INTRODUZIONE ALL ANALISI ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE ALL ANALISI ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI"

Transcript

1 INTRODUZIONE ALL ANALISI ECONOMICA DEGLI INVESTIMENTI Ig. Nio Di Fraco ENEA, Ete per le Nuove Tecologie, l Eergia e l Ambiete Idice 1 Premessa 2 Logica dell'aalisi costi-beefici 3 Meccaismi di capitalizzazioe e scoto 4 Flusso di cassa e valore attuale etto 5 Ivestimeto 6 Vita dell'ivestimeto 7 Iteresse 8 Iflueza di iflazioe ed aumeto differeziato dei prezzi 9 Idicatori ecoomici 10 Aalisi di sesibilità Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 1 di 13

2 1. PREMESSA Ua qualuque soluzioe progettuale deve essere sempre supportata da due aalisi di fattibilità: ua tecica ed ua ecoomica. I geere, durate u'aalisi tecica: a) viee studiata u'uica soluzioe progettuale poiché la tecologia e/o altri vicoli (es. ormativi, tariffari, ecc...) o offroo alterative; b) si cofigura e viee studiata ua serie di soluzioi, tutte ugualmete valide, al problema progettuale posto; c) il problema progettuale è posto i termii di dimesioameto di u apparato. La risoluzioe delle possibili problematiche ate al seguito dell'aalisi tecica, cioè: 1) verifica di coveieza di u'uica soluzioe; 2) scelta tra possibili alterative tutte tecicamete valide; 3) dimesioameto ottimale di u apparato, si trasferisce completamete i u cotesto di verifica ecoomica. Tale verifica viee effettuata tramite l'applicazioe dell'aalisi costi-beefici, che si rivela, ei campi di propria pertieza, uo strumeto obiettivo, potete, ad ampio spettro di applicabilità, oltre a presetare ua serie di iteressati caratteristiche: è applicabile a qualsiasi caso i cui sia i gioco u ivestimeto che debba produrre ua serie di beefici distribuiti el tempo; o perde di validità oggettiva ei diversi cotesti ecoomici, da quelli ad ecoomia liberista a quelli a socialismo reale; è rigorosa, co risultati attedibili i fuzioe dell'attedibilità dei dati d'igresso; si cocretizza, al termie dello studio, i u umero limitato di idicatori di coveieza che defiiscoo immediatamete, i fuzioe del valore da loro assuto, la coveieza relativa dei vari progetti studiati. 2. LOGICA DELL'ANALISI COSTI-BENEFICI La procedura logica secodo cui si imposta u'aalisi di coveieza ecoomica o cosiste altro che i u raffroto tra il dearo - attuale - speso per l'ivestimeto ed il dearo - o il geerico beeficio moetizzato - che si presume vega geerato dall'ivestimeto stesso ell'arco della sua vita. Ua volta quatificati i termii del cofroto, si procederà ad ua semplice comparazioe aritmetica: se il termie relativo all'ivestimeto dovesse prevalere, l'azioe relativa o adrà itrapresa; se dovesse pesare di più il termie relativo ai beefici, l azioe adrebbe itrapresa. I termii elemetari, si tratta di determiare il guadago G di u itrapresa che prometta u ricavo R a frote di ua spesa S. Ovviamete, la relazioe che lega le precedeti variabili o è altro che: G = R S (0) Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 2 di 13

