE. SEMPRE ] 4 [ IL PREZZO GENERA VANTAGGI SOSTENIBILI ] FARE BUSINESS IN EUROPA OSSERVATORIO I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ OSSERVATORIO EUROPA ] 3 [ QUALITA E DIFFERENZIAZIONE. SEMPRE ] 4 [ IL PREZZO GENERA VANTAGGI SOSTENIBILI ] 5 [ PIONIERI O INSEGUITORI

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese 1 1 Cos è un business game?!"!#$%&%'( )*(+,-./0(!"!#$%&%'(/.(1.23-,4.0*5(/5--,(+.6,(/.(.27851,( 9%'$'( )*( 9%'$'(.*( :3,*60( 785+5/5( -;51.165*4,(

Dettagli

Obiettivi conoscitivi

Obiettivi conoscitivi Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Strumenti avanzati di management accounting. Profili internazionali. Anno Accademico

Dettagli

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI

RISCHIO E CONTROLLO DI GESTIONE. AREA STRATEGICA d AFFARI Prof. Francesco Albergo Docente di PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Corso di Laurea in Economia Aziendale Curriculum in Gestione Aziendale Organizzata UNIVERSITA degli Studi di Bari DOTTORE COMMERCIALISTA -

Dettagli

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi)

LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE. Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) LA CRISI E LE BANCHE ITALIANE ALLA RICERCA DI UN EQUILIBRIO SOSTENIBILE Giancarlo Forestieri (Università Bocconi) AGENDA Un quadro d insieme I fattori di contesto I modelli di business tradizionali sono

Dettagli

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3

VENDERE ALL ESTERO 8.1 8.2 8.3 VENDERE ALL ESTERO 8 Vendere all estero... 125 8.1 Le differenze tra i mercati: un opportunità da cogliere... 128 8.2 Da esportatore per caso a international e-commerce manager!... 131 8.3 E per chi preferisce

Dettagli

acquisti L importanza del Risk Management nell area

acquisti L importanza del Risk Management nell area Risk management L importanza del Risk Management nell area acquisti Il rischio fa parte del business una significativa e permanente realtà che quasi ogni società deve affrontare. Senza rischio, l attività

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Lezioni di economia degli intermediari finanziari Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo a.berti@econ.uniurb.it Urbino, a.a. 2003-2004 La gestione

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale

L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale Lezione L analisi per la sopravvivenza del sistema vitale prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2006-2007 Le attività d impresa Il portafoglio prodotti è l insieme delle

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

GRUPPO PER LA CRESCITA Spunti per l intervento del Presidente di Piccola Industria Lombardia, Ambra Redaelli

GRUPPO PER LA CRESCITA Spunti per l intervento del Presidente di Piccola Industria Lombardia, Ambra Redaelli GRUPPO PER LA CRESCITA Spunti per l intervento del Presidente di Piccola Industria Lombardia, Ambra Redaelli Negli ultimi sei anni l Italia ha perso l'8% del PIL e il manifatturiero il 25% del volume di

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

LUCIANO SARTORI CONSULTING&MANAGEMENT SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE. www.lscm.it ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE

LUCIANO SARTORI CONSULTING&MANAGEMENT SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE. www.lscm.it ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE LUCIANO SARTORI CONSULTING&MANAGEMENT COMPANY PROFILE SOCIETÀ DI CONSULENZA DIREZIONALE ALLE IMPRESE INDUSTRIALI ED ARTIGIANE Canaletto - Il Canal Grande visto da Palazzo Balbi (Ca Rezzonico - Venezia)

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company

SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO. Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company SALONE FRANCHISING MILANO MILANO, 7.11.2014 COME ESPORTARE UNA RETE ITALIANA ALL ESTERO Dott.ssa Valeria Colucci Consultant, RDS & Company 1. Perchè crescere all estero: lo scenario internazionale Integrazione

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

Confini del business e supply chain management

Confini del business e supply chain management Confini del business e supply chain management Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento di Eonomia, Società, Politica 1/27 La soddisfazione del cliente e la qualità totale Il cliente e la sua

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Il nostro concetto di business

Il nostro concetto di business Il nostro concetto di business Il concetto di business GOANDPLY ruota attorno a tre elementi principali: la volontà di mettere a disposizione delle aziende le proprie idee, creatività, knowledge ed esperienza

Dettagli

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI.

PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. PROMOTORI FINANZIARI PROMOTORI FINANZIARI CREDEM. PROTAGONISTI ASSOLUTI. Cosa cercano i migliori promotori? Ampia gamma di prodotti Massima autonomia Accogliere i clienti in una banca Guadagno su tutti

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta UNIONE MONETARIA I paesi aderenti adottano un unica moneta Quali implicazioni per la politica economica? unica politica monetaria (obiettivi, organi, strumenti) la politica monetaria assume come riferimento

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

L'importanza del Fattore Umano:

L'importanza del Fattore Umano: L'importanza del Fattore Umano: Tendenze e testimonianze dalle Eccellenti 2015 7 a Edizione Palazzo Mezzanotte 15 giugno 2015 Agenda 1 Osservatorio PMI Global Strategy PMI Italiane: competitività e eccellenza

Dettagli

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a:

Marketing e web. Fac Economia - mktg Internazionale. Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: Marketing e web Fac Economia - mktg Internazionale 1 1 Unicità della tecnologia digitale è dovuto principalmente a: 2 2 3 3 Legge di Moore Ogni 18 mesi i transistor inseriti in un chip raddoppiano = La

Dettagli

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori

Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Il futuro delle Biotecnologie è nei nuovi investitori Sommario Con un tasso di crescita di nuove imprese intorno al 50%, l Italia delle biotecnologie sta progressivamente recuperando il ritardo maturato

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento

Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Imprese chimiche tra crisi e rinnovamento Analisi sui cambiamenti realizzati dalle imprese di chimica fine e specialità per affrontare la crisi Centro Studi Federchimica Giugno 2011 Con un questionario

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli

Francesco Calì. Value Purchasing. Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto. MANAGEMENT FrancoAngeli Francesco Calì Value Purchasing Strumenti e Tecniche per ridurre il Costo Totale d Acquisto MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT Visioni, esperienze, metodologie per potenziare competenze e capacità: proprie

Dettagli

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore

Dettagli

Valutazione degli investimenti

Valutazione degli investimenti Valutazione degli investimenti Mutina Profit Consulting S.r.l. affianca l imprenditore nella valutazione degli investimenti sia in termini di sostenibilità economica, mediante la predisposizione di Business

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA

Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA Progetto Rilancio: il caso Costruzioni SpA di Massimo Lazzari, Davide Mondaini e Violante Battistella (*) In questo contributo verrà illustrato il caso di un impresa che, aderendo al Progetto Ri-Lancio,

Dettagli

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI

Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Capitolo 7 TECNOLOGIE PER LA PRODUZIONE MANIFATTURIERA E PER I SERVIZI Per TECNOLOGIA si intendono i processi, le tecniche, i macchinari e le azioni utilizzati per trasformare gli input organizzativi (materiali,

Dettagli

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE,

I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, I SERVIZI ASSOCIATIVI: CARATTERISTICHE, ORGANIZZAZIONE E SVILUPPO DI GIULIANO NICOLINI PRIMA PARTE: CENNI GENERALI SUI SERVIZI ASSOCIATIVI 1 Le associazioni di rappresentanza delle imprese hanno come funzione

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali

SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali SERVIRE IL CLIENTE NEL CICLO DI VITA DEL PATRIMONIO Competenze per la consulenza nelle nuove filiali Aida Maisano Responsabile ABIFormazione FORUM HR 2015, 9 e 10 giugno 2015 Banche e Risorse Umane Le

Dettagli

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011

Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 Sales Force Effectiveness: da controllo a pianificazione e governo Settembre 2011 2011 Health Business Improvement Il materiale contenuto in questo documento si considera a supporto della discussione tra

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE WHITE PAPER [ Con la moderata ripresa economica emergono nuove necessità di bilanciamento delle leve di marketing Pierluigi Carlini ASK Vice President IRI Con la moderata ripresa economica emergono nuove

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS

LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Laurea Specialistica in Marketing e Comunicazione per le Aziende LE STRATEGIE CORPORATE IN UN IMPRESA MULTIBUSINESS G. Pellicelli

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole

SOMMARIO. Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE. Capitolo 1 Lo scenario di riferimento. Capitolo 2 La gestione strategica in 3 regole SOMMARIO Parte Prima SCENARI E APPROCCI ALLA PROFESSIONE Capitolo 1 Lo scenario di riferimento 1.1 Marketing e strategie: una sfida per il presente... 3 1.2 Marketing e comunicazione: le ragioni e le opportunità

Dettagli

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven *

Brand Management. al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Dal Brand Management al Global Business Management nelle imprese Market-Driven * Emilio Zito ** Abstract Le imprese più competitive, operanti nei mercati globali di massa (automotive, high-tech, largo

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

Export manager per il settore della nautica da diporto

Export manager per il settore della nautica da diporto PROGETTO COFINANZIATO DALL UNIONE EUROPEA Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica da diporto FORMAZIONE SUPERIORE Progetto formativo per Export manager per il settore della nautica

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO ANALISI DEL MERCATO COMPETITIVO CONOSCENZE L AREA STRATEGICA D AFFARI (ASA) IN RAPPORTO ALLE STRATEGIE AZIENDALI Nella definizione del comportamento

Dettagli

Prezzo: il punto di vista dell acquirente

Prezzo: il punto di vista dell acquirente PREZZO: IL PUNTO DI VISTA DELL ACQUIRENTE È bene considerare almeno tre ordini di problemi nell ambito delle decisioni sul prezzo. In primo luogo, e secondo una prospettiva di marketing ampiamente condivisa,

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Fondi Gestiti e Progetti Futuri

Fondi Gestiti e Progetti Futuri S.I.C.I. SGR S.p.A. Fondi Gestiti e Progetti Futuri Prato, 9 Maggio 2013 S.I.C.I. SGR S.p.A. La Società Sviluppo Imprese Centro Italia è la società di gestione del risparmio indipendente del sistema finanziario

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli

Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli Marketing avanzato (Customer Relationship Management) A.A. 2013-2014 Prof. Gennaro Iasevoli UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media INFORMAZIONI Materiale

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA LEZIONI N. 5 e 6 L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE DESCRIVERE IL PROCESSO DI ANALISI COMPETITIVA IDENTIFICARE E ANALIZZARE LE VARIABILI

Dettagli

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana RISPARMIO: RESPONSABILITÀ INDIVIDUALI, RESPONSABILITÀ COLLETTIVE 81 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO ACRI Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 29 ottobre 2005

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

Più profitti, meno debiti

Più profitti, meno debiti Strettamente riservato Più profitti, meno debiti La lezione delle imprese industriali italiane «leggere» (con limitata dotazione di capitale) di Filippo Peschiera e Marco Visani, Maggio 2014 2013 The European

Dettagli

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda La strategia aziendale (il Piano Strategico aziendale) scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda Il Marketing strategico (il Piano di Marketing) scelte di lungo periodo

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE

PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE PRESENTAZIONE REALTA' AZIENDALE INDICE MUTUI & FUTURO 1. La Società' pag. 06 2. Vision, Mission, Valori pag. 07 3. Organigramma pag. 08 4. Modello di Lavoro pag. 09 5. Struttura Distributiva pag. 1 1 6.

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani.

Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. Lavori Servizi Pensiamo, creiamo e conserviamo l Italia di domani. CHI SIAMO Il Consorzio Italwork consta oggi di 400 risorse, di cui fanno parte professioni

Dettagli

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci

SFC Strategia. Finanza e Controllo. Sommario Editoriale di Enzo Tucci n.1 - Anno 2014 APRILE/GIUGNO n.1 aprile/giugno 2014 1 marzo maggio maggio SFC Strategia Finanza e Controllo Edizione a cura di: ASFIM, CREA VALORE ALL IMPRESA Associazione degli Specialisti in Finanza

Dettagli