INDICE. PRESENTAZIONE, p. 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE. PRESENTAZIONE, p. 2"

Transcript

1 INDICE PRESENTAZIONE, p. 2 SILVIO D'ARZO, p. 3 L'ISTITUTO, p. 5 LA STORIA, p. 5 GLI AMBIENTI, p. 6 LA SCUOLA LUOGO DI FORMAZIONE, p. 6 AZIONI DIDATTICO FORMATIVE, p. 7 FINALITA', p. 7 OBIETTIVI, p. 7 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE, p. 7 DIDATTICA E VALUTAZIONE, p. 8 AZIONI ORGANIZZATIVE E ISTITUZIONALI, p. 10 COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE, p. 10 VALORIZZAZIONE DI SPAZI E STRUMENTI, p. 10 FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE, p. 10 VALUTAZIONE D'ISTITUTO, p. 10 SICUREZZA, p. 11 ISTITUTI TECNICI,p. 12 PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO E PROFESSIONALE, p. 13 ISTITUTO TECNICO : SETTORE ECONOMICO, p. 14 INDIRIZZO : AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING, p. 14 ORARIO : AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING, p. 16 ISTITUTO TECNICO : SETTORE TECNOLOGICO, p. 17 INDIRIZZO : MECCANICA E MECCATRONICA, p.18 ORARIO : MECCANICA E MECCATRONICA, p. 19 INDIRIZZO : INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONE, p. 21 ORARIO : INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONE, p. 22 INDIRIZZO: GRAFICA E COMUNICAZIONE, p. xx ORARIO : GRAFICA E COMUNICAZIONE, p. XX INDIRIZZO : ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA, p.23 LICEO SCIENTIFICO, p. 24 LICEO SCENTIFICO (INTRODUZIONE), p. 25 ORARIO : LICEO SCIENTIFICO, p. 28 ORARIO : POTENZIAMENTO SCIENTIFICO-TECNOLOGICO, p. 28 ORARIO : POTENZIAMENTO LINGUISTICO, p. 28 ISTITUTO PROFESSIONALE, p. 29 PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO E PROFESSIONALE, Pxx INDIRIZZO : MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA, p. 30 ORARIO : MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA, p. 32 ORARIO : TRIENNIO IeFP, P.xx INDIRIZZO: PRODUZIONI INDUSTRIE GRAFICHE, P. xx ORARIO: PRODUZIONI INDUSTRIE GRAFICHE, P.xx ORARIO: TRIENNIO IeFP, P.xx ATTIVITA DI ACCOMPAGNAMENTO AL PERCORSO FORMATIVO p. XX RAPPORTO SCUOLA-FAMIGLIE p. XX ATTIVITA DI RECUPERO, p. 37 INIZIATIVE DI PREVENZIONE DEL DISAGIO E DI SOSTEGNO ALLA PERSONA, p. 39 LA SCUOLA E IL TERRITORIO, p. 41 AZIENDE DEL TERRITORIO, p. 41 ENTI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE, p. 42 UNIVERSITA, p. 42 SCUOLE MEDIE E ALTRI ISTITUTI SUPERIORI, p. 43 ENTI LOCALI, p. 43 ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO, p. 43 QUALIFICAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA, p.44 PROGETTO ASSI CULTURALI, p.45 AREA UMANISTICA, p. 46 PROGETTI TEATRO, p.46 PROGETTO QUOTIDIANO IN CLASSE, p. 46 PROGETTO LABORATORIO DI STORIA, p. 46 PROGETTO MUSAC, p. 47 CONCORSO LETTERARIO, p. 47 AREA LINGUISTICA, p. 48 LINGUA INGLESE, p. 48 STAGE LINGUISTICO IN IRLANDA RIVOLTO ALLE ECCELLENZE, p. 48 LABORATORIO TEATRALE IN LINGUA INGLESE, p. 48 LINGUA SPAGNOLA, p. 48 STAGE LINGUISTICO IN SPAGNA, p. 48 PROGETTI SCIENTIFICI E TECNOLOGICI, p. 49 MATE.CON, p. 49 GIOCHI MATEMATICI, p.49 CORDA, p.49 DAL SAPERE AL FARE, p. 50 ECDL, p.50 PROGETTO TESINE DI MECCATRONICA, p.50 CENTRALE D ALLARME E TVCC, p. 51 TESINE DI ELETTRONICA, p. 51 SIMULIMPRESA, p. 51 DUE GENERAZIONI INSIEME DAVANTI AL COMPUTER, p. 51 PROGETTI DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE, p. 52 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA, p. 52 PEER EDUCATION, p. 52 PIU PREVENZIONE... MENO DISAGIO, p. 52 UNA SCUOLA LIBERA DAL FUMO, p. 53 LA METAFORA DEL CIBO, p. 53 SCUOLA E VOLONTARIATO E GINS, p.53 A SCUOLA, IN STRADA. LUOGHI E PERCORSI DI PREVENZIONE, p. 54 AVIS, p. 54 SOSTEGNO ALLE CLASSI, p. 54 RIORIENTAMENTO, p.54 SOSPESI PER GLI ALTRI... E PER SE STESSI, p.55 ACCOGLIENZA, p. 55 PROGETTI NOS, p. 55 FLESSIBILITA DI CLASSE IPSIA, p. 56 ATTIVITA SPORTIVA, p. 56 PROGETTO ATTIVITA SPORTIVA, p. 56 ATTIVITA ORIENTAMENTO, p. 57 ORIENTAMENTO, p. 57 STAGES, p. 58 PROGETTI PER L INCLUSIONE SOCIALE, p. 58 PROGETTO AUTONOMIA (UN PERCORSO DI CRESCITA), p. 58 PROGETTO I-CARE, p. 58 PROGETTO PRIMI PASSI VERSO L INCLUSIONE SOCIALE, p. 59 PROGETTO TUTOR, p.59 PROGETTO DISLESSIA, p. 59 ISTRUZIONI DOMICILIARI, p. 59 AREA STRANIERI, p. 60 PROGETTO NOS RAGAZZI STRANIERI, p. 60 UN AIUTO ALLE SCUOLE PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI, p. 60