3 La precedete relazioe avrebbe validità solo qualora l iiziativa avesse ua durata istataea. I realtà le ormali trasazioi commerciali comportao sempre uo slittameto temporale tra le varie fasi dell iiziativa ecoomica: l'ivestimeto, che origierà la serie di beefici, viee effettuato dispoedo i geere di dearo attuale; i beefici si rederao ivece dispoibili solo i u secodo mometo secodo particolari scasioi temporali. E' errato, sia dal puto di vista operativo che cocettuale, cofrotare direttamete tali quatità di dearo, poichè esse o soo dispoibili ello stesso mometo: il cofroto va effettuato co l'ausilio di coefficieti di correlazioe che equipario il valore del dearo dispoibile i tempi diversi. La giustificazioe di ua tale procedura va ricercata uicamete ella psicologia dell'umao, che ritiee di maggior pregio ua quatità di dearo dispoibile al mometo attuale piuttosto di u uguale quatità dispoibile el futuro, idipedetemete da evetuali diamiche iflattive. 3. MECCANISMI DI CAPITALIZZAZIONE E SCONTO Il fattore che rede possibile il cofroto tra quatità di dearo diversamete ubicate sul vettore temporale è l iteresse, iteso come quotaparte percetuale delle quatità i questioe. Se l'iteresse viee fissato i R all'ao, le parti - creditrice e debitrice - coverrao che u capitale K 0 depositato attualmete è equivalete ad u capitale K 1, riscattabile tra u ao, pari a: K 1 = K 0 + K 0 R = K 0 ( 1+ R) i cui il termie K 0 R è apputo la quota iteresse. Aalogamete, K 1 dispoibile tra u ao è equivalete a: K 2 = K 1 + K 1 R = K 0 ( 1+ R)+ [ K 0 ( 1+ R) ]R = K 0 1+ R ( ) 2 dispoibile tra 2 ai. La regola di capitalizzazioe "composta", che fissa l'equivaleza tra u capitale K 0 odiero ed u capitale K dispoibile tra ai, è duque i geerale la seguete: K = K 0 ( 1+ R) (1) I maiera aaloga si può defiire la regola secodo cui "scotare" ad oggi u capitale K dispoibile tra ai. Dalla (1) si trae ifatti: Il termie K 0 = K (1 + R) 1 è il "fattore di scoto", riportato i Tabella 1 i fuzioe di R ed. (1 + R) Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 3 di 13

4 iteresse R(%) ai ,990 0,980 0,971 0,962 0,952 0,943 0,935 0,926 0,917 0,909 0,901 0,893 0,885 0,877 0, ,980 0,961 0,943 0,925 0,907 0,890 0,873 0,857 0,842 0,826 0,812 0,797 0,783 0,769 0, ,971 0,942 0,915 0,889 0,864 0,840 0,816 0,794 0,772 0,751 0,731 0,712 0,693 0,675 0, ,961 0,924 0,888 0,855 0,823 0,792 0,763 0,735 0,708 0,683 0,659 0,636 0,613 0,592 0, ,951 0,906 0,863 0,822 0,784 0,747 0,713 0,681 0,650 0,621 0,593 0,567 0,543 0,519 0, ,942 0,888 0,837 0,790 0,746 0,705 0,666 0,630 0,596 0,564 0,535 0,507 0,480 0,456 0, ,933 0,871 0,813 0,760 0,711 0,665 0,623 0,583 0,547 0,513 0,482 0,452 0,425 0,400 0, ,923 0,853 0,789 0,731 0,677 0,627 0,582 0,540 0,502 0,467 0,434 0,404 0,376 0,351 0, ,914 0,837 0,766 0,703 0,645 0,592 0,544 0,500 0,460 0,424 0,391 0,361 0,333 0,308 0, ,905 0,820 0,744 0,676 0,614 0,558 0,508 0,463 0,422 0,386 0,352 0,322 0,295 0,270 0, ,896 0,804 0,722 0,650 0,585 0,527 0,475 0,429 0,388 0,350 0,317 0,287 0,261 0,237 0, ,887 0,788 0,701 0,625 0,557 0,497 0,444 0,397 0,356 0,319 0,286 0,257 0,231 0,208 0, ,879 0,773 0,681 0,601 0,530 0,469 0,415 0,368 0,326 0,290 0,258 0,229 0,204 0,182 0, ,870 0,758 0,661 0,577 0,505 0,442 0,388 0,340 0,299 0,263 0,232 0,205 0,181 0,160 0, ,861 0,743 0,642 0,555 0,481 0,417 0,362 0,315 0,275 0,239 0,209 0,183 0,160 0,140 0, ,853 0,728 0,623 0,534 0,458 0,394 0,339 0,292 0,252 0,218 0,188 0,163 0,141 0,123 0, ,844 0,714 0,605 0,513 0,436 0,371 0,317 0,270 0,231 0,198 0,170 0,146 0,125 0,108 0, ,836 0,700 0,587 0,494 0,416 0,350 0,296 0,250 0,212 0,180 0,153 0,130 0,111 0,095 0, ,828 0,686 0,570 0,475 0,396 0,331 0,277 0,232 0,194 0,164 0,138 0,116 0,098 0,083 0, ,820 0,673 0,554 0,456 0,377 0,312 0,258 0,215 0,178 0,149 0,124 0,104 0,087 0,073 0,061 1 Tabella 1 Fattori di scoto (1 +R) 4. FLUSSO DI CASSA E VALORE ATTUALE NETTO Torado alle questioi poste el 2, siamo ora i grado di operare cofroti tra quatità di dearo dispoibili i diversi mometi temporali. Suppoiamo ifatti che u ivestimeto I 0, operato attualmete, dia origie egli ai futuri a "Flussi di Cassa", itesi come beefici (positivi o egativi) prodotti ei vari ai j di durata dell'ivestimeto; tali beefici siao: FC 1 al primo ao, FC 2 al secodo ao, FC j al j-esimo ao. I o FC 1 FC 2 FC 3 FC 4 FC 5 Per operare il cofroto dovremo attualizzare tali beefici, oguo i riferimeto all'ao i cui si rederà dispoibile, tramite il relativo fattore di scoto: FC 1 dispoibile al primo ao, se aticipato all'ao zero, diveterà: FC 1 (1 + R) FC 2, aticipato all ao zero, diveterà: FC 2 (1 + R) 2 L'itero ammotare attualizzato dei beefici diveterà la somma di tali beefici oguo scotato all'ao zero, cioè: Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 4 di 13

5 FC 1 (1 + R) + FC 2 (1 + R) FC 2 (1 + R) = FC j (2) (1 + R) j Viee ora defiito come "Valore Attuale Netto" VAN * - la differeza tra la somma dei beefici idividuata dalla (2) e l'ivestimeto: FC VAN = j I (1 + R) j 0 (3) Qualora il VAN relativo ad ua data ipotesi progettuale fosse positivo, al termie della vita dell'ivestimeto i beefici prodotti avrao avuto u importo scotato superiore all'ivestimeto stesso; l'ipotesi sarà quidi remuerativa e sarà da cosigliare l'itrapresa. Il cotrario avverrebbe qualora il VAN fosse egativo. I geere o è possibile idividuare co esattezza i vari addedi delle sommatorie i (2) e (3), riferedosi questi ad eveti futuri e quidi difficilmete predicibili. U approssimazioe ragioevole cosiste allora el calcolare ugualmete il FC secodo i parametri dispoibili al tempo dell'aalisi (co i prezzi ed i costi vigeti al mometo zero ), ed assumere poi che tale FC si matega uguale per tutti gli ai futuri di durata dell iiziativa (a parte la diamica dei prezzi dovuta all'iflazioe, di cui ivece si terrà i seguito separatamete coto). L apparete perdita di attedibilità dell'aalisi, dovuta alla effettiva variabilità del FC egli ai, sarà i seguito saata dall'aalisi di sesibilità, trattata el 10. Co le precedeti premesse (FC = costate) l'espressioe del VAN si può semplificare ella seguete: 1 VAN = FC I (1 + R) j 0 (4) Nella (4), la sommatoria dipede solo da R ed, ed è quidi tabellabile i fuzioe di tali parametri (Tab. 2). Il termie i questioe prede il ome di "Fattore di Aualità" (FA), e la (4) diveta, i forma compatta: VAN = FC FA I 0 (5) Il fattore di aualità è ua vita equivalete dell'ivestimeto, la quale tiee coto del citato effetto scoto. Pertato FA sarà miore di, co divario tato più marcato quato più grade è l'iteresse. 5. INVESTIMENTO Il termie I 0 che è stato fiora itrodotto elle varie espressioi del VAN è il costo complessivo che deve essere sosteuto per poter iescare la produzioe dei flussi di cassa che durerà per u umero di ai pari alla vita prevista. * Talvolta il VAN è deomiato DCF (Discouted Cash Flow) oppure NPV (Net Preset Value) Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 5 di 13

6 Alla sua determiazioe cocorroo le segueti voci: 1) prezzo etto dell'apparato produttivo (impiati, edifici, ecc...); 2) costo del trasporto, oltre ad evetuali tasse; 3) costo del motaggio, del progetto, ecc...; 4) costo per l'avviameto (sovracosto per le operazioi ecessarie all'avvio, oltre agli evetuali oeri per macata produzioe) e per iteressi passivi sul capitale immobilizzato fio all'iizio della produzioe; 5) oere coesso all' aumeto di capitale circolate idotto dall istallazioe del uovo apparato (per es. per pezzi di ricambio immagazziati). 6) el caso di ivestimeti rilevati, la o possibilità di recupero immediato dell IVA (il quale avverrà a scaglioi egli ai futuri i fuzioe dell etità delle etrate che ma mao si maifesterao; poiché il rimborso avviee i codizioi di parità, o è recuperabile la perdita di iteressi sull IVA che ivece è stata completamete versata al mometo zero ). iteresse R (%) ai ,99 0,98 0,97 0,96 0,95 0,94 0,93 0,93 0,92 0,91 0,90 0,89 0,88 0,88 0,87 2 1,97 1,94 1,91 1,89 1,86 1,83 1,81 1,78 1,76 1,74 1,71 1,69 1,67 1,65 1,63 3 2,94 2,88 2,83 2,78 2,72 2,67 2,62 2,58 2,53 2,49 2,44 2,40 2,36 2,32 2,28 4 3,90 3,81 3,72 3,63 3,55 3,47 3,39 3,31 3,24 3,17 3,10 3,04 2,97 2,91 2,85 5 4,85 4,71 4,58 4,45 4,33 4,21 4,10 3,99 3,89 3,79 3,70 3,60 3,52 3,43 3,35 6 5,80 5,60 5,42 5,24 5,08 4,92 4,77 4,62 4,49 4,36 4,23 4,11 4,00 3,89 3,78 7 6,73 6,47 6,23 6,00 5,79 5,58 5,39 5,21 5,03 4,87 4,71 4,56 4,42 4,29 4,16 8 7,65 7,33 7,02 6,73 6,46 6,21 5,97 5,75 5,53 5,33 5,15 4,97 4,80 4,64 4,49 9 8,57 8,16 7,79 7,44 7,11 6,80 6,52 6,25 6,00 5,76 5,54 5,33 5,13 4,95 4, ,47 8,98 8,53 8,11 7,72 7,36 7,02 6,71 6,42 6,14 5,89 5,65 5,43 5,22 5, ,37 9,79 9,25 8,76 8,31 7,89 7,50 7,14 6,81 6,50 6,21 5,94 5,69 5,45 5, ,26 10,58 9,95 9,39 8,86 8,38 7,94 7,54 7,16 6,81 6,49 6,19 5,92 5,66 5, ,13 11,35 10,63 9,99 9,39 8,85 8,36 7,90 7,49 7,10 6,75 6,42 6,12 5,84 5, ,00 12,11 11,30 10,56 9,90 9,29 8,75 8,24 7,79 7,37 6,98 6,63 6,30 6,00 5, ,87 12,85 11,94 11,12 10,38 9,71 9,11 8,56 8,06 7,61 7,19 6,81 6,46 6,14 5, ,72 13,58 12,56 11,65 10,84 10,11 9,45 8,85 8,31 7,82 7,38 6,97 6,60 6,27 5, ,56 14,29 13,17 12,17 11,27 10,48 9,76 9,12 8,54 8,02 7,55 7,12 6,73 6,37 6, ,40 14,99 13,75 12,66 11,69 10,83 10,06 9,37 8,76 8,20 7,70 7,25 6,84 6,47 6, ,23 15,68 14,32 13,13 12,09 11,16 10,34 9,60 8,95 8,36 7,84 7,37 6,94 6,55 6, ,05 16,35 14,88 13,59 12,46 11,47 10,59 9,82 9,13 8,51 7,96 7,47 7,02 6,62 6,26 Tabella 2 Fattori di aualità FA A quato determiato sommado le voci da 1) a 6) va sottratto il valore di recupero dell' impiato evetualmete esistete, che viee ritirato a causa dell'iterveuto uovo ivestimeto, e l evetuale valore di realizzo del uovo impiato ua volta che questo sarà giuto a fie vita. Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 6 di 13

7 6. VITA DELL'INVESTIMENTO Il umero di ai per i quali si presume che l'ivestimeto resti vitale, cioè produca reddito, è determiato dal miore tra i segueti valori: 1) vita fisica, al termie della quale la produzioe di reddito cessa per usura degli impiati; 2) vita tecica, dovuta alla sopravveuta sul mercato di impiati più efficieti che redoo obsoleto, e quidi o ecoomicamete produttivo, l'impiato cosiderato; 3) vita commerciale, durate la quale resta viva, sul mercato, la domada per il bee o servizio prodotto; 4) vita politica, dettata da icertezze sulla situazioe politico - ecoomica geerale, a prescrizioi di legge, al pericolo di cofische, ecc INTERESSE L'iteresse di calcolo, o costo del capitale, che va iserito ella formula del VAN è: 1) el caso che l'ivestimeto vega effettuato a credito, il più alto iteresse dei mezzi fiaziari cui l'impreditore sta effettivamete attigedo; 2) il più basso iteresse fra le attività a disposizioe dell'impreditore per evetuali disivestimeti co cui poter approvvigioare fodi. Si predao come esempi i casi segueti. Caso a) L'impreditore possa prelevare i fodi per realizzare I 0 da tre liee di credito effettivamete attivate, rispettivamete al 4%, 6%, 7%. I tal caso è probabile che le prime due siao già saturate, per cui l'evetuale prelievo di fodi si riferirà alla terza liea, dove si presume esistao acora margii di prelievo. L'iteresse di calcolo per evetuali ivestimeti sarà allora del 7%. Caso b) L'impreditore abbia propri capitali ivestiti secodo tre particolari modalità (che siao azioi, obbligazioi, attività produttive, ecc...) Tali liee redao i segueti iteressi: i 1 =3%, i 2 =5%, i 3 =6%. I queste codizioi il capitale per sosteere l'ivestimeto verrà prelevato dall'attività che ha il mior redimeto, cioè i 3 (3%). Nel caso che il capitale ivestito all'iteresse i 1 o bastasse per far frote all'ivestimeto cosiderato, il resto verrà prelevato dalla secoda attività; i questo caso l'iteresse per il calcolo del VAN sarà il redimeto di tale attività (5%). Alla luce di quato esposto, si può trarre u ulteriore coclusioe sul sigificato del VAN. Nel caso i cui tale idicatore, a seguito di u'aalisi ecoomica completa, risultasse positivo, l'ivestimeto prospettato, ell'arco della sua vita produttiva, produrrebbe u extrareddito rispetto a quato potrebbe geerare u uguale capitale ivestito al tasso R%. I tali Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 7 di 13

8 circostaze l'ivestimeto è ovviamete auspicabile, e l extra-reddito è proprio uguale al VAN. Cosiderazioi opposte valgoo per VAN egativo. 8. INFLUENZA DI INFLAZIONE ED AUMENTO DIFFERENZIATO DEI PREZZI L'aalisi descritta fiora risulta essere rigorosa i u regime ecoomico i cui o esistao é iflazioe, é aumeti differeziati rispetto a questa dei prezzi dei vari bei e servizi. Ai fii della maggior completezza possibile dell aalisi, è ecessario predere i cosiderazioe l'effetto disturbate di tali fattori. Nel caso i cui sia presete u feomeo iflattivo o trascurabile, adrà modificato il valore dei flussi di cassa, ossia della serie dei beefici susseguetisi di ao i ao. U ipotizzato FC, dispoibile alla fie del primo ao, dovrà essere icremetato di ua quota dovuta al geerale aumeto dei prezzi, cioé al feomeo iflattivo. Se l'iflazioe è stimata i f all'ao, la quota che icremeterà il valore di FC dopo u ao sarà di: FC f Il valore del flusso di cassa, al termie del primo ao, sarà duque: FC + FC f = FC (1+f) Al termie del secodo ao il relativo flusso di cassa sarà: FC(1+f) +FC(1+f) f = FC(1+f) 2 metre al termie del j-esimo ao il relativo flusso di cassa diveterà: FC(1+f) j Ora occorrerà attualizzare tutta le serie di tali uovi flussi di cassa tramite la procedura vista al 4, per poi costruire l'espressioe del VAN, che i questo caso diveterà: (1+ f ) j VAN = FC I (1 + R) j 0 (6) Qualora il costo del bee moetizzato i termii di flusso di cassa avesse ua diamica diversa da quella dell'iflazioe, e qualora fosse possibile quatificare tale diamica i termii di deriva (f ) ei cofroti dell'iflazioe stessa, è possibile teer coto ache di tale effetto ella formula del VAN. Ifatti il flusso di cassa al primo ao, che era dato da: FC(1+f) diveterà i questo caso FC(1+f) + FC(1+f) f = FC(1+f)(1+f ) Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 8 di 13

9 Il flusso di cassa relativo al secodo ao sarà: FC(1+f) 2 (1+f') 2 ed al j-esimo ao sarà: FC(1+f) j (1+f') j Icludedo tali cosiderazioi ella (6), otteiamo: (1 + f ) j (1 + f ') j VAN = FC I (1 + R) j 0 (7) Il termie sotto sommatoria, per valori o troppo elevati di R, f ed f, può approssimarsi come segue: (1 + f ) j (1+ f ') j (1 + R) j = 1 (1+ R f f ') j = 1 (1+ i) j avedo posto: i = R - f - f' i cui i o è più u semplice iteresse omiale, ma u idicatore (iteresse di calcolo) rappresetativo dell'effettivo costo del dearo per l'impreditore, compresivo dell'effetto iflattivo e di deriva del costo del bee o servizio cosiderato. Co tali codizioi la (7) diveta: 1 VAN = FC I (1 + i) j 0 (8) Il termie defiito dalla sommatoria è uovamete il fattore di aualità come defiito el 3, per cui la (8) diveta, di uovo: i cui FA è ora riferito al valore corretto dell'iteresse. VAN = FC FA I 0 (9) Ricordiamo che la (9) è valida ell'ipotesi che il flusso di cassa sia costate e pari ad FC per ogi ao di durata della vita dell'ivestimeto. I caso cotrario, cioè el caso i cui i vari flussi di cassa riferiti ai vari ai siao diversi uo dall'altro, la formula del VAN corretta è quella che, fatte salve le cosiderazioi del presete, deriva dalla (3) e dalla (7): (1+ f ) j (1 + f ') VAN = j FC j I (1 + R) j 0 Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 9 di 13

10 9. INDICATORI ECONOMICI 9.1 Tasso Itero di Redimeto (TIR) Se i u sistema di assi cartesiai poiamo sulle ordiate il valore del VAN e sulle ascisse il valore del costo del capitale i, otteiamo ua curva come quella rappresetata ella seguete figura. VAN TIR i 2 i i 1 Il valore di i per cui il VAN si aulla è u particolare valore che prede il ome di "Tasso Itero di Redimeto" (TIR) per l'ivestimeto i questioe. Tale idicatore è rappresetativo della redditività dell'affare di cui si sta valutado la coveieza; ma metre il VAN esprime la coveieza globale estesa a tutta la vita dell'ivestimeto, il TIR esprime la coveieza per ao di vita. Il TIR è pertato u idicatore molto usato i alcue circostaze a complemeto del VAN. Se il TIR fosse superiore all'iteresse di calcolo assuto (i 1 ella figura precedete), vuol dire che l'ivestimeto proposto sarebbe coveiete rispetto all attuale remuerazioe del capitale, e quidi l affare adrebbe effettuato (il relativo VAN è positivo, come mostra la figura). Il cotrario accadrebbe se il TIR fosse iferiore all'iteresse di calcolo assuto (i 2 i figura). Naturalmete, le idicazioi di coveieza o meo forite dal TIR e dal VAN o possoo essere i cotraddizioe tra loro. 9.2 Tempo di Ritoro Attualizzato (TRA) Aalogamete a quato visto per il TIR, poiamo i u sistema di assi cartesiai il VAN i ordiata e la vita prevista i ascissa. Il umero di ai per cui il VAN si aulla idividua il Tempo di Ritoro Attualizzato (TRA). Qualora il TRA risultasse iferiore alla vita prevista ell'aalisi ( 2 ella figura precedete), l'ivestimeto sarebbe remuerativo (VAN > 0); il cotrario accadrebbe se il TRA fosse superiore (se la vita per l iiziativa fosse per es. 1 come i figura). Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 10 di 13

11 VAN TRA Tempo di Ritoro Il tempo di ritoro (o di payback) è defiito dal rapporto tra l'importo dell'ivestimeto ed il flusso di cassa previsto. TR = I 0 FC E' l'idicatore ecoomico forse più diffuso, ed i molti casi la sua determiazioe è sufficiete per defiire le redditività dell iiziativa idagata. Per cotro il suo uso idiscrimiato può forire risposte troppo ottimistiche, sbagliate e fuorviati; ifatti il TR o tiee coto della vita dell'ivestimeto, dell'iteresse, dell'iflazioe e della deriva del costo del bee prodotto. 9.4 Idice di Profitto Cosideriamo di dover determiare la migliore tra due possibilità di ivestimeto, di cui: - la soluzioe 1) promette, a frote di u ivestimeto I 0,1 =10 MEur, u FC 1 FA = 15 MEur di beefici attualizzati; il relativo VAN sia duque: VAN 1 = = 5 MEur; - la soluzioe 2), a frote di u I 0,2 = 2 MEur, promette ivece u FC 2 FA = 7 MEur; il relativo VAN sia di: VAN 2 = 7-2 = 5 MEur. Etrambe le soluzioi offroo lo stesso VAN, ma si realizza come sia preferibile la secoda, che comporta u mior esborso iiziale a parità di profitto realizzabile. I questi casi l'idicatore da utilizzare è l Idice di Profitto dato da: IP = VAN I 0 Negli esempi esposti si avrebbe, usado tale idicatore: Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 11 di 13

12 IP 1 = 5 10 = 0,5 IP 1 = 5 2 = 2,5 La prefereza alla soluzioe 2) è giustificata dal fatto che 1 euro ivestito i tale attività e produce 2,5 come profitto, metre el caso 1) lo stesso euro e produce 0,5. Nella realizzazioe di ua serie di iterveti ricoosciuti coveieti (co VAN > 0) si riscotrao i geere due tipi di criticità: ua limitazioe ell ampiezza di iterveto ed ua limitazioe el capitale. L'idicatore di coveieza da utilizzare è diverso ei due casi. a) Limitazioe dell'ampiezza I molti casi, il fattore limitate al profitto cosiste ella possibilità offerta dall'iterveto (poteza di u motore, dimesioi di u edificio, potezialità produttiva di ua liea, ecc...), che è di per sé limitata. I questa prospettiva, soo propoibili tutti i progetti co VAN > 0, ciascuo dimesioato i modo tale che sia massimo il corrispodete VAN. Gli iterveti adrao poi realizzati dado priorità ai progetti che hao il VAN maggiore. b) Limitazioe del capitale Se il fattore limitate alla realizzazioe di ua serie di iterveti è la dispoibilità di capitale, dovremo acora ua volta dimesioare i sigoli progetti i maiera da massimizzare il VAN. I seguito i progetti verrao ordiati o secodo il valore del VAN ma secodo il valore dell'idice IP. Verrao preferiti i progetti a maggior IP, a cocorreza dei capitali dispoibili. 10 ANALISI DI SENSIBILITA' Dall'esposizioe fi qui trattata si evidezia come i risultati dell'aalisi ecoomica siao fortemete dipedeti dall'assuzioe di determiate ipotesi, e quidi da particolari dati di igresso. Tali assuzioi soo raramete precise ed attedibili el tempo, per cui l'itera aalisi potrebbe essere cosiderata priva di credibilità. Tuttavia, per quei parametri sui quali aleggia ua maggiore isicurezza, è possibile effettuare u'ulteriore aalisi, detta di sesibilità, tedete a defiire la correlazioe esistete tra il VAN e tali parametri. Se, itoro al puto che idividua umericamete la variabile iteressata il VAN dovesse subire sesibili variazioi per piccole oscillazioi della variabile stessa, la defiizioe di quest'ultima dovrà essere fatta co la maggior precisioe e cura possibili, ed i ogi caso l'itero affare risetirà di questa isicurezza; la sua itrapresa diveta allora dipedete solo dalla propesioe al rischio da parte dell'impreditore. Viceversa, se il VAN subisse piccole variazioi ache per ampie oscillazioi di valore della stessa variabile, l'affare potrà essere cosiderato poco sesibile a quest ultima, e l'operazioe potrà essere itrapresa co sufficieti garazie di sicurezza. U esempio chiarirà i cocetti esposti. Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 12 di 13

13 Esplicitado la (9) o la (10) i fuzioe dell iteresse i, si ottegoo delle curve come quelle riportate ella seguete figura. Suppoiamo i particolare che la curva otteuta sia la (1). Nel caso i questioe, variazioi di i (per es. i 1 ed i 3 ) ell'itoro dell iteresse assuto i 2 provocao piccole variazioi del VAN; questa bassa "sesibilità" del VAN alle variazioi di i garatisce l'impreditore di frote agli aumeti del tasso di iteresse che potrebbero effettivamete verificarsi ua volta sosteuto l'ivestimeto. Suppoiamo ivece che la curva otteuta esplicitado il VAN i fuzioe di i sia la (2); otiamo come il VAN sia i questo caso fortemete sesibile alle variazioi del tasso di iteresse: ache piccole variazioi di i comportao ampie oscillazioi del VAN. I particolare soo forti i guadagi prospettati se l iteresse effettivo dovesse stabilizzarsi su valori più bassi di quello scelto all epoca dell aalisi (i 2 ), ma sarebbero ache forti le perdite se l iteresse dovesse rivelarsi più alto di quello scelto. Questa situazioe potrebbe essere riteuta o accettabile da ivestitori poco propesi al rischio, per cui la corrispodete operazioe (seppur a VAN positivo) potrebbe essere scosigliata. Ogi aalisi costi-beefici dovrebbe essere sempre corredata da u'aalisi di sesibilità, riferita almeo alle variabili sulle quali si utroo più dubbi. VAN VAN 1 VAN 1 VAN 2 VAN 3 i VAN 3 < 0 i 1 i 2 i 3 (1) (2) A parte le variabili esplicite, quali la vita, il costo del capitale e l'importo dell'ivestimeto, i u'aalisi ecoomica e compaioo molte altre i forma implicita, ascoste el flusso di cassa. Alla determiazioe di questo cocorroo ifatti umerosi fattori quali l efficieza di ua macchia, redimeti di combustioe, ore di fuzioameto, spese di mautezioe, resisteze termiche, poteri calorifici, costo di combustibili, costo del persoale, costo di materie prime, ecc... E' possibile effettuare u'aalisi di sesibilità per ogua di tali variabili, per verificare co la maggior attedibilità possibile la coveieza dell'affare cosiderato. Ig. Nio Di Fraco Aalisi costi-beefici pag. 13 di 13

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

Università di Pavia - Facoltà di Economia

Università di Pavia - Facoltà di Economia 0 Università di Pavia - Facoltà di Economia Il calcolo imprenditoriale per la trasformazione «finanziaria» Michela Pellicelli Le imprese possono essere considerate trasformatori finanziari in quanto: a)

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI testo di riferimento: Analisi inanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill, 2001 cap. 10. Indice Introduzione I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti

Dettagli

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it)

I radicali 1. Claudio CANCELLI (www.claudiocancelli.it) I rdicli Cludio CANCELLI (www.cludioccelli.it) Ed..0 www.cludioccelli.it Dec. 0 I rdicli INDICE DEI CONTENUTI. I RADICALI... INDICE DI RADICE PARI...4 INDICE DI RADICE DISPARI...5 RADICALI SIMILI...6 PROPRIETA

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \

unoperatore@nellospaziodihilberth e sia z un numero complesso tale che z1-a,da==)rr_néh - 0 impli-chi l:= -1 (21-A) : R- n ==) Dn L- \ 3,6 56 3,6 TEOR I A SPETTRALE La teoria spettrale degli operatori lieari- eo spazio di Hilbert é f odata, coe per gi spazi f i-ito-dimes ioal j-, sula defiizioe di- risolvete di u operatole' Sia (A,DA)

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES

CARATTERISTICHE GENERALI / GENERAL FEATURES OPZIONI» otori i versioe flagia;» Coessioi laterali o posteriori;» Albero: cilidrico o scaalato;» Coessioi metriche o BSPP;» Altre caratteristiche speciali OPTIONS» Flage mout;» Side ad rear ports;» Shafts-

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Le metodologie alternative al VAN

Le metodologie alternative al VAN Teoria della Finanza Aziendale Le metodologie alternative al VAN 6 1-2 Argomenti Il VAN e le possibili alternative Il Payback Period Il rendimento medio contabile Il TIR Valutazione in presenza di vincoli

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI

I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI OIC: LA DISCIPLINA DELLE IMMOBILIZZAZIONI OIC 16: Immobilizzazioni materiali OIC 24: Immobilizzazioni immateriali OIC 9: Svalutazioni per perdite

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013

Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Valutazione e valorizzazione di un sito web di una struttura alberghiera. Andrea Tiburzi Rimini, 9 marzo 2013 Introduzione Agenda La misura del valore: i fattori che influenzano il valore di un azienda

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

1. Limite finito di una funzione in un punto

1. Limite finito di una funzione in un punto . Limite finito di una funzione in un punto Consideriamo la funzione: f ( ) = il cui dominio risulta essere R {}, e quindi il valore di f ( ) non è calcolabile in =. Quest affermazione tuttavia non esaurisce

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1.

aleatoria; se è nota la sua densità di probabilità ad essa si può associare una valore medio statistico. La grandezza così definita: (III.1. Caitolo III VALORI MEDI. SAZIONARIEÀ ED ERGODICIÀ III. - Mdi tatitich dl rimo ordi. Sia f( ) ua fuzio cotiua i aoci al gal alatorio (, t ζ ) la uatità dfiita dalla y f[(, t ζ )]. Ea idividua, a ua volta,

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli