La tutela del contraente debole nei rapporti tra imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tutela del contraente debole nei rapporti tra imprese"

Transcript

1 La tutela del contraente debole nei rapporti tra imprese TRENTO, 25 gennaio 2007 GIUNTA DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

2 Copyright: Tutti i diritti riservati Giunta della Provincia Autonoma di Trento, 2007 Centro Documentazione Europea Coordinamento redazionale: Dott. Marco Zenatti Stampato in proprio Centro duplicazioni della Provincia Autonoma di Trento Editore: PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO La TUTELA del contraente debole nei rapporti tra imprese : Trento, 25 gennaio [Trento] : Provincia autonoma di Trento. Giunta, p. ; 21 cm. (Quaderni del CDE ; 25) Scritti di vari. - Relazioni presentate al Seminario 1. Imprese - Tutela giuridica - Congressi - Trento

3 Dott. Diego Loner Dirigente Generale Dipartimento Programmazione, Ricerca ed Innovazione Provincia Autonoma di Trento Prof.ssa Daria de Pretis Professore Ordinario di Diritto Amministrativo Vice Preside della Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento Prof. Gian Antonio Benacchio Professore Ordinario di Diritto Privato Comparato Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento Prof.ssa Teresa Pasquino Professore Associato di Istituzioni di Diritto Privato Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento Prof. Roberto Caso Professore Associato di Diritto Privato Comparato Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento Dott.ssa Avv. Chiara Medici Dottore di Ricerca in Diritto Privato Comparato Università degli Studi di Trento Avvocato del Foro di Trento Dott. Giuseppe Colangelo LUISS Roma - 3 -

4 - 4 -

5 Dott. Diego Loner Dirigente Generale Dipartimento Programmazione, Ricerca ed Innovazione Provincia Autonoma di Trento Il tema di questo seminario è prettamente tecnico-giuridico ed investendo la materia civilistica poco si presterebbe, a prima vista, ad un commento da parte di chi partecipa alla gestione della cosa pubblica. In realtà anche nella tematica della tutela del contraente debole possiamo scorgere in senso più generale la tutela del cittadino, in questo caso nello svolgimento della libera iniziativa di impresa o, più semplicemente, di un attività che attiene alla cura dei propri privati interessi. E esperienza comune di ognuno di noi la stipula di un contratto di assicurazione, l acquisto di un automobile o quello di un abitazione. Ebbene i rapporti contrattuali alla base di questi acquisti di beni e servizi quasi mai si svolgono su una base di parità tra i contraenti, in pratica la sola libertà di chi acquista è limitata alla sfera del consenso. L uso del contratto di adesione è in fondo una conseguenza della produzione su vasta scala, oggi addirittura globale, di beni e servizi e appare difficile negarne quantomeno l inevitabilità. Ciò nonostante il libero mercato privo di regole crea un economia che produce vantaggi solo per pochi mentre è compito precipuo della politica, almeno come è intesa in Europa, di contribuire ad un equa distribuzione della ricchezza che passa anche attraverso la par condicio tra i soggetti che acquistano e vendono sul mercato. Vi è dunque una necessità della tutela del cittadino contraente come vi è una necessità di tutela del cittadino utente dei pubblici servizi e ancora del cittadino nei suoi rapporti con la Pubblica Amministrazione. Anche qui il vecchio modello autoritativo e unilaterale attraverso il quale il pubblico potere si rapportava al cittadino si è gradualmente trasformato nel corso degli anni in un modello concordato, negoziato. La legge sul procedimento amministrativo prevede accordi in sostituzione di provvedimenti. Detto con un esempio: invece di espropriarti acquisto - 5 -

6 il tuo terreno concordando il prezzo. Questo modo di procedere oltre ad essere più democratico produce effetti positivi tangibili quali la diminuzione del contenzioso. Anche l Unione Europea, a partire dalla strategia di Lisbona passando dall Agenda sociale europea, lungo una sorta di fil rouge, ha esplorato e posto regole a tutela di vari soggetti o categorie che, per ragioni diverse, sono in qualche misura poste in un ruolo subalterno rispetto agli altri soggetti della comunità con cui interagiscono dalla parità di genere alla riduzione delle ineguaglianze sino alle pari opportunità. Ed infatti il 2007 è stato dichiarato Anno europeo delle pari opportunità per tutti proponendo tre finalità da perseguire nello sviluppo della società europea: - rendere i cittadini consapevoli dei loro diritti a non essere discriminati; - promuovere eguali opportunità per tutti nell accesso al lavoro, all istruzione e alla salute; - valorizzare le diversità. Il presupposto di queste azioni é che crescita economica e coesione sociale si rafforzano a vicenda interagendo tra loro. La questione in realtà affronta per singoli casi in maniera puntuale uno degli aspetti che potremmo considerare fondanti del concetto di democrazia nelle sue diverse aggettivazioni: - democrazia politica intesa come diritto di espressione delle minoranze; - democrazia economica che tende a porre regole in grado di garantire la libera espressione e il gioco economico delle parti, anche di quelle più deboli, rispetto ad una concezione economica che immaginava una capacità regolatrice autonoma del modello di sviluppo nella cosiddetta mano invisibile (in verità sempre meno invisibile e spesso sempre meno regolatrice); - ancora democrazia economica che sempre più tende a coinvolgere in processi di programmazione strategica e quindi in funzioni fino ad ora di carattere squisitamente pubblico sempre più larghe fasce della società civile fino al singolo cittadino che attraverso processi di programmazione dal basso assume un ruolo di soggetto attivo capace di esprimere proposte che possono poi divenire scelte strategiche di un territorio

7 - ed infine democrazia giuridica che nasce dal bisogno di garantire gli interessi generali contro quella che è stata definita l ideologia dello stato formale. Essa trae origine dal bisogno di una giustizia sostanziale per il superamento di un modello che potremmo definire di eguaglianza formale e ineguaglianza sostanziale (non vi è peggior disuguaglianza che trattare in maniera eguale soggetti diversi) e che nel tempo si è sviluppata anche sul piano contrattuale ad esempio in difesa dell imprenditore subalterno anche per corrispondere a modelli economici in cui insieme alla grande impresa possa convivere un sistema a volte atomizzato e nei casi più virtuosi di rete, di una pluralità di piccole e medie imprese la cui permanenza diviene fondamentale per l efficace funzionamento della stessa economia di mercato [pena dirigersi in breve tempo verso forme più spinte e non auspicate di capitale monopolista]. In questa direzione, si è mosso il Consiglio Europeo di Lisbona del marzo 2000 che ha posto all attenzione l esigenza di una radicale trasformazione dell economia europea dinanzi alla svolta epocale risultante dalla globalizzazione indicando nell integrazione dei mercati e nella responsabilità sociale delle imprese in materia di buone prassi una base imprescindibile per lo sviluppo. Nella materia che oggi qui si dibatte ci sono forse allo stato attuale meno tutele, non c è ancora una normativa organica. Ed allora ben vengano questi studi e confronti, necessari a fornire al legislatore quelle proposte da trasformare in norme affinché il cittadino, sia nella sua sfera pubblica che in quella privata possa agire in condizioni il più possibile paritarie. Tenendo ben presente che richiamarci all eguaglianza dei diritti ed adottare leggi per garantirli non è ancora abbastanza per garantire la prassi delle eguali opportunità se tutto questo non è accompagnato da un mutamento nella mentalità e nei comportamenti. Con queste brevi considerazioni introduttive porto i saluti della Provincia Autonoma di Trento che con l Università è promotrice nell ambito del Centro di Documentazione Europea, di questo interessante seminario e in particolare i saluti dell Assessore Salvatori che è stato trattenuto da imprevisti impegni istituzionali ed auguro agli autorevoli relatori e a tutti i partecipanti buon lavoro per la mattinata di oggi

8 Prof.ssa Daria de Pretis Professore Ordinario di Diritto Amministrativo Vice Preside della Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento Buongiorno. Porgo, come Vice Preside della Facoltà di Giurisprudenza, il saluto del Preside - che purtroppo è assente e mi ha pregata di intervenire in sua sostituzione - e di tutta la Facoltà. Per incarico del suo Direttore porgo anche il saluto del Dipartimento di Scienze giuridiche, il quale è coinvolto in primissima istanza in questa interessante iniziativa che riguarda la tutela del contraente debole nei rapporti d impresa. Si tratta di un tema tradizionale che nell incontro di oggi viene tuttavia calato dentro ad una prospettiva meno tradizionale, cioè la prospettiva del rapporto d impresa, e viene quindi considerato da un angolo visuale nel quale viene in evidenza, primariamente, il valore del mercato e della concorrenza. Vi è quindi da risolvere, dentro a questo contesto, lo iato profondo che si determina fra la concorrenza, da un lato, e l esigenza di proteggere, anche in questo ambito, il contraente più debole. Si tratta quindi una prospettiva particolarmente interessante, nella quale verranno in evidenza oggi questioni importanti e nuove. Il convegno costituisce infatti l approdo di una ricerca cofinanziata dal Miur e dall Università di Trento, condotta sotto la responsabilità scientifica del collega professor Gian Antonio Benacchio ed operativamente effettuata, sotto la sua direzione, dalla dottoressa Chiara Medici. Come forse qualcuno di voi già sa, vi sono stati dei problemi logistici, derivati dai problemi meteorologici di ieri, che hanno impedito la partenza degli aerei da Roma, con la conseguenza che i relatori romani che avrebbero dovuto essere con noi, con grande dispiacere loro e ovviamente anche nostro, non sono riusciti ad essere qui. Tuttavia la Facoltà di Trento, che ormai non è più così giovane, ha molte forze e con queste forze credo che il nostro incontro potrà essere condotto comunque fruttuosamente in porto, con i relatori presenti

9 Concludo, ringraziando la Provincia Autonoma di Trento che supporta l iniziativa odierna e tutti i colleghi che hanno contribuito alla sua realizzazione, in particolar modo Gian Antonio Benacchio e Chiara Medici, e auguro a tutti un proficuo e buon lavoro

10 Prof. Gian Antonio Benacchio Professore Ordinario di Diritto Privato Comparato Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento Ringrazio il dott. Loner per queste sue parole introduttive, parole particolarmente significative con le quali egli ha manifestato tutta l attenzione e l interesse che la Pubblica Amministrazione dedica al tema di questo seminario. In effetti, parlare di tutela dell imprenditore debole non vuol dire parlare solamente di una situazione di debolezza contrattuale nei rapporti tra due imprenditori, situazione che costituisce sicuramente l ipotesi più frequente di sudditanza nel mondo imprenditoriale, ma vuol dire anche parlare di debolezza contrattuale nei confronti di altre persone o soggetti al di fuori del mondo produttivo come, ad esempio, nei confronti della Pubblica Amministrazione la quale, dovendo tutelare interessi pubblici e collettivi, è obbligata ad assumere atteggiamenti o a pretendere determinate condizioni contrattuali che, a volte, possono mettere in difficoltà la controparte, l imprenditore, il quale di fronte alla prospettiva prendere o lasciare, è costretto ad accettare, suo malgrado, le condizioni proposte. Queste ed altre considerazioni che emergeranno nel corso della mattinata, sono state alla base dell idea, nata due anni fa, di svolgere una ricerca intitolata La tutela del contraente debole nel diritto comunitario e nazionale, con particolare riguardo agli strumenti di riequilibrio delle posizioni contrattuali nei rapporti tra professionisti, proprio allo scopo di individuare eventuali strumenti giuridici che possano rimediare ad una eccessiva sudditanza o inferiorità di una parte nei confronti dell altra e di riequilibrare, per quanto possibile, il sinallagma contrattuale. Grazie al contributo economico del MIUR e al Dipartimento di Scienze giuridiche dell Università di Trento, è stato possibile svolgere questo importante studio, che è stato condotto principalmente da Chiara Medici, dottoressa di ricerca e assegnista presso il nostro Dipartimento

11 Al presente seminario, dedicato alla presentazione dei risultati della suddetta ricerca, abbiamo invitato al tavolo dei relatori alcuni docenti e ricercatori universitari che si dedicano da tempo allo studio di questo tema, in modo da poter confrontare e discutere i risultati con persone altamente competenti e qualificate. Prima di dare la parola ai relatori, volevo sottolineare qualche aspetto del tema che abbiamo affrontato e in particolare volevo spiegare il richiamo, contenuto nello stesso titolo della ricerca, al diritto comunitario. Tale richiamo si giustifica per il fatto che all esigenza di una tutela dell imprenditore debole si è dimostrata particolarmente sensibile la Comunità Europea; anche se non possiamo dire che tale esigenza di tutela abbia avuto la sua origine storica nella Comunità, tuttavia l impulso e l iniziativa comunitaria sono stati fondamentali per lo sviluppo del tema e per la sua evoluzione giuridica. Penso, in particolare, all art. 82 del Trattato, articolo nel quale, allo scopo di garantire il libero gioco della concorrenza sul mercato europeo, viene vietato e represso l abuso di posizione dominante sul mercato. L impresa che, approfittando della sua situazione di dominanza sul mercato, che di per sé non costituisce alcun illecito, tuttavia ne abusa, cioè ne trae vantaggi che non derivano esclusivamente da una maggiore o migliore capacità organizzativa imprenditoriale, viene sanzionata dal diritto comunitario che reagisce a tale comportamento vietandolo, sancendo la nullità di eventuali contratti conclusi dall impresa, comminando sanzioni pecuniarie. Penso, inoltre, al fatto che la Comunità Europea si è sempre occupata, fin dagli anni 70 del secolo scorso, del contratto di franchising. Essendo infatti un contratto che, per sua stessa natura, si presta facilmente a dare vita a situazioni di abuso e di prevaricazione dell impresa leader nei confronti del piccolo commerciante o negoziante, la CE ha dettato una serie di regole molto precise in materia. Tali regole sono poi state alla base della recente legge italiana sul franchising (l. 6 maggio 2004, n. 129), che ha utilizzato come modello giuridico, oltre che altri atti in materia a carattere internazionale come le convenzioni, anche le numerose norme contenute nei regolamenti, cosiddetti di esenzione per categoria, emanati dalla Commissione europea. Ricordo, infine, la Direttiva sui ritardi nei pagamenti, n. 2000/35 CE, del 29 giugno 2000, che impone agli Stati di adoperarsi affinché le imprese,

12 che propongono pagamenti dilazionati, non ne approfittino imponendo alla controparte di accettare termini di adempimento eccessivamente lunghi che potrebbero metterla in difficoltà laddove dovesse subire le conseguenze della mancanza di liquidità. Da parte sua il legislatore italiano aveva iniziato ad occuparsi del tema del contraente debole già nel 1998, con la famosa legge sulla subfornitura (l. 18 giugno 1998, n. 192), una legge importante e che oggi sarà sicuramente evocata ed esaminata dai relatori, con tutti gli aspetti non solo positivi ma anche negativi che essa presenta. Ricordo poi, sempre a livello nazionale, la citata legge sul franchising, del 2004, ma anche la normativa sui ritardi nei pagamenti (d.lgs. 9 ottobre 2002, n. 231), che ha attuato la citata direttiva del In questa materia non abbiamo però soltanto interventi di carattere normativo, siano essi nazionali che comunitari, ma abbiamo anche alcune decisioni giurisprudenziali, in particolare della Corte di giustizia, particolarmente importanti o perché hanno offerto una interpretazione di alcune norme comunitarie in chiave di tutela dell imprenditore debole, o perché si sono dovute misurare con situazioni non espressamente regolate dalle norme. Mi limito a ricordare solo una di queste sentenze, la n. 453/99 del 20 settembre 2001 (caso Courage). La questione riguardava il contratto di vendita e distribuzione stipulato tra un produttore e un rivenditore di birra che la commercializzava attraverso una catena di pub e locali pubblici di proprietà del produttore e dati in locazione al rivenditore stesso che li gestiva direttamente. Nel contratto veniva determinato sia il prezzo dell affitto dei locali, sia il prezzo di acquisto della birra, prezzo vincolato per un certo periodo di tempo. Sennonché, dopo alcuni mesi, il gestore dei locali si rese conto che il prezzo di acquisto della birra era molto più elevato rispetto al prezzo praticato agli altri rivenditori dal medesimo produttore. Di conseguenza egli era costretto a praticare un prezzo al pubblico troppo elevato per essere sufficientemente remunerativo, con l ulteriore conseguenza di una diminuita capacità concorrenziale nei confronti dei suoi colleghi titolari di analoghi locali. Il giudice inglese, al quale il commerciante si rivolse per chiedere sia il risarcimento del danno al produttore di birra, sia l annullamento del

13 contratto dal momento che esso violava l art. 81 del trattato CE sul divieto di accordi restrittivi della concorrenza, si trovò in grossa difficoltà perché anche in Inghilterra (come del resto in Italia) vige il principio generale in base al quale chi stipula un contratto nullo per violazione di una legge non può poi lamentarsi e chiedere allo stesso contraente il risarcimento dei danni. Date queste incertezze, il giudice inglese decise di sospendere il procedimento e di rivolgersi alla Corte di giustizia per chiedere se il principio vigente in Inghilterra fosse conforme al trattato CE. La risposta della Corte di giustizia fu netta e precisa, in quanto affermò che, almeno per quanto riguarda l ambito della tutela della concorrenza, quel principio non avrebbe potuto trovare applicazione. In altre parole, un impresa, parte di un accordo che viola la concorrenza, sia che tale accordo ricada nel divieto dell art. 81 (cartelli tra imprese) sia che ricada nell art. 82 (abuso di posizione dominante), può sempre chiedere alla controparte il risarcimento dei danni, anche se ha stipulato il contratto con la consapevolezza della sua contrarietà alle norme comunitarie sulla concorrenza. Secondo la Corte di giustizia tale soluzione permetterebbe di dare maggiore efficacia alle norme sulla concorrenza nel senso che, se non fosse ammissibile il risarcimento del danno a favore della stessa parte che ha concluso il contratto, la funzione deterrente del risarcimento del danno verrebbe meno o verrebbe alquanto limitata. A dire il vero la sentenza non aveva avuto per obiettivo quello di tutelare l imprenditore debole, bensì quello di assicurare il rispetto delle regole della concorrenza e rendere più efficiente il sistema. Ma è chiaro che, indirettamente, sulla base di quel principio formulato dalla Corte, ne risulta tutelato anche l imprenditore debole: a seguito della decisione Courage, infatti, qualunque imprenditore che stipuli un contratto che viola la concorrenza, e in particolare gli articoli 81 oppure 82 del trattato, potrà chiedere non solo l annullamento del contratto ma anche il risarcimento del danno se dimostra che la controparte ha approfittato della sua maggiore forza contrattuale. Ciò significa, allora, che insieme all espresso divieto di concludere contratti con i quali si abusa della propria posizione dominante sul mercato e alle conseguenti sanzioni di natura pecuniaria, possono coesistere anche altri sistemi per tutelare la parte debole al di la dell intervento legislativo

14 diretto, intervento che non sempre si dimostra efficace. Pensiamo ad esempio, alla legge italiana sulla subfornitura la quale afferma che se il contratto non rispetta determinate condizioni, è nullo. Ma si tratta davvero di un modello efficiente? Siamo certi che il soggetto debole, dopo avere stipulato un contratto contenente clausole in contrasto con la legge sulla subfornitura si rivolgerà alla magistratura citando in giudizio l impresa? Siamo certi che questo sistema può funzionare in un mercato nel quale, se mi rivolgo alla magistratura, non solo non riuscirò più a stipulare contratti con quella stessa impresa ma corro il rischio di subire quella che si potrebbe definire una specie di sanzione sociale da parte delle altre imprese che appartengono alla stesso settore produttivo dell impresa che io ho denunciato? Quindi non sempre l intervento legislativo è auspicabile; a volte l intervento legislativo, quando è troppo invasivo, rischia addirittura di essere controproducente e, talvolta, anche dannoso. Ad esempio, è proprio di due settimane fa una sentenza della Corte di giustizia la quale, nel campo della tutela del consumatore inteso come contraente debole, afferma per la prima volta il principio in base al quale una clausola che è da considerare abusiva, ai sensi della direttiva 93/13, deve essere rilevata d ufficio dal giudice, anche se nessuna delle parti, e quindi lo stesso consumatore, abbia sollevato la questione. A mio parere questa soluzione fa sorgere forti perplessità perché il consumatore, anche se parte debole, può avere mille motivi per non vedersi annullato il contratto, e mantenerlo invece in vigore nonostante l esistenza di una clausola a lui sfavorevole e quindi potenzialmente invalida. Fatto sta che questa è la soluzione che ha dettato la Corte di giustizia e che sarà vincolante per tutti i giudici italiani ed europei i quali, di fronte ad una clausola abusiva in un contratto tra un imprenditore e un consumatore, non potranno più non rilevare d ufficio tale nullità, anche se la parte interessata non l ha fatta valere. Uno dei problemi che oggi potrebbe emergere dalle relazioni, è proprio quello che riguarda il seguente dilemma: fino a che punto bisogna spingersi per tutelare la parte più debole? Fino a che punto è da considerare debole una parte? Fino a che punto lo Stato può o deve intervenire per riequilibrare la posizione contrattuale tra due imprenditori?

15 Non condivido la giustificazione anti-interventista che qualcuno propone, secondo me in modo un po anacronistico, fondata sulla considerazione che il contratto è pur sempre espressione di un libero accodo tra le parti e che bisogna salvaguardare il principio della libertà contrattuale. Questo è vero fino a un certo punto perché non si può negare che talvolta, in realtà, tale volontà se non è proprio viziata, cioè affetta da errore o violenza, quanto meno è una volontà pesantemente condizionata dalla forza dell altra parte o dalla necessità di stipulare un contratto per evitare problemi maggiori alla propria azienda (necessità di far fronte ad impegni economici con altre controparti, necessità di avere a disposizione liquidità per pagare il personale ecc.). Quindi, se non proprio viziata, la volontà può essere fortemente condizionata. A mio avviso si dovrebbe, invece, ricercare e valorizzare alcuni rimedi che, pur salvaguardando la libertà contrattuale, possano non tanto favorire un riequilibrio contrattuale quanto disincentivare un imprenditore ad abusare della maggiore forza contrattuale o a violare le regole della concorrenza, limitando al tempo stesso l intervento autoritativo statale. Come abbiamo accennato sopra, non sempre i rimedi più adatti sono quelli che attribuiscono ad una norma la funzione sanzionatoria, ma ci potrebbero essere altri sistemi per i quali varrebbe la pena di dedicare qualche riflessione. Per esempio, oltre alla soluzione suggerita dal citato caso Courage, si potrebbe approfondire anche l ipotesi che sia un cittadino, anziché uno degli imprenditori coinvolti nell accordo anticoncorrenziale, a rivolgersi al giudice per chiedere i danni conseguenza dell accordo medesimo, lesivo della concorrenza, facendo così emergere e sanzionare tale comportamento. Infatti, molto spesso l imprenditore debole, costretto a subire le conseguenze economiche della sua limitata od inferiore capacità contrattuale e quindi costretto a stipulare un contratto a condizioni poco remunerative, tenderà a recuperare tale maggior onere economico riversandolo sul contraente finale, aumentando dunque il prezzo del prodotto o del servizio. Se al cittadino viene concesso il diritto di agire, nei confronti delle imprese che hanno partecipato all accordo lesivo della concorrenza, per chiedere il risarcimento del danno che egli ha subito, potrebbe questo costituire un ulteriore strumento volto a disincentivare sia accordi fraudolenti sia accordi che comportano l abuso di una più forte posizione contrattuale?

16 Ma a questo punto mi fermo, chiudo la mia presentazione del seminario e lascio la parola alla professoressa Pasquino che si è prestata a coordinare la discussione della giornata, augurando un buon lavoro a tutti i partecipanti

17 Prof.ssa Teresa Pasquino Professore Associato di Istituzioni di Diritto Privato Facoltà di Giurisprudenza Università degli Studi di Trento INTRODUZIONE AL CONVEGNO LA TUTELA DEL CONTRAENTE DEBOLE NEI RAPPORTI TRA IMPRESE Ringrazio gli organizzatori di questo convegno per l opportunità che mi viene data di coordinarne i lavori e mi compiaccio per la sicura rilevanza dell iniziativa. Per affrontare compiutamente il tema di questo incontro, appare utile prendere le mosse dall indagine volta a rinvenire nel nostro sistema del diritto generale dei contratti una nozione di parte contraente debole. E agevole, al riguardo, rilevare come, prima dell introduzione nel nostro sistema del diritto dei contratti dei consumatori, né nelle norme dedicate al contratto in generale, contenute nel Codice civile, né in quelle, di volta in volta, contemplate nelle leggi speciali fosse possibile trovare traccia della locuzione parte contraente debole : tutt altro, il concetto di parte del contratto è stato sempre tenuto scevro da qualsiasi connotato soggettivo, assumendo, invece, esclusivo rilievo il riferimento alla parte del contratto come centro di imputazione degli interessi perseguiti. Secondo una impostazione tradizionale, le parti, in quanto centri di imputazione di interessi concreti, in ossequio al principio dell autonomia contrattuale sancito nell art c.c., sono gli unici artefici dell assetto che il regolamento contrattuale deve raggiungere per il perseguimento del risultato economico-sociale che esse si sono prefissate, a prescindere da qualsiasi considerazione circa la giustizia o l equità dello scambio, con i soli limiti rappresentati dal perseguimento di interessi meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico ed entro i margini della lesione

18 ultra dimidium, la quale darebbe luogo alla rescissione del contratto. Neppure nell ambito della disciplina dedicata alle Condizioni generali di contratto all interno del Codice civile si è avuta attenzione e si è posto il problema di fornire tutela ad una parte contraente debole; tutt altro, nell ambito della contrattazione di massa, con gli artt e 1342 c.c. si è inteso piuttosto dare seguito al bisogno di assicurare l uniformità del contenuto del contratto, in considerazione delle difficoltà di instaurare trattative con tutti i possibili contraenti e dell esigenza di semplificare l organizzazione e la gestione delle imprese. Il che equivale a dire che si è voluto tenere in considerazione piuttosto la tutela del contraente forte. Prova ne è il rimedio, di carattere meramente formale, apprestato nell interesse dell aderente e consistente nella declaratoria della inefficacia e/o nullità delle clausole non conosciute o non conoscibili e di quelle vessatorie in mancanza di esplicita approvazione per iscritto; maggior prova, è l abuso che di tale tutela meramente formale hanno fatto proprio i contraenti forti. Questi brevi riferimenti per ribadire che nel nostro sistema, per poter considerare la rilevanza del concetto di parte contraente debole, si è dovuto attendere il recepimento della normativa comunitaria emanata a tutela del consumatore; peraltro, con la dovuta precisazione che né il diritto comunitario in materia di tutela del consumatore né la relativa legislazione di attuazione si sono spinti fino al punto di dare ingresso e rilevanza esplicita al concetto di parte contraente debole, optando, in senso più o meno consapevolmente contrario, per una nozione di contraente debole esclusivamente circoscritta e quasi riservata al consumatore, soggetto persona fisica che agisca per scopi del tutto estranei allo svolgimento della sua attività. Da qui la questione, che si è immediatamente posta in dottrina ma che si è autorevolmente affrontata anche in giurisprudenza, della possibilità di estendere tale nozione e, dunque, la particolare tutela ad essa ricollegata, anche a soggetti dell ordinamento diversi dai consumatori. Il dibattito sul punto è ancora oggi nel vivo della discussione. Dal canto suo, la giurisprudenza, a qualsiasi livello, appare attestata su posizioni rigide ed opera una interpretazione delle norme nel senso di escluderne una interpretazione estensiva. E, tuttavia, non senza qualche contraddizione : come si può rinvenire, infatti, nella sentenza della Corte di giustizia europea del 22 novembre 2001 (C-541/99 e C-542/99), laddove,

19 dopo aver espressamente escluso che un soggetto diverso da una persona fisica non può essere considerato consumatore, in parte motiva, riconosce testualmente che la legislazione è finalizzata a proteggere la parte contraente più debole. Analogamente, qualche riserva è possibile avanzare con riguardo alla sentenza n. 469 del 22 novembre 2002 con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità dell allora art bis c.c. (ora art. 33 del D. Lgs. 6 settembre 2005, n. 206), ritenendo che la nozione di consumatore, riservata esclusivamente alla persona fisica e non anche alle piccole imprese ed a quelle artigiane, non fosse in contrasto con gli artt. 3, 35 e 41 della Costituzione, ma valutando ragionevole la scelta restrittiva del legislatore sulla base della mancanza della necessaria competenza per negoziare : il che può essere comune anche ad un soggetto diverso dalla persona fisica. In buona sostanza, pur rinvenendo la ratio obiettiva della legislazione consumeristica nella mancanza della competenza per negoziare, il che si traduce in uno squilibrio di diritti e di obblighi in seno al contratto, la giurisprudenza omette di compiere l ulteriore passaggio che imporrebbe l art. 12 delle Disp. sulla legge in generale, il quale, dinanzi alla identità di ratio, obbliga il giudice a ricorrere all applicazione analogica della disciplina esistente. Sarebbe, allora, più utile ed opportuno - al fine di rinvenire anche in soggetti diversi dalle persone fisiche la parte contraente debole - spostarsi dall ambito soggettivo a quello obiettivo, avendo maggiore riguardo al profilo funzionale dell operazione contrattuale, in modo tale da consentire un tipo di valutazione delle norme di tutela riservata ai consumatori alla stregua della disciplina dell atto di consumo nonché come norme ordinamentali dei cc.dd. mercati finali, vale a dire, come disciplina volta a restituire trasparenza ed equilibrio all interno delle relazioni contrattuali espresse da quei mercati. Una tale impostazione potrebbe condurre l interprete ad una più agevole interpretazione estensiva della disciplina dei contratti dei consumatori anche al sistema dei contratti tra imprese, posto che con riguardo a tali rapporti contrattuali entrano in giuoco non solo asimmetrie informative ma anche altre forme di squilibrio di potere, che non è solo squilibrio sinallagmatico, disparità di diritti e di obblighi, ma anche e soprattutto disparità di potere economico

20 Soccorre all assenza di tale forma di attività ermeneutica una normativa specialistica di settore con cui il sistema ha visto colmare talune sue lacune ma che non ha mancato di aprire nuovi dibattiti : ad essi è dedicata l apertura dei nostri lavori, sicché, ringrazio tutti dell attenzione che mi avete riservata e cedo volentieri la parola ai relatori qui convenuti per gli approfondimenti del tema che oggi affrontiamo

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Disciplina del franchising N. 768. d iniziativa del deputato CARLUCCI. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 768 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARLUCCI Disciplina del franchising Presentata il 6 maggio 2008 ONOREVOLI COLLEGHI! Ilfranchising,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto. dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI

Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto. dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI Introduzione a cura del Consiglio Direttivo Anacam all articolo redatto dall Avvocato Alessandro Berliri per l incontro ANACI Forte Village 21-22 settembre 2007 ANACAM, la principale associazione di categoria

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea?

Quali sono gli effetti concreti della decisione della Corte di Giustizia Europea? La corte di Giustizia Europea dichiara che la legislazione italiana in materia di contratti a termine per il personale della scuola OSTA con la normativa comunitaria La Corte di Giustizia Europea dichiara

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO

Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori DOCUMENTO DI LAVORO PARLAMENTO EUROPEO 2009-2014 Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori 26.10.2009 DOCUMENTO DI LAVORO relativo alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina

26Primo piano. 52 Giurisprudenza. 102 Speciale AL VIA LE AZIONI SINDACALI. Bilancio Fpa. Il caso Global. Intervista Senatore Divina Anno XV n. 85 Settembre Ottobre 2010 Pubblicazione Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione AL VIA LE AZIONI SINDACALI 26Primo piano Intervista Senatore Divina 52 Giurisprudenza Il caso Global 102 Speciale

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015

Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Conclusioni del Garante europeo per la protezione dei dati innanzi al Tribunale dell Unione Europea Caso T-343/13 Lussemburgo, 24 Marzo 2015 Signori Giudici del Tribunale, Nelle conclusioni di questa mattina,

Dettagli

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG

ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG ESPERTI IN FINANZIAMENTI PER LA FARMACIA APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG APOFIN SOCIÉTÉ DE FINANCEMENT SA FINANZIERUNGSGESELLSCHAFT AG Avete un progetto d installazione, acquisto,

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper

Marzo 2015. Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Marzo 2015 DDL Concorrenza e novità in tema di fondi pensione Federico Strada, Senior Counsel, dipartimento Employment, Carlotta Benigni, Associate, dipartimento Tax, DLA Piper Il cosiddetto Disegno Di

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Raffaele Di Raimo Ord. IUS 01, Università del Salento. gli interventori a me precedenti hanno dedicato al ruolo dei dipartimenti

Raffaele Di Raimo Ord. IUS 01, Università del Salento. gli interventori a me precedenti hanno dedicato al ruolo dei dipartimenti Raffaele Di Raimo Ord. IUS 01, Università del Salento. Poche battute per tre sintetiche notazioni. 1) La prima si colloca a valle delle numerose osservazioni che gli interventori a me precedenti hanno

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA

LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI LAVORATORI E DELLE PERSONE NELL UNIONE EUROPEA Perché si parla di libera circolazione dei lavoratori e delle persone? Sono due aspetti distinti? Al momento della sua nascita,

Dettagli

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I

Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I CORSO DI DIRITTO COMUNITARIO IL NOTAIO TRA REGOLE NAZIONALI E EUROPEE Il progetto di Regolamento sulle obbligazioni contrattuali, Roma I Alfredo Maria Becchetti Notaio in Roma Componente Commissione Affari

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La gestione della safety: l evoluzione del quadro normativo dott. Matteo Rossi Benevento, 26 febbraio 2008 La sicurezza sul lavoro: fra sicurezza sociale e obiettivo aziendale

Dettagli

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda

Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042. Avv. Ivan Tosco, PhD. Studio Legale Secci & Medda Attuazione della direttiva 2010/63/UE e procedura di infrazione della Commissione 2013/0042 Avv. Ivan Tosco, PhD Studio Legale Secci & Medda 1 XXIII CONGRESSO NAZIONALE GIQAR Ospedaletto di Pescantina

Dettagli

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it

RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it RSPP e datore di lavoro: l'ingerenza determina responsabilita' penale Ipsoa.it Stefano Maria Corso In tema di prevenzione dagli infortuni sul lavoro chiunque, in qualsiasi modo abbia assunto una posizione

Dettagli

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità

LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità LA REVISIONE LEGALE DEI CONTI La continuità aziendale Novembre 2013 Indice 1. Introduzione 2. La responsabilità della Direzione 3. La responsabilità del revisore 4. Gli indicatori per valutare la continuità

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento

Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento Corso di Diritto civile, A.A. 2014-2015 Prof. Giuseppe Vettori 7 ottobre 2014 Mario Mauro I contratti di distribuzione I contratti di distribuzione

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

FORMARE IL NO PROFIT

FORMARE IL NO PROFIT FORMARE IL NO PROFIT Iniziativa finanziata ai sensi della Legge n. 383 del 2000 art. 12 lett d), annualità 2007 Corso di formazione e aggiornamento Pescara 21-24 maggio 2009 Argomenti : Ciclo CIVILE AMMINISTRATIVO

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità TESTATA: 247.LIBERO.IT TITOLO: Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità 23/11/12 Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue:

Ordinanza. Contesto normativo. 3 I considerando 14 e 15 del regolamento n. 261/2004 enunciano quanto segue: Corte di Giustizia UE, Quinta Sezione, ordinanza 14 novembre 2014, causa C-394/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Regolamento di procedura Articolo 99 Trasporto aereo Regolamento (CE) n. 261/2004 Ritardo prolungato

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato

Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Roma, 14 maggio 2014 Senato della Repubblica, VII Commissione Audizione del Forum delle associazioni familiari sul ddl n. 1260 atti Senato Sistema di educazione e istruzione per la prima infanzia Alcune

Dettagli

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014

Corte D Appello di Milano, Sez. Lavoro, sentenza n. 1410 pubblicata il 6 maggio 2014 PREVIDENZA SOCIALE Contributi previdenziali per soci amministratori di s.r.l.: l obbligo di doppia iscrizione non è automatico. a cura di Massimo Compagnino Il presupposto per l iscrizione nella gestione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NARDUCCI, DI BIAGIO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2776 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NARDUCCI, DI BIAGIO Princìpi generali concernenti l informazione italiana per l estero e

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario.

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. L attuale quadro normativo sulla libera professione prevede la possibilità di esercizio dell attività

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo di assicurazione agli iscritti all Ordine degli ingegneri (art. 3, comma 5, lettera e) del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE

XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE XV CONGRESSO UNIONE CAMERE PENALI ITALIANE Venezia 19, 20 e 21 settembre 2014 OSSERVATORIO PER LE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE 2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO DAL SETTEMBRE 2013 AL SETTEMBRE 2014

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I Organizzazione dell impresa: il franchising e e la tutela dell affiliato

SOMMARIO. Capitolo I Organizzazione dell impresa: il franchising e e la tutela dell affiliato SOMMARIO PARTE PRIMA Capitolo I Organizzazione dell impresa: il franchising e e la tutela dell affiliato 1. Globalizzazione delle formule commerciali e le nuove esigenze delle imprese; contrazione della

Dettagli

Economia del benessere

Economia del benessere Economia del benessere 1 Mercato e Stato Il problema principale che si pone è come e in quali condizioni i risultati economici che possono essere conseguiti attraverso il mercato garantiscono il rispetto

Dettagli

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO

Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Firenze, 28/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: LE NOVITÀ DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO Il ravvedimento operoso è un utile istituto che, da oltre 15 anni, permette ai contribuenti di rimediare spontaneamente

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CBL Distribuzione S.r.l. nel quadro del programma di adempimenti ex art. 12.2, della delibera AEEG del 18 gennaio 2007, n 11/07 e ss. mm. e ii. Adottato dal Gestore Indipendente

Dettagli

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA

AVV. LUCIA CASELLA Patrocinante in Cassazione. AVV. GIOVANNI SCUDIER Patrocinante in Cassazione AVV. ROBERTA PACCAGNELLA I testi delle Circolari dello Studio si trovano nel sito www.casellascudier.it 1 2 Il Certificatore Energetico: una nuova professione? Padova, 25 giugno 2010 Sono moltissime, ed assai varie, le questioni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

L arbitrato internazionale: perchè e come

L arbitrato internazionale: perchè e come 12 PROMOZIONE FIRENZE n.1, gennaio/giugno 2006 L arbitrato internazionale: perchè e come * Professore ordinario dell Università di Firenze; Avvocato Vincenzo Vigoriti * I - L arbitrato è l istituto che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso

Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 10 agosto 2004 Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE 117/E Oggetto: Mandato senza rappresentanza alla locazione di immobili ad uso turistico - Trattamento, ai fini IVA, delle somme

Dettagli

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003

Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 Convegno Cesifin Responsabilità dell intermediario assicurativo Firenze, Palazzo Incontri, 4 luglio 2003 NOTE CONCLUSIVE Fausto Marchionni Gli intermediari assicurativi svolgono un ruolo centrale nella

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile

A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile SENATO DELLA REPUBBLICA II COMMISSIONE PERMANENTE GIUSTIZIA A. S. 1612 Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell arretrato in materia di Processo Civile BREVI

Dettagli

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05

approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 MASTER ITALIA S.p.A. approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 31/07/05 PREMESSA Questo codice etico, redatto volontariamente da Master Italia S.p.A. e approvato dal suo consiglio di amministrazione,

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

GIUSTIZIA - MEDIAZIONE: NASCE IL SINDACATO DEI MEDIATORI DI QUALITA CERTIFICATA. ROMA 13 dicembre 2012

GIUSTIZIA - MEDIAZIONE: NASCE IL SINDACATO DEI MEDIATORI DI QUALITA CERTIFICATA. ROMA 13 dicembre 2012 GIUSTIZIA - MEDIAZIONE: NASCE IL SINDACATO DEI MEDIATORI DI QUALITA CERTIFICATA ROMA 13 dicembre 2012 In occasione dell evento Il futuro della mediazione in Italia: un protocollo a garanzia della qualità

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI

23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI 23 - INDICE DELLA MATERIA ARCHIVI E GESTIONE INFORMATIZZATA DEI DOCUMENTI E248 Il sistema di protocollo informatico nella gestione degli archivi delle P.A.... pag. 2 E344 Le regole tecniche in materia

Dettagli

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne

Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato, riprende la ormai perenne QUANDO L ORARIO DI LAVORO E ARTICOLATO IN TUR- NI SECONDO LA DISCIPLINA CONTRATTUALE Periodicamente, in genere a seguito di sentenze, in particolare della Corte di Cassazione o del Consiglio di Stato,

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

Intervento avv. Alessandra Carozzo, Presidente dell Associazione Avvocati Amministrativisti del Piemonte.

Intervento avv. Alessandra Carozzo, Presidente dell Associazione Avvocati Amministrativisti del Piemonte. ASSOCIAZIONE AVVOCATI AMMINISTRATIVISTI DEL PIEMONTE ADERENTE ALL'UNIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI AMMINISTRATIVISTI WWW.AVVOCATIAMMINISTARTIVISTIPIEMONTE.ORG Torino, 17 febbraio 2015 Inaugurazione Anno

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

1. Analisi della disciplina vigente: La legge Nazionale

1. Analisi della disciplina vigente: La legge Nazionale Parere sulla Proposta di Legge Regionale n. 673 relativa al trasporto pubblico non di linea (servizio di taxi e di autonoleggio con conducente) approvata dal Consiglio regionale del Lazio il 24 novembre

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione

La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione La tutela del passeggero nel processo di liberalizzazione Avvocato Gianluca Lo Bianco Direttore Analisi Giuridiche e Contenzioso ENAC Il Reg. (CE) n. 261/2004 Il reg. (CE) n. 261/2004 dell 11 febbraio

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio

Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Intervento del Signor Ragioniere Generale dello Stato dott. Mario Canzio Convegno su Processi di decentramento e rilancio dello sviluppo. Investimenti pubblici, infrastrutture e competitività Banca Intesa

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli