Quale futuro per i Certificati Bianchi? Intervista a Claudio Artioli - responsabile Energy Management Hera (Maria Antonietta Giffoni)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale futuro per i Certificati Bianchi? Intervista a Claudio Artioli - responsabile Energy Management Hera (Maria Antonietta Giffoni)"

Transcript

1 Quale futuro per i Certificati Bianchi? Intervista a Claudio Artioli - responsabile Energy Management Hera (Maria Antonietta Giffoni) Il rapporto statistico pubblicato dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas il 15 settembre scorso non restituisce un quadro ottimistico per il futuro del meccanismo dei Certificati Bianchi, salutato all epoca della sua introduzione come una geniale intuizione di promozione dell uso razionale dell energia. Il rapporto dice che lo stock di progetti presentati all Autorità fino all inizio di agosto potrà generare una disponibilità di TEE in grado di coprire dal 5% al 24% dell obiettivo 2011, ed è di conseguenza ancora largamente insufficiente per consentire il raggiungimento dell obiettivo Che cosa sta accadendo al sistema dei Certificati Bianchi? Proviamo a delinearne un quadro con un operatore del settore, l ingegner Claudio Artioli, responsabile Energy Management del gruppo Hera. Ingegner Artioli, come è potuto accadere che al quinto annuo di attuazione del sistema si sia verificata una morìa di progetti, tale da non consentire il raggiungimento degli obiettivi 2011? Non era più plausibile che questa evenienza si fosse verificata nei primi anni di avvio del meccanismo? Perchè dal 2005 al 2009 i progetti realizzati sono riusciti a coprire gli obiettivi imposti dai Dm 20 luglio 2004 per valori che in alcuni casi hanno sfiorato il 100% e ora, invece, arriveremo al 24% nell ipotesi più ottimistica? Non possiamo dire che c è stata una moria di progetti. Dopo l exploit degli interventi che hanno visto un massiccio ricorso alla distribuzione delle lampadine a basso consumo e dei frangigetto, si è fatto poco altro. O, almeno, ciò che si è fatto non ha avuto un trend sufficiente per seguire il forte innalzamento degli obiettivi nazionali previsti dal 2008 ad oggi. Il vero problema è che il meccanismo è potuto partire, giustamente, grazie agli interventi più semplici e meno costosi a cui si sono aggiunti quei progetti che si sarebbero fatti a prescindere dall esistenza dei Certificati Bianchi. Dopodichè il sistema non è mai decollato veramente, per la scarsa capacità di incentivare correttamente gli interventi più strutturati e che sono anche quelli più costosi e più complicati da realizzare. Allora, finora abbiamo vissuto di rendita? In un certo senso, sì. Come spesso accade, ci si ferma a guardare i risultati senza analizzare con cura cosa essi rappresentano e come si sono formati. Ora c è bisogno di un forte impulso al sistema che porti ad un significativo salto di qualità. Almeno in parte, questo si è cominciato a vedere con la pubblicazione del Documento di consultazione dell Autorità per l'energia Elettrica e il Gas del dicembre scorso, dove finalmente si è introdotto il riconoscimento della vita tecnica dell intervento. Ma non sappiamo ancora se e quando questo documento di consultazione si tradurrà in una deliberazione. Ma perchè si è fatto così poco? Di schede tecniche, l Autorità ne ha previste molte nel corso di questi anni. È vero, è stato lodevole l impegno che l Autorità ha profuso nell ottimizzare il funzionamento del sistema e nel vigilare che le regole venissero applicate nell interesse dello sviluppo del meccanismo. Ma le schede sono ancora troppo poche e spesso prevedono dei risparmi che, associati ad un contributo tariffario eccessivamente basso, premiano poco gli interventi.

2 Insomma, sono poche, fatte male e non incentivano? Lei mi mette parole in bocca che non ho detto. Sarebbe più esatto dire che la direzione presa è quella giusta, ma servono correzioni di rotta. Un esempio per tutti: le schede delle caldaie a condensazione remunerano in 5 anni un importo di circa 40 euro, se installate al nord; in zone con climi più miti è anche inferiore. E evidente a tutti che nessuno mai installerà una caldaia a condensazione solo grazie all incentivo. Se si considera poi che per superare la soglia minima bisogna rendicontare quasi 300 caldaie, i costi documentali di rendicontazione si portano via pure buona parte dell incentivo. E per molte altre schede non va molto meglio. Prendiamo, come altro esempio, quelle dedicate alla cogenerazione e al teleriscaldamento: solo dopo anni di contenzioso, sono state pubblicate schede che riconoscono un numero di Certificati un po più remunerativi. In generale si può affermare che vi sia la tendenza a sottostimare sempre i benefici degli interventi. Si pensi solo al fattore di conversione kwh elettrico risparmiato/tep primario: nel considerare il coefficiente di conversione non si è nemmeno tenuto conto delle perdite di energia nel trasporto e nella distribuzione, che sono tutt altro che trascurabili. E questo succede non solo con le schede tecniche predisposte dall'autorità; anche con i progetti a consuntivo, nel determinare la baseline di addizionalità, occorre considerare valori di riferimenti molto alti, a volte anche più alti delle migliori tecnologie effettivamente disponibili. Magari applicando valori di rendimento massimi istantanei raggiungibili solo in condizioni teoriche, anziché considerare il valore medio stagionale che è il solo veramente indicativo del reale risparmio energetico. Non dovrebbe sorprenderla il fatto che i TEE premiano i grandi numeri. Da sempre l obiettivo di fondo di questo meccanismo è stato quello di promuovere lo sviluppo dei prodotti e dei servizi energetici. In altre parole, sono le ESCo le strutture più adatte a fare i grandi numeri e di conseguenza ottenere considerevoli risparmi. Senz altro. E noi distributori non possiamo che avallare questa politica. Noi distribuiamo energia e lasciamo volentieri alle ESCo il compito di occuparsi dell efficienza energetica. Ma in questi anni lo sviluppo di cui lei parla, e che era auspicabile, non c è stato. Un motivo ci sarà. Lo scarso appeal economico dei Certificati Bianchi? Questo e anche la mancanza di altre forme di incentivi per il finanziamento dell efficienza energetica, a cui si aggiunge pure l incertezza normativa. Il sistema dei Certificati Bianchi è oggi regolato solo fino al La convizione generale è che sia destinato a vivere anche oltre il 2012, come tra l altro prevede il Dlgs 28/2011. Ma siamo ancora in attesa di sapere come vivrà" e in che modo si evolverà. Nel delineare l'attuale assetto del sistema, sicuramente ha pesato troppo la convinzione che l efficienza energetica si ripaga da sola, per cui gli incentivi non sarebbero nemmeno necessari. Questo è il motivo principale del fallimento del sistema a cui stiamo assistendo. A parziale copertura dei costi sostenuti per la realizzazione di interventi di efficienza energetica (o per l'acquisto dei Certificati Bianchi), l'autorità riconosce ai distributori obbligati un contributo fisso in denaro. Questo non vi ripaga a sufficienza? Nei primi tre anni di attuazione del meccanismo, quando gli scambi erano quantitativamente modesti e un Titolo si comprava sul mercato a una media di e il contributo percepito era pari a 100, quanto dice poteva essere vero. Ma era il momento in cui si erano sviluppati gli interventi più semplici, meno strutturati e quindi meno costosi. Oggi non è più così. Per il 2011 il contributo fissato dall Autorità è pari a 93,68 /Tep e,

3 se nessuno interviene, già dal prossimo anno è previsto un calo significativo ben oltre sotto i 90. Occorrerebbe un incremento significativo del contributo, se si vuole incidere sullo sviluppo di nuovi interventi. Il rapporto di monitoraggio che il Gestore dei Mercati Elettrici ha pubblicato nel luglio scorso ha reso noto che il prezzo medio ponderato dei TEE nel primo semestre del 2011 è stato pari a 99,16. Ora il prezzo ha ormai superato i 105 /tep. Com è naturale, il prezzo dei titoli ha subito negli ultimi anni i riflessi della contrazione dell offerta a cui si è aggiunta la necessità di una migliore remunerazione. In questa situazione sono i distributori a sostenere il sistema, pagando i titoli più del contributo tariffario riconosciuto. È evidente che questo stato di cose non può più reggere, specie per i soggetti obbligati che sono entrati nel sistema in questi ultimi anni e che non hanno potuto nemmeno usufruire dei vantaggi prodotti dagli interventi meno costosi, come la distribuzione delle lampade e dei frangigetto. Il contributo è stato, però, concepito a parziale copertura dei costi. Se fosse sempre superiore alle spese sostenute che obbligo sarebbe? Il contributo, insieme all entità del risparmio riconosciuto in bolletta dovuto alla riduzione dei consumi, deve consentire il ritorno economico dell intervento, invogliando l utilizzatore ad effettuare l investimento. In tal modo, per esempio, posso proporle di sostituire la sua caldaia con una più efficiente, anche se non è a fine vita; e lei accetterebbe perchè potrei proporle un prezzo conveniente. Ma ad oggi non potrei farlo. I costi che io chiamo esterni, come quelli che si sostengono per convincere e per creare le condizioni, anche finanziarie, affinchè l intervento diventi appetibile, sono ancora troppo alti e scarsamente remunerati. A volte sembra possa bastare il risparmio in bolletta. Se così fosse, oggi non ci sarebbe bisogno di parlare di incentivi all efficienza energetica. Invece molto spesso le condizioni al contorno sono tali per cui, anche interventi economicamente interessanti non si realizzano. È il caso di situazioni come quella dei condomini, dove i soggetti decisori sono molti; di abitazioni con un proprietario che deve pagare l investimento e il locatario che beneficia delle riduzioni della bolletta; o ancora di impianti industriali dove il ritorno dell investimento in 3-4 anni è già considerato eccessivo. D altronde se si pensa al successo del fotovoltaico, si vede subito come questo sia dovuto all incentivo molto remunerativo: fino a /MWh. Per l efficienza energetica, invece, il risparmio di un MWh el è remunerato in media 17 /MWh. Che cosa accadrà se non saranno emessi sufficienti TEE per coprire gli obblighi? La norma oggi prevederebbe che i soggetti obbligati che non raggiungono gli obiettivi assegnati paghino una penale oltre a dover comunque comprare i titoli mancanti, anche se non si sa come, visto che non ci sono. Ma non siamo di fronte a un controsenso? La norma consente al soggetto obbligato di ricorrere ai Certificati Bianchi in alternativa alla realizzazione dei progetti. Ma se sul mercato dei TEE non si riesce a reperirne a sufficienza, la penale non è illegittima? Il buon senso porterebbe a dire di sì, ma la risposta spetta alle istituzioni o, eventualmente, ai tribunali. I decreti attuativi del Dlgs 20/2007 appena pubblicati in Gazzetta Ufficiale hanno previsto che anche la cogenerazione ad alto rendimento potrà avere diritto ai Certificati Bianchi. Non crede che questo possa fungere da nuovo stimolo? Certo potrebbe, ma le incognite sono tante. In realtà già oggi la cogenerazione ne aveva diritto, utilizzando eventualmente la modalità dei progetti a consuntivo, oltre che le schede analitiche. Anzi, questo tipo di intervento è tra quelli che più ha contribuito all emissione di nuovi certificati in questi ultimi mesi.

4 Tornando ai decreti che incentivano la cogenerazione appena pubblicati - e che attuano anche quanto disposto al comma 4 dell'articolo 29 del Dlgs 28/ si evidenzia un potenziale contrasto applicativo con la normativa attuale, che ci auguriamo venga prontamente chiarito. Ad esempio, secondo quanto previsto dai Dm 20 luglio 2004, i diretti beneficiari dei Certificati Bianchi sono coloro che effettuano gli interventi, ma solo se appartenenti alla categoria dei soggetti obbligati (e cioè i distributori di energia elettrica e gas con più di clienti), o dei soggetti volontari, chiaramente indicati in tre tipologie: i distributori con meno di clienti, le ESCo e i grandi utenti industriali e del terziario tenuti alla nomina dell energy manager. Il Dm 5 settembre 2011, sembrerebbe assegnare i Certificati Bianchi a tutti i produttori, anche coloro che non sono soggetti beneficiari dei Certificati Bianchi secondo la normativa vigente. È quindi da supporre che tutti i soggetti responsabili di impianti cogenerativi con caratteristiche rispondenti alla norma possano ottenerli. Scompare l appartenenza ai soggetti obbligati o volontari. Vede bene come siamo già di fronte a una disparità di trattamento. Ma c è di più, lo stesso Dm non solo ha previsto che sarà il GSE e non più l Autorità ad erogare i TEE, ma i Certificati Bianchi erogati dal GSE possono essere ritirati dal Gestore stesso nel caso in cui il beneficiario non voglia rivolgersi al mercato. Se quest anno tutti i produttori in cogenerazione richiedessero il ritiro dei Certificati Bianchi, l'offerta di Certificati Bianchi subirebbe un'ulteriore contrazione, creando una situazione ancor più incerta di quanto delineato nel rapporto dell Autorità. In più si dovrà capire se solo il GSE rilascerà i "Certificati della cogenerazione", evitando una doppia regolamentazione parallela. E cosa accadrà nel caso di interventi complessi che adottano più tecnologie, dove la cogenerazione è solo una parte degli interventi? È il caso, per esempio, di reti complesse di teleriscaldamento dove possono essere presenti anche recuperi di calore industriale, oppure l'utilizzo di fonti rinnovabili come la geotermia o la biomassa. In questi casi, come ci si dovrà comportare? Occorrerà chiedere parte dei Certificati al GSE e parte all Autorità? Ma il Dlgs 28/2011 ha già previsto il passaggio di consegne dall Autorità al GSE nella gestione del sistema dei TEE Sì, ma mancano ancora i decreti attuativi. Si spera arrivino presto, ma nel frattempo le domande rimangono inevase e il sistema non ne trarrà certo giovamento. I pochi esempi citati fanno comprendere come questo trasferimento tra un metodo già esistente e consolidato a uno nuovo, se non realizzato con accortezza, potrebbe portare ad un blocco dell emissione dei certificati per un periodo non breve. Cosa che in questo momento non è certo auspicabile. E poi l esperienza insegna che non sempre il nuovo è migliore del vecchio. Per questo è augurabile che l Autorità intervenga subito per apportare le modifiche più urgenti al sistema, ad esempio l introduzione della vita tecnica dei progetti, la semplificazione nella presentazione dei progetti con la riduzione della dimensione minima, e anche l'eliminazione del principio di addizionalità. Lasciando al Ministero il tempo necessario per predisporre, entro l anno e con la dovuta cura, i decreti attuativi. Oltre a quanto ci ha detto, ci sono altri provvedimenti da adottare, secondo lei, per rendere realmente efficiente il meccanismo? Sicuramente quanto previsto dal Dlgs 28/11 è un'importante occasione per rilanciare i Certificati Bianchi, superando le storture emerse in questi sei anni di applicazione del sistema. Ma molto ancora si può fare. Regole semplici La regola d oro è quella di fissare regole semplici ed efficaci, facilmente attuabili senza eccessivi costi documentali e che diano certezze agli operatori che devono investire e sviluppare interventi di risparmio energetico. Per questo bisognerà disporre di numerose e più efficaci schede, in grado di garantire una vera remunerazione per le varie tipologie tecniche e che tenga conto dei reali costi di investimento, superando le

5 sottostime di molte delle schede attuali che le hanno rese di fatto inutilizzabili. Occorrerebbe, poi, facilitare la presentazione dei progetti a consuntivo che si prestano a rendicontare interventi di una certa consistenza, soprattutto in campo industriale, oggi talmente complessi da scoraggiare anche i professionisti più agguerriti. Repentina soluzione della contrazione dell'offerta Bisognerebbe risolvere in fretta il problema della penuria di certificati. A tale scopo sarebbe auspicabile che l Autorità pubblicasse subito la revisione delle linee guida, almeno per la parte in cui si riconosce la Vita Tecnica degli interventi effettuati e in cui si riduce la dimensione minima dei progetti che si possono presentare. Ma se questo sarà sufficiente a raggiungere gli obiettivi 2011 e 2012, sarebbe altersì auspicabile un intervento immediato che consenta ai soggetti obbligati di usufruire di un periodo di almeno tre anni per assolvere agli obblighi, già a partire dal Si avrebbe così il tempo di fare entrare a regime il "nuovo sistema". Eliminare il principio di addizionalità e incentivare i rifacimenti Il "nuovo sistema" dovrebbe incentivare gli interventi più strutturali e più costosi, rendere più semplice e meno onerosa la consuntivazione, eliminando il principio di addizionalità. Esso non è richiesto dalla Direttiva Europea e rende troppo complessa, costosa e soggettiva la valutazione dei progetti presentati, rischiando di introdurre una non sempre trasparente valutazione del progetto; il che costringe ad eccessive sottovalutazioni del risparmio ottenuto. Il sistema dovrebbe poi essere adeguato per ammettere all incentivo anche i rifacimenti. Si eviterebbe così l'installazione di apparecchiature meno efficienti quando si rinnovano gli impianti. Andrebbe, inoltre, stimolato il rinnovo del parco tecnologico anche prima della scadenza della vita tecnica degli impianti. E, infine, dovrebbe essere mantenuta la possibilità di contabilizzare i Certificati Bianchi per interventi effettuati a partire dal 2005, visto che ciò è previsto dall attuale normativa e anche dalla direttiva europea che, addirittura, consente di considerare interventi avviati a partire dal Rilascio dei Certificati in un'unica soluzione Sarebbe auspicabile rilasciare subito e in un unica soluzione i certificati generati da schede standard, al fine di ridurre gli oneri finanziari e, quindi, il costo del sistema per chi deve sostenere gli investimenti. E dare la possibilità ai soggetti obbligati di annullare i certificati anche più volte durante l anno, per incassare in tempi più rapidi il contributo tariffario e ridurre gli oneri finanziari. Rimodulazione degli obiettivi Gli obiettivi nazionali dovrebbero tener conto, oltre che della programmazione del Piano Energetico, anche della reale capacità del sistema di produrre certificati e del buco che si è venuto a creare. Per questo è auspicabile che gli obiettivi, già a partire dal 2012, visto che quelli del 2011 sono assegnati, vengano adeguatamente rimodulati. Rivedere il meccanismo di mercato, ampliare la base d'obbligo e far decollare le ESCo Occorrebbe rivedere il meccanismo di mercato per evitare fenomeni speculativi in caso di mercato corto. Potrebbe essere utile allo scopo introdurre, insieme a un allungamento del periodo di restituzione dei titoli, anche una scadenza degli stessi a tre anni, al pari di quanto si applica ai Certificati Verdi. Con l esaurimento degli interventi più massivi e semplici, si devono incentivare interventi più strutturali e costosi. E questo si può fare solo adeguando l attuale contributo tariffario fissato con la delibera del Infine, va rimarcato che oggi solo i distributori di gas ed energia elettrica sono soggetti obbligati a produrre Certificati Bianchi. Nel dare attuazione al Dlgs 28/11, andrebbe ampliata la platea dei soggetti obbligati anche ai gestori di infrastrutture energivore, come ad esempio acquedotti, ferrovie e trasporti, in modo da stimolarli maggiormente ad intervenire sulle proprie attività. E da ultimissimo, ma forse il punto più importante di tutti, mettere in condizioni le ESCo di decollare. Fonte

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo

Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Risorse e strumenti per l efficienza energetica nel settore marittimo Enrico Biele, FIRE Green shipping summit 2014 26 giugno 2014, Napoli Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER

Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER Osservazioni su bozza di Decreto di incentivazione altre FER 15 giugno 2015 Il Decreto di incentivazione delle FER non fotovoltaiche in via di emanazione dal Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO

RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO RELAZIONE TECNICA MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO Relazione tecnica alla deliberazione 20 dicembre 2012, 570/2012/R/efr Mercato di incidenza:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com

y e Lo scambio sul posto cos è, come funziona e come viene calcolato. ire co www.vic-energy.com y e Lo scambio sul posto Guida per capire ire co cos è, come funziona e come viene calcolato. 1 Lo scambio sul posto fotovoltaico. Per capire cosa è e come funziona, lo scambio sul posto è necessario capire

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile

Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile POR FESR LAZIO 2007-2013 Avviso pubblico Fondo di promozione dell efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile FAQ Quesito n. 1 Il Bando PSOR al punto n delle premesse definisce impianti

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA

GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA Una pubblicazione realizzata da FIRE su incarico dell ENEA a favore dei decisori della P.A. regionale e locale GUIDA ALL USO DELLE RISORSE PER INCENTIVARE RINNOVABILI ED EFFICIENZA ENERGETICA pagina 2

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Scaglioni di potenza (kw) 1

1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1

Scaglioni di potenza (kw) 1<P 3 3<P 6 6<P 20 20<P 200 200<P 1.000 P>1.000. /kw /kw /kw /kw /kw /kw - 2,2 2 1,8 1,4 1,2. Tabella 1 Tariffe per la copertura degli oneri sostenuti dal GSE per lo svolgimento delle attività di gestione, di verifica e di controllo, inerenti i meccanismi di incentivazione e di sostegno, a carico dei beneficiari

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

www.energystrategy.it 1

www.energystrategy.it 1 www.energystrategy.it 1 C è ancora un mercato italiano del fotovoltaico? Quanto è importante la gestione degli asset? Cosa vuol dire fare gestione degli asset e chi la fa oggi in Italia? www.energystrategy.it

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 ORNELLA MALANDRINO DANIELA SICA ASSEGNISTA DI RICERCA IN SCIENZE MERCEOLOGICHE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 93 IL CONTRIBUTO DEI CERTIFICATI BIANCHI AL MIGLIORAMENTO DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA STEFANIA SUPINO PROFESSORE ASSOCIATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORNELLA

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO

REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO REGOLE TECNICHE PER L ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI RELATIVE ALL INTEGRAZIONE DI SISTEMI DI ACCUMULO DI ENERGIA ELETTRICA NEL SISTEMA ELETTRICO NAZIONALE ai sensi della deliberazione 574/2014/R/EEL Roma,

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006;

Vista la deliberazione preliminare del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 27 ottobre 2006; Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 (Gu 6 marzo 2007 n. 54) Attuazione della direttiva 2004/8/Ce sulla promozione della cogenerazione basata su una domanda di calore utile nel mercato interno dell'energia,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 31 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l'energia elettrica, il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Mercati Elettrici all'ingrosso Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 587/2013/R/eel

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI IL MONOPOLIO NATURALE E LA GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI SOMMARIO 1. COS E IL MONOPOLIO NATURALE 2. LE DIVERSE OPZIONI DI GESTIONE a) gestione diretta b) regolamentazione c) gara d appalto 3. I

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese

I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Una pubblicazione realizzata da FIRE per l efficienza energetica nelle imprese e negli enti I certificati bianchi: Uno strumento di competitività per le imprese Realizzazione e disclaimer La presente guida

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE

STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE RELAZIONE 277/2014/I/EFR STATO DI UTILIZZO E INTEGRAZIONE DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Relazione sullo stato dei servizi 12 giugno 2014 1 1. QUADRO

Dettagli

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e

dello Svilupp Il Ministro concerto con di energia attuazione attuazione; successive dell'energia per di criteri e Il Ministro dello Svilupp po Economico di concerto con IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACQUISITO il concerto del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

Dettagli

Efficienza Capitale 1

Efficienza Capitale 1 Efficienza Capitale 1 Efficienza energetica, abbattimento Co2, risparmio e investimenti, controllo social PREMESSA Gli edifici pubblici devono essere i luoghi dove curare il nostro presente. Le scuole

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

NOTA METODOLOGICA L ENEA ha commissionato la presente guida operativa alla FIRE nel corso dell anno 2013.

NOTA METODOLOGICA L ENEA ha commissionato la presente guida operativa alla FIRE nel corso dell anno 2013. NOTA METODOLOGICA L ENEA ha commissionato la presente guida operativa alla FIRE nel corso dell anno 2013. Informazioni e dati contenuti nella presente guida operativa possono essere liberamente riprodotti

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento

Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Strategia Energetica Nazionale. Qualche commento Alessandro Clerici Chairman Study Group World Energy Resources and Technologies del WEC Internazionale Il documento MISE, emesso a fine ottobre 2012 per

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

RAPPORTO SULL ENERGIA

RAPPORTO SULL ENERGIA RAPPORTO SULL ENERGIA 2010 RAPPORTO SULL ENERGIA Novembre 2010 Assessorato provinciale all Ambiente Assessore: Roberto Ronco Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria, Direttore: Francesco Pavone Testi

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006

L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 L 114/64 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 27.4.2006 DIRETTIVA 2006/32/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli