PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE"

Transcript

1

2 1. PERCHE REALIZZARE UN IMPIANTO DI ARBORICOLTURA DA LEGNO PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE TEMPORANEA DI ALBERI FINALIZZATA ALLA PRODUZIONE DI LEGNAME. Le piantagioni di Arboricoltura da legno si possono presentare: come impianti che occupano uniformemente la superficie di un appezzamento di terreno (impianti a pieno campo). come filari di alberi o come siepi disposte ai margini di appezzamenti di terreno (impianti lineari). Un Arboricoltura da Legno ben condotta è il punto d incontro ideale tra gli interessi della società e quelli del singolo proprietario o imprenditore agricolo. Perché la Pubblica Amministrazione (UE e Regioni) finanzia la realizzazione di nuovi impianti di AdL su seminativi? I motivi sono molteplici, ma tutti collegati. Con l AdL la Pubblica Amministrazione punta a: accrescere la produzione di legno di cui l UE (e l Italia) è deficitaria; ridurre la produzione di materiali agricoli eccedentari; favorire una maggior presenza umana nelle aree marginali; contenere la quantità di CO2 presente nell atmosfera che potrebbe provocare un effetto serra tale da modificare il clima della terra; miglioramento della qualità ambientale con impianti che accanto alla produzione di legname offrano temporaneamente altri benefici ambientali e sociali, come ad esempio la fitodepurazione, la valorizzazione delle casse d espansione dei corsi d acqua, le barriere vive antirumore, la diversificazione del paesaggio, il recupero di nicchie ecologiche utili, l accrescimento della biodiversità, la creazione di nuove occasioni di lavoro. Perché un imprenditore agricolo dovrebbe investire in AdL? I principali motivi che possono spingere un imprenditore o un proprietario ad investire in AdL possono essere sinteticamente riassunti in: differenziazione della produzione e diversificazione dei rischi produttivi; adeguamento della produzione alle esigenze dell azienda (terreni divenuti marginali per altre colture, miglioramento del paesaggio a fini agrituristici, produzione di energia rinnovabile e di calore ad uso interno, ottenimento di prodotti non legnosi ad uso interno o esterno come miele o frutti); investimento di medio lungo periodo che richiede un basso apporto di manodopera (es. per agricoltori che intendono ridurre l intensità lavorativa (propria o di altri) o proprietari che si occupano dell azienda come attività secondaria); opportunità di ottenere una produzione varia e scalare nel tempo di prodotti legnosi e non, con intensità d investimento, di lavoro e di reddito adattabili alle esigenze e alle propensioni del proprietario; impostazione delle strategie produttive in funzione delle politiche e dei finanziamenti all agricoltura della Unione Europea. Nel medio-lungo periodo è prevedibile una riduzione degli incentivi e della produzione di seminativi. Nel medio-lungo periodo è prevedibile un incremento delle richieste di mercato, dei prezzi e della produzione di legname. La società finanzia la realizzazione di nuovi impianti riducendone il rischio d impresa. 2 3

3 2. TECNICHE ED OBIETTIVI DIVERSI SE CAMBIA L IMPRENDITORE, LA ZONA, L AZIENDA O LE CONDIZIONI SOCIO-ECONOMICHE LOCALI NON ESISTE UN MODO SOLO DI FARE ARBORICOLTURA DA LEGNO, MA TANTI QUANTI POSSONO ESSERE GLI OBIETTIVI PRODUTTIVI, LE ZONE D IMPIANTO, LE AZIENDE E I CONTESTI SOCIO-ECONOMICI IN CUI VEN- GONO REALIZZATE E CONDOTTE LE PIANTAGIONI. I progetti di AdL devono essere impostati in modo da rispondere alle caratteristiche e alle esigenze di quattro fattori principali (armonizzandoli il più possibile) che possono determinare il successo o il fallimento della piantagione: obiettivi del proprietario caratteristiche ecologiche dell area d impianto caratteristiche dell azienda contesto socio-economico in cui si inserisce la piantagione. Questi fattori possono variare uno indipendentemente dall altro, creando un innumerevole casistica di soluzioni. Ecco perché non è possibile definire un progetto per tutte le occasioni. Ciò che funziona per una combinazione di fattori non va bene per tutte le altre. E quindi necessario individuare le risposte ai singoli fattori e, successivamente, concordare con l imprenditore una soluzione che li armonizzi il più possibile. Caso 1: se l imprenditore, per problemi di tempo, volesse investire il meno possibile nella lotta alle infestanti, una soluzione potrebbe essere quella di realizzare un impianto molto denso. Questo però comporterà maggiori spese d impianto e la necessità di effettuare uno o più diradamenti. Se l azienda avesse la necessità o la possibilità di utilizzare i prodotti derivanti dai diradamenti la maggior densità potrebbe accontentare l imprenditore, altrimenti tali interventi colturali dovranno essere considerati come costi aggiuntivi per l imprenditore. Nelle piantagioni dense è possibile fare meno lavorazioni del terreno, ma si devono effettuare diradamenti Sulla base dei dati raccolti, in provincia di Arezzo, oltre il 90% degli impianti dovrà essere diradato Esempio Caso 2: se l imprenditore non volesse effettuare diradamenti gli alberi dovranno essere posizionati a distanze tali da consentirgli di raggiungere le dimensioni commerciali senza doverne eliminare una parte. Ciò ha per conseguenza una maggiore intensità di lavorazione del terreno per mantenerlo libero dalle erbe infestanti. Le numerose lavorazioni necessarie comporteranno un aumento del rischio di danneggiamento degli alberi e il conseguente deprezzamento del legname prodotto. In Arboricoltura da legno ogni scelta è come una medaglia a due facce Esempio 4 5

4 3a. LE FASI DELLA PROGETTAZIONE LA REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI ARBORICOLTURA DA LEGNO RICHIEDE UNA PROGETTAZIONE ATTENTA A TUTTI I FATTORI CHE POSSO- NO INFLUIRE SUL SUCCESSO DELLA PIANTAGIONE. UN BUON TECNICO DEVE PRENDERLI IN CONSIDERAZIONE TUTTI ARMONIZZANDOLI IN UN UNICO PROGETTO FINALIZZATO AL RAGGIUNGIMENTO DELL OBIETTIVO COLTURALE. 3b. LE FASI DELLA REALIZZAZIONE ANCHE LA CONCRETIZZAZIONE DI UN PROGETTO DI ARBORICOLTURA DA LEGNO IN UN VERO E PROPRIO IMPIANTO HA UNA SUA TEMPISTI- CA. PER OTTENERE I RISULTATI AUSPICATI È NECESSARIO LAVORARE BENE ANCHE NELLA FASE DI PROGRAMMAZIONE DEI LAVORI E DI PRENOTAZIO- NE DELLE PIANTINE PRESSO UN VIVAIO DI FIDUCIA. I PASSI DA FARE GENE- RALMENTE SONO: 1 2 Raccolta d informazioni: colloquio con l imprenditore per definire le sue aspettative in merito all AdL, per conoscere le caratteristiche dell azienda e per verificare la possibilità di inserire l AdL nella programmazione delle attività della manodopera e delle macchine Analisi dell appezzamento di terreno e delle caratteristiche socio-economiche locali (tipo di terreno, flora spontanea, esposizione...ecc.) 3 Definizione del modulo d impianto Valutazione della necessità di accessori alla piantagione (pacciamatura, shelter, pali tutori...ecc.) Produzione documenti e presentazione del progetto alle autorità competenti Approvazione del progetto 7 Ordine delle piantine delle specie e provenienze richieste Attenzione!!! Impiegare specie autoctone di provenienza locale o originarie di zone ecologicamente simili a quella d impianto aumenta le possibilità di successo. Sistemazione idraulica (se necessaria) 8 Lavorazione del terreno durante l estate 9 10 Squadro del terreno 11 Realizzazione della piantagione (da farsi secondo le regole canoniche) e messa in opera degli eventuali accessori alla piantagione Tempo E importante che società e imprenditore investano su un buon progettista! L Arboricoltura da legno richiede investimenti che si protraggono a lungo nel tempo (10-50 anni). Un errore in fase di progettazione può compromettere parzialmente o totalmente l investimento dell imprenditore e della società. Cos è il modulo d impianto? Il modulo d impianto è l unità minima di superficie che: comprende tutte le specie scelte, i relativi sesti e le distanze stabilite in fase di progettazione; ha rappresentato, all interno, almeno una volta il sesto e la distanza d impianto relativa a ciascuna specie; consente di riprodurre, su carta, lo schema dell intera piantagione ruotandolo ripetutamente di 180 sui suoi lati senza che cambino i rapporti tra le specie. I confini del modulo d impianto passano dal centro degli alberi di 6 margine. In concreto con il modulo d impianto si stabiliscono: la/le specie utilizzata/e; sesto e distanza d impianto; nel caso di impianti misti, la distribuzione spaziale delle singole specie. 6 m Specie 1 Specie 2 6 m 180 e? h? e??ee??ee??ee??ee??ee??ee??e Modulo g??ee??ee??ee??ee??ee??ee??e? Tempo La specie 1 contribuisce al modulo con 6,25 alberi (4 interi + 4 mezzi + 1 quarto = 6,25) La specie 2 contribuisce al modulo con 6,25 alberi (4 interi + 4 mezzi + 1 quarto = 6,25)

5 4. LE TRE FASI DELLA PRODUZIONE DI LEGNAME DI PREGIO Per produrre legname di pregio è necessario: Formare un apparato radicale robusto ed esteso Formare un fusto sufficientemente lungo, cilindrico e libero da nodi Favorire la formazione di un fusto con accrescimenti costanti nel tempo accrescimenti costanti accrescimenti irregolari La formazione di un buon apparato radicale richiede: Una buona preparazione del terreno Piantine adatte alla stazione e ben allevate in vivaio Una corretta tecnica d impianto Cure colturali idonee durante i primi anni d impianto La formazione di un fusto lungo, cilindrico e libero da nodi richiede: La scelta di piante adatte alle condizioni ecologiche dell appezzamento Un annuale controllo del corretto sviluppo di ogni singolo albero della specie principale Puntuali interventi di potatura ogni volta che se ne verifichi la necessità > 30 cm (diametro) Biologicamente per biomassa legnosa si intende tutto ciò che viene prodotto da specie vegetali arboree o arbustive escluse le parti fotosintetizzanti. In ambito commerciale, così come di seguito in questo opuscolo, per legname da biomassa s intende invece solo quel volume di legno che è prodotto dagli alberi o dagli arbusti e che ha caratteristiche tali da non poter essere tranciato, sfogliato, trasformato in segati o impiegato tondo come tale in manufatti. Legname di pregio e da biomassa dallo stesso impianto La formazione di un fusto con accrescimenti costanti nel tempo richiede: Un annuale controllo della piantagione per verificare il regolare accrescimento diametrale dei fusti degli alberi della/e specie principale/i e il grado di competizione per la luce tra le chiome Tempestivi interventi di diradamento ogni volta che se ne verifichi la necessità Negli impianti di Arboricoltura da Legno di pregio viene sempre prodotta anche biomassa legnosa. Questa è generalmente costituita da: rami della chioma degli alberi di pregio della/delle specie principali; fusti e rami degli alberi delle specie principali inadatti a destinazioni di maggior pregio; fusti e rami degli alberi delle specie secondarie; fusti e rami degli arbusti d accompagnamento. Legname da biomassa Fusto da lavoro In occasione dei diradamenti (se necessari) la biomassa legnosa può costituire un beneficio aziendale o un utile anticipazione di reddito. In fase di progettazione infatti è possibile prevedere l inserimento di specie d accompagnamento che oltre a favorire il corretto sviluppo delle specie principali, permettano di effettuare uno o due interventi economicamente positivi prima della fine del ciclo produttivo delle specie di pregio. Il legname delle specie secondarie, arboree o arbustive, viene generalmente impiegato come materiale da biomassa. 8 9

6 5. TEMPESTIVITA NELLA POTATURA PER LA FORMAZIONE DEL FUSTO L intervento che contribuisce a formare fusti dritti si chiama potatura di formazione. Questa consiste in interventi, diversi da albero ad albero, che puntano a mantenere una forte dominanza dell apice della pianta eliminando tutti i rami concorrenti. La potatura di formazione, negli appezzamenti più fertili, può cominciare già al secondo anno d impianto e termina quando non è più possibile ottenere ulteriori porzioni di fusto dritto. A Il mercato è disposto a pagare prezzi elevati per il legno, a patto che questo provenga da fusti diritti e senza nodi. La lunghezza minima che il mercato accetta per il fusto da trancia (uno degli assortimenti più pagati, ma più difficili da ottenere) è attualmente 250 centimetri. Tale lunghezza è l obiettivo minimo dell imprenditore per ciascun albero di pregio che potrà raggiungere la fine del ciclo produttivo. Per ottenere un fusto come quello dell albero A è necessario effettuare tempestive potature di formazione e sramature. Se si omettono del tutto o in parte tali interventi, il rischio è quello di ottenere un albero come il caso B che molto probabilmente produrrà soltanto legname da biomassa. tronco con curvatura semplice B Tronchi con curvature accentuate (semplici o doppie), spesso causate da carenze nella fase di potatura, non vengono utilizzati per le trasformazioni più remunerative. tronco con curvatura doppia L eliminazione dei rami che non entrano in diretta competizione con l apice dell albero viene detta sramatura. Cilindro centrale 8-10 cm 30 cm Il cilindro centrale con nodi e cicatrici non deve superare 1/3 del diametro del fusto da commercializzare. Nell effettuare la potatura è importante cercare di provocare la più piccola ferita possibile. Ciò si ottiene rispettando il cercine e tagliando il ramo perpendicolarmente rispetto alla sua dimensione longitudinale. Questa infatti non mira a formare un fusto dritto, ma a produrre un cilindro centrale (caratterizzato da nodi) più piccolo possibile e comunque non superiore al 1/3 del diametro del fusto da commercializzare. Tenuto conto che, per l assortimento fusto da trancia, il diametro minimo in punta accettato dal mercato è compreso tra i 25 e i 30 cm, il cilindro centrale con i nodi non dovrà superare diametri di 8-10 cm (viceversa se si ha un cilindro centrale di 12 cm il diametro del tronco da commercializzare dovrà raggiungere almeno i 36 cm). Nella sramatura è importante fare attenzione al diametro dei rami nel punto in cui si inseriscono nel fusto. La potatura infatti crea una ferita nel fusto che l albero deve cicatrizzare. Ferite molto grandi richiedono più tempo per rimarginarsi e, inoltre, producono cicatrici più sporgenti che contribuiscono ad accrescere il diametro del cilindro centrale con difetti (nodi e cicatrici). Potature mal eseguite possono provocare variazioni nel colore del legno del fusto tali da ridurne significativamente il prezzo. La rapidità di cicatrizzazione e lo spessore del tessuto cicatriziale possono variare in funzione della specie, della fertilità della stazione e dello stato di salute dell albero. In ogni caso si considera buona pratica colturale intervenire prima che il diametro dei rami abbia superato i 3-4 cm. ruga del cercine taglio corretto cuscinetto del cercine parte del ramo interna al tronco Nelle potature è importante agire con gradualità, in modo da condizionare l architettura (la struttura) della pianta riducendo però al minimo i traumi (cicatrici) e le perdite di superficie fogliare fotosintetizzante

7 6. DIRADARE AL MOMENTO GIUSTO PER PRODURRE LEGNAME OMOGENEO PER GLI ASSORTIMENTI MEGLIO PAGATI IL MERCATO RICHIEDE LEGNAME OMOGENEO. DOVE CI SONO ANOMALIE SI REGISTRA GENERALMENTE UN ABBASSAMENTO DEL PREZZO D ACQUISTO. IN QUEST OTTICA ANCHE GLI ACCRESCIMENTI IN DIAMETRO DEVONO ESSERE QUANTO PIÙ POSSI- BILE REGOLARI. QUESTA CARATTERISTICA VIENE CONSIDERATA IMPORTAN- TE SOPRATTUTTO PERCHÉ INFLUISCE SULLA QUALITÀ DEI SEMILAVORATI (TRANCIATI, SEGATI O ALTRO) IN FASE DI STAGIONATURA O DI ESSICCA- ZIONE. Fusti che hanno un alternanza di accrescimenti forti e di accrescimenti deboli presentano una densità del legno (massa volumica) non omogenea. Poiché il ritiro in fase di stagionatura è maggiore dove è più elevata la densità del legno, la disomogeneità di composizione provoca tensioni all interno del fusto o del semilavorato che si traducono in spaccature, svergolamenti, arcuature, imbarcature o falcature. Svergolamento Arcuatura Imbarcatura Falcatura Visto che ad ogni stagione il fusto è più grande, per ottenere accrescimenti costanti del diametro (ad es. 1 cm/anno), l albero deve essere capace di produrre una maggior quantità di legname. Ciò si ottiene consentendo alla pianta di sviluppare in maniera progressiva (più che proporzionale) sia l apparato radicale che la chioma. Negli impianti di arboricoltura, tranne casi particolari, gli alberi, prima o poi, arrivano a trovarsi in competizione con i soggetti più vicini per gli elementi nutritivi o per la luce. Ciò comporta chiaramente un parziale sfruttamento delle potenzialità dell albero che, come conseguenza, determina una riduzione degli accrescimenti diametrali del fusto ed un potenziale deprezzamento. Per evitare che ciò accada si interviene diradando l impianto; togliendo cioè una parte degli alberi per consentire a quelli che restano di continuare a crescere regolarmente. Al fine di evitare irregolarità negli accrescimenti diametrali è importante diradare l impianto prima che gli alberi entrino in competizione. I diradamenti possono essere effettuati tempestivamente solo controllando che non si verifichino riduzioni di accrescimento non imputabili a fattori esterni all impianto (come aridità, inondazioni, attacchi di patogeni, carenze nutritive ecc.). Quando c è una riduzione di accrescimento significativa non imputabile a fattori esterni significa che le piante sono entrate in competizione. Il diradamento ideale dovrebbe essere effettuato un anno prima di questo evento. Anticipare la competizione tra gli apparati radicali non è facile, mentre si può avere un idea del grado di competizione tra le chiome valutando se e in che misura si sottraggono reciprocamente luce. Se non si effettuano i diradamenti si può arrivare a: Non idoneità del legname per le destinazioni di maggior pregio. Indebolimento generale delle piante determinato dall eccessiva competizione. Insorgere di malattie dovute a patogeni fungini o batterici facilitati dall indebolimento degli alberi. Ritardo nel raggiungimento dell obiettivo colturale (con il rischio di non raggiungerlo affatto se intervengono patogeni di debolezza che, aggravando ulteriormente la situazione, possono portare ad accrescimenti così ridotti da dover considerare l impianto irrimediabilmente bloccato )

8 7. STIMARE IL VALORE DEL PROPRIO LEGNAME PER VENDERLO MEGLIO È MOLTO DIFFICILE CHE, A FINE CICLO PRODUTTIVO, I FUSTI DEGLI ALBERI SI PRESENTINO TUTTI UGUALI, SIA PER DIMENSIONI CHE PER CARATTERISTI- CHE ESTETICO-TECNOLOGICHE. SARÀ QUINDI MOLTO PROBABILE CHE NELLO STESSO IMPIANTO SI POSSANO TROVARE CONTEMPORANEAMEN- TE FUSTI DA TRANCIA, DA SEGATI DI VARIO PREGIO E DA BIOMASSA. MAN MANO CHE CI SI AVVICINA ALLA FINE DEL CICLO PRODUTTIVO È QUINDI IMPORTANTE COMINCIARE A VALUTARE LA POSSIBILE DESTINAZIONE D USO E IL VALORE POTENZIALE DEGLI ALBERI DELLA PIANTAGIONE. IN TALE OTTICA È ALTRETTANTO UTILE INDIVIDUARE I POSSIBILI ACQUIRENTI E CONOSCERE LE TENDENZE DEI PREZZI DI MERCATO PER SCEGLIERE LE TEC- NICHE COMMERCIALI E IL MOMENTO GIUSTO IN CUI VENDERE. Le principali trasformazioni del legno, dopo la depezzatura, sono: E importante ricordare che non tutti gli alberi di una piantagione possono essere adatti alle trasformazioni più remunerative. In genere, in impianti ben condotti, l assortimento tondo da trancia non supera, in volume, il 20-25% dei fusti da lavoro. La restante parte della produzione può essere trasformata, con percentuali variabili, in segati per mobili, segati per imballaggi e biomassa per pannelli di legno, per calore ed energia o per lavorazioni chimiche. Tranciatura Sfogliatura Segagione Triturazione Qualche indicazione sugli aspetti da considerare nella valutazione dei fusti. La stima del valore di un lotto di legname è un lavoro da professionisti, che richiede numerose conoscenze sul legno in genere, sulle singole specie, sulle caratteristiche richieste per ciascuna trasformazione e sui difetti che ostacolano o impediscono determinati usi. Questo tipo di specialisti da noi è piuttosto raro. L imprenditore pertanto dovrà documentarsi per conoscere meglio le caratteristiche e il valore di ciò che sta producendo. A titolo indicativo si riportano di seguito alcune particolarità che vengono prese generalmente in considerazione dai compratori, seguite da qualche considerazione di carattere generale che può essere d aiuto. 1. Specie legnosa 2. Tipo di trasformazione possibile 3. Dimensioni del fusto da lavoro 4. Cilindricità del fusto 5. Fibratura dritta 6. Regolarità degli anelli di accrescimento 7. Colore del legno 8. Presenza di nodi 9. Presenza di altri difetti. È importante tenere ben presente che ciò che definisce il valore di un tronco è la trasformazione più remunerativa a cui esso può dare origine. Lo stesso vale per i difetti. Ciò che è un difetto per una trasformazione può divenire un pregio per un altra. 14 Prezzi indicativi del legno tondo di alcune specie di pregio nel periodo giugno-dicembre 2000 in Toscana SPECIE TRASFORMAZIONE/ PREZZO DESTINAZ. D USO /t Noce trancia segati per falegnameria segati seconda qualità Ciliegio trancia segati per falegnameria Rovere segati per falegnameria carpenteria edile (travi) I valori indicati possono variare sensibilmente in funzione delle caratteristiche reali di ogni tronco (Fonte: L Emporio di Sherwood: progetto legno tondo - ARSIA - Compagnia delle Foreste) 8. PROSPETTIVE DEL LEGNO NEL MERCATO GLOBALE Il legno è un materiale naturale che ha innumerevoli vantaggi rispetto a molti prodotti di sintesi o di fusione utilizzati fino ad oggi. In futuro i motivi che faranno preferire il legno rispetto a prodotti concorrenti sono legati al fatto che: è un materiale producibile e rinnovabile naturalmente ha bassissimi impatti ambientali sia nella fase di produzione che in quella di smaltimento; richiede poca energia per essere trasformato; può essere facilmente riusato; quando viene smaltito restituisce energia, anziché richiederne grandi quantità come i materiali concorrenti. Tutto ciò, in prospettiva futura, fa ipotizzare 15 e? h? e??e g??e? una consistente crescita della domanda di tutti i tipi di legname, sia per uso energetico che per uso industriale o artigianale. Durante il periodo in cui arriveranno a fine ciclo produttivo i primi impianti di Arboricoltura da Legno realizzati nella seconda metà degli anni 90 c è da aspettarsi un graduale incremento dei prezzi del legname. E tuttavia prevedibile che il forte divario esistente tra destinazioni di elevato pregio (tranciati, sfogliati, segati da mobilio) e destinazioni di minor pregio (segati per imballaggi e biomassa) si mantenga o addirittura aumenti. Il maggior lavoro richiesto per la produzione di legname con caratteristiche di omogeneità, grandi dimensioni e cilindri- e? h? e??ee??ee??ee??ee??ee? g??ee??ee??ee??ee??ee?? cità, sarà ampiamente ripagato dal mercato che, già oggi, ha notevoli difficoltà a reperire il materiale desiderato. La filosofia di fondo, per il futuro, potrebbe essere riassunta nei seguenti punti: 1. produrre quanto più legname possibile da trancia, da sfoglia o da segati per mobilio; 2. conoscere bene le caratteristiche del proprio legname e del mercato in cui si opera (locale o nazionale che sia); 3. offrire il prodotto (di pregio o da biomassa) all acquirente giusto (il legname di pregio viene pagato pochissimo da chi fa pannelli di truciolare, viceversa la biomassa viene sottostimata da chi cerca legname di pregio).

9 Per saperne di più AA.VV., L arboricoltura da legno in Toscana. ARSIA (Regione Toscana) BERTI S., 1995 Caratteristiche tecnologiche e qualità del legno. Sherwood n 3 (3/95) BERTI S., MORI P., Norme di classificazione e valorizzazione del legname tondo. Sherwood n 37 (8/98) BIDINI C., CASINI L., 2000 Ricacci e potatura nel noce comune. Sherwood n 57 (6/00) BURESTI E., FRATTEGIANI M., 1995 Impianti misti in arboricoltura da legno. Sherwood n 3 (3/95). BURESTI E., MORI P., 1998 Un modulo per un arboricoltura da legno semi-estensiva. Sherwood n 39 (10/98). BURESTI E., MORI P., 1999 La doppia pianta: un assicurazione sulla farnia come specie principale. Sherwood n 47 (7/99). BURESTI E., MORI P., 2001 Calcoli per il conteggio delle piantine e la stima dello spazio a loro disposizione. Sherwood n 63 (1/2001) BRUNORI A., MORI P., 1996 Difesa delle piante: le protezioni individuali in rete. Sherwood n 12 (5/96) DE MEO I., MORI P., PELLERI F., BURESTI E., 1999 Prime indicazioni sugli interventi di diradamento nelle piantagioni di arboricoltura da legno. Sherwood n 43 (3/99) DE MEO I., SCIARRA C., 1999 Alcune riflessioni sulla scelta del criterio di diradamento in una piantagione di farnia. Sherwood n 48 (8/99) FABIANO F., MARCHI E., PIEGAI F., 1999 Lavori di diradamento in impianti di arboricoltura da legno con latifoglie di pregio. Sherwood n 50 (10/99) FAINI A., 2000 La produzione di calore da biomasse forestali. Sherwood n 53 (2/2000) FALCIONI S., DE MEO I., BURESTI E., 1996 La potatura del noce: descrizione delle tecniche più utilizzate. Sherwood n 12 (5/1996). FALCIONI S., BRUNORI A., 1997 Potature e alterazioni del legno. Sherwood n 21 (3/97) FALCIONI S., 1998 La potatura del noce: guida pratica per gli operatori. Manualetto realizzato dalla Compagnia delle Foreste per conto del Consorzio Forestale Padano (Casalmaggiore). MEZZALIRA G., 1995 La pacciamatura con film plastico negli impianti forestali. Sherwood n 1 (1/95) MORI P., 1997 Idoneità all uso, qualità e pregio del legname tondo. Sherwood n 27 (9/97) MORI P., 1998 La vendita di legname di latifoglie nelle foreste di Nouvion e Régnaval. Sherwood n 33 (4/98) SULLI F., 1997 Lo squadro degli impianti di arboricoltura e l uso della stazione totale. Sherwood n 19 (1/97) Informazioni Questo opuscolo è stato pubblicato nell ambito del progetto Valorizzazione delle produzioni legnose in provincia di Arezzo provenienti da impianti di arboricoltura da legno finanziato dall Assessorato Agricoltura e Foreste, Caccia, Pesca, Sport, Trasporti della Provincia di Arezzo. Direzione artistica e coordinamento editoriale Paolo Mori Coordinamento Scientifico Enrico Buresti (Istituto Sperimentale per la Selvicoltura di Arezzo) Progetto Grafico Elena Palazzini, Paolo Mori Autori testi Enrico Buresti (Istituto Sperimentale per la Selvicoltura di Arezzo) Paolo Mori (Compagnia delle Foreste - Arezzo) E Impaginazione Elena Palazzini Stampa Tipolitografia Petruzzi Corrado & C. (PG) Si Ringraziano Stefano Boncompagni, Nicola Visi e Antonio Faini per la lettura critica e la collaborazione offerta nella realizzazione di questo opuscolo. Illustrazioni Paolo Gialli, Elena Palazzini Editore: Compagnia delle Foreste sede operativa: Via P. Aretino 8, Arezzo - tel./fax Sito Internet: Tutti i diritti sono riservati

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

Cos è l Arboricoltura

Cos è l Arboricoltura Arboricoltura da Legno Schede per la progettazione e la conduzione Servizio gestione forestale e produzione legnosa Via Sabbadini, 31-33100 Udine Tel. 0432 555892 Fax 0432 555444 forestale@regione.fvg.it

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

...qualità! Un fiume di... Ci interessa la biodiversità. Siamo convinti che la pianura possa avere un paesaggio migliore

...qualità! Un fiume di... Ci interessa la biodiversità. Siamo convinti che la pianura possa avere un paesaggio migliore Un fiume di......qualità! Fare arboricoltura porta vantaggi economici, paesaggistici e ambientali per tutti! Per questo il Parco è interessato a diffondere le piantagioni di alberi. Vogliamo ridurre l

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Il ruolo delle Regioni nella ricerca in arboricoltura da legno con cicli medio-lunghi

Il ruolo delle Regioni nella ricerca in arboricoltura da legno con cicli medio-lunghi Il ruolo delle Regioni nella ricerca in arboricoltura da legno con cicli medio-lunghi Lorenzo Camoriano Settore Politiche Forestali della Regione Piemonte lorenzo.camoriano@regione.piemonte.it SOMMARIO

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

Agroforestry e PAC in Italia

Agroforestry e PAC in Italia Agroforestry e PAC in Italia Andrea Pisanelli andrea.pisanelli@ibaf.cnr.it Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biologia Agroambientale e Forestale Adolfo Rosati adolfo.rosati@entecra.it Consiglio

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA

Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA Acquistare le piantine di VENETO AGRICOLTURA Per acquistare piantine al Centro di Montecchio Precalcino è necessario fare un ordine scritto (via fax, email o compilandolo direttamente presso i nostri uffici).

Dettagli

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER

Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno. Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Sottoprodotti derivanti dagli scarti di lavorazione del legno Dr. Vanessa Gallo Segretario Generale FIPER Dati aggregati Fiper aggiornati al 31/12/2012 84 impianti di teleriscaldamento a biomassa 22 impianti

Dettagli

COME AFFRONTARE LA POTATURA DEL NOCE

COME AFFRONTARE LA POTATURA DEL NOCE OME ARONTARE LA POTATURA DEL NOE ( Juglans regia L.) Provincia di Arezzo on la si interviene in un sistema complesso di interazioni tra pianta, ambiente, cure colturali e altri alberi dell impianto per

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

Azienda Forestale Ambientale

Azienda Forestale Ambientale SA Azienda Forestale Ambientale Storia La Compul SA è nata in origine allo scopo di trattare e gestire gli scarti vegetali provenienti da boschi, giardini, frutteti e vigneti. Dal 2011 è stata costituita

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

L ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI COMUNITARI PER L ARBORICOLTURA DA LEGNO. Franco Licini Settore Politiche Forestali REGIONE PIEMONTE

L ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI COMUNITARI PER L ARBORICOLTURA DA LEGNO. Franco Licini Settore Politiche Forestali REGIONE PIEMONTE L ATTUAZIONE DEI REGOLAMENTI COMUNITARI PER L ARBORICOLTURA DA LEGNO Franco Licini Settore Politiche Forestali REGIONE PIEMONTE Nella Pianura Padana l arboricoltura esiste da molti decenni: - pioppicoltura

Dettagli

PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI

PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI PROGETTO PER ORTO BIOLOGICO COOP. AGESPHA ONLUS ED AZIENDA AGRICOLA CALIARI La Cooperativa Agespha ha stipulato una collaborazione con l Azienda Agricola Caliari di Bussolengo un progetto di Orto Biologico

Dettagli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli

5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli 5.3.2.2.1 Primo imboschimento di terreni agricoli Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (b) (i) e 43 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 31 e punto 5.3.2.2.1. dell Allegato II del Reg. (CE)

Dettagli

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione NORME TECNICHE Definizioni e ambiti di applicazione v I progetti ammessi a finanziamento devono ricadere nell ambito delle zone tartufigene individuate dalle carte regionali della potenzialità alla produzione

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi

LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori. Marco Mingozzi Giovanni Zambardi LA DISINFEZIONE CON IL CALORE: «Una tecnica che premia Produttori e Consumatori Marco Mingozzi Giovanni Zambardi Le Officine Mingozzi si occupano della costruzione, sperimentazione ed espansione dei campi

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Progetto QualiAmbiPio La potatura del pioppeto

Progetto QualiAmbiPio La potatura del pioppeto Progetto QualiAmbiPio La potatura del pioppeto Gianni Facciotto 27 28 Nella pioppicoltura specializzata la potatura è certamente uno tra i più importanti interventi di tecnica colturale, finalizzato a

Dettagli

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale»

ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future. «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» ALIMENTAZIONE SALUTE AMBIENTE in tre parole Expo2015 e prospettive future Torino, 24 marzo 2015 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Agricoltura virtuosa, innovativa e multifunzionale» L AGRICOLTURA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA (www.agricoltura.regione.lombardia.it)

DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA (www.agricoltura.regione.lombardia.it) DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA (www.agricoltura.regione.lombardia.it) Unità Sviluppo di sistemi forestali, agricoltura di montagna, uso e tutela del suolo agricolo Struttura Sviluppo e gestione forestale

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE

IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE IL RISO n 1 del 19 giugno 2015 STRATEGIE DI LOTTA ALLE INFESTANTI RESISTENTI AGLI ERBICIDI NELLE RISAIE LOMBARDE Premessa Negli anni la riduzione di prodotti utilizzabili per il contenimento delle infestanti

Dettagli

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili

Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Università di Pisa Dipartimento di Ingegneria dell'energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni DESTEC Corso di Tecnologie delle Costruzioni Civili Linda Giresini 8 Novembre 2012 Legno: origine

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI PROGRAMMA PROTEINE VEGETALI Premessa Il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha invitato le Regioni alla stesura di un proprio programma che s inserisse all interno di un piano nazionale, denominato

Dettagli

Il pirodiserbo in frutti-viticultura:

Il pirodiserbo in frutti-viticultura: Il pirodiserbo in frutti-viticultura: l innovazione tecnologica per favorire la sostenibilità ambientale. www.pirodiserbo.it La nuova Organizzazione Comune di Mercato per il settore ortofrutticolo (Reg.

Dettagli

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com L'AZIENDA Global Service Giardini si occupa della progettazione, realizzazione e manutenzione di terrazzi, parchi e

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi

Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi Sintesi finale del progetto Riselvitalia Sottoprogetto 2.1 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi mediolunghi Ricerca: La valutazione degli investimenti in arboricoltura da legno

Dettagli

Elenco docenze a corsi di formazione e aggiornamento professionale

Elenco docenze a corsi di formazione e aggiornamento professionale Informazioni personali Elenco docenze a corsi di formazione e aggiornamento professionale Nome & Cognome MAURO FRATTEGIANI Indirizzo Via Armando Diaz 06128 PERUGIA (Italy) Telefono (+39) 075.9660449 Mobile

Dettagli

FARRO TERRA DI SAN MARINO

FARRO TERRA DI SAN MARINO DISCIPLINARE DI PRODUZIONE FARRO TERRA DI SAN MARINO ARTICOLO 1 La denominazione Farro Terra di San Marino è riservata esclusivamente al prodotto ottenuto in aziende agricole localizzate entro i confini

Dettagli

Glossario dei termini più comuni impiegati in arboricoltura da legno

Glossario dei termini più comuni impiegati in arboricoltura da legno ARBORICOLTURA DA LEGNO Glossario dei termini più comuni impiegati in arboricoltura da legno di ENRICO BURESTI LATTES PRIMA PARTE PAOLO MORI L arboricoltura da legno è una disciplina relativamente giovane

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

CONVEGNO di presentazione

CONVEGNO di presentazione CONVEGNO di presentazione L arboricoltura da legno: come coniugare ambiente e reddito Coniugare la gestione della rete idrica con la produzione di legno e l ambiente Stefano De Pietri Centro Ambientale

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura

AGRICOLTURA E AMBIENTE. BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura AGRICOLTURA E AMBIENTE BOSCO Buone Opportunità per Sostenere la Competitività e l Occupazione in Agricoltura Soggetto ATTUATORE Soggetti PROMOTORI il PROGettO BOSCO rende disponibile un ampia e diversificata

Dettagli

LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI

LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI LA COLTIVAZIONE DELLA CANAPA ED I SUOI POSSIBILI IMPIEGHI COMMERCIALI WWW.PECOB.EU DICEMBRE 2012 La coltivazione della canapa è stata lungamente esclusa dalle possibilità commerciali a partire da secondo

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale del tavolo Energia e agricoltura Istituto G. Fauser Novara, 19 aprile

Dettagli

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare

IERI E OGGI. Cent anni fa: il banco di legno massello. Oggi: il banco di ferro e truciolare IL LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco di legno massello Oggi: il banco di ferro e truciolare Il legno Definizione Le caratteristiche Sezione di un tronco La produzione: dal taglio alla segheria La

Dettagli

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia

GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia GUALDO 2020 La tua terra, la tua energia Centrale eolica e a biomasse CUORE VERDE Azienda agricola e forestale LO.MA. engineering Scenario L'energia prodotta da fonti rinnovabili (eolica, solare, idraulica,

Dettagli

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici IL LEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ IN EDILIZIA Centro Congressi Lingotto, Torino 6 giugno 2007 Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

Arboricoltura da legno

Arboricoltura da legno Arboricoltura da legno Guida alla gestione degli impianti Introduzione Indice Introduzione 1 Cure colturali in ogni fase di un impianto di arboricoltura da legno 2 Fase di attecchimento 3 Il controllo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE

Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE Intervento Assessore Malaspina Università Politecnica delle Marche ANCONA 26 E 27 SETTEMBRE Workshop: I SOTTOPRODOTTI AGROFORESTALI E INDUSTRIALI A BASE RINNOVABILE Sono veramente grata ha affermato l

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011

BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 BIOGAS: Il futuro degli incentivi al biogas dopo il Decreto rinnovabili del marzo 2011 Informatore Agrario Cremona 29 Ottobre 2011 Sofia Mannelli Chimica Verde Bionet 1 Chimica Verde Bionet Chimica verde

Dettagli

NovaE e Consorzio Agrario

NovaE e Consorzio Agrario NovaE e Consorzio Agrario Insieme per accompagnare le aziende agricole verso un futuro sostenibile è una partnership NovaE aiuta le imprese agricole, scegli un partner affidabile per investire nell ambiente.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe. Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno La convenienza economica di produrre energia termica con il legno Vittorio Rossi Compagnia delle Foreste Arezzo vittoriorossi@compagniadelleforeste.it Combustibili a confronto Tipo di combustibil e Prezzo

Dettagli

Aspetti tecnici dell applicazione dei disciplinari di Certificazione Forestale della PIOPPICOLTURA

Aspetti tecnici dell applicazione dei disciplinari di Certificazione Forestale della PIOPPICOLTURA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Mortara (PV), 31 gennaio 2012 Aspetti tecnici dell applicazione dei disciplinari di Certificazione Forestale della PIOPPICOLTURA Domenico Coaloa Unità di Ricerca per

Dettagli

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE

2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE 2.4 RELAZIONI SU INVITO: Francesco CARBONE Presentazione del Moderatore dottor Grimaldi: La prossima relazione, l ultima, ha come tema Prospettive e criticità per il legno di castagno. La relazione è svolta

Dettagli

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA)

CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) SEMINA su SODO CASO-STUDIO 1 Coltivazione di mais NON-IRRIGUO su cover-crop di leguminosa (VECCIA) Il presente caso studio è stato sviluppato da AIPAS nell ambito di un progetto europeo di educazione ambientale

Dettagli

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità

I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Giacomo Scarascia Mugnozza Dipartimento di Progettazione e Gestione dei Sistemi Agro-zootecnici e Forestali Università di Bari I film plastici in agricoltura tra opportunità e criticità Bologna 12 Novembre

Dettagli

ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO

ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO ASPETTI TECNICI COLTURALI ED ECONOMICI DELL'IMPIANTO DI UNA TARTUFAIA DI TARTUFO NERO PREGIATO Progetto di valorizzazione del Tartufo della Marca di Camerino Dott.For. Emiliano Pompei 31 marzo 2009 LA

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia

Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Progetto Qualità e sostenibilità ambientale della pioppicoltura in filiere legno-energia Regione Lombardia Iniziativa svolta nell ambito del Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 con

Dettagli

Convenienza economica e potenzialità di sviluppo delle colture energetiche in Italia

Convenienza economica e potenzialità di sviluppo delle colture energetiche in Italia Convenienza economica e potenzialità di sviluppo delle colture energetiche in Italia EIMAEnergy Bologna - 10 Novembre 2010 Guidi Silvano Responsabile Filiera Biomassa Legnosa Evoluzione normativa 2008

Dettagli

NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA

NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA ETA Info NORMATIVE DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI A BIOMASSA... il mio sistema di riscaldamento 123 7 8 9 4 5 6 1 2 3 0. = BIOMASSE LEGNOSE Le biomasse legnose sono costituite essenzialmente da legno. Esse

Dettagli

Petrolio Verde GIACIMENTI ENERGETICI RINNOVABILI NELLE AZIENDE AGRICOLE

Petrolio Verde GIACIMENTI ENERGETICI RINNOVABILI NELLE AZIENDE AGRICOLE Petrolio Verde GIACIMENTI ENERGETICI RINNOVABILI NELLE AZIENDE AGRICOLE Ogni azienda agricola ha strutture da scaldare; in certi casi è solo l abitazione dell imprenditore, in altri la cantina, la serra

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Le biomasse rappresentano oltre

Le biomasse rappresentano oltre Il futuro della bioenergia: rischi e prospettive Franco Donatini Le biomasse rappresentano oltre al sole la fonte energetica più anticamente utilizzata dall uomo per sopperire ai suoi bisogni. Il suo utilizzo

Dettagli

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia di Paolo Lassini, dirigente Direzione Generale Agricoltura

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

CORSO D'AGGIORNAMENTO PER PERITI ESTIMATORI- CESAR 2016 1

CORSO D'AGGIORNAMENTO PER PERITI ESTIMATORI- CESAR 2016 1 I CONTENUTI DELLA PRESENTAZIONE SONO STATI ELABORATI DAL GRUPPO DI LAVORO COSTITUITO DA: Balduzzi Giancarlo, Fratini Paolo, Gianesini Stefano, Lapioli Antonello, Luciani Luigi, Marmiroli Matteo, Martella

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli

Prove in campo CONCIMAZIONE E PACCIAMATURA DEGLI ORTAGGI. a cura di Carlo Cavalli Centro istruzione Professionale Agricola Assistenza Tecnica della Confederazione italiana agricoltori piazza Caiazzo 3 20124 Milano tel. 02/ 6701083 66982569 - fax 02/66984935 e-mail cipa-at.lombardia@cia.it

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I C O M U N E D I C E R V I A TRAVERSA RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I Sommario PREMESSA... 3 PROGETTO DELLE OPERE A VERDE... 3 LO STATO ATTUALE... 3 IL PROGETTO... 6 PRINCIPALI

Dettagli

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42

Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Scheda operativa n.5 LE COLTIVAZIONE DELLE PIANTE OFFICINALI Superficie complessiva: ha 07.16.81, di cui in coltura pura 04.15.39 ha e in coltura consociata ha 03.01.42 Premessa Le piante officinali rappresentano

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30-06-2006 REGIONE VENETO INIZIATIVE DI SOSTEGNO ALLA PRODUZIONE E ALL UTILIZZO DI BIOMASSE LEGNOSE PER SCOPI ENERGETICI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO N. 60

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli