Piano di Governo del Territorio ( P.G.T.) Proposte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Governo del Territorio ( P.G.T.) Proposte"

Transcript

1 Associazione Albergatori Bormio A.B.C. Associazione Commercianti Bormio Associazione Artigiani Piano di Governo del Territorio ( P.G.T.) Proposte Il PGT è lo strumento amministrativo che consente di 1. eliminare le negatività che impoveriscono l offerta turistica e commerciale, 2. migliorare l immagine e la percezione del territorio sul mercato, 3. consentire agli operatori di recuperare prezzi medi maggiormente remunerativi, 4. dare nuovo impulso all attività alberghiera e commerciale. Obiettivo raggiungibile qualora il bormiese fosse vissuto e gestito quale comprensorio unico, sovraccomunale e quindi un PGT unico investisse tutti i comuni del bormiese ( Bormio- Valdidentro-Valdisotto-Valfurva) e non solo Bormio. La contiguità dei 4 Comuni è tale che le scelte di un Comune, se non coordinate con quelle dei confinanti, finirebbe per incidere sulla percezione, quindi sull immagine, non solo degli altri Comuni, ma anche dell intero comprensorio. Perché l immagine di Bormio e di ogni Comune, quindi del Bormiese, non discende solo dai singoli territori comunali, ma dall intero comprensorio percepito dal mercato come un unicum omogeneo. Mercato che turisticamente non percepisce, e non giustifica, i confini amministrativi tra i Comuni. La skiarea, comune di Valdisotto, è vissuta dal mercato come valore aggiunto di tutto il Bormiese, al pari dei Bagni, comune di Valdidentro. Il traffico generato dai proprietari II casa di Valdidentro e Valdisotto, ghettizzati in residence ai margini dell abitato di Bormio e privi di adeguati servizi, pertanto obbligati a far la spola con Bormio per ogni esigenza, incide negativamente sul traffico e sulla vivibilità di Bormio, quindi sulla sua immagine. Anche se Bormio dovesse decidere di bloccare la costruzione di nuove II case, non ricaverebbe alcun vantaggio tangibile, se contestualmente i comuni vicini continuassero nella dissennata strategia immobiliare. Pertanto si auspica un PGT unico o quantomeno 4 PGT tra loro coordinati. Situazione L offerta ricettiva e commerciale del bormiese continua ad impoverirsi sia quantitativamente che qualitativamente. 1

2 Gli Alberghi diminuiscono in quantità non rimpiazzati da nuove realizzazioni, diminuiscono i posti letto. Meno alberghi significa meno offerta turistica, meno forza imprenditoriale, meno capacità di stare sul mercato turistico, meno capacità di affrontare e vincere la concorrenza, meno supporto alle attività commerciali e artigianali. Meno alberghi e più II case significa meno turnover della clientela, quindi riduzione anche della domanda commerciale e artigianale. L offerta ricettiva e commerciale, sia quantitativa che qualitativa, misura la capacità di una località turistica di stare sul mercato, indipendentemente dagli altri servizi. Più gli Hotel e le attività commerciali presentano una offerta qualitativamente non in linea con il trend della domanda, più il territorio rischia di uscire dal mercato turistico. La Qualità degli alberghi diminuisce perché i margini di contribuzione, poco remunerativi, non consentono di procedere ai dovuti miglioramenti ed alle dovute ristrutturazioni incrementando così il gap con la concorrenza. Se diminuisce la Qualità degli Hotel, diminuisce la Qualità della domanda, quindi la capacità di spesa, con ripercussioni negative anche sulle attività commerciali. Più diminuisce la qualità della clientela più gli albergatori non riescono ad affrontare con determinazione il mercato, costretti ad accettarlo passivamente per di più a prezzi non remunerativi. Prezzo Per rilanciare le attività alberghiere e commerciali, quindi l offerta turistica del territorio, non si può prescindere dall aumento dei Prezzi Medi al fine di consentire agli operatori di recuperare margini di contribuzione più ampi. Gli hotel del bormiese offrono uno standing in linea con le località più conosciute. Eppure, a parità di servizi e di categoria ricettiva, un hotel del Bormiese recupera un prezzo inferiore di un buon 30/40% a quello pagato per un pari grado, in Val Gardena o in Val Badia, nonostante gli investimenti iniziali e i costi di gestione siano gli stessi. I Prezzi nel turismo, a differenza degli altri settori economici, non dipendono direttamente dalla qualità del servizio offerto dall albergo, ma dall immagine globale della località, da come quella località è percepita dal mercato. Valbadia e Valgardena possono praticare, in questo momento,prezzi superiori a parità di categoria ricettiva perchè l immagine turistica è nettamente superiore a quella di Bormio e del bormiese. Dall immagine, quindi dalla percezione sul mercato, discendono il prezzo medio praticabile nonché il target di clientela e la sua capacità di spesa sia negli alberghi, che nei servizi e nelle attività commerciali e artigianali. 2

3 Immagine L Immagine NON è figlia della Pubblicità e della Promozione, ma solo della qualità dei servizi, pubblici e privati, offerti nel comprensorio, quindi della percezione che il mercato ha della località. Il mercato sceglie prioritariamente quelle località con servizi e immagine migliori, in linea con gli stereotipi e l immaginario della montagna, anche se il prezzo è superiore. Al bormiese, carente di qualità e di percezione positiva, è rimasta oggi la domanda residuale, a prezzi residuali, nonostante una offerta turistica che non ha eguali al mondo 1. Sci 12 mesi all anno 2. Acque termali naturalmente calde con 3 stabilimenti termali, l unica località montana a sud delle Alpi con questa offerta. 3. Centro storico medioevale 4. Parco Nazionale, il più grande d Europa 5. Centro del sistema viario alpino più suggestivo ed imponente delle Alpi : Stelvio- Umbrail-Gavia-Foscagno- Forcola- Bernina Mortirolo e nonostante nell ultimo decennio gli impianti di risalita si siano completamente rinnovati, la capacità di trasporto si sia triplicata, le piste siano state livellate e servite da un impianto di innevamento programmato da 3000 mt fino a 1220 mt., si siano recuperati i vecchi alberghi termali chiusi da trent anni e sia esplosa l offerta termale. Nonostante questi servizi che hanno profondamente rivoluzionato l offerta e questi plus che nessun altro territorio possiede, il bormiese ha perso d inverno la clientela tedesca, ha visto ridursi quella inglese, non ha più la tradizionale clientela italiana della settimana bianca, quella disposta a spendere qualcosa in più purchè supportata da adeguati servizi, e si deve accontentare della domanda dell est a prezzi non remunerativi, salvo la domanda russa. Situazione non diversa d estate dove è venuta meno la clientela tradizionale caratterizzata da soggiorni alberghieri più lunghi, soppiantata da una domanda mordi e fuggi con minore capacità di spesa. Bormio,oggi, anche se molto conosciuta quale stazione agonistica, non è mai citata tra le 10 maggiori destinazioni Turistiche italiane, in quanto carente dei necessari appeal turistici Perché è peggiorata l immagine, perché si è affievolita la percezione del bormiese, perché l immagine discende più dagli aspetti soft, che non da quelli hard, e il bormiese dispone di qualificata offerta hard mentre è molto più debole invece su quella soft : pulizia delle strade e del paese, viabilità scorrevole e senza intoppi, aria pulita, assenza di smog, parcheggi ordinati, ZTL,trasporti pubblici efficienti, marciapiedi non sbrecciati, cura esterna delle case, ordine architettonico nonché arredo urbano in linea con gli stereotipi della montagna, senso di confort e di benessere frutto della organizzazione logistica della stazione, senso di pace e di serenità per contrastare il caos ed i rumori di ogni giorno in città, passeggiate e sentieri segnalati ed attrezzati. In sintesi : vivibilità, ordine,cura, sicurezza. 3

4 PGT : proposte 1. Blocco II case Il blocco delle seconde case si rende necessario per : a. recuperare l attenzione del residente sull investimento imprenditoriale di medio e lungo termine distogliendolo dalla sirena rappresentata dalla speculazione immobiliare b. pervenire ad una densità abitativa controllata per dimensionare i servizi in funzione della domanda. c. arrestare l incremento del traffico e lo smog conseguente d. rendere più vivibile il paese e. migliorarne l immagine, quindi consentire agli operatori, (albergatori-commerciantiartigiani-gestori di servizi etc) di recuperare prezzi maggiormente remunerativi. 2. Viabilità & Vivibilità Interventi finalizzati a decongestionare il centro paese dal traffico, riducendo al minimo lo smog per migliorare la vivibilità del paese : 1. realizzazione del By Pass per Valdidentro-Livigno attraverso Santa Lucia-Le Motte ( già finanziato e appaltato ) 2. realizzazione, altezza Villa Rina-Nuovo Supermercato, di una rotonda con tangenzialina verso la funivia attraverso un terzo ponte sul Frodolfo per facilitare l accesso a Combo ed alla Zona Funivia, decongestionando l ingorgo che si forma al Ponte dell Eden tra le correnti viarie che provengono contestualmente da Valfurva e dalla funivia nelle giornate di punta 3. riduzione dell ingorgo davanti alla stazione Perego vietando di curvare verso sinistra a quanti provengono da nord diretti verso zona funivia e Valfurva obbligandoli a continuare sulla ss38, inserendosi sul III Ponte. 4. all allargamento della strada dell Alute,( Cimitero-Capitania) vincolato al divieto di qualsiasi nuova costruzione ai lati del tracciato, per decongestionare il centro dal traffico pendolare verso la ski area e realizzando nel contempo un percorso pedonale sostitutivo. 5. in alternativa, applicazione dell ordinanza che consente al traffico pendolare di raggiungere la funivia direttamente dalla SS 38 ( svincolo Capitania) creando un senso unico alternato ad orari predefiniti. 6. creazione di una rotonda sulla SS 38 all altezza del Bar Alpenrose e Albergo Nazionale 3.Trasporti & Parcheggi Il miglioramento della Viabilità & Vivibilità non può prescindere da una limitazione del traffico privato su gomma interno al paese, coordinato con un contestuale miglioramento del sistema Trasporti & Parcheggi, che scoraggi l uso della auto privata, implementando nel contempo la realizzazione di garage interrati : 4

5 sviluppo trasporti pubblici comunali e intercomunali ad orario fisso e su tragitto fisso con allestimento di piazzole ah hoc nei punti di maggiore carico-scarico ( Zona Funivia ad esempio) al fine di limitare l intasamento al traffico veicolare. creazione di una rete di trasporti a chiamata, quindi ad orario variabile e tragitto variabile. realizzazione di un Parking interrato in Via V Alpini per favorire anche il recupero delle abitazioni del Centro Storico. favorire la creazione di depositi sci & scarponi, in Zona Funivia, da riservare ai clienti degli hotel ed ai turisti abituali, al fine di scoraggiare l uso dell auto e promuovere la trasferta a piedi residenza-ski area vincolare ad area verde attrezzata e/o parcheggi l area contigua alla funivia ed al Cimitero per consentire la creazione di adeguate aree di sosta e di smistamento del traffico soprattutto nelle ore di punta. 4.Arredo Urbano Gli interventi di Arredo Urbano si compongono di due progetti, uno specifico mirato al recupero ed abbellimento del Centro Storico, l altro indirizzato al miglioramento dell ordine e della pulizia. Centro Storico Gli interventi mirati al recupero del Centro Storico ( Via Roma, Piazza Cavour, Via De Simoni, Via della Vittoria ) non possono prescindere dal ripopolamento dell area, oggi poco abitata. Non si può recuperare il Centro Storico se non si creano le condizioni perché i residenti rioccupino le loro case e non si creano le condizioni per rioccupare gli spazi commerciali, rinnovando i negozi e facendo nascere anche nuovi punti di aggregazione ( bar, sale da Tè, pasticcerie etc) e nuove attività commerciali, irrinunciabili per il rilancio turisticocommerciale di Bormio: tinteggiatura facciata case sulla falsariga del lavoro già fatto in Piazza Cavour omogeneizzazione insegne commerciali ( ferro battuto o legno) apertura nuovi negozi apertura nuovi punti di aggregazione posa fioriere Ordine & Pulizia Contestualmente è necessario procedere a tutti quegli interventi che consentano di offrire una immagine di paese pulito ed ordinato, base della domanda turistica : posa di cassonetti-contenitore in legno per depositare i sacchi dei rifiuti, oggi desolatamente abbandonati sulla strada rifacimento e cura dei marciapiedi,dei percorsi pedonali e delle strade puntuali ed immediati interventi di sgombero neve in inverno prevenendo la formazione di ghiaccio,soprattutto sui marciapiedi e percorsi pedonali. costanti e continui interventi di pulizia di strade e piazze cura del verde negli spazi e nei giardini pubblici. 5

6 5.Fruizione ambientale Una destinazione turistica montana non può prescindere da una costante e continua attenzione alla progettazione, gestione e miglioramento della Fruizione ambientale La peculiarità del bormiese ( territori comunali contigui ) impone una progettazione unitaria ed omogenea con i Comuni vicini e necessariamente coordinata dalla Comunità Montana in merito a passeggiate attrezzate con panchine ed aree di sosta soprattutto in fregio al Frodolfo ed all Adda piste ciclabili sentieri & percorsi MTB segnaletica 6. Remunerazione Servizi Turistici & Posti Letto ad alto turnover, I.C.I., I Servizi Turistici del Bormiese ( Impianti di risalita-sistema Termale-Ristoranti- attività commerciali etc- ) cui dipende in larga parte la motivazione della domanda turistica, sono dimensionati per la domanda di punta( 50 gg all anno) e soffrono perché sottoutilizzati nei giorni feriali e negli altri periodi ( 250 gg). D altro canto, senza servizi turistici, verrebbe meno anche la domanda attuale.per sostenere i servizi, in primis, si rende necessario creare i presupposti per implementare le presenze e le utenze, fondamentali per remunerare gli investimenti esistenti Non bisogna parimenti dimenticare che i Servizi, per sopravvivere, necessitano di ulteriori posti letto che garantiscano maggiori presenze e quindi maggiori utenze lungo tutto l arco dell anno. Paradossalmente, l attuale sistema amministrativo, al posto di favorire la sopravvivenza e lo sviluppo di Hotel e appartamenti in affittanza settimanale, volano irrinunciabile per implementare l economia di un territorio sostenendo attività commerciali, artigianali e di servizio, penalizza le strutture ricettive con l applicazione di onerose imposte quali ICI, etc. Hotel 1. Soppressione dell I.C.I. a carico degli alberghi - per dare respiro al conto economico di aziende volano dello sviluppo economico del territorio, altrimenti costrette alla chiusura, - quale incentivo per favorire la costruzione di nuove strutture. 2. Ristrutturazioni Hotel finalizzate al miglioramento ed all ampliamento dei servizi riconoscendo al ristrutturatore un benefit del 20% sulle volumetrie da realizzare Appartamenti Imperativo per sviluppare l economia senza procedere ad onerosi, ed in questo momento difficili, investimenti in nuove strutture ricettive: Implementare le presenze turistiche Incrementare la domanda commerciale, artigianale e di servizi Implementare l occupazione degli appartamenti 6

7 Convertire l esistente all affittanza settimanale ad alto turnover Trasformare l affittanza stagionale e/o annuale in affittanza settimanale Il bormiese è oggi caratterizzato da appartamenti improduttivi perché scarsamente utilizzati, massimo gg 10 per P.L. all anno Posti letto in II case di proprietà di NON residenti, con bassissimo indice di utilizzo almeno 3000 P.L. non occupati in appartamenti di proprietà di residenti e destinati alla affittanza stagionale e/o annuale, quindi scarsamente utilizzati se non nelle Grandi Vacanze ed in qualche Week End. Per incentivare l affittanza settimanale degli appartamenti si propone l abolizione dell ICI a carico di quei proprietari che per 5 anni si impegnano all affittanza settimanale. Nel contempo bisogna continuare a perseguire il miglioramento dell immagine con il superamento delle negatività esistenti. In caso contrario non sussisterebbero i presupposti per la remunerazione né degli attuali né di eventuali nuovi investimenti. M.C. gennaio

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile

DOCUMENTO del gruppo La città accessibile DOCUMENTO del gruppo La città accessibile TITOLO DELLA PROPOSTA: Bella e accessibile Follonica /problemi di ieri e di oggi Fino al 1836 poco più di uno stradello collegava il primo forno fusorio, Forno

Dettagli

Coltiviamo la Montagna

Coltiviamo la Montagna Coltiviamo la Montagna Pontedilegno-Tonale: la Montagna che cresce Sbocciano nuovi impianti di risalita, fioriscono nuovi percorsi freeride per mountain-bike e piste ciclabili. Sorgerà un nuovo centro

Dettagli

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area

Città di COLOGNO MONZESE. Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area Area Torriani, l ipotesi di progetto per la riqualificazione dell area In questi mesi l Amministrazione ha presentato ai cittadini, nel corso di numerosi incontri pubblici, l ipotesi di riqualificazione

Dettagli

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI

Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI Un nuovo modello di sviluppo LA CENTRALITA DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CASTAGNETO CARDUCCI AGRICOLTURA COMMERCIO TURISMO ARTIGIANATO In questi anni l Amministrazione Comunale ha portato avanti l azione

Dettagli

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA

QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA QUESTIONARIO SULLA MOBILITÀ SCOLASTICA Scuola Classe Età Sesso. 1. Dove abiti? 2. Come sei venuto oggi a scuola? A piedi In bicicletta In autobus (urbano) In automobile In autobus (extraurbano) Altro.

Dettagli

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale

progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale progetto scandellara interventi di trasformazione urbana in San Vitale fe r ma t a S. R it a via ma ssaren ti Nella zona intorno a via Scandellara (tra via del Terrapieno, la ferrovia Sfm Veneta e la

Dettagli

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008

Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Allegato 9 Andamento della stagione turistica Analisi congiunturale Terzo Report 2008 Osservatorio Turistico della Regione Puglia 1 Osservatorio Turistico Regione Puglia L osservatorio turistico della

Dettagli

Comune di Lissone Data: 01/12/2011. PGT adottato

Comune di Lissone Data: 01/12/2011. PGT adottato PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE (PTCP) DI MONZA E BRIANZA SEGNALAZIONE PRESENTATA DA: OSSERVATORIO PTCP DI MONZA E BRIANZA SEGNALAZIONE N. 1 A cura di: Associazione residenti condomini

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA COMUNE DI GENOVA P.O.R. LIGURIA (2007-2013) ASSE 3 - SVILUPPO URBANO COMUNE PROPONENTE GENOVA PROGETTO INTEGRATO SAMPIERDARENA I Progetti Integrati nel

Dettagli

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO

Cosa faremo. Programma legislatura 2010-2015 TURISMO Cosa faremo Programma legislatura 2010-2015 TURISMO INFRASTRUTTURE Utilizzo e valorizzazione delle infrastrutture già in opera, studio di fattibilità per adeguamento e abbattimento delle barriere architettoniche

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE

POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE POLITECNICO DI MILANO,FACOLTA DI INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA RI(S)TRUTTURAZIONE DI CERNUSCO LOMBARDONE 12esima EDIZIONE DEL PREMIO DI STUDIO Laure Larouzè AMBIENTE_COSTRUITO_IN_MODO_SOSTENIBILE Progetto

Dettagli

el 1912 Ponte di Legno viene definita prima stazione italiana di turismo e sport invernali. Oggi è una stazione turistica attrezzata per tutto l

el 1912 Ponte di Legno viene definita prima stazione italiana di turismo e sport invernali. Oggi è una stazione turistica attrezzata per tutto l VILLA RAFFAELLA el 1912 Ponte di Legno viene definita prima stazione italiana di turismo e sport invernali. Oggi è una stazione turistica attrezzata per tutto l anno. Per l estate offre diverse alternative

Dettagli

informazioni RAGGIUNGERE BORMIO

informazioni RAGGIUNGERE BORMIO Bormio, 12/12/2006 INFORMAZIONI STORIA CENTRO STORICO TRADIZIONI RAGGIUNGERE CARTINA NUMERI UTILI HOTEL - ALBERGHI CERCA HOTEL BEAUTY FARM & SPA BAGNI NUOVI BAGNI VECCHI TERME DI SKI AREA PISTE DA SCI

Dettagli

La mappa delle esigenze del territorio

La mappa delle esigenze del territorio La mappa delle esigenze del territorio Settembre - Ottobre 2014 Luoghi di aggregazione Valorizzando strutture già esistenti, serve la creazione di nuovi luoghi di socializzazione e integrazione, per favorire

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013

Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Osservatorio Le vacanze degli italiani a Natale 2013 A cura del Centro Studi TCI Dicembre 2013 Per comprendere cosa succederà in queste imminenti festività natalizie, in particolare nel periodo tra metà

Dettagli

RESIDENZE PARCO MONTERICCO

RESIDENZE PARCO MONTERICCO RESIDENZE PARCO MONTERICCO LA NATURA Privilegio di chi abiterà in queste case sarà partecipare con la natura ai cambiamenti stagionali. Le residenze Parco Montericco dispongono di ampie aree verdi e sono

Dettagli

Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola

Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola Alternativa 4 - Pedonalizzazione forte della penisola Questa alternativa si differenzia dalle altre per la regolamentazione degli accessi alla penisola particolarmente rigida: non sono autorizzati ad accedere

Dettagli

ACCESS Questionario titolari d azienda

ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS Questionario titolari d azienda ACCESS è un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell ambito del Programma Spazio Alpino e ha come obiettivo primario il miglioramento della competitività e

Dettagli

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO

CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO CARATTERI E PROBLEMI DEL TURISMO IN PROVINCIA DI BERGAMO Andrea Macchiavelli- CeSTIT Università di Bergamo LA PROVINCIA DI BERGAMO IN LOMBARDIA LA MONTAGNA IL LAGO BERGAMO E LA PIANURA La montagna INDICATORI

Dettagli

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI

REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI VILLAGGI TURISTICI REQUISITI QUALITATIVI OBBLIGATORI PER LA CLASSIFICAZIONE DEI ALLEGATO A VILLAGGI TURISTICI 1.00 DENSITA RICETTIVA 1.01 5 mq. per persona () 1.02 0 mq. per persona () 1.0 25 mq. per persona (2) 2 2.00 SISTEMAZIONE

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO

LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO LE TRASFORMAZIONI URBANISTICHE A TORINO La percezione del cambiamento della città negli ultimi vent anni IDENTITÀ GRAFICA: NOODLES Copertina: Ottobre 2015 Un progetto a cura di: Indagine realizzata da:

Dettagli

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O

C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O C o m u n e d i C o s t a d e N o b i l i P r o v i n c i a d i P a v i a P I A N O D I G O V E R N O D E L T E R R I T O R I O Q U E S T I O N A R I O C O N O S C I T I V O P A R T E C I P A Z I O N E

Dettagli

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo COMUNE DI ONANO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER IL DECORO ESTETICO AMBIENTALE, L ARREDO URBANO, LA SICUREZZA. Approvato con delibera consiliare n. 4 del 11/05/2012 ARTICOLO 1. OGGETTO Il presente

Dettagli

Hotel Bormio. Hotel a Bormio. Hotel ADDA Albergo 1 stelle a Bormio Via Milano seguire: Via Milano telefono: 0342 904627 fax: n/c

Hotel Bormio. Hotel a Bormio. Hotel ADDA Albergo 1 stelle a Bormio Via Milano seguire: Via Milano telefono: 0342 904627 fax: n/c Hotel Bormio Hotel ADDA Albergo 1 stelle a Bormio Via Milano Via Milano telefono: 0342 904627 fax: n/c Hotel ADELE Via Monte Braulio 38 telefono: 0342 910175 fax: 0342 901526 Hotel AEM casa soggiorno SS

Dettagli

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere.

9 Destinare le aree inedificate alla creazione di interventi che promuovano l identità e l aggregazione del quartiere. SNTESI QUARTIERI CHIAVRIS, PADERNO, MOLIN NUOVO, ANCONA AVVERTENZE GENERALI Si precisa che i report degli incontri della fase di ascolto sono stati elaborati sulla base delle annotazioni che l Ufficio

Dettagli

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO

LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO LE SCELTE DI MOBILITÀ IN UNA CITTÀ SENZA TRAFFICO AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Ottobre 2010 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 12 Tutti in autobus,

Dettagli

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI

PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI PROPOSTE PER IL CONSIGLIO COMUNALE RAGAZZI Anno Sc. 2006/ 07 Classe 4^ A Migliorare la scuola (giardino, fontana ) Ambiente a San Vito (verde, traffico, pulizia) Venire a scuola a piedi o in bicicletta

Dettagli

Osservatorio della Montagna emiliano-romagnola L OFFERTA NEVE REGIONALE

Osservatorio della Montagna emiliano-romagnola L OFFERTA NEVE REGIONALE Inverno 2010/2011 Osservatorio della Montagna emiliano-romagnola L OFFERTA NEVE REGIONALE Cosa è successo lo scorso inverno La clientela della montagna bianca: italiani vs stranieri A livello nazionale

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno

Sintesi degli incontri di ascolto di. Zona 4. Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno Sintesi degli incontri di ascolto di Zona 4 Molise Calvairate, Ortomercato Il quartiere Molise-Calvairate ha fatto emergere la necessità di uno spazio di aggregazione, di promozione culturale e di documentazione,

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

PROGRAMMA GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE del triennio 2011-2013

PROGRAMMA GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE del triennio 2011-2013 scheda 1 Quadro dei lavori e degli interventi necessari sulla base del programma del Sindaco Importo complessivo Eventuale OGGETTO DEI LAVORI di spesa dell'opera finanziaria Realizzazione nuovo accesso

Dettagli

Nella Mia Città si Respira!

Nella Mia Città si Respira! Nella Mia Città si Respira! Un Programma Scolastico per le Scuole Medie Superiori della Provincia di Torino Unità didattica 11 La Pianificazione della Mobilità in città: misure di sostegno alla mobilità

Dettagli

Complesso Residenziale Carducci. Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico

Complesso Residenziale Carducci. Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico Complesso Residenziale Carducci Viale Carducci 34-36 Abitare la Modernità nel Centro Storico Complesso Residenziale Carducci Abitare la Modernità nel Centro storico a Imola il progetto La riqualificazione

Dettagli

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE

STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE 1 STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE Indice 1.Riva del Garda alcune delle 175 strutture disp.selezionate Rainbow pag. 2 1.1.Du Lac et Du Parc Grand

Dettagli

OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO:

OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO: OPPORTUNITÀ D INVESTIMENTO: 1. BAIA ZAVALA, isola di Hvar La baia Zavala è situata nel golfo di Stari Grad, una delle baie più belle e protette dell isola di Hvar. Nel piano regolatore l area della baia

Dettagli

L esodo dal centro di Treviso. Ottobre 2009

L esodo dal centro di Treviso. Ottobre 2009 L esodo dal centro di Treviso Ottobre 2009 Il campione Chi è stato intervistato? Un campione di 210 soggetti maggiorenni che risiedono nel Comune di Treviso. Il campione è stato stratificato per sesso

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

Comune di San Lazzaro di Savena. Piano Neve. informazioni e suggerimenti. per affrontare insieme le nevicate in città

Comune di San Lazzaro di Savena. Piano Neve. informazioni e suggerimenti. per affrontare insieme le nevicate in città Comune di San Lazzaro di Savena Piano Neve informazioni e suggerimenti per affrontare insieme le nevicate in città Comune di San Lazzaro di Savena Piano Neve Il nuovo Piano Neve di San Lazzaro di Savena

Dettagli

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali LE COMBINAZIONI ECONOMICHE Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali Che rappresentano le operazioni economiche

Dettagli

POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA

POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA 11 POLITICA URBANISTICA - LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO URBANISTICO COMUNALE (PUC) VIABILITA LE STRADE - Anello Viario Via Bixio-Zampillo-Via Roma-Chiesa Russa: Dopo la realizzazione del parcheggio sotto

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

Residence Villaggio delle Alpi a Pré Saint Didier, Val d Aosta

Residence Villaggio delle Alpi a Pré Saint Didier, Val d Aosta Residence On Line srl Gestioni RTA Residenze Turistiche Alberghiere Via Mascagni 7, 57037 Portoferraio (LI), Tel. 0565 989053, Fax 0565 917303 - info@vacanzeresidence.it Residence Villaggio delle Alpi

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Le nostre agenzie, primi in Trentino

Le nostre agenzie, primi in Trentino 2011 www.tecnocasa.it MOENA MADONNA DI CAMPIGLIO ANDALO PINZOLO TIONE e COMANO TERME ARCO FOLGARIA GardaTrentino RIVA DEL GARDA Le nostre agenzie, primi in Trentino Affiliato: Studio MADONNA di CAMPIGLIO

Dettagli

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA MOTTO: UN ASSE DI TRADIZIONE E STORIA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA INQUADRAMENTO GENERALE Il progetto nasce dalla volontà di riqualificare Piazza Carmelitani attraverso un insieme sistematico di interventi

Dettagli

Osservatorio della Qualità Urbana nel percorso Agenda 21 di Milano

Osservatorio della Qualità Urbana nel percorso Agenda 21 di Milano Comunicato stampa Osservatorio della Qualità Urbana nel percorso Agenda 21 di Milano Le aree più vivibili sono in periferia Più pulizia, meno macchine, verde più curato E il sorprendente risultato di una

Dettagli

DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA

DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA DESCRIZIONE IMMOBILE IN VENDITA 1 Villa Elisa in Mira- Riviera del Brenta Venezia progetto architetto Arnaldo Abate Città: Mira Provincia: Venezia Prezzo richiesto : 1.200.000,00 Proprietario : privato

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 )

CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) CONCORSO DI IDEE PER LA RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ED URBANISTICA DEL SISTEMA DEI PARCHI URBANI RELAZIONE ILLUSTRATIVA ( 33684495 ) Comune di Ciriè TRE ETTARI concorso di idee 2 SPIEGAZIONI DELLE SCELTE

Dettagli

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA COMUNE DI TREVISO Settore Polizia Locale COMUNICAZIONE DI GIUNTA OGGETTO: Proposta di riqualificazione di Piazza S.Maria dei Battuti. Treviso, 17.06.2015 Visto quanto previsto dal Programma integrato di

Dettagli

Relazione di fattibilità

Relazione di fattibilità Facoltà degli Studi di Sassari Sede di Alghero Corso di laurea PTUA Anno accademico 2004-2005 II anno Relazione di fattibilità Progetto area ex-saica Alghero Blocco didattico: Tecniche di valutazione ambientale

Dettagli

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE

LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE SENIGALLIA LA CASA CHE SOGNI A 2 PASSI DA TE RINASCE UN AREA DI SENIGALLIA Si chiama RESIDENZE SAN SEBASTIANO. Un nome che già appartiene all identità cittadina: San Sebastiano è il nome dell antistante

Dettagli

Strategie urbane. Le automazioni che semplificano l urbanistica

Strategie urbane. Le automazioni che semplificano l urbanistica Strategie urbane Le automazioni che semplificano l urbanistica Gestire e migliorare gli spazi urbani Oggi le città devono confrontarsi con una serie di problematiche e di sollecitazioni che possono essere

Dettagli

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO

PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE. La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO PIANO DI ACCESSIBILITA SICURA E SOSTENIBILE ALLE SCUOLE La mia Scuola va in Classe A ALLEGATO 4 - SCOP RO Raccolta dei dati sulla mobilità scolastica Gli obiettivi della raccolta dei dati sulla mobilità

Dettagli

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010

SMOG IN Val Padana. 25 febbraio 2010 SMOG IN Val Padana 25 febbraio 2010 Risultati dell'indagine realizzata da Cittalia e SWG su un campione di 1000 cittadini, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente nelle regioni del Nord

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano

BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano BILANCIO PARTECIPATIVO Città di Paderno Dugnano Assemblea I turno PADERNO Emersione del bisogno Paderno Dugnano, consiglio di Quartiere Paderno 10 maggio 2007, ore 20.30 Partecipanti Cittadini: 40 Obiettivi

Dettagli

Prot. 622916 Roma 16/11/2015

Prot. 622916 Roma 16/11/2015 AGENZIA REGIONALE DEL TURISMO IL DIRETTORE Prot. 622916 Roma 16/11/2015 A Roma Capitale A tutti i Responsabili degli Uffici SUAP o SUAR dei Comuni del Lazio Alla Città Metropolitana di Roma Capitale Alle

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni Personali. Settore Professionale. Esperienza Professionale. Cognome e Nome CAMPANI Cristiana

CURRICULUM VITAE. Informazioni Personali. Settore Professionale. Esperienza Professionale. Cognome e Nome CAMPANI Cristiana CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Cognome e Nome CAMPANI Cristiana Architetto Iscritta all Ordine degli Architetti P.P.C. di Reggio Emilia e Provincia con il n 415 Settore: Architettura, Riqualificazioni

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti

Il progetto Movicentro: l esperienza del Comune di Cuneo. Città di Cuneo Assessorato alla mobilità e ai trasporti Negli ultimi anni i livelli di traffico e di inquinamento atmosferico registrati a Cuneo hanno indotto istituzioni e cittadini all adozione di nuove e più sostenibili modalità di spostamento. Il Comune

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE CASA EX COOP

RISTRUTTURAZIONE CASA EX COOP RISTRUTTURAZIONE CASA EX COOP Stato attuale Lo stabile in questione è situato nel comune di Arvigo in valle Calanca. Edificato all inizio del secolo scorso (salvo errore nel 1902), risulta essere uno degli

Dettagli

Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI)

Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI) Complesso Residenziale Alberghiero a Montalcino (SI) Il lotto e situato a Torrenieri, una frazione del comune di Montalcino (Si). I terreni risultano all interno delle zone definite d.o.c. per la produzione

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città"

SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER. Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città UNA MANIFESTAZIONE DI IN CONTEMPORANEA CON SMART SWAP BUILDING un progetto strategico ASTER "Riuso, rigenerazione urbana e sostenibilità energetica nelle città" ASTER ASTER èla società regionale che, dal

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE ATTIVITÀ SVOLTE NEL 2009

RELAZIONE ANNUALE ATTIVITÀ SVOLTE NEL 2009 Osservatorio regionale per gli studi di settore Cagliari, aprile 2010 RELAZIONE ANNUALE ATTIVITÀ SVOLTE NEL 2009 In relazione a quanto previsto dalla circolare n. 58/E del 2007, si illustrano le attività

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO

SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO SVILUPPO E SOSTENIBILITA DEL TURISMO VENETO Disegno di Legge di Iniziativa della Giunta Regionale PUNTI SALIENTI E NOVITA Venezia, 18 maggio 2011 Quanto perderebbe l economia del Veneto senza il turismo?

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE

PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE ASSOCIAZIONE IMPRENDITORI ED OPERATORI DEL TURISMO ALL ARIA APERTA In collaborazione con lo Studio Tecnico Dott. Agr. Massimo Badino PROGETTO PER L ACCOGLIENZA DEL TURISMO ITINERANTE Una grande risorsa

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici. Terzo incontro di ascolto in Zona 6. Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici Terzo incontro di ascolto in Zona 6 Ex Fornace Naviglio Pavese, Alzaia Naviglio Pavese 16 15 Settembre 2015 Il terzo incontro di ascolto con i cittadini della

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

I nostri paesi e città sono troppo spesso luoghi concepiti senza tener conto dei bambini e dei giovani.

I nostri paesi e città sono troppo spesso luoghi concepiti senza tener conto dei bambini e dei giovani. I nostri paesi e città sono troppo spesso luoghi concepiti senza tener conto dei bambini e dei giovani. Gli spazi urbani pubblici, pensati da adulti in buona forma fisica per adulti a loro volta in forma,

Dettagli

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo

Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo Il modello di sviluppo futuro del territorio di Pozzolengo 1. I risultati della partecipazione Nell arco dei due giorni della Fiera di S. Giuseppe hanno preso parte alle attività di partecipazione 86 persone,

Dettagli

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro

Dom. c) Per muoversi in città quale mezzo utilizza principalmente? L auto La moto/ il motorino I mezzi pubblici La bici Va a piedi Altro Dom. a) L area in cui risiede è: Nel centro storico In centro città ma non nel centro storico In altri quartieri Dom. b) Nell area in cui risiede, attualmente: C'è una ZTL (zona a traffico limitato) Non

Dettagli

La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via

La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via VARIANTE E UTLIMAZIONE OPERE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RELATIVO LA ZONA D3/1 IN LOC. SAN VITO La sottoscritta Arch. Arianna Macaccari, con studio in Negrar (VR), via S.G.Calabria 9, tecnico incaricato

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione. MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia

Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione. MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia Il turismo montano in Italia: fattori di competitività e innovazione Bologna, 15 Novembre 2011 MARA MANENTE Direttore CISET Università Ca Foscari di Venezia IL TURISMO MONTANO IN ITALIA Su circa 370 milioni

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 5 Casa delle Associazioni, via Saponaro 20 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 5 Casa delle Associazioni, via Saponaro 20 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 5 Casa delle Associazioni, via Saponaro 20 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 30 persone, di cui 14 donne. Si è trattato

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre.

Le opere pubbliche. Scala mobile o altro dal parcheggio da Docciola al centro tipo piazza XX Settembre. Le opere pubbliche Complessivamente la rotatoria in via Pisana risulta l opera pubblica maggiormente indicata come priorità. Seguono l adeguamento degli impianti sportivi, il nuovo museo dell alabastro,

Dettagli

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA Carlo Carminucci, Isfort Bari, 13 Aprile 2012 La carta di identità del Progetto MUSA Nome: MUSA - Mobilità Urbana Sostenibile e Attrattori culturali Soggetto

Dettagli

Il Presidente di Commissione (dott. Roberto Bandinelli)

Il Presidente di Commissione (dott. Roberto Bandinelli) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Tecnico per il Turismo M. POLO Firenze Gara Nazionale Istituti Tecnici per il Turismo Indirizzo Iter 01 Dicembre 2010 Prima prova : Discipline

Dettagli

5.1 Mobilità intra aziendale

5.1 Mobilità intra aziendale 5. Le misure individuate Le misure da implementare nel breve e medio termine sono distinte in: mobilità intra aziendale azioni di comunicazione promozione della bicicletta promozione del carpooling promozione

Dettagli

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO

QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Piano Strutturale VERNIO Dicembre 2008 QCD b INDAGINE SULLA PERCEZIONE DELTERRITORIO Andrea Valzania La partecipazione dei cittadini: percezione del territorio e aspettative per il futuro Conoscere il

Dettagli

Descrizione del progetto imprenditoriale

Descrizione del progetto imprenditoriale Descrizione del progetto imprenditoriale L idea imprenditoriale riguarda un albergo diffuso, che valorizzi un antico patrimonio storico, attualmente inutilizzato, costituito dagli antiche pajari, situati

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE

PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE Allegato parte integrante Criteri di coerenza per la selezione della progettualità privata ALLEGATO B) PATTO TERRITORIALE DELLA VALLE DEL CHIESE CRITERI DI COERENZA PER LA SELEZIONE DELLA PROGETTUALITA

Dettagli

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015

Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 Sintesi degli incontri di ascolto pubblici IV Incontro di ascolto in Zona 1 CAM Falcone e Borsellino - corso Garibaldi, 27 24 settembre 2015 All incontro hanno preso parte 34 persone, di cui 19 donne e

Dettagli

Quadro Generale dei Mutui - Esercizio 2014 del 30/07/2014

Quadro Generale dei Mutui - Esercizio 2014 del 30/07/2014 Pag. 1 / 14 Importo Mutui contratti nel 1996 428,38 6,50000 1996 2015 3010303 3010303-30200/0 35,53 1040206 1040206-11176/0 4,21 39,74 37,87 1491300/1996 PRIMO STRALCIO SCUOLE 0,00 73,40 ELEMENTARI 2 CASSA

Dettagli