2 PRESENTAZIONE Per lo studente e la propria famiglia, la scelta di un istituto secondario superiore, anche per il periodo di transizione e di incertezza che sta attraversando la scuola, è sicuramente un momento di difficile decisione, nel quale occorre operare una sintesi fra non poche variabili: le capacità che si posseggono, l'impegno che si è disposti a investire in questa non facile impresa, la distanza casa-scuola con relativi costi del servizio pubblico, l'orientamento e le indicazioni della scuola media di provenienza, le scelte operate da amici e compagni, quello che si pensa di "fare da grandi" ed altro ancora. Il Piano dell'offerta Formativa (P.O.F.) rappresenta per studenti e famiglie una sorta di mappa orientativa, lo strumento in grado di aiutarli a conoscere le specificità dell'istituzione scolastica, ciò che essa intende fare e quali risposte è in grado di fornire ad una società complessa e in continuo cambiamento come la nostra. Esso è infatti il documento fondamentale della scuola e illustra la proposta educativo-didattico-formativa da sviluppare nel corso del corrente anno scolastico. Il contenuto di tale documento è frutto del lavoro di coordinamento ed organizzazione delle proposte avanzate dalle varie componenti scolastiche e delle idee progettuali scaturite nei rapporti con gli enti e le organizzazioni presenti sul territorio. P.O.F. 2013/2014 In sintesi, Il Piano dell'offerta Formativa definisce: le discipline, i quadri orario settimanali e i profili culturali, educativi e professionali per i diversi indirizzi di studio dell' Istituto finalità, obiettivi formativi e metodologie didattiche adottate le attività di qualificazione dei processi formativi le svariate possibilità di opzione offerte agli studenti le azioni di continuità, orientamento, sostegno e recupero le iniziative di sostegno alla persona. Il Dirigente Scolastico Prof. Athos Nobili Il Responsabile del P.O.F. Prof. Fabrizio Azzali Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 2 di 84

3 Niente al mondo è più bello che scrivere. Anche male. Anche in modo da far ridere la gente. L'unica cosa che so fare è questa. Silvio D Arzo SILVIO D'ARZO Nato nel 1920, Silvio D'Arzo, all'anagrafe Ezio Comparoni, nasce figlio di Rosalinda Comparoni, originaria di Cerreto Alpi, e di padre ignoto. L'assenza paterna, vissuta dallo scrittore come una macchia originaria ineliminabile, intensifica il legame, che fin da subito si connota come simbiotico ed esclusivo, con la madre. Rosalinda Comparoni (di cui è felice trasposizione letteraria la Zelinda di Casa d'altri), sebbene sia una povera e umile donna del popolo che si barcamena con lavori saltuari per sbarcare il lunario, è, però, capace di intuire le straordinarie doti del figlio che si qualifica subito come genio precoce conseguendo la maturità classica da privatista a soli sedici anni e laureandosi poi a ventuno all'università di Bologna con una tesi in glottologia su tre varietà del dialetto reggiano. La scelta di laurearsi con una tesi riguardante Reggio Emilia testimonia il profondo legame che l autore ha sempre avuto con la sua città natale, evidente non solo nei riferimenti paesaggistici, nelle usanze e nei proverbi della tradizione reggiana che compaiono in tutti i suoi racconti, ma anche nella scelta dello pseudonimo D'Arzo (utilizzato nel 1942 per l'unica sua opera pubblicata in vita, All'insegna del Buon Corsiero) con cui, attraverso un'originale etimologia, vuol rendere omaggio alle sue radici: D'Arzo, infatti, come spiega lui stesso ad un amico, è sostantivazione geografica e in lingua di arzàn che nel nostro dialetto significa appunto reggiano/ di Reggio. Il profondo vincolo che lo lega alla sua città, ma che a tratti si muta in profonda insofferenza per il clima chiuso della vita provinciale, rende lo scrittore restio ad abbandonarla e, se se ne allontana, è solo perché costretto. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 3 di 84

4 La sua attività principale è l'insegnamento; il suo campo di interesse è la letteratura, in cui i classici vengono dialetticamente messi confronto con i moderni (soprattutto inglesi e americani); solo nei ritagli di tempo si dedica a quella che è la sua vera passione: la scrittura. Anche se D'Arzo muore giovanissimo nel 1952, all'età di soli trentadue anni, la sua produzione appare abbastanza ampia ed eterogenea. Si va dai saggi critici, che si presentano come essays di taglio anglosassone, in cui emergono appunto l'amore e la conoscenza profonda della letteratura anglo-americana, raccolti sotto il titolo ideato dallo scrittore stesso di Contea inglese; all'attività poetica; alla narrativa per ragazzi, tra cui ricordiamo Penny Wirton e sua madre, Il pinguino senza frac e Tobby in prigione; ai racconti brevi, tra cui spiccano Due vecchi e Alla giornata; ai romanzi, infine, All'insegna del Buon Corsiero e, soprattutto, Casa d'altri che la critica unanime riconosce come il suo capolavoro e che Montale ebbe a definire: Un racconto perfetto. Il nostro Istituto nasce nel 1982 e, già a partire dalla scelta del nome, manifesta l'intenzione di rendere omaggio, nel trentesimo anniversario dalla sua scomparsa, a Silvio D'Arzo. Nella consapevolezza che la scelta di intitolarsi ad un autore così complesso e significativo comporti anche la grande responsabilità di divulgarne l'opera e la memoria, fin dagli inizi l'istituto D'Arzo si è fatto promotore di numerose iniziative a riguardo. Innanzitutto, L Aula Magna dell Istituto ospita una mostra permanente di opere d'arte in cui alcuni tra i maggiori artisti contemporanei si sono confrontati con temi e personaggi darziani, dando vita ad un dialogo tra testo e dipinto o scultura che restituisce e rinnova le suggestioni e i temi della poetica dello scrittore. Questa esposizione, sempre accessibile alla comunità scolastica (allievi, docenti, famiglie) e a quella extrascolastica, testimonia il proficuo rapporto tra arte, scuola e territorio per cui l'istituto ha mostrato, fin dal suo costituirsi, costante e vivissima attenzione. L Istituto, poi, nel corso degli anni ha onorato gli anniversari della nascita e della morte dello scrittore con incontri e manifestazioni a cui hanno partecipato alcuni tra i maggiori esponenti della critica contemporanea. L'ultimo convegno, svoltosi nel 2002, per il cinquantesimo della morte dello scrittore, ha visto una pluralità di partecipazioni attive ed eventi significativi. Nella convinzione, poi, che Silvio D'Arzo non possa essere ricordato solo ad intervalli canonici, la scuola ha avviato nel 2008 una collana di pubblicazioni di vario genere, i Quaderni darziani, tra cui ricordiamo, in particolare, il volume intitolato Silvio D'Arzo, lo straniero, che costituisce un nuovo e originale approccio ermeneutico all'opera dell'autore reggiano. Legate, infine, ai Quaderni, sono le Serate darziane, che si svolgono ogni anno nei locali dell'istituto, le quali, oltre a rendere omaggio alla figura e alle opere dello scrittore, con interventi esterni allargano il campo d'indagine anche alle discipline scientifiche, a sottolineare la volontà di approfondimento e di dialogo di una cultura a tutto campo. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 4 di 84

5 L ISTITUTO LA STORIA L'Istituto Silvio D'Arzo, che ha acquisito autonomia nel settembre 1982, ha sede nel Comune di Montecchio E. (RE). Nato come Istituto Tecnico Commerciale, è stato oggetto, in seguito, di notevoli trasformazioni caratterizzate dall 'istituzione degli indirizzi di studio ITI, IGEA, LICEO SCIENTIFICO e IPSIA in sintonia con le richieste del territorio. A partire dall anno scolastico , il D Arzo assume la definitiva funzione di scuola-polo del distretto della Val d Enza anche grazie agli indirizzi di studio presenti nella sede di Sant Ilario d Enza. Con la recente riforma della scuola secondaria superiore, a partire dall anno , l attuale offerta formativa si articola in: Sede di Montecchio ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO (Amministrazione, Finanza e Marketing) ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO (Meccanico - Meccatronico; Informatico Telecomunicazioni; Elettronica Telecomunicazioni*) LICEO SCIENTIFICO ISTITUTO PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO (Manutenzione ed Assistenza tecnica) Sede di Sant Ilario ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO (Grafica e Comunicazione) ISTITUTO PROFESSIONALE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO (Produzioni industrie grafiche) Posto al centro della Val d Enza e al confine delle province di Reggio Emilia e Parma, l Istituto è facilmente raggiungibile dalle località del territorio circostante. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 5 di 84

6 *vecchio ordinamento GLI AMBIENTI : Sede di Montecchio Situato in un ampia zona verde, con attigui impianti sportivi, il plesso recentemente ampliato ospita 39 aule didattiche e numerosi spazi dedicati: LABORATORIO DI FISICA AULA DI DISEGNO LABORATORIO DI CHIMICA N. 3 ATELIER N. 3 LABORATORI DI INFORMATICA AULA POLIVALENTE LABORATORIO DI TECNOLOGIE MECCANICHE AULA MAGNA LABORATORIO DI SISTEMI MECCANICI BIBLIOTECA LABORATORIO DI ELETTROTECNICA QUADRERIA DARZIANA LABORATORIO DI ELETTRONICA E MISURE ELETTRICHE PALESTRA LABORATORIO CONTROLLO NUMERICO CAMPO DA CALCIO LABORATORIO DI TELECOMUNICAZIONI ANELLO DI ATLETICA LABORATORIO LINGUISTICO LABORATORIO VERDE GLI AMBIENTI : Sede di Sant Ilario Situato in zona verde e comodamente raggiungibile dai mezzi pubblici, il plesso ospita 12 aule didattiche e i seguenti spazi dedicati: N. 2 LABORATORI DI GRAFICA COMPUTERIZZATA DOTATE DI COMPUTER GRAFICI I MAC LABORATORIO DI STAMPA LABORATORIO TRADIZIONALE DI PRE-STAMPA LA SCUOLA LUOGO DI FORMAZIONE La scuola si propone per definizione come luogo di formazione e sperimentazione che, facendo proprie le finalità istituzionali, le rapporta e le adegua alle esigenze di una realtà territoriale complessa in continuo sviluppo e alle specificità del contesto in cui si trova. A tal fine, essa opera per la valorizzazione del ruolo delle famiglie, l'ampliamento dell'offerta formativa, il collegamento con l'università ed altri Enti di formazione, la continuità con la scuola dell obbligo, la collaborazione con le realtà economiche, sociali e culturali del territorio. In questo quadro, l'istituto Silvio D Arzo intende operare per sviluppare la formazione degli studenti come individui-cittadini, organizzando un ambiente di apprendimento in cui gli alunni siano co-produttori del loro processo di formazione e possano imparare a star bene con se stessi e con gli altri, nel rispetto delle norme che l'istituto collegialmente riconosce. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 6 di 84

7 Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 7 di 84

8 PROFILO CULTURALE, EDUCATIVO E PROFESSIONALE L identità degli istituti tecnici è connotata da una solida base culturale a carattere scientifico -tecnologico in linea con le indicazioni dell Unione europea. L area di istruzione generale ha l obiettivo di fornire ai giovani la preparazione di base, acquisita attraverso il rafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali che caratterizzano l obbligo di istruzione: - asse dei linguaggi - asse matematico - asse scientifico - asse storico-sociale Le aree di indirizzo hanno l obiettivo di far acquisire agli studenti sia conoscenze teoriche e applicative spendibili in vari contesti di vita, di studio e di lavoro sia abilità cognitive idonee per risolvere problemi, sapersi gestire autonomamente in ambiti caratterizzati da innovazioni continue e assumere progressivamente responsabilità. Gli aspetti tecnologici e tecnici sono presenti fin dal primo biennio ove, attraverso l apprendimento dei saperi-chiave, acquisiti soprattutto attraverso l attività di laboratorio, esplicano una funzione orientativa. Nel secondo biennio, le discipline di indirizzo assumono connotazioni specifiche in una dimensione politecnica, con l obiettivo di far raggiungere agli studenti, nel quinto anno, una adeguata competenza professionale di settore. Le metodologie sono finalizzate a: - valorizzare il metodo scientifico e il pensiero operativo - analizzare e risolvere problemi - educare al lavoro di gruppo - orientare a gestire processi in contesti organizzati Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 8 di 84

9 Le metodologie educano, inoltre, all uso di modelli di simulazione e di linguaggi specifici, strumenti essenziali per far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento attesi a conclusione del quinquennio. Tali metodologie richiedono un sistematico ricorso alla didattica di laboratorio, in modo rispondente agli obiettivi, ai contenuti dell apprendimento e alle esigenze degli studenti, per consentire loro di cogliere concretamente l interdipendenza tra scienza, tecnologia e dimensione operativa della conoscenza. I risultati di apprendimento attesi a conclusione del percorso quinquennale consentono agli studenti di inserirsi direttamente nel mondo del lavoro, di accedere all università, al sistema dell istruzione e formazione tecnica superiore, nonché ai percorsi di studio e di lavoro previsti per l accesso agli Albi delle professioni tecniche secondo le norme vigenti in materia. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 9 di 84

10 ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il profilo di tale indirizzo si caratterizza per la cultura tecnico-economica riferita ad ampie aree: l economia, l amministrazione delle imprese, la finanza, il marketing e l economia sociale. A conclusione del percorso formativo lo studente in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilista e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. In particolare è in grado di: 1. Riconoscere e interpretare le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali per coglierne le ripercussioni in un contesto locale 2. Intervenire nei sistemi aziendali con riferimento a previsione, organizzazione, conduzione e controllo di gestione 3. Orientarsi nella normativa pubblicistica, civilistica e fiscale 4. Redigere ed interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali 5. Gestire adempimenti di natura fiscale 6. Collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda 7. Individuare le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 10 di 84

11 8. Gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata 9. Utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministrazione finanza e marketing 10. Inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda e realizzare applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. L istituto D Arzo integra l offerta formativa con: potenziamento delle abilità comunicative in lingua straniera grazie all utilizzo di docenti di madrelingua corsi opzionali di lingua spagnola corsi opzionali in preparazione al conseguimento di certificazioni esterne di lingua inglese stages linguistici all estero corsi opzionali in preparazione al conseguimento della patente europea del computer stages presso banche, aziende e/o enti del territorio a cui possono accedere gli studenti delle classi terze e quarte.tali esperienze assumono grande rilevanza formativa e costituiscono momenti di forte integrazione con il mondo del lavoro. Il diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing è in grado di svolgere attività di contabilità, consulenza, amministrazione e marketing presso aziende private, nei settori bancario, assicurativo e nel settore pubblico. Allo stesso modo il diploma conseguito permette inoltre di accedere a tutte le facoltà universitarie e alla formazione tecnica superiore. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 11 di 84

12 QUADRO ORARIO INDIRIZZO : AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING 1^ anno 2^ anno 3^ anno 4^ anno 5^ anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Storia Matematica Diritto ed economia Scienze della terra Scienze biologiche Fisica Chimica Geografia Informatica Lingua Francese Economia aziendale Diritto Economia politica Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternativa Totale ore Nell ambito della vigente Riforma scolastica, i presenti quadri orari sono relativi alle classi prime, seconde, terze e quarte dell anno scolastico Per il quadro orario delle classi quinte dell anno scolastico , consultare l allegato. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 12 di 84

13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO Il corso di studi degli Istituti tecnologici è creato per rispondere alle sfide che la continua innovazione tecnologica propone e per far fronte alla crescente richiesta di figure professionali che posseggano spiccate caratteristiche interdisciplinari negli ambiti della meccanica, dell elettronica, della meccatronica, dell informatica e nell ambito della grafica e comunicazione. Al triennio di specializzazione si accede dopo il biennio propedeutico. L attività didattica e formativa prevede lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche nei vari laboratori. Il curriculum è completato e arricchito da attività e progetti interni tra cui: stages presso aziende del territorio a cui possono accedere gli studenti delle classi terze e quarte. Tali esperienze assumono grande rilevanza formativa e costituiscono momenti di forte integrazione con il mondo del lavoro potenziamento delle abilità comunicative in lingua straniera grazie all utilizzo di docenti di madrelingua corsi opzionali di lingua spagnola corsi opzionali in preparazione al conseguimento di certificazioni esterne di lingua inglese stages linguistici all estero corsi opzionali in preparazione al conseguimento della patente europea del computer. Al termine del corso di studi, il perito possiede una preparazione pienamente spendibile nel mondo del lavoro. Il titolo conferisce inoltre la possibilità di proseguire gli studi in ambito universitario e nell Istruzione Tecnica Superiore. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 13 di 84

14 INDIRIZZO MECCANICA E MECCATRONICA Il Perito in Meccanica e Meccatronica ha competenze specifiche nel campo dei materiali, nella loro scelta, nei loro trattamenti e lavorazioni. Integra le conoscenze di meccanica, di elettronica, elettrotecnica e dei sistemi informatici con le nozioni di base di fisica e chimica, economia e organizzazione. In particolare: esprime le proprie competenze nella progettazione, costruzione e collaudo dei dispositivi e dei prodotti e nella realizzazione dei processi produttivi opera nella manutenzione preventiva e ordinaria e nell'esercizio di sistemi meccanici ed elettromeccanici, è in grado di dimensionare, installare e gestire semplici impianti industriali ha competenze sulle macchine e sui dispositivi utilizzati nelle industrie manifatturiere, agrarie, dei trasporti e dei servizi nei diversi contesti economici interviene nell'automazione industriale e nel controllo e conduzione dei processi elaborando cicli di lavorazione, analizzandone e valutandone i costi è in grado di operare autonomamente ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale è in grado di pianificare la produzione e la certificazione dei sistemi progettati, descrivendo, documentando e valutando il lavoro svolto e i risultati conseguiti, redigendo manuali d'uso conosce e utilizza strumenti di comunicazione efficace per operare in contesti organizzati possiede una buona conoscenza dell'inglese tecnico specifico del settore. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 14 di 84

15 1^ anno 2^ anno 3^ anno 4^ anno 5^ anno P.O.F. 2013/2014 QUADRO ORARIO INDIRIZZO : MECCANICO MECCATRONICO Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Scienze integrate (Scienza della Terra e 2 2 Biologia) Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze integrate (Fisica) 3 (1) 3 (1) Scienze integrate (Chimica) 3 (1) 3 (1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione 3 (1) 3 (1) grafica Tecnologie informatiche 3 (2) Scienze e tecnologie applicate 3 Complementi di matematica 1 1 Meccanica, macchine ed energia Sistemi e automazione Tecnologie meccaniche di processo e prodotto Disegno, progettazione e organizzazione industriale Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o att. alternativa Totale ore Totale ore compresenza Le ore indicate tra parentesi si intendono di compresenza. Nell ambito della vigente Riforma scolastica, i presenti quadri orari sono relativi alle classi prime, seconde, terze e quarte dell anno scolastico Per il quadro orario delle classi quinte dell anno scolastico , consultare l allegato. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 15 di 84

16 INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Il Perito in Informatica e Telecomunicazioni ha competenze specifiche nel campo dei sistemi informatici, dell'elaborazione dell'informazione, delle applicazioni e tecnologie Web, delle reti e degli apparati di comunicazione. In particolare: ha competenze e conoscenze che si rivolgono all'analisi, progettazione, installazione e gestione di sistemi informatici, basi di dati, reti di sistemi di elaborazione, sistemi multimediali e apparati di trasmissione dei segnali esprime le proprie competenze nella gestione di progetti concernenti la sicurezza in tutte le sue accezioni e la protezione delle informazioni ( privacy ) è in grado di esprimere le proprie competenze ai fini della sicurezza sul lavoro e della tutela ambientale e di intervenire nel miglioramento della qualità dei prodotti e nell'organizzazione produttiva delle imprese è in grado di contribuire alla pianificazione delle attività di produzione dei sistemi sa operare razionalmente in contesti di lavoro caratterizzati prevalentemente da una gestione in team possiede una buona conoscenza dell'inglese tecnico specifico del settore; utilizza e redige manuali d'uso. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 16 di 84

17 1^ anno 2^ anno 3^ anno 4^ anno 5^ anno P.O.F. 2013/2014 QUADRO ORARIO INDIRIZZO : INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Scienze integrate (Scienza della Terra e Biologia) 2 2 Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze integrate (Fisica) 3 (1) 3 (1) Scienze integrate (Chimica) 3 (1) 3 (1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 3 (1) 3 (1) Tecnologie informatiche 3 (2) Scienze e tecnologie applicate 3 Complementi di matematica 1 1 Informatica Sistemi e reti Telecomunicazioni 3 3 Gestione progetto, organizzazione di impresa 3 Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o att. alternativa Totale ore Totale ore compresenza Le ore indicate tra parentesi si intendono di compresenza. Nell ambito della vigente Riforma scolastica, i presenti quadri orari sono relativi alle classi prime, seconde, terze e quarte dell anno scolastico Per il quadro orario delle classi quinte dell anno scolastico , consultare l allegato. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 17 di 84

18 INDIRIZZO GRAFICA E COMUNICAZIONE (Sede di Sant Ilario) Il corso di studi viene svolto presso la sede coordinata di Sant Ilario e sviluppa le competenze volte ad interpretare, progettare e realizzare un prodotto grafico tenendo conto degli aspetti economici e qualitativi, delle funzioni tecniche e dell efficacia comunicativa. Durante il corso di studi l allievo acquisisce una visione globale del ciclo di lavoro del prodotto grafico e buone conoscenze a riguardo delle principali e più innovative tecniche operative. Ha inoltre competenze specifiche nel campo della comunicazione interpersonale e di massa, con particolare riferimento all uso delle tecnologie per produrla. Il Diplomato in Grafica e Comunicazione interviene nei processi produttivi che caratterizzano il settore della grafica, dell editoria, della stampa e i servizi ad esso collegati, curando la progettazione e la pianificazione dell intero ciclo di lavorazione dei prodotti. In particolare: progetta e realizza prodotti di comunicazione fruibili attraverso differenti canali, scegliendo strumenti e materiali in relazione ai contesti d uso e alle tecniche di produzione. utilizza pacchetti informatici dedicati. progetta e gestisce la comunicazione grafica e multimediale attraverso l uso di diversi supporti. programma ed esegue le operazioni inerenti le diverse fasi dei processi produttivi. realizza prodotti multimediali. progetta, realizza e pubblica contenuti per il web. analizza le esigenze del mercato dei settori di riferimento. possiede una buona conoscenza dell inglese tecnico del settore Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 18 di 84

19 1^ anno 2^ anno 3^ anno 4^ anno 5^ anno P.O.F. 2013/2014 QUADRO ORARIO INDIRIZZO : GRAFICA E COMUNICAZIONE Lingua e letteratura italiana Storia Lingua inglese Scienze integrate (Scienza della Terra e Biologia) 2 2 Matematica Diritto ed Economia 2 2 Scienze integrate (Fisica) 3 (1) 3 (1) Scienze integrate (Chimica) 3 (1) 3 (1) Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica 3 (1) 3 (1) Tecnologie informatiche 3 (2) Scienze e tecnologie applicate 3 Complementi di matematica 1 1 Progettazione multimediale Tecnologie dei processi di produzione Teoria della comunicazione 2 3 Organizzazione e gestione dei processi produttivi 4 Laboratori tecnologici ed esercitazioni Scienze motorie e sportive Religione Cattolica o att. alternativa Totale ore Totale ore compresenza Le ore indicate tra parentesi si intendono di compresenza. Nell ambito della vigente Riforma scolastica, i presenti quadri orari sono relativi alle classi prime, seconde, terze e quarte dell anno scolastico Per il quadro orario delle classi quinte dell anno scolastico , consultare l allegato. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 19 di 84

20 INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA La specializzazione di Elettronica e Telecomunicazioni approfondisce gli aspetti legati all automazione e al controllo industriale da una parte, e alla comunicazione dati dall altra, riferita ad applicazioni quali, ad esempio, le reti dati, la telefonia cellulare, Internet e la office automation. Il corso di studi è finalizzato a far sì che l allievo acquisisca buone conoscenze in entrambi i settori, integrate da competenze hardware (uso della componentistica, progettazione di schede, impiego della strumentazione) e conoscenze software (programmazione, utilizzo dei pacchetti applicativi di uso comune nonché di CAD di progettazione e simulazione). In considerazione delle caratteristiche della realtà produttiva della Val D Enza, in cui sono presenti numerose aziende ad elevato livello di automazione, particolare importanza viene attribuita dal nostro Istituto alla conoscenza, da parte del Perito industriale per l Elettronica e le Telecomunicazioni, dei sistemi di controllo basati sui dispositivi a logica programmabile (PLC, microprocessori). A partire dall anno scolastico l indirizzo di studio sarà presente solo con la classe quinta. Per il relativo quadro orario, consultare l allegato. Istituto superiore SILVIO D ARZO montecchio emilia pagina 20 di 84

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f.

COMPETENZE IN USCITA DAI NUOVI ISTITUTI TECNICI RACCOLTA DELLE RUBRICHE DI COMPETENZA formulate secondo i livelli e.q.f. AG RO AM BI EN TA LE ANI CA CC ME ELETT ROTEC NICA ELETT RONIC A LE IENDA Z A O MIC ECONO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO UFFICIO SCOLASTICO

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli