Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione"

Transcript

1 absolutgroup.it O 12 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione Provincia di Bologna Servizio Industria, Artigianato e Commercio Ufficio di Coordinamento SUAP Via Benedetto XIV, Bologna Tel Fax Sito web: Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda edizione Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

2 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione

3 O 12

4 Vademecum delle Attività Imprenditoriali Seconda Edizione

5 Elaborazione del volume a cura di Ufficio Semplicazione Amministrativa e Coordinamento Suap Provincia di Bologna Caterina Benni, Cristina Longano Pubblicazione realizzata con il contributo di Progetto grafico e impaginazione: Absolut eventi&comunicazione Vedemecum Suap - Seconda edizione finito di stampare dicembre 2009

6 INDICE Presentazione 7 Introduzione 9 Il Suap come strumento di innovazione dei rapporti tra amministrazione e utenti 11 La semplificazione amministrativa e Suap Lo Sportello Unico e il sistema delle competenze I profili organizzativi I profili funzionali Un quadro in evoluzione: il nuovo regolamento Suap Comunicazione Unica 14 Attività Economiche 17 Agricoltura 19 Agriturismo 20 Allevamenti della fauna selvatica 24 Fattorie didattiche 26 Vendita diretta di prodotti ricavati dalla propria azienda (produttori agricoli) 28 Autotrasporto pubblico non di linea 31 Noleggio veicoli con conducente 32 Noleggio veicoli senza conducente 36 Rimessa di veicoli 38 Taxi 40 Commercio 45 Centri di telefonia 46 Commercio elettronico 50 Commercio su aree pubbliche in forma itinerante 52 Commercio su aree pubbliche con posteggio 55 Erboristerie 58 Esercizi commerciali in sede fissa (esercizi di vicinato, medie e grandi strutture di vendita) 60 Vendita al domicilio del consumatore 73 Vendita per corrispondenza, televisione o altri sistemi di comunicazione 75 Vendita per mezzo di apparecchi automatici 77 Vendita in spacci interni 79 Esercizio di somministrazione di alimenti e bevande 81 Pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande 82 Somministrazione in circoli privati 87 Somministrazione annessa ad altra struttura principale (mense, impianti sportivi, discoteche, locali di intrattenimento, ecc.) 89

7 Giornali e riviste, tabaccherie 93 Giornali e riviste 94 Tabaccheria 97 Impianti stradali di distribuzione carburante 101 Distributori di carburante 102 Laboratorio di produzione alimentare 107 Laboratorio e/o deposito di alimenti 108 Molini 110 Panificio 113 Locali di pubblico spettacolo e intrattenimento 117 Cinema 118 Impianti sportivi 122 Pubblici spettacoli 126 Servizi alla persona 131 Acconciatore, barbiere 132 Agenzie pratiche auto 135 Autoriparatore 137 Autoscuole 141 Estetisti 143 Facchini 146 Imprese di pulizia 149 Imprese funebri 152 Lavanderie, lavaggio a secco, tintorie 155 Officine 158 Orafi 161 Palestra 164 Scuole dell infanzia non paritarie 166 Scuole dell infanzia paritarie 169 Scuole private straniere 173 Servizi all infanzia: nidi dell infanzia 177 Servizi all infanzia: servizi integrativi 179 Servizi all infanzia: servizi sperimentali 181 Servizi all infanzia: servizi ricreativi 183 Strutture sanitarie 185 Tatuatori e piercing 191 Sicurezza 195 Agenzia d affari 196 Ascensori, montacarichi e piattaforme elevatrici per disabili 198 Fuochi d artificio (fochino e pirotecnico) 201 Gas tossici 205 Manifestazioni di sorte locali 207 Spettacoli viaggianti - temporanei 209

8 Telefonia mobile e emittenza radio e televisiva 213 Impianti fissi per la telefonia mobile - impianti dvb-h 214 Impianti mobili per la telefonia mobile 217 Trasporti 219 Trasporto cose in conto proprio 220 Trasporto cose in conto terzi 223 Scuole Nautiche 228 Turismo 231 Affittacamere 232 Agenzia di viaggi 235 Appartamenti ammobiliati per uso turistico in forma non imprenditoriale 238 Bed and breakfast 241 Case e appartamenti per vacanze 244 Strutture ricettive alberghiere e residenze turistico alberghiere 247 Strutture ricettive all aria aperta 251 Strutture ricettive extralberghiere 255 Tutela del benessere animale 259 Tutela del benessere animale 260 Endo Procedimenti 263 Ambiente 265 Autorizzazioni degli impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti di energia rinnovabili 266 Autorizzazione integrata ambientale 273 Autorizzazione alle emissioni in atmosfera 277 Autorizzazione allo spandimento sul suolo dei liquami provenienti da insediamenti zootecnici 282 Autorizzazione allo scarico di pubbliche fognature in acque reflue superficiali 284 Autorizzazione alla realizzazione o installazione nonché gestione di un impianto di ricerca e di sperimentazione per lo smaltimento e/o recupero dei rifiuti 288 Autorizzazione di impianti mobili di smaltimento e recupero dei rifiuti 292 Comunicazione delle campagne di attività di impianti mobili di smaltimento e recupero dei rifiuti 296 Autorizzazione unica per i nuovi impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti e per varianti in corso d opera o di esercizio 299 Iscrizione al registro provinciale delle imprese che effettuano il recupero dei rifiuti 303 Rilascio e rinnovo di autorizzazione allo scarico di insediamenti produttivi in acque superficiali o sul suolo 305 Rilascio e rinnovo di autorizzazione alla utilizzazione agronomica dei fanghi di depurazione 308 Tabelle dei flussi procedimentali 310 Prevenzione Incendi 321 Certificato prevenzione incendi 322 Parere di conformità sul progetto 323 Richiesta di sopralluogo e rilascio del certificato di prevenzione incendi 324 Rinnovo del certificato di prevenzione incendi 325 Procedura di deroga 326 Attività per le quali è obbligatorio ottenere il certificato di prevenzione incendi 327

9

10 PRESENTAZIONE La difficile situazione economica che stiamo attraversando impone doverose riflessioni e soprattutto impegno. Il ruolo delle istituzioni pubbliche locali è essenziale per affrontare e contrastare la crisi economica, perché la conoscenza del territorio e soprattutto la vicinanza dell ente locale ai protagonisti della crisi, imprese, lavoratori e famiglie permette di coglierne le istanze e di adottare le soluzioni più opportune. La Provincia di Bologna sta adottando una serie di misure per attraversare la crisi. Tra le azioni che stiamo mettendo in campo vi è, senza dubbio, quella della semplificazione. Il processo di semplificazione costituisce un contributo importante dell amministrazione pubblica al settore produttivo, perché alleggerisce le imprese da una serie di adempimenti che comportano costi eccessivi e tempi non adeguati. Si può operare semplificazione, non solo riducendo i tempi e i costi della burocrazia, ma anche attraverso la comunicazione, favorendo il rapporto tra amministrazioni e imprese, rendendo comprensibili le richieste di adempimenti che il settore pubblico rivolge a quello privato. Il Vademecum della attività produttive si inserisce a pieno titolo fra gli esempi di questo tipo di semplificazione: è una guida che accompagna il lettore all interno del percorso dei procedimenti amministrativi che devono essere esperiti per poter dare avvio e sviluppo a una attività imprenditoriale. Si tratta di una guida pratica e di facile lettura che comprende attività appartenenti a diversi settori merceologici e che comprende anche i capitoli sui procedimenti sulla sicurezza antincendio e sui procedimenti ambientali. Attraverso il Vademecum l imprenditore sa a quale ente rivolgersi per dare avvio al procedimento, conosce a priori il termine di durata del procedimento e il costo e l iter della sua pratica. Attraverso il Vademecum può individuare la disciplina normativa comunitaria, nazionale, regionale, provinciale e comunale cui è soggetta l attività e grazie alle schede sugli endoprocedimenti sulla sicurezza antincendio e sull ambiente può avere il metro dei requisiti che gli saranno richiesti per il rilascio di una autorizzazione. L impegno che assumiamo per il futuro è quello di aggiornare il Vademecum alle novità normative che si presenteranno e di completarlo con l inserimento di altre attività e di nuovi endoprocedimenti affinché sia confermato come strumento utile ed efficace per tutti gli operatori del settore. Le azioni da mettere in campo per superare questo delicato momento sono diverse, il Vademecum è sicuramente il buon risultato di una di queste. Graziano Prantoni Assessore Attività Produttive e Turismo

11

12 Introduzione Il Vademecum è una guida pensata e progettata da mettere a disposizione di chi, professionisti, imprese e pubbliche amministrazioni si trova ad operare nel settore delle attività produttive. Consapevole che la normativa del settore si presenta agli utenti come un intricato labirinto difficile da dipanare, l Ufficio semplificazione amministrativa e coordinamento Suap della Provincia di Bologna ha operato per fornire uno strumento in grado di chiarire quali sono gli adempimenti amministrativi necessari per avviare, nel territorio della Provincia di Bologna, una attività imprenditoriale. Il Vademecum fornisce una descrizione delle singole attività d impresa che possono essere attivate, specifica il grado dell intervento pubblico previsto in relazione alle singole attività, indicando quando l impresa può essere avviata con la semplice presentazione di una dichiarazione di inizio attività e quando invece è necessario ottenere il rilascio di un provvedimento di autorizzazione, individua i requisiti che, in base alla disciplina di settore, devono essere posseduti, descrive le modalità di presentazione della domanda, elenca i documenti che devono essere allegati, specifica gli oneri che devono essere sostenuti e il tempo di durata del procedimento, descrive l iter procedimentale che deve essere attivato e riporta tutte le fonti normative comunitarie, nazionali, regionali, provinciali e comunali, di disciplina delle diverse attività. La prima edizione del Vademecum è stata pubblicata nel dicembre 2008 e i riscontri avuti, nel corso dell anno che ne è seguito, sono stati decisamente positivi. Gli uffici Suap dei Comuni della Provincia di Bologna utilizzano il Vademecum nella pratica quotidiana e gli utenti, cittadini, imprenditori, professionisti, che ne sono venuti a conoscenza, hanno manifestato il loro apprezzamento. L opera è stata divulgata attraverso le associazioni di categoria, gli Uffici Relazioni con il Pubblico e l Ufficio Progetti d Impresa della Provincia di Bologna. A solo un anno di distanza dalla presentazione dell opera si è reso necessario pubblicare una nuova edizione anche per far fronte alle numerose richieste di diffusione che ci sono pervenute. Un intervento sull opera era comunque indispensabile alle luce delle nutrite novità che si sono registrate nel settore delle attività produttive in virtù dell entrata in vigore della legge 18 giugno 2009, n Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile. La legge n. 69/2009, tra i numerosi interventi, ha modificato la disciplina generale sul procedimento amministrativo (L. 241/1990), intervenendo sui termini di conclusione del procedimento e sulla dichiarazione di inizio attività. L impatto di queste modifiche sulla normativa del settore delle attività produttive è stato ragguardevole: i provvedimenti di autorizzazione richiesti per l avvio di una attività produttiva devono essere adottati non oltre il termine di 90 giorni dal momento di avvio del procedimento e le dichiarazioni di inizio attività, che riguardano l esercizio di impianti produttivi di beni e di servizi e di prestazione di servizi di cui alla direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, danno diritto a iniziare l attività immediatamente, dalla data di presentazione della dichiarazione all amministrazione competente. Numerose schede presenti nell edizione del 2008 sono state, quindi, riviste e modificate. Altre schede, come ad esempio, quelle sull Agriturismo, sono state aggiornate in virtù di una nuova disciplina regionale e quelle sul Turismo sono state approfondite e arricchite di alcuni aspetti legati alla disciplina provinciale. In occasione della nuova edizione sono state, inoltre, inserite nuove schede relative ad attività non presenti nella vecchia edizione: nel capitolo sui Servizi alla persona sono state aggiunte le schede sulle scuole d infanzia paritarie e non paritarie,

13 sulle scuole straniere, sui servizi sanitari, sulla palestra, sulle scuole nautiche, sull agenzia pratiche auto e sull autoscuola; nel capitolo Agricoltura è stata inserita la scheda sulle fattorie didattiche e sull allevamento della fauna selvatica. Un altra novità della edizione 2009 riguarda i procedimenti degli altri enti coinvolti nel procedimento unico Suap. I pareri o le autorizzazioni rilasciate dagli enti terzi sono procedimenti - tassello del procedimento unico di autorizzazione e ne condizionano l adozione. Sono state inserite nel Vademecum le schede relative ai procedimenti ambientali e ai procedimenti sulla sicurezza di competenza dei Vigili del fuoco. Le schede sui procedimenti ambientali sono state il frutto del lavoro congiunto dell Ufficio semplificazione amministrativa e coordinamento Suap e del settore Ambiente della Provincia di Bologna che ringraziamo sentitamente. Un ringraziamento in particolare va rivolto al dott. Daniele Tartari e alla dott.ssa Loredana Pezzato e a tutti i tecnici del settore che hanno collaborato alla stesura. Anticipiamo che alcuni aspetti dei procedimenti ambientali subiranno a breve delle modifiche in conseguenza alla riorganizzazione del Settore Ambiente e della Convenzione sottoscritta di recente tra la Provincia di Bologna e Arpa (Agenzia regionale per l'ambiente). Eventuali novità saranno pubbliche non appena operative sul sito internet del settore Ambiente della Provincia di Bologna. Vivi ringraziamenti rivolgiamo, altresì, al Servizio competitività e diversificazione dell economia rurale e all Ufficio Turismo della Provincia di Bologna per la collaborazione prestata nella redazione delle schede nei capitoli Agricoltura, Turismo e all Unità operativa amministrativa trasporti della Provincia per la redazione della scheda Agenzia pratiche d auto e Autoscuola nel capitolo Servizi alla persona.

14 IL Suap COME STRUMENTO DI INNOVAZIONE DEI RAPPORTI TRA AMMINISTRAZIONI E UTENTI 1. La semplificazione amministrativa e lo Suap Tra gli strumenti più innovativi preordinati all obiettivo della semplificazione amministrativa, che è assurta oramai al ruolo di vero e proprio principio generale dell ordinamento giuridico, va annoverato lo Suap. L istituto è stato introdotto dal D.P.R. 20 ottobre 1998, n. 447, con la finalità di semplificare i procedimenti di autorizzazione per la razionalizzazione, l ampliamento, la ristrutturazione e la riconversione di impianti produttivi. Successivamente, la figura dello Sportello Unico è stata ripresa anche in altri ambiti di intervento pubblico: così, sono stati previsti lo Sportello Unico per l Immigrazione, lo Sportello Telematico dell Automobilista, lo Sportello Unico Regionale per l Internazionalizzazione delle Attività Produttive, lo Sportello Unico per l Edilizia, e lo Sportello Unico Doganale. Lo Suap costituisce, però, il modello a cui il legislatore ha dedicato le maggiori attenzioni. Lo Sportello Unico si distingue dagli altri istituti di semplificazione, perché si basa su di un meccanismo particolarmente innovativo: esso implica, senza toccare il sistema delle competenze, un modello procedimentale unico, dentro il quale sono ricondotti tutti i sub-procedimenti svolti dagli altri apparati pubblici coinvolti, e un modello organizzativo altrettanto unico, al quale è affidata la regia di tutte le fasi del modello procedimentale. In tale contesto, i 2 modelli innovativi costituiscono facce della medesima medaglia e si completano a vicenda nella prospettiva della realizzazione degli obiettivi di efficienza e celerità per i quali sono stati pensati: il modello procedimentale rappresenta un paradigma semplificato d azione, le cui fasi tendono ad assicurare maggiore celerità ed efficienza dell apparato pubblico; il modello organizzativo unico, a sua volta, è strutturato come un vero e proprio centro di coordinamento ed è dotato di poteri e strumenti nei confronti del procedimento unico e dei sub-procedimenti autorizzatori tali da consentire che entrambi si svolgano nei tempi fissati senza lungaggini o blocchi procedimentali. 2. Lo Sportello Unico e il sistema delle competenze In una prospettiva di sussidiarietà verticale il legislatore ha attribuito la responsabilità dello Sportello Unico direttamente ai comuni (art. 23, D.Lgs. n. 112/1998). Tuttavia la struttura unica non sostituisce le amministrazioni competenti sui diversi profili connessi alla realizzazione degli impianti produttivi, ma rappresenta l apparato cui la norma affida una serie di meccanismi di semplificazione da utilizzare al fine di coordinare l intervento delle singole amministrazioni coinvolte. 3. I profili organizzativi Sotto il profilo organizzativo, come anticipato, spetta al Comune dotarsi di una struttura unica attraverso la quale svolgere i compiti riservati all ente locale a proposito di attività produttive. A tal fine, la normativa di riferimento consente all amministrazione territoriale di realizzare la struttura secondo tre differenti modelli: autonomamente, in associazione con altri Enti Locali o delegando un altra amministrazione pubblica come, ad esempio, la Camera di Commercio. Lo Sportello Unico inteso come figura organizzativa si compone di tre momenti strutturali: lo Sportello Unico, la struttura e l archivio informatico. Innanzitutto, la struttura contiene al suo interno uno Sportello Unico di front-office, che si relaziona con gli utenti, raccoglie le domande, le dichiarazioni e comunicazioni necessarie per l avvio di un attività imprenditoriale, fornisce all utenza SUAP - Strumento di innovazione dei rapporti tra amministrazioni e utenti 11

15 informazioni, garantisce l accesso alle banche dati sul sistema economico e territoriale, assicura una attività di consulenza sui progetti preliminari e su ogni altro aspetto riguardante gli insediamenti produttivi. In secondo luogo, il descritto disegno organizzativo impone l individuazione di una struttura unica di back- office, cioè di un ufficio cui ricondurre la titolarità di tutti i compiti decisionali, il governo operativo del procedimento unico e il coordinamento delle fasi endoprocedimentali svolte dalle altre amministrazioni coinvolte. Al vertice di tale struttura il Comune pone un unico soggetto, al quale è affidata la responsabilità (unica) dell ufficio e del procedimento. Infine, lo Sportello Unico realizza un archivio informatico, dentro il quale sono inserite le domande presentate e tutte le informazioni possedute dalla struttura con riferimento ai procedimenti di realizzazione di impianti produttivi, allo scopo della creazione di un «centro di informazioni» utile a tutti gli operatori coinvolti. 4. I Profili funzionali Il regolamento sullo Sportello Unico prevede 2 modelli procedimentali alternativi, entrambi retti dal carattere dell unicità, da avviare mediante presentazione di un unica istanza allo sportello e da concludersi con un unico provvedimento che costituisce il titolo per la realizzazione dell intervento industriale. Il primo modello, detto Procedimento semplificato (o mediante conferenza di servizi), prevede l obbligo delle amministrazioni interessate, coinvolte nel procedimento, di adottare e trasmettere, allo Sportello Unico, gli atti di propria competenza nel termine di 90 giorni (o 120 nel caso di progetti di opere da sottoporre a V.I.A.) dal ricevimento della documentazione. Il modello consente anche l attivazione di una conferenza di servizi su richiesta del responsabile del procedimento presso lo Sportello Unico in caso di inerzia delle amministrazioni coinvolte o dell interessato che ha ricevuto un preavviso di diniego da parte di una amministrazione, al fine di superare tale pronunciamento. In ogni caso, l intero procedimento deve concludersi nel termine di 5 mesi (9 se richiesta la V.I.A.) Il secondo modello, detto Procedimento mediante autocertificazione, si caratterizza per un alleggerimento procedimentale dovuto al riconoscimento in capo all interessato della potestà di avvalersi dell autocertificazione per attestare la conformità del progetto che intende realizzare alle prescrizioni vigenti. La possibilità di ricorrere al meccanismo autocertificativo, sia pur in una versione anomala rispetto all istituto tipico, riduce il termine di conclusione del procedimento, che scende a 60 giorni dalla presentazione della domanda. Di regola, spetta all interessato scegliere il modulo procedurale da attivare per ottenere l autorizzazione, fatti salvi alcuni casi in cui si esclude il ricorso all autocertificazione a tutela di particolari interessi attinenti alla sicurezza, alla salute e all ambiente. 5. Un quadro in evoluzione: il nuovo regolamento Suap Il quadro appena descritto è destinato, a breve, ad evolversi. L articolo 38 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, definito impresa in un giorno individua lo Sportello unico come l unico punto di accesso per il richiedente, in relazione a tutte le vicende amministrative riguardanti la sua attività produttiva e unico soggetto pubblico di riferimento territoriale in grado di fornire una risposta telematica unica e tempestiva in luogo di tutte le pubbliche amministrazioni comunque coinvolte 12 SUAP - Strumento di innovazione dei rapporti tra amministrazioni e utenti

16 nel procedimento e delega il Governo ad adottare un regolamento per la semplificazione e il riordino della sua disciplina. Il 26 giugno 2009, il Consiglio dei Ministri ha approvato il nuovo regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Suap. Attualmente il regolamento è sottoposto al parere del Consiglio di Stato e su di esso deve essere sentita la Conferenza Unificata, ma il testo, approvato dal Consiglio dei Ministri, difficilmente subirà delle modifiche a seguito di questi passaggi. Il nuovo regolamento conferma e rafforza la funzione dell istituto dello Sportello Unico, già individuata dal D.P.R. 447/1998, come unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti amministrativi che abbiano ad oggetto l esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi e spinge verso la loro definitiva digitalizzazione. L uso della telematica, nella gestione delle pratiche di Sportello Unico, è indicata, infatti, come un obbligo e non più come una possibile alternativa alla gestione cartacea dei documenti: tutte le domande, le dichiarazioni e le comunicazioni devono essere presentate al Suap esclusivamente per via telematica e le comunicazioni, l inoltro di pratiche e documenti, tra Suap e altre Pubbliche Amministrazioni nella fase di back- office, devono seguire la stessa via. Lo Sportello Unico opera attraverso il procedimento automatizzato e quello ordinario. Il procedimento automatizzato si attiva nei casi in cui le attività produttive o di prestazione di servizi siano soggette a DIA oppure nei casi in cui è previsto che il procedimento si concluda attraverso un silenzio assenso: la DIA, corredata da tutti i documenti necessari, è presentata in via informatica al Suap che verifica, con modalità informatica, la completezza formale della dichiarazione, rilascia ricevuta e trasmette, sempre in via telematica, la dichiarazione e gli allegati alle amministrazioni competenti affinché procedano ai necessari controlli sulla veridicità delle dichiarazioni e dei documenti allegati. Nei casi di silenzio assenso, i termini iniziano a decorrere dalla data di rilascio della ricevuta emessa al momento del deposito dell istanza. Con la ricevuta di deposito rilasciata dal Suap l utente ha diritto ad iniziare l attività immediatamente o dopo 30 giorni a seconda del tipo di attività da avviare. Quando è attivato il procedimento ordinario, e quindi nei casi in cui è necessario il rilascio di un provvedimento autorizzatorio, il Suap, verificata entro 7 giorni la completezza della domanda, adotta il provvedimento conclusivo nei 20 giorni lavorativi successivi. Quando è necessario acquisire intese, nulla osta, concerti o assensi di diverse amministrazioni pubbliche, il responsabile Suap, anche su istanza dell interessato, può indire la conferenza di servizi. Anche in questo caso è specificato che tutti gli atti istruttori e i pareri tecnici richiesti siano comunicati in modalità telematica dagli organismi competenti al responsabile Suap. Nei casi in cui il Suap decida di non ricorrere alla conferenza di servizi, è necessario attendere il rilascio dei provvedimenti delle diverse amministrazioni coinvolte, ma scaduto il termine previsto per pronunciarsi sulle questioni di loro competenza, il Suap, conclude in ogni caso il procedimento prescindendo dal loro avviso in un tempo comunque non superiore a 90 giorni. SUAP - Strumento di innovazione dei rapporti tra amministrazioni e utenti 13

17 Comunicazione Unica Per avviare un attività imprenditoriale è necessario compiere precisi adempimenti procedurali e fiscali. Ne esistono di due tipi: specifici, ossia che variano a seconda del tipo di impresa costituita (trattati di seguito in questo volume) generali, ossia comuni ad ogni impresa Gli adempimenti di tipo generale sono: Richiesta di attribuzione del numero di partita IVA e del numero di codice fiscale dell impresa. Il numero di partita IVA, che dovrà essere indicato in tutte le dichiarazioni, i documenti ed i versamenti, è valido su tutto il territorio italiano e della Comunità europea, ed è rilasciato al momento della presentazione della domanda, senza costi. Iscrizione nel Registro delle Imprese tenuto presso la Camera di Commercio (CCIAA). Sono tenuti ad iscriversi tutti coloro che svolgono una qualsiasi attività economica sotto forma d impresa. La Camera di Commercio registra e certifica i principali eventi che caratterizzano la vita dell impresa, quindi dovranno essere segnalate anche le modifiche o la cessazione dell attività aziendale. Le imprese iscritte sono tenute a pagare, entro giugno di ogni anno, un diritto camerale fisso, cioè una somma di denaro che serve a garantire l iscrizione annuale. Apertura di una posizione obbligatoria ai fini contributivi, assistenziali e previdenziali presso l Istituto Nazionale Previdenza Sociale (INPS). La cifra da versare in rate trimestrali all INPS, è calcolata in base al reddito d impresa denunciato ai fini fiscali. Non essendo possibile conoscere in anticipo quali saranno i redditi dell impresa, il versamento va effettuato sulla base dei redditi d impresa dichiarati l anno precedente o in base ad un importo minimo prefissato a cui seguirà il conguaglio (cioè il saldo di ciò che mancava nel primo pagamento). In ogni caso il contributo è dovuto entro limiti minimi e massimi, variabili di anno in anno. Posizione assicurativa obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro presso l Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL). All assicurazione sono tenuti tutti i datori di lavoro che occupano lavoratori dipendenti e lavoratori parasubordinati nelle attività che la legge individua come rischiose. Gli artigiani sono tenuti ad assicurare anche se stessi. Il rapporto assicurativo ha inizio con la comunicazione all INAIL dell attività esercitata da parte del datore di lavoro, 5 giorni prima dell avvio. Il costo dell assicurazione, chiamato premio, è ad esclusivo carico del datore di lavoro o dell artigiano. Il premio si calcola sulla base della retribuzione e della pericolosità del lavoro svolto. È sempre e comunque consigliabile stipulare anche una polizza assicurativa privata contro gli eventuali rischi derivanti dall esercizio dell attività, in particolare per furti e danni a terzi. Nel 2007 è stato introdotta la Comunicazione unica per la nascita dell impresa che vale per tutti gli adempimenti amministrativi previsti per l iscrizione al Registro delle imprese e ha effetto ai fini previdenziali, assistenziali e fiscali e per ottenere il codice fiscale e la partita Iva. La Comunicazione unica deve essere presentata al Registro delle imprese, per via telematica o su supporto informatico. 14 Comunicazione Unica

18 La ricevuta rilasciata dall ufficio del Registro delle imprese costituisce titolo per l immediato avvio dell attività imprenditoriale La Comunicazione unica, pertanto, coinvolge 4 istituti nazionali : CCIAA (Registro delle imprese e albo delle imprese artigiane) Agenzia delle entrate INAIL INPS Gli adempimenti assolti tramite comunicazione unica sono: Dichiarazione d inizio, variazione e cessazione ai fini Iva Iscrizione, modifica e cessazione dell impresa ai fini Inail Iscrizione, variazione e cessazione con effetto Inps per titolari, soci e collaboratori Iscrizione e cessazione d impresa con dipendenti ai fini Inps Variazione dati dell impresa con dipendenti ai fini Inps in relazione a: attività esercitata cessazione attività modifica denominazione impresa individuale modifica ragione sociale riattivazione attività sospensione attività modifica della sede legale modifica della sede operativa Domanda d iscrizione, variazione e cessazione di impresa artigiana all albo delle imprese artigiane Cosa è escluso dalla Comunicazione unica: Il deposito del bilancio Tutti quei soggetti che svolgono l attività d impresa in via esclusiva o principale (enti pubblici, associazioni, fondazioni, ecc.) che hanno solo l obbligo d iscriversi al repertorio economico amministrativo Il D.P.C.M., del 25 maggio 2009 definisce il procedimento di Comunicazione unica così come di seguito descritto: L interessato presenta all ufficio del Registro delle imprese la comunicazione unica secondo il modello approvato dal decreto interministeriale Il modello è presentato in modalità telematica o mediante supporto informatico Il sistema informatico del registro imprese effettua i controlli necessari (verifica credenziali di accesso, consistenza e correttezza formale dei file, validità delle firme digitali, correttezza recapito Pec, ecc.) Il Registro Imprese invia immediatamente la comunicazione alle altre amministrazioni coinvolte, ad esclusione di quella Comunicazione Unica 15

Controlli sulle imprese

Controlli sulle imprese Controlli sulle imprese Art. 25 del d.lgs. 33/2013 Oggetto dei controlli è la verifica della conformità delle attività esercitate a quanto autorizzato, ovvero del contenuto delle dichiarazioni rilasciate

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA DIRITTI DI SEGRETERIA ED ISTRUTTORIA SERVIZI ATTIVITA PRODUTTIVE SUAP IN VIGORE DAL 01/01/2015 ALLEGATO B PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO DIRITTI SUAP PROCEDIMENTI UNICI Impianti produttivi* richiesta avvio

Dettagli

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER

Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Interventi pubblicati sulla piattaforma SuapER Settore: Esercizio di vicinato Operazione: Attività artigianali e di servizio...3 Operazione: Commercio di vicinato...3 Operazione: Vendite straordinarie...3

Dettagli

Vademecum delle Attività Imprenditoriali

Vademecum delle Attività Imprenditoriali Vademecum delle Attività Imprenditoriali Una bussola per orientarsi nella Pubblica Amministrazione Pubblicazione realizzata con il contributo di INDICE Presentazione... 7 Introduzione... 9 Il SUAP come

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.)

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) INORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), previsto dal D.Lgs. n. 112/98, in attuazione della legge

Dettagli

COMUNE DI PASTORANO PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P.

COMUNE DI PASTORANO PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. COMUNE DI PASTORANO PROVINCIA DI CASERTA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 44

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI UBICAZIONE UFFICIO SUAP : PIAZZA GARIBALDI N.1, PIANO 1. DIRITTI DI ISTRUTTORIA: NESSUNO

INFORMAZIONI GENERALI UBICAZIONE UFFICIO SUAP : PIAZZA GARIBALDI N.1, PIANO 1. DIRITTI DI ISTRUTTORIA: NESSUNO COMUNE DI LORETO PROVINCIA DI ANCONA SETTORE II - Area Attività Economiche - Sportello Unico Attività Produttive e Polizia Amministrativa RESPONSABILE : Magg. Dott. Norberto Garbati ELENCO PROCEDIMENTI

Dettagli

COMUNE DI MONTECARLO Provincia di Lucca. SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE E - Mail sportellounico@montecarlolu.com

COMUNE DI MONTECARLO Provincia di Lucca. SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE E - Mail sportellounico@montecarlolu.com COMUNE DI MONTECARLO Provincia di Lucca SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE E - Mail sportellounico@montecarlolu.com Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n 19 del 28.02.2003 Art. 1 OGGETTO

Dettagli

La Giunta Comunale. Delibera

La Giunta Comunale. Delibera La Giunta Comunale Premesso che l articolo 149 del Testo Unico degli Enti locali al comma 8 prevede che a ciascun ente locale spettano le tasse, i diritti, le tariffe e i corrispettivi sui servizi di propria

Dettagli

Comune di Chiaravalle

Comune di Chiaravalle ALLEGATO A - NUOVE TARIFFE (approvate con Delibera G.C. n. del ) Determinazione dei valori dei Diritti di Segreteria istituiti con il comma 10 dell art. 10 del D.L. 18/01/1993 n. 8, convertito con Legge

Dettagli

SETTORE 6^ SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

SETTORE 6^ SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI SETTORE 6^ RESPONSABILE DR.SSA ELENA CHIESA ELENCO DEI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI 1. 2. 3. 4. 5. 6. Denominazione COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SCIA APERTURA ESERCIZIO DI VICINATO SCIA TRASFERIMENTO

Dettagli

Prime note esplicative relative all applicazione della DGR n. 16-4910 del 14.11.2012 e della DD n. 799 del 15.11.2012.

Prime note esplicative relative all applicazione della DGR n. 16-4910 del 14.11.2012 e della DD n. 799 del 15.11.2012. Allegato I Prime note esplicative relative all applicazione della DGR n. 16-4910 del 14.11.2012 e della DD n. 799 del 15.11.2012. 1 - Premessa Sul supplemento Ordinario n. 227/L alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE - TABELLA ADOTTATA CON

DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE - TABELLA ADOTTATA CON C I T T A' D I G A L A T I N A CITTA DI GALATINA Prov. di Lecce DIREZIONE POLIZIA MUNICIPALE-SUAP- PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A) DIRITTI DI ISTRUTTORIA PER LE PRATICHE DEL SERVIZIO S.U.A.P. - SPORTELLO

Dettagli

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000

VADEMECUM. PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 VADEMECUM PER L AVVIO E L ESERCIZIO DI UN ATTIVITA RICETTIVA ai sensi della L.R.42/2000 Dopo il vademecum sulle attività commerciali e di somministrazione il Comune di Arezzo intende mettere a disposizione

Dettagli

Comune di Burcei. Settore Affari Generali Servizio Attività Produttive e promozione del territorio Responsabile del Servizio dott.

Comune di Burcei. Settore Affari Generali Servizio Attività Produttive e promozione del territorio Responsabile del Servizio dott. del Servizio dott. Adolf Cantafio N. amministrativo Fonte normativa (Suap) Tipo finale Unico Finale finale 1 Esercizi di vicinato, (L.R. n 5/2006 D.Lgs. n 59/2010) DUAAP ALLEGATO_B1 2 MSV (medie strutture

Dettagli

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI

DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI DDL Disciplina dell attività ricettiva di Bed and Breakfast (B&B) CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, REQUISITI ARTICOLO 1 Generalità 1. La Regione Puglia favorisce lo sviluppo e la presenza su tutto il territorio

Dettagli

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE

SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E MARKETING TERRITORIALE SETTORE COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO SCIA APERTURA, TRAFERIMENTO, SUBINGRESSO, AMPLIAMENTO/RIDUZIONE ESERCIZIO DI VICINATO COMMERCIO ELETTRONICO SCIA APERTURA, SUBINGRESSO, VARIAZIONE SITO WEB, ATTIVITA

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia

SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia SCHEDA ESPLICATIVA DIAP Dichiarazione di inizio attività produttiva - Regione Lombardia Tipologia atto Dichiarazione di inizio attività produttiva, ai sensi della legge regionale n. 1/2007 e n. 8/2007

Dettagli

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016 TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA PORTALE SUAP VIGENTI DAL 01/01/2016 * L insediamento di una NUOVA attività economica all interno del Centro Storico è ESENTE DAL PAGAMENTO DEI DIRITTI SUAP PER TRE ANNI dalla

Dettagli

Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE

Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE Regolamento per la semplificazione amministrativa delle attività produttive IMPRESA FACILE Approvato con deliberazione C.C. n. 60 del 06/11/2008 Art. 1 Principi e finalità 1. Il Comune intende proseguire

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA ITTITURISMO 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: Cod.Fiscale Data di nascita / / Cittadinanza

Dettagli

SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA

SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA COMUNE DI SAN PIETRO IN CARIANO PROVINCIA DI VERONA SUAP - SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TABELLA DEI DIRITTI DI ISTRUTTORIA DIFFERENZIATI PER TIPOLOGIA DI SETTORE DI ATTIVITA (ART. 4 C. 13 DEL D.P.R.

Dettagli

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità Disegno di legge concernente Disciplina dell attività ricettiva di bed and breakfast (B&B B&B). Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE Art. 1 Generalità 1. La Regione Sardegna al fine

Dettagli

TABELLA IMPORTI DIRITTI DI ISTRUTTORIA SUAP COMUNE DI MASSA DI SOMMA

TABELLA IMPORTI DIRITTI DI ISTRUTTORIA SUAP COMUNE DI MASSA DI SOMMA I diritti di istruttoria possono essere eseguiti direttamente on-line secondo le modalità riportate sul portale www.impresainungiorno.gov.it o mediante versamento sul c/c postale n. 21768809 intestato

Dettagli

Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10. Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. )

Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10. Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. ) Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10 Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. ) Art. 1 (Finalità) La presente legge, nel rispetto della programmazione regionale

Dettagli

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP)

Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Linee Guida Direttive di organizzazione e di funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) Premesse DEFINIZIONI Ai fini delle presenti direttive: per Regione s intende la Regione

Dettagli

Procedimenti amministrativi 1

Procedimenti amministrativi 1 Scheda di rilevazione dei procedimenti amministrativi (art. 35, comma 1, del d.lgs. 33/2013) Com/AETP.01 A1) Breve descrizione del procedimento ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E BARBIERE - APERTURA A2) Indicazione

Dettagli

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Regolamento organizzativo e funzionale del S.U.A.P. associato della Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve (Approvato con Deliberazione della Giunta n. 8 del 30/12/2010) (Modificato con Deliberazioni della

Dettagli

AL SUAP DEL COMUNE DI

AL SUAP DEL COMUNE DI Allegato 4 AL SUAP DEL COMUNE DI Segnalazione certificata di cambio titolarità e contestuale variazione attività agrituristica (ai sensi della lr 37/2007 e DGR 1443/2012 e ss.mm.) Il sottoscritto: Nome

Dettagli

Tipologia di controllo a cui sono assoggettate le imprese (art. 25 comma 1 lett. a) D.Lgs. 33/2013)

Tipologia di controllo a cui sono assoggettate le imprese (art. 25 comma 1 lett. a) D.Lgs. 33/2013) Acconciatore Attività Titolo necessario per l'avvio dell'attività Tipologia di controllo a cui sono assoggettate le imprese (art. 25 comma 1 lett. a) D.Lgs. 33/2013) Elenco degli obblighi e degli adempimenti

Dettagli

LOTTERIE 03 03 01 A SCIA manifestazione sorte locale Economia e Organizzazione

LOTTERIE 03 03 01 A SCIA manifestazione sorte locale Economia e Organizzazione Servizio / Prestazione Cod. Procedimento Pratica Settore LOTTERIE 03 03 01 A SCIA manifestazione sorte locale MANIFESTAZIONI PUBBLICHE 03 03 02 A domanda per trattenimenti pubblici temporanei presenza

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome:

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ad efficacia immediata) 1. Dati impresa Il sottoscritto: Cognome: Nome: AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO

ART. 1 FINALITA ART. 2 OGGETTO VIII DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO COMMERCIALE ARTIGIANALE E TURISTICO Servizio Polizia Amministrativa REGOLAMENTO COMUNALE PER L ATTIVITA DI "BED & BREAKFAST" ART. 1 FINALITA In armonia con gli indirizzi

Dettagli

Progressioni orizzontali e verticali 2. Affidamento incarichi di collaborazione 2. Valutazione rischio 1. dell affidamento.

Progressioni orizzontali e verticali 2. Affidamento incarichi di collaborazione 2. Valutazione rischio 1. dell affidamento. Allegato B - Valutazione del rischio a) Area acquisizione e progressione del personale dipendente Codice Descrizione Processo 1 Reclutamento - Mobilità - Selezione pubblica - Avviamento dal collocamento

Dettagli

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali

La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali COMPETITIVITA La semplificazione dell iter procedurale per l esercizio delle attività imprenditoriali Dalla Dia alla Scia anche per le attività di vendita e somministrazione di alimenti e bevande Cosimo

Dettagli

DOMANDA PER L AVVIO DEL PROCEDIMENTO UNICO ai sensi del D.P.R. 20/10/1998, n. 447, e s.s.m. ed integrazioni,

DOMANDA PER L AVVIO DEL PROCEDIMENTO UNICO ai sensi del D.P.R. 20/10/1998, n. 447, e s.s.m. ed integrazioni, DOMANDA PER L AVVIO DEL PROCEDIMENTO UNICO ai sensi del D.P.R. 20/10/1998, n. 447, e s.s.m. ed integrazioni, BOLLO Al SUAP del Comune di B U D R I O Il/La sottoscritto/a Nato/a a prov. il / / Nazionalità

Dettagli

Comune di Torre D Arese Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Allegato 2

Comune di Torre D Arese Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Allegato 2 Comune di Torre D Arese Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015-2017 Allegato 2 1 Processi e procedimenti riconducibili alle Aree a rischio 1. AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Diritti di Istruttoria e di Segreteria Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P.

Diritti di Istruttoria e di Segreteria Settore Attività Produttive Servizio S.U.A.P. I DIRITTI di ISTRUTTORIA e di SEGRETERIA Servizio S.U.A.P. I costi relativi alla domanda ( e di segreteria necessari ad ottenere concessioni, autorizzazioni, pareri, nulla osta, etc.) variano a seconda

Dettagli

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n.,

soggetti abilitati all esercizio delle attività di agriturismo con Codice Regionale n., N.B.: Nel caso di invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) - la presente istanza e i relativi allegati dovranno essere trasmessi esclusivamente in formato PDF/A, al seguente indirizzo: protocollo@pec.cittametropolitanaroma.gov.it

Dettagli

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita')

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita') Legge regionale 23 marzo 1995, n. 38. (Testo coordinato) Disciplina dell'agriturismo. (B.U. 24 marzo 1995, suppl. al n. 12) Modificata da l.r. 38/2009 Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 Titolo I. Generalita'

Dettagli

COMUNE di PONZA Provincia di Latina

COMUNE di PONZA Provincia di Latina COMUNE di PONZA Provincia di Latina SUAP COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Procedimento Normativa di riferimento Inizio del procedimento Data inizio Termine Atto conclusivo Competenza atto finale Apertura

Dettagli

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso

Pratiche amministrative legate all inizio attività. Maria Loreta Raso Pratiche amministrative legate all inizio attività Maria Loreta Raso 1 L iniziativa economica privata è libera art. 41, comma1, Cost. 2 Chi è imprenditore Chi esercita professionalmente un attività economica

Dettagli

COMUNE DI ASOLA Provincia di Mantova

COMUNE DI ASOLA Provincia di Mantova COMUNE DI ASOLA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICO (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. del )

Dettagli

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA

TABELLA DIRITTI DI ISTRUTTORIA C I T T A D I C O R S A N O (Provincia di Lecce) 73033 via Della Libertà Tel. 0833/531170 531190 Fax: 0833/531122 C.F. 00392220752 www.comune.corsano.le.it pec: comune.corsano@pec.rupar.puglia.it utccorsano@pec.it

Dettagli

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

Prot. GR482652 Roma 10/09/2015. Oggetto: Regolamento regionale n. 8 del 7/8/2015 Nuova Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. GR482652 Roma 10/09/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) (ai sensi L.R. n. 31/2008 art. 154) E COMUNICAZIONI VARIE Al Comune di... Il /La sottoscritto/a Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Cognome........

Dettagli

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia.

La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. La normativa sulle strutture turistico ricettive aperte al pubblico nella regione Sicilia. Indice delle normative Per le strutture ricettive: Regione siciliana - Legge regionale 6 aprile 1996, n. 27; Regione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISMO (Legge regionale 23 febbraio 2015, n. 2)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISMO (Legge regionale 23 febbraio 2015, n. 2) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISMO (Legge regionale 23 febbraio 2015, n. 2) N Prot. SCIA...del.... (da compilarsi a cura dell ufficio competente) Allo Sportello Unico Attività Produttive

Dettagli

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA "BED AND BREAKFAST" Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n.

COMUNE DI NARNI. Disciplina comunale delle attività di acconciatore. Regolamento. (Provincia di Terni) Legge 17 agosto 2005, n. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di acconciatore Legge 17 agosto 2005, n. 174 Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ CASE E APPARTAMENTI PER VACANZE Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentante legale,

Dettagli

Linee guida per l esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione (B&B). SOMMARIO

Linee guida per l esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione (B&B). SOMMARIO Allegato alla Delib.G.R. n. 10/43 del 21.2.2013 Linee guida per l esercizio saltuario del servizio di alloggio e prima colazione (B&B). SOMMARIO Premessa Articolo 1: Caratteristiche distintive dei Bed

Dettagli

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP ELENCO DEI PROCEDIMENTI COMUNE di FORMIA Provincia di Latina SUAP Procedimento Realizzazione grande struttura di vendita Subingresso per atto tra vivi ed a causa di morte nella grande struttura di vendita Trasferimento di sede

Dettagli

Vendita tolettatura allevamento pensione e trattamento animali da compagnia - SCIA

Vendita tolettatura allevamento pensione e trattamento animali da compagnia - SCIA Indice Agenzie d Affari Agenzie di Viaggi e Turismo Animali da compagnia Ascensori e montacarichi Attività artigianali Acconciatore Estetista e Mestieri Affini Commercio Aree Pubbliche Commercio cose antiche

Dettagli

TIPOLOGIA DI PROCEDIMENTO

TIPOLOGIA DI PROCEDIMENTO privata (esercizio di vicinato) e/o variazione legale rappresentante/preposto (settore alimentare) in esercizio di vicinato La Comunicazione per la modifica della compagine/ragione sociale e variazione

Dettagli

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI

CITTA DI SANTENA TERMINE PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE PROVINCIA DI TORINO ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI DEI ALLEGATO B SCHEDA RELATIVA AI PER LA CONCLUSIONE DEI PROCEDIMENTI DEI SERVIZI AL CITTADINO E ALLE IMPRESE URP E TUTTE LE ALTRE UNITA ORGANIZZATIVE DEL COMUNE Visione atti e rilascio di copie atti e provvedimenti:

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITÀ ATTIVITA RICETTIVA EXTRALBERGHIERA Il sottoscritto, Cognome: Nome: 1. Dati azienda e rappresentate legale,

Dettagli

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA

Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA Procedure per la registrazione imprese alimentari LINEE GUIDA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento CE 852/2004 Regolamento CE 853/2004 Linee guida sancite dall accordo Stato-Regioni rep. n. 2470 e 2477

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DI MANIFESTAZIONI OCCASIONALI DI PUBBLICO SPETTACOLO O TRATTENIMENTO ALL APERTO COMUNE DI MONTE SAN SAVINO Corso Sangallo 38 52048 Monte San Savino Telefono: 0575 8177220 Fax: 0575 843076 Web: www.citymonte.it E-mail: commercio@citymonte.it C.F. e P.I. 00272160516 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza...

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza... AL COMUNE DI AZZATE Ufficio Commercio DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale........ Data di nascita./. /.....Cittadinanza....... Luogo

Dettagli

All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA

All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA All'Ufficio S.U.A.P. DEL COMUNE DI PONZA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA AGRITURISTICA Legge Regionale 14/06 Regolamento Regionale 9/07 Quadro A Dichiarazioni e caratteristiche aziendali Sezione

Dettagli

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i.

COMUNE DI NARNI. (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista. Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. COMUNE DI NARNI (Provincia di Terni) Disciplina comunale delle attività di estetista Legge 4 gennaio 1990, n. 1 e s.m.i. Regolamento I N D I C E Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Normativa di riferimento

Dettagli

attività artigianale acconciatori e barbieri Comunicare la modifica degli orari di apertura nell'attività di Scia / comunicazione

attività artigianale acconciatori e barbieri Comunicare la modifica degli orari di apertura nell'attività di Scia / comunicazione Elenco interventi pubblicati sul portale "Su@p on line" per i quali è obbligatorio l'invio telematico macro settore settore attività Intervento Tipo procedimento acconciatori e barbieri Aprire l'attività

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRITURISTICA (articolo n. 13 L.R. 21/2011) Cognome Nome

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRITURISTICA (articolo n. 13 L.R. 21/2011) Cognome Nome COMUNE DI PESARO SPORTELLO UNICO Attività Economiche 61121 PESARO SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA AGRITURISTICA (articolo n. 13 L.R. 21/2011) Il sottoscritto Cognome

Dettagli

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere

Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Alberghi e altre attività ricettive Attività turistiche extralberghiere Descrizione Riguarda le attività contemplate dai R.R. n. 16/2008 e 8/2015 affittacamere, ostelli per la gioventù, case ed appartamenti

Dettagli

Attività Produttive. Le risorse Umane. Responsabile: Franca Osti Collaboratori: Liliana Busatta & Leana Lanzarini

Attività Produttive. Le risorse Umane. Responsabile: Franca Osti Collaboratori: Liliana Busatta & Leana Lanzarini Attività Produttive Le risorse Umane Responsabile: Franca Osti Collaboratori: Liliana Busatta & Leana Lanzarini Il servizio gestisce le attività di promozione e sviluppo del tessuto economico comunale

Dettagli

Descrizione: Intervento per realizzazione struttura e avvio attività di tipo artigianale per la lavorazione del

Descrizione: Intervento per realizzazione struttura e avvio attività di tipo artigianale per la lavorazione del Attività: LAVORAZIONE DEI METALLI Codice: 043 : Intervento per realizzazione struttura e avvio attività di tipo artigianale per la lavorazione del metallo e suoi derivati. L'attività artigianale deve essere

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI C I T T À DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI BED AND BREAKFAST Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 04.11.2003 1 INDICE

Dettagli

INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO

INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO ALLEGATO A INDIRIZZI E CRITERI APPLICATIVI DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL SUAP/SUE TELEMATICO ART.1 DEFINIZIONI Ai fini dei presenti criteri s intende: per SUAP: lo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG)

S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del Comune di SCANZOROSCIATE (BG) S.C.I.A. per attività TURISTICO RICETTIVA EXTRA ALBERGHIERA NON SERVE MARCA DA BOLLO Allo Sportello Unico Imprese del di SCANZOROSCIATE (BG) 1.Dati impresa SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA TURISTICO

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. BeB 1_2011 (Modello 0091 Versione 001-2014) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) BED & BREAKFAST Allo Sportello Unico delle Attività Produttive

Dettagli

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive

AREA AFFARI GENERALI Ufficio Attività Produttive ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

COMUNICAZIONE DI SOSPENSIONE/REVOCA/CESSAZIONE ATTIVITÀ

COMUNICAZIONE DI SOSPENSIONE/REVOCA/CESSAZIONE ATTIVITÀ Comune di Mod. Comunale (Modello 0011 Versione 011-2014) COMUNICAZIONE DI SOSPENSIONE/REVOCA/CESSAZIONE ATTIVITÀ Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo

Dettagli

COMUNE DI FERNO. (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICO

COMUNE DI FERNO. (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICO COMUNE DI FERNO (Provincia di Varese) REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE TELEMATICO (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 84 del

Dettagli

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010

Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive. - art. 19 legge n. 241/90 come sostituito dall art. 49 c.4 legge n. 122 del 30/07/2010 C O M U N E D I M A T T I N A T A Provincia di Foggia Settore IV POLIZIA MUNICIPALE Attività Produttive via San Marino n. 2 poliziamunicipalemattinata@virgilio Tel/ 0884\550310-552435 Fax 559870 AL SINDACO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. 1 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI ACCONCIATORE, ESTETISTA, TATUAGGIO E PIERCING. INDICE SOMMARIO Titolo I PRINCIPI GENERALI 3 ARTICOLO 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE DEL EGOLAMENTO

Dettagli

La Pubblica Amministrazione per l'impresa

La Pubblica Amministrazione per l'impresa reg. suap La Pubblica Amministrazione per l'impresa È disponibile la Circolare interministeriale che anticipa il contenuto di un decreto ministeriale che individua le misure indispensabili per attuare,

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE

IL DIRETTORE DELLA SEZIONE AGROAMBIENTE DECRETO N. 25 DEL 18 MARZO 2012 OGGETTO: Deliberazione della Giunta regionale n. 2879 del 30 dicembre 2013 Semplificazione dei procedimenti nel Settore primario. Atti di indirizzo ai sensi dell art. 50,

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013

DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA. O. d. S. n. 11 / 2013 DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO, TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA Prot.n 7708 del 31/12/2013.. Cat 6.30.6.6. (da citare nella risposta) Torino, 31/12/2013 O. d. S. n. 11 / 2013 Oggetto:

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA D INIZIO ATTIVITA (Art. 86 R.D. 773/1931 e s.m.i.) 1 ESTREMI DI ISCRIZIONE DELLA DICHIARAZIONE (A CURA DELL UFFICIO) Ufficio ricevente Presentata il Modalità di inoltro Data protocollo Num. Prot fax a mano posta via telematica NUMERO ASSEGNATO ALLA PRATICA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

CARTA DEI SERVIZI ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE CARTA DEI SERVIZI ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE CDR 16 ATTIVITÀ ECONOMICHE E PRODUTTIVE - INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Il Settore opera nel contesto delle

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere.

REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. REGOLAMENTO REGIONALE 24 ottobre 2008, n. 16. Disciplina delle Strutture Ricettive Extralberghiere. Il presente regolamento stabilisce gli indirizzi per assicurare livelli minimi di uniformità sul territorio

Dettagli

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO DEI DIRITTI ISTRUTTORIA DOVUTI ALL AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER IL RIMBORSO DELLE SPESE SOSTENUTE NEI PROCEDIMENTI INERENTI ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Approvato

Dettagli

Comune di Castelverde Prov. di Cremona. Allegato 2

Comune di Castelverde Prov. di Cremona. Allegato 2 Comune di Castelverde Prov. di Cremona Piano triennale di prevenzione della corruzione 2015 2017 Allegato 2 Processi e procedimenti riconducibili alle aree a rischio A. AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE

Dettagli

Procedimenti amministrativi del Servizio Polizia Locale Commercio - Ufficio Vigilanza

Procedimenti amministrativi del Servizio Polizia Locale Commercio - Ufficio Vigilanza Procedimenti amministrativi del Servizio - Vigilanza N. 1 DENOMINAZION E E OGGETTO 2 Gestione oggetti rinvenuti 3 Ordinanze sulla circolazione stradale ed eventi trasporti eccezionali STRUTTURA ORGANIZZATIV

Dettagli

P08 - Informazioni sulla S.C.I.A., la Segnalazione Certificata di Inizio Attività-rev.4-10/5/2016

P08 - Informazioni sulla S.C.I.A., la Segnalazione Certificata di Inizio Attività-rev.4-10/5/2016 P08 - Informazioni sulla S.C.I.A., la Segnalazione Certificata di Inizio Attività-rev.4-10/5/2016 CHE COS E LA SCIA La SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività è la dichiarazione che consente alle

Dettagli

PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE

PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE PROCEDIMENTI SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE Nome procedimento: Segnalazione Certificata Inizio Attività per l'esercizio di Somministrazione di Alimenti e Bevande. SCIA per l'esercizio di Somministrazione

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 419/2013

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 419/2013 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 419/2013 OGGETTO: Approvazione diritti di istruttoria relativi ai procedimenti gestiti dal SUAP a titolo di rimborso delle

Dettagli

Vigilanza e attività economiche

Vigilanza e attività economiche Vigilanza e attività economiche Responsabile Procedimento: BUFFO Roberta segreteria@comune.prascorsano.to.it TEL. 0124.698141 Soggetto con potere sostitutivo in caso di inerzia - art. 2 c. 9 bis L. 241/90

Dettagli

Comune di Vidigulfo. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 Allegato 2. Processi e procedimenti riconducibili alle Aree a rischio

Comune di Vidigulfo. Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 Allegato 2. Processi e procedimenti riconducibili alle Aree a rischio 1 Comune di Vidigulfo Piano triennale di prevenzione della corruzione 2014-2016 Allegato 2 Processi e procedimenti riconducibili alle Aree a rischio 1. AREA ACQUISIZIONE E PROGRESSIONE DEL PERSONALE (PROCESSI

Dettagli

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti

Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti Servizio Tutela del Suolo e Rifiuti FUNZIONI DEL SERVIZIO 1. Attività su bonifica dei siti contaminati Il Servizio ha il compito di emettere la certificazione di avvenuta bonifica dei siti contaminati.

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_02 N. identificativo marca da bollo La marca da bollo deve essere annullata e conservata in originale dal soggetto interessato AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive Corso

Dettagli