Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 3. Teorie alternative dell equilibrio economico"

Transcript

1 Capitolo 3 Teorie alternative dell equilibrio economico Il sistema economico è in equilibrio quando l offerta trova sul mercato una domanda uguale e corrispondente: in questo caso le imprese riescono a vendere a prezzi remunerativi tutto ciò che è stato prodotto e mantengono i livelli di produzione e di occupazione. Al contrario se ciò che è prodotto non è interamente venduto sul mercato, se la domanda non è in grado di assorbire l offerta, le imprese cercheranno di diminuire l offerta riducendo la produzione ed accrescendo la disoccupazione. Si possono considerare due impostazioni teoriche che spiegano in misura contrapposta il funzionamento del sistema economico e la determinazione del reddito di equilibrio: l impostazione che definiamo liberista e quella keynesiana. Si tratta di impostazioni teoriche estremamente semplificate che vengono espressamente esposte in modo contrapposto. 3.1 L impostazione liberista La prima impostazione, quella liberista, si basa su tre presupposti fondamentali: a) l esistenza di mercati perfettamente concorrenziali e perfetta flessibilità dei prezzi.

2 82 Mario Oteri sulla base di questo presupposto esiste sempre un prezzo che è in grado di portare in equilibrio domanda ed offerta. Non è possibile che su un mercato si possa verificare un eccesso di produzione: il prezzo tenderebbe a ridursi sino a portare in equilibrio domanda e offerta. Analogamente un aumento dei prezzi porterebbe il mercato in equilibrio in caso di un eccesso di domanda sull offerta. b) la legge degli sbocchi o Legge di Say. per la Legge di Say tutto ciò che è prodotto trova sempre sul mercato una domanda corrispondente. Infatti poiché il valore della produzione è identico al valore dei redditi distribuiti, se l ammontare del reddito è speso interamente, tutto ciò che è prodotto troverà sempre sul mercato una domanda in grado di acquistarlo. Com è noto le famiglie spendono direttamente una parte del reddito per acquistare beni di consumo mentre una parte viene ad essere risparmiata. Secondo questa impostazione le famiglie sono disposte a risparmiare, cioè a rinunziare al consumo presente, soltanto se possono avere un consumo futuro maggiore. In altri termini sono disposti a non consumare oggi solo se possono ottenere sul reddito risparmiato un interesse positivo : essi considerano infatti il risparmio come una funzione crescente del tasso d interesse di mercato. D altra parte l Investimento, cioè la spesa fatta dalle imprese per acquistare beni che servono a produrre altri beni, dipende dallo stesso tasso d interesse: infatti le imprese prendono a prestito i mezzi necessari per effettuare la spesa per gli investimenti pagando il tasso d interesse previsto dal mercato. Esiste perciò sempre, sul mercato, un tasso d interesse in grado di portare in equilibrio Risparmi e

3 Teorie alternative dell equilibrio economico 83 Investimenti. In tal modo ciò che non è speso dalle famiglie viene ad essere speso dalle imprese. c) la teoria quantitativa della moneta. secondo questa teoria la moneta può influenzare soltanto il livello generale dei prezzi e le altre variabili monetarie ma non ha effetti sul livello del reddito e sulle altre variabili reali. La teoria quantitativa si basa su una semplice identità : M v = p Y la quantità di moneta in circolazione(m) per la sua velocità di circolazione (v) è sempre uguale al valore del reddito monetario dato dal reddito reale (Y) per il livello generale dei prezzi (p). Questa identità si trasforma nella Teoria quantitativa della moneta assumendo che la velocità di circolazione della moneta è costante e che il reddito è dato al livello di pieno impiego e non può variare. I liberisti ritengono che la moneta abbia solo la funzione di mezzo di pagamento e sia perciò domandata (= tenuta) solo per fare fronte alle spese che si devono effettuare, visto che non vi è coincidenza fra incassi ed esborsi. Poiché le abitudini di spesa sono abbastanza standardizzate ( Natale, fine settimana, vacanze estive, pagamento imposte etc.) la quantità di moneta domandata è stabile e, di conseguenza, anche la sua velocità di circolazione, cioè il numero di scambi che la moneta può sostenere nel sistema economico in un determinato periodo di tempo. Avremo perciò Mv = py Ne consegue che un aumento della quantità di moneta (M) potrà fare aumentare soltanto il livello generale dei prezzi (p)

4 84 Mario Oteri dato che la velocità di circolazione (v) è costante e il reddito reale (Y) è determinato al livello di pieno impiego e non può aumentare. In altri termini un aumento della quantità di moneta ha come unica conseguenza l aumento dei prezzi ma non ha alcun effetto sul reddito reale e sulla quantità di prodotto. Sulla base dei tre presupposti illustrati, l impostazione liberista afferma che il sistema economico è in grado di garantire un equilibrio di pieno impiego se lasciato libero di operare secondo le regole della concorrenza e se non vi sono rigidità che impediscono la perfetta flessibilità dei prezzi. La perfetta flessibilità dei salari è in grado di assicurare sul mercato del lavoro un equilibrio di piena occupazione. Infatti l esistenza di disoccupazione è determinata da un eccesso di offerta sulla domanda di lavoro: si verifica se al livello attuale di salario reale i lavoratori offrono più lavoro di quanto le imprese non siano disposte ad assumerne. Ma se i salari sono perfettamente flessibili l eccesso di offerta fa diminuire i salari monetari ( e quindi reali) portando ad una situazione di equilibrio dove domanda e offerta sono uguali.questo è un equilibrio di pieno impiego poiché tutti quelli che vogliono lavorare a quel salario possono trovare occupazione: non esiste disoccupazione involontaria. Può essere disoccupato soltanto chi sceglie di non lavorare al salario di equilibrio, si tratta di disoccupazione volontaria. Poiché siamo nel breve periodo la disponibilità di fattori produttivi ( impianti, macchinari, etc.) e il livello delle tecniche sono da considerarsi dati, cioè non modificabili, dato il numero di lavoratori occupati si determina, attraverso la funzione di produzione, la quantità di output prodotta nel

5 Teorie alternative dell equilibrio economico 85 sistema economico: si tratta del livello di produzione di pieno impiego che è determinato indipendentemente dal livello generale dei prezzi. Data l offerta di pieno impiego, la domanda aggregata, cioè la spesa per consumi e investimenti del settore privato e del settore pubblico e la spesa netta proveniente dal resto del mondo (export meno import), determina il livello generale dei prezzi. La flessibilità del tasso d interesse, eguagliando risparmio e investimento, fa sì che tutto quello che viene offerto sul mercato trovi una domanda in grado di assorbirlo, come sostenuto dalla Legge di Say. Un aumento di una componente della spesa, necessariamente finanziata dalla creazione di una maggiore quantità di moneta, ha come unico effetto quello di fare aumentare il livello dei prezzi lasciando invariata la quantità offerta al livello di pieno impiego. Infatti anche se l iniziale aumento dei prezzi dovesse ridurre il salario reale, accrescendo la domanda di lavoro, si determinerebbe sul mercato del lavoro un eccesso di domanda sull offerta che spingerebbe il salario nominale verso l alto riportando il salario reale al precedente livello di equilibrio. Quindi un aumento della domanda sostenuto da una crescita della quantità di moneta avrebbe come unico effetto quello di fare aumentare il livello generale dei prezzi e il salario nominale, lasciando invariati il livello di occupazione, il livello di produzione e il salario reale, confermando la dicotomia ( separazione) fra settore reale e settore monetario e la neutralità della politica monetaria previste dalla teoria quantitativa della moneta. Secondo l impostazione liberista il livello del reddito dipende dalla capacità del sistema economico di produrre beni e servizi, cioè dalla disponibilità di risorse, dalla loro

6 86 Mario Oteri organizzazione, dalla produttività dei fattori, dal livello della tecnica. Sono perciò essenziali per la crescita fattori come l istruzione, la ricerca scientifica di base ed applicata, la realizzazione di forme concorrenziali sia sul mercato dei fattori che sul mercato delle merci. Può anche determinarsi una situazione di equilibrio con disoccupazione ma questa dipende dal fatto che il potere dei sindacati impedisce una diminuzione dei salari nominali, ovvero che l esistenza di normative sociali vincolano la flessibilità dell occupazione etc.( rigidità dei salari e dell occupazione). 3.2 L'impostazione keynesiana e l'equilibrio del reddito nazionale Secondo l'impostazione keynesiana il sistema economico può trovarsi in una situazione di equilibrio pur senza raggiungere il pieno impiego delle risorse: equilibrio dunque con disoccupazione. I keynesiani mettono in discussione i presupposti sui quali si basa l'impostazione liberista. Innanzitutto negano che in una moderna economia di mercato la concorrenza perfetta sia prevalente: l'oligopolio e la concorrenza monopolistica sono invece le forme di mercato più diffuse. I prezzi non sono perfettamente flessibili ma sono invece rigidi verso il basso: piuttosto che ridurre i prezzi le imprese preferiscono ridurre la quantità prodotta e l'occupazione. Negano anche che il mercato del lavoro possa essere un mercato di concorrenza perfetta con salari flessibili dove

7 Teorie alternative dell equilibrio economico 87 l incontro fra domanda e offerta determina sempre un salario di equilibrio e il pieno impiego delle risorse. Ritengono questo tipo di impostazione poco credibile: assumere che i salari siano sempre al livello di equilibrio e che il mercato del lavoro sia perfettamente concorrenziale, significa ignorare una serie di elementi, come ad esempio la forza dei sindacati e la qualificazione del lavoro, che hanno evidente influenza sul livello del salario. In effetti tanto maggiore la forza o l organizzazione dei sindacati tanto più elevato tende ad essere il livello dei salari, così come aumenta il potere contrattuale del lavoratore a seconda della sua qualificazione. D altra parte sono evidenti le differenze fra i paesi: il mercato del lavoro nei paesi anglosassoni, cioè negli Stati Uniti e nel Regno Unito è diverso dal mercato del lavoro nei paesi dell Europa continentale, dove ci sono maggiori garanzie, ed entrambi i mercati sono diversi da quello del Giappone dove l identificazione del lavoratore con l azienda è molto forte, l azienda diventa la famiglia del lavoratore. Al di là di queste differenze considerano, comunque, alcuni elementi comuni a tutti i mercati del lavoro: innanzitutto il fatto che i salari tendono a mantenersi al di sopra di quello che si chiama salario di riserva, cioè il salario minino che il lavoratore è disposto ad accettare per rimanere nell impiego. In effetti i contratti dei lavoratori hanno una durata temporale piuttosto ampia e non vengono messi in discussione continuamente: anche se le condizioni del mercato spingono i salari verso il basso nelle nuove contrattazioni, quelli già siglati continuano a mantenere un livello più elevato sino alla scadenza. Altro elemento comune è considerato il fatto che il livello dei salari è fortemente influenzato dalle condizioni esistenti sul mercato del lavoro. E noto che il livello del

8 88 Mario Oteri salario è diverso a seconda che sul mercato del lavoro esista un elevato livello di disoccupazione ovvero si sia vicini al pieno impiego: tanto maggiore il livello di disoccupazione tanto più elevato l eccesso dell offerta di lavoro sulla domanda e tanto minore tende ad essere il livello dei salari. Anche l esistenza di vincoli ed elementi normativi ed istituzionali possono influenzare il livello del salario: ad esempio alcuni economisti americani ritengono che un sussidio di disoccupazione troppo elevato permetta ai lavoratori di non accettare qualunque offerta di lavoro e, quindi, spinge verso l alto il livello dei salari. Si nega poi la validità della Legge di Say. Non è vero che ogni offerta sia in grado di creare la propria domanda sul mercato ma il contrario: è il livello della domanda aggregata che determina il livello dell'offerta. Si afferma, infatti, che non necessariamente il tasso d'interesse porta in equilibrio Risparmi e Investimenti. I risparmi sono decisi dalle famiglie sulla base del reddito corrente piuttosto che del livello del tasso d'interesse: anche se il tasso d'interesse dovesse essere particolarmente elevato, se le famiglie si trovano con un reddito basso, appena sufficiente a coprire le spese essenziali, difficilmente risparmiano. Solo quando il reddito è elevato le famiglie restano con una parte del loro reddito non speso (= Risparmio) dopo avere effettuato la spesa per consumi. Ma non è detto che questo reddito sia dato a prestito a chi deve fare investimenti: se le prospettive sono negative può essere più conveniente mantenere questo reddito in forma liquida, detenere cioè moneta, piuttosto che acquistare titoli. D'altra parte non è detto che le imprese siano disposte ad effettuare investimenti anche se il tasso d'interesse è basso. Infatti la spesa per Investimenti è fatta dalle imprese per accrescere il

9 Teorie alternative dell equilibrio economico 89 reddito futuro e ottenere maggiori profitti: se le prospettive sono negative, se i rendimenti attesi non coprono i costi da sostenere, nessuna impresa può essere disposta ad investire anche se il tasso d'interesse è basso. In una moderna economia di mercato la crisi non è legata alla scarsità di mezzi, che non permette di impiegare risorse in modo produttivo, ma si può verificare nell'abbondanza di mezzi quando,per l insufficienza della domanda di mercato, le imprese rinunziano ad utilizzare le risorse esistenti. Se le aspettative sono negative, le imprese hanno già fermato gli impianti e chiuso gli stabilimenti licenziando lavoratori, difficilmente fanno nuovi investimenti per accrescere la capacità produttiva. Anche la teoria quantitativa della moneta è messa in discussione. Si ritiene che la velocità di circolazione della moneta non sia stabile ma possa variare dato che gli operatori tengono moneta non solo come mezzo di pagamento, per fare fronte alle loro spese, ma anche come riserva di valore in alternativa ad altri strumenti finanziari, come titoli, obbligazioni etc. In relazione alle aspettative sull'andamento dei mercati finanziari, gli operatori possono ritenere più conveniente vendere titoli e detenere moneta facendo diminuire la sua velocità di circolazione. D'altra parte il livello del reddito non è necessariamente quello di equilibrio di pieno impiego ma può variare in relazione all'andamento della domanda aggregata. Se il livello del reddito di equilibrio e la velocità di circolazione della moneta possono variare viene meno la teoria quantitativa della moneta e, con essa, la separazione fra settore reale e monetario del sistema economico (dicotomia) e la neutralità della politica monetaria che può influenzare, invece, le variabili reali.

10 90 Mario Oteri Secondo l impostazione keynesiana il livello di equilibrio del reddito dipende dal livello della domanda aggregata. Dato il livello della domanda aggregata le imprese adeguano l offerta, determinando la quantità da produrre ed il livello di occupazione. In regime di concorrenza imperfetta ( oligopolio e concorrenza monopolistica) le imprese non hanno convenienza a ridurre i prezzi di fronte ad una domanda insufficiente ad assorbire la produzione di pieno impiego : piuttosto riducono la produzione e l occupazione e vendono quella quantità a prezzi remunerativi. Sul mercato delle merci la domanda aggregata determina il livello di produzione, e le imprese richiedono la quantità di lavoro necessaria a realizzare quel livello di output. Ovviamente nulla garantisce che la domanda di lavoro sia al livello di pieno impiego: l equilibrio può aversi anche con risorse non occupate e un salario superiore a quello di equilibrio. Secondo l impostazione liberista la flessibilità dei salari potrebbe spingere i lavoratori ad accettare una riduzione dei salari nominali accrescendo l occupazione sino al livello di pieno impiego. Ma l aumento dell occupazione comporta un aumento della produzione e dell offerta aggregata che non trova, sul mercato delle merci, una domanda corrispondente dato che questa non è cresciuta. Per eguagliare la domanda all offerta le imprese devono ridurre i prezzi dei prodotti ma in tal modo, accrescendo il costo per unità di prodotto, determinano un aumento del salario reale che le costringe a ridurre la domanda di lavoro e l occupazione. Alla fine si tornerebbe al livello iniziale di equilibrio con prezzi e salari nominali più bassi, ma con redditi reali e disoccupazione invariati. Secondo i keynesiani l unico modo per ridurre la

11 Teorie alternative dell equilibrio economico 91 disoccupazione e portare il reddito al livello di pieno impiego è quello di accrescere la domanda aggregata in modo da offrire alle imprese la possibilità di vendere maggiori quantità di prodotti a prezzi remunerativi. A questo scopo il governo può svolgere un ruolo importante per spingere il sistema economico verso il pieno impiego delle risorse. 3.3 Rappresentazione grafica L'analisi grafica dell'impostazione liberista prende le mosse dal mercato del lavoro dove i lavoratori offrono una quantità di lavoro (curva Ls) crescente rispetto al salario reale (W/P) mentre le imprese, che eguagliano produttività del lavoro e salario reale, domandano (curva Ld) una maggiore quantità di lavoro quando il salario diminuisce. Dall'incontro fra domanda e offerta si determina il salario reale di equilibrio e il livello di pieno impiego della forza lavoro (L*): a quel salario infatti trovano occupazione tutti quelli che sono disposti a lavorare. Nel grafico sottostante si rappresenta la funzione di produzione che, dato lo stato delle tecniche e il livello di capitale esistente, permette di determinare il livello di prodotto realizzabile con il pieno impiego della forza lavoro (Y*). Nel terzo grafico la bisettrice permette di spostare il valore del prodotto di pieno impiego dall'ordinata all'ascissa e di individuare così sul quarto grafico, che rappresenta il mercato delle merci, la produzione offerta nel sistema economico al livello di pieno impiego delle risorse (curva AS verticale).

12 92 Mario Oteri Dato il reddito reale di pieno impiego (Y*), rappresentato da una curva di offerta aggregata verticale ( curva AS), nel quarto grafico la curva di domanda aggregata (curva AD), che rappresenta la spesa delle famiglie per consumi, delle imprese per investimenti, la spesa pubblica e le esportazioni nette, determina il livello generale dei prezzi. Una eventuale disoccupazione, pari ad L 1 -L*, potrebbe essere determinata soltanto da un livello di salario reale (w'/p) troppo elevato: la

13 Teorie alternative dell equilibrio economico 93 riduzione del salario nominale da w' a w riporterebbe in equilibrio il mercato del lavoro al livello di pieno impiego. Nel modello keynesiano, invece, il punto di partenza è rappresentato dal mercato delle merci dove l'offerta si adegua la livello dei prezzi P ( curva AS orizzontale) e la domanda aggregata (curva AD) determina il livello di produzione (Y) richiesto sul mercato. Attraverso la bisettrice si riporta questo livello di output sulla funzione di produzione in modo da individuare il livello di occupazione necessario per realizzarlo.

14 94 Mario Oteri Questo livello rappresenta l'occupazione richiesta dalle imprese e permette di determinare il livello del salario reale che le imprese sono disposte a pagare: questo livello di occupazione L 1 può essere al di sotto del pieno impiego determinando un salario (w'/p) e una disoccupazione pari a L L. Se il salario dovesse diminuire al livello (w/p) e portare l'occupazione al livello di pieno impiego ( L*) la maggiore offerta (Y*) non troverebbe sul mercato delle merci una domanda in grado di assorbirla ai prezzi correnti. L'eventuale diminuzione del livello generale dei prezzi farebbe aumentare il salario reale sino a riportare l'occupazione al livello L 1. L'unico modo di portare l'occupazione e la produzione al livello di pieno impiego è quello di accrescere la domanda aggregata (spostamento da AD a AD') con l'intervento pubblico. 3.4 Curva di Phillips e offerta aggregata Nelle due visioni, liberista e keynesiana, il livello generale dei prezzi e il livello di produzione non sono collegati fra di loro: nella prima il livello di produzione, e di occupazione, tende ad essere stabile a livello di pieno impiego ed è sostanzialmente determinato dalla capacità produttiva del sistema economico, mentre il livello dei prezzi dipende dalla domanda aggregata e, specificamente, dalla quantità di moneta in circolazione. La curva di offerta aggregata si presenta verticale ad indicare che non vi è alcuna relazione fra la quantità di beni e servizi prodotti e il livello generale dei prezzi. Come abbiamo visto la flessibilità dei salari porta sempre in equilibrio il mercato del lavoro, quindi si produce e si vende tutto ciò che può essere prodotto a livello di pieno impiego, si ha perciò assenza di disoccupazione. La

15 Teorie alternative dell equilibrio economico 95 flessibilità dei prezzi porta in equilibrio anche il mercato delle merci rendendo la domanda aggregata uguale all'offerta di pieno impiego: un eccesso di domanda, infatti, determina un aumento dei prezzi, ma lascia invariato il livello del prodotto. Questa impostazione implica una separazione netta fra settore reale e settore monetario, la dicotomia classica, e rende del tutto superfluo, o addirittura dannoso, l'intervento del governo o dell'autorità monetaria. Nell impostazione keynesiana, invece, il livello di produzione dipende sostanzialmente dal livello della domanda aggregata, piuttosto che dalla capacità produttiva del sistema, mentre il livello generale dei prezzi è considerato sostanzialmente stabile. Come abbiamo visto si ritiene che i mercati non siano di tipo concorrenziale e che i prezzi siano relativamente rigidi verso il basso: di fronte ad una domanda aggregata insufficiente ad assorbire la produzione di pieno impiego, le imprese preferiscono ridurre la produzione e l'occupazione piuttosto che ridurre i prezzi e i salari; può determinarsi, quindi, una situazione di equilibrio con disoccupazione. Il settore privato è dunque fondamentalmente instabile e diventa necessario l'intervento del settore pubblico e dell'autorità monetaria per mantenere i livelli di reddito e di occupazione. Non vi è dicotomia, poiché il tasso d'interesse, che si determina sul mercato monetario, influenza la spesa per investimenti, mentre il livello del reddito, che si determina sul mercato delle merci, influenza la domanda di moneta. Nelle due impostazioni, dunque, il livello generale dei prezzi e il livello di produzione sono considerati separatamente: per i liberisti il livello di produzione è stabile mentre il livello dei prezzi dipende dalla domanda aggregata e dalla quantità di moneta; per i keynesiani

16 96 Mario Oteri invece i prezzi sono stabili mentre il livello di produzione dipende dal livello della domanda aggregata. Figura Curva di Phillips w/p 0 u u L opportunità di collegare il livello generale dei prezzi e il livello di produzione, e quindi la formalizzazione di una curva di offerta aggregata crescente, fu reso possibile dall analisi di un economista inglese A.W. Phillips che, esaminando i dati del Regno Unito fra il 1861 e il 1957, evidenziò una relazione negativa fra tasso d incremento dei salari e tasso di disoccupazione: tanto più elevato il livello di disoccupazione tanto minore il livello d incremento dei salari e viceversa, con un livello di disoccupazione che rendeva stabile il livello dei salari. L analisi di Phillips metteva in evidenza come, mano a mano che

17 Teorie alternative dell equilibrio economico 97 si riducevano i livelli di disoccupazione, aumentava la forza dei lavoratori e, quindi, la possibilità di ottenere salari più elevati, ovvero come al crescere della disoccupazione si poteva ridurre il potere dei lavoratori e, quindi, la possibilità di ottenere salari crescenti. Studi condotti negli Stati Uniti da P. Samuelson e R. Solow, per un periodo relativamente più breve ( ), confermarono sostanzialmente questa relazione inversa tra andamento dei salari e disoccupazione. W = f(u) La relazione inversa fra tasso d incremento dei salari e livelli di disoccupazione venne formalizzata nella cosiddetta Curva di Phillips che, con riferimento al Regno Unito nel periodo considerato, individuava in un tasso del 5% il livello di disoccupazione minimo in grado di garantire la stabilità dei salari, mentre tassi di disoccupazione più bassi si associavano con tassi d incremento dei salari sempre più elevati. Indicando in ascissa il tasso di disoccupazione (u) e in ordinata il salario reale (w/p) la curva di Phillips si presenta decrescente da sinistra verso destra, ad indicare che il livello di salario reale diminuisce mano a mano che aumenta il tasso di disoccupazione, sino ad incontrare l asse delle ascisse ad indicare il tasso di disoccupazione che rende stabile il livello dei salari. Il passaggio dalla curva di Phillips alla curva di offerta aggregata crescente è abbastanza semplice. Innanzitutto si basa sul fatto che i prezzi dei prodotti sono correlati in maniera diretta ai costi di produzione e specificamente al livello del salario: un aumento del costo del lavoro superiore agli incrementi di produttività rappresenta per le imprese un aumento di costo per unità di prodotto, aumento che può assorbire accrescendo i prezzi

18 98 Mario Oteri o, a parità di prezzo, riducendo i profitti; poiché le imprese non vedono positivamente una riduzione dei profitti è probabile che, quando la situazione del mercato lo permette, le imprese rispondano ad un aumento dei salari con un aumento dei prezzi. Salari e prezzi si muovono dunque, in genere, nella stessa direzione. W P D altra parte i livelli di disoccupazione possono essere considerati contrapposti ai livelli di occupazione: un aumento del tasso di disoccupazione (u) rappresenta, infatti, una riduzione del tasso di occupazione (n) e viceversa. u n La relazione inversa fra tasso d incremento dei salari e tasso di disoccupazione individuata dalla curva di Phillips, può essere sostituita da una relazione diretta fra tasso d incremento dei salari, e dei prezzi, e tasso di occupazione: per aumentare l occupazione le imprese devono aumentare i salari e, quindi, i prezzi. P n L ultimo passaggio consiste nell evidenziare il legame fra livelli di produzione e livelli di occupazione: in genere ogni aumento di occupazione è collegato ad un aumento di produzione, anche se non è sempre vero che aumenti di produzione siano determinati da aumenti di occupazione. In conclusione si può porre una relazione diretta fra il livello di produzione e il livello generale dei prezzi: si può, in definitiva, prendere in considerazione una curva di offerta aggregata (AS) crescente. P AS

19 Teorie alternative dell equilibrio economico Il trade-off fra inflazione e disoccupazione Basandosi sulla curva di Phillips sono state elaborate politiche d'intervento a sostegno del sistema economico attuando uno scambio virtuale, un trade-off, fra aumento dei salari, aumento dei prezzi, inflazione, da un lato, e riduzione della disoccupazione, aumento della occupazione e della produzione, dall'altro, cioè si è ritenuto di poter ridurre il livello di disoccupazione e accrescere il livello di produzione accettando un aumento del tasso d'inflazione. La possibilità di scambio si basava sull esistenza di asimmetrie informative fra imprese e lavoratori: poiché i lavoratori non erano in grado di valutare esattamente la riduzione del loro potere d acquisto e di mantenere invariato il salario reale, le imprese realizzavano una riduzione del costo per unità di prodotto e potevano accrescere la domanda di lavoro e la produzione. La possibilità di "scambio" mutava da paese a paese e gli stessi governi potevano avere atteggiamenti diversi sulla base delle proprie preferenze in termini di inflazione e di livelli del reddito, ad esempio il governo tedesco aveva come obbiettivo quello di mantenere basso il tasso d'inflazione mentre quello italiano "preferiva" ridurre i livelli di disoccupazione. In ogni caso era possibile attuare questo scambio con l intervento pubblico: le politiche di sostegno della domanda aggregata, mediante una spesa pubblica in deficit o politiche monetarie espansive, facevano aumentare il livello di produzione e di occupazione riducendo la disoccupazione, anche se si doveva pagare un certo costo in termini di aumento dei prezzi.

20 100 Mario Oteri Figura Modello AD-AS P AD 1 AS P 1 P E E 1 AD Y Y 1 Y Nel modello AD/AS con la curva di offerta aggregata crescente, il livello generale dei prezzi e il livello di reddito di equilibrio sono determinati dall incontro simultaneo fra domanda e offerta. Nella figura l offerta AS e la domanda AD si incontrano nel punto E determinando il livello dei prezzi P e il livello del reddito Y. Non è detto che il reddito di equilibrio corrisponda alla piena occupazione delle risorse: in questo caso il governo può intervenire accrescendo la domanda aggregata, che si sposta da AD a AD 1, determinando un nuovo equilibrio nel punto E 1, con un livello dei prezzi P 1 più elevato e un livello di produzione maggiore Y 1. Questa politica è andata bene nel periodo fra gli anni cinquanta e la fine degli anni sessanta, quando si è verificato una grande

21 Teorie alternative dell equilibrio economico 101 crescita della produzione e una consistente riduzione della disoccupazione con un tasso d'inflazione sostanzialmente stabile, una crescita continua con bassa inflazione. E stata messa in crisi, tuttavia, negli anni settanta, quando lo scambio fra inflazione e livelli di crescita della produzione non si è più verificato, e si è determinata una situazione di aumento sempre più elevato dei tassi d'inflazione in concomitanza con tassi di crescita del reddito e della produzione a livelli minimi e in alcuni anni addirittura negativi. Una situazione che è stata definita "stagflazione" ad evidenziare la compresenza di stagnazione ed inflazione. Partendo da una situazione iniziale di equilibrio nel punto E, determinato dall incontro fra curva di domanda AD e curva di offerta AS, con un reddito pari a Y* e un livello dei prezzi pari a P, si può ipotizzare un aumento dei costi delle imprese, legato ad esempio all aumento improvviso del prezzo del petrolio, che spinge le imprese ad aumentare il livello dei prezzi a parità di produzione. La curva AS si sposta verso sinistra e verso l alto in AS 1 determinando un nuovo equilibrio in E 1, con un livello del reddito Y 1 inferiore e un livello dei prezzi P 1 più elevato. Il governo, per mantenere il precedente livello di produzione e di occupazione, può tentare di accrescere la domanda aggregata nella speranza di attivare il trade-off fra inflazione e disoccupazione. La curva AD si sposta verso l alto e verso destra in AD 1 determinando un nuovo equilibrio in E 2 con un ulteriore aumento dei prezzi P 2 e riportando il reddito al livello Y*. A questo punto, tuttavia, gli operatori si rendono conto del continuo aumento dei prezzi e cercano di ottenere gli incrementi dei salari necessari a ripristinare il loro potere d acquisto reale: si determina un nuovo aumento dei costi per le imprese che reagiscono aumentando i prezzi. Sul grafico la funzione di

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO E L'ECONOMIA (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL LIBERISMO ECONOMICO 1. La legge di Say Il francese Say, sostenendo che è l'offerta a condizionare la Domanda, ritiene

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1

Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13. ESERCIZIO n. 1 Economia Internazionale e Politiche Commerciali a.a. 2012/13 ESERCIZIO n. 1 [Krugman, Obstfeld e Melitz, Capitolo 3: Problemi n. 1, 2, 3, 4, 5 e 9 (pp. 66 67)] SOLUZIONE 1. Il paese H ha a disposizione

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente

Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente OECD Insights Sustainable Development: Linking Economy, Society, environment Summary in Italian Rassegna OCSE Sviluppo sostenibile: Interazione tra Economia, Società, Ambiente Sintesi in italiano L espressione

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA DEL LAVORO

APPUNTI DI ECONOMIA DEL LAVORO 1 Università del Sannio Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali Emiliano Brancaccio APPUNTI DI ECONOMIA DEL LAVORO SESTA VERSIONE Marzo 2013 2 Indice 1. INTRODUZIONE 2. LA TEORIA NEOCLASSICA DEL MERCATO

Dettagli

Green economy e green management : aziende e territori

Green economy e green management : aziende e territori Green economy e green management : aziende e territori di Edo Ronchi Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile La coincidenza della grande recessione del 2008-2009,una crisi finanziaria e

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Gli anni 1920 e l industria dell automobile

Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 1920 e l industria dell automobile Gli anni 20 e l industria dell automobile L economia americana fu colpita nel 1921 da una dura depressione, provocata da una brusca diminuzione delle esportazioni,

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Progettare la Città ed il Territorio

Progettare la Città ed il Territorio Quali sono oggi gli strumenti di cui disponiamo per progettare una città ed un territorio adeguati alle esigenze attuali? La cultura urbanistica moderna individua quali strumenti di governo democratico

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